Investire nelle rinnovabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire nelle rinnovabili"

Transcript

1 ADVISORY Investire nelle rinnovabili Trend, opportunità, prospettive kpmg.com/it

2

3 Indice Introduzione 1 Il mercato delle energie rinnovabili in Italia 6 - Il mercato dell energia in Italia e il peso delle fonti rinnovabili - La politica energetica nazionale e il quadro normativo di riferimento 2 Gli attori del mercato italiano e le relative performance 36 - Il contesto di riferimento - Benchmarking degli operatori del settore 3 Investire oggi nelle rinnovabili: punti di attenzione 56 - L evoluzione attesa del quadro normativo e i relativi impatti sui rendimenti - Conclusioni 4 Approfondimenti 69 - Le energie rinnovabili e gli obiettivi di grid parity a cura di Luca Mazzoni, Amministratore Delegato Protos - Il Project Financing nel settore delle rinnovabili a cura di Marco Serifio, Partner KPMG Advisory - Modelli di strutturazione dei progetti d investimento nel settore delle energie rinnovabili alla luce della variabile fiscale a cura di Stefano Cervo, Partner KStudio Associato - Le opportunità per gli investitori offerte dal IV Conto Energia a cura di Giorgio Saraceno, Senior Manager Protos - Le attività M&A nel settore rinnovabili in Italia a cura di Alessandro Zanca, Associate Partner KPMG Advisory 5 Country Focus 93 - Internazionalizzazione nelle rinnovabili a cura di Protos

4 Introduzione Il settore delle energie rinnovabili, costituito da tecnologie per la generazione di energia elettrica non da fonte fossile e nucleare, quali eolico, fotovoltaico, bioenergie, geotermoelettrico, mini-idro è caratterizzato dal non aver ancora conseguito la cosiddetta grid parity. Il costo pieno di generazione dell energia prodotta, inclusivo della remunerazione del capitale investito, è dunque ancora significativamente superiore rispetto alle energie convenzionali e pertanto necessita di un incentivo, determinato dal Regolatore. Il settore in particolare coinvolge e determina l attenzione essenzialmente di tre categorie di operatori*: le società specializzate nello sviluppo e nell esercizio di impianti di generazione da fonte rinnovabile, costituite sia da start up che dall emanazione di grandi operatori energetici delle fonti convenzionali gli investitori finanziari, quali prevalentemente i fondi infrastrutturali, che vedono nel settore le caratteristiche tipiche di tale tipologia di investimenti gli operatori industriali di settori non energy, che identificano nelle fonti rinnovabili una potenziale opportunità di diversificazione dei propri investimenti. Si tratta di un settore regolato con ricavi certi a fronte di investimenti iniziali significativi, ma che nella realtà presenta due ordini di criticità. Intanto, sono presenti notevoli difficoltà industriali di realizzazione degli investimenti a causa degli iter autorizzativi complessi e della difficoltà di finanziare con gli istituti bancari tali opere. A questo, vanno aggiunte le significative discontinuità normative che si sono verificate (per il fotovoltaico) e sono tuttora in corso (per l eolico e le bioenergie). Discontinuità che non solo hanno portato ad una rilevante riduzione degli incentivi e pertanto dei rendimenti, ma che hanno anche introdotto il principio del contingentamento della capacità installabile in un determinato periodo, generando notevole incertezza nella programmazione degli investimenti da parte degli operatori. A fronte di uno scenario estremamente fluido e della complessità del settore, esiste un oggettivo bisogno di conoscenza per capire intanto come si articola oggi il comparto delle rinnovabili in Italia. Questa fotografia rappresenta una prima base di riferimento necessaria per poter poi ragionare con elementi fattuali sulle sue prospettive di evoluzione futura. In particolare, occorre provare a rispondere ad una serie di interrogativi che hanno carattere esistenziale per l evoluzione del settore; ad esempio: qual è oggi il quadro industriale e normativo effettivamente presente nel settore delle rinnovabile in Italia?

5 Investire nelle rinnovabili 5 quali sono le performance reddituali degli operatori e i fattori critici di successo? quale scenario regolamentare è ragionevole attendersi per i prossimi anni e con quali impatti per gli operatori? Lo studio, che elabora e sistematizza un vasto materiale di riferimento, si propone di dare risposta (almeno parzialmente) a questi temi strategici. Il primo capitolo è stato redatto con l intento di costituire elemento propedeutico alla comprensione delle caratteristiche del settore, ad uso degli operatori che si avvicinano oggi allo stesso; i capitoli successivi costituiscono invece gli approfondimenti specialistici. Riteniamo che in una fase come quella attuale, dove non solo l Italia, ma i Governi di tutte le principali economie occidentali si vedono costretti a perseguire strategie aggressive di risanamento e di tagli alla spesa pubblica, l interrogativo se continuare a finanziare o meno lo sviluppo delle tecnologie green rappresenti un tema di stringente attualità. Probabilmente, con la nuova fase di austerity ormai alle porte, serviranno strategie creative per il sostegno allo sviluppo del settore. Di certo le energie rinnovabili possono rappresentare un motore pulito per rilanciare l innovazione. Non a caso, sia pure tra luci ed ombre, il settore anche in Italia ha generato nuove filiere, con start up da imprese industriali, partnership tra operatori industriali e finanziari, oppure con spin-off derivanti da player che operano nel settore delle energie tradizionali. Per un paese come il nostro, privo di fonti combustibili fossili e che ha deciso di abbandonare il nucleare, lo sviluppo delle rinnovabili, e il processo di riconversione produttiva che ne consegue, può rappresentare una grande opportunità ed un possibile driver per rilanciare la crescita all insegna di modello di sviluppo più sostenibile. Gianpaolo Attanasio Associate Partner, KPMG Advisory Nota metodologica * E necessario precisare che in tale quadro non devono essere considerati, in quanto non peculiari, o non direttamente correlati dal punto di vista normativo, di operatività di business e di operatori coinvolti: l efficienza energetica, in termini di riduzione dei consumi di energia a parità di unità prodotta, che vede impegnate in Italia principalmente le Energy Service Company (cosiddette Es.C.O.) il protocollo di Kyoto, che si focalizza sulla riduzione delle emissioni inquinanti e riguarda alcuni settori dell industria (es. metallurgia, generazione convenzionale, ecc.) e dei trasporti. Tali temi non sono pertanto stati trattati nel presente studio.

6 6 6 Investire nelle rinnovabili Il mercato delle energie rinnovabili in Italia a cura dell Ufficio Studi KPMG Advisory Il mercato dell energia in Italia e il peso delle fonti rinnovabili Il bilancio energetico nazionale Il nostro Paese, come è noto, si caratterizza per un elevata dipendenza energetica dall estero. Le importazioni coprono, infatti, il 97% del fabbisogno interno lordo di energia. Tabella 1 Il bilancio energetico nazionale per tipologia di fonte: consumo interno lordo di energia, Mtep e incidenza % Bilancio energetico nazionale 2000 Mtep 2000 incidenza % Mtep Mtep 2009 incidenza % Petrolio 92,0 50% 85,3 73,2 41% Gas naturale 58,3 31% 71,2 63,9 35% Combustibili solidi 12,9 7% 17,0 13,1 7% Energia elettrica importata 9,8 5% 10,8 9,9 6% Rinnovabili * 12,9 7% 13,5 20,2 11% Consumo interno lordo di energia 185,9 100% 197,8 180,3 100% Mtep: milioni di tonnellate equivalenti di petrolio * sono inclusi anche gli impianti idroelettrici di potenza superiore a 1 MW, non considerati rinnovabili Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Ministero dello Sviluppo Economico Nell ultimo decennio, l Italia ha cercato di diversificare le fonti di energia utilizzate, nel tentativo di riequilibrare lo sbilanciamento energetico verso l estero e mitigare il rischio di approvvigionamento che deriva da tale dipendenza. Le fonti energetiche rinnovabili rappresentano lo strumento più innovativo per raggiungere una maggiore autonomia energetica, nonostante contribuiscano ancora in maniera estremamente limitata alla soddisfazione della domanda energetica nazionale (includendo anche gli impianti idroelettrici di potenza superiore a 1 MW, non considerati rinnovabili, si raggiunge un incidenza dell 11% sul consumo interno lordo di energia), rispetto alle fonti tradizionali. Limitando l analisi alla sola produzione interna di energia elettrica, l Italia evidenzia, rispetto ai principali paesi europei, l elevata dipendenza dalla generazione termoelettrica (77% sulla produzione nazionale totale), l alta incidenza del comparto idroelettrico (prevalentemente idroelettrico con potenza superiore a 1 MW) e l assenza del nucleare.

7 Investire nelle rinnovabili 7 Grafico 1 Energia elettrica per fonte: peso % sulla produzione interna totale (2009) Italia Produzione: 288 TWh 18% Germania Produzione: 593 TWh 4% 2% 2% 1% Rinnovabili 5% 23% 77% 66% 1% 6% Rinnovabili 7% Spagna Produzione: 298 TWh 9% Media UE-27 Produzione: 390 TWh 2% 18% 18% 2% 4% Rinnovabili 6% 74% 59% 12% 2% Rinnovabili 14% 74% Termoelettrico * Idroelettrico ** Nucleare Eolico Geotermoelettrico Solare ed altro * il termoelettrico include la combustione della parte biodegradabile dei rifiuti, considerata rinnovabile e rientrante nelle bioenergie ** l idroelettrico include anche impianti di potenza superiore a 1 MW, non considerati rinnovabili Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Enerdata

8 8 Investire nelle rinnovabili Allo stato attuale, le fonti rinnovabili rappresentano la soluzione meno problematica per riequilibrare il bilancio energetico del nostro Paese. L elevato consenso sociale espresso nei loro confronti contribuisce a tale convinzione. Inoltre, la presenza degli incentivi sostiene la profittabilità di questo settore. Attualmente, le fonti energetiche rinnovabili sono, infatti, economicamente convenienti, ma non sostenibili, se remunerate solo con i prezzi di mercato dell energia elettrica, rispetto a quelle tradizionali convenzionali (termoelettrico). La grid parity, cioè la parità dei costi di produzione dell energia da fonti convenzionali o rinnovabili, non è ancora stata raggiunta e pertanto gli incentivi sono necessari per consentire la diffusione e la redditività delle fonti rinnovabili. Il parco di generazione elettrica italiano Attualmente, il parco di generazione elettrica italiano è costituito da oltre impianti, con una potenza efficiente (corrispondente alla massima potenza possibile di un impianto, misurata in condizioni ottimali) pari a circa 106 GW e una produzione elettrica di oltre 299 TWh (dati 2010). Tabella 2 Il parco di generazione elettrica italiano Termoelettrico Rinnovabili * Idroelettrico >1 MW Totale N impianti Potenza efficiente (GW) Produzione (TWh) Produzione (incidenza %) 83% 74% 5% 9% 12% 17% 100% 100% * le rinnovabili includono l idroelettrico solo di taglia pari o inferiore a 1 MW Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna Le rinnovabili rappresentano il 12% del parco generativo italiano Nel 2010, la produzione elettrica nazionale proviene per il 74% da impianti termoelettrici tradizionali, per oltre il 17% da impianti idroelettrici di grandi dimensioni (superiori a 1 MW) e per il restante 9% da impianti a fonti rinnovabili. In particolare, il parco di generazione elettrica è formato da 871 centrali termoelettriche tradizionali, che utilizzano combustibili fossili, quali il gas naturale ed il carbone, da più di impianti idroelettrici di grandi dimensioni (superiori a 1 MW) e da quasi impianti che producono elettricità attraverso fonti energetiche rinnovabili; è da sottolineare che circa il 98% degli impianti rinnovabili è costituito da tecnologia fotovoltaica.

9 Investire nelle rinnovabili 9 Le fonti rinnovabili Sono da considerarsi rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca hanno una capacità di rigenerazione superiore al consumo o non sono esauribili. Ai fini del presente documento considereremo come impianti rinnovabili quelli mini-idro (potenza pari o inferiore a 1 MW), eolici, fotovoltaici, geotermici e da bioenergia (biomasse e biogas) finalizzati alla produzione di energia elettrica, essendo gli altri possibili utilizzi, quali la produzione di calore, marginali. Grafico 2 Evoluzione dell energia prodotta: TWh, variazione % e CAGR 0,1% -2,2% -10% % ,1% 100% ,2% 40% 49 Rinnovabili CAGR Idroelettrico > 1 MW Termoelettrico tradizionale Totale Var.% CAGR: crescita media annua ponderata Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna SCHEDE DI APPROFONDIMENTO - Le tecnologie da fonte rinnovabile Idroelettrico Tecnologia: Come si articola la tecnologia: Trasformazione dell energia potenziale gravitazionale (posseduta da masse d acqua in quota) in energia cinetica, nel superamento di un dislivello. L energia cinetica prodotta viene trasformata, attraverso un alternatore accoppiato ad una turbina, in energia elettrica. In base alla durata d invaso (tempo necessario per fornire al serbatoio un volume d acqua pari alla sua capacità) distinguiamo l idroelettrico: a serbatoio: con una durata d invaso stagionale superiore alle 400 ore a bacino: una durata d invaso, settimanale o giornaliera, compresa tra 2 e 400 ore ad acqua fluente: senza serbatoi o con un serbatoio con una durata d invaso entro le 2 ore. In funzione della potenza efficiente: 1 MW: mini-micro idroelettrico > 1 MW: piccolo e grande idroelettrico. Presenza della tecnologia (% sulla produzione idroelettrica nazionale nel 2010): a serbatoio: 26% a bacino: 31% ad acqua fluente: 43%. 1 MW: 4% > 1 MW: 96%.

10 10 Investire nelle rinnovabili Negli ultimi cinque anni la produzione da rinnovabili è raddoppiata in relazione ad una potenza installata più che triplicata Dal 2005 ad oggi, il parco di generazione elettrica italiano ha sperimentato una sostanziale stabilità nella produzione elettrica anche a causa della fase recessiva avviatasi nel In particolare, la generazione da impianti rinnovabili ha registrato una crescita negli ultimi cinque anni (CAGR : +15,1%), mentre quella da fonti tradizionali convenzionali ha sperimentato un calo complessivo (CAGR : -2,2%) arrestatosi solo nel 2009, prevalentemente grazie all attenuazione della recessione economica. La recente crisi economica, cui ha fatto seguito un calo dei consumi elettrici, è stata sopportata, in termini di mancata produzione, interamente dagli impianti termoelettrici tradizionali, dal momento che le fonti rinnovabili beneficiano, da parte del Gestore della Rete, della cosiddetta priorità di dispacciamento (ossia la garanzia di ritiro prioritario) dell energia così prodotta rispetto a quella generata dagli impianti convenzionali. I notevoli tassi di crescita sperimentati dal settore delle rinnovabili, relativamente a potenza installata (CAGR : +27%) e produzione di energia, evidenziano un comparto in forte espansione, almeno fino a tutto il 2010, grazie principalmente alla favorevole struttura degli incentivi presente nel nostro Paese fino a tale data. Analizzando l evoluzione della potenza efficiente per le singole tipologie di fonti rinnovabili è possibile notare come i tassi di crescita più elevati siano stati registrati, nell ordine, dal fotovoltaico, dall eolico e dalle bioenergie. SCHEDE DI APPROFONDIMENTO - Le tecnologie da fonte rinnovabile Bioenergie Definizione di bioenergia: Tecnologia: Come si articola la tecnologia: Presenza della tecnologia (% sulla produzione idroelettrica nazionale nel 2010): Qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, non fossile, destinata a fini energetici. Sono esclusi tutti i combustibili fossili (es. petrolio, carbone, metano). Le bioenergie rientrano fra le fonti rinnovabili in quanto le emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) derivanti dalla loro combustione ai fini di produzione energetica sono pari a quelle assorbite in precedenza come vegetali. Combustione di bioenergia finalizzata alla produzione di energia elettrica. Le bioenergie si declinano in funzione della tipologia di combustibile in: solide: residui di origine vegetale, agricoli e forestali, o provenienti dai rifiuti (solo la parte biodegradabile dei rifiuti solidi urbani viene considerata rinnovabile) liquide: oli vegetali o risultato della spremitura delle colture oleaginose (colza, girasole, soia, palma) gassose (biogas): originate dalla trasformazione dei liquami o dalla digestione di colture. solide: 45% liquide: 33% gassose: 22% Fotovoltaico Tecnologia: Come si articola la tecnologia: Presenza della tecnologia (% sulla produzione idroelettrica nazionale nel 2010): Trasformazione dell energia solare in energia elettrica. Solare termodinamico: un sistema di specchi rotanti, che concentrano la radiazione solare in un ricevitore, per poi procedere alla generazione di energia tramite un ciclo termodinamico. Tecnologia in fase di consolidamento. Fotovoltaico: produzione di energia elettrica mediante conversione della radiazione solare, tramite l effetto fotovoltaico, possibile grazie alle proprietà fisiche dei materiali semiconduttori (silicio) che, opportunamente trattati, generano elettricità se colpiti da radiazione luminosa. Si distingue in: fotovoltaico tradizionale: celle fotovoltaiche capaci di convertire energia solare in elettrica, collegate ed incapsulate in un modulo fotovoltaico a concentrazione: evoluzione del fotovoltaico tradizionale munito di sistemi ottici che concentrano la luce solare su celle fotovoltaiche, aumentando l efficienza dell effetto fotovoltaico. solare termodinamico: 0% fotovoltaico: 100%

11 Investire nelle rinnovabili 11 Grafico 3 Evoluzione della potenza efficiente per tipologia di fonte rinnovabile: MW, variazione % e CAGR +29% 255% +246% % +2% +14% 97% % % % Mini-idroelettrico Geotermoelettrico Bioenergie Fotovoltaico Eolico CAGR Var.% CAGR: crescita media annua ponderata Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna Grafico 4 Evoluzione della potenza efficiente nel fotovoltaico: variazione % sull anno precedente 1.200% 1.000% 800% 1.143% 600% 397% 400% 200% 164% 204% 0% Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna Il trend di sviluppo delle fonti rinnovabili dipende essenzialmente da due fattori: la remuneratività dell incentivo, rispetto ai costi della tecnologia rinnovabile la necessità di disporre di siti idonei, che restringe l applicabilità di eolico e mini-idro, a fronte dell assenza di vincoli per il fotovoltaico.

12 12 Investire nelle rinnovabili Nella fattispecie: gli incentivi legati al fotovoltaico e contenuti nel meccanismo del Conto Energia hanno costituito un rilevante fattore di accelerazione dello sviluppo del parco installato mini-idro e geotermoelettrico hanno evidenziato tassi di sviluppo della potenza efficiente installata molto esigui, in funzione della saturazione dei siti idonei disponibili nel nostro Paese. Tabella 3 Tabella 4 Il parco di generazione elettrica nazionale per tipologia di fonte rinnovabile Potenza efficiente lorda 2010 GW % Eolico 5,8 45% Fotovoltaico 3,5 27% Bioenergie 2,3 18% Geotermoelettrico 0,8 6% Mini-idro 0,5 4% Totale rinnovabili 12,9 100% Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna Produzione lorda 2010 TWh % Bioenergie 9,4 34% Eolico 9,1 32% Geotermoelettrico 5,4 19% Mini-idro 2,3 8% Fotovoltaico 1,9 7% Totale rinnovabili 28,1 100% Come si evince dalle tabelle sopra riportate, le bioenergie continuano a generare la quota più rilevante di energia prodotta tramite fonti rinnovabili (34% nel 2010), nonostante rappresentino il 18% della potenza installata del parco rinnovabili. SCHEDE DI APPROFONDIMENTO - Le tecnologie da fonte rinnovabile Eolico Tecnologia: Come si articola la tecnologia: Conversione dell energia cinetica in energia elettrica. L impianto eolico è composto da aerogeneratori, turbine che trasformano l energia cinetica del vento in elettrica, disposti in funzione dell orografia del terreno e della classe di vento. Gli impianti (aerogeneratori) possono essere suddivisi, in funzione della potenza del singolo aerogeneratore in: kw: micro-eolico kw: mini-eolico > 800 kw: grande eolico NB: kw = 1 MW In base al luogo d installazione: on-shore: impianti installati sulla terraferma off-shore: installati ad alcune miglia dalla costa marina, per meglio utilizzare la forte esposizione alle correnti eoliche di tali zone. Geotermoelettrico Tecnologia: Come si articola la tecnologia: Presenza della tecnologia (% sulla produzione idroelettrica nazionale nel 2010): Trasformazione dell energia termica presente nel fluido geotermico (vapore d acqua oppure miscela di acqua e calore) in energia elettrica. In un sistema geotermico l acqua forma delle falde sotterranee; per effetto del calore contenuto nelle rocce l acqua si riscalda fino a raggiungere temperature elevate. In queste condizioni il fluido può risalire in superficie secondo due differenti modalità: vie naturali (come sorgenti termali, fumarole e geyser) perforazioni meccaniche artificiali (pozzi geotermici). Sistemi ad alta entalpia (ad alta temperatura), in cui il fluido geotermico presenta temperature superiori a 150 C che consentono la produzione di elettricità tramite centrali geotermoelettriche. Sistemi ad alta entalpia: 100%.

13 Investire nelle rinnovabili 13 Tale fenomeno è rappresentato dal cosiddetto load factor, ovvero dalle ore di funzionamento che la tecnologia, per unità di potenza installata (1 MW), è in grado di generare: geotermoelettrico: circa ore/anno bioenergie: circa ore/anno eolico: circa ore/anno mini-idro: circa ore/anno fotovoltaico: circa ore/anno a fronte di un impianto termoelettrico, che può funzionare: tecnologia peak-load, es. turbogas a ciclo aperto: ore/anno tecnologia mid-merit, es. impianto a gas a ciclo combinato (CCGT): ore/anno tecnologia base-load, es. carbone, nucleare: ore/anno. Grafico 5 Distribuzione macro-regionale della produzione elettrica lorda per tipologia di fonte rinnovabile: contributo % di ogni macro-regione in GWh (2010) Totale rinnovabili: 1 Italia Meridionale e Insulare, 2 Italia Settentrionale, 3 Italia Centrale GWh 25% 1% 10% 64% Mini-idro: 1 Italia Settentrionale (forte prevalenza della risorsa idrica) Eolico: pressochè esclusivamente nell Italia Meridionale e Insulare GWh 4% 1% 6% 77% 12% Fotovoltaico: 1 Italia Meridionale e Insulare con 775 GWh (grandi centrali FV), 2 Italia Settentrionale con 741 GWh (prevalentemente uso residenziale), 3 Italia Centrale con 390 GWh Geotermoelettrico: presente esclusivamente nell Italia Centrale 1% Bioenergie: 1 Italia Settentrionale (rilevante disponibilità di scarti agro-forestali), 2 Italia Meridionale e Insulare GWh 65% 6% 28% Totale rinnovabili Mini-idro Eolico Fotovoltaico Geotermoelettrico Bioenergie Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna

14 14 Investire nelle rinnovabili Come si può constatare dal grafico sopra riportato, la distribuzione geografica del parco di generazione elettrica da fonti rinnovabili non è omogenea sul territorio nazionale. Nonostante impianti a fonti rinnovabili si trovino ormai in tutte le Regioni italiane, la diversa distribuzione di risorse naturali e la conformazione del territorio fanno si che alcune fonti rinnovabili si concentrino in alcune Regioni. Sullo sviluppo geografico disomogeneo delle fonti rinnovabili possono influire anche differenti iter autorizzativi e incertezze legati ai tempi e alle modalità di connessione alla rete. Tabella 5 La produzione lorda di energia elettrica per Regione e per fonte rinnovabile in GWh: ordinamento per Regione in base alla produzione lorda totale (2010) Regione Mini-idro Eolico Fotovoltaico Geotermoelettrico Bioenergie Produzione da rinnovabili totale Quota su totale rinnovabili Italia % Toscana ,3% Puglia ,6% Sicilia 0, ,7% Lombardia ,6% Campania ,9% Emilia Romagna ,5% Sardegna ,0% Calabria ,7% Piemonte ,9% Veneto ,7% Molise ,5% Trentino Alto Adige ,4% Basilicata ,4% Lazio ,8% Abruzzo ,6% Friuli Venezia Giulia ,6% Marche ,1% Liguria ,7% Umbria ,6% Valle d Aosta ,2% Italia ,0% Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Terna La prima Regione italiana in termini di produzione elettrica da rinnovabili, è la Toscana, trainata dal load factor del geotermoelettrico. Seguono la Puglia e la Sicilia, con un elevata produzione dall eolico, e la Lombardia con una forte incidenza nelle bioenergie.

15 Investire nelle rinnovabili 15 Uno sviluppo a metà, tra sostegno pubblico e ricerca della grid parity Per riequilibrare l elevata dipendenza energetica dall estero e il conseguente rischio di approvvigionamento, l Italia, negli ultimi anni, ha cercato di diversificare le fonti energetiche utilizzate. In questo contesto, le fonti rinnovabili rappresentano una delle soluzioni per riequilibrare il bilancio energetico italiano, anche grazie ad un elevato consenso sociale e alla conformità con le direttive comunitarie. Sostenuti da un sistema di incentivi molto favorevole, gli impianti rinnovabili sono stati interessati da un forte sviluppo nel quinquennio , che ha favorito in particolare comparti come il fotovoltaico e l eolico. Altre fonti, come il mini-idro e il geotermoelettrico, hanno evidenziato livelli di sviluppo molto più contenuti in relazione alla limitata disponibilità di siti idonei alla loro installazione. Le rinnovabili non hanno ancora conseguito la grid parity e pertanto in questa fase gli incentivi rimangono determinanti per lo sviluppo del settore.

16 16 Investire nelle rinnovabili La politica energetica nazionale e il quadro normativo di riferimento Le politiche per l energia e l ambiente L Italia ha assunto l impegno di raggiungere, entro il 2020, la copertura del 17% dei consumi di energia mediante impiego delle rinnovabili Il dibattito mondiale sviluppatosi nel corso dell ultimo decennio (dal Protocollo di Kyoto in poi) intorno a materie quali il clima e l ambiente, la stabilità degli approvvigionamenti e la sicurezza energetica, ha avuto ripercussioni nell ambito dell Unione Europea, favorendo la definizione di una politica integrata per l energia e l ambiente. Nel 2009 la Commissione Europea ha approvato il cosiddetto Pacchetto Clima-Energia 20/20/20 (o Green Package), contenente le misure di politica energetica e ambientale finalizzate a raggiungere contestualmente, nel 2020, la riduzione delle emissioni di gas climalteranti, la promozione dell efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Rispetto a quest ultimo tema, la Direttiva 2009/28/CE, nel porre l obiettivo del 20% di fonti rinnovabili sui consumi energetici (1) entro il 2020, ha ripartito l onere tra gli Stati membri, attribuendo precisi obiettivi nazionali vincolanti. All Italia è stato assegnato l obiettivo del raggiungimento nel 2020 di una quota di energia da fonti rinnovabili del 17% (si veda la scheda di approfondimento). La Direttiva ha inoltre previsto che, sempre al 2020, in ciascuno Stato sia assicurata una quota di copertura dei consumi nel settore trasporti mediante energie da fonti rinnovabili pari al 10%. L Italia ha recepito mediante il Decreto Legislativo 28 del 3 marzo 2011 la Direttiva 2009/28/CE riguardante la promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili; il Decreto, oltre ad accogliere in via definitiva gli obiettivi nazionali previsti per il 2020 (17% del consumo finale lordo di energia e 10% dei consumi nel settore trasporti mediante impiego di fonti rinnovabili) e a far propri alcuni degli indirizzi e delle azioni previste nel Piano di Azione Nazionale (PAN), ha inoltre stabilito: il termine della fine di giugno 2011 per la definizione e la quantificazione del burden sharing territoriale, già ribadito nel PAN Fonti Rinnovabili (allo stato attuale non è stato ancora emanato alcun provvedimento specifico); una revisione dei meccanismi incentivanti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare Certificati Verdi e incentivi per il fotovoltaico) ed un loro allineamento allo scopo di promuovere un uniformità di applicazione tra le diverse fonti; le linee guida per la semplificazione delle autorizzazioni per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili, che dovranno poi trovare applicazione in altrettanti provvedimenti legislativi (es. Decreto Interministeriale del 5 maggio 2011). (1) definiti come..i prodotti energetici forniti a scopi energetici all industria, ai trasporti, al terziario, al residenziale in termini di consumo di elettricità e di calore, incluse le perdite di elettricità e di calore con la distribuzione e la trasmissione di energia...

17 Investire nelle rinnovabili 17 Investire nelle rinnovabili 17 Gli obiettivi quantitativi per le energie rinnovabili in Italia: il Pacchetto 17/20/20 In linea con quanto disposto dalla Direttiva 2009/28/CE, l Italia ha assunto l impegno di raggiungere, entro il 2020, la copertura del 17% dei consumi finali lordi di energia mediante l uso di energia prodotta da fonti rinnovabili. La Direttiva ha inoltre previsto l obiettivo della copertura del 10% dei consumi nel settore trasporti mediante impiego di fonti rinnovabili. Tenendo conto delle potenzialità interne di utilizzo delle fonti rinnovabili, il Piano di Azione Nazionale per le Energie Rinnovabili (PAN FER) ha tradotto gli obiettivi stabiliti dalla Direttiva comunitaria in altrettanti obiettivi quantitativi riguardanti i tre settori di intervento (elettricità, calore e trasporti). Consumi finali lordi da fonti rinnovabili e obiettivi al 2020 Quadro Complessivo Elettricità Calore Trasporti Trasferimenti da altri Stati Totale Trasporti ai fini dell obt.10% Consumi da FER Mtep 2008 Consumi finali lordi Mtep FER/ Consumi % 5,2 30,4 17,0% 3,2 58,5 5,5% 0,7 42,6 1,7% ,1 131,6 6,9% 0,9 37,7 2,4% Consumi da FER Mtep 2020 Consumi finali lordi Mtep FER/ Consumi % 8,5 32,2 26,4% 10,5 61,2 17,1% 2,5 39,6 6,4% 1, ,6 133,0 17,0% 3,4 34,0 10,1% Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico In sintesi, il PAN FER prevede di: stabilizzare i consumi finali complessivi di energia primaria a 133 Mtep, grazie anche alla contestuale promozione di nuovi interventi di efficienza energetica finalizzati a ridurre i consumi finali di circa l 8,7%, rispetto ai consumi di energia primaria al 2020 previsti pari a 146,6 Mtep aumentare il consumo finale di energia derivante da fonti rinnovabili fino a 22,6 Mtep, con un incremento previsto di circa il 148% rispetto ai consumi registrati nel 2008 (9,1 Mtep) che dovrebbe essere così distribuito: - 8,5 Mtep in termini di energia elettrica da fonti rinnovabili - 10,5 Mtep in termini di calore da fonti rinnovabili - 2,5 Mtep in termini di biocarburanti - 1,1 Mtep sfruttando il trasferimento da altri Stati dell Unione Europea. Gli obiettivi al 2020 per i consumi finali lordi di energia elettrica Elettricità Idroelettrica Geotermica Fotovoltaica Eolica Bioenergie Totale Consumo finale lordo FER (Mtep) 2020 Peso FER su consumi finali lordi % 3,6 11,2% 0,6 1,8% 1,0 3,0% 1,7 5,3% 1,6 5,0% 8,5 26,4% Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico Rispetto a ciascun settore di intervento, il Piano declina gli obiettivi indicativi e non vincolanti per le diverse tipologie di fonti rinnovabili. In particolare, con riferimento alla produzione di energia elettrica gli incrementi più marcati nell uso di fonti alternative sono previsti rispetto ai consumi elettrici da fonte eolica e solare (soprattutto fotovoltaica). FER = fonte di energia rinnovabile Mtep = milioni di TEP tonnellata equivalente di petrolio: rappresenta la quantità di energia rilasciata dalla combustione di una tonnellata di petrolio grezzo (pari a circa 42 miliardi di joule) ed equivale a 5,348 MWh.

18 18 Investire nelle rinnovabili Il Piano di Azione Nazionale per le Energie Rinnovabili (PAN FER) Il documento, oltre ad individuare azioni ed obiettivi quantitativi nelle diverse aree di intervento (energia elettrica, riscaldamento/raffrescamento e trasporti) specifici per ciascuna tecnologia ed applicazione (si veda la scheda di approfondimento), prevede la condivisione dei target nazionali con le Regioni attraverso la definizione di un burden sharing territoriale che favorisca l armonizzazione dei vari livelli di programmazione pubblica, delle legislazioni di settore e delle attività di autorizzazione degli impianti e delle infrastrutture. Le Regioni, che a seguito del riassetto di competenze sono diventate tra le principali responsabili delle politiche energetiche nel nostro Paese, hanno sviluppato, attraverso i Piani Energetici Regionali (PER), una programmazione degli interventi in campo energetico rivolti, tra l altro, allo sviluppo e all incentivazione delle fonti rinnovabili nei rispettivi territori. Tabella 6 Piani Energetici Regionali e Provinciali V.d Aosta Liguria Piemonte Umbria Marche Calabria Veneto Molise Sardegna* Friuli V.G. E.Romagna Puglia Toscana Lazio* Lombardia* Sicilia Abruzzo Campania P.A.Trento* Basilicata* * ultimi aggiornamenti approvati dei Piani Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su informazioni regionali Dal 2000 ad oggi il PER è stato approvato in tutte le Regioni italiane. La Provincia autonoma di Bolzano ha adottato un Piano Energetico Provinciale già nel Nonostante la mancanza di un modello comune di riferimento e di un coordinamento da parte dello Stato nella loro redazione, i PER forniscono una significativa valutazione del potenziale sfruttabile per la produzione di energia da fonti rinnovabili nei rispettivi territori e del relativo impatto ambientale ed economico, e rappresentano uno strumento per la costruzione di uno scenario coerente con la Strategia Energetica Nazionale e con il burden sharing previsto dal PAN FER.

19 Investire nelle rinnovabili 19 Gli strumenti del Legislatore per promuovere e regolare lo sviluppo delle fonti rinnovabili In Italia il quadro normativo riguardante il settore delle rinnovabili si sviluppa lungo le seguenti direttrici principali: un articolata struttura di incentivi, distinti per tecnologia e taglia dimensionale dell impianto un complesso e stratificato assetto autorizzativo, anch esso articolato in relazione alla taglia dimensionale e alla Regione di ubicazione del sito. La struttura degli incentivi per gli impianti da fonte rinnovabile Il rapido sviluppo delle rinnovabili è stato favorito nei principali Paesi europei da rilevanti programmi di sostegno volti a rendere profittevoli gli investimenti, la cui struttura può essere ricondotta ad una delle seguenti categorie: regimi di mercato (metodi di quantità), quali ad esempio i Certificati Verdi regimi amministrati (metodi di prezzo), quali Feed-In Tariff (FIT, come la Tariffa Omnicomprensiva), Feed-In Premium (FIP, quale incentivo addizionale rispetto alla remunerazione dell energia elettrica venduta a prezzi di mercato), gli incentivi in conto capitale, gli incentivi fiscali. L Italia ha adottato meccanismi di incentivazione di entrambe le categorie, come illustrato di seguito. Tabella 7 Le modalità di incentivazione connesse all obiettivo di politica energetica di generazione di energia da fonti rinnovabili Soggetti destinatari Produttori di energia da fonti rinnovabili Modalità d incentivazione CIP 6 Certificati Verdi Entrata in vigore Fonte rinnovabile di applicazione Dal 1992 al 1999; non applicabile ai nuovi impianti Dal 1999; in fase di superamento con meccanismo di feed-in tariff + quote di installato contingentate Tutte le fonti, incluse alcune convenzionali ad alta efficienza Tutte le fonti ad eccezione del fotovoltaico IV Conto Energia Dal 5/5/2011 Fotovoltaico Tariffa Omnicomprensiva Dal 1/1/2008 Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su normativa nazionale Tutte le fonti (fotovoltaico escluso) con potenza fino ad 1 MW (200 kw per l eolico) Durata incentivo Fino a 15 anni di cui i primi 8 anni con incentivo addizionale 15 anni per impianti che entreranno in esercizio entro il 31/12/2012 Normativa ancora in fase di definizione per gli impianti che entreranno in esercizio dopo il anni per impianti che entreranno in esercizio entro il 31/12/2016; quote di installato contingentate per gli impianti in esercizio dal 1/9/2011 Per gli impianti in esercizio dopo il 2016, normativa ancora in fase di definizione 15 anni per impianti che entreranno in esercizio entro il 31/12/2012 Ricavi totali per il produttore Assimilabile ad una Tariffa Omnicomprensiva Vendita di energia elettrica a prezzi di mercato + incentivo di valore variabile (valore determinato in base al prezzo sul mercato dei CV) Vendita di energia elettrica a prezzi di mercato o a valore predeterminato (a scelta del produttore) + incentivo di valore predefinito Vendita di energia elettrica ad un prezzo omnicomprensivo che già include l incentivo Si rimanda alle schede di approfondimento dedicate per una descrizione dei diversi sistemi di incentivazione e della compatibilità dei vari meccanismi.

20 20 Investire nelle rinnovabili Compatibilità tra i diversi meccanismi di incentivazione Anche se una singola fonte o tecnologia può optare tra più sistemi di incentivazione, i diversi meccanismi non sono tra loro cumulabili: il Conto Energia è applicabile esclusivamente al fotovoltaico e, quindi, esclude la possibilità di accedere alla Tariffa Omnicomprensiva e ai Certificati Verdi rispetto a tutte le altre fonti, la Tariffa Omnicomprensiva non è compatibile con i Certificati Verdi: una taglia ridotta dell impianto definisce la possibilità di accedere in via alternativa al regime della Tariffa Omnicomprensiva rispetto a quello del Certificato Verde. Schema riassuntivo dei sistemi di incentivazione Fonte rinnovabile Fotovoltaica Dimensione impianto (NB: kw = 1 MW) fotovoltaico > 1 kw fotovoltaico integrato da 1 kw a kw a concentrazione da 1 kw a kw Sistema di incentivazione Tariffa Omnic. Certificati Verdi Conto Energia Elettricità da bioenergie Cogenerazione da bioenergie Eolica Idroelettrica Geotermia Mareomotrice e moto ondoso termodinamico fino a kw * * oltre kw fino a kw * * oltre kw fino a 200 kw (micro/mini eolico) * * oltre 200 kw offshore fino a kw (micro/mini idro) * * oltre kw fino a kw * * oltre kw fino a kw * * oltre kw * per impianti con potenza nominale inferiore a kw (200 kw per l eolico) è possibile optare, su richiesta, per la TO Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su normativa nazionale

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Attività e professionalità nel settore veneto delle energie rinnovabili e del risparmio energetico

Attività e professionalità nel settore veneto delle energie rinnovabili e del risparmio energetico Attività e professionalità nel settore veneto delle energie rinnovabili e del risparmio energetico Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro dell Università degli Studi di Padova Progetto PHAROS (Pursuing

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 UNIONE EUROPEA Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 30 novembre 2007 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli