RECS EECS Domain Protocol Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RECS EECS Domain Protocol Italia"

Transcript

1 RECS EECS Domain Protocol Italia a cura del Gestore dei Servizi Elettrici GSE SpA Versione

2 Indice A A1 A2 INTRODUZIONE E FINALITA Premesse Scopo del documento B CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO NAZIONALE E GESTIONE DEL SISTEMA RECS EECS B1 Protocollo nazionale B2 Responsabilità di gestione del sistema RECS C DEFINIZIONI D D1 D2 D3 D4 D5 SISTEMA RECS ( RENEWABLE ENERGY CERTIFICATE SYSTEM ) Definizioni aggiuntive RECS Requisiti di qualificazione Strumenti di promozione ed incentivazione Valore nominale dei certificati RECS Emissione dei certificati RECS E E1 E2 E3 E4 E5 ADESIONE AL SISTEMA RECS E REGISTRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE Adesione al sistema RECS Registrazione degli impianti di produzione Variazione dei dati registrati Recesso dal sistema RECS - chiusura di un conto Recesso dal sistema RECS - cancellazione degli impianti di produzione dal registro F F1 F2 DATI RELATIVI ALLA PRODUZIONE Apparati di misura Presentazione dei dati

3 G G1 G2 G3 G4 G5 EMISSIONE, TRASFERIMENTO ED ANNULLAMENTO DEI CERTIFICATI RECS Emissione Trasferimento Annullamento Ritiro o cancellazione Errori H H1 H2 H3 MONITORAGGIO E REPORTING Monitoraggio Reporting Reporting di irregolarità I MODIFICHE AL PROTOCOLLO NAZIONALE L ASSOCIATION OF ISSUING BODIES (AIB) Allegati Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 4.1 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 6bis Elenco Referenti Modulo di registrazione dell impianto di produzione (RED) Tipologie di fonti di energia e tecnologie di produzione Dichiarazione di produzione/consumo (IRC) Dichiarazione di produzione di energia elettrica da combustibili fossili - FFE Modulo di domanda di apertura o modifica di conto Domanda di trasferimento o annullamento di certificati RECS Dichiarazione di trasferimento o annullamento multiplo di certificati RECS

4 A INTRODUZIONE E FINALITA A1 Premesse A1.1 La certificazione della qualità e dei metodi di produzione dell energia elettrica è un efficace strumento per valutare e misurare la qualità dell energia fornita al consumatore e i sistemi di generazione impiegati, i progressi compiuti verso l utilizzo di tecnologie ecocompatibili, al fine di incentivare gli investimenti in impianti alimentati con fonti rinnovabili. La certificazione consente anche di assegnare un valore a specifiche tipologie di produzione energetica da commercializzare separatamente dall energia sottostante. A1.2 Per rispondere adeguatamente a questi requisiti, un sistema di certificazione energetica deve essere in grado di fornire agli utenti dei titoli emessi (produttori, trader, fornitori, consumatori, ONG e governi) prove affidabili delle caratteristiche qualitative dell energia sottostante. Il sistema europeo di certificazione energetica EECS ( European Energy Certification System ) è finalizzato a creare fiducia, da parte degli utenti, nei confronti della qualità dei certificati emessi e gestiti dal sistema. A1.3 Il ciclo di vita del certificato EECS si articola in tre fasi: emissione, trasferimento ed annullamento. (a) I certificati RECS sono emessi in formato elettronico a fronte dell energia elettrica prodotta da impianti registrati nel sistema RECS EECS. (b) I certificati possono essere trasferiti da un conto all altro nel paese di origine o in altri territori ( Domain ) della rete EECS europea. (c) L annullamento è il meccanismo attraverso il quale il certificato viene ritirato dal mercato. L annullamento ha luogo nel momento in cui si realizza il valore del certificato, ad esempio attraverso il pagamento effettuato dal consumatore in riconoscimento delle caratteristiche qualitative dell energia elettrica sottostante il certificato. A1.4 Il presente Protocollo nazionale ( Domain Protocol ), insieme alla Convenzione siglata tra il GSE e gli operatori di mercato ( Standard Terms and Conditions ), definiscono il sistema RECS (Renewable Energy Certificate System) EECS per il territorio italiano.

5 A2 Scopo del documento A2.1 Il presente Protocollo nazionale stabilisce regole e procedure per l adozione del sistema RECS EECS in Italia. A2.2 La Convenzione stipulata fra il GSE e gli operatori di mercato rende vincolante, per gli stessi, il Protocollo nazionale e le relative obbligazioni. A2.3 L obiettivo è quello di assicurare la qualità attraverso un meccanismo solido e trasparente, che faciliti l utilizzo del sistema RECS EECS da parte degli operatori. A2.5 L Allegato 1 riporta i referenti del GSE per le attività relative al sistema RECS EECS.

6 B CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO NAZIONALE E GESTIONE DEL SISTEMA RECS EECS B1 Protocollo nazionale B1.1 Il presente Protocollo stabilisce le procedure per l emissione dei certificati RECS EECS registrati nel database EECS tenuto dal GSE, il loro trasferimento (passaggio di titolarità) ed il loro annullamento. Tali procedure possono essere modificate o integrate dal GSE in base alle disposizioni del successivo paragrafo I. B1.2 Il presente Protocollo nazionale è valido per il territorio italiano. B2 Responsabilità di gestione del sistema RECS EECS B2.1 Il GSE è responsabile della gestione del sistema RECS EECS sul territorio italiano. B2.2 Il GSE può affidare a rappresentati autorizzati o legalmente designati lo svolgimento di alcune funzioni di gestione del sistema. B2.3 Il CMO ( Central Monitoring Office ) svolge un ruolo di primo piano per l operatività del sistema EECS nel territorio di competenza, in quanto gestisce ed aggiorna il database degli impianti di produzione qualificati e dei certificati RECS EECS emessi. In Italia, tale funzione è svolta dal GSE. I corrispettivi per la gestione dei conti ed il monitoraggio delle transazioni effettuate sono pubblicati sul sito B2.4 Il CMO ha la responsabilità di creare, nel proprio registro, i record relativi ai certificati.

7 C DEFINIZIONI Salvo diversamente specificato o richiesto dal contesto, tutti i termini utilizzati nel presente Protocollo nazionale hanno il significato di cui al Titolo B del Basic Commitment being the Principles and Rules of Operation of the Association of Issuing Bodies (AIB), ovvero dei principi e delle norme che disciplinano il funzionamento del sistema RECS. Tali norme sono pubblicate sul sito TERMINE CMO - Central Monitoring Office Operatore di mercato Produzione di energia elettrica netta UTF Ufficio Tecnico Fiscale SIGNIFICATO Soggetto al quale è affidata la gestione del database di registrazione EECS L intestatario di un conto o il soggetto richiedente la registrazione di un impianto di produzione nel database EECS Produzione di energia elettrica lorda di un impianto di produzione, come risultante dai valori di misura acquisiti e calcolati da un soggetto autorizzato, diminuita dell energia assorbita dai servizi ausiliari di generazione e delle perdite nei trasformatori principali dei generatori dell impianto In ambito italiano, il soggetto autorizzato a certificare la validità dei dati relativi alla produzione

8 D SISTEMA RECS ( RENEWABLE ENERGY CERTIFICATE SYSTEM ) Il sistema RECS consente lo scambio internazionale del valore aggiunto dell energia elettrica ottenuta da fonti rinnovabili, separandone il valore ambientale dall energia fisica sottostante. Si tratta di un sistema di negoziazione a carattere volontario gestito dall Associazione RECS International e che utilizza la piattaforma di scambio EECS. D1 Definizioni aggiuntive RECS Fattore di Fonte Rinnovabile In relazione ad un dato impianto di produzione ed ad un dato periodo di tempo, la quota (espressa come fattore inferiore ad 1) di energia elettrica netta ottenuta da fonti rinnovabili (RES-E) e riportata nella dichiarazione di produzione di tale impianto per il periodo in cui l energia elettrica è stata prodotta. D2 Requisiti di qualificazione D2.1 I requisiti di qualificazione degli impianti di produzione per la registrazione ai fini del sistema RECS EECS sono i seguenti: (a) (b) l impianto di produzione deve essere in grado di generare energia elettrica da fonti rinnovabili (RES-E); il titolare dell impianto si impegna - durante il periodo di validità della registrazione RECS e per la stessa unità di energia elettrica - a non richiedere altri titoli negoziabili rilasciati nell ambito di sistemi analoghi al RECS e che attestino la provenienza o il valore aggiunto dell energia da fonti rinnovabili sottostante. D2.2 La registrazione di un impianto di produzione ha validità quinquennale. Prima della scadenza, occorre presentare una nuova domanda di registrazione.

9 D2.3 Al fine di accertare la sussistenza dei requisiti di qualificazione degli impianti registrati nel sistema RECS, è effettuata una verifica della produzione ( Production Audit ) (a) con cadenza almeno quinquennale e (b) con cadenza almeno annuale, quando l impianto è alimentato, in tutto o in parte, a biomasse. D3 Strumenti di promozione ed incentivazione D3.1 I sistemi di incentivazione rilevanti ai fini del funzionamento del sistema RECS EECS sono elencati nel documento dell AIB riguardante le tipologie di incentivazione pubblica ( AIB PRO Fact Sheet 3 Types of Public Support ). II documento è pubblicato sul sito nella sezione Association Documents Regulation PRO. D3.2 Il soggetto richiedente la registrazione deve dichiarare che il titolare dell impianto o il suo rappresentante si impegna a non richiedere - durante il periodo di validità della registrazione e per la stessa unità di energia elettrica - altri titoli negoziabili rilasciati nell ambito di sistemi analoghi al RECS e che attestino la provenienza o il valore aggiunto dell energia elettrica da fonte rinnovabile sottostante. D3.3 Il soggetto richiedente la registrazione è tenuto a comunicare al GSE se, per l impianto di produzione da registrare, è stata o sarà erogata un incentivazione pubblica (e di quale tipo).

10 D4 Valore nominale dei certificati RECS D4.1 Possono essere emessi certificati RECS con un valore nominale di 1 MWh. D5 Emissione dei certificati RECS D5.1 Il presente paragrafo integra le disposizioni del successivo Titolo G. D5.2 Se un impianto produce soltanto energia rinnovabile (RES-E), la quantità di RES-E rilevante ai fini del sistema RECS è la sua produzione netta di energia elettrica D5.3 Se un impianto produce allo stesso tempo energia rinnovabile (RES-E) ed non rinnovabile (non RES-E), la quantità di RES-E rilevante ai fini del sistema RECS è la sua produzione netta di energia elettrica moltiplicata per il Fattore di Fonte Rinnovabile. D5.4 I certificati RECS EECS possono essere emessi per tutta la RES-E prodotta da un dato impianto in qualunque periodo. D5.5 Il certificato RECS EECS deve indicare: (a) l eventuale incentivazione pubblica erogata all impianto che ha prodotto l energia sottostante, (b) la potenza dichiarata (in kw) dell impianto in questione.

11 E ADESIONE AL SISTEMA RECS E REGISTRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE E1 Adesione al sistema RECS E1.1 Possono aderire al sistema RECS EECS tutte le persone giuridiche, i loro affiliati o rappresentanti che non facciano parte dell Association of Issuing Bodies (AIB). E1.2 Le modalità di adesione al sistema RECS EECS sono pubblicate sul sito E1.3 L operatore ha un rapporto contrattuale con il GSE, determinato dalla sottoscrizione della Convenzione che fissa le Condizioni generali italiane di gestione del sistema RECS. E1.4 Al fine di garantire la sicurezza delle comunicazioni, il GSE assegna a ciascun utente autorizzato un codice identificativo ed una password per l accesso al sistema informativo di gestione. L operatore deve mantenere la riservatezza di tali dati. E2 Registrazione degli impianti di produzione E2.1 Un impianto di produzione ubicato in Italia può essere registrato nel database RECS EECS soltanto dal titolare o da un soggetto autorizzato dallo stesso. In tal caso il richiedente presenta al GSE un idonea documentazione attestante che lo stesso ha ricevuto mandato per registrare l impianto di produzione ed assumere, in nome e per conto del titolare o dell operatore dell impianto, i diritti e le obbligazioni derivanti dalle disposizioni del sistema RECS EECS e del presente Protocollo nazionale. Tale documentazione può assumere la forma di una procura o di altra certificazione dei poteri di rappresentanza. E2.3 Il richiedente è tenuto a fornire i seguenti dati: (a) (b) (c) nome, indirizzo ed altri dati relativi alle persone da contattare per le eventuali comunicazioni, ad es. nome, numero di telefono, fax e indirizzo del responsabile della domanda, nomi dei soggetti autorizzati ad agire per conto del richiedente, ubicazione, denominazione ed indirizzo dell impianto di produzione,

12 (d) (e) (f) (g) (h) (i) (j) dati riguardanti il/i contatore/i di energia in esportazione dell impianto, dati riguardanti i servizi ausiliari di generazione dell impianto, se l impianto dispone di servizi ausiliari di generazione, dati riguardanti il/i contatore/i di energia in importazione per la determinazione di tutta l energia elettrica assorbita dall impianto stesso, tutte le fonti che possono essere trasformate in energia elettrica da parte dell impianto (a prescindere dall intenzione di utilizzarle) con riferimento alle tipologie di cui all Allegato 3, le caratteristiche tecnologiche dell impianto con riferimento alle tipologie di cui all Allegato 3, la potenza nominale dell impianto, la data di entrata in esercizio dell impianto. E2.4 Il modulo di registrazione ( Registration Form RF) riportante tutte le voci di cui al precedente articolo E2.3 è contenuto nell Allegato 2 del presente Protocollo nazionale. E2.5 I requisiti di qualificazione degli impianti di produzione ai fini del sistema RECS EECS sono riportati nel precedente articolo D3. E2.6 Il richiedente garantisce che i dati dichiarati nella domanda e forniti al GSE sono completi e corretti e che l impianto è conforme ai requisiti di qualificazione previsti dal sistema RECS EECS. E2.7 Il richiedente è tenuto altresì a comunicare eventuali somme (salvo quelle derivanti dalla vendita dei certificati RECS EECS) percepite o dovute, in relazione all impianto, nell ambito dei sistemi di incentivazione pubblica di cui al precedente articolo D4.1. E2.8 Il GSE, in qualità di CMO, comunica l esito della domanda entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento. E2.10 Se un impianto di produzione è già stata qualificato in base ad altro sistema EECS o sistema di incentivazione previsto per legge, il GSE può esonerare il richiedente, in tutto o in parte, dalla verifica della domanda.

13 E2.11 La domanda di registrazione di un impianto nell ambito del sistema RECS EECS può essere respinta se: (a) in relazione alla stessa, il richiedente non ha ottemperato ad una o più delle disposizioni del presente Protocollo nazionale o alle Condizioni generali italiane; (b) l impianto non è conforme ai requisiti di qualificazione; (c) l impianto dispone di uno o più servizi ausiliari di generazione che non sono muniti di contatori di energia in importazione. E2.12 Se la procedura di registrazione ha esito positivo, il GSE rilascia a ciascun impianto di produzione registrato un codice identificativo univoco. E2.13 Il richiedente autorizza il GSE a pubblicare sul sito - in forma aggregata - i dati dichiarati all atto della domanda di registrazione dell impianto di produzione nel database RECS EECS, ad eccezione dei seguenti dati: (a) (b) (c) descrizioni dettagliate dell impianto e dei relativi apparati, rappresentazioni grafiche dell impianto e della sua ubicazione, nonché diagrammi e fotografie e dati relativi a (i) il responsabile della domanda e, (ii) il titolare dell impianto, se il richiedente non è il titolare.

14 E3 Variazione dei dati registrati E3.1 Il richiedente la registrazione di un impianto è tenuto a comunicare al GSE eventuali variazioni programmate o non programmate, che possano determinare o abbiano determinato (a) una variazione dei dati relativi all impianto che sono stati registrati nel database RECS EECS, (b) la non rispondenza dell impianto ai requisiti di qualificazione RECS EECS. E3.2 Dopo aver ricevuto una comunicazione di variazione dei dati (eventualmente anche a seguito di ispezioni o altro), il GSE ne valuta le ripercussioni sulla sussistenza dei requisiti di qualificazione dell impianto, inviando una comunicazione al richiedente entro 5 giorni lavorativi. E3.3 Ove ritenga che l impianto non sia o non sarà più rispondente ai requisiti di qualificazione, il GSE modifica il record corrispondente nel database RECS EECS, indicando che lo stesso non si qualifica più ai fini dei certificati RECS EECS, con decorrenza (a) dalla data di effetto delle variazioni programmate (in caso di variazioni programmate comunicate anticipatamente) o (b) entro un termine ragionevole dal momento in cui il GSE viene a conoscenza delle variazioni. E4 Recesso dal sistema chiusura di un conto E4.1 Per comunicare al GSE l intenzione di chiudere un conto, l intestatario utilizza il modulo riportato nell Allegato 5. La domanda di chiusura del conto deve pervenire al GSE entro il 15 dell ultimo mese di operatività del conto. E4.2 Il GSE modifica il database RECS EECS, registrando la chiusura del conto con effetto dal mese successivo a quello di ricezione della domanda. E4.3 Agli operatori di mercato non è dovuto alcun rimborso in caso di chiusura del conto.

15 E5 Recesso dal sistema cancellazione degli impianti di produzione dal registro E5.1 L intenzione di cancellare un impianto di produzione dal registro deve essere comunicata per iscritto al GSE. La domanda di cancellazione deve pervenire al GSE entro il 15 dell ultimo mese di validità della registrazione dell impianto ai fini del sistema RECS. E5.2 Il GSE modifica il database RECS EECS, registrando la cancellazione dell impianto con effetto dal mese successivo a quello di ricezione della domanda. E5.3 Agli operatori di mercato non è dovuto alcun rimborso in caso di cancellazione di un impianto dal registro. F DATI RELATIVI ALLA PRODUZIONE F1 Apparati di misura F1.1 Possono essere registrati nel sistema RECS EECS soltanto gli impianti di produzione che siano muniti di apparati di misura conformi alle norme vigenti in materia di negoziazione di energia elettrica. Tali apparati devono essere in grado di effettuare le misure in base alle norme tecniche. F2 Presentazione dei dati F2.1 Per ricevere certificati RECS EECS per la produzione del proprio impianto in un dato periodo, il richiedente presenta al GSE una autocertificazione di produzione indicando i dati misurati in tale periodo. Il modulo per l autocertificazione di produzione è riportato nell Allegato 4. F2.2 Tutti i dati di misura della produzione (dichiarazioni UTF) dell impianto registrato nel database del CMO per la cui produzione sia stato richiesto il rilascio dei certificati RECS EECS sono comunicati annualmente al GSE. F2.3 Qualora risulti che i dati riportati nei certificati emessi nell ambito del sistema RECS non sono corretti e qualora sia avvenuto il rilascio di un quantitativo di certificati superiore

16 all effettiva produzione (in conseguenza di atti o omissioni del richiedente la registrazione dell impianto che ha prodotto l energia sottostante): (a) il GSE ritira i certificati dal mercato (a condizione che, in quel momento, siano depositati sul conto del richiedente) o (b) il titolare dei certificati si impegna a restituire al GSE un numero di certificati RECS EECS a copertura della differenza attraverso l acquisto da un altro operatore F2.4 Il soggetto che presenta una dichiarazione di produzione (vedi Allegato 4) in conformità al precedente articolo F2.1 è tenuto ad indicare (a) il valore dei termini M i e C i per ciascuna tipologia di combustibile i e (b) un Fattore di Fonte di Energia, nel periodo di riferimento, che non sia inferiore ad L e calcolato in base alla seguente formula dove: M i C i i j j n L j i i = n i M M i i xc xc è la massa di ciascun tipo di combustibile i per l impianto di produzione nel periodo di riferimento è il potere calorifico medio di ciascun tipo di combustibile i per l impianto in questione nel periodo di riferimento, sono le fonti di energia qualificate per l impianto in questione nel periodo di riferimento, sono le fonti di energia non qualificate per l impianto in questione nel periodo di riferimento. i i

17 G EMISSIONE, TRASFERIMENTO ED ANNULLAMENTO DEI CERTIFICATI RECS G1 Emissione G1.1 I certificati RECS EECS sono emessi esclusivamente in conformità alle disposizioni del presente Protocollo nazionale: (a) per un impianto di produzione che, all atto dell emissione, (i) sia ubicato in Italia, (ii) sia registrato nel database RECS EECS del GSE come impianto qualificato per l emissione dei certificati, (iii) il cui richiedente non risulti debitore verso il GSE o i suoi rappresentanti per corrispettivi non pagati in relazione ai certificati RECS EECS, (b) per l energia qualificata prodotta da tale impianto in qualunque periodo durante il periodo di validità della registrazione nel database EECS ai fini del sistema RECS, e (c) a favore dell intestatario di un conto che non risulti debitore verso il GSE o i suoi rappresentanti per corrispettivi non pagati in relazione ai certificati. G1.2 Subordinatamente al precedente articolo G1.1, i certificati RECS EECS sono emessi su richiesta del richiedente a fronte dei dati relativi all energia prodotta di cui al precedente articolo F2.2 e misurata durante il periodo di produzione, salvo diversamente pattuito. G1.3 Soltanto i rappresentanti autorizzati del richiedente possono richiedere l emissione dei certificati RECS EECS per l energia prodotta dall impianto in questione. G1.4 Il GSE procede alla verifica della coerenza della dichiarazione di produzione con i dati di misura forniti per l impianto in questione nel periodo al quale si riferisce la dichiarazione, controllando anche il database EECS per evitare che vengano rilasciati più certificati RECS EECS per la stessa produzione di energia elettrica qualificata. G1.5 Entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento di una dichiarazione valida presentata al termine di ciascun periodo di produzione, il GSE riporta nel database RECS EECS il

18 benestare per l emissione dei certificati a fronte della operazione effettuata dall operatore richiedente. G1.6 I certificati RECS EECS sono emessi nel formato stabilito dall AIB. G1.7 Il certificato RECS EECS conferisce, all intestatario del conto sul quale è depositato, diritti di titolarità sulle seguenti informazioni relative alla produzione di energia elettrica (a) fonte utilizzata per produrre la quantità di energia alla quale si riferisce il certificato, (b) metodo adottato per la produzione e qualità dell energia prodotta, e consente allo stesso di ottenere tutti i benefici materiali ed immateriali che possono derivarne. Tali diritti dipendono dalle leggi del paese in cui è ubicato l impianto che ha prodotto l energia in questione e dalle leggi vigenti nei territori nei quali i certificati possono essere trasferiti per il successivo annullamento. G2 Trasferimento G2.1 L intestatario di un conto RECS EECS può tenere i certificati in un apposito conto del database EECS italiano. Il GSE apre il conto entro 5 giorni lavorativi dalla domanda. Il conto è identificato in modo univoco da un numero ed un nome. G2.2 Collegandosi al sito web comunicato dal GSE, l intestatario può accedere al conto attraverso una transazione protetta, al fine di trasferire i certificati su un altro conto dello stesso database RECS EECS o di un database di un altro territorio. G2.3 Soltanto i rappresentanti autorizzati dell intestatario possono richiedere il trasferimento dei certificati RECS EECS depositati sul conto dello stesso. I nominativi dei rappresentanti autorizzati sono comunicati al GSE.

19 G2.4 Dopo aver ricevuto una domanda di trasferimento di un certificato RECS EECS ed averne verificato la validità, il GSE conferma l avvenuto trasferimento. All atto della conferma, il sistema informativo trasferisce i certificati indicati sul conto del destinatario. Nella domanda di trasferimento, l intestatario del conto indica tutti i dati relativi al/ai certificati RECS EECS da trasferire sul conto del destinatario. Se il conto del destinatario indicato nella domanda è tenuto in un database RECS EECS diverso, il GSE a) notifica la domanda di trasferimento al gestore dell altro database EECS, b) subordinatamente alle disposizioni del successivo articolo G2.7, trasmette tutti i dati dei certificati RECS EECS di cui al precedente punto (a) al gestore dell altro database RECS EECS, c) dopo aver ricevuto conferma, da parte del gestore dell altro database EECS, dell avvenuto trasferimento, conferma a sua volta il trasferimento al mittente dei certificati RECS EECS. G2.5 Dopo aver ricevuto notifica, da parte del gestore di un altro database EECS, di una domanda di trasferimento indicante tutti i dati del certificato RECS EECS da trasferire, in conformità ai requisiti previsti per il trasferimento dei certificati RECS EECS, e riguardante un numero di conto presente nel proprio database EECS, il GSE provvede a a) inserire tutti i dati del certificato in detto conto, b) confermare l avvenuto trasferimento al gestore del database EECS che ha notificato la domanda di trasferimento, c) confermare l avvenuto trasferimento al destinatario, specificando il numero identificativo univoco del certificato ed il suo valore nominale. G2.6 Dopo aver ricevuto notifica, da parte del gestore di un altro database EECS, di una domanda di trasferimento di un certificato del sistema RECS non conforme ai requisiti previsti per il trasferimento dei certificati RECS EECS e/o indicante un numero di conto non presente nel proprio database EECS, il GSE mette in atto ogni ragionevole sforzo per scambiare informazioni e rendere il certificato conforme al sistema RECS EECS italiano o individuare il corretto numero di conto; in caso contrario,

20 a) tutti i dati del certificato sono reinseriti nel conto del mittente nel database EECS di competenza e lo stato del certificato in tale database è modificato in non esportato, e b) tutti i dati del certificato sono cancellati dall altro database EECS. G2.7 Il GSE verifica la validità o evade la domanda di trasferimento entro 10 giorni lavorativi. G2.9 L intestatario del conto è tenuto a conservare per almeno 10 anni tutti i record dei certificati RECS EECS ai quali ha avuto accesso.

21 G3 Annullamento G3.1 L annullamento è il ritiro di un certificato dal mercato e rappresenta il momento in cui il certificato cessa di essere negoziabile. Una volta annullato, il certificato non può essere più trasferito. G3.2 Soltanto i rappresentanti autorizzati dell intestatario possono richiedere l annullamento dei certificati RECS EECS. La domanda è effettuata per via elettronica collegandosi al sito comunicato dal GSE. G3.3 La domanda di annullamento dei certificati RECS EECS può essere presentata da un rappresentante autorizzato dall intestatario del conto. Per essere valida, la domanda deve riportare tutti i dati relativi ai certificati da annullare e a) il destinatario dei certificati e b) ogni altra informazione necessaria. G3.4 Dopo aver ricevuto una domanda di annullamento ed averne verificato la validità, il GSE a) cancella tutti i dati dei certificati RECS EECS dal conto, b) inserisce tutti i dati dei certificati annullati nel conto del destinatario e consente all intestatario di accedere ai dati che evidenziano l avvenuto annullamento dei certificati. Dopo aver effettuato l annullamento, il GSE fornisce su richiesta all intestatario del conto una dichiarazione attestante l avvenuto annullamento (Allegato 6). G3.5 La domanda di annullamento di un certificato RECS EECS è evasa entro 10 giorni lavorativi. G4 Ritiro o cancellazione G4.1 Il GSE ha facoltà di ritirare un certificato RECS EECS depositato su un conto del proprio database EECS, su richiesta dell intestatario del conto, o altrimenti cancellarlo in base alle disposizioni del sistema RECS.

22 G5 Errori G5.1 Se (successivamente all emissione) viene commesso un errore riguardante un certificato RECS EECS depositato su un conto del database EECS, durante il trasferimento su detto conto o la sua permanenza nello stesso, il GSE rettifica l errore. GSE rettifica l errore riguardante il certificato ed ogni altro errore ripetuto nei certificati RECS EECS, a condizione che il/i certificato/i non sia/siano stato/i trasferito/i da detto conto. Il GSE ha facoltà di ritirare o modificare qualunque certificato RECS EECS registrato nel proprio database RECS EECS al fine di dare applicazione ad un accordo stipulato, in conformità alle Condizioni generali, con l intestatario del conto sul quale il certificato è depositato. G5.2 Il GSE ha facoltà di modificare un certificato RECS EECS registrato nel proprio database RECS EECS, al fine di rettificare un errore che si sia verificato prima del suo trasferimento sul conto presso il quale è depositato al momento della rettifica, subordinatamente alle seguenti condizioni a) abbia ottenuto dall intestatario del conto il benestare per la modifica, b) abbia messo in atto ogni ragionevole sforzo per evitare la possibilità di un indebito arricchimento di un operatore di mercato in conseguenza dell errore, c) abbia messo in atto ogni ragionevole sforzo per evitare la possibilità di un indebito arricchimento dell intestatario del conto in conseguenza della modifica.

23 H MONITORAGGIO E REPORTING H1 Monitoraggio H1.1 Il soggetto richiedente la registrazione di un impianto di produzione deve, per conto del titolare o dell operatore dell impianto, consentire al GSE o ad un suo rappresentante di accedere all impianto stesso o alla documentazione riguardante la produzione di energia elettrica e le fonti utilizzate, al fine di svolgere ispezioni in conformità all articolo H1.2 ed alle leggi italiane. Il diniego di tale accesso può costituire inadempimento delle Condizioni generali. H1.2 Il GSE o un suo rappresentante hanno facoltà di ispezionare periodicamente gli impianti di produzione registrati nel database RECS EECS ed i contatori di energia in importazione ed esportazione eventualmente presenti, confermando a) che i dati riguardanti gli impianti e registrati nel database RECS EECS sono esatti; b) che il richiedente la registrazione e, ove applicabile, il titolare e/o l operatore dell impianto di produzione adempiono a tutte le obbligazioni derivanti dal sistema RECS EECS, e c) che gli impianti di produzione continuano ad essere conformi ai requisiti di qualificazione stabiliti dai sistemi EECS in base ai quali sono stati registrati. H1.3 Il periodo intercorrente fra le ispezioni degli impianti di produzione a norma del precedente articolo H1.2 non deve superare i 5 anni. H1.4 Il GSE o un suo rappresentante può svolgere verifiche ad hoc della documentazione concernente l incentivazione pubblica erogata agli impianti che sono registrati nel proprio database RECS EECS.

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006;

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006; Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (Gu 6 marzo 2007 n. 54) Attuazione della direttiva 2004/8/Ce sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale;

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale; D.Lgs. Governo n 387 del 29/12/2003 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli