News dagli Amici di Angal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "News dagli Amici di Angal"

Transcript

1 News dagli Amici di Angal a cura della sezione torinese dell Associazione Amici di Angal Numero 8 NOVEMBRE 2011 In questo numero: Cronache da Angal 1 Rinnovo della Convenzione 2 Nuovi obiettivi e realizzazioni 3 E lontano da Angal 3 Testimonianze La forza di accettare, la capacità di migliorare 4 (di Giuliana Rossi) Sette, otto, nove : 5 imparare a contare le settimane sulle pance (di Laura Rivella) L Africa GRANDE di Monica 5 (di Monica Rossin) I fili delle donne: Klaùdia racconta Albarose 6 Africa bambina 7 Cronache da Angal La 35 a missione di Mario e Claudia 1 Con noi, durante la 35ª missione ad Angal, era presente un bel gruppo di persone: i membri del Direttivo Giovanni Cardellino e Camillo Smacchia con Antonella Cinquetti, la pediatra Giuliana Rossi, che si è fermata fino a luglio, una giovane coppia americana, Kevin e Sarah Wickenheiser, lui laureando in medicina, lei ingegnere (ad Angal per 4 mesi con lo scopo di verificare la fattibilità di un loro futuro impegno a lungo termine), e infine Monica Rossin, del C.D. di Amici di Aber, Associazione da anni sostenitrice dei nostri progetti. L obiettivo principale di questa missione era analizzare assieme al Comitato Direttivo dell Ospedale se, allo scadere del secondo anno e prima di firmarne il rinnovo, quanto era stato stabilito nella Convenzione fra l Associazione e il St. Luke fosse stato realizzato in modo soddisfacente. Alcuni segnali erano tutt altro che positivi e indicavano un lento ma progressivo declino nella qualità dei servizi: disimpegno dei medici nel supporto al dispensario, affidato esclusivamente agli infermieri, saltuaria presenza all ambulatorio per l Aids, gestito con grande generosità e impegno da Suor Stella, mancanza di disponibilità nei giorni di reperibilità, problemi nella gestione dell Unità nutrizionale e dell ambulatorio dentistico. Come sappiamo, l interesse dei medici africani è rivolto soprattutto alla chirurgia, considerata un trampolino di lancio per il loro futuro inserimento in un ospedale più grande di qualche città importante. Ci vuole dunque una buona dose di adattabilità e abnegazione per decidere di mettere a disposizione di un ospedale rurale, in mezzo alla savana, il frutto di anni di studio e di sacrifici. Infatti c è stato un notevole turnover di medici africani in pochissimi anni e purtroppo se ne è andato anche il migliore di loro, il Dr. Joseph Damoi. Dopo innumerevoli riunioni, la proposta di Giovanni Cardellino di mettere a punto un progetto di miglioramento della qualità ( Quality improvement ) è stata bene accolta sia dall Amministratore sia dal Direttore sanitario, che si sono impegnati a studiare i possibili parametri di valutazione, prima del rinnovo della Convenzione. All attuazione di questo progetto l Associazione ha deciso di legare alcuni incentivi economici, mentre si è deciso di ridurre a 300 euro al mese l integrazione allo stipendio dei medici neoassunti, durante un periodo di prova di 6 mesi. Diventeranno 400 se il medico avrà dimostrato di

2 lavorare con impegno, secondo lo spirito umanitario al quale è improntato l Ospedale. La nostra permanenza si è conclusa con un avvenimento per noi speciale: la consegna di un duplice attestato, che recita: «Questo certificato è conferito a Mario Marsiaj... [ a Claudia ] come segno di riconoscimento dello straordinario e particolare servizio in linea con le finalità e la missione dell'ospedale fin dal 1967». Assieme alla firma degli amministratori e dell'autorità locale, c'è anche quella del nuovo Vescovo, giovane, dinamico, intelligente, che siamo andati a salutare per creare fin dall inizio una fattiva collaborazione, coinvolgendolo nei problemi dell'ospedale (del quale è il proprietario). Da parte sua, ha cercato di coinvolgere noi nei problemi dell'ospedale missionario di Nyapea (al confine con il Congo), che sta attraversando un periodo di grave crisi economica e gestionale. Vedremo!!!! Il festoso benvenuto agli ospiti. richiesto che fosse aggiunto un PIANO PER IL MIGLIO- RAMENTO QUALITATIVO DELL ASSISTENZA, che a sua volta ha un costo, in modo da garantire agli ammalati un trattamento più responsabile e più professionale da parte del Personale. A questa decisione siamo giunti dopo aver constatato, durante la missione di primavera assieme al Dr. Giovanni Cardellino, che la qualità dell'assistenza era scaduta dopo la partenza dell'ultimo medico inviato dal Cuamm (luglio '10). Nella tabella qui di seguito riportiamo gli impegni finanziari che ci siamo assunti. DESCRIZIONE 1 Trim. 2 Trim. 3 Trim. 4 Trim. Totale NOTE Mario Marsiaj fra il nuovo Vescovo e il suo predecessore. Con loro Giovanni Cardellino. Rinnovo della Convenzione Da quando, nel luglio del 2009, nell intento di stabilire delle regole chiare e precise sull uso degli aiuti finanziari erogati, è stata stipulata una Convenzione fra Associazione e Amministrazione dell Ospedale, l organizzazione e l operatività del St. Luke sono andate migliorando. L aver fissato regole trasparenti, o meglio, definito i progetti del nostro intervento in campi ben precisi e, nel contempo, l avere stabilito per ognuno di essi il relativo preventivo di spesa ha facilitato in modo notevole i nostri rapporti e la reciproca comprensione e credibilità. Dai 5 Progetti del 2009 con un preventivo di siamo passati nell'anno successivo a , per arrivare nel 2011 a 7 Progetti per un totale di Quest'anno, infatti, agli storici Progetti Ricovero gratuito in Pediatria, Assistenza agli ammalati di Aids e agli orfani da Aids, Samaritan Fund, Operazione Proteine, Sostegno ai salari degli infermieri e dei medici abbiamo 2 1. Ricovero gratuito dei bambini 2. Integrazione salariale per gli infermieri 3. Sostegno ai salari dei medici + gratifiche previste nel piano di responsabilizzazione Operazione Proteine Samaritan Fund Supporto HIV / AIDS Totale / anno fisso Massimo 50% di altri aumenti soggetto a variazioni secondo il piano di miglioramento della qualità soggetto a variazioni in caso di cambiamento di utilizzo soggetto a variazioni in caso di cambiamento di utilizzo soggetto a variazioni in caso di cambiamento di utilizzo

3 Nuovi obiettivi e realizzazioni 1. Iniziamo con una nota negativa: la costruzione di casette per gli infermieri e il miglioramento della rete idrica non hanno potuto essere avviati per la mancanza di un sicuro finanziamento o per il costo dei materiali, che negli ultimi tempi è molto aumentato. Non è venuta meno, però, la determinazione di riuscire ad eseguire quanto prima entrambi i lavori. 2. Ci siamo invece adoperati con successo nel rendere efficiente il Progetto SMOM: ora, grazie all intervento del Dr. Matteo Traversone che, accompagnato dalla fidanzata, Marta Battistini, studentessa di medicina, si è fermato ad Angal per 3 settimane, l ambulatorio odontoiatrico ha ripreso a funzionare. Riportiamo parte della relazione di Matteo: ANGAL: UNA REALTA DA PROTEGGERE [ ] Durante la mia permanenza [ad Angal] mi sono dedicato principalmente alla formazione del personale locale. Ad attendermi un dental assistant, diplomato in Uganda, e un'assistente alla poltrona, che fin dall'inizio si sono dimostrati disponibili alla cooperazione. Dopo un naturale inizio in sordina, dovuto prevalentemente alla qualità della comunicazione, abbiamo assistito ad un progressivo incremento delle attività, frutto forse della volontà comune di trarre il massimo da questa esperienza. In soli 14 giorni di collaborazione siamo riusciti ad effettuare circa un centinaio di prestazioni ambulatoriali, suddivise tra conservativa, endodonzia, chirurgia e protesi. Un aspetto importante è stato quello didattico: l attività di formazione è stata accolta con entusiasmo, tale da stimolare ad ottenere il massimo risultato possibile nelle prestazioni. Attualmente la gestione dell Ospedale è in mani africane, ma è ancora fondamentale l aiuto italiano, fornito in massima parte dall Associazione Amici di Angal e, per quanto concerne l aspetto dentistico, dalla SMOM. Di primaria importanza è sia l invio di specialisti per la formazione del personale locale e per il miglioramento dei protocolli operativi, sia il sostegno nel garantire le attrezzature necessarie affinché loro diventino capaci di promuovere in forma autonoma la salute orale sul territorio. Molto utile sarebbe anche un intervento per organizzare l educazione preventiva necessaria a partire dalle scuole: un iniziativa caldeggiata dalla SMOM, che dopo un iniziale avvio era stata abbandonata per mancanza di personale. 3. Per quanto riguarda il Progetto dell'informatizzazione sostenuto da Informatici Senza Frontiere, dopo un incontro con il suo Presidente Gino Botter, assieme a Dino Maurizio, ci stiamo muovendo su due fronti. Il primo riguarda il potenziamento della connessione a Internet, che dovrebbe diventare satellitare, ma comporta un costo elevato (intorno ai /anno). La finalità del secondo è l organizzazione di brevi corsi di formazione rivolti al personale dell'ospedale che dimostri capacità di apprendimento e buona volontà, e che nel tempo dovrebbe assicurare la continuità del servizio. Inutile sottolineare la valenza strategica di questo Progetto ai fini dell aggiornamento costante del personale medico e paramedico: di qui la necessità di trovare le risorse necessarie al raggiungimento di questo importante obiettivo. eventi E lontano da Angal... 16/03/11 A Sossano (VI) nella Chiesa Parrocchiale concerto vocale-strumentale degli allievi della scuola media che da anni sostengono Angal. 15/04 A Marina di Candeli (FI) Augusto Maionchi anche quest anno si attiva per organizzare una simpatica cena presso l Associazione Canottieri: un appuntamento fisso ormai atteso da molti amici. 12/06 A Firenze al Campo Padovani viene organizzato il consueto torneo giovanile di rugby allo scopo di far conoscere Angal. Stefano di Puccio è il solito, instancabile motore-organizzatore di queste manifestazioni, che richiamano un foltissimo pubblico /06 A Torchiarolo (LE) visita di Claudia e Mario ai parenti di Padre Mario Zecca, parroco di Angal, che organizzano vari incontri, dando nel contempo una splendida testimonianza della loro ospitalità. Le giornate pugliesi si concludono con un saluto, a Brindisi, ad un gruppo di dipendenti della Banca Monte dei Paschi di Siena che da anni contribuiscono a sostenere il Progetto Orfani da Aids e infine con un incontro, ad Ostuni, con l Ing. Emmanuele Giaccari, professore di Idraulica presso l Università di Brindisi, per concertare il rifacimento della rete di distribuzione dell'acquedotto dell'ospedale di Angal /07 In occasione della sagra di Villabalzana (VI), frequentata da centinaia di persone, Claudia allestisce il consueto stand dedicato all Africa. 13/08 Si festeggia alla Torretta, sui Colli Berici (VI), il 15 Angal Day. Sono molti i partecipanti: medici che hanno lavorato ad Angal, soci vecchi e nuovi (una sessantina) e ben quattro Padri Comboniani. Durante l annuale assemblea generale, tenuta nel pomeriggio, si affrontano importanti temi riguardanti soprattutto il rinnovo della Convenzione fra l Associazione e l Amministrazione dell Ospedale e nuove strategie per garantire alla popolazione di Angal un servizio soddisfacente. Quest anno in particolare l assemblea è stata molto animata, segno di un concreto interesse dei soci. 20/10 Il C.D. dell'associazione si riunisce a Como a casa di Betty e Italo Nessi. Italo, appena rientrato dall'uganda, riferisce sullo svolgimento del seminario rivolto a tutto il personale dell'ospedale e organizzato per migliorare la qualità dei servizi; al seminario Italo ha partecipato assieme al Dr. Santini, vice rettore dell'università di Ngozi e coordinatore dei due docenti provenienti dalla stessa Università. 22/10 Alla Torretta riunione di Informatici Senza Frontiere con il presidente Gino Botter, per studiare nuove strategie atte a migliorare l'utilizzo della rete informatica dell'ospedale. e manifestazioni A Sossano, musica e canti per Angal. 3

4 La forza di accettare, la capacità di migliorare di Giuliana Rossi Giuliana, giovane pediatra, ci mette a parte di emozioni, riflessioni, sensazioni registrate durante il suo recente periodo di permanenza ad Angal. Pensieri di una pediatra fresca fresca di specializzazione in un ospedale rurale in mezzo alla savana Non è facile descrivere in poco spazio la miriade di situazioni che ci si trova ad affrontare, le relazioni intessute, gli spunti di riflessione, le sensazioni, belle o brutte (le vie di mezzo sono difficili da trovare laggiù!) L impatto con l Ospedale, ad esempio: Attraversando l Ospedale, sembra quasi di camminare in un mercato, tanta è la serenità, la vitalità, l intrecciarsi delle relazioni Ovviamente quando passo tutti mi guardano, abbozzano sorrisi, aspettano un cenno; appena io saluto, allora si lasciano andare a grandi risate, tanto più se pronuncio qualche parola in Alur (la lingua locale). Solo i bambini sono un po diffidenti di fronte a questi strani dottori bianchi che si aggirano per i reparti Sarà il sole e la luce, saranno i frangipani e le altre piante fiorite, sarà la gentilezza della gente tutto questo ti inganna, ti trasmette pace, sembra un atmosfera quasi serena. Poi all improvviso l incanto si rompe: una donna si mette a piangere; mi avvicino e vedo che le è appena morto tra le braccia il suo bambino. E morto di fame, consumato! Vado in sala parto, dove le ostetriche locali mi accolgono gentilmente. Mi mostrano una donna in piedi, appoggiata al letto con gli occhi chiusi; sembra meditare, solo ogni tanto sospira Mi dicono che è in travaglio. Io sorrido, sento ancora pace, serenità, naturalezza. Ed ecco che arriva la mazzata: deve espellere il bimbo, perché è morto nella sua pancia. Eppure non sembrava avesse la malaria, mi dicono C è davvero tanta malaria qui, una di quelle malattie che da noi senti nominare perché colpisce qualche turista sprovveduto, ma non puoi renderti conto del fatto che un reparto di pediatria possa essere pieno per tre quarti di bambini malati di malaria, che alcuni ne moriranno e altri avranno esiti permanenti; non hai mai pensato che le donne possano abortire per questo e che il tempo passa, la ricerca avanza, tanti nuovi farmaci vengono venduti, ma per questa stupida, banale puntura di zanzara ben poco è cambiato. Lavorare in un ospedale come quello di Angal, vedere bimbi che arrivano in condizioni pietose e a poco a poco migliorano, regala momenti bellissimi, di incontro con la gente, di condivisione, soddisfazione, gioia di fronte al sorriso grato di una mamma o di un collega. Ma ci sono anche momenti di frustrazione e di senso di impotenza; e anche se è difficile accettare quello che suc- Testimonianze 4 cede, anche se ti fa arrabbiare il fatto che qui sembri tutto normale, il fatto che le cose si possano fare solo fino ad un certo punto, in qualche momento percepisci che ciò è parte della natura, con il bello e il brutto, la siccità e poi la pioggia, la vita e anche la morte. Cerco la forza di accettare quello che non posso cambiare, la capacità di migliorare quello che invece posso cambiare e la luce per distinguere le due cose. [ ] Saranno tante le piccole e grandi cose che mi mancheranno: le sensazioni forti, come la banale routine che mi sono creata Il risveglio senza sveglia, con i primi rumori che vengono dall Ospedale: le donne che iniziano a cucinare, che spazzano per terra e puliscono i reparti, si lavano, chiacchierano Mucche, uccelli, insetti che fanno rumori strani, il tamburo sul sagrato della chiesa Mi mancherà la fila infinita di mamme e bambini in attesa della visita. Mi mancherà tantissimo la passeggiata al crepuscolo su queste stradine di terra, in mezzo alle colline che sfumano all orizzonte, gli spazi enormi della savana dove la presenza dell uomo è veramente integrata nella natura. Sentirò la mancanza anche delle cene con i Padri Comboniani, del loro affetto, delle loro abitudini, dei loro racconti sentiti tante volte, frammenti di vite speciali Ma sento che tornerò, che farò ancora parte di tutto ciò, perché questa è stata un esperienza diversa, o forse io sono diversa. Ho sempre cercato nuove mete, nella curiosità di conoscere cose nuove, ma ora mi sento un po parte di qualcosa, un po responsabile. In Italia amo tanto il mio lavoro: mi interessa, mi stimola, mi diverte ma laggiù ad Angal, in Africa, ha assunto un senso più profondo, è diventato davvero parte di me. Giuliana in pediatria.

5 Sette, otto, nove : imparare a contare le settimane sulle pance di Laura Rivella Laura, ostetrica presso l Ospedale di Lugano, è stata due mesi ad Angal. Se n è innamorata. Ci ha mandato una lunga testimonianza, dimostrando una sensibilità particolare. Per mancanza di spazio ne pubblichiamo solo alcuni stralci. Le ostetriche e la cultura africana: non ne so niente, non conosco niente, ma mi è stata data la possibilità di avvicinarmi a loro e questo mi arricchisce. Mi sono affacciata a una porta perché ho avuto il tempo di bussare piano a questa porta, aspettando che qualcuno mi aprisse, la pazienza di indugiare per poi essere travolta a pieno ritmo, NEL BENE E NEL MALE, nelle cose belle e meravigliose quanto nelle cose lontane dalla mia realtà e molto crude. Chiudo gli occhi e ripenso Penso al colore della luce, prima di tutto. A come si posa sulla pelle al mattino mentre faccio il giro in reparto, mentre passo in mezzo al cortile che separa la sala parto dalle grandi stanze piene di letti vuoti, perché loro, le mamme, dormono per terra; sono comode, dicono, dormono come a casa. Sono abituate, più che altro. Ti abitui a tutto, ma non è proprio così qui: nasci senza conoscere un'alternativa. Io mi sto abituando alle mosche, alle ferite infette, a lavorare con dei guanti grandi il doppio della mia misura (la via di mezzo meno cara per tutti) con la paura di pungermi. A mettermi un grembiule sciacquato e degli stivali di gomma per assistere un parto. A controllare quattro parti quasi in contemporanea. A portare ragazzine di quindici anni in sala operatoria per controllare ferite di un travaglio precoce. A scacciare gli insetti. A volte non mi va di dire, scrivere, pensare a niente, perché in certi momenti di sconforto mi va solo di togliere i guanti e buttarli via. Di dire che va bene così, che me ne torno a casa, nel mio ospedale stirato con la cera e piegato nel cassetto. Che ho visto abbastanza. Poi tutto passa un'altra volta. Ritrovo la calma e le risate delle ostetriche di questo posto perso nella savana, tra le capanne. E penso che in cambio ricevo delle cose che mi fanno crescere sto imparando a usare veramente le mie mani per il lavoro che dovrebbero fare sto contando le settimane sulle pance sto accarezzando ogni parte del corpo di questi bimbi sotto la pelle asciutta, sentendo con le dita se davvero si può partorire sto imparando a farmi accettare, oltre la cortina dei loro sguardi sospettosissimi ma, in fondo, intimoriti. Mi faccio raccontare dalle loro voci pazienti storie lontane. Testimonianze 5 Laura festeggiata dalle colleghe ugandesi. Ogni tanto vivo in osmosi con loro. Sono la piccola del reparto quando mi insegnano a sopravvivere, sono un po' più grande quando sono io a dire loro qualcosa di nuovo. Angal mi ha insegnato che essere padroni della propria vita è una cosa stupenda, non spaventosa! È bellissima perché in qualsiasi momento si può cambiare quello che si vuole in positivo, perché solo in positivo deve essere. A volte vogliamo troppe risposte a infinite domande tutto in una volta sola e possibilmente subito, ma forse non è possibile. Le risposte arrivano se ascoltiamo attenti e con il sorriso nel cuore; le risposte arrivano piano piano, una per volta e forse non tutte oggi e nemmeno domani! Ho capito che il segreto è la semplicità, il perdono, l'amore incondizionato. Amore incondizionato verso noi stessi e verso gli altri, senza pregiudizi e con consapevolezza. L Africa GRANDE di Monica di Monica Rossin La testimonianza vibrante di una amica dell Africa, e nostra, da tanti anni. Da più di trent anni lavoro nel gruppo veronese di volontariato Amici di Aber, che sostiene alcuni ospedali missionari africani tra cui Angal, e fin dall inizio sognavo di andare "sul campo", di conoscere di persona le realtà per cui lavoravo. Il momento è arrivato ad aprile di quest anno: due settimane con Mario e Claudia ad Angal, due settimane intrise di esperienze e di emozioni. GRANDE è l'aggettivo che mi aiuta a raccontare quello che ho visto e vissuto. GRANDE il paesaggio che ho trovato: verde e rigoglioso vicino a Kampala, dove piove maggiormente, brullo e secco nella savana.

6 GRANDI i sorrisi dei bambini che ho incontrato: di Gloria, 8 anni, disabile, portata sulle spalle dalla mamma come quando era piccina, quando ha avuto tra le mani una piccola bambola; di Giakuma, 12 anni, orfano, malato di Aids, ormai pelle e ossa, quando Claudia gli ha fatto trovare un piatto di pasta al pomodoro; degli orfani del Progetto quando, dopo la visita di controllo, ricevevano una frittella di manioca. GRANDE la sofferenza di Odongo, ragazzo di 13 anni, con le gambe paralizzate e piagate, gli occhi colmi di tristezza ma incapace di lamento, medicato da Suor Stella nella sua visita settimanale ai malati di Aids. GRANDE la costanza delle donne che percorrono ogni giorno tanti chilometri per riempire d acqua le loro taniche gialle o per raccogliere legna, per vendere o comperare poco o niente. GRANDE la dignità della mamma, che insieme al dolore immenso portava sulle spalle, per chilometri, fino al villaggio, il corpicino senza più vita del suo bambino. GRANDE anche quel piccolo ospedale costruito in mezzo alla savana: semplice, pulito, organizzato e soprattutto prezioso, perché unico riferimento sanitario per moltissimi chilometri; là con poco si fa tantissimo. GRANDE luogo di cura ma anche di relazioni: le donne si fanno compagnia nelle cucine e ai lavatoi; e dopo cena, quando si spengono le luci, insieme raccontano, ridono, cantano. GRANDE l'esperienza di rapporto anche con noi e tra noi europei, nella ricerca quotidiana di senso, immersi nella vita e nella morte, nel loro sottile punto di incontro nella malattia, lontani dal benessere del Nord del mondo, spesso percepito come inutile. GRANDI gli sforzi quotidiani di tanti, giovani ed esperti, che rifuggono dal sentirsi eroici, mantenendo l'anonimato con assoluta umiltà e totale disinteresse. GRANDE la mia gratitudine per chi mi ha fatto un regalo così unico. GRANDE il sentimento di verità ed autenticità. GRANDE, al ritorno, la nostalgia, e lo sgomento dei nostri giorni folli. Monica in Nutrition Unit con Judith. 6 I fili delle donne: Klaùdia racconta Albarose Il camice sempre impeccabilmente pulito e perfettamente stirato, il colletto abbottonato fin sotto la gola, sul taschino sinistro il piccolo distintivo della scuola per animatrici sociali, le minuscole treccine raccolte in una crocchia I gesti misurati, la voce bassa e controllata, le mani raccolte in grembo, l atteggiamento compassato, un po troppo, a dire il vero Questa è Albarose, l Albarose che si incontra lungo i vialetti dell Ospedale, nei reparti dove qualcuno ha bisogno di aiuto, in maternità dove c è una mamma in difficoltà, al counceling per gli ammalati di Aids Ma è anche l Albarose (stesso camice impeccabile) che si incontra lungo la strada, quasi una scarpata, che porta alla casa di Maurin. Un giorno sono andata con lei. Io scarmigliata, sudata, col fiatone, lei sorridente e inamidata come sempre, anche quando, infilati i guanti, ha medicato con destrezza e naturalezza le brutte piaghe da decubito di Maurin, mentre cercava di tenere a bada una piccola folla di bambini accorsi a Albarose con una mamma in difficoltà. godersi lo spettacolo perché qui, in Africa, qualsiasi avvenimento, anche il più banale o il più triste, diventa uno spettacolo. Maurin ha solo 16 anni ed è semiparalizzata. Passa le giornate distesa su una stuoia davanti alla capanna. E stata ricoverata per quasi 2 anni in Ospedale, senza risultati. Ha un sorriso triste che spezza il cuore, quando le offriamo i nostri regali: del cibo e una radiolina che forse le farà compagnia. Sulla strada del ritorno Albarose, che consideravo una lady di ferro, ha un piccolo cedimento: mi confida che il marito beve e non fa nulla per la famiglia. Alla fine del suo turno di lavoro lei deve andare a raccogliere la legna, l acqua, e servirlo in tutto. Ci vorranno un paio di generazioni, mi dice, perché la società tribale cambi e il lavoro delle donne venga considerato e rispettato. L unico suo desiderio è fare in modo che le figlie studino, perché è convinta che solo così potranno affrancarsi più facilmente dal ruolo in cui è confinata la donna Alur all interno del clan. La figlia maggiore, grazie all aiuto di un medico italiano, è già arrivata all università, e questo rende Albarose felice e orgogliosa. Ci salutiamo davanti alla sua capanna. Penso a quanto siano importanti donne come lei, generose e determinate. Sì, è proprio vero: saranno loro il motore dell'africa.

7 Africa bambina a cura di Claudia Marsiaj In questa pagina solitamente dedicata a proverbi, fiabe, leggende, diamo voce, in questo numero, all Africa raccontata dai piccoli: bambini che, assieme ai genitori impegnati come volontari, hanno vissuto l esperienza non facile di Angal. Dopo tante testimonianze di adulti, è interessante sentire anche la loro: semplice, diretta, essenziale. I bambini si chiamano Giacomo e Cecilia. Sono vissuti un anno intero ad Angal. E poi c è Andrea. La mamma di Andrea, Elena, è nata ad Angal, dove è voluta tornare da adulta col suo bambino, per brevi periodi. Li abbiamo invitati a mettere a fuoco i loro ricordi con domande precise. Ecco cosa ci hanno raccontato i tre bambini, integrandosi l un l altro nelle risposte: Sapete perché i vostri genitori sono andati in Africa? (GIACOMO E CECILIA) Per curare i bimbi malati. (ANDREA) Io sono andato in Africa perché i miei nonni lavorano ad Angal. La mia nonna è giù in Nutrition Unit e mio nonno lavora per spendere i soldi per i bambini africani. Cosa ricordate in particolare di Angal? (GIACOMO E CECILIA) I bimbi, tanti bimbi e tutti incollati alla rete che circonda il giardino per vedere cosa facevamo e tanta gente che ci fermava e ci salutava sempre. E poi l ospedale. Era piccolo e con gli alberi. La gente stava fuori sul prato e si poteva girare con la mamma. Qui no e poi qui non ti saluta nessuno, là invece tutti ti salutano. (CECILIA) Mi piaceva tanto stare in Nutrition con la mamma mentre lei faceva le sue cose. Lei era sempre con noi e il papà era a casa di più, stavamo insieme. (ANDREA) Anch io andavo in Nutrition con la mamma che dava da mangiare a Opio e ai bambini magrolini. Poi andavo col papà a dipingere la scuola che era tutta rovinata. Ero contento di essere in Africa perché così mi rilassavo, giocavo con gli altri bambini, mi piaceva tanto stare scalzo come loro Vi mancava qualcuno o qualcosa? Siete mai stati tristi laggiù? (GIACOMO E CECILIA) Quando le mamme passavano piangendo perché era morto un bambino. Questo era molto triste. Qualche volta ci mancavano gli zii e i nonni e i cuginetti Sammy e la Noe, ma giocavamo tanto fuori ai giochi inventati con Derrik. (ANDREA) Anche a me piaceva fare il gioco dei disegni con Derrik. Disegnavo gli animali del Parco: la giraffa e l elefante e il mamba verde, serpente velenosissimo, che aveva un colore bellissimo. Un giorno Giakuma mi ha regalato una macchinina fatta con i pezzetti di legno. Faceva anche le moto con le ciabatte di gomma rotte. I bambini africani non ricevono giocattoli, ma se li fanno loro. Altri ricordi belli? (INSIEME) Gli animali, il Parco, il mercato, la messa ( molto più festosa delle nostre, precisa Cecilia. Erano belli i canti e i tamburi, ma era troppo lunga, è il giudizio unanime) i tramonti rossi e il cielo colorato le frittelle di cassava le corse nell'erba davanti alla casa dei Padri quando facevamo i gabbiani. La cosa più triste? (INSIEME) La povertà, i bimbi che morivano. Vi piacerebbe tornare? (IN CORO) Sì, tantissimo!!! 7 Che bello disegnare tutti insieme!

8 L Associazione in breve L Associazione Amici di Angal sostiene l attività dell Ospedale St. Luke di Angal, in Uganda, e vari Progetti di assistenza e cura di bambini e adulti indigenti. I Progetti Assistenza degli orfani da AIDS contributo annuo necessario: 200 Il progetto intende offrire un aiuto diretto alle famiglie locali che accolgono e si prendono cura di questi orfani (247 al 20 novembre 2011 ). Con 200 euro all anno si provvede alle elementari necessità del bambino orfano (sostentamento, vestiti, cure mediche, istruzione). Ricovero gratuito per i bambini spesa annua: Permette di ricoverare tutti i bambini malati, anche per lunghi periodi, chiedendo solo il contributo simbolico di 1 euro. Assistenza degli ammalati di AIDS spesa annua: Di recente attivazione (settembre 2010), consente di offrire assistenza domiciliare agli ammalati di AIDS attraverso una équipe di infermieri espressamente formati per questo servizio. Operazione Proteine spesa annua: Fa capo al Centro Nutrizionale (Nutrition Unit) interno all Ospedale, che fornisce tre pasti al giorno ad alto contenuto proteico ai bambini con forme gravi di malnutrizione. Dal Centro viene inoltre distribuito il cibo anche ai pazienti bisognosi degli altri reparti. Samaritan Fund spesa annua: Questo fondo permette di ricoverare le persone che non possono pagare la sia pur modesta retta chiesta dall Ospedale e di fornire gratuitamente i cosiddetti farmaci salvavita. Che cosa puoi fare tu Svolgere un opera di sensibilizzazione. Partecipare agli eventi di raccolta fondi. Impegnarti in una donazione regolare a sostegno dei singoli Progetti. Come contribuire I contributi si possono inviare con bonifico bancario a: ASSOCIAZIONE AMICI DI ANGAL - ONLUS Unicredit Banca Agenzia di Arbizzano - Negrar (Vr) c/c n ABI: CAB: CIN: L IBAN: IT 31 L (Ai sensi dell art.14 del D.L. n.35 del 14 marzo 2005, convertito in Legge con L. n.80 del 14 maggio 2005, le offerte fatte alle ONLUS con assegno o bonifico bancario sono deducibili dal reddito complessivo dichiarato fino alla misura del 10%). È possibile anche effettuare donazioni on-line in modo rapido, gratuito e sicuro attraverso il sistema di pagamento Paypal (www.paypal.com). L Associazione è iscritta nelle liste dell Agenzia delle Entrate fra i possibili beneficiari del 5x1000 dell IRPEF. Al momento della dichiarazione dei redditi, per devolvere il 5x1000 basta apporre la propria firma e il codice fiscale dell Associazione nell apposito spazio del modello IRPEF. Nel mese di ottobre è arrivata la notizia che il 5x1000 del 2009 ha fruttato la considerevole somma di euro. Un GRAZIE vivissimo a tutti coloro che hanno contribuito al conseguimento di questo importante risultato. Ulteriori informazioni si possono richiedere a: Amici di Angal ONLUS Via Vivaldi Arbizzano- Negrar (Vr) tel. (+39) sito web: Il Notiziario è a cura della sezione torinese dell Associazione, coordinata da Tilde Barone Giuseppina Ricciardi tel. (+39) tel. (+39) Realizzazione grafica: Quadri_Folio - Torino Fotografie: da archivio dell Associazione Stampa: Tipografia Gravinese, Torino 8

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso I lions italiani contro le malattie killer dei bambini - onlus MISSION Creare e promuovere tra tutti i popoli uno spirito di comprensione per i bisogni umanitari attraverso volontari servizi coinvolgenti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH :

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : LETTERA APERTA, SUOR TANTELY CONGREGAZIONE SUORE SAN GIUSEPPE D'AOSTA AI VOLONTARI DI PROGETTO SARAH I NUMERI e IL COSTO SOSTENUTO IN

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Sessione Parallela LA CURA SI FA OPERA SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Blanca Lopez-Ibor Dir. Unidad de Hematologia-Oncologia Pediatrica, Hosp. Monteprincipe

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA Le storie delle famiglie che vivono l esperienza della nascita pretermine di un figlio Ministero della Salute, Roma 16 settembre 2015 Con la

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

SOLEGGIATE ADOZIONI FORTUNATE!

SOLEGGIATE ADOZIONI FORTUNATE! Associazione Canili Milano Onlus www.canilimilano.it Tel 338/83.60.753 e-mail info@canilimilano.it C/C BANCARIO Canili Milano BANCA SELLA, Viale Monte Nero Filiale F5- Milano IBAN IT 39 L 03268 01604 052847586490

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

..parlattare tra genitori

..parlattare tra genitori 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE..parlattare tra genitori Cari amici e care amiche, vi presentiamo una chiacchierata che abbiamo avuto il piacere di raccogliere dai genitori che partecipano a Parlattando

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 32 agosto 2014 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo sviluppo E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo COMMISSIONE EUROPEA DE 116 MAGGIO 2003 E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo In questo piccolo libro si narra una storia simile

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli