SOMMARIO. A cura del Gruppo Tecnico dell associazione COE LINEA VITA NR Centro Operativo di Eccellenza LineaVita

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. A cura del Gruppo Tecnico dell associazione COE LINEA VITA NR 01.01. Centro Operativo di Eccellenza LineaVita"

Transcript

1 Centro Operativo di Eccellenza LineaVita associazione - C.O.E. LineaVita LINEA DI INDIRIZZO TECNICO I dispositivi di ancoraggio strutturale impiegati come presidi fissi di sicurezza per la prevenzione e protezione contro il rischio di caduta dall alto. SOMMARIO 1 Iter progettuale, decisionale,esecutivo,operativo. 2 Specifiche tecniche di un dispositivo di ancoraggio strutturale 3 Contenuti minimi di un elaborato tecnico della copertura 4 Indicazioni di carattere generale A cura del Gruppo Tecnico dell associazione COE LINEA VITA NR Emesso il , rev. 01 Aggiornato il: - 20/10/2014 1

2 I contenuti del presente documento sono stati elaborati da tecnici e da fabbricanti di dispositivi di ancoraggio, che da anni operano nel settore della ricerca e sviluppo di sistemi e dispositivi di protezione contro le cadute dall alto individuandone le corrette procedure di utilizzo. Hanno collaborato anche tecnici abilitati e competenti, specialisti nelle verifiche delle prove di laboratorio per appurare l idoneità dei sistemi/dispositivi. Questi specialisti rappresentano un supporto tecnico scientifico di alto rilievo per il progettista che deve effettuare scelte tecniche e tecnologiche atte all adozione di corrette misure di prevenzione e protezione. Essendo un testo destinato alla divulgazione, si è privilegiato l utilizzo di un linguaggio pratico e di facile comprensione piuttosto che l uso esasperato di termini tecnici o giuridici, più esatti ma non generalmente noti. Si raccomanda pertanto di considerarlo come un contributo alla conoscenza di ognuno e non come raccolta di affermazioni/dichiarazioni erga omnes. Indice 1. Iter progettuale, decisionale,esecutivo,operativo. 2. Attori processo decisionale 3. Attori processo esecutivo 4. Attori processo operativo 5. Attori processo gestionale 6. Specifiche tecniche di un dispositivo di ancoraggio strutturale 7. Indicazioni sulla vita nominale delle opere e sulla durabilità dei prodotti 8. Piano di mantenimento 9. Manutenzioni ordinaria periodica 10. Ispezione periodica 11. Verifica periodica 12. Asseverazione della verifica 13. Indicazioni specifiche per le modalità di installazione 14. Documentazione di accompagnamento 15. Etichettatura 16. Controllo e accettazione in cantiere 17. Prescrizioni per il collaudo 18. Controlli di produzione in stabilimento e procedure di qualificazione 19. Prove durante il processo di fabbricazione 20. Contenuti minimi di un elaborato tecnico della copertura 21. Elaborati grafici in scala adeguata 22. Relazione tecnica illustrativa delle soluzioni progettuali 23. Progetto esecutivo 24. Progetto operativo 25. Progetto gestionale 26. Planimetria di dettaglio della copertura in scala adeguata 27. Relazione di calcolo, redatta da un professionista abilitato al calcolo strutturale 28. Dichiarazione di conformità e certificazioni del fabbricante dei dispositivi di ancoraggio strutturale 29. Dichiarazione di conformità dell installatore 30. Manuale tecnico 31. Indicazioni di carattere generale 32. segnaletica cartelli informativi 33. informazioni fornite dal fabbricante documentazione tecnica relativa al dispositivo di ancoraggio strutturale 34. fabbricante requisiti 35. installatore - requisiti 36. guida ala documentazione da fornire dopo all installazione 37. Doveri e responsabilità del committente responsabile dei lavori -Memorandum 2

3 1 Iter progettuale, decisionale,esecutivo,operativo. 2 Attori processo decisionale Figure coinvolte nella decisione sia delle scelte a) Committente o Responsabile dei lavori ( partecipa alle scelte, potere economico quindi decisionale) D.Lgs 81/08 smi Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori b) Coordinatori della sicurezza in fase progettuale ( predispone il fascicolo tecnico delle caratteristiche dell opera ) D.Lgs 81/08 smi Articolo 91 - Obblighi del coordinatore per la progettazione c) Tecnici progettisti abilitati/ qualificati ( elaborano i contenuti tecnici e condividono le scelte con il committente D.Lgs 81/08 smi Articolo 22 Obblighi dei progettisti 3 Attori processo esecutivo Figure coinvolte nel progetto esecutivo 1) Committente o Responsabile dei lavori ( deve controllare, vigilare.) D.Lgs 81/08 smi Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 2) Tecnico abilitato e qualificato ( qualificato Tecnico abilitato alla professione e dotato di notevole capacità e competenza professionale. Sinonimo: preparato, esperto ) elabora un progetto esecutivo operativo gestionale verifica e accerta le soluzioni tecniche adottate 3) Coordinatore della sicurezza in fase esecutiva (modifica in fase esecutiva il fascicolo delle caratteristica dell opera e lo aggiorna.) D.Lgs 81/08 smi Articolo 92 Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 4) Direttore dei lavori (Controllo di accettazione in cantiere) Il direttore dei lavori è la figura professionale scelta dal committente, in base alle opere da eseguire e al titolo professionale richiesto dalle normative vigenti per l'esecuzione di tali opere con lo scopo di seguire l'andamento regolare del cantiere. 5) Fabbricante (deve dichiarare la perfomance per un impiego come presidio fisso di sicurezza ovvero come un dispositivo di ancoraggio strutturale, dovrà rilasciare specifica dichiarazione di conformità e relativa certificazione rilasciata da ente terzo.) D.Lgs 81/08 smi Articolo 23 Obblighi dei fabbricanti e dei fornitori 6) Installatore ( addetto all installazione in possesso dei specifici requisiti) D.Lgs 81/08 smi Articolo 24 Obblighi degli installatori Articolo 26 Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Articolo 27 Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi 3

4 4 Attori processo operativo a) Tecnici progettisti abilitati/ qualificati ( elaborano i contenuti tecnici e le procedure di utilizzo riportandole nello specifico allegato tecnico della copertura) b) Committente (mette a disposizione il fascicolo tecnico alle imprese,lavoratori per fornire precise indicazioni sui sistemi di prevenzione e protezione in dotazione all opera) c) Datore di lavoro (dovrà valutare in base alle esigenze operative l idoneità del sistema prima di darlo in uso agli addetti) d) Addetti ai lavori in quota (lo svolgimento dei lavori che prevede l utilizzo dei sistemi di anticaduta dovrà essere eseguito da personale idoneo, con specifica formazione, con specifico addestramento e in possesso di propri DPI come indicato nell elaborato tecnico e nelle procedure di impiego ) 5 Attori processo gestionale a) Tecnici progettisti abilitati/ qualificati ( elaborano il piano di mantenimento riportandolo nello specifico allegato tecnico della copertura) b) Committente (ha l obbligo di mantenere in buono stato di funzionamento attenendosi alle prescrizioni e indicazioni del piano di mantenimento riportato nell elaborato tecnico della copertura) c) Installatore ( ha l obbligo di garantire un servizio di manutenzione e di post vendita - qual ora non fosse possibile il servizio deve essere garantito dal fabbricante almeno per 10 anni) d) Tecnico abilitato e qualificato ( effettuerà le verifiche periodiche previste ed indicate nel piano di mantenimento) e) Addetti ai lavori in quota ( utilizzeranno i sistemi avendone cura ed eventualmente segnalandone imperfezioni,manomissioni,deformazioni al committente) 4

5 6 Specifiche tecniche di un dispositivo di ancoraggio strutturale Le Norme tecniche per le costruzioni (nel seguito denominate NTC 2008), pubblicate con DM 14/01/2008, non contemplano espressamente i dispositivi di ancoraggio strutturale, elementi essenziali nell adottare misure di prevenzione e protezione nei lavori in quota o a rischio di caduta dall alto, intesi come presidi fissi di sicurezza in dotazione all opera o al manufatto o alla struttura. I dispositivi di ancoraggio strutturale impiegati come componenti di un sistema di anticaduta per essere considerati un punto sicuro di ancoraggio devono essere dotati dei requisiti minimi presenti nel documento di indirizzo tecnico per quanto applicabili. 7 Indicazioni sulla vita nominale delle opere e sulla durabilità dei prodotti A ciascuna applicazione deve essere associato una vita nominale, intesa, in accordo con la definizione data al punto delle NTC 2008 e successive modifiche, come il numero di anni nel quale la struttura purché soggetta alla manutenzione ordinaria, deve potere essere usata per lo scopo al quale è destinata. Alla vita nominale così definita devono essere adattati i criteri di progetto con particolare riferimento alla durabilità dei dispositivi di ancoraggio, anche in riferimento alla possibilità che in un opera possano essere eseguiti o meno sostituzioni di componenti o ripristini, con operazioni di manutenzione ordinaria, nonché in riferimento alle condizioni di aggressività ambientali. Uno schema di riferimento per il rispetto della prima condizione può essere ricavato dal seguente prospetto. Tipo di opera 1 - Opere caratterizzate da media difficoltà di manutenzione 2 - Opere caratterizzate da componenti difficilmente sostituibili senza rifacimento totale 3 Strutture con elementi non ispezionabili né sostituibili La scelta del materiale da adottare e della sua protezione dovrà derivare dalla combinazione tra i requisiti di vita nominale richiesti dal tipo di opera e dalle condizione di aggressività (bassa, media, alta) degli ambienti nella quale l opera verrà inserita, secondo i criteri di seguito indicati: Per la definizione delle condizioni di aggressività ambientale si potrà fare riferimento alle categorie definite nella norma ISO 9223 In ambienti dove è potenzialmente prevista la presenza di correnti vaganti, ad esempio in prossimità di impianti, linee ferroviarie e/o di campi di dispersione elettrica, e opportuno adottare un livello di protezione massima, anche mediante uso di rivestimento polimerico, a meno di specifiche verifiche di dettaglio della particolare situazione in esame. 8 Piano di mantenimento e stato di servizio Le informazioni relative alle manutenzioni, ispezioni periodiche e verifiche periodiche devono essere elaborate dal progettista dell intervento o del progetto almeno nella lingua del paese di destinazione Il programma di mantenimento prevede 1. la manutenzione ordinaria programmata, 2. l ispezione periodica 3. la verifica periodica. Il programma è obbligatorio quando rientra nei contenuti minimi dell elaborato tecnico della copertura, previsto nei regolamenti tecnici Regionali, oppure nelle prescrizioni indicate nella relazione tecnica illustrativa elaborata da tecnico abilitato o dal fabbricante nel manuale tecnico del prodotto. 5

6 Il committente/proprietario prima di mettere a disposizione i sistemi di prevenzione e protezione in dotazione all opera, deve garantire che siano in buono stato di efficienza. Il programma di mantenimento quindi è indispensabile alla messa in regolare servizio del sistema prima di essere dato in uso. Il datore di lavoro prima di procedere all utilizzo di un sistema di prevenzione e protezione dovrà accertarsi che sia in regolare servizio ed idoneo all attività che andrà a svolgere 9 Manutenzione ordinaria periodica: Le modalità delle manutenzioni devono essere fornite dal costruttore del dispositivo di ancoraggio. Se per le caratteristiche tecniche non è necessario eseguire delle manutenzioni, il fabbricante ne dovrà comunque rilasciare l informativa. Lo scopo della manutenzione periodica è quella di mantenere in buono stato di funzionamento dei dispositivi di ancoraggio. La manutenzione deve essere eseguita da personale competente o autorizzato 10 Ispezione periodica Lo scopo dell ispezione è puramente di carattere generale, serve per osservare nel suo insieme se il sistema presenta delle imperfezioni e il suo stato di conservazione. Le variabili delle situazioni ambientali, strutturali e frequenza di impiego obbligano il committente a mantenere in buono stato di conservazione i dispositivi di ancoraggio strutturale e la struttura di supporto. 11 Verifiche periodica Lo scopo della verifica periodica è quello di accertarsi che la struttura di supporto e l ancoraggio strutturale abbiano mantenuto nel tempo le caratteristiche di integrità iniziali In condizioni ritenute standard e non gravose le verifiche devono essere svolte : 1. La prima verifica viene eseguita al termine dell installazione (messa in servizio) dall installatore qualificato o da tecnico abilitato 2. Le successive devono essere eseguite a cadenza di cinque anni dalla prima messa in servizio. e devono essere asseverate da tecnico abilitato. Informazioni generali sulle modalità per la verifica della resistenza degli elementi di fissaggio e della struttura di supporto : A fine installazione la verifica consiste nell eseguire una prova statica applicando un carico pari alla forza MAX di esercizio esercitata sull ancoraggio strutturale, dichiarata dal fabbricante, al momento della massima sollecitazione. Con apposita strumentazione è necessario rilevare il mantenimento di detta forza per almeno 15. Per le verifiche programmate si deve ripetere la prova indicata nel paragrafo precedente. La prova permette di verificare : 1. Se l esecuzione del lavoro è stato eseguito in modo corretto secondo i contenuti del progetto di installazione. 2. Se la struttura di supporto ha caratteristiche tecniche idonee all applicazione 3. Se nel tempo il materiale di supporto mantiene inalterate le caratteristiche originarie Le modalità della verifica devono essere fornite dal produttore. Esse devono includere almeno consigli o informazioni, a seconda dei casi, come segue: Le modalità della verifica La documentazione da rilasciare a seguito dell avvenuto controllo I carichi di esercizio da applicare sullo specifico ancoraggio strutturale. 6

7 12 La verifica deve essere asseverata da tecnico abilitato Quando questo tipo di prova non può essere eseguita,a causa delle eventuali deformazioni plastiche del dispositivo di ancoraggio o della struttura, dovrà essere eseguita su un campione tipo che poi verrà rimosso. Nel caso di esito negativo il dispositivo di ancoraggio strutturale deve essere rimosso dalla struttura. 13 Indicazioni specifiche per le modalità di installazione Obblighi degli installatori Aspetti generali Adempiere agli obblighi indicati nel D.L.gs 81/08 s.m.i. L installazione dei dispositivi di ancoraggio strutturale richiede la massima attenzione,etica professionale e la capacità nell applicazione delle misure tecniche individuate. Affidare i lavori a personale non competente causa la realizzazione di opere inefficaci poiché non conformi ai progetti appositamente studiati per quella determinata situazione. L anello debole del sistema è proprio questo ed è spesso sottovalutato dagli operatori del settore. Punti critici In modo sintetico sembra che ciò che debba fare l installatore sia semplice, ma in realtà il pericolo di incorrere in errori è frequente. Si individuano i seguenti punti critici: Non possedere e conoscere l utilizzo di strumentazione di controllo, come le chiavi dinamometriche per il controllo delle coppie di serraggio Ignorare le prescrizioni tecniche dei fissaggi Apportare modifiche non verificate; L utilizzo della propria esperienza come metodologia di lavoro. La professionalità e capacità dell installatore 1. Un installatore deve possedere attrezzature idonee all attività che andrà a svolgere; 2. Possedere la conoscenza delle tecniche di fissaggio; 3. Conoscenza dei disegni tecnici; 4. Capacità nell utilizzo di mezzi informatici; 5. Adeguata formazione e addestramento nei lavori in quota. Cosa deve fare l installatore 1. Apporre e compilare l apposita cartellonistica; 2. Firmare una dichiarazione attestante che l installazione è stata eseguita secondo le prescrizioni fornite e dichiarate; 3. Utilizzare solo componenti originali del sistema; 4. Attenersi alle istruzioni di montaggio dei dispositivi di ancoraggio; 5. Attenersi scrupolosamente alle istruzioni di posa degli elementi di fissaggio e verificare la corrispondenza della struttura di supporto a cui va fatta l applicazione; 6. Garantire il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria; 7. Eseguire operazioni di ispezione, verifica e collaudi. Requisiti degli installatori L installazione dei dispositivi di ancoraggio strutturale deve essere eseguita da personale competente o qualificato o autorizzato e in possesso di idoneità tecnico professionale. 7

8 14 Documentazione di accompagnamento Ogni fornitura di materiale in cantiere, proveniente direttamente dal fabbricante, da distributori o da eventuali importatori, deve essere accompagnata dalla Dichiarazione di conformità/prestazione CE e dalla relativa marcatura CE rilasciate sulla base di un ETA, oppure dal Certificato di Idoneità Tecnica rilasciato dal Servizio Tecnico Centrale. Di norma tali documenti riportano: tipo e nome commerciale del prodotto descrizione del prodotto (identificazione, impiego previsto, ecc); condizioni particolari applicabili all'uso del prodotto (per esempio disposizioni per l'impiego del prodotto in determinate condizioni, ecc.); caratteristiche dimensionali e tecniche nome della Fabbricante; stabilimento di produzione. identificativo dell organismo di certificazione terzo ed indipendente autorizzato; condizioni e periodo di validità dei documenti; Nella documentazione commerciale di accompagnamento dovranno essere inoltre indicate: nome della ditta a cui viene consegnato il prodotto la località del cantiere e le quantità fornite estremi della marcatura CE e relativo ETA di riferimento, oppure il riferimento del Certificato di Idoneità Tecnica all Impiego. 15 Etichettatura Ciascun prodotto, nella confezione fornita dal fabbricante, deve chiaramente e costantemente essere riconoscibile attraverso idonea etichettatura dalle quale risultino, in modo inequivocabile, il riferimento al fabbricante, allo stabilimento di produzione ed al lotto di produzione, alle caratteristiche tecniche tipologiche e prestazionali del materiale ed il riferimento del Certificato di Idoneità Tecnica all Impiego oppure gli estremi della marcatura CE e relativo ETA di riferimento 16 Controllo di accettazione in cantiere L accettazione dei materiali, oltre che alla verifica della completezza della documentazione di accompagnamento in accordo con il Capitoli 11.1 delle NTC 2008, può essere subordinata all esito di prove specifiche di accettazione, eseguite su richiesta del Direttore dei Lavori presso laboratori di cui all art.59 del DPR 380/2001, su campioni secondo le indicazioni di prova descritte al punto 4.1. Ai fini dell accettazione i valori delle caratteristiche tecniche riscontrate nelle prove dovranno essere confrontati con quelli dichiarati dai produttori nella documentazione di accompagnamento di cui al punto 4.2. Comunque risulti qualificato il prodotto, resta onere del direttore dei lavori, in fase di accettazione in cantiere, la verifica della prescritta documentazione di qualificazione; in particolare non potranno essere impiegati nelle opere prodotti non corredati della documentazione indicata al punto 4.2, oppure per i quali quanto dichiarato nella suddetta documentazione non sia conforme ai requisiti ed ai livelli di sicurezza previsti dalle norme tecniche per le costruzioni nazionali e/o dagli specifici documenti contrattuali o progettuali. Le opere stesse dovranno essere progettate e realizzate nel rispetto della normativa nazionale applicabile e, quindi, delle NTC

9 17 Prescrizioni per il collaudo Il collaudo di manufatti o dispositivi basati sull impiego di dispositivi di ancoraggio strutturale, in aggiunta a quanto specificatamente previsto dalla normativa vigente, deve in tutti i casi comprendere la verifica della conformità e delle completezza della documentazione e delle certificazioni previste nelle presenti Linee Guida. Queste potranno essere verificate, a discrezione del Collaudatore, sulla base anche di eventuali prove di controllo. A tale scopo è pertanto da considerare buona norma quella di prevedere che il collaudo venga svolto in corso d opera. 18 Controlli di produzione in stabilimento e procedure di qualificazione I dispositivi di ancoraggio devono essere prodotti con un sistema permanente di controllo interno della produzione in stabilimento e di gestione della qualità del prodotto (controllo permanente della produzione in fabbrica), in coerenza con la norma UNI EN ISO 9001, che deve assicurare il mantenimento dello stesso livello di affidabilità nella conformità del prodotto finito e l affidabilità delle prestazioni indipendentemente dal processo di produzione. L identificazione e qualificazione del prodotto, la valutazione del controllo di produzione in stabilimento e del prodotto finito sono effettuate mediante la procedura di Marcatura CE in conformità ad ETA, ovvero, in alternativa tramite procedura per il rilascio del Certificato di Idoneità Tecnica all Impiego conformemente a quanto previsto al punto 11.1, caso C, delle NTC Le prove possono essere effettuate anche presso lo stabilimento del Produttore, qualora le attrezzature utilizzate siano tarate e la loro idoneità sia accettata e documentata. Le prove devono essere ripetute per i diversi tipi e per i diversi tipi di combinazione Per tutti gli impieghi strutturali previsti, il produttore deve comunque far eseguire le prove di seguito elencate anche presso uno dei laboratori di cui all art.59 del D.P.R. n.380/01 dotati di adeguata competenza, attrezzatura ed organizzazione, previo nulla-osta del Servizio, e a seguito dell esecuzione di tali prove deve presentare i rapporti di prova relativi a tutte le caratteristiche sopramenzionate, con data di esecuzione non antecedente a 1 anno dalla consegna dei materiali. A tal fine il produttore nell istanza di rilascio del certificato di idoneità tecnica deve indicare il laboratorio prescelto. 19 Prove durante il processo di fabbricazione Durante il processo di fabbricazione sono previste prove di tipo meccanico e di accertamento della resistenza meccanica, della resistenza a fatica e durabilità da effettuarsi su campioni. Le prove possono essere effettuate, anche presso lo stabilimento del Produttore, qualora le attrezzature utilizzate siano tarate e la loro idoneità sia accettata e documentata. 9

10 20 Contenuti minimi dell elaborato tecnico della copertura 21 Elaborati grafici in scala adeguata in cui siano indicati: 1) l area di intervento: 2) l ubicazione e le caratteristiche dimensionali dei percorsi e degli accessi: 3) il posizionamento degli elementi protettivi e dei dispositivi anticaduta per il transito e l esecuzione dei lavori in copertura: 4) i dispositivi di protezione collettiva e/o individuali previsti: 5) l altezza libera di caduta su tutti i lati esposti ad arresto caduta: 6) i bordi e le aree di lavoro soggetti a trattenuta, ad arresto caduta, a manutenzione operata dal basso: 7) le aree della copertura non calpestabili; 8) le aree libere in grado di ospitare le soluzioni provvisorie prescelte; 9) le misure relative al recupero in caso di caduta. 22 Relazione tecnica illustrativa delle soluzioni progettuali nella quale sia evidenziato in modo puntuale il rispetto delle misure preventive e protettive ; nel caso di adozione di misure preventive e protettive di tipo provvisorio la relazione esplicita le motivazioni che impediscono l adozione di misure di tipo fisso o permanente, nonché le caratteristiche delle soluzioni alternative previste nel progetto 23 Progetto esecutivo (progetto esecutivo in cui vengono fatte le analisi ed elaborate le soluzioni tecniche ) Analisi delle attività da svolgere Analisi del rischio assoluto caduta dall alto Analisi dei rischi residui danni a seguito di caduta Analisi e sviluppo di fattibilità verifica di resistenza della struttura di supporto Sviluppo del progetto del sistema di anticaduta ( fattibilità,progetto di installazione) Sviluppo di un elaborato grafico con le indicazioni della tipologia e posizione dei dispositivi di ancoraggio strutturale,presidi fissi di sicurezza,punto di accesso,percorso. 24 Progetto operativo (progetto operativo in cui vengono elaborate e fornite le procedure di installazione e di utilizzo del sistema ) Elaborazione delle specifiche tecniche da eseguire nella fase di installazione Procedure di sicurezza da attuare nella fase di installazione Predisposizione di un manuale d uso e manutenzione in italiano Rilascio di Certificazione dei prodotti secondo le normative vigenti o il rilascio di specifica conformità all impiego Rapporto delle verifiche di calcolo o di prova elaborate da tecnico abilitato ai fini della verifica di resistenza alle sollecitazioni esercitate dal sistema alla struttura di supporto. Manuale tecnico dei prodotti (schede tecniche specifiche) Elaborati grafici informativi sulla metodologia operativa da attuare nelle attività. 10

11 25 Progetto gestionale ( un progetto gestionale in cui vengono elaborate e fornite le istruzioni per il buon mantenimento dei sistemi ) La responsabilità del committente è legata alla gestione del buon mantenimento del sistema. La regolare messa in servizio, prima di darla in uso agli addetti ai lavori (sia che siano propri dipendenti o ad aziende esterne) deve rispettare rigorosamente le prescrizioni indicate dal fabbricante e dal tecnico progettista che ne ha elaborato la relazione tecnica Il proprietario dell immobile, o eventuale altro soggetto responsabile della sua gestione e manutenzione, è tenuto a garantire nel tempo la perfetta funzionalità del sistema di sicurezza anticaduta, mantenendo aggiornato il registro di controllo dei dispositivi installati presso l immobile secondo quanto riportato nel manuale di uso e programma di manutenzione di cui all elaborato tecnico della copertura. Aggiornamento del fascicolo delle caratteristiche dell opera Allegato tecnico della copertura completo ed aggiornato Istruzioni per la manutenzione periodica Istruzioni per la ispezione periodica Istruzioni per la verifica periodica Modello della dichiarazione di manleva da far sottoscrivere all impresa che prende in uso il sistema Contratto di mantenimento impianti con installatori qualificati Dichiarazione di conformità in rispetto alle disposizioni vigenti e alle soluzioni progettuali firmata da tecnico abilitato e qualificato nello settore specifico Istruzioni tecniche sulle procedure di utilizzo in formato semplice,potabile di facile intuizione (grafico, fotografico,video) Garanzia sui prodotti di 10+2 anni Copertura assicurativa - RC PRODOTTI 26 Planimetria di dettaglio della copertura in scala adeguata nella quale siano evidenziati gli elementi specificando per ciascuno dei dispositivi di ancoraggio strutturale, il tipo di appartenenza, il modello, il fabbricante ed il numero massimo di utilizzatori contemporanei, nonché il richiamo alle specifiche del manuale d uso per l impiego e per il piano di mantenimento; 27 Relazione di calcolo, redatta da un professionista abilitato al calcolo strutturale Relazione di calcolo, redatta da un professionista abilitato al calcolo strutturale dovrà contenere la verifica del sistema di fissaggio e l accertamento della resistenza degli elementi strutturali della copertura alle massime sollecitazioni trasmesse dal dispositivo di ancoraggio in caso di caduta. Al fine di elaborare la relazione il tecnico abilitato dovrà eseguire una serie di analisi e verifiche puntuali. Verifica del sistema di fissaggio Analisi delle caratteristiche della struttura Elaborazione del progetto preliminare Elaborazione del progetto esecutivo Rapporto di verifica di resistenza del fissaggio dei dispositivi di ancoraggio alla struttura di supporto Verifica di resistenza del fissaggio dei dispostivi di ancoraggio alla struttura di supporto Scheda tecnica del prodotto Scheda tecnica degli elementi di fissaggio Tavola grafica specifica della struttura di supporto con le specifiche per l'applicazione del dispositivo di ancoraggio alla struttura Definizione delle azioni vincolari agenti sugli elementi di fissaggio Accertamento della resistenza degli elementi strutturali della copertura 2.1 accertamento mediante calcolo ( se applicabile il modello matematico) 2.2 accertamento mediante prova (secondo i criteri previsti e indicati dal fabbricante) 11

12 28 Dichiarazione di conformità e certificazioni del fabbricante dei dispositivi di ancoraggio strutturale Il fabbricante dei dispositivi di ancoraggio strutturale dovrà rilasciare : a) dichiarazioni delle specifiche per l impiego ( perfomance *) b) dichiarazione di conformità ( autodichiarazione) c) conformità rilasciata da ente terzo ( laboratorio prove autorizzato) * La dichiarazione delle perfomance devono comprendere che i dispositivi di ancoraggio strutturale sono appositamente progettati per il collegamento di componenti di un sistema di protezione individuale contro le cadute in conformità alla UNI EN 363,idonei all arresto di una caduta libera di una massa complessiva di.( il fabbricante ne darà specifica) per un numero max di utilizzatori in contemporanea,su quale tipologia di struttura è applicabile 29 Dichiarazione di conformità dell installatore riguardante la corretta installazione di dispositivi di ancoraggio strutturale deve contenere almeno le seguenti informazioni: 1.che l installazione è stata eseguita secondo le istruzioni fornite dal fabbricante 2. che l installazione è stata eseguita secondo il progetto elaborato da tecnico abilitato/qualificato e indicato negli elaborati grafici 3. che il fissaggio alla struttura di supporto è stata eseguito secondo le modalità indicate dal tecnico abilitato al calcolo e indicato nelle schede tecniche del fabbricante 4. che la messa in esercizio è avvenuta secondo le informazioni fornite dal fabbricante ALLEGATI : a) documentazione fotografica dei particolari del fissaggio al supporto di fondo, qualora il fissaggio non risultasse più visibile dopo aver completato l installazione b) Dichiarazione di collaudo - Verifica tramite prova statica ( se previsto dal fabbricante o richiesto nel progetto esecutivo) c) Documentazione fotografica dell avvenuto collaudo 30 Manuale tecnico Rilasciato dal fabbricante contenete : Istruzioni di montaggio Manuale d uso Scheda tecnica del prodotto Dichiarazione dei massimi carichi registrati alle estremità del dispositivo di ancoraggio Dichiarazione delle massime deformazioni del dispositivo di ancoraggio Modalità per effettuare la verifica statica dell applicazione Grado di protezione alla corrosione dei dispositivi di ancoraggio Garanzia sul prodotto Marcatura Indicazioni per la manutenzione ispezione periodica- verifica periodica 12

13 31 Indicazioni di carattere generale Criteri generali di progettazione 1. Nel rispetto dei criteri nell adottare idonee misure preventive e protettive al fine di poter eseguire successivi interventi impiantistici o di manutenzione sulla copertura in condizioni di sicurezza. Tali misure preventive e protettive sono finalizzate a mettere in sicurezza: a) il percorso di accesso alla copertura; b) l accesso alla copertura; c) il transito e l esecuzione dei lavori sulla copertura. 2. I percorsi devono essere di tipo fisso o permanente e gli accessi devono essere di tipo fisso. 3. Il transito e l esecuzione degli interventi impiantistici o di manutenzione sulle coperture devono essere garantiti attraverso elementi protettivi di tipo fisso o permanente. 4. Nei casi di interventi su coperture esistenti, nei quali non sia possibile adottare misure di tipo fisso o permanente a causa di caratteristiche strutturali insufficienti a garantire l ancoraggio dei sistemi anticaduta, o per contrasto con prescrizioni regolamentari o con norme di tutela riguardanti l immobile interessato dall intervento, nella relazione tecnica devono essere specificate le motivazioni per le quali tali misure risultano non realizzabili. Devono altresì essere indicate le idonee misure di tipo provvisorio previste in sostituzione, tali comunque da garantire l esecuzione degli interventi impiantistici o di manutenzione della copertura in condizioni di sicurezza. 1. Fermo restando l obbligo di prevenire il rischio di caduta con i criteri e le modalità di cui al presente documento eventuali parti della copertura non calpestabili per il rischio di sfondamento della superficie di calpestio devono essere comunque raggiungibili, protette ed adeguatamente segnalate. 6. Negli interventi impiantistici comportanti l installazione sulle coperture calpestabili di pannelli solari devono essere reperiti appositi spazi di dimensioni sufficienti a consentire l installazione e l uso di un sistema anticaduta garantendo la manutenzione in sicurezza della copertura e delle sue dotazioni. Tale disposizione non si applica nei casi di adozione di misure di prevenzione collettiva permanenti. 7. L obbligo di utilizzo di sistemi anticaduta deve essere evidenziato con idonea cartellonistica nella zona di accesso alla copertura. 8. Percorsi di accesso alla copertura 1. I percorsi di accesso alla copertura possono essere interni o esterni. La loro configurazione deve consentire il passaggio degli operatori, dei loro utensili da lavoro e dei materiali in condizioni di sicurezza. 9. Lungo l intero sviluppo dei percorsi è necessaria l adozione delle seguenti misure a) gli ostacoli fissi, che per ragioni tecniche non possono essere eliminati, devono essere chiaramente segnalati e, se del caso, protetti in modo da non costituire pericolo; b) ove sia prevedibile un utilizzo del percorso in condizioni di scarsa o assente illuminazione naturale, deve essere garantito un illuminamento conforme alla norma UNI EN e UNI EN I corpi illuminanti devono essere installati in modo da prevenire i rischio d urto; c) deve essere previsto un dimensionamento in relazione ai carichi di esercizio, tenendo conto dei prevedibili ingombri di materiali ed utensili da trasportare, con una larghezza non inferiore a 0,60 metri per il solo transito dell operatore; 13

14 d) deve essere garantita un altezza libera superiore a 1,80 metri rispetto al piano di calpestio. In presenza di vincoli costruttivi non eliminabili, tale altezza può essere ridotta limitatamente ad un unico e breve tratto; e) i percorsi orizzontali o inclinati devono essere protetti contro il rischio di caduta nei lati prospicienti il vuoto o esposti verso superfici sfondabili; f) i percorsi verticali devono essere realizzati tramite le seguenti strutture: 1) scale per il trasferimento in quota opportunamente vincolate alla zona di sbarco; 2) apparecchi di sollevamento certificati anche per il trasferimento di persone in quota; 3) ponteggi; g) i percorsi verticali costituiti da scale fisse devono essere predisposti secondo il seguente ordine di priorità: 1) scale fisse a gradini a rampe con sviluppo rettilineo; 2) scale retrattili fisse a gradino; 3) scale fisse a chiocciola; 4) scale fisse a pioli con inclinazione minore o uguale a 75 ; 5) scale fisse a pioli con inclinazione superiore a Per particolari e documentate esigenze di natura tecnica, ovvero al fine di garantire il rispetto di eventuali norme di tutela riguardanti l immobile, è ammesso il ricorso ad apposite scale portatili, costituenti dotazione permanente dell edificio, solidamente vincolabili alla zona di sbarco e di altezza tale da sporgere a sufficienza oltre il livello di accesso, salvo che altri dispositivi garantiscano una presa sicura all operatore. In tali casi nell elaborato tecnico della copertura è indicato il vano dell edificio nel quale dette scale portatili sono custodite. 11. Nei casi in cui sussistano dimostrati impedimenti alla realizzazione di percorsi fissi o permanenti, ovvero laddove la realizzazione dei medesimi risulti in contrasto con norme di tutela riguardanti l immobile, devono essere individuati spazi in grado di ospitare le soluzioni provvisorie prescelte. 12. Per il raggiungimento di accessi interni ed esterni comportante il superamento di un dislivello inferiore a 2 metri è ammissibile il ricorso ad idonee soluzioni temporanee. 13. I percorsi verticali con esclusiva funzione di accesso alla copertura devono essere muniti di sbarramento che ne impedisca l utilizzo ai soggetti non autorizzati. 14. Accessi alla copertura deve essere dotata almeno di un accesso, interno od esterno, in grado di garantire il passaggio ed il trasferimento di un operatore e di materiali ed utensili in condizioni di sicurezza. Un accesso esterno deve essere inequivocabilmente riconoscibile per il raggiungimento di sistemi di accesso fissi, permanenti o mobili. 15. Transito ed esecuzione dei lavori sulle coperture deve essere garantito da un adeguato livello di sicurezza durante il transito e la sosta sulla copertura, a partire dal punto di accesso, devono essere previsti elementi fissi di protezione ed elementi che favoriscono l utilizzo di dispositivi di sicurezza nonché la posa in opera di eventuali ulteriori dispositivi. Nella scelta degli elementi protettivi deve essere considerata la frequenza degli interventi di manutenzione previsti, privilegiando i sistemi collettivi di protezione rispetto a quelli individuali.. 14

15 32 Segnaletica - Cartelli informativi In prossimità dell apertura d accesso alla copertura e in un punto ben visibile devono essere apposte le indicazioni di minima su: l obbligo dell uso di imbracature di sicurezza e di funi di trattenuta, l identificazione e la posizione dei dispositivi fissi ai quali ancorarsi e le modalità di ancoraggio; il numero massimo dei lavoratori collegabili ai dispositivi d ancoraggio; L obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale (dispositivi anticaduta compatibili con il sistema di ancoraggio). Le informazioni di cui sopra devono essere realizzate su un supporto che consenta di mantenere inalterate nel tempo le caratteristiche di visibilità e leggibilità. 33 Informazioni fornite dal fabbricante Documentazione tecnica relativa al dispositivo di ancoraggio strutturale Le informazioni fornite dal fabbricante devono essere fornite almeno nella lingua del paese di destinazione. deve contenere almeno le seguenti indicazioni e informazioni: Scheda tecnica del dispositivo di ancoraggio strutturale; Caratteristiche del dispositivo di ancoraggio (numero operatori collegabili,carico di esercizio,carico di prova di resistenza,carico a rottura,deformazioni ) Denominazione commerciale Classe o tipologia Marcatura Garanzia sulla difettosità del prodotto (minimo 10+2 anni) Materiale Protezione alla corrosione Applicazioni Durabilità B) Manuale d uso e manutenzione C) Istruzioni tecniche per il corretto assemblaggio e montaggio D) Informazioni sulle modalità per l ispezione periodica E) Informazioni sulle modalità per la verifica della resistenza degli elementi di fissaggio e della struttura di supporto F) Dichiarazione di conformità del prodotto G) Copia del certificato alla idoneità dell impiego rilasciata da laboratorio prove autorizzato Il fabbricante deve includere una dichiarazione di conformità che i dispositivi di ancoraggio strutturale sono conformi secondo quanto previsto nella gestione della qualità nel processo progettuale e produttivo Indicando i riferimenti della qualificazione del prodotto rilasciato da ente terzo. 15

16 34 Fabbricante : requisiti «fabbricante», qualsiasi persona fisica o giuridica che fabbrichi un prodotto da costruzione o che faccia progettare o fabbricare tale prodotto e lo commercializzi con il suo nome o con il suo marchio Ovvero essere in possesso di : certificazione del controllo di produzione in fabbrica. certificazione del Sistema di qualità aziendale (secondo le norme ISO 9001); Con : l individuazione delle unità produttive e la descrizione dell impianto di produzione; la descrizione dettagliata del processo di produzione, con l indicazione delle eventuali attività effettuate in outsourcing; l organizzazione e le procedure del controllo interno di produzione in fabbrica (controlli di accettazione delle materie prime, controlli durante la produzione e controlli sul prodotto finito), con riferimento specifico ai prodotti oggetto dell istanza di rilascio del certificato di idoneità tecnica; le condizioni generali della fabbricazione e dell'approvvigionamento delle materie prime secondo le norme ISO ; le modalità di marchiatura e rintracciabilità del prodotto, nei documenti del produttore e nel documento di trasporto; il modello del Registro del fabbricante; il modello di Dichiarazione di conformità e di Dichiarazione delle caratteristiche del prodotto, da unire alla documentazione di accompagnamento del prodotto stesso; la proposta del Piano dei controlli periodici; la documentazione inerente gli aspetti dell'attuazione del Sistema di garanzia di qualità (Manuale di qualità); l indicazione dei nominativi del direttore tecnico, del responsabile di produzione, del responsabile attrezzature/officine, del responsabile della qualità aziendale e degli eventuali responsabili delle singole procedure di controllo di produzione; ogni altra documentazione ritenuta dal produttore pertinente ed utile ai fini dell istruttoria del Servizio. l imballaggio (criteri e modalità impiegati per preservare il prodotto ); lo stoccaggio del prodotto finito (modalità di stoccaggio del prodotto finito e criteri adottati per assicurare la rintracciabilità, la movimentazione, l etichettatura ecc.); 16

17 35 Installatori : requisiti La verifica della idoneità tecnica professionale dell installatore art 26 D.Lgs 81/08 smi Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione la verifica viene eseguita attraverso le seguenti modalità: 1) acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato; 2) acquisizione dell autocertificazione dell impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale, ai sensi dell art. 47 ( dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445; La competenza dell installatore deve essere appurata in : Visura camerale riportante la descrizione dell attività di : installazione e manutenzione di dispositivi di ancoraggio strutturali, linee di ancoraggio, sistemi di sicurezza contro le cadute dall alto, dispositivi di protezione individuale e collettiva e ogni altra attività volta a coordinare, gestire ed organizzare quanto inerente o connesso all attività specificate. Auto dichiarazione di comprovata esperienza relativa all attività svolta nel settore specialistico negli ultimi 5 anni ( supportate da una relazione dei lavori svolti ) La qualifica dell installatore deve essere attestata da: Attestato di frequenza per la qualifica di installatore di dispositivi di ancoraggio strutturali rilasciato da Ente erogatore accreditato secondo i criteri indicati nel D.lgs 81/08 s.m.i. o nella legge nr 4/2013 Attestato di formazione ed addestramento richiesti dalla normativa vigente per lavori in quota (utilizzo di DPI di 3 categoria) attestata dal proprio datore di lavoro o tramite la partecipazione a corsi erogati da enti o ditte specializzate nel settore accreditate presso Enti territoriali od altri Organismi indicati dal D. Lgs. 81/2008 s.m.i.;il requisito è posseduto anche da chi possiede i requisiti definiti dalla legge vigente per il lavoro con funi o per il montaggio di ponteggi. L autorizzazione deve essere rilasciata da : Formazione erogata dal fabbricante con rilascio di attestato di partecipazione secondo i criteri della formazione previsti nel D.lgs 81/08 smi. 17

18 36 Guida alla documentazione da fornire dopo l'installazione Per l'utente, la documentazione di installazione fornisce la prova che l'installazione è stata effettuata correttamente. Inoltre è la base essenziale per l'ulteriore esame del dispositivo di ancoraggio strutturale, dato che in molti casi non è visibile o accessibile. Dopo l'installazione, copia della documentazione di installazione deve essere consegnato all'utente e sarà parte integrante del fascicolo tecnico (elaborato tecnico della copertura in caso di presidi fissi installati sulla copertura). La documentazione di installazione (dichiarazione di corretto montaggio) deve contenere almeno le seguenti informazioni: Indirizzo e luogo di installazione; I dati anagrafici dell impresa installatrice; (idoneità tecnica ) i dati anagrafici della persona esecutore della installazione; ( attestato di qualificazione) l identificazione del prodotto (produttore del dispositivi di ancoraggio,tipo, modello, articolo) data di installazione e di messa in servizio 37 Doveri e responsabilità del committente responsabile dei lavori Memorandum 1) Nel momento in cui impartisci ordini, metti a disposizione le tue attrezzature ; sei responsabile della salute del lavoratore 2) Sei sempre responsabile anche in caso di errore del lavoratore perché la norma antinfortunistica lo tutela sempre 3) Controlla sempre la ditta appaltante ed i suoi lavoratori rispettino le normative sulla sicurezza 4) Impedisci alle imprese appaltanti ed ai lavoratori di iniziare i lavori prima che tu abbia potuto verificare l osservanza di tali norme 5) Verifica l operato del responsabile del servizio prevenzione e protezione; la sua presenza non ti esonera dalle tue responsabilità 6) Verifica attentamente l idoneità tecnica dell appaltatore 7) Informa immediatamente e con completezza l appaltatore circa i rischi del lavoro assegnato 8) Invia tali informazioni anche in forma scritta 9) Ispeziona frequentemente il cantiere per verificare che l appaltatore ed i suoi dipendenti rispettino le norme e blocca immediatamente i lavori in caso di inosservanza 10) La prima cosa da fare dopo aver assegnato i lavori all appaltatore è convocare una riunione per definire e promuovere gli interventi di prevenzione e protezione 11) Tali riunioni devono essere fatte periodicamente 12) Assegna i lavori solo ad imprese dotate di adeguata organizzazione tecnica, in caso contrario sarai tu a rivestire di «fatto» la figura di datore di lavoro degli operatori 13) Nomina immediatamente un responsabile dei lavori e delegalo ad adempiere a tutti gli obblighi in tema di sicurezza 14) Informa immediatamente di tale nomina l ispettorato del lavoro 18

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C. ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.) ESEMPLIFICAZIONE DI E.T.C. SU PROGETTI REALMENTE ESEGUITI,

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione) Comune di Provincia di (spazio per il protocollo) Al Comune di - Edilizia Privata ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione) ELABORATI FASE 1 (art. 6, comma 1/a,b,c

Dettagli

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna Anaci Bologna OBBLIGO LINEE VITA IN EMILIA ROMAGNA Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna OeM Bologna 14.02.2014

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

REGOLAMENTO CADUTE DALL ALTO

REGOLAMENTO CADUTE DALL ALTO Allegato n 3 REGOLAMENTO Comune di Montemurlo Area A Ufficio Edilizia Privata Via Toscanini 1, Tel. 0574 / 558329 Fax 0574/558310 e-mail: montemurlo@comune.montemurlo.po.it Orario di apertura: lun. 9.00/13.00

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano NUOVO ATTO DI COORDINAMENTO REGIONALE SULLE LINEE VITA

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano NUOVO ATTO DI COORDINAMENTO REGIONALE SULLE LINEE VITA Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 19/2015 NUOVO ATTO DI COORDINAMENTO REGIONALE SULLE LINEE VITA Disposizione tecnico organizzativa (DTO 19/2015) 1 (ai sensi

Dettagli

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di FABBRICATO RESIDENZIALE FORMATO DA QUATTRO U.I. previa demolizione del fabbricato esistente scheda A7 allegato A delle

Dettagli

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE LINEE VITA: LA PROGETTAZIONE E L INSTALLAZIONE ing. Massimiliano Granata Coordinatore tecnico area edilizia Romeo Safety Italia srl 1 SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE A. LA NORMATIVA B. LA PROGETTAZIONE C.

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE

ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE Comune di Scandicci Provincia di FI ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE relazione tecnica illustrativa (Regione TOSCANA - D.P.G.R. del 18 Dicembre 2013, n. 75/R) OGGETTO: Rifacimento della copertura oltre

Dettagli

La nuova normativa regionale sulla manutenzione in sicurezza degli edifici

La nuova normativa regionale sulla manutenzione in sicurezza degli edifici La nuova normativa regionale sulla manutenzione in sicurezza degli edifici Per un futuro senza cadute dall alto Ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9 TREVISO 29.01.2013 DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome Residente/con

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R

D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R Regolamento di attuazione dell'articolo 82, comma 16, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio) relativo alle istruzioni tecniche sulle

Dettagli

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture per l espressione del parere di competenza della terza

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 6, comma 4 del DPGR 23 novembre 2005, n. 62/R)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 6, comma 4 del DPGR 23 novembre 2005, n. 62/R) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 U.O. URBANISTICA Tel. 0573 917228 Fax 0573 917310 Via Castruccio Castracani, 7 51030 Serravalle Pistoiese e-mail: urbanistica@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso, il transito e l esecuzione dei

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Ing. Irene Chirizzi REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di cittadinanza

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE.

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. La Marcatura CE Normativa UNI EN 13659 MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. Dal 2 Aprile 2006 è in vigore l'obbligo di Marcatura CE per tutte le chiusure oscuranti (persiane,

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005 Al Comune di PRATO Servizio Gestione attività edilizia Via Arcivescovo Martini n. 60 59100 PRATO ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELL IMPRESA La qualificazione per quanti intendono operare negli spazi confinati (imprese, lavoratori autonomi e imprese familiari) si fonda sul

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO e

IL NUOVO REGOLAMENTO e Seminario Aggiornamento Collegio Geometri Grosseto Soluzioni progettuali di sistemi anticaduta e Dr. Rolando Giomarelli Az. Usl 7 di Siena 1/35 La Normativa Tutto parte dalla L.R. n. 64/03 (Norme per la

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta SCS Eurotetti Di Sara Lanzoni Azienda specializzata nei sistemi anticaduta Linee vita, parapetti, binari, passerelle, scale di sicurezza e dispositivi di protezione individuale Per una completa sicurezza.

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa 18/12/2014 1 /35. Criteri di Progettazione

IL NUOVO REGOLAMENTO. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa 18/12/2014 1 /35. Criteri di Progettazione Seminario Aggiornamento Coordinatori Soluzioni progettuali di sistemi anticaduta e 1 /35 La Normativa Tutto parte dalla L.R. n. 64/03 (Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili

Dettagli

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota Seminario: Lavori su coperture: problematiche, approfondimenti, soluzioni ed indirizzi La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota A cura di: ing. Giuseppe SEMERARO OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA MODULI ARGOMENTI DURATA ORE RESIDUE MODULO

PROGRAMMA MODULI ARGOMENTI DURATA ORE RESIDUE MODULO CORSO PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Allegato XIV) 120 ore Obbiettivi del corso: Il corso ha lo scopo di formare

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Il Progettista Coordinatore Ing. VITO MARCHIONNA STEP ENGINEERING VIA PERSICETANA VECCHIA,

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE 2 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ... 3 2.2 IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA... 4 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE... 4

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

Art. 65 Disposizioni di prima applicazione

Art. 65 Disposizioni di prima applicazione 3. Entro due mesi dal pagamento della somma di cui al comma 2 l ente che ha presentato l opzione procede al versamento di un ulteriore importo pari al 20 per cento del prezzo di stima, a titolo di anticipazione

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA LA COMMITTENZA IL TECNICO PROGETTISTI ASSOCIATI ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA PROGETTO Corso della Vittoria 36-37045 - Legnago (VR) Tel. +39.0442.600726 - Fax +39.0442.626682 proass@progettistiassociati1.191.it

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA REGIONE VENETO Delibera della Giunta Regionale n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso,

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Libretto d istruzioni e montaggio Contiene Certificato FIX Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Documento originale da conservare a cura del proprietario amministratore dell immobile UNITH TM Indice 1.0

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni 1/35 Criteri di Progettazione Il corretto approccio alla progettazione di una copertura sicura èfinalizzato all eliminazione e/o riduzione

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R. Approvato con atto del Direttore Generale n 102/13 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Dell A.L.E.R. DI PAVIA 1.

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli