newsletter n. 68 Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "newsletter n. 68 Settembre 2014"

Transcript

1 pag.1 newsletter n. 68 Settembre 2014 INDICE Introduzione (Ornella Lavezzoli - Presidente) pag.01 Notizie dal Mondo pag.02 - Ebola, Onu adotta risoluzione pag.02 - Ebola, i medici scappano. Così la Sierra Leone muore pag.03 - Boko Haram, a 5 mesi dal rapimento delle studentesse pag.04 - Violenza contro le donne, una piaga mondiale pag.05 La Festa del Meskel pag.07 Io Volontaria pag.08 Addis Abeba - Le Case Famiglia pag.09 La Campagna di Natale pag.11 INTRODUZIONE Cari amici, dopo la pausa estiva Il Sole ha riaperto i suoi uffici ed il lavoro non manca. In questo numero troverete Notizie dal mondo, la spiegazione inerente la festività etiope di Meskel, un breve articolo di una nostra volontaria, un rapportino relativo alle nostre Foster Home in Etiopia e l anticipazione della prossima Campagna di Natale. Spero che queste notizie siano di vostro interesse, anche se vi chiedo ancora una volta di segnalarci come vorreste fosse strutturata la nostra Newsletter, perché tutti insieme potremmo certamente fare di meglio. Non mi piace continuare a ripetere che la crisi economica in atto ha fatto in modo che diminuissero anche i nostri sostegni a distanza, per via delle difficoltà oggettive di alcuni nostri donatori, ma purtroppo questa è ormai una situazione di fatto. Ci date una mano a fare in modo che specialmente i ragazzi più grandi a cui manca magari un anno o due a finire il loro percorso scolastico non restino bloccati e possano terminare quanto intrapreso? Studiamo insieme una modalità, tutti i suggerimenti sono preziosi e naturalmente non solo quelli. Grazie e buona lettura. Ornella Lavezzoli - Presidente

2 pag.2 NOTIZIE DAL MONDO Ci sono notizie che non hanno la risonanza che meriterebbero, Il Sole le cerca e ve le propone Ebola, Onu adotta risoluzione: È una minaccia per la pace e la sicurezza di: Redazione Il Fatto Quotidiano - 18 settembre ia/ / Il Consiglio di Sicurezza dell Onu a New York ha adottato all unanimità una risoluzione per espandere la risposta globale alla diffusione di Ebola in Africa occidentale, che chiede di non isolare i Paesi colpiti. La diffusione di Ebola costituisce una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale si legge nella nota che invita gli Stati membri a fornire assistenza urgente, compresi ospedali da campo e personale e di abolire le restrizioni sui viaggi e alle frontiere imposte a causa dell epidemia, che contribuiscono ad un ulteriore isolamento dei Paesi colpiti. Anche alle compagnie aeree e navali viene chiesto di mantenere i collegamenti con tali Paesi. Tra i firmatari del documento c è anche l Italia. Ebola non è solo un epidemia, non è solo un emergenza sanitaria, ma è una crisi umanitaria, sociale, economica, e una minaccia per pace e sicurezza internazionale ha detto il direttore dell Oms, Margaret Chan, nel corso della riunione del Consiglio di Sicurezza Onu. Nel frattempo l Oms ha diffuso nuovi dati: nella settimana che si è conclusa il 14 settembre ci sono stati per la prima volta dall inizio dell epidemia più di 700 nuovi casi in Africa, che porta il numero totale a 5.335, con morti. Più della metà di questi si sono verificati negli ultimi 21 giorni del conteggio, iniziato lo scorso gennaio. Dopo l annuncio di Obama, che invierà soldati in Africa occidentale, anche il segretario generale dell Onu Ban Ki-moon sta per dare il via ad una nuova missione per coordinare la lotta contro il virus. Il numero uno del Palazzo di vetro ha quindi convocato un vertice dei capi di Stato e di governo per discutere l emergenza il prossimo 25 settembre, durante l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, a cui dovrebbe partecipare anche il presidente Usa. Il Parlamento europeo ha però denunciato che la comunità internazionale ha finora sottovalutato l epidemia. Ora afferma l assemblea di Strasburgo il Consiglio di Sicurezza deve pensare ad inviare risorse di difesa militari e civili. E la Ue deve intensificare gli sforzi a tutto campo, con il Consiglio Ue esortato a convocare una riunione ministeriale per stabilire un piano d emergenza. Per far fronte a questa emergenza, Emergency ha aperto un Centro per la cura dei malati di Ebola a Lakka, a pochi chilometri dalla capitale della Sierra Leone dove l epidemia è fuori controllo. Oltre persone hanno contratto il virus, più della metà sono morte, 500 sono i malati accertati solo nelle ultime tre settimane. Ogni giorno si ammalano più di 20 persone. In Italia, tuttavia, non c è rischio di contagio ad affermarlo Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma, centro di riferimento per l Ebola nel nostro Paese. Il rischio di contagio è zero, o assolutamente vicino allo zero sottolinea L Italia ha la capacità di gestire eventuali casi, ma il grande lavoro va fatto in Africa, e le istituzioni italiane devono lavorare lì. La volontaria francese di Medici Senza Frontiere contagiata in Liberia sta per essere rimpatriata e ricoverata nell ospedale militare di Saint-Mandè, alle porte di Parigi.

3 pag.3 Ebola, i medici scappano. Così la Sierra Leone muore Scatta il coprifuoco per il virus. Emergency: peggio della guerra di Francesca Paci 20/09/2014 VyzVcOZasXQHqUGq00RM/pagina.html Il primo dei tre giorni di quarantena imposti dal governo della Sierra Leone per contrastare la diffusione dell Ebola si chiude silenzioso com è iniziato, con le strade deserte di villaggi già fantasma dove sono state sepolte almeno 491 delle 2400 vittime dell epidemia abbattutasi sull Africa occidentale. A circolare sono solo gli operatori sanitari autorizzati: è attraverso i loro occhi che possiamo guardare il collasso del sistema welfare, il deserto della speranza, l abitudine alla coabitazione con la morte. «Sono qui dal 2011 e ho seguito l aggravarsi della situazione giorno dopo giorno, quando il 4 agosto scorso il presidente ha dichiarato l emergenza sanitaria è crollato tutto: anziché accorrere a dare una mano, come avviene in questi casi nel resto del mondo, i medici e gli infermieri sono scappati dagli ospedali che adesso sono vuoti». Il racconto di Luca Rolla, 42 anni, arriva dal nuovo Centro per il trattamento dei malati che Emergency ha aperto giovedì a Lakka, una ventina di minuti da Freetown. L organizzazione fondata da Gino Strada è nel Paese dal 2001 con un Centro chirurgico e pediatrico da 110 posti letto in un villaggio vicino alla capitale. La nuova struttura, che può accogliere 24 persone, ne ha già 5 isolate in attesa del risultato degli esami, verosimilmente positivi. Manca tutto in Sierra Leone, il prezzo dei sacchi di riso e della farina è raddoppiato, l isolamento internazionale del Paese dovuto alla sospensione dei voli si sta facendo sentire. Ma manca soprattutto personale sanitario specializzato. Alcuni giorni fa il direttore generale dell Oms Margaret Chan ha chiesto 1000 effettivi in più: molti mancano all appello. Difficoltà, impreparazione, paura. Il 10% delle persone contagiate in Sierra Leone sono medici o infermieri. Rolla testimonia come milioni di uomini, donne e bambini (anche in Congo e la Liberia) siano prigionieri di questo circolo vizioso: «L Ebola è terribile, la gente lo capisce e infatti ha ascoltato l appello del presidente e se ne sta in casa. Ma c è una tragedia ancora più grande nella tragedia. La Sierra Leone è un Paese con un già altissimo tasso di mortalità infantile (il 178% su 1000 bambini nati vivi ndr.) e a breve peggiorerà. L unico ospedale pediatrico infatti è chiuso ormai da 36 giorni, non era mai accaduto neppure durante i dieci anni di guerra civile. Gli altri ospedali governativi sono deserti o lavorano a regime ridotto da almeno tre mesi, vale a dire pronto soccorso e niente ricoveri. Di fatto siamo la sola struttura funzionante 24 ore al giorno in una situazione in cui oltre che di Ebola si continua a morire di malaria».

4 pag.4 Il primo dei tre giorni di quarantena ha visto un andirivieni regolare laddove il pronto soccorso è aperto. I taxi con l autorizzazione sanitaria fanno la spola per prelevare i malati non necessariamente sospetti d infezione, magari con un problema d ernia. Se ci fossero medici, infermieri e organizzazioni internazionali a garantirne il lavoro, continua Rolla, si riuscirebbe a tamponare l epidemia: «In assenza di assistenza sanitaria effettiva chi non si sente bene e non sa dove andare si reca a casa dei dottori che conosce o dai curatori locali dove non c è protezione, il rischio è molto alto e il virus finisce per espandersi». Boko Haram, a 5 mesi dal rapimento delle studentesse di Chibok in Nigeria cosa ne è stato di #BringBackOurGirls? di: L Huffington Post 16/09/2014 La campagna #BringBackOurGirls ha già 5 mesi. Era il 14 aprile quando il gruppo estremista islamico di Boko Haram rapiva circa 270 ragazze dalla scuola superiore di Chibok, nel nordest nigeriano. I primi di maggio, 57 studentesse riuscirono a scappare dalle mani dei loro aguzzini. Poi, più nulla. Nonostante la mobilitazione di voci internazionali, da Michelle Obama a Malala, la buona notizia della liberazione sembra ancora lontana. Fino ad oggi, solo false speranze. Negli scorsi mesi militari nigeriani e intelligence americana avevano dichiarato di sapere dove erano tenute prigioniere le ragazze. Sono state tentate delle negoziazioni con i terroristi, tutte fallite. Lo scorso giugno Stephen Davis, un prete e mediatore australiano, parlò di tre tentativi falliti nel mese precedente: aveva addirittura accusato i politici nigeriani di finanziare Boko Haram. Passarono alcune settimane prima che venissero autorizzati gli aiuti internazionali. Ma anche gli interventi esteri sono riusciti a totalizzare ben poco: lo scorso maggio gli Usa inviarono 80 truppe nel paese per coordinare le operazioni di ricerca aeree, così come Canada, Francia, Israele e il Regno Unito mandarono delle forze speciali. Sei settimane dopo fu lo stesso Pentagono ad ammettere di non saperne molto di più sulla localizzazione delle ragazze. Nonostante questo, le truppe sono ancora nel Chad e le operazioni di pattugliamento aereo statunitense continuano. La tensione nella regione intera è forte. In questi cinque mesi Boko Haram ha lasciato dietro di sé più di 2800 vittime, secondo i dati del Council on Foreign Relations. In agosto, nell arco di soli 10 giorni, persone sono rimaste sfollate a causa dei combattimenti nel nordest della Nigeria, dove il grup-

5 pag.5 po terroristico sta portando avanti la propria avanzata: altre città conquistate, ulteriori gruppi di civili, sia ragazze che ragazzi, rapiti. Il più impreparato ad affrontare la crisi sembra essere l esercito nigeriano: in agosto un gruppo di 40 militari si è rifiutato di combattere lamentando la mancanza di armi adeguate, e sono centinaia i soldati che hanno scelto la fuga davanti alla minaccia di Boko Haram. Sulla testa delle forze governative pendono accuse di abusi, violenze, torture ed esecuzioni sommarie a danno di abitanti accusati di avere relazioni strette con il gruppo estremista. Ma l elemento meno chiaro è la posizione del governo, che lo scorso maggio aveva dichiarato di non essere disposto a trattare con i terroristi. La preoccupazione principale del Presidente Jonathan Goodluck sembra essere la strategia mediatica. Innanzitutto proteggere la reputazione del paese: secondo quanto riportato da The Hill, lo scorso giugno il governo ha pagato più di 1 milione di dollari a un azienda di pubbliche relazioni americane per modificare la narrativa mediatica intorno al rapimento delle ragazze. Secondariamente la propria campagna di rielezione presidenziale, per la quale ha deciso di sfruttare l hashtag #BringBackGoodluck2015. Un idea che ha inferocito gli attivisti. Violenza contro le donne, una piaga mondiale Da Malala alle ragazze rapite in Nigeria. Ma gli abusi aumentano anche in Occidente di Enrico Caporale 15/09/2014 it/2014/09/15/cultura/scuola/ e20/cronaca/donne/violenza-contro-le-donne-una-piaga-mondiale-w7qdbf3pgzxw8qtdgk2jmm/ pagina.html Il 5 maggio 2014 Abubakar Shekau, leader dei Boko Haram (gruppo terroristico che dal 2002 insanguina il nord della Nigeria), in un video di 56 minuti ha rivendicato il rapimento di 270 ragazzine tra 15 e 18 anni. Il 14 aprile le adolescenti erano state prelevate da un istituto femminile di Chibok, nello Stato del Borno, mentre gli islamisti sparavano all impazzata e incendiavano le aule. Shekau ha poi spiegato che le giovani sarebbero finite all asta come schiave (o forzate al matrimonio) per farla finita con l abominio occidentale dell istruzione femminile. In India, Stato dell Uttar Pradesh, il 29 maggio 2014 due ragazzine di 14 e 15 anni sono state stuprate da almeno sette uomini e poi impiccate a un albero di mango: la loro colpa era di essere dalit, fuori casta, e nei villaggi le donne dalit sono spesso considerate a disposizione dei maschi, senza nessun riconoscimento della loro dignità umana. Quasi due anni prima, il 9 ottobre 2012, un commando di talebani aveva gravemente ferito alla testa e al collo l allora 15enne Malala Yousafzai, la giovane pakistana che, attraverso un blog curato per la Bbc, si era opposta alla guerra santa contro le scuole femminili nella città di Mingora. Secondo fonti Onu, una donna su tre, al mondo, è stata picchiata, forzata ad avere rapporti sessuali, o ha comunque subito abusi almeno una volta nella vita. Ogni giorno - calcola Carol Boender della ong Care - 39 mila ragazzine sono costrette a sposarsi. Il maggior numero di matrimoni infantili è concentrato in Africa occidentale, dove si trova anche il 16% dei 29,8 milioni di schiavi nel mondo. Nigeria, India, Pakistan sono i Paesi

6 pag.6 in cui i casi di violenza contro le donne assumono gli aspetti più clamorosi e feroci; ma anche nella civilissima Italia fonti La Stampa dicono che i femminicidi sono passati da 93 nel 2012 a 103 nel Dati, tutti insieme, che dimostrano la portata patologica del problema, e le terribili conseguenze per la salute e il benessere individuali, così come per lo sviluppo sociale ed economico. Boko Haram scrive su La Stampa Maurizio Molinari, citando l africanista Ali Mazrui, della Cornell University di Ithaca vuole liquidare ogni presenza di cristiani o musulmani infedeli nel Nord della Nigeria. Per questo Mazrui usa l espressione pulizia etnica per spiegare stupri di massa, vendita di ragazze schiave e incendi di chiese e scuole nei villaggi. Gli integralisti islamici, conferma sempre su La Stampa Francesca Paci, hanno adottato la pratica dell ugandese Lord s Resistance Army che dava in sposa ai miliziani le bambine rapite. In India le organizzazioni per i diritti umani parlano di uno stupro ogni 22 minuti (un terzo delle vittime sono minori). Nel Paese - spiegano fonti Unicef - circa il 65% della popolazione rurale fa i suoi bisogni all aperto e le ragazze sono tenute a farlo col buio. E una minaccia alla loro dignità, ma anche alla loro incolumità. Qui l orrore della violenza contro le donne ha iniziato a suscitare attenzione dal 2012, dopo che una studentessa di 23 anni rimase vittima di uno stupro di gruppo su un autobus a New Delhi. Da allora le leggi sono state inasprite, ma il fenomeno è ben lontano dall essere stato stroncato: a dimostrarlo, oltre al caso delle due adolescenti dell Uttar Pradesh, ci sono l aggressione a una bimba di 9 anni nel cortile di casa, o una dodicenne bruciata viva, o ancora una ragazza costretta dal branco a bere l acido (solo alcuni degli episodi denunciati nel 2014). Ma nel Pakistan di Malala la situazione non è migliore: a maggio 2014 la 25enne Farzana Parveen, incinta, è stata uccisa a sassate da padre e fratello fuori dal tribunale di Lahore: era colpevole di aver disonorato la famiglia sposando per amore un uomo diverso da quello che le era stato imposto. Poi ci sono gli stupri di guerra: in Siria, in Sud Sudan, nella Repubblica Centraficana e in tutti i conflitti più gravi la violenza sessuale viene usata come arma di guerra. È questa la denuncia che si è levata dalla platea del summit di Londra contro gli abusi (giugno 2014) attraverso la voce dell attrice Usa Angelina Jolie (in veste di ambasciatrice Onu per i rifugiati) e del ministro degli Esteri britannico William Hague. Le vittime sono spesso bambini, cui quest esperienza provoca danni fisici e mentali irreparabili. Ogni volta che viene commesso un reato del genere hanno incalzato Jolie e Hague - e il mondo non fa nulla per intervenire, si stabilisce un precedente in base al quale la violenza sessuale può essere utilizzata impunemente; non importa se a subirla siano profughi siriani o studentesse nigeriane. A fianco delle pratiche più violente e primitive che contemplano i casi di matrimoni coatti o riparatori, schiavitù sessuale, uccisioni, prostituzione forzata, mutilazioni genitali, stupri di guerra ed etnici, aggressioni con l acido, esistono forme di violenza più subdola, diffuse soprattutto nei Paesi più evoluti. Qui domina la violenza domestica, esercitata nell ambito familiare attraverso minacce, maltrattamenti fisici e psicologici, atteggiamenti persecutori, abusi sessuali, delitti d onore, uxoricidi passionali o premeditati. Spesso nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro le donne sono esposte a molestie, stupri e ricatti sessuali. Come ricorda la direttrice Generale dell Unesco, Irina Bokova, la violenza contro le donne è una violazione dei diritti e delle libertà fondamentali ed è inaccettabile in qualsiasi delle sue molteplici forme. Non bisogna credere che si tratti di un problema che affligge solo Paesi lontani e sottosviluppati: un rapporto della European union agency for fundamental rights (FRA) dipinge una situazione drammatica anche in Europa, dove su 42mila donne intervistate oltre un terzo è risultata vittima di abusi (sul podio Danimarca, Finlandia, Svezia. L Italia è di poco sotto la media Ue).

7 pag.7 LA FESTA DEL MESKEL Una delle feste religiose più importanti in Etiopia è la Festa del Meskel che ricorre, secondo il calendario etiope il 17 di Meskerem cioè, secondo il nostro calendario il 27 settembre. Durante questa festa si celebra il ritrovamento della croce sul quale Cristo fu crocefisso da parte dell imperatrice Elena del Meskel. Questa festività è conosciuta in Etiopia anche come festa della Croce. E celebrata da tutta la popolazione, indipendentemente dalla religione a cui si appartiene e tutti i membri della famiglia si trovano per mangiare e pregare insieme. In ogni piazza, da quella del piccolo villaggio a quelle di città si fa la cerimonia del Damerà che consiste in un falò in cui si fa bruciare una catasta altissima di legna e paglia in cima alla quale ci sono delle margherite gialle e una piccola croce. Intorno a questo falò si danza e si canta per celebrare oltre al ritrovamento della Croce l inizio della stagione dei raccolti dopo la stagione delle piogge. Con la Damerà si celebra anche la fine dell anno vecchio ( il Capodanno Etiope è l 11 Settembre) e così questa cerimonia ha anche il compito di bruciare l anno passato e con lui tutti le disgrazie e i dolori che ne hanno fatto parte, distruggendoli nelle fiamme. Un altra credenza legata a questa festa è che se il fumo si dirige verso oriente è di buon auspicio per l anno nuovo, se cade verso occidente il nuovo anno non promette nulla di buono.

8 pag.8 IO VOLONTARIA Quando mi è stato chiesto di scrivere un articolo su l essere volontaria presso Il Sole, ho accettato con entusiasmo e con una domanda costante perché ho scelto di fare la volontaria? Spero con questa mia di spiegarlo a tutti quanti. Sono entrata in contatto con Il Sole circa 15 anni fa, dopo la morte di mia sorella Laura. Mia madre ed io avevamo qualche soldo da devolvere alla memoria di e lei mi ha parlato di questa giovanissima associazione. Ho sempre pensato che a mia sorella sarebbe piaciuto avere figli e per mia madre avere una bimba alla quale dare un aiuto concreto ogni anno è sembrata l unica possibile destinazione di quella somma di dena- ro. Sono passati molti anni da quel lontano 1999, ho avuto la gioia di avere un figlio, di fare la mamma a tempo pieno, di sposarmi e il dolore di perdere mia madre. È però solo quando Il Sole si è trasferito da Como a Saronno che improvvisamente mi è scattata la famosa molla. Mentre leggevo una copia della loro Newsletter ho pensato che avrei potuto fare qualche cosa di più, per sentirmi più vicina proprio a quei bambini che in maniera un po asettica ho aiutato per tanto tempo. Dico asettica, perché in fondo quella somma di denaro (per alcuni grande, per altri meno, ma sicuramente per i bambini vitale) ti permette di sentirti più leggera, di scaricarti la coscienza da quell inevitabile senso di colpa che pesa almeno a me, benestante occidentale di pelle chiara! Ho telefonato e ho chiesto di poter aiutare, sapendo io bene l Inglese mi occupo delle traduzioni dei rapporti annuali, delle lettere e di quant altro, lavoro in sede e anche da casa nei momenti più intensi. Tradurre le lettere dei bambini e ragazzi equivale ad entrare nel loro mondo, gustare le loro piccole gioie per avere preso bei voti ed essere stati promossi, condividere la loro tristezza per aver fallito ed essere stati bocciati. Spesso in quelle poche righe c è il loro mondo, i loro sogni e le loro paure. I rapporti parlano di situazioni famigliari inimmaginabili, almeno per me, famiglie poverissime, donne sole, vedove o semplicemente abbandonate, con più figli di quante mani possano tenerli vicini, case che sembrano capanne nel migliore dei casi, o ripari di plastica e lamiera, lavori sottopagati e precari, difficoltà a reperire anche lo stretto indispen- sabile. Le fotografie ritraggono bambini spesso cresciuti troppo in fretta, troppo responsabili, con visini seri seri e occhi pieni di voglia di vivere! Se paragono mio figlio a loro, mi si stringe il cuore e ammetto che spesso mi metto anche a piangere. Il bello è quando, anno dopo anno, scopri che alcuni ce la fanno, si diplomano o laureano, le foto mostrano bimbi diventati, ormai uomini e donne adulte, fieri di essersi riscattati. Un raggio di luce arriva in questi scenari cupi, un raggio che da la speranza concreta a un figlio di studiare di prendere un diploma o una laurea con la quale trovare un lavoro dignitoso. Questo raggio lo porta Il Sole appunto e veramente credo che per chiunque venire qui in sede e dare una mano, possa essere un esperienza straordinaria. C è sempre tanto da fare! Le bomboniere solidali (per matrimoni, comunioni e cresime), richiedono esperienza nella grafica su PC per realizzare pergamene e altro, manualità nel realizzare le bomboniere stesse che vanno assemblate in sede; la campagna natalizia prevede la realizzazione di materiale grafico e dei pacchi da spedire e consegnare ai corrieri. Il sito internet, Facebook, Newsletter e Giornalino tengono tutti impegnati. Insomma non manca certo il lavoro! La cosa più importante è che in cambio di poche ore di lavoro si riceve tutto l amore incondizionato di questi ragazzi, alimentando questo fiume di ottimismo e la positività non ha prezzo! Alessandra Castelli

9 pag.9 ADDIS ABEBA - LE CASE FAMIGLIA Fiori che rinascono, il progetto in cui sono inserite la Case Famiglia, affronta la problematica dell abuso sessuale, attraverso la presenza sul campo di un centro di cura e reinserimento sociale e di operatori specializzati, concentrandosi su alcuni aspetti: - Individuazione dei casi di violenza - Assistenza medica e legale - Riabilitazione psicologica tramite percorsi di terapie - Azioni di informazione, sensibilizzazione e prevenzione nei confronti del contesto famigliare, scolastico e comunitario delle vittime - Accoglienza in Case Famiglia dei bambini che hanno subito l abuso in famiglia o dei bambini orfani - Attività di reinserimento sociali quali i laboratori di fotografia, musica, teatro e vi-deo in grado di creare il pretesto per far incontrare i bambini vittima tra loro e con altri bambini. Tutte le attività sono realizzate grazie alla collaborazione di IFSO Integrated Family Service Organization, ONG locale non-profit e apartitica fondata nel 1995, con l obiettivo di realizzare una rete di supporto a favore di famiglie e bambini in difficoltà sul territorio di Addis Abeba. IFSO è registrata al Ministero di Giustizia Etiope dal Durante i diversi anni di realizzazione del progetto Fiori che Rinascono, i cambiamenti e i miglioramenti sono stati molti. Sono passati più di 10 anni da quando, per la prima volta, attraverso la bella collaborazione che si è instaurata con IFSO, si è iniziato ad organizzare quelle che oggi sono le attività del nostro Progetto. Addis Abeba è cambiata moltissimo, così come si sono modificati e rinnovati i pericoli che i bambini di questa grandissima città possono correre. Uno studio relativo ad

10 pag.10 Addis Abeba pubblicato nel 2012 sull Ethiopian Journal of Health Science, ha evidenziato come sul totale dei crimini commessi contro minori, circa il 23% siano reati a sfondo sessuale. Dai dati è possibile evincere che circa 21 bambini sono vittime di abuso sessuale ogni mese, spesso ad opera di persone a loro vicine. Il Sole Onlus, attraverso le attività di Fiori che Rinascono, svolge un ruolo di primo piano nel contrasto, nella prevenzione e nella cura di queste inaccettabili forme di abuso sui minori. Il tuo contributo ha permesso di continuare a sviluppare le attività di una parte importantissima del Progetto. In particolare, il tuo contributo ha permesso: - di gestire 3 Case Famiglia Queste strutture, equivalenti alle Case Famiglia che si ritrovano sul territorio italiano, sono state individuate, allestite, fornite di materiale e ammobiliate in modo tale da assicurare ai bambini e ragazzi ospitati di poter pensare, giocare, studiare, pianificare il futuro. Ogni Casa Famiglia è stata fornita del materiale che possa permettere ai bambini ospiti di crescere in un ambiente familiare e sereno. - garantire assistenza psicologica ai bambini ospiti delle Case Famiglia L equipe di psicologi del Progetto garantisce il costante monitoraggio della riabilitazione dei bambini. L assistenza psicologica è garantita anche ai bambini orfani presenti che non hanno subito violenza, data la difficile situazione nella quale vivono. Spesso ci capita di dover parlare di risultati, di numeri. Lo facciamo, lo dobbiamo fare, perché è il modo più chiaro, più diretto e decisamente più misurabile per raccontare cosa significa gestire delle Case Famiglia In ogni Casa, però, c è un bambino o una bambina, ci sono i suoi occhi, c è la sua storia. Voglio raccontarvi proprio una di queste storie. Non ho scelto né la più bella, né la più tragica, né la più complicata; ho scelto una delle tante, troppe storie con cui ogni giorno ci dobbiamo confrontare Mohammed, 21 anni, si è da poco diplomato e oggi sta pianificando il suo futuro. La famiglia di Mohammed è molto povera e spesso i genitori sono fuori casa in cerca di lavoro. 10 anni fa, in una di queste occasioni, Mohammed viene avvicinato da un poliziotto, il quale abusa di lui nella stessa casa del bambino. Poco tempo dopo tutto il villaggio viene a conoscenza dell accaduto, questo porta a una forte discriminazione verso Mohammed. In questi contesti, infatti, spesso l abusato viene discriminato da chi gli è vicino. Questo atteggiamento porta il trauma subìto ad ampliarsi, fino al momento in cui entra a far parte del Progetto Fiori che Rinascono. Si decide, quindi, di inserirlo in una Casa Famiglia per proteggerlo da ulteriori discriminazioni e garantirgli assistenza psicologica continua. Sebbene la Casa Famiglia sia solitamente un rifugio temporaneo per i bambini abusati, Mohammed ci rimane molto a lungo. Il reinserimento sociale non è un percorso breve né privo di difficoltà, Mohammed dimostra di avere grande forza e affronta gli ostacoli con grande determinazione. Oggi Mohammed ha terminato gli studi e può guardare al suo futuro senza timore. Spesso dobbiamo parlare dei risultati, quasi sempre lo facciamo con i numeri. Oggi l abbiamo voluto fare con Mohammed.

11 pag.11 A PARTIRE DALLA META DI NOVEMBRE PUBBLICHEREMO SUL NOSTRO SITO L ORMAI CONSUETA CAMPAGNA DI NATALE COME OGNI ANNO I NOSTRI SARANNO PRODOTTI PROVENIENTI DA UN NEGOZIO EQUO SOLIDALE IL RICAVATO DELLA CAMPAGNA SARA DEVOLUTO AD UN NOSTRO PROGETTO. SAPPIAMO CHE MANCA ANCORA UN PO DI TEMPO AL NATALE, MA NEL PENSARE AD UN REGALO PER I VOSTRI CARI TENETE CONTO ANCHE DI QUESTA POSSIBILITA, FARETE CONTENTO CHI RICEVE IL DONO MA DONERETE ANCHE IL SORRISO AD UN BAMBINO DEL NOSTRO PROGETTO. GRAZIE

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

LA VIOLENZA DOMESTICA

LA VIOLENZA DOMESTICA INNOCENTI DIGEST No.6 - Giugno 2000 LA VIOLENZA DOMESTICA CONTRO LE DONNE E LE BAMBINE IL QUADRO DELLA SITUAZIONE LA PORTATA DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA LE CAUSE DELLA VIOLENZA DOMESTICA CONSEGUENZE

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Dai diamanti non nasce niente

Dai diamanti non nasce niente LA NOSTRA IDEA IN POCHE PAROLE Innanzitutto, un cambio di prospettiva. Il centro non è la violenza, ma ciò che resta. Importa ciò che vive, ha un corpo, segni tangibili e un dolore sommerso e stordente,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli