REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY"

Transcript

1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY Edizione settembre

2 SOMMARIO 1. PREMESSA AMBITO DI APPLICAZIONE DEI SERVIZI DI NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E DI ESECUZIONE DI ORDINI PER CONTO DEI CLIENTI SEDI DI ESECUZIONE CRITERI DI SELEZIONE DEI MARKET MAKER E ALTRI NEGOZIATORI IN CONTO PROPRIO SCELTA DEI FATTORI DI ESECUZIONE Operazioni effettuate in conto proprio Obbligazioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Derivati OTC Pronti contro termine Altri strumenti finanziari negoziati in conto proprio Esecuzione degli ordini per conto dei clienti Azioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Altri strumenti finanziari negoziati per conto dei clienti Scambio di strumenti finanziari non quotati tra clienti CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI PREZZI PER LE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONTO PROPRIO Obbligazioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Obbligazioni a tasso fisso, step-up / step-down, zero coupon e tasso variabile Obbligazioni strutturate Derivati OTC Pronti contro termine Altri strumenti finanziari obbligazionari negoziati in conto proprio CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI PREZZI PER L ESECUZIONE DI ORDINI PER CONTO DEI CLIENTI Azioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Altri strumenti quotati da almeno un market maker o negoziatore in conto proprio ISTRUZIONI SPECIFICHE DEL CLIENTE VERIFICA DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE AGGIORNAMENTO DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE INFORMATIVA ALLA CLIENTELA E RACCOLTA DEL CONSENSO

3 1. PREMESSA Il presente documento ha l obiettivo di definire la strategia di esecuzione degli ordini su strumenti finanziari che consenta di ottenere in modo duraturo le condizioni più favorevoli per il cliente (ad esclusione delle controparti qualificate) nell ambito dei servizi di negoziazione conto proprio e di esecuzione di ordini per conto dei clienti di cui all articolo 1, comma 5, lettere a) e b) del D. Lgs. 58/1998, anche qualora tali servizi siano prestati con riferimento ad ordini da eseguire in funzione della prestazione al cliente del servizio di gestione di portafogli di cui all articolo 1, comma 5, lettera d) del D. Lgs. 58/1998. Per definire la strategia di esecuzione degli ordini è necessario individuare, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, le sedi di esecuzione che permettono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per l ordine del cliente. Sono sedi di esecuzione i mercati regolamentati, i sistemi multilaterali di negoziazione, gli internalizzatori sistematici, i market maker o altri negoziatori in conto proprio. E inoltre necessario, in funzione delle caratteristiche del cliente, dell ordine, degli strumenti trattati e delle sedi di esecuzione, stabilire l importanza dei seguenti fattori: 1) Prezzo 2) Costi di esecuzione 3) Rapidità di esecuzione 4) Probabilità di esecuzione e regolamento 5) Dimensione dell ordine 6) Natura dell ordine 7) Eventuali altre considerazioni pertinenti ai fini dell esecuzione La combinazione del prezzo e dei costi di esecuzione di cui ai punti 1) e 2) è definita corrispettivo totale ed è considerata in modo unitario nella determinazione della gerarchia dei fattori di esecuzione. Il miglior risultato possibile per l ordine del cliente deve essere inteso relativamente alle specifiche combinazioni delle sedi di esecuzione prescelte dalla Cassa di Risparmio di Cento e dei fattori di esecuzione di cui sopra, elencate nella presente strategia di esecuzione per tipologia di strumenti finanziari, e non in termini assoluti, ossia considerando tutte le possibili sedi di esecuzione dello specifico strumento 3

4 finanziario. Su richiesta del cliente, la Cassa di Risparmio di Cento fornirà pertanto gli elementi necessari per dimostrare la conformità dell esecuzione dell ordine alla presente strategia di esecuzione. La Cassa di Risparmio di Cento non è tenuta ad ottenere il miglior risultato possibile nel caso fornisca una quotazione in relazione a uno o più strumenti finanziari sia in modo continuativo, sia su richiesta del cliente senza che questi abbia al tempo stesso conferito un ordine sullo strumento o sugli strumenti finanziari stessi. Parimenti, la Cassa di Risparmio di Cento non è tenuta ad ottenere il miglior risultato possibile relativamente agli ordini o alle parti di ordini per i quali il cliente abbia impartito istruzioni specifiche, agendo in tal caso conformemente a dette istruzioni (vedi paragrafo 8). 2. AMBITO DI APPLICAZIONE DEI SERVIZI DI NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E DI ESECUZIONE DI ORDINI PER CONTO DEI CLIENTI Il servizio di negoziazione per conto proprio sarà attuato per i seguenti tipi di operazioni: 1) Obbligazioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento 2) Derivati OTC 3) Pronti contro termine 4) Ogni altro ordine di vendita avente ad oggetto strumenti finanziari obbligazionari non quotati per i quali non sia possibile utilizzare il servizio di ricezione e trasmissione ordini e non vi siano disponibili prezzi denaro da parte di alcuno dei market maker o negoziatori in conto proprio individuati nella presente strategia di esecuzione. E inoltre necessario che si tratti di strumenti che possono essere acquistati dalla banca in virtù della politica di gestione del portafoglio di proprietà tempo per tempo stabilita dagli Organi competenti. Il servizio di esecuzione di ordini per conto dei clienti sarà attuato per i seguenti tipi di operazioni: 1) Azioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento 4

5 2) Ogni altro ordine avente ad oggetto strumenti finanziari non quotati per i quali non sia possibile utilizzare il servizio di ricezione e trasmissione ordini e vi siano disponibili prezzi operativi denaro e/o lettera da parte di almeno uno dei market maker o negoziatori in conto proprio individuati nella presente strategia di esecuzione. 3) Scambio di strumenti finanziari non quotati tra clienti. 3. SEDI DI ESECUZIONE La Cassa di Risparmio di Cento non aderisce direttamente ad alcun mercato regolamentato o sistema multilaterale di negoziazione. Le operazioni effettuate in conformità alla presente strategia di esecuzione avverranno pertanto esclusivamente al di fuori dei mercati regolamentati o dei sistemi multilaterali di negoziazione, previo consenso sottoscritto dal cliente in via generale (vedi paragrafo 11). Ai fini della presente strategia di esecuzione per sedi di esecuzione si intendono: 1) la Cassa di Risparmio di Cento 2) I market maker o altri negoziatori in conto proprio con i quali la Cassa di Risparmio di Cento opera nell ambito del sistema di trading elettronico di Bloomberg, tra i quali:banca Imi, BNP Paribas, Citigroup, Barclays Bank, JP Morgan, Bank of America-Merrill Lynch, Morgan Stanley, Royal Bank of Canada, Royal Bank of Scotland, HVB,Deutsche Bank, Commerzbank, UBS. 4. CRITERI DI SELEZIONE DEI MARKET MAKER E ALTRI NEGOZIATORI IN CONTO PROPRIO L elenco di cui sopra non preclude la possibilità per la Cassa di Risparmio di Cento di negoziare strumenti finanziari con altri market maker o negoziatori in conto proprio nell ambito della prestazione del servizio di esecuzione degli ordini per conto del cliente. Nella selezione dei market maker o negoziatori in conto proprio, la Cassa di Risparmio di Cento prenderà in considerazione: 1) l affidabilità e professionalità 2) la capacità di esprimere prezzi coerenti con le condizioni di mercato 3) la velocità di esecuzione 5

6 4) la probabilità di regolamento e costi connessi Relativamente alla singola operazione sarà scelto il market maker o negoziatore in conto proprio che consentirà di eseguire l ordine del cliente al miglior corrispettivo totale, tenuto conto delle dimensioni dell ordine e delle eventuali istruzioni specifiche impartite dal cliente stesso. Nella selezione dei market maker o negoziatori in conto proprio e nella relativa definizione delle commissioni applicabili, la Cassa di Risparmio di Cento si impegna ad evitare discriminazioni indebite tra sedi di esecuzione in ragione delle commissioni percepite. 5. SCELTA DEI FATTORI DI ESECUZIONE 5.1 Operazioni effettuate in conto proprio Obbligazioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Trattandosi di strumenti non quotati e per i quali non esistono prezzi forniti da market maker o altri negoziatori in conto proprio, la Cassa di Risparmio di Cento rappresenta l unica sede di esecuzione per gli ordini della clientela. Fermo restando che in ogni momento il prezzo denaro sarà determinato secondo le modalità descritte nella presente strategia di esecuzione (vedi paragrafo 6.1) e che i costi di esecuzione non rappresenteranno elemento discriminante nella determinazione dei prezzi medesimi, la gerarchia dei fattori di esecuzione in ordine decrescente di importanza è la seguente: Probabilità di esecuzione e regolamento Rapidità di esecuzione Corrispettivo totale Dimensione dell ordine Natura dell ordine Derivati OTC. Trattandosi di strumenti con alcune caratteristiche personalizzate per il singolo cliente, la Cassa di Risparmio di Cento rappresenta l unica sede di esecuzione per 6

7 gli ordini della clientela. Fermo restando che in ogni momento il prezzo sarà determinato secondo le modalità descritte nella presente strategia di esecuzione (vedi paragrafo 6.2) e che i costi di esecuzione non rappresenteranno elemento discriminante nella determinazione dei prezzi medesimi, la gerarchia dei fattori di esecuzione in ordine decrescente di importanza è la seguente: Probabilità di esecuzione e regolamento Rapidità di esecuzione Corrispettivo totale Dimensione dell ordine Natura dell ordine Pronti contro termine. Nell operatività in pronti contro termine l esecuzione dell ordine del cliente avviene in funzione del rendimento e della scadenza concordati con il cliente stesso. La sede di esecuzione è la Cassa di Risparmio di Cento. Fermo restando che l operatività sarà effettuata secondo le modalità descritte nella presente strategia di esecuzione (vedi paragrafo 6.3) e che i costi di esecuzione non rappresenteranno elemento discriminante nella determinazione dei prezzi medesimi, la gerarchia dei fattori di esecuzione in ordine decrescente di importanza è la seguente: Probabilità di esecuzione e regolamento Rapidità di esecuzione Corrispettivo totale Dimensione dell ordine Natura dell ordine Altri strumenti finanziari negoziati in conto proprio. Trattandosi di strumenti per i quali non è possibile utilizzare il servizio di ricezione e trasmissione ordini e non vi sono disponibili prezzi denaro da parte di alcuno dei market maker o negoziatori in conto proprio individuati nella presente strategia di esecuzione, la Cassa di Risparmio di Cento rappresenta l unica sede di esecuzione per gli ordini della clientela. Fermo restando che in ogni momento il prezzo sarà determinato secondo le modalità descritte nella presente strategia di esecuzione (vedi paragrafo 6.4) e che i costi di esecuzione non rappresenteranno elemento 7

8 discriminante nella determinazione dei prezzi medesimi, la gerarchia dei fattori di esecuzione in ordine decrescente di importanza è la seguente: Probabilità di esecuzione e regolamento Rapidità di esecuzione Corrispettivo totale Dimensione dell ordine Natura dell ordine 5.2 Esecuzione degli ordini per conto dei clienti Azioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Trattandosi di strumenti non quotati e per i quali non esistono prezzi forniti da market maker o altri negoziatori in conto proprio, la Cassa di Risparmio di Cento rappresenta l unica sede di esecuzione per gli ordini della clientela. Il prezzo sarà determinato secondo le modalità descritte nella presente strategia di esecuzione (vedi paragrafo 7.1) e i costi di esecuzione non rappresenteranno elemento discriminante nella determinazione dei prezzi medesimi. La gerarchia dei fattori di esecuzione in ordine decrescente di importanza è la seguente: Probabilità di esecuzione e regolamento Corrispettivo totale Rapidità di esecuzione Dimensione dell ordine Natura dell ordine Altri strumenti finanziari negoziati per conto dei clienti Gli strumenti saranno comprati/venduti dalla Cassa di Risparmio di Cento dai/ai market maker o altri negoziatori in conto proprio elencati al punto 2) del paragrafo sedi di esecuzione, allo scopo di eseguire gli ordini dei clienti. La gerarchia dei fattori di esecuzione in ordine decrescente di importanza è la seguente: Corrispettivo totale Rapidità di esecuzione Probabilità di esecuzione e regolamento Dimensione dell ordine Natura dell ordine 8

9 5.2.3 Scambio di strumenti finanziari non quotati tra clienti La Cassa di Risparmio di Cento eseguirà gli ordini di clienti che intendano scambiarsi strumenti finanziari non quotati attenendosi alle loro istruzioni specifiche, ove ciò non sia in contrasto alle normative vigenti anche interne di comportamento. Il miglior risultato possibile relativamente a tali ordini deve ritenersi ottenuto dando esecuzione alle istruzioni specifiche dei clienti (vedi paragrafo 8). 6. CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI PREZZI PER LE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONTO PROPRIO 6.1 Obbligazioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento Obbligazioni a tasso fisso, step-up / step-down, zero coupon e tasso variabile Il prezzo denaro delle obbligazioni è determinato mediante la somma dei valori attuali dei flussi cedolari e del capitale rimborsabile a scadenza. Il flusso cedolare in corso al momento della determinazione del prezzo è decurtato del rateo interessi maturati. Per i titoli a tasso variabile, i flussi cedolari non predeterminati nelle condizioni definitive/regolamento dell emissione sono stimati utilizzando i tassi forward del parametro di indicizzazione maggiorato/decurtato dello spread previsto nelle condizioni definitive/regolamento. I fattori di sconto sono ottenuti utilizzando una interpolazione lineare dei rendimenti della curva dei tassi swap relativi alla valuta di denominazione delle obbligazioni, maggiorati di uno spread in funzione della vita residua del titolo per tenere in considerazione il rischio di credito. Lo spread per le diverse scadenze è determinato in conformità a quanto previsto dalla Pricing Policy adottata dalla Cassa di Risparmio di Cento Obbligazioni strutturate. Il prezzo denaro delle obbligazioni strutturate è determinato sommando la valutazione della componente obbligazionaria e della componente derivativa. La componente obbligazionaria è valutata con il metodo di cui al paragrafo 6.1.1; la componente derivativa è valutata mediante i modelli di determinazione del valore delle opzioni comunemente utilizzati dagli operatori finanziari professionali. 9

10 6.2 Derivati OTC Il prezzo è determinato mediante l utilizzo di modelli finanziari sviluppati con il software Fincad, utilizzabile in ambiente Microsoft Excel, oltre che con i modelli disponibili sui terminali Bloomberg. Conformemente a quanto previsto dalla Pricing Policy adottata dalla Cassa di Risparmio di Cento, i modelli sviluppati mediante Fincad utilizzano dati Bloomberg (ad esempio: tassi, volatilità), sono testati simulando operazioni e confrontando il risultato ottenuto con le quotazioni di diverse controparti istituzionali. Una volta verificata la validità del modello, lo si inizia ad utilizzare per l operatività. 6.3 Pronti contro termine La Cassa di Risparmio di Cento predispone proposte con scadenze standard comprese tra uno e tre mesi utilizzando i titoli presenti nel portafoglio di proprietà. E peraltro possibile modificare le scadenze standard. Il prezzo a pronti è pari al valore di mercato o al fair value del titolo, mentre il prezzo a termine è determinato in base al rendimento riconosciuto al cliente. 6.4 Altri strumenti finanziari obbligazionari negoziati in conto proprio La modalità di determinazione del prezzo è analoga a quella utilizzata per prezzare le obbligazioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento (vedi paragrafo 6.1). Lo spread di credito è determinato in funzione della rischiosità attribuita dal mercato a titoli analoghi dello stesso emittente o di emittenti analoghi a quello del titolo da prezzare. Qualora l ordine del cliente riguardi spezzature di titoli ridenominati quotati su mercati regolamentati per i quali non è possibile utilizzare il servizio di ricezione e trasmissione ordini, il prezzo di acquisto sarà pari al prezzo di asta del titolo del giorno in cui è stato impartito l ordine da parte del cliente. Non rientra nella usuale operatività la negoziazione in conto proprio di azioni non quotate con la clientela. 7. CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI PREZZI PER L ESECUZIONE DI ORDINI PER CONTO DEI CLIENTI 7.1 Azioni emesse dalla Cassa di Risparmio di Cento La negoziazione verrà effettuata secondo il seguente regolamento: 10

11 a) ogni ordine di acquisto/vendita impartito deve contenere il quantitativo, il prezzo minimo di vendita o massimo di acquisto, nonché la data di fine validità dell ordine medesimo e deve essere inserito entro le ore del giorno lavorativo antecedente la prima data di negoziazione disponibile; b) non è consentita l immissione di ordini di acquisto/vendita i cui prezzi minimi di vendita o massimi di acquisto siano oltre il 5 per cento inferiori o superiori al prezzo determinato secondo le modalità di cui al punti j) in occasione della data di negoziazione settimanale più recente; c) ogni ordine di acquisto/vendita impartito deve avere data fine validità non inferiore alla prima data di negoziazione disponibile e non superiore a due mesi; d) gli ordini che non rispettano le condizioni di cui ai punti a), b) e c) vengono prontamente rifiutati e tale rifiuto deve essere comunicato all investitore; e) a prescindere dalla data di fine validità, decadono gli ordini per i quali, in base al prezzo determinato secondo le modalità di cui al punti j) in occasione della data di negoziazione settimanale più recente, viene meno il rispetto della condizione di cui al punto b). Di tale circostanza viene data comunicazione all investitore; f) è data facoltà a chiunque abbia impartito un ordine di acquisto o vendita di revocare la disposizione entro le ore del giorno lavorativo antecedente la prima data di negoziazione disponibile; g) la gestione degli ordini di acquisto/vendita avviene nel rispetto delle disposizioni di cui all articolo 49 del Regolamento Consob 16190/07, per quanto applicabili ad azioni non ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato; h) per facilitare l incrocio delle operazioni e rendere trasparente la formazione dei prezzi, gli ordini di acquisto e di vendita (cosiddetto book ) validi e inseriti fino alla giornata lavorativa precedente sono pubblicati quotidianamente in intranet, in forma anonima, nel rispetto della normativa sulla tutela della privacy, per consentire a tutte le filiali e ai promotori finanziari di mettere le informazioni a disposizione degli investitori; i) l esecuzione degli ordini avviene settimanalmente, salvo nel caso di operazioni di cui al punto n), nel rispetto delle disposizioni di cui al punto j). La negoziazione viene effettuata il lunedì. La Cassa di Risparmio di Cento 11

12 comunica eventuali sospensioni della negoziazione e i giorni sostitutivi in caso di festività o altri eventi che determinino la sospensione della negoziazione; j) La negoziazione settimanale viene effettuata secondo quanto di seguito disposto: la negoziazione viene effettuata al prezzo in base al quale risulta negoziabile il maggior numero di azioni; se più prezzi consentono di negoziare lo stesso numero di azioni, si sceglie il prezzo che genera il minor numero di azioni ineseguite; a parità di numero di azioni ineseguite, si sceglie il prezzo più prossimo a quello dell ultima negoziazione eseguita; qualora risultino esservi due prezzi equidistanti dal prezzo dell ultima negoziazione, si sceglie il maggiore dei due; il prezzo non può essere determinato qualora non siano presenti ordini in uno o entrambi i lati oppure siano presenti solo ordini per i quali il maggior prezzo in acquisto sia inferiore al minor prezzo in vendita. k) l esecuzione degli ordini impartiti avviene, nel rispetto di quanto disposto al punto j), prestando il servizio di esecuzione di ordini per conto dei clienti; l) l esecuzione di un ordine può essere anche parziale. In tal caso l ordine decade per la parte ineseguita. Di tale circostanza viene data comunicazione all investitore; m) la Cassa di Risparmio di Cento non chiede nessun compenso per il servizio offerto; sono addebitati solamente gli eventuali oneri fiscali e le spese sostenute; n) per le operazioni di compravendita concordate direttamente fra le parti la Cassa di Risparmio di Cento si limita ad eseguire le disposizioni di acquirente e venditore prestando il servizio di esecuzione di ordini per conto dei clienti; o) gli Amministratori, i Sindaci, i dipendenti, i collaboratori e i promotori finanziari della Cassa di Risparmio di Cento possono porre in essere compravendite di cui al punto n) solo nell ambito del proprio nucleo familiare (massimo parenti e affini di secondo grado) e/o di eventuali società 12

13 partecipate, ma comunque rispettando quanto previsto al punto 2 dell articolo 1.2 del codice di autodisciplina interno e quanto previsto dal codice etico; p) Quando deliberato, il Fondo acquisto azioni proprie subentra, sia in acquisto che in vendita, ai prezzi e per le quantità stabiliti tempo per tempo dal Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio di Cento conformemente ai limiti deliberati dall Assemblea ordinaria dei soci e al mandato da questa ricevuto in ordine alla gestione delle operazioni di acquisto e vendita. 7.2 Altri strumenti quotati da almeno un market maker o negoziatore in conto proprio Il prezzo è pari al miglior prezzo operativo proposto dai market maker o negoziatori in conto proprio individuati nella presente strategia di esecuzione. 8. ISTRUZIONI SPECIFICHE DEL CLIENTE Nel caso in cui il cliente impartisca istruzioni specifiche, l ordine sarà eseguito conformemente a tali istruzioni. Laddove tali istruzioni riguardino solo una parte o alcune caratteristiche dell ordine, per la restante parte e/o per le altre caratteristiche l esecuzione avverrà in conformità alla presente strategia di esecuzione. Le istruzioni specifiche del cliente potrebbero peraltro pregiudicare, limitatamente agli elementi oggetto di tali istruzioni, le misure previste nella presente strategia di esecuzione. 9. VERIFICA DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE La funzione di Controllo di conformità (Compliance) verificherà con piano apposito l efficacia delle misure di esecuzione degli ordini e della presente strategia di esecuzione, in modo tale da identificare eventuali carenze e, se del caso, indicarne i correttivi, secondo quanto previsto dall articolo 16 del Regolamento congiunto Banca d Italia-Consob emanato ai sensi dell articolo 6, comma 2-bis del D. Lgs. 58/1998, nonché dall articolo 47, comma 1 del Regolamento Consob 16190/ AGGIORNAMENTO DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE L aggiornamento della presente strategia di esecuzione sarà effettuato con periodicità almeno annuale, oppure al verificarsi di circostanze rilevanti, tali da influire sulla capacità 13

14 di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per l esecuzione degli ordini dei clienti. Eventuali modifiche rilevanti alla presente strategia di esecuzione saranno comunicate ai clienti mediante comunicazione scritta. 11. INFORMATIVA ALLA CLIENTELA E RACCOLTA DEL CONSENSO La Cassa di Risparmio di Cento deve fornire al cliente un documento informativo sulla presente strategia di esecuzione mediante supporto cartaceo o comunque durevole, ottenendone in via preliminare il consenso ad operare conformemente alla strategia mediante sottoscrizione del documento informativo stesso. Al fine di poter operare applicando la presente strategia di esecuzione è necessario il consenso esplicito del cliente all esecuzione degli ordini al di fuori di mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione. 14

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli