Regolamento sui diritti, doveri e mancanze disciplinari degli studenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento sui diritti, doveri e mancanze disciplinari degli studenti"

Transcript

1 Repubblica Italiana Provincia Autonoma di Trento ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO TUENNO Regolamento sui diritti, doveri e mancanze disciplinari degli studenti Modifica Data Art. 3 incorporato nell art. 2 18/10/2012 Artt. 3/4/5 modificati ed integrati 18/10/2012 Artt. 6/7/8 nuovi 18/10/2012

2 Art. 1 Diritti fondamentali delle studentesse e degli studenti a) Lo studente ha diritto ad una formazione che metta al centro la dignità e l identità della persona, che valorizzi la pluralità e lo scambio delle idee, che favorisca l accoglienza, la solidarietà, il rispetto reciproco e il diritto alla riservatezza. b) Lo studente ha diritto a un clima favorevole all apprendimento e alle relazioni e può esprimere idee, pareri e interpretazioni personali, motivando le proprie convinzioni, attraverso un rispettoso confronto con gli altri. c) Lo studente ha diritto di essere informato sul progetto educativo, sul percorso didattico e sulle norme che regolano la vita della scuola. d) Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola e a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento. e) Lo studente ha diritto che le attività didattiche e formative curricolari e opzionali siano organizzate secondo tempi e modalità che tengano conto dei suoi ritmi di apprendimento e delle sue esigenze di vita. Egli ha diritto di scegliere tra le attività opzionali offerte dalla scuola. f) Lo studente ha diritto al rispetto della propria identità culturale e religiosa. La scuola promuove e favorisce iniziative volte all accoglienza e all integrazione. g) Lo studente ha diritto a svolgere la propria attività in un ambiente salubre, sicuro e decoroso. Art. 2 Doveri delle studentesse e degli studenti a) Lo studente ha il dovere di frequentare regolarmente e di partecipare attivamente alle lezioni, evitando comportamenti che arrechino disturbo. L osservanza dell orario e la puntualità sono indispensabili al regolare svolgimento delle lezioni. b) Lo studente è tenuto a migliorare la propria formazione e ad assolvere regolarmente agli impegni di studio. c) Lo studente è tenuto al rispetto di tutte le persone che operano nell istituzione. d) Lo studente condivide la responsabilità di rendere accogliente per tutti l ambiente favorendo un clima di solidarietà e integrazione. e) Nell esercizio dei suoi diritti e nell adempimento dei suoi doveri lo studente è tenuto a mantenere un comportamento rispettoso per sé e per gli altri, con riferimento al linguaggio, all abbigliamento, ai gesti, agli atteggiamenti e ai comportamenti. f) Lo studente è tenuto a osservare tutte le disposizioni organizzative previste dal regolamento interno, con particolare riferimento a quelle per la sicurezza e per la tutela della salute in tutte le situazioni, ivi comprese tutte le attività che si svolgono all esterno dell istituzione. g) Lo studente deve aver cura dell edificio, utilizzare correttamente tutte le strutture, i laboratori, i sussidi didattici e gli arredi, deve comportarsi in modo da salvaguardare il patrimonio dell istituzione, deve collaborare con tutto il personale dell istituzione per mantenere integro, pulito e accogliente l ambiente e formativo. h) Ogni studente deve tenere con cura il libretto personale che rappresenta il documento ufficiale della scuola per le comunicazioni scuola-famiglia, le giustificazioni delle assenze, i permessi di entrata e di uscita fuori orario. Tale documento deve essere sempre in possesso dello studente ed esibito su richiesta del docente. I genitori verificheranno costantemente le comunicazioni scritte sul libretto ed il documento potrà essere richiesto dalla scuola per un controllo e poi riconsegnato allo studente. i) Il linguaggio deve essere rispettoso, sono quindi proibiti insulti, bestemmie, espressioni volgari, prese in giro, minacce e ricatti. l) Durante le ore di lezione è possibile accedere ai servizi igienici uno alla volta e con il permesso del docente. Chi usufruisce dei servizi è tenuto a lasciarli puliti ed in ordine per il rispetto di sé e degli altri. m) È vietato l uso del telefono cellulare all interno dell istituzione e durante l attività didattica e chi ne possiede uno deve tenerlo spento. Contravvenire a quanto indicato ne comporta il sequestro temporaneo e la restituzione dello stesso ai genitori. Qualunque comunicazione, diffusione e pubblicazione di immagini senza il consenso degli interessati o, comunque, giudicate dannose per l immagine della scuola e del personale, è reato penale grave. n) Giacche, cappotti vanno appesi agli appositi attaccapanni. L abbigliamento deve essere ordinato, pulito e decoroso. Il corredo per l attività motoria deve rimanere nelle apposite sacche e tenuto in ordine, pulito ed usato esclusivamente allo scopo. o) Si invita a lasciare a casa oggetti di valore, denaro non necessario e qualsiasi altro materiale che possa arrecare disturbo allo svolgimento delle attività scolastiche. Ognuno è tenuto a custodire con attenzione i propri effetti personali. p) Gli studenti che omettono di restituire, anche parzialmente, la dotazione libraria loro fornita in comodato, nei termini e secondo le modalità comunicate dalla istituzione scolastica, sono tenuti al risarcimento mediante pagamento dei corrispettivi economici previsti per la cessione in proprietà. Il suddetto risarcimento è stabilito anche nei casi di restituzione di testi in condizioni di deterioramento tali da pregiudicarne il futuro utilizzo; ci si riferisce in particolare alla presenza di sottolineature, abrasioni, annotazioni e forme varie di personalizzazione. L istituzione scolastica

3 definisce le modalità del suddetto pagamento, comunque da effettuarsi in tempo utile per l acquisto dei testi da sostituire. q) Carte e rifiuti vanno gettati negli appositi contenitori, sia negli spazi interni che esterni all edificio. r) Ogni giorno al termine delle lezioni l aula deve essere lasciata in ordine per permettere un accurata pulizia. Art. 3 Provvedimenti disciplinari: principi generali Gli interventi educativi e le sanzioni disciplinari riguarderanno gli studenti che non rispettano le norme stabilite o non adempiono ai loro doveri. Lo scopo di eventuali sanzioni è educativo e i provvedimenti disciplinari tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino di rapporti corretti all interno della comunità scolastica. La responsabilità disciplinare è personale. In nessun caso può essere sanzionata la libera espressione di opinioni, purché correttamente manifestate e non lesive della personalità degli altri soggetti. Comportamento e profitto sono ambiti separati; i provvedimenti disciplinari non possono in alcun caso influire sulla valutazione del profitto. Le sanzioni sono graduali, proporzionali all infrazione commessa e ispirate, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Sono escluse punizioni che offendano la dignità dello studente. Le sanzioni e i provvedimenti che comportano allontanamento scolastica sono adottati dal consiglio di classe. Le sanzioni che comportano l'allontanamento superiore a quindici giorni e quelle che implicano l'esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all'esame di stato conclusivo del corso di studi sono adottate dal consiglio dell Istituzione, tranne nel caso previsto dall art 4 comma 3 del Regolamento sulla valutazione periodica e annuale degli apprendimenti e della capacità relazionale degli studenti (DPGP n 22/54 Leg. del 7 ottobre 2010, entrato in vigore il 29 dicembre 2010). Tale allontanamento scolastica può essere disposto quando siano stati commessi reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana o vi sia pericolo per l'incolumità delle persone. Art. 4 Tipizzazione dei comportamenti che configurano mancanze disciplinari mancato assolvimento abituale degli impegni scolastici o dei compiti di casa mancanza abituale di strumentazione o materiale ritardi abituali o assenze abituali non giustificate o non motivate assenze strategiche e ripetute in concomitanza con prove scritte o orali in classe utilizzo di telefoni cellulari durante le lezioni registrazione, comunicazione, diffusione di immagini o conversazioni acquisite in ambito, senza l assenso preventivo dei terzi interessati mancanza di rispetto nei confronti dei compagni (uso di nomignoli, prese in giro, dileggio) mancanza di rispetto nei confronti del personale docente, amministrativo, tecnico, ausiliario, assistente educatore e furto atteggiamenti lesivi della civile convivenza, anche tra culture diverse violazione di disposizioni sulla sicurezza, sulla prevenzione antinfortunistica, o inerenti all organizzazione della scuola attivazione indebita dei dispositivi di sicurezza e procurato allarme, oppure manomissione degli stessi; utilizzo indebito di scale e uscite di emergenza danneggiamento di locali scolastici, pertinenze, suppellettili e attrezzature alterazione di documenti, firme o dati, anche in forma elettronica introduzione e uso nell edificio di sostanze stupefacenti, alcoliche, sigarette o comunque sostanze pericolose per la salute o la sicurezza delle persone e delle cose atteggiamenti di sistematico, reiterato e provocatorio disturbo o turbativa delle lezioni, viaggi di istruzione, uscite sul territorio, spettacoli e assemblee mancato rispetto delle disposizioni ricevute in occasione di visite guidate, viaggi di istruzione, soggiorni formativi, settimane linguistiche e gemellaggi Art. 5 Sanzioni disciplinari

4 Oltre a quanto previsto dalla normativa in vigore in materia di furto, fumo e violazione della privacy, tenuto conto della specifica situazione scolastica, dell età e della personalità dello studente, in caso di mancanze relative a negligenza e mancato rispetto delle regole di convivenza potranno essere decisi i seguenti interventi: 1. ammonizione verbale, personale o collettiva, da parte del singolo docente o del 2. a discrezione del docente, che la motiva, esclusione immediata e per un giorno dello studente dal godimento dell intervallo con i compagni. Lo studente si reca in cortile con gli altri, ma rimane in castigo sotto la supervisione degli insegnanti. 3. ammonizione scritta sul libretto personale a carico del docente, controfirmata dalla famiglia 4. annotazione sul registro di classe con firma del Dirigente per presa visione, contestuale comunicazione alla famiglia tramite libretto da parte del singolo docente e contestuale registrazione nel fascicolo personale dell alunno da parte della Segreteria 5. convocazione dei genitori da parte del singolo docente o del 6. lettera di informazione/ammonimento, sentito il Consiglio di Classe, da parte del e del coordinatore 6. divieto di partecipazione a visite guidate o viaggi di istruzione, disposto dal consiglio di classe e con frequenza 7. sospensione dall accesso alla rete informatica dell istituzione da un minimo di una settimana a un massimo di sei mesi in caso di abusi, intrusioni o manomissioni di carattere informatico disposto del Dirigente, sentito il coordinatore di classe. 8. allontanamento dalle lezioni fino a quindici giorni, disposto dal consiglio di classe, in caso di gravi e reiterate infrazioni al regolamento interno con frequenza e di riparazione dell eventuale danno (a carico dello studente o della famiglia) 9. in caso di furto il personale avrà il compito di informare il, il quale valuterà e deciderà gli interventi opportuni, fra cui la possibilità della sospensione dello studente fino a quindi giorni, sentito il Consiglio di Classe con soli docenti, previa informazione e coinvolgimento dei genitori, Lo studente dovrà restituire l oggetto sottratto o riparare l eventuale danno (a carico dello studente o della famiglia) 10. allontanamento dalle lezioni per un periodo superiore ai quindici giorni, disposto dal consiglio dell istituzione con frequenza 11. le infrazioni di cui all articolo 18, comma 2 della legge provinciale n. 13 del 22 dicembre 2004 che introduce il divieto di fumo nei luoghi chiusi aperti al pubblico e in tutti i luoghi aperti di pertinenza della scuola, salvo zona riservata, sono oggetto di specifico procedimento amministrativo. Tali interventi trovano correlazione nella tabella di cui all art. 8 del presente regolamento. Art. 6 Attività riparatorie aggiuntive alle sanzioni disciplinari 1. Sentito il Consiglio di Classe, possono essere disposte dal e comunicate alla famiglia, le seguenti attività riparatorie in aggiunta alle sanzioni di cui all art. 5 di questo regolamento: a) risarcimento del danno quantificato in base a preventivi o fatture di ditte fornitrici di beni e servizi con le quali l istituzione ha rapporti contrattuali o in base ad indagini di mercato b) attività di pulizia, fatte salve le dovute garanzie in ordine ai rischi c) servizi a favore della comunità scolastica f) inoltro di scuse scritte, in caso di offesa grave, su richiesta del consiglio di classe o del Art. 7 Organi competenti alla contestazione e all irrogazione a) Il rimprovero verbale, la segnalazione scritta sul libretto, l annotazione sul registro sono di competenza dell insegnante che ha rilevato la mancanza. b) La convocazione dei genitori è disposta dal Dirigente e dal Coordinatore di classe sentito il Consiglio di Classe. c) In casi gravi il Consiglio di Classe riunito nella solo componente docenti può provvedere alla sospensione dalle lezioni fino a 15 giorni. d) In casi particolarmente gravi legati ad eventuali reati penali o che possono causare pericolo reale per le persone che frequentano l istituzione, si potrà prevedere l allontanamento dalla scuola per un periodo superiore ai 15 giorni. In questo caso il provvedimento verrà adottato dal Consiglio dell Istituzione. f) In caso di provvedimenti disciplinari che comportino la sospensione dalle lezioni o l allontanamento dall Istituzione, il Consiglio di Classe sarà convocato dal Dirigente, di sua iniziativa o su proposta dei docenti interessati. Alla seduta del Consiglio di Classe sarà invitato a partecipare, per chiarire le proprie ragioni anche lo studente interessato alla presenza dei genitori. Salve particolari esigenze, ultimata la fase istruttoria, la decisione sarà adottata nel corso della stessa seduta dal Consiglio di Classe con la sola componente docenti. e) In tutti i caso di provvedimenti disciplinari deve essere data allo studente la possibilità di chiarire le proprie ragioni.

5 Art.8 Classificazione delle sanzioni A) Sanzioni disciplinari con provvedimento diretto Tipo di Violazione 1. Essere sprovvisti dell occorrente per la lezione della giornata 2. Presentarsi a scuola in ritardo senza giustificazione scritta o valida motivazione 3. Non giustificare le assenze 4. Portare a scuola oggetti estranei alle attività scolastiche o potenzialmente pericolosi 5. Intrattenersi senza motivo fuori dell aula durante le ore di lezione 6. Uscire disordinatamente dall aula o non restare negli spazi assegnati durante l intervallo 7. Recarsi nelle aule speciali o in palestra senza il necessario o in modo disordinato 8. Uscire o allontanarsi dall aula senza autorizzazione durante il cambio dell ora 9. Spostarsi da un piano all altro senza preventiva autorizzazione Sanzione disciplinare Ammonizione personale in classe o in privato Organo competente ad applicare la sanzione Il docente di classe 10. Reiterare (da due a cinque volte) i comportamenti da 1 a 9 dell elenco 11. Impedire il normale svolgimento delle attività scolastiche in classe e fuori 12. Offendere, dileggiare, prendere in giro i compagni 13. Offendere i docenti, il personale non insegnante 14. Arrecare danno a libri, quaderni, oggetti personali altrui e all ambiente 15. Furto (la prima volta) alla SP 16. Reiterare (da cinque a nove volte) i comportamenti da 1 a 14 dell elenco 17. Furto (la seconda volta) alla SP 18. Tenere il cellulare acceso, utilizzare dispositivi elettronici (circ. min. 15/3/2007), 19. Sporcare e non rispettare l ambiente a scuola, e nelle sue adiacenze e pertinenze 20. Contravvenire al divieto di fumare (la prima volta) Ammonizione scritta sul libretto personale controfirmata; riparazione Ammonizione scritta sul libretto personale controfirmata; riparazione o restituzione Ammonizione scritta sul libretto personale e sul registro di classe e controfirmata; riparazione o restituzione Ammonizione scritta sul libretto personale e sul registro di classe e controfirmata; PIU sequestro del cellulare e altri dispositivi (punto 14); riparazione (punto 15) Ammonizione scritta sul libretto personale e sul registro di classe e controfirmata; PIU applicazione della sanzione amministrativa prevista dalla legge Il docente Il docente, o il Il docente o il Il docente o il Docente classe responsabile individuato dall istituto della

6 B) Sanzioni che comportano l allontanamento temporaneo dello studente scolastica per un periodo fino a 15 giorni 21. Reiterazione dei comportamenti indicati ai punti da 10 a Lasciare la scuola senza autorizzazione 23. Non giustificare reiteratamente le assenze 24. Aggredire altri alunni 25. Offendere reiteratamente (alla terza ammonizione scritta) il, gli insegnanti, il personale non docente della scuola e i compagni 26. Danneggiare o deturpare le attrezzature scolastiche scolastica fino ad un massimo di 15 giorni con frequenza e di riparazione dell eventuale danno (a carico della famiglia) 24. Furto commesso da alunni della SSPG, ed eventuale reiterazione alla SP 25. Introduzione e uso nell edificio di sostanze stupefacenti, alcoliche, sigarette o comunque sostanze pericolose per la salute o la sicurezza delle persone e delle cose scolastica fino ad un massimo di 15 giorni con frequenza e restituzione di ciò che è stato sottratto Il C.d.C. con del Il C.d.C. con del C) Sanzioni che comportano l allontanamento temporaneo dello studente scolastica per un periodo superiore a 15 giorni 27. Reati che violino la dignità e il rispetto della persona umana (minacce, violenze psicologiche, atti di bullismo, percosse, reati di natura sessuale, ecc... ) 28. Reati che creino una concreta situazione di pericolo per l incolumità delle persone (incendio, allagamento, ecc... ) 29. Reati rilevanti anche sul piano penale 30. Reiterazione dell introduzione e uso nell edificio di sostanze stupefacenti, alcoliche, sigarette o comunque sostanze pericolose per la salute o la sicurezza delle persone e delle cose scolastica per un periodo superiore a 15 giorni con frequenza. Concomitante richiesta di intervento delle istituzioni e/o i servizi competenti C.d.I. (fatto salvo il dovere di astensione, es. qualora faccia parte dell organo il genitore dell alunno sanzionato) con del

7 D) Sanzioni che comportano l allontanamento dello studente scolastica fino al termine dell anno L erogazione di tale sanzione è prevista alle seguenti condizioni, congiuntamente ricorrenti: 31. Devono ricorrere situazioni di recidiva, nel caso di reati che violino la dignità e il rispetto per la persona umana, oppure atti di grave violenza o connotati da una particolare gravità tali da determinare seria apprensione a livello sociale; 32. Non sono esperibili interventi per un reinserimento responsabile tempestivo dello studente nella comunità durante l anno. scolastica fino al termine dell anno. Concomitante richiesta di intervento delle istituzioni e/o i servizi competenti C.d.I. (fatto salvo il dovere di astensione, es. qualora faccia parte dell organo il genitore dello studente sanzionato) con del E) Sanzioni che comportano l esclusione dello studente dallo scrutinio finale o la non ammissione all esame di stato conclusivo del corso di studi 33. Nel caso previsto dall art 4 comma 3 del Regolamento sulla valutazione periodica e annuale degli apprendimenti e della capacità relazionale degli studenti (DPGP n 22/54 Leg. del 7 ottobre 2010, entrato in vigore il 29 dicembre 2010) Esclusione dello studente dallo scrutinio finale o la non ammissione all esame di stato. Eventuale concomitante richiesta di intervento delle istituzioni e/o i servizi competenti Consiglio Classe di

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.)

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Premessa Il rispetto di norme, regole e principi garantisce la civile convivenza e contribuisce a valorizzare, attraverso il dialogo ed il

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO A. DE CAROLIS ACQUAVIVA PICENA e MONSAMPOLO DEL TRONTO TEL 0735/764431 FAX 0735/769252 www.iscdecarolis.gov.it e-mail: apic80800a@istruzione.it posta certificata: apic80800a@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA - Tel. 0773/620905 - fax 0773/629059- ltic846006@istruzione.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MANCANZE DISCIPLINARI E CORRISPONDENTI SANZIONI Mancanze disciplinari Doveri

Dettagli

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE MANCATA GIUSTIFICAZIONE DEL RITARDO (PER ALMENO TRE VOLTE ) MANCATA GIUSTIFICAZIONE DELL ASSENZA (PER ALMENO TRE VOLTE)

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO San Domenico Savio MATTINATA Premessa La scuola è luogo di crescita civile e culturale della persona. E quindi ad essa, oltre che alla famiglia, che spetta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

Allegato 2a TABELLA SINOTTICA DEI PROVVEDIMENTI E DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DOVERI INFRAZIONI PROVVEDIMENTI

Allegato 2a TABELLA SINOTTICA DEI PROVVEDIMENTI E DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DOVERI INFRAZIONI PROVVEDIMENTI Allegato 2a TABELLA SINOTTICA DEI PROVVEDIMENTI E DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DOVERI INFRAZIONI PROVVEDIMENTI FREQUENZA REGOLARE E APPLICAZIONE ALLO STUDIO RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Delibera del 29 novembre 2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Allegato al regolamento di Istituto INTERVENTI EDUCATIVI e SANZIONI Art.1 - Premesse Compito preminente della scuola è educare e formare,

Dettagli

Lo statuto degli studenti e delle studentesse

Lo statuto degli studenti e delle studentesse Sommario Lo statuto degli studenti e delle studentesse... 1 Art. 1 (Vita della comunità scolastica)... 1 Art. 2 (Diritti)... 1 Art. 3 (Doveri)... 2 Art. 4 (Disciplina)... 3 Art. 5 (Impugnazioni)... 5 Art.

Dettagli

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO CLASSICO B. MARZOLLA - BRINDISI Sede Centrale: Via Nardelli, 2 - Tel./Fax 0831516102 - C.F. 80006060745 - e-mail: liceocla@liceoclassicomarzolla.it LICEO

Dettagli

Codice di comportamento della comunità scolastica. I diritti fondamentali dello studente appaiono indicati nell art. 2:

Codice di comportamento della comunità scolastica. I diritti fondamentali dello studente appaiono indicati nell art. 2: Codice di comportamento della comunità scolastica Il liceo si propone come luogo di educazione in senso ampio, dove il processo di apprendimento, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia Appendice F Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia PREMESSA L istituzione scolastica risulta luogo di crescita civile, culturale e di valorizzazione della persona quando vengono coinvolti

Dettagli

Scuola Secondaria I grado Don Minzoni STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI PREMESSA

Scuola Secondaria I grado Don Minzoni STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI PREMESSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO PADERNO DUGNANO VIA MANZONI Via Manzoni, 31 20037 Paderno Dugnano (MI) Sede centrale: Primaria De Vecchi Fisogni Via Manzoni

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11 20151 MILANO C.F. 80122590151 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Il presente regolamento di Disciplina è stato

Dettagli

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII ALTAVILLA SILENTINA (SALERNO) www.icaltavilla.gov.it

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII ALTAVILLA SILENTINA (SALERNO) www.icaltavilla.gov.it Istituto Comprensivo Giovanni XXIII ALTAVILLA SILENTINA (SALERNO) www.icaltavilla.gov.it REGOLAMENTO DELLO STUDENTE (approvato con delibera n. 31 del 05/11/2013) Premessa I regolamenti delle singole istituzioni

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 -

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1) appendice B P.O.F. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Leonardo da Vinci Con Sezioni associate : Liceo Scientifico e Classico Via Leonardo da Vinci - 08045 Lanusei (OG) 0782/42624 42156 Fax 0782/480198 - Cod.

Dettagli

Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria

Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria D.P.R. 249/ del 24/06/1998 e le modifiche apportate agli articoli 4 e 5 dal DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA del 21 Novembre 2007,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Istituto Comprensivo G.B. Della Torre Via Rivarola, 7 16043 Chiavari (GE) Tel. 0185308022 Fax 0185309471 geic86500c@istruzione.it geic86500c@pec.istruzione.it codice fiscale 90064220107 sito internet:

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV)

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) REGOLAMENTO di DISCIPLINA (Approvato dal consiglio d Istituto del 12/7/2012) anno scolastico 2011-2012 via Stadio, 2/a tel. 0422

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

Lucantonio Porzio. saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all art.

Lucantonio Porzio. saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all art. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POSITANO e PRAIANO Lucantonio Porzio Via PASITEA 308 84017 POSITANO (SA) saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all

Dettagli

Art. 1 : Criteri generali (Statuto delle studentesse e degli studenti: D.P.R. 249/98, riformato dal D.P.R.235/2007)

Art. 1 : Criteri generali (Statuto delle studentesse e degli studenti: D.P.R. 249/98, riformato dal D.P.R.235/2007) LICEO SCIENTIFICO STATALE NICCOLO COPERNICO Corso Caio Plinio 2-10127 Torino tel. 011616197-011618622 fax. 0113172352 http://www.copernico.to.it email: lsscopernico@virgilio.it Titolo 4: Regolamento disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Caratteri e finalità Il presente Regolamento recepisce il principio generale sancito dall art. 1 1 del DPR 249/98 : la scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. La scuola, su delega della famiglia, partecipa al compito educativo dei giovani che le sono affidati.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. La scuola, su delega della famiglia, partecipa al compito educativo dei giovani che le sono affidati. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA La scuola, su delega della famiglia, partecipa al compito educativo dei giovani che le sono affidati. Questo regolamento si occupa dei comportamenti degli allievi quando, durante

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE S. Grandis C U N E O Istituto Professionale Statale Commerciale, Socio-Sanitario,Meccanico, Elettrico, Elettronico Istituto Tecnico per il Turismo Sezione Associata I.P.S.S.C.T.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA I.T.I. S. ETTORE CONTI di MILANO La Commissione per la stesura del Regolamento di disciplina e del Regolamento d'istituto, votata dal Collegio dei Docenti del 10.12.2002 e composta

Dettagli

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A.

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A. 1 Indice Premessa...3 Tipologia degli interventi...3 Iscrizioni...3 Accoglienza...4 Ore di ricevimento...4 Costi a carico dell'utenza...4 Frequenza delle lezioni...4 Certificazioni rilasciate...4 Smarrimenti

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZARO VIA F. CAVALLOTTI, 15 TEL. 0828/793037 - FAX 0828/793256 84020 OLIVETO CITRA (SA) cf. 82005110653 C.M. SAIC81300D e-mail: SAIC81300D@ISTRUZIONE.IT SITO INTERNET: WWW.OLIVETOCITRAIC.GOV.IT

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA II presente Regolamento intende individuare ai sensi del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Eleonora D Arborea Via E. D Arborea n 7, 08020 Torpè (Nu) tel. e fax 0784/829017 E-mail : numm056006@istruzione.it REGOLAMENTO DISCIPLINARE Aggiornato nell anno scolastico

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

ICAS FRANCOLISE A) DIRITTI

ICAS FRANCOLISE A) DIRITTI ICAS FRANCOLISE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 Via Roma, 3 81050 S. Andrea del Pizzone Tel. 0823/884410 - COD.MECC. CEIC819004 E-mail: icas.francolise@virgilio.it U.R.L. : www.icasfrancolise.it

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI Via Gardenghi 5 44012 Bondeno (FE) Tel.: 0532 898077 Fax: 0532 898232 feic802005@istruzione.it www.icbonatibondeno.gov.it REGOLAMENTO USO DEL CELLULARE E DEI

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORNUDA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORNUDA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORNUDA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SCUOLA SECONDARIA IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO il DPR n 249 del 24.06.1998 Statuto degli studenti e delle studentesse e successive modificazioni

Dettagli

Vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989;

Vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989; Il Presidente della Repubblica Visto l'articolo 87, comma 5, della Costituzione; Visto l'articolo 328 del decreto legislativo 16 aprile 1994 n.297; Visto l'articolo 21, commi 1, 2 e 13 della legge 15 marzo

Dettagli

Il fondamento Docenti dell azione Genitori educativa Alunni Operatori scolastici

Il fondamento Docenti dell azione Genitori educativa Alunni Operatori scolastici RAPPRESENTA Il fondamento dell azione educativa IMPEGNA Docenti Genitori Alunni Operatori scolastici PATTO DI CORRESPONSABILITA Vista la Circolare Ministeriale del 14 dicembre 2007 n 110, punto 5, avente

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 24/02/2012

DELIBERA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 24/02/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA 1694 Via Cassia, 1694 00123 - ROMA 06.30.89.01.10 06.30.89.01.10 rmic85800g@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina Regolamento di Disciplina Premessa Il presente regolamento di disciplina, avente come riferimenti normativi il DPR 249 del 24.06.1998 modificato ed integrato con il DPR 235 del 21.11.2007 Statuto delle

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEBELLO VICENTINO (VI) 36054 - MONTEBELLO VIC.NO - Via G. Gentile, 7 Tel. 0444/649086 - Fax 0444/649016 - e-mail:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sernaglia della Battaglia

Istituto Comprensivo Statale di Sernaglia della Battaglia Allegato n. 9 Istituto Comprensivo Statale di Sernaglia della Battaglia Scuole Primarie e Secondarie di I grado di Sernaglia della Battaglia e Moriago della Battaglia Viale Rimembranza, 7-31020 Sernaglia

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. (Deliberato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 10 dicembre 2014)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. (Deliberato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 10 dicembre 2014) M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it

Dettagli

I.T.E. S. Calvino - Via San Michele, 2 - Trapani - Tel.: 0923.21016 Fax: 0923.28546 C.M. : TPTD02801G (diurno) - TPTD028511 (serale)

I.T.E. S. Calvino - Via San Michele, 2 - Trapani - Tel.: 0923.21016 Fax: 0923.28546 C.M. : TPTD02801G (diurno) - TPTD028511 (serale) Istituto Superiore S. Calvino G. B. Amico Istituto Tecnico e Professionale Sede Centrale: C.M.: TPIS028009 C.F.: 80004590818 Telefoni: 0923.21016 (segreteria) - 0923.22939 (presidenza) Fax: 0923.28546

Dettagli

REGOLAMENTO SEMICONVITTO

REGOLAMENTO SEMICONVITTO REGOLAMENTO SEMICONVITTO Il Semiconvitto è un luogo di formazione e crescita degli alunni, favorisce la socializzazione e la partecipazione alla vita comunitaria. Il presente Regolamento si ispira alla

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 9 Via di Sotto 56-65125 PESCARA - Tel. 085-413255 e-mail : peic 83700v@istruzione.it REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli

Dettagli

Statuto Studenti con modifiche DPR 249-98 235-07

Statuto Studenti con modifiche DPR 249-98 235-07 Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria DPR 24 giugno 1998, n. 249 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (in GU 29 luglio

Dettagli

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) 1 LE NORME Per una civile convivenza, ogni società (quindi anche quella scolastica) deve avere delle regole. Esistono

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO PREMESSA L'uso improprio del cellulare e di altri dispositivi elettronici di comunicazione o di intrattenimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI STUDENTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. 6 Scialoja Cortese Via Comunale Ottaviano 10 bis 8016 Napoli tel/fax 081/08 Cod. Mecc. NAIC8EC00D e-mail naic8ec00d@istruzione.it Indirizzo

Dettagli

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011 Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente Anno Formativo 2010-2011 La famiglia deve comunicare al C.F.P. il suo indirizzo e il suo numero telefonico, e un

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI SANT'ANGELO LODIGIANO Via Morzenti, 27-26866 Sant' Angelo Lodigiano Tel: 0371/90435 - Fax : 0371/210898 Sito web: www.circolodidatticomorzenti.it E-mail: riccardo.morzenti@libero.it

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA PREMESSA La famiglia è il luogo dove i fondamentali valori morali vengono meglio assimilati

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE J. TINTORETTO DI GRANTORTO (Provincia di Padova) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (Approvato dal Collegio Docenti nella seduta

Dettagli

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo di Poggio Mirteto La scuola non deve soltanto far acquisire competenze, ma deve anche trasmettere valori per formare cittadini che abbiano senso di identità,

Dettagli

"Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria"

Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria "Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria" DPR 24 giugno 1998, n. 249 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (in GU 29 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda

Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda REGOLAMENTO DI ISTITUTO INDICE ART. 1 FINALITA ART. 2 TEMPI 1. Orario di ingresso 2. Ritardi 3. Uscite anticipate 4. Uscite temporanee dall aula 5. Variazioni orario giornaliero 6. Assenze alunni ART.

Dettagli

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE)

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) 1 ANNO FORMATIVO 2015-2016 Il presente Regolamento è stato definito dal Collegio Formatori del Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) e dalla

Dettagli

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 FONTI NORMATIVE Ogni docente è tenuto a rispettare quanto contenuto nel contratto di lavoro individuale, nel contratto collettivo AGIDAE, nel Progetto Educativo,

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SCUOLA SECONDARIA IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SCUOLA SECONDARIA IL CONSIGLIO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CAPPELLA MAGGIORE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI 1 GRADO COMUNI DI CAPPELLA MAGGIORE E COLLE UMBERTO Via Livel, n 101-31012 CAPPELLA MAGGIORE (TV) Tel. 0438/580563-930284

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Galileo Ferraris REGOLAMENTO INTERNO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO Parte I - Alunni ART. 1 FINALITA Il fine della scuola è quello di favorire la formazione e lo sviluppo delle attitudini dei giovani

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO 1) PREMESSA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO 1) PREMESSA VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35129 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli