COMUNE DI PIEDIMONTE ETN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PIEDIMONTE ETN"

Transcript

1 COMUNE DI PIEDIMONTE ETN DELIBERAZIONE N. 26 PROVINCIA DI CATANIA DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE OGGETTO-MODIFICA REGOLAMENTO IUC L'anno 2015, addì 30 del mese di LUGLIO alle ore 18,30 in Piedimonte Etneo, presso la sala delle Adunanze, sita in Via Vittorio Emanuele II, n. 34, convocato per decisione del Presidente del Consiglio, con avviso, prot. n del 27/07//2015 notificato per iscrìtto per mezzo del messo comunale, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione STRAORDINARIA. All'adunanza risultano intervenuti, ad apertura di seduta, i seguenti Consiglieri: CONS/GUERI PALAZZOLOALFIO CATANZARO ALFiA POLLICINA GIU MAUGER1 MARIO ROMEO SERENA NUCIFORA MARIA ALFIA VALASTRO GIUSEPPE BELFIORE FELICE CARMELO ROSARIO ALAMPI VANESSA CATENA VALASTRO SARA LEVA LUIGI CERALDO COCO FRANCESCO ANTONIO LAROCCAALFJO GIUSEPPE ROSARIO CONTARINO GLORIA NUCIFORA MARIO PRESENTI ASSENTI Consiglieri assegnati n. 15; Consiglieri presenti n. 12 Consiglieri assenti n. 03; Assume la Presidenti il Presidente del Consiglio Paìazzolo - Partecipa il Segretario Comunale, dott.ssa Anna Bongiorno

2 Comune di Piedimonte Etneo (Provincia di Catania) PUNTO 2 O.D.G. - DEUBERA CONLIARE N. 26 DEL 30/07/2015 OGGETTO: MODIFICHE REGOLAMENTO IUC. OMISS IL CONG LTO COMUNALE Con voti favorevoli n. 8 (otto): Palazzolo, Maugeri, Romeo, Valastro G., Alampi, Leva, Coco, Contarmo. - e voti contrari n. 4 (quattro): Belfiore, Catanzaro, Valastro S., La Rocca. Immediata Esecutività: voti favorevoli n. 8 (otto); PaJazznlo., Maugeri, Romeo, Valastro G-, Alampì, Leva, Coco, Contarino. - e astenuti n. 4 (quattro): Belilo re, Catanzaro, Valastro S., La Rocca. DEUBERA. 1. APPROVARE, come approva, l'allegata modifica del Regolamento IUC, così come approvato dalla I e II Commissione Consiliare in seduta congiunta. 2. DARE ATTO che la suddetta proposta di modifica è stata depositata presso la Segreteria Comunale e pubblicata all'albo Pretorio on-line di questo Ente a far data dal 17 luglio 2015, e che pertanto è decorso il termine di dieci giorni previsti dall'apposita norma statutaria. 3. DARE ATTO che la suddetta modifica entrerà in vigore, ai sensi dell'ari. 5 comma 3, dello Statuto Comunale, il quindicesimo giorno dalla sua ripubblicazione, dopo che la relativa delibera è divenuta esecutiva. 4. DISPORRE la pubblicazione sul sito internet dell'ente e la successiva trasmissione al Ministero dell'economìa e delle Finnnze - Dipartimento delle Finanze Direzione Federalismo Fiscali. 5. DICHIARARE il presente atto immediatamente esecutivo ai sensi di legge.

3 PROPOSTA DI MODIFICA REGOLAMENTO IUC Art.8 Abitazione principale e relative pertinenze ( Vecchio Testo ) 1. Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibiìe nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Qualora i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafìca in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. 2. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2 (Magazzini e locali di deposito), C/6 (Stalle, scuderie, rimesse e autorimesse) e C/7 (Tettoie chiuse o aperte), nella misura massima di un'unità pertìnenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. 3. Dal 2014, le abitazioni principali e relative pertinenze, sono esenti dall'imposta, fatta eccezione per quelle appartenenti alle categorie catastali AI, A8 e A9. 4. Dall'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, 200 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione: se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la' quale la destinazione medesima si verifica. Se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi o in parti uguali o proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica. Tale detrazione può essere aumentata con la delibera comunale con cui sono stabilite le aliquote. A seguito dell'aumento la detrazione può arrivare fino a concorrenza dell'importo dovuto per l'abitazione principale. In tal caso l'aliquota per le unità immobiliari tenute a disposizione non può superare l'aliquota di base. 5. Per gli anni 2012 e 2013 oltre alla detrazione di cui al precedente comma spetta al contribuente una maggiorazione di 50 per cìascun figlio di età non superiore a ventìseì anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale. L'importo complessivo della maggiorazione, a! netto della detrazione di base, non può superare l'importo massimo di All'abitazione principale, quando soggetta all'imposta, si applica un'aliquota ridotta pari allo 0,4% che può essere ridotta fino allo 0,2% oppure può essere aumentata fino allo 0,6%. 7. La detrazione di cui al comma 4 si applica anche agli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell'articolo 93 del D.P.R. 24 luglio 1977, n È considerata direttamente adibita ad abitazione principale l'unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito dì ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. 9. A partire dal 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale l'unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata. 10. È considerata direttamente adibita ad abitazione principale 1' unità immobiliare e relative pertinenze concessa in comodato dal soggetto passivo dell'imposta a parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale, limitatamente alla quota di rendita risultante in catasto non eccedente il valore di euro 500 oppure nel solo caso in cui il comodatario appartenga a un nucleo familiare con ISEE non superiore a euro annui.

4 Art. 8 Abitazione principale e relative pertinenze (Nuovo Testo) 1. Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Qualora Ì componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafìca in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. 2. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2 (Magazzini e locali di deposito), C/6 (Stalle, scuderie, rimesse e autorimesse) e C/7 (Tettoie chiuse o aperte), nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. 3. Dal 2014, le abitazioni principali e relative pertinenze, sono esenti dall'imposta, fatta eccezione per quelle appartenenti alle categorie catastali Al, AS e A9. 4. Dall'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, 200 rapportati al periodo dell'anno durante il quale sì protrae tale destinazione; se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verìfica. Se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi o in parti uguali o proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica. Tale detrazione può essere aumentata con la delibera comunale con cui sono stabilite le aliquote. A seguito dell'aumento la detrazione può arrivare fino a concorrenza dell'importo dovuto per l'abitazione principale. In tal caso l'aliquota per le unità immobiliari tenute a disposizione non può superare l'aliquota di base. 5. Per gli anni 2012 e 2013 oltre alia detrazione di cui al precedente comma spetta al contribuente una maggiorazione di 50 per cìascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché dimorante abitualmente e residente anagrafì e amente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale. L'importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non può superare l'importo massimo di All'abitazione principale, quando soggetta all'imposta, si applica un'aliquota ridotta pari allo 0,4% che può essere ridotta fino allo 0,2% oppure può essere aumentata fino allo 0,6%. 7. La detrazione di cui al comma 4 sì applica anche agli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (1AC.P) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli 1ACP, istituiti in attuazione dell'articolo 93 del D.P.R. 24 luglio 1977, n È considerata direttamente adibita ad abitazione principale l'unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti dì ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. 9. A partire dall'anno 2015 e1 considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unita1 immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), già1 pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a tìtolo i proprietà o di usufrutto in.italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso. Su (ale unità immobiliare l'imposta comunale TA è applicata, per ciascim anno, in misura ridona dì due terzi. 10. È considerata direttamente adibita ad abitazione principale P unità immobiliare e relative pertinenze concessa in comodato dal soggetto passivo dell'imposta a parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale, limitatamente alla quota di rendita risultante in catasto

5 non eccedente il valore di euro 500 oppure nel solo caso in cui il comodatario appartenga a un nucleo familiare con ISEE non superiore a euro annui, Art Presupposto aggettivo (Vecchio Testo) 1. Non sono soggetti alla tassa: a) i locali e le aree scoperte non suscettibili di produrre rifiuti urbani; b) le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative; e) le aree comuni condominiali ai sensi dell'art 1117 del codice civile non detenute o occupate in via esclusiva. 2. Sono esenti le utenze domestiche prive di arredo e servite da utenze condominiali oppure utenze comuni a più unità immobiliari (servizio idrico, servizio gas, altri servizi per i quali non è possibile la cessazione autonoma). 3. La mancata utilizzazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati o Pinterruzione temporanea dello stesso non comporta esonero o riduzione del tributo. 4. Non sono soggetti al tributo i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o che non comportano, secondo la comune esperienza, la produzione di rifiuti in misura apprezzabile per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati come a titolo esemplificativo: a) le unità immobiliari adibite a civile abitazione prive di mobili e suppellettili e sprovviste di tutti i contratti attivi di fornitura dei servizi pubblici a rete, quali erogazione idrica, elettrica, calore, gas, telefonica o informatica. La presenza anche di uno solo di tali servizi costituisce presunzione semplice dell'occupazione o conduzione dell'immobile e della conseguente attitudine alla produzione di rifiuti. b) le unità immobiliari non domestiche per le quali non siano stati rilasciati da parte degli enti competenti, anche in forma tacita, atti assentivi o autorizzativi per l'esercizio di attività nelpimmobile o da dichiarazione rilasciata dal titolare a pubbliche autorità. e) le superfici destinate al solo esercizio di attività sportiva, ferma restando l'imponibilità delle superfici destinate a usi diversi, quali spogliatoi, servizi igienici, uffici, biglietterie, punti di ristoro, gradinate e simili; d) i locali stabilmente riservati a impianti tecnologici, quali vani ascensore, centi-ali termiche, cabine elettriche, celle frigorifere, locali di essicazione e stagionatura senza lavorazione, silos e simili; e) le unità immobiliari per le quali sono state rilasciate, anche in forma tacita, atti abilitativi per restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia, limitatamente al periodo dalla data d'inizio dei lavori fino alla data di inizio dell'occupazione; f) le aree adibite in via esclusiva al transito o alla sosta gratuita dei veicoli; g) pei" gli impianti dì distribuzione dei carburanti: le aree scoperte non utilizzate né utilizzabili perché impraticabili o escluse dall'uso con recinzione visibile; le aree su cui insiste l'impianto di lavaggio degli automezzi; le aree visibilmente adibite in via esclusiva all'accesso e all'uscita dei veicoli dall'area di servizio e dal lavaggio. h) soffitte e sottotetti a falde spioventi adibite a deposito di materiale vario di uso domestico in disuso, limitatamente al 50% dell'intera superficie; i) Gli edifici adibiti in via permanente ed esclusiva all'esercizio di qualsiasi culto religioso, escluse ìn ogni caso le abitazioni dei ministri di culto, ed i locali utilizzati per attività non strettamente connesse al culto stesso: 6. Le circostanze di cui al comma precedente devono essere indicate nella dichiarazione originaria o di variazione ed essere riscontrabili in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o da idonea documentazione quale, ad esempio, la dichiarazione d'inagibilità o d'inabitabilità emessa dagli organi competenti, la revoca, la sospensione, la rinuncia degli atti abilitativi tali da impedire l'esercizio dell'attività nei locali e nelle aree alle quali si riferiscono i predetti provvedimenti. 7. Nel caso in cui sia comprovato il conferimento di rifiuti al pubblico servizio da parte di utenze totalmente escluse da tributo ai sensi del presente articolo verrà applicato il tributo per

6 l'intero anno solare in cui si è verìficato il conferimento, oltre agli interessi di mora e alle sanzioni per infedele dichiarazione. Art 27 Presupposto aggettivo (Nuovo testo) 1. Non sono soggetti alla tassa; a) i locali e le aree scoperte non suscettibili di produrre rifiuti urbani; b) le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative; e) le aree comuni condominiali ai sensi delpart del codice civile non detenute o occupate in via esclusiva. 2. Sono esenti le utenze domestiche prive di arredo e servite da utenze condominiali oppure utenze comuni a più unità immobiliari (servizio idrico, servizio gas, altri servizi per i quali non è possibile la cessazione autonoma). 3. La mancata utilizzazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati o l'interruzione temporanea dello stesso non comporta esonero o riduzione del tributo. 4. Non sono soggetti al tributo i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o che non comportano, secondo la comune esperienza, i a produzione di rifiuti in misura apprezzabile per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati., come a titolo esemplificativo: a) le unità immobiliari adibite a civile abitazione prive di mobìli e suppellettili e sprovviste di tutti i contratti attivi di fornitura dei servizi pubblici a rete, quali erogazione idrica, elettrica, calore, gas, telefonica o informatica. La presenza anche di mio solo di tali servizi costituisce presunzione semplice dell'occupazione o conduzione deirimmobile e della conseguente attitudine alla produzione di rifiuti. b) le unità immobiliari non domestiche per le quali non siano slati rilasciati da parte degli enti competenti, anche in forma tacita, atti assentivi o autorizzativi per l'esercizio di attività nell'immobile o da dichiarazione rilasciata dal titolare a pubbliche autorità, a condizione che l'immobile non venga utilizzato per finalità domestiche; e) le superfici destinate al solo esercizio di attività sportiva, ferma restando l'imponibilità delle superfìci destinate a usi diversi, quali spogliatoi, servizi igienici, uffici, biglietterie, punti dì ristoro, graduiate e simili; d) i locali stabilmente riservati a impianti tecnologici, quali vani ascensore, centrali termiche, cabine elettriche, celle frigorifere, locali di essicazione e stagionatura senza lavorazione, silos e simili; e) le unità immobiliari per le quali sono state rilasciate, anche in forma tacita, atti abilitativi per restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia, limitatamente al periodo dalla data d'inizio dei lavori, fino alla data di inizio dell'occupazione; f) le aree adibite in via esclusiva al transito o alla sosta gratuita dei veicoli; g) per gli impianti di distribuzione dei carburanti: le aree scoperte non utilizzate né utilizzabili perché impraticabili o escluse dall'uso con recinzione visibile; le aree su cui insiste l'impianto di lavaggio degli automezzi; le aree visibilmente adibite in via esclusiva all'accesso e all'uscita dei OO O ' veicoli dall'area di servizio e dal lavaggio. h) soffitte e sottotetti a falde spioventi adibite a deposito di materiale vario di uso domestico in disuso, limitatamente al 50% dell'intera superficie; i) Gli edifìci adibiti in via permanente ed esclusiva all'esercizio di qualsiasi culto religioso, escluse in ogni caso le abitazioni dei ministri di culto, ed i locali utilizzati per attività non strettamente connesse al culto stesso; 6. Le circostanze di cui al comma precedente devono essere indicate nella dichiarazione originaria o di variazione ed essere riscontrabili in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o da idonea documentazione quale, ad esempio, la dichiarazione d'inagibilità o d'inabitabilità emessa dagli organi competenti, la revoca, la sospensione, la rinuncia degli atti abilitativi tali da impedire l'esercizio dell'attività nei locali e nelle aree alle quali si riferiscono i predetti provvedimenti. 7. Nel caso in cui sia comprovato il conferimento di rifiuti al pubblico servizio da parte dì utenze totalmente escluse da tributo ai sensi del presente articolo verrà applicato il tributo per

7 l'intero anno solare in cui si è verificato il conferimento, oltre agli interessi dì mora e alle sanzioni per infedele dichiarazione. Art. 34 Riduzioni ( vecchio testo) 1. La tassa è dovuta per intero nelle zone in cui è effettuata la raccolta dei rifiuti urbani ed assimilati. 2. Per le utenze non servite dalla raccolta, il tributo da applicare è ridotto in misura del 60%. 3. La riduzione di cui al precedente comma deve essere appositamente richiesta dal soggetto passivo con la presentazione della dichiarazione. 4. Alle utenze domestiche che effettuano la raccolta differenziata dei rifiuti è assicurata la riduzione prevista dall'articolo 14, comma 17, del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 e dall'artìcolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 199, n. 158, attraverso l'abbattimento della parte variabile della tariffa complessivamente imputata a tali utenze in misura percentuale compresa tra il 50% e il 100% del costo evitato di smaltimento finale dei rifiuti raccolti in maniera differenziata nell'anno precedente (differenze tra i costi di smaltimento e i costi di recupero e trattamento riferiti alla quantità raccolta in maniera differenziata). 5. Il tributo non è dovuto in relazione alla quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di avere avviato al recupero. 6. Ai sensi dell'ari 1, comma 659, della Legge 147/2013 la tariffa è ridotta nelle seguenti ipotesi: 1. abitazioni con unico occupante in stato di disagio: riduzione 33%; 2. abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo: riduzione 33%; 3. locali diversi dalle abitazioni ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente: riduzione 33 % ; 4. abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più di sei mesi all'anno all'estero: riduzione 33 % ; 5. fabbricati rurali ad uso abitativo: riduzione 33 %' 7. In presenza di particolari situazioni di disagio economico e sociale, sono accordate specifiche riduzioni percentuali della tariffa in favore di contribuenti residenti che si trovino nelle seguenti condizioni: - nuclei familiari che versano in condizioni indigenti con un reddito complessivo (ISEE) non superiore a 7.500,00; - nuclei familiari in stato di indigenza, attestata formalmente dal servizio socio - assistenziale comunale, e che, in ragione di detta situazione, usufruiscono o hanno titolo per usufruire di interventi economici di sussidio da parte del comune; - nuclei familiari composti da contribuenti ultrasettantacinquenni con un reddito complessivo (ISEE) non superiore a ,00; - nucleo familiare in cui vi sia un invalido al 100% con reddito ISEE riferito alle seguenti fasce: 1. da O a 9.000,00 euro riduzione del 100% 2. da 9.000;99 a ,00 euro riduzione del 75% 3. da ,99 a ,00 euro riduzione del 50% 4. da ,99 a ,00 euro riduzione del 25% - invalidi al 100% che abitino da soli, unicamente all'immobile abitato riduzione del 100% Per usufruire delle agevolazioni per particolari situazioni di disagio economico e sociale ii contribuente deve presentare apposita istanza annuale al servizio socio - assistenziale comunale entro il termine utile indicato in apposito avviso del Responsabile del settore. L'entità delle percentuali delle agevolazioni previste dal comma 1, non cumulabili, verrà stabilita nei limiti dello stanziamento della specifica voce di bilancio di previsione.

8 Nel caso in cui le domande di riduzione del tributo pervenute non possano essere soddisfatte avuto riguardo agli appositi fondi stanziati, sarà formata apposita graduatoria tra i richiedenti, redatta in ordine crescente di indicatore ISEE o, comunque, secondo la gravita della situazione di disagio economico e sociale di valutazioiie del servizio socio - assistenziale comunale. L'avvenuto riconoscimento della sussistenza delle condizioni per il benefìcio connesso a motivi di disagio economico e sociale deve essere comunicato, dal servizio socio - assistenziale comunale al beneficiario, al responsabile dell'area finanziaria e al responsabile del tributo. Ove siano riconosciute delle riduzioni riguardanti importi del tributo già riscossi, Putente avrà diritto al rimborso della somma versata in eccedenza. Qualora le condizioni per usufruire delle agevolazioni vengano a cessare, il tributo è interamente pagato a decorrere dal primo giorno del mese solare successivo a quello in cui siano venute meno le condizioni per l'agevolazione, a fronte della denuncia di variazione dell'interessato ovvero a seguito di accertamento d'ufficio, che il Comune può in qualsiasi tempo eseguire, al fine di verificare l'effettiva sussistenza delle condizioni richieste per usufruire dell'agevolazione tributaria. 8. Le riduzioni tariffarie sopra indicate competono a richiesta dell'interessato. Alle utenze domestiche che abbiano avviato il compostaggio dei propri scarti organici ai finì dell'utilizzo in sito del materiale prodotto si applica una riduzione del 10%. La riduzione è subordinata alla presentazione, entro il 30 gennaio, di apposita istanza, contenente la dichiarazione, su modulo predisposto dall'ufficio, di avere attivato il compostaggio domestico in modo continuativo nell'anno di rifermerito e corredata dalla documentazione attestante l'acquisto dell'apposito contenitore. Saranno effettuati periodicamente dei controlli da parte dei competenti Uffici, al fine di accertare il permanere delle condizioni per usufruire della riduzione connessa..." Art. 34 Riduzioni (Nuovo Testo) 1. La tassa è dovuta per intero nelle zone in cui è effettuata la raccolta dei rifiuti urbani ed assimilati. 2. Per le utenze non servite dalla raccolta, il tributo da applicare è ridotto in misura del 60%. 3. La riduzione di cui al precedente comma deve essere appositamente richiesta dal soggetto passivo con la presentazione della dichiarazione, 4. Alle utenze domestiche che effettuano la raccolta differenziata dei rifiuti è assicurata la riduzione prevista dall'articolo 14, comma 17, del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 e dall'articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 199, n. 158, attraverso l'abbattimento della parte variabile della tariffa complessivamente imputata a tali utenze in misura percentuale compresa tra il 50% e il 100% del costo evitato di smaltimento finale dei rifiuti raccolti in maniera differenziata nell'anno precedente (differenze ira i costi di smaltimento e i costi di recupero e trattamento riferiti alla quantità raccolta in maniera differenziata). 5. Il tributo non è dovuto in relazione alla quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di avere avviato al recupero. 6. Ai sensi dell'art. 1, comma 659, della Legge 147/2013 la tariffa è ridotta nelle seguenti ipotesi: a) abitazioni con unico occupante in stato di disagio: riduzione 33%: b) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo: riduzione 33%; e) locali diversi dalle abitazioni ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente: riduzione 33 % ; d) abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più dì sei mesi all'anno all'estero: riduzione 33 %; e) fabbricati rurali ad uso abitativo: riduzione 33 % f) abitazione posseduta, a titolo di proprietà o usufrutto, dai cittadini italiani residenti nel territorio dello Stato e iscritti alt'anagrqfe degli italiani residenti all'estero (AIRE), che siano pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a condizione che non risulti locata o data, in comodato d'uso: riduzione del 66%;

9 g) locali diversi dalle abitazioni, che non costituiscano pertinenze delle stesse, utilizzati per finalità domestiche e che non comportano una presenza umana continua: riduzione del 50%; h) I locali diversi dalle abitazioni che sono poste al servizio esclusivo del fondo agrìcolo circostante, a condizione che non abbiano una superfìcie superiore a mq 28 o che presentino caratteristiche che escludano una presenza umana continua: riduzione 60%... ". i) Per gli immobili utilizzati da chi avvia un'attività commerciale, con esclusione di quelle con video poker, slot machine, locali scommesse e/o con gioco d'azzardo, è prevista una riduzione del 50% per i primi due anni di attività, per un massimo di di detrazione per ogni anno dì riferimento. Essa sarà prorogata di altri due anni se si dimostra l'assunzione di almeno un dipendente, residente nel Comune, con contratto a tempo indeterminato, durante il primo anno di attività. Tale riduzione è applicabile, limitatamente ali 'anno 2015, per le attività avviate nel corso dell 'anno I) E' prevista la riduzione del 20% della tariffa per le famiglie composte da giovani coppie, per i primi tre anni di matrimonio, che occupano un'abitazione con contratto di affitto regolarmente registrato, a condizione che abbiano un'età inferiore a 35 anni e un reddito complessivo ISEE, con riferimento all'anno precedente a quello in cui si chiede la riduzione, non superiore a ,00. m) A partire dall'anno 2015 e' considerala direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unita' immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'anagrafe degli italiani, residenti all'estero (AIRE), già'pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo i proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locala o data in comodato d'uso. Su tale unità immobiliare l'imposta comunale TARI è applicata, per ciascun anno, in. misura ridotta di due terzi. 1. In presenza di particolari situazioni di disagio economico e sociale, sono accordate specifiche riduzioni percentuali della tariffa in favore di contribuenti residenti che si trovino nelle seguenti condizioni: - nuclei familiari che versano in condizioni indigenti con un reddito complessivo (ISEE) non superiore a 7.500,00; - nuclei familiari in stato di indigenza, attestata formalmente dal servizio socio - assistenziale comunale, e che, in ragione di detta situazione, usufruiscono o hanno titolo per usufruire di interventi economici di sussidio da parte del comune; - nuclei familiari composti da contribuenti ultrasettantacinquenni con un reddito complessivo (ISEE) non superiore a ,00; - nucleo familiare in cui vi sia un invalido al 100% con reddito ISEE riferito alle seguenti fasce: 1. da O a 9.000,00 euro riduzione del 100% 2. da 9.000,99 a ,00 euro riduzione del 75% 3. da ,99 a ,00 euro riduzione del 50% 4. da ,99 a ,00 euro riduzione del 25% - invalidi al 100% che abitino da soli, unicamente all'immobile abitato riduzione del 100%. 8. Per usufruire delle agevolazioni per particolari situazioni di disagio economico e sociale il contribuente deve presentare apposita istanza annuale al servizio socio - assistenziale comunale entro il termine utile indicato in apposito avviso del Responsabile del settore. L'entità delle percentuali delle agevolazioni previste dal comma precedente, non cumulabili, verrà stabilita nei limiti dello stanziamento della specifica voce di bilancio di previsione. 9. Nel caso in cui le domande di riduzione del tributo pervenute non possano essere soddisfatte avuto riguardo agli appositi fondi stanziati, sarà formata apposita graduatoria tra i richiedenti, redatta in ordine crescente di indicatore ISEE o, comunque, secondo la gravita della situazione di disagio economico e sociale di valutazione del servizio socio - assistenziale comunale. 10. L'avvenuto riconoscimento della sussistenza delle condizioni per il beneficio connesso a motivi di disagio economico e sociale deve essere comunicato, dai servizio socio - assistenziale comunale al beneficiario, al responsabile dell'area finanziaria e al responsabile del tributo. 11. Ove siano riconosciute delle riduzioni riguardanti importi del tributo già riscossi, l'utente avrà diritto al rimborso della somma versata in eccedenza. 12. Qualora le condizioni per usufruire delle agevolazioni vengano a cessare, il tributo è interamente pagato a decorrere dal primo giorno del mese solare successivo a quello in cui siano

Comune di Marsicovetere

Comune di Marsicovetere Comune di Marsicovetere PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONGLIO COMUNALE N. 12 DEL 31/03/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2015.

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 pagina 1 TASI (TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI) ALIQUOTE ANNO 2014 (Approvate con delibera di Consiglio

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Pozzo d'adda Provincia di Milano NUMERO 14 DATA 06 LUGLIO 2015 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO D'IMPOSTA 2015 (CONFERMA ALIQUOTE E DETRAZIONI

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 50 del 11/06/2015 OGGETTO: ALIQUOTE E DETRAZIONE DEL'IMPOSTA MUNICIPALE UNICA IMU PER L'ANNO 2015.

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 50 del 11/06/2015 OGGETTO: ALIQUOTE E DETRAZIONE DEL'IMPOSTA MUNICIPALE UNICA IMU PER L'ANNO 2015. DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 50 del 11/06/2015 OGGETTO: ALIQUOTE E DETRAZIONE DEL'IMPOSTA MUNICIPALE UNICA IMU PER L'ANNO 2015. L anno duemilaquindici, addì undici del mese di giugno alle ore

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 25 del 9 settembre 2014 OGGETTO: ALIQUOTE IMU - APPROVAZIONE. L anno duemilaquattordici il

Dettagli

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE Art. 3 Indicazione analitica dei servizi indivisibili TITOLO I Disposizioni

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini PROPOSTA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 33 del 23/04/2013 SETTORE: SERVIZIO: DIRIGENTE RESPONSABILE: # IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO COPIA DELIBERAZIONE N. 11 In data 11/06/2015 COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO *************** Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - IMU.

Dettagli

COMUNE DI CIVO PROVINCIA DI SONDRIO

COMUNE DI CIVO PROVINCIA DI SONDRIO COMUNE DI CIVO PROVINCIA DI SONDRIO COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 58 Registro delibere OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU

Dettagli

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 Prot. n. 24405 1 E istituita con decorrenza dal 1 gennaio 2014 l imposta comunale (IUC), con la Legge 27/12/2013,

Dettagli

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM Il Sindaco Gualtiero Pastore comunica, spiegando, il pagamento imposte e tasse per l anno 2014: Il Consiglio Comunale del 24.9.2014 ha approvato le

Dettagli

Comune di Cupra Marittima

Comune di Cupra Marittima Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno ORIGINALE ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 11 DEL 30-04-2013 Oggetto: L'ANNO 2013. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU). DETERMINAZIONE

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI MEZZAGO Provincia di Monza e della Brianza COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima convocazione NR. 26 DEL 29-07-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n.

COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. 201) UTENZA NON DOMESTICA (Da compilarsi in stampatello Vedere

Dettagli

TASI Tassa sui Servizi Indivisibili

TASI Tassa sui Servizi Indivisibili La nuova imposta è composta da tre tributi: Tassa sui servizi indivisibili - TASI Imposta Municipale Unica - IMU Tassa sui rifiuti - TARI TASI Tassa sui Servizi Indivisibili L Amministrazione Comunale

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014 COMUNE DI SENIGALLIA Ufficio Tributi e Canoni IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014 L art. 1, comma 639, della Legge 27 dicembre 2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. INDICE ART. 1 - FINALITA ART. 2 - ABITAZIONE PRINCIPALE ART. 3 PERTINENZE ART. 4 - FABBRICATI NON ULTIMATI, COLLABENTI O SOGGETTI AD

Dettagli

L IMPOSTA UNICA COMUNALE comunemente chiamata IUC VADEMECUM

L IMPOSTA UNICA COMUNALE comunemente chiamata IUC VADEMECUM L IMPOSTA UNICA COMUNALE comunemente chiamata IUC VADEMECUM Il presente documento si propone di semplificare la comprensione al cittadino della nuova IUC, nella sua strutturazione di legge. COS E? L Imposta

Dettagli

COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI. INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015

COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI. INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015 COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015 RATA 1 - ACCONTO RATA 2 - SALDO TERMINI DI VERSAMENTO Rata in acconto

Dettagli

CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como. Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale

CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como. Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Cat. 2 Cl. 3. COPIA CONFORME CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como Deliberazione n. 21 del 07-04-2015 Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: Determinazione aliquote e detrazioni TASI - Tributo

Dettagli

OMUNE DI OTTATI - PROVINCIA DI SALERNO ORIGINALE a COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2\L 30.10.2012

OMUNE DI OTTATI - PROVINCIA DI SALERNO ORIGINALE a COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2\L 30.10.2012 OMUNE DI OTTATI - PROVINCIA DI SALERNO ORIGINALE a COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2\L 30.10.2012 OGGETTO: Determinazione Aliquote IMU2012 L'anno 2012, addì trenta, del mese di ottobre, alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI ( - D. Lgs 22/97 art. 49 e successive modifiche ed integrazioni e - DPR 158/99 e successive modifiche

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Con la legge di Stabilità 2014 Legge 27.12.2013 n.147 è stata istituita dal 1 gennaio 2014 l imposta unica comunale (IUC) basata su due presupposti impositivi: il primo costituito

Dettagli

IUC 2015 - Imposta Unica Comunale

IUC 2015 - Imposta Unica Comunale IUC 2015 - Imposta Unica Comunale Aggiornamento 04/06/2015 Dal 1 Gennaio 2014 con la normativa introdotta dalla Legge di stabilità ( Legge 147/2013) è stata istituita la IUC, la nuova Imposta Unica Comunale.

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari Art. 3 Abitazioni concesse

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina COMUNE DI F O R M I A Provincia di Latina Piazza Municipio 0771/7781 - fax 0163/771680 2012 PREMESSA Il Comune di Formia, con la presente informativa, intende fornire al Cittadino/Contribuente uno strumento

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE

COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMPONENTI IMU E TASI - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) AREA RISORSE E SVILUPPO

(PROVINCIA DI ROMA) AREA RISORSE E SVILUPPO CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) AREA RISORSE E SVILUPPO Gentile Contribuente, con la legge di stabilità 2014 il legislatore è intervenuto nuovamente nella materia dei tributi comunali istituendo

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.)

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.) IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 20/05/2014 1 SOMMARIO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO, FINALITA

Dettagli

Comune di Vicopisano PROVINCIA DI PISA

Comune di Vicopisano PROVINCIA DI PISA Comune di Vicopisano PROVINCIA DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 57 del 30 luglio 2015 OGGETTO: TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) - ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2015 -

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI PER L'ANNO 2009.

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI PER L'ANNO 2009. C.C.n.12 del 26-02-2009 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 12 del Registro delle Deliberazioni Oggetto: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI PER L'ANNO 2009.

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI ACQUISTO PRIMA CASA

AGEVOLAZIONI FISCALI ACQUISTO PRIMA CASA AGEVOLAZIONI FISCALI ACQUISTO PRIMA CASA Da "Guida fiscale alla compravendita della casa" dell'agenzia delle entrate. Aggiornata con la Finanziaria 2007. Quando si acquista la prima casa si può godere

Dettagli

Comune di San Pietro in Gu

Comune di San Pietro in Gu Comune di San Pietro in Gu Originale Provincia di Padova Prot. N. Deliberazione N 2 del 11/04/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA

Dettagli

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 08/09/2014

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 08/09/2014 CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONGLIO COMUNALE N. 19 del 08/09/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMU AN 2014 L anno duemilaquattordici addì

Dettagli

COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - ANNO 2015.

COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - ANNO 2015. COPIA COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco Cod. 10688 Delibera N. 13 del 27/07/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - ANNO 2015. DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PESCANTINA

COMUNE DI PESCANTINA COMUNE DI PESCANTINA (Provincia di Verona) - Servizio Tributi - TARI: FAQ Domande frequenti D. Quali sono gli atti regolamentari della TARI? R. Il Comune con deliberazioni del Consiglio Comunale ha approvato:

Dettagli

Città di Portogruaro

Città di Portogruaro Città di Portogruaro Provincia di Venezia ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta n 2 Delibera n 16 del 30/03/2015 Sessione ordinaria Seduta pubblica in prima convocazione OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.45 del 31-10-2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CELLATICA - Provincia di Brescia VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Delibera n. 13 del 14-04-2015 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE - DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale. del 19/05/2015 N 118

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale. del 19/05/2015 N 118 COMUNE DI SIENA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale del 19/05/2015 N 118 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DI IMPOSTA 2015. Nome Pres. Ass. Nome

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

i commi da 669 a 702 del l'articolo 1 della legge n. 147/2013, recanti la disciplina della TASI componente della IUC destinata alla copertura dei

i commi da 669 a 702 del l'articolo 1 della legge n. 147/2013, recanti la disciplina della TASI componente della IUC destinata alla copertura dei Deliberazione originale della Giunta Comunale N. 75 del Reg. Data 27 giugno 2014 OGGETTO: proposta ALIQUOTE TASI E IMU L anno duemilaquattordici, il giorno ventisette del mese di giugno alle ore 13.00,

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ARGEGNO Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente TASI (Tributo Servizi Indivisibili) Anno

Dettagli

Deliberazione della Giunta N. 80

Deliberazione della Giunta N. 80 Prop n. 104 del 28/03/2012 Uff. Prop. SERVIZIO TRIBUTI Allegati N. Uffici COMUNE DI CAGLIARI Deliberazione della Giunta N. 80 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2012

Dettagli

Tributi TARSU, TARES, ICI, IMU SUOLO PUBBLICO COSAP, PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI, SERVIZIO LAMPADE VOTIVE

Tributi TARSU, TARES, ICI, IMU SUOLO PUBBLICO COSAP, PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI, SERVIZIO LAMPADE VOTIVE Tributi TARSU, TARES, ICI, IMU Responsabile: rag. Gino Destro Sede: Ufficio Tributi del Comune di Forte dei Marmi Piazza Dante 1 55042 Forte dei Marmi (LU) Telefono: 0584/280212 (dal lunedì al sabato dalle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Provincia di Treviso Via Roma 2 31010 Cimadolmo c.f. 80012110260 p.iva 00874820269 Area finanziaria amministrativa SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica DELIBERAZIONE N.9 COPIA Codice Ente Codice materia COMUNE DI VERDELLO 251658240 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica OGGETTO: IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI ZERI (PROVINCIA DI MASSA CARRARA)

COMUNE DI ZERI (PROVINCIA DI MASSA CARRARA) COMUNE DI ZERI (PROVINCIA DI MASSA CARRARA) Codice ente Protocollo n. COPIA DELIBERAZIONE N. 24 in data: 29.09.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE

Dettagli

Approvato con Delibere C.C. n. 94 del 30.10.98 e n. 119 del 24.12.98. Esecutivo dal 1.1.1999 ai sensi dell'art.31 della Legge n.

Approvato con Delibere C.C. n. 94 del 30.10.98 e n. 119 del 24.12.98. Esecutivo dal 1.1.1999 ai sensi dell'art.31 della Legge n. R E G O L A M E N T O IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ( I.C.I.) Approvato con Delibere C.C. n. 94 del 30.10.98 e n. 119 del 24.12.98 Esecutivo dal 1.1.1999 ai sensi dell'art.31 della Legge n. 448/98 Modificato

Dettagli

L ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE

L ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE COMUNE DI ALSERIO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO Ufficio Tributi VIA CARCANO, 9 22040 ALSERIO Tel. 031.630063 Fax 031.630917 e-mail: ufficiosegreteria@comune.alserio.co.it PARTITA IVA 00600170138

Dettagli

Imposta Municipale Propria

Imposta Municipale Propria Imposta Municipale Propria Questa Amministrazione sin dal suo insediamento (anno 2009) NON ha mai deliberato aumenti dei tributi/imposte comunali! Aumento costi smaltimento 25% KG. RIFIUTI URBANI MISTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CUPRA MARITTIMA Anno 2012

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CUPRA MARITTIMA Anno 2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CUPRA MARITTIMA Anno 2012 Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 25/09/2012. INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 - Presupposto

Dettagli

COMUNE DI DOLEGNA DEL COLLIO Provincia di Gorizia

COMUNE DI DOLEGNA DEL COLLIO Provincia di Gorizia N. 11 del 26.05.2015 COMUNE DI DOLEGNA DEL COLLIO Provincia di Gorizia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta Municipale Propria (IMU) - determinazione delle aliquote e detrazioni d'imposta

Dettagli

Comune di Trecchina. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

Comune di Trecchina. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Comune di Trecchina Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (ai sensi dell art. 1 co. 639 L. 147/ 2013) Approvato con deliberazione

Dettagli

LE NOVITÀ DEL DECRETO C.D. SALVA ROMA-TER

LE NOVITÀ DEL DECRETO C.D. SALVA ROMA-TER Riferimenti normativi: LE NOVITÀ DEL DECRETO C.D. SALVA ROMA-TER Artt. 1 e 2, DL n. 16/2014 Con la pubblicazione sulla G.U. 6.3.2014, n. 54 è entrato in vigore, a decorrere dal 6.3.2014, il DL n. 16/2014,

Dettagli

CHIARIMENTI SULLA TASI

CHIARIMENTI SULLA TASI INFORMATIVA IUC CHIARIMENTI SULLA TASI COMUNE DI SONA (VR) ASSESSORATO AI TRIBUTI UFFICIO TRIBUTI - Orari di apertura al pubblico: lun 10.00-12.30 mart - giov 10.00-12.30 e 16.00-18.00 Tel. 045/6091 206-214-251

Dettagli

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 13 DEL 17.07.2015

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 13 DEL 17.07.2015 COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 13 DEL 17.07.2015 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) CONFERMA DELLE ALIQUOTE PER L ANNO DI IMPOSTA 2015. VERBALE

Dettagli

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA L art. 13 del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 cd Manovra Monti o decreto salva Italia convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 - ha anticipato l istituzione dell Imposta

Dettagli

FAQ TASI Comune di Torino

FAQ TASI Comune di Torino A cura della Redazione Directio FAQ TASI Comune di Torino Significato Abitazione_principale Anziani_e_disabili Residenti_all_estero Separati_divorziati Coniuge_superstite Militari_funzionari_di_Prefettura

Dettagli

COMUNE DI PRECENICCO

COMUNE DI PRECENICCO COMUNE DI PRECENICCO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI - Approvato con deliberazione C.C. n.73 del 23.12.1998 come modificato con C.C. n.5 del 4.2.1999

Dettagli

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO COMUNE DI ODALENGO PICCOLO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento, finalità ed ambito di applicazione Art.

Dettagli

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione seduta Pubblica

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione seduta Pubblica COPIA CITTA DI FELTRE Deliberazione n. 27 in data 29/04/2015 Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione seduta Pubblica Prot. nr. Data Prot. 08/05/2015 Oggetto: Imposta

Dettagli

COMUNE DI LIMENA Provincia di Padova

COMUNE DI LIMENA Provincia di Padova COMUNE DI LIMENA Provincia di Padova DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. ORIGINALE OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE, DETRAZIONI E RIDU= ZIONI AI FINI DELL'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMU= NALE

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE L APPLICAZIONE DELLA TA.SI ASSEMBLEA PUBBLICA 23/09/2014. Resp. Servizio Finanziario/tributi Dott. T.

COMUNE DI USMATE VELATE L APPLICAZIONE DELLA TA.SI ASSEMBLEA PUBBLICA 23/09/2014. Resp. Servizio Finanziario/tributi Dott. T. COMUNE DI USMATE VELATE L APPLICAZIONE DELLA TA.SI ASSEMBLEA PUBBLICA 23/09/2014 Resp. Servizio Finanziario/tributi Dott. T. Pavano IUC Imposta Unica Comunale Possesso di Immobili «Imu» + Servizi comunali

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU)

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano Per qualsiasi chiarimento, informazione e delucidazione in merito l Ufficio Tributi è a disposizione negli orari di apertura al pubblico tel 029010012 fax 0290296960

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente 10419 DELIBERAZIONE N. 2 DEL 18.03.2008 ORIGINALE Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza ordinaria di prima convocazione - Seduta

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 35 del 17/09/2013

Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 35 del 17/09/2013 Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE n. 35 del 17/09/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI

Dettagli

ART. 1 PRESUPPOSTO DELLA TASSA ART. 2 SOGGETTI PASSIVI

ART. 1 PRESUPPOSTO DELLA TASSA ART. 2 SOGGETTI PASSIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ART. 1 PRESUPPOSTO DELLA TASSA 1. Presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte

Dettagli

La Finanziaria 2014 1 parte

La Finanziaria 2014 1 parte INFORMA AZIENDE La Finanziaria 2014 1 parte (Legge di Stabilita 2014 pubbl. G.U. n.147 il 27/12/2013) DETRAZIONI PER EFFICIENZA ENERGETICA-RISTRUTT EDILIZIA PAGAMENTO CANONI LOCAZIONI IMMOBILI ABITATIVI

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 del 3.10.2012 COMUNE DI SINDIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 INDICE Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO, FINALITA ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

COMUNE DI CORIO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI

COMUNE DI CORIO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI COMUNE DI CORIO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (ICI) Art. 1. Ambito di applicazione l. Il presente regolamento, adottato

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino)

COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino) COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino) DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 21 DEL 30-07-2015 Oggetto: CONFERMA ALIQUOTE IMU - ANNO 2015 L'anno duemilaquindici, addì trenta del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI CASCIANA TERME LARI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. del INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO IUC-TARI

REGOLAMENTO IUC-TARI REGOLAMENTO IUC-TARI Art.1 Disciplina del tributo e oggetto del regolamento Il presente Regolamento, adottato nell ambito della potestà prevista dall art. n.52 del D.Lgs. del 15 dicembre 1997, n.446, disciplina

Dettagli

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA Comune di Sarteano Provincia di Siena Regolamento TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 12.05.2014 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART.

Dettagli

COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino cod. 41049 COPIA DELIBERAZIONE di CONSIGLIO Comunale n. 25 del 23-06-2015 Oggetto: Conferma aliquote e detrazioni per l' applicazione dell' Imposta Municipale

Dettagli

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI ANCONA TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ANNO 2014 1 - Cos è la TASI pag. 2 2 - Presupposto d imposta e soggetti passivi pag. 2 3 - Definizione di

Dettagli

Regolamento sull imposta municipale propria (IMU)

Regolamento sull imposta municipale propria (IMU) Regolamento sull imposta municipale propria (IMU) Approvato con Deliberazione del C.C. n. 47 del 25.09.2012 Modificato con Deliberazione del C.C. n. 36 del 25.06.2013 Indice Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES)

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) COMUNE DI VERDELLO Regolamento per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del / / Indice Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO Provincia di Cosenza

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO Provincia di Cosenza COMUNE DI FAGNANO CASTELLO Provincia di Cosenza N.22 Data: 25.09. 2012 VERBALE DELIBERAZIONE CONSILIARE OGGETTO: Approvazione aliquote e detrazioni dell Imposta municipale propria (IMU) Anno 2012. L anno

Dettagli

TASI TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ANNO 2014

TASI TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) TASI TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ANNO 2014 La IUC e le sue componenti La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013 n. 147) all art. 1, comma 639, ha istituito

Dettagli

COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DA APPLICARE AL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

Email ragioneria@comune.coreglialigure.ge.it E mail anagrafe@comune.coreglialigure.ge.it VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Email ragioneria@comune.coreglialigure.ge.it E mail anagrafe@comune.coreglialigure.ge.it VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE COREGLIA LIGURE Provincia di GENOVA Piazza G. Guainazzo 1 www.comune.coreglialigure.ge.it Tel e Fax 0185 334077 C.F. 00928950104 P. IVA 00173740994 Email ragioneria@comune.coreglialigure.ge.it E

Dettagli

COMUNE DI LOVERO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI LOVERO (Provincia di Sondrio) COPIA COMUNE DI LOVERO (Provincia di Sondrio) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 022 del registro deliberazioni OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE IMU 2012. L anno duemiladodici, addì uno di Ottobre, ore

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015 I.U.C.- IMPOSTA UNICA COMUNALE L imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, istituita con legge n. 147 del 27.12.2013, si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis

COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis Comuni de Aristanis DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE (N. 70 DEL 02/07/2015) COPIA OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC). DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L ANNO 2015 COMPONENTI IMU E TASI.

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU)

Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI MOTTA SANT ANASTASIA P. I.V.A. 00575910872 Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU) Approvato con delibera del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI VIGOLO Provincia di Bergamo Via ROMA n. 2, 25040 Vigolo (BG); Tel. 035/931054 - Fax 035/932784 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 DEL 09.09.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI RIPOSTO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Approvato con deliberazione C.C. n 256 del 14/12/1995, coordinato

Dettagli

ISTRUZIONI UTILIZZO PORTALE CALCOLO IMU

ISTRUZIONI UTILIZZO PORTALE CALCOLO IMU ISTRUZIONI UTILIZZO PORTALE CALCOLO IMU Inserimento di un immobile. Scelta della tipologia di immobile (CATEGORIA IMMOBILE): Attraverso il menù a tendina scegliere la tipologia di immobile che si vuole

Dettagli