Laura d'ambrosio LE BORSE VALORI IN EUROPA. aggiornamento di settembre 2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laura d'ambrosio LE BORSE VALORI IN EUROPA. aggiornamento di settembre 2003"

Transcript

1 Laura d'ambrosio LE BORSE VALORI IN EUROPA aggiornamento di settembre Introduzione Per paragonare l'organizzazione e la vigilanza sulle borse, anche in base alle disposizioni delle direttive europee, è preliminarmente necessario un excursus riguardante sia i mercati di borsa in generale, sia la borsa italiana, che rappresenta l'organizzazione rispetto alla quale ci interessa effettuare i confronti. Da un punto di vista economico, un mercato è un luogo di scambio che viene definito dalla tipologia dei beni scambiati, dei partecipanti al mercato, delle modalità contrattuali e della localizzazione (la quale ha come effetto visibile l'individuazione di una moneta per lo scambio). Rileva, inoltre, l insieme delle regole e delle procedure con cui si realizza la negoziazione (diffusione delle informazioni a priori, visibilità dei prezzi, obbligo di universalità dell offerta ecc.) Ad esempio, in un mercato di borsa si scambiano titoli (e nell'ambito della categoria generale possiamo individuare anche categorie specifiche, quali azionario o reddito fisso), tra intermediari autorizzati (quindi, operatori economici qualificati da determinate caratteristiche), con modalità di contrattazione definite e regolamentate (si pensi ai mercati ad asta o a negoziazione continua), localizzato di solito a livello nazionale (ma esistono anche mercati internazionali o, per contro, regionali).

2 Nonostante la chiara individuazione di tali elementi caratterizzanti, può essere molto complesso definire se una certa organizzazione sia o meno un mercato di borsa 1. Ad esempio, un mercato interamente organizzato in via telematica, quindi accessibile da soggetti di diverse nazioni e non necessariamente localizzato in uno Stato, in cui siano quotati titoli anche a prescindere da una effettiva procedura di quotazione, può essere, di fatto, ai limiti della definizione di mercato che abbiamo dato. Infatti, la sola presenza di un circuito di scambio di titoli (ad esempio, utilizzando la rete Internet) può far ritenere che non via sia un vero e proprio mercato. Studiosi come Ruben Lee hanno definito questi nuovi sistemi MONSTER, sagace acronimo che significa Market Oriented New System for Terrifying Exchange Regulators, in quanto la difficoltà di individuare tali mercati comporta una difficoltà di regolamentazione e vigilanza e apre alla possibilità di abusi verso alcuni operatori deboli (quali ad esempio, i piccoli risparmiatori). Da un punto di vista giuridico, il mercato di borsa è, quantomeno, un insieme di regole di natura privata (contratto) o pubblica (legge); di solito si tratta anche di un soggetto "entificato" cioè costituito come ente pubblico o privato. Quando il mercato si realizza tramite un ente privato in genere si utilizza un contratto di natura associativa, costituendo una società o, più semplicemente un'associazione. L'organizzazione del mercato di borsa ha, ovviamente, dei costi e si può porre obiettivi di lucro o solidaristici. Ad esempio, possiamo annoverare tra le fonti di lucro del mercato di borsa l'attività di vendita dei dati, mentre tra gli esempi di obiettivi 1 Nella presente relazione, ci si riferisce invariabilmente con il termine "borsa" ad un concetto generico di mercato di scambio di strumenti finanziari, a prescindere dall'effettivo significato da attribuirsi al mercato italiano della Borsa che verrà illustrato nei successivi paragrafi. 2

3 solidaristici possiamo citare il fatto che la Borsa Italiana sovvenziona gli operatori che si collegano da città diverse da quelle in cui è presente un nodo della rete telematica, contribuendo all'abbattimento dei costi del collegamento telefonico. L'insieme delle regole che disciplinano il mercato definiscono le modalità di contrattazione, l'accesso dei diversi operatori, il sistema di liquidazione, la valuta delle negoziazioni e così via. Da un punto di vista giuridico, assume rilevanza anche l'interesse pubblico sottostante alla costituzione di un mercato di borsa (anche quando questo è di natura privatistica). Possono rilevare interessi quali lo sviluppo del sistema economico e la crescita delle imprese; per l Italia assume rilievo assoluto l interesse a tutelare il risparmio, garantito anche dalla Costituzione. Nell'ultimo decennio si sono potute constatare alcune linee evolutive nei mercati finanziari europei. In primo luogo, vi è stata una maggiore apertura verso l'internazionalizzazione, o quanto meno l'europeizzazione: meno borse nazionali e alcuni importanti accordi di collaborazione e fusioni; a questo fenomeno ha contribuito anche l'introduzione della moneta unica. In secondo luogo, vi è stata una sorta di "dematerializzazione" dell'attività, dovuta ad una drastica evoluzione verso i sistemi telematici ed all'avvento di Internet. Tuttavia, occorre leggere un fenomeno di carattere "centrifugo" ed uno di tipo "centripeto". Infatti si è, da un lato, verificata una moltiplicazione dei mercati che si sono caratterizzati per essere meri sistemi di scambio gestiti, tal volta, dagli intermediari più grandi. D'altro lato, invece, vi è stato un consolidamento dei mercati regolamentati (quelli tradizionali) che hanno goduto di una crescente fiducia stante la loro maggiore liquidità. In pratica, l'intermediario si rivolge al sistema di scambi organizzato (come Primex negli Stati 3

4 Uniti o E-speed) per risparmiare sui costi di transazione; opera, invece, preferibilmente sui mercati regolamentati come la borsa di Londra se vuole la certezza di poter effettuare uno scambio ad un prezzo "di mercato". Infine, le borse sono diventate quasi tutte società di lucro, anche se questa caratteristica può essere più o meno rispecchiata dalla forma giuridica assunta. In pratica, le borse hanno perso la caratteristica della "mutualità" (garantita sia dalla tipologia associativa sia dalla struttura pubblicistica) per passare ad un modello di tipo imprenditoriale. La presente relazione vuole indagare questi fenomeni a partire da una ricostruzione storica e fattuale della situazione odierna delle borse europee. 2. La direttiva sui servizi di investimento Tra i diversi fattori economici che sono stati presi in considerazione per favorire l'unione Europea vi è stato anche quello dello sviluppo dei mercati di borsa. Ovviamente, la frammentazione politica ed economica si rispecchiava anche nella presenza di diverse borse, una per ciascuno Stato della Comunità e, spesso, più numerose anche a livello nazionale (in Francia, ad esempio, erano 5, in Italia 10, anche se quelle realmente operative erano solo 4). Originariamente, quando in tutti i settori d intervento comunitario si pensava in termini di unificazione delle legislazioni, in luogo degli attuali principi di armonizzazione, anche in questo settore si era pensato all'istituzione di un sistema di quotazione unico, noto con il nome di Eurolist. Tale sistema, per quanto tuttora attivo, non ha mai raggiunto lo scopo che si prefiggeva, ossia la creazione di una borsa unica europea. 4

5 Successivamente, prima con l'atto Unico Europeo (1986), poi con la revisione del Trattato avvenuta a Mahastricht (1992), l'atteggiamento complessivo degli organi comunitari si è radicalmente trasformato. Oggi non si parla più di mercato unico, ma di mercato interno, non si tenta più l'unificazione delle legislazioni ma si privilegiano sistemi di armonizzazione quali quello del mutuo riconoscimento. Bisogna anche considerare che tra il 1977 e il 1989 si era provveduto all'armonizzazione del sistema bancario, traguardo che rendeva più urgente l'intervento anche nel settore finanziario dal momento che in molti Stati le banche erano anche operatori del mercato mobiliare. Nel 1993 vengono emanate le due direttive del settore finanziario note con i nomi di Investment Services Directive (ISD 22/93/CEE) e Capital Adeguacy Directive (CAD 6/93/CEE). La prima, che è nota in Italia con il nome di Eurosim, è anche stata la direttiva che ha portato alla riforma dei mercati di borsa operanti in Italia, nonostante il contenuto più significativo della direttiva stessa fosse quello riguardante gli intermediari. I principi fondamentali sottostanti alla direttiva ISD sono: Mutuo riconoscimento per gli intermediari, sulla base di requisiti minimi uniformi (passaporto europeo) Home country control (vigilanza sul soggetto da parte dell'autorità del paese dove ha ottenuto l'autorizzazione) Host country rules (regole di condotta dettate e vigilate dall'autorità del paese in cui si opera) Requisiti minimi uguali per tutti e parità di accesso ai mercati. Per quanto riguarda la disciplina dei mercati questa viene introdotta in una fase molto avanzata dei lavori, poiché le direttive di ispirazione della ISD erano quelle bancarie nelle quali venivano disciplinati solo gli aspetti relativi alla vigilanza e le regole riguardanti gli operatori. 5

6 La stessa definizione di mercato comportò una grande quantità di problemi proprio perché, come abbiamo visto, definire un mercato di borsa può essere molto complesso. Nella definizione n. 13 si legge che un mercato è : Riconosciuto ed operante sugli strumenti di cui all'allegato; Regolarmente funzionante; Dotato di regole per la quotazione ed il funzionamento che siano in linea con le previsioni della direttiva; Dotato di regole per la trasparenza dei prezzi compatibili con gli articoli 20 e 21 della direttiva. Oltre a questo le uniche due disposizioni della direttiva del 1993 sui mercati erano gli articoli 20 e 21 che disciplinano le regole di trasparenza e pubblicità di alcuni prezzi. Tuttavia, attualmente la direttiva è in corso di revisione e l'attenzione del legislatore comunitario si sta incentrando proprio sui mercati. La direttiva 22/1993 consentiva il fenomeno della concentrazione degli scambi, ossia l'obbligo - adottato da quasi tutte le borse nazionali - di scambiare solo nel mercato regolamentato i titoli quotati nel mercato stesso 2. Questo poneva le borse al centro del sistema finanziario europeo, quali luoghi privilegiati, se non unici, di azione. Le modifiche occorse alla situazione concreta nei 10 anni di vigenza della direttiva hanno aperto un dibattito sulla validità di questo modello. Infatti, si sono sviluppati, come affermato nell'introduzione, elementi di dematerializzazione degli scambi che hanno reso sempre meno significativa l'attenzione concentrata sui "mercati regolamentati". 2 L'obbligo può essere superato solo se si scambiano quantitativi molto significativi (blocchi) o se si prova che il prezzo migliore può essere ottenuto fuori mercato (best execution). 6

7 Questo fenomeno non riguarda, ovviamente, solo l'europa, tanto è vero che la SEC statunitense ha, nell'aprile del 1999, emanato un atto destinato a regolamentare proprio i mercati "alternativi" sorti grazie all'uso di Internet (Alternative Trade Systems). La nuova proposta di direttiva, quindi, intende superare proprio il principio della concentrazione a favore di una maggiore diversificazione dei soggetti interessati all'applicazione degli standard sulla trasparenza delle negoziazioni. Tuttavia, anzichè disciplinare i sistemi alternativi di scambi (ATS) come è accaduto negli Stati Uniti la direttiva ha mantenuto l'attenzione concentrata sugli intermediari disciplinando sia il caso in cui l'intermediario effettua gli scambi al suo interno (internalizzazione) sia un nuovo servizio che consente di effettuare facilitazioni agli scambi (Multilateral trading facilities). Questo servizio può essere offerto sia dagli intermediari sia dai mercati 3. La direttiva del 1993 mirava a modificare la situazione europea, che vedeva mercati nazionali frammentati e scarsa competitività infranazionale. La nuova proposta di direttiva, invece, mira ad aumentare la competitività dei mercati e degli intermediari europei verso quelli statunitensi. In 10 anni la situazione europea si è grandemente modificata. I singoli Stati hanno fatto uno sforzo notevole di internazionalizzazione e si sono sviluppati accordi tra borse europee sia nella fase della negoziazione sia nella fase della liquidazione. I mercati nazionali sono diminuiti di numero ed aumentati di dimensioni, anche se quest'ultimo fenomeno ha riguardato alcuni 3 Sul punto, occorre notare che alcuni commentatori sono stati fortemente critici nei confronti del testo di direttiva, evidenziando come fossero stati individuati gli obiettivi, ma la disciplina prevista sia insufficiente per il loro raggiungimento e frutto di un eccessivo compromesso. 7

8 più di altri. La situazione attuale è quindi matura per un ulteriore sforzo di internazionalizzazione che possa porre l'europa in concorrenza con il gigante statunitense. Questo è, senza dubbio, uno degli scopi finali della legislazione comunitaria che affronta la disciplina dei mercati con un'evidente volontà di "alleggerire" gli obblighi e snellire le competenze di vigilanza. Occorre anche tenere conto che la nuova direttiva nasce in un contesto europeo in cui ormai la procedura di approvazione della normativa segue quanto descritto nel rapporto Lamfalussy. In pratica, la direttiva costituisce la norma generale ma il Comitato Europeo dei Regolatori (CESR) interviene, nella fase in cui la direttiva deve essere attuata dagli Stati, con delle linee guida. Ciò per evitare che l'attuazione, sopratutto a livello regolamentare interno, dei principi della direttiva crei nuove barriere e nuove differenziazioni a livello nazionale a discapito di un'effettiva standardizzazione europea. 2.2 Effetti della direttiva sul mercato italiano Da un punto di vista teorico, nel 1993, non vi era alcun bisogno di intervenire sull'organizzazione dei mercati italiani che potevano essere considerati già in linea con le disposizioni della direttiva ISD, tanto più che nei considerando della Direttiva si legge che il mercato deve essere regolamentato dalla legislazione nazionale. Ciononostante, il legislatore italiano, come del resto quello francese, ha ritenuto di intervenire sulla materia dell organizzazione dei mercati finanziari, al fine di garantire una maggiore competitività degli stessi rispetto a quelli esteri (in particolare ai mercati inglesi) Nel 1993 il mercato di borsa italiano aveva già subito la prima grande riforma, che era stata attuata con la legge , n.1. 8

9 Prima del 1991, infatti, la Borsa italiana era un mercato istituito per legge nella forma dell'ente pubblico (precisamente era stato istituito e disciplinato dai RD 272 e 1068 del 1913). Nella Borsa, prima del 1991, negoziavano solo gli agenti di cambio che erano persone fisiche operanti come dealer, cioè in conto terzi. L'attività di vigilanza, fino al 1991, era svolta da 3 istituzioni: la Camera di Commercio (che disciplinava, ad esempio, l'accesso ai locali e la vigilanza sulle contrattazioni), il Comitato degli Agenti di Cambio (che disciplinava le regole di condotta degli agenti e interveniva in caso di insolvenza di uno di questi) e le deputazioni di borsa (che si occupavano della formazione dei prezzi e della pubblicazione del listino). Le borse erano 10 in varie città d'italia, anche se la più importante era Milano (le altre effettivamente operative erano Roma, Torino e Venezia). La modalità di contrattazione era per asta a chiamata (le cosiddette "grida") e la liquidazione avveniva ogni 30 giorni. Non vi era alcun obbligo di concentrazione degli scambi sui titoli quotati presso la borsa, quindi il 90% degli scambi si svolgeva fuori, di solito tramite circuiti bancari. Nel 1976 viene istituita la Consob e alcune funzioni di vigilanza passano a questa Autorità (ad esempio, la procedura di quotazione). Nel 1991 con la legge citata avviene la prima grande riforma. Le 30 autorità di vigilanza (3 per ognuna delle dieci Borse) vengono riunite in un unico ente: il Consiglio di Borsa. Viene disciplinato un nuovo soggetto autorizzato all'attività di intermediazione, la Società di Intermediazione Mobiliare (SIM), che tende a sostituire gli agenti di cambio (i quali continuano ad operare ma senza possibilità di nuovi accessi alla carriera); vengono definiti e disciplinati i servizi di investimento; si introduce l'obbligo di concentrazione degli scambi sui titoli quotati; la vigilanza sugli intermediari autorizzati viene divisa tra Consob (regole di condotta) e Banca d'italia (vigilanza di stabilità). 9

10 Nel corso dei tre anni seguenti si abbandonano progressivamente le grida per passare ad un circuito telematico unico. Le Borse vengono chiuse e anche la sede delle grida di Milano, aperta per la negoziazione dei premi sino al 1996, viene chiusa nel marzo di quell'anno. Oggi, quindi, parlare di Borsa di Milano non ha più senso, se non da un punto di vista tradizionale. L'altra significativa evoluzione è il passaggio dalla liquidazione a 30 giorni alla liquidazione a contante: ogni contratto deve essere liquidato al 3 giorno successivo. Questo sistema di liquidazione impedisce di fatto gran parte dei movimenti speculativi che si effettuavano tramite la vendita "allo scoperto". Nel 1995 comincia ad operare anche il mercato dei derivati (IDEM: Italian DErivatives Market) presso il quale oggi si possono scambiare sia futures sull'indice MIB 30, sia opzioni sull'indice, sia opzioni su qualcuno dei titoli più liquidi (contratto Isoalfa). E inoltre operativo anche un significativo mercato di titoli obbligazionari (quasi tutti titoli di Stato) detto MOT, affiancato da un mercato all'ingrosso degli stessi titoli di Stato (MTS) e da un mercato dei derivati (MIF). Questi mercati nel 1991 erano gestiti da un "comitato" di operatori che era interno all'abi. La legge 1/1991, pur operando una significativa riforma del mercato italiano (e una ancor più significativa riforma degli intermediari, che però non è argomento della presente trattazione), presenta alcuni difetti congeniti. Innanzitutto l'autorità che avrebbe dovuto regolamentare il mercato (il Consiglio di Borsa) è un ibrido, composto sì da rappresentanti degli intermediari, i quali però non sono "eletti" ma nominati dal Tesoro. Nel Consiglio sono inoltre presenti rappresentanti delle varie Autorità (Consob, Banca d'italia e Camera di Commercio) che hanno un forte potere di indirizzo dell'attività dell'ente. Il CdB non ha sufficienti poteri, anche se ne 10

11 acquisisce alcuni su delega della Consob, ed è un misto tra un ente pubblico (ad esempio gestisce le risorse con le procedure di appalto tipiche degli enti pubblici) e un soggetto privato (assume il personale con contratti di diritto privato, ha un bilancio di tipo privatistico non riceve finanziamenti statali ma si autofinanzia con i diritti di quotazione). Nel 1996, approfittando della delega per l'attuazione della Direttiva Eurosim viene promossa la seconda grande riforma del mercato con il d.lgs.415/1996 che, per quanto attiene a questo specifico settore, rimane quasi immutato anche nel Testo Unico sull'intermediazione finanziaria del 1998 (d.lgs. 58/1998). Con il d.lgs. 415/1996 si ha la svolta radicale di privatizzazione della Borsa. Infatti, il decreto stabilisce che soggetti privati possano procedere all'organizzazione di mercati mobiliari, i quali dovranno essere autorizzati. Contestualmente, si tracciano le linee per la privatizzazione degli enti esistenti. Tra l'altro, andando ben al di là di quanto richiesto dalla direttiva si prevede la privatizzazione anche di enti che offrono servizi al mercato, quali gli organismi di deposito (Montetitoli) e gli organismi di garanzia (Fondo nazionale di garanzia). Vi sono, naturalmente, anche alcune novità riguardanti gli intermediari, la più importante delle quali è la previsione della possibilità di accesso alla negoziazione da parte delle banche (riforma resa necessaria dalla direttiva ISD). Inoltre il d.lgs. 415/1996 e ancora di più il TUF introducono un principio di derivazione anglosassone che è quello dell'autoregolamentazione, anche se, ad oggi, non si può dire che vi sia stata una significativa attuazione di tale principio. La riforma dei mercati è dovuta essenzialmente alla necessità di garantire alla borsa una maggiore competitività e snellezza di movimento, nonché una maggiore attenzione ai costi ed alla gestione economica. Teoricamente, è anche possibile che vengano istituiti più mercati, anche se resta il problema della 11

12 massa critica (anche l'attuale Borsa è considerata un mercato "piccolo"). In base al d.lgs. 415/1996, ed oggi al TUF, la società mercato definisce i requisiti di quotazione (questa competenza torna, quindi, come è logico nell ambito delle competenze di chi organizza il mercato), le modalità di negoziazione, le modalità di formazione dei prezzi, i contratti ammessi e i quantitativi minimi per la negoziazione. L'attuale società Borsa Italiana S.p.A. è interamente posseduta dagli intermediari (maggioranza) e dagli emittenti. Attualmente questa società gestisce sia il mercato azionario, sia quello obbligazionario (Mot e MTS), sia i mercati di derivati (futures, options e premi) sia, infine, i mercati per piccole e medie imprese (Nuovo mercato). Le regole di operatività dei mercati (quotazione e negoziazione), nonché alcune regole di condotta degli operatori, sono stabilite dal Regolamento deliberato dall assemblea della società e sottoposto ad approvazione da parte della Consob. 3. Il mercato di borsa inglese Al fine di consentire una corretta trattazione dell'argomento della disciplina inglese del mercato di borsa è necessario premettere alcuni cenni - necessariamente sintetici e non esaustivi - riguardanti l'ordinamento giuridico britannico. La cosiddetta common law ha un approccio rispetto alle fattispecie che disciplina di tipo funzionale anziché istituzionale come la civil law. In ogni caso, prevale l'autoregolamentazione rispetto alla regolamentazione dall'alto (in questo caso si parla di selfregulation, mentre il termine deregulation è utilizzato per quelle situazioni in cui vengono abrogate le norme esistenti a favore di una maggiore autoregolamentazione). 12

13 Nonostante il fatto che nell'ordinamento giuridico inglese le norme scritte siano piuttosto residuali rispetto alla disciplina per casi e prassi, il mercato finanziario è stato regolato già dal 1986 da una legge nota come Financial Services Act, che comunque mantiene l'approccio anglosassone di disciplina per principi generali. Il FSA ha creato, tra l'altro, una agenzia di controllo pubblico denominata Securities Investment Board e oggi nota con il nuovo nome di Financial Services Authority. Nel 2000 la FSA ha subito la seconda significativa riforma dalla sua istituzione, volta a rendere la vigilanza più adeguate alle sfide del nuovo millennio. La nuova Authority vigila anche sul settore creditizio e sulle building societies. Il tentativo inglese, abbastanza peculiare nel settore finanziario e giustificato da alcuni significativi scandali degli anni 90 (ad esempio il caso Barings del 1995), è quello di accentrare il più possibile il potere di vigilanza su una sola Autorità. Nel corso del 2001 anche il controllo di antiriciclaggio è stato convogliato sotto la FSA. Questo approccio supera il problema dello shopping delle legislazioni tra diversi settori (bancario, assicurativo e finanziario), fenomeno che si realizza negli ordinamenti in cui la vigilanza è più frammentata. Inoltre, genera economie di scala, dovute alla possibilità di avvalersi di esperti in diversi campi dell'attività economica, che nel caso della vigilanza suddivisa possono ottenersi solo tramite la collaborazione tra Autorità, che è un processo più complesso e più lento. Tuttavia, l'accentramento si scontra con il problema della dimensione ottimale dell'autorità che può facilmente divenire inefficiente e allontanarsi progressivamente dalla realtà del mercato. Per questo il regolatore inglese ha fatto uno sforzo significativo di contenimento della dimensione della FSA 13

14 3.1 Un po' di numeri Negli Stati Uniti il sistema di vigilanza su banche, assicurazioni e mercati finanziari risulta molto polverizzato, tra competenze federali, statali e locali. Le istituzioni che complessivamente vigilano sul settore del risparmio sono 12 con circa 400 sedi secondarie e intorno a dipendenti. In Inghilterra la FSA è dotata di un'unica sede in cui operano circa persone. Considerato che la movimentazione di capitale nel mercato finanziario americano è di circa 4 volte quella del mercato inglese, è evidente che il rapporto di 1 a 10 nel personale utilizzato è indice di un forte contenimento in termini di risorse da parte della FSA, segno di una maggiore efficienza. Tra il 1986 e il 2001, accanto alla FSA operavano delle agenzie di natura privata che rappresentano gli interessi degli operatori. Si tratta delle SRO (Self Regulating Organisation). Questi soggetti, costituiti come associazioni private di intermediari, erano riconosciute dalla FSA e autorizzavano e vigilavano i singoli intermediari. La loro attività di collaborazione con la FSA, era però caratterizzata da un intento di lobbying con riferimento agli interessi degli associati. Esse rappresentavano, quindi, un importante anello di congiunzione tra l'autorità e il mercato. Questa struttura di regolazione, ottimale sulla carta, non ha consentito di evitare i numerosi scandali e crack che si sono susseguiti nel mercato finanziario inglese nel corso degli anni 90, fino all'ultimo caso (Maxwell, 1999) che ha coinvolto non solo i risparmiatori ma anche i pensionati e contribuenti di uno dei più grandi fondi pensione anglosassoni. Ciò ha spinto alla riforma in senso accentratrice della vigilanza sui mercati che ha coinvolto anche le strutture delle SRO. 14

15 Le SRO sono diventate strutture interne della FSA, pur mantenendo le specifiche specializzazioni. L'attività di autorizzazione è stata concentrata nella FSA così come quella di regolamentazione. Il Financial Service and Market Act del 2000 mantiene alcune delle caratteristiche delle normative inglesi, ad esempio il richiamo a principi generali, ma è in ogni caso una legge molto dettagliata (433 articoli e 22 allegati) che stabilisce sia le funzioni della FSA, sia la procedura di autorizzazione dei diversi intermediari, le regole di condotta, le attività permesse e la disciplina del mercato. I principali compiti individuati per la FSA sono: contribuire a mantenere la fiducia nel mercato finanziario; promuovere la comprensione da parte del pubblico dei meccanismi del mercato; assicurare un livello accettabile di protezione dei consumatori; ridurre i crimini finanziari. Le modalità di operatività della FSA sono particolarmente interessanti. In occasione di una nuovo regolamento la FSA distribuisce un discussion paper dando tempo agli operatori di proporre le loro osservazioni (di solito da due a tre mesi); solo in seguito a questa indagine verranno definite le regole vere e proprie che passeranno nuovamente al vaglio degli operatori. Il nuovo Act, tra l altro, prevede che debbano essere costituiti due panel permanenti nell ambito della FSA: uno rappresentativo degli operatori e uno dei consumatori. La borsa inglese (Investment Exchange) è, per la legislazione dell'act, una persona giuridica che pone in essere tutte le attività necessarie ad organizzare un mercato. L'Act stabilisce i requisiti per una RIE (Recognized Investment Exchange): deve avere un mercato ordinato, proteggere gli investitori, garantire la liquidità, garantire il clearing, avere procedure di vigilanza e di valutazione dei reclami. 15

16 Il maggiore mercato riconosciuto inglese è la London Stock Exchange, costituita in forma di associazione e gestita da un Board. I poteri principali riguardano l'ammissione dei membri, l'autorizzazione agli arbitraggi, la registrazione dei soggetti esteri, la definizione delle modalità di liquidazione e la procedura di quotazione dei titoli. La LSE è un mercato marked-maker anche se di recente ha introdotto un listino orden-driven (SETS). Il maggiore mercato dei derivati inglese è il Liffe (London International Financial Futures Exchange), costituito in forma societaria dal Fenomeno interessante è il SEAQ International (Securities Exchange Automated Quotation) che è un sistema di quotazione titoli e di negoziazione, nel quale vengono quotati, anche senza richiesta degli emittenti, titoli europei dotati di un significativa liquidità e dei quali gli stessi operatori della LSE chiedono la negoziazione. I mercati inglesi, come si accennava, sono molto legati al sistema market making che garantisce maggiore liquidità, ma è meno trasparente sui prezzi 4. Il dibattito sui pregi e difetti dei diversi modelli (price-driven e order-driven) è tutt'ora molto intenso e non si ritiene di potere, in questa sede, entrare nel merito. Tuttavia, si può notare come negli Stati Uniti il sistema ordendriven sia adottato dalla new York Stock Exchange (NYSE) e il price driven dal NASDAQ (national Association of Security 4 Si tratta di un sistema in cui l'intermediario che "fa il mercato" su un certo titolo pubblica i prezzi a cui intende scambiare e accetta sempre gli scambi proposti (per questo il sistema si chiama "price-driven"). Il sistema italiano, invece, è "orden driven" nel senso che tutti gli operatori immettono ordini ai prezzi che ritengono opportuni ed il sistema incrocia gli ordini che corrispondono (matching). Questo sistema garantisce più trasparenza sul modo di formazione dei prezzi, ma può entrare in crisi di liquidità qualora non si trovino ordini da incrociare. 16

17 Dealers Automated Quotation): i due mercati convivono con ottime performance e senza che un sistema finisca con il prevalere sull'altro. 4. Le altre borse europee (cenni) Quando la direttiva 22/1993 è entrata in vigore le borse europee si trovavano divise tra quelle a forte caratterizzazione pubblicistica (Italia, Francia e Spagna tra le altre) e quelle di stampo privatistico (Londra e paesi scandinavi). Come già ricordato, la direttiva non richiedeva modifiche alla struttura delle borse, ma il vento della privatizzazione ha soffiato in tutta l'europa con matrice giuridica nel modello pubblicistico. L'Italia e la Francia hanno operato quasi immediatamente una privatizzazione, mentre la Spagna ha trasformato le borse in società private solo nel 2002, avendo privilegiato prima una modernizzazione della tecnologia a disposizione degli operatori. E', inoltre, abbastanza ben sviluppato il mercato dei futures chiamato MOFEX o MEFF, con sede a Madrid. Sempre nel corso del 2002 si è compiuto un processo di fusione tra le borse di Parigi, Bruxelles e Amsterdam che sono confluite nel circuito Euronext, pur restando società tecnicamente separate e sottoposte a discipline nazionali differenti. Questo accordo costituisce uno dei più significativi dall'entrata in vigore della direttiva ed è stato dettato dalla volontà di aumentare la massa critica di alcuni mercati che altrimenti rischiavano di diventare provinciali. Infine, occorre accennare al mercato tedesco. Come è noto, il sistema tedesco è un sistema "bancocentrico", in cui le banche svolgono tutti i ruoli di esercizio del credito ed intermediazione. Inoltre, le banche sono spesso coinvolte nella partecipazione 17

18 azionaria nelle società e ne seguono lo sviluppo sia economico sia finanziario. Il sistema, di borsa, quindi, non è nella sostanza paragonabile agli altri sistemi analizzati. Tuttavia, la Borsa di Francoforte, anche grazie agli accordi (annunciati, più che realizzati) con il sistema francese sta assumendo di recente una sempre maggiore importanza. Poiché Londra è rimasta esclusa dall'area EURO, Francoforte si candida ad essere il primo mercato di borsa di Eurolandia. 5 Conclusioni L'introduzione della moneta unica, avvenuta nei mercati finanziari tra il 1998 e il 1999, ha senza dubbio costituito un'ulteriore spinta verso l'unificazione, o almeno l'interconnessione, dei mercati europei, che attualmente sono ancora troppo piccoli e frammentati per competere con i colossi statunitense e giapponese. Un altro settore verso il quale sono confluite spinte alla unificazione è quello della liquidazione nel quale il sistema Euroclear tende ad essere dominante. Si consideri che, anche se il tema non è stato approfondito nella presente relazione, il sistema di liquidazione è un elemento essenziale per garantire l'interconnessione dei mercati. Non è chiaro se questo tipo di fusioni ed accordi di collaborazione costituiscano un'effettiva unificazione dei mercati o non risultino di fatto forme di semplificazione dell'operatività telematica del singolo intermediario. Tra l'altro, mancano ancora alcuni tasselli fondamentali, quali la revisione della politica fiscale, per garantire una maggiore coesione tra i mercati. La nuova proposta di direttiva, comunque, si pone come principale obiettivo quello di ottenere "a Single Financial Market" dell'unione Europea. 18

19 Tuttavia, occorre ancora qualche anno per poter valutare gli effetti concreti sia della direttiva sia degli accordi di questi ultimi mesi sullo scenario complessivo delle borse in Europa. Infine, non si può ignorare come il sempre più facile e veloce accesso alla rete internet possa sviluppare ulteriori circuiti di negoziazione del tutto estranei ad una collocazione fisica e, quindi, anche ad una regolamentazione giuridica. 19

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE L'evoluzione strutturale e normativa Prefazione di Roberto Caparvi FrancoAngeii INDICE Prefazione di Roberto Caparvi pag. XIII I. La disciplina del mercato mobiliare

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Custodia dei Titoli ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA CUSTODIA TITOLI: Contratto bancario

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 1 SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 2 BRRD: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) N. 2015/63

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 22 maggio 2014 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci OGGETTO: Proposta di legge al Parlamento

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX Milano, 18 dicembre 2006 Stefano Cuccia Head of Market Supervision 1 I normali ambiti di attività dei mercati 1.Listing (ammissione alla negoziazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

La regolamentazione del mercato mobiliare 1

La regolamentazione del mercato mobiliare 1 La regolamentazione del mercato mobiliare 1 TUIF d. lgs n 58 del 1998 Nasce accorpando tutte le leggi in materia di intermediazione finanziaria Ha recepito la direttiva 1993/22/CE sui servizi d investimento

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I MERCATI REGOLAMENTATI SOMMARIO: 1. I mercati regolamentati. - 2. La disciplina dei mercati regolamentati: abrogazione dell obbligo di concentrazione delle negoziazioni. - 3. Registrazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

10.1. I processi di integrazione delle borse europee.

10.1. I processi di integrazione delle borse europee. Atti Parlamentari 97 Camera dei Deputati S.p.A. sono a loro volta quotati nei mercati regolamentati e sono, in ampia parte, imprese appartenenti al settore bancario. La quotazione, alla luce di tali considerazioni,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione?

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Rappresentano il luogo di scambio degli strumenti finanziari differenziazione e segmentazione dei mercati classificazioni

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionario è quel luogo in cui avviene la compravendita dei titoli mobiliari, composti sia da titoli azionari che da obbligazioni. Originariamente

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari Ànanziari, di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione 1 1.1.1. Le fonti comunitarie 3 1.1.2. L

Dettagli

EURODEFI PROFESSIONAL CLUB OF TAX, LEGAL & FINANCIAL ADVISERS. Convention Alessandria del 6 maggio 2011

EURODEFI PROFESSIONAL CLUB OF TAX, LEGAL & FINANCIAL ADVISERS. Convention Alessandria del 6 maggio 2011 EURODEFI PROFESSIONAL CLUB OF TAX, LEGAL & FINANCIAL ADVISERS Convention Alessandria del 6 maggio 2011 L'utilizzo della Società Fiduciaria nell'attuale contesto economico a cura di Gianandrea Toffoloni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONCERNENTE IL PROGETTO COMUNE DI FUSIONE TRANSFRONTALIERA PREDISPOSTA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI:

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONCERNENTE IL PROGETTO COMUNE DI FUSIONE TRANSFRONTALIERA PREDISPOSTA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI: DATA: 15 giugno 2014 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONCERNENTE IL PROGETTO COMUNE DI FUSIONE TRANSFRONTALIERA PREDISPOSTA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI: Fiat Investments N.V., una società

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario IT0003853014 BIM 1,50% 2005-2015 subordinato convertibile in azioni ordinarie

Regolamento del prestito obbligazionario IT0003853014 BIM 1,50% 2005-2015 subordinato convertibile in azioni ordinarie Regolamento del prestito obbligazionario IT0003853014 BIM 1,50% 2005-2015 subordinato convertibile in azioni ordinarie Art. 1. Importo, titoli e prezzo di emissione 1.1 Il prestito obbligazionario BIM

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE La formazione universitaria e post universitaria L attività professionale nel mercato sovranazionale L internazionalizzazione degli studi L evoluzione

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. SULLE PROPOSTE CONCERNENTI L AUTORIZZAZIONE ALL'ACQUISTO E ALL'ALIENAZIONE DI AZIONI PROPRIE POSTE AL SECONDO PUNTO

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

PREDISPOSTA AI SENSI AI SENSI DELL ART.125-TER DEL DECRETO LEGISLATIVO N.58/98 E DELL ART.73 DEL REGOLAMENTO

PREDISPOSTA AI SENSI AI SENSI DELL ART.125-TER DEL DECRETO LEGISLATIVO N.58/98 E DELL ART.73 DEL REGOLAMENTO RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN MERITO ALLA PROPOSTA DI ACQUISTO E ALIENAZIONE DI AZIONI PROPRIE SOTTOPOSTA ALL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IL GIORNO 29 APRILE 2016 E, IN SECONDA

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO GIUGNO 2012 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 14.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 337/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2010 in merito ad una

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale Il Mercato finanziario Anno accademico 2012 / 2013 Valore e Prezzo delle Attività finanziarie

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli