ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza."

Transcript

1

2 INDICE 1.0 Premessa progetto già presentato 2.0 Composizione della pratica di prevenzione incendi 3.0 Accesso da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco 4.0 Caratteristiche costruttive classificazione ai fini antincendio calcolo carichi di incendio 5.0 Ascensore 6.0 Compartimenti 7.0 Accessi 8.0 Pavimenti deflusso degli oli 9.0 Ventilazione naturale 10.0 Misure per lo sfollamento: numero di persone, larghezza via d uscita, larghezza porte di emergenza, lunghezza massima delle vie d uscita 11.0 Impianti elettrici 12.0 Impianti rivelazione fumi 13.0 Impianti idrici antincendio 14.0 Estintori portatili e carrellabili 15.0 Segnaletica di sicurezza 16.0 Esercizio e manutenzione 17.0 Ulteriori adempimenti certificazioni 18.0 Riferimenti normativi 2

3 1.0 Premessa progetto già presentato Si tratta di una relazione relativa al nuovo insediamento produttvo della ALSTOM nel comune di Sesto San Giovanni. Come già è stato evidenziato nel corso di un colloquio con un tecnico dell ufficio di prevenzione incendi il sottoscritto progettista incaricato dalla Committenza, ha notizia, pur essendo sprovvisto di documentazione a supporto, che un progetto analogo o pressoché uguale è stato già presentato al Comando dei VVF di Milano. Il presente polo produttivo è analogo a quello presentato da altri professionisti e visto la peculiarità, pur avendo studiato nel suo complesso il progetto e i relativi rischi a fronte delle nuove disposizioni di legge, si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza. Il sottoscritto relatore non ha avuto e non ha accesso ad alcuna documentazione precedentemente presentata al Comando. 2.0 Descrizione dell insediamento produttivo e attività presenti attività svolte La presente relazione è un compendio al progetto grafico allegato, che ha lo scopo di descrivere il nuovo insediamento rilevando tutte le caratteristiche dei materiali, delle strutture, delle destinazioni che nel progetto grafico non possono essere rese in maniera soddisfacente, nonché di illustrare le scelte progettuali che derivano dal corpus normativo in materia di prevenzione incendi. In particolare nella redazione del progetto si tiene conto delle disposizioni in materia di prevenzione incendi per le attività presenti. Sempre per la massima trasparenza si allega la descrizione dei flussi produttivi della ASLTOM che descriva compiutamente il processo industriale. ALL.01 Dal punto di vista di prevenzione incendi, non ci sono particolari aspetti critici se non quelli indicati nel prospetto PIN. La quantità di carta e la presenza di olii con punti di oli lubrificanti con punto di infiammabilità superiore a 125 C, idoneamente stoccati in vasche i nterrate, sono gli unici punti critici del progetto. Si allegano sempre per completezza, tutte le schede tecniche dei materiali che sono all interno del sito produttivo. ALL.02 3

4 La descrizione sintetica dell immobile è la seguente: Occupa un area totale di circa ,00 mq, recintata, con 2 accessi carrai di cui uno principale quello per la prevenzione incendi. All interno vi sono: A) edificio produttivo (h sottotrave 12,50 m) di superficie lorda pari a circa 5543,20 mq (comprensivo di reparto cementazione-incollaggio e reparto manutenzione; B) palazzina uffici (su 2 piani) - accostati al magazzino lungo il lato sud-est - di superficie lorda totale pari a circa 2176 mq (comprensivi di sale di rappresentanza, uffici, mensa, infermeria, bagni e spogliatoi); C) sala prove di superficie pari a circa 2446,46 mq (h sottotrave 36,00 m); D) area container rifiuti/vasca di accumulo di 164,30 mq; E) Locali F) cabina di ricezione G) centrali termiche (351 kw e 450 kw) - parcheggi al piano stradale su spazio libero distribuiti sul lato nord-ovest (di fronte a magazzino produttivo), sul lato sud-est (di fronte a uffici e tra uffici e magazzino impianti tecnologici); aree verdi. La principale attività svolta all interno del sito produttivo è la costruzione, l assemblamento e la prova di isolamento degli isolatori per reti ad alta e altissima tensione. La prova di isolamento necessita di un edificio in struttura metallica che rimanga a vista isolata all interno e non all esterno. Lo strato di isolamento è interno ed è costituito da un pannello sandwich costituito da lamiera 10/10, lana di roccia da 60 mm e lamiera gregata esterna da 20/10 o equivalente. Il progetto degli impianti e la rete per la protezione dalle scariche atmosferiche sarà realizzato nel rispetto delle norme vigenti, degli standard di sicurezza della società ALSTOM. 2.0 Composizione della pratica di prevenzione incendi La presente relazione è composta da due diverse tipologie: - Modulo PIN completo di bollettino di pagamento - 1 relazione tecnica complessiva con 2 allegati: descrizione ciclo produttivo e schede tecniche di sicurezza dei prodotti stoccati 4

5 - 3 elaborati grafici - 2 relazioni tecniche secondo D.M per le due centrali termiche alimentate a gas metano 3.0 Accesso da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco L'accesso è garantito tramite il cancello principale la cui larghezza è superiore a 4,50 m. Il sito ha due accessi indipendenti. Larghezza 15,00 > 4,50 m VERIFICATA; altezza libera: non ci sono vincoli; VERIFICATA; pendenza = 00% VERIFICATA; Resistenza al carico: tutti gli accessi sono su terrapieno quindi non ci sono vincoli. VERIFICATA; La zona circostante ha prevalentemente destinazione residenziale commerciale. L attività non presenta particolari rischi. 4.0 Caratteristiche costruttive classificazione ai fini antincendio calcolo carichi di incendio Il complesso è costituito da due tipologie costruttive. La prima in cemento armato per la zona uffici e per il sito produttivo, e la seconda con struttura metallica per la sala prove. I due edifici sono adiacenti l uno all altro come indicato nel disegno. I carichi di incendio presenti all interno degli stabili sono i seguenti e si basano sulle dichiarazioni dei responsabili aziendali. In particolare si deve considererare che le vache sono di tipo interrato e la bocca di apertura verso il pavimento ha una dimensione di qualche metro quindi è un punto limitato di potenziale pericolo. A) MAGAZZINO PRODUTTIVO 1) nel magazzino carta (zona magazzini in ingresso, sotto carroponte da 3tons) possono giacere rotoli di carta (densità apparente 0.7 Kg/dm3) fino a 60 tons 2) resina epoxy DER331 circa 5 tons (zona magazzini in ingresso) 3) indurente circa Meth E circa 3 tons (zona magazzini in ingresso) 4) bisfenolo Bisphenol A circa 2 tons (zona magazzini in ingresso) Il carico di incendio nel rispetto del decreto del marzo 2007 è quindi pari a: qfd= 162 MJ/mq. 5

6 Considerando ,00 kg di materiale: cartone La classe di rischio II. I fattori di protezione dovuti alla presenza di un impianto di allarme e rivelazione fumi, squadra di emergenza e gli altri fattori quali impianto sprinkler nella zona di stoccaggio della materia prima. Si ottiene una classe di riferimento di prestazione pari a III mantenimento dei requisiti di resistenza al fuoco per un periodo congruo con la gestione dell emergenza e una classe minima di livello II mantenimento dei requisiti di resistenza al fuoco per un periodo sufficiente all evacuazione degli occupanti in luogo sicuro all eterno della costruzione. Si è calcolato per un livello pari a Classe 60 ai fini cautelativi pur in assenza di un piano interrato con il carico non è superiore a 200 MJ/mq. Si realizzerà comunque una struttura di Classe 120 per maggiore sicurezza. B) UFFICI Non sono presenti attività. Sulla copertura sono realizzate due centrali termiche in idonei contaniers appoggiati in copertura. Solo i vani scala e le parti in adiacenza con il magazzino produzione sono realizzati con grado di compartimentazione REI 120 per coerenza con quanto sopra indicato. I vani scala sono collegati alla palazzina uffici con un filtri a prova di fumo. La restante parte dell edificio è R120 sempre per coerenza. C) SALA PROVE 1) nella Sala Prove UHV - vasca grande AA; vasca metallica contenente circa litri di olio sintetico T3788 2) nella Sala Prove UHV vasca piccola BB; vasca metallica contenente circa litri di olio sintetico T3788 3) nella Sala Prove UHV tre/due tasformatori T1, T2, T3 elevatori in cascata (da 500KV ognuno) contente circa litri di olio ognuno di olio MINERALE dielettrico, tipo 360G 4) vasca metallica LL contenente circa litri di olio sintetico T3788 Si osserva che che sono olii sintetici quindi senza pericolosità dal punto di vista antincendio. Non si prescrive quindi alcuna classe per tale edificio: Classe 0. L edificio sarà dotato di aperture di aerazione al fine di garantire, in caso di emergenza, l idoneo ricambio d aria. 6

7 APERTO 1) all'aperto, nei quattro silos (sotto tettoia e in vasca di contenimento), ci sono litri di olio T3788 vedi sala prove. CENTRALI TERMICHE Sulla copertura della palazzina uffici saranno installati due box/ centrali termiche da 351kW e 450 Kw. Si rispetterà come da allegate relazione quanto richiesto dal Dm per le centrali termiche alimentate a gas metano di potenzialità superiore a 35 kw. 5.0 Ascensore E presente un vano elevatore che collega i due piani della palazzina uffici. L ascensore collega il piano terra con il primo piano. Le specifiche dell ascensore sono le seguenti: - il vano corsa è ubicato nella tromba delle scale a servizio del fabbricato; il vano corsa è isolato dagli altri ambienti dell edificio e dal locale macchinario a mezzo di strutture (muri e/o solai) tagliafuoco aventi una resistenza al fuoco di REI 60; -il vano corsa è aerato, nella parte alta, direttamente all aria libera mediante una o più aperture di ventilazione di superficie complessiva di circa il 5% dell area della sezione del vano corsa, ma non inferiore a 0,2 mq. Tale ventilazione può essere ammessa anche mediante camini che attraversano il locale macchinario, Le aperture debbono essere, almeno in parte, prive d infissi per garantire in ogni circostanza la dovuta ventilazione; -nel vano corsa non possono essere disposte canne fumarie, condutture o tubazioni che non appartengano all impianto. Le canne fumarie adiacenti al vano corsa od al locale macchinario debbono essere isolate termicamente da questi; - il macchinario è posto in apposito locale in alto, sopra o lateralmente al vano corsa ed essere isolato dagli altri ambienti dell edificio come il vano corsa ; - il locale macchinario è aerato direttamente all esterno con una superficie pari a circa il 5% della superficie del pavimento, con un minimo di 0,1 mq; tali aperture debbono essere, almeno in parte, prive d infisso per garantire in ogni circostanza la dovuta ventilazione; - la porta di accesso al locale macchinario deve essere incombustibile; - le porte di accesso al vano corsa hanno una certa resistenza al fuoco ed essere, preferibilmente, a doppia parete metallica con interposizione di materiali coibenti incombustibili. Esse debbono essere costruite in modo da assicurare una sufficiente tenuta del fumo (gioco fra le parti mobili 7

8 inferiore a circa 5 mm - percorso del fumo attraverso i giochi della porta non inferiore a 3 volte il gioco stesso - eventuali guarnizioni incombustibili). Può essere ammessa nella porta una specchiatura della superficie massima di 0,10 m2 a condizione che sia eseguita con doppio vetro retinato o di sicurezza, rispondente alle norme di cui agli articoli 14 e 15 del D.P.R , n. 1497; - Nessuna comunicazione è ammessa tra il vano corsa ed altri locali; - la cabina dell ascensore o del montacarichi deve essere realizzata preferibilmente completamente in materiale incombustibile. Possono essere ammessi, in quantità limitata, materiali combustibili di tipo autoestinguente; 6.0 Compartimenti I compartimenti sono quelli relativi all edificio produttivo, l unico classificato e al vani scala di accesso agli uffici nel rispetto del progetto architettonico. L accesso agli uffici è realizzato con un filtro a prova di fumo sia al piano terra sia al primo piano. La compartimentazione è pari a REI 120. Poiché gli edifici: produttivo e uffici sono pressoché adiacenti si realizzerà una compartimentazione REI 120 su tutta la parete in aderenza / adiacenza all edificio uffici con una estensione di 10 metri oltre alle zone di vicinanza. 7.0 Accessi Come già espresso si ha l accesso ad ogni edificio del complesso con la possibilità ai mezzi antincendio di accostare agli edifici. 8.0 Pavimenti deflusso degli oli I serbatoi di oli saranno a doppia camera. NON sono previsti versamenti poichè non avviene alcuna movimentazione degli olii nel ciclo produttivo. I pezzi da collaudare vengono immersi all interno delle vasche interrate realizzate con doppia camera. 9.0 Ventilazione naturale Si procede alla verifica della ventilazione complessiva dell edificio produttivo. Sup aerante / superficie lorda = (622,76+18,30+45,49) = 686,55/ 5.543,20 = 12,38% superiore al 10% CONFERMATO 8

9 Le aperture di ventilazione sono distribuite in modo uniforme. Le apertura sulla copertura sono realizzate con evacuatori di fumo e calore comandati dall impianto di rivelazione e allarme incendi. L edificio uffici avendo già rispettato i rapporti aeroilluminanti per il parere igienico sanitario risponde alle normative di riferimento anche per la prevenzione incendi Misure per lo sfollamento: numero di persone, larghezza via d uscita, larghezza porte di emergenza, lunghezza massima delle vie d uscita Si procede alla verifica puntuale di ogni singolo edificio considerando il numero di persone presenti il livello di rischio. Uffici: PRIMO PIANO e PIANO TERRA 55 persone / postazioni. Sono presenti anche varie sale riunioni: per un numero pari a 30. Si considera un coefficiente pari al 100% con un numero di persone complessive pari a 85. Le porte di uscita sono 2 di dimensioni pari a 120 cm. Totale moduli primo piano: 4 Nel rispetto del D.M si può confermare che il deflusso è pari a 4 x 50 = 200 persone > 85 persone VERIFICATO. Per quanto riguarda le scale, n 2, la singola larghezza è pari a: 150 cm. Si ha quindi anche in questo caso la conferma dei limiti di norma. 2 x 150 cm = 300 cm = 4 moduli. 50 x 4 = 200 persone massimo deflusso disponibile: persone massime presenti 85. VERIFICATO. PIANO TERRA Lo schema del piano terra è analogo del primo piano. Sono presenti 2 porte di larghezza pari a 120 cm: 2 moduli. Totale moduli piano terra: 4 Anche in questo caso si ha una coferma piena poiché al piano terra, non sono state ipotizzati posti di lavoro ma solo servizi. La lunghezza massima di sfollamento è pari a 42,38 metri quindi inferiore a 45 metri. CONFERMATO 9

10 Si deve inoltre considerare che sono sempre disponibili 2 uscite di emergenza da qualsiasi posto sia del piano terra che del primo piano. L edificio è dotato di impianto di allarme e rivelazione fumi. Zona produttiva: n 10 persone L edificio si sviluppa solo al piano terra. Sono presenti n 9 porte di larghezza pari a 120 cm distribuiti lungo il perimetro dell edificio. La porta in aderenza all edificio uffici non viene presa in considerazione in questo calcolo ai fini cautelativi. La verifica delle uscite è CONFERMATA. Circa la lunghezza massima la distanza è inferiore a 40 metri quindi si è al di sotto dei limiti di norma. Zona prove Non viene eseguita la verifica poiché non c è permanenza fissa di persone. Sono presenti n 4 porte di larghezza pari a 120 cm quindi si ha la conferma dei vincoli normativi. Circa la distanza massima è inferiore ai 30 metri quindi sotto il limite di norma. CONFERMATO. Altre specifiche E presente idonea segnaletica che indica le uscite. Tutte le porte sopra indicate sono dotate di maniglione antipanico e permettono una apertura che garantisca la luce massima della porta Impianti elettrici Sono realizzati in conformità alle norme CEI vigenti. E inoltre verificata la resistenza di terra coordinata con l interruttore differenziale installato. E presente il pulsante di sgancio generale e i pulsanti di sgancio specifici per le centrali termiche. Inoltre ogni edificio avrà il proprio pulsante di sgancio. Nel suo complesso la struttura sarà dotata di impianti di illuminazione di sicurezza alimentata da sorgente di energia indipendente da quella della rete di illuminazione normale. 10

11 12.0 Impianti rivelazione fumi Sia negli uffici che nell area produttiva si installerà un impianto di rivelazione e allarme incendio. Gli evacuatori di fumo e calore sulla copertura del reparto produttivo saranno comandate dall impianto allarme e di rivelazione fumi. Non si installeranno nella sala prove poiché non possibile dal punto di vista tecnico. Tali impianti sono realizzati in conformità alle norme CEI e UNI vigenti Impianti idrici antincendio La struttura è stata classificata ai sensi della norma UNI come rischio incendio medio. A titolo cautelativo si è installato un impianto per la protezione anche esterna del complesso edilizio. Si è ipotizzato un impianto idrico antincendio con rete esterna ed interna. Al momento della redazione del progetto è noto che l ente erogatore, (EX CAP) garantisce una pressione pari a 2,0 bar con continuità di servizio nel rispetto delle norme UNI di riferimento. Si procederà quindi con l attacco diretto ed eventualmente con l installazione di un impianto di surpressione. Qualora questo non sia garantito si predisporrà un idoneo stoccaggio. L impianto sarà cosi costituito: attacco VVF in prossimità dell ingresso attacco VVF per ogni derivazione rete esterna interrata idranti esterni UNI 70 idranti interni e in prossimità dell uscita UNI 45 nella zona produttiva naspi DN 25 negli uffici Si è voluta infatti dare una protezione completa del complesso con la rete antincendio. La portata dell impianto sarà pari a: 1800 litri/minuto (6 UNI 70 da 300 litri/minuto) La norma di riferimento è la norma UNI nel rispetto del prospetto B.1. VERIFICATO 11

12 14.0 Estintori portatili e carrellabili Su tale aspetto si è proceduto ad installare un numero di estintori secondo il DM e secondo le norme specifiche DM secondo le zone. In particolare si avranno i seguenti estintori. A) AREA PRODUTTIVA: rischio medio. B) UFFICI: rischio basso. C) SALA PROVE: rischio basso G) CENTRALE TERMICA: rischio medio. In particolare: A) Misure di tipo tecnico: realizzazione di impianti elettrici realizzati a regola d'arte; messa a terra di impianti, strutture e masse metalliche, al fine di evitare la formazione di cariche elettrostatiche; realizzazione di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche conformemente alle regole dell'arte; ventilazione degli ambienti in presenza di vapori, gas o polveri infiammabili; adozione di dispositivo di sicurezza B) Misure di tipo organizzativo - gestionale rispetto dell'ordine e della pulizia; controlli sulle misure di sicurezza; predisposizione di un regolamento interno sulle misure di sicurezza da osservare; informazione e formazione dei lavoratori. Tabella I Tipo di estintore Superficie protetta da un estintore Rischio basso Rischio medio Rischio elevato 13A - 89B 100 m2 21A - 113B 150 m2 100 m2 34A - 144B 200 m2 150 m2 100 m2 55A - 233B 250 m2 200 m2 200 m2 12

13 A) Area produttiva Per la zona di produzione si intalleranno magazzino produttivo 5.356,53 mq. Sono 36 estintori 34A-144B oppure 27 estintori 55A- 233B quindi: CONFERMATO B) Uffici Per la zona uffici 1372 x 2 = 2744 mq si intalleranno 19 estintori 21A - 113B oppure 14 estintori 34A - 144B quindi: CONFERMATO C) SALA PROVE Per la sala prove di 2104,40 mq si intalleranno 15 estintori 34A - 144B oppure 9 estintori 55A- 233B quindi: CONFERMATO D) CENTRALE TERMICA 1 e 2 rif: normativo (DM ) Per la zona di produzione si intalleranno per ogni centrale 2 estintori 21A 89BC quindi: CONFERMATO Nelle altre zone quali, depositi rifiuti, cabina di ricezione saranno installati idonei estintori nel rispetto della norma di riferimento. L RSPP darà le indicazioni finali secondo l organizzazione interna della squadra di emergenza Segnaletica di sicurezza E installata apposita segnaletica di sicurezza, in particolare: - posizione dell estintore, degli idranti e dell attacco per la motopompa dei VVF; - posizione e denominazione dell interruttore generale e parziali per le centrali termiche; - direzione via d uscita; - valvole di intercettazione del gas metano; - apparecchiature di sicurezza: primo soccorso e DPI per la squadra di emergenza; - punto di raccolta. 13

14 Questi sono i principali ma si deve aggiungere tutta la segnaletica per il divieto di fumo, per la gestione dell ingresso e dell uscita dei mezzi e delle persone, per le procedure di sicurezza per quanto riguarda l uso dei prodotti per l area produttiva Esercizio e manutenzione L esercizio e la manutenzione saranno eseguiti nel rispetto della normativa specifica e vigente Ulteriori adempimenti certificazioni In caso di richiesta da parte dei vigili del Fuoco sono a disposizione: - Copia dei progetti esecutivi degli impianti elettrici nel rispetto del DM 37/2008 delle norme CEI e delle norme UNI; - Copia dei certificati di conformità delle ditte installatrici; - Certificazione di tutti i dispositivi e delle attrezzature installate nell ambito della prevenzione incendi Riferimenti normativi Si riportano i principali riferimenti normativi seguiti per la redazione del presente progetto: - DPR 151/2011 : Disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi - DM 37/2008 ex legge 46/90 : Norme per la sicurezza degli impianti; - legge n. 10/91 : Norme di risparmio energetico; - DPR 412/93 : Regolamento di esecuzione legge n. 10/91 - Art. 4.4; - DM : Norme antincendio per impianti a gas combustibile; - DLgs n. 81/08 e smi : Salute e sicurezza sul luogo di lavoro; - D.M : Valutazione del rischio incendio; - Norme UNI : Norme specifiche UNI impianto ad idranti; - alle prescrizioni di autorità locali, comprese quelle dei VV.F; 14

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa)

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa) SCHEDA A MODELLO UNICO DI DOMANDA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Al SERVIZIO Pre.S.A.L. ASL RM F (Marca da bollo) Via Terme di Traiano 39/a 00053 Civitavecchia IL SOTTOSCRITTO nato a il residente in (comune,

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Milano, aprile 2012 Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Con la circolare n. 1324 del 07 febbraio 2012, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha aggiornato le linee Guida per l'installazione degli

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione B7 Locali di pubblico trattenimento e svago - 04/01/10 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-7 Locali di pubblico trattenimento e svago R.D. n 773/1931 e s.m.i. artt. 68/69/80 1. Dati

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA RAGIONE SOCIALE O TIMBRO DELL AZIENDA : Responsabile della gestione del registro : DI ISTITUZIONE DEL REGISTRO: REV. REDAZIONE DESCRIZIONE

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Spett.le Comando dei VVF Corso Ivrea n. 133 11100 AOSTA RELAZIONE ILLUSTRATIVA OGGETTO: Richiesta di parere di conformità antincendio per centrale termica a servizio del palazzetto sportivo Sport Haus

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Prot. n. 15713 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 31-2013 Allegati 1 Ai Direttori di struttura Ai Dirigenti Ai Segretari Amministrativi di dipartimento Agli Addetti Locali alla Sicurezza Pavia, 23/04/2013 p.c.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi)

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Istruzioni Canton Ticino nr. 02 Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Il presente formulario non è vincolante, ma rappresenta un mezzo ausiliario per le autorità di

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA di PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA di PREVENZIONE INCENDI COMUNE di PONTELATONE Provincia di Caserta Permesso di Costruire, in variante allo strumento urbanistico, per la realizzazione di una struttura commerciale nel Comune di Pontelatone alla località Barignano,

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT INDICE Caratteristiche principali pag. 3 Riferimenti normativi abbattimento delle barriere architettoniche pag. 4 Riferimenti

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

Circolare n. 47 data, 15.10.2015. E, p.c. R.L.S.

Circolare n. 47 data, 15.10.2015. E, p.c. R.L.S. ISTITUTO COMPRENSIVO Sede Centrale Via Don Minzoni, n 1 tel segret 099 5635481 tel presid 099 5619721, Fax n 099 5669005 wwwistitutocomprensivopignatelligovit Distretto n054 - Cod Mecc TAIC85900X - CF

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SOMMARIO PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SCHEDA DI CONTROLLO RIVELAZIONE D INCENDIO SCHEDA DI CONTROLLO ALLARMI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA... 4 3. SCOPO... 6 4. CLASSIFICAZIONE... 6 5. UBICAZIONE... 8 6. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE... 8

1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA... 4 3. SCOPO... 6 4. CLASSIFICAZIONE... 6 5. UBICAZIONE... 8 6. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE... 8 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA... 4 3. SCOPO... 6 4. CLASSIFICAZIONE... 6 5. UBICAZIONE... 8 6. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE... 8 7. COMPARTIMENTAZIONE... 9 8. MISURE PER L EVAQUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA...

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

Il/La sottoscitto/a... nat a... il.. residente a.. via... civ. n. tel. concessione edilizia n... del. permesso di costruire n... del.

Il/La sottoscitto/a... nat a... il.. residente a.. via... civ. n. tel. concessione edilizia n... del. permesso di costruire n... del. spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da Bollo. Spett.le Comune di DAIRAGO (MI) Via Damiano Chiesa, 14. Sportello Unico per L Edilizia DOMANDA PER OTTENERE IL PERMESSO DI AGIBILITA. Pratica edilizia

Dettagli

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto.

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto. REGISTRO DEGLI ADEMPIMENTI ANTINCENDIO - (art. 5 d.p.r. n. 37 del 12-01-1998) _ A.S. 2014-2015 Denominazione della ditta, azienda, attività POLO PROFESSIONALE L. SCARAMBONE I.S.I.S.S. Ubicazione degli

Dettagli

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI Il Progettista: Dott. iscritto al n. 1023 dell'ordine degli Ingegneri di Vicenza Provincia di Vicenza Comune di Tezze sul Brenta Consulenza tecnica: Per. Ind. Antonio Lovato iscritto al n. 1573 del Collegio

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli