RECS EECS Domain Protocol Italia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RECS EECS Domain Protocol Italia"

Transcript

1 RECS EECS Domain Protocol Italia a cura del Gestore dei Servizi Elettrici GSE SpA Versione

2 Indice A A1 A2 INTRODUZIONE E FINALITA Premesse Scopo del documento B CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO NAZIONALE E GESTIONE DEL SISTEMA RECS EECS B1 Protocollo nazionale B2 Responsabilità di gestione del sistema RECS C DEFINIZIONI D D1 D2 D3 D4 D5 SISTEMA RECS ( RENEWABLE ENERGY CERTIFICATE SYSTEM ) Definizioni aggiuntive RECS Requisiti di qualificazione Strumenti di promozione ed incentivazione Valore nominale dei certificati RECS Emissione dei certificati RECS E E1 E2 E3 E4 E5 ADESIONE AL SISTEMA RECS E REGISTRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE Adesione al sistema RECS Registrazione degli impianti di produzione Variazione dei dati registrati Recesso dal sistema RECS - chiusura di un conto Recesso dal sistema RECS - cancellazione degli impianti di produzione dal registro F F1 F2 DATI RELATIVI ALLA PRODUZIONE Apparati di misura Presentazione dei dati

3 G G1 G2 G3 G4 G5 EMISSIONE, TRASFERIMENTO ED ANNULLAMENTO DEI CERTIFICATI RECS Emissione Trasferimento Annullamento Ritiro o cancellazione Errori H H1 H2 H3 MONITORAGGIO E REPORTING Monitoraggio Reporting Reporting di irregolarità I MODIFICHE AL PROTOCOLLO NAZIONALE L ASSOCIATION OF ISSUING BODIES (AIB) Allegati Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 4.1 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 6bis Elenco Referenti Modulo di registrazione dell impianto di produzione (RED) Tipologie di fonti di energia e tecnologie di produzione Dichiarazione di produzione/consumo (IRC) Dichiarazione di produzione di energia elettrica da combustibili fossili - FFE Modulo di domanda di apertura o modifica di conto Domanda di trasferimento o annullamento di certificati RECS Dichiarazione di trasferimento o annullamento multiplo di certificati RECS

4 A INTRODUZIONE E FINALITA A1 Premesse A1.1 La certificazione della qualità e dei metodi di produzione dell energia elettrica è un efficace strumento per valutare e misurare la qualità dell energia fornita al consumatore e i sistemi di generazione impiegati, i progressi compiuti verso l utilizzo di tecnologie ecocompatibili, al fine di incentivare gli investimenti in impianti alimentati con fonti rinnovabili. La certificazione consente anche di assegnare un valore a specifiche tipologie di produzione energetica da commercializzare separatamente dall energia sottostante. A1.2 Per rispondere adeguatamente a questi requisiti, un sistema di certificazione energetica deve essere in grado di fornire agli utenti dei titoli emessi (produttori, trader, fornitori, consumatori, ONG e governi) prove affidabili delle caratteristiche qualitative dell energia sottostante. Il sistema europeo di certificazione energetica EECS ( European Energy Certification System ) è finalizzato a creare fiducia, da parte degli utenti, nei confronti della qualità dei certificati emessi e gestiti dal sistema. A1.3 Il ciclo di vita del certificato EECS si articola in tre fasi: emissione, trasferimento ed annullamento. (a) I certificati RECS sono emessi in formato elettronico a fronte dell energia elettrica prodotta da impianti registrati nel sistema RECS EECS. (b) I certificati possono essere trasferiti da un conto all altro nel paese di origine o in altri territori ( Domain ) della rete EECS europea. (c) L annullamento è il meccanismo attraverso il quale il certificato viene ritirato dal mercato. L annullamento ha luogo nel momento in cui si realizza il valore del certificato, ad esempio attraverso il pagamento effettuato dal consumatore in riconoscimento delle caratteristiche qualitative dell energia elettrica sottostante il certificato. A1.4 Il presente Protocollo nazionale ( Domain Protocol ), insieme alla Convenzione siglata tra il GSE e gli operatori di mercato ( Standard Terms and Conditions ), definiscono il sistema RECS (Renewable Energy Certificate System) EECS per il territorio italiano.

5 A2 Scopo del documento A2.1 Il presente Protocollo nazionale stabilisce regole e procedure per l adozione del sistema RECS EECS in Italia. A2.2 La Convenzione stipulata fra il GSE e gli operatori di mercato rende vincolante, per gli stessi, il Protocollo nazionale e le relative obbligazioni. A2.3 L obiettivo è quello di assicurare la qualità attraverso un meccanismo solido e trasparente, che faciliti l utilizzo del sistema RECS EECS da parte degli operatori. A2.5 L Allegato 1 riporta i referenti del GSE per le attività relative al sistema RECS EECS.

6 B CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO NAZIONALE E GESTIONE DEL SISTEMA RECS EECS B1 Protocollo nazionale B1.1 Il presente Protocollo stabilisce le procedure per l emissione dei certificati RECS EECS registrati nel database EECS tenuto dal GSE, il loro trasferimento (passaggio di titolarità) ed il loro annullamento. Tali procedure possono essere modificate o integrate dal GSE in base alle disposizioni del successivo paragrafo I. B1.2 Il presente Protocollo nazionale è valido per il territorio italiano. B2 Responsabilità di gestione del sistema RECS EECS B2.1 Il GSE è responsabile della gestione del sistema RECS EECS sul territorio italiano. B2.2 Il GSE può affidare a rappresentati autorizzati o legalmente designati lo svolgimento di alcune funzioni di gestione del sistema. B2.3 Il CMO ( Central Monitoring Office ) svolge un ruolo di primo piano per l operatività del sistema EECS nel territorio di competenza, in quanto gestisce ed aggiorna il database degli impianti di produzione qualificati e dei certificati RECS EECS emessi. In Italia, tale funzione è svolta dal GSE. I corrispettivi per la gestione dei conti ed il monitoraggio delle transazioni effettuate sono pubblicati sul sito B2.4 Il CMO ha la responsabilità di creare, nel proprio registro, i record relativi ai certificati.

7 C DEFINIZIONI Salvo diversamente specificato o richiesto dal contesto, tutti i termini utilizzati nel presente Protocollo nazionale hanno il significato di cui al Titolo B del Basic Commitment being the Principles and Rules of Operation of the Association of Issuing Bodies (AIB), ovvero dei principi e delle norme che disciplinano il funzionamento del sistema RECS. Tali norme sono pubblicate sul sito TERMINE CMO - Central Monitoring Office Operatore di mercato Produzione di energia elettrica netta UTF Ufficio Tecnico Fiscale SIGNIFICATO Soggetto al quale è affidata la gestione del database di registrazione EECS L intestatario di un conto o il soggetto richiedente la registrazione di un impianto di produzione nel database EECS Produzione di energia elettrica lorda di un impianto di produzione, come risultante dai valori di misura acquisiti e calcolati da un soggetto autorizzato, diminuita dell energia assorbita dai servizi ausiliari di generazione e delle perdite nei trasformatori principali dei generatori dell impianto In ambito italiano, il soggetto autorizzato a certificare la validità dei dati relativi alla produzione

8 D SISTEMA RECS ( RENEWABLE ENERGY CERTIFICATE SYSTEM ) Il sistema RECS consente lo scambio internazionale del valore aggiunto dell energia elettrica ottenuta da fonti rinnovabili, separandone il valore ambientale dall energia fisica sottostante. Si tratta di un sistema di negoziazione a carattere volontario gestito dall Associazione RECS International e che utilizza la piattaforma di scambio EECS. D1 Definizioni aggiuntive RECS Fattore di Fonte Rinnovabile In relazione ad un dato impianto di produzione ed ad un dato periodo di tempo, la quota (espressa come fattore inferiore ad 1) di energia elettrica netta ottenuta da fonti rinnovabili (RES-E) e riportata nella dichiarazione di produzione di tale impianto per il periodo in cui l energia elettrica è stata prodotta. D2 Requisiti di qualificazione D2.1 I requisiti di qualificazione degli impianti di produzione per la registrazione ai fini del sistema RECS EECS sono i seguenti: (a) (b) l impianto di produzione deve essere in grado di generare energia elettrica da fonti rinnovabili (RES-E); il titolare dell impianto si impegna - durante il periodo di validità della registrazione RECS e per la stessa unità di energia elettrica - a non richiedere altri titoli negoziabili rilasciati nell ambito di sistemi analoghi al RECS e che attestino la provenienza o il valore aggiunto dell energia da fonti rinnovabili sottostante. D2.2 La registrazione di un impianto di produzione ha validità quinquennale. Prima della scadenza, occorre presentare una nuova domanda di registrazione.

9 D2.3 Al fine di accertare la sussistenza dei requisiti di qualificazione degli impianti registrati nel sistema RECS, è effettuata una verifica della produzione ( Production Audit ) (a) con cadenza almeno quinquennale e (b) con cadenza almeno annuale, quando l impianto è alimentato, in tutto o in parte, a biomasse. D3 Strumenti di promozione ed incentivazione D3.1 I sistemi di incentivazione rilevanti ai fini del funzionamento del sistema RECS EECS sono elencati nel documento dell AIB riguardante le tipologie di incentivazione pubblica ( AIB PRO Fact Sheet 3 Types of Public Support ). II documento è pubblicato sul sito nella sezione Association Documents Regulation PRO. D3.2 Il soggetto richiedente la registrazione deve dichiarare che il titolare dell impianto o il suo rappresentante si impegna a non richiedere - durante il periodo di validità della registrazione e per la stessa unità di energia elettrica - altri titoli negoziabili rilasciati nell ambito di sistemi analoghi al RECS e che attestino la provenienza o il valore aggiunto dell energia elettrica da fonte rinnovabile sottostante. D3.3 Il soggetto richiedente la registrazione è tenuto a comunicare al GSE se, per l impianto di produzione da registrare, è stata o sarà erogata un incentivazione pubblica (e di quale tipo).

10 D4 Valore nominale dei certificati RECS D4.1 Possono essere emessi certificati RECS con un valore nominale di 1 MWh. D5 Emissione dei certificati RECS D5.1 Il presente paragrafo integra le disposizioni del successivo Titolo G. D5.2 Se un impianto produce soltanto energia rinnovabile (RES-E), la quantità di RES-E rilevante ai fini del sistema RECS è la sua produzione netta di energia elettrica D5.3 Se un impianto produce allo stesso tempo energia rinnovabile (RES-E) ed non rinnovabile (non RES-E), la quantità di RES-E rilevante ai fini del sistema RECS è la sua produzione netta di energia elettrica moltiplicata per il Fattore di Fonte Rinnovabile. D5.4 I certificati RECS EECS possono essere emessi per tutta la RES-E prodotta da un dato impianto in qualunque periodo. D5.5 Il certificato RECS EECS deve indicare: (a) l eventuale incentivazione pubblica erogata all impianto che ha prodotto l energia sottostante, (b) la potenza dichiarata (in kw) dell impianto in questione.

11 E ADESIONE AL SISTEMA RECS E REGISTRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE E1 Adesione al sistema RECS E1.1 Possono aderire al sistema RECS EECS tutte le persone giuridiche, i loro affiliati o rappresentanti che non facciano parte dell Association of Issuing Bodies (AIB). E1.2 Le modalità di adesione al sistema RECS EECS sono pubblicate sul sito E1.3 L operatore ha un rapporto contrattuale con il GSE, determinato dalla sottoscrizione della Convenzione che fissa le Condizioni generali italiane di gestione del sistema RECS. E1.4 Al fine di garantire la sicurezza delle comunicazioni, il GSE assegna a ciascun utente autorizzato un codice identificativo ed una password per l accesso al sistema informativo di gestione. L operatore deve mantenere la riservatezza di tali dati. E2 Registrazione degli impianti di produzione E2.1 Un impianto di produzione ubicato in Italia può essere registrato nel database RECS EECS soltanto dal titolare o da un soggetto autorizzato dallo stesso. In tal caso il richiedente presenta al GSE un idonea documentazione attestante che lo stesso ha ricevuto mandato per registrare l impianto di produzione ed assumere, in nome e per conto del titolare o dell operatore dell impianto, i diritti e le obbligazioni derivanti dalle disposizioni del sistema RECS EECS e del presente Protocollo nazionale. Tale documentazione può assumere la forma di una procura o di altra certificazione dei poteri di rappresentanza. E2.3 Il richiedente è tenuto a fornire i seguenti dati: (a) (b) (c) nome, indirizzo ed altri dati relativi alle persone da contattare per le eventuali comunicazioni, ad es. nome, numero di telefono, fax e indirizzo del responsabile della domanda, nomi dei soggetti autorizzati ad agire per conto del richiedente, ubicazione, denominazione ed indirizzo dell impianto di produzione,

12 (d) (e) (f) (g) (h) (i) (j) dati riguardanti il/i contatore/i di energia in esportazione dell impianto, dati riguardanti i servizi ausiliari di generazione dell impianto, se l impianto dispone di servizi ausiliari di generazione, dati riguardanti il/i contatore/i di energia in importazione per la determinazione di tutta l energia elettrica assorbita dall impianto stesso, tutte le fonti che possono essere trasformate in energia elettrica da parte dell impianto (a prescindere dall intenzione di utilizzarle) con riferimento alle tipologie di cui all Allegato 3, le caratteristiche tecnologiche dell impianto con riferimento alle tipologie di cui all Allegato 3, la potenza nominale dell impianto, la data di entrata in esercizio dell impianto. E2.4 Il modulo di registrazione ( Registration Form RF) riportante tutte le voci di cui al precedente articolo E2.3 è contenuto nell Allegato 2 del presente Protocollo nazionale. E2.5 I requisiti di qualificazione degli impianti di produzione ai fini del sistema RECS EECS sono riportati nel precedente articolo D3. E2.6 Il richiedente garantisce che i dati dichiarati nella domanda e forniti al GSE sono completi e corretti e che l impianto è conforme ai requisiti di qualificazione previsti dal sistema RECS EECS. E2.7 Il richiedente è tenuto altresì a comunicare eventuali somme (salvo quelle derivanti dalla vendita dei certificati RECS EECS) percepite o dovute, in relazione all impianto, nell ambito dei sistemi di incentivazione pubblica di cui al precedente articolo D4.1. E2.8 Il GSE, in qualità di CMO, comunica l esito della domanda entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento. E2.10 Se un impianto di produzione è già stata qualificato in base ad altro sistema EECS o sistema di incentivazione previsto per legge, il GSE può esonerare il richiedente, in tutto o in parte, dalla verifica della domanda.

13 E2.11 La domanda di registrazione di un impianto nell ambito del sistema RECS EECS può essere respinta se: (a) in relazione alla stessa, il richiedente non ha ottemperato ad una o più delle disposizioni del presente Protocollo nazionale o alle Condizioni generali italiane; (b) l impianto non è conforme ai requisiti di qualificazione; (c) l impianto dispone di uno o più servizi ausiliari di generazione che non sono muniti di contatori di energia in importazione. E2.12 Se la procedura di registrazione ha esito positivo, il GSE rilascia a ciascun impianto di produzione registrato un codice identificativo univoco. E2.13 Il richiedente autorizza il GSE a pubblicare sul sito - in forma aggregata - i dati dichiarati all atto della domanda di registrazione dell impianto di produzione nel database RECS EECS, ad eccezione dei seguenti dati: (a) (b) (c) descrizioni dettagliate dell impianto e dei relativi apparati, rappresentazioni grafiche dell impianto e della sua ubicazione, nonché diagrammi e fotografie e dati relativi a (i) il responsabile della domanda e, (ii) il titolare dell impianto, se il richiedente non è il titolare.

14 E3 Variazione dei dati registrati E3.1 Il richiedente la registrazione di un impianto è tenuto a comunicare al GSE eventuali variazioni programmate o non programmate, che possano determinare o abbiano determinato (a) una variazione dei dati relativi all impianto che sono stati registrati nel database RECS EECS, (b) la non rispondenza dell impianto ai requisiti di qualificazione RECS EECS. E3.2 Dopo aver ricevuto una comunicazione di variazione dei dati (eventualmente anche a seguito di ispezioni o altro), il GSE ne valuta le ripercussioni sulla sussistenza dei requisiti di qualificazione dell impianto, inviando una comunicazione al richiedente entro 5 giorni lavorativi. E3.3 Ove ritenga che l impianto non sia o non sarà più rispondente ai requisiti di qualificazione, il GSE modifica il record corrispondente nel database RECS EECS, indicando che lo stesso non si qualifica più ai fini dei certificati RECS EECS, con decorrenza (a) dalla data di effetto delle variazioni programmate (in caso di variazioni programmate comunicate anticipatamente) o (b) entro un termine ragionevole dal momento in cui il GSE viene a conoscenza delle variazioni. E4 Recesso dal sistema chiusura di un conto E4.1 Per comunicare al GSE l intenzione di chiudere un conto, l intestatario utilizza il modulo riportato nell Allegato 5. La domanda di chiusura del conto deve pervenire al GSE entro il 15 dell ultimo mese di operatività del conto. E4.2 Il GSE modifica il database RECS EECS, registrando la chiusura del conto con effetto dal mese successivo a quello di ricezione della domanda. E4.3 Agli operatori di mercato non è dovuto alcun rimborso in caso di chiusura del conto.

15 E5 Recesso dal sistema cancellazione degli impianti di produzione dal registro E5.1 L intenzione di cancellare un impianto di produzione dal registro deve essere comunicata per iscritto al GSE. La domanda di cancellazione deve pervenire al GSE entro il 15 dell ultimo mese di validità della registrazione dell impianto ai fini del sistema RECS. E5.2 Il GSE modifica il database RECS EECS, registrando la cancellazione dell impianto con effetto dal mese successivo a quello di ricezione della domanda. E5.3 Agli operatori di mercato non è dovuto alcun rimborso in caso di cancellazione di un impianto dal registro. F DATI RELATIVI ALLA PRODUZIONE F1 Apparati di misura F1.1 Possono essere registrati nel sistema RECS EECS soltanto gli impianti di produzione che siano muniti di apparati di misura conformi alle norme vigenti in materia di negoziazione di energia elettrica. Tali apparati devono essere in grado di effettuare le misure in base alle norme tecniche. F2 Presentazione dei dati F2.1 Per ricevere certificati RECS EECS per la produzione del proprio impianto in un dato periodo, il richiedente presenta al GSE una autocertificazione di produzione indicando i dati misurati in tale periodo. Il modulo per l autocertificazione di produzione è riportato nell Allegato 4. F2.2 Tutti i dati di misura della produzione (dichiarazioni UTF) dell impianto registrato nel database del CMO per la cui produzione sia stato richiesto il rilascio dei certificati RECS EECS sono comunicati annualmente al GSE. F2.3 Qualora risulti che i dati riportati nei certificati emessi nell ambito del sistema RECS non sono corretti e qualora sia avvenuto il rilascio di un quantitativo di certificati superiore

16 all effettiva produzione (in conseguenza di atti o omissioni del richiedente la registrazione dell impianto che ha prodotto l energia sottostante): (a) il GSE ritira i certificati dal mercato (a condizione che, in quel momento, siano depositati sul conto del richiedente) o (b) il titolare dei certificati si impegna a restituire al GSE un numero di certificati RECS EECS a copertura della differenza attraverso l acquisto da un altro operatore F2.4 Il soggetto che presenta una dichiarazione di produzione (vedi Allegato 4) in conformità al precedente articolo F2.1 è tenuto ad indicare (a) il valore dei termini M i e C i per ciascuna tipologia di combustibile i e (b) un Fattore di Fonte di Energia, nel periodo di riferimento, che non sia inferiore ad L e calcolato in base alla seguente formula dove: M i C i i j j n L j i i = n i M M i i xc xc è la massa di ciascun tipo di combustibile i per l impianto di produzione nel periodo di riferimento è il potere calorifico medio di ciascun tipo di combustibile i per l impianto in questione nel periodo di riferimento, sono le fonti di energia qualificate per l impianto in questione nel periodo di riferimento, sono le fonti di energia non qualificate per l impianto in questione nel periodo di riferimento. i i

17 G EMISSIONE, TRASFERIMENTO ED ANNULLAMENTO DEI CERTIFICATI RECS G1 Emissione G1.1 I certificati RECS EECS sono emessi esclusivamente in conformità alle disposizioni del presente Protocollo nazionale: (a) per un impianto di produzione che, all atto dell emissione, (i) sia ubicato in Italia, (ii) sia registrato nel database RECS EECS del GSE come impianto qualificato per l emissione dei certificati, (iii) il cui richiedente non risulti debitore verso il GSE o i suoi rappresentanti per corrispettivi non pagati in relazione ai certificati RECS EECS, (b) per l energia qualificata prodotta da tale impianto in qualunque periodo durante il periodo di validità della registrazione nel database EECS ai fini del sistema RECS, e (c) a favore dell intestatario di un conto che non risulti debitore verso il GSE o i suoi rappresentanti per corrispettivi non pagati in relazione ai certificati. G1.2 Subordinatamente al precedente articolo G1.1, i certificati RECS EECS sono emessi su richiesta del richiedente a fronte dei dati relativi all energia prodotta di cui al precedente articolo F2.2 e misurata durante il periodo di produzione, salvo diversamente pattuito. G1.3 Soltanto i rappresentanti autorizzati del richiedente possono richiedere l emissione dei certificati RECS EECS per l energia prodotta dall impianto in questione. G1.4 Il GSE procede alla verifica della coerenza della dichiarazione di produzione con i dati di misura forniti per l impianto in questione nel periodo al quale si riferisce la dichiarazione, controllando anche il database EECS per evitare che vengano rilasciati più certificati RECS EECS per la stessa produzione di energia elettrica qualificata. G1.5 Entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento di una dichiarazione valida presentata al termine di ciascun periodo di produzione, il GSE riporta nel database RECS EECS il

18 benestare per l emissione dei certificati a fronte della operazione effettuata dall operatore richiedente. G1.6 I certificati RECS EECS sono emessi nel formato stabilito dall AIB. G1.7 Il certificato RECS EECS conferisce, all intestatario del conto sul quale è depositato, diritti di titolarità sulle seguenti informazioni relative alla produzione di energia elettrica (a) fonte utilizzata per produrre la quantità di energia alla quale si riferisce il certificato, (b) metodo adottato per la produzione e qualità dell energia prodotta, e consente allo stesso di ottenere tutti i benefici materiali ed immateriali che possono derivarne. Tali diritti dipendono dalle leggi del paese in cui è ubicato l impianto che ha prodotto l energia in questione e dalle leggi vigenti nei territori nei quali i certificati possono essere trasferiti per il successivo annullamento. G2 Trasferimento G2.1 L intestatario di un conto RECS EECS può tenere i certificati in un apposito conto del database EECS italiano. Il GSE apre il conto entro 5 giorni lavorativi dalla domanda. Il conto è identificato in modo univoco da un numero ed un nome. G2.2 Collegandosi al sito web comunicato dal GSE, l intestatario può accedere al conto attraverso una transazione protetta, al fine di trasferire i certificati su un altro conto dello stesso database RECS EECS o di un database di un altro territorio. G2.3 Soltanto i rappresentanti autorizzati dell intestatario possono richiedere il trasferimento dei certificati RECS EECS depositati sul conto dello stesso. I nominativi dei rappresentanti autorizzati sono comunicati al GSE.

19 G2.4 Dopo aver ricevuto una domanda di trasferimento di un certificato RECS EECS ed averne verificato la validità, il GSE conferma l avvenuto trasferimento. All atto della conferma, il sistema informativo trasferisce i certificati indicati sul conto del destinatario. Nella domanda di trasferimento, l intestatario del conto indica tutti i dati relativi al/ai certificati RECS EECS da trasferire sul conto del destinatario. Se il conto del destinatario indicato nella domanda è tenuto in un database RECS EECS diverso, il GSE a) notifica la domanda di trasferimento al gestore dell altro database EECS, b) subordinatamente alle disposizioni del successivo articolo G2.7, trasmette tutti i dati dei certificati RECS EECS di cui al precedente punto (a) al gestore dell altro database RECS EECS, c) dopo aver ricevuto conferma, da parte del gestore dell altro database EECS, dell avvenuto trasferimento, conferma a sua volta il trasferimento al mittente dei certificati RECS EECS. G2.5 Dopo aver ricevuto notifica, da parte del gestore di un altro database EECS, di una domanda di trasferimento indicante tutti i dati del certificato RECS EECS da trasferire, in conformità ai requisiti previsti per il trasferimento dei certificati RECS EECS, e riguardante un numero di conto presente nel proprio database EECS, il GSE provvede a a) inserire tutti i dati del certificato in detto conto, b) confermare l avvenuto trasferimento al gestore del database EECS che ha notificato la domanda di trasferimento, c) confermare l avvenuto trasferimento al destinatario, specificando il numero identificativo univoco del certificato ed il suo valore nominale. G2.6 Dopo aver ricevuto notifica, da parte del gestore di un altro database EECS, di una domanda di trasferimento di un certificato del sistema RECS non conforme ai requisiti previsti per il trasferimento dei certificati RECS EECS e/o indicante un numero di conto non presente nel proprio database EECS, il GSE mette in atto ogni ragionevole sforzo per scambiare informazioni e rendere il certificato conforme al sistema RECS EECS italiano o individuare il corretto numero di conto; in caso contrario,

20 a) tutti i dati del certificato sono reinseriti nel conto del mittente nel database EECS di competenza e lo stato del certificato in tale database è modificato in non esportato, e b) tutti i dati del certificato sono cancellati dall altro database EECS. G2.7 Il GSE verifica la validità o evade la domanda di trasferimento entro 10 giorni lavorativi. G2.9 L intestatario del conto è tenuto a conservare per almeno 10 anni tutti i record dei certificati RECS EECS ai quali ha avuto accesso.

21 G3 Annullamento G3.1 L annullamento è il ritiro di un certificato dal mercato e rappresenta il momento in cui il certificato cessa di essere negoziabile. Una volta annullato, il certificato non può essere più trasferito. G3.2 Soltanto i rappresentanti autorizzati dell intestatario possono richiedere l annullamento dei certificati RECS EECS. La domanda è effettuata per via elettronica collegandosi al sito comunicato dal GSE. G3.3 La domanda di annullamento dei certificati RECS EECS può essere presentata da un rappresentante autorizzato dall intestatario del conto. Per essere valida, la domanda deve riportare tutti i dati relativi ai certificati da annullare e a) il destinatario dei certificati e b) ogni altra informazione necessaria. G3.4 Dopo aver ricevuto una domanda di annullamento ed averne verificato la validità, il GSE a) cancella tutti i dati dei certificati RECS EECS dal conto, b) inserisce tutti i dati dei certificati annullati nel conto del destinatario e consente all intestatario di accedere ai dati che evidenziano l avvenuto annullamento dei certificati. Dopo aver effettuato l annullamento, il GSE fornisce su richiesta all intestatario del conto una dichiarazione attestante l avvenuto annullamento (Allegato 6). G3.5 La domanda di annullamento di un certificato RECS EECS è evasa entro 10 giorni lavorativi. G4 Ritiro o cancellazione G4.1 Il GSE ha facoltà di ritirare un certificato RECS EECS depositato su un conto del proprio database EECS, su richiesta dell intestatario del conto, o altrimenti cancellarlo in base alle disposizioni del sistema RECS.

22 G5 Errori G5.1 Se (successivamente all emissione) viene commesso un errore riguardante un certificato RECS EECS depositato su un conto del database EECS, durante il trasferimento su detto conto o la sua permanenza nello stesso, il GSE rettifica l errore. GSE rettifica l errore riguardante il certificato ed ogni altro errore ripetuto nei certificati RECS EECS, a condizione che il/i certificato/i non sia/siano stato/i trasferito/i da detto conto. Il GSE ha facoltà di ritirare o modificare qualunque certificato RECS EECS registrato nel proprio database RECS EECS al fine di dare applicazione ad un accordo stipulato, in conformità alle Condizioni generali, con l intestatario del conto sul quale il certificato è depositato. G5.2 Il GSE ha facoltà di modificare un certificato RECS EECS registrato nel proprio database RECS EECS, al fine di rettificare un errore che si sia verificato prima del suo trasferimento sul conto presso il quale è depositato al momento della rettifica, subordinatamente alle seguenti condizioni a) abbia ottenuto dall intestatario del conto il benestare per la modifica, b) abbia messo in atto ogni ragionevole sforzo per evitare la possibilità di un indebito arricchimento di un operatore di mercato in conseguenza dell errore, c) abbia messo in atto ogni ragionevole sforzo per evitare la possibilità di un indebito arricchimento dell intestatario del conto in conseguenza della modifica.

23 H MONITORAGGIO E REPORTING H1 Monitoraggio H1.1 Il soggetto richiedente la registrazione di un impianto di produzione deve, per conto del titolare o dell operatore dell impianto, consentire al GSE o ad un suo rappresentante di accedere all impianto stesso o alla documentazione riguardante la produzione di energia elettrica e le fonti utilizzate, al fine di svolgere ispezioni in conformità all articolo H1.2 ed alle leggi italiane. Il diniego di tale accesso può costituire inadempimento delle Condizioni generali. H1.2 Il GSE o un suo rappresentante hanno facoltà di ispezionare periodicamente gli impianti di produzione registrati nel database RECS EECS ed i contatori di energia in importazione ed esportazione eventualmente presenti, confermando a) che i dati riguardanti gli impianti e registrati nel database RECS EECS sono esatti; b) che il richiedente la registrazione e, ove applicabile, il titolare e/o l operatore dell impianto di produzione adempiono a tutte le obbligazioni derivanti dal sistema RECS EECS, e c) che gli impianti di produzione continuano ad essere conformi ai requisiti di qualificazione stabiliti dai sistemi EECS in base ai quali sono stati registrati. H1.3 Il periodo intercorrente fra le ispezioni degli impianti di produzione a norma del precedente articolo H1.2 non deve superare i 5 anni. H1.4 Il GSE o un suo rappresentante può svolgere verifiche ad hoc della documentazione concernente l incentivazione pubblica erogata agli impianti che sono registrati nel proprio database RECS EECS.

Procedura per il rilascio della Garanzia d Origine dell energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili

Procedura per il rilascio della Garanzia d Origine dell energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili N DREPI03060 EDIZIONE N 1 Pagina:1 di 13 Procedura per il rilascio della Garanzia d Origine dell energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili ATTENZIONE: La presente procedura va utilizzata esclusivamente

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011

IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011 IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011 Si informano i soggetti titolari di impianti alimentati a fonti rinnovabili, qualificati IAFR e incentivati con Certificati Verdi (CV)

Dettagli

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile FORUM GREEN ENERGY Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile Roma 17 giugno 2011 Gruppo CVA CERTIFICAZIONI INCENTIVI GRUPPO CVA Posizionamento CVA nel mercato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Approvato dall Autorità per l energia elettrica e il gas, con deliberazione 14 febbraio

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO Pagina 1 di 14 L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE, IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2013 Istruzioni operative -

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. (di seguito: GSE)

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

Nuova tariffa in Italia

Nuova tariffa in Italia è stato pubblicato nella G.U. n. 1 del 2 gennaio 2009, il Decreto 18 dicembre 2008, con il quale si dà prima attuazione alle disposizioni in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA IMPORTAZIONE E PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2012

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA IMPORTAZIONE E PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2012 L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO Pagina 1 di 14 L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA IMPORTAZIONE E PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2012 Istruzioni operative - Autocertificazione

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

ALLEGATO 3 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI DI MINICOGENERAZIONE E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA - IMPIANTO DI MINICOGENERAZIONE

ALLEGATO 3 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI DI MINICOGENERAZIONE E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA - IMPIANTO DI MINICOGENERAZIONE ALLEGATO 3 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI DI MINICOGENERAZIONE E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA - IMPIANTO DI MINICOGENERAZIONE PREMESSA Per quanto non espressamente quivi previsto,

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88 Disposizioni in materia di misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione. (pubblicata nella G.U. n 97 del

Dettagli

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw Comune di Isera AZIENDA SERVIZI COMUNALI ISERA Via A. Ravagni n. 8-38060 ISERA Cod. Fisc. e P. IVA 00203870225 Tel. 0464 487096 / Fax 0464 401430 e-mail aziendaservizi@comune.isera.tn.it PROCEDURE PER

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DI CAPACITA

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DI CAPACITA PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DI CAPACITA Il concetto di trasferimento di capacità di trasporto al punto di riconsegna è correlato a quello di subentro; in modo più specifico, si configura questa fattispecie

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

1) Cessioni di capacità di trasporto ai Punti di Entrata alla RN interconnessi con l estero

1) Cessioni di capacità di trasporto ai Punti di Entrata alla RN interconnessi con l estero PROCEDURA DI CESSIONE DI CAPACITA La presente procedura descrive le modalità e le scadenze temporali del processo di cessione delle capacità di trasporto, secondo quanto previsto al Capitolo 7 Transazioni

Dettagli

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Il biogas Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Renzo N.Iride Servizio Energia-Araen D.M. 18.12.2008 (g.u.2.01.09) Incentivazione della

Dettagli

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Giorgio Cavallo Legambiente Friuli Venezia Giulia Sedegliano 11 settembre 2009 Le biomasse forestali

Dettagli

Piattaforma di scambio delle Garanzie di Origine Estere

Piattaforma di scambio delle Garanzie di Origine Estere Manuale d utilizzo 1 di 31 Indice dei Contenuti 1 Introduzione... 4 1 Accesso al portale Garanzie di Origine GO estere... 4 2 Primo accesso al portale GO estere (Scelta del profilo)... 4 2.1 Profilo Impresa

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare)

Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare) Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare) SOMMARIO 1 Generalità... 2 2 Requisiti per l accesso... 2 3 Modalità di applicazione... 2

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

PROCEDURA TECNICA SEZIONE 2 - PROCEDURA PER LA GESTIONE ED EMISSIONE DEI CERTIFICATI VERDI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI SEZIONE 2

PROCEDURA TECNICA SEZIONE 2 - PROCEDURA PER LA GESTIONE ED EMISSIONE DEI CERTIFICATI VERDI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI SEZIONE 2 Pagina 1 di 21 SEZIONE 2 PROCEDURA PER LA GESTIONE ED EMISSIONE DEI CERTIFICATI VERDI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA (Ai sensi dell articolo 11, comma 1 del Decreto Ministeriale 24 ottobre 2005) Pagina

Dettagli

ALLEGATO 5T - CRITERI E MODALITÀ PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI TRANSITORI AI SENSI DELLA DELIBERA 249/2012/R/GAS (PROCEDURA) PERIODO AT 2012-2013

ALLEGATO 5T - CRITERI E MODALITÀ PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI TRANSITORI AI SENSI DELLA DELIBERA 249/2012/R/GAS (PROCEDURA) PERIODO AT 2012-2013 ALLEGATO 5T - CRITERI E MODALITÀ PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI TRANSITORI AI SENSI DELLA DELIBERA 249/2012/R/GAS (PROCEDURA) PERIODO AT 2012-2013 La presente Procedura disciplina i criteri e le modalità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c.

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c. LINEE GUIDA AL PROGETTO PILOTA PER L INCENTIVAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI A GPL E METANO DEI VEICOLI COMMERCIALI CON ALIMENTAZIONE DIESEL INIZIATIVA ICBI Finanziamenti ai Comuni per l utilizzo dei carburanti

Dettagli

Modalità copertura gestione, verifica. ica

Modalità copertura gestione, verifica. ica Modalità operative per il riconoscimento delle tariffe a copertura dei costi sostenuti dal GSE per le attività di gestione, verifica e controllo relative ai meccanismii di incentivazione e sostegno delle

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 PROCEDURE E MODALITÀ OPERATIVE PER CONSENTIRE ALLA SOCIETÀ GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI S.P.A. L ACCESSO ALLE INFORMAZIONI NECESSARIE PER LE VERIFICHE DEL DIVIETO DI CUMULO

Dettagli

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro SISS

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro SISS Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro SISS PROCEDURA DI QUALIFICAZIONE PER FARMACIE per l iscrizione all Elenco dei fornitori erogatori di Servizi di gestione delle Postazioni di Lavoro nel SISS

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO Pagina 1 di 16 L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE, IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2011 Istruzioni operative -

Dettagli

Servizi e incentivi per le imprese. Paola Carbone 29 ottobre 2010

Servizi e incentivi per le imprese. Paola Carbone 29 ottobre 2010 Servizi e incentivi per le imprese Paola Carbone 29 ottobre 2010 LE POLITICHE PER L ENERGIA RAFFORZARE binomio politiche energetiche e sviluppo economico sostenibile OBIETTIVI Ridurre i costi della bolletta

Dettagli

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E IL MINISTRO DELLA SALUTE REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERA

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

ISIN: IT0004532195 EMESSE A VALERE SUL PROGRAMMA DI SOLLECITAZIONE E QUOTAZIONE BANCA IMI OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL EUROPEA O ASIATICA

ISIN: IT0004532195 EMESSE A VALERE SUL PROGRAMMA DI SOLLECITAZIONE E QUOTAZIONE BANCA IMI OBBLIGAZIONI CON OPZIONE CALL EUROPEA O ASIATICA SCHEDA DI ADESIONE N. OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO Banca IMI Call Spread 2009-2016 serie Banca Mediolanum Codice ISIN: IT0004532195 EMESSE A VALERE SUL PROGRAMMA DI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l articolo 1 del decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con

Dettagli

PROCEDURA TECNICA SEZIONE 2

PROCEDURA TECNICA SEZIONE 2 GESTIONE ED EMISSIONE DEI CERTIFICATI VERDI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI A IDROGENO, CELLE A COMBUSTIBILE E DI COGENERAZIONE ABBINATI AL TELERISCALDAMENTO Pagina 1 di 27 SEZIONE 2 PROCEDURA PER LA ALIMENTATI

Dettagli

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Area Rete Unitaria - Sezione Interoperabilità Linee guida del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica

Dettagli

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 INCENTIVI PREVISTI DALLA FINANZIARIA 2007 Riqualificazione edifici con miglioramento del 20% Infissi con finestre, parti opache Caldaie a condensazione Solare Termico Fotovoltaico

Dettagli

ALLEGATO 4 E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 4 E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI A POMPA DI CALORE PER LA CLIMATIZZAZIONE E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA - IMPIANTO A POMPA DI CALORE PER LA CLIMATIZZAZIONE PREMESSA Per

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione energia elettrica Milano, 12 aprile 2006 1 Sommario 1. Introduzione...3 2. Il quadro normativo di

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

REGOLAMENTO. Premessa

REGOLAMENTO. Premessa REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITÀ PER L ACCREDITAMENTO E LA VIGILANZA SUI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI CHE SVOLGONO ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI SERVIZI DI REGISTRAZIONE E DI MESSA A DISPOSIZIONE DELLE CREDENZIALI

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI MODENA E LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA PER LA PROMOZIONE DELL USO DEI MOTORI A GPL E METANO PER AUTOTRAZIONE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI MODENA E LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA PER LA PROMOZIONE DELL USO DEI MOTORI A GPL E METANO PER AUTOTRAZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI MODENA E LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA PER LA PROMOZIONE DELL USO DEI MOTORI A GPL E METANO PER AUTOTRAZIONE 2006 / 2008 - La PROVINCIA DI MODENA, rappresentata da,

Dettagli

Profili contrattuali per l accesso ai servizi di trasporto, dispacciamento e vendita dell energia elettrica immessa e prelevata per un ASSPC

Profili contrattuali per l accesso ai servizi di trasporto, dispacciamento e vendita dell energia elettrica immessa e prelevata per un ASSPC Profili contrattuali per l accesso ai servizi di trasporto, dispacciamento e vendita dell energia elettrica immessa e prelevata per un ASSPC Nella tabella 1 sono elencate tutte le qualifiche rilevanti

Dettagli

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Biomassa-biogas

Fornitura di prestazioni Dati certificati relativi all impianto di produzione Biomassa-biogas 01.12.2014 08 FO 08 41 02 Dati certificati relativi all'impianto 1 di 5 1 Certificazione per l impianto Numero progetto RIC: (annunciato per RIC o per RU) Per impianti RIC presenti nella lista d'attesa

Dettagli

35(0(662. C:\Documents and Settings\melotti.l\Desktop\SITO WEB PROVINCIA\pedrazzi\incentivi gas metano e GPL\protocollo d intesa.

35(0(662. C:\Documents and Settings\melotti.l\Desktop\SITO WEB PROVINCIA\pedrazzi\incentivi gas metano e GPL\protocollo d intesa. 35272&2//2',17(6$ 75$/$3529,1&,$',02'(1$(/($662&,$=,21,',&$7(*25,$3(5/$35202=,21( '(// 862'(,02725,$*3/(0(7$123(5$87275$=,21( La PROVINCIA DI MODENA, rappresentata da, autorizzato alla firma del presente

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE N. OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO BANCA IMI TASSO FISSO 2,00% P.A

SCHEDA DI ADESIONE N. OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO BANCA IMI TASSO FISSO 2,00% P.A SCHEDA DI ADESIONE N. OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO BANCA IMI TASSO FISSO 2,00% P.A. GIUGNO 2014 (CODICE ISIN: IT0004610553 ) EMESSE A VALERE SUL PROGRAMMA DI SOLLECITAZIONE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di CC&G

CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di CC&G CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di CC&G 1. - Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa indicazione

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI Con riferimento alle disposizioni previste dal Codice di Rete

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l.

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale,12 - Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc.

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili Unioncamere Lombardia Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili 4 giugno 2012 Avv. Stefania Gorgoglione 1 Quadro normativo generale FR D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79,

Dettagli

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione Il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice La cogenerazione: informazioni generali Il D.lgs. 8/02/07, n 20 sulla promozione della

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che all articolo 17, comma 1, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese che intendono svolgere

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

AVENTE AD OGGETTO MASSIME N. 146.382.583 AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.p.A. (l Offerta ) OFFERENTE ED EMITTENTE: KME GROUP S.p.A.

AVENTE AD OGGETTO MASSIME N. 146.382.583 AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.p.A. (l Offerta ) OFFERENTE ED EMITTENTE: KME GROUP S.p.A. SCHEDA DI ADESIONE ALL OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO OBBLIGATORIA TOTALITARIA ai sensi degli articoli 106, comma 3, lett. b), del del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modifiche e

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

MODULO RPR-BT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE INFERIORE A 1 KV

MODULO RPR-BT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE INFERIORE A 1 KV Pag. 1 di 5 Spettabile Consorzio per i STN Val di Sole Piazza Regina Elena, 17 38027 Malè (TN) P.IVA: 02345700229 PEC: male.stnvaldisole@pec.it Oggetto: richiesta di connessione alla rete di distribuzione

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Attuazione del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 6 agosto 2010, ai fini dell incentivazione della produzione

Dettagli

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS;

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS; riferimento agli importi attuali dello stipendio tabellare, dell indennità di vacanza contrattuale e della retribuzione di posizione percepiti dai dirigenti regionali di ruolo responsabili di area di coordinamento,

Dettagli

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA Progressivo n. - Servizio Industria, Artigianato e Commercio Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. del BOZZA Accordo di collaborazione tra la Provincia di Bologna e I.S.E.A., Istituto

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE DEL REGISTRO DEI TEE (aggiornata l 11 gennaio 2006)

GUIDA PER L UTENTE DEL REGISTRO DEI TEE (aggiornata l 11 gennaio 2006) GUIDA PER L UTENTE DEL REGISTRO DEI TEE (aggiornata l 11 gennaio 2006) SOMMARIO PREMESSA...3 PROCEDURA DI ISCRIZIONE...3 FUNZIONI REGISTRO...8 1.1. Transazioni bilaterali...14 1.1.1. Inserimento transazione...14

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione

Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione DISCIPLINARE TECNICO DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO DEL BOLLINO VERDE DA PARTE DELLE IMPRESE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI

Dettagli

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Allegato C) REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Art. 1 Scopo ed oggetto del Regolamento Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare talune norme di funzionamento e di organizzare

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia Bergamo 8 novembre 2007 INCENTIVI E LA CONNESSIONE ALLA RETE a cura di Raul Ruggeri ARGOMENTI FORMA DI INCENTIVAZIONE CONNESSIONE ALLA RETE RICONOSCIMENTO INCENTIVO

Dettagli

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c.

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c. LINEE GUIDA AL PROGETTO PILOTA PER L INCENTIVAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI A GPL E METANO DEI VEICOLI COMMERCIALI CON ALIMENTAZIONE DIESEL INIZIATIVA ICBI Finanziamenti ai Comuni per l utilizzo dei carburanti

Dettagli

Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione

Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione Giovanni Colais Milano, 19 settembre 2003 G Le fonti rinnovabili: meccanismi di incentivazione G Certificati verdi: il contesto normativo

Dettagli

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2)

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2) Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali D.M. 2-3-2010 Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. Pubblicato

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Semplificazioni per impianti di micro cogenerazione ad alto rendimento Pubblicazione Decreto ministeriale Comunicazione.

Semplificazioni per impianti di micro cogenerazione ad alto rendimento Pubblicazione Decreto ministeriale Comunicazione. Roma, 24 gennaio 2012 Protocollo: 9982 / R.U. Alle Direzioni Interregionali, regionali e provinciali Rif.: Agli Uffici delle dogane Allegati: 1 LORO SEDI OGGETTO: Semplificazioni per impianti di micro

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Allegato A al Disciplinare del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Al Presidente

Dettagli

Città di Novate Milanese Provincia di Milano

Città di Novate Milanese Provincia di Milano PROTOCOLLO GENERALE PRATICA N RICHIESTA DI ATTESTAZIONE DELL IDONEITA DEL TITOLO AUTORIZZATIVO PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI FOTOVOLTAICI (ai sensi del DM 5 maggio 2011 - Incentivazione della produzione

Dettagli

CARTA SCONTO METANO/GPL

CARTA SCONTO METANO/GPL ALLEGATO 1 alla dgr 19596 del 26 novembre 2004 CARTA SCONTO METANO/GPL Finalità La presente iniziativa si inquadra nell insieme dei provvedimenti adottati per il miglioramento della qualità dell aria,

Dettagli