11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE. I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE. I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti"

Transcript

1 11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti Il processo civile è basato sul principio dispositivo fissato dagli artt. 99, 112, 115 cpc e dall art c.c., secondo il quale il processo nasce e procede su impulso di parte e viene deciso sulla base delle prove fornite dalle parti in causa. L obbligo di esercitare la funzione giudiziale sorge a seguito dell iniziativa del soggetto che chiede la tutela del proprio diritto. La decisione del giudice è vincolata alle domande formulate dalle parti, le quali hanno l onere di allegare e provare i fatti posti a base delle rispettive domande ed il giudice è tenuto a fondare la propria decisione sulle prove fornite dalle parti in causa. Il principio dispositivo pone i medesimi vincoli al CTU, le cui indagini sono limitate all analisi degli atti e documenti prodotti in causa dalle parti e comunque acquisiti su accordo delle parti o esaminati congiuntamente, nel rispetto di altro principio fondamentale del processo, il principio del contraddittorio fra le parti, le quali devono essere poste, nello svolgimento delle operazioni peritali, sullo stesso piano e nelle medesime condizioni difensive. Il codice di procedura vigente disciplina la funzione del consulente tecnico e l istituto della consulenza tecnica in due parti separate in quanto negli artt. da 61 a 64 cpc, e da 13 a 23 disp.att., norma il profilo soggettivo del consulente tecnico, quale ausiliario del Giudice, mentre negli artt. da 191 a 201 cpc e da 89 a 92 disp. att. cpc disciplina la consulenza tecnica dal punto di vista oggettivo, fissando le modalità di espletamento della stessa. E opinione consolidata in dottrina e giurisprudenza che la consulenza tecnica non costituisca un mezzo di prova ma un mezzo di valutazione, sotto il profilo tecnico-scientifico, di dati già acquisiti al processo a seguito dell attività delle parti nel rispetto dei termini fissati dal codice di rito. 1

2 In materia di procedimento civile, la consulenza tecnica non costituisce un mezzo di prova, ma è finalizzata all acquisizione, da parte del giudice di merito, di un parere tecnico necessario, o quanto meno utile per la valutazione di elementi probatori già acquisisti o per la soluzione di questioni che comportino specifiche conoscenze. La nomina del consulente rientra quindi nel potere discrezionale di tale giudice, che può provvedervi anche senza alcuna richiesta delle parti, sicché ove una richiesta di tale genere venga formulata dalla parte, essa non costituisce una richiesta istruttoria in senso tecnico, ma una mera sollecitazione rivolta al giudice perché questi, avvalendosi dei suoi poteri discrezionali, provveda al riguardo. Va detto, peraltro pur nel rispetto del principio dispositivo - che l evoluzione dell istituto nella più recente e ormai consolidata interpretazione giurisprudenziale, consente il ricorso alla consulenza tecnica quale mezzo istruttorio, sottratto alla disponibilità delle parti e rimesso al potere discrezionale del giudice, quando la CTU sia l unico strumento per conoscere fatti rilevanti che in nessun modo la parte sarebbe in grado di provare se non ricorrendo a cognizioni tecniche che solo il consulente nominato dal Giudice potrebbe avere. Con riguardo ai fatti riscontrabili solo attraverso specifiche cognizioni ed esperienze tecniche, quale il funzionamento di un impianto di alta e sofisticata tecnologica, la consulenza può assurgere anche a fonte oggettiva di prova, come strumento necessario all accertamento ed alla descrizione dei fatti medesimi, oltre anche alla loro valutazione (CSU , n. 1196). ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** Il consulente tecnico, quindi, rappresenta un fondamentale ausiliario del Giudice, il quale, oltre a fornire valutazioni dei fatti acquisiti al giudizio, può anche integrare con il proprio apporto tecnico le prove, fornendo al Magistrato in entrambi i casi supporti tecnici che possono indirizzare la controversia in un senso o in un altro, contribuendo in modo determinante a decidere le sorti della causa. La continua modernizzazione della società e l adozione, nella vita quotidiana, di strumenti sempre più sofisticati e tecnologici, la conoscenza dei quali presuppone cognizioni tecniche sempre più puntuali, rende oggi, più che in passato, estremamente rilevante l istituto della consulenza tecnica quale 2

3 mezzo di ausilio per un giudice che si trova a dover affrontare situazioni tecniche sempre più impegnative. Il compito del consulente tecnico è di particolare delicatezza e, come tale, deve svolgersi secondo regole precise che siano tali da garantire il contraddittorio delle parti in causa, il rispetto dell obiettività dei fatti, la corretta valutazione delle situazione che il CTU deve esaminare, e la possibilità per le parti, tramite i loro legali e consulenti, di interloquire nello svolgimento delle operazioni peritali, collaborando con il CTU ma, anche, se del caso, contestandone l operato e sollecitando l intervento del Giudice qualora ritengano che il lavoro svolto dal consulente non sia esaustivo o risulti addirittura erroneo. Il CTU non solo deve essere imparziale ma riteniamo che debba anche apparire tale e debba evitare, nel limite del possibile, di assumere anche in buona fede atteggiamenti che possano suscitare il dubbio che il principale consulente del Giudice possa, in qualche modo, simpatizzare per una delle parti in causa. Naturalmente spetterà agli altri protagonisti del giudizio, in particolare i legali ed i CTP, che assicurano alla parte una difesa giuridica e tecnica, valutare obiettivamente le eventuali situazioni di criticità adottando, se del caso, le iniziative ritenute opportune per la salvaguardia degli interessi delle parti, naturalmente con la correttezza che deve contraddistinguere i rapporti fra i professionisti incaricati della causa. Evitando, se non sia il caso, di seguire i propri assistiti nella prospettazione di ipotetiche scorrettezze o irregolarità che a volte, i clienti, per gli interessi in gioco, possono soggettivamente intravedere ma che, oggettivamente, non sussistono. Sarà poi compito del Giudice, da sempre definito peritus peritorum, adottare gli opportuni provvedimenti, se del caso su sollecitazione delle parti, affinché la consulenza venga espletata e completata correttamente, nelle forme e nei modi fissati dal codice di procedura e nel pieno rispetto del principio del contraddittorio. ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** Il consulente tecnico è nominato dal Giudice con ordinanza, ai sensi dell art. 191 cpc, nella quale è indicata l udienza alla quale questi deve comparire per l incarico, la formulazione del quesito e il giuramento, ordinanza che viene notificata al consulente e comunicata alle parti in causa. 3

4 Il consulente viene di norma scelto tra gli iscritti all Albo dei consulenti tecnici istituito presso il Tribunale, non essendo escluso che il Giudice possa affidare l incarico a tecnico iscritto ad altro Albo di Tribunale o addirittura non iscritto, dopo aver sentito il Presidente del Tribunale e precisato i motivi di tale scelta. Il consulente tecnico non iscritto all Albo dei consulenti ha la facoltà di rifiutare l incarico secondo una propria insindacabile valutazione, anche solo di convenienza ed opportunità, mentre gli iscritti all Albo hanno l obbligo di prestare l ufficio, ai sensi dell art. 63 cpc, salvo che sussista un giusto motivo di astensione, riconosciuto come tale dal Giudice. Qualora il consulente, pur vertendo in situazioni nelle quali dovrebbe astenersi, non ritenga di farlo, può essere dalle parti ricusato nel termine di tre giorni prima dell udienza, mediante ricorso da depositare nella cancelleria del Giudice. Le parti, i CTP ed i legali, sul punto, dovranno essere estremamente attenti nel verificare, fin dal momento della nomina, le possibili situazioni che legittimino la ricusazione perché il rispetto del termine sopra indicato è fondamentale. La lettura delle norme e la giurisprudenza, infatti, sono univoche nel ritenere che non sussiste la nullità della consulenza se il consulente d ufficio, che aveva l obbligo di astenersi, non si sia astenuto (Cass., , n. 1054), in quanto la parte interessata aveva l onere di presentare l istanza di ricusazione nei termini fissati dall art. 192 cpc.. A tale principio non è consentita deroga per l ipotesi in cui la parte venga a conoscenza solo successivamente della situazione di incompatibilità, potendosi in tal caso solo prospettare le ragioni che giustificano un provvedimento di sostituzione affinché il giudice, se lo ritenga, si avvalga dei poteri che gli conferisce in tal senso l art. 196 cpc. (Cass , n. 3657). Sulla eventuale ricusazione il Giudice decide con ordinanza non impugnabile. All udienza di comparizione il consulente nominato presterà il giuramento di rito ed il Giudice, qualora non l abbia già fatto nell ordinanza ammissiva della consulenza, formulerà a verbale il quesito e, sempre inserendolo a verbale, assegnerà, in accordo con il CTU, il termine per lo svolgimento dell incarico e fisserà la data ed il luogo di inizio delle operazioni peritali. 4

5 Va osservato, peraltro, che il giuramento del CTU può essere prestato anche successivamente e che la legge non commina la nullità della consulenza tecnica d ufficio, in caso di mancata prestazione del giuramento da parte del consulente. Pertanto, il giudice, ai fini della formazione del suo convincimento, può utilizzare la consulenza tecnica d ufficio, anche se esperita senza la previa prestazione del giuramento (Cass , n. 2460; Cass , n. 930). Il verbale dell udienza è di particolare importanza per le parti in causa perché quanto in esso indicato, in particolare la data ed il luogo di inizio delle operazioni peritali, si hanno per conosciute dalle parti con l indicazione nel verbale di udienza. Sarà, quindi, onere del legale delle parti comunicare le indicazioni verbalizzate al CTP eventualmente nominato ai sensi degli artt. 201 cpc e 91 disp. att. e non presente all udienza, udienza nella quale il Giudice potrebbe ancora concedere alle parti un termine, di solito fino all inizio delle operazioni, per la nomina del CTP. Qualora il CTU, all udienza, non sia in grado di indicare il giorno di inizio delle operazioni peritali, dovrà provvedere a comunicare ai consulenti di parte tempestivamente nominati, mediante raccomandata, la data, il luogo e l ora dell inizio delle operazioni peritali, al fine di assicurare la possibilità di partecipazione delle parti, del legale e del consulente di parte alle operazioni stesse ed il rispetto del principio del contraddittorio. Per assicurare il rispetto di tale fondamentale principio anche nella fase della consulenza, infatti, l art. 201 cpc, in relazione all art. 87 cpc secondo cui la parte può farsi assistere da uno o più avvocati ed anche da un consulente tecnico, dispone che il Giudice istruttore, con l ordinanza di nomina del consulente, assegni alle parti un termine entro il quale possano nominare un consulente tecnico con dichiarazione, ricevuta dal cancelliere, che deve indicare il domicilio o il recapito del consulente medesimo (ex art. 91 disp. att.) al fine di rendere possibili e certe le comunicazioni a lui indirizzate. Le comunicazioni di inizio delle operazioni peritali al CTP, ai sensi dell art. 91 comma 2 dovrebbero essere effettuate dal cancelliere ma, nella prassi, come sopra visto, o sono date a verbale di udienza o vengono effettuate dal consulente mediante comunicazione scritta, possibilmente raccomandata per rendere certo il ricevimento dell atto. 5

6 La nomina del CTP è consentita al procuratore costituito in virtù del potere conferitogli dall art. 84 cpc, e per essere effettiva è necessario che sia stato nominato il consulente d ufficio. Con il CTP si introduce, quindi, nel processo un esperto, che non solo integra l opera del difensore giurista - con il quale, nell interesse del cliente comune, dovrà strettamente collaborare con scambio di informazioni e valutazioni tecniche e giuridiche atte a rappresentare diversi punti di vista - ma che consente anche un attività di controllo sull opera del CTU. E una estensione del diritto di difesa, assicurato a tutti i soggetti del processo e garantito, ai sensi dell art. 24 Cost., anche alle parti non abbienti ed oggi regolamentato nel DPR , n. 115, che garantisce ai soggetti non abbienti il patrocinio a spese dello Stato non solo per l assistenza giuridica, ma, anche, per l assistenza tecnica, dunque per il CTP. L art. 194 cpc stabilisce che, anche quando il Giudice dispone che il consulente compia indagini da sé solo, le parti possono intervenire alle operazioni di persona e a mezzo dei consulenti tecnici e dei difensori, e possono presentare al consulente, a voce o per iscritto, osservazioni ed istanze. Proprio per questo, ai sensi dell art. 90 disp. att., il CTU ha l obbligo di comunicare l inizio delle operazioni peritali alle parti costituite e per esse al legale ed ai consulenti ritualmente nominati. Non è previsto che il CTU comunichi l inizio delle operazioni peritali alle parti contumaci, come conferma la Giurisprudenza (Cass , n. 635; Cass , n ). La mancata comunicazione dell inizio delle operazioni peritali rende affetta da nullità la consulenza tecnica, nullità che, invece, non è automaticamente connessa ad eventuali irritualità verificatesi nel corso dell espletamento della consulenza tecnica perché le eventuali irritualità ne determinano la nullità solo se, avuto riguardo alle circostanze del caso concreto, esse abbiano comportato un effettivo pregiudizio del diritto di difesa, il quale, in particolare, non comporta la necessità, una volta comunicata alle parti la data di inizio delle operazioni peritali, che siano effettuate analoghe comunicazioni per ogni ulteriore attività che il consulente ritenga di dover compiere o per ogni scritto difensionale a questi diretto e relativamente al quale la controparte interessata può sempre utilmente replicare, censurando le argomentazioni che il consulente stesso abbia eventualmente fatto proprie e trasfuso nella sua relazione (Cass , n. 4821). 6

7 La nullità della consulenza tecnica è nullità relativa che va eccepita e dedotta dalle parti che vi hanno interesse nel primo atto difensivo o nella udienza successiva al deposito della relazione peritale, rimanendo in difetto sanato e non più eccepibile. Il CTU può essere autorizzato dal Giudice, ai sensi dell art. 194 cpc, a domandare chiarimenti alle parti e ad assumere informazioni da terzi, oltre ad esercitare altre attività quali quelle di tentare la conciliazione della lite, come più oltre vedremo. Il consulente d ufficio, pur in mancanza di espressa autorizzazione del Giudice, può, ai sensi dell art. 194, primo comma, cpc, assumere informazioni da terzi e procedere all accertamento dei fatti accessori costituenti presupposti necessari per rispondere ai quesiti postigli, ma non ha il potere di accertare i fatti posti a fondamento di domande ed eccezioni, il cui onere probatorio incombe sulle parti, e, se sconfina dai predetti limiti intrinseci al mandato conferitogli, tali accertamenti sono nulli per violazione del principio del contraddittorio e, perciò, privi di qualsiasi valore probatorio, neppure indiziario. (Cass , n. 6502). L omissione della comunicazione, con la forma del biglietto di cancelleria, della data e del luogo di inizio delle operazioni peritali, così come prescritto in mancanza della apposita dichiarazione inserita nel processo verbale d udienza dall art. 90 disp. att. cpc non induce nullità della consulenza tecnica, qualora risulti che le parti siano state egualmente poste in grado di assistere all indagine e di esplicare in essa le attività ritenute convenienti. L art. 90 disp. att. dispone, per il rispetto del principio del contraddittorio, che il CTU non possa ricevere atti scritti difensivi oltre a quelli contenenti le osservazioni e le istanze di parte consentite dall art. 194 e che, in ogni caso, debba comunicare alle parti avverse copia degli atti difensionali eventualmente depositati. Da segnalare che l art. 91 disp. att. stabilisce che, se durante le indagini sorgono contestazioni sui poteri o sui limiti dell incarico conferito al consulente, deve comunicarlo al Giudice, salvo che la parte interessata vi provveda con ricorso, il quale tuttavia non sospende le operazioni in corso. A seguito dell informazione del CTU o del ricorso delle parti, il Giudice, sentite le parti, dà i provvedimenti opportuni. 7

8 Quest attività dei CTP, oltre a costituire l espressione dell attuazione del principio del contraddittorio nella consulenza tecnica, svolge altresì la funzione di assicurare il controllo tecnico nell operato del CTU, difficilmente esperibile dal giurista (giudice e avvocato). E infatti proprio attraverso i rilievi dei tecnici che hanno partecipato ai sopralluoghi ed alle ispezioni, e quindi hanno avuto la stessa percezione che ha avuto il CTU dei fatti e dell oggetto delle valutazioni, che si esplica quella funzione di controllo tecnico e di apporto dialettico delle parti alle indagini peritali che costituisce il fondamento delle disposizioni regolanti la partecipazione dei CTP all accertamento tecnico ed alla difesa della parte. Le indagini del consulente tecnico vengono documentate con processo verbale quando sono compiute con l intervento del giudice istruttore, ma per lo più le indagini sono compiute senza l intervento del giudice, per cui il consulente deve farne relazione scritta, nella quale inserisce anche quelle osservazioni e quelle istanze che le parti sono legittimate a presentargli a norme dell art. 194 cpc, oralmente o per iscritto. In questo secondo caso il consulente, anziché inserirle, potrà allegarle alla relazione. La mancata menzione nella relazione di dette osservazioni e istanze, qualora non configuri una vera e propria violazione dei diritti di difesa, non comporta peraltro la nullità della relazione medesima. A norma dell ultimo comma dell art. 195 cpc, la relazione deve essere depositata in cancelleria nel termine fissato dal giudice. Il termine è di carattere ordinatorio, quindi la relazione potrà essere depositata anche in un momento successivo, previa richiesta di proroga a norma dell art. 154 cpc. Una prassi diffusa che si dovrebbe evitare è quella del deposito della relazione anche dopo il termine stabilito dal Giudice, magari prima dell udienza per la prosecuzione della causa ma non nel termine tale da consentire ai legali, alle parti ed ai consulenti, un compiuto esame della CTU e la redazione di puntuali osservazioni critiche. Nel caso di tardivo deposito della relazione peritale, il Giudice, all udienza, potrà concedere, a richiesta delle parti, un termine per esame della relazione depositata fuori termine e per le eventuali controdeduzioni, od un rinvio per consentire il deposito: tale provvedimento, pur corretto dal punto di 8

9 vista del principio di difesa, non giova tuttavia alla speditezza della causa ed al rispetto del principio della ragionevole durata del processo. Peraltro il Giudice potrebbe valutare che il ritardo non sia giustificato e, quindi, provvedere alla sostituzione del consulente ai sensi dell art. 196 cpc come meglio vedremo in seguito. Depositata la relazione del CTU, le parti, esaminatala, potranno presentare rilievi ed osservazioni critiche nel termine assegnato dal Giudice, ricordando che la S.C. ha espressamente stabilito che le osservazioni critiche alla CTU non possono essere formulate in comparsa conclusionale perché in tal modo rimarrebbero sottratte al contraddittorio ed al dibattito processuale (Cass , n. 9517). Va segnalato, sul punto, che le argomentazioni ed i rilievi del CTP, pur non costituendo mezzi di prova ma allegazioni difensive, se precisi e circostanziati possono avere grande rilevanza per l esito della causa, quantomeno obbligando il Giudice ad una puntuale motivazione. Afferma infatti la Giurisprudenza che quando i rilievi contenuti nella consulenza di parte siano precisi e circostanziati, tali da portare a conclusioni diverse da quelle contenute nella CTU ed adottate in sentenza, ove il Giudice trascuri di esaminarli analiticamente ricorre il vizio di insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia (Cass , n. 245). Va anche segnalato, ai sensi degli artt. 194 e 197 cpc, che qualora il Giudice ritenga di invitare il CTU ad assistere alle udienze e ad esprimere il suo parere anche in camera di consiglio, è prevista la presenza dei difensori, dei CTP e delle parti, le quali possono chiarire e svolgere le loro ragioni per mezzo dei difensori. Da ultimo si richiama l attenzione sul fatto che l art. 198 cpc prevede che il CTU sia autorizzato a tentare la conciliazione delle parti solo nella particolare ipotesi di esame contabile, non rientrando, invece, specificatamente, nelle attribuzioni del CTU previste dall art. 194 cpc, l esperimento del tentativo di conciliazione. Nella prassi costante, però, il Giudice, al momento della formulazione del quesito, è solito assegnare al CTU il compito del tentativo di conciliazione e, peraltro, non può nemmeno dubitarsi della possibilità del consulente di proporre, anche di propria iniziativa, una soluzione della controversia. 9

10 Va, peraltro, sottolineato come la conciliazione, pur auspicabile, non possa passare attraverso forzature della volontà delle parti, né attraverso contatti diretti ed autonomi tra consulente ed una sola delle parti o un solo consulente, ma possa fondarsi solo su un compiuto contraddittorio. Occorre sempre tenere presente, anche nello svolgimento della CTU, sia il rispetto del principio dispositivo sia il rispetto del principio del contraddittorio. L accordo eventualmente stipulato fra le parti e verbalizzato in assenza del Giudice dal CTU non costituisce una conciliazione giudiziale con efficacia definitiva del giudizio diversamente da quanto previsto nella ipotesi di conciliazione davanti al giudice ma può costituire, ricorrendone gli estremi, un mero accordo di natura negoziale del quale il Giudice prenderà atto, disponendo la cessazione della materia del contendere. Se la conciliazione non riesce, ai sensi dell art. 200 cpc il consulente redige una relazione nella quale espone i risultati delle indagini compiute e il suo parere. Va osservato che le dichiarazioni delle parti, riportate nella relazione, possono essere valutate dal Giudice ai sensi dell art. 116 secondo comma, secondo cui il Giudice può desumere argomenti di prova dalle risposte date dalle parti in sede di interrogatorio non formale. Il controllo che le parti ed i loro consulenti hanno diritto di svolgere nei confronti delle attività del consulente tecnico d ufficio e della sua relazione si estrinseca, come più visto sopra, nella facoltà di richiedere chiarimenti sino a sollecitare il Giudice affinchè, ai sensi dell art. 196 cpc, disponga la rinnovazione delle indagini e, per gravi motivi, la sostituzione del consulente tecnico. Quello delle parti e dei lori consulenti è peraltro un mero potere sollecitatorio perché la richiesta di chiarimenti e la rinnovazione delle indagini è un potere discrezionale del Giudice: rientra nel potere discrezionale del giudice di merito accogliere o rigettare l istanza di riconvocazione del CTU per chiarimenti o per un supplemento di consulenza, senza che l eventuale provvedimento negativo possa essere censurato in sede di legittimità, quando dal complesso delle ragioni svolte in sentenza, in base ad elementi di convincimento tratti dalle risultanze probatorie già acquisite e valutate con un giudizio immune da vizi logici e giuridici, risulti l irrilevanza o la superfluità dell indagine richiesta, non sussistendo la necessità, ai fini della completezza della motivazione, che il giudice dia conto delle 10

11 contrarie motivazioni dei consulenti di fiducia che, anche se non espressamente confutate, si hanno per disattese perché incompatibili con le argomentazioni poste a base delle motivazione (Cass , n ). Allo stesso modo è nell esclusivo potere del giudice di sostituire il CTU, per gravi motivi, che non si estrinsecano soltanto nell ingiustificato mancato deposito della relazione tecnica; il principio, posto dall art. 196 cpc, per cui il consulente può essere sostituito solo per gravi motivi, concerne, soprattutto, il caso di una consulenza ancora in via di esecuzione, ma non limita il potere discrezionale del giudice di disporre una nuova consulenza e la rinnovazione delle indagini quando non ravvisi idoneo allo scopo per cui la consulenza era stata disposta, il risultato raggiunto dal primo consulente. ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** Il richiamo alla sostituzione del consulente tecnico ci dà modo di trattare l argomento della responsabilità del consulente tecnico, disciplinato dall art. 64 cpc, il quale, al primo comma, stabilisce che al consulente si applicano le norme del codice penale relative ai periti. Sono l art. 366, che punisce il rifiuto di uffici legalmente dovuti, e l art. 373, che punisce il perito che dà pareri o interpretazioni mendaci o afferma fatti non conformi al vero. Nel primo caso è prevista la pena della reclusione fino a 6 mesi o della multa da 300 ad 516 oltre alla interdizione dalla professione, mentre nel secondo è prevista la pena della reclusione da due a sei anni e l interdizione dai pubblici uffici e dalla professione. Oltre alla responsabilità penale, l art. 64 co 2 prevede una responsabilità definita processuale che punisce, in ogni caso, il consulente tecnico che incorre in colpa grave nell esecuzione degli atti che gli sono richiesti, con l arresto fino ad un anno o con l ammenda sino ad Si applica l art. 35 cp che prevede la sospensione dell esercizio della professione. Trattasi peraltro, in questo caso, di contravvenzione punita con pena alternativa, che potrebbe essere definita con l oblazione prevista dall art. 162 bis cp con la metà del massimo della sanzione pecuniaria. In origine, prima della legge , n. 81, era prevista una pena pecuniaria che veniva inflitta direttamente dal Giudice civile, mentre oggi, nell ipotesi in cui il CTU incorra in colpa grave, nella quale incorra in colpa grave, il Giudice civile dovrà denunciare l accaduto per l avvio dell azione penale. 11

12 L art. 64 cpc prevede, poi, che in ogni caso sia dovuto il risarcimento dei danni causati alle parti. Si deve innanzi tutto osservare che il procedimento tendente al risarcimento dei danni nasce su iniziativa di parte, la quale, allegata l esistenza di un pregiudizio subito in conseguenza dell opera del CTU, ne chieda il risarcimento del danno. Ci si chiede se il professionista debba rispondere solo nell ipotesi di colpa grave o di falsa perizia oppure debba rispondere anche di un grado di colpa non grave. Alcuni assimilano il CTU agli impiegati dello Stato e del Giudice, il CTU dovrebbe rispondere solo in caso di dolo o colpa grave, mentre altri, sulla base dell art. 64 che prevede in ogni caso il risarcimento dei danni, ritengono che il consulente risponda anche al di fuori delle ipotesi di dolo e di colpa grave, secondo le previsioni degli artt e 1176, 2 comma, cc. Quindi si dovrebbe ritenere che se la consulenza implica la soluzione di particolari problemi tecnici di speciale difficoltà, il consulente potrà essere ritenuto responsabile solo nell ipotesi di dolo o di colpa grave, mentre nelle altre ipotesi sarà chiamato a rispondere alla stregua del principio di cui all art. 1176, 2 comma, secondo il quale nell adempimento delle obbligazioni, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell attività esercitata. Da ultimo, è utile accennare alla responsabilità disciplinare del consulente prevista dagli artt. 19, 20 e 21 disp. att. cpc, nonché dalle norme professionali che prevedono e disciplinano la responsabilità degli iscritti agli Ordini od ai Collegi Professionali. Al di là dei procedimenti disciplinari che si possono instaurare ai sensi delle disposizioni dei singoli Ordini o Collegi, la responsabilità prevista dal cpc ha per presupposti l iscrizione del tecnico nell albo dei consulenti tecnici presso il Tribunale ai sensi dell art. 13 disp. att. e la commissione di un illecito nell esercizio delle funzioni di ausilio tecnico del giudice. La specifica azione disciplinare prevista dagli artt 19 ss. cpc è esercitata dal Presidente del Tribunale il quale d ufficio o su istanza del Procuratore della Repubblica o del Presidente dell Associazione professionale i quali a loro volta potrebbero essere investiti di problematiche attinenti lo svolgimento delle funzioni del CTU dalle parti, dai loro legali o dai loro consulenti 12

13 promuove il procedimento disciplinare contro i consulenti che non hanno tenuto una condotta morale specchiata e non hanno ottemperato agli obblighi derivanti dagli incarichi ricevuti. La norma in questione è tesa a garantire un corretto e leale svolgimento dell attività processuale di consulenza ed una competente cooperazione all esercizio dell azione giudiziale, sanzionando prima di tutto quei comportamenti che risultano essere previsti come illeciti per gli iscritti alle singole e specifiche discipline professionali dei consulenti. In secondo luogo è prevista specifica sanzione per le inottemperanze agli obblighi derivanti dagli incarichi ricevuti quali, a titolo meramente indicativo, la mancata ingiustificata comparizione del CTU alle convocazioni del Giudice, l inottemperanza agli obblighi di custodia del fascicolo d ufficio e dei fascicoli di parte, che il CTU è stato autorizzato a ritirare, il mancato deposito della relazione. Si deve tenere presente che una volta disposta dal giudice la consulenza tecnica, questa deve essere espletata, né il consulente può rifiutare di ottemperare agli incarichi ricevuti adducendo il mancato versamento dell anticipo sul compenso, imposto dal giudice alla parte: contro l inadempimento eventuale di quest ultima il consulente è tutelato dall art. 24 disp. att. cpc che prevede un ingiunzione esecutiva per il pagamento del compenso (Cass , n. 2228). Il consulente, quindi, non può ritardare le operazioni peritali o non completarle adducendo di non avere ricevuto, per esempio, il fondo spese posto a carico delle parti potendo, invece, in questo caso o nel caso in cui all esito della consulenza non siano state versate le somme liquidate dal Giudice, avviare le opportune azioni di recupero nei confronti delle parti inadempienti incaricando un legale di fiducia. Da ultimo, pare utile sottolineare un aspetto importante in ordine al compenso del CTU. Anche nei casi in cui il giudice ponga le spese di consulenza a carico di una parte soltanto, tale obbligo ha rilievo unicamente nei rapporti interni tra le parti del giudizio, mentre nei confronti del CTU tutte le parti sono obbligate in solido al pagamento del compenso liquidato dal giudice, poiché trattasi di spesa sostenuta nell interesse di tutte (Cass , n. 6199). ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** ** *** La tutela del contraddittorio nelle operazioni peritali trova puntuale ingresso nel codice di procedura penale laddove disciplina la perizia, all art. 220 e ss. 13

14 L art. 225 afferma che, disposta la perizia, il PM e le parti private, imputato, parte civile, responsabile civile, hanno facoltà di nominare propri consulenti tecnici in numero non superiore, per ciascuna parte, a quello dei periti. Anche nel rito penale è previsto il patrocinio a spese dello Stato sia per le spese legali che per quelle di consulenza tecnica di parte non abbiente. L art. 226 specifica che il Giudice formula i quesiti, sentito il perito, i consulenti tecnici, il pubblico ministero ed i difensori, con ciò ponendo l accento sulla importanza della presenza dei consulenti per lo svolgimento della perizia. L art. 229 prevede l indicazione, da parte del perito, del giorno, del luogo e dell ora nel quale inizierà le operazioni peritali; la previsione di tale comunicazione costituisce una garanzia la cui omissione comporta nullità della perizia. Da ultimo, per completezza, si ricorda che l art. 391 bis prevede la possibilità di svolgimento di indagini difensive, oltre che da parte dei difensori e di investigatori privati, anche da parte dei consulenti tecnici, i quali, nello svolgimento delle operazioni, dovranno conformarsi alle disposizioni previste dalla legge ed a quei criteri di correttezza e deontologia più sopra richiamati. Verbania, marzo 2006 Avv. Bruno Stefanetti 14

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile L attività del Consulente Tecnico di Parte nelle operazioni peritali Dott. Marco Capra 20 maggio

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

NOTE ALLE NORME CHE REGOLAMENTANO L ATTIVITA DEL C.T.U. E DEL C.T.P. INTRODUZIONE

NOTE ALLE NORME CHE REGOLAMENTANO L ATTIVITA DEL C.T.U. E DEL C.T.P. INTRODUZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA COMMISSIONE INGEGNERI A FORENSE NOTE ALLE NORME CHE REGOLAMENTANO L ATTIVITA DEL C.T.U. E DEL C.T.P. INTRODUZIONE Queste note sono state elaborate dalla

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI. CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez.

RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI. CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez. CONVENZIONE OGGETTO: DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER IL PATROCINIO E LA RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez.

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale

La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale L interesse per i temi della consulenza tecnica d ufficio nel giudizio civile e della perizia nel

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 pubblicato all Albo Pretorio on line lì 20.1.2015 n. ro Registro COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Cartella di pagamento Equitalia

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIFENSORE D UFFICIO PER IL CIRCONDARIO DI ISERNIA (aggiornato al nuovo codice deontologico approvato dal CNF il 31/01/2014)

REGOLAMENTO DEL DIFENSORE D UFFICIO PER IL CIRCONDARIO DI ISERNIA (aggiornato al nuovo codice deontologico approvato dal CNF il 31/01/2014) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ISERNIA Palazzo di Giustizia - Piazza Tullio Tedeschi Tel. 0865-50753 Fax 0865 416391 E-MAIL: info@ordineavvocatiisernia.com REGOLAMENTO DEL DIFENSORE D UFFICIO

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE 1 PARTE I^ 1) PRIMA UDIENZA 1) L assegnazione delle cause ai giudici e la fissazione dell udienza di

Dettagli

E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET

E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET CORSO La CTU medico-legale LEZIONE I La CTU medico-legale nel giudizio civile CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE 86 81100 CASERTA TEL 0823 279352 FAX 0823

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015

L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015 L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015 A) La convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati è l accordo con cui le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco COSA OCCORRE FARE PER PRESENTARE LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI CONSULENTI TECNICI D UFFICIO E PERITI DEL TRIBUNALE (per traduttori e/o interpreti giudiziari) (aggiornato al 05/09/2014) Per lavorare

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO AZIENDALE DEGLI AVVOCATI LIBERO PROFESSIONISTI A CUI CONFERIRE INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO AZIENDALE DEGLI AVVOCATI LIBERO PROFESSIONISTI A CUI CONFERIRE INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO AZIENDALE DEGLI AVVOCATI LIBERO PROFESSIONISTI A CUI CONFERIRE INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. PREMESSA ARTICOLO 1 OGGETTO Il presente Regolamento

Dettagli

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità dei compensi indicati nelle parcelle presentate per la loro approvazione all Ordine degli Avvocati di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Segreteria Generale Personale - CED REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Articolo 1 Premessa L applicazione del presente regolamento decorre dalle procedure di mediazioni avviate a partire dal 20 Settembre 2013. Il regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

motivazione della decisione in ordine al mancato accoglimento dell appello per quanto riguarda la deduzione di prescrizione quinquennale dell azione

motivazione della decisione in ordine al mancato accoglimento dell appello per quanto riguarda la deduzione di prescrizione quinquennale dell azione Predispone una falsa lettera di messa in mora per farsi pagare dai clienti-avvocato sospeso dall esercizio della professione per sei mesi- Corte di Cassazione Sez. Un. Civ. - Sent. del 19.12.2012, n. 23465-commento

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ****** ****** 1 PREMESSA Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1. Il presente regolamento di applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi delle controversie civili e commerciali che le parti intendono risolvere bonariamente.

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa.

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Verona, Gentile Cliente Via.. C.F... PREVENTIVO DI MASSIMA OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Come da Sua cortese richiesta, con la presente,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CAPO I Iscrizione al Registro Speciale dei Praticanti 1 Il laureato che intenda avviarsi alla

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

I CONSULENTI TECNICI DEL GIUDICE Formazione e tenuta dell Albo

I CONSULENTI TECNICI DEL GIUDICE Formazione e tenuta dell Albo I CONSULENTI TECNICI DEL GIUDICE Formazione e tenuta dell Albo di Claudio Venturi Sommario: - 1. Riferimenti normativi - 2. La figura professionale e i compiti del consulente tecnico - 3. La formazione

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Art. 1, ambito di applicazione. Ai sensi degli articoli due e cinque del D. Lgs. 04/03/2010 n. 28, come modificato dal D. L. 21

Dettagli

Regolamento di Mediazione

Regolamento di Mediazione Regolamento di Mediazione www.amar-conciliazione.it Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia Indice art.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DI DIFESA IN GIUDIZIO (CIVILE E PENALE) IN

CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DI DIFESA IN GIUDIZIO (CIVILE E PENALE) IN CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DI DIFESA IN GIUDIZIO (CIVILE E PENALE) IN AMBITO DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICO - SANITARIA DELLE AUSL DI RAVENNA, FORLI, CESENA

Dettagli

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria Comune n. 178 di del 20-03-2009 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Ragioneria OGGETTO: Incarico Legale all Avvocato Riccardo Caniato per l assistenza preliminare in giudizio e la costituzione

Dettagli

contro ha pronunciato la presente sul ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 938 del 2011, proposto da:

contro ha pronunciato la presente sul ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 938 del 2011, proposto da: N. 01412/2012 REG.PROV.COLL. N. 00938/2011 REG.RIC. N. 00939/2011 REG.RIC. N. 01008/2011 REG.RIC. N. 02941/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

NOTE SU ASPETTI PROCEDURALI DELLA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE

NOTE SU ASPETTI PROCEDURALI DELLA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE NOTE SU ASPETTI PROCEDURALI DELLA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE Febbraio 2011 A cura della Commissione Consulenza Tecnica di Ufficio Presidente Mario Giovanni Scandura Componenti Lucia Di Lauro

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT CAMERA DI CONCILIAZIONE E ARBITRATO PER LO SPORT REGOLAMENTO DI ARBITRATO PER LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE RELATIVE ALL APPLICAZIONE DEL MANUALE PER L OTTENIMENTO DELLA LICENZA UEFA DA PARTE DEI CLUB

Dettagli

(facsimile preventivo di massima analitico civile - penale da indirizzare al cliente)

(facsimile preventivo di massima analitico civile - penale da indirizzare al cliente) (facsimile preventivo di massima analitico civile - penale da indirizzare al cliente) Egr. /Gentile. Oggetto: vertenza contro..., avente ad oggetto... ed avente valore... Con la presente ai sensi dell'articolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte

Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte Paolo Frediani Con la delib. n. 46/2008, il Garante per la protezione dei dati personali ha emesso le Linee guida

Dettagli

L esperto del giudice: le attività, i compensi ed il tentativo di conciliazione

L esperto del giudice: le attività, i compensi ed il tentativo di conciliazione Corso di formazione professionale in consulenza tecnica di ufficio L esperto del giudice: le attività, i compensi ed il tentativo di conciliazione (24 ore formative) - corso a cura del Geom.Paolo Frediani

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito:

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito: CAMERA DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GROSSETO REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE. La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Ivrea - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; -

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo Presidente avv. Maurizio Consoli e il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile)

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) (facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig.... nato a... il..., cod. fisc...., residente in..., via..., n....

Dettagli