newsletter n. 68 Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "newsletter n. 68 Settembre 2014"

Transcript

1 pag.1 newsletter n. 68 Settembre 2014 INDICE Introduzione (Ornella Lavezzoli - Presidente) pag.01 Notizie dal Mondo pag.02 - Ebola, Onu adotta risoluzione pag.02 - Ebola, i medici scappano. Così la Sierra Leone muore pag.03 - Boko Haram, a 5 mesi dal rapimento delle studentesse pag.04 - Violenza contro le donne, una piaga mondiale pag.05 La Festa del Meskel pag.07 Io Volontaria pag.08 Addis Abeba - Le Case Famiglia pag.09 La Campagna di Natale pag.11 INTRODUZIONE Cari amici, dopo la pausa estiva Il Sole ha riaperto i suoi uffici ed il lavoro non manca. In questo numero troverete Notizie dal mondo, la spiegazione inerente la festività etiope di Meskel, un breve articolo di una nostra volontaria, un rapportino relativo alle nostre Foster Home in Etiopia e l anticipazione della prossima Campagna di Natale. Spero che queste notizie siano di vostro interesse, anche se vi chiedo ancora una volta di segnalarci come vorreste fosse strutturata la nostra Newsletter, perché tutti insieme potremmo certamente fare di meglio. Non mi piace continuare a ripetere che la crisi economica in atto ha fatto in modo che diminuissero anche i nostri sostegni a distanza, per via delle difficoltà oggettive di alcuni nostri donatori, ma purtroppo questa è ormai una situazione di fatto. Ci date una mano a fare in modo che specialmente i ragazzi più grandi a cui manca magari un anno o due a finire il loro percorso scolastico non restino bloccati e possano terminare quanto intrapreso? Studiamo insieme una modalità, tutti i suggerimenti sono preziosi e naturalmente non solo quelli. Grazie e buona lettura. Ornella Lavezzoli - Presidente

2 pag.2 NOTIZIE DAL MONDO Ci sono notizie che non hanno la risonanza che meriterebbero, Il Sole le cerca e ve le propone Ebola, Onu adotta risoluzione: È una minaccia per la pace e la sicurezza di: Redazione Il Fatto Quotidiano - 18 settembre ia/ / Il Consiglio di Sicurezza dell Onu a New York ha adottato all unanimità una risoluzione per espandere la risposta globale alla diffusione di Ebola in Africa occidentale, che chiede di non isolare i Paesi colpiti. La diffusione di Ebola costituisce una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale si legge nella nota che invita gli Stati membri a fornire assistenza urgente, compresi ospedali da campo e personale e di abolire le restrizioni sui viaggi e alle frontiere imposte a causa dell epidemia, che contribuiscono ad un ulteriore isolamento dei Paesi colpiti. Anche alle compagnie aeree e navali viene chiesto di mantenere i collegamenti con tali Paesi. Tra i firmatari del documento c è anche l Italia. Ebola non è solo un epidemia, non è solo un emergenza sanitaria, ma è una crisi umanitaria, sociale, economica, e una minaccia per pace e sicurezza internazionale ha detto il direttore dell Oms, Margaret Chan, nel corso della riunione del Consiglio di Sicurezza Onu. Nel frattempo l Oms ha diffuso nuovi dati: nella settimana che si è conclusa il 14 settembre ci sono stati per la prima volta dall inizio dell epidemia più di 700 nuovi casi in Africa, che porta il numero totale a 5.335, con morti. Più della metà di questi si sono verificati negli ultimi 21 giorni del conteggio, iniziato lo scorso gennaio. Dopo l annuncio di Obama, che invierà soldati in Africa occidentale, anche il segretario generale dell Onu Ban Ki-moon sta per dare il via ad una nuova missione per coordinare la lotta contro il virus. Il numero uno del Palazzo di vetro ha quindi convocato un vertice dei capi di Stato e di governo per discutere l emergenza il prossimo 25 settembre, durante l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, a cui dovrebbe partecipare anche il presidente Usa. Il Parlamento europeo ha però denunciato che la comunità internazionale ha finora sottovalutato l epidemia. Ora afferma l assemblea di Strasburgo il Consiglio di Sicurezza deve pensare ad inviare risorse di difesa militari e civili. E la Ue deve intensificare gli sforzi a tutto campo, con il Consiglio Ue esortato a convocare una riunione ministeriale per stabilire un piano d emergenza. Per far fronte a questa emergenza, Emergency ha aperto un Centro per la cura dei malati di Ebola a Lakka, a pochi chilometri dalla capitale della Sierra Leone dove l epidemia è fuori controllo. Oltre persone hanno contratto il virus, più della metà sono morte, 500 sono i malati accertati solo nelle ultime tre settimane. Ogni giorno si ammalano più di 20 persone. In Italia, tuttavia, non c è rischio di contagio ad affermarlo Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma, centro di riferimento per l Ebola nel nostro Paese. Il rischio di contagio è zero, o assolutamente vicino allo zero sottolinea L Italia ha la capacità di gestire eventuali casi, ma il grande lavoro va fatto in Africa, e le istituzioni italiane devono lavorare lì. La volontaria francese di Medici Senza Frontiere contagiata in Liberia sta per essere rimpatriata e ricoverata nell ospedale militare di Saint-Mandè, alle porte di Parigi.

3 pag.3 Ebola, i medici scappano. Così la Sierra Leone muore Scatta il coprifuoco per il virus. Emergency: peggio della guerra di Francesca Paci 20/09/2014 VyzVcOZasXQHqUGq00RM/pagina.html Il primo dei tre giorni di quarantena imposti dal governo della Sierra Leone per contrastare la diffusione dell Ebola si chiude silenzioso com è iniziato, con le strade deserte di villaggi già fantasma dove sono state sepolte almeno 491 delle 2400 vittime dell epidemia abbattutasi sull Africa occidentale. A circolare sono solo gli operatori sanitari autorizzati: è attraverso i loro occhi che possiamo guardare il collasso del sistema welfare, il deserto della speranza, l abitudine alla coabitazione con la morte. «Sono qui dal 2011 e ho seguito l aggravarsi della situazione giorno dopo giorno, quando il 4 agosto scorso il presidente ha dichiarato l emergenza sanitaria è crollato tutto: anziché accorrere a dare una mano, come avviene in questi casi nel resto del mondo, i medici e gli infermieri sono scappati dagli ospedali che adesso sono vuoti». Il racconto di Luca Rolla, 42 anni, arriva dal nuovo Centro per il trattamento dei malati che Emergency ha aperto giovedì a Lakka, una ventina di minuti da Freetown. L organizzazione fondata da Gino Strada è nel Paese dal 2001 con un Centro chirurgico e pediatrico da 110 posti letto in un villaggio vicino alla capitale. La nuova struttura, che può accogliere 24 persone, ne ha già 5 isolate in attesa del risultato degli esami, verosimilmente positivi. Manca tutto in Sierra Leone, il prezzo dei sacchi di riso e della farina è raddoppiato, l isolamento internazionale del Paese dovuto alla sospensione dei voli si sta facendo sentire. Ma manca soprattutto personale sanitario specializzato. Alcuni giorni fa il direttore generale dell Oms Margaret Chan ha chiesto 1000 effettivi in più: molti mancano all appello. Difficoltà, impreparazione, paura. Il 10% delle persone contagiate in Sierra Leone sono medici o infermieri. Rolla testimonia come milioni di uomini, donne e bambini (anche in Congo e la Liberia) siano prigionieri di questo circolo vizioso: «L Ebola è terribile, la gente lo capisce e infatti ha ascoltato l appello del presidente e se ne sta in casa. Ma c è una tragedia ancora più grande nella tragedia. La Sierra Leone è un Paese con un già altissimo tasso di mortalità infantile (il 178% su 1000 bambini nati vivi ndr.) e a breve peggiorerà. L unico ospedale pediatrico infatti è chiuso ormai da 36 giorni, non era mai accaduto neppure durante i dieci anni di guerra civile. Gli altri ospedali governativi sono deserti o lavorano a regime ridotto da almeno tre mesi, vale a dire pronto soccorso e niente ricoveri. Di fatto siamo la sola struttura funzionante 24 ore al giorno in una situazione in cui oltre che di Ebola si continua a morire di malaria».

4 pag.4 Il primo dei tre giorni di quarantena ha visto un andirivieni regolare laddove il pronto soccorso è aperto. I taxi con l autorizzazione sanitaria fanno la spola per prelevare i malati non necessariamente sospetti d infezione, magari con un problema d ernia. Se ci fossero medici, infermieri e organizzazioni internazionali a garantirne il lavoro, continua Rolla, si riuscirebbe a tamponare l epidemia: «In assenza di assistenza sanitaria effettiva chi non si sente bene e non sa dove andare si reca a casa dei dottori che conosce o dai curatori locali dove non c è protezione, il rischio è molto alto e il virus finisce per espandersi». Boko Haram, a 5 mesi dal rapimento delle studentesse di Chibok in Nigeria cosa ne è stato di #BringBackOurGirls? di: L Huffington Post 16/09/2014 La campagna #BringBackOurGirls ha già 5 mesi. Era il 14 aprile quando il gruppo estremista islamico di Boko Haram rapiva circa 270 ragazze dalla scuola superiore di Chibok, nel nordest nigeriano. I primi di maggio, 57 studentesse riuscirono a scappare dalle mani dei loro aguzzini. Poi, più nulla. Nonostante la mobilitazione di voci internazionali, da Michelle Obama a Malala, la buona notizia della liberazione sembra ancora lontana. Fino ad oggi, solo false speranze. Negli scorsi mesi militari nigeriani e intelligence americana avevano dichiarato di sapere dove erano tenute prigioniere le ragazze. Sono state tentate delle negoziazioni con i terroristi, tutte fallite. Lo scorso giugno Stephen Davis, un prete e mediatore australiano, parlò di tre tentativi falliti nel mese precedente: aveva addirittura accusato i politici nigeriani di finanziare Boko Haram. Passarono alcune settimane prima che venissero autorizzati gli aiuti internazionali. Ma anche gli interventi esteri sono riusciti a totalizzare ben poco: lo scorso maggio gli Usa inviarono 80 truppe nel paese per coordinare le operazioni di ricerca aeree, così come Canada, Francia, Israele e il Regno Unito mandarono delle forze speciali. Sei settimane dopo fu lo stesso Pentagono ad ammettere di non saperne molto di più sulla localizzazione delle ragazze. Nonostante questo, le truppe sono ancora nel Chad e le operazioni di pattugliamento aereo statunitense continuano. La tensione nella regione intera è forte. In questi cinque mesi Boko Haram ha lasciato dietro di sé più di 2800 vittime, secondo i dati del Council on Foreign Relations. In agosto, nell arco di soli 10 giorni, persone sono rimaste sfollate a causa dei combattimenti nel nordest della Nigeria, dove il grup-

5 pag.5 po terroristico sta portando avanti la propria avanzata: altre città conquistate, ulteriori gruppi di civili, sia ragazze che ragazzi, rapiti. Il più impreparato ad affrontare la crisi sembra essere l esercito nigeriano: in agosto un gruppo di 40 militari si è rifiutato di combattere lamentando la mancanza di armi adeguate, e sono centinaia i soldati che hanno scelto la fuga davanti alla minaccia di Boko Haram. Sulla testa delle forze governative pendono accuse di abusi, violenze, torture ed esecuzioni sommarie a danno di abitanti accusati di avere relazioni strette con il gruppo estremista. Ma l elemento meno chiaro è la posizione del governo, che lo scorso maggio aveva dichiarato di non essere disposto a trattare con i terroristi. La preoccupazione principale del Presidente Jonathan Goodluck sembra essere la strategia mediatica. Innanzitutto proteggere la reputazione del paese: secondo quanto riportato da The Hill, lo scorso giugno il governo ha pagato più di 1 milione di dollari a un azienda di pubbliche relazioni americane per modificare la narrativa mediatica intorno al rapimento delle ragazze. Secondariamente la propria campagna di rielezione presidenziale, per la quale ha deciso di sfruttare l hashtag #BringBackGoodluck2015. Un idea che ha inferocito gli attivisti. Violenza contro le donne, una piaga mondiale Da Malala alle ragazze rapite in Nigeria. Ma gli abusi aumentano anche in Occidente di Enrico Caporale 15/09/2014 it/2014/09/15/cultura/scuola/ e20/cronaca/donne/violenza-contro-le-donne-una-piaga-mondiale-w7qdbf3pgzxw8qtdgk2jmm/ pagina.html Il 5 maggio 2014 Abubakar Shekau, leader dei Boko Haram (gruppo terroristico che dal 2002 insanguina il nord della Nigeria), in un video di 56 minuti ha rivendicato il rapimento di 270 ragazzine tra 15 e 18 anni. Il 14 aprile le adolescenti erano state prelevate da un istituto femminile di Chibok, nello Stato del Borno, mentre gli islamisti sparavano all impazzata e incendiavano le aule. Shekau ha poi spiegato che le giovani sarebbero finite all asta come schiave (o forzate al matrimonio) per farla finita con l abominio occidentale dell istruzione femminile. In India, Stato dell Uttar Pradesh, il 29 maggio 2014 due ragazzine di 14 e 15 anni sono state stuprate da almeno sette uomini e poi impiccate a un albero di mango: la loro colpa era di essere dalit, fuori casta, e nei villaggi le donne dalit sono spesso considerate a disposizione dei maschi, senza nessun riconoscimento della loro dignità umana. Quasi due anni prima, il 9 ottobre 2012, un commando di talebani aveva gravemente ferito alla testa e al collo l allora 15enne Malala Yousafzai, la giovane pakistana che, attraverso un blog curato per la Bbc, si era opposta alla guerra santa contro le scuole femminili nella città di Mingora. Secondo fonti Onu, una donna su tre, al mondo, è stata picchiata, forzata ad avere rapporti sessuali, o ha comunque subito abusi almeno una volta nella vita. Ogni giorno - calcola Carol Boender della ong Care - 39 mila ragazzine sono costrette a sposarsi. Il maggior numero di matrimoni infantili è concentrato in Africa occidentale, dove si trova anche il 16% dei 29,8 milioni di schiavi nel mondo. Nigeria, India, Pakistan sono i Paesi

6 pag.6 in cui i casi di violenza contro le donne assumono gli aspetti più clamorosi e feroci; ma anche nella civilissima Italia fonti La Stampa dicono che i femminicidi sono passati da 93 nel 2012 a 103 nel Dati, tutti insieme, che dimostrano la portata patologica del problema, e le terribili conseguenze per la salute e il benessere individuali, così come per lo sviluppo sociale ed economico. Boko Haram scrive su La Stampa Maurizio Molinari, citando l africanista Ali Mazrui, della Cornell University di Ithaca vuole liquidare ogni presenza di cristiani o musulmani infedeli nel Nord della Nigeria. Per questo Mazrui usa l espressione pulizia etnica per spiegare stupri di massa, vendita di ragazze schiave e incendi di chiese e scuole nei villaggi. Gli integralisti islamici, conferma sempre su La Stampa Francesca Paci, hanno adottato la pratica dell ugandese Lord s Resistance Army che dava in sposa ai miliziani le bambine rapite. In India le organizzazioni per i diritti umani parlano di uno stupro ogni 22 minuti (un terzo delle vittime sono minori). Nel Paese - spiegano fonti Unicef - circa il 65% della popolazione rurale fa i suoi bisogni all aperto e le ragazze sono tenute a farlo col buio. E una minaccia alla loro dignità, ma anche alla loro incolumità. Qui l orrore della violenza contro le donne ha iniziato a suscitare attenzione dal 2012, dopo che una studentessa di 23 anni rimase vittima di uno stupro di gruppo su un autobus a New Delhi. Da allora le leggi sono state inasprite, ma il fenomeno è ben lontano dall essere stato stroncato: a dimostrarlo, oltre al caso delle due adolescenti dell Uttar Pradesh, ci sono l aggressione a una bimba di 9 anni nel cortile di casa, o una dodicenne bruciata viva, o ancora una ragazza costretta dal branco a bere l acido (solo alcuni degli episodi denunciati nel 2014). Ma nel Pakistan di Malala la situazione non è migliore: a maggio 2014 la 25enne Farzana Parveen, incinta, è stata uccisa a sassate da padre e fratello fuori dal tribunale di Lahore: era colpevole di aver disonorato la famiglia sposando per amore un uomo diverso da quello che le era stato imposto. Poi ci sono gli stupri di guerra: in Siria, in Sud Sudan, nella Repubblica Centraficana e in tutti i conflitti più gravi la violenza sessuale viene usata come arma di guerra. È questa la denuncia che si è levata dalla platea del summit di Londra contro gli abusi (giugno 2014) attraverso la voce dell attrice Usa Angelina Jolie (in veste di ambasciatrice Onu per i rifugiati) e del ministro degli Esteri britannico William Hague. Le vittime sono spesso bambini, cui quest esperienza provoca danni fisici e mentali irreparabili. Ogni volta che viene commesso un reato del genere hanno incalzato Jolie e Hague - e il mondo non fa nulla per intervenire, si stabilisce un precedente in base al quale la violenza sessuale può essere utilizzata impunemente; non importa se a subirla siano profughi siriani o studentesse nigeriane. A fianco delle pratiche più violente e primitive che contemplano i casi di matrimoni coatti o riparatori, schiavitù sessuale, uccisioni, prostituzione forzata, mutilazioni genitali, stupri di guerra ed etnici, aggressioni con l acido, esistono forme di violenza più subdola, diffuse soprattutto nei Paesi più evoluti. Qui domina la violenza domestica, esercitata nell ambito familiare attraverso minacce, maltrattamenti fisici e psicologici, atteggiamenti persecutori, abusi sessuali, delitti d onore, uxoricidi passionali o premeditati. Spesso nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro le donne sono esposte a molestie, stupri e ricatti sessuali. Come ricorda la direttrice Generale dell Unesco, Irina Bokova, la violenza contro le donne è una violazione dei diritti e delle libertà fondamentali ed è inaccettabile in qualsiasi delle sue molteplici forme. Non bisogna credere che si tratti di un problema che affligge solo Paesi lontani e sottosviluppati: un rapporto della European union agency for fundamental rights (FRA) dipinge una situazione drammatica anche in Europa, dove su 42mila donne intervistate oltre un terzo è risultata vittima di abusi (sul podio Danimarca, Finlandia, Svezia. L Italia è di poco sotto la media Ue).

7 pag.7 LA FESTA DEL MESKEL Una delle feste religiose più importanti in Etiopia è la Festa del Meskel che ricorre, secondo il calendario etiope il 17 di Meskerem cioè, secondo il nostro calendario il 27 settembre. Durante questa festa si celebra il ritrovamento della croce sul quale Cristo fu crocefisso da parte dell imperatrice Elena del Meskel. Questa festività è conosciuta in Etiopia anche come festa della Croce. E celebrata da tutta la popolazione, indipendentemente dalla religione a cui si appartiene e tutti i membri della famiglia si trovano per mangiare e pregare insieme. In ogni piazza, da quella del piccolo villaggio a quelle di città si fa la cerimonia del Damerà che consiste in un falò in cui si fa bruciare una catasta altissima di legna e paglia in cima alla quale ci sono delle margherite gialle e una piccola croce. Intorno a questo falò si danza e si canta per celebrare oltre al ritrovamento della Croce l inizio della stagione dei raccolti dopo la stagione delle piogge. Con la Damerà si celebra anche la fine dell anno vecchio ( il Capodanno Etiope è l 11 Settembre) e così questa cerimonia ha anche il compito di bruciare l anno passato e con lui tutti le disgrazie e i dolori che ne hanno fatto parte, distruggendoli nelle fiamme. Un altra credenza legata a questa festa è che se il fumo si dirige verso oriente è di buon auspicio per l anno nuovo, se cade verso occidente il nuovo anno non promette nulla di buono.

8 pag.8 IO VOLONTARIA Quando mi è stato chiesto di scrivere un articolo su l essere volontaria presso Il Sole, ho accettato con entusiasmo e con una domanda costante perché ho scelto di fare la volontaria? Spero con questa mia di spiegarlo a tutti quanti. Sono entrata in contatto con Il Sole circa 15 anni fa, dopo la morte di mia sorella Laura. Mia madre ed io avevamo qualche soldo da devolvere alla memoria di e lei mi ha parlato di questa giovanissima associazione. Ho sempre pensato che a mia sorella sarebbe piaciuto avere figli e per mia madre avere una bimba alla quale dare un aiuto concreto ogni anno è sembrata l unica possibile destinazione di quella somma di dena- ro. Sono passati molti anni da quel lontano 1999, ho avuto la gioia di avere un figlio, di fare la mamma a tempo pieno, di sposarmi e il dolore di perdere mia madre. È però solo quando Il Sole si è trasferito da Como a Saronno che improvvisamente mi è scattata la famosa molla. Mentre leggevo una copia della loro Newsletter ho pensato che avrei potuto fare qualche cosa di più, per sentirmi più vicina proprio a quei bambini che in maniera un po asettica ho aiutato per tanto tempo. Dico asettica, perché in fondo quella somma di denaro (per alcuni grande, per altri meno, ma sicuramente per i bambini vitale) ti permette di sentirti più leggera, di scaricarti la coscienza da quell inevitabile senso di colpa che pesa almeno a me, benestante occidentale di pelle chiara! Ho telefonato e ho chiesto di poter aiutare, sapendo io bene l Inglese mi occupo delle traduzioni dei rapporti annuali, delle lettere e di quant altro, lavoro in sede e anche da casa nei momenti più intensi. Tradurre le lettere dei bambini e ragazzi equivale ad entrare nel loro mondo, gustare le loro piccole gioie per avere preso bei voti ed essere stati promossi, condividere la loro tristezza per aver fallito ed essere stati bocciati. Spesso in quelle poche righe c è il loro mondo, i loro sogni e le loro paure. I rapporti parlano di situazioni famigliari inimmaginabili, almeno per me, famiglie poverissime, donne sole, vedove o semplicemente abbandonate, con più figli di quante mani possano tenerli vicini, case che sembrano capanne nel migliore dei casi, o ripari di plastica e lamiera, lavori sottopagati e precari, difficoltà a reperire anche lo stretto indispen- sabile. Le fotografie ritraggono bambini spesso cresciuti troppo in fretta, troppo responsabili, con visini seri seri e occhi pieni di voglia di vivere! Se paragono mio figlio a loro, mi si stringe il cuore e ammetto che spesso mi metto anche a piangere. Il bello è quando, anno dopo anno, scopri che alcuni ce la fanno, si diplomano o laureano, le foto mostrano bimbi diventati, ormai uomini e donne adulte, fieri di essersi riscattati. Un raggio di luce arriva in questi scenari cupi, un raggio che da la speranza concreta a un figlio di studiare di prendere un diploma o una laurea con la quale trovare un lavoro dignitoso. Questo raggio lo porta Il Sole appunto e veramente credo che per chiunque venire qui in sede e dare una mano, possa essere un esperienza straordinaria. C è sempre tanto da fare! Le bomboniere solidali (per matrimoni, comunioni e cresime), richiedono esperienza nella grafica su PC per realizzare pergamene e altro, manualità nel realizzare le bomboniere stesse che vanno assemblate in sede; la campagna natalizia prevede la realizzazione di materiale grafico e dei pacchi da spedire e consegnare ai corrieri. Il sito internet, Facebook, Newsletter e Giornalino tengono tutti impegnati. Insomma non manca certo il lavoro! La cosa più importante è che in cambio di poche ore di lavoro si riceve tutto l amore incondizionato di questi ragazzi, alimentando questo fiume di ottimismo e la positività non ha prezzo! Alessandra Castelli

9 pag.9 ADDIS ABEBA - LE CASE FAMIGLIA Fiori che rinascono, il progetto in cui sono inserite la Case Famiglia, affronta la problematica dell abuso sessuale, attraverso la presenza sul campo di un centro di cura e reinserimento sociale e di operatori specializzati, concentrandosi su alcuni aspetti: - Individuazione dei casi di violenza - Assistenza medica e legale - Riabilitazione psicologica tramite percorsi di terapie - Azioni di informazione, sensibilizzazione e prevenzione nei confronti del contesto famigliare, scolastico e comunitario delle vittime - Accoglienza in Case Famiglia dei bambini che hanno subito l abuso in famiglia o dei bambini orfani - Attività di reinserimento sociali quali i laboratori di fotografia, musica, teatro e vi-deo in grado di creare il pretesto per far incontrare i bambini vittima tra loro e con altri bambini. Tutte le attività sono realizzate grazie alla collaborazione di IFSO Integrated Family Service Organization, ONG locale non-profit e apartitica fondata nel 1995, con l obiettivo di realizzare una rete di supporto a favore di famiglie e bambini in difficoltà sul territorio di Addis Abeba. IFSO è registrata al Ministero di Giustizia Etiope dal Durante i diversi anni di realizzazione del progetto Fiori che Rinascono, i cambiamenti e i miglioramenti sono stati molti. Sono passati più di 10 anni da quando, per la prima volta, attraverso la bella collaborazione che si è instaurata con IFSO, si è iniziato ad organizzare quelle che oggi sono le attività del nostro Progetto. Addis Abeba è cambiata moltissimo, così come si sono modificati e rinnovati i pericoli che i bambini di questa grandissima città possono correre. Uno studio relativo ad

10 pag.10 Addis Abeba pubblicato nel 2012 sull Ethiopian Journal of Health Science, ha evidenziato come sul totale dei crimini commessi contro minori, circa il 23% siano reati a sfondo sessuale. Dai dati è possibile evincere che circa 21 bambini sono vittime di abuso sessuale ogni mese, spesso ad opera di persone a loro vicine. Il Sole Onlus, attraverso le attività di Fiori che Rinascono, svolge un ruolo di primo piano nel contrasto, nella prevenzione e nella cura di queste inaccettabili forme di abuso sui minori. Il tuo contributo ha permesso di continuare a sviluppare le attività di una parte importantissima del Progetto. In particolare, il tuo contributo ha permesso: - di gestire 3 Case Famiglia Queste strutture, equivalenti alle Case Famiglia che si ritrovano sul territorio italiano, sono state individuate, allestite, fornite di materiale e ammobiliate in modo tale da assicurare ai bambini e ragazzi ospitati di poter pensare, giocare, studiare, pianificare il futuro. Ogni Casa Famiglia è stata fornita del materiale che possa permettere ai bambini ospiti di crescere in un ambiente familiare e sereno. - garantire assistenza psicologica ai bambini ospiti delle Case Famiglia L equipe di psicologi del Progetto garantisce il costante monitoraggio della riabilitazione dei bambini. L assistenza psicologica è garantita anche ai bambini orfani presenti che non hanno subito violenza, data la difficile situazione nella quale vivono. Spesso ci capita di dover parlare di risultati, di numeri. Lo facciamo, lo dobbiamo fare, perché è il modo più chiaro, più diretto e decisamente più misurabile per raccontare cosa significa gestire delle Case Famiglia In ogni Casa, però, c è un bambino o una bambina, ci sono i suoi occhi, c è la sua storia. Voglio raccontarvi proprio una di queste storie. Non ho scelto né la più bella, né la più tragica, né la più complicata; ho scelto una delle tante, troppe storie con cui ogni giorno ci dobbiamo confrontare Mohammed, 21 anni, si è da poco diplomato e oggi sta pianificando il suo futuro. La famiglia di Mohammed è molto povera e spesso i genitori sono fuori casa in cerca di lavoro. 10 anni fa, in una di queste occasioni, Mohammed viene avvicinato da un poliziotto, il quale abusa di lui nella stessa casa del bambino. Poco tempo dopo tutto il villaggio viene a conoscenza dell accaduto, questo porta a una forte discriminazione verso Mohammed. In questi contesti, infatti, spesso l abusato viene discriminato da chi gli è vicino. Questo atteggiamento porta il trauma subìto ad ampliarsi, fino al momento in cui entra a far parte del Progetto Fiori che Rinascono. Si decide, quindi, di inserirlo in una Casa Famiglia per proteggerlo da ulteriori discriminazioni e garantirgli assistenza psicologica continua. Sebbene la Casa Famiglia sia solitamente un rifugio temporaneo per i bambini abusati, Mohammed ci rimane molto a lungo. Il reinserimento sociale non è un percorso breve né privo di difficoltà, Mohammed dimostra di avere grande forza e affronta gli ostacoli con grande determinazione. Oggi Mohammed ha terminato gli studi e può guardare al suo futuro senza timore. Spesso dobbiamo parlare dei risultati, quasi sempre lo facciamo con i numeri. Oggi l abbiamo voluto fare con Mohammed.

11 pag.11 A PARTIRE DALLA META DI NOVEMBRE PUBBLICHEREMO SUL NOSTRO SITO L ORMAI CONSUETA CAMPAGNA DI NATALE COME OGNI ANNO I NOSTRI SARANNO PRODOTTI PROVENIENTI DA UN NEGOZIO EQUO SOLIDALE IL RICAVATO DELLA CAMPAGNA SARA DEVOLUTO AD UN NOSTRO PROGETTO. SAPPIAMO CHE MANCA ANCORA UN PO DI TEMPO AL NATALE, MA NEL PENSARE AD UN REGALO PER I VOSTRI CARI TENETE CONTO ANCHE DI QUESTA POSSIBILITA, FARETE CONTENTO CHI RICEVE IL DONO MA DONERETE ANCHE IL SORRISO AD UN BAMBINO DEL NOSTRO PROGETTO. GRAZIE

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Le buone idee per i tuoi giorni di festa

Le buone idee per i tuoi giorni di festa Le buone idee per i tuoi giorni di festa Una bomboniera non C è sempre una buona occasione per scegliere le Scegli le bomboniere solidali Intervita, rendi indimenticabili i tuoi giorni di festa. Matrimonio,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

VIOLENZA CONTRO LE DONNE

VIOLENZA CONTRO LE DONNE VIOLENZA CONTRO LE DONNE VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE Corso di laurea in Servizio sociale AA 2015-16 prof. Patrizia Romito, Dipartimento di Scienze della Vita, Unità di Psicologia Università di Trieste

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne In Italia una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, nella sua vita è stata vittima della violenza di un uomo. Secondo i dati dell'istat, sono

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

Progetto incontra l autore

Progetto incontra l autore Progetto incontra l autore Il primo aprile la classe 2 C ha incontrato Viviana Mazza, la scrittrice del libro per ragazzi «Storia di Malala». Due nostre compagne l hanno intervistata sul suo lavoro e sul

Dettagli

SOGNI DA RIACCENDERE Benin

SOGNI DA RIACCENDERE Benin SOGNI DA RIACCENDERE Benin Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi Sono nigeriana, sono stata migrante, clandestina, vittima della tratta e vedo la violenza in modo diverso dalle donne italiane, europee, occidentali.

Dettagli

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF 5 ANNI DI GUERRA IN SIRIA NESSUN LUOGO SICURO PER I BAMBINI La crisi in numeri L impatto di 5 ANNI DI GUERRA sui bambini siriani e la loro infanzia 5 ANNI: UN ETÀ CRUCIALE PER UN BAMBINO Per i 3,7 milioni

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita

PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita 1. Introduzione 1.1. Titolo del progetto : Realizzazione di un Centro di accoglienza e di sostegno psico -sociale per ragazze vulnerabili(vittime di violenza

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne Che cosa è successo e succede in Afghanistan Che cosa hanno vissuto e vivono le donne Donne speciali: RAWA, HAWCA, OPAWC, Malalai

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE 26 Senza spettatori SIERRA LEONE La guerra in Sierra Leone DDal 1991 al 2001 la Sierra Leone ha vissuto 10 anni di una guerra fratricida scatenata dall interesse per le ricche miniere di diamanti presenti

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

ASSISTENZA UMANITARIA

ASSISTENZA UMANITARIA Consiglio dell'unione europea ASSISTENZA UMANITARIA Salvare vite e alleviare le sofferenze umane Italian Cooperation/Annalisa Vandelli UN ESPRESSIONE DI SOLIDARIETÀ Fornendo assistenza umanitaria, l Unione

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CATALOGO LIETI EVENTI

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CATALOGO LIETI EVENTI www.sosvillaggideibambini.it SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CATALOGO LIETI EVENTI Il calore di una casa per ogni bambino PERCHÈ SCEGLIERE LE BOMBONIERE SOS Il vostro matrimonio, il battesimo del vostro bimbo

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI

I DIRITTI DEI BAMBINI Ma tu sai cosa è un DIRITTO? I DIRITTI DEI BAMBINI I diritti sono dei bisogni a cui non è possibile rinunciare, essi sono fondamentali, ci consentono di crescere nella pace e nell armonia e di vivere serenamente.

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

La violenza sessuale: uno strumento di guerra

La violenza sessuale: uno strumento di guerra NOTA DI FONDO La violenza sessuale: uno strumento di guerra É diventato più pericoloso essere una donna che va ad attingere l acqua o che va a raccogliere la legna da ardere che essere un combattente al

Dettagli

KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE

KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE dagli 11 anni KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE VAURO SENESI Serie Rossa n 80 Pagine: 272 Codice: 978-88-566-3712-0 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTORE Giornalista e vignettista satirico, Vauro Senesi

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Guida didattica all unità 4 La città in festa

Guida didattica all unità 4 La città in festa Destinazione Italiano Livello 2 Guida didattica all unità 4 La città in festa 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba

Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba ESPERIENZA dell AMBULATORIO FIOR DI LOTO Consultori familiari ASLTO1 e Associazione Verba Violenza e Disabilità Dott.ssa Laura Stoppa _ Psicologa dell Associazione Verba Violenza nella donna con disabilità

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Emergenza Ebola in Africa Occidentale: realtà, cause, conseguenze. Dati aggiornati al 21 novembre 2014

Emergenza Ebola in Africa Occidentale: realtà, cause, conseguenze. Dati aggiornati al 21 novembre 2014 Emergenza Ebola in Africa Occidentale: realtà, cause, conseguenze Dati aggiornati al 21 novembre 2014 15.531 casi 5.459 decessi 8 paesi colpiti: Liberia, Sierra Leone, Guinea (trasmissione intensa) Mali,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 392 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VOLONTÈ Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini Presentata

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Progetto dell UNICEF Svizzera «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Quasi ogni minuto nasce un bebè sieropositivo. Senza un oppo la metà di loro

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

CASO 1 (status e tutela giurisdizionale)

CASO 1 (status e tutela giurisdizionale) CASO 1 (status e tutela giurisdizionale) Djibril è nato nel 1989 ad Atar in Mauritania. La sua è una famiglia di Haratines, ovvero di schiavi neri discendenti dalle popolazioni locali, da sempre schiavi

Dettagli

Progetto Ampliarete ampliamento e rafforzamento della rete nazionale acisjf nelle regioni meridionali

Progetto Ampliarete ampliamento e rafforzamento della rete nazionale acisjf nelle regioni meridionali Progetto Ampliarete ampliamento e rafforzamento della rete nazionale acisjf nelle regioni meridionali workshop metaplan REGGIO CALABRIA 14 FEBBRAIO 2014 regione CALABRIA report dei lavori Progetto AMPLIARETE

Dettagli

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus Donazione. Azione CESVI Fondazione Onlus Cesvi è un'organizzazione umanitaria laica e indipendente fondata in Italia nel 1985. Con 80 sedi estere, opera in tutti i continenti con progetti di cooperazione

Dettagli

Domande del gioco 1- Amnesty ha come logo una candela avvolta nel filo spinato, sapresti dirne il significato? 2- Esiste la carta dei diritti delle donne? 3- Sai perché è nato il giorno dell 8 marzo? 4-

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca sabato 4 dicembre 2004 Home page Sant'Egidio News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra

Dettagli

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Giornata Mondiale per l Eliminazione delle Violenza sulle Donne Le vie della dipendenza relazionale sono spesso tracciate da un trauma infantile

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro.

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro. ASENABU de Buyengero et Burambi B. P. : 500 B U J U M B U R A Tel.: (257) 750694-758481-744260 GRAZIE! Carissimi amici e benefatori dei bambini orfani di Buyengero, pace e bene. la nostra cultura cristiana

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA PREMESSA Ad oltre 1 miliardo di bambini nel mondo viene negato il sano sviluppo sancito dalla Convenzione sui Diritti dell'infanzia del 1989 violando il diritto

Dettagli

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE..

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE.. I FATTI DI BESLAN : EMOZIONI E PENSIERI DI BAMBINI E RAGAZZI Quel giorno qualcuno mi raccontò della morte di più di 180 bambini ed io pensai per tanto tempo alla strage. Poi decisi di non pensarci per

Dettagli

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura Comune di Assago Area Istruzione e Cultura I diritti dei bambini in parole semplici Il Consigliere delegato alla cultura Emilio Benzoni Il Sindaco Graziano Musella L Assessore alla Pubblica Istruzione

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi,

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, come avete appena sentito negli interventi che mi hanno preceduto, nella veste di Ministro dell Istruzione ho voluto che

Dettagli

ECCOCI. Sommario. Ottobre 2014 - n. 7. Alle famiglie 1. Pronti...partenza...via... 2. Tempo di nuove conoscenze. Una vacanza speciale 4

ECCOCI. Sommario. Ottobre 2014 - n. 7. Alle famiglie 1. Pronti...partenza...via... 2. Tempo di nuove conoscenze. Una vacanza speciale 4 ECCOCI Sommario Alle famiglie 1 Pronti...partenza...via... 2 Tempo di nuove conoscenze al CSE Una vacanza speciale 4 Sempre più creativi... insieme Tappi e non solo 6 Prossimi appuntamenti 7 Recapiti 8

Dettagli