La Privacy negli Studi Legali:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Privacy negli Studi Legali:"

Transcript

1 La Privacy negli Studi Legali: Obblighi e Soluzioni Responsabilità e Opportunità

2 I RIFERIMENTI NORMATIVI

3 LE MISURE DI SICUREZZA Art. 31. Obblighi di sicurezza (Codice Privacy) I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

4 L ANALISI DEI RISCHI Analisi e valutazione del rischio ex DPS Abrogato, non inutile È importante analizzare e valutare i rischi per la sicurezza e le aree entro cui basare la propria valutazione, al fine di ridurre al minimo: Il rischio di distruzione e perdita accidentale dei dati; Il rischio di accesso non autorizzato, sia agli ambienti che alle banche dati; Il rischio di trattamento non consentito; Il rischio di trattamento non conforme alla raccolta ed alle finalità (es. Nato per lo storage e finito per fare profilazione) Gestione del rischio Una volta analizzato il fattore di rischio questo va identificato, controllato e rimosso/ridotto, secondo modalità idonee in relazione al tipo di dati trattati, al fine di impedire che possa influire negativamente sulle risorse del sistema del trattamento.

5 UN ATTIVITA PERICOLOSA Art. 15. Danni cagionati per effetto del trattamento 1. Chiunque cagiona danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell'articolo 2050 del codice civile Il danno non patrimoniale è risarcibile anche in caso di violazione dell'articolo 11. Art c.c. 1. Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, è tenuto al risarcimento, se non prova di avere adottato tutte le misure idonee a evitare il danno.

6 LE MISURE MINIME DI SICUREZZA Art. 33. Misure minime (Codice Privacy) Trattamento effettuato in assenza di strumenti elettronici Art. 35 Garantiscono la Protezione dei dati personali Art. 34 Trattamento effettuato attraverso strumenti elettronici

7 L ALLEGATO B) AL CODICE DELLA PRIVACY Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza Trattamento effettuato mediante strumenti elettronici Sistemi di autenticazione informatica Sistema di autorizzazione Elenco pratico delle misure da adottare Altre misure di sicurezza DPS Ulteriori misure in caso di trattamento di dati sensibili o giudiziari Trattamento effettuato senza l ausilio strumenti elettronici Garanzia di custodia idonea di atti e documenti Conservazione di determinati atti in archivi ad accesso selezionato

8 LE SANZIONI PENALI Art Misure di sicurezza 1. Chiunque, essendovi tenuto, omette di adottare le misure minime previste dall'articolo 33 è punito con l'arresto sino a due anni. 2. All'autore del reato, all'atto dell'accertamento o, nei casi complessi, anche con successivo atto del Garante, è impartita una prescrizione fissando un termine per la regolarizzazione non eccedente il periodo di tempo tecnicamente necessario, prorogabile in caso di particolare complessità o per l'oggettiva difficoltà dell'adempimento e comunque non superiore a sei mesi. Nei sessanta giorni successivi allo scadere del termine, se risulta l'adempimento alla prescrizione, l'autore del reato è ammesso dal Garante a pagare una somma pari al quarto del massimo della sanzione stabilita per la violazione amministrativa. L'adempimento e il pagamento estinguono il reato. L'organo che impartisce la prescrizione e il pubblico ministero provvedono nei modi di cui agli articoli 21, 22, 23 e 24 del decreto legislativo 19 dicembre 1994, n. 758, e successive modificazioni, in quanto applicabili.

9 APPLICAZIONE TERRITORIALE DEL CODICE PRIVACY Art. 5. Oggetto ed ambito di applicazione 1. Il presente codice disciplina il trattamento di dati personali, anche detenuti all'estero, effettuato da chiunque è stabilito nel territorio dello Stato o in un luogo comunque soggetto alla sovranità dello Stato. 2. Il presente codice si applica anche al trattamento di dati personali effettuato da chiunque è stabilito nel territorio di un Paese non appartenente all'unione europea e impiega, per il trattamento, strumenti situati nel territorio dello Stato anche diversida quellielettronici, salvo che essi siano utilizzati solo ai fini di transito nel territorio dell'unione europea. [ ] 3. [ ]

10 IL TRASFERIMENTO DI DATI ALL ESTERO Art. 42 Art. 43 (Area UE) (Area Extra UE) Libera circolazione dei dati trattati nell UE La circolazione nei paesi extra UE è soggetta limitazioni 1. Necessario il consenso espresso dell interessato 2. Adempimento di obblighi di legge 3. Necessità di giustizia

11 IL TRASFERIMENTO DI DATI ALL ESTERO Art. 44. Altri trasferimenti consentiti 1. Il trasferimento di dati personali oggetto di trattamento, diretto verso un Paese non appartenente all'unione europea, è altresì consentito quando è autorizzato dal Garante sulla base di adeguate garanzie per i diritti dell'interessato: a) individuate dal Garante anche in relazione a garanzie prestate con un contratto o mediante regole di condotta esistenti nell'ambito di società appartenenti a un medesimo gruppo. L'interessato può far valere i propri diritti nel territorio dello Stato, in base al presente codice, anche in ordine all'inosservanza delle garanzie medesime; b) individuate con le decisioni previste dagli articoli 25, paragrafo 6, e 26, paragrafo 4, della direttiva 95/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 ottobre 1995, con le quali la Commissione europea constata che un Paese non appartenente all'unione europea garantisce un livello di protezione adeguato o che alcune clausole contrattuali offrono garanzie sufficienti. International Safe Harbor Privacy Principles OK

12 L APPLICAZIONE PRATICA

13 a smartphone knows much more than a PC did. There s an old computer science saying that a computer should never ask you a question that it should be able to work out the answer to; a smartphone can work out much more. It can see who your friends are, where you spend your time, what photos you ve taken, whether you re walking or running and what your credit card is Mobile first, di Benedict Evans May 14, 2015

14 MOBILE DEVICES E BYOD Siti Web truffaldini Regolamentazione Utilizzo PC e Dispositivi Rubrica e contatti ID Utente e Password Documenti, Scansioni e Foto Virus e Programmi Malevoli Accesso remoto (VNC e Team Viewer) Aggiornamenti Software Password Manager Programmi Craccati Wi-Fi Pubblico e Connessioni non protette Cookies di Accesso (Resa connesso )

15 MOBILE DEVICES E BYOD OPPORTUNITA RISCHI Riduzione dei costi Lavoro remoto ed in mobilità Utilizzo del dispositivo preferito Personalizzazione del prodotto Perdita o furto dei dispositivi Virus ed Accesso abusivo di terzi Accesso involontario da parte di terzi Perdita dei dati contenuti Utilizzo illecito di utente e password Mancata adozione delle misure dell Allegato B) al Codice Privacy Mancato utilizzo delle cautele dovute

16 L ARCHIVIAZIONE DEI DATI Archiviazione locale Archiviazione Cloud

17 L ARCHIVIAZIONE DEI DATI (Pc Locale) Il Private Cloud UFFICIO (Switch) INTERNET (Pc remoto) (Modem/ Router) IP Pubblico Liberamente accessibile Accesso da parte di terzi (NAS)

18 L ARCHIVIAZIONE DEI DATI OPPORTUNITA RISCHI Mobilità ed accessibilità remota Velocità di accesso ai dati Facilità di ricerca OCR integrato Collaborazione Responsabili o Autonomi Titolari? Collocazione dei Server Perdita di controllo dei dati Data Breach Data Retention Password e Single Sign-On Utilizzo su reti non protette Sicurezza delle reti di telecomunicazione Sistema di Business del fornitore?

19 WEB APP E SOFTWARE CLOUD (SaaS, PaaS, IaaS) Gestionale di Studio (Kleos, Cliens Studio Legale Web, Netlex, etc..) Software di redazione atti (Office 365, Google Docs, Open Office, etc ) e Client Mail (Gmail, Outlook, Mailbox, etc ) Utility (Calcolatori Hash)

20 WEB APP E SOFTWARE CLOUD (SaaS, PaaS, IaaS) OPPORTUNITA RISCHI Interoperabilità delle piattaforme Riduzione dei costi infrastruttura Riduzione costi licenze Minore manutenzione del software Aggiornamenti continui Collaborazione più rapida Sicurezza della connessione (Https://) Collocazione della piattaforma Password e Single Sign-On Utilizzo su reti non protette Sicurezza delle reti di telecomunicazione Data retention? Metodo di Business?

21 UNA MAPPA DEI DATA BREACH PIU IMPORTANTI Perché un Data Breach è importante? Perché molto spesso utilizziamo le stesse password per più account Può essere problematico nel caso di utilizzo dei servizi di Single Sign-On Un Data Breach può avere anche conseguenti deflagranti sui dati inseriti nei cd. Cloud Services

22 LA CONNESSIONE DI RETE Utilizzo di reti private (Mobile Devices) (Wi-fi privato) (Internet)

23 LA CONNESSIONE DI RETE Utilizzo di reti pubbliche (Mobile Devices) Mail Gestionale Documenti Scansioni Telefonate Voip (Wi-fi pubblico) (Internet) (Server)

24 LA CONNESSIONE DI RETE OPPORTUNITA RISCHI Interoperabilità delle piattaforme Riduzione dei costi infrastruttura Riduzione costi licenze Minore manutenzione del software Aggiornamenti continui Collaborazione più rapida Sicurezza della connessione (Https://) Collocazione della piattaforma Password e Single Sign-On Utilizzo su reti non protette Sicurezza delle reti di telecomunicazione Data retention? Metodo di Business?

25 LA REGOLAMENTAZIONE INTERNA Accesso remoto Accessi abusivi a sistemi informatici Modalità di utilizzo dei sistemi informatici, delle e dei computer L archiviazione remota Utenze e Password La gestione informatica dello studio Il Controllo a distanza Accesso alle banche dati

26 LA REGOLAMENTAZIONE INTERNA OPPORTUNITA RISCHI Aumento della produttività Verifica degli accessi ai sistemi informatici Lavoro in remoto Gestione del lavoro e del tempo Violazione normativa sul controllo a distanza Mancata o incompleta regolamentazione sull utilizzo dei computer Aumento costi di manutenzione Alta esposizione all installazione di software malevolo Applicabilità Art c.c. (Responsabilità Padroni Committenti)

27 ALTRI CASI Le Associazioni di segretarie e la gestione delocalizzata dell amministrazione dello Studio Legale La gestione da parte di enti esterni del PCT L utilizzo di sistemi in comune e gli Open Space

28 LA GIURISPRUDENZA

29 I Danni Ai Clienti

30 Trib. Milano Sez. I, 26/09/2012 TRATTAMENTO DEI DATI COME ATTIVITA PERICOLOSA In tema di trattamento e di diffusione dei dati personali, la valutazione del comportamento tenuto dal gestore di tali dati deve essere svolta alla stregua dei principi ricavabili dall'art c.c., richiamato dall'art. 15 del Codice della privacy

31 Cass. civ. Sez. III, 15/07/2014, n IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il danno non patrimoniale risarcibile ai sensi dell'art. 15del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (cosiddetto codice della privacy), pur determinato da una lesione del diritto fondamentale alla protezione dei dati personali tutelato dagli artt. 2 e 21 Cost. e dall'art. 8 della CEDU, non si sottrae alla verifica della "gravità della lesione" e della "serietà del danno" (quale perdita di natura personale effettivamente patita dall'interessato), in quanto anche per tale diritto opera il bilanciamento con il principio di solidarietà ex art. 2 Cost., di cui il principio di tolleranza della lesione minima è intrinseco precipitato, sicché determina una lesione ingiustificabile del diritto non la mera violazione delle prescrizioni poste dall'art. 11 del codice della privacy ma solo quella che che ne offenda in modo sensibile la sua portata effettiva. Il relativo accertamento di fatto è rimesso al giudice di merito e resta ancorato alla concretezza della vicenda materiale portata alla cognizione giudiziale ed al suo essere maturata in un dato contesto temporale e sociale.

32 Cass. civ. Sez. II, 24/06/2014, n L ATTIVITA PROMOZIONALE L'invio di un fax promozionale ad un numero estratto dagli elenchi telefonici, se non preceduto dall'informativa sul trattamento del dato personale e dall'acquisizione del consenso del titolare, integra due illeciti amministrativi, consistenti, da un lato, dall'omessa informativa ex artt. 13 e 161 del "codice della privacy", e, dall'altro, dalla non assentita comunicazione automatizzata ex artt. 23, 130, 162, comma 2 bis, e 167 del medesimo codice. (Rigetta, Trib. Padova, 04/04/2013)

33 Cass. civ. Sez. I, 19/05/2014, n IL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI In materia di trattamento dei dati personali, i dati sensibili idonei a rivelare lo stato di salute ai sensi dell'art 4 del 30 giugno 2003, n. 196, la cui tutela è posta a protezione dei diritti fondamentali alla salute e alla riservatezza, possono essere diffusi e conservati solo mediante l'uso di cifrature o numeri di codici non identificabili. Tale accorgimento costituisce la misura minima idonea ad impedire il danno e, qualora non sia attuato, obbliga chi compie l'attività di trattamento di tali dati, da considerarsi pericolosa ai sensi dell'art cod. civ., al relativo risarcimento.

34 Cass. civ. Sez. III, 03/04/2014, n IL PARI RANGO NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI L'interesse alla riservatezza dei dati personali, anche quando riguardino soggetti terzi rispetto alle parti del giudizio, deve cedere a fronte di autentiche esigenze di difesa di altri interessi giuridicamente rilevanti, fra cui quello al corretto e coerente esercizio del diritto di difesa in giudizio, assumendo in ogni caso e a fronte di ogni decisione come criterio direttivo la comparazione tra gli interessi concretamente coinvolti: comparazione a cui deve procedere il giudice del merito, sulla base del suo sereno ed equilibrato apprezzamento. Unica condizione richiesta è che l'utilizzazione dei dati personali - consentita in tal caso dall'art. 24 D.Lgs. n. 196/2003(c.d. codice della privacy) senza il consenso dell'interessato - sia pertinente alla tesi difensiva e non eccedente le sue finalità; che sia, cioè, utilizzata esclusivamente nei limiti di quanto necessario al legittimo ed equilibrato esercizio della propria difesa.

35 Cass. civ. Sez. I, 06/12/2013, n (rv ) IL CONSENSO AL TRATTAMENTO In tema di privacy, la circostanza che i dati personali siano stati resi noti alla stampa direttamente dagli interessati in una pregressa occasione non ha valore di consenso tacito al trattamento anche in contesti diversi dalla loro originaria pubblicazione, poiché l'interessato può essere contrario a che l'informazione da lui già resa nota riceva una ulteriore e più ampia diffusione dovendosi ritenere che la deroga prevista dall'art. 137, ultimo comma, del d.lgs. 30 giugno 2006, n. 196 concerna solo l'essenzialità del dato trattato e non anche l'interesse pubblico alla sua diffusione, di cui va apprezzata autonomamente l'idoneità, in ispecie rispetto al diritto del minore alla riservatezza e al diritto alla non divulgabilità del proprio domicilio.

36 Il Collaboratore

37 Violazioni di Policy Aziendali - Cass /2013 IL CASO C è mancanza di proporzionalita tra addebito e sanzione irrogata sulla scorta di una valutazione in concreto del fatto così come contestato (installazione ed utilizzazione del programma "emule") ritenuto generico in relazione alla parte relativa alla utilizzazione del programma, solo enunciata astrattamente, e, in quanto tale, non idonea a consentire una adeguata valutazione della sua effettiva gravità. Secondo la stessa Policy" la sanzione del licenziamento risultava essere non un conseguenza obbligata della generica installazione ed improprio uso di un programma, ma una possibile conseguenza, evidentemente da integrare con ulteriori elementi che ne delineassero la effettiva gravità in concreto. Il riferimento alla presenza di un solo precedente disciplinare in quindici anni di anzianita di servizio del dipendente ed alla mancanza di concreti danni all'azienda ricollegabili all'addebito contestato appaiono come elementi da soli certo non decisivi ma ulteriori, utilizzabili per una migliore comprensione della reale portata del fatto così come contestato.

38 Violazioni di Policy Aziendali - Cass /2013 LA DECISIONE Un dipendente viene licenziato a seguito di una perizia fatta eseguire dal datore di lavoro sul personal computer (PC) aziendale dato in uso al dipendente. Dalla perizia era emerso che il predetto aveva cancellato sistematicamente tutto il contenuto del disco fisso del detto pc, installato il programma "emule" ed altri (specificamente indicati nella contestazione), scaricato dalla rete Internet innumerevoli files video, immagini, audio - di contenuto vario, anche pornografico - a soli scopi personali, utilizzato il PC per finalita extralavorative anche in orario lavorativo, per entrare in forum ed acquistare prodotti online, il tutto in violazione di specifiche norme della "Policy Aziendale".

39 Provvedimento del Garante della Privacy 18 maggio 2006 [ ] IL FATTO Il ricorrente ha ricevuto dalla societa resistente, di cui era dipendente, una contestazione disciplinare ed una successiva comunicazione di licenziamento senza preavviso, entrambe motivate con riferimento, tra l'altro, all'esistenza nel personal computer "in dotazione per motivi di lavoro" di una cartella "D:DatiPersonale" (contenente file di immagini e di testo "prevalentemente di tipo pornografico"), nonche di una cartella "D:DatiMusica" (contenenti file audio digitali), in violazione di quanto previsto nelle "Linee guida per l'utilizzo delle postazioni di lavoro" impartite dalla resistente ai propri dipendenti.

40 Provvedimento del Garante della Privacy 18 maggio 2006 [ ] IL PROVVEDIMENTO Il ricorso viene accolto da Garante della Privacy. Il ricorrente, pur presente all'atto della ricerca, dell'individuazione e della visione del contenuto dei file conservati nelle predette cartelle, non risulta essere stato informato previamente dell'eventuale svolgimento di tali tipi di controllo. A tal fine, non possono ritenersi sufficienti le indicazioni contenute nelle linee guida che la societa dichiara di aver portato a conoscenza dei propri dipendenti le quali non riportano alcuna informativa specifica in riferimento al trattamento di dati personali che avrebbe potuto essere effettuato in attuazione di eventuali controlli (anche occasionali o "consensuali") del datore di lavoro su tali strumenti, ovvero alle modalita da seguire per gli stessi (ad es., circa la presenza dell'interessato, di rappresentanti sindacali, di personale all'uopo incaricato). [...] alla luce delle considerazioni sopra esposte, e considerato l'art. 11, comma 2, del Codice secondo cui i dati trattati in violazione della disciplina rilevante in materia di trattamento dei dati personali non possono essere utilizzati [...]

41 La gestione delle chiavi di accesso - Cass /2013 La suprema Corte di Cassazione, con l ordinanza n del 21 maggio 2013, ha disposto che il dipendente che, con finalita ostruzionistiche, non fornisca le chiavi di accesso ai sistemi informatici, lede il rapporto di fiducia in maniera irreversibile con il datore di lavoro.

42 Cass. civ. Sez. I, 01/08/2013, n IL CONTROLLO DELLA CRONOLOGIA Viola la privacy del lavoratore il datore di lavoro che utilizzi i dati attinti dal computer di un proprio dipendente in una contestazione disciplinare, per avere indebitamente, durante il rapporto di lavoro, a lungo visitato siti sindacali, di culto e pornografici, trattandosi di dati sensibili idonei a rivelare convinzioni religiose, opinioni sindacali, nonché gusti attinenti alla vita sessuale.

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme 15 Meeting nazionale ACEF Bologna, 30 ottobre 2015 Claudia Cevenini La nuvola informatica Insieme di tecnologie che permettono di memorizzare,

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

Art. 167. Trattamento illecito di dati

Art. 167. Trattamento illecito di dati Art. 167. Trattamento illecito di dati 1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarne per sè o per altri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento di

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

Il Trattamento dei dati personali

Il Trattamento dei dati personali Il Trattamento dei dati personali Obblighi e adempimenti del professionista dott. Francesco Loppini LA PRIVACY DAL PUNTO DI VISTA STORICO In Italia, a partire dal 1981, numerosi disegni di legge: Il progetto

Dettagli

Per tutte le informazioni contenute sul sito, è chiaramente indicata la fonte.

Per tutte le informazioni contenute sul sito, è chiaramente indicata la fonte. Regole e Princìpi Etici di www.lichenscleroatrofico.it Questo sito si attiene alle regole generali dei Codici di condotta per i siti a contenuto medico, volto a garantire la qualità e l'attendibilità dell'informazioni

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY PIATTAFORMA WEB BIOEASY.IT

NORMATIVA SULLA PRIVACY PIATTAFORMA WEB BIOEASY.IT NORMATIVA SULLA PRIVACY PIATTAFORMA WEB BIOEASY.IT - Finalità dell avviso La ringraziamo per la consultazione di questa sezione del nostro sito web. La Sua privacy è molto importante per Bioeasy S.r.l.

Dettagli

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing. I dati nella nuvola : aspetti legali e contrattuali. Avv.

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing. I dati nella nuvola : aspetti legali e contrattuali. Avv. Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing I dati nella nuvola : aspetti legali e contrattuali Avv. Pierluigi Perri Dottore di ricerca in Informatica giuridica e diritto dell informatica

Dettagli

La normativa italiana

La normativa italiana La normativa italiana Qual è la normativa italiana riguardo a questi fenomeni? D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy); D.Lgs 9 aprile 2003, n. 70 (Commercio elettronico); D.Lgs 6 settembre

Dettagli

AVIS COMUNALE MILAZZO

AVIS COMUNALE MILAZZO Con l introduzione del D.Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali, che dal lontano 2004 è diventato operativo sostituendo la L. 675/1996, molte sono le domande sulla necessità di una nuova legge

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012 Privacy Novità legislative e giurisprudenziali Gabriele Faggioli Intel, 11 luglio 2012 1 Considerazioni iniziali Il 2011 e il 2012 sono stati caratterizzati da importanti novità nel settore normativo della

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS. 196/2003. Il "Titolare del trattamento"

INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS. 196/2003. Il Titolare del trattamento INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS. 196/2003 Il "Titolare del trattamento" Ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali, MEM Società Generali

Dettagli

LORO SEDI. OGGETTO: Misure minime di sicurezza previste dal D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

LORO SEDI. OGGETTO: Misure minime di sicurezza previste dal D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Prot. n. 15546 Lecce, 24 giugno 2004 Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento e dei Centri con autonomia contabile e gestionale Ai Responsabili di Progetto Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione

Dettagli

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda open > PRIVACY.NET La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda next > Il software è rivolto a: Chiunque tratta dati personali, con e senza strumenti elettronici, è tenuto

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

PRIVACY E DELLA SICUREZZA (ASPETTI CHE IL CLOUD POTREBBE METTERE IN PERICOLO)

PRIVACY E DELLA SICUREZZA (ASPETTI CHE IL CLOUD POTREBBE METTERE IN PERICOLO) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CLOUD COMPUTING E SUE RILEVANZE NELL ORGANIZZAZIONE DI STUDIO? PRIVACY E DELLA SICUREZZA (ASPETTI CHE IL CLOUD

Dettagli

La presente "Cookie Policy" (la nostra politica relativa all uso di cookie) viene applicata sul nostro sito

La presente Cookie Policy (la nostra politica relativa all uso di cookie) viene applicata sul nostro sito La presente "Cookie Policy" (la nostra politica relativa all uso di cookie) viene applicata sul nostro sito Internet, comprese le pagine su piattaforme di terze parti (ad esempio Facebook o YouTube), e

Dettagli

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Ambito di applicazione e finalità Art. 1 (Diritto alla protezione dei

Dettagli

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R Direzione Provinciale di Catania ATTO DISPOSITIVO N. 66 / 2013 Assegnazione di personale: Maria Parisi IL DIRETTORE PROVINCIALE Con nota prot. n.1410 dell 08 gennaio

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La privacy policy di questo sito INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Perché questo avviso? In questa pagina si descrivono le modalità

Dettagli

BlackRock Investment Management (UK) Limited Succursale Italiana, con sede in Milano, Piazza San Fedele 2, in qualità di Titolare

BlackRock Investment Management (UK) Limited Succursale Italiana, con sede in Milano, Piazza San Fedele 2, in qualità di Titolare Privacy Policy BlackRock Investment Management (UK) Limited Succursale Italiana, con sede in Milano, Piazza San Fedele 2, in qualità di Titolare del trattamento ( BlackRock ) pone particolare attenzione

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13

Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 Gentile Utente, H3G S.p.A. (di seguito 3 ) è titolare di Sue informazioni qualificate come dati personali, che Le sono richieste per

Dettagli

Fondamenti di sicurezza digitale per neofiti

Fondamenti di sicurezza digitale per neofiti Vicino Lontano Udine 2015 Fondamenti di sicurezza digitale per neofiti Alessandro Scinawa! Yvette (vdk) Diego Di cosa trattiamo privacy, riservatezza e sicurezza: forma mentis necessaria! esercitazione

Dettagli

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory. Pagina 1 di 9 La tutela della privacy Il quadro normativo italiano 1.1. La cosiddetta "legge sulla privacy" La più importante legge italiana in materia di "privacy" è la l. 31 dicembre 1996, n. 675, "Tutela

Dettagli

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO Poichè, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate o identificabili,

Dettagli

CONVEGNO ORDINE INGEGNERI DI MILANO CEFRIEL - CLUSIT CISCO LA SICUREZZA DELLE RETI TUTELA E SICUREZZA DEI DATI PERSONALI: LE RESPONSABILITA CIVILI

CONVEGNO ORDINE INGEGNERI DI MILANO CEFRIEL - CLUSIT CISCO LA SICUREZZA DELLE RETI TUTELA E SICUREZZA DEI DATI PERSONALI: LE RESPONSABILITA CIVILI CONVEGNO ORDINE INGEGNERI DI MILANO CEFRIEL - CLUSIT CISCO LA SICUREZZA DELLE RETI TUTELA E SICUREZZA DEI DATI PERSONALI: LE RESPONSABILITA CIVILI MILANO, 8 APRILE 2003 EMILIO TOSI Ricercatore Istituto

Dettagli

Particolarità di alcuni trattamenti: Dott. Daniele Gombi

Particolarità di alcuni trattamenti: Dott. Daniele Gombi Particolarità di alcuni trattamenti: Videosorveglianza, Marketing, Mobile Device Dott. Daniele Gombi ALCUNI DATI 20.000.000000 000 smartphone stimati in Italia +52% Rispetto al 2010 77% utenti che li usano

Dettagli

Roma, 18/06/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 123

Roma, 18/06/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 123 Ufficio Centrale di monitoraggio e coordinamento in materia di protezione dei dati personali e accesso alle banche dati Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI 1 Informativa Privacy Fondazione Ettore Sansavini per Ricerca Scientifica Onlus INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AUTORIZZAZIONE 11 dicembre 2014 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati. (Autorizzazione n. 6/2014). (14A09916)

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

PRIVACY Due terzi dei siti web italiani violano la privacy Cosa possiamo fare?

PRIVACY Due terzi dei siti web italiani violano la privacy Cosa possiamo fare? PRIVACY Due terzi dei siti web italiani violano la privacy Cosa possiamo fare? POLICYPRIVACY Lezione di Privacy 2014 ANDREA CHIOZZI Sommario Attività Il Contesto? Il Quadro Normativo Sanzioni Informativa/Consenso

Dettagli

Informativa per trattamento di dati personali - Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 13, D.Lgs. 30 giugno 2003 n.

Informativa per trattamento di dati personali - Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 13, D.Lgs. 30 giugno 2003 n. Informativa per trattamento di dati personali - Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 13, D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 In osservanza al D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (Codice

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA Una proposta per rispondere alla misura 4.4 (o e ) del Provvedimento del Garante del 28 novembre 2008. E' possibile dare il proprio

Dettagli

Condizioni di utilizzo Cercare & trovare

Condizioni di utilizzo Cercare & trovare Condizioni di utilizzo Cercare & trovare Art. 1 1. Le seguenti condizioni si applicano a tutte le informazioni e i servizi offerti nella presente pagina web. 2. La presente pagina web può essere utilizzata

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA PRIVACY PER IL TELE-MARKETING

LA NUOVA NORMATIVA PRIVACY PER IL TELE-MARKETING LA NUOVA NORMATIVA PRIVACY PER IL TELE-MARKETING Cosa cambia dal 1 Febbraio 2011 Strumenti di tutela amministrativa, civile e penale degli utenti rispetto agli abusi Avv. Alessandro del Ninno adelninno@tonucci.it

Dettagli

PRIVACY POLICY. Aggiornata al 01/04/2011

PRIVACY POLICY. Aggiornata al 01/04/2011 PRIVACY POLICY Aggiornata al 01/04/2011 Benvenuto sul Sito web di Lualdi Spa. La Sua privacy è per noi molto importante, per questo desideriamo comunicarle le modalità con le quali raccogliamo e usiamo

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

PROFILI NORMATIVI E CONTRATTUALI RELATIVI ALLA SICUREZZA E ALLA RISERVATEZZA DEI DATI NEI SERVIZI DI CLOUD COMPUTING. Avv.

PROFILI NORMATIVI E CONTRATTUALI RELATIVI ALLA SICUREZZA E ALLA RISERVATEZZA DEI DATI NEI SERVIZI DI CLOUD COMPUTING. Avv. PROFILI NORMATIVI E CONTRATTUALI RELATIVI ALLA SICUREZZA E ALLA RISERVATEZZA DEI DATI NEI SERVIZI DI CLOUD COMPUTING Avv. Giorgio Spedicato CHI SONO Managing Partner dello studio legale Monducci Perri

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

VISTE le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

VISTE le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000; Prescrizioni ai fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico che svolgono attività di profilazione - 25 giugno 2009 (G.U. n. 159 dell'11 luglio 2009) IL GARANTE PER LA PROTEZIONE

Dettagli

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati (Pubblicata sulla G.U. n. 196 del 24 agosto 2007 - supp. ord. n. 186) Registro delle Deliberazioni Del. n.

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY

INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY Milano, 01 luglio 2015 INFORMATIVA AI SENSI DEL CODICE DELLA PRIVACY (art. 13 D. Lgs.n. 196/03) In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito internet

Dettagli

AUTORI: ELENA ORTU - LUISA ROBERTO

AUTORI: ELENA ORTU - LUISA ROBERTO L e-mail aziendale UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI: PROF. BRUNO TROISI DOTT. MASSIMO FARINA L uso dell e-mail aziendale

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI (LEGGE 196/03)

INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI (LEGGE 196/03) INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI (LEGGE 196/03) Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, recante il Codice in materia di protezione dei dati personali.

Dettagli

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale COMUNE DI CASAZZA Comune di Casazza Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale in ottemperanza del D.Lgs. 196/2003 e s.m. Adottato con DCC n.

Dettagli

2. CHI TRATTA I SUOI DATI PERSONALI

2. CHI TRATTA I SUOI DATI PERSONALI PRIVACY POLICY Benvenuto sul nostro sito web www.messeri.biz ("Sito"). La preghiamo di leggere attentamente la nostra Privacy Policy che si applica nel caso Lei acceda al sito web e decida di navigare

Dettagli

COS E LA PRIVACY POLICY

COS E LA PRIVACY POLICY COS E LA PRIVACY POLICY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa che

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE)

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) PREMESSA Il Garante per la protezione dei dati personali, con Provvedimento 1.03.2007 pubblicato sulla G. U. R.I. 10.03.2007,

Dettagli

Provvedimenti a carattere generale 27 novembre 2008 Bollettino del n. 0/novembre 2008, pag. 0

Provvedimenti a carattere generale 27 novembre 2008 Bollettino del n. 0/novembre 2008, pag. 0 Provvedimenti a carattere generale 27 novembre 2008 Bollettino del n. 0/novembre 2008, pag. 0 Devono essere adottati sistemi idonei alla registrazione logici (autenticazione informatica) ai sistemi di

Dettagli

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO PERCHE QUESTO AVVISO LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si

Dettagli

Il Garante Privacy e la profilazione on line

Il Garante Privacy e la profilazione on line Il Garante Privacy e la profilazione on line!!! avv. Valerio Edoardo Vertua E-Privacy 2015 - Roma - 03 luglio 2015 Curriculum CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN COMPUTER FORENSICS E INVESTIGAZIONI DIGITALI VI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SANT EGIDIO ALLA VIBRATA (Provincia di Teramo) Tel. 0861/846511 Fax 0861/840203 Part. IVA: 00196900674 e-mail: info@comune.santegidioallavibrata.te.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie GIUSEPPE MANTESE 14 gennaio 2009 Milano Argomenti trattati nell intervento: Utilizzo degli strumenti

Dettagli

aprile2011 Il Cloud, tra contrattualistica e privacy

aprile2011 Il Cloud, tra contrattualistica e privacy aprile2011 Il Cloud, tra contrattualistica e privacy Chi Parla? - Dipartimento di IT di Perani Pozzi Tavella [2pt.eu] - Cultore della materia di Informatica Giuridica, cattedra Prof. Ziccardi, Università

Dettagli

Ai sensi dell'art.13 Decreto legislativo 30/6/2003 n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") si informa che:

Ai sensi dell'art.13 Decreto legislativo 30/6/2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) si informa che: INFORMATIVA AI SENSI DEL D. LGS. 30.06.2003 N 196 Ai sensi dell'art.13 Decreto legislativo 30/6/2003 n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") si informa che: I dati personali verranno

Dettagli

IL "TITOLARE" DEL TRATTAMENTO

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO Oggetto: Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Dettagli

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio Come implementare o aggiornare il Documento Programmatico per la Sicurezza (DPS) in conformità al Disciplinare Tecnico Gestione della privacy: chiarezza sulle figure, ruoli, compiti e responsabilità Chiedi

Dettagli

COMUNE DI MARCIGNAGO

COMUNE DI MARCIGNAGO COMUNE DI MARCIGNAGO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI MARCIGNAGO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 27.09.2011 SOMMARIO:

Dettagli

PRIVACY E MONDO DEL LAVORO: UN CONNUBIO DI DIFFICILE APPLICAZIONE

PRIVACY E MONDO DEL LAVORO: UN CONNUBIO DI DIFFICILE APPLICAZIONE PRIVACY E MONDO DEL LAVORO: UN CONNUBIO DI DIFFICILE APPLICAZIONE di Alessandro Rapisarda La privacy è un diritto che viene definito di terza generazione in quanto, oltre ad innovare le tutele giuridiche

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI D.Lgs. 196/03 artt.31-36 Allegato B Art. 31 (Obblighi di sicurezza) 1. I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati,

Dettagli

I rischi legati al trattamento dei dati e gli adempimenti obbligatori per le aziende

I rischi legati al trattamento dei dati e gli adempimenti obbligatori per le aziende I rischi legati al trattamento dei dati e gli adempimenti obbligatori per le aziende STUDIO LEGALE SAVINO, Via Monte Santo 14 Roma Email: - Telefono: 06-3728446 Legge 547/93 Modificazioni ed integrazioni

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS. 196/03 (SITO WEB)

INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS. 196/03 (SITO WEB) INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS. 196/03 (SITO WEB) Il "Titolare del trattamento" Ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali, Società e

Dettagli

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 21/07/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Videosorveglianza Vademecum per i titolari di Farmacia Ottobre 2015 A cura di B.Foresti, ufficio legale Federfarma Fonti normative

Dettagli

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 Privacy Policy Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 BE WITH US ONLUS, considera di fondamentale importanza la "privacy" dei propri utenti e garantisce

Dettagli

Testo Unico sulla privacy. La protezione dei dati personali. Principi generali. Alcune definizioni. Comunicazione e diffusione.

Testo Unico sulla privacy. La protezione dei dati personali. Principi generali. Alcune definizioni. Comunicazione e diffusione. Testo Unico sulla privacy La protezione dei dati personali Codice in materia di protezione dei dati personali (D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196) Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 3-11 maggio 2004

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 27 Settembre 2012

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675)

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) La Legge disciplina il trattamento di dati con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati proponiamo uno schema

Dettagli

I dati personali potranno essere oggetto di trattamento anche per la finalità di consentire la navigazione e la consultazione del Sito.

I dati personali potranno essere oggetto di trattamento anche per la finalità di consentire la navigazione e la consultazione del Sito. Privacy Policy (Codice della Privacy Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) La Mind the Lab snc, quale editore del Social Network denominato I AM CALCIO, si impegna costantemente per tutelare la privacy

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET L2010-1 Comunità Montana VALLI ORCO E SOANA AGENZIA di SVILUPPO del TERRITORIO (Art. 9-ter L.R. n. 16/99) DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET DECRETO LEGISLATIVO 30

Dettagli