Repertorio n Raccolta n VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI. "UniCredit, società per azioni" REPUBBLICA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repertorio n. 5418 Raccolta n. 3759 VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI. "UniCredit, società per azioni" REPUBBLICA ITALIANA"

Transcript

1 Repertorio n Raccolta n VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI "UniCredit, società per azioni" REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilanove, il giorno ventinove del mese di aprile alle ore 10,30 In Roma, Viale Umberto Tupini n. 180 lì, 29 aprile 2009 A richiesta di "UniCredit, società per azioni" Capogruppo del Gruppo Bancario UniCredit, iscritto all'albo dei Gruppi Bancari cod. n , aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, con sede in Roma, Via Alessandro Specchi n. 16 e Direzione Generale in Milano, Piazza Cordusio, capitale sociale Euro ,00, interamente versato, numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma, codice fiscale e partita IVA (R.E.A. RM ). Io sottoscritto Dott. SALVATORE MARICONDA, Notaio in Genzano di Roma, iscritto nel Ruolo dei Distretti Notarili Riuniti di Roma, Velletri e Civitavecchia, mi sono recato nel giorno ed alle ore di cui sopra in Roma, Viale Umberto Tupini n. 180, per assistere, elevandone il verbale, alle deliberazioni della assemblea degli azionisti della Società richiedente convocata in detto luogo, per le ore 10,30, in sede ordinaria in seconda convocazione ed in sede straordinaria in terza 295

2 convocazione, essendo andata deserta la prima convocazione dell'assemblea ordinaria e straordinaria, convocata per il giorno 27 aprile 2009 alle ore 12,00 presso Palazzo de Carolis in Roma, Via Alessandro Specchi n. 16, come risulta da verbale a mio rogito in data 27 aprile 2009 rep. n. 5412, in corso di registrazione, nonchè essendo andata deserta la seconda convocazione dell'assemblea straordinaria, convocata per il giorno 28 aprile 2009 alle ore 12,00, stesso luogo, come risulta da verbale a mio rogito in data 28 aprile 2009 rep. n. 5415, in corso di registrazione, per discutere e deliberare sul seguente Ordine del giorno: Parte Ordinaria 1. Presentazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2008, corredato dalle Relazioni del Consiglio di Amministrazione e della Società di Revisione; Relazione del Collegio Sindacale. Presentazione del bilancio consolidato; 2. Destinazione dell'utile di esercizio; 3. Nomina degli Amministratori, previa determinazione del loro numero, per gli esercizi , con scadenza alla data dell'assemblea convocata per l'approvazione del bilancio dell'esercizio 2011; 4. Determinazione del compenso spettante al Consiglio di Amministrazione ed ai componenti dei Comitati Consiliari, per ciascun anno di incarico, ai sensi dell'articolo 26 dello 296

3 Statuto sociale ed al Presidente dell'organismo di Controllo istituito ai sensi del D.Lgs 231/01; 5. Autorizzazione ad attività concorrenti ai sensi dell'art del Codice Civile; 6. Politica Retributiva di Gruppo; 7. Piano 2009 di Partecipazione Azionaria per tutti i Dipendenti del Gruppo UniCredit. Parte Straordinaria 1. Aumento di capitale sociale a titolo gratuito ai sensi dell'art del Codice Civile, mediante emissione di n azioni ordinarie e di n azioni di risparmio del valore nominale unitario di Euro 0,50 cadauna da assegnare agli azionisti titolari di azioni ordinarie ed ai portatori di azioni di risparmio della Società, da attuarsi mediante imputazione di riserve disponibili per assegnazione di utili ai soci, e conseguenti modifiche dello Statuto Sociale; 2. Modifica degli articoli 5, 8, 23 e 30 dello Statuto Sociale. Entrato nella sala dove ha luogo l'assemblea, ho constatato la presenza al tavolo della Presidenza del Signor Dieter RAMPL nato a Monaco (Germania) il 5 settembre 1947 e domiciliato per la carica in Roma, Via Alessandro Specchi n. 16, Presidente della Società richiedente il quale, in tale veste, a norma dell'art. 15 dello statuto sociale, assume la 297

4 Presidenza dell'assemblea. Sono certo io Notaio dell'identità personale del comparente il quale nomina, su concorde decisione della assemblea, me Notaio segretario della assemblea stessa e mi chiede di ricevere il verbale in lingua inglese dichiarando di non conoscere la lingua italiana. Aderendo a tale richiesta preciso che, ai sensi dell'art. 54 della Legge Notarile, l'originale del presente verbale viene rogato in lingua inglese, lingua da me Notaio conosciuta, con in calce la traduzione in lingua italiana; gli allegati saranno inseriti in lingua inglese con la traduzione in lingua italiana in calce o a margine. Il Presidente, prima di dare inizio allo svolgimento ufficiale dei lavori, rivolge il seguente saluto a tutti gli intervenuti: "Gentili signore e signori, signori azionisti, rappresentanti della stampa, desidero porgere a tutti Voi, anche a nome del Consiglio, del Collegio Sindacale, dell intero top management, il mio più cordiale benvenuto a questa Assemblea. Ancora una volta la nostra Assemblea ha luogo mentre sia il nostro Gruppo sia il sistema finanziario internazionale si trovano a navigare in acque estremamente turbolente. La crisi finanziaria scatenatasi ormai più di un anno e mezzo fa e acutizzata dall episodio di Lehman Brothers nel settembre scorso, continua ad impedire il normale 298

5 funzionamento dei mercati finanziari. Governi e banche centrali hanno profuso gli sforzi per alleviare le tensioni sui mercati e alcune delle misure adottate hanno dimostrato notevole efficacia. In particolare, la crisi di liquidità è ormai stata risolta grazie alla decisa e coraggiosa azione della Banca Centrale Europea e delle altre banche centrali. In Italia il Governo si è attivato con tempestività approvando nuovi strumenti a supporto del finanziamento e della capitalizzazione delle banche. La Banca d Italia non è stata da meno, lanciando tra l altro un nuovo meccanismo per favorire la ripresa della attività sul mercato interbancario. Anche il nostro Gruppo ha fatto la sua parte. Abbiamo adottato misure importanti sia per rafforzare la nostra base patrimoniale, sia per anticipare il previsto deterioramento del quadro economico, sia riconoscendo che, in situazione di elevata incertezza, coefficienti di capitalizzazione più elevati sono necessari per rassicurare i mercati. Continueremo inoltre ad adoperarci per consolidare la fiducia del mercato sia nella trasparenza del nostro bilancio, sia nella solidità della nostra situazione patrimoniale. La crisi finanziaria, come ho accennato, si è ormai trasmessa all economia reale, causando una drammatica contrazione del livello di attività economica negli ultimi sei mesi. Anche se recentemente si è osservato qualche segnale di miglioramento, non possiamo nasconderci che il prosieguo dell anno sarà 299

6 difficile. Istituzioni internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e l Ocse prevedono un ulteriore aumento della disoccupazione nei prossimi mesi ed una ripresa dell attività economica solo nel corso del Il settore impresa continuerà anch esso ad affrontare una situazione difficile dato il ridotto livello della domanda sia interna che estera. Di fronte a questa difficoltà, il nostro Gruppo è più che mai cosciente della responsabilità che ha nei confronti di imprese e cittadini in tutti i paesi che consideriamo come nostri mercati domestici: dall Italia, alla Germania, all Austria, alla Polonia e agli altri paesi dell Europa centro-orientale. Siamo estremamente fiduciosi che la gestione accorta del rischio che ci ha sempre caratterizzati ci permetterà ora di evitare l impatto negativo della recessione sul nostro conto economico. Il considerevole risultato netto conseguito nel 2008, per quanto inferiore agli obiettivi, costituisce una importante conferma della nostra capacità di rimanere profittevoli anche in circostanze straordinariamente difficili. Al tempo stesso, siamo determinati a rimanere vicini ai nostri clienti attraverso la nostra rete di filiali, per aiutarli a superare questa difficile congiuntura economica. Abbiamo già varato importanti iniziative per assicurare il nostro sostegno soprattutto alle famiglie ed alle piccole e 300

7 medie imprese, particolarmente colpite dalla attuale congiuntura avversa. Il nostro Gruppo è sempre rimasto fedele alla funzione principale e basilare di una banca, che è quella dell intermediazione, della raccolta del risparmio e del finanziamento dei progetti di sviluppo validi da parte delle imprese, attraverso una valutazione accorta sia dei rischi che delle prospettive di successo di tali progetti. Prima di aprire ufficialmente i lavori, desidero dunque esprimere la ferma determinazione di tutto il management, di tutti i dipendenti del Gruppo a superare assieme ed assieme ai nostri clienti, agli altri stakeholders e soprattutto a voi azionisti, l attuale difficile congiuntura, animati da un profondo senso di responsabilità e grande impegno. Grazie ancora per la vostra partecipazione." Il Presidente, proseguendo con la parte ufficiale dei lavori e parlando in lingua inglese, dà atto che l'avviso di convocazione è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 26 marzo parte seconda, Foglio delle Inserzioni - n. 35, nonchè, sempre in data 26 marzo 2009 sui quotidiani "Il Sole 24 Ore", "La Repubblica", "Financial Times" (edizione europea) e "Frankfurter Allgemeine Zeitung" nonché sul sito internet della Società. Ricorda che è stato predisposto un sistema di traduzione simultanea delle lingue italiana, inglese e tedesca per 301

8 agevolare la partecipazione di tutti gli intervenuti ai lavori assembleari. Il Presidente informa l'assemblea che sono presenti: del Consiglio di Amministrazione i signori: Gianfranco GUTTY Vice Presidente Vicario Fabrizio PALENZONA Vice Presidente Anthony WYAND Vice Presidente Alessandro PROFUMO Amministratore Delegato Vincenzo CALANDRA BUONAURA Consigliere Donato FONTANESI Consigliere Francesco GIACOMIN Consigliere Piero GNUDI Consigliere Friedrich KADRNOSKA Consigliere. Marianna LI CALZI Consigliere Salvatore LIGRESTI Consigliere Luigi MARAMOTTI Consigliere Antonio Maria MAROCCO Consigliere Hans-Jürgen SCHINZLER Consigliere Franz ZWICKL Consigliere Lorenzo LAMPIANO Segretario del Consiglio del Collegio Sindacale i signori: Giorgio LOLI Presidente Gian Luigi FRANCARDO Sindaco Effettivo Siegfried MAYR Sindaco Effettivo Aldo MILANESE Sindaco Effettivo 302

9 Vincenzo NICASTRO Sindaco Effettivo Sono assenti del Consiglio di Amministrazione i signori: Franco BELLEI Vice Presidente Berardino LIBONATI Vice Presidente Manfred BISCHOFF Consigliere Enrico Tommaso CUCCHIANI Consigliere Max Dietrich KLEY Consigliere Carlo PESENTI Consigliere Nikolaus von BOMHARD Consigliere Sono altresì presenti i signori: Sergio ERMOTTI Deputy CEO/Vice Direttore Generale Paolo FIORENTINO Deputy CEO/Vice Direttore Generale Roberto NICASTRO Deputy CEO/Vice Direttore Generale E altresì presente Personale Direttivo della Direzione Generale ed altro Personale della Banca addetto alle operazioni assembleari, ai sensi dell art. 2 del Regolamento Assembleare. Sempre ai sensi dell art. 2 del Regolamento Assembleare è stato consentito l accesso ad esperti, analisti finanziari e giornalisti accreditati in un locale separato, ma collegato all'aula assembleare con sistema audiovisivo a circuito chiuso. L elenco completo dei giornalisti intervenuti nel corso dell assemblea verrà allegato al presente atto. Sono altresì presenti: 303

10 - i signori Mario Corti e Bruno Verona in rappresentanza della Società di Revisione KPMG S.p.A., alla quale è stato conferito l'incarico di certificazione del Bilancio della Società; - la signora Stella D Atri, rappresentante comune dei possessori di azioni di risparmio. Informa che ai sensi e per le finalità di cui all art. 3, comma 3, del Regolamento assembleare i lavori dell assemblea sono oggetto di riprese audiovideo. Comunica che il capitale sociale alla data odierna è di Euro ,00 ed è rappresentato: - per Euro da numero azioni ordinarie; - per Euro da numero azioni di risparmio, i cui possessori ai sensi degli artt. 5 e 12 dello Statuto Sociale non hanno diritto di voto né diritto di partecipare all adunanza. Secondo quanto previsto dall art. 145 del "Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria" ("TUF") non si tiene conto, ai fini della costituzione dell assemblea e della validità delle deliberazioni, della parte di capitale rappresentata dalle predette azioni di risparmio. Comunica inoltre che: - è stata effettuata la verifica della rispondenza delle 304

11 deleghe alle disposizioni di cui all art del Codice Civile ed all art. 142 del "TUF"; - sono ora rappresentate in aula numero azioni ordinarie pari al 28,027127% del capitale sociale riferito alle sole azioni ordinarie da numero 119 aventi diritto al voto in proprio o per delega. Numero 94 titolari di diritto di voto sono presenti in proprio e numero titolari di diritto di voto sono rappresentati per delega. Il Presidente pertanto dichiara che l assemblea è regolarmente costituita e valida per deliberare in parte ordinaria sugli argomenti posti all ordine del giorno a termini di legge e di statuto. Dichiara altresì che: - secondo le risultanze del Libro Soci, integrate dalle comunicazioni effettuate ai sensi di legge e dai riscontri effettuati per l ammissione al voto, è emerso che a Libro Soci risultano iscritti circa n azionisti; - i seguenti azionisti detengono, direttamente o indirettamente, oltre il 2% del capitale rappresentato da azioni aventi diritto al voto ed hanno effettuato le comunicazioni previste dalla vigente normativa primaria e regolamentare: Mediobanca S.p.A. per n azioni ordinarie, pari al 6,76% del capitale ordinario di cui n azioni ordinarie pari al 6,76% del capitale ordinario vincolate al 305

12 servizio del prestito subordinato convertendo in azioni (prestito CASHES) sono senza diritto di voto in quanto concesse in usufrutto a favore di UniCredit S.p.A. ed in pegno a favore di Bank of New York, emittente il citato prestito; la residua quota pari allo 0,004% è detenuta in qualità di prestatore senza diritto di voto; Fondazione Cassa di Risparmio di Verona Vicenza Belluno e Ancona, per n azioni ordinarie, pari al 5,668% del capitale ordinario; Central Bank of Libya, in proprio per n azioni ordinarie pari al 3,777% del capitale ordinario e tramite Libyan Foreign Bank per n , pari allo 0,523% del capitale ordinario per un ammontare complessivo pari al 4,300% del capitale ordinario; Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, per n azioni ordinarie, pari al 3,777% del capitale ordinario; Carimonte Holding S.p.A., per n azioni ordinarie, pari al 3,123% del capitale ordinario; Gruppo Allianz, per n azioni ordinarie pari al 2,178% del capitale ordinario; Barclays Global Investors UK Holdings Ltd, per n azioni ordinarie pari al 2,168% del capitale ordinario. Copia della documentazione relativa alla presente assemblea è stata depositata presso la sede sociale e la Direzione Generale, messa a disposizione del pubblico presso la Borsa 306

13 Italiana S.p.A. e pubblicata sul sito Internet della società nonché trasmessa a Consob, ai sensi delle vigenti disposizioni normative e regolamentari. Secondo quanto previsto dall art. 17 del Regolamento Assembleare, informa che le votazioni avverranno grazie ad un sistema informatico di registrazione delle espressioni di voto, utilizzando i terminali di cui ciascuno è dotato. Nella cartella di lavoro consegnata ai soci sono contenute le istruzioni per l'uso del terminale di voto. Prega gli azionisti di leggere tali istruzioni. Raccomanda pertanto che, ad ogni votazione, solo dopo il suo invito in tal senso, ciascun socio provveda ad esprimere il voto, premendo il corrispondente tasto sul "telecomando" o premendo il tasto numerico corrispondente alla lista scelta ed a confermare la scelta effettuata con il tasto "OK". Nel caso in cui l'apparecchio non dovesse funzionare come descritto e comunque per tutte le occorrenze, prega di richiedere l'intervento del personale di assistenza presente in aula. I delegati ed i rappresentanti di società fiduciarie che avessero necessità di esprimere, per ogni singola deliberazione, manifestazioni differenziate di voto, devono far presente tale necessità a me Notaio ed effettuare la votazione presso le apposite "postazioni di voto assistito". Il sistema elettronico di rilevazione delle presenze e dei voti produce i seguenti documenti che, 307

14 firmati dal Presidente e da me Notaio, saranno allegati al verbale dell'assemblea: - elenchi dei Soci presenti e di quelli rappresentati, elenchi che riporteranno anche l'indicazione dei nominativi che eventualmente intervenissero successivamente o che si allontanassero dall'aula assembleare; - elenchi separati per le diverse manifestazioni di voto. Conclusa questa indispensabile introduzione e prima di passare alla trattazione degli argomenti all ordine del giorno, informa che sono stati messi a disposizione dei Soci e del mercato (anche mediante pubblicazione sul sito Internet della Società): - la Relazione Annuale sul Governo Societario della Società e - il documento informativo "Piano 2009 di partecipazione azionaria per i dipendenti del Gruppo UniCredit" redatto ai sensi del Regolamento Emittenti Consob 11971/99 relativo al piano di partecipazione azionaria che viene sottoposto oggi all attenzione dell'assemblea. Tali documenti cui rimanda per una dettagliata illustrazione delle tematiche in argomento sono contenuti nel fascicolo a stampa inserito nella cartella di lavoro consegnata ai soci. Il Presidente passa quindi alla trattazione degli argomenti all Ordine del giorno. 1 e 2 punto all Ordine del giorno 308

15 "Presentazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2008, corredato dalle Relazioni del Consiglio di Amministrazione e della Società di Revisione; Relazione del Collegio Sindacale. Presentazione del bilancio consolidato" "Destinazione dell utile di esercizio" Invita l Amministratore Delegato, Signor Alessandro Profumo, ad illustrare sinteticamente gli aspetti salienti del Bilancio di esercizio e della relativa Relazione degli Amministratori mediante l ausilio di slides nonché la proposta di destinazione dell utile di esercizio, omettendone, non essendovi obiezioni, la lettura integrale, dal momento che il fascicolo, contenente il progetto di Bilancio e la suddetta Relazione, è stato distribuito a tutti gli intervenuti ed inviato per tempo a tutti gli Azionisti che ne hanno fatto richiesta, oltre ad essere stato pubblicato e messo a disposizione presso la Sede sociale nei modi e nei termini di legge. Unitamente ai risultati dell esercizio vengono presentati i dati più significativi del Bilancio Consolidato di Gruppo. Dà quindi la parola all Amministratore Delegato Signor Alessandro Profumo il quale, ricordato, innanzitutto, come il Gruppo - grazie alla forte presenza commerciale nell Europa occidentale e nel Centro Est Europa - presenti una rete molto solida per affrontare le impegnative sfide del corrente anno, precisa che il suo intervento sarà finalizzato ad illustrare 309

16 con l aiuto di alcune slides -i risultati del 2008 (con un focus particolare sul quarto trimestre) e a dare alcune anticipazioni sulle principali priorità ed i trend dei primi mesi del Esprime poi la propria condivisione su quanto affermato dal Presidente in ordine al fatto che la vicenda che ha interessato Lehman Brothers abbia mutato, a partire dal settembre del 2008, lo scenario economico mondiale in modo radicale, con evidenti riflessi sui dati dell ultimo trimestre dell anno, ricordando che già nella precedente assemblea del novembre scorso si era avuta occasione di discutere della situazione finanziaria mondiale. Per quanto concerne i dati relativi al 2008, l Amministratore Delegato evidenzia che gli stessi confermano la solidità del Gruppo, testimoniata dai 4 miliardi di utile netto realizzati, a fronte di risultati inferiori, se non addirittura negativi, conseguiti da molte altre istituzioni finanziarie. Anche il risultato operativo dell attività di banca commerciale ha mostrato un ottima tenuta grazie al significativo efficientamento dei costi ed alla qualità della relazione con i clienti, come confermato anche dai risultati emersi dalle analisi di "customers satisfaction" svolte. Ricorda che il Core Tier 1, a fine 2008, si è attestato al 6,5% nonostante le turbolenze che hanno interessato il quarto trimestre, grazie anche al supporto fornito dagli azionisti 310

17 della Società; è stata realizzata, inoltre, una riduzione dell attivo ponderato, a testimonianza dell efficacia del processo di controllo della crescita degli attivi di bilancio, con una buona tenuta del patrimonio netto tangibile (patrimonio al netto dell avviamento relativo alle acquisizioni e degli altri valori intangibili come i marchi) che si è mantenuto stabile anche con riferimento al periodo antecedente all aumento di capitale. L Amministratore Delegato prosegue evidenziando la diversificazione del portafoglio crediti effettuata da UniCredit, grazie anche alla presenza del Gruppo nel Centro Est Europa: in merito, ritiene importante precisare sin da subito che tale area geografica ricomprende una pluralità di Paesi, ciascuno dei quali presenta differenti livelli di rischio e offre diverse opportunità. La redditività del Gruppo offre una forte riserva per assorbire maggiori accantonamenti su crediti e testimonia la rilevante capacità di generazione di risultati operativi anche in presenza di scenari esterni deteriorati. L Amministratore Delegato anticipa, inoltre, che nei mesi di gennaio e febbraio 2009 tutte le divisioni hanno apportato un contributo positivo e - fermo il focus costante sui costi e sul controllo dei rischi - conferma il forte impegno del Gruppo nel sostegno alle famiglie ed alle imprese, che si è già tradotto in nuove erogazioni alle piccole e medie imprese 311

18 nonché in interventi a favore delle famiglie in situazioni di difficoltà. L Amministratore Delegato prosegue poi illustrando il trend del risultato di gestione e quello del rapporto tra costi e ricavi relativo alle attività di banca commerciale, che appaiono entrambi caratterizzati da un apprezzabile stabilità. Evidenziato come nell attività di banca commerciale siano ricompresi anche i servizi alle imprese forniti da funzioni specialistiche, fa presente che in Europa nessun Gruppo Bancario sostiene l economia reale così come fa il Gruppo UniCredit e cita, a testimonianza, gli oltre 600 miliardi di euro di crediti erogati a favore di imprese e famiglie. Passando ad illustrare i dati relativi agli indicatori di soddisfazione dei clienti retail, l Amministratore Delegato evidenzia che, pur essendosi verificata in Italia nel 2008 (rispetto all anno precedente) una leggera riduzione dell indice (da 58 a 56), evidentemente legata all attuale situazione di crisi, tale dato è ancora significativamente superiore a quello dei competitors. Osserva, ancora, che nei Paesi ove il Gruppo è presente l indice risulta sostanzialmente stabile o in crescita rispetto al 2007 e, comunque, tranne che in Germania, in genere superiore a quello dei competitors locali. Precisa che i predetti dati rivengono da un volume consistente di interviste effettuate 312

19 direttamente o tramite il supporto di una struttura esterna, atta a garantire una valutazione indipendente. Evidenzia altresì che anche nel segmento corporate il Gruppo persegue l obiettivo di avere una chiara visione del grado di soddisfazione della clientela, considerato che in tale ambito emergono attualmente le più rilevanti problematiche dovute al fatto che il rallentamento del ciclo economico colpisce maggiormente il segmento corporate rispetto a quello retail. L Amministratore Delegato, ribadita la volontà di migliorare la qualità del servizio prestato, menziona in tale ottica l attività di c.d. Mistery shopping, cioè di presenza diretta ed anonima per verificare l operatività quotidiana, svolta mediante visite realizzate nelle filiali delle Banche del Gruppo, come riportato nel bilancio di sostenibilità. Sempre nell ambito del miglioramento della qualità del servizio evidenzia la grandissima attenzione dedicata dal Gruppo alla gestione dei reclami, testimoniata dal fatto che in Italia, nel segmento retail, il 99,6% dei medesimi sono gestiti in 48 ore e, addirittura, il 99% in 24 ore. Informa che anche in Austria è stato completato un nuovo sistema per la gestione dei reclami entro le 48 ore mentre in Centro Est Europa è presente una nuova piattaforma informatica che consente di fornire risposte tempestive. L Amministratore Delegato ricorda, poi, che il Gruppo ha promosso iniziative volte a migliorare la trasparenza del 313

20 rapporto con i clienti anticipando gli interventi normativi o regolamentari in tema e cita, tra esse, la semplificazione delle commissioni di massimo scoperto realizzata nel 2008, "Trasloco Facile" (e cioé il servizio che permette ai clienti di trasferire il conto ed i servizi correlati in modo semplice e veloce), l eliminazione (sin dal 2006) delle spese di chiusura del conto e del dossier titoli. Menziona, infine, il servizio di "check up mutui" per le rate che subiscono significativi rialzi in relazione alla dinamica dei tassi nonché le 250 agenzie in Italia con punti di informazione delle associazioni consumatori, istituiti per consentire il massimo della trasparenza nei servizi prestati ai clienti. Con riferimento alla promozione dello sviluppo economico mediante il supporto alla clientela nel raggiungimento dei suoi obiettivi ricorda, invece, il servizio "Imprendo Export" offerto alle PMI che stanno compiendo i primi passi nell espansione all estero e finalizzato a migliorare la conoscenza di tali mercati, a ricercare controparti commerciali e partner d affari, a valutare l affidabilità di tali controparti e, infine, a fornire consulenza professionale e servizi di assistenza tramite un "International desk" totalmente dedicato. Per quanto riguarda la clientela corporate internazionale, la stessa viene supportata con l offerta di prodotti e servizi alla stessa dedicati attraverso la business unit GTB "Global 314

21 Transactional Banking", la quale, oltre a servire i clienti per soddisfare tutte le necessità connesse alle transazioni internazionali, si rivela estremamente redditizio per il Gruppo. Cita, ancora, il progetto "Start Up" mediante il quale, in Italia, sono già stati finanziati progetti per un totale di 30 milioni di euro, nonché il progetto "GRÜN" rivolto alla clientela tedesca in fase di start up ed utilizzato già da 822 clienti, sottolineando il fatto che, generalmente, questo tipo di attività è svolta da fondi dedicati e non da banche. Ricorda che alla fine dell anno scorso hanno avuto inizio i progetti denominati "Impresa Italia" e "Insieme 2009", il primo dei quali finalizzato a sostenere le PMI in questa particolare fase di difficoltà del ciclo economico, mentre il secondo è rivolto alle famiglie che presentano potenziali difficoltà economiche nel pagamento dei mutui: nell ambito di quest ultimo sono state presentate richieste, il 77% delle quali già evase. L Amministratore Delegato ritorna poi a sottolineare la centralità del controllo dei costi; fa presente che la crescita di questi ultimi (+0,4% a livello di Gruppo anno su anno ed a tassi di cambio e perimetri costanti) è la risultante di una loro riduzione in Europa occidentale ed un aumento in Centro Est Europa, motivata da iniziative di crescita a suo tempo intraprese. In particolare, benchè in 315

22 conseguenza del mutato ciclo economico, sia stato bloccato il piano di apertura di nuovi sportelli già programmato, tutti i contratti già sottoscritti sono stati ovviamente onorati: ciò spiega anche il motivo per cui nell ultimo trimestre sono stati aperti ancora 64 sportelli. L Amministratore Delegato ricorda l impegno continuo profuso nel perseguire obiettivi di ottimizzazione dei dipendenti, anche sfruttando le opportunità che nascono dalle aggregazioni effettuate nel tempo, da HVB a quelle nel Centro Est Europa e cita ad esempio la riduzione di 500 dipendenti (FTE) in Polonia conseguente alla fusione avvenuta tra la Banca BPH e Bank Pekao, oppure le riduzioni di personale derivanti dalla fusione con Capitalia. Ribadisce, peraltro, l importanza dell investimento continuo sulle risorse quale elemento fondamentale della politica di gestione delle medesime all interno del Gruppo: le ore di formazione annua con riferimento a circa il 94% dei dipendenti sono state pari a 39 pro capite, numero che appare ancora più significativo alla luce di quello totale dei dipendenti che è pari a , nonché in considerazione del fatto che il numero di ore dedicate alla formazione è in crescita nonostante l attuale ciclo economico. Ritiene che ciò rappresenti la migliore risposta alle giuste aspettative emerse nelle discussioni con le forze sindacali ed anche con i soci in sede assembleare in ordine all importanza che le 316

23 risorse umane devono avere per il Gruppo. Spiega, poi, il significato delle sigle EDP (Executive Development Plan) e TMR (Talent Management Review), rappresentanti due processi di valutazione delle performances e dei potenziali delle risorse di vertice del Gruppo, il cui numero è in corso di progressivo aumento: infatti, nel 2008 le risorse incluse nell Executive Development Plan erano 950 mentre nel corrente esercizio sono diventate 1.650; erano quelle incluse nel Talent Management Review ed ora sono Per quello che riguarda la mobilità internazionale, la stessa appare significativamente apprezzabile, dal momento che 372 risorse si sono trasferite in Paesi diversi nel corso del L Amministratore Delegato ricorda, poi, l esistenza di un progetto specifico volto a valorizzare per tutte le risorse del Gruppo il tema della diversity, intesa come diversità culturale, di età e di genere e sottolinea il fatto che il 61% dei membri del Management Committee e il 69% degli Executive Vice President del Gruppo non sono di nazionalità italiana, a testimonianza dell effettiva internazionalità del Gruppo a partire dal vertice, elemento quasi unico rispetto ad altri Gruppi Bancari internazionali. Conclude, in argomento, includendo tra gli elementi di soddisfazione il fatto che tra le 28 aziende Top Employer in Italia, UniCredit è entrata far parte del Gruppo delle cinque migliori per 317

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Denominazione Emittente: UniCredit S.p.A. Sito Web: www.unicreditgroup.eu

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli