NORME AMMINISTRATIVE STANDARD. LIFE-Natura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME AMMINISTRATIVE STANDARD. LIFE-Natura"

Transcript

1 NORME AMMINISTRATIVE STANDARD LIFE-Natura INTRODUZIONE 1. Questo documento riassume le norme amministrative applicabili a tutti i progetti LIFE- Natura cofinanziati dalla Commissione delle Comunità Europee a partire dal Esso comprende 27 articoli e 3 allegati: Allegato 1 - modello della garanzia bancaria Allegato 2 - schede standard per la rendicontazione delle spese Allegato 3 - logo LIFE Ogni beneficiario deve rispettare queste disposizioni. 2. Tutti i progetti LIFE-Natura devono essere realizzati conformemente a: - il regolamento (CEE) n. 1973/92 del Consiglio, del 21 maggio 1992, modificato dal regolamento (CE) n. 1404/96, - La Decisione della Commissione, notificata al beneficiario, con cui viene assegnato il contributo finanziario, - la candidatura del beneficiario (qui di seguito nominato "il progetto"), se necessario, riveduta in accordo con la Commissione, - le presenti norme amministrative. 3. Il beneficiario deve informare la Commissione ed ottenere il suo accordo scritto prima di qualsiasi modifica sostanziale delle azioni previste. Nel caso in cui qualsiasi modifica sostanziale che potrebbe influire sugli obiettivi del progetto sia introdotta senza questo accordo, la Commissione si riserva il diritto di agire in conseguenza e, se necessario, di annullare il sostegno comunitario. 4. Tutta la corrispondenza deve essere inviata al seguente indirizzo: Commissione delle Comunità Europee Direzione Generale XI UNITÀ XI.D.2 - TRMF 02/ Rue de la Loi B BRUXELLES RELAZIONI ED INFORMAZIONI Articolo 1 - Rapporti d'attività tecnica 1. Il beneficiario deve obbligatoriamente fornire alla Commissione: - uno o più rapporti d'attività intermedi secondo il calendario previsto dal progetto, - una relazione finale, compresa una serie di diapositive/fotografie a colori che illustrino i risultati principali del progetto (per esempio fotografie della situazione prima e dopo). 1

2 - in qualunque momento, informazioni che possono essere richieste riguardo alla gestione del progetto. 2. Queste relazioni devono contenere una descrizione chiara e concisa di tutte le attività intraprese per raggiungere gli obiettivi ed i risultati finali fissati nel progetto. Essi dovranno includere, in particolare: a) un riassunto dei risultati principali e degli insegnamenti (massimo 5 pagine), b) una valutazione dettagliata riguardo agli obiettivi, azioni e programma di lavoro previsti nel progetto (massimo 50 pagine), c) in allegato, qualsiasi altro documento, mappa, pubblicazione che siano previsti come prodotti identificabili del progetto o utili per valutare il successo del progetto. 3. Queste relazioni dovranno essere inviate alla Commissione in copia singola e, simultaneamente, una copia al gruppo esterno designato dalla Commissione. Articolo 2 - Protezione di biotopi e di specie 1. Il beneficiario s'impegna ad informare la Commissione circa qualsiasi attività condotta da terzi che possa avere un effetto negativo sui siti/specie oggetto d'intervento. 2. Il beneficiario s'impegna ad attuare ogni altra azione di protezione esplicitamente menzionata nel progetto. 3. Il beneficiario s'impegna a rinunciare a qualsiasi azione contraria alla finalità del progetto e, in particolare, alla conservazione degli habitat e delle specie oggetto d'intervento e ad utilizzare, possibilmente, ogni mezzo disponibile per dissuadere terzi da qualsiasi azione incompatibile con queste finalità. Articolo 3 - Pubblicità del sostegno comunitario 1. Il beneficiario s'impegna a menzionare, in modo adeguato, il contributo finanziario comunitario in tutti i documenti prodotti nell'ambito del presente progetto, come ad esempio libri, opuscoli, comunicati stampa, documentari, programmi per elaboratore, ecc. A tale scopo è stato creato un logo LIFE; una copia del logo è fornita nell'allegato Il beneficiario s'impegna ad installare, in punti strategici accessibili al pubblico, dei cartelli che descrivano il progetto e a garantirne la manutenzione. Il logo LIFE dovrà essere sempre presente su questi cartelli. 3. Il beneficiario s'impegna a diffondere i risultati del progetto, in particolare attraverso i mezzi di comunicazione, sempre menzionando il contributo comunitario. Dettagli su quest'attività dovranno essere forniti in ogni rapporto d'attività. 4. Il beneficiario s'impegna ad invitare la Commissione a tutti i seminari e le conferenze pubbliche organizzati nell'ambito del progetto. PAGAMENTI Articolo 4 - Modalità di pagamento Il contributo finanziario della Comunità sarà versato come segue: 2

3 1. Un anticipo equivalente al 40% della contribuzione massima della Commissione entro 60 giorni dal ricevimento della dichiarazione di accettazione del beneficiario a seguito della notifica della decisione di assegnazione del contributo finanziario. Nel caso di un beneficiario privato l'anticipo verrà corrisposto solo dopo che il ricevimento della prova di una garanzia bancaria (vedi modello in allegato 1) equivalente all'importo dell'anticipo e con durata uguale a quella del progetto più 6 mesi. La sua validità dovrà essere estesa in caso di una proroga del progetto. 2. Un versamento intermedio, su richiesta del beneficiario e previa accettazione da parte della Commissione del primo rendiconto delle spese e del corrispondente rapporto di attività. Il totale delle spese effettuate dovrà essere almeno pari al 75% dell'anticipo di cui sopra. Questo versamento sarà limitato al 40% dell'importo massimo della sovvenzione. 3. Il saldo, dopo ricevimento e accettazione da parte della Commissione della relazione finale, e del rendiconto finale delle spese corredato da un riassunto dei contributi finanziari ottenuti, compreso l'importo della sovvenzione della Commissione. Questi documenti devono pervenire alla Commissione entro la data di fine del progetto al più tardi. Il rendiconto finale delle spese riguarderà soltanto le spese che non sono già state incluse nel rendiconto intermedio. 4. I pagamenti della Commissione saranno effettuati in ECU. Con l'esclusione dell'anticipo, la conversione sarà effettuata secondo il tasso mensile utilizzato dalla Commissione nel mese in cui la richiesta di pagamento sarà registrata. L'ammontare del pagamento verrà determinato applicando alle spese sostenute il tasso percentuale di finanziamento fissato nella decisione della Commissione. 5. Tutti i pagamenti veranno effettuati in nome del beneficiario sul conto corrente indicato nel progetto. Qualsiasi cambiamento deve essere immediatamente comunicato alla Commissione. 6. I pagamenti saranno effettuati entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta di pagamento e sono considerati effettuati il giorno di addebito del conto della Commissione. 7. Dopo avere avvertito il beneficiario, la Commissione può rinviare il pagamento se le attività relative alla richiesta di pagamento fanno oggetto di contestazione da parte della Commissione o se i documenti forniti a sostegno della richiesta di pagamento sono incompleti o non conformi. Articolo 5 - Rendicontazione delle spese 1. I rendiconti di spesa saranno presentati sui formulari standard (allegato 2) o in conformità agli stessi. Tre copie saranno trasmesse alla Commissione ed una al gruppo esterno designato dalla Commissione. 2. I documenti giustificativi non devono essere allegati al rendiconto spese. l beneficiari forniranno alla Commissione tutti i dettagli di cui essa potrebbe avere bisogno per assicurare la valutazione del rendiconto e del rapporto d'attività corrispondente. 3

4 3. Nel caso in cui il rendiconto finale non venga presentato dal beneficiario entro il termine stabilito e la Commissione ne abbia confermato il mancato ricevimento, tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, la Commissione si riserva il diritto, dopo il termine di un mese dalla data della sua richiesta e senza ulteriori comunicazioni, di non effettuare più alcun pagamento. 4. Soltanto la valuta di riferimento del progetto potrà essere utilizzata nei rendiconti. Qualsiasi spesa fatta in valute diverse sarà convertita dal beneficiario, utilizzando il tasso di cambio del giorno della redazione del rendiconto. 5. La Commissione incoraggia i beneficiari ad avere i rendiconti spese certificati da un revisore dei conti indipendente. I costi corrispondenti verranno considerati come eleggibili nell'ambito delle spese generali. Questa certificazione permetterà un trattamento rapido delle richieste di pagamento da parte della Commissione. Articolo 6 - Giustificativi delle spese Conformemente alle regole ed ai principi contabili ad essi imposti dalle leggi e regolamenti esistenti, i beneficiari dovranno mantenere dei libri contabili aggiornati. Essi dovranno conservare tutti i documenti giustificativi delle spese rendicontate alla Commissione quali fatture, registri presenze, e i documenti utilizzati per il calcolo delle spese generali. SPESE RIMBORSABILI Articolo 7 - Eleggibilità 1. I costi eleggibili sono tutti quelli previsti nel bilancio previsionale del progetto. 2. Come specificato nella decisione, solo le spese sostenute durante il periodo di realizzazione del progetto previsto nella decisione, saranno considerate come eleggibili, salvo casi particolari (vedi l'articolo 14). 3. Il sostegno finanziario della Commissione non potrà mai dare luogo ad un profitto. Articolo 8 - Modifiche dei costi Le modifiche alla ripartizione dei costi sono possibili soltanto con l'accordo scritto della Commissione, con l'eccezione delle modifiche inferiori a ECU o al 10% dei subtotali relativi a ciascuna categoria del bilancio previsionale (A, B,C,D, ecc.). Queste modifiche non devono incidere in maniera determinante sull'obiettivo o sul contenuto del lavoro da effettuare. Articolo 9 - Personale Le spese di personale saranno imputate in relazione al tempo effettivamente dedicato al progetto. Esse saranno calcolate sulla base dei salari o stipendi effettivi lordi, aumentati degli oneri sociali e degli altri costi direttamente collegati, esclusa ogni forma di partecipazione ai profitti. 4

5 Articolo 10 - Lavoro volontario 1. Il lavoro volontario è l'unica attività per la quale, nel quadro dei progetti LIFE-Natura, la Commissione accetta l'imputazione di un contro-valore virtuale come eleggibile e dunque rimborsabile. Il beneficiario dovrà essere in grado di provare il lavoro effettuato attraverso documenti giustificativi (per esempio registro presenze). 2. Il valore totale stimato del lavoro volontario non può superare il 10% del costo totale del progetto. Il costo orario non può superare il salario minimo legale o, per gli Stati Membri nei quali non c'è un salario minimo legale, lo stipendio base del grado di base della funzione pubblica. Articolo 11 - Trasferte 1. Le spese di trasferta saranno imputate in conformità alle regole interne del beneficiario. 2. Per i viaggi al di fuori del territorio degli Stati Membri dell'unione è necessaria l'autorizzazione preventiva della Commissione, fatti salvi quegli Stati per cui questo è chiaramente previsto nel progetto. Articolo 12 -Materiale durevole 1. Le spese per materiale durevole riguardano l'acquisto o la fabbricazione di beni o di apparecchiature che : (a) (b) rientrano nell'inventario del materiale durevole del beneficiaro o dei partner del progetto, sono considerati come immobilizzazioni secondo i principi, le regole ed i metodi contabili in vigore nei Paesi del beneficiario o dei partner. 2. Le spese per materiale durevole intrinsecamente legate all'esecuzione del progetto ed esplicitamente previste saranno considerate come completamente rimborsabili qualora il beneficiario ed i partner s'impegnino ad utilizzare queste apparecchiature nelle attività di conservazione della natura, al di là della fine del progetto cofinanziato nell'ambito di LIFE-Natura. In mancanza di ciò, per il calcolo dei pagamenti, la Commissione applicherà un tasso di ammortamento lineare di dieci anni nel caso della costruzione di infrastrutture e di 5 anni nel caso di apparecchiature e di macchinari. Articolo 13 - Acquisto di terreni 1. Per i terreni acquistati con il contributo finanziario della Commissione, il beneficiario deve assicurarsi che il contratto di vendita e/o la sua registrazione nel catasto, comprenda un vincolo di destinazione d'uso dei terreni ai fini della conservazione della natura. 2. I terreni acquistati al fine di essere scambiati ulteriormente nell'ambito del progetto sono dispensati dal vincolo di destinazione d'uso. Lo scambio dovrà essere effettuato al più tardi prima della fine del progetto, salvo accordo esplicito approvato dalla Commissione. 5

6 Articolo 14 - Affitto di terreni e contratti di gestione 1. Per tutti i contratti o convenzioni di affitto o di gestione dei terreni che coprono un periodo superiore a quello del progetto, la Commissione potrà accettare l'impegno della somma totale come eleggibile e dunque rimborsabile con il pagamento finale. Quest'eccezione è l'unico caso in cui la Commissione rimborserà un importo impegnato ma non completamente pagato. 2. Per essere eleggibili, tali contratti o convenzioni devono: (a) (b) contenere una clausola che menzioni chiaramente che qualunque importo non utilizzato sarà rimborsato alla Commissione dal beneficiario e che qualsiasi problema che sopravvenga durante l'esecuzione del contratto/convenzione sarà immediatamente riferito alla Commissione; essere accompagnati, quando il beneficiario è un'organismo privato, da una nota ufficiale di un ente pubblico nella quale quest'ultimo s'impegna a sorvegliare l'esecuzione del contratto/convenzione ed assicura alla Commissione che farà tutto il possibile per garantire la sua esecuzione completa. Articolo 15 - Materiale di consumo 1. Le spese per materiale di consumo riguardano l'acquisto, la fabbricazione, la riparazione o l'uso di materiali, beni o apparecchiature che : (a) (b) non risultano dall'inventario del materiale durevole del beneficiario o dei partner del progetto, oppure non siano considerati come beni d'investimento nella prassi contabile dello Stato Membro del beneficiario o dei partner del progetto. 2. Dette spese non saranno considerate come costi diretti qualora siano incluse nelle spese generali del beneficiario. Articolo 16 - Spese generali 1. Le spese generali possono essere imputate esclusivamente in conformità ai principi contabili e pratiche amministrative accettati dalla Commissione, e soltanto qualora : (a) (b) sia possibile verificarne l'entità e, per ciascun esercizio finanziario del beneficiario, esse non eccedano i costi effettivi; non comprendano voci di spesa che siano specificamente imputate al progetto sotto altre denominazioni, o che siano specificamente imputate dal beneficiario a terzi o ad altri progetti. 2. L'importo totale delle spese generali non deve rappresentare più del 10% del bilancio totale. Questo importo dovrà essere giustificabile in caso di controllo finanziario. 3. Nelle spese generali possono essere inclusi costi di carattere generale ed indiretto tale quali spese amministrative e di gestione, ammortamento di immobili e di apparecchiature, affitto, manutenzione, spese telefoniche, di riscaldamento, di illuminazione, di elettricità, articoli per ufficio, spese postali ed assicurazioni. Questi costi di carattere indiretto saranno calcolati in conformità ai principi contabili e pratiche amministrative in vigore presso il beneficiario. 6

7 Articolo 17 - Subappalti 1 Allorchè un beneficiario dà in subappalto una parte del progetto o decide ordinazioni ai fini dell'esecuzione del contratto, egli esigerà dai subappaltatori e fornitori la concessione di tutti i vantaggi commerciali in uso (in particolare sconti, prezzi particolari, ribassi e riduzioni). Egli farà beneficiare la Commissione di tutti i vantaggi effettivamente ottenuti. 2. Salvo diversa autorizzazione espressamente approvata dalla Commissione, il beneficiario è tenuto ad includere nei subappalti tutte le stipule che consentano alla Comunità di esercitare nei confronti dei subappaltati gli stessi diritti da essa esercitati sul beneficiario e di avere le stesse garanzie concesse da quest'ultimo. Questa regola si applica inoltre a qualsiasi accordo firmato con i partner del progetto. 3. Le spese dei partner previsti nel progetto sono eleggibili alle stesse condizioni di quelle del beneficiario. Tuttavia, soltanto il beneficiario è interamente responsabile della totalità delle operazioni nei confronti della Commissione. Articolo 18 - Altre spese Qualsivoglia altra spesa supplementare o imprevista non considerata tra le voci precedenti potrà essere imputata al progetto con il consenso della Commissione, a condizione che la spesa in questione sia necessaria per l'esecuzione dei lavori oggetto del progetto e non incida in misura determinante sulla portata o sul contenuto dei predetti lavori. Articolo 19 - Imposta sul valore aggiunto Se il beneficiario non è in grado di recuperare l'iva pagata nell'ambito del progetto, questo ammontare verrà considerato come un costo eleggibile. Per ottenerne il rimborso, il beneficiario dovrà fornire alla Commissione la prova che non è esente dal pagamento dell'iva sui beni ed i servizi necessari per realizzare il progetto e che l'iva pagata non è recuperabile. VOCI DI SPESA NON RIMBORSABILI Articolo 20 - Spese non rimborsabili Non saranno considerate come rimborsabili le seguenti voci di spesa : - tutti i costi sostenuti per azioni che beneficiano di fondi sotto altri strumenti finanziari Comunitari - i profitti del beneficiario o dei partner del progetto; - e spese inutili o ingiustificate; - i costi di distribuzione, nonchè le spese di commercializzazione e di pubblicità sostenute per diffondere prodotti ed attività commerciali, salvo menzioni specifiche nel progetto; - gli accantonamenti per perdite o passività future; - gli interessi passivi in genere e gli interessi sui prestiti ricevuti; - i crediti di dubbia esigibilità; - le spese di rappresentanza, ad eccezione tuttavia di quelle spese ragionevoli accettate dalla Commissione come necessarie all'esecuzione dei lavori definiti nel progetto; - le spese relative ad altri progetti finanziati da terzi; - i beni ed i servizi donati tranne il lavoro volontario. 7

8 ALTRE DISPOSIZIONI Articolo 21 - Interessi attivi maturati Gli interessi attivi maturati sugli importi ricevuti (per esempio l'anticipo) devono essere dichiarati. Essi possono essere aggiunti al contributo comunitario su richiesta del beneficiario dopo il consenso della Commissione, al fine di promuovere ulteriormente gli obiettivi del progetto. Tale importo addizionale non ridurra nè il contributo dato dal beneficiario nè quello di altre fonti finanziarie. La Commissione si riserva il diritto di dedurre l'ammontare degli interessi maturati dal pagamento finale, se le condizioni di cui sopra non sono state soddisfatte. Articolo 22 - Mancata esecuzione o ritardo 1. I beneficiari comunicano senza indugio alla Commissione, fornendole tutte le precisazioni utili, qualsiasi evento che possa pregiudicare o ritardare l'esecuzione del presente progetto. Le parti fissano di comune accordo i provvedimenti da adottare. 2. Qualora non venisse raggiunto alcun accordo in merito al ritardo e/o al mancato adempimento da parte dei beneficiari ad uno degli obblighi derivanti dal presente progetto, la Commissione può di pieno diritto rescindere, ridurre o annullare il suo contributo senza che sia necessario procedere ad alcuna formalità giudiziaria, previa intimazione notificata ai beneficiari con lettera raccomandata e qualora a questa non segua l'esecuzione di quanto intimato entro il termine di un mese. 3. Senza pregiudizio di tale rescissione o risoluzione, la Commissione può inoltre esigere il rimborso, in tutto o in parte, del proprio contributo finanziario, in funzione della natura e dell'entità dei lavori effettuati prima della data di scadenza del progetto, nonchè il versamento di interessi di mora a decorrere dal giorno in cui le somme da rimborsare sono state riscosse e al tasso praticato dal Fondo Europeo per la Cooperazione Monetaria alle sue operazioni in ECU (pubblicato nella GU. - C). L'importo dovuto verrà notificato al beneficiario con lettera raccomandata, e verrà rimborsato alla Commissione entro due mesi dalla notifica. Scaduto questo termine, il tasso di interesse sulle somme da rimborsare è maggirorato di due punti percentuali. Articolo 23 - Fallimento o costituzione in mora 1. Nel caso in cui il beneficiario sia sottoposto alla procedura di fallimento o sia costituito in mora ad opera dei creditori, la Commissione può risolvere la presente convenzione secondo le modalità definite al paragrafo 3 del presente articolo. 2. In caso di fallimento, la Commissione può accettare le offerte fatte dai curatori fallimentari o dai creditori del beneficiario, al fine di eseguire gli obblighi derivanti dal presente progetto. 3. Nel caso in cui la Commissione annulli il suo contributo in conformità del primo paragrafo del presente articolo, essa ha il diritto di consultare il beneficiario e di esigere la comunicazione di qualsiasi informazione o documentazione pertinenti disponibili alla data dell'annullamento, purchè il beneficiario riceva un compenso in funzione del lavoro compiuto e delle spese sostenute alla data dell'annullamento. Nel caso in cui l'importo già versato sia superiore al compenso dovuto al beneficiario questo deve rimborsare senza indugio l'importo eccedente. 8

9 Articolo 24 - Responsabilità civile Il beneficiario esonera la Commissione dalla responsabilità civile derivante dall'esecuzione del presente progetto. Il beneficiario garantirà la Commissione e il suo personale contro ogni azione di risarcimento per danni incorsi a terzi, compreso il suo personale, in seguito all'esecuzione del presente progetto, sempre che tali danni non siano dovuti a colpa grave a dolo della Commissione o dei suoi dipendenti. Articolo 25 - Controlli ed ispezioni Il beneficiario adotterà le disposizioni necessarie per consentire sia alla Commissione che alla Corte dei Conti delle Comunità Europee di procedere in qualsiasi momento ad atti ispettivi a norma del regolamento finanziario del 21 dicembre 1997 (GUCE n 356, del ). I controlli potranno essere effettuati in loco e consistere in un esame della contabilità e dei documenti giustificativi (fascicoli, documenti contabili, documenti tecnici) relativi al presente progetto. A tal fine, i documenti in questione dovranno essere conservati per cinque anni dal pagamento finale effettuato in occasione dell'ultimazione del progetto. Articolo 26 - Disposizioni sulla proprietà e sullo sfruttamento dei risultati Il beneficiario e/o i suoi partner hanno la proprietà dei documenti, delle invenzioni eventualmente brevettabili o brevettate, e delle conoscenze ottenute in esecuzione del progetto. Tuttavia, al fine di promuovere l'utilizzo di tecniche o di metodi favorevoli all'ambiente, la Commissione considera di grande importanza che il beneficiario renda disponibile nella Comunità, questi documenti, brevetti e conoscenze, a condizioni commerciali non discriminatorie e rispettose di ciò che è stato stabilito nell'articolo 7.3. D' altra parte, quando il beneficiario, senza ragione legittima, rifiuta di dare l'accesso a questi prodotti o di concedere le licenze secondo queste condizioni, la Commissione si riserva il diritto di applicare le regole stabilite nell'articolo 22.2 e La Commissione si riserva il diritto d utilizzare, a fini non commerciali e in particolare in occasione di manifestazioni pubbliche, l insieme o parte dei programmi audiovisivi prodotti nel quadro del progetto. A questo fine, il responsabile del progetto garantirà l accesso dei servizi della Commissione al master (nastro originale) del programma. Articolo 27 - Clausola attributiva di giurisdizione In mancanza di un accordo extragiudiziale, la Corte di Giustizia Europea è l'unica competente a decidere su qualsiasi controversia che insorga tra la Commissione ed il beneficiario in merito al presente progetto. 9

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. "Convenzione di finanziamento"

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. Convenzione di finanziamento CONTRATTO TIPO Misure di accompagnamento "Convenzione di finanziamento" 1 CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO fra La Comunità europea ("la Comunità"), rappresentata dalla Commissione delle Comunità europee ("la

Dettagli

La gestione del progetto: aspetti finanziari

La gestione del progetto: aspetti finanziari Seminario di assistenza tecnica alla gestione dei Progetti Multilaterali di Trasferimento dell Innovazione (TOI 2013) Roma, 8 novembre 2013 ISFOL Sala Auditorium La gestione del progetto: aspetti finanziari

Dettagli

BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA

BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA FASE DI ACCOGLIENZA III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di

Dettagli

BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA

BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

[SOVVENZIONE EUROPEA MARIE CURIE PER IL REINSERIMENTO] [SOVVENZIONE INTERNAZIONALE MARIE CURIE PER IL REINSERIMENTO]

[SOVVENZIONE EUROPEA MARIE CURIE PER IL REINSERIMENTO] [SOVVENZIONE INTERNAZIONALE MARIE CURIE PER IL REINSERIMENTO] ALLEGATO III DISPOSIZIONI PARTICOLARI [SOVVENZIONE EUROPEA MARIE CURIE PER IL REINSERIMENTO] [SOVVENZIONE INTERNAZIONALE MARIE CURIE PER IL REINSERIMENTO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui

Dettagli

Traduzione 1. Preambolo

Traduzione 1. Preambolo Traduzione 1 Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Tunisina concernente la promozione e la protezione reciproca degli investimenti Concluso il 16 ottobre 2012 Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 968/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 968/2006 DELLA COMMISSIONE L 176/32 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.6.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 968/2006 DELLA COMMISSIONE del 27 giugno 2006 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 320/2006 del Consiglio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

(CE) 172 5.7.2005, 22) 25 2005 10 2008) 1687/2005 14 2005 (GU CE

(CE) 172 5.7.2005, 22) 25 2005 10 2008) 1687/2005 14 2005 (GU CE REGOLAMENTO (CE) N. 2869/95 DELLA COMMISSIONE del 13 dicembre 1995 relativo alle tasse da pagare all Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (Marchi, disegni e modelli) (GU CE n. L 33 del 15.12.1995,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE COMMERCIALE DESTINATO ALLA VENDITA DI PRODOTTI FARMACEUTICI

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE COMMERCIALE DESTINATO ALLA VENDITA DI PRODOTTI FARMACEUTICI Allegato E (schema contratto di locazione) CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE COMMERCIALE DESTINATO ALLA VENDITA DI PRODOTTI FARMACEUTICI TRA - Il Comune di Bernareggio (codice fiscale 87001490157), con

Dettagli

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE Allegato 3B INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 DELLA REGIONE MOLISE DISCIPLINARE DI CONCESSIONE conforme allo

Dettagli

Direzione generale della comunicazione

Direzione generale della comunicazione Direzione generale della Comunicazione ADMINISTR Direzione generale della comunicazione Accordi quadro di partenariato con organizzazioni paneuropee, nazionali, regionali e locali attive nei settori delle

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE

BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE [CONTRAENTE UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, al presente contratto si applicano le seguenti

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Associazione Nazionale dei Comuni Italiani L'anno 2013, il giorno j/ì del mese di TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri - C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via della Ferratella in Laterano

Dettagli

REGOLE SULL'AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE

REGOLE SULL'AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE REGOLE SULL'AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE Documento approvato dalla GP con Delibera n. 1022 del 31.03.08 (Pubblicato sul BUR Trentino Alto Adige n. 15 del 8.04.08 e sul sito www.provincia.bz.it/fse ) Premessa

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA g~~~~~ + i dlll:l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO L'anno 2014, il giorno.$.3... del mese di~p TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri- C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 62/32 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2011 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 3 marzo 2011 che modifica la decisione 2008/457/CE recante modalità di applicazione della decisione 2007/435/CE del

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196 Regolamento di esecuzione del regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul fondo europeo di sviluppo regionale, sul fondo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Questo documento include le condizioni generali di vendita (qui chiamate: Condizioni Generali ) della STAR PROGETTI

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Questo documento include le condizioni generali di vendita (qui chiamate: Condizioni Generali ) della STAR PROGETTI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Questo documento include le condizioni generali di vendita (qui chiamate: Condizioni Generali ) della STAR PROGETTI TECNOLOGIE APPLICATE S.p.A.,con sede in Via Pasubio, 4/d

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [BENEFICIARIO UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

Articolo 33 - Controlli e ispezioni...26 Articolo 34 - Aiuti di Stato...27 Articolo 35 - Acquisto di terreni/diritti fondiari e locazione di

Articolo 33 - Controlli e ispezioni...26 Articolo 34 - Aiuti di Stato...27 Articolo 35 - Acquisto di terreni/diritti fondiari e locazione di DISPOSIZIONI COMUNI INDICE PARTE I - Disposizioni giuridiche e amministrative...4 Articolo 1 - Riferimenti...4 Articolo 2 - Servizio competente della Commissione e corrispondenza...4 Articolo 3 - Partecipanti...4

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO ALLEGATO N. 4 SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO Il giorno del mese di anno in Roma: tra - La società finanziaria (nel prosieguo, per brevità, anche solo Società finanziaria ), con sede in, Via, n. Codice

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 2/2010

Pagina 1. Circolare n. 2/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST CIRCOLARE

Dettagli

Università degli Studi di Bari Aldo Moro

Università degli Studi di Bari Aldo Moro Compilare il presente modulo in duplice copia in ogni sua parte, a macchina o in stampatello, allegare una fotocopia del codice fiscale e di un documento d identità valido, e consegnare all ufficio a fianco

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [BENEFICIARIO UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale Politica di recupero Principi e procedure Principi di recupero Esecuzione di una decisione di recupero Ricorsi dinanzi ai giudici nazionali e UE Insolvenza Mancata esecuzione Link e formazione 2 Principali

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE C O M U N E D I L E N O (Provincia di Brescia) 25024 LENO - Via Dante n. 3 P.I.: 00727240988 - C.F. 88001410179 Tel. 030/9046250-251 - Fax 030/9046253 e-mail: tributi@comune.leno.bs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

SANITÀ PUBBLICA DOMANDA DI FINANZIAMENTO

SANITÀ PUBBLICA DOMANDA DI FINANZIAMENTO COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE E TUTELA DEI CONSUMATORI IT Direzione F - Sanità pubblica SANITÀ PUBBLICA DOMANDA DI FINANZIAMENTO Commissione europea Direzione Sanità pubblica L - 2920 LUSSEMBURGO

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità di Responsabile dell Area amministrativa finanziaria del COMUNE DI FINO MORNASCO, C.F./P.IVA

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

Allegato 1 Kick-off meeting progetti LIFE+ 2008 Domande e risposte NB: le citazioni "art. " si riferiscono alle Disposizioni Comuni (DC)

Allegato 1 Kick-off meeting progetti LIFE+ 2008 Domande e risposte NB: le citazioni art.  si riferiscono alle Disposizioni Comuni (DC) Allegato 1 Kick-off meeting progetti LIFE+ 2008 Domande e risposte NB: le citazioni "art. " si riferiscono alle Disposizioni Comuni (DC) Domanda 1) I costi di spedizione per scambio di materiale tra i

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DI START UP

NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DI START UP DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE PER L ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI Servizio Programmazione, Politiche Comunitarie e del Lavoro

COMUNE DI CAGLIARI Servizio Programmazione, Politiche Comunitarie e del Lavoro COMUNE DI CAGLIARI Servizio Programmazione, Politiche Comunitarie e del Lavoro REP. N DEL L.R. 24/12/1998 n. 37, art.19- Fondi annualità 2005 CONTRATTO DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DE MINIMIS PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 1 agosto 2014, n. 15

REGOLAMENTO REGIONALE 1 agosto 2014, n. 15 26982 REGOLAMENTO REGIONALE 1 agosto 2014, n. 15 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI ed abrogazione dei Regolamenti regionali 31 gennaio 2012, n. 2, 29 maggio

Dettagli

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi I. Disposizioni generali 1. Validità Le presenti condizioni generali disciplinano la conclusione, il testo e l esecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

RACCOLTA DEGLI ALLEGATI

RACCOLTA DEGLI ALLEGATI dell ultimo biennio delle scuole secondarie statali di secondo grado della Regione Lazio REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

Dettagli

OGGETTO: Finanziamenti: ritardo o mancato pagamento delle rate

OGGETTO: Finanziamenti: ritardo o mancato pagamento delle rate Informativa per la clientela di studio N. 80 del 06.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Finanziamenti: ritardo o mancato pagamento delle rate Con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Contratto di trasferimento di materiale per scopi non commerciali

Contratto di trasferimento di materiale per scopi non commerciali Contratto di trasferimento di materiale per scopi non commerciali Questo Contratto di trasferimento di materiale di seguito denominato il "Contratto" è stipulato tra: (1) Università degli Studi di Torino,

Dettagli

27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79

27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79 27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79 RELAZIONE sul rendiconto finanziario dell Ufficio comunitario delle varietà vegetali relativo all esercizio 2001, corredata delle risposte

Dettagli

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la LEGGE REGIONALE n. 9 del 18/06/2002 e successive modificazioni: Attività regionali per la promozione dei diritti umani, della cultura della pace, della cooperazione allo sviluppo e della solidarietà Art.

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Allegato A Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO FONDIARIO CANTIERE INFORMAZIONI SULLA BANCA DESTINAZIONE CHE COS'E' IL MUTUO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO FONDIARIO CANTIERE INFORMAZIONI SULLA BANCA DESTINAZIONE CHE COS'E' IL MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA

LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA 1. Interpretazione 1.1 In queste condizioni: Acquirente indica la persona che accetta un preventivo dell Azienda per la vendita e/o installazione

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

DOMANDE DAI BENEFICIARI E RISPOSTE DAI DESK OFFICER DELLE UNITA' LIFE DELLA COMMISSIONE EUROPEA

DOMANDE DAI BENEFICIARI E RISPOSTE DAI DESK OFFICER DELLE UNITA' LIFE DELLA COMMISSIONE EUROPEA DAI BENEFICIARI E DAI DESK OFFICER DELLE UNITA' LIFE DELLA COMMISSIONE EUROPEA (KICK-OFF MEETING PER I PROGETTI LIFE+ 2013 ROMA, 28 OTTOBRE 2014) Generale / Gestione DOMANDE 1. Il prefinanziamento deve

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

Schema tipo di convenzione. (da adottarsi prevalentemente con Enti Pubblici) PREMESSO CHE

Schema tipo di convenzione. (da adottarsi prevalentemente con Enti Pubblici) PREMESSO CHE Schema tipo di convenzione. (da adottarsi prevalentemente con Enti Pubblici) PREMESSO CHE L'Ente, ai sensi degli artt... del (...provvedimento istitutivo...), nell'espletamento dei propri compiti istituzionali,

Dettagli

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la LEGGE REGIONALE n. 9 del 18/06/2002 e successive modificazioni: Attività regionali per la promozione dei diritti umani, della cultura della pace, della cooperazione allo sviluppo e della solidarietà Art.

Dettagli

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

Riguardo a questi principi gli audit hanno evidenziato i seguenti principali problemi:

Riguardo a questi principi gli audit hanno evidenziato i seguenti principali problemi: PRINCIPALI CRITICITÀ NELLA GESTIONE E NELLA RENDICONTAZIONE DEI FINANZIAMENTI EUROPEI: I RISULTATI DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO DELLA COMMISSIONE E DEI CERTIFICATORI. 1. Premessa Le gestione amministrativa

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196 Regolamento di esecuzione del regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul fondo europeo di sviluppo regionale, sul fondo

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196 Regolamento di esecuzione del regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul fondo europeo di sviluppo regionale, sul fondo

Dettagli

CONTRATTO di Finanziamento agevolato Approvato con DD n... del..

CONTRATTO di Finanziamento agevolato Approvato con DD n... del.. VI PROGRAMMA DI INTERVENTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO (Art. 14 legge 7 agosto 1997 n. 266 D.M. 14 settembre 2004, n. 267) IX BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INSEDIAMENTO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA L ASP(Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) RETE - Reggio Emilia Terza Età con

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna delle parti contraenti, ed uno per l Ufficio del Registro, tra il Comune di Verbania

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I PROVINCIA DI TERNI RAGIONERIA Oggetto: Decreto Legge 8 Aprile 2013, n.55. Individuazione misure urgenti per il pagamento dei debiti maturati al 31 Dicembre 2912

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

FINANZIAMENTI PER OPERAZIONI CON L' ESTERO Foglio informativo standardizzato redatto ai sensi delle istruzioni di vigilanza della Banca d'italia

FINANZIAMENTI PER OPERAZIONI CON L' ESTERO Foglio informativo standardizzato redatto ai sensi delle istruzioni di vigilanza della Banca d'italia FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI PER OPERAZIONI CON L' ESTERO Foglio informativo standardizzato redatto ai sensi delle istruzioni di vigilanza della Banca d'italia Informazioni sulla banca Denominazione

Dettagli

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE 1 FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO. Investimenti Infrastrutturali

COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO. Investimenti Infrastrutturali RIF. N. :... COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO Investimenti Infrastrutturali REGOLAMENTO (CE) N. 1260/99 DEL CONSIGLIO del 21/06/1999

Dettagli

ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO GARANTITO DA COOPERATIVE E CONSORZI INFORMAZIONI SULLA BANCA DESTINAZIONE CHE COS'E' IL MUTUO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO GARANTITO DA COOPERATIVE E CONSORZI INFORMAZIONI SULLA BANCA DESTINAZIONE CHE COS'E' IL MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Dettagli

Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Serbia e Montenegro concernente la promozione e la protezione reciproca degli investimenti

Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Serbia e Montenegro concernente la promozione e la protezione reciproca degli investimenti Traduzione 1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Serbia e Montenegro concernente la promozione e la protezione reciproca degli investimenti Concluso il 7 dicembre 2005 Approvato dall'assemblea

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

L'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

L'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI DELIBERA 6 novembre 2014 Misura e modalita' di versamento del contributo dovuto all'autorita' per le garanzie nelle comunicazioni, per l'anno 2015. (Delibera

Dettagli

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 "Attuazione della direttiva 2000/52/CE, che modifica la direttiva 80/723/CEE relativa alla trasparenza delle relazioni finanziarie tra gli Stati membri e le

Dettagli

Accordo per il Servizio Cloud Business Solutions INTESA

Accordo per il Servizio Cloud Business Solutions INTESA Accordo per il Servizio Cloud Business Solutions INTESA L'acquisto e l'utilizzo del Servizio Cloud Business Solutions INTESA ( Servizio Cloud o Servizio ) da parte del cliente sono regolati dalle condizioni

Dettagli

0.975.232.3. Traduzione 1. (Stato il 24 novembre 1998)

0.975.232.3. Traduzione 1. (Stato il 24 novembre 1998) Traduzione 1 0.975.232.3 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di El Salvador concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti Concluso l 8 dicembre 1994 Entrato

Dettagli

RETI MARIE CURIE DI FORMAZIONE MEDIANTE LA RICERCA

RETI MARIE CURIE DI FORMAZIONE MEDIANTE LA RICERCA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETI MARIE CURIE DI FORMAZIONE MEDIANTE LA RICERCA [PIÙ CONTRAENTI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, al presente contratto si applicano

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative

Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative 1) Premessa Decreto legge n. 78/2009 L articolo 9 del decreto legge n. 78/2009 obbliga tutte le

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

CONTRATTO DI LICENZA DI BREVETTO TRA

CONTRATTO DI LICENZA DI BREVETTO TRA CONTRATTO DI LICENZA DI BREVETTO TRA Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto Nazionale per la Fisica della Materia (nel seguito denominato CNR INFM), avente sede in Corso F. Perrone 24, 16152 Genova,

Dettagli

Il mutuo chirografario Sostegno PMI è un finanziamento a medio lungo termine, con durata tra 19 e 36 mesi.

Il mutuo chirografario Sostegno PMI è un finanziamento a medio lungo termine, con durata tra 19 e 36 mesi. INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa FOGLIO INFORMATIVO SOSTEGNO PMI DA 19 A 36 MESI Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711

Dettagli