LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

Save this PDF as:
Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA"

Transcript

1 Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006

2 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione di Kaya 5. Indice dei consumi nazionali di energia 6. Consumi nazionali di energia 7. Gas naturale 8. Petrolio 9. Domanda di benzina e gasolio auto 10. Combustibili solidi 11. Energia elettrica richiesta sulla rete 12. Prezzi di benzina, blu super, gasolio auto e blu diesel (euro/litro)

3 GENNAIO DICEMBRE 2005 La domanda complessiva di energia in Italia si è attestata su 197,1 milioni di tep, con un lieve incremento rispetto all anno precedente, in linea con il quadro economico generale. Tenuto conto del profilo di sostanziale ristagno delle attività produttive, il progresso nella dinamica del PIL dovrebbe stabilizzarsi intorno allo zero, mentre la produzione industriale, con un calo dello 0,8% dell indice corretto per i giorni lavorativi (-1,8% dell indice grezzo) rispetto al 2004, ha evidenziato una variazione positiva (+4,2%) nel solo comparto Energia. Tra i singoli settori di attività economica, accanto allo sfavorevole andamento dell industria manifatturiera (-1,4%), si sono registrati forti aumenti per le Raffinerie di petrolio (+3,8%) e la Produzione di energia elettrica, gas ed acqua (+2,6%). Nel panorama energetico nazionale il gas naturale continua a rappresentare l elemento più interessante, non solo per aver assunto il ruolo di protagonista nelle prime pagine della stampa, a causa delle difficoltà legate all approvvigionamento dalla Russia, ma anche per il forte incremento dei consumi (+6,8%) che ha elevato la sua quota al 36% della domanda totale di energia, dal 33,8% del I consumi di prodotti petroliferi, in calo per tutti i 12 mesi dell anno, si sono ridotti complessivamente del 3,7%, con andamenti negativi per il settore industriale (carica petrolchimica netta -3,5%, bitumi -5,3%, prodotti minori -5,9%), per il settore termoelettrico (olio combustibile -24,7%) e per i trasporti (benzina -7,5%, G.P.L. -6,4%), dove invece sono cresciuti con un ritmo inferiore al passato i consumi di gasolio autotrazione, a fronte di un aumento medio del prezzo al consumo del 17,7%. La richiesta di energia elettrica sulla rete ha registrato un incremento dell 1,3%, valore che sarebbe salito all 1,8% considerando il minor numero di giorni lavorativi, 252 contro i 256 del 2004, e le sfavorevoli condizioni climatiche dell anno appena trascorso. Alla forte riduzione dell apporto idraulico (-14,9%) e geotermoelettrico (-2,1%) si è fatto fronte con un aumento delle importazioni (+7,7%) e della produzione termoelettrica (+2,6%). In questo settore la quota maggiore è spettata al gas naturale, a seguito del minor ricorso all olio combustibile e al carbone, che ha quindi contribuito a contrastare nel 2005 la forte intensità carbonica del sistema elettrico, portando il livello delle emissioni di CO 2 da 465,4 a 466,4 milioni di tonn. (+0,2%).

4 CONSUMI DI ENERGIA IN FONTI PRIMARIE NEL 2004 e 2005 petrolio 44,7% importazioni nette di en. elettrica 5,1% rinnovabili 7,7 % solidi 8,7% gas naturale 33,8% 2004 = 3,937 M b/g 196,869 Mtep importazioni nette di en. elettrica 5,5% rinnovabili 6,8% solidi 8,7% petrolio 43,0% gas naturale 36,0% 2005 = 3,942 M b/g +0,1% 197,095 Mtep

5 EMISSIONI DI CO 2 DA IMPIEGHI PER COMBUSTIONE NEL 2004 e 2005 carbone 14,7% petrolio 52,5% gas naturale 32,8% 2004 = 465,36 Mtonn carbone 14,8% petrolio 50,2% gas naturale 35,0% 2005 = 466,42 Mtonn +0,2%

6 EMISSIONI DI CO 2 (milioni di tonn) ,4% +6,4% +6% +17,7% +11,1% +9,6% +10,6% +13,2%+15,0% +16,7% +5,5% +3,8% +21,5% +17,6% +22,1% +22,3% 300 KYOTO Le % rappresentano la distanza per ogni anno dall obiettivo di Kyoto. L obiettivo del protocollo di Kyoto è relativo alle emissioni di anidride carbonica e altri gas ad effetto serra. I dati relativi all anno 2004 e 2005 sono stime Eni.

7 EQUAZIONE DI KAYA (indici 1990=100) GNP/POP CO2 POP TOE/GNP CO2/TOE I dati relativi all anno 2004 e 2005 sono stime Eni.

8 INDICE DEI CONSUMI NAZIONALI DI ENERGIA Media mobile a 12 termini (anno 2000=100) G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

9 6 CONSUMI NAZIONALI DI ENERGIA (variazioni % sul corrispondente trimestre dell anno precedente) I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV

10 CONSUMI NAZIONALI DI ENERGIA (variazioni % sul corrispondente mese dell anno precedente) G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

11 Consumi nazionali di energia in fonti primarie (milioni di tep) combustibili solidi gas naturale petrolio imp. nette elettricità fonti rinnovabili TOTALE var.% var.% var.% var.% var.% var.% ,082 11,5 66,502 3,8 88,000-3,1 10,040-10,5 15,245 17,5 196,869 1, ,197 0,7 71,050 6,8 84,721-3,7 10,814 7,7 13,312-12,7 197,094 0, I 4,259 5,2 23,248 4,0 22,452-0,3 2,754-10,1 3,172-5,2 55,885 1,0 II 4,237 16,5 12,570 3,4 20,857-6,1 2,386-17,9 4,638 25,9 44,688 0,2 III 4,238 20,7 11,666 6,6 21,914-5,2 2,130-16,4 3,883 29,9 43,831 1,7 IV 4,348 5,2 19,018 2,1 22,777-0,7 2,770 2,7 3,552 20,3 52,465 2, I 4,164-2,2 24,216 4,2 21,500-4,2 3,045 10,6 3,168-0,1 56,093 0,4 II 4,119-2,8 13,318 6,0 20,485-1,8 2,811 17,8 3,590-22,6 44,323-0,8 III 4,301 1,5 12,323 5,6 20,836-4,9 2,430 14,1 3,387-12,8 43,277-1,3 IV 4,613 6,1 21,193 11,4 21,900-3,9 2,528-8,7 3,167-10,8 53,401 1,8 gen-04 1,393 3,8 7,993 4,5 7,509-2,7 0,921-10,9 1,034-20,2 18,850-1,0 feb 1,432 4,8 7,782-2,9 7,106-3,1 0,889-7,0 1,015-2,4 18,224-2,6 mar 1,434 7,2 7,472 11,5 7,837 5,0 0,944-12,0 1,123 11,2 18,810 7,0 apr 1,326 5,8 4,829 0,0 6,940-7,0 0,865-16,4 1,191 31,2 15,150-2,1 mag 1,426 18,2 4,107 9,3 6,900-6,3 0,778-19,5 1,694 26,0 14,904 1,9 giu 1,485 26,2 3,635 1,8 7,017-5,2 0,743-17,9 1,753 22,3 14,633 1,0 lug 1,467 20,1 4,110 1,9 7,794-4,9 0,772-17,0 1,670 30,4 15,813 1,0 ago 1,321 16,9 3,272 8,8 6,669-7,8 0,548-18,0 1,186 30,6 12,996 0,4 sett 1,450 25,1 4,284 9,7 7,451-2,9 0,810-14,7 1,027 28,4 15,022 3,7 ott 1,450 8,1 4,920-3,8 7,322-9,0 0,861-7,4 1,026 16,2 15,579-4,5 nov 1,354-1,3 6,421 5,6 7,396 5,8 0,967 10,7 1,358 32,2 17,496 7,1 dic 1,544 8,7 7,677 3,3 8,059 2,0 0,942 5,3 1,168 12,0 19,390 3,8 gen-05 1,374-1,4 8,436 5,5 7,084-5,7 1,017 10,4 1,117 8,0 19,028 0,9 feb 1,416-1,1 8,350 7,3 6,971-1,9 0,965 8,5 0,994-2,1 18,696 2,6 mar 1,374-4,2 7,430-0,6 7,445-5,0 1,063 12,7 1,057-5,9 18,369-2,3 apr 1,307-1,4 5,135 6,3 6,579-5,2 1,027 18,8 1,067-10,4 15,115-0,2 mag 1,402-1,7 4,177 1,7 7,061 2,3 0,930 19,5 1,286-24,1 14,856-0,3 giu 1,410-5,1 4,006 10,2 6,845-2,5 0,854 14,9 1,237-29,4 14,352-1,9 lug 1,503 2,5 4,423 7,6 7,194-7,7 0,898 16,3 1,276-23,6 15,294-3,3 ago 1,434 8,6 3,367 2,9 6,607-0,9 0,692 26,3 1,028-13,3 13,128 1,0 sett 1,364-5,9 4,533 5,8 7,035-5,6 0,839 3,6 1,083 5,5 14,854-1,1 ott 1,459 0,6 5,052 2,7 6,995-4,5 1,062 23,2 1,135 10,6 15,703 0,8 nov 1,535 13,4 6,914 7,7 7,335-0,8 0,864-10,7 0,990-27,1 17,638 0,8 dic 1,619 4,9 9,227 20,2 7,570-6,1 0,603-36,0 1,042-10,8 20,061 3,5

12 GAS NATURALE (variazioni % sul corrispondente mese dell anno precedente) G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

13 Consumi di gas naturale (milioni di tep) industria civile termoelettrica altri usi (*) TOTALE var.% var.% var.% var.% var.% ,125 0,2 23,309-1,5 23,803 12,1 2,265 8,8 66,502 3, ,916-1,2 24,676 5,9 27,163 14,1 2,295 1,3 71,050 6, I 5,198-0,5 12,003 0,6 5,669 15,1 0,379 37,5 23,248 4,0 II 4,032 1,9 2,866 1,1 4,944 4,1 0,728 18,7 12,570 3,4 III 3,774 3,0 1,353 13,6 5,827 6,9 0,712 11,5 11,666 6,6 IV 4,122-2,8 7,087-8,1 7,362 20,5 0,446-19,6 19,018 2, I 5,067-2,5 12,501 4,2 6,255 10,3 0,393 3,8 24,216 4,2 II 3,885-3,6 2,680-6,5 6,059 22,5 0,694-4,6 13,318 6,0 III 3,757-0,4 1,274-5,8 6,524 12,0 0,768 7,9 12,323 5,6 IV 4,207 2,1 8,221 16,0 8,325 13,1 0,440-1,5 21,193 11,4 gen-04 1,566-2,9 4,419 3,7 1,763 12,2 0,245 20,6 7,993 4,5 feb 1,720-0,6 4,103-12,2 1,897 19,7 0, ,8 7,782-2,9 mar 1,912 1,6 3,481 15,9 2,010 13,4 0,070 60,2 7,472 11,5 apr 1,327 0,3 1,640-9,9 1,660 9,2 0,201 23,2 4,829 0,0 mag 1,421 2,6 0,709 30,0 1,689 5,5 0,287 27,2 4,107 9,3 giu 1,284 2,8 0,516 10,1 1,595-2,1 0,239 7,0 3,635 1,8 lug 1,353 0,8 0,473 16,9 1,875-1,2 0,409 4,9 4,110 1,9 ago 0,968 6,7 0,289 25,5 1,877 7,2 0,138 17,2 3,272 8,8 sett 1,453 2,7 0,591 6,3 2,075 15,1 0,165 25,7 4,284 9,7 ott 1,358-5,1 0,903-35,0 2,621 20,2 0,038-65,9 4,920-3,8 nov 1,414-1,4 2,471 1,6 2,358 16,5 0,177-7,1 6,421 5,6 dic 1,350-2,0 3,713-4,6 2,383 24,9 0,231-8,7 7,677 3,3 gen-05 1,594 1,8 4,507 2,0 2,064 17,1 0,271 10,5 8,436 5,5 feb 1,683-2,1 4,584 11,7 2,051 8,1 0,032-49,5 8,350 7,3 mar 1,790-6,4 3,410-2,0 2,140 6,5 0,090 28,3 7,430-0,6 apr 1,297-2,2 1,703 3,8 1,937 16,7 0,198-1,6 5,135 6,3 mag 1,363-4,1 0,498-29,8 2,069 22,5 0,247-14,1 4,177 1,7 giu 1,225-4,6 0,479-7,2 2,053 28,7 0,249 4,1 4,006 10,2 lug 1,311-3,1 0,449-5,1 2,221 18,5 0,442 8,2 4,423 7,6 ago 0,999 3,3 0,296 2,3 1,938 3,2 0,134-3,2 3,367 2,9 sett 1,447-0,4 0,529-10,4 2,365 14,0 0,192 16,3 4,533 5,8 ott 1,413 4,1 1,026 13,6 2,525-3,7 0, ,2 5,052 2,7 nov 1,422 0,5 2,677 8,3 2,679 13,6 0,136-23,3 6,914 7,7 dic 1,372 1,6 4,518 21,7 3,121 31,0 0,216-6,6 9,227 20,2 (*) Comprende: sintesi chimica, autotrazione, agricoltura e pesca e consumi e perdite.

14 PETROLIO (variazioni % sul corrispondente mese dell anno precedente) G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

15 15 DOMANDA DI BENZINA E GASOLIO AUTO (variazioni % sul corrispondente mese dell anno precedente) gasolio benzina G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

16 Consumi di prodotti petroliferi (migliaia di tonn) gasolio gasolio gasolio gasolio o.c. o.c. o.c. petrolc. altri benzina riscald. auto altri usi totale industria termoel. totale netta prodotti TOTALE I II III IV I II III IV gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic

17 Consumi di prodotti petroliferi (variazioni percentuali) * gasolio gasolio gasolio gasolio o.c. o.c. o.c. petrolc. altri benzina riscald. auto altri usi totale industria termoel. totale netta prodotti TOTALE I II III IV I II III IV gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic * rispetto allo stesso periodo dell anno precedente

18 30 COMBUSTIBILI SOLIDI (variazioni % sul corrispondente mese dell anno precedente) G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

19 Consumi di combustibili solidi (milioni di tep) cokerie termoelettrica altri usi TOTALE var.% var.% var.% var.% ,367-7,3 11,079 18,7 1,636 28,1 17,082 11, ,859 11,3 10,588-4,4 1,750 7,0 17,197 0, I 1,039-13,4 2,909 11,7 0,311 28,0 4,259 5,2 II 1,034-14,8 2,783 32,8 0,420 28,0 4,237 16,5 III 1,132-5,0 2,736 34,8 0,370 28,0 4,238 20,7 IV 1,162 5,0 2,651 1,6 0,535 28,3 4,348 5, I 1,179 13,5 2,649-8,9 0,336 8,0 4,164-2,2 II 1,198 15,9 2,470-11,2 0,451 7,4 4,119-2,8 III 1,259 11,2 2,646-3,3 0,396 7,0 4,301 1,5 IV 1,223 5,2 2,823 6,5 0,567 6,0 4,613 6,1 gen-04 0,337-15,3 0,952 10,3 0,104 28,4 1,393 3,8 feb 0,351-13,5 0,976 11,0 0,105 28,0 1,432 4,8 mar 0,351-11,4 0,981 13,8 0,102 27,5 1,434 7,2 apr 0,346-14,6 0,848 13,8 0,132 28,2 1,326 5,8 mag 0,344-15,1 0,935 36,3 0,147 27,8 1,426 18,2 giu 0,344-14,6 1,000 50,6 0,141 28,2 1,485 26,2 lug 0,360-11,5 0,982 37,0 0,125 28,9 1,467 20,1 ago 0,375-7,4 0,843 30,9 0,103 27,2 1,321 16,9 sett 0,397 4,5 0,911 36,4 0,142 27,9 1,450 25,1 ott 0,407 14,6 0,875 2,3 0,168 28,2 1,450 8,1 nov 0,342-4,2 0,842-4,5 0,170 27,8 1,354-1,3 dic 0,413 4,6 0,934 7,1 0,197 28,8 1,544 8,7 gen-05 0,397 17,8 0,864-9,2 0,113 8,7 1,374-1,4 feb 0,385 9,7 0,917-6,0 0,114 8,6 1,416-1,1 mar 0,397 13,1 0,868-11,5 0,109 6,9 1,374-4,2 apr 0,414 19,7 0,750-11,6 0,143 8,3 1,307-1,4 mag 0,382 11,0 0,863-7,7 0,157 6,8 1,402-1,7 giu 0,402 16,9 0,857-14,3 0,151 7,1 1,410-5,1 lug 0,423 17,5 0,947-3,6 0,133 6,4 1,503 2,5 ago 0,415 10,7 0,909 7,8 0,110 6,8 1,434 8,6 sett 0,421 6,0 0,790-13,3 0,153 7,7 1,364-5,9 ott 0,404-0,7 0,875 0,0 0,180 7,1 1,459 0,6 nov 0,389 13,7 0,966 14,7 0,180 5,9 1,535 13,4 dic 0,430 4,1 0,982 5,1 0,207 5,1 1,619 4,9

20 ENERGIA ELETTRICA RICHIESTA SULLA RETE (variazioni % sul corrispondente mese dell anno precedente) G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

21 Energia elettrica richiesta sulla rete (milioni di kwh) en. elettrica primaria saldo imp/exp termoelettrica servizi aus. e pomp. TOTALE var.% var.% var.% var.% var.% I II III IV I II III IV gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic

22 PREZZI AL CONSUMO (euro/litro) 1,40 1,30 blu super 1,20 benzina senza piombo 1,10 1,00 0,90 blu diesel gasolio auto 0,80 G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA NEL PRIMO SEMESTRE 2005 Roma, settembre 2005 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001

Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001 Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001 INDICE 1. Commento 2. Fonti primarie di energia 3. Indice dei consumi di energia in fonti primarie 4. Emissioni di CO

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

SULL'ENERGIA ELETTRICA

SULL'ENERGIA ELETTRICA ti ti DATI STATISTICI SULL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Quadro di sintesi al 11 marzo 2011 TABELLA 1 BILANCIO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Bilancio Produzione lorda 298.208 292.642 5.566 1,9% Servizi

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

Il panorama energetico nelle imprese manifatturiere in Italia

Il panorama energetico nelle imprese manifatturiere in Italia Como - 19 marzo 2008 RISPARMIO ENERGETICO: UNA PRIORITÀ ASSOLUTA Facoltà di Ingegneria - Università di Trento Il panorama energetico nelle imprese manifatturiere in Italia Obiettivi vincolanti fissati

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE

Dettagli

Strategia energetica nazionale nell'ambito della road-map europea al 2050

Strategia energetica nazionale nell'ambito della road-map europea al 2050 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Strategia energetica nazionale nell'ambito della road-map europea al 2050 Prof.Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2007

Dettagli

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio Seminario AIEE IL SISTEMA ENERGETICO ITALIANO NEL 2014 E VERSO IL 2015: SITUAZIONI E TENDENZE IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014 1 aprile 2015 Centro Studi Americani Via Michelangelo Caetani, 32

Dettagli

Workshop Industria Efficienza energetica e cogenerazione a supporto del processo produttivo alimentare. Matteo Maria Parnigoni EDF Fenice SpA

Workshop Industria Efficienza energetica e cogenerazione a supporto del processo produttivo alimentare. Matteo Maria Parnigoni EDF Fenice SpA Workshop Industria Efficienza energetica e cogenerazione a supporto del processo produttivo alimentare Matteo Maria Parnigoni EDF Fenice SpA AGENDA» Cogenerazione in Italia» Case study» Situazione ante

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI Consumi e prezzi interni ed internazionali Dicembre 2002 (Sito Internet: www.dt.tesoro.it/aree-docum/analisi-pr/analisi-ma/index.htm)

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

#1y15: gennaio dicembre 2014

#1y15: gennaio dicembre 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y15: gennaio dicembre 2014 Nel 2014 i dati del settore elettrico nazionale evidenziano una contrazione della produzione

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Siena, 23 Aprile 2008 Introduzione ai lavori Mauro Forti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Legge Finanziaria

Dettagli

Commissione Industria Senato. Audizione Unione Petrolifera

Commissione Industria Senato. Audizione Unione Petrolifera Commissione Industria Senato Audizione Unione Petrolifera Indagine conoscitiva prezzi e tariffe Roma, 19 maggio 2009 Le indagini Antitrust dal 1994 Gennaio 1994: Indagine Antitrust rete carburanti (IC13)

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11 Presupposti e fondamenti per la determinazione del valore del contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2012 di cui ai decreti ministeriali 20 luglio

Dettagli

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015 Marzo, 2016 Quadro energetico 1 La situazione dell energia elettrica in Italia nel 2015 in rapporto al 2014 presenta alcuni elementi caratteristici opposti rispetto al confronto tra 2014 e 2013: il timido

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

EMISSIONI DI CO2 ANNUE DALLA COMBUSTIONE DI COMBUSTIBILI FOSSILI IN LIGURIA DAL 90 AL 98. P.G. Catoni, S. La Motta, G. Perrella, D.

EMISSIONI DI CO2 ANNUE DALLA COMBUSTIONE DI COMBUSTIBILI FOSSILI IN LIGURIA DAL 90 AL 98. P.G. Catoni, S. La Motta, G. Perrella, D. EMISSIONI DI CO2 ANNUE DALLA COMBUSTIONE DI COMBUSTIBILI FOSSILI IN LIGURIA DAL 90 AL 98 P.G. Catoni, S. La Motta, G. Perrella, D. Santino I 1 Introduzione... 1 2 Metodologia di inventario... 2 2.1 Generalità...

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna

Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna Luca Bartoletti - Resp.. Settore Ambiente - C.I.S.E. Settembre 26 Corso della Repubblica, 5-471

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Solidi Gas Petrolio Energia elettrica. Fig. 3 Contributo delle fonti energetiche alla disponibilità interna lorda

Solidi Gas Petrolio Energia elettrica. Fig. 3 Contributo delle fonti energetiche alla disponibilità interna lorda 3. Bilancio nazionale dell energia 8 La domanda complessiva di energia del 2, è stata poco meno di 185 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), con un trend di crescita che ha interessato

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

Domanda di Energia & Parco Elettrico in Italia

Domanda di Energia & Parco Elettrico in Italia Domanda di Energia & Parco Elettrico in Italia Verdiana Ambrosi Valentina Lugano Francesca Vendrame Alessandro Zitani Pierluigi Ameno Michele Margarone Claudio Piccinelli Gerald Rosmann Parte I: DOMANDA

Dettagli

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Massimo Beccarello Direzione Strategie, studi e documentazione Milano Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 I soggetti

Dettagli

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 Principali innovazioni negli strumenti di policy

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2013 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2013 - Sintesi

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI Dati edificio Località Comune: Reggio nell'emilia Zona climatica: E Latitudine: 44,70 Gradi Giorno: 2560 Altitudine: 58 m Temperatura esterna di progetto:

Dettagli

NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA

NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA 1 NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA Aggiornamento prezzi mercato elettrico e del gas naturale 21 settembre 2015 PREZZI FORNITURA ELETTRICA La quotazione dei prezzi fino al consuntivo di giugno 2015

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo maggio 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo aprile 2016 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

BILANCIO Incidenza produzione/consumi

BILANCIO Incidenza produzione/consumi CAPITOLO 4 QUADRO ENERGETICO DEL COMUNE DI CESENA 4.1 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE 4.1.1 Bilancio energetico complessivo Tabella 4.1 : bilancio energetico comunale [tep] 2008 [tep] 1 Consumo energia elettrica

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Energy management. Il ruolo dell energy manager attraverso lo studio di un caso reale

Energy management. Il ruolo dell energy manager attraverso lo studio di un caso reale Energy management Il ruolo dell energy manager attraverso lo studio di un caso reale Obiettivo dell energy manager Ottimizzare dal punto di vista energetico economico i consumi della propria azienda, sia

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

#3y14: gennaio giugno 2014

#3y14: gennaio giugno 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #3y14: gennaio giugno 2014 I dati del settore elettrico del primo semestre del 2014 appaiono in linea con quelli

Dettagli

L ENERGIA E I SUOI NUMERI

L ENERGIA E I SUOI NUMERI ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE L ENERGIA E I SUOI NUMERI ITALIA 2000 Funzione Centrale Studi Maggio 2001 Il presente opuscolo è stato realizzato da M. Teresa Chironi e da Gemma Casadei

Dettagli

Pre-Consuntivo 2011 Dati sull attività petrolifera. Roma, 12 dicembre 2011

Pre-Consuntivo 2011 Dati sull attività petrolifera. Roma, 12 dicembre 2011 Pre-Consuntivo 2011 Dati sull attività petrolifera Roma, 12 dicembre 2011 TAV. 1 - OFFERTA E DOMANDA PETROLIFERA MONDIALE Nel 2011 il rallentamento dell'attività economica, che ha mostrato segni di cedimento

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO DEI PRODOTTI PETROLIFERI RILEVATI NELLA PROVINCIA DI GENOVA DALL'APPOSITA COMMISSIONE

PREZZI AL CONSUMO DEI PRODOTTI PETROLIFERI RILEVATI NELLA PROVINCIA DI GENOVA DALL'APPOSITA COMMISSIONE QUOTAZIONI MEDIE RIFERITE AL PERIODO 15-31 DICEMBRE 2012 - da 0 a 1.000 litri il litro 1,664 1,674 - da 1.001 a 2.000 litri il litro 1,653 1,663 - da 2.001 a 5.000 litri il litro 1,640 1,650 - da 5.001

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI 09

CONSUMI ENERGETICI 09 CONSUMI ENERGETICI 09 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) Consumi di metano ad uso domestico Consumi di metano ad uso non domestico: comparto ceramico Consumi di energia elettrica

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di MACERATA (MC) REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Potenza = 10.00 kw Relazione tecnica Impianto: Impianto Fotovoltaico Committente: Terminal

Dettagli

I frequentati dintorni del lavoro dipendente

I frequentati dintorni del lavoro dipendente I frequentati dintorni del lavoro dipendente di Letizia Bertazzon Che cosa si intende per dintorni del lavoro dipendente? Definizione per esclusione 1) Quello che non è lavoro dipendente o rappresenta

Dettagli

DA I T ST O ST RI R CI DEL

DA I T ST O ST RI R CI DEL I DATI STORICI DEL CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA Fonte: Terna I DATI DEL CONSUMO O DI ENERGIA ELETTRICA NEI SETTORI Fonte: Terna I DATI DEL CONSUMO O DI ENERGIA ELETTRICA in TWh 350 325 300 275 250 225

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Il contributo di AcegasAps alle azioni di piano

Il contributo di AcegasAps alle azioni di piano PAES IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI TRIESTE Il contributo di AcegasAps alle azioni di piano Trieste, 14 aprile 2014 Auditorium Museo Revoltella Pagina 1 Pagina 2 Servizi offerti

Dettagli

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI Analisi energetica L Analisi Energetica è una delle componenti chiave all'interno di un programma di efficienza energetica. In questa sezione vengono evidenziati

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

Il Gruppo SARAS. Mercoledì, 5 giugno 2013

Il Gruppo SARAS. Mercoledì, 5 giugno 2013 Il Gruppo SARAS Mercoledì, 5 giugno 2013 1 IL GRUPPO SARAS OGGI Il Gruppo Saras è attivo nel settore energetico ed è uno dei principali operatori indipendenti europei nella raffinazione di petrolio La

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

2. SITUAZIONE GENERALE DEL SISTEMA ENERGETICO PROVINCIALE

2. SITUAZIONE GENERALE DEL SISTEMA ENERGETICO PROVINCIALE 2. SITUAZIONE GENERALE DEL SISTEMA ENERGETICO PROVINCIALE 2.1 Quadro complessivo La situazione generale del sistema energetico della Provincia di Sassari è caratterizzata da una pressoché totale dipendenza

Dettagli

Condominio: Riqualificazione

Condominio: Riqualificazione Condominio: Riqualificazione Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI il software Energy Planning Dati edificio Località Comune: Torino Zona climatica: E Latitudine:

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Il quadro petrolifero in Italia nel 2006

Il quadro petrolifero in Italia nel 2006 Seminario AIEE Il settore energetico nel 2006: situazioni e tendenze Roma 27 febbraio 2007 Il quadro petrolifero in Italia nel 2006 Rita Pistacchio 80 70 60 50 40 30 20 10 QUOTAZIONI DEI GREGGI BRENT E

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici Cogenerazione 2012 L Italia e l Europa a confronto Milano, 14

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI.

DAL RISCALDAMENTO GLOBALE ALLE FONTI RINNOVABILI. RISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILI RISCALDAMENTOGLOBALEAUMEN TOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOSSILINONRINNOABILIFONTIRINNOABILIRISCALDAMENTOGLOBALEAUMENTOEFFETTOSERRAUSOFONTIFOS

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1160 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore SCALERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 FEBBRAIO 2002 Incentivi per favorire l'uso dell'etanolo e dei biodiesel

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni Silvio De Nigris Provincia di Torino 2.15 Matrice vettori/settori usi finali.tutto parte dalla costruzione di un bilancio energetico sugli

Dettagli