CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE"

Transcript

1 CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE AUDIZIONE DEL 6 LUGLIO ORE ISTANZE UNIREC PER LA MODIFICA DELL ARTICOLO 128 UNDECIES 2 DELLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/48/CE RELATIVA AI CONTRATTI DI CREDITO AI CONSUMATORI (ATTO N.225) 1

2 INDICE DEL DOCUMENTO 1) PREMESSA - I VOLUMI DEL SETTORE Pag. 3 2) IL PROGETTO EBITEC Pag. 5 3) LA MODIFICA ALL ART. 128 Pag. 6 4) SINTESI Pag. 9 2

3 Roma, 2 luglio 2010 Prot. 2010/79 1) PREMESSA - I VOLUMI DEL SETTORE Onorevoli Deputati, nel ringraziare per aver dato alla nostra Associazione, per il tramite della mia persona, la possibilità di partecipare a questa audizione per illustrare le nostre istanze relative al cambiamento dell articolo 128 undecies 2 dello schema di Decreto legislativo recante attuazione della Direttiva 28/48/CE relativa ai contratti di credito al consumo (ATTO n.225), mi corre l obbligo di introdurre l argomento raccontando brevemente, a beneficio di coloro che non lo conoscono, il comparto che la nostra associazione rappresenta e la funzione che svolge nel sistema economico nazionale. Il servizio di TUTELA DEI CREDITI mediante operazioni di gestione e recupero extra-giudiziale del credito, infatti, è svolto nel nostro paese, per la maggior parte dei casi, da aziende aderenti ad UNIREC - Unione delle imprese di servizi a tutela del credito aderente a CONFINDUSTRIA Servizi Innovativi e Tecnologici e membro di FENCA, Federazione Europea che rappresenta le associazioni nazionali di settore di 18 Paesi. 3 I soggetti economici che affidano i propri crediti insoluti alla gestione extra-giudiziale effettuata dalle nostre aziende, vanno dalle PMI alle grandi imprese, dalle Utilities alle Pubbliche Amministrazioni, ma sono le Banche e le Finanziarie che utilizzano il nostro servizio con carattere di preminenza. Tutti questi soggetti si avvalgono dell ausilio delle imprese a tutela del credito per tentare di recuperare i propri crediti mantenendo un buon rapporto con la propria clientela. L attività in questione consiste essenzialmente nel fronteggiare il crescente slittamento dei tempi di pagamento e nel tentare di sanare, in via bonaria, milioni di potenziali contenziosi.

4 Come facilmente si può comprendere questo lavoro realizza un conseguente snellimento del volume di lavoro dei Tribunali e degli uffici del Giudice di Pace su tutto il territorio nazionale. Pertanto, non solo reca vantaggio ai clienti/creditori ma anche alla collettività, preservandola da un peggioramento dei tempi e dei costi della giustizia civile, già ora troppo spesso intasata da una miriade di vertenze. Al fine di meglio rappresentare le dimensioni del settore in questione, si cita un recente studio svolto da UNIREC nel 2009 sui volumi gestiti dalle imprese associate nell arco temporale , ove si rileva quanto segue : 25 milioni di pratiche lavorate annualmente; 26 miliardi di euro circa il valore dei crediti affidati ogni anno al recupero in via stragiudiziale; A fronte delle prime due rilevazioni si registra come risultato dell attività delle nostre aziende un valore del credito recuperato pari a 8 miliardi di euro (ovvero circa il 30% del credito affidato sulle posizioni più vetuste, anche se per alcune tipologie di crediti più freschi e garantiti si raggiunge anche il 90% di successo). 4 Le prassi operative che portano a questi importanti risultati sono disciplinate da un Codice Deontologico elaborato dalla nostra Associazione di categoria ed inoltre da una serie di accordi con le principali associazioni dei consumatori italiane, il cui rispetto è garantito da periodici controlli. L Associazione UNIREC è oggi il punto di riferimento per le Istituzioni, per i consumatori, per la committenza e garantisce un approccio professionale ai servizi offerti dalle aziende del settore, e si batte da anni per un ammodernamento della propria fonte normativa; la stessa, attualmente è prevista dal Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza del UNIREC inoltre promuove dei percorsi professionali (con enti certificatori come CEPAS -

5 accreditato SINCERT o autonomi) ed ha realizzato un sistema di Crediti Formativi Professionali obbligatori condividendoli con le associazioni dei consumatori, al fine di accrescere la professionalità degli operatori. 2) IL PROGETTO EBITEC Sotto questo profilo vale la pena di accennare brevemente anche all Accordo tra UNIREC e ADICONSUM, siglato lo scorso 19 novembre 2009 a Palazzo Marini che ha visto la costituzione di un Ente Bilaterale denominato EBITEC. EBITEC, primo esempio in Europa di bilateralità tra imprese di servizi e organizzazioni a tutela dei consumatori, è visto anche all estero con molta curiosità ed interesse in quanto è un modello da seguire per avere delle corrette relazioni in questo delicato comparto. 5 EBITEC nasce, infatti, dalla volontà congiunta di armonizzare, pur nella tutela degli interessi contrapposti intercorrenti tra creditore e debitore, i processi che consentano di ripristinare il merito creditizio del soggetto inadempiente e di converso, per far sì che lo stesso possa onorare, secondo le proprie possibilità, l obbligazione non onorata. Inoltre l obiettivo di non secondaria importanza di EBITEC è l educazione finanziaria dei soggetti interessati, affinché gli stessi possano affrontare, anche in futuro, con maggior consapevolezza i rischi derivanti dal loro indebitamento. Al fine di garantire il rispetto di quanto precedentemente enunciato saranno attribuiti ad EBITEC, dalle aziende che vi aderiranno, dei poteri istruttori, di vigilanza, nonché organizzativi, volti a garantire al meglio il raggiungimento degli obiettivi prefissati, in un ottica di sussidiarietà, bilateralità e soprattutto, di autofinanziamento e solidarietà. Realizzeremo, infine, tramite EBITEC anche un Fondo di Solidarietà per i crediti oggetto di

6 cessione, finalizzato a supplire, in presenza di determinati requisiti, all insolvenza dei lavoratori, causata dal licenziamento ovvero dalla perdita del posto di lavoro per chiusura dell azienda o dal ricorso della stessa alla mobilità. Gli interessi generati dalla ristrutturazione del debito saranno a carico dello stesso Fondo di Solidarietà senza che ciò comporti nessun onere economico a carico dello Stato. È doveroso ribadire come il servizio oggi erogato dalle nostre aziende venga già svolto nell interesse degli stessi debitori. Ciò è facilmente dimostrato dal fatto che nonostante l ingente numero di pratiche gestite annualmente, oltre 25 milioni, grazie alla professionalità delle aziende e degli addetti alla tutela del credito occupati (oltre 15 mila lavoratori), non si sono praticamente mai determinate problematiche di sorta. 3) LA MODIFICA ALL ART. 128 Ci pareva utile evidenziare questo virtuoso percorso intrapreso dal comparto e dalla nostra Associazione, soprattutto alla luce del provvedimento di cui oggi chiediamo la modifica, in quanto quello che ho fin qui premesso potrebbe essere gravemente compromesso dall articolo in questione, qualora non venisse cancellato o modificato, giacché il settore che UNIREC rappresenta, vedrebbe sottrarsi ingiustamente la parte principale della propria clientela. 6 A fronte di questa realtà imprenditoriale che funziona molto bene, e che già oggi è uno strumento di ammortizzazione sociale senza oneri per lo stato, è con viva preoccupazione che le nostre aziende ed i nostri operatori hanno letto il titolo ed i contenuti dell art. 128 undecies2, il quale è titolato (a nostro modesto avviso impropriamente): recupero crediti ; e che recita come: Per l attività di consulenza e gestione crediti a fini di ristrutturazione e recupero degli stessi le banche e gli intermediari finanziari si avvalgono esclusivamente di agenti in attività finanziaria iscritti nell elenco di cui all articolo 128 quater, comma 2.

7 Pur apprezzando la volontà di conferire una disciplina più organica e regole chiare e inderogabili, la previsione di cui all art 128 undecies 2, non prevista tra l altro nella Direttiva 48/2008, dà, come competenza esclusiva, agli agenti in attività finanziaria alcune funzioni che vanno a violare la riserva di attività prevista per le nostre imprese dall art 115 del TULPS del 1931, sottraendole di fatto ai nostri operatori. Qualora dovesse entrare in vigore codesto disposto, pertanto, nuovi soggetti si sostituirebbero nell esercizio dell attività di recupero dei crediti, in particolare per quella relativa ai crediti di natura finanziaria con gravi conseguenze per l occupazione nel nostro settore (oggi i lavoratori direttamente occupati dalle nostre aziende ammontano ad oltre 15 mila unità) ed anche per quelli dell indotto. Tutto ciò, ripeto, in contrasto con quanto previsto dall art 115 TULPS del 1931 ed inoltre, con le disposizioni dettate dal Ministero degli Interni nelle proprie circolari, nonché con la Sentenza della Corte Europea del 18 luglio 2007 nella causa 134/05, concernente l ordinamento delle agenzie di recupero crediti in Italia, le quali prevedono che l abilitazione allo svolgimento dell attività di recupero conto terzi, sia di competenza esclusiva del Questore ove ha sede l agenzia. 7 Il dettato dell art 115 TULPS e il successivo regolamento attuativo, dispongono inoltre che le Questure svolgano tutte quelle attività necessarie ed inderogabili per il controllo preventivo e successivo nonché per la verifica dei requisiti di moralità ed onorabilità preventiva e successiva degli operatori, sia sugli esponenti delle agenzie di recupero che del proprio personale interno ed esterno, con particolare riguardo ai funzionari esattoriali che esplicano il loro compito presso il domicilio del debitore. esame. Tutto questo è totalmente assente nel disposto di cui all articolo 128 dello schema di decreto in Alla luce di quanto sopra, al fine di non violare la normativa vigente in tema di recupero extragiudiziario dei crediti e di non creare dubbi interpretativi, si chiede di riformularlo come di seguito. Articolo 128 undecies 2 (ristrutturazione del debito)

8 Per l attività finanziaria finalizzata alla ristrutturazione del debito quando la stessa comporta la stipula di nuovi contratti le Banche e gli intermediari finanziari si possono avvalere esclusivamente dell opera di agenti in attività finanziaria iscritti nell elenco di cui all art. 128 quater, comma 2. Onorevoli, come si può ben comprendere la nostra intenzione è solo quella di arrivare ad una modifica dell articolo in questione, ad evitare ogni possibile commistione ovvero invasioni di campo tra attività che non possono e non devono diventare concorrenti. Vorremo solo chiarezza sui limiti alle rispettive attività (agenti in attività finanziaria e recuperatori del credito). Sarebbe giusto poter leggere questa differenza nell articolo 128 qualora si riuscisse, chiaramente ed oltre ogni ragionevole dubbio, ad indicare questo principio ovvero che nell attività di ristrutturazione dei crediti, quando finalizzata alla stipula di nuovi contratti, il lavoro sarà riservato agli agenti in attività finanziaria, mentre nell attività di gestione e recupero dei crediti (ad esempio per postergare il pagamento di una rata ovvero effettuare un saldo e stralcio) l attività rimarrà riservata alle agenzie di recupero crediti munite di licenza di Polizia ai sensi dell art.115 TULPS del Siamo fiduciosi che le nostre istanze, condivise peraltro con la nostra Federazione di riferimento in Confindustria (Confindustria SIT), con ASSOFIN (Associazione Italiana del credito al consumo ed immobiliare) ed ASSILEA (Associazione Italiana Leasing) per il mondo della committenza, con EBITEC e con ADICONSUM per quello degli utenti finali del servizio possano essere accolte. Tutte queste associazioni sostengono apertamente il nostro punto di vista, e quindi congiuntamente a loro, auspichiamo fortemente che la nostra richiesta di modifica possa essere accolta rendendo giustizia e tutelando i valori occupazionali del nostro settore.

9 4) SINTESI Testo attuale. Articolo 128 undecies 2 (recupero crediti) Per l attività di consulenza e gestione crediti a fini di ristrutturazione e recupero degli stessi le banche e gli intermediari finanziari si avvalgono esclusivamente di agenti in attività finanziaria iscritti nell elenco di cui all articolo 128 quater, comma 2. Proposta di modifica UNIREC. Articolo 128 undecies 2 (ristrutturazione del debito) Per l attività finanziaria finalizzata alla ristrutturazione del debito quando la stessa comporta la stipula di nuovi contratti le Banche e gli intermediari finanziari si possono avvalere esclusivamente dell opera di agenti in attività finanziaria iscritti nell elenco di cui all art. 128 quater, comma 2. Antonio Persici 9 (Presidente UNIREC)

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

GUIDA DEL CONSUMATORE (DEBITORE) AI SERVIZI DI RECUPERO CREDITI

GUIDA DEL CONSUMATORE (DEBITORE) AI SERVIZI DI RECUPERO CREDITI Informativa per il Consumatore su etica e buone prassi nella fase stragiudiziale Realizzata da UNIREC Informativa per il Consumatore su etica e buone prassi nella fase stragiudiziale INDICE 1. Il Consumatore:

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

Audizione Senato della Repubblica X Commissione Industria, Commercio e Turismo. 9 marzo 2011

Audizione Senato della Repubblica X Commissione Industria, Commercio e Turismo. 9 marzo 2011 Audizione Senato della Repubblica X Commissione Industria, Commercio e Turismo 9 marzo 2011 Esame dell'atto del Governo n. 327 ( codice del turismo ) concernente lo Schema di Decreto Legislativo recante

Dettagli

RES LA MEDIAZIONE CREDITIZIA MILANO - 24 NOVEMBRE 2010 IL RUOLO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL MERCATO DEL CREDITO AL CONSUMO

RES LA MEDIAZIONE CREDITIZIA MILANO - 24 NOVEMBRE 2010 IL RUOLO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL MERCATO DEL CREDITO AL CONSUMO RES LA MEDIAZIONE CREDITIZIA MILANO - 24 NOVEMBRE 2010 IL RUOLO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL MERCATO DEL CREDITO AL CONSUMO ASSOPROFESSIONAL ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROFESSIONISTI DEL CREDITO DR.

Dettagli

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Aprile 2016 Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Giuseppe Roddi Premessa Da circa 85 anni il recupero crediti è disciplinato dalla legge e sottoposto al controllo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 242/E. Roma,13 giugno 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 242/E. Roma,13 giugno 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 242/E Roma,13 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Ministero Soggetti non residenti detrazioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014 SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO Roma, 24 Luglio 2014 INDAGINE CONOSCITIVA SUGLI ORGANISMI DELLA FISCALITA E SUL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI E FISCO A.G. n.99 Schema di decreto

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI Evoluzione storica delle assicurazioni; Il Diritto privato e tributario; Il contratto in generale e il contratto di Il Codice del Consumo; La disciplina dell intermediazione assicurativa; Gli Intermediari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Art. 21 (Requisiti per l iscrizione delle persone fisiche)

Art. 21 (Requisiti per l iscrizione delle persone fisiche) Un soggetto chiede di conoscere i requisiti richiesti ad una società di formazione per poter gestire i corsi di formazione professionale, attestarne la partecipazione ed il superamento di eventuali test

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE: Carmen Patrizia MURATORE Avente ad oggetto: INTERVENTI IN MATERIA DI USURA.

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE DELL INFORMAZIONE E DELEGHE AL GOVERNO PER LA RIDEFINIZIONE

Dettagli

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente Spett.le Banca d Italia Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza Divisione Normativa Primaria Via Milano n. 53 00184 Roma Oggetto: Osservazioni inerenti la pubblica consultazione in materia di Trasparenza

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014 Equitalia Nord SpA Facilitazioni intervenute Dall entrata in vigore della nuova normativa (1/3/2008) - che ha attribuito agli

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Lavoro, Previdenza Sociale Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione della disciplina in materia di diritto al lavoro delle persone disabili Audizione Associazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA

Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA Roma, 15 novembre 2010 OGGETTO: Consultazione sul Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare

La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare www.adapt.it, 23 febbraio 2012 La formazione per la sicurezza nell accordo statoregioni: un occasione da non sprecare di Marco Lai Di particolare rilievo sono gli accordi sottoscritti in sede di Conferenza

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) INTERROGAZIONI 385ª seduta: mercoledì 24 ottobre 2012 Presidenza del presidente BALDASSARRI

Dettagli

FORUM UNIREC-CONSUMATORI: PERCHE NASCE

FORUM UNIREC-CONSUMATORI: PERCHE NASCE FORUM UNIREC-CONSUMATORI: PERCHE NASCE Condivisione Buone prassi e loro divulgazione Necessità di un dialogo costante e di strumenti di conciliazione Monitoraggio continuo della qualità dei servizi resi

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI Capo I: COSTITUZIONE, SCOPO E ATTIVITA Art. 1: Costituzione e scopi E costituita con sede in Roma ai sensi e per gli effetti di cui

Dettagli

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Osservazioni di Confindustria Osservazioni generali L Autorità

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Schemi di decreti legislativi recanti disposizioni in materia di contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e di riordino della normativa

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

Prevenzione del furto di identità, delle frodi nel credito al consumo, nei pagamenti dilazionati o differiti e nel comparto assicurativo

Prevenzione del furto di identità, delle frodi nel credito al consumo, nei pagamenti dilazionati o differiti e nel comparto assicurativo Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ufficio Centrale Antifrode dei Mezzi di Pagamento - UCAMP Prevenzione del furto di identità, delle frodi nel credito al consumo, nei pagamenti

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO PER IL SETTORE DELLA TUTELA DEL CREDITO

CODICE DEONTOLOGICO PER IL SETTORE DELLA TUTELA DEL CREDITO CODICE DEONTOLOGICO PER IL SETTORE DELLA TUTELA DEL CREDITO INDICE SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.0 RIFERIMENTI 2.0 PRESCRIZIONI DI CARATTERE GENERALE 3.0 COMUNICAZIONI CARTACEE E DIGITALI AL DEBITORE

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

Allegato 1. Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Art.42.

Allegato 1. Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Art.42. Allegato 1 Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 Art.42. Reti di imprese 1. (soppresso dalla legge di conversione) 2. Alle imprese

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 marzo 2008 OGGETTO: Esenzione IVA delle prestazioni educative e didattiche ai sensi dell articolo 10, n. 20) del decreto del Presidente

Dettagli

Assifact. Annuario 2012 del Factoring

Assifact. Annuario 2012 del Factoring Assifact Annuario 2012 del Factoring Assifact, Annuario 2012 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Torino Palazzo Cisterna 05 luglio 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

Attività di Consultazione sul documento contenente lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari

Attività di Consultazione sul documento contenente lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza, Divisione Normativa prudenziale Via Nazionale, 91 00184 ROMA Roma, 8 marzo 2012 Prot. n. 72/12/afin_00012 Attività di Consultazione

Dettagli

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia Direzione Regionale della Lombardia Commissione Tributaria Regionale della Lombardia Apertura dell Anno giudiziario tributario Milano, 25 febbraio 2011 Intervento di Carlo Palumbo Direttore Regionale dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI Evoluzione storica delle assicurazioni; Il Diritto privato e tributario; Il contratto in generale e il contratto di assicurazione; Il Codice del Consumo; La disciplina dell intermediazione assicurativa;

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009 RISOLUZINE N. 267/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 Operazioni esenti IVA Attività di intermediazione relative

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Risoluzione del 19/07/2002 n. 240 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 19/07/2002 n. 240 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 19/07/2002 n. 240 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Deducibilita' dei costi per l'istruttoria

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. COMUNICAZIONE n. 7/15

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. COMUNICAZIONE n. 7/15 Ufficio Affari Legali Roma, lì 5 ottobre 2015 Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi COMUNICAZIONE n. 7/15 Oggetto: chiarimenti in merito

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI

PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI PREMESSA Il FORUM UNIREC-CONSUMATORI condivide la necessità di garantire nel comparto del recupero del credito, un quadro normativo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010 SCHEMA DI DISPOSIZIONE REGOLAMENTARE IN TEMA DI CONFLITTO DI INTERESSI DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI (MODIFICA AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006, CONCERNENTE

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING

Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING Assifact, Annuario 2013 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Informativa per la clientela di studio N. 78 del 29.06.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014 Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 204 Premessa Il presente documento viene pubblicato in ottemperanza alle disposizioni della Banca d Italia del 29 luglio 2009 (e successive modifiche

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

Roma, 6-3- 2007, prot. 2409 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura 60124 ANCONA

Roma, 6-3- 2007, prot. 2409 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura 60124 ANCONA Roma, 6-3- 2007, prot. 2409 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura 60124 ANCONA Oggetto: elenchi dei protesti - Sanzionabilità ufficiali levatori da parte delle Camere di commercio per

Dettagli

Tariffario dei Consulenti del lavoro

Tariffario dei Consulenti del lavoro Tariffario dei Consulenti del lavoro Bologna 14 novembre 2011 Silvia Bradaschia 1 MANOVRA DI FERRAGOSTO Nella legge 148 /11, l articolo 3 è dedicato alle professioni e il comma 5 punto d) prende in esame

Dettagli

Capitolo 1. Il recupero crediti. Caso 1.1. Cosa tratta la materia del recupero crediti?

Capitolo 1. Il recupero crediti. Caso 1.1. Cosa tratta la materia del recupero crediti? Premessa Il volume si pone l obiettivo di fornire elementi capaci di favorire una riflessione, sia teorica, sia, soprattutto, pratica su questa attività, valorizzando anche la fase fisiologica del rapporto

Dettagli

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE Numero 05140/2010 e data 24/11/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 NUMERO AFFARE 04251/2010 OGGETTO:

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: SI CAMBIA ANCORA!

AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: SI CAMBIA ANCORA! regolazione AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI: SI CAMBIA ANCORA! Maddalena Marchesi * L attuazione della Direttiva 2014/17/UE, nota come Direttiva MCD (Mortage Credit Directive), è l

Dettagli