Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati."

Transcript

1 Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Esiste un metodo semplice per ottenere i Costi sotto controllo. Questa tecnica è stata usata con successo in Attività di qualsiasi dimensione (dai semplici Negozi, ad Aziende multi business) e necessità della conoscenza di alcuni semplici dati applicabili con un pezzo di carta, penna e calcolatrice (o quaderno) oppure, usando un foglio di calcolo. Il metodo PUO essere completamente SVINCOLATO dalla tempistica della Contabilità e quindi, per operare, NON è necessario attendere i dati di Bilancio o i Report. E altresì compatibile con qualsiasi Modello Interno Organizzativo. Scopo del Metodo: Lo SCOPO non è di avere il valore dei Costi entro il Budget ma di PREVENIRE che si spenda più di quanto si stia guadagnando (che è più importante). Ciò lo si ottiene seguendo questa formula:

2 Adottando questo comportamento potete migliorare o risanare le finanze di un Azienda (purchè rispettiate le regole). La previsione del fatturato del periodo deve essere attendibile, basata su dati concreti, considerando le consegne e gli ordini in corso. Nel caso di dubbi sul valore delle Vendite previste, fate la media dei 3 mesi peggiori degli ultimi 12 mesi (o la media delle peggiori 12 settimane dell anno precedente) ed utilizzate quel valore come previsione. Un esempio chiarirà meglio il concetto. Step 1 Il Metodo in pratica La prima cosa da fare è rispondere alla domanda: Quanto costa settimanalmente (o mensilmente) la mia Azienda? Dobbiamo, in altre parole, conoscere le uscite FISSE della nostra Attività. Per definizione le uscite fisse sono quegli esborsi che si sostengono indipendentemente da quanto si produce e si vende. Sapere questo dato non è difficile. Esistono 2 tipi di Uscite Fisse: Ci sono Uscite che si devono per forza pagare e che non posso decidere di spostare come pagamento o tagliare. Le ho chiamate USCITE FISSE NON MODIFICABILI. Ci sono invece Uscite che sono fisse ma che però, se voglio, posso decidere di non fare o spostare nel tempo. Le ho chiamate USCITE FISSE MODIFICABILI. Ecco un esempio di uscite fisse non modificabili:

3 Ecco un esempio di uscite fisse modificabili: Quello che dovete fare è: - procurarvi i dati dell anno precedente dalla contabilità o dal commercialista e tenere distinti i valori tra uscite fisse modificabili e non. - Fare una stima delle uscite fisse per l anno in corso prendendo in considerazione i contratti ed accordo in essere e tenendo conto di quello che volete fare (variazione del Personale, nuovi locali in affitto, ecc.). Avere sott occhio come riferimento i dati dell anno precedente è molto utile nel fare previsioni corrette. - Dividere i dati previsti annuali per 12 mesi o 52 settimane a seconda della cadenza di controllo desiderata. Il consiglio è quello di scegliere una cadenza mensile se gli incassi o la fatturazione ai clienti è mensile, settimanale se gli incassi sono giornalieri (come Negozi o attività in Dettaglio). Step 2 Dobbiamo ora calcolare il Valore delle VENDITE NETTE necessarie per coprire le Uscite fisse ed ottenere un Surplus Finanziario Positivo (Utile). Le VENDITE NETTE sono date dal valore del fatturato previsto MENO i costi diretti del prodotto. I costi diretti del prodotto sono quei costi che si sostengono per il fatto di produrre e vendere. Il loro valore quindi VARIA DIRETTAMENTE in base ai volumi di vendita. Ecco un esempio di Costi diretti variabili di prodotto e di Vendite Nette:

4 Lo scopo di questo prospetto è quello di stabilire l incidenza percentuale dei costi variabili di prodotto e del fatturato netto sul fatturato lordo. Nell esempio, l anno precedente i costi variabili di prodotto erano il 45.84% del fatturato e quindi su 100 euro di fatturato RESTAVANO 54.2 euro di margine (fatturato netto) da utilizzare per COPRIRE i costi fissi. Se il margine ha un valore superiore ai costi fissi di avrà un guadagno altrimenti si otterrà una perdita. Per l anno in corso si è ipotizzato un calo dei prezzi di vendita e quindi il fatturato netto (margine) passerà dal 54.2% al 52.0% del fatturato lordo. Step 3 E necessario ora fare la previsione delle uscite per gli INVESTIMENTI. Per i nostri calcoli ci sono 2 tipi di investimento: Quelli di piccolo importo che si sostengono ogni anno e che non sono facilmente prevedibili (acquisto PC, attrezzature varie, mobili ufficio,ecc.). Questi importi dovrebbero essere considerati come spese fisse e quindi essere coperti con le entrate ordinarie del fatturato. E opportuno quindi prevedere un accantonamento forfettario oltre le spese fisse modificabili (in linea con gli anni precedenti) per questa voce di spesa. Quelli di importo rilevante che generalmente vengono coperti con finanziamenti bancari o leasing (acquisto fabbricati, macchinari, impianti, sistemi informatici,ecc.). In questo caso il valore dei leasing o le rate dei

5 finanziamenti che scadono nel periodo devono essere inseriti nel valore annuo delle uscite fisse non modificabili mentre la parte dell investimento non coperta dai finanziamenti deve essere coperta dal fatturato lordo. Step 4 Ora che per l anno in corso sappiamo: l incidenza percentuale dei costi variabili di prodotto, il valore delle spese fisse (modificabili e non), il valore degli investimenti non coperti da finanziamenti possiamo calcolare il FATTURATO MINIMO annuo e del periodo (mensile o settimanale) da realizzare per ottenere il guadagno desiderato (surplus finanziario). La formula è: Nel nostro esempio il calcolo è il seguente: Sappiamo quindi che se nel mese non realizziamo vendite per euro (o euro alla settimana) avremo una perdita a meno che non riduciamo le uscite. Ecco come fare.

6 Step 5 Facciamo 2 ipotesi: Ipotesi A: il mese prevede un fatturato SUPERIORE al Budget (ad esempio euro) Ipotesi B: il mese prevede un fatturato SOTTO Budget (ad esempio euro). Le voci di spesa del modello indicano il grado di PRIORITA da assegnare agli stanziamenti. Prima si accantona parte del fatturato (48% = 41% + 7%) per le uscite relative al prodotto che sono le spese più importanti. Poi, di quello che rimane, si accantona il valore mensile delle spese NON modificabili mensili previste che devono per forza essere coperte. Poi si accantona un valore per la Pubblicità e la Promozione che sono importanti per l Espansione. Poi si accantona la % di GUADAGNO previsto. Ed infine, per quella che resta, si stabilisce il valore massimo delle altre spese. Solo in questo modo si è sicuri di tenere le uscite inferiori alle entrate ed ottenere un guadagno (surplus finanziario). Se volete ottenere un Guadagno accantonate una percentuale delle vendite e POI, solo di quello che rimane, destinatelo alle spese. Se fate il contrario state certi che il vostro guadagno verrà speso con ulteriori richieste oltre Budget.

7 Compilato il modulo, date disposizione alla funzione acquisti di non emettere ordini nel periodo superiori a quanto stabilito, e verificate ogni 7 o 15 giorni con l amministrazione il rapporto tra quanto autorizzato e quanto ordinato o speso. Aggancerete le uscite al valore della produzione e del fatturato per cui, se si vorrà spendere di più, di dovrà produrre e vendere di più. Prima di produce e si vende e poi si spende. Fate rispettare in modo ferreo questa regola. Nell ipotesi A dell esempio, dato che il fatturato è superiore al Budget, abbiamo avuto un guadagno aggiuntivo di 852 euro. Come utilizzarlo? Semplice, aggiungetelo al valore della voce guadagno e non stanziate un importo maggiore per altre spese. Nell ipotesi B, invece, il fatturato era inferiore al Budget. Il comportamento da adottare è quello di accantonare comunque una percentuale di guadagno e POI autorizzare nel mese spese per investimenti e spese modificabili per i restanti 829 euro. Step 6 Ed il mese dopo? Cosa si fa? Come ci si comporta in presenza di un fatturato consuntivo diverso da quello previsto? La prima cosa che dovete fare è ricalcolare il valore degli stanziamenti in base al fatturato effettivo del periodo. (vedi prospetto sotto indicato alla colonna Stanziamenti in base consuntivo ). Quindi riportare nella colonna speso il valore degli acquisti consuntivi del periodo. (con il foglio di calcolo queste due operazioni avvengono in automatico senza spendere un secondo per aggiornare il modello). Se gli stanziamenti in base al fatturato consuntivo sono superiori alle spese fatte, la differenza può essere portata in aumento del guadagno o aggiunta agli stanziamenti (della stessa voce di spesa) del mese successivo. Se il fatturato effettivo, invece, è inferiore a quello previsto, le maggiori spese fatte vanno portate a decurtazione degli stanziamenti del mese successivo per recuperare quanto sforato. Un CONSIGLIO per evitare di stanziare in eccesso è quello di verificare a CONSUNTIVO SETTIMANALMENTE il livello di produzione e vendita prevista nel mese e quindi RITARARE gli stanziamenti del mese, dando disposizioni correttive, in base alla nuova previsione.

8 Un modello utile per gestire queste situazioni potrebbe essere questo. Come si vede, all inizio del mese in corso (febb. XX) si procede a stanziare in base alla previsione ( euro di fatturato) ma il valore degli ordini (Colonna Massimi ordini da autorizzare ) viene rettificata aggiungendo o togliendo ciò che è stato speso in meno od in più nei periodi precedenti. Nota come con questo semplice prospetto POTETE ad esempio capire SUBITO: se state guadagnando (ancora prima di ricevere un Report o il Bilancio), quali costi non sono in linea col budget o con i volumi di vendita consuntivi e quindi agire tempestivamente per correggere le cose, capire qual è il fatturato minimo da realizzare per coprire i costi fissi ed ottenere un guadagno. Di quanto deve variare il fatturato annuale (e di conseguenza quello del periodo) se assumi nuovo personale o fai un investimento non previsto. Quali Reparti o linee di Business stanno spendendo più di quanto guadagnino. Compila il modulo per richiedere GRATUITAMENTE e SENZA IMPEGNO informazioni sul Metodo proposto: - Riceverai tutti i chiarimenti necessari. - Risponderemo a qualsiasi Tua domanda o richiesta.

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE Da sempre nascono periodicamente problemi che riguardano

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

La gestione dei costi nella ristorazione. Di Stefano Azzini

La gestione dei costi nella ristorazione. Di Stefano Azzini . La gestione dei costi nella ristorazione Di Stefano Azzini La vostra azienda ha subito un calo di vendite?. Prima di iniziare ad attivare iniziative di marketing per la ricerca di nuovi clienti, conviene

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

Professionista: non per soldi ma per passione? Massimo Magri dvm Libero professionista Clinica Veterinaria Spirano

Professionista: non per soldi ma per passione? Massimo Magri dvm Libero professionista Clinica Veterinaria Spirano Professionista: non per soldi ma per passione? Massimo Magri dvm Libero professionista Clinica Veterinaria Spirano PREMESSA Di cosa parliamo? Cosa c entra un veterinario? FINALITA Stimolare la discussione

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi ABSTRACT In questo articolo viene presentato un nuovo modo di prendere decisioni in azienda senza

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali E' un Software ideato e realizzato per poter essere facilmente utilizzato dalle Piccole e Medie Imprese che non possono contare su una struttura

Dettagli

PAPER S.R.L. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4.

PAPER S.R.L. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4. BUDGET DEI VOLUMI DI VENDITA Dal budget dei volumi produttivi si ricava che per il prossimo periodo amministrativo

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA APPLICAZIONE. REV 2.0 del 10.5.2012

PRESENTAZIONE DELLA APPLICAZIONE. REV 2.0 del 10.5.2012 Gestione spese Budget, Controllo e rendicontazione PRESENTAZIONE DELLA APPLICAZIONE REV 2.0 del 10.5.2012 Requisiti: Microsoft Excel 2003 o versioni successive Entratel.Com Servizi Telematici per Imprese

Dettagli

Relazioni costo-volume-profitto

Relazioni costo-volume-profitto Relazioni costo-volume-profitto I principi di base dell analisi Costo-Volume-Profitto (CVP) WIND BICYCLE CO. Conto economico a margine di contribuzione Per il mese di giugno Totale Unitario Vendite (500

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto La Pianificazione Finanziaria ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La pianificazione Finanziaria

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA INTERESSE SEMPLICE Calcolo dell interesse 1. Un capitale di 3.400 fu impiegato per 3 mesi al tasso del 5%. Qual è l interesse prodotto? 2. Un capitale di 1.725 venne impiegato per

Dettagli

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Materiali redatti da Stefano Favallesi e Pietro Ramirez INDICE FUNZIONALITA

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

ESTIMO LAVORO ESTIVO IV ITG

ESTIMO LAVORO ESTIVO IV ITG ESTIMO LAVORO ESTIVO IV ITG 1 Sono debitore di 12.800, da pagarsi tra 5 mesi, e creditore, nei confronti della stessa persona, dei seguenti importi: - 3.500 da pagarsi tra 2 mesi; - 2.500 da pagarsi tra

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE E

IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL BUDGET A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il Processo di Budgeting Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100

Dettagli

PIANO D'IMPRESA. - il valore del patrimonio netto rispetto all'investimento complessivo; (*)

PIANO D'IMPRESA. - il valore del patrimonio netto rispetto all'investimento complessivo; (*) (fac - simile) PIANO D'IMPRESA I. Notizie sull'impresa 1. Forma Giuridica 2. Anno di costituzione 3. Capitale sociale 4. Capitale netto 5. Tipologia di attività: (indicare il codice Istat/ATECO 2002) 7.

Dettagli

PiattoRicco_XL (Versione 1.0) Software gratis e open source per il controllo di gestione nella ristorazione

PiattoRicco_XL (Versione 1.0) Software gratis e open source per il controllo di gestione nella ristorazione PiattoRicco_XL (Versione 1.0) Software gratis e open source per il controllo di gestione nella ristorazione di Andrea Mecchia Sintesi delle funzionalità 1 Sommario LICENZA... 3 Lineamenti fondamentali...

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO INDICE IL RENDICONTO FINANZIARIO,... 2 LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 3 IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 6 PRIMO PASSO:

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

READY-TO-GO PRODUZIONE

READY-TO-GO PRODUZIONE READY-TO-GO PRODUZIONE Modulo Standard QlikView OBIETTIVO Le aziende che fabbricano prodotti hanno la necessità di avere un controllo efficiente delle loro attività produttive e di assemblaggio. Questo,

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l.

EASY SHARE FINANCE S.r.l. EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE certificata ISO 9001:2000 Sincert - accreditata dalla Regione Lombardia Il software si compone di tre sezioni: 1) Controllo

Dettagli

UTILMECCANICA COMMERCIALE SOCIETA FINANZIARIA. comprensiva dei servizi accessori gestiti dalla stessa (manutenzione, assistenza, formazione ecc.

UTILMECCANICA COMMERCIALE SOCIETA FINANZIARIA. comprensiva dei servizi accessori gestiti dalla stessa (manutenzione, assistenza, formazione ecc. L offerta di NOLEGGIO si differenzia rispetto ad altre formule come ad esempio il Leasing perché è in grado di offrire al Cliente, una serie di benefici concreti e tangibili. B fornitura del bene con servizi

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere A) Capitalizzazione semplice A.1) Il capitale di 3.000 viene impiegato al tasso i=0,07 per 4 anni. Calcolare il montante. A.2) Il capitale di 3.500

Dettagli

http://www.imcagency.it/

http://www.imcagency.it/ Ciao sono Deni Benati, Consulente Marketing di 27 anni. Ho collaborato e tuttora collaboro con nomi importanti del marketing italiano. Ho partecipato come relatore al Social Money 2009 presso la Camera

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA?

Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA? Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA? Con gli incentivi Statali a cui puoi accedere OGGI STESSO, è estremamente conveniente e redditizio installare un impianto

Dettagli

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico 1. Introduzione Le Scorte sono costituite in prevalenza da materie prime, da accessori/componenti, da materiali di consumo. Rappresentano

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof.

Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof. Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof. Michele Meoli Esercitazione: Analisi di Break-Even (o analisi del punto

Dettagli

PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO DI MASSIMA

PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO DI MASSIMA Comune di Modena Assessorato alle Politiche Economiche Assessorato alla Pianificazione e Gestione del Territorio 8 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO DI MASSIMA 8.1. Investimenti Gli inv, a tale proposito,

Dettagli

Roberto Ciompi CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare il bilancio della Tua impresa.

Roberto Ciompi CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare il bilancio della Tua impresa. Roberto Ciompi CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare il bilancio della Tua impresa. 1 CIOMPI ROBERTO CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

SOLUZIONI PER COMUNICARE SERVIZIO GESTIONE & MONITORING FATTURATI PUNTI VENDITA

SOLUZIONI PER COMUNICARE SERVIZIO GESTIONE & MONITORING FATTURATI PUNTI VENDITA SOLUZIONI PER COMUNICARE SERVIZIO GESTIONE & MONITORING FATTURATI PUNTI VENDITA MODALITA DI UTILIZZO DELL APPLICATIVO Le soluzioni di seguito proposte prevedono due possibili modalità di utilizzo. La prima

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Esame 2014. Contabilità, controlling

Esame 2014. Contabilità, controlling Berufsprüfung für Marketingfachleute mit eidg. Fachausweis Examen prof. pour spécialistes en marketing avec brevet fédéral Esame per Specialisti in marketing con attestato professionale federale Esame

Dettagli

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Rif sm/fb 1 Valutazione del SCI da parte del revisore Caso Elettronica Italia Soluzioni Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli

Dettagli

NELLA CONTABILITA GENERALE

NELLA CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 9 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 24 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE SCRITTURE NELLA CONTABILITA GENERALE

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7

Dettagli

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano 15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano UNO STRUMENTO PER L ANALISI CONGIUNTA DELL ANDAMENTO DEI COSTI, RICAVI, RISULTATI B.E.P.= break even

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE: I PRIMI PASSI

CONTROLLO DI GESTIONE: I PRIMI PASSI CONTROLLO DI GESTIONE: I PRIMI PASSI Questo e-book è coperto da copyright, ne è vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo anche parziale 1 INDICE ANALITICO Capitolo 1 3 Introduzione 3 La realizzazione

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

SOCIETA ANONIMA Dispensa / teoria costituzione e ripartizione utile SA. Luca Dossena

SOCIETA ANONIMA Dispensa / teoria costituzione e ripartizione utile SA. Luca Dossena SOCIETA ANONIMA Dispensa / teoria costituzione e ripartizione utile SA Luca Dossena Sommario SOCIETA ANONIMA... 3 Teoria di base... 3 Iscrizione a RC (registro di commercio):... 3 Capitale azionario...

Dettagli

Contabilità finanziaria e aziendale Domande d esame

Contabilità finanziaria e aziendale Domande d esame Esami modulari SVF-ASFC Edizione autunno 2009 Contabilità finanziaria e aziendale Domande d esame Durata dell esame: 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: calcolatrice standard non programmabile e non in

Dettagli

Business Plan per tutti

Business Plan per tutti Business Help! Business Plan per tutti Scrivere il proprio Business Plan in maniera semplice e rapida Brogi & Pittalis srl Consulenza di direzione e organizzazione aziendale www.direzionebp.com Business

Dettagli

Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati)

Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati) Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati) Se cercate la definizione del termine preventivo, nel vocabolario Treccani trovate scritto: Che si fa in

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic IDEE TECNICHE MANAGEMENT Analisi di Bilancio Basic ANALISI DI BILANCIO Cosa è il bilancio d esercizio? Il bilancio d esercizio è il documento con cui si rappresenta la situazione economica (ricavi e costi),

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI )

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI ) IL BILANCIO D ESERCIZIO: COSA E E COME SI LEGGE (e soprattutto come si utilizza nel controllo di gestione dell impresa) STATO PATRIMONIALE = FOTOGRAFIA DEL PATRIMONIO CONTO ECONOMICO = FILM DELLA GESTIONE

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

RISPARMIO Scheda di lavoro

RISPARMIO Scheda di lavoro Domande di comprensione Spuntate le affermazioni corrette, e motivate ogni volta la vostra risposta. Esercizio 1 Quali affermazioni sul risparmio sono corrette? Fornite una motivazione per ogni risposta.

Dettagli

Come leggere la bolletta. e altre cose da sapere

Come leggere la bolletta. e altre cose da sapere Come leggere la bolletta e altre cose da sapere INDICE Introduzione La bolletta 1) La pagina di riepilogo 2) Le pagine di dettaglio 3) Il bollettino postale Quando arriva la bolletta. Come è possibile

Dettagli

La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis.

La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. Ma è davvero così difficile la contabilità? Io direi complessa difficile no, almeno se hai compreso bene le basi! In sole

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO ED ATTIVITA BIENNALE

PROGETTO DI SVILUPPO ED ATTIVITA BIENNALE MODELLO A-2 PROGETTO DI SVILUPPO ED ATTIVITA BIENNALE Cooperativa Sociale (denominazione) Settore di attività per il quale si richiede il contributo N.B.: Ogni pagina compilata deve portare a margine la

Dettagli

Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati. Comenius Regio. Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze

Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati. Comenius Regio. Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati Comenius Regio Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze COMENIUS REGIO LA STRUTTURA DEL BUDGET Stefania De Lellis Ufficio

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN O.S. Organizzazione e servizi S.r.l. Dott. Dante Romanò Come realizzare un Business Plan : una guida semplice completa di un modello gratuito per il calcolo dei

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Servizio Studi INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Rilevazione sul 2000 INDICAZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO - Tutti i campi devono essere compilati. - Se il valore

Dettagli

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Introduzione Raccorda automaticamente i dati economico finanziari dell ultimo bilancio disponibile dell azienda con quelli previsionali inseriti dall utente

Dettagli

Casi in cui la competenza economica non coincide con la manifestazione numeraria:

Casi in cui la competenza economica non coincide con la manifestazione numeraria: Casi in cui la competenza economica non coincide con la manifestazione numeraria: Ammortamento di costi pluriennali Rimanenze di magazzino Ratei e Risconti Fatture da ricevere AMMORTAMENTI Nell anno n

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

Gestione del magazzino. Imputazione dei costi di distribuzione fra due reparti di un azienda mercantile

Gestione del magazzino. Imputazione dei costi di distribuzione fra due reparti di un azienda mercantile Gestione del magazzino. Imputazione dei costi di distribuzione fra due reparti di un azienda mercantile A L azienda commerciale all ingrosso Alfa S.p.A. di Catania commercia, fra gli altri, l articolo

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

finanziaria ODONTOIATRICA MARIO PEANO*

finanziaria ODONTOIATRICA MARIO PEANO* 001-007 Peano 22-10-2004 16:38 Pagina 2 001-007 Peano 22-10-2004 16:38 Pagina 1 Fin qui, nulla di nuovo. Il vecchio medico dentista già così ragionava nei tempi andati, in cui si apriva il cassetto alla

Dettagli

Poligrafici Printing

Poligrafici Printing INFORMATIVA SU OPERAZIONI SOCIETARIE Operazioni con parti correlate (redatta ai sensi dell art. 13 del Regolamento AIM Italia) CONTRATTO DI STAMPA TRA LA CONTROLLATA CENTRO STAMPA POLIGRAFICI S.P.A. E

Dettagli

Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti:

Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti: BUSINESS PLAN START UP Stesura di Business plan per start up per verificare la fattibilità e la sostenibilità finanziaria del progetto/investimento. Adatto sia per uso interno sia per l eventuale presentazione

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli