Verbale Interventi DCC n. 44 del 11/03/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale Interventi DCC n. 44 del 11/03/2010"

Transcript

1 PRESIDENTE: Punto 4 all ordine del giorno. Realizzazione impianti di depurazione nelle frazioni interessate dai programmi di recupero, approvazione progetto definitivo e adozione variante ai sensi dell articolo 19. allora è stato inviato a casa il nuovo testo della proposta per cui l assessore Romani relazionerà sul nuovo testo. Assessore Romani per la relazione. ASSESSORE ROMANI: Presidente ritengo che in relazione anche a quanto ci si era detti l altra volta ci sia ben poco da relazionare se non il fatto che già l altra volta avevo fatto presente che alcune precisazioni che Angelo, che Tini aveva fatto in sede di discussione, anzi anche se in maniera un po alterata (voci) perfetto, anche alterata, questo è positivo perché vuol dire che hai dato seguito alla lettura. Gli uffici hanno, a questo punto dico credo, provveduto a tutto quello che riguarda l aspetto tecnico. Hanno fatto fronte a quelle richieste giuste in cui le cifre dovevano essere bene distinte tra quello che era la parte multi servizi quello che era la parte amministrazione, quello che riguardava la legge 61, ripeto e quindi l ho vista più questa sospensione come dal punto di vista di sistemare una cosa che non era perfetta. Speriamo che lo sia diventata, è inutile ritornare su quello che è l aspetto della delibera no? Sappiamo di cosa e perché dopo 5 o 6 mesi finalmente riusciamo a portare in consiglio un qualcosa che è per queste frazioni che ricadevano in questi piani di recupero insomma importante, risolvere tutto l aspetto del.per quello che riguarda le acque reflue. Mi fermo qui se non essere disponibile insieme ai tecnici a quello che possono essere ulteriori problematiche tecniche e di scelta che magari nel leggere la delibera possono essere di nuovo evidenziate. PRESIDENTE: allora chi si era iscritto prima Castriconi o è anche il presidente, facciamo parlare prima.non è presidente è componente della commissione. Va bene facciamo parlare Castriconi prima. Consigliere Castriconi ha la parola. CONSIGLIERE CASTRICONI: Io presidente torno a puntualizzare quello che si verifica lassù per la costruzione del depuratore che interessa 3 frazioni. Belvedere, Campodonico e il colle di Campodonico. Vorrei che mi ascoltasse qualcuno perché è importantissimo questo. penso che sia un occasione questa di depurare le acque che difficilmente ce ne capiterà un altra del genere. Siccome si è proceduto a bacini e questo lo abbiamo capito perfettamente, faccio appello affinché venga inclusa alla depurazione anche la frazione del colle di Campodonico. Oltretutto la condotta che è già esistente che viene dal colle di Campodonico e si immette sul sottostante ruscello e si purifica per dispersione può essere benissimo convogliata al depuratore. Io l ho capito che mancano.si riferisce a me direttore? Mi sta facendo così che ne so? A perché credevo soldi. Se è

2 possibile realizzare questa perché se non si fa adesso non si fa più. Io penso che sia un opera meritoria oltretutto. Noi che stiamo all estremo limite del comune di Fabriano al di là del monte addirittura non ci capiterà.per quale motivo dobbiamo immettere sul ruscello che sta di sotto i liquami che vengono dalla frazione del colle, magari a 100 metri c è il depuratore. Questo secondo me è un contro senso. L ho detto dall inizio del progetto. Piano piano l ho seguita però non c è peggior sordo di quello che non vuole ascoltare. PRESIDENTE: Grazie al consigliere Castriconi, la parola al consigliere Tini. CONSIGLIERE TINI: io da una parte devo ringraziare l ufficio, il segretario comunale che ha rifatto questa velina nuova e chiaramente sostituisce in maniera sostanziale, almeno dice la verità questa. Quella che è stata in consiglio comunale per 7 o 8 mesi e non è mai stata votata. Recepisco quello che dice l assessore però assessore qui questa velina secondo me dimostra in maniera inequivocabile che la politica intendo la politica, l amministrazione, le scelte di indirizzo dell amministrazione, non conta nulla ma contano solo i tecnici e qui non sono d accordo. Anzi qui non contano solo i tecnici ma conta solo multi servizi ancora peggio. Allora io l altra volta e mi dispiace che non ci sta Sorci. Dove sta? È andato a firmare. Sorci secondo me il sindaco ci deve stare e io gradirei che il sindaco ci stia perché poi qui se poi dopo si assume la responsabilità politica io gradirei che il sindaco mi stesse a sentire su questa delibera. Dicevo sindaco poco fa che qui questo atto tu ti sei riempito la bocca sempre dicendo che le scelte politiche le fa il consiglio, noi siamo l indirizzo poi gli organi tecnici devono fare gli organi tecnici. Questa velina invece dimostra esattamente il contrario ed ora cercherò di spiegare perché dimostra il contrario. Ho detto pure che ringrazio che l avete sostituita. L avete fatta anche meglio perché si dice la verità però non risolve il problema di fondo. Qui siamo di fronte ad una amministrazione comunale, intendo come struttura comunale il consiglio comunale, ad una conferenza dei servizi, parliamo di roba vecchia del 2002, 2003, 2004 in cui si stabiliscono alcune cose poi ad un certo punto perché una società che gestisce il servizio idrico fa delle osservazioni che vanno contro gli interessi di questa città sindaco. Perché vorrei ricordarti che tu sindaco, noi consiglio comunale abbiamo fatto un depuratore nella zona industriale pip piaggia D Olmo non più tardi anni fa quando quel depuratore aumentandolo poteva stare al servizio tranquillamente a caduta di San Michele ed Argignano. No. Qui ci inventiamo di fare un impianto di sollevamento per mandare le fogne per aria quando invece a caduta sarebbe andata nel depuratore che già in parte è stato fatto e si poteva ampliare. Spendendo per giunta soldi che a livello originario erano stati previsti nei piani di recupero del terremoto dove Argignano e San Michele non c entrano niente e non facendo nulla a differenza della scelta che fece

3 l amministrazione nel 2002 e la conferenza dei servizi successivamente nelle frazioni di Vallina, Cupo, Palombaio e San Donato guarda caso. I 450 milioni erano anche in quei piani di recupero. Si utilizzano quelle risorse in parte per andare a fare un impianto di sollevamento delle fogne di Argignano e San Michele per portale dove poi? Non ho capito dove le portate con il sollevamento. Dove vanno queste fogne? Non si capisce. Dove? (voci) al depuratore di Fabriano. No senno non c era l impianto di sollevamento scusate. Certo farà il sollevamento da giù dal pip le manda sul depuratore di Fabriano. Dico qui siamo a livello demenziale. Questo è cattivo utilizzo delle risorse pubbliche lasciatemelo dire. Ossia è vero che qui i soldi sono di multi servizi e dello stato, della regione, però ragazzi poi le bollette le paghiamo noi. Chi paga le bollette? Allora una spesa così gigantesca, un milione e mezzo di euro no..per fare il sollevamento quando si poteva fare molto..non si doveva fare nessun sollevamento perché la geografia di Fabriano la conosciamo tutti. Argignano e San Michele grazie a Dio capitano pure bene, perché viene in discesa San Michele per Argignano e Argignano per il pip piaggia D Olmo. È perfetto. Distanze non enormi, c è il depuratore già funzionante. Che cosa ci inventiamo. Porteremo noi le fogne fino al pip Piaggia D Olmo dove c è già un depuratore da li faremo un sollevamento spendendo soldi ed energia elettrica per portarlo al Maragone. Insomma sindaco tu che fai l ingegnere è possibile secondo te un operazione di questo tipo? Io su questa roba sono ferocemente contro. Qui parliamo di buon utilizzo delle risorse pubbliche e me coioni come utilizziamo le risorse pubbliche. Per mandare lo fogne in salita, utilizziamo le risorse pubbliche per mandare le fogne in salita quando il territorio di quella zona permetterebbe senza spese di farlo tranquillamente a caduta. Se poi dobbiamo far mangiare qualche ingegnere o qualche ditta è un altro discorso. Quello che mi meraviglia è che questa scelta scellerata è stata fatta in deroga ad una conferenza dei servizi dove si era deciso esattamente il contrario. Perché la conferenza dei servizi, la prima conferenza dei servizi aveva giustamente individuato questi impianti di fito depurazione farli nelle zone che erano oggetto di piani di recupero. Mi sembrava logico no? Poi con l impegno futuro di multi servizi, futuro. Ma chi prediamo in giro? Chi stiamo prendendo in giro qua dentro? Allora gli abitanti del Cupo, Palombaia, Vallina, San Donato, diremo però c è l impegno futuro, adesso con i soldi vostri ci facciamo il sollevamento per Argignano poi con i soldi che verranno quando non si sa,.qui parliamo di soldi del terremoto del 1997, qui parliamo di roba di 12 anni fa. Dopo 12 anni, 13 anni facciamo questi discorsi? Io non so come non vi vergognate a portare questi atti in consiglio comunale. Che poi sono atti dai quali emerge chiaramente che la giunta, il consiglio comunale di Fabriano, la conferenza dei servizi non conta niente. Conta solo multi servizi, allora se noi siamo un organismo che dobbiamo stare al servizio di multi servizi io non ci sto. Se poi voi ci state lo diremo anche sulla stampa che il consiglio comunale è diventato ormai uno strumento in mano a multi

4 servizi e fa l interesse di multi servizi. Non fa gli interessi del comune di Fabriano. Chiaro? Perciò questo atto che già fu oggetto 7-8 mesi fa, un anno quasi, di forte discussione nelle commissioni competenti. Oggi ce li ritroviamo fatto bene sotto l aspetto tecnico non ho nulla da eccepire oggi a differenza di 15 giorni fa. Fatto bene però caro assessore Romani tu dovrai giustificare perché ai cittadini di alcune zone perché i fondi destinati per completamento dei piani di recupero perché poi fare la fito depurazione andava collegata alle nuove fogne a Campodonico, a Belvedere, tutte le frazioni che purtroppo hanno avuto più danni. Dovrai spiegare perché non si fa l intervento in tre zone ben precise e si va a fare in una zona dove non c è sui piani di recupero ma peggio dico io. Fin qui pazienza. Ci sta multi servizi che paga. Ma dove sarebbe possibile fare la depurazione tranquillamente a caduta senza nessun impianto di sollevamento. È qui il punto. Noi abbiamo la fortuna o la sfortuna di aver fatto il pip piaggia d Olmo che è un punto bassissimo del comprensorio. Questa frazioni sono attaccate, Argignano sta a 3 chilometri, San Michele starà a 4 e mezzo. Potrebbe andare giù a caduta e noi ci andiamo invece ad inventare un impianto di pompaggio per portarla al depuratore centrale di Fabriano. Spendendo il doppio, il triplo. Invece il comune se era intelligente secondo me l impianto di depurazione fatto nel pip Piaggia D Olmo che mi pare sia più grosso, ossia riceve solamente le fogne di quelle fabbriche li. È stato fatto uno studio se può prendere, noi ci lamentiamo che non devono essere piccoli. Tutta la filosofia di questa velina è che gli impianti non possono essere piccoli perché più sono piccoli e meno funzionano. Allora qui abbiamo la fortuna sindaco di portarci in questo impianto. Saranno 400 abitanti, Argignano e San Michele non so quante persone fanno, per poterlo andare meglio. È qui il punto che noi potremmo raggiungere anche un economicità di gestione e potremmo farlo funzionare meglio risparmiando qualcosa come mila euro se non più e invece no ci siamo inventati il sollevamento. Io qui se mi fate capire dove sta l intelligenza di fare questo tipo di operazione. Poi se mi fate dire pure, scusate tanto dopo che multi servizi ha fatto questa scelta è stata rifatta un altra conferenza dei servizi. Se c è scritto non l ho capito bene. Perché se una conferenza dei servizi e una amministrazione decide una cosa per cambiare le decisioni prese dovrebbero essere gli stessi organismi che le prendono. Invece non mi pare così. Sui piani sui programmi delle opere pubbliche caro assessore Romani del 2002, 2003 non se tu eri in giunta quella volta non ci stravi mi pare, avevamo scritto quello che doveva essere, ossia i piani di recupero, questi impianti. È stato più fatta domando io, una modifica? Non lo so. Non mi risulta forse è stato pure fatto. Perché se non fossero state fatte modifiche, noi con i bilanci annuali, triennali che facciamo bisogna metterla li una scelta di questo tipo. A me non risulta che sia stato fatto, però resta il fatto sindaco che voi qui fate come vi pare però io veramente qui non tratto di maggioranza, minoranza, centro destra, secondo l amministrazione comunale è un discorso economicamente accettabile portare le fogne di

5 frazioni che possono essere servite tranquillamente a metà strada, perché è quasi metà strada, perché dal depuratore pip Piaggia D Olmo riportarle alla troila e da li andare ad Argignano mi sa che sia più vicino Argignano che il depuratore. Quando si potrebbe farlo (voci) si potrebbe ottenere lo stesso risultato non spendendo quasi nulla o se c è bisogno di spendere qualcosa sarà un piccolo ampliamento se poi non è necessario perché abbiamo detto che più ne arriva meglio è, del depuratore già esistente presso il pip Piaggia D Olmo che se non vado errato è una proprietà comunale a tutti gli effetti. Allora se mi fate capire questo passaggio, poi se permettete ne dico anche un altra, questo è l aspetto più grave secondo me. Un cattivo utilizzo delle risorse pubbliche che poi vanno a pesare sulle tasche dei cittadini. Il secondo bisogna spiegare ai cittadini delle frazioni che non verranno servite con quale metodo, in base a quale norma, in base a quale scelta politica, si va con quei 470mila euro in cui c erano anche quelli, ci va a togliere, saranno non lo perché non ho qui il progetto, per andare a fare un opera che non c entra niente con i piani di recupero. Io ho forti dubbi su queste cose. State tranquilli che per quanto mi riguarda le renderò pubbliche. Qualche cittadino sarà anche contento così dice non pago le imposte di depurazione con la bolletta idrica. Potrebbe anche essere in prospettiva una cosa fatta bene. Per gli interessi privati di qualcuno. Però resta il fatto che noi stiamo facendo un atto dove veramente è il massimo della proprio..come si spende i soldi pubblici. Uno potrebbe fare come si spende i soldi pubblici? abbiamo un depuratore a 2 km da Argignano in discesa che va giù da solo, portiamo i liquami a 7 chilometri con l impianto di sollevamento di pompaggio. Qui bisogna essere pazzi. Oppure io non ho capito niente. Se mi dite che mi sbaglio.leggendo la velina io ho capito questo. se voi avete capito il contrario.(voci) per un opera che non è supportata da nulla. Io perciò su queste cose gradirei un chiarimento. Poi se spendiamo un milione di euro per tutto questo ambaradan sono soldi pubblici uguali è. Sono soldi pubblici uguale che comunque andranno a pesare sulle prossime bollette dell acqua perciò stiamo attenti a quello che facciamo perché questo discorso secondo me assessore Romani avevano una logica nel aveva una logica quando è stato pensato. Io oggi invito in maniera molto tranquilla a fare una riflessione. Nel 2007 quindi dopo questo studio abbiamo fatto il depuratore di Piaggia D Olmo. Quando ha fatto questi studi non c era quel depuratore, poteva avere una logica ma oggi non ha più una logica. Spendiamo i soldi 3 volte, 4 volte, quante volte li spendiamo sti soldi? Allora chi ha fatto queste scelte scellerate bisognerà anche dirgli attenzione amici che noi nel 2007 abbiamo messo in funzione un depuratore sito nel Pip Piaggia d Olmo. È possibile tecnicamente avvalersi di questo? non lo sappiamo. Qui non se ne parla minimamente. Come se non esistesse ancora. Invece esiste grazie a Dio esiste. Abbiamo Sorci, abbiamo sistemato anche con la comunità montana la proprietà, tu lo sai benissimo la conosci. Io ho

6 finito. Io ho finito. Adesso se mi convincente del contrario io ne prendo atto però sarà un po difficile che mi convincete del contrario. PRESIDENTE: Grazie al consigliere Tini, la parola al consigliere Ottaviani. CONSIGLIERE OTTAVIANI: Grazie presidente, io solo per chiedere delle delucidazioni. (voci) la delucidazione (voci) PRESIDENTE: per cortesia un po di silenzio. Consigliere Ottaviani ha la parola. CONSIGLIERE OTTAVIANI: Grazie. Io non conosco la situazione del depuratore a cui fa riferimento il consigliere Tini quindi sarà il responsabile, il dirigente a chiarire la fattibilità o meno di quello che sembrerebbe una cosa logico così come viene descritta. Comunque a prescindere da questo io la domanda che pongo è: visto posto a confronto le due proposte che la amministrazione ci ha inviato. Sicuramente la seconda rende il tutto molto più comprensibile in termini anche di dietrologia con la autonomia iniziale, il passaggio poi alla multi servizi. Però vorrei porre l accento su una frase che mi ha lasciato un po perplesso. Ad un certo momento Evangelisti viene detto che il la multi servizi faceva rilevare che la realizzazione di più impianti di modeste dimensioni, e si parlava della fito depurazione, incideranno nei costi di gestione. La prima domanda che faccio tecnicamente è questa: è vero che la presenza di 6 impianti di fito depurazione avrebbe costi di gestione superiori di 7 fito depuratori, avrebbe.no 6 perché Belvedere e Capodonico andavano a finire in uno no? Avrebbe un costo di gestione veramente più elevato? Che sappia io i fito depuratori hanno dei costi di gestione praticamente prossimi allo zero. L unico problema che pongono è quello della pulizia delle pre fosse come devono essere fatte ma d altra parte credo come in tutti gli impianti di depurazione. Terza cosa, cioè seconda cosa che chiedo sempre come spiegazione: noi come diceva Tini andiamo a spendere un milione e 158mila euro non a carico del comune ovviamente ma per la multi servizi ma è la stessa identica cosa, per fare dei collettori che alla fine non soddisfano neanche le esigenze, tutte le esigenze che sono state inquadrate nel programma di recupero. Allora rimango un po perplesso. Quale è il vantaggio reale di fare chilometri di raccordo della conduttura e i pozzi di, come si chiamano, di innalzamento li a San Michele, gli impianti di sollevamento a San Michele e l altro che avete previsto rispetto a mantenere quell impianto di fito depurazione? Perché alla fin fine tutto sommato a me sembra che il progetto iniziale che era stato fatto dal comune forse sia migliore di quello proposto dalla multi servizi. Allora andare a dire che devo fare lavori per chilometri di conduttura, espropri e tutto il

7 resto, in virtù di qualcosa che almeno soggettivamente per me poi non ho le competenze per asserirlo con convinzione ma che apparentemente da quello che leggo non apporta benefici. Non solo, fermo restando che se non sbaglio i fito depuratori hanno una capacità di recupero dell acqua, abbattono la quota batterica praticamente del 99% quindi addirittura si tratta di scegliere se vogliamo vedere 6 canneti, i fito depuratori, rispetto ai pozzi e gli impianti di sollevamento che creerebbero secondo me comunque dei costi di gestione più elevati che non i 7 impianti di fito depurazione. Quindi secondo me quell osservazione della multi servizi è impropria tecnicamente e se è vero che questa osservazione è impropria tecnicamente allora pongo in essere un dubbio tecnico interpretativo su tutto il resto. Il luogo del contendere è proprio questo: conoscere quali sono questi costi elevati di gestione dei fito depuratori rispetto al progetto che viene poi presentato. Quanto quei costi di gestione possono incidere per raggiungere il risultato rispetto al milione e centomila euro di investimento che poi è parziale perché esclude alcune delle frazioni. In termini economici io penso che le 7 frazioni previste dal piano di recupero proseguendo la filosofia della multi servizi richiederanno circa 3 milioni di euro per essere collettate tutte nell impianto fabrianese. Con quei 3 milioni di euro e la rendita che questi deriverebbero anche in una struttura pubblica, penso che ripagheremmo ma molto alla grande i costi di gestione. Imputati ai fito depuratori. Quindi io sono assolutamente non concordo ma chiedo qui l aiuto del dirigente per una spiegazione tecnica perché non ne ho le competenze ma penso che risponde al falso quella osservazione della multi servizi laddove dice che incide nei costi di gestione. Sulla base delle dimensioni? E perché? Se sono impianti di fito depurazione che lavorano in semi orizzontalità non hanno praticamente costi di gestione. Se non torno a ripetere quella che è la vuotatura periodica delle fosse biologiche pre trattamento. Che comunque dovrebbe essere fatta anche nell impianto di depurazione. Quindi sinceramente mi sembra una forzatura da parte della multi servizi di andare a perseguire quel progetto che ha comunque di convogliare poi tutte le frazioni verso il depuratore principale ma con un impatto ambientale tutto sommato, con delle problematiche inerenti e con dei costi esorbitanti. Perché una frazione che ha 100 abitanti io penso che tutto sommato avrà bisogno di un fito depuratore 400 metri quadrati, un pezzo di terreno 20 per 20. quindi sinceramente non vedo la ratio che spinga a me ad accettare una variazione del progetto iniziale del comune. Anzi sotto questo punto di vista sono a contestarlo per cui da parte mia non se ne prendano quelle, io non farò mai l assessore alle frazioni come vuole fare qualcun altro ma io voto contro una proposta di questo genere perché la ritengo uno sperpero di risorse pubbliche. Lo ritengo non efficiente in termini anche di impatto ambientale e soprattutto non efficiente in termini di impatto economico. Su quanto riguarda l efficacia della sovrapponibilità dei due interventi ovviamente l efficacia è maggiore per la proposta originaria del comune perché in quella della multi servizi si avvengono ad

8 essere escluse alcune frazioni. Poi magari ne riparliamo tra 10 anni. Quindi io invito anche un attimino l amministrazione a riragionare anche alla luce di quanto magari ha inserito il consigliere Tini. Non vedo questa miglioria. Sinceramente non la vedo e pertanto non è che sono, siccome ritengo che i soldi della multi servizi siano anche soldi miei a cui contribuiamo tutti io sinceramente sono assolutamente ostativo alla realizzazione di impianti si tali. Grazie presidente. PRESIDENTE: Grazie consigliere Ottaviani, la parola al consigliere Sforza. CONSIGLIERE SFORZA: Questo argomento è stato esaminato in commissione assetto del territorio ed anche io qui avevo espresso dei dubbi su alcune cose che ha già sollevato Tini. Dunque vorrei incominciare però a fare delle considerazioni. Dunque a noi ci è stato detto che il finanziamento, in sede di commissione, che il finanziamento per gli interventi veniva assicurato in parte dalla regione per 417mila e 442 euro e per interventi entro il piano di recupero. In parte dalla multi servizi per una somma che poi allora non era stato presentato il piano finanziario, ci aveva detto solamente che la parte eccedente per interventi esterni al piano di recupero, la somma adesso risale a un milione 118 mila e 423 euro. Si capisce, io capisco benissimo la multi servizi per quale motivo è intervenuta. Praticamente c è stata una sentenza precedentemente e siccome investendo su degli impianti sicuramente non vuole restituire la somma a chi è non allacciato dal depuratore. Questo a me non mi interessa. Dunque io dico che è giusto che gli impianti, gli interventi vengano fatti anche fuori dal centro storico. Dal perimetro del centro storico. Per un semplice motivo, in quanto il terremoto non è che ha fatto danni solamente agli immobili e alle fognature che stanno dentro al centro storico. Ma anche a quelle che stanno fuori dal centro storico quindi questo per un senso di uguaglianza tra i cittadini è giusto. Non ci possono essere cittadini di serie A e di serie B. poi alcuni servizi essenziali devono essere assicurati a tutti i cittadini in quanto i tributi vengono pagati da tutti. Poi invece entrando nel merito della progettazione io avevo espresso dei dubbi. Innanzitutto vorrei fare menzione, dire all architetto Evangelisti, io ho letto la relazione tecnica degli interventi eccetera però per la frazione di San Donato mi pare nonostante sia inserito nel frontespizio tra l elenco delle frazioni a cui sono soggetti gli interventi, per la frazione di San Donato non è previsto nessun impianto. Poi (voci) esatto. Poi una cosa, io in sede di commissione assetto del territorio avevo espresso dei dubbi sul progetto definitivo, infatti avvallavo che era migliore quello precedente e precisamente sul ricorrere ad impianti di sollevamento in quanto in mancanza di energia elettrica specialmente nel periodo invernale a causa di temporali ci potrebbero essere delle interruzioni di energia creando seri problemi di otturazione anche alle condutture preposte. L ottimo sarebbe se gli impianti di.ho detto in sede di commissione, l ottimo sarebbe

9 stato se gli impianti di fito depurazione venissero realizzati per ogni frazione come nel progetto precedente. Cioè indipendenti. Eliminando perciò sarebbe opportuno eliminare gli impianti di sollevamento per non percorrere lunghi tragitti di tubazioni di scarico. In questa maniera si risparmierebbe sicuramente del denaro per quanto riguarda lo scavo e il rinterro e sulle tubazioni, spesa sulle pompe, sull energia che poi tra l altro sarebbero 2 impianti di fito depurazione in più per San Michele e l altro per Argignano. Magari riducendo la trincea dell impianto di fito depurazione adeguata alla portata. Poi l altra osservazione che avevo fatto era quella che la legge siccome la legge infatti non capisco perché nel progetto non è prevista la doppia tubazione in quanto la legge 152 del 99 e quella di modifica del 2006 prevede la separazione delle acque chiare da quelle luride. Perché oggi non approfittare di questi stanziamenti messi a disposizione della ragione della multi servizi inserendo 2 tubazioni invece che una, sia per le acque chiare che per le acque luride. Intanto la predisponiamo, se poi si vuole utilizzare una sola tubazione che comprende le acque luride e chiare l altra tubazione può essere utilizzata per altri tipi di impianto. Lo scavo e il rinterro è sempre lo stesso. Poi il costo delle tubazioni in pvc incide pochissimo magari risparmiando, riducendo la sezione del tubo progettata da 250 millimetri per acque chiare e luride, riducendo i tragitti tra frazione e frazione, aumentando gli impianti di fito depurazione da 2 a 4 come avevo già detto in quanto la loro realizzazione non ha un costo così elevato. Se volete vi accenno praticamente come è fatto un impianto di fito depurazione. È molto semplice, praticamente tutti gli immobili, tutte le acque luride e chiare delle varie frazioni vengono convogliate in un collettore, una vasca imof che da li attraverso, nella vasca imof tricamerale praticamente li avviene la scomposizione delle acque. La separazione diciamo delle acque luride, chiare eccetera. Poi queste acque i restanti liquidi poi passano dalla vasca tipo imof passano all interno di un bacino tipo trincea. Praticamente non è altro che una fossa asettica che il comune fa.infatti sono meravigliato del costo molto elevato di questo impianto di fito depurazione (voci) esatto (voci) si le acque chiare passano in questo bacino tipo trincea riempito, questo viene riempito di ghiaia, impermeabilizzato totalmente e piantumato con specie vegetali apposite per la depurazione delle acque. Qui avviene un processo fra l azione dei batteri contenuti nel suolo e la fito depurazione delle piante. Dopo di che i liquidi depurati vengono confluiti nel fosso. Non si hanno odori, insetti ed alcun impatto ambientale e soprattutto zero costi energetici. Perché non servono pompe di sollevamento per far funzionare la fito depurazione. È sufficiente che ci sia un necessario dislivello fra ingresso e uscita e poi le piante e la ghiaia fanno tutto il lavoro necessario. L unica manutenzione da fare e togliere le piante una volta l anno ma se si utilizzano piante particolari come l iris e le calle non si fa nemmeno quello. eventualmente si possono raccogliere dei fiori. Perciò questi impianti di fito depurazione hanno un costo minimo, pensando invece di inserire delle pompe di sollevamento che daranno sicuramente dei problemi alle

10 condutture e poi oltre alle cose abbiamo anche un costo in più per gli impianti come li avete progettati voi. Grazie. PRESIDENTE: Grazie consigliere Sforza. Due parole per giustificare le motivazioni. Questo è un intervento politico e non tecnico. Quando sono stati fatti i 7 programmi si recupero. Dopo un po di tempo sono stati chiesti i soldi per la depurazione relativa ai programmi di recupero delle frazioni, perché poi ci sono anche i programmi di recupero del centro storico. La somma 417mila euro è stata determinata con uno studio di fattibilità quindi non con un progetto con i costi precisi, dopo di che è subentrata la gestione della multi servizi per cui non la competenza sul discorso degli interventi sulle fogne nere, sulle acque nere non è più di competenza del comune quindi il comune ha messo a disposizione questo, il quantum che aveva avuto di stanziamento dalla regione a disposizione della multi servizi su un progetto elaborato dalla multiservizi che come noi facciamo il piano triennale delle opere pubbliche anche la multi servizi fa il piano degli investimenti il quale viene sottoposto all approvazione dell autorità di ambito e successivamente (voci) non ancora. E successivamente però all assemblea dei sindaci. Per cortesia. Quindi il discorso dei soldi che mette la multi servizi è approvato da tutti i 45 sindaci facenti parte della società multi servizi. Il progetto la multi servizi ha ritenuto di fare ha delle priorità ed ha dato la priorità anche a quelle località non facenti parte del programma di recupero però i 417 mila euro ci possono stare perché interviene almeno su 2 programmi di recupero perché senno non si sarebbe potuto dare i 417 mila euro. Questa è la spiegazione politica nel senso dopo di che.oh naturalmente io non credo che tutti i tecnici della multi servizi siano sprovveduti per dire di fare un progetto a spendere soldi della collettività perché anche li poi c è l autorità di ambito, il direttore dell autorità dio ambito che è un ingegnere e i 45 sindaci che verifica le proposte che la multi servizi fa sul piano di investimento. Quindi voglio dire adesso io le spiegazioni tecniche le darà il coso, io volevo giustificare come p nato il discorso dei 417 mila euro confluiti sul discorso (voci) CONSIGLIERE TINI: Leggi bene la velina. È distorcente. Fuori, a pagina 2 della velina a me le barzellette a pagina 3 della velina dice che sono stralciati gli impianti di Cupo, Vallina, Paterno e San Donato. Che vai nel quadro economico dietro Paterno, Campo dell Olmo 650 mila euro. Mi fate capire cosa stiamo facendo? C è una contraddizione enorme. PRESIDENTE: Tini tu apri il microfono e poi fai la sparata come prima che hai detto che non capite, qui succede tutto come quando distribuivano il cud, la sparata quando quella aveva iniziato a distribuire il cud. Tu ti alzi su, prendi il microfono parli, insulti tutti. Tu lo hai fatto quando quella è

11 venuta a distribuirti il cud. Tini io non sto a dire quello che è, io ti dico che non hanno ritenuto per adesso di fare impianti di fito depurazione sugli altri programmi di recupero. Oh ma questa è perché la multi servizi sceglie delle priorità, nulla vieta che fra 2 anni la multi servizi mette nel piano di investimento il depuratore a Collamato. Io sarei contento perché almeno anche Tini paga la tassa di depurazione. (voci) distorcente.quindi io ho dato una spiegazione politica come sono transitati i 417 sulla cosa, se l assessore Romani o l architetto Evangelisti possono dare le spiegazioni tecniche a loro la parola. Io non ho altri interventi. Architetto Evangelisti ARCHITETTO EVANGELISTI: Io dovevo rispondere anche al consigliere Ottaviani che non sta in aula quindi intanto (voci) rispondo al consigliere Tini dal punto di vista tecnico, una precisazione rispetto (voci) io facevo solo una precisazione che forse non sono stato chiaro sotto il profilo tecnico su un aspetto. Allora diciamo gli impianti sono collettati comunque a Campo dell Olmo ok? Al depuratore campo dell Olmo. I due impianti di sollevamento, Argignano e Paterno ci sono perché le due (voci) no no (voci) ha stralciato la fito depurazione. CONSIGLIERE TINI: ma veramente o sono ubriaco io ma perché dite a pagina 3 pagina 3 dice che è stralciato. ARCHITETTO EVANGELISTI: Stralcia l impianto di fito depurazione a Paterno. (voci) anche Paterno. (voci) a pagina, alla terza pagina della velina c è scritto da qui è emersa la necessità di procedere alla razionalizzazione degli impianti con le modalità seguenti: Belvedere e Campodonico un unico impianto, Campodiegoli unico impianto. Poi Collamato, Paterno, San Michele, Bassano e Argignano sono quelle che sono collettate a Campo dell Olmo. Ovviamente poi ci sono delle aree che stanno più basse del collettore principale per cui elevano sono previsti degli impianti di sollevamento. Questo da un punto di vista tecnico. Forse adesso ci siamo chiariti un pò. Rispetto alle domande del consigliere Ottaviani, allora noi ovviamente abbiamo un ato, una società che gestisce che è multi servizi e che è competente attualmente nella gestione delle depurazioni e della condotta delle acque nere, per quello che riguarda la prima domanda, quella dei costi di gestione. Ovviamente io non entro e non posso entrare nel merito dei piani industriali della multi servizi e non sono entrato anche nel merito di come loro hanno fatto, ovviamente non essendo mia la competenza, il bilancio costi benefici di questa scelta. Ovviamente posso dire per esempio che forse come la dispersione degli impianti sul territorio può avere dei costi, potrebbe avere dei costi maggiori in quanto diciamo per personale impiegato, per frequenza di controlli, però è soltanto un ipotesi la mia. Tant è che noi avevamo previsto 7 impianti di fito depurazione ma avevamo previsto

12 7 impianti di fito depurazione anche perché ovviamente i gestori eravamo noi ed eravamo noi solo del territorio comunale. Da quello che si evince dalla delibera di multi servizi dalla quale scaturisce il parere espresso al gruppo di lavoro la scelta di multi servizi deriva da una strategia generale degli indirizzi relativa al caso dei piccoli nuclei abitati che tiene in considerazione un piano generale sovracomunale degli investimenti e della depurazione, per cui ovviamente non posso entrate tecnicamente nel merito di questa scelta perché è una scelta che non mi compete sostanzialmente. Quindi credo di aver (voci) CONSIGLIERE OTTAVIANI: Scusi presidente, Ottaviani prede la parola, solo per una domanda. A pagina 5 della deliberazione, io ho capito che la multi servizi dice non facciamo il, che ne so, Belvedere Campodonico non facciamo più il fito depuratore, sbaglio? ARCHITETTO EVANGELISTI: no no Belvedere e Campodonico fa un unico fito depuratore. CONSIGLIERE OTTAVIANI: e basta. L intervento significa fare il fito depuratore e stop. ARCHITETTO EVANGELISTI: Fanno il fito depuratore e allacciano ovviamente all impianto di fito depurazione le fognature delle acque nere che abbiamo realizzato nell ambito dei programmi di recupero. Ok? Quindi andranno collettati per quello che riguarda Belvedere e Campodonico. CONSILGIERE OTTAVIANI: Benissimo sul conto economico dei lavori che vengono riportati inizialmente noi avevamo se non sbaglio un finanziamento regionale che la regione aveva soddisfatto di 417 mila euro per i 7 fito depuratori. Giusto? Non sbaglio no. Più o meno. ARCHITETTO EVANGELISTI: Ho capito. Quando è nato il progetto della fito depurazione diciamo quando è nato è stato elaborato uno studio di fattibilità come è stato fatto uno studio di fattibilità per tutti gli interventi degli edifici pubblici e l importo era di 417 mila euro. Se avessimo noi continuato con la progettazione esecutiva in sede di approvazione del progetto esecutivo dei sette depuratori ovviamente l importo sarebbe stato forse superiore ai 417 mila euro come è stato per tutti gli edifici pubblici oggetto di stima sintetica con studio di fattibilità e avremmo chiesto alla regione come è successo per questo palazzo, per altri interventi del piano di recupero l integrazione ovviamente della cifra, integrazione che a questo punto la regione non fa non essendo più di competenza.

13 CONSIGLIERE OTTAVIANI: perfetto la domanda mia era su questo. cioè io sull importo dei lavori vedo che il depuratore di Campodiegoli e dovrebbe essere il fito depuratore ha una presunzione di costo di 143 mila euro. Il depuratore di Campodonico Belvedere di 252 mila euro. Quindi insieme sono praticamente quasi 400mila euro. Ora nello studio di fattibilità dei 7 fito depuratori veniva fuori 417 mila euro cifra raccolta praticamente assorbita nel disegno della muti servizi solo da 2 fito depuratori. Questa è la domanda. Mi sembra, sono d accordo che nello studio fatto c è una differenziazione ma qui si parla di un 400% rispetto al costo presuntivo nello studio di fattibilità che mi sembra un po eccessivo allora o era sottostimato.. ARCHITETTO EVANGELISTI: Allora no la regione ovviamente pagava una parte di impianto di fito depurazione pari agli abitanti equivalenti all interno del perimetro dei programmi. Ok? Questi depuratori Campodiegoli, Campodonico e Belvedere sono dimensionati sugli abitanti equivalenti dell intera area, questo per venire incontro anche alla domanda che faceva il consigliere Castriconi. Sono dimensionati anche per accogliere eventualmente anche le abitazioni e le linee che stanno al di fuori del perimetro del piano di recupero. Oltre a riconoscere ovviamente la sottostima dello studio di fattibilità anche in relazione ai prezziari di riferimento per questo tipo di opere. Perché tra il 2006 e il 1997 c è stata anche una lievitazione dei prezzi unitari all interno dei prezziari regionali. CONSIGLIERE OTTAVIANI: Il che significa che il costo del fito depuratore qui viene ad essere stimato di mille euro al metro quadrato? Domanda. ARCHITETTO EVANGELISTI: Il costo del depuratore al metro quadro lo dovrei vedere perché non lo conosco rispetto.non me lo ricordo se vuole guardo i dati tecnici insomma CONSIGLIERE EVANGELISTI: Scusami facevo una desunzione. Rispetto ai costi Capodiegoli è quasi la metà degli abitanti equivalenti di Campodonico eccetera. La relazione esiste nel momento in cui l impianto di depurazione viene fatto sulla base degli abitanti equivalenti. Ora indipendent.adesso che io sappia il fito depuratore viaggia da 4 a 8 metri quadrati per abitante equivalente a seconda del tipo di refluo che vuoi avere ma è questo. quindi se ci sono che ne so la proiezione la fate facilmente, basta una piccola divisione e uno sa automaticamente quanto è il costo per metro quadro. Quindi o per abitante equivalente quindi non mi sembra questa una cosa difficile da farsi. Il concetto.

14 ARCHITETTO EVANGELISTI: anche se per esempio lo studio di fattibilità è stato fatto su questi dati che erano i dati che uno aveva non avendo un progetto, i dati presi per lo studio di fattibilità sono questi. X metri quadri fito depurazione per abitante equivalente per il costo.no stimato medio poi quando uno va a fare la progettazione esecutiva con i dati sintetici si trasformano in dati diversi sostanzialmente. CONSIGLIERE OTTAVIANI: Questo lo comprendo solo che mi sembra strano che si passi a valori del 400% rispetto in realtà a quello che è il progetto. Tutto li. Cioè lo studio di fattibilità è una cosa, mi dice un ipotesi di spesa. Chiedo il finanziamento alla regione per la copertura poi in fase esecutiva mi ritrovo a ad averlo sotto stiamato del 400% sembra strano. PRESIDENTE: allora consigliere Ottaviani io non so se ha capito bene, la regione per l intervento, adesso non del depuratore ma anche della rete telefonica, elettrica, del metano, finanziava solo i metri relativi al programma di recupero circoscritto. Lo avevi capito? Allora non è 400. Allora Campodiegoli ha un programma di recupero così ma Campodiegoli dopo è molto vasto quindi siccome adesso viene fatta la depurazione su tutti gli abitanti di Campodiegoli non puoi parlare del 400% puoi parlare eventualmente del 30% in più 70% in più. Questo è che tra.6 impianti costavano 417, adesso 2 impianti grossi, 3 impianti grossi costano neanche 400, 250 più 150 fa 350 quindi non puoi parlare del 400%. Quindi voglio dire non assolutamente no. CONSILGIERE OTTAVIANI: Io sono d accordo presidente, io sto dicendo che se io leggo in maniera pedissequa la proposta che debbo votare io trovo scritto che lo studio di fattibilità prevedeva la realizzazione di 7 impianti fito depurazione per una spesa complessiva di 417 mila euro. punto. stop. Di cui 296 mila per lavori e 120 per somme a disposizione dell amministrazione. Va bene? Allora forse è che la regione aveva un finanziamento limitato che più 417mila euro non ci avrebbe mai dato, quindi è questa la realtà del fatto che uno non può parlare di 400% ma in realtà se io dovessi prendere per buono quello che c è scritto è qui c è scritto che secondo lo studio di fattibilità per 7 fito depuratori spendevamo 417 mila di cui addirittura 296 per lavori, significa che l aumento ipotizzato da multi servizi con un impegno che non compre tutto quel territorio è per chi legge, ed è eventualmente digiuno di dietrologia di finanziamento è del 400%. Per chi legge Mingarelli. PRESIDENTE: Comunque questo è un progetto della multi servizi in cui o noi lo approviamo oppure ci ridanno i 417 mila euro, ce li stralicia e poi fa il programma come gli pare. Voglio dire

15 bisogna che siamo anche concreti. No Tini non è al rovescio perché noi non abbiamo più competenza sugli interventi sulle fogne. Allora si dice non volete, non vi piace, non lo approviamo, stralcia i 417 mila euro della regione e poi fa il progetto che ritiene di mandarlo all autorità di ambito e lo approva la conferenza dei sindaci quindi è questo. consigliere Crocetti ha la parola CONSIGLIERE CROCETTI: Io però voglio dire, adesso il discorso entrando nel merito dell opera che si andrà a realizzare la filosofica non è giusta è giustissima perché si fanno degli impianti di depurazione considerando bacini, interi bacini e non a porzione, porzioncine, pezzi o cosa. Come era stato ipotizzato mini depuratori. Perché innanzitutto ha dei costi di gestione altissimi, il numero degli impianti..è così, no io dico rispetto alle previsioni iniziali dove c erano più impianti è molto più conveniente fare un unico impianto di depurazione raccogliendo i liquami, gli scarichi di un intero bacino. Mi pare che questo qui è di una chiarezza incredibile perché a Campo D Olmo per fare un esempio c è un depuratore che raccoglie le acqua partendo da San Michele, Collamato, Arginano, Bassano, a cui può essere allacciata in futuro anche la frazione di Attiggio e viene fatto un'unica condotta fognaria che raggiunge un depuratore grosso, che ha un'unica manutenzione in Piaggia d Olmo mi pare che la scelta politica sia giusta. Anche la scelta tecnica mi pare di buon senso. (voci) si però voglio dire il discorso, noi stiamo comparando una situazione che veniva da finanziamenti dei piani di recupero delle frazioni. Perché Gino sa benissimo che a Paterno per esempio ci sono state polemiche perché dice una metà è stati fatti gli impianti delle fogne e un altra metà no. Qui si ragiona per l intero comprensorio e mi sembra che il ragionamento sia sano. È chiaro che partire da ipotesi iniziale fino ad un ipotesi completamente diversa chiaramente comporta costi diversi, però resta il fatto e io sono convintissimo che la scelta diciamo tecnica ma anche politica chiaramente è giustissima. Cioè che si fa il ragionamento non per piccoli ambiti ma per interi bacini. Vorrei ricordare che almeno fino a qualche anno fa in Italia solo il 18% delle acque vengono depurate mentre in Francia si oltrepassa l 80% per cui se noi non ragioniamo in questi termini questo gap non lo risolviamo mai. Per cui ritengo che sia..non capisco di cosa stiamo discutendo. Adesso la conformità tecnica, la delibera.possiamo dire tutto però per lo meno io penso che c è da difendere con forza e dobbiamo essere contenti che c è una società come la multi servizi che ragiona in questi termini e che pensa al nostro territorio con progetti del genere. PRESIDENTE: Consigliere Tini si però voglio dire..

16 CONSIGLIERE TINI: Sarò velocissimo, io proprio guarda non volevo intervenire e intervenivo forse alla fine. Ma veramente sono stato stimolato da parte di Crocetti. Crocetti vorrei ricordare che lui fa parte di questa maggioranza consiliare da anni e anni. Il suo discorso si sconfessa se stesso. Sconfessa se stesso e spiego perché, se l amministrazioni comunali dal 2000 in poi e l ufficio tecnico aveva deciso di fare questo tipo di intervento lo avete deciso voi, non noi, voi lo avete deciso. Voi lo avete deciso, fammi finire adesso, tu stai, ti sei sconfessato allora qui siamo di fronte ad una amministrazione e ad un ufficio tecnico che nel 2002 decide una cosa, la approvate, ve la fate come vi pare giusto? A distanza di 8 anni venite qui e dite no abbiamo sbagliato tutto aveva ragione multi servizi, perché tu hai detto questo. allora io dico è vero quello che dice Mingarelli che dal 2004 non abbiamo più competenza mentre invece avevamo prima competenza ma la politica è questa. Ma chi è multi servizi scusate sa? Sono io multi servizi? Multi servizi è un organizzazione che gestisce per conto dei comuni, chi ci rappresenta dentro questo ente? Chi si sta? Neanche lo so? Ci stai tu? Ecco io vorrei sapere quanto tu in giunta o chi prima di te in giunta, se la mettiamo sulla politica stessa maggioranza consiliare avete fatto fare all ufficio tecnico i progetti per 7 impianti di fito depurazione, la regione Marche ve l ha finanziata giusto? (voci) io ho capito. Sta buono. Non ti (voci) PRESIDENTE: Stai facendo una polemica la prendo io adesso la parola. Allora il programma di recupero centro storico borgo CONSIGLIERE TINI: c eri tu forse come assessore ecco perché ti scaldi PRESIDENTE: C ero io.tini ma che vuol dire CONSIGLIERE TINI: Hai sbagliato tutto presidente PRESIDENTE: No non ho sbagliato perché il progetto (voci sovrapposte) CONSIGLIERE TINI: Adesso ho capito chi era l assessore, non mi ricordavo che eri assessore tu, però io non ti volevo fare lesa maestà, non volevo fare lesa maestà però tu con questo atto caro ex assessore ai lavori pubblici sconfessi te stesso e sconfessi l ufficio tecnico che ha fatto quella scelta che oggi a distanza di 8 anni dici che è una scelta sbagliata. Invece a mio modesto avviso non era sbagliata e l ha detto già bene Ottaviani e Sforza mi pare giusto? Allora chi stava a multi servizi dopo di te se tu non c eri più, doveva portare avanti quel tipo di impostazione. Perché noi cari amici

17 ci troviamo che su un investimento per lavori apparte le spese tecniche su un milione e 223 mila euro, 655mila euro pertanto qualcosa come più del 50% di questo finanziamento non c entra nulla con l impostazione orginaria, non c entra nulla. Proprio nulla perché 655 mila euro si spendono per le fogne di Paterno, Collamato, San Michele, Argignano che non c entra niente con la delibera orginaria perciò il 50% è questa la scelta politica che avete fatto, disattendendo quello che avevate deciso prima. Stessa maggioranza cambia l assessore. Questo è il punto che io volevo mettere in risalto caro presidente Mingarelli. Multi servizi non bisogna permetterglielo questo tipo di operazioni perché qui la spesa si gonfia, si gonfia a dismisura, gli impianti di sollevamento, le fogne per l insù è una stupidaggine a mio modesto avviso. Qui si potevano fare impianti di fito depurazione come fate a Campodiegoli, come fate a Belvedere Campodonico e non c era bisogno di questo impianto mega galattico che per 700 persone, 600 non so quante persone abitano in quella zona, spendiamo 655mila euro, più le somme a disposizione intorno agli 800 mila euro. E questo il dato politico che emerge da questo atto, inutile che ci giriamo intorno. Voi spendete 800mila euro di soldi pubblici che non c entrano niente con l impostazione orginaria di questo atto. Questo è il dato politico che io traggo da questo atto. Poi dopo che bisognava farlo anche li Crocetti sono anche d accordo, mica io dico che li non bisognava farlo l intervento. Ma non si poteva mischiare in una questione che non aveva nulla a che vedere con questa. È un altra questione, doveva avere un altro percorso. Qui abbiamo mischiato le fave con i fagioli ed è venuto fuori che doveva essere 80 le fave, 20 i fagioli e invece è venuto fuori al rovescio. Questo è inaccettabile, questi sono cambi di impostazione politica dico io che sono fatti dalla stessa maggioranza inaccettabili. Questa è la critica. Poi più se ne fa e meglio è. Però qui multiservizi ci ha preso in giro, è una vergogna e questo lo dirò domani sul giornale questa cosa. È una vergogna questo atto che ci avete fatto. Comunque fate come vi pare il mio gruppo voterà sicuramente contro questo discorso. PRESIDENTE: Consigliere Tini se lei avesse la pazienza di ascoltare gli altri, perché lei si ascolta da solo e non ascolta nessuno, io ho dato la spiegazione politica prima. Ha capito? Quindi quando lei ha detto a l assessore multi servizi, l assessore all epoca ha scoperto l America che l assessore al tempo ero io. Io ho detto chiaramente che quello era il progetto quando il comune era titolare degli impianti di depurazione. Che allora (voci) quello era nato da uno studio di fattibilità relativamente agli interventi circoscritti ai programmi di recupero quindi porzioni di frazioni, non frazioni intere. Ed ho detto che poi successivamente è arrivata la multi servizi e che è competente solo lei sugli interventi da fare sulle acque nere per cui allora è venuta la mediazione. Multiservizi ha fatto un progetto loro che noi è vincolante. Non può essere che il comune approvi, disapprovi, eventualmente è l assemblea dei sindaci e l autorità d ambito, però mi stia ad ascoltare consigliere

18 Tini perché questo lo avevo detto anche prima. L unica cosa era che eventualmente se eravamo discorsi ai lavori della multi servizi noi restituivamo i 417 mila euro alla regione e la multi servizi faceva interventi secondo una priorità propria. L ho detto anche prima quindi nulla vieta.la multi servizi è una società di capitale pubblico i cui soci sono 45 sindaci della provincia e che io intanto quando ha deciso questo cambio non ero più neanche assessore però non era con questo che era possibile, anche se c ero io non cambiavano le cose perché eventualmente 1 su 45 deve avere la maggioranza per poter modificare..non mi è scaduto il tempo ho 15 minuti anche io. Per cortesia Tini hai detto che non dovevo intervenire quindi questo è quanto e allora la cosa che ci piaccia o no, che questo è stato recuperato il massimo che era possibile recuperare dai progetti che ha la multi servizi e ho detto anche prima che come noi facciamo il piano triennale delle opere pubbliche loro fanno il piano triennale degli investimenti, lo sottopongono all autorità di ambito e alla assemblea dei sindaci, quindi questo progetto è stato approvato dall autorità di ambito e alla assemblea dei sindaci. Se noi non lo approviamo siccome dei 417 mila euro siamo noi i titolari, la multi servizi stralcia dal progetto i 417 mila euro, noi li restituiamo alla regione e loro faranno l intervento per quello che rimane. Quindi questo è. Quindi non è che c era da scoprire nel 2003 chi era l assessore ai lavori pubblici pensa un po. Assessore Romani per le conclusioni ASSESSORE ROMANI: Beh non osavo sperare tanto, di chiudere una discussione. Per riportare ad un ambito di ragionevolezza questo percorso, se è possibile e ci posso riuscire, ed agganciandomi a quello che diceva Mingarelli Angelo noi stiamo dentro un sistema multi servizi, volenti o nolenti possiamo essere d accordo o non d accordo sul fatto che esista o non esista o come è costituita, c è. C è multi servizi. Multiservizi fa il suo percorso, fa i suoi piani, nel periodo in cui Peppe ha svolto il compito che io sto svolgendo bene o male poi qualcuno lo deciderà, in questo momento. Multiservizi avendo preso in carico questo progetto ha deciso, credo con legittimità dando seguito anche a conferenze di servizi perché dico con legittimità perché ritengo che sia dotata di tecnici validi, all altezza. Seguendo un iter normale, logico, conferenza di servizi, hanno deciso di sistemare e questo è avvenuto non perché mi voglio scaricare di qualcosa o voglio caricare a Peppe responsabilità che ne lui ne io abbiamo, perché poi dirò e credo che lui confermerà quello che è quella assemblea (voci) benissimo io ti dico come funziona laggiù siccome qualcuno che qui è minoranza da altra parti è maggioranza e la dentro ci sta quindi avrà riferito come può funzionare quell assemblea, nell arco dal 2004 al 2006 multi servizi decide e da seguito al cambiamento chiamiamolo di programma, di investimento, dicendo però una cosa molto chiara che queste frazioni che sono rimaste fuori non rimangono fuori perché si chiama San Donato e perché si chiama Santa Maria. Rimangono fuori perché c è un progetto molto più ampio che porta a

19 risparmiare soldi, questo è scritto nelle conferenze dei servizi, è scritto nell iter che si è svolta la cosa ed a questo bisogna anche credere un pochettino (voci) te la procuro, te la procurerò. (voci) però io vorrei finire di spiegare. Quindi decide questo percorso e dice anche poi in queste frazioni si cercherà di fare interventi non molto più importanti, molto più specifici ed addirittura considerando che la cosa possa anche avvenire non solo nell ambito territoriale in cui opera multi servizi ma anche coinvolgendo situazioni, altre realtà come per dire San Donato potremmo decidere anche di portarlo a Cagli (voci) Sassoferrato sta.per dire che al di la di multi servizi un rapporto chiamiamolo interprovinciale, interregionale, per dire che la cosa non è stata messa li, abbandonata da una parte, no. C è una certa porgettualità dentro che per il momento viene accantonata ma che è inserita e questo lo potete vedere perché se lo andate a vedere nei piani di intervento che l ato sta prevedendo nelle annualità successive e viene inserite in annualità successive rispetto ai lavori che si è deciso, se oggi questo atto è votato, di portare avanti. Un altro punto e qui vorrei il supporto di Peppe ma lo ha già detto, siamo uno dei 46 e ti trovi anche a discutere con chi dice che in questa e qui do il merito a chi ci è stato prima di me, che qui si spendono soldi a iosa e noi ci salviamo solo, non lo so se Peppe lo diceva io lo dico spesso e volentieri al vicesindaco si Ancona che noi l acqua che beviamo non ci laviamo le navi. La beviamo e non la buttiamo in mare. Ecco ci salviamo un po anche con queste piccole goliardate altrimenti dicono che qui abbiamo speso in questi 5-6 anni più di 16 milioni di euro. Cose che in provincia laggiù al mare è un dramma e poi loro pagano l acqua noi non paghiamo niente. È questo il clima in cui dentro quell assemblea si vive. Non è..(voci) loro c è chi paga più rispetto a quello che paghiamo noi però (voci) no si è livellato Angelo e si livellerà perché si arriva alla tariffa unica è quello il percorso. Senno neanche poteva esistere il discorso di multi servizi. Per cui si vive.niente è dimenticato di questa storia, assolutamente non è dimenticata. Fa parte di una progettualità più complessa e più lunga e poi c è purtroppo lo scontro ogni volta che stai seduto li per cercare di far valere dei diritti, secondo me dei diritti perché qui ci sono anche le sorgenti, cioè noi non è che non abbiamo niente che non mandiamo giù.però i problemi ci sono e continuamente ti fanno presente che qui vengono spesi i soldi che giù si sognano. Per cui io dico per i tecnici che io ho imparato a conoscere in queste tempi. Sicuramente Peppe li avrà conosciuti ancor meglio di me. Io ho fiducia di questi percorsi. Sono convintissimo che non c è sperpero di danaro pubblico. Ne sono convinto per quello che sento e per come si lotta per poter andare avanti e cercare finanziamenti che permettano di poter portare avanti queste progettualità che vi devo dire, per noi credo poi avete anche amministrato qualcuno prima di me, penso che sia una manna. Speriamo che questa acqua resti pubblica perché senno è la fine di tutto e per questo dobbiamo comunque lottare, io non mi fermerei di fronte ad un 4x4 che faceva prima Ottaviani, non sono quelli i numeri insomma. Certo dico con onestà che diventa difficile

20 sostenere progettualità.le cifre che progettualmente stanno scritte li. È difficile ma non è neanche il 4 per 4 che Ottaviani dice insomma non..parliamo poi di uno studio di fattibilità del 1997 ad un definitivo che ancora deve essere in essere. PRESIDENTE: Grazie assessore Romani. Dichiarazioni di voto, consigliere Tini ha la parola. CONSIGLIERE TINI: Grazie presidente. Io ringrazio l assessore Romani che almeno in maniera molto pacata mi ha detto le cose come stanno più o meno, non condivido chiaramente la finale nel senso che questi soldi sono spesi bene. Secondo me non vengono spesi bene. Condivido il fatto che noi siamo visti male, che noi siamo visti come montanari che spendiamo i soldi loro su questo condivido la filosofia che ci sta però qui io avevo posto una questione un po diversa. Avevo posto una questione che io ritengo che anche in questa assemblee di cui non ho mai fatto parte e spero di non fare mai parte perché non ci credo molto a queste cose, io penso che quando si parla di investimenti in un singolo comune, il sindaco o i rappresentati di quel comune abbiano voci in capitolo perché non penso che il sindaco di Jesi o si Senigallia se c è da spendere 500 mila euro a Fabriano dice no facciamo la fito depurazione, facciamo le fogne, facciamo qui, non credo proprio. Però prendo atto che il clima è quello che è. Però io ancora tutta questa discussione di questa sera e tutte le riunioni che abbiamo fatto questa estate nella commissione di cui come capogruppo ci andavo perché questa storia è un po che va in giro giusto? Non ho capito perché questa fito depurazione si fa in alcune parti si e in alcune parti no, spendendo come dice Ottaviani delle somme enormi. Perché se pensate che Argignano San Michele ci costa 800 mila euro con tutto il rispetto, loro perché non hanno la fito depurazione come Campodonico o come Belvedere? Non vedo tutta questa differenza, ci saranno 2 o 300 persone in più ma non vedo.no andiamo a fare un opera faraonica spendendo una barca di quattrini e non facendo neanche un piccolo fito depurazione dove invece con gli stessi soldi si poteva fare. È questa la contestazione che faccio io. Però io non sono un tecnico, io mi auguro che voi avete ragione. Noi non condividiamo come gruppo UDC questa operazione. Chi se la vota se ne assume le responsabilità perché secondo me questa è una spesa impropria. È una spesa impropria. Noi potevamo ottenere lo stesso risultato spendendo molto meno oppure con gli stessi soldi fare tutti gli impianti come voi stessi nel 2002 avete detto. Perché nel 2002 il sindaco Sorci era Sorci come adesso. Adesso non c eri tu come assessore c era Mingarelli va bene però l amministrazione dico giunta, ufficio tecnico fa una scelta, dopo alcuni anni questa scelta viene completamente stavolta e voi a pecorone, dico io, subito perché dice perdiamo qui e perdiamo la. E no. C è da battere anche i pugni sul tavolino quando serve, con multi servizi o con chiunque esso sia. Perché non è così, se questo investimento originale della regione Marche era nei

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1

69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1 69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1 OGGETTO: Mozione presentata dai consiglieri Munafò e Menghi del Comitato Anna Menghi in merito all aumento dei prezzi dopo l entrata in vigore dell Euro. RITIRATA.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 Quarto punto all O.d.G. Proposta del Consigliere Cieri di modifiche al Regolamento IUC (regolamento TARI) Illustra il Consigliere Cieri. Grazie

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare 1 scopri i 7 rischi che corri nell acquisto della tua nuova casa e le 3 soluzioni che possono salvarti dall acquisto sbagliato. 5 servizi che devi pretendere dall agenzia immobiliare 2 Che si tratti dell

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015 Allegato B) VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015 INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "TERNO BENE COMUNE" IN ORDINE AL CIMITERO, ACQUA NELLE TOMBE E LAVORI ALLE CAPPELLE. Passiamo

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE!

DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE! DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE! 1 Web Site Story Scoprite insieme alla Dott.ssa Federica Bianchi e al Dott. Mario Rossi i vantaggi del sito internet del

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e digitali

Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e digitali RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 33 DEL 12.06.2014 Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e

Dettagli

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo CONSIGLIO COMUNALE DEL 01 OTTOBRE 2015 APERTURA LAVORI APERTURA LAVORI QUINDI COSI PROSEGUE: Buona sera a tutti. Signor Segretario, Iniziamo facendo l appello nominale, per favore. Sono presenti n 11 Consiglieri:

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 25 NOVEMBRE 2013

COMUNE DI CARMIANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 25 NOVEMBRE 2013 COMUNE DI CARMIANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 25 NOVEMBRE 2013 Sesto Punto all OdG: Indennità di carica per il Presidente del Consiglio Comunale - Gettone di presenza per i Consiglieri Comunali -

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

Verbale Interventi DCC n. 12 del 28/01/2010

Verbale Interventi DCC n. 12 del 28/01/2010 PRESIDENTE: Come avevo già detto nelle comunicazioni la giornata si svolgerà.allora abbiamo fatto un integrazione proprio sul fondo di solidarietà che poi ce lo spiegherà il presidente della commissione,

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile La TUA Grande Rete Sempre Disponibile A chi ci rivolgiamo? Chi vuole mettersi in gioco sempre. Chi vuole raggiungere livelli altissimi di guadagno. Chi vuole essere il padrone di se stesso. Chi vuole

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

COMUNE DI REZZATO CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 AGOSTO 2015 PUNTO NUMERO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO IL SINDACO

COMUNE DI REZZATO CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 AGOSTO 2015 PUNTO NUMERO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO IL SINDACO COMUNE DI REZZATO CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 AGOSTO 2015 PUNTO NUMERO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO IL SINDACO Invita il Consesso a voler discutere del seguente argomento: RICHIESTA DI APPROVAZIONE DELLA PROCEDURA

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

SW1 - Lo Swap nella realtà Commerciale

SW1 - Lo Swap nella realtà Commerciale SW1 - Lo Swap nella realtà Commerciale Per quanto il mondo delle Opzioni ci possa aver appassionato in modo speciale, molti altri sono gli Strumenti Derivati messi a disposizione dai Sistemi Bancari e

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8 1/8 MISSIONE IN SICILIA 1 OTTOBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 10,23. PRESIDENTE. Ovviamente la ringraziamo. La relazione da lei predisposta ci consentirà di abbreviare

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI. Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI. Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione. CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione. Passiamo al quarto punto all ordine del giorno: Modifica cespiti patrimoniali.

Dettagli

OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO "ENERGIA" - ADOZIONE

OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO ENERGIA - ADOZIONE OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO "ENERGIA" - ADOZIONE ESCE IL CONSIGLIERE PANZETTI-PRESENTI N. 16 Anche qui approfittando della presenza dell architetto

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Verbale Interventi DCC n. 14 del 28/01/2010

Verbale Interventi DCC n. 14 del 28/01/2010 PRESIDENTE: Punto 22 all ordine del giorno, concessione istallazione apparecchiature interlan presso il cimitero di Collamato, non relaziona l assessore Boldrini ma relaziona l assessore Paoletti perché

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli