Con la sentenza n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con la sentenza 24-2-2005 n."

Transcript

1 DURA LEX SED LEX Giulietta Redi Con la sentenza n. 3996, la Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che il paziente danneggiato dall attività di una persona esercente abusivamente una professione protetta (nella specie di odontoiatra) può costituirsi parte civile, all interno del processo penale, per chiedere il risarcimento del danno subìto. Il reato: art. 348 cp. Il codice penale vigente punisce, all art. 348, l esercizio abusivo di una professione... per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato Si tratta delle c.d. professioni intellettuali regolate nel codice civile: in particolare, l art cc prevede che per esercitare alcune attività, è necessaria l iscrizione in appositi albi. E noto che l art. 1 della l n. 409, ha disposto che... è istituita la professione sanitaria di odontoiatra che viene esercitata da coloro che sono in possesso del diploma di laurea in odontoiatria e protesi dentaria e della relativa abilitazione all esercizio professionale, conseguita a seguito del superamento di apposito esame di Stato.... Solo chi ha superato l esame suddetto può iscriversi allo speciale albo istituito presso ogni Ordine dei medici - chirurghi, come dispone l art. 4, l. 409/85. Queste restrizioni all accesso alle professioni sono poste dalla legge a tutela dei cittadini, in modo che queste siano esercitate solo in seguito al superamento di appositi esami o comunque a verifiche di idoneità e di capacità: tenendo presente questa ratio legis, è comprensibile il motivo per cui l ordinamento ne tuteli, con la norma penale in oggetto, il corretto esercizio. 16 PROSPETTIVA ODONTOIATRICA P.O. ESERCIZIO ABUSIVO DELLA PROFESSIONE: IL PAZIENTE PUÒ COSTITUIRSI PARTE CIVILE NEL PROCESSO PENALE Il risarcimento del danno. Nel caso affrontato dalla Cassazione, una signora era stata assistita dall imputato non abilitato all esercizio della professione odontoiatrica, nello studio dentistico di un sanitario. Detti interventi, però, avevano causato alla paziente delle lesioni gravi (artt cp): l operatore abusivo, per questo motivo, veniva tratto in giudizio e, in quella sede, gli veniva contestato anche il reato di esercizio abusivo della professione odontoiatrica. La paziente, dal canto suo, si costituiva parte civile nel giudizio, per ottenere il risarcimento del danno subìto (artt cc, 185 cp e 74 e seguenti cpp). Giunto il processo avanti alla Suprema Corte, e dichiarati ormai estinti per prescrizione i reati contestati, il problema che rimaneva irrisolto concerneva la possibi- lità, per la paziente, di chiedere il risarcimento del danno anche in sede penale. La Corte di Cassazione, innanzitutto, ha premesso che il bene tutelato dal reato di cui all art. 348 cp è costituito dall interesse della collettività a che determinate professioni vengano esercitate solo da chi ha conseguito l abilitazione prescritta dalla legge: pertanto, ha precisato che il soggetto passivo del reato, cioè chi appunto vede leso il bene tutelato dalla previsione penale, non possa essere altri che lo Stato. Tuttavia la Corte ha ricordato la distinzione esistente in dottrina tra soggetto passivo del reato e persona danneggiata dallo stesso (persone che solitamente coincidono 2 ), ed ha concluso affermando che anche in questo caso, il paziente che vanti un danno da reato ha diritto a costituirsi parte civile ed a chiedere, in sede penale, il risarcimento del danno stesso. Il concorso del professionista abilitato. Il problema è appena sfiorato dalla Corte, ma nella sentenza in esame si ricorda, altresì, come l odontoiatra che permette all operatore abusivo di esercitare l attività nel proprio studio concorre nel reato di cui all art. 348 cp (artt. 110 e seguenti cp). Inoltre, l Ordine competente dovrà punire il professionista condannato irrogando nei suoi confronti anche l interdizione dalla professione per un periodo non inferiore ad un anno (art. 8, l n. 175). A tal fine, gli ordini professionali hanno facoltà di promuovere opportune ispezioni presso gli studi degli iscritti. Avv. Giulietta Redi 1 Per quanto riguarda l art. 348 cp, si veda in generale F. Antolisei, Manuale di diritto penale, Milano 2000, parte speciale - tomo II, pp. 391 e seguenti. 2 Un tipico esempio di scuola, riguardante la distinzione in esame, è quello dell omicidio: il soggetto passivo del reato è la persona uccisa, mentre danneggiati sono i suoi parenti ed il coniuge.

2 FILODIRETTOAISO Gabriele Conte GRADUATORIA NAZIONALE PER L ACCESSO A ODONTOIATRIA Come sancito dalla legge 264/99, il corso di laurea specialistica in Odontoiatria e Protesi Dentaria (CLsOPD) rientra in quei corsi di laurea per i quali l accesso è regolamentato e limitato ad un definito numero di studenti che acquisiscono il diritto di immatricolazione previo il superamento di un test di ammissione. Rispetto agli anni precedenti, e anche rispetto ai test di ammissione degli altri corsi di laurea così detti a numero chiuso, quello per l accesso al CLsOPD però ha presentato in via sperimentale alcune importanti peculiarità. La prima rimarchevole novità si trova nella data di esecuzione della prova, anticipata al 20 Luglio 2005, rispetto alla più tradizionale prima quindicina di settembre. Il motivo di una data così precoce, soprattutto per tutti gli studenti appena diplomati, però non deriva da una scelta irrazionale del ministero, ma al contrario da una ragionevole necessità logistica che tiene conto dei lunghi tempi richiesti dalla pubblicazione delle graduatorie e soprattutto dei vari scorrimenti che il sistema della graduatoria nazionale impone. Sicuramente, infatti, la modifica più innovativa della prova di ammissione sta nel fatto che oltre ad esserci un unico test nazionale, come già avviene da 8 anni, in via sperimentale, limitatamente all anno accademico 2005/2006, anche la graduatoria sarà nazionale e definita direttamente dal MIUR in relazione alla posizione di merito dei singoli partecipanti. Non solo questa rappresenta una novità per l accesso al CLsOPD, ma è il primo esperimento di questo tipo in tutti i test di ammissione ai vari corsi di laurea. Il meccanismo risulta un po complicato e pertanto credo necessiti di alcune precisazioni. Ogni singolo candidato al momento della prova ha potuto scegliere cinque sedi, in ordine di preferenza ed eventualmente selezionare l opzione qualsiasi sede, per aumentare le sue possibilità di accedere ad un corso di laurea in odontoiatria. Il MIUR, avvalendosi della collaborazione del C.I.N.E.C.A. (Consorzio interuniversitario per la gestione del centro elettronico dell Italia nord Orientale), ha in soli tre giorni stilato la graduatoria nazionale che ha assegnato gli 893 posti previsti sul territorio nazionale per l anno accademico 2005/2006 ( D.M. 18 Maggio 2005). La graduatoria è stata stilata in base ai 893 punteggi migliori e gli studenti sono stati così assegnati ad una delle università selezionate il giorno della prova. Per fare un esempio esplicativo, un candidato avrebbe potuto ottenere un punteggio utile per rientrare negli 893 posti banditi sul territorio italiano ma non per rientrare nei 60 posti messi a disposizione dall università di Milano. In questo caso il candidato sarà assegnato alla sua seconda università scelta. Se neppure nella seconda scelta dovessero essere rimasti posti vacanti, il candidato sarà assegnato alla sua terza scelta e così via fino a che non riuscisse a trovare un posto in una delle cinque opzioni, o nel caso in cui abbia selezionato la possibilità qualsiasi sede, nella sede con posti vacanti più vicina alla sede di svolgimento della prova. Ovviamente un sistema così articolato prevedrà molti casi di rinuncia, soprattutto tra quei candidati assegnati alle loro ultime opzioni (spesso logisticamente complicate da frequentare), ed è per questo che il MIUR ha predisposto un lungo elenco di graduatorie di scorrimento; ben 6 (3, 11, 23, 31 agosto 8,16 settembre). Sicuramente questo nuovo sistema presenta luci ed ombre. Sinceramente credo che il sistema possa rendere la selezione degli studenti ancor più meritocratica, eliminando quelle ingiuste condizioni per le quali un punteggio sufficiente per accedere al corso di laurea di un ateneo ma non per l università in cui il candidato aveva eseguito la prova, di fatto escludeva lo studente dalla possibilità di frequentare il CLsOPD pur essendo stato più meritevole di colleghi di altre città. Un problema che certamente starà al ministero saper risolvere o quantomeno alleviare sarà tuttavia l aumento dei costi che inevitabilmente uno studente, costretto ad immatricolarsi in una città differente da quella di origine, dovrà sostenere. Purtroppo, tuttavia, temo che il più grande difetto di questo sistema, sarà la nuova ondata di ricorsi al TAR che si leverà e che numerosi studi legali propugnano in virtù di chissà quale presunta ingiustizia. Mi chiedo perché, un sistema sperimentale e così innovativo, dovesse essere provato proprio con il CLsOPD, la cui storia degli accessi da sempre è risultata la più complessa e travagliata (leggi: ricorsi, sospensive e sanatorie varie). Forse trovare un altro terreno di prova, avrebbe impedito ad avvocati e candidati delusi di appigliarsi ai piccoli difetti di un sistema ancora certamente perfettibile. I principali capi d accusa che si sentono muovere contro questa modalità di svolgimento della prova sono la precocità della data di svolgimento e l iniquità della graduatoria nazionale. Come già spiegato precedentemente, credo che invocare l iniquità di questa P.O. PROSPETTIVA ODONTOIATRICA 17

3 FILODIRETTOAISO modalità di ammissione sia quantomeno pretestuoso. La prova così come è concepita, infatti, offre la possibilità agli studenti più meritevoli di accedere ad un CLsOPD anche se la loro prima scelta, che sarebbe l università in cui sarebbero andati a svolgere il test nel caso in cui non fosse esistita la graduatoria nazionale, per caso fortuito o perché particolarmente ambita, dovesse aver assegnato già i posti disponibili ad altri studenti leggermente più meritevoli. Certamente il fatto che la prova sia stata anticipata al 20 Luglio, con tutto ciò che ne consegue, rappresenterà un leitmotiv degli studenti che presenteranno ricorso per l anno accademico 2005/2006. L accusa principale sarà che una data così precoce non ha consentito agli studenti appena diplomati di prepararsi adeguatamente al test, favorendo gli studenti più anziani o comunque chi non ha dovuto sostenere l impegno richiesto da due esami così importanti e ravvicinati. Credo che anche questo punto sia piuttosto opinabile in quanto quasi sempre i candidati, seppure non provengono direttamente dalla scuola superiore, provengono da altri corsi di laurea che proprio in questo periodo vede il cuore della sessione estiva, o quantomeno sono sottoposti ai normali impegni di lavoro. Se si pensa quindi che tutti o quasi i candidati si trovano nelle medesime condizioni, se si considera inoltre che nonostante la data, i candidati di quest anno si sono dimostrati egualmente preparati rispetto ai colleghi degli anni precedenti (il range di punteggio all interno del quale sono contenuti i vincitori, infatti non si discosta significativamente dai range degli anni precedenti: tra 66 e 42,25 punti su 80), e se si comprende come questa data si sia resa necessaria per consentire un tempestivo avvio delle attività didattiche nel mese di ottobre, non si potrà certo condannare questa scelta. Certamente l AISO, con l appoggio di tutto il comparto del dentale lotterà affinché questa nuova ondata di ricorsi si infranga contro lo scoglio della coerenza dei nostri politici, che pur avendo spesso dimostrato di essere castelli di sabbia, sembrano finalmente aver recepito le nostre istanze di miglioramento della formazione odontoiatrica. Nel decreto ministeriale del 18 Maggio 2005 che definisce il numero di posti disponibili per le immatricolazioni ai CLsOPD, infatti, si nota già una riduzione del numero di posti disponibili e soprattutto una presa di coscienza dell inadeguatezza di molte strutture. Per ora il rapporto tra studenti e strutture (esemplificato con il rapporto studenti/riuniti) ammesso dal MIUR è stato quello di 2:1, ma la volontà è quella di ottenere rapporto ideale di 1:1 riducendo pertanto ulteriormente il numero di posti disponibili, o ancor meglio un aumento delle strutture. Ridurre il numero di posti per poi accettare nuovi ricorsi e dispensare nuove sanatorie certo non sarebbe molto coerente da parte dei nostri governanti, pertanto non ci resta che sorvegliare la situazione, sottolineare le nostre esigenze e lottare per i nostri diritti, senza dimenticare però di tenere le dita incrociate. Gabriele Conte Presidente AISO SI PARLA DI... Comunicato Stampa MIUR ODONTOIATRIA: PROMOSSA LA GRADUATORIA UNICA NAZIONALE Il Ministro Letizia Moratti: Il nuovo sistema premia il merito e assicura trasparenza e rapidità Roma, 27 luglio 2005 Risultati ampiamente positivi per la sperimentazione della graduatoria unica nazionale per l accesso al corso di laurea specialistica in Odontoiatria e protesi dentaria, precedentemente organizzato a livello di singole università. Lo confermano i dati delle prove di ammissione svoltesi il 20 luglio scorso nelle 33 sedi universitarie statali dove è attivo il corso di laurea a numero programmato. Alle selezioni hanno partecipato in totale candidati agli 878 posti disponibili. Il consorzio Cineca ha elaborato, per conto del Miur, tutte le procedure informatiche relative alle prove ed ha attivato un call-center a disposizione degli studenti. Il sistema che abbiamo voluto sperimentare da quest anno, basato su un unica graduatoria nazionale invece che su singole graduatorie locali, commenta il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, Letizia Moratti, ci permette di premiare i candidati migliori e di far loro frequentare le sedi preferite o ritenute più prestigiose. Inoltre, grazie all impiego delle nuove tecnologie e alla possibilità per gli studenti di dialogare costantemente con il call-center, siamo in grado di assicurare procedure più veloci, semplificate, trasparenti e al tempo stesso rispettose della privacy. La graduatoria, pubblicata già sabato 23 luglio sul sito internet odontoiatria.miur.it, fa rilevare infatti che il livello degli ammessi è molto elevato: il risultato conseguito alle prove dall ultimo degli idonei è di 44,5 punti su 80 complessivi (un punto per ciascun quesito esatto, -0,25 per ogni errore), un valore quindi che si colloca ben al di sopra della più alta fra le medie regionali che spetta ai quattro atenei dell Emilia Romagna con un valore pari a 29,24. Il punteggio massimo conseguito è di 66 su 80 punti complessivi, raggiunto da uno studente dell Università di Milano Bicocca; la media migliore è invece quella dell Università di Ferrara, con 32,37 punti. Relativamente alla velocizzazione delle procedure, va evidenziato innanzitutto il dato sulle assegnazioni immediate, a soli tre giorni dallo svolgimento delle prove: ben 633 sono stati gli studenti utilmente collocatisi in graduatoria che possono immatricolarsi entro il 1 agosto presso la sede che avevano indicato come prima scelta, sulle 5 opzioni possibili. La mancata immatricolazione corrisponde a una rinuncia e comporta l esclusione definitiva dalla graduatoria. Altri 245 sono invece prenotati, cioè tra qualche giorno potranno accedere a qualcuna delle università che avevano indicato come preferenze alternative, se non vi saranno rinunce dei primi classificati. Dovranno aspettare ancora anche i 14 classificati come in attesa, per i quali al momento non ci sono posti disponibili nelle sedi prescelte. La scelta di anticipare gli esami a luglio, inoltre, aggiunge il Ministro, consente un risparmio di costi per le famiglie e i ragazzi, che non sono obbligati ad iscriversi ai corsi di preparazione, e permette loro di sapere già nel mese di luglio in quale città potranno frequentare il corso. La nuova commissione incaricata di predisporre i test ha infatti elaborato, su precisa direttiva del Ministro Moratti, quesiti adeguati alla preparazione richiesta per gli esami di maturità. 18 PROSPETTIVA ODONTOIATRICA P.O.

4 SI PARLA DI... RIBADITA LA POSIZIONE AIO IN TEMA DI CONVENZIONI DIRETTE PROPOSTE DI CONVENZIONAMENTI Genova, 28 settembre 2005 Cari soci, molti di noi hanno ricevuto in questi giorni voluminosi plichi da parte di società attive in campo sanitario con la proposta di convenzionamento diretto con alcune casse sanitarie integrative. Addirittura in un plico una società (che si definisce senza scopo di lucro!) propone a noi Liberi Professionisti di diventare promotori assicurativi e di pubblicizzare e convincere i nostri pazienti ad aderire a polizze sanitarie in ambito odontoiatrico (salvo magari poi toglierci la convenzione e dirottare i nostri pazienti - diventati loro clienti - da altri professionisti di loro scelta...). Forse giova ricordare a tutti gli iscritti al nostro Sindacato che: 1) L orientamento dell AIO - sindacato nazionale di categoria - è fermo ed inequivocabile: NO ai convenzionamenti diretti e tutela a tutto campo della LIBE- RA PROFESSIONE. 2) Tutti e 4 gli Ordini Provinciali dei Medici e degli Odontoiatri della Liguria hanno emesso delle delibere molto chiare al riguardo: il convenzionamento in forma diretta (cioè il pagamento diretto a noi odontoiatri da parte di un ente assicurativo o previdenziale delle nostre prestazioni) è interdetto. Trasgredire a queste chiare direttive significa certamente incorrere in pesanti sanzioni disciplinari. 3) Il convenzionamento indiretto (il paziente salda direttamente a noi il nostro onorario e poi si farà rimborsare) è ammesso previa valutazione dell Ordine sui requisiti deontologici della convenzione stessa e di rispetto del minimo tariffario. Tutta la classe odontoiatrica sta certamente vivendo dei momenti non esaltanti. La grave crisi economica (forse più percepita che reale) si riflette inevitabilmente sulla disponibilità alle cure dei nostri Pazienti. La pletora odontoiatrica ha come immediato riflesso la famosa sindrome della poltrona vuota o meglio sottooccupata. Ma la risposta non può certo venire da parte di soggetti terzi che ci propongono tariffe da pura sussistenza - ovviamente da rivedere al ribasso anno dopo anno. Diciamo quindi un forte e compatto NO alla: Trasformazione della nostra bellissima Professione da Libera ad assoggettata Appiattimento verso il basso delle prestazioni Mancata tutela del Cittadino - Paziente Ci siamo laureati per fare gli odontoiatri, non i venditori di polizze assicurative!!! AIO Genova COMUNICATO IL CONVENZIONAMENTO DIRETTO È UN DANNO ALLA SALUTE PUBBLICA, ALL INDOTTO,ALLA LIBERA PROFESSIONE L AIO, Associazione Italiana Odontoiatri, esprime la propria intenzione di impegnarsi con ogni mezzo al fine di contribuire a superare il grave momento di crisi del settore odontoiatrico. Anche l odontoiatria risente del delicato momento di ristagno che vive tutta l economia italiana. L AIO, tuttavia, intende ribadire di essere assolutamente contraria a qualunque tipo di convenzione diretta, con qualunque tipo di fondi sanitari. Tale sistema, infatti, determina un effetto di schiacciamento del dentista che compresso tra i costi non riducibili dei servizi e dell industria da un lato e le tariffe imposte dal Terzo Pagante dall altro lato, sarebbe costretto ad abbassare la qualità delle prestazioni, con grave nocumento alla salute pubblica. Si ridurrebbero gli acquisti, gli investimenti, la scelta non punterebbe più sulla qualità dei materiali ma sui prezzi più bassi, con ulteriore abbassamento della qualità delle prestazioni. Anche il cittadino sarebbe vessato in quanto obbligato a rivolgersi solo ad alcuni professionisti, menomando la sua libera scelta. In tal modo, il collasso del sistema non sarebbe lontano, così come è già avvenuto in alcuni stati europei a noi vicini. Per quanto sopra l AIO, nella difesa della salute pubblica e nella difesa della categoria, stigmatizza qualunque tipo di convenzione, con qualunque tipo di fondi, e che non consenta il mantenimento della libera potestà di terapia e di organizzazione, caratteristica irrinunciabile di ogni libero professionista. La Segreteria Nazionale AIO P.O. PROSPETTIVA ODONTOIATRICA 19

5 SI PARLA DI... SMALTIMENTO RIFIUTI PERICOLOSI Pubblichiamo la lettera che Giuseppe Renzo, Presidente della Commissione Nazionale Odontoiatri, ha inviato al Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio e al Ministero della Salute in merito all annoso problema dello smaltimento dei rifiuti pericolosi prodotti negli studi medico-dentistici. UFFICIO CENTRALE ODONTOIATRI Ordinanza Corte di Giustizia UE 28 settembre 2004, causa C-115/03. Obbligo tenuta registro di rifiuti pericolosi per studi medico-dentistici. Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio V.le Cristoforo Colombo, ROMA Ministero della Salute Direzione Generale Professioni Sanitarie P.le Industria ROMA La Commissione odontoiatrica della FNOMCeO,allo scopo di dare opportune indicazioni agli iscritti all Albo,ritiene necessario chiedere chiarimenti ai Dicasteri in indirizzo per quanto concerne la immediata vigenza e applicabilità dell Ordinanza della Corte di Giustizia UE del 28 settembre 2004, causa C-115/03, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell UE il 18 dicembre Tale Ordinanza sembra ripristinare,anche per gli studi medicodentistici, l obbligo di tenere un registro di rifiuti pericolosi, ai sensi dell art. 4 della Direttiva del Consiglio del 12 dicembre 1991,n.91/689. L Ordinanza, che si inserisce come questione pregiudiziale nell ambito di una causa civile in corso tra la società Eco-Eridiana ed alcuni studi medico-dentistici sull interpretazione del Dlgs 22/97 e sulla successiva circolare del Ministero dell Ambiente del 14 dicembre 1999, costituisce una inversione di tendenza rispetto,appunto,alle precedenti interpretazioni ministeriali. E evidente che occorre un sollecito chiarimento per evitare che i professionisti che, senza loro colpe, avevano dato seguito ai contenuti della circolare 14/99, possano incorrere in sanzioni, anche gravi, come quella concernente il mancato adempimento alla tenuta dei registri per i rifiuti sanitari pericolosi. Grati per una risposta su una materia estremamente complessa e, spesso, fonte di contraddittorie interpretazioni, porgiamo cordiali saluti (Giuseppe Renzo) VICEPRESIDENZA CIPA Il collega Sebastiano Rosa, dell AIO Torino, gia delegato nazionale AIO per il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) del personale ausiliario, e stato nominato vicepresidente della Confederazione Italiana Professionisti e Artisti (CIPA) - parte sociale - di cui AIO e membro da tempo. La C.I.P.A., confederazione apartitica e senza fini di lucro, fondata nel 1948 a Firenze, è costituita da Sindacati di professionisti ed artisti e da organizzazioni similari dotate ognuna di autonomia funzionale e finanziaria. Le finalità della Confederazione sono molteplici; alcune, di notevole importanza, le possiamo così riassumere: Concorre all elevazione della libera professione Può costituire commissioni e comitati di studio per la soluzione di problemi professionali, economici, sociali di interesse nazionale e locale con spirito di collaborazione e solidarietà intercategoriale. Promuove iniziative per assicurare l assistenza sociale, sindacale, giuridica ai propri iscritti. A livello strutturale la C.I.P.A. si articola in organi dirigenziali a livello nazionale e in dirigenze regionali; tali organi sono eletti dall Assemblea Confederale con voto libero e segreto. Di notevole interesse sono, senza dubbio, sia la possibilità della C.I.P.A. di partecipare attivamente, fin dal 1953 (data di stipula con i Sindacati dei Lavoratori del primo Contratto Nazionale di Lavoro post corporativo dei Professionisti), come soggetto autonomo, alla regolamentazione negoziale dei rapporti di lavoro del personale dipendente degli Studi Professionali, sia quella di partecipare (poiché riconosciuta, l 11/05/2002/ parte sociale) al tavolo della concertazione con il Governo al pari delle altre forze produttive. Al collega i migliori auguri per un proficuo lavoro. NUOVE NORME SULLA PUBBLICITÁ INGANNEVOLE 20 PROSPETTIVA ODONTOIATRICA P.O. Entrano in vigore il prossimo 29 aprile le norme contenute nella legge n. 49 del 6 aprile 2005 in materia di messaggi pubblicitari ingannevoli diffusi attraverso mezzi di comunicazione. Il provvedimento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 aprile 2005, punisce con multe salate la promozione di prodotti i cui requisiti non rispondono alla realtà, ingannando così i consumatori. Un ruolo fondamentale sarà svolto dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) che, oltre a definire quali sono in concreto i casi di pubblicità ingannevole, potrà disporre di nuovi strumenti sanzionatori che possono arrivare anche alla sospensione dell attività d impresa fino a 30 giorni in caso di reiterato rifiuto a correggere i messaggi pubblicitari. GovernoInforma/Dossier/pubblicita_legge/index.html

6 IN EVIDENZA NON MANCATE! MAKE ME SMILE 141 MidWinter Meeting organizzato dalla Chicago Dental Society. Chicago, Illinois - USA Febbraio 2006 Disciplina delle libere professioni UE - COME CAMBIERÀ LA PROFESSIONE NEI PROSSIMI ANNI Approvata la direttiva sul mutuo riconoscimento delle qualifiche professionali in ambito UE pressdata/fr/misc/85087.pdf Approvato al Parlamento europeo il testo modificato della proposta di direttiva relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali.la direttiva mira a semplificare il quadro normativo europeo con la l adozione di un solo testo legislativo sostitutivo delle direttive di settore già adottate. Il provvedimento interessa i lavoratori subordinati e autonomi, coloro che prestano servizi temporanei e coloro che esercitano professioni regolamentate (con esclusione di quelle legate all esercizio di pubblici poteri).cardine della disciplina è il riconoscimento automatico dei titoli sulla base di un coordinamento delle condizioni minime di formazione, la cui definizione è rimessa alle autonomie nazionali.per quanto attiene all ambito sanitario si segnala: - l introduzione (per la prima volta) della nozione di professioni liberali ; - il riconoscimento espresso della figura del dentista come professione specifica e distinta da quella di medico,specializzato o no (art.36); - la sottomissione del prestatore di servizi (temporanei) alle norme professionali, di carattere professionale, legale o amministrativo,direttamente connesse alle qualifiche professionali del paese dove eroga la prestazione (art.5) - l applicazione alle specializzazioni mediche e dentistiche, riconosciute alla data di adozione della direttiva, del principio del riconoscimento automatico delle specialità ove le stesse siano comuni ad almeno due stati membri (considerando 17); - l introduzione della nozione di autorità competente da intendersi come qualsiasi autorità o organismo investito di autorità dagli Stati membri,abilitato in particolare a rilasciare o a ricevere titoli di formazione e altri documenti o informazioni, nonché ricevere le domande e ad adottare le decisioni di cui alla presente direttiva (art.3); in sostanza,per l Italia,il riconoscimento della valenza degli ordini professionali; - l introduzione, a livello europeo, di tessere professionali da parte di associazioni o organizzazioni professionali per agevolare la mobilità dei professionisti, in particolare accelerando lo scambio di informazioni tra lo Stato membro ospitante e lo Stato membro di origine (considerando 27). Gli Stati membri avranno due anni di tempo per l attuazione dalla data della pubblicazione. PRIVACY: DIFFERENZIAMENTO AUTORIZZAZIONI GENE- RALI PER DATI SENSIBILI Il Garante ha adottato in data 30 giugno 2005 un provvedimento con il quale ha differito di sei mesi, cioè sino al 31 dicembre 2005, la scadenza temporale delle sette autorizzazioni generali per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari attualmente solo efficaci sino al 30 giugno I sette provvedimenti, pubblicati sulla G.U. del 14 agosto 2004, riguardano i rapporti di lavoro (aut. n.1/2004), i dati sulla salute e la vita sessuale (aut. n.2/2004), le associazioni e fondazioni (aut. n.3/2004), i liberi professionisti (aut. n.4/2004), le attività creditizie, assicurative, i sondaggi, l elaborazione dati e da altre attività private (aut. n.5/2004), gli investigatori privati (aut. n.6/2004) e i dati di carattere giudiziario (aut. n. 7/2004). Il differimento si inquadra nell ambito delle iniziative già intraprese dall Autorità anche per completare, nel quadro dei principi di semplificazione e di efficacia previsti dal Codice, il varo di nuovi provvedimenti autorizzatori generali aventi una più lunga efficacia temporale di quelli già previste in passato dall Autorità. I soggetti che già in passato hanno beneficiato delle sette autorizzazioni potranno continuare a rispettare sino al 31 dicembre 2005 le prescrizioni senza che sia necessario presentare al Garante un apposita istanza o comunicazione. P.O. PROSPETTIVA ODONTOIATRICA 21

7 WORK IN PROGRESS ULTIM'ORA! ENORME SUCCESSO PER IL III CONGRESSO INTERNAZIONALE AIO Oltre 500 persone hanno gremito, nei tre giorni congressuali, le sale dell'hotel Sheraton di Bari ove si è tenuto dal 29 settembre al 1 ottobre il III Congresso Internazionale AIO. Uno "Speciale Congresso" nel prossimo numero della rivista PO. 1) La seguitissima lectio magistralis del professor Sandro Palla 2) L'apprezzato intervento di Giuseppe Renzo, presidente della CAO nazionale 3) La premiazione dei colleghi giunti al traguardo di vent'anni di professione GRANDE SUCCESSO PER L INIZIATIVA DELL AIO A RIMINI! Lo stand associativo, posizionato per la prima volta all'interno della sezione commerciale della Fiera, ha visto un notevole numero di passaggi. E' stato quindi scontato, valutato il positivo riscontro ottenuto, ripetere tale presenza AIO nel prossimo Expodental, a Milano il ottobre I responsabili delle varie sedi sono invitati a partecipare all'organizzazione ed a sfruttare lo stesso tipo di promozione per le loro iniziative, in modo da allestire uno stand sempre più ricco. 22 PROSPETTIVA ODONTOIATRICA P.O.

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLA PERIMPLANTITE ATTRAVERSO PROTOCOLLI AFFIDABILI MARIO BERETTA PAOLO CASENTINI DENIS CECCHINATO SABATO 7 MAGGIO 2016

PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLA PERIMPLANTITE ATTRAVERSO PROTOCOLLI AFFIDABILI MARIO BERETTA PAOLO CASENTINI DENIS CECCHINATO SABATO 7 MAGGIO 2016 PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLA PERIMPLANTITE ATTRAVERSO PROTOCOLLI AFFIDABILI MARIO BERETTA PAOLO CASENTINI DENIS CECCHINATO SABATO 7 MAGGIO 2016 NOVOTEL FIRENZE NORD PROGRAMMA SCIENTIFICO Moderatore:

Dettagli

Presto È bene? leaders forum 2015. il fattore tempo in implantoprotesi. 8-9 maggio 2015 Palazzo dei Congressi di Riccione. Corso di Aggiornamento

Presto È bene? leaders forum 2015. il fattore tempo in implantoprotesi. 8-9 maggio 2015 Palazzo dei Congressi di Riccione. Corso di Aggiornamento leaders forum 2015 Presto È bene? il fattore tempo in implantoprotesi 8 maggio Corso di Aggiornamento IL MIO APPROCCIO ALLA SOSTITUZIONE IMPLANTOPROTESICA DEL DENTE COMPROMESSO. Ronald Jung, Università

Dettagli

Parodontologia (III edizione) Livello II 60 CFU

Parodontologia (III edizione) Livello II 60 CFU Parodontologia (III edizione) Livello II 60 CFU Direttore del corso Prof. Pier Francesco Nocini Comitato Scientifico Il Comitato Scientifico è composto dai seguenti docenti del Corso di Laurea in Odontoiatria

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

Ufficio Mobilità Internazionale Università degli Studi di Milano Bicocca Via Dell Innovazione 10 20126 Milano

Ufficio Mobilità Internazionale Università degli Studi di Milano Bicocca Via Dell Innovazione 10 20126 Milano BANDO DI MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA DI DOPPIA LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI E DI DOPPIA LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

XIX CONGRESSO NAZIONALE

XIX CONGRESSO NAZIONALE AIESOLOPAGINA3 7-06-2011 17:05 Pagina 1 affiliata XIX CONGRESSO NAZIONALE La gestione odontoiatrica del paziente traumatizzato: indicazioni cliniche. 29-30 Settembre - 1 Ottobre 2011 Palazzo dei Congressi,

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCESSO E LO SVOLGIMENTO DELLA FREQUENZA A SCOPO DIDATTICO FORMATIVO E STAGES PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA SAN

DISCIPLINARE PER L ACCESSO E LO SVOLGIMENTO DELLA FREQUENZA A SCOPO DIDATTICO FORMATIVO E STAGES PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA SAN DISCIPLINARE PER L ACCESSO E LO SVOLGIMENTO DELLA FREQUENZA A SCOPO DIDATTICO FORMATIVO E STAGES PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA. INDICE ART.1 FINALITA pag.3 ART.2 INCOMPATIBILITA

Dettagli

I L P R E S I D E N T E

I L P R E S I D E N T E Bando di concorso per il conferimento, negli anni 2011 2012 2013, di tre borse di studio di 4.000 ciascuna, finanziate da una donazione della Fondazione Telecom Italia, a sostegno del progetto ADOTTA UNO

Dettagli

TRA PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

TRA PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE REP. N. 12223 REGIONE PIEMONTE CONVENZIONE QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AI SENSI DEL DECRETO DEL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DEL 25 MARZO 1998,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

XX CONGRESSO NAZIONALE AIE INVITA SIE. del dente affetto da parodontite periapicale:

XX CONGRESSO NAZIONALE AIE INVITA SIE. del dente affetto da parodontite periapicale: XX CONGRESSO NAZIONALE AIE INVITA SIE Il trattamento del dente affetto da parodontite periapicale: indicazioni cliniche Perugia 4-6 ottobre 2012 Golf Hotel Quattrotorri Le due principali Associazioni Italiane

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Igiene Implantare. in collaborazione con FONDAZIONE ISTITUTO STOMATOLOGICO TOSCANO

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Igiene Implantare. in collaborazione con FONDAZIONE ISTITUTO STOMATOLOGICO TOSCANO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO in Igiene Implantare in collaborazione con FONDAZIONE ISTITUTO STOMATOLOGICO TOSCANO DIRETTORE SCIENTIFICO: PROF. ANNAMARIA GENOVESI COMITATO SCIENTIFICO E ORGANIZZATIVO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Associazione Italiana per la Pianificazione ed il Controllo di Gestione nelle Banche, nelle Società Finanziarie e nelle Assicurazioni

Dettagli

X SIMPOSIO AIO SARDEGNA PRE SIMPOSIO SESSIONE ENDODONZIA Ven 30.11.2012

X SIMPOSIO AIO SARDEGNA PRE SIMPOSIO SESSIONE ENDODONZIA Ven 30.11.2012 X SIMPOSIO AIO SARDEGNA PRE SIMPOSIO SESSIONE ENDODONZIA Ven 30.11.2012 Luogo: Arborea (OR) Categoria: Corsi e Convegni - 2012 Informazioni aggiuntive: X SIMPOSIO AIO SARDEGNA PRE SIMPOSIO SESSIONE ENDODONZIA

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Convenzioni e intese percorsi formativi universitari

Convenzioni e intese percorsi formativi universitari Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria Generale Prot. n. 1929/FLP2006

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382; VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTA la legge 24 dicembre 1993, n. 537 recante «Interventi correttivi di finanza pubblica»

Dettagli

Progetto generale di articolazione delle attività formative e di perfezionamento e delle attività pratiche e la suddivisione dei relativi crediti

Progetto generale di articolazione delle attività formative e di perfezionamento e delle attività pratiche e la suddivisione dei relativi crediti Parodontologia (Biennale - III edizione) Livello II CFU 60 Direttore del Corso Prof. Pier Francesco Nocini; Coordinatore Tecnico Scientifico:Prof. Giorgio Lombardo Comitato Scientifico Il Comitato Scientifico

Dettagli

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale

Dettagli

Dr. Alfonso Baruffaldi Dr. Mario Beretta CORSO CON LIVE-SURGERY E WORKSHOP SU MODELLO AVANZATO TEORICO-PRATICO 3 GIORNI

Dr. Alfonso Baruffaldi Dr. Mario Beretta CORSO CON LIVE-SURGERY E WORKSHOP SU MODELLO AVANZATO TEORICO-PRATICO 3 GIORNI I.P. CORSO CON LIVE-SURGERY E WORKSHOP SU MODELLO Corso su carico immediato e tecniche rigenerative per l ottimizzazione dell aspetto estetico delle riabilitazioni implantoprotesiche. QUALItY. SERVICE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1343 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RODEGHIERO, ALBORGHETTI, APOLLONI, BAGLIANI, BAL- LAMAN, BALOCCHI, BIANCHI CLERICI, CE, FAUSTINELLI,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Corso teorico pratico di implantoprotesi

Corso teorico pratico di implantoprotesi Live Surgery Hands-on Corso teorico pratico di implantoprotesi Sede del primo e dell ultimo incontro: Nobel Biocare Italiana Srl Parco Tecnologico - ENERGY PARK Building 03 SUD - Via Energy Park, 6 20871

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1657 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CUTRUFO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 GIUGNO 2007 Disposizioni per l utilizzazione delle apparecchiature laser

Dettagli

PROGRAMMA CULTURALE II SEMESTRE 2011

PROGRAMMA CULTURALE II SEMESTRE 2011 Associazione Italiana Odontoiatri (A.I.O.) Sezione provinciale di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Sezione di Odontoiatria Associazione Nazionale Dentisti Italiani (A.N.D.I.) Sezione provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

Approfondimenti in implantologia:

Approfondimenti in implantologia: Approfondimenti in implantologia: perimplantiti approccio mini-invasivo saldatura intraorale Corso Teorico-Pratico Dr. Giuseppe Daprile Dr. Matteo Lazzarini Dr. Marcello Marchesi 29 Settembre Holiday Inn

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE PROCEDURA SELETTIVA per il conferimento degli incarichi di osservatore esterno delle rilevazioni del Sistema Nazionale di Valutazione relative all a.s. 2014/2015, nelle classi delle scuole primarie (II

Dettagli

visto l iscrizione nella sezione B dell Albo, il quale dispone, al comma 3, che siano esentati

visto l iscrizione nella sezione B dell Albo, il quale dispone, al comma 3, che siano esentati Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Genova, Chiavari, Imperia, La Spezia, Sanremo e Savona Accordo tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA,

Dettagli

Descrizione del corso. Obiettivi di apprendimento. Programma preliminare

Descrizione del corso. Obiettivi di apprendimento. Programma preliminare 20-21 giugno 12-13 settembre 7-8 novembre ve Li y er g r Su on sd an H Corso teorico pratico ti di implantoprotesi Sede: Relatori: Nobel Biocare Italiana Srl Parco Tecnologico - ENERGY PARK Building 03

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Università degli Studi di Foggia

Università degli Studi di Foggia Università degli Studi di Foggia Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria Corsi Universitari Post-Laurea in Odontoiatria Coordinatore: Prof. Lorenzo Lo Muzio Anno Accademico 2011-2012 Università

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO PARZIALE RESE DAGLI STUDENTI NELLE ATTIVITA E NEI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO PARZIALE RESE DAGLI STUDENTI NELLE ATTIVITA E NEI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO PARZIALE RESE DAGLI STUDENTI NELLE ATTIVITA E NEI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

VISTI CONSIDERATO CHE

VISTI CONSIDERATO CHE Convenzione tra l Università degli Studi di Siena e l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana relativa alle modalità di riscossione della tassa regionale ed alla definizione

Dettagli

Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti

Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti Corso Teorico Pratico 2012 Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti Dr. Alberto Fonzar Crediti Formativi (ECM) richiesti CORSO ANNUALE PER ODONTOIATRI Consigliata la

Dettagli

CORSO Semestrale di ENDODONZIA Dr. Claudio Farnararo - Dr. Francesco Piras

CORSO Semestrale di ENDODONZIA Dr. Claudio Farnararo - Dr. Francesco Piras CORSO Semestrale di ENDODONZIA Dr. Claudio Farnararo - Dr. Francesco Piras Sirona Point Sei uno studente del sesto anno? Concorri al Bando e partecipa Gratis 17 Settembre 2016-11 Febbraio 2017 OBIETTIVI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE Il Dirigente Responsabile: ZANOBINI ALBERTO Decreto non soggetto a controllo ai

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni 1 SOMMARIO Art. 1 - Principi generali... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione... 2 Art. 3 - Responsabilità

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti Allegato al bando di ammissione pubblicato in data 21/04/2015 Art. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015, il Master universitario di I livello in Igienista dentale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 5 Regolamento ai sensi dell art. 22 L. n. 247/12 sui corsi per l iscrizione all Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI CAGLIARI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI CAGLIARI UNIVERSITA' DEGLI STUDI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO Settore Post Lauream Scuole di Specializzazione D.R. n. 219 del 02.12.2013 Bando concorso per l'ammissione alla Scuola di Specializzazione

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE SIMONE. Disciplina della professione di odontotecnico

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE SIMONE. Disciplina della professione di odontotecnico Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1155 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE SIMONE Disciplina della professione di odontotecnico Presentata il 23 maggio 1996 ONOREVOLI

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 20 aprile 2015, n. 48 - (GU n.99 del 30-4-2015) Regolamento concernente le modalita' per l'ammissione dei medici alle scuole di specializzazione

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE Il Dirigente Responsabile: ZANOBINI ALBERTO Decreto non soggetto a controllo ai

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE E SUCCESSIVA EROGAZIONE DI N. 3 BORSE DI STUDIO NELL AMBITO DEL PROGETTO GASTROSCOPIA VIRTUALE.

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE E SUCCESSIVA EROGAZIONE DI N. 3 BORSE DI STUDIO NELL AMBITO DEL PROGETTO GASTROSCOPIA VIRTUALE. BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE E SUCCESSIVA EROGAZIONE DI N. 3 BORSE DI STUDIO NELL AMBITO DEL PROGETTO GASTROSCOPIA VIRTUALE. Articolo 1 - La Fondazione Clinical Industrial Research Park e la tipologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scadenze amministrative per l anno accademico 2012-2013 Per l anno accademico 2012-2013 le scadenze amministrative di seguito riportate che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università Cattolica del Sacro Cuore, con sede legale in Milano, per lo svolgimento di tirocini di formazione

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MEDICINA ESTETICA A.A. 2014/15

CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MEDICINA ESTETICA A.A. 2014/15 CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MEDICINA ESTETICA A.A. 2014/15 Istituito ai sensi del D.M. 22/10/2004 n. 270, realizzato ai sensi dell art. 7 del Regolamento

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO GIURIDICO AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015

Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015 Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015 Sede: Cosenza (in aula ed in videoconferenza) Destinatari Praticanti avvocati che devono sostenere le prove scritte dell esame di avvocato a dicembre 2015

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO N. 2/2010 - SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI UN ESPERTO RICERCATORE CON

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Roma 22 settembre 2004

Roma 22 settembre 2004 RISOLUZIONE N. 123/E Roma 22 settembre 2004 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. Fondazione XY - Onlus - Attività di ricerca scientifica di particolare interesse sociale.

Dettagli

MARCELLO CATTABRIGA. 1 SIMPOSIO in ricordo di ROMA. 5-6 dicembre 2014. Aula Magna Capozzi Sapienza Università di Roma

MARCELLO CATTABRIGA. 1 SIMPOSIO in ricordo di ROMA. 5-6 dicembre 2014. Aula Magna Capozzi Sapienza Università di Roma Società Italiana di Parodontologia e Implantologia 1 SIMPOSIO Aula Magna Capozzi Sapienza Università di Roma 1 SIMPOSIO Presentazione Alcuni uomini riescono a lasciare un segno nella loro vita, pochi riescono

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia III edizione Anno Accademico 2013/2014 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli