- Seminario tecnico -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Seminario tecnico -"

Transcript

1 Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra 7, CH 6592 S.Antonino. 1

2 Centro Operativo di Eccellenza LineaVita Via Bellafino nr Bergamo Tel (centralino) 2

3 Chi è L Associazione ha per scopo la pratica, lo sviluppo e la diffusione di attività in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e nello specifico nella sicurezza nei lavori in quota per progettisti, produttori, installatori ed utilizzatori di dispositivi anti caduta dall'alto 3

4 Le principali finalità sono: divulgare informazione / formazione, e promuovere l avanzamento tecnico scientifico proporsi come punto di eccellenza tecnico operativo collaborando con istituzioni nazionali e internazionali, gruppi di ricerca, università

5 Le principali finalità sono: riconoscere, qualificare e pubblicizzare aziende produttrici, imprese, figure professionali, operatori del settore, secondo procedimenti di condizioni di eccellenza sviluppare progetti e programmi di formazione innovativi e processi di addestramento

6 I servizi: Sito di prova e addestramento CA.P.CA. CAmpus nazionale Prevenzione rischio CAduta dall alto

7 I servizi: Seminari e corsi di formazione Erogati tramite

8 Soci fondatori 8

9 Statistiche infortuni Cap. 1 9

10 Statistiche medie Europee cadute dall'alto di persone 25 % caduta dall'alto di gravi altri ribaltamento di mezzi 22 % 19 % altri Cap. 1 10

11 Statistiche incidenti in Svizzera Questa slide è stata gentilmente concessa dall Ing. Badovini 11

12 Note: Le cadute dall alto sono da anni la principale causa di morte durante le attività lavorative Verrà il dubbio che quello che si sta facendo non è la strada migliore? Sui documenti di valutazione rischi DVR come è considerato questo rischio? 12

13 QUALI FATTORI HANNO DETERMINATO LE CADUTE Attività dell infortunato Errore di procedura Deficit di formazione Luogo di lavoro e attrezzature Inadeguatezze tecniche e strutturali Mancato uso Dispositivi di protezione Cap. 1

14 Gli infortuni sono causati da diversi fattori: 1. In copertura salgono persone assolutamente ignare dei rischi esistenti. 2. Scarsa informazione e formazione ai lavoratori. 3. Errata valutazione dei rischi da parte di chi esegue l intervento in copertura 4. Mancanza di conoscenza delle normative e leggi sulla sicurezza. 5. Chi progetta sistemi anticaduta spesso non ha la competenza né i titoli, realizzando quindi sistemi non sicuri. 14

15 CADUTA DALL ALTO evento che prevede un rischio di caduta di un persona a prescindere dall altezza LAVORO IN QUOTA attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. Cap. 3 15

16 Rischi nei lavori in quota 16

17 COME AFFONTARE IL PROBLEMA? Percorso di analisi del rischio Requisiti per la compilazione

18 Posso utilizzare sistemi di protezione collettiva? Se NO, come si posiziona l operatore per le compiere le lavorazioni/manutenzioni? Scelta del tipo di imbragatura Scelta del tipo di DPI. (Trattenuta della caduta, posizionamento, caduta impedita) Scelta del tipo di ancoraggio (Linea Vita)

19 Requisiti Conoscenza normativa Conoscenza DPI Conoscenza dei lavori da eseguire Conoscenza Ancoraggi Conoscenza della struttura Competenza all esecuzione del progetto

20 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA Dispositivi di protezione che non necessitano una specifica formazione e possono essere utilizzati dagli addetti solo con una semplice informazione DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Dispositivi di protezione che necessitano di una specifica formazione e addestramento per il loro utilizzo 20

21 Perché preferire sistemi di protezione collettiva? LE PROTEZIONI COLLETTIVE SONO DI FACILE UTILIZZO. POSSONO ESSERE UTILIZZATE DA PIÙ PERSONE CONTEMPORANEAMENTE. NON RICHIEDONO CORSI DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER IL LORO UTILIZZO. NON RICHIEDONO DI DOVER INFORMARE OGNI UTILIZZATORE SULLE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE

22 Per effettuare una corretta valutazione del rischio è necessario conoscerne la tipologia e gli eventuali successivi effetti Che cosa è quindi una caduta. Ad una persona, dal peso complessivo di 100 kg, in caso di caduta quale forza di impatto genera nel momento di arresto della caduta? Cap

23 Simulazione di arresto di caduta La caduta di una massa di 100 Kg collegata ad un punto di ancoraggio mediante l utilizzo di un DPI con dispositivo di arresto caduta EN363 non DEVE generare una forza superiore a 6kN (600kg) Cap

24 24

25 Un sistema di anticaduta composto da dispositivi di ancoraggio strutturale (es. Linea Vita) associabili a D.P.I. a norma EN 363 è da considerarsi un Sistema di protezione contro le cadute Richiede: 1. Specifico progetto di realizzazione 2. Specifica installazione 3. Specifico addestramento al loro utilizzo 4. Specifica verifica e manutenzione 25

26 Sistema di protezione individuale contro le cadute dall alto composto da imbragature per il corpo, collegata ad un ancoraggio tramite cordino/arrotolatore 26

27 Componenti SISTEMA DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO. 27

28 UNI EN 361, 28

29 UNI EN 354, UNI EN 355 UNI EN

30 Corde di posizionamento I dispositivi di tipo guidato su fune, sono progettati per impedire ai lavoratori di cadere durante la salita o la discesa. Particolarmente utile su tetti scivolosi, dove i retrattili i possono rispondere troppo lentamente. [UNI EN 353] Dispositivo anticaduta di tipo guidato: Dispositivo anticaduta dotato di funzione autobloccante e sistema di guida. Il dispositivo anticaduta di tipo guidato si muove lungo una linea di ancoraggio, accompagna l utilizzatore senza necessità di una regolazione manuale durante i cambiamenti di posizione verso l alto o verso il basso e, in caso di caduta, si blocca automaticamente sulla linea di ancoraggio [UNI EN 363]. Collegamento tra l imbrago e l ancoraggio Dispositivi Retrattili (arrotolatori) a richiamo automatico UNI EN

31 Ancoraggi Sono quell oggetto che, correttamente fissato alla struttura, permette di collegare con sicurezza l imbragatura (indossata) per poter eseguire lavorazioni in quota dove sussiste il rischio di caduta. Sono regolamentati dalla norma tecnica EN 795 Fino la dicembre scorso era riconosciuta la versione 795/2002 E stata approvata la versione 795/2012 (04 dicembre 2012) E valida per un solo operatore e per ancoraggi smontabili Non è stata riconosciuta come armonizzata (20 dicembre 2012) dalla comunità Europea ai sensi della legge Europea 89/686 che regolamenta i DPI da collegare agli ancoraggi A livello Europeo siamo dunque in una fase di transizione Nella maggior parte dei paesi Europei ed in Italia è riconosciuta la versione 795/

32 NORMA EUROPEA EN 795 DICEMBRE 2002 Protezione contro le cadute dall alto Dispositivi di ancoraggio Requisiti e prove 32

33 La norma EN 795 è riferita agli ancoraggi per sistemi di protezione contro le cadute dall alto e tratta le seguenti categorie: Classe A ancoraggi strutturali Classe B ancoraggi temporanei Classe C ancoraggi su linee flessibili Classe D ancoraggi su binari rigidi Classe E ancoraggi a corpo morto 33

34 EN 795/2002 Classe A1 - A2 - C - D Dispositivi di ancoraggio per presidi fissi No marcatura CE (89/686/CEE) Classe B - E Dispositivi di ancoraggio per presidi temporanei o mobili Si marcatura CE (89/686/CEE Cap.5 34

35 Requisiti generali per dispositivi di ancoraggio I dispositivi di ancoraggio, i punti di ancoraggio fissi ed i punti di ancoraggio mobili devono essere progettati in modo da accettare il dispositivo di protezione individuale e garantire che il dispositivo di protezione individuale, correttamente applicato, non possa staccarsi involontariamente. Se un dispositivo di ancoraggio comprende più di un elemento, la progettazione deve essere tale che quegli elementi non possano apparire correttamente assemblati senza essere saldamente bloccati tra di loro. Cap

36 Requisiti generali per dispositivi di ancoraggio I bordi o gli angoli esposti devono essere arrotondati con un raggio di almeno 0,5 mm o con uno smusso di 45. Tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio devono essere conformi al 4.4 della EN 362:1992 relativo alla protezione contro la corrosione. Le parti progettate per esposizione permanente all'ambiente esterno devono avere una protezione contro la corrosione almeno equivalente ai valori di zincatura a caldo di cui al 4.4 della EN 362:1992. Cap

37 Requisiti generali per dispositivi di ancoraggio I dispositivi di ancoraggio a corpo morto non devono essere utilizzati dove la distanza dal bordo del tetto sia minore di mm I dispositivi di ancoraggio a corpo morto non devono essere utilizzati in presenza di rischio di gelo o in condizioni di gelo. Cap

38 produttori Indicazioni e specifiche norma EN 795/2002 Per immettere sul mercato un ancoraggio il produttore deve eseguire una serie specifica di test e corrispondere a quanto richiesto dalla norma. Per gli ancoraggi di classe C (ancoraggi a linee flessibili linee vita) i produttori devono fornire anche caratteristiche prestazionali (forza massima prevista sugli ancoraggi di estremità e freccia del cavo in caso di caduta di un operatore). Devono fornire altre informazioni, tra cui le istruzioni per le manutenzioni, il numero di operatori ammessi contemporaneamente, ecc. 38

39 Indicazioni e specifiche norma EN 795/2002 committenti Devono verificare che gli ancoraggi siano fissati alla struttura, e su parti della struttura dell edificio, in modo possano resistere alle sollecitazioni di una caduta Per verificare ciò vi sono più metodi elencati nelle «Raccomandazioni all installazione» allegato A - EN795 Il metodo più utilizzato è quello di far eseguire la verifica per calcolo da un Tecnico, abilitato ai calcoli strutturali che indicherà le tipologie (materiali e dimensioni) degli ancoranti da utilizzare sulla struttura in oggetto 39

40 Indicazioni e specifiche norma EN 795/2002 installatori Gli installatori devono eseguire la parte di loro competenza rispettando la tipologia e la posizione di fissaggio indicata dai tecnici che hanno eseguito il progetto di messa in sicurezza della copertura ed utilizzare quanto indicato dal tecnico che ha verificato le strutture ed i sistemi di fissaggio. Dovranno rispettare le indicazioni ricevute nei manuali di montaggio del produttore la linea vita. Alla fine del loro lavoro si dovrà eseguire una verifica di aver correttamente eseguito il montaggio dell ancoraggio. E possibile che questa verifica sia eseguita da un ente terzo o dall installatore stesso se in grado di fornire corretta e completa documentazione. In alcuni casi, quando non è sono conosciute le caratteristiche di resistenza della struttura, e non potendo quindi verificare tramite un tecnico strutturista, sarà responsabilità dell installatore eseguire una serie di prove o test per verificare che in caso di caduta il sistema resista. 40

41 IN QUANTI MODI POSSO FISSARE IL PUNTO DI ANCORAGGIO ALLA STRUTTURA? Sono differenti i modi di fissaggio dell ancoraggio alla struttura in base alla tipologia della struttura stessa, a seguire alcune immagini, non esaustive delle differenti tipologie di fissaggio 41

42 42

43 43

44 44

45 45

46 46

47 47

48 48

49 49

50 50

51 51

52 Elementi di fissaggio Cap

53 Copertura in lamiera sandwich, ancoraggi su piastre 53

54 Elementi di fissaggio Tassello a bussola, filettato femmina 54

55 Elementi di fissaggio: rivetti 55

56 Elementi di fissaggio: Morsetti Fissaggio su aggraffato Fissaggio su KalZip 19/09/

57 Linea vita rigida su aggraffato Curva e antipendolo mod.180_mag-2009-ed1 57

58 Tipologie di ancoraggio 58

59 Classe A1 La classe A1 comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate, per esempio pareti, colonne, architravi Cap

60 Classe A1 Cap

61 Classe A1 Cap

62 Classe A1 62

63 63

64 Classe A2 La classe A2 comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a tetti inclinati e su materiali specifici. 64

65 Classe A2 Il punto di ancoraggio si posiziona nella direzione della caduta 65

66 nella Classe A2 il produttore deve testare ed indicare su quali tipi di materiali (incluso le dimensioni) è possibile installare l ancoraggio. In questo caso il produttore deve indicare o fornire il materiale per il fissaggio. 66

67 67

68 Classe B La classe B comprende dispositivi di ancoraggio provvisori portatili Cap

69 Classe B ANCORAGGI PER TUBI IN METALLO Cap

70 Classe B Cap

71 Classe B 71

72 Classe B ANCORAGGI PER TRAVI IN METALLO

73 Classe B Cap

74 Classe B 74

75 Classe B LINEA DI VITA TEMPORANEA Cap. 5.4

76 76

77 Classe C La classe C comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano linee di ancoraggio flessibili orizzontali Ai fini della presente norma per linea orizzontale si intende una linea che devia dall'orizzonte per non più di 15. Cap

78 Classe C 78

79 Linea verticale Per linea verticale si intende una linea quando in rispetto all asse verticale devia Ma attenzione questa ricade sotto la normativa EN per i sistemi anticaduta. Cap

80 Linea inclinata Per linea inclinata si intende una linea quando in rispetto dall'orizzonte devia più di 15 fino a 85. Cap

81 Classe D La classe D comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano rotaie di ancoraggio rigide orizzontali Cap

82 Classe D 82

83 Classe E Dispositivo di ancoraggio in appoggio, per uso su superfici fino a 5 rispetto all'orizzontale, dove le prestazioni dipendono esclusivamente dalla massa e dall'attrito tra il dispositivo e la superficie di appoggio. 83

84 Classe E 84

85 ADEMPIMENTI PER ANCORAGGI: quando vengono installati ancoraggi di Classe A, C e D, fissati saldamente all edificio, sono necessari i seguenti documenti: 85

86 1. Progetto di posizionamento linea vita, con analisi dei rischi ed elenco dei DPI da utilizzare. 2. Verifica per calcolo della resistenza degli ancoraggi e della struttura a cui è ancorato 3. Conformità dei prodotti 4. Manuali tecnici di montaggio, uso e manutenzione 5. Test di verifica resistenza del fissaggio 6. Dichiarazione di corretto montaggio 86

87 ADEMPIMENTI PER ANCORAGGI: quando vengono installati ancoraggi di Classe B ( * ) e D ( * ) non sono necessari i documenti specificati ai punti: 2, 5 e 6. ( * ) anche se temporaneo è comunque necessario verificare la solidità del punto di aggancio o di appoggio. 87

88 1. Progetto di posizionamento linea vita, con analisi dei rischi ed elenco dei DPI da utilizzare. Chi analizza i rischi deve descrivere come ha provveduto a risolverli, indicando come sono composti (imbrago, doppio cordino con assorbitore, connettore, linea di ancoraggio flessibile) i percorsi di accesso, di spostamento e di stazionamento, comprensivo degli eventuali rischi residui. Tali relazioni saranno poi utilizzate per fornire le istruzioni al personale che lo utilizzerà 88

89 Verifica per calcolo della resistenza degli ancoraggi e della struttura a cui è ancorato E la norma tecnica di riferimento degli ancoraggi EN 795 che richiede la verifica della sufficiente resistenza del sistema di fissaggio e della struttura a cui è vincolata. Tra i possibili metodi di verifica è possibile la verifica per calcolo da parte di un tecnico abilitato, questo è il più semplice di conseguenza il più utilizzato. 89

90 Conformità dei prodotti 4. Manuali tecnici di montaggio, uso e manutenzione Sono previsti e richiesti dalla norma tecnica EN 795 e devono essere forniti dal produttore 90

91 Test di verifica resistenza del fissaggio Previsto dalla norma tecnica da eseguire dopo l installazione. È da intendersi come verifica di corretto montaggio dell installatore 6. Dichiarazione di corretto montaggio A fine installazione la società che ha eseguito il montaggio dovrà rilasciare dichiarazione di aver rispettato e correttamente eseguito quanto prescritto nei vari documenti. 91

92 infine Si tratta dunque di differenti tipologie di documentazione quali elaborati grafici e relazioni tecniche o descrittive. Tutti questi documenti andranno inseriti, a cura del proprietario, nel fascicolo tecnico dell opera. Ogni volta che un operatore sale in copertura dovrà leggere e firmare di aver compreso le prescrizioni di sicurezza. 92

93 In merito ai sistemi di ancoraggio LA REVISIONE PERIODICA È OBBLIGATORIA? mod.181_mag-2009-ed1 93

94 Perché eseguire i controlli periodici. Tutte le attrezzature, in particolare quelle inerenti la sicurezza, vanno mantenute efficienti e regolarmente ispezionate. Il non eseguire periodici controlli può portare all inefficacia del sistema di protezione o al decadimento di responsabilità da parte del produttore. In caso di incidente, se non è stata eseguita correttamente la manutenzione,il titolare del sistema di ancoraggio (proprietario, amministratore di condominio, datore di lavoro, ecc) se ne assume tutte le responsabilità. 94

95 Garanzia del produttore I componenti delle linee di ancoraggio flessibili installate possono avere periodi di garanzia di durata variabile, anche oltre 10 anni. Se richiesta dal produttore, la manutenzione periodica non eseguita da personale competente ed autorizzato, può far decadere la garanzia. Fanno parte della garanzia tutti i componenti originali del sistema di ancoraggio (es: linea vita). La commistione di prodotti di origine diversa ne fa decadere la garanzia. 95

96 Garanzia del produttore Non fa parte della garanzia del produttore il metodo ed i componenti costituenti il fissaggio. (escluso il caso in cui essi siano parti costituenti il sistema di ancoraggio) Non fa parte della garanzia il materiale che non è stato correttamente installato, o che ha subito deformazioni. Il produttore nel manuale di uso e manutenzione, fornirà comunque le indicazioni tecniche e di frequenza per la manutenzione periodica dei propri prodotti. 96

97 DEFINIZIONE ZONE DI INTERVENTO: 97

98 Come si inserisce in questo l installatore L installatore ha la responsabilità di rispettare ed eseguire quanto indicato dal produttore e dal progettista 98

99 Garanzia dell installatore L operazione di installazione dei dispositivi di ancoraggio ha normalmente un anno di garanzia dalla data di installazione. Per usufruire del rinnovo di garanzia si dovrà stipulare un regolare contratto di manutenzione e verifica annuale. L installatore eseguirà prove di collaudo per verificare la resistenza del fissaggio degli ancoraggi,delle parti assemblate in fase di montaggio e della corretta resistenza della struttura di supporto. Il fabbricante può prescrivere metodologie per facilitare le verifiche, ma a fine verifica è il manutentore che è responsabile dell utilizzo dell ancoraggio. (es: linea vita) 99

100 Manutenzione prevista dalla norma tecnica italiana La manutenzione è obbligatoria eseguirla una volta all anno se in regolare servizio Se non viene utilizzata per lunghi periodi è obbligatorio eseguire la manutenzione prima della rimessa in servizio (o del suo utilizzo) Rif. UNI 11158/

101 Immagini di installazioni eseguite dalla società 101

102 Ancoraggio classe A 102

103 Linea vita classe C su pannelli sandwich 103

104 Linea vita classe C 104

105 Linea vita classe D 105

106 Linea vita classe D a binario rigido. 106

107 associazione Centro Operativo di Eccellenza LineaVita Ringraziano per l attenzione 107

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 2/2015 LINEE VITA: MODULISTICA E NORMATIVA Disposizione tecnico organizzativa (DTO 2/2015) 1 (ai sensi dell articolo 7/III

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

Per iniziare vediamo alcune statistiche riguardanti gli infortuni.

Per iniziare vediamo alcune statistiche riguardanti gli infortuni. 1 sommario Statistiche Legislazione: Testo Unico e Leggi Regionali Analisi dei fattori di rischio Sistemi di arresto caduta UNI EN 362 Progettazione di un sistema anticaduta Confronto UNI EN 795 2002 e

Dettagli

Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone

Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone Sicurezza SISTEMI ANTICADUTA Linee di vita e punti di ancoraggio Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone l obiettivo di fornire riflessioni e indicazioni per individuare i rischi

Dettagli

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura L Ordine degli Ingegnere della Provincia di ROMA presenta il Seminario Tecnico: Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura Relatore Geom Giampiero Morandi In collaborazione

Dettagli

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita Normalmente i sistemi fotovoltaici vengono posizionati sui tetti. Se non sono presenti sistemi di protezione collettiva, sia durante l installazione l che nelle successive periodiche manutenzioni, il lavoro

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA IN COPERTURA SU EDIFICI IN CLASSE A. SHERATON HOTEL CENTRO CONGRESSI Sala Elena Walch. Relatore Geom.

PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA IN COPERTURA SU EDIFICI IN CLASSE A. SHERATON HOTEL CENTRO CONGRESSI Sala Elena Walch. Relatore Geom. PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA IN COPERTURA SU EDIFICI IN CLASSE A SHERATON HOTEL CENTRO CONGRESSI Sala Elena Walch Relatore Geom. Giampiero Morandi 1 Per iniziare vediamo alcune statistiche riguardanti

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA IN COPERTURA SU EDIFICI IN CLASSE A

PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA IN COPERTURA SU EDIFICI IN CLASSE A PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA IN COPERTURA SU EDIFICI IN CLASSE A KlimaHouse Toscana STAZIONE LEOPOLDA - FIRENZE Sala Alcatraz Relatore P.I. Paolo Casali 1 Per iniziare vediamo alcune statistiche riguardanti

Dettagli

Linee di vita: normative, tecniche e procedure

Linee di vita: normative, tecniche e procedure Linee di vita: 1 normative, tecniche e procedure Torino 28 gennaio 2015 Norme e specifiche tecniche UNI EN 795 98/02/12 CEN/TS 16415: differenze e confronti RELATORE Ing. Mario Piovanelli - Libero Professionista

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta

Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta Impianti e sistemi tecnologici Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta Relatore: p.i. Paolo Casali Qualificato Formatore AIAS ACADEMY Rif. n 15932 by La circolare del Ministero del

Dettagli

FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF

FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF FUNE PER LINEA DI ANCORAGGIO WLA TD Linea 795 MASSIF Componente di classe C in acciaio inox A4 (AISI 316) fune predisposta per essere collegata tra terminali di ancoraggio, uno dei quali dotato di riduttore

Dettagli

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 ARCH. NICOLA BELLENTANI nicolabellentani@alice.it Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 Allegato XVI DPI ASSORBITORI CONNETTORI CORDINI DISPOSITIVI RETRATTILI IMBRACATURE SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO MOBILE CON CONTRAPPESI A NORMA UNI EN 795 CLASSE E ART. NIM200

DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO MOBILE CON CONTRAPPESI A NORMA UNI EN 795 CLASSE E ART. NIM200 Manuale DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO MOBILE CON CONTRAPPESI A NORMA UNI EN 795 CLASSE E ART. NIM200 2 EDIZIONE APRILE 2012 Indice SOMMARIO CLASSIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO Principi generali Scopo

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

Il punto di riferimento per la sicurezza in quota

Il punto di riferimento per la sicurezza in quota Il punto di riferimento per la sicurezza in quota Servizi e sistemi certificati anticaduta per ogni tetto d Italia Linea Vita strutturale Soluzioni personalizzate ad alta prestazione Le linee vita HBSecurity

Dettagli

SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011

SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011 SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011 Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ex ISPESL Dispositivi di ancoraggio e punti di ancoraggio Arch. Davide Geoffrey Svampa Ing. Francesca Maria Fabiani

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

ManSafe : sistema anticaduta per tetti metallici

ManSafe : sistema anticaduta per tetti metallici ManSafe ManSafe : sistema anticaduta per tetti metallici Protezione anticaduta orizzontale permanente Latchways con ancoraggio Constant Force Targhetta impianto leggere attentamente Posizionare ben visibile

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

sollecitazioni prevedibili e ad una circolazione priva di rischi.omississ

sollecitazioni prevedibili e ad una circolazione priva di rischi.omississ Lavori in quota: Legislazione Vigente e corretta Prassi ip Progettuale Le attività di manutenzione eseguite in copertura hanno sempre rappresentato e rappresentano ancora oggi un delicato problema per

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano - Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Andrea Rossi ARGOMENTI DEFINIZIONI NORMATIVA NAZIONALE,

Dettagli

LA SICUREZZA IN COPERTURA DISPOSITIVI ANTICADUTA LE LINEE VITA ASPETTI TIPOLOGICI E PROGETTUALI

LA SICUREZZA IN COPERTURA DISPOSITIVI ANTICADUTA LE LINEE VITA ASPETTI TIPOLOGICI E PROGETTUALI DATA 26 /06/2014 LA SICUREZZA IN COPERTURA DISPOSITIVI ANTICADUTA LE LINEE VITA ASPETTI TIPOLOGICI E PROGETTUALI RELATORE: DOTT. ING. MANUEL DEMONTIS TECNICO REGIONALE SECURLINE IN COLLABORAZIONE CON DIVISIONE

Dettagli

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta SCS Eurotetti Di Sara Lanzoni Azienda specializzata nei sistemi anticaduta Linee vita, parapetti, binari, passerelle, scale di sicurezza e dispositivi di protezione individuale Per una completa sicurezza.

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT CONTROPISTRE ccessori per prodotti della linea 795 Robust 1 2 4 3 in acciaio inox 2 (ISI 304) per il fi ssaggio di punti di ancoraggio tramite sistema ad incravattatura

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

Cod. commessa P -11-023. Tecnici. Ing. Christian Zanol Ing. Mattia Gasperini

Cod. commessa P -11-023. Tecnici. Ing. Christian Zanol Ing. Mattia Gasperini Committente COMUNE DI LASINO Piazza Degasperi, 25 38076 Lasino (TN) Oggetto Realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura della scuola elementare di Lasino Progetto esecutivo FASCICOLO TECNICO

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Fin Group LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Prodotti Conformi a UNI EN 795 FIN GROUP S.R.L. Divisione Commerciale Via Sentieri 44 24050 Cividate al Piano (BG) Tel. +39 0363

Dettagli

Seminario Tecnico: cadute dall alto, linee vita e ancoraggi per la manutenzione in copertura

Seminario Tecnico: cadute dall alto, linee vita e ancoraggi per la manutenzione in copertura Ente Unico e Paritetico per la Formazione e la Sicurezza O.P.P. Edilizia della Provincia di Lecco in collaborazione con organizza: Seminario Tecnico: cadute dall alto, linee vita e ancoraggi per la manutenzione

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 Cividate al Piano (BG) - Gennaio 2013 INDICE: 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE...4 2 IMMAGINE TIRANTE

Dettagli

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891 D.P.I. Corde - UNI EN 1891 SUL MERCATO SONO DISPONIBILI DUE TIPOLOGIE DI CORDE: DINAMICHE - Norma di riferimento EN 892 SEMI STATICHE - Norma di riferimento EN 1891 La norma UNI EN 353-2 (linee vita fless.)

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WDIR Componente di classe 1 secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: descrizione

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio LA SOCIETA Negli ultimi anni, vista la forte incidenza di infortuni per le cadute in quota, è stato introdotto l obbligo di installare sulle coperture adeguati

Dettagli

Rischi, sospensione inerte, classificazione DPI, ecc. Imbracature, sistemi di posizionamento, connettori, cordini, ecc.

Rischi, sospensione inerte, classificazione DPI, ecc. Imbracature, sistemi di posizionamento, connettori, cordini, ecc. Obiettivi del corso Conoscere i DPI ed i sistemi anticaduta: 1. Normativa D.Lgs. 81/08, ecc. 2. Generalità Rischi, sospensione inerte, classificazione DPI, ecc. 3. Elementi di un sistema Imbracature, sistemi

Dettagli

I sistemi di ancoraggio: progettazione e requisiti per la conformità

I sistemi di ancoraggio: progettazione e requisiti per la conformità I sistemi di ancoraggio: progettazione e requisiti per la conformità di Luca Rossi ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza - ISPESL ISPESL I sistemi di ancoraggio possono essere classificati

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

SISTEMI DI SICUREZZA ANTICADUTA:

SISTEMI DI SICUREZZA ANTICADUTA: SISTEMI DI SICUREZZA ANTICADUTA: Requisiti tecnici, tipologie, esempi di linee vita A cosa servono e perché conviene installarli I D.P.I. di 3 categoria e le abilitazioni professionali Leggi di riferimento

Dettagli

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto ing. PASTA NICOLA Quale approccio alla gestione del rischio di caduta dall alto alto D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - Art. 15 Le misure

Dettagli

CENTRO DI FORMAZIONE e CONSULENZA PER I LAVORI IN QUOTA

CENTRO DI FORMAZIONE e CONSULENZA PER I LAVORI IN QUOTA PER I LAVORI IN QUOTA PER I LAVORI IN QUOTA...1 CHI SIAMO...2 FORMAZIONE PERCHE...2 La nostra idea di Formazione...2 Cosa dice la legge in Italia...2 COSA OFFRIAMO: corsi e consulenza...3 CORSI DPI ANTICADUTA...4

Dettagli

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM)

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) OGGETTO: Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili. Progettazione preliminare di un

Dettagli

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO 2 indice INTRODUZIONE PARAPETTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO PARAPETTO P - STOP ORIZZONTALE configurazioni

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute

Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute dall alto. Quando le condizioni di lavoro presentano un rischio elevato, i sistemi anticaduta che permettono

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Sistemi Anticaduta ha un'esperienza decennale nel progettare, produrre, installare, collaudare e certificare dispositivi di ancoraggio a norma UNI EN 795. Produciamo dispositivi

Dettagli

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni.

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Arezzo, 23 settembre 2011 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Analisi delle novità legislative. Esperienze e modalità di applicazione. ATLAS è azienda

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA

LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA DALL'ALTO: DOVERI E RESPONSABILITÀ DELL'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Salvatore Ruocco Milano, 26 novembre 2015 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti

Dettagli

Corso di aggiornamento per CSP, CSE EDILFORM ESTENSE Ferrara, Fbbraio 2016. Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro

Corso di aggiornamento per CSP, CSE EDILFORM ESTENSE Ferrara, Fbbraio 2016. Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Corso di aggiornamento per CSP, CSE EDILFORM ESTENSE Ferrara, Fbbraio 2016 Sistemi anti-caduta: modulo Normativa Lauro Rossi Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Definizione di norma

Dettagli

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Cavo Assorbitore

Dettagli

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN La normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro riporta, al decreto legislativo 3 agosto 2009,

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 COMMITTENTE: UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Viale della Costituzione, 3 35010 Cadoneghe (PD) tipologia intervento Per i lavori di:

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 Osservatorio sugli Infortuni dei Vigili del Fuoco Documento n. 2/2007 maggio 2007 DISPOSITIVI

Dettagli

M.TERMOLATTONERIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO. Ubicazione edificio: VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO

M.TERMOLATTONERIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO. Ubicazione edificio: VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO M.TERMOLATTONERIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO COMMITTENTE : NORD EDIL SRL VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO Ubicazione edificio: VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO SARONNO 12-12-2014

Dettagli

METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE

METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute dall alto. Quando le condizioni di lavoro presentano un rischio

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Securope manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA EN 795 CLASSE C Securope Indice 1. INTRODUZIONE pag. 3 1.1 DAL PROGETTISTA ALL UTILIZZATORE pag. 3 2. INFORMAZIONI TECNICHE pag. 4 2.1 DESCRIZIONE

Dettagli

Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza 1 2 Argomenti trattati INDICE Che cos è un sistema di ancoraggio Legislazione specifica Marcatura CE e non marcatura CE Direttiva

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome Residente/con

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014

CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014 CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014 1- Premesse generali 2- Tipologie di strutture di copertura degli edifici; 3- Tipologie di impianti integrati, considerazioni estetiche e tecniche 4- Dispositivi di sicurezza

Dettagli

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza Seminario Tecnico Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza 27 febbraio 2014 Confindustria Marche Sala Tacconi Via Filonzi 11 Ancona In collaborazione con: 2 Seminario Tecnico Le cadute dall'alto:

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli