PROCEDURA PER L ATTRIBUZIONE DEL CODICE DI PRIORITA IN PRONTO SOCCORSO COB DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO GRAP. Alessandro Selbmann

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA PER L ATTRIBUZIONE DEL CODICE DI PRIORITA IN PRONTO SOCCORSO COB DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO GRAP. Alessandro Selbmann"

Transcript

1 Pagina 1 di 40 REVI - ONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO *Gruppo di Lavoro GRAP Alessandro Selbmann Raffaela Napoli Roberto Riccardi Nicoletta Salvatori Franco Bifulco Direttore Sanitario Aziendale Marina Cerimele Dirigenti di UU.OO. e di Dipartimenti interessati, Specialisti Direttore Pronto Soccorso Delegato Adriano Addobbati R.L.S. (consultazione)

2 Pagina 2 di 40 INDICE Gruppo di lavoro pag. 3 Premessa pag. 4 Scopo / Obiettivo pag. 5 Ambito / campo di applicazione pag. 6 Responsabilità - Matrice della responsabilità pag. 7 Contesto operativo pag. 8 Criticità riscontrate nell organizzazione pag. 8 Descrizione delle azioni pag. 9 Conclusioni pag. 11 Bibliografia pag. 12 Allegati: pag 13

3 Pagina 3 di 40 GRUPPO DI LAVORO Cognome e nome UU.OO. Qualifica Addobbati Adriano Pronto Soccorso Medico Angelini Daniele Pronto Soccorso Medico Aniceti Silvia Saio Coordinatrice Infermiere Cirica Mirco Pronto Soccorso Infermiere Coccia Fabrizio Pronto Soccorso Infermiere Cuboni Marco Saio Coordinatore Infermiere Gallina Linda Pronto Soccorso Infermiere Ginebri Luigi Pronto Soccorso Infermiere Martini Paola Pronto Soccorso Coordinatrice Infermiere Mammolo Tania Pronto Soccorso Infermiere Pacelli Donatella Pronto Soccorso Infermiere Patassini Andrea Pronto Soccorso Infermiere Ricci Elisa Pronto Soccorso Infermiere Schirra Giulietta Pronto Soccorso Infermiere Schweigl M.Theresia Pronto Soccorso Infermiere Vacca Desolina Pronto Soccorso Infermiere Vitali Rocco Pronto Soccorso Infermiere Zocchi Fabrizio Pronto Soccorso Infermiere

4 Pagina 4 di 40 PREMESSA Il sistema di triage è uno strumento organizzativo rivolto al governo degli accessi non programmati a un servizio per acuti 1 Il triage è ormai da molti anni una funzione essenziale nei Dipartimenti d Emergenza-Urgenza perché il sovraffollamento non governabile di queste strutture ha reso necessario adottare tecniche che permettessero di identificare, fra i molti pazienti, coloro che necessitavano di cure immediate. Mediante le tecniche di triage è perciò possibile stabilire quali pazienti debbano essere inviati per primi nell area di trattamento. Stabilire la priorità d accesso all area di trattamento non significa porre una diagnosi, ma individuare quale pazienti hanno bisogno di cure immediate e quali possono attendere la valutazione medica senza correre alcun rischio. 2 Con l introduzione delle prime linee guida sul triage (G:U: 17 maggio 1996, in attuazione a quanto previsto dal D.P.R. 27 marzo 1992 per il sistema di emergenza e urgenza) viene affermato che all interno del Dipartimento Emergenza e Accettazione deve essere prevista la funzione di triage; il provvedimento di legge recita tale funzione è svolta da personale infermieristico adeguatamente formato, che opera secondo protocolli prestabiliti dal dirigente del servizio. 3 Inoltre sono state emanate successivamente specifiche linee guida per il triage intraospedaliero dove si specifica che la.funzione di triage deve essere attivata in tutte le unità operative di pronto soccorso-accettazione, purché correlata al numero di accessi Benci L. Aspetti giuridici della professione infermieristica: McGraw-Hill, Milano, 5 edizione 2008 pag GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione 2010 pag 44 3 GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione 2010 pag 35 4 Benci L. Aspetti giuridici della professione infermieristica: McGraw-Hill, Milano, 5 edizione 2008 pag 139

5 Pagina 5 di 40 SCOPO / OBIETTIVO Lo scopo della presente procedura operativa è quello di definire e uniformare le modalità del processo di triage rivolto a tutti gli utenti che accedono al U.O.C di Pronto Soccorso dell Ospedale Belcolle. Il processo di triage consente l ingresso alla sala visita di tutti i pazienti che accedono al pronto soccorso secondo criteri di priorità che garantiscono l accesso immediato alle cure in base alla gravità delle condizioni del paziente. 5 Obiettivi specifici Gli obiettivi da conseguire con l attivazione del processo di triage sono: Ridurre al minimo possibile il ritardo nell intervento sul paziente urgente e attribuire a tutti i pazienti un codice di priorità che gradui l acceso alle cure mediche in relazione alla potenziale gravità e urgenza Regolare il flusso dei pazienti e mantenere l efficienza complessiva della struttura di Pronto Soccorso 6 5 GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione 2010 pag 35 6 GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione 2010 pag 24

6 Pagina 6 di 40 AMBITO / CAMPO DI APPLICAZIONE Tale procedura operativa viene applicata a tutti gli utenti che si rivolgono al servizio di Pronto Soccorso dell ospedale Belcolle. Il triage deve essere svolto da un infermiere esperto e specificatamente formato, sempre presente nella zona di accoglimento del pronto soccorso e in grado di considerare i segni e sintomi del paziente per identificare condizioni potenzialmente pericolose per la vita e determinare un codice di gravità per ciascun paziente al fine di stabilire le priorità di accesso alla sala visita medica. 7. Con l introduzione delle prime linee guida sul triage (G.U. 17 Maggio 1996, in attuazione a quanto previsto dal D.P.R. 27 Marzo 1992 per il Sistema di Emergenza e Urgenza) deve essere prevista la funzione di triage., e a tal proposito la legge recita tale funzione e svolta da personale infermieristico adeguatamente formato, che opera secondo protocolli prestabiliti dal Dirigente del servizio. Successivamente le linee guida sul triage dell Atto di intesa Stato-Regioni del gennaio stabiliscono alcuni requisiti di base per gli infermieri che svolgono attività di triage: Diploma di infermiere, che secondo la normativa attuale corrisponde alla laurea di primo livello in infermieristica o in titoli a essa equipollenti (diploma universitario in scienze infermieristiche, diploma di infermiere professionale) e nell abilitazione professionale alla professione di infermiere; Almeno 6 mesi di esperienza lavorativa in Pronto Soccorso; Corsi di addestramento nel supporto vitale di base, anche pediatrico; Conoscenza delle procedure del sistema organizzativo del servizio; Corsi di psicologia comportamentale, di organizzazione del lavoro e di conoscenza di tecniche relazionali. 9 7 Benci L. Aspetti giuridici della professione infermieristica: McGraw-Hill, Milano, 5 edizione 2008 pag Atto di Intesa Ministero della salute - Conferenza Stato-Regioni, G.U. n. 285, 7 dicembre GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione 2010 pag 36

7 Pagina 7 di 40 Matrice delle Responsabilità R: responsabile azione C: collaboratore Fase progettuale Fase operativa Proposta Attori Elaborazione Verifica Informazione Approvazione Applicazione Controllo operativo Segnalazione criticità Revisione Procedura Gruppo di Lavoro R R Dirigente U.O. o Dipartim. R R R R Coord. U.O. C R R Operatori R R GRAP R Direttore Sanitario Aziendale R

8 Pagina 8 di 40 IL CONTESTO OPERATIVO Nel pronto soccorso dell ospedale Belcolle il modello triage utilizzato è quello globale. Tale metodologia prevede che l infermiere in base al sintomo/problema che il paziente presenta, sia in grado di valutare il paziente e le sue necessità di assistenza e stabilire le priorità di accesso. CRITICITÀ RISCONTRATE NELLA ORGANIZZAZIONE: 1. Strutturali e logistiche: spazio limitato per pazienti barellati unica postazione monitorizzata sala di attesa alle spalle dell infermiere di triage la porta dell area triage risulta l unico accesso al pronto soccorso difficoltà a garantire la privacy locali inadeguati ai rispondere ai bisogni primari 2. Elevato turn-over del personale infermieristico 3. Mancanza di percorsi con le UO specialistiche nella gestione dei casi meno gravi(codici verdi e bianchi) per rispettare i tempi di attesa delle linee guida regionali 4. Rivalutazione dei casi codificati (la presenza di un solo infermiere non riesce a garantire sempre l ultimo punto del processo di triage) 5. Formazione e aggiornamento del personale sanitario (in riferimento all Atto di Iintesa del Ministero della Salute conferenza stato regioni G.U. n dicembre 2001 alle linee guida sul sistema di emergenza sanitaria G.U. 17 maggio 1996 e alla conferenza stato regione 2003 si evidenzia allo stato attuale una carenza formativa in riferimento alle norme sopra citate) 6. Difficoltà alla manutenzione e a reperire ausili sanitari

9 Pagina 9 di 40 DESCRIZIONE DELLE AZIONI Azione Situazione A Codifica dei pazienti che arrivano con mezzi di soccorso 1. Presa in carico del paziente: osservazione con valutazione visiva 2. Trasferimento del paziente dall ausilio dei mezzi di soccorso all ausilio appropriato del pronto soccorso 3. Espletamento procedura amministrativa quando possibile dietro presentazione del documento di riconoscimento Motivazione Ciò permette di rilevare condizioni pericolose per la vita del paziente (codice rosso per cui il paziente entra immediatamente in sala visita) Ciò permette di ottimizzare l utilizzo degli ausili a disposizione in rapporto alle necessità dello stato di salute del paziente Ciò garantisce il corretto inserimento dei dati anagrafici acquisiti 4. Valutazione soggettiva Intervista al paziente o ad eventuali accompagnatori o personale del soccorso 5. Valutazione oggettiva: rilevazione parametri vitali ricerca specifica di informazioni che possono derivare da un esame localizzato sul distretto corporeo interessato, dal sintomo principale Permette di determinare: sintomo principale evento presente dolore sintomi associati anamnesi Permette di confermare o smentire, attraverso la rilevazione dei dati obiettivi, l ipotesi che ci si è posti con l individuazione del sintomo principale 6. Assegnazione del codice di priorità Attribuzione del codice per dare una priorità di acceso alla visita 7. Informare sul codice colore assegnato Ciò mette il paziente al corrente del codice di priorità attribuito 8. Informare la persona assistita sui tempi di attesa presunti 9. Rivalutazione ad intervalli predefiniti o in relazione al codice di priorità assegnato(vedi allegato 2)o relativamente alle condizioni di salute o alla patologia presente Situazione B Codifica dei pazienti inseriti sul sistema Ciò garantisce una corretta informazione all utenza sui tempi di attesa per ridurre l ansia del paziente e lo stress dell infermiere deputato al triage Mantiene un adeguato codice di priorità ai pazienti in attesa

10 Pagina 10 di 40 informatico Gipse dall infermiere di accoglienza 1. Chiamata del paziente inserito in accoglienza in attesa di codifica definitiva 2. Valutazione soggettiva Intervista al paziente o ad eventuali accompagnatori o personale del soccorso 3. Valutazione oggettiva: rilevazione parametri vitali ricerca specifica di informazioni che possono derivare da un esame localizzato sul distretto corporeo interessato,dal sintomo principale Ciò permette di espletare il processo di triage Permette di determinare: sintomo principale evento presente dolore sintomi associati anamnesi Permette di confermare o smentire, attraverso la rilevazione dei dati obiettivi, l ipotesi che ci si è posti con l individuazione del sintomo principale 4. Assegnazione del codice di priorità Attribuzione del codice per dare una priorità di acceso alla visita 5. Informare sul codice colore assegnato Ciò mette il paziente al corrente del codice di priorità attribuito 6. Informare la persona assistita sui tempi di attesa presunti 7. Rivalutazione ad intervalli predefiniti o in relazione al codice di priorità assegnato(vedi allegato)o relativamente alle condizioni di salute o alla patologia presente Ciò garantisce una corretta informazione all utenza sui tempi di attesa per ridurre l ansia del paziente e lo stress dell infermiere deputato al triage Mantiene un adeguato codice di priorità ai pazienti in attesa (valutazione soggettiva e oggettiva)

11 Pagina 11 di 40 CONCLUONI: L infermiere è la figura centrale e regolatrice del flusso del pronto soccorso, svolge funzioni diverse da una semplice accettazione amministrativa. Oltre a un peculiare patrimonio di competenze professionali, deve avere una sensibilità non comune, disponibilità al dialogo, capacità di risolvere in positivo anche le inevitabili situazioni di disagio che si possono creare in un attività certamente non facile. Alcuni tipi di pazienti richiedono specifiche attenzioni e possibilmente una corsia preferenziale, come i bambini con pianto insistente, i portatori di handicap, i soggetti in evidente etilismo acuto, i pazienti aggressivi e potenzialmente violenti. La decisione di triage è il risultato finale,quindi, di un processo di valutazione e raccolta dati attuato dall infermiere addetto al triage dal quale è richiesta una formazione specifica, un esperienza specifica nel settore e l adozione di protocolli condivisi. Tale procedura si e resa necessaria al fine di uniformare i comportamenti degli operatori di triage in linea con il sistema di triage Modello Lazio e adattarlo alla realta dell U.O.C.di Pronto Soccorso dell Ospedale di Belcolle.In questo modo si cerca di superare la logica della lista d attesa basata sull ordine di arrivo, cercando di evitare che le urgenze minori possano avere la precedenza su quelle maggiori.

12 Pagina 12 di 40 BIBLIOGRAFIA / TOGRAFIA: 1. Atto di Intesa Ministero della salute - Conferenza Stato-Regioni, G.U. n. 285, 7 dicembre Benci L. Aspetti giuridici della professione infermieristica: McGraw-Hill, Milano, 5 edizione Benci L., Manuale giuridico professionale per l esercizio del nursing, Mc Graw-Hill, Milano, Casati M., La documentazione infermieristica, Mc Graw-Hill, Milano, Codice deontologico dell infermiere, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n DM 739/94 Regolamento concernente l individuazione del profilo professionale dell infermiere. 8. Gamba D.V., Linee di orientamento alla lettura del codice deontologico degli infermieri, a cura del Comitato Centrale della Federazione Nazionale Collegi IPASVI. 9. GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione Gruppo Triage Lazio Il triage Ospedaliero Consultazione rapida dell attribuzione del codice colore. Laziosanità Agenzia di sanità pubblica 11. Legge 42/99 Disposizioni in materia di professioni sanitarie. 12. Linee guida sul Sistema di emergenza sanitaria, in Atto di Intesa Stato-Regioni, G.U. 17 maggio 1996, punto 3, funzione di triage.

13 Pagina 13 di Lusignani M., Mangiacavalli B., Casati M., Infermieristica generale e organizzazione della professione, Masson, Milano, Rodriguez D., La responsabilità e il triage infermieristico, Scenario 1999; Vanzetta M., Vallicella F. L operatore socio sanitaria manuale per la formazione Mc Graw-Hill, Milano, 4 edizione 2008 ALLEGATO 1: PROCESSO DI TRIAGE GFT Gruppo Formazione Triage Infermieristico, Mc Graw Hill, Milano, 3 edizione 2010 pag 78

14 Pagina 14 di 40 PUNTO 1 Osservare il paziente Valutazione visiva PUNTO 2 Determinare il sintomo principale e attuare la prima valutazione VALUTAZIONE SULLA PORTA RACCOLTA DATI Valutazione soggettiva definizione del problema o formulazione delle ipotesi PUNTO 3 Attuare la valutazione finalizzata al sintomo principale, ottenere i dati soggettivi relativi alle condizioni presenti, completare la valutazione oggettiva Valutazione oggettiva. PUNTO 4 Considerare il peggiore quadro possibile, formulare ipotesi e raccogliere dati per restringere il campo delle possibilità Considerare le condizioni presenti, le possibili complicanze, il flusso di pazienti e le risorse disponibili Conferma, smentita o migliore definizione del sintomo principale e confermare il sintomo principale PUNTO 5 Assegnare il codice di priorità DECIONE DI TRIAGE PUNTO 6 Rivalutare e riassegnare il codice di priorità se RIVALUTAZIONE necessario Algoritmo di sintesi del processo di triage Gruppo Triage Lazio Il triage Ospedaliero Consultazione rapida dell attribuzione del codice colore. Laziosanità Agenzia di sanità pubblica pag 8

15 Pagina 15 di 40 Valutazione sulla porta Codice rosso? Sala emergenza Raccolta dati Codice rosso Sala emergenza Funzioni vitali esame fisico Codice rosso Sala emergenza Attribuzione codice colore Paziente in attesa Rivalutazione ALLEGATO 2 ASSEGNAZIONE CODICE COLORE

16 Pagina 16 di 40 Per i codici di priorità si utilizzano i codici colore perché più immediati, meglio comprensibili e visibilmente efficaci. CODICE ROSSO (Emergenza) Assegnato ai pazienti in pericolo di vita, in cui vi è la compromissione di una delle tre funzioni vitali (respiro, circolo, coscienza). L accesso in sala visita è immediato! CODICE GIALLO (Urgenza) Viene assegnato ai pazienti in potenziale pericolo di vita per cui vi è possibile il cedimento di una delle funzioni vitali. E necessaria una rivalutazione del paziente dopo 15 minuti L accesso in sala visita è intorno ai 20 minuti. CODICE VERDE I pazienti hanno bisogno di una prestazione medica differibile, ossia non presentano compromissione dei parametri vitali. L accesso alle sale visita avviene dopo i codici rossi e gialli. E necessaria una rivalutazione ogni 60 minuti. Il tempo di attesa è di minuti. CODICE BIANCO I pazienti richiedono prestazioni sanitarie per cui sono previsti percorsi extraospedalieri (medico di famiglia, ambulatori specialistici, consultori etc) E necessaria una rivalutazione a richiesta L accesso agli ambulatori avviene dopo i codici rossi, gialli e verdi. ALLEGATO 3 SCALE DI VALUTAZIONE

17 Pagina 17 di 40 GLASGOW COMA SCALE (GCS) 12 A. Apertura occhi Spontanea 4 Agli stimoli verbali 3 Solo al dolore 2 Assente 1 B. Risposta verbale Orientata e appropriata 5 Confusa 4 Parole inappropriate 3 Parole incomprensibili 2 Assente 1 C. Risposta motoria Obbedisce al comando 6 Localizza al dolore 5 Si retrae in risposta al dolore 4 Flette in risposta al dolore 3 Estende in risposta al dolore 2 Assente 1 SCALA DI GRAVITA DEL DOLORE Gruppo Triage Lazio Il triage Ospedaliero Consultazione rapida dell attribuzione del codice colore. Laziosanità Agenzia di sanità pubblica pag 9 13 Gruppo Triage Lazio Il triage Ospedaliero Consultazione rapida dell attribuzione del codice colore. Laziosanità Agenzia di sanità pubblica pag 9

18 Pagina 18 di 40 Durata in ore 36 1 LIVELLO 1 LIVELLO 1 LIVELLO 6 1 LIVELLO 2 LIVELLO 2 LIVELLO 0 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO Entità ALLEGATO 4 PARAMETRI VITALI Gruppo Triage Lazio Il triage Ospedaliero Consultazione rapida dell attribuzione del codice colore. Laziosanità Agenzia di sanità pubblica pag 13,15,17

19 Pagina 19 di 40 Parametri alterati nel codice rosso nell adulto PAS < 90 mmhg o 250 mmhg PAD 130 mmhg FC 40 b/m o 160 b/m FR < 10 atti/min o 34 atti/min GCS < 12 SpO2 < 86% TC < 35 Parametri vitali alterati nel codice giallo nell adulto PAS > 180 mmhg e < 250 mmhg PAD 120 mmhg e < 130 mmhg FC > 40 e < 60 b/m; > 110 e < 160 b/m + aritmia FR atti/min GCS SpO % TC 35-35,5 C e > 39,5 C Scala del dolore Grado > 3 Parametri vitali alterati nel codice verde nell adulto PAS mmhg PAD <120mmHg FC b/m FR atti/min GCS 15 SpO2 > % TC 35,5 e < 39,5 ALLEGATO 5 DOLORE TORACICO TIPICO

20 Pagina 20 di 40 DEFINIZIONE: dolore oppressivo precordiale con irradiazione al giugolo, alla spalla sinistra alla mandibola, associata a sudorazione algida. E sempre giallo per definizione. E ROSSO SE: Dispnea (FR < 10 o > 30 Sat O2 < 86 % in AA Cianosi Segni di shock Pas < 90 Bradi/tachicardia (FR < 40 o > 150/min) CODICE ROSSO CODICE GIALLO ALLEGATO 6

21 Pagina 21 di 40 DOLORE TORACICO ATIPICO DEFINIZIONE: dolore puntorio o che cambia con il movimento, gli atti respiratori o con la digito pressione, a localizzazione non caratteristica. Alterazione paramentri vitali da codice giallo TC > 38 CODICE GIALLO CODICE VERDE ALLEGATO 7 DISPNEA

22 Pagina 22 di 40 DEFINIZIONE:Fame d aria sensazione di respirazione difficoltosa associata o meno a qualunque tipo di difficoltà oggettiva della ventilazione FR < 10 o > 34 atti/min Segni di compromissione vie aeree (disfonia, russam., stridor, etc.) Impossibilità a formulare frasi compiute Sat O2 < 86 % in AA Sat O2 < 90 % associata a FC < 40 o > 130/ min Segni di shock Alterazione stato di coscienza (GCS 9) CODICE ROSSO Alterazione dello stato di coscienza (GCS 10-13) FR 25 e 34/ min Sat O % Rumori respiratori udibili Ortopnea obbligata Stato di agitazione Emoftoe + 1 degli altri sintomi CODICE GIALLO CODICE VERDE ALLEGATO 8 DOLORE ADDOMINALE

23 Pagina 23 di 40 DEFINIZIONE: dolore che interessa le regioni addominali dal diaframma alla pelvi comprese le regioni posteriori, a genesi non traumatica. Segni di shock Massa addominale pulsante Addome resistente alla palpazione (addome acuto) CODICE ROSSO Dolore severo (3 livello) Insorgenza improvvisa disidratazione Diarrea marcata con segni di Vomito persistente Febbre > 38 C CODICE GIALLO CODICE VERDE Orbite infossate Lingua asciutta Pliche cutanee Oliguria ALLEGATO 9

24 Pagina 24 di 40 EMORRAGIE DIGESTIVE (EMATEME, MELENA, RETTORRAGIA) Alterazione parametri vitali da da codice rosso rosso Segni Segni di di shock Emorragia Emorragia in in atto atto CODICE ROSSO Alterazione parametri vitali da codice giallo Ematemesi recente (24 h) Melena in atto Rettorragia recente (riferita) CODICE GIALLO Alterazione parametri vitali da codice verde Sanguinamento rettale anamnestico minimo CODICE VERDE ALLEGATO 10

25 Pagina 25 di 40 NCOPE DEFINIZIONE NCOPE:perdita di coscienza dovuta a ipoperfusione cerebrale globale transitoria, caratterizzata da rapida insorgenza, breve durata e completo spontaneo recupero. PRE-NCOPE: è la sensazione di debolezza marcata, annebbiamento visivo, confusione mentale, imminente perdita di coscienza, senza tuttavia perdita completa del contatto con l ambiente circostante Alterazione parametri vitali da codice rosso Dxt < 40 mg dl CODICE ROSSO Alterazione parametri vitali da codice giallo Sincope insorta durante o dopo uno sforzo CODICE GIALLO CODICE VERDE ALLEGATO 11

26 Pagina 26 di 40 PAZIENTE CON VERTIGINE DEFINIZIONE: una falsa sensazione di rotazione del proprio corpo (vertigine soggettiva), o della testa, oppure degli oggetti dell ambiente circostante (vertigine oggettiva). E sempre verde per definizione: Cefalea severa (3 livello) Grave ipertensione arteriosa (PAS > 230 o PAD > 130 mmhg) Vomito persistente CODICE GIALLO CODICE VERDE Se vertigini presenti da 36 ore con parametri vitali nella norma riferito CODICE BIANCO ALLEGATO 12

27 Pagina 27 di 40 PAZIENTE CON DISTURBI NEUROLOGICI Alterazione dei parametri vitali da codice rosso Crisi convulsiva in atto o fase post critica Cefalea acuta con deficit neurologici (ad insorgenza acuta) CODICE ROSSO Deficit neurologico insorto tra 4 e 24 ore Disturbi del linguaggio (atassia disartria) Disturbi visivi associati a vomito e/o cefalea TC > 38 C CODICE GIALLO Deficit neurologico insorto oltre le 24 ore precedenti CODICE VERDE Per questa condizione patologica non è prevista l attribuzione del codice colore bianco ALLEGATO 13

28 Pagina 28 di 40 CEFALEA NELL ADULTO Parametri vitali alterati da codice rosso S.A. Almeno un CODICE ROSSO Parametri vitali alterati da codice giallo Episodio con caratteristiche e modalità diverse dai precedenti o 1 episodio Febbre Vomito Dolore severo (3 livello) CODICE GIALLO Cefalea in cefalagico noto con caratteristiche costanti Processi infiammatori noti (es. sinusite, nevralgia del trigemino) Dolore lieve o moderato(1-2 livello) CODICE VERDE (S.A.) Segni di allarme Primo episodio di cefalea severa ad insorgenza improvvisa Diversa modalità di insorgenza in un paziente cefalalgico noto Esordio od esacerbazione a seguito di sforzi fisici Alterazione dello stato di coscienza Segni neurologici focali e/o di irritazione meningea Ipertermia Vomito a getto non correlato all assunzione dei cibi ALLEGATO 14

29 Pagina 29 di 40 DISTURBI GENITO-URINARI Dolore scrotale acuto monolaterale con tumefazione, entro 1-2 ore CODICE ROSSO Ritenzione acuta di urina >12h Dolore reno-uretrale severa Ematuria macroscopica in atto Febbre 38 C associata a stranguria, disuria ed ematura CODICE GIALLO Dolore vescico-uretrale con disuria e pollachiuria Parafimosi Ematuria anamnestica CODICE VERDE CODICE BIANCO ALLEGATO 15

30 Pagina 30 di 40 TRIAGE OSTETRICO-GINECOLOGICO Perdite ematiche abbondanti in atto: associate a dolore addominale associate a febbre elevata in età puberale o in gravidanza anche non certa o puerperio Dolore addominale o pelvico violento anche in assenza di perdite ematiche con pallore, sudorazione algida, ipotensione con febbre elevata associata a brivido CODICE ROSSO Perdite ematiche moderate in atto: in gravidanza anche o presunta con contrazioni uterine in età avanzata CODICE GIALLO Algie pelviche, dismenorrea Perdite ematiche minime o lievi in atto CODICE VERDE CODICE BIANCO ALLEGATO 16

31 Pagina 31 di 40 TRAUMA CRANICO Dinamica evento GCS <9 Parametri da Codice Rosso Otorragia, Rinorrea, Rinorragia e Otorrea Frattura repressa del cranio Vaste ferite sanguinanti dello Scalpo Età > 55anni < condizione precedenti CODICE ROSSO Dinamica evento GCS 9/12 Età <5 >55 anni Trauma cranico con perdita di coscienza Cefalea e vomito -Stato di agitazione CODICE GIALLO Dinamica evento Parametri da Codice Verde GCS 13/15 Epoca del trauma > 12h CODICE VERDE ALLEGATO 17

32 Pagina 32 di 40 TRAUMA GRAVE-POLITRAUMA VALUTAZIONE: A-B-C-D-E SEMPRE, Parametri da Codice Rosso Dinamica dell evento Età Ferite penetranti Fratture multiple ossa lunghe Amputazione di un arto Ustione estesa (Testa, Faccia, Tronco, Addome e Arti) CODICE ROSSO Parametri da Codice Giallo Dinamica dell evento Età <5 >55 anni Amputazione parziale di un arto Ferite profonde degli arti senza alterazioni dei P.V. CODICE GIALLO Per questa condizione patologica non è prevista l attribuzione del codice colore verde ALLEGATO 18

33 Pagina 33 di 40 TRAUMA MIRE Contusione con o senza sospetta frattura di piccoli segmenti ossei entro le 24h Abrasioni o ferite lacero contuse CODICE VERDE Escoriazioni o ferita superficiale da oltre 24h Traumi osteo-articolari senza sospetto di frattura oltre 24h CODICE BIANCO ALLEGATO 19

34 Pagina 34 di 40 URGENZE OFTALMICHE Ferite palpebrali e/o bulbari gravi penetranti Lesioni gravi da contatto con sostanze irritanti/causticanti da meno 12 ore CODICE ROSSO Grave diminuzione del visus improvvisa da meno di 48 ore Contusioni gravi con eventuale ematoma e/o edema Estese ustioni oculari da meno di 12 ore CODICE GIALLO Diminuzione del visus da più di 48 ore Disturbi del visus Contusioni lievi e abrasioni corneali Ferite palpebrali lievi Edema palpebrale esteso Lesioni minore da sospetto corpo estraneo CODICE VERDE Iperemie congiuntivali con bruciore prurito lacrimazioni e secrezioni CODICE BIANCO ALLEGATO 20

35 Pagina 35 di 40 ATTRIBUZIONE CODICE COLORE 0/16 ANNI Convulsioni in atto GCS < o = a 8 Rigidità nucale FR > 60 atti <15 atti/min (neonato >80 atti/min) Cianosi a riposo (spo2 < 90%) Agitazione psicomotoria FC >180 <80 fino a 5 anni FC >160 <60 in pz >5 anni PAS <60 <6 anni PAS <90 >6 anni Apnea >10sec Grave disidratazione Glicemia <40 >300 mg/dl -Febbre 39 c + 1 dei sintomi precedenti CODICE ROSSO Rif. Convulsioni entro le 12h GCS 9/12 FC >180 (fino a 5 anni) FC >160 >5 anni FR > (60 neonato) Spo2 <94% CODICE GIALLO Rif. Convulsioni oltre le 12h Febbre =< 38 c Esantema CODICE VERDE ALLEGATO 21

36 Pagina 36 di 40 USTIONI NELL ADULTO E NEL BAMBI Parametri Vitali da codice rosso Superficie corporea coinvolta oltre 20% (a prescindere dal grado Superficie inferiore al 20% ma con 1 dei seguenti elementi: -età < 3 o > 60 anni -ustione profonda (II e III grado) oltre 10% -presenza di malattie o altri traumi, localizzazione viso, collo, perineo,ustione vie respiratorie Ustioni da folgorazione o chimiche a prescindere dal grado e dall estensione CODICE ROSSO Parametri vitali da codice giallo Superficie coinvolta fra il 20 ed il 10% di I grado Superficie inferiore al 10% ma con coinvolgimento di mani, volto e perineo Entità dolore 7-10 CODICE GIALLO Superficie coinvolta < 10% senza coinvolgimento di mani, volto e perineo Entità dolore < 7 CODICE VERDE ALLEGATO 22 Superficie coinvolta < 10% da oltre 24/h CODICE BIANCO CARATTERISTICHE, SEGNI E NTOMI DELLE USTIONI

37 Pagina 37 di 40 I grado Interessano gli strati più superficiali dell epidermide II grado In base alla profondità si divide: 1. Superficiale 2. Profondo III grado Distruzione della cute e, nei casi più gravi, anche del sotto cute e dei tessuti profondi, che si presentano devitalizzati e carbonizzati Eritema urente, scompare alla pressione Edema Dolore ++++ Guarigione spontanea in 2-8 giorni Superficiale Eritema ed edema Flittene A volte escare superficiali Dolore +++ Guarigione spontanea in giorni Profondo Derma iperemico Depositi biancastri di fibrina Frequenti complicanze infettive Aree di granulazione e riepitelizzazione Dolore ++ Guarigione in giorni con cicatrice Distruzione di cute e tessuti profondi Necrosi con escara di aspetto variabile Dolore + Andamento della guarigione in rapporto al tipo di lesione (per lo più necessita di riparazione chirurgica) Bambino REGOLA DEL 9 Adulto Bambino Adulto Testa 19% 9% Arto superiore 9% 9% Superficie anteriore del tronco Superficie posteriore del tronco Genitali 18% 18% 1% 18% 18% 1% ALLEGATO 23 Arto inferiore 13% 13%

38 Pagina 38 di 40 INTOSCAZIONI Parametri alterati da codice rosso Dispnea, cianosi, rumori respiratori udibili Depressione del sensorio (coscienza) Agitazione psicomotoria Donne in gravidanza (in caso di intossicazione da sostanze ad alta tossicità o sconosciute) CODICE ROSSO Parametri vitali da codice giallo Sostanze non comprese nell elenco delle sostanze a bassa tossicità Donne in gravidanza (in caso di intossicazione da sostanze a bassa tossicità) CODICE GIALLO Sostanze dell elenco a bassa tossicità CODICE VERDE L elenco delle sostanze ad alta tossicità è molto ampio, pertanto la loro identificazione avviene per esclusione di quelle a bassa tossicità di seguito riportate Sostanze a bassa tossicità Farmaci: pillola contraccettiva, vitamine, mercurio del termometro, antiacidi, glicerina, vasellina, fermenti lattici, enzimi digestivi, granuli deidratanti Cosmetici: talco, cipria, polveri da trucco, ombretti, mascara, matite, rossetto, dentifricio, fondotinta, latte detergente, creme e gel per capelli e viso, cerette a strappo, polveri adesive per dentiere Cancelleria: inchiostro matita, gessi, pastelli, acquarelli, tempere, lucidi da scarpe, candele e lumini, cerini e fiammiferi (fino a 10) ALLEGATO 24

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle

Accoglienza in Pronto Soccorso P.O. Belcolle Pagina 1 di 9 P.O. Belcolle REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 31/3/2010 Martini Paola Fronteddu Antonietta Schirra Giulietta Direttore U.O.C. P.S. Direttore Sanitario P.O.C Gallina Linda Ginebri

Dettagli

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML

Dr.Beniamino Susi Gruppo TML Dr.Beniamino Susi Gruppo TML PZ A:45 aa,uomo, intenso dolore fianco dx, irradiato nella regione pelvica con stranguria. Pz agitato, non sudato, polso radiale valido; FC 95 batt/min, FR 16 atti/min, PA

Dettagli

Indice. Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03. Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP...

Indice. Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03. Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP... Indice Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03 E. Piccotti Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP...03 P. Di Pietro, A. Vitale Presentazione a cura del

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA)

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) L. Tadini EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) E caratterizzata da un sanguinamento nello spazio subaracnoideo con spandimento di sangue tra le due leptomeningi. Può manifestarsi in qualsiasi fascia di età ma

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010 L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico Matera 15 giugno 2010 Linee guida 1/1996 (G.U. 17 maggio 1996) Linee Guida Per Il Sistema Di Emergenza Urgenza In Applicazione

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico

IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO. COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico IL TRIAGE INTRAOSPEDALIERO COSIMO MAGLIE Coordinatore infermieristico all interno dei DEA deve essere prevista la funzione di triage, come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti in base

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE TRAUMA approccio e trattamento EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI - Cos è il TRAUMA - TRAUMA SPINALE - TRAUMA CRANICO - TRAUMA al TORACE - TRAUMA all ADDOME -

Dettagli

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche)

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) Corso Base Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA Sono alterazioni neurologiche caratterizzate dalla perdita della consapevolezza di sé e del mondo esterno

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Pediatric Alarm Intercettamento precoce del peggioramento clinico C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Centro di Riferimento SIMEUP Torino, Ospedale Infantile Regina Margherita REGIONE PIEMONTE

Dettagli

SOCCORSO ALLA VITTIMA DI TRAUMA

SOCCORSO ALLA VITTIMA DI TRAUMA SOCCORSO ALLA VITTIMA DI TRAUMA Minore e il tempo che intercorre tra l evento e il trattamento definitivo maggiori sono le probabilità di sopravvivenza per la vittima. FASI DI INTERVENTO: La prima fase

Dettagli

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 15 2016-08 ottobre 2016 programma del corso INFORMAZIONI GENERALI Per essere ammessi all esame finale è necessario aver partecipato: per i Gruppi prioritari di popolazione: a

Dettagli

VALUTAZIONE del TRAUMA BACINO: Cingolo pelvico: Organi pelvici:

VALUTAZIONE del TRAUMA BACINO: Cingolo pelvico: Organi pelvici: 1 Valutazione basata sui segni e sintomi presenti,evento,condizioni cliniche. Si utilizza un processo valutativo in quattro fasi: 1 Valutazione alla porta ( A,B,C,D) 2 Raccolta dati [ scala dolore, storia

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 1

Scaricato da www.sunhope.it 1 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA LESIONI DA ELETTRICITA PROF.SSA A. SCAFURO Le lesioni dovute all elettricità sono eventi relativamente rari, ma le manifestazioni

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale Comportamento violento e istituzioni di cura: i rischi del curare venerdì, 28.09.2007 Aula Magna Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Bicocca Un nuovo modello organizzativo:

Dettagli

Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite

Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite ABRASIONE In campo medico l'abrasione è una leggera escoriazione della pelle o delle mucose o una lesione della parte più esterna della

Dettagli

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane (Si definiscono come: "centrali operative 118 di riferimento" semplificate in C.O. di riferimento quelle centrali sul cui territorio è posta

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

Lesioni traumatiche della cute. Traumi delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli

Lesioni traumatiche della cute. Traumi delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli Lesioni traumatiche della cute Traumi delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli Inf. Roberta Baldessari gruppo CRI Pergine Valsugana Lesioni traumatiche della cute Apparato tegumentario: -la cute:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PERMANENTE DI TRIAGE IN PRONTO SOCCORSO ATTI

CORSO DI FORMAZIONE PERMANENTE DI TRIAGE IN PRONTO SOCCORSO ATTI IRCCS, Policlinico San Matteo, Pavia SIMEU Sezione Lombardia CORSO DI FORMAZIONE PERMANENTE DI TRIAGE IN PRONTO SOCCORSO ATTI Edizione 2002 RELATORI Giorgio Amati, Psicologo Consulente IRCCS, Policlinico

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Buscate

Scuola Secondaria di I grado di Buscate ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ARCONATE E BUSCATE Scuola Secondaria di I grado di Buscate ALLEGATO 1 A.S. 2014/15 PIANO DI EMERGENZA SANITARIA E DI PRIMO SOCCORSO INDICE 1. GENERALITÀ 2. ADDETTI AL PRIMO

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

* Gruppo di lavoro. MANAGEMENT EMERGENZA/URGENZA P.A.INF Punto Assistenza INFermieristico - AUSL VITERBO

* Gruppo di lavoro. MANAGEMENT EMERGENZA/URGENZA P.A.INF Punto Assistenza INFermieristico - AUSL VITERBO GESTIONE EMERGENZA/URGENZA NEI PAINF AUSL VITERBO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 28.09.11 * Gruppo di lavoro GRAP Direttore UOC SPP Alessandro Selbmann Direttore Sanitario Aziendale 1 18.12.12

Dettagli

Modalità volumetrica. Volume corrente. costante stabilito dall operatore a prescindere dalle Pressioni erogate. Barotrauma Minore tolleranza

Modalità volumetrica. Volume corrente. costante stabilito dall operatore a prescindere dalle Pressioni erogate. Barotrauma Minore tolleranza Gestione infermieristica dei pazienti con presidi ventilatori non invasivi Patrizia Zumbo Infermiera UTIC AOU Maggiore della Carità Novara -14/01/2011 STRATEGIE VENTILATORIE NON Pressione positiva INVASIVE

Dettagli

TRAUMI. Per trauma si intende l'azione di un agente fisico/chimico capace di determinare un danno all'integrità somato-psichica della persona

TRAUMI. Per trauma si intende l'azione di un agente fisico/chimico capace di determinare un danno all'integrità somato-psichica della persona TRAUMI Per trauma si intende l'azione di un agente fisico/chimico capace di determinare un danno all'integrità somato-psichica della persona IL TRAUMA! È la prima causa di morte nella popolazione da 1

Dettagli

Segni e sintomi di patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso.

Segni e sintomi di patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso. Segni e sintomi di patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso. Incontro formativo rivolto ai Volontari della Croce Rossa Italiana ana Comitato di Fossombrone, già operativi nell

Dettagli

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA Dr. Paolo Bertolazzi U.O. 118/Pronto Soccorso/Medicina d Urgenza Az. Ospedaliera-Universitaria di Ferrara Dir. Dr. Roberto Melandri INGESTIONE CAUSTICI

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Responsabili del corso: Sig.ra Elena MANA, Dott.ssa Marina CIVITA, Sig.ra Lillina JOURDAN, Sig.ra Paola ESPOSITO. Pagina 1 di 39

Responsabili del corso: Sig.ra Elena MANA, Dott.ssa Marina CIVITA, Sig.ra Lillina JOURDAN, Sig.ra Paola ESPOSITO. Pagina 1 di 39 Responsabili del corso: Sig.ra Elena MANA, Dott.ssa Marina CIVITA, Sig.ra Lillina JOURDAN, Sig.ra Paola ESPOSITO Pagina 1 di 39 CONSIDERAZIONI STORICHE SUL TRIAGE Il triage nasce come evoluzione del soccorso

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

INDICE. 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi. Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo

INDICE. 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali e formativi. Capitolo II: Una realtà italiana: l Azienda Ospedaliera San Paolo INDICE Riassunto Premessa pag. 1 pag. 2 Capitolo I: Principi generali ed elementi di storia 1.1 Cos è il triage e sue origini 1.2 Obiettivi e compiti del triage 1.3 Chi svolge il triage: aspetti legali

Dettagli

1 Congresso Nazionale di Triage

1 Congresso Nazionale di Triage 1 Congresso Nazionale di Triage Le istituzioni Gabriella Guasticchi 11 giugno 2010 Introduzione In letteratura, il processo di triage è riconosciuto lo strumento più utile per identificare rapidamente

Dettagli

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO TRATTAMENTO AL Pag. TRATTAMENTO AL Data di applicazione 0//07 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 3 //07 Medico RD Dott. A. Benini Dott.F. Brunelli Dott. A. Cattoli Dottssa.D. Rinnovi

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO V.d.S. I.P. Franco Onere ANATOMIA E FISIOLOGIA Il sistema nervoso si distingue

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO ASSOCIAZIONE VOLONTARIA REGOLAMENTO SANITARIO Articolo 1 - DIRETTORE SANITARIO Il Direttore Sanitario è l'unico responsabile di fronte alla legge per quanto riguarda i presidi

Dettagli

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Anamnesi EON Diagnostica Strumentale 60% ISCHEMICO 30% EMORRAGICO ANALISI CLUSTER DI PROBABILITA Età M > F Familiarità Fumo Estroprogestinici Ipertensione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

MILANO antinfortunistica SRL

MILANO antinfortunistica SRL Milano 07/09/2015 Spett.le Cliente, con la presente comunichiamo che nei prossimi giorni inizieranno, a nostra cura, una nuova serie di corsi di formazione "antinfortunistica D.Lgs. 81/08 e s.m.i." tra

Dettagli

TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO

TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone

STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone In questo lavoro retrospettivo sono stati inseriti i casi di Intossicazioni da Monossido di Carbonio in Piemonte

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICO IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI METODOLOGIA CLINICA A.A. 2008-09 Docente: Prof. Stefano Signoretti Dispensa Titolo del corso Infermieristica

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA NEL TRAUMA

LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA NEL TRAUMA S.V.T. SUPPORTO VITALE DI BASE NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO 1 INTRODUZIONE Il trauma rappresenta, nei paesi industrializzati, la prima causa di morte nella popolazione di età inferiore ai 40 anni. Il trauma,

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato SVT Supporto Vitale al Traumatizzato Il Soccorso Vitale di base al Traumatizzato, abbreviato anche con SVT (in inglese BTLS, Basic Trauma Life Support o PTC, Pre-hospital Trauma Care), è una tecnica di

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care 1 Sessione: Prevenzione e valutazione delle L.D.D: studi ed esperienze a confronto 8.30-8.45 Introduzione: Maddalena Galizio (B)

Dettagli

primo soccorso nel settore delle costruzioni

primo soccorso nel settore delle costruzioni 2 I MANUALI DEL COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO primo soccorso nel settore delle costruzioni manuale informativo per imprese, lavoratori e figure della sicurezza sul primo soccorso nel settore

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO. Qualche consiglio per affrontare un emergenza in a5esa dell intervento veterinario. Do5.ssa Alice Bonome< DVM, Brescia

IL PRIMO SOCCORSO. Qualche consiglio per affrontare un emergenza in a5esa dell intervento veterinario. Do5.ssa Alice Bonome< DVM, Brescia IL PRIMO SOCCORSO Qualche consiglio per affrontare un emergenza in a5esa dell intervento veterinario Do5.ssa Alice Bonome< DVM, Brescia Emergenze più frequenti IncidenA stradali Ferite e morsicature Colpo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Salute e piccoli traumi. a cura della prof. PATRIZIA BIANCHINI CORSO DI AGGIORNAMENTO DI EDUCAZIONE MOTORIA

Salute e piccoli traumi. a cura della prof. PATRIZIA BIANCHINI CORSO DI AGGIORNAMENTO DI EDUCAZIONE MOTORIA Salute e piccoli traumi a cura della prof. PATRIZIA BIANCHINI CORSO DI AGGIORNAMENTO DI EDUCAZIONE MOTORIA 2. LA SALUTE E I PICCOLI TRAUMI Spesso vi sarà capitato di sentir dire ho avuto uno strappo! oppure

Dettagli

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano PRONTO SOCCORSO IN MONTAGNA

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano PRONTO SOCCORSO IN MONTAGNA Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano PRONTO SOCCORSO IN MONTAGNA PRONTO SOCCORSO IN MONTAGNA. Cause degli incidenti

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO

TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO MORENA CAVALIERE INFERMIERE FORENSE SI INTENDE OGNI FORMA DI MALTRATTAMENTO DI UN BAMBINO O UN ADOLESCENTE DA PARTE DI UN GENITORE, PARENTE, GUARDIANO

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Ferite ed emorragie LA PELLE Funzioni delle pelle: - Rivestimento e protezione - Termoregolatrice (attraverso il sudore) - Depuratrice (eliminaz Sali, sost dannose - Reazione ai raggi solari (melanina)

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Ustioni e annegamento. Dott.ssa M.R. Gallina S.C. Terapia Intensiva Neonatale A.O.U. Maggiore della Carità - Novara

Ustioni e annegamento. Dott.ssa M.R. Gallina S.C. Terapia Intensiva Neonatale A.O.U. Maggiore della Carità - Novara Ustioni e annegamento Dott.ssa M.R. Gallina S.C. Terapia Intensiva Neonatale A.O.U. Maggiore della Carità - Novara USTIONI Lesioni della cute e dei tessuti sottostanti provocate da esposizione a diversi

Dettagli

TRIAGE E FRONT OFFICE IN PRONTO SOCCORSO Definizione, Riferimenti normativi, Strumenti, Strutturazione Funzionale, Protocolli

TRIAGE E FRONT OFFICE IN PRONTO SOCCORSO Definizione, Riferimenti normativi, Strumenti, Strutturazione Funzionale, Protocolli U.O. Medicina e Chirurgia d Urgenza ed Accettazione Direttore Dott. Vito Procacci TRIAGE E FRONT OFFICE IN PRONTO SOCCORSO Definizione, Riferimenti normativi, Strumenti, Strutturazione Funzionale, Protocolli

Dettagli

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Monica Pecorino Meli, Onorina Passeri, Paola Bosco, E. Corona, Serena Battista, Alessia Cazzaniga, Barbara Landi,

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Sigla: 515014 Tipo esame: scritto Valutazione esame: voto

Dettagli

Urgenza nella donna gravida

Urgenza nella donna gravida Capitolo 11 Urgenza nella donna gravida A cura di Stefano Stipa 1 1 Medico 1 1. Urgenza nella donna gravida Obiettivi Formativi: 1) Assistenza al parto; 2) Primo Soccorso alla donna gravida e al neonato.

Dettagli

Psiconcologi e Assistenti Sociali

Psiconcologi e Assistenti Sociali LA PRESA IN CARICO INFERMIERISTICA: LE PRINCIPALI CRITICITÀ Rapporti con Psiconcologi e Assistenti Sociali Rita Reggiani Torino, 23 Settembre 2015 CPSI CAS AO Ordine Mauriziano di Torino Psiconcologo e

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli