LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE AI PERCORSI DI RICOLLOCAZIONE ATTO DI INDIRIZZO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE AI PERCORSI DI RICOLLOCAZIONE ATTO DI INDIRIZZO"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE AI PERCORSI DI RICOLLOCAZIONE ATTO DI INDIRIZZO Interventi di ricollocazione per lavoratori/trici disoccupati/e e occupati/e a rischio di perdita del posti di lavoro (D.G.R del 4 agosto 2010 e s.m.i.) FSE A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. _607 del _24/10/2012

2 Indice 1. Definizioni... 4 Operazione... 4 Beneficiario... 5 Destinatari... 5 Indennità di partecipazione... 5 Agenzia Piemonte Lavoro Procedure specifiche Modalità di erogazione delle indennità di partecipazione Modalità di monitoraggio Modalità di controllo Modalità di determinazione dell importo certificabile Conservazione della documentazione Trasmissione delle domande di pagamento alla Commissione Check list per il controllo Pagina 2

3 Premessa Obiettivo delle presenti Linee Guida è fornire un supporto operativo ai processi di gestione e controllo relativi all erogazione delle indennità di partecipazione ai percorsi di ricollocazione, di cui all Atto di indirizzo Interventi di ricollocazione per lavoratori/trici disoccupati/e e occupati/e a rischio di perdita del posto di lavoro, approvato con D.G.R. n del 4/08/2010 e s.m.i. (di seguito AdI Ricollocazione). Si rammenta che gli interventi previsti dall AdI nel suo complesso sono i seguenti: servizi di politica attiva del lavoro (orientamento professionale, formazione e riqualificazione, rafforzamento delle competenze, accompagnamento all inserimento in nuove attività lavorative anche di auto impiego) finalizzati alla ricollocazione e diretti a lavoratori/trici disoccupati/e (in mobilità e in cerca di occupazione) e occupati/e a rischio di perdita del posto di lavoro; indennità di partecipazione a servizi di politica attiva del lavoro corrisposte ai/alle lavoratori/trici disoccupati/e (in mobilità e in cerca di occupazione) privi di trattamenti previdenziali e inseriti nei percorsi di ricollocazione; incentivi all assunzione eventualmente corrisposti alle aziende che assumano i lavoratori inseriti nei percorsi di ricollocazione durante il periodo di svolgimento delle attività inerenti ai percorsi stessi (trasformazione dell indennità al lavoratore in incentivo al datore di lavoro privato). Il documento ha i seguenti obiettivi: 1. richiamare le principali definizioni relative all Atto di Indirizzo; 2. dettagliare le modalità relative alle attività di gestione e controllo; 3. fornire la check-list a supporto dei controlli in ufficio e in loco. I contenuti del presente documento sono conformi a quanto stabilito a livello comunitario, nazionale e regionale, relativamente alle attività afferenti all Atto di Indirizzo in esame. In particolare, le modalità di gestione e controllo di seguito dettagliate si rifanno al modello stabilito nell ambito delle misure regionali anticrisi (DGR n del 04/08/2009 e relativi atti esecutivi), in connessione alle quali sono realizzati gli interventi di ricollocazione. Il presente documento sarà sottoposto a revisioni periodiche in caso di novazioni normative o interpretative che ne rendano necessaria l integrazione o la modifica. In tal caso, gli aggiornamenti saranno concordati all interno di Tavoli Tecnici all uopo convocati, così come previsto nel documento Descrizione dei Sistemi di Gestione e di Controllo (approvato con DD n.31 del 23/01/2009). Pagina 3

4 1. Definizioni Operazione L operazione è un progetto o un gruppo di progetti selezionato dall Autorità di Gestione del programma operativo o sotto la sua responsabilità, secondo criteri stabiliti dal Comitato di Sorveglianza e attuato da uno o più beneficiari, che consente il conseguimento degli scopi dell asse prioritario a cui si riferisce, ai sensi dell art. 2 c. 3 del Reg. (CE) n. 1083/2006. Nell ambito dell AdI Ricollocazione, al fine di definire il concetto di operazione, occorre distinguere per ciascun Organismo Intermedio (Provincia), tra: 1. la quota di spesa afferente ai servizi di ricollocazione; 2. la quota di spesa afferente alle indennità di partecipazione ai percorsi di ricollocazione; 3. la quota di spesa afferente agli incentivi all occupazione. Per quanto riguarda il punto 1, per ogni Asse prioritario (Asse I Adattabilità e Asse II Occupabilità), si individuano le seguenti operazioni: operazioni relative alle spese afferenti ai servizi di politica attiva erogati dai Centri per l Impiego; operazioni relative alle spese afferenti ai servizi di politica attiva erogati dalle Associazioni Temporanee di Imprese o di Scopo. Per quanto riguarda il punto 2, l operazione è rappresentata dal totale delle erogazioni riferite a un singolo Asse prioritario del POR. In considerazione della tipologia di destinatari cui è riservata l erogazione delle indennità di partecipazione (soggetti disoccupati privi di trattamenti previdenziali), l operazione rilevante ai fini del presente documento è unica e riferita all Asse II ( Occupabilità ). Per quanto riguarda il punto 3, l operazione è rappresentata dal totale delle erogazioni riferite a un singolo Asse prioritario del POR. In considerazione della tipologia di lavoratori per l assunzione dei quali può essere prevista l erogazione di incentivi all assunzione (soggetti disoccupati privi di trattamenti previdenziali), l operazione rilevante ai fini del presente documento è unica e riferita all Asse II ( Occupabilità ). Da un punto di vista finanziario, si precisa che le operazioni di cui al punto 1 e 3 unitamente compongono la spesa complessiva in politiche attive del lavoro, alla quale rapportare, secondo una logica di proporzionalità, la spesa in indennità di partecipazione. Rispetto al quadro definitorio suindicato e rappresentato nello schema seguente (Fig. 1), si precisa che le presenti Linee Guida riguardano le procedure per la gestione e il controllo della quota di spesa inerente alle indennità di partecipazione ai percorsi di ricollocazione, rinviando alla manualistica specificamente dedicata per quanto riguarda le procedure di controllo relative alla quota di spesa inerente agli incentivi all occupazione. Pagina 4

5 ATTO Figura 1 Operazione AdI Ricollocazione (DGR n del 4 agosto 2010) ATTO DI INDIRIZZO INTERVENTI DI RICOLLOCAZIONE OPERAZIONI PER O.I. POLITICA ATTIVA DEL LAVORO INDENNITÀ DI PAPARTECIPAZIONE Asse I Adattabilità Operazioni relative ai percorsi di ricollocazione (servizi) Asse II Occupabilità Operazioni relative ai percorsi di ricollocazione (servizi) Operazione relativa agli incentivi all occupazione Operazione relativa alle indennità di partecipazione erogate ai destinatari dei percorsi di PAL Beneficiario Il beneficiario è un operatore, organismo o impresa, pubblico o privato, responsabile dell avvio o dell avvio e dell attuazione delle operazioni, ai sensi dell art. 2 c. 4 del Reg. (CE) n. 1083/2006. Nel caso specifico, il beneficiario è l Organismo Intermedio (Provincia), che versa direttamente le indennità di partecipazione ai singoli destinatari oppure conferisce il finanziamento a un soggetto terzo (Agenzia Piemonte Lavoro) incaricato, attraverso la sigla di un apposito accordo, dell erogazione delle indennità. Destinatari Risultano essere destinatari delle indennità di partecipazione esclusivamente i soggetti disoccupati (soggetti in mobilità e in cerca di occupazione) privi di trattamenti previdenziali, c.d. ammortizzatori sociali e inseriti in percorsi di ricollocazione (orientamento professionale, formazione e riqualificazione, rafforzamento delle competenze, accompagnamento all inserimento in nuove attività lavorative anche di auto impiego). Indennità di partecipazione Si intende il contributo erogato ai soggetti aventi diritto a titolo di incentivo alla partecipazione ai percorsi di ricollocazione 1. L ammontare mensile della singola indennità, pari a 530,00 euro, viene corrisposto in maniera proporzionale alla durata del percorso di ricollocazione e comunque per un periodo non inferiore a tre mesi e non superiore a sei (l ammontare massimo percepibile da ciascun soggetto a titolo di indennità di partecipazione è pari a 3.180,00 euro). L indennità di partecipazione può trasformarsi in incentivo all assunzione a favore del datore di lavoro privato nel caso di inserimento lavorativo a tempo indeterminato, al sussistere delle condizioni di cui alla DGR n. 41 e 1 L espressione indennità di partecipazione, mutuata, per ragioni di uniformità, dalla terminologia della Direttiva Crisi, corrisponde a quanto definito nell AdI Ricollocazione come incentivo alla partecipazione. Pagina 5

6 s.m.i.. L incentivo all impresa rientra nell ambito del Regolamento (CE) n. 1998/2006 relativo agli aiuti di importanza minore ( de minimis ) 2. Agenzia Piemonte Lavoro Ente strumentale della Regione Piemonte 3 individuato dall AdI Ricollocazione quale soggetto a cui possano essere affidati, in base ad appositi accordi siglati con gli Organismi Intermedi interessati, i compiti gestionali connessi all erogazione delle indennità di partecipazione ovvero degli incentivi all assunzione. Ai sensi dell art. 11, comma 3, lettera a), del Reg. (CE) n. 1081/2006, l Agenzia Piemonte Lavoro è considerata alla stregua di un soggetto terzo che versa le indennità a beneficio dei partecipanti a un operazione e le rendiconta al beneficiario (la Provincia). 2 Regolamento (CE) n della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli artt. 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti di importanza minore ( de minimis, pubblicato in G.U.C.E. L379 del 28/12/ L art. 6 della L.R. 34/2008 riconosce in capo all APL compiti di assistenza tecnica a favore degli enti locali nel campo delle politiche del lavoro. Pagina 6

7 2. Procedure specifiche 2.1 Modalità di erogazione delle indennità di partecipazione Con riferimento all erogazione delle indennità di partecipazione (incentivi all occupazione), l AdI Ricollocazione prevede due modalità di gestione alternative: A. l Organismo Intermedio eroga direttamente l indennità di partecipazione ai destinatari; B. l Organismo Intermedio affida ad Agenzia Piemonte Lavoro (di seguito APL) l erogazione delle indennità ai destinatari, tramite la sottoscrizione di un apposita convenzione. MODALITÀ A L Organismo Intermedio individua i soggetti in possesso dei requisiti per l ammissione a beneficiare delle indennità di partecipazione, ovvero soggetti disoccupati privi di trattamenti previdenziali che abbiano sottoscritto un Piano di Azione Individuale espressamente orientato alle finalità di ricollocazione (di seguito PAI-ricollocazione ) 4 e che abbiano fruito di almeno un servizio (di seguito soggetti aventi diritto ). L Organismo Intermedio, nella persona del referente incaricato del progetto, provvede a: stilare l elenco dei soggetti potenzialmente aventi diritto, riportando per ciascuno di essi le seguenti informazioni: (a) codice fiscale; (b) nome; (c) cognome; (d) mensilità di riferimento; (e) importo da corrispondere a titolo di indennità; (f) modalità di pagamento concordata (accredito su conto corrente dei destinatari/assegno recapitato al domicilio dei destinatari/pagamento in contanti presso gli sportelli dell istituto di credito convenzionato); (g) coordinate bancarie; (h) recapito del domicilio; aggiornare mensilmente l elenco, verificando la sussistenza dei requisiti di ammissibilità, in particolare la permanenza dei soggetti nei percorsi di politica attiva, e rilevando tutte le eventuali variazioni circa la posizione dei soggetti rispetto al diritto di percepire l indennità, quali sospensione, decadenza o trasformazione dell indennità in incentivo all impresa; determinare l importo da erogare; predisporre il/i mandato/i cumulativo/i nei confronti della propria Ragioneria. L effettiva erogazione delle spettanze avviene secondo le modalità individuate da ciascun Organismo Intermedio e concordate con i destinatari delle indennità; richiedere informazioni alla propria Ragioneria in merito alla quietanza dei mandati di pagamento predisposti e procedere alla gestione dei casi di mancato percepimento delle spettanze, sollecitando i soggetti aventi diritto nell eventualità di mancata riscossione, rimuovendo gli 4 Tali soggetti vengono individuati dall Organismo Intermedio tramite la pubblicazione di specifico avviso pubblico, oppure tramite convocazioni rivolte ai soggetti già presenti negli archivi dei Centri per l Impiego. Pagina 7

8 eventuali ostacoli all effettiva erogazione (ad esempio, per errori di inserimento dei dati relativi ai destinatari o per sopravvenuta trasformazione degli stessi) oppure liberando le risorse corrispondenti; elaborare il rendiconto, aggiornando l elenco di cui sopra, con l inserimento, per ciascun importo di indennità corrisposta, il riferimento del mandato di pagamento emesso dalla Ragioneria e l informativa relativa alla quietanza dello stesso. MODALITÀ B L Organismo Intermedio, nella persona del referente incaricato del progetto, provvede a: stilare l elenco dei soggetti potenzialmente aventi diritto, riportando per ciascuno di essi le seguenti informazioni: (a) codice fiscale; (b) nome; (c) cognome; (d) mensilità di riferimento; (e) importo da corrispondere a titolo di indennità; (f) modalità di pagamento concordata (accredito su conto corrente dei destinatari/assegno recapitato al domicilio dei destinatari/pagamento in contanti presso gli sportelli dell istituto di credito convenzionato); (g) coordinate bancarie; (h) recapito del domicilio; aggiornare mensilmente l elenco, verificando la sussistenza dei requisiti di ammissibilità, in particolare la permanenza dei soggetti nei percorsi di politica attiva, e rilevando tutte le eventuali variazioni circa la posizione dei soggetti rispetto al diritto di percepire l indennità, quali sospensione, decadenza o trasformazione dell indennità in incentivo all impresa; determinare l importo da erogare; disporre l erogazione delle indennità trasmettendo, tramite posta elettronica, ad APL entro e non oltre il giorno 5 del mese la richiesta di pagamento e l elenco dei soggetti aventi diritto. APL, nella persona del referente incaricato del progetto, provvede a: predisporre mensilmente la determina di liquidazione con distinta di pagamento, dando mandato alla propria Tesoreria di erogare gli importi dovuti, tramite accredito su conto corrente bancario o erogazione in contanti; richiedere informazioni alla Tesoreria in merito alla quietanza dei mandati di pagamento predisposti; concordare con l Organismo Intermedio e la Tesoreria, le modalità di gestione dei casi di mancato percepimento delle spettanze, sollecitando i soggetti aventi diritto nell eventualità di mancata riscossione, rimuovendo gli eventuali ostacoli all effettiva erogazione (ad esempio, per errori di inserimento dei dati relativi ai destinatari o per sopravvenuta trasformazione degli stessi) oppure liberando le risorse corrispondenti; Pagina 8

9 elaborare il rendiconto, aggiornando l elenco di cui sopra con l inserimento, per ciascun importo di indennità corrisposta, del riferimento del mandato di pagamento emesso dalla Tesoreria e dell informativa relativa alla quietanza dello stesso; trasmettere, sulla base delle informazioni ricevute dalla Tesoreria, tramite posta elettronica, all Organismo Intermedio il rendiconto validato, costituito dall elenco dei soggetti aventi diritto e da una dichiarazione conclusiva di autenticità dei dati e di effettività del pagamento firmata dal Direttore Modalità di monitoraggio L Organismo Intermedio monitora i dati analitici e sintetici relativi alla spesa in indennità di partecipazione. Attraverso i dati relativi ai percorsi di politica attiva disponibili sul Sistema informativo regionale e la documentazione relativa ai pagamenti effettuati inerenti alle indennità di partecipazione, l Organismo Intermedio è in grado di: verificare la condizione di correlazione dei destinatari; monitorare periodicamente l avanzamento finanziario della spesa in indennità di partecipazione; stimare, sulla base del valore della quota di spesa certificata relativa ai percorsi di politica attiva realizzati, il valore della quota di indennità di partecipazione da proporre all AdG come importo rendicontabile ai fini della certificazione alla CE. 2.3 Modalità di controllo Le Province, in qualità di Organismi Intermedi, effettuano i controlli di I livello a conclusione dell operazione e procedono alla formalizzazione dei relativi esiti attraverso la compilazione a sistema della check list sull'operazione e del relativo verbale. Detti controlli, coerentemente con quanto stabilito per gli interventi anticrisi 5, saranno finalizzati ad accertare che: 1. il destinatario del percorso di ricollocazione e dell indennità sia il medesimo, ovvero nominativamente individuato (requisito di correlazione dei destinatari); 2. l indennità rendicontabile sia stata percepita nell ambito del percorso di ricollocazione (requisito del periodo di riferimento); 3. l indennità di partecipazione sia stata effettivamente erogata (requisito dell effettività del pagamento); 4. l entità complessiva degli importi erogati a titolo di indennità non superi l ammontare delle spese relative ai percorsi di ricollocazione (requisito dell equilibrio a conclusione). 5 Cfr. Determinazione n. 300 del 18 maggio 2011 e relativi allegati. Pagina 9

10 1. Verifica del rispetto del requisito di correlazione dei destinatari OGGETTO Verifica che i riferimenti di ciascun soggetto percettore delle indennità (nominativo e codice fiscale) siano associati a un PAI-ricollocazione aperto con almeno un servizio fruito. INDICATORE C2 (indicatore di correttezza adempimenti amministrativi) C04 (indicatore di regolarità/ammissibilità della spesa) MODALITÀ A L Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, verifica a conclusione dell operazione, tramite estrazione dal Sistema informativo regionale, che a tutti i nominativi e codici fiscali inseriti nel rendiconto corrisponda un PAI-ricollocazione aperto con almeno un servizio fruito. MODALITÀ B L Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, verifica a conclusione dell operazione, tramite estrazione dal Sistema informativo regionale, che a tutti i nominativi e codici fiscali inseriti nel rendiconto trasmesso da APL corrisponda un PAI-ricollocazione aperto con almeno un servizio fruito. FONTI A Sistema informativo regionale, contenente i riferimenti dei destinatari dei percorsi di politica attiva con PAIricollocazione aperto. Rendiconto/i elaborato/i dall Organismo Intermedio. FONTI B Sistema informativo regionale, contenente i riferimenti dei destinatari dei percorsi di politica attiva con PAIricollocazione aperto. Rendiconto/i validato/i di APL, nello specifico l elenco dei soggetti aventi diritto effettivamente liquidati da APL. RIFERIMENTO TEMPORALE Il controllo viene effettuato a conclusione. Pagina 10

11 RIFERIMENTO LOGISTICO Il controllo viene effettuato di norma in ufficio. 2. Verifica della corrispondenza del periodo di riferimento OGGETTO Verifica che l indennità rendicontabile sia stata percepita nell ambito del percorso di politica attiva finalizzato alla ricollocazione. INDICATORE C2 (indicatore di correttezza adempimenti amministrativi) C04 (indicatore di regolarità/ammissibilità della spesa) MODALITÀ A L Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, verifica a conclusione dell operazione, tramite estrazione dal Sistema informativo regionale, che a tutti i nominativi e codici fiscali inseriti nel rendiconto corrisponda nel periodo di attuazione dell operazione un PAI-ricollocazione aperto con almeno un servizio fruito. MODALITÀ B L Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, verifica a conclusione dell operazione, tramite estrazione dal Sistema informativo regionale, che a tutti i nominativi e codici fiscali inseriti nel rendiconto trasmesso da APL corrisponda nel periodo di attuazione dell operazione un PAIricollocazione aperto con almeno un servizio fruito. FONTI A Sistema informativo regionale, contenente i riferimenti dei destinatari dei percorsi di politica attiva con PAIricollocazione aperto. Rendiconto/i elaborato/i da Organismo Intermedio. FONTI B Sistema informativo regionale, contenente i riferimenti dei destinatari dei percorsi di politica attiva con PAIricollocazione aperto. Rendiconto/i validato/i di APL, nello specifico l elenco dei soggetti aventi diritto effettivamente liquidati da APL. Pagina 11

12 RIFERIMENTO TEMPORALE Il controllo è effettuato a conclusione. RIFERIMENTO LOGISTICO Il controllo è effettuato di norma in ufficio. 3. Verifica dell effettività del pagamento dell indennità di partecipazione OGGETTO Verifica che le indennità di partecipazione siano state effettivamente corrisposte e che a tali pagamenti corrisponda corretta documentazione contabile. INDICATORE C04 (indicatore di regolarità/ammissibilità della spesa). MODALITÀ A Ai fini della verifica di effettività del pagamento dell indennità, l Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, verifica in ufficio la presenza dei mandati di pagamento quietanzati, i cui riferimenti sono inseriti all interno del rendiconto. MODALITÀ B Ai fini della verifica di effettività del pagamento dell indennità, l Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, verifica in ufficio la completezza del rendiconto validato trasmesso da APL, costituito dall elenco dei soggetti aventi diritto cui effettivamente è stata erogata l indennità di partecipazione e da una dichiarazione conclusiva di autenticità dei dati e di effettività del pagamento firmata dal Direttore. All interno del rendiconto validato di APL, nello specifico all interno dell elenco, devono essere presenti i riferimenti dei mandati di pagamento e delle relative quietanze. Al fine di rafforzare le procedure di controllo, l Organismo Intermedio si riserva la facoltà di effettuare a campione controlli in loco presso APL, al fine di verificare la presenza, la conformità e la correttezza della documentazione attestante l effettività dell erogazione delle indennità, quale il mandato di pagamento emesso e la relativa quietanza. L Organismo Intermedio prevede di effettuare i suddetti controlli campionando, sulla base di un accurata analisi dei rischi, un numero di destinatari adeguato per la verifica dei mandati di pagamento riferiti alle indennità erogate. FONTI A Pagina 12

13 Per quanto riguarda il controllo in ufficio di competenza dell Organismo Intermedio Rendiconto/i elaborato/i dall Organismo intermedio, nello specifico l elenco dei soggetti aventi diritto effettivamente liquidati contenente l importo liquidato, i riferimenti del/i mandato/i di pagamento e delle relative quietanze. Mandati di pagamento quietanzati. FONTI B Per quanto riguarda il controllo in ufficio Rendiconto/i elaborato/i e validato/i da APL, nello specifico: l elenco dei soggetti aventi diritto effettivamente liquidati contenente l importo liquidato da APL, i riferimenti del/i mandato/i di pagamento e delle relative quietanze; la dichiarazione conclusiva di autenticità dei dati e di effettività del pagamento firmata dal Direttore di APL. Per quanto riguarda il controllo in loco Mandati di pagamento quietanzati RIFERIMENTO TEMPORALE Il controllo è effettuato a conclusione. RIFERIMENTO LOGISTICO Il controllo è effettuato di norma in ufficio e, a campione, in loco presso la sede di APL. 4. Verifica del rispetto del requisito dell equilibrio a conclusione dell operazione OGGETTO. Verifica che la sommatoria delle quote di indennità di partecipazione non sia maggiore della quota di spesa relativa alle politiche attive (servizi di ricollocazione realizzati e certificati a conclusione dell operazione ed eventuali incentivi all occupazione) INDICATORE C04 (indicatore di regolarità/ammissibilità della spesa) Pagina 13

14 MODALITÀ A L organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, ai fini della determinazione dell importo certificabile, verifica che la sommatoria delle quote di indennità di partecipazione inserite nel/i rendiconto/i non sia maggiore della quota di spesa relativa alle politiche attive (servizi di ricollocazione realizzati e certificati a conclusione dell operazione ed eventuali incentivi all occupazione) MODALITÀ B L Organismo Intermedio, nello specifico il soggetto incaricato del controllo, ai fini della determinazione dell importo certificabile, verifica che la sommatoria delle quote di indennità di partecipazione inserite nel/i rendiconto/i validato/i e trasmesso/i da APL non sia maggiore della quota di spesa relativa alle politiche attive (servizi di ricollocazione realizzati e certificati a conclusione dell operazione ed eventuali incentivi all occupazione). FONTI A Sistema informativo regionale, contenente informazioni circa la quota di spesa relativa ai percorsi di politica attiva realizzati e certificati alla data e/o a conclusione dell operazione. Rendiconto/i elaborato/i dall Organismo Intermedio, nello specifico l elenco dei soggetti aventi diritto effettivamente liquidati contenente l importo liquidato, i riferimenti del/i mandato/i di pagamento e delle relative quietanze. FONTI B Sistema informativo regionale, contenente informazioni circa la quota di spesa relativa ai percorsi di politica attiva realizzati e certificati alla data e/o a conclusione dell operazione. Rendiconto/i elaborato/i e validato/i da APL, nello specifico l elenco dei soggetti aventi diritto effettivamente liquidati contenente l importo liquidato da APL, i riferimenti del/i mandato/i di pagamento e delle relative quietanze. RIFERIMENTO TEMPORALE Il controllo è effettuato a conclusione. RIFERIMENTO LOGISTICO Il controllo è effettuato di norma in ufficio Pagina 14

15 2.4 Modalità di determinazione dell importo certificabile In coerenza con l impianto dei controlli sopra dettagliato, nell ambito dell AdI Ricollocazione, l importo certificabile, determinato a seguito della verifica del rispetto del requisito di equilibrio a conclusione dell operazione, è necessariamente inferiore o uguale alla somma delle quota di spesa in percorsi di ricollocazione realizzati e certificati a conclusione e della quota di spesa erogata e controllata a titolo di incentivo. 2.5 Conservazione della documentazione Al fine di garantire la disponibilità e l accesso alla documentazione inerente alle attività, in occasione degli audit di controllo dei preposti organi dello Stato, dell Autorità di Gestione, nonché dell Unione Europea, il Beneficiario e l Agenzia Piemonte Lavoro si impegnano a conservare tutti i documenti sia di natura amministrativa (es. Determinazioni, Autorizzazioni), sia di natura contabile (es. fatture, quietanze) sotto forma di originali e copie autentiche (nei casi consentiti) per i tempi e con le modalità previste dalla vigente normativa comunitaria e nazionale. Nello specifico la documentazione citata dovrà essere conservata: in base alla normativa comunitaria, per i tre anni successivi al pagamento del saldo del PO da parte della Commissione Europea; in base alla normativa nazionale, per dieci anni che decorrono dalla chiusura del procedimento che si verificherà al momento del pagamento dell operazione. 2.6 Trasmissione delle domande di pagamento alla Commissione Ai fini della trasmissione delle domande di pagamento alla Commissione, valgono le consuete regole di certificazione delle spese sostenute, tenuto conto della maturazione temporale dei singoli costi. L AdG, sulla base dei rendiconti e degli esiti dei controlli finalizzati a verificare la congruità e l ammissibilità delle spese effettuati dagli Organismi Intermedi procede alla proposta di certificazione delle spese alla Autorità di Certificazione. Eventuali correzioni finanziarie che si dovessero rendere necessarie a conclusione degli interventi, in particolare sulla base degli esiti della verifica del rispetto della condizione di proporzionalità e/o dei principi di ammissibilità della spesa, dovranno essere effettuate secondo le procedure per la certificazione delle spese alla Commissione Europea adottate nell ambito del Programma e nel rispetto della normativa di riferimento. Pagina 15

16 3. Check list per il controllo N. item VERIFICHE IN UFFICIO SI CONTROLLO EFFETTUATO NO NON PERTINENTE ESITO CONTROLLO ACQUISITO DA SOGGETTO TERZO ESITO MOTIVAZIONE (obbligatoria in caso di esito negativo) RACCOMANDAZIONI 1 2 Aspetti amministrativi Verifica del rispetto del requisito di correlazione dei destinatari: Verifica che i riferimenti di ciascun soggetto percettore delle indennità (nominativo e codice fiscale) siano associati ad un PAI-ricollocazione aperto con almeno un servizio fruito. Verifica della corrispondenza del periodo di riferimento: Verifica che le indennità rendicontabili siano state percepite nell'ambito dei percorsi di politica attiva finalizzati alla ricollocazione. POSITIVO POSITIVO CON RACCOMANDAZIONI NEGATIVO POSITIVO POSITIVO CON RACCOMANDAZIONI NEGATIVO 3 4 Aspetti finanziari Verifica dell'effettività del pagamento dell'indennità di partecipazione: Verifica che le indennità siano state effettivamente corrisposte e che a tali pagamenti corrisponda corretta documentazione contabile. Verifica del rispetto del requisito di equilibrio a conclusione dell'operazione: Verifica che la sommatoria delle quote di indennità di partecipazione non sia maggiore della sommatoria della quota di spesa relativa alle politiche attive (percorsi di ricollocazione realizzati e certificati a conclusione dell operazione e incentivi all'occupazione) POSITIVO POSITIVO CON RACCOMANDAZIONI NEGATIVO POSITIVO POSITIVO CON RACCOMANDAZIONI NEGATIVO N. item VERIFICA IN LOCO A CAMPIONE (EVENTUALE) SI CONTROLLO EFFETTUATO NO NON PERTINENTE ESITO CONTROLLO ACQUISITO DA SOGGETTO TERZO ESITO MOTIVAZIONE (obbligatoria in caso di esito negativo) RACCOMANDAZIONI 1 Aspetti finanziari Verifica dell'effettività del pagamento dell'indennità di partecipazione: Verifica presso APL della presenza, conformità e correttezza della documentazione attestante l'effettività del pagamento delle indennità POSITIVO POSITIVO CON RACCOMANDAZIONI NEGATIVO Pagina 16

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

INTERVENTO AL FINANZIAMENTO DEL SOSTEGNO AL REDDITO A VALERE SUL POR FSE 2007-2013 DELLA REGIONE SICILIANA Linee guida per la rendicontazione e il

INTERVENTO AL FINANZIAMENTO DEL SOSTEGNO AL REDDITO A VALERE SUL POR FSE 2007-2013 DELLA REGIONE SICILIANA Linee guida per la rendicontazione e il Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro AGENZIA REGIONALE PER L IMPIEGO, L ORIENTAMENTO, I SERVIZI E LE ATTIVITA FORMATIVE Intervento al finanziamento del sostegno al reddito a

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

Direzione Formazione Professionale Lavoro

Direzione Formazione Professionale Lavoro Direzione Formazione Professionale Lavoro Provincia di Novara DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO INERENTE IL BANDO PROVINCIALE RELATIVO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO. N. 292 Reg. Generale Det. Foggia, 24.01.2007

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO. N. 292 Reg. Generale Det. Foggia, 24.01.2007 PROVINCIA DI FOGGIA Piazz a XX Set t embr e, 20-71100 FOGGIA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Via Paolo Telesforo, 25 - _ 0881/7911 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO N. 292

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

DECRETO N. 2863 Del 13/04/2015

DECRETO N. 2863 Del 13/04/2015 DECRETO N. 2863 Del 13/04/2015 Identificativo Atto n. 267 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO DOTE IMPRESA INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI PERSONE CON DISABILITÀ

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 1061 Trieste 07/04/2014 Proposta nr. 762 Del 03/04/2014 Oggetto: Regolamento Regionale n.116/pres. dd. 28/05/2010 - Fondo Sociale Europeo Obiettivo 2

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 gennaio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 gennaio 5428 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 12 02 2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 14 gennaio 2014, n. 8 Azione di sistema Welfare to Work Aggiornamento delle indicazioni operative,

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 All. A DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 FONDO SOCIALE EUROPEO OB. 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali UFFICIO Lavoro DETERMINAZIONE DI IMPEGNO Atto N. 590 N. Mecc. PDET-574-2011 del 28/02/2011 del _1_/ 3 / 2010 OGGETTO DGR 84-12006

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Il sottoscritto. avente sede legale. in, Via Cap, REA CCIAA di: PG - TR n. P.Iva

Il sottoscritto. avente sede legale. in, Via Cap, REA CCIAA di: PG - TR n. P.Iva Domanda di contributo per la partecipazione a manifestazioni fieristiche in Italia e all estero da inviare almeno 15 giorni prima della data di inizio della manifestazione (Articolo 6 del Regolamento)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 DOTI Inserimento Lavorativo DOTI Autoimprenditorialità AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2012 Circolare n. 118 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

Procedura erogazione finanziamento diretto

Procedura erogazione finanziamento diretto REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO POR Calabria FSE 2007-2013 ASSE I ADATTABILITÀ Obiettivo Specifico Comune B: Favorire

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO I CONTROLLI I CONTROLLI DELL AUTORITÀ DI GESTIONE I controlli dell Autorità di Gestione riguarderanno gli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

PROGETTO PER L ASSISTENZA ALLE LE PERSONE AFFETTE DA SLA approvato con DGR 2.05.2012 n.265 PIANO ESECUTIVO ALLEGATO 1

PROGETTO PER L ASSISTENZA ALLE LE PERSONE AFFETTE DA SLA approvato con DGR 2.05.2012 n.265 PIANO ESECUTIVO ALLEGATO 1 PROGETTO PER L ASSISTENZA ALLE LE PERSONE AFFETTE DA SLA approvato con DGR 2.05.2012 n.265 PIANO ESECUTIVO ALLEGATO 1 Sommario 1. OBIETTIVI E AZIONI DEL PIANO... 2 2. AZIONE A) ASSEGNAZIONI ECONOMICHE

Dettagli

CONCILIAZIONE ESTATE 2015

CONCILIAZIONE ESTATE 2015 Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Attuazione Politiche Sociali, Comunitarie, Nazionali e Regionali Avviso Pubblico CONCILIAZIONE

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche della casa e riqualificazione urbana DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 5527

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REPUBBLICA ITALIANA Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE P.O. F.S.E. Regione Siciliana 2007-2013 PISTA DI

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga ALLEGATO 1 - MODALITÀ APPLICATIVE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA 2011 del 25 FEBBRAIO 2011 (di seguito accordo quadro 2011 ) 1. Iter procedurale per la concessione della

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 7 marzo 2014 Prot. n. 12720 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1009 del 08/05/2015 Oggetto: Reg. CE 1698/05

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 1424 Trieste 09/05/2014 Proposta nr. 436 Del 09/05/2014

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 1424 Trieste 09/05/2014 Proposta nr. 436 Del 09/05/2014 AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 1424 Trieste 09/05/2014 Proposta nr. 436 Del 09/05/2014 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L. R.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO MANUALE DELLE PROCEDURE DELL AUTORITA DI CERTIFICAZIONE Agosto 2009 1 INDICE 1. PREMESSA...4

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

Avviso a sportello- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013

Avviso a sportello- Allegato B. Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013 Modalità gestionali e di rendicontazione del Piano Formativo a valere sull Avviso a sportello anno 2013 1 1.Criteri generali... 3 2.Comunicazioni tra Fondo e Soggetto Gestore... 4 2.1. Autocertificazioni...

Dettagli

per la realizzazione del progetto per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze e delle abilità

per la realizzazione del progetto per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze e delle abilità Allegato 5 (schema di) CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO per la realizzazione del progetto selezionato a mezzo Avviso pubblico del / /, per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Pagamenti e controllo finanziario destinatari finali

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Pagamenti e controllo finanziario destinatari finali LINEA OPERATIVA PON ATAS Pagamenti e controllo finanziario destinatari finali QUADRO DI RIFERIMENTO REG. (CE) 1260/99 ART. 31 E SEGG. (GESTIONE FINANZIARIA) REG. (CE) 438/2001 - SISTEMI di GESTIONE e di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

La gestione del progetto: aspetti generali

La gestione del progetto: aspetti generali Seminario di assistenza tecnica alla gestione dei Progetti Multilaterali di Trasferimento dell Innovazione (TOI 2013) Roma, 08 novembre 2013 ISFOL Sala Auditorium La gestione del progetto: aspetti generali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MASSAROSA (PROVINCIA DI LUCCA) SCRITTURA PRIVATA ACCORDO OPERATIVO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DI UN

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MASSAROSA (PROVINCIA DI LUCCA) SCRITTURA PRIVATA ACCORDO OPERATIVO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DI UN REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MASSAROSA (PROVINCIA DI LUCCA) SCRITTURA PRIVATA ACCORDO OPERATIVO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DI UN FONDO PER INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE DEI RESIDENTI DEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli