POST ANTE. Notiziario Interno dell Associazione Campana Imprese Trasporti ed Onoranze Funebri Settembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POST ANTE. Notiziario Interno dell Associazione Campana Imprese Trasporti ed Onoranze Funebri Settembre 2010"

Transcript

1 POST ANTE Notiziario Interno dell Associazione Campana Imprese Trasporti ed Onoranze Funebri Settembre 2010 L ASSOCIAZIONE CAMPANA IM PRESE TRASPORTI ED ONORAN ZE FUNEBRI A SERVIZIO DEGLI OPERATORI DEL SETTORE l associazione Campana Imprese Tras porti ed Onoranze Funebri (ACITOF) fin dalla sua costituzione (ANNO 1978) opera al Servizio delle imprese funebri della regione Campania. L Associazione si è da sempre prodi gata per elevare il grado di professio nalità delle aziende e delle attività del settore con numerose iniziative. Al momento è impegnata quale soggetto proponente ed in partenariato ad Isti tuto di formazione accreditato dalla Re gione Campania nell effettuazione dei percorsi formativi istituiti dalla delibera di Giunta Regione Campania n 963/09 e mettere in condizione le imprese e gli operatori del settore funerario di potersi iscrivere al costituendo Registro regio nale dei soggetti abilitati all esercizio delle attività funerarie. Infatti la Legge Quadro n 12 del 2001 di disciplina ed armonizzazione delle Attività funerarie in Campania ultima mente integrata ha disposto l obbligato rietà della formazione professionale integrando in senso generale la conos cenza delle Norme CEE indicate nella UNI EN Vi è stata la volontà del legislatore di professionalizzare un settore delicatissimo quale quello del trasporto funebre e delle Attività cimiteriali cui l Associazione di cate goria ritiene di dare corrispondenza di disponibilità piena ed immediata. Per questo sentiamo l obbligo di ricordare alle imprese funebri della Campania che dal 1 gennaio 2012 (data oramai di prossima scadenza) i soggetti (imprese e personale) non iscritte al Registro non potranno più operare nel settore. Precorrendo questa esigenza l ACITOF ha intrapreso alcune iniziative tra cui l indizione di Corsi alcuni avviati che hanno già preparato ventisei imprese e circa centoquindici soggetti con idonei tà all iscrizione al Registro mentre nuo vi Corsi inizieranno a far data del 1 Ottobre Pertanto, a coloro i quali non hanno ancora colto l importanza del conseguimento della formazione a causa di certa interessata disinforma zione rivolgiamo l appello a meglio informarsi specie presso quei Comuni che hanno già disposto la verifica della rispondenza alla L. R. 12/01 presso le ditte operanti sul proprio territorio (Torre Del Greco, Nocera, Vallo Lucania, Afragola etc) Comunque, qualsiasi soggetto che intendesse parte cipare ai Corsi in partenza può fare subito specifica richiesta all indirizzo E Mail: ricevendo le informazioni appropriate e la documen tazione necessaria di accesso dovuta. I Percorsi formativi sono i seguenti: CORSO PROFESSIONALE PER ADDETTI ALLE ATTIVITA DI TRASPORTO FUNEBRE E SERVI ZI CIMITERIALI (Delibera Giunta regionale n 963/09) 1 - DIRETTORE TECNICO DI IMPRESA FUNEBRE superiore. Durata percorso formativo: ore DIRETTORE TECNICO IM PRESA FUNEBRE (AGGIORNA

2 2 MENTO) Durata del percorso formativo: Ore 120 superiore ed Esperienza documenta ta di almeno due anni nel profilo. (esempio: titolari ed ammi nistratori di impresa iscritta da almeno due anni alla CCIAA. 3 - RESPONSABILE DELLE ATTI VITA CIMITERIALI superiore. Durata percorso forma tivo: ore RESPONSABILE DELLE AT TIVITA CIMITERIALI (AGGIOR NAMENTO. Durata percorso forma tivo: ore 120 superiore ed Esperienza documenta ta di almeno due anni nel profilo. (Titolari e rappresentanti di impresa iscritta da almeno due anni alla CCIAA) 5 - PERSONALE AMMINISTRA TIVO ADDETTO ALLA CUSTO DIA. scolastico. Durata percorso formativo: Ore PERSONALE AMMINISTRA TIVO ADDETTO ALLA CUSTO DIA (AGGIORNAMENTO) Durata percorso formativo: Ore 80. Requisito di accesso: Esperienza documentata di almeno due anni nel profilo 7 - OPERATORE ADDETTO AL TRASPORTO FUNEBRE. Durata percorso formativo: Ore 400 scolastico 8 - OPERATORE ADDETTO AL TRASPORTO FUNEBRE (AGIOR NAMENTO) Durata percorso forma tivo: Ore 80 scolastico ed Esperienza documenta ta di almeno due anni nel profilo (dipendenti in carica da almeno due anni di impresa esercente trasporto funebre) 9 - ADDETTO ALLE OPERAZIONI CIMITERIALI E DI SEPOLTURA scolas tico. Percorso formativo: Ore ADDETTO ALLE OPERAZIO NI CIMITERIALI E DI SEPOLTU RA (AGGIORNAMENTO). Percorso formativo: Ore 80 scolastico ed Esperienza documenta ta di almeno due anni nel profilo 11 - OPERATORE DEI SERVIZI DI TANATOPRASSI. Durata percorso formativo: Ore 400 scolasti co 12 - OPERATORE DEI SERVIZI DI TANATOPRASSI (Aggiornamento) scolastico e Esperienza documentata di almeno due anni nel profilo Durata percorso formativo: Ore 80 Quelli sopra indicati sono gli unici percorsi formativi riconosciuti dalla Regione Campania atto a dimostrare l idoneità per la iscrizione al Registro Regionale dei soggetti abilitati all eser cizio delle attività funerarie. SI RICORDA CHE I soggetti non formati non avranno titolo a partire dal 1 gennaio 2012 ad esercitare attività funerarie (trasporto funebre e servizi cimiteriali)

3 3 LEGGE REGIONALE DI ARMO NIZZAZIONE E DISCIPLINA DEL LE ATTIVITA FUNEBRI E CIMI TERIALI. Legge Regione Campania del 21 gennaio 2010 ha integrato la L.R. 12/01 con i seguenti disposti: I Comuni devono disciplinare nei propri regola menti le attività dei servizi funebri e dei lavori cimiteriali assicurando che tali attività siano espletate da impresa che garantisca, in via continuativa e funzionale, il possesso di locali e mezzi idonei stabiliti dal regolamento comu nale e con alle proprie dipendenze, con contratto di lavoro subordinato e continuativo, personale in possesso dei requisiti formativi di cui all articolo 7, comma 1, (della Legge 12/01) come definiti con delibera di Giunta Regionale 15/ numero 963. La dotazione minima di personale per imprese svolgenti l attività funebre deve essere di un direttore tecnico per ogni sede o filiale e quattro operatori funebri, che può variare in aumento in relazione alle dimensioni del Comune dove si esercita ed al numero dei servizi eseguiti. Le imprese già esercitanti devono adeguar si ai predetti requisiti entro il 31 dicembre 2011, La L.R. 2/2010 ha stabilito di istituire presso la Regione Campania il Registro dei soggetti esercitanti l attività funebre e di trasporto salme autorizzati dai Comuni a tale esercizio (sezione prima) non ché degli operatori addetti all at tività funebre e cimiteriale in possesso del titolo di qualifica professionale (sezione seconda). L iscrizione al Regi stro Regionale è obbligatoria per le imprese autorizzate ad esercitare attivi tà di Trasporto funebre ed attività di servizi cimiteriali. ASSEMBLEA ACITOF 30 MAG GIO 2010 E RINNOVATO ASSET TO ASSOCIATIVO Domenica 30 maggio nei saloni dell Hotel Ramada in Napoli si è svolta l Assemblea straordinaria ACITOF per il rinnovo delle cariche sociali e l ap provazione dei bilanci e della relazione programmatica. Presenti numerose im prese campane ed altre rappresentate per deleghe è stato eletto il nuovo organigramma direttivo che risulta di seguito composto: Presidente Cav. Salo mone Giuseppe di Afragola (rieletto); Vice Presidenti: Dr Cesarano Alfonso di Castellammare di Stabia (rieletto) Dr Vecchione Matilde (S.M. Capua Vetere (rieletta) Componenti Consiglio Diret tivo: Melese Marco (Teano); Ricciardi Lello (Capua); Esposito Luigi (Ruvia no); Forino Angelo (Casalnuovo di Na poli); Foria Domenico (Pomigliano D Arco); Bellomunno Giuliano (Napo li) Salemme Salvatore (Napoli) Ziello Ferdinando (Orta di Atella); Mormile Vincenzo (Meta di Sorrento); Cesarano Saturno (Cast/Stabia) Salvati Alessio (Fratta maggiore) Salomone Gianfranco (Afragola); Giannattasio Fulvio (Giffo ni Vallepiana) Melillo Emilio ( S. Angelo a Fasanella); Santaniello Miche le (Nola). Lettieri Antonio (S.Felice a Cancello); Grieco Laura (Cercola) Sabatino Sabato (Pagani); L Assemblea ha programmato azioni pubbliche atte a sostenere il giusto decoro della catego ria, iniziative in favore dell attuazione del Codice deontologico istituito dal Consiglio Regione Campania e di soste nere la legge dalla Legge 12/01 facen dosi carico di informare le amministra

4 4 zioni dei propri Comuni e di quelli vicini della piena attuazione della stes sa. E stata poi manifestata la volontà di venire incontro alle piccole imprese dei Comuni inferiori ai diecimila abitanti e con attività d esercizio almeno trienna le nel settore trasporto funebre dando loro la possibilità di acquisire più facilmente i requisiti richiesti dalla normativa vigente. L ACITOF si è già attivata per consentire che la figura professionale del Direttore Tecnico possa sostituire un Operatore nell effet tuazione dei servizi al fine di abbassare a quattro il numero dei soggetti richiesti quale requisito di garanzia previsto attualmente dalla normativa Nella prima decade di Ottobre su invito del Presidente sarà convocato il nuovo Consiglio per la formazione delle cari che statutarie previste: Collegio dei revi sori e Collegio dei Probviri. TESSERAMENTO A.C.I.T.O.F. La tessera di associato da diritto a par tecipare alle Assemblee con diritto di voto sugli indirizzi programmatici e sui bilanci annuali dell ACITOF. Anche se l associazione opera nell in teresse della categoria nel suo insieme riserva particolari servizi ai propri asso ciati quali: La rappresentanza dell azi enda associata presso le sedi istituzio nali (Comuni, Regione, ASL etc); l in formazione costante, attraverso il pro prio date-base, sulle normative e sulle disposizioni di legge inerenti l eserci zio delle attività funerarie; il collega mento privilegiato con la Federazione Nazionale di categoria (FENIOF); il collegamento tra le imprese associate per collaborazioni e scambi di servizi; La quota annua di iscrizione è di Euro 100,00 di cui Euro 50,00 quale contri buto alla Fe.N.I.O.F. Federazione Na zionale Imprese Onoranze e Trasporti Funebri. Pertanto fin da ora sono aperte le iscrizioni per l anno 1011 presso la sede ACITOF. Le richieste possono essere inoltrate richiedendo il modulo di domanda all utenza E Mail: IN ATTO LA COSTITUZIONE DEL CONSORZIO CAMPANO IMPRE SE TRASPORTI FUNEBRI (CON CAIT) Sotto l egida ACITOF è in atto la formulazione dello Statuto del Consor zio che ha per scopo l acquisizione e la distribuzione in mutuo soccorso di mer ci e servizi attinenti il Trasporto fune bre in Campania. Le imprese consociate hanno filosofia di mantenere la propria autonomia imprenditoriale ma si obbli gheranno all ausilio di mezzi e perso nale ad impresa consociata. Requisito minimo per la partecipazione al Con sorzio è quello di avere iscrizione alla C.C.I.A.A. da almeno due anni per l attività di Trasporto funebre; di essere in possesso di Autorizzazione alla ven dita a posto fisso di articoli funerari con relativo negozio debitamente autorizza to; di avere la titolarità di almeno un auto funebre; di avere presso l azienda (titolare o dipendente) un Direttore Tecnico di Impresa di Tras porti funebri come richiesto dalla Legge Regione Campania n 12/01. Ad oggi molte imprese di piccola dimensione hanno chiesto di aderire. Chiunque sia interessato ad essere informato dell iniziativa per poi pren dere parte alla formazione definitiva del Consorzio può contattare il Dr Mezza capo sull utenza oppure con E Mail

5 5 CODICE DEONTOLOGICO DEL LE IMPRESE FUNEBRI. Pochi operatori conoscono ovvero si attengono al Codice deontologico delle imprese funebri istituito dalla L.R. 12/01. Il Codice prevede norme di corretto esercizio dell attività di Tras porto ed Onoranze funebri tra cui l obbligatorietà di disporre servizi standard a tariffa per i richiedenti e la pubblicizzazione di tutte le tariffe di servizi applicate. Pochi Comuni hanno però inserito il Codice nei propri rego lamenti di Polizia mortuaria curandosi di farlo attuare, tra questi, il Comune di Napoli che anche in questo caso rap presenta il classico cattivo esempio. L inosservanza generalizzata del Codi ce dipende sicuramente dall assenza di una regolamentazione disciplinare dello stesso. Ma questo ancora per poco. Ultimamente è all attenzione della Pre sidenza della Giunta Regionale un testo che determinerà le sanzioni, alcune pe santi, per gli operatori e funzionari pubblici inadempienti. CIMITERI: NORMATIVA PER RESTI MORTALI INCONSUNTI. Con propria Circolare il Ministero della Sanità ha stabilito norme per la sistemazione di cadaveri esumati e non perfettamente mineralizzati. La Circolare ministeriale prevede pertanto l uso di materiali biodegradabili che possono accelerare e migliorare la mineralizzazione dei tessuti molli dei corpi e permettono di accorciare i tempi delle esumazioni ed estumulazioni. RUBRICA: DOMANDA RISPOSTE DELLA REDAZIONE Il Signor Rispoli domanda: opero da anni in due Comuni dell alto Casertano che insieme non superano i abitanti, sto provvedendo a munirmi del requisito professionale richiesto dalla legge 12 ma, per ragioni di equilibrio economico, non potrò mai assumere in forma diretta e continuativa quattro persone con mansioni di operatori, dovrò quindi scomparire dal mercato? RISPOSTA: assolutamente no!, sareb be assurdo privare il mercato che va professionalizzato della Sua comprova ta esperienza professionale. Lei ha tutto i titoli per operare al contrario di chi non dimostra il requisito della professio nalità; Le condizioni economiche della Sua azienda per stare legittimamente sul mercato esigono di consorziarsi con altre aziende al fine di sopperire reciprocamente a qualche requisito mancante. Un Consorzio di produzione e distribuzione può affidare il lavoro alla ditta capofila, nel caso la Sua, ed assegnare la parte mancante (prestazio ne operaia) a ditta supplente come inversamente la Sua ditta potrà essere supplente dell altra in occasione inver sa. Il Signor Mario da S.Maria a Vico chiede di sapere se un impresa può far svolgere il servizio di Trasporto fune bre da auto funebre e personale di altra impresa assunto in forma occasionale. RISPOSTA: Il mezzo per il Trasporto funebre deve essere in proprietà di impresa Autorizzata e quindi iscritta al Registro Regionale ed il personale da impiegare per i servizi funebri deve essere qualificato. Pertanto, se sul mercato vi è del personale disoccupato formato professionalmente da operatore al trasporto funebre tale personale può essere impiegato nel rispetto della vigente legge sull assunzione al lavoro non dipendente ( D. Lgs. 276/03), ma

6 6 ATTENZIONE tale apporto di lavoro non può essere usufruito dall impresa ( comunque iscritta al Registro) e per non più di Euro 3.000,00 per anno solare pena forti sanzioni. Non possono acquisire servizi di trasporto funebre imprese non Autorizzate dal Comune che può rilasciare l Autorizzazione solo ad imprese iscritte al Registro Regio nale. Il Signor Peppe da Napoli domanda se un azienda di Trasporto funebre può servirsi occasionalmente di personale di cooperativa di prestatori d opera. RISPOSTA: In Italia è vietato la collo cazione al lavoro occasionale se non effettuate da agenzia autorizzata dal Governo Organo quindi diverso da una cooperativa. Un azienda potrebbe sen z altro contrarre contratto stabile con cooperativa di lavoro per distacchi lavorativi ma solo se già iscritta al Registro Regionale e quindi con personale a proprio carico nella misura richiesta dalla norma. Percui il rappor to contrattuale ipotizzato troverebbe avrebbe validità per sopperire tempora neamente deficienze del proprio perso nale dipendente in tema di ferie, malat tie o aumentate commesse. Il Signor Enrico da Ischia domanda: Opero in un piccolo Comune dell isola verde, sono in regola con la legge 12/01 da tempo ed applico il Codice deon tologico adottato dal mio Comune. Tutto per merito delle informazioni fornitami dall ACITOF che ringrazio. Riguardo al personale da fare operare dal 1 gennaio 2012 sono in contatto al fine di consociarci con altre imprese nelle mie stesse condizioni a Capri, Procida ed altri Comuni e pertanto chiedo di sapere: Sarà idonea la mia richiesta di iscrizione al Registro Regionale istituendo esibendo al mo mento della iscrizione un numero di tre operatori al posto dei quattro richiesti sopperendo il numero mancante il Direttore Tecnico? Tale facilitazione potrebbe aiutare molte le piccole imprese. RISPOSTA: Si sta lavorando in questo senso. L ACITOF ha avan zato richiesta agli Organi competenti della Regionale di poter inserire nel regolamento di tenuta del Registro la possibilità di poter conteggiare, quan tomeno per le imprese che operano in Comuni con popolazione inferiore ai venticinquemila abitanti e sulle isole, il Direttore tecnico al numero degli Ope ratori richiesti sempre che questi abbia conseguito formazione professionale an che da operatore. E di consentire l iscri zione al Registro i Consorzi con l elenco delle imprese consorziate. Il numero di quattro operatori richiesti dalla norma non è stato il capriccio del legislatore Campano ma è un sacrosan to obbligo dettato dalla legislazione di sicurezza sul lavoro D 81/2008 a cui la L.R.12/01 ha dovuto attenersi. Il Signor Giulio da Giugliano chiede di sapere perché la formazione per Direttore Tecnico d impresa richiede il possesso di diploma di scuola superiore. RISPOSTA: Il Direttore di impresa deve avere conoscenze di base atte a rendere professionale l azienda che diri ge. Non necessariamente, quinsi, il D.T. deve essere il proprietario dell azienda in quanto tale ruolo può ben essere as sunto da dipendente dell azienda stessa. POST ANTE

7 7 Periodico interno dell ACITOF. Nume ro 2/2010. E Mail li

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE. Atti della Regione PARTE I. della REGIONE CAMPANIA n. 33 del 1 giugno 2009

BOLLETTINO UFFICIALE. Atti della Regione PARTE I. della REGIONE CAMPANIA n. 33 del 1 giugno 2009 A.G.C. 17 - - Politica Giovanile e del Forum Regionale della Gioventù - Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (O.R.ME.L.) - Deliberazione n. 963 del 15 maggio 2009 - Disposizioni concernenti l'organizzazione

Dettagli

CITTÀ DI AFRAGOLA Provincia di Napoli

CITTÀ DI AFRAGOLA Provincia di Napoli CITTÀ DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Sportello Unico attività produttive Via Firenze n.35 e-mail: suap@pec.comune.afragola.na.it Data: IMPRESA FUNEBRE (Articolo n. 115 T.U.L.P.S; D.Lgs. 114/98, art.19

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA CAPO I PRINCIPI GENERALI

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA CAPO I PRINCIPI GENERALI Regione Campania Legge Regionale 24 novembre 2001, n. 12 Disciplina ed armonizzazione delle attività funerarie (BURC Speciale del 29 novembre 2001) La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 521-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 SETTORE : AFFARI GENERALI E

Dettagli

Allegato 1. Ambito Comune Capofila Distretto Sanitario Titolo del progetto. A01 Ariano Irpino DS 1 Ariano Irpino ANANKE 100.355,82

Allegato 1. Ambito Comune Capofila Distretto Sanitario Titolo del progetto. A01 Ariano Irpino DS 1 Ariano Irpino ANANKE 100.355,82 Allegato 1 PRESA D'ATTO DELLE PROPOSTE PROGETTUALI DI CUI AL RIPARTO DELLE RISORSE A FAVORE DEGLI AMBITI TERRITORIALI PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA, AI SENSI DELLA L. R. N. 2 DEL 11/02/2011

Dettagli

Diploma di Maturità ANALISI DELLA CONTABILITA

Diploma di Maturità ANALISI DELLA CONTABILITA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Noviello Giovanni E-mail gnoviello@provincia.napoli.it Nazionalità Italiana Data di nascita 20 settembre 1959 Telefono ufficio 081 852

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia di Trapani) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE (Approvato con deliberazione C.C. n 99 del 29/12/2008) CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE

Dettagli

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 1 CAPO l CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE Art. I Definizione di trasporto funebre 1. Costituisce trasporto

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) VERBALE delle DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALE (DELIBERAZIONE N 34 del 13/02/2014) OGGETTO: TARIFFE LOCULI E AREE CIMITERIALI, LAMPADE VOTIVE,

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE. Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE

ATTIVITÀ FUNEBRE. Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE Marca da bollo ATTIVITÀ FUNEBRE Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE PER ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI [] FORNITURA DI ARTICOLI FUNERARI, DISBRIGO PRATICHE AMMINISTRATIVE

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO APPROVATO con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi Carta dei Servizi L Azienda Principi fondamentali Standard qualitativi PERCHÉ UNA CARTA DEI SERVIZI AMSEF s.r.l. onoranze funebri è Azienda multiservizi leader a livello nazionale nel settore con una

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

Assessorato alla Sanità AGC 20 Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Deboli Servizio Tossicodipendenze ed Alcolismo

Assessorato alla Sanità AGC 20 Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Deboli Servizio Tossicodipendenze ed Alcolismo Assessorato alla Sanità AGC 20 Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Deboli Servizio Tossicodipendenze ed Alcolismo Comune Grottaminarda (AV) Azienda Sanitaria ASL AV SERT Grottaminarda

Dettagli

20 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 14 novembre 2012 46

20 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 14 novembre 2012 46 20 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 14 novembre 2012 46 Legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni a ioni di promozione

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Comune di Arese Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 22.05.2007 Art. 1 Definizioni Il presente regolamento disciplina l attività

Dettagli

Il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza N. Codice fiscale Cittadinanza [] in qualità di TITOLARE della ditta individuale omonima

Il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza N. Codice fiscale Cittadinanza [] in qualità di TITOLARE della ditta individuale omonima S.U.A.P. - CITTA DI TORRE DEL GRECO Segnalazione Certificata di Inizio Attività per l esercizio delle attività funerarie Commercio agenzia d affari trasporto funebre (Legge Regionale 24 Novembre 2001,

Dettagli

PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE EMILIA ROMAGNA PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE COD.DOCUMENTO SSF/06/0000212 ASSESSORATO SCUOLA. FORMAZIONE PROFESSIONALE. UNIVERSITA'. LAVORO. PARI OPPORTUNITA'. DIREZIONE

Dettagli

RIORDINO DELLA RETE OSPEDALIERA REGIONE CAMPANIA

RIORDINO DELLA RETE OSPEDALIERA REGIONE CAMPANIA RIORDINO DELLA RETE OSPEDALIERA 1 REGIONE CAMPANIA 2 RIGORE (PASSATO) 2009 il bilancio in passivo di -853 ml di euro 2013 il bilancio è in attivo di +6,1 mln di euro Pre-consuntivo 2014 + 230 milioni da

Dettagli

Consorzio Sviluppo Occupazione Legalità Economica Cammini di Legalità

Consorzio Sviluppo Occupazione Legalità Economica Cammini di Legalità DETERMINA N. 59 DEL 15.12.2014 Consorzio Sviluppo Occupazione Legalità Economica Cammini di Legalità Oggetto: assegnazione alla Cooperativa Sociale Nuvoletta per Salvatore dei beni immobili confiscati

Dettagli

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 30-11-2013 Art. 1 - OGGETTO E

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Incarico Professionale di Responsabile Ambulatorio per la Prevenzione e Cura del Tabagismo U.O.C. Ser.T.

Dirigente ASL II fascia - Incarico Professionale di Responsabile Ambulatorio per la Prevenzione e Cura del Tabagismo U.O.C. Ser.T. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Perillo Antonio Data di nascita 06/07/1959 Qualifica Dirigente Psicologo Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

L'iscrizione nella sezione speciale dell'albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi riservata a:

L'iscrizione nella sezione speciale dell'albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi riservata a: ISCRIZIONE ALL'ALBO DEGLI AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER CONTO DI TERZI - SEZIONE SPECIALE RISERVATA ALLE COOPERATIVE A PROPRIETÀ DIVISA E AI CONSORZI (artt. 1, comma 3, e 12, comma 1, della L. 6 giugno

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO LR(8) 19_04 Pag: 1 LEGGE REGIONALE EMILIA- ROMAGNA 29 luglio 2004, n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria. in B.U.R.E. n. 105 del 29-7-2004 sommario Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione;

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 198 del 19-12-2008 21965 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 34 Norme in materia di attività funeraria, cremazione e dispersione delle ceneri. La seguente

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

CAMERA DE DEPUTATI - CAMPANIA

CAMERA DE DEPUTATI - CAMPANIA CAMERA DE DEPUTATI - CAMPANIA NAPOLI NAPOLI/ISCHIA - MUSSOLINI ALESSANDRA Commissione Affari Sociali Gruppo Misto Attrice (Laurea in medicina e chirurgia) NAPOLI/VOMERO - SINISCALCHI VINCENZO Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 53 del 13 ottobre 2003 ART. 1 ESERCIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPI. AccompagNatur GUIDE ESCURSIONISTICHE AMBIENTALI DELLA VAL D OSSOLA

TITOLO I DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPI. AccompagNatur GUIDE ESCURSIONISTICHE AMBIENTALI DELLA VAL D OSSOLA Art. 1 E costituita l associazione: TITOLO I DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPI AccompagNatur GUIDE ESCURSIONISTICHE AMBIENTALI DELLA VAL D OSSOLA Associazione fra Guide Escursionistiche Ambientali o Accompagnatori

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO Prot. n. 17.613 AVVISO DI PRESELEZIONE OPERATORI ECONOMICI PER INVITO ALLA PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI ( art. 57 del D. Lgs. 12.04.2006

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO TRASPORTI FUNEBRI E ATTIVITA FUNEBRI ISTITUZIONALI. Articolo 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO TRASPORTI FUNEBRI E ATTIVITA FUNEBRI ISTITUZIONALI. Articolo 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO TRASPORTI FUNEBRI E ATTIVITA FUNEBRI ISTITUZIONALI Articolo 1 Oggetto dell appalto - L appalto ha per oggetto il Servizio di trasporto funebre e gli obblighi per la ditta

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT.

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO DELLA PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO COSTITUZIONE

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE DI PONSACCO Regolamento approvato con Delibera C.C. N. 42 del 28/09/2012 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ORDONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Prima convocazione ordinaria Seduta pubblica

COMUNE DI ORDONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Prima convocazione ordinaria Seduta pubblica COMUNE DI ORDONA Prov. Di Foggia Piazza A. Moro, n.1 71040 ORDONA (FG) Tel. 0885/796221 Fax 0885/796067 C.F. 81002190718 P.I. 00516330719 N. 7 del 30 aprile 2013 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 36 del 23.02.2012 Oggetto: Prestazioni di Servizi cimiteriali a domanda Aggiornamento tariffe Ambito di Settore:Urbanistica

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL. al costo di 300,00 + IVA (*)

MODULO DI ISCRIZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL. al costo di 300,00 + IVA (*) MODULO DI ISCRIZIONE da inviare a Euro.Act s.r.l. via fax allo 0532-19.11.222 entro il VENERDÌ della settimana precedente alla data del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO DISTINTO PER OGNI

Dettagli

Richiamato l art. 29 della L.R. 27 luglio 2005, n. 14 con il quale vengono apportate modificazioni alla citata L.R. 19/04;

Richiamato l art. 29 della L.R. 27 luglio 2005, n. 14 con il quale vengono apportate modificazioni alla citata L.R. 19/04; Deliberazione Giunta Regionale Emilia-Romagna 13 febbraio 2006, n. 163 APPROVAZIONE DIRETTIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 1, LETTERA A) DELLA L.R. 29/7/2004, N. 19 DISCIPLINA IN MATERIA FUNERARIA E

Dettagli

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE MODULO DI ISCRIZIONE da spedire a Euro.Act s.r.l. via fax al numero 0532-1911222 entro il GIOVEDì della settimana precedente alla data di effettuazione del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F.

ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F. ASSOCIAZIONE TORINESE IMPRESE FUNEBRI A.T.I.F. STATUTO Titolo I COSTITUZIONE Articolo E costituita l associazione, intesa a promuovere ed applicare l etica professionale tra le imprese di onoranze funebri,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres. L.R. 13/2004, artt. 4 e 12 B.U.R. 1/12/2004, n. 48 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres. Allegato A Regolamento recante criteri e modalità di inserimento nel Registro delle

Dettagli

Partita la procedura per l iscrizione all'elenco dei beneficiari del 5x1000 per il 2015

Partita la procedura per l iscrizione all'elenco dei beneficiari del 5x1000 per il 2015 Newsletter realizzata nell ambito del Piano di interventi per l associazionismo della Città metropolitana di Bologna Aprile 2015 Partita la procedura per l iscrizione all'elenco dei beneficiari del 5x1000

Dettagli

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2012 1 COMUNE DI CASTROCIELO

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

Indice: CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE - art. 1 esercizio del servizio dei trasporto funebri 3 - art. 2 definizione di trasporto

Indice: CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE - art. 1 esercizio del servizio dei trasporto funebri 3 - art. 2 definizione di trasporto REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con Delibera di C.C. n.128 del 30.12.2010 1 Indice: CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE - art. 1 esercizio del servizio dei trasporto

Dettagli

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. altro titolo:, della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / /

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. altro titolo:, della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / Spett.le Ufficio Servizi Cimiteriali Marca da bollo 16,00 Servizio SUAP Piazza San Michele 1 30020 QUARTO D ALTINO Tel. 0422 826233 Fax. 0422 826256 servizicimiteriali@comunequartodaltino.it PEC comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 22 DEL 27/09/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE MODIFICHE - INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI VARIAZIONI IN STRUTTURE DI ONORANZE FUNEBRI COMPRENDENTI COMMERCIO, AGENZIA D AFFARI E TRASPORTO FUNEBRE =o=

COMUNICAZIONE DI VARIAZIONI IN STRUTTURE DI ONORANZE FUNEBRI COMPRENDENTI COMMERCIO, AGENZIA D AFFARI E TRASPORTO FUNEBRE =o= Marca da bollo Solo su originale Settore Coordinamento Sociale e Salute Ufficio Regolazione stanza 417 Torre C Sportello Salute Piazza Liber Paradisus 6 40129 Bologna (dati personali) COMUNICAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Piazza Marconi 4-36028 ROSSANO VENETO (Vicenza) tel. 0424-547120-4-6 C.F. 00261630248 Fax: 0424-84935 e-mail: llpp@comune.rossano.vi.it * * * * * * * * * * * UFFICIO TECNICO LL.PP.

Dettagli

Comune di Latina Provincia di Latina ***

Comune di Latina Provincia di Latina *** Comune di Latina Provincia di Latina *** REGOLAMENTO DEL SERVIZIO CIMITERIALE DI TUMULAZIONE, INUMAZIONE, ESTUMULAZIONE, ESUMA- ZIONE INDICE DEGLI ARGOMENTI PREMESSA SEZIONE 1 Modalità di gestione del

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 109 del 13-09-2012 immediatamente eseguibile Comunicata ai capigruppo consiliari il 25-09-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci

FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci Allegato Direttiva della Giunta regionale, ai sensi dell articolo 2, comma 1, lett. a) della legge regionale 29 luglio 2004, n. 19 (Disciplina

Dettagli

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388 5 maggio 2010 (Ferrara) Titolo: La cremazione. Conservazione, affidamento e dispersione ceneri SERENO SCOLARO (Libero professionista e Responsabile SEFIT) FINALITÀ DEL CORSO: Lo sviluppo della cremazione

Dettagli

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 265 del 27/11/2013 OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO PER SPESE FUNERARIE. L'anno 2013, il giorno ventisette del mese

Dettagli

RICHIEDENTE Cognome e Nome Sesso Codice fiscale Rapporto di parentela

RICHIEDENTE Cognome e Nome Sesso Codice fiscale Rapporto di parentela N. PRAT. CREMAZIONE Comune di morte Prov. Stato iniziale Luogo dove si trova la salma CHIUSURA ANTICIPATA Comune destinazione finale Prov. Stato finale DEFUNTO Cognome e Nome Sesso Cognome coniuge Codice

Dettagli

DIALOGO SU QUESTIONI SCOLASTICHE

DIALOGO SU QUESTIONI SCOLASTICHE DIALOGO SU QUESTIONI SCOLASTICHE Vandalismo a scuola Domanda: Qual è la normativa relativa al risarcimento da parte degli allievi dei danni che causano per atti di vandalismo. Risposta: Con il Dpr 24 giugno

Dettagli

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche.

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche. IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa Decreto Presidente della Repubblica n. 285/1990 Regolamento nazionale di polizia mortuaria. Circolare Ministero Sanità n. 24/1993

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1128 Data: 31-12-2014. N. 1128-2014 Reg. SETTORE : AFFARI GENERALI E ATTIVITA' PRODUTTIVE

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1128 Data: 31-12-2014. N. 1128-2014 Reg. SETTORE : AFFARI GENERALI E ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 1128-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1128 Data: 31-12-2014 SETTORE : AFFARI GENERALI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONCORDATI

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONCORDATI PROTOCOLLO D INTESA TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONCORDATI Premesso che: la Legge Regionale n. 33 del 30 dicembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XII COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ AUDIZIONE INFORMALE A. S. 1611 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ FUNERARIE 15 SETTEMBRE 2015 pag.: 1/6 ACCREDIA ACCREDIA è l'ente Unico Nazionale di Accreditamento,

Dettagli

PROMEMORIA RELATIVO ALLE NORME PER L AMMISSIONE DEI SOCI

PROMEMORIA RELATIVO ALLE NORME PER L AMMISSIONE DEI SOCI PROMEMORIA RELATIVO ALLE NORME PER L AMMISSIONE DEI SOCI Art. 4 Statuto Sociale: L ammissibilità dei Soci è di competenza del Comitato Direttivo Regionale Art. 4 Regolamento Generale: I candidati all ammissione

Dettagli

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR)

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA DELLA A.S.P. CASA DI RIPOSO SAN GIUSEPPE

Dettagli

REGOLAMENTO BORSE PER STUDENTI SCUOLE SUPERIORI

REGOLAMENTO BORSE PER STUDENTI SCUOLE SUPERIORI Bando per l assegnazione delle Borse di Studio della Cassa Rurale ed Artigiana Bcc di Battipaglia e Montecorvino Rovella Nell intento di favorire gli studi dei propri Soci e dei figli dei Soci, la Cassa

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA. Provincia della Spezia IL SINDACO

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA. Provincia della Spezia IL SINDACO COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia ORDINANZA N. 17 Data 17-02-2014 IL SINDACO VISTI gli artt. 82 e 85 del D.P.R. 285/1990 che attribuiscono al Sindaco i compiti di regolazione, in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 28 Del 14-04-15 Oggetto: ISTITUZIONE DI AREA DI SOSTA E PARCHEGGIO A PAGAMENTO. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

! Cosa. Richiesta di esumazione

! Cosa. Richiesta di esumazione Richiesta di esumazione! Cosa Esumazione è il dissotterramento della salma o dei resti mortali, dalla sepoltura situata nel campo comune del cimitero. Le esumazioni ordinarie Con l Ordinanza Sindacale

Dettagli

Disposizioni per l affiliazione ed il tesseramento

Disposizioni per l affiliazione ed il tesseramento Circolare n.1 Tesseramento STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 Disposizioni per l affiliazione ed il tesseramento Si forniscono con la presente circolare le informazioni inerenti gli adempimenti per ottenere

Dettagli

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura.

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO COMPARTO IGIENE PUBBLICA VIA A. CANTORE N. 20 25128 BRESCIA Tel. 030/3838613 Fax 030/3838710 E-mail:igiene pubblica.comparto@aslbrescia.it Brescia, 06.10.2008 1. LA DIAGNOSI

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

L anno duemiladue, il giorno (23) ventitre del mese di Aprile in. Vignola nella sede dell Unione dei Comuni Terre di Castelli con

L anno duemiladue, il giorno (23) ventitre del mese di Aprile in. Vignola nella sede dell Unione dei Comuni Terre di Castelli con CONVENZIONE PER LA GESTIONE UNITARIA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DEI COMUNI TERRE DI CASTELLI DEI SERVIZI E DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI L anno duemiladue, il giorno (23) ventitre del mese di Aprile in

Dettagli

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476 DISCIPLINA PER L ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI URBANE PERMANENTI e RILASCIO CONTRASSEGNI (approvato con D.G. nr.95 del 19/06/2012) ART. 1 OGGETTO

Dettagli

DAL 28 OTTOBRE 2012 LINEA SALERNO - BENEVENTO VARIAZIONE ORARIO TRENI

DAL 28 OTTOBRE 2012 LINEA SALERNO - BENEVENTO VARIAZIONE ORARIO TRENI LINEA SALERNO - BENEVENTO VARIAZIONE ORARIO TRENI Da domenica 28 ottobre 2012, in attuazione della delibera 504 Regione Campania, la circolazione sulla linea Salerno - Benevento verrà ripristinata come

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA

STATUTO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA STATUTO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA Art. 1 Denominazione e sede Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli art. 36 e seguenti Codice Civile è costituita

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 570 DEL 29-08-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Impegno di spesa per ciclo esumazioni ordinarie - CIG

Dettagli

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / (atto n. p. s. ), in vita residente a,

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / (atto n. p. s. ), in vita residente a, Marca da bollo 16,00 Spett.le Ufficio Servizi Cimiteriali Servizio SUAP Piazza San Michele 1 30020 QUARTO D ALTINO Tel. 0422 826233 Fax. 0422 826256 servizicimiteriali@comunequartodaltino.it PEC comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it

Dettagli

Comune di Cinisello Balsamo Settore Servizi ai Cittadini U.O.C. Servizi Demografici e Cimiteriali Servizi Cimiteriali

Comune di Cinisello Balsamo Settore Servizi ai Cittadini U.O.C. Servizi Demografici e Cimiteriali Servizi Cimiteriali Comune di Cinisello Balsamo Settore Servizi ai Cittadini U.O.C. Servizi Demografici e Cimiteriali Servizi Cimiteriali SCHEMA DI CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 683 del 18/10/2013 N. registro di area 220 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 18/10/2013 da Domenico Leo Responsabile del Settore GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Servizi cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 18 del 28 maggio 2005 modificato ed integrato con deliberazione

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 51 IN DATA 09/02/04 PROTOCOLLO N. 0005399 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 16/02/2004 COMUNICAZIONE AL PREFETTO (art. 135 D.Lgs. 267/2000) DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE

Dettagli

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato;

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato; REGIONE PIEMONTE BU39S3 25/09/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 22 settembre 2014, n. 22-343 Disciplina regionale dei corsi di formazione professionale relativi ai servizi funebri e cimiteriali

Dettagli

sul BURP n. 109/99, nella parte in cui pone a concorso la sede 4 del comune di Orta Nova.

sul BURP n. 109/99, nella parte in cui pone a concorso la sede 4 del comune di Orta Nova. 8055 sul BURP n. 109/99, nella parte in cui pone a concorso la sede 4 del comune di Orta Nova. Occorre pertanto, in considerazione della su citata sentenza n. 4650/2002, stralciare dalla più volte citata

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO Approvato con deliberazione C.C. n 5 del 17/03/2014 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO STORICO GROSSETANO DELLA RESISTENZA E DELL ETA CONTEMPORANEA PARTE I ART.1

STATUTO DELL ISTITUTO STORICO GROSSETANO DELLA RESISTENZA E DELL ETA CONTEMPORANEA PARTE I ART.1 STATUTO DELL ISTITUTO STORICO GROSSETANO DELLA RESISTENZA E DELL ETA CONTEMPORANEA PARTE I ART.1 L ISTITUTO STORICO GROSSETANO DELLA RESISTENZA E DELL ETA CONTEMPORANEA (ISGREC), che aderisce come associato

Dettagli