newsletter n. 68 Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "newsletter n. 68 Settembre 2014"

Transcript

1 pag.1 newsletter n. 68 Settembre 2014 INDICE Introduzione (Ornella Lavezzoli - Presidente) pag.01 Notizie dal Mondo pag.02 - Ebola, Onu adotta risoluzione pag.02 - Ebola, i medici scappano. Così la Sierra Leone muore pag.03 - Boko Haram, a 5 mesi dal rapimento delle studentesse pag.04 - Violenza contro le donne, una piaga mondiale pag.05 La Festa del Meskel pag.07 Io Volontaria pag.08 Addis Abeba - Le Case Famiglia pag.09 La Campagna di Natale pag.11 INTRODUZIONE Cari amici, dopo la pausa estiva Il Sole ha riaperto i suoi uffici ed il lavoro non manca. In questo numero troverete Notizie dal mondo, la spiegazione inerente la festività etiope di Meskel, un breve articolo di una nostra volontaria, un rapportino relativo alle nostre Foster Home in Etiopia e l anticipazione della prossima Campagna di Natale. Spero che queste notizie siano di vostro interesse, anche se vi chiedo ancora una volta di segnalarci come vorreste fosse strutturata la nostra Newsletter, perché tutti insieme potremmo certamente fare di meglio. Non mi piace continuare a ripetere che la crisi economica in atto ha fatto in modo che diminuissero anche i nostri sostegni a distanza, per via delle difficoltà oggettive di alcuni nostri donatori, ma purtroppo questa è ormai una situazione di fatto. Ci date una mano a fare in modo che specialmente i ragazzi più grandi a cui manca magari un anno o due a finire il loro percorso scolastico non restino bloccati e possano terminare quanto intrapreso? Studiamo insieme una modalità, tutti i suggerimenti sono preziosi e naturalmente non solo quelli. Grazie e buona lettura. Ornella Lavezzoli - Presidente

2 pag.2 NOTIZIE DAL MONDO Ci sono notizie che non hanno la risonanza che meriterebbero, Il Sole le cerca e ve le propone Ebola, Onu adotta risoluzione: È una minaccia per la pace e la sicurezza di: Redazione Il Fatto Quotidiano - 18 settembre ia/ / Il Consiglio di Sicurezza dell Onu a New York ha adottato all unanimità una risoluzione per espandere la risposta globale alla diffusione di Ebola in Africa occidentale, che chiede di non isolare i Paesi colpiti. La diffusione di Ebola costituisce una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale si legge nella nota che invita gli Stati membri a fornire assistenza urgente, compresi ospedali da campo e personale e di abolire le restrizioni sui viaggi e alle frontiere imposte a causa dell epidemia, che contribuiscono ad un ulteriore isolamento dei Paesi colpiti. Anche alle compagnie aeree e navali viene chiesto di mantenere i collegamenti con tali Paesi. Tra i firmatari del documento c è anche l Italia. Ebola non è solo un epidemia, non è solo un emergenza sanitaria, ma è una crisi umanitaria, sociale, economica, e una minaccia per pace e sicurezza internazionale ha detto il direttore dell Oms, Margaret Chan, nel corso della riunione del Consiglio di Sicurezza Onu. Nel frattempo l Oms ha diffuso nuovi dati: nella settimana che si è conclusa il 14 settembre ci sono stati per la prima volta dall inizio dell epidemia più di 700 nuovi casi in Africa, che porta il numero totale a 5.335, con morti. Più della metà di questi si sono verificati negli ultimi 21 giorni del conteggio, iniziato lo scorso gennaio. Dopo l annuncio di Obama, che invierà soldati in Africa occidentale, anche il segretario generale dell Onu Ban Ki-moon sta per dare il via ad una nuova missione per coordinare la lotta contro il virus. Il numero uno del Palazzo di vetro ha quindi convocato un vertice dei capi di Stato e di governo per discutere l emergenza il prossimo 25 settembre, durante l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, a cui dovrebbe partecipare anche il presidente Usa. Il Parlamento europeo ha però denunciato che la comunità internazionale ha finora sottovalutato l epidemia. Ora afferma l assemblea di Strasburgo il Consiglio di Sicurezza deve pensare ad inviare risorse di difesa militari e civili. E la Ue deve intensificare gli sforzi a tutto campo, con il Consiglio Ue esortato a convocare una riunione ministeriale per stabilire un piano d emergenza. Per far fronte a questa emergenza, Emergency ha aperto un Centro per la cura dei malati di Ebola a Lakka, a pochi chilometri dalla capitale della Sierra Leone dove l epidemia è fuori controllo. Oltre persone hanno contratto il virus, più della metà sono morte, 500 sono i malati accertati solo nelle ultime tre settimane. Ogni giorno si ammalano più di 20 persone. In Italia, tuttavia, non c è rischio di contagio ad affermarlo Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma, centro di riferimento per l Ebola nel nostro Paese. Il rischio di contagio è zero, o assolutamente vicino allo zero sottolinea L Italia ha la capacità di gestire eventuali casi, ma il grande lavoro va fatto in Africa, e le istituzioni italiane devono lavorare lì. La volontaria francese di Medici Senza Frontiere contagiata in Liberia sta per essere rimpatriata e ricoverata nell ospedale militare di Saint-Mandè, alle porte di Parigi.

3 pag.3 Ebola, i medici scappano. Così la Sierra Leone muore Scatta il coprifuoco per il virus. Emergency: peggio della guerra di Francesca Paci 20/09/2014 VyzVcOZasXQHqUGq00RM/pagina.html Il primo dei tre giorni di quarantena imposti dal governo della Sierra Leone per contrastare la diffusione dell Ebola si chiude silenzioso com è iniziato, con le strade deserte di villaggi già fantasma dove sono state sepolte almeno 491 delle 2400 vittime dell epidemia abbattutasi sull Africa occidentale. A circolare sono solo gli operatori sanitari autorizzati: è attraverso i loro occhi che possiamo guardare il collasso del sistema welfare, il deserto della speranza, l abitudine alla coabitazione con la morte. «Sono qui dal 2011 e ho seguito l aggravarsi della situazione giorno dopo giorno, quando il 4 agosto scorso il presidente ha dichiarato l emergenza sanitaria è crollato tutto: anziché accorrere a dare una mano, come avviene in questi casi nel resto del mondo, i medici e gli infermieri sono scappati dagli ospedali che adesso sono vuoti». Il racconto di Luca Rolla, 42 anni, arriva dal nuovo Centro per il trattamento dei malati che Emergency ha aperto giovedì a Lakka, una ventina di minuti da Freetown. L organizzazione fondata da Gino Strada è nel Paese dal 2001 con un Centro chirurgico e pediatrico da 110 posti letto in un villaggio vicino alla capitale. La nuova struttura, che può accogliere 24 persone, ne ha già 5 isolate in attesa del risultato degli esami, verosimilmente positivi. Manca tutto in Sierra Leone, il prezzo dei sacchi di riso e della farina è raddoppiato, l isolamento internazionale del Paese dovuto alla sospensione dei voli si sta facendo sentire. Ma manca soprattutto personale sanitario specializzato. Alcuni giorni fa il direttore generale dell Oms Margaret Chan ha chiesto 1000 effettivi in più: molti mancano all appello. Difficoltà, impreparazione, paura. Il 10% delle persone contagiate in Sierra Leone sono medici o infermieri. Rolla testimonia come milioni di uomini, donne e bambini (anche in Congo e la Liberia) siano prigionieri di questo circolo vizioso: «L Ebola è terribile, la gente lo capisce e infatti ha ascoltato l appello del presidente e se ne sta in casa. Ma c è una tragedia ancora più grande nella tragedia. La Sierra Leone è un Paese con un già altissimo tasso di mortalità infantile (il 178% su 1000 bambini nati vivi ndr.) e a breve peggiorerà. L unico ospedale pediatrico infatti è chiuso ormai da 36 giorni, non era mai accaduto neppure durante i dieci anni di guerra civile. Gli altri ospedali governativi sono deserti o lavorano a regime ridotto da almeno tre mesi, vale a dire pronto soccorso e niente ricoveri. Di fatto siamo la sola struttura funzionante 24 ore al giorno in una situazione in cui oltre che di Ebola si continua a morire di malaria».

4 pag.4 Il primo dei tre giorni di quarantena ha visto un andirivieni regolare laddove il pronto soccorso è aperto. I taxi con l autorizzazione sanitaria fanno la spola per prelevare i malati non necessariamente sospetti d infezione, magari con un problema d ernia. Se ci fossero medici, infermieri e organizzazioni internazionali a garantirne il lavoro, continua Rolla, si riuscirebbe a tamponare l epidemia: «In assenza di assistenza sanitaria effettiva chi non si sente bene e non sa dove andare si reca a casa dei dottori che conosce o dai curatori locali dove non c è protezione, il rischio è molto alto e il virus finisce per espandersi». Boko Haram, a 5 mesi dal rapimento delle studentesse di Chibok in Nigeria cosa ne è stato di #BringBackOurGirls? di: L Huffington Post 16/09/2014 La campagna #BringBackOurGirls ha già 5 mesi. Era il 14 aprile quando il gruppo estremista islamico di Boko Haram rapiva circa 270 ragazze dalla scuola superiore di Chibok, nel nordest nigeriano. I primi di maggio, 57 studentesse riuscirono a scappare dalle mani dei loro aguzzini. Poi, più nulla. Nonostante la mobilitazione di voci internazionali, da Michelle Obama a Malala, la buona notizia della liberazione sembra ancora lontana. Fino ad oggi, solo false speranze. Negli scorsi mesi militari nigeriani e intelligence americana avevano dichiarato di sapere dove erano tenute prigioniere le ragazze. Sono state tentate delle negoziazioni con i terroristi, tutte fallite. Lo scorso giugno Stephen Davis, un prete e mediatore australiano, parlò di tre tentativi falliti nel mese precedente: aveva addirittura accusato i politici nigeriani di finanziare Boko Haram. Passarono alcune settimane prima che venissero autorizzati gli aiuti internazionali. Ma anche gli interventi esteri sono riusciti a totalizzare ben poco: lo scorso maggio gli Usa inviarono 80 truppe nel paese per coordinare le operazioni di ricerca aeree, così come Canada, Francia, Israele e il Regno Unito mandarono delle forze speciali. Sei settimane dopo fu lo stesso Pentagono ad ammettere di non saperne molto di più sulla localizzazione delle ragazze. Nonostante questo, le truppe sono ancora nel Chad e le operazioni di pattugliamento aereo statunitense continuano. La tensione nella regione intera è forte. In questi cinque mesi Boko Haram ha lasciato dietro di sé più di 2800 vittime, secondo i dati del Council on Foreign Relations. In agosto, nell arco di soli 10 giorni, persone sono rimaste sfollate a causa dei combattimenti nel nordest della Nigeria, dove il grup-

5 pag.5 po terroristico sta portando avanti la propria avanzata: altre città conquistate, ulteriori gruppi di civili, sia ragazze che ragazzi, rapiti. Il più impreparato ad affrontare la crisi sembra essere l esercito nigeriano: in agosto un gruppo di 40 militari si è rifiutato di combattere lamentando la mancanza di armi adeguate, e sono centinaia i soldati che hanno scelto la fuga davanti alla minaccia di Boko Haram. Sulla testa delle forze governative pendono accuse di abusi, violenze, torture ed esecuzioni sommarie a danno di abitanti accusati di avere relazioni strette con il gruppo estremista. Ma l elemento meno chiaro è la posizione del governo, che lo scorso maggio aveva dichiarato di non essere disposto a trattare con i terroristi. La preoccupazione principale del Presidente Jonathan Goodluck sembra essere la strategia mediatica. Innanzitutto proteggere la reputazione del paese: secondo quanto riportato da The Hill, lo scorso giugno il governo ha pagato più di 1 milione di dollari a un azienda di pubbliche relazioni americane per modificare la narrativa mediatica intorno al rapimento delle ragazze. Secondariamente la propria campagna di rielezione presidenziale, per la quale ha deciso di sfruttare l hashtag #BringBackGoodluck2015. Un idea che ha inferocito gli attivisti. Violenza contro le donne, una piaga mondiale Da Malala alle ragazze rapite in Nigeria. Ma gli abusi aumentano anche in Occidente di Enrico Caporale 15/09/2014 it/2014/09/15/cultura/scuola/ e20/cronaca/donne/violenza-contro-le-donne-una-piaga-mondiale-w7qdbf3pgzxw8qtdgk2jmm/ pagina.html Il 5 maggio 2014 Abubakar Shekau, leader dei Boko Haram (gruppo terroristico che dal 2002 insanguina il nord della Nigeria), in un video di 56 minuti ha rivendicato il rapimento di 270 ragazzine tra 15 e 18 anni. Il 14 aprile le adolescenti erano state prelevate da un istituto femminile di Chibok, nello Stato del Borno, mentre gli islamisti sparavano all impazzata e incendiavano le aule. Shekau ha poi spiegato che le giovani sarebbero finite all asta come schiave (o forzate al matrimonio) per farla finita con l abominio occidentale dell istruzione femminile. In India, Stato dell Uttar Pradesh, il 29 maggio 2014 due ragazzine di 14 e 15 anni sono state stuprate da almeno sette uomini e poi impiccate a un albero di mango: la loro colpa era di essere dalit, fuori casta, e nei villaggi le donne dalit sono spesso considerate a disposizione dei maschi, senza nessun riconoscimento della loro dignità umana. Quasi due anni prima, il 9 ottobre 2012, un commando di talebani aveva gravemente ferito alla testa e al collo l allora 15enne Malala Yousafzai, la giovane pakistana che, attraverso un blog curato per la Bbc, si era opposta alla guerra santa contro le scuole femminili nella città di Mingora. Secondo fonti Onu, una donna su tre, al mondo, è stata picchiata, forzata ad avere rapporti sessuali, o ha comunque subito abusi almeno una volta nella vita. Ogni giorno - calcola Carol Boender della ong Care - 39 mila ragazzine sono costrette a sposarsi. Il maggior numero di matrimoni infantili è concentrato in Africa occidentale, dove si trova anche il 16% dei 29,8 milioni di schiavi nel mondo. Nigeria, India, Pakistan sono i Paesi

6 pag.6 in cui i casi di violenza contro le donne assumono gli aspetti più clamorosi e feroci; ma anche nella civilissima Italia fonti La Stampa dicono che i femminicidi sono passati da 93 nel 2012 a 103 nel Dati, tutti insieme, che dimostrano la portata patologica del problema, e le terribili conseguenze per la salute e il benessere individuali, così come per lo sviluppo sociale ed economico. Boko Haram scrive su La Stampa Maurizio Molinari, citando l africanista Ali Mazrui, della Cornell University di Ithaca vuole liquidare ogni presenza di cristiani o musulmani infedeli nel Nord della Nigeria. Per questo Mazrui usa l espressione pulizia etnica per spiegare stupri di massa, vendita di ragazze schiave e incendi di chiese e scuole nei villaggi. Gli integralisti islamici, conferma sempre su La Stampa Francesca Paci, hanno adottato la pratica dell ugandese Lord s Resistance Army che dava in sposa ai miliziani le bambine rapite. In India le organizzazioni per i diritti umani parlano di uno stupro ogni 22 minuti (un terzo delle vittime sono minori). Nel Paese - spiegano fonti Unicef - circa il 65% della popolazione rurale fa i suoi bisogni all aperto e le ragazze sono tenute a farlo col buio. E una minaccia alla loro dignità, ma anche alla loro incolumità. Qui l orrore della violenza contro le donne ha iniziato a suscitare attenzione dal 2012, dopo che una studentessa di 23 anni rimase vittima di uno stupro di gruppo su un autobus a New Delhi. Da allora le leggi sono state inasprite, ma il fenomeno è ben lontano dall essere stato stroncato: a dimostrarlo, oltre al caso delle due adolescenti dell Uttar Pradesh, ci sono l aggressione a una bimba di 9 anni nel cortile di casa, o una dodicenne bruciata viva, o ancora una ragazza costretta dal branco a bere l acido (solo alcuni degli episodi denunciati nel 2014). Ma nel Pakistan di Malala la situazione non è migliore: a maggio 2014 la 25enne Farzana Parveen, incinta, è stata uccisa a sassate da padre e fratello fuori dal tribunale di Lahore: era colpevole di aver disonorato la famiglia sposando per amore un uomo diverso da quello che le era stato imposto. Poi ci sono gli stupri di guerra: in Siria, in Sud Sudan, nella Repubblica Centraficana e in tutti i conflitti più gravi la violenza sessuale viene usata come arma di guerra. È questa la denuncia che si è levata dalla platea del summit di Londra contro gli abusi (giugno 2014) attraverso la voce dell attrice Usa Angelina Jolie (in veste di ambasciatrice Onu per i rifugiati) e del ministro degli Esteri britannico William Hague. Le vittime sono spesso bambini, cui quest esperienza provoca danni fisici e mentali irreparabili. Ogni volta che viene commesso un reato del genere hanno incalzato Jolie e Hague - e il mondo non fa nulla per intervenire, si stabilisce un precedente in base al quale la violenza sessuale può essere utilizzata impunemente; non importa se a subirla siano profughi siriani o studentesse nigeriane. A fianco delle pratiche più violente e primitive che contemplano i casi di matrimoni coatti o riparatori, schiavitù sessuale, uccisioni, prostituzione forzata, mutilazioni genitali, stupri di guerra ed etnici, aggressioni con l acido, esistono forme di violenza più subdola, diffuse soprattutto nei Paesi più evoluti. Qui domina la violenza domestica, esercitata nell ambito familiare attraverso minacce, maltrattamenti fisici e psicologici, atteggiamenti persecutori, abusi sessuali, delitti d onore, uxoricidi passionali o premeditati. Spesso nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro le donne sono esposte a molestie, stupri e ricatti sessuali. Come ricorda la direttrice Generale dell Unesco, Irina Bokova, la violenza contro le donne è una violazione dei diritti e delle libertà fondamentali ed è inaccettabile in qualsiasi delle sue molteplici forme. Non bisogna credere che si tratti di un problema che affligge solo Paesi lontani e sottosviluppati: un rapporto della European union agency for fundamental rights (FRA) dipinge una situazione drammatica anche in Europa, dove su 42mila donne intervistate oltre un terzo è risultata vittima di abusi (sul podio Danimarca, Finlandia, Svezia. L Italia è di poco sotto la media Ue).

7 pag.7 LA FESTA DEL MESKEL Una delle feste religiose più importanti in Etiopia è la Festa del Meskel che ricorre, secondo il calendario etiope il 17 di Meskerem cioè, secondo il nostro calendario il 27 settembre. Durante questa festa si celebra il ritrovamento della croce sul quale Cristo fu crocefisso da parte dell imperatrice Elena del Meskel. Questa festività è conosciuta in Etiopia anche come festa della Croce. E celebrata da tutta la popolazione, indipendentemente dalla religione a cui si appartiene e tutti i membri della famiglia si trovano per mangiare e pregare insieme. In ogni piazza, da quella del piccolo villaggio a quelle di città si fa la cerimonia del Damerà che consiste in un falò in cui si fa bruciare una catasta altissima di legna e paglia in cima alla quale ci sono delle margherite gialle e una piccola croce. Intorno a questo falò si danza e si canta per celebrare oltre al ritrovamento della Croce l inizio della stagione dei raccolti dopo la stagione delle piogge. Con la Damerà si celebra anche la fine dell anno vecchio ( il Capodanno Etiope è l 11 Settembre) e così questa cerimonia ha anche il compito di bruciare l anno passato e con lui tutti le disgrazie e i dolori che ne hanno fatto parte, distruggendoli nelle fiamme. Un altra credenza legata a questa festa è che se il fumo si dirige verso oriente è di buon auspicio per l anno nuovo, se cade verso occidente il nuovo anno non promette nulla di buono.

8 pag.8 IO VOLONTARIA Quando mi è stato chiesto di scrivere un articolo su l essere volontaria presso Il Sole, ho accettato con entusiasmo e con una domanda costante perché ho scelto di fare la volontaria? Spero con questa mia di spiegarlo a tutti quanti. Sono entrata in contatto con Il Sole circa 15 anni fa, dopo la morte di mia sorella Laura. Mia madre ed io avevamo qualche soldo da devolvere alla memoria di e lei mi ha parlato di questa giovanissima associazione. Ho sempre pensato che a mia sorella sarebbe piaciuto avere figli e per mia madre avere una bimba alla quale dare un aiuto concreto ogni anno è sembrata l unica possibile destinazione di quella somma di dena- ro. Sono passati molti anni da quel lontano 1999, ho avuto la gioia di avere un figlio, di fare la mamma a tempo pieno, di sposarmi e il dolore di perdere mia madre. È però solo quando Il Sole si è trasferito da Como a Saronno che improvvisamente mi è scattata la famosa molla. Mentre leggevo una copia della loro Newsletter ho pensato che avrei potuto fare qualche cosa di più, per sentirmi più vicina proprio a quei bambini che in maniera un po asettica ho aiutato per tanto tempo. Dico asettica, perché in fondo quella somma di denaro (per alcuni grande, per altri meno, ma sicuramente per i bambini vitale) ti permette di sentirti più leggera, di scaricarti la coscienza da quell inevitabile senso di colpa che pesa almeno a me, benestante occidentale di pelle chiara! Ho telefonato e ho chiesto di poter aiutare, sapendo io bene l Inglese mi occupo delle traduzioni dei rapporti annuali, delle lettere e di quant altro, lavoro in sede e anche da casa nei momenti più intensi. Tradurre le lettere dei bambini e ragazzi equivale ad entrare nel loro mondo, gustare le loro piccole gioie per avere preso bei voti ed essere stati promossi, condividere la loro tristezza per aver fallito ed essere stati bocciati. Spesso in quelle poche righe c è il loro mondo, i loro sogni e le loro paure. I rapporti parlano di situazioni famigliari inimmaginabili, almeno per me, famiglie poverissime, donne sole, vedove o semplicemente abbandonate, con più figli di quante mani possano tenerli vicini, case che sembrano capanne nel migliore dei casi, o ripari di plastica e lamiera, lavori sottopagati e precari, difficoltà a reperire anche lo stretto indispen- sabile. Le fotografie ritraggono bambini spesso cresciuti troppo in fretta, troppo responsabili, con visini seri seri e occhi pieni di voglia di vivere! Se paragono mio figlio a loro, mi si stringe il cuore e ammetto che spesso mi metto anche a piangere. Il bello è quando, anno dopo anno, scopri che alcuni ce la fanno, si diplomano o laureano, le foto mostrano bimbi diventati, ormai uomini e donne adulte, fieri di essersi riscattati. Un raggio di luce arriva in questi scenari cupi, un raggio che da la speranza concreta a un figlio di studiare di prendere un diploma o una laurea con la quale trovare un lavoro dignitoso. Questo raggio lo porta Il Sole appunto e veramente credo che per chiunque venire qui in sede e dare una mano, possa essere un esperienza straordinaria. C è sempre tanto da fare! Le bomboniere solidali (per matrimoni, comunioni e cresime), richiedono esperienza nella grafica su PC per realizzare pergamene e altro, manualità nel realizzare le bomboniere stesse che vanno assemblate in sede; la campagna natalizia prevede la realizzazione di materiale grafico e dei pacchi da spedire e consegnare ai corrieri. Il sito internet, Facebook, Newsletter e Giornalino tengono tutti impegnati. Insomma non manca certo il lavoro! La cosa più importante è che in cambio di poche ore di lavoro si riceve tutto l amore incondizionato di questi ragazzi, alimentando questo fiume di ottimismo e la positività non ha prezzo! Alessandra Castelli

9 pag.9 ADDIS ABEBA - LE CASE FAMIGLIA Fiori che rinascono, il progetto in cui sono inserite la Case Famiglia, affronta la problematica dell abuso sessuale, attraverso la presenza sul campo di un centro di cura e reinserimento sociale e di operatori specializzati, concentrandosi su alcuni aspetti: - Individuazione dei casi di violenza - Assistenza medica e legale - Riabilitazione psicologica tramite percorsi di terapie - Azioni di informazione, sensibilizzazione e prevenzione nei confronti del contesto famigliare, scolastico e comunitario delle vittime - Accoglienza in Case Famiglia dei bambini che hanno subito l abuso in famiglia o dei bambini orfani - Attività di reinserimento sociali quali i laboratori di fotografia, musica, teatro e vi-deo in grado di creare il pretesto per far incontrare i bambini vittima tra loro e con altri bambini. Tutte le attività sono realizzate grazie alla collaborazione di IFSO Integrated Family Service Organization, ONG locale non-profit e apartitica fondata nel 1995, con l obiettivo di realizzare una rete di supporto a favore di famiglie e bambini in difficoltà sul territorio di Addis Abeba. IFSO è registrata al Ministero di Giustizia Etiope dal Durante i diversi anni di realizzazione del progetto Fiori che Rinascono, i cambiamenti e i miglioramenti sono stati molti. Sono passati più di 10 anni da quando, per la prima volta, attraverso la bella collaborazione che si è instaurata con IFSO, si è iniziato ad organizzare quelle che oggi sono le attività del nostro Progetto. Addis Abeba è cambiata moltissimo, così come si sono modificati e rinnovati i pericoli che i bambini di questa grandissima città possono correre. Uno studio relativo ad

10 pag.10 Addis Abeba pubblicato nel 2012 sull Ethiopian Journal of Health Science, ha evidenziato come sul totale dei crimini commessi contro minori, circa il 23% siano reati a sfondo sessuale. Dai dati è possibile evincere che circa 21 bambini sono vittime di abuso sessuale ogni mese, spesso ad opera di persone a loro vicine. Il Sole Onlus, attraverso le attività di Fiori che Rinascono, svolge un ruolo di primo piano nel contrasto, nella prevenzione e nella cura di queste inaccettabili forme di abuso sui minori. Il tuo contributo ha permesso di continuare a sviluppare le attività di una parte importantissima del Progetto. In particolare, il tuo contributo ha permesso: - di gestire 3 Case Famiglia Queste strutture, equivalenti alle Case Famiglia che si ritrovano sul territorio italiano, sono state individuate, allestite, fornite di materiale e ammobiliate in modo tale da assicurare ai bambini e ragazzi ospitati di poter pensare, giocare, studiare, pianificare il futuro. Ogni Casa Famiglia è stata fornita del materiale che possa permettere ai bambini ospiti di crescere in un ambiente familiare e sereno. - garantire assistenza psicologica ai bambini ospiti delle Case Famiglia L equipe di psicologi del Progetto garantisce il costante monitoraggio della riabilitazione dei bambini. L assistenza psicologica è garantita anche ai bambini orfani presenti che non hanno subito violenza, data la difficile situazione nella quale vivono. Spesso ci capita di dover parlare di risultati, di numeri. Lo facciamo, lo dobbiamo fare, perché è il modo più chiaro, più diretto e decisamente più misurabile per raccontare cosa significa gestire delle Case Famiglia In ogni Casa, però, c è un bambino o una bambina, ci sono i suoi occhi, c è la sua storia. Voglio raccontarvi proprio una di queste storie. Non ho scelto né la più bella, né la più tragica, né la più complicata; ho scelto una delle tante, troppe storie con cui ogni giorno ci dobbiamo confrontare Mohammed, 21 anni, si è da poco diplomato e oggi sta pianificando il suo futuro. La famiglia di Mohammed è molto povera e spesso i genitori sono fuori casa in cerca di lavoro. 10 anni fa, in una di queste occasioni, Mohammed viene avvicinato da un poliziotto, il quale abusa di lui nella stessa casa del bambino. Poco tempo dopo tutto il villaggio viene a conoscenza dell accaduto, questo porta a una forte discriminazione verso Mohammed. In questi contesti, infatti, spesso l abusato viene discriminato da chi gli è vicino. Questo atteggiamento porta il trauma subìto ad ampliarsi, fino al momento in cui entra a far parte del Progetto Fiori che Rinascono. Si decide, quindi, di inserirlo in una Casa Famiglia per proteggerlo da ulteriori discriminazioni e garantirgli assistenza psicologica continua. Sebbene la Casa Famiglia sia solitamente un rifugio temporaneo per i bambini abusati, Mohammed ci rimane molto a lungo. Il reinserimento sociale non è un percorso breve né privo di difficoltà, Mohammed dimostra di avere grande forza e affronta gli ostacoli con grande determinazione. Oggi Mohammed ha terminato gli studi e può guardare al suo futuro senza timore. Spesso dobbiamo parlare dei risultati, quasi sempre lo facciamo con i numeri. Oggi l abbiamo voluto fare con Mohammed.

11 pag.11 A PARTIRE DALLA META DI NOVEMBRE PUBBLICHEREMO SUL NOSTRO SITO L ORMAI CONSUETA CAMPAGNA DI NATALE COME OGNI ANNO I NOSTRI SARANNO PRODOTTI PROVENIENTI DA UN NEGOZIO EQUO SOLIDALE IL RICAVATO DELLA CAMPAGNA SARA DEVOLUTO AD UN NOSTRO PROGETTO. SAPPIAMO CHE MANCA ANCORA UN PO DI TEMPO AL NATALE, MA NEL PENSARE AD UN REGALO PER I VOSTRI CARI TENETE CONTO ANCHE DI QUESTA POSSIBILITA, FARETE CONTENTO CHI RICEVE IL DONO MA DONERETE ANCHE IL SORRISO AD UN BAMBINO DEL NOSTRO PROGETTO. GRAZIE

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi Sono nigeriana, sono stata migrante, clandestina, vittima della tratta e vedo la violenza in modo diverso dalle donne italiane, europee, occidentali.

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Progetto incontra l autore

Progetto incontra l autore Progetto incontra l autore Il primo aprile la classe 2 C ha incontrato Viviana Mazza, la scrittrice del libro per ragazzi «Storia di Malala». Due nostre compagne l hanno intervistata sul suo lavoro e sul

Dettagli

SOGNI DA RIACCENDERE Benin

SOGNI DA RIACCENDERE Benin SOGNI DA RIACCENDERE Benin Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

newsletter n. 67 INDICE INTRODUZIONE Newsletter Il Sole Onlus n. 67 - luglio 2014

newsletter n. 67 INDICE INTRODUZIONE Newsletter Il Sole Onlus n. 67 - luglio 2014 pag.1 newsletter n. 67 INDICE Introduzione (Ornella Lavezzoli - Presidente)...pag.01 Notizie dal Mondo...pag.02 - Ragazzini curdi rapiti da islamisti (www.vita.it)...pag.02 - Il Calvario dei minori emigrati

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Progetto dell UNICEF Svizzera «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Quasi ogni minuto nasce un bebè sieropositivo. Senza un oppo la metà di loro

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro.

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro. ASENABU de Buyengero et Burambi B. P. : 500 B U J U M B U R A Tel.: (257) 750694-758481-744260 GRAZIE! Carissimi amici e benefatori dei bambini orfani di Buyengero, pace e bene. la nostra cultura cristiana

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Discorso di Malala Yousafzai in occasione della consegna del Premio Nobel per la Pace Stoccolma, 10 dicembre 2014.

Discorso di Malala Yousafzai in occasione della consegna del Premio Nobel per la Pace Stoccolma, 10 dicembre 2014. Discorso di Malala Yousafzai in occasione della consegna del Premio Nobel per la Pace Stoccolma, 10 dicembre 2014. (originale nel sito http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/peace/laureates/2014/yousafzailecture_en.html)

Dettagli

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Focus territoriale Modalità di intervento a favore di minori vittime di violenza: come gli psicologi del Servizio Psicologico della Azienda Sanitaria

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

numero 43 dicembre 2014

numero 43 dicembre 2014 EDITORIALE Care Donatrici e cari Donatori, anche quest anno ci accingiamo a celebrare il Santo Natale e a chiudere un altro anno che abbiamo vissuto con qualche difficoltà ma anche mi auguro con tante

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE PRINCIPI DELLO STATUT0 DELLA ONLUS CF.97738100581 SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS nasce nel 2013 per espresso desiderio del Presidente Stefania

Dettagli

DAI TUOI MOMENTI SPECIALI PRENDE FORMA NUOVA RICERCA.

DAI TUOI MOMENTI SPECIALI PRENDE FORMA NUOVA RICERCA. DAI TUOI MOMENTI SPECIALI PRENDE FORMA NUOVA RICERCA. Momenti che contano. Per te e per la ricerca. La vita è piena di occasioni che vale la pena di celebrare: dal matrimonio al battesimo, dalla cresima

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Cultura ed Istituzioni contro la strage. a cura di Laura Landi

Cultura ed Istituzioni contro la strage. a cura di Laura Landi Cultura ed Istituzioni contro la strage a cura di Laura Landi Famiglia e disagio È innegabile che la parte prevalente della formazione della persona avviene in famiglia e nei primi anni di vita. Quello

Dettagli

Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim

Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim Good morning, welcome in this school. Do you speak English? Do you understand? I m Peggy Guggenheim! Forse è meglio parlare in italiano! Io,

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

BOMBONIERE della SOLIDARIETÀ

BOMBONIERE della SOLIDARIETÀ BOMBONIERE della SOLIDARIETÀ La tua festa può diventare una festa anche per le persone in difficoltà! Per le occasioni importanti, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, hai la possibilità di sostenere

Dettagli

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione!

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! Il concetto di sottosviluppo è stato introdotto, al termine della seconda guerra mondiale, da H.S.Truman

Dettagli

Matrimoni e ricorrenze

Matrimoni e ricorrenze Matrimoni e ricorrenze DC.DP.00.35 Fondazione aiutare i bambini Onlus Via Ronchi, 17-20134 Milano - Tel. 02 70.60.35.30 info@aiutareibambini.it - www.aiutareibambini.it foto di Vittore Buzzi aiutare i

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L Associazione MWENDO Cammino insieme presenta il DOCUMENTO DI PROGETTO PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA NEL DISTRETTO DI WASA IRINGA, TANZANIA

L Associazione MWENDO Cammino insieme presenta il DOCUMENTO DI PROGETTO PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA NEL DISTRETTO DI WASA IRINGA, TANZANIA L Associazione MWENDO Cammino insieme presenta il DOCUMENTO DI PROGETTO PROGRAMMA DI SOSTEGNO A DISTANZA NEL DISTRETTO DI WASA IRINGA, TANZANIA Definizione del contesto paese Tanzania Popolazione: 42.746.620

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

peter benenson, Il fondatore

peter benenson, Il fondatore PETER BENENSON, il fondatore Peter Benenson nasce il 31 luglio 1921. Istruito nelle migliori scuole, dopo la laurea in storia a Oxford, Benenson entra nella British Army, dove lavora per il Ministero dell

Dettagli

COVER Carla 12-03-2001 11:00 Pagina 1. L ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI PRESENTA Piccoli rifugiati, bambini come noi

COVER Carla 12-03-2001 11:00 Pagina 1. L ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI PRESENTA Piccoli rifugiati, bambini come noi COVER Carla 12-03-2001 11:00 Pagina 1 dei rifugiati in Europa sta diventanto una delle più importanti L integrazione questioni morali e politiche che la nostra società deve affrontare. Piccoli rifugiati,

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Violenza contro le donne

Violenza contro le donne Violenza contro le donne La violenza contro le donne, in ogni sua forma, viola i diritti umani e rappresenta un ostacolo significante per l'eguaglianza fra donne e uomini, crea un problema di salute pubblica

Dettagli

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF)

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Una questione di parità di genere Il Gruppo di lavoro dei donatori sulla E/MGF Lavorare insieme > Portare

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio Diario di bordo Un lunedì del mese di Febbraio, la nostra professoressa di Lettere ci

Dettagli

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637 AIRFA newsletter N 4, Marzo 2014 Cari Amici, gentili Famiglie, l Associazione Italiana per Ricerca sull Anemia di Fanconi (AIRFA), in collaborazione con alcuni centri clinico/scientifici italiani e l Associazione

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Ma già il 17 aprile 1990, monsignor R. Martino, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l ONU, aveva denunciato: «La

Ma già il 17 aprile 1990, monsignor R. Martino, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l ONU, aveva denunciato: «La MISSIONI CATTOLICHE: SICURI DI SOCCORRERE I BISOGNOSI D AIUTO Ho letto occasionalmente una notizia che mi ha lasciato molto perplesso. L UNICEF oggi finanzia la diffusione di aborti e di contraccettivi.

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CATALOGO LIETI EVENTI

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CATALOGO LIETI EVENTI SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CATALOGO LIETI EVENTI Il calore di una casa per ogni bambino Silvia Bolzoni PERCHÈ SCEGLIERE LE BOMBONIERE SOS Il vostro matrimonio, il battesimo del vostro bimbo o la sua comunione,

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli