MATERIALI INDUSTRIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATERIALI INDUSTRIALI"

Transcript

1 MATERIALI INDUSTRIALI I materiali comunemente usati nel campo industriale e produttivo sono numerosi. Essi possono suddividere in cinque grandi gruppi, ognuno con proprietà caratteristiche : Materiali metallici Materie plastiche Materiali ceramici Materiali compositi Materiali sinterizzati INDICE STRUTTURA DEI SOLIDI MATERIE PLASTICHE MATERIALI INDUSTRIALI Metodi Fabbricazione MATERIALI METALLICI Impiego della plastica Legame Metallico MATERIALI SINTERIZZATI Proprietà dei Metalli Ciclo produzione Leghe Metalliche Caratteristiche della sinterizzazione Leghe più usate Impiego dei sinterizzati MATERIALI CERAMICI MATERIALI COMPOSITI Tipi di fibre e matrici Impiego dei compositi

2 I MATERIALI IN CAMPO INDUSTRIALE I materiali comunemente usati nel campo industriale e produttivo si possono suddividere in cinque grandi gruppi : MATERIALI METALLICI MATERIALI POLIMERICI ( Materie Plastiche ) MATERIALI CERAMICI MATERIALI COMPOSITI MATERIALI SINTERIZZZATI MATERIALI METALLICI I metalli sono solidi cristallini, raramente utilizzati puri. I metalli vengono correntemente utilizzati sotto forma di LEGHE, ovvero di combinazioni di più elementi, metalli e non-metalli (acciaio, ottone, bronzo, leghe di alluminio ) MATERIALI POLIMERICI Sono materiali non-metallici costituiti da macromolecole, composte da molte unità uguali ( monomeri ) che si ripetono in sequenza. Vi sono polimeri sia naturali (GOMMA, CELLULOSA) sia artificiali ( materie plastiche ). Alcuni polimeri a sviluppo unidirezionale ( polimeri lineari) danno origine sia ad alcune fibre naturali (SETA, LANA, COTONE) sia ad alcune materie plastiche usate per la produzione di fibre sintetiche (POLIVINILICHE, POLIESTERI, POLIAMMIDICHE ) MATERIALI COMPOSITI Sono materiali costituiti dalla combinazione di più sostanze di natura e caratteristiche differenti ma compatibili tra loro. La combinazione è mirata a migliorare le caratteristiche prestazionali del singoli materiali soprattutto in termini di resistenza meccanica e di resistenza al calore. MATERIALI CERAMICI Sono materiali ottenuti attraverso la trasformazione di materie prime INORGANICHE tra le quali sono presenti elementi metallici e non-metallici. Allo stato solido sono disposti secondo una struttura cristallina. Si caratterizzano per l elevata stabilità chimica, durezza, resistenza a compressione e al calore, ma anche per una scarsa plasticità ed una notevole fragilità. MATERIALI SINTERIZZATI I materiali sinterizzati sono ottenuti dall agglomerazione ad alta temperatura di polveri metalliche e non metalliche, preventivamente compattate in stampi per mezzo di alte pressioni.

3 STRUTTURA DEI SOLIDI I materiali più impiegati nelle condizioni ambientali normali sono allo stato solido. In funzione della disposizione delle molecole o degli atomi che compongono il materiale, è possibile individuare solidi a struttura CRISTALLINA e AMORFA Solidi a struttura cristallina Rappresenta una disposizione spaziale caratterizzata dal fatto che gli atomi o le molecole del solido sono disposti in maniera ordinata e regolare secondo una struttura reticolare tridimensionale A struttura cristallina sono quasi tutti i solidi, quindi i materiali da costruzione, in particolare i metalli e le leghe Solidi a struttura amorfa Rappresenta una disposizione spaziale in cui non è riconoscibile un ordine geometrico ; atomi o molecole sono disposte a caso Di questa famiglia fanno parte sostanze liquide e gassose ed alcuni solidi (polimeri: gomme naturali, cellulosa, plastiche e gomme sintetiche ). Tipico esempio di materiale amorfo è il vetro TRUCIOLI DI ALLUMINIO Struttura Reticolare di Alluminio Cristallo di Quarzo e Sua Struttura Reticolare Vetro e sua struttura amorfa

4 I MATERIALI METALLICI In un metallo puro allo stato solido gli atomi sono disposti in tutta la massa secondo una geometria ordinata e ripetitiva in tutte le direzioni ; questa struttura si chiama reticolo cristallino ; per ogni metallo si può individuare nella struttura una cella elementare Un metallo solido è un cristallo, qualunque sia la sua forma esterna, ed il suo reticolo cristallino risulta dalla ripetizione nelle tre dimensioni dello spazio di una cella elementare,che costituisce la più piccola porzione del reticolo stesso e che ne possiede tutte le caratteristiche geometriche. Un aggregato formato da celle, sempre in numero notevole, costituisce un grano cristallino. I grani cristallini si formano durante la solidificazione del metallo liquido ed ognuno è composto da un grandissimo numero di celle elementari. I metalli più comuni, allo stato solido, presenta una delle seguenti strutture cristalline : a ) cubica a facce centrate ; C.F.C. b) esagonale compatta ; E. C. P. c) cella cubica a corpo centrato ; C.C.C.

5 Proprietà dei metalli Tutti i metalli hanno delle proprietà comuni che li distinguono : PROPRIETA COMUNI METALLI DI PIÙ COMUNE IMPIEGO A temperatura ambiente sono allo stato solido Alti valori di resistenza meccanica Duttilità e malleabilità Durezza Tenacia e buona resistenza a fatica Buona conducibilità elettrica e termica Subiscono l aggressione degli agenti ambientali e tendono a ritrovare il loro stato minerale

6 Il Legame Metallico In un materiale metallico allo stato solido può essere rappresentato come un insieme di ioni metallici positivi, distribuiti secondo la disposizione ordinata data dal reticolo cristallino, circondati dalla cosiddetta nuvola elettronica,costituita dagli elettroni degli strati atomici esterni che vengono condivisi dall intera struttura. La mutua attrazione tra gli ioni positivi e la nuvola elettronica fornisce il cosiddetto legame metallico. Gli elettroni presenti nella nuvola hanno una certa libertà di movimento e quindi,per effetto della applicazione di una opportuna tensione,possono fluire piuttosto facilmente, determinando così la buona conducibilità elettrica del metallo. Il legame metallico, inoltre, è di tipo non direzionale e ciò rende conto delle proprietà meccaniche dei metalli che sono duttili, malleabili e possono essere deformati per ottenere fili o lamine sottilissime. L'energia del legame metallico varia moltissimo e di conseguenza anche i punti di fusione dei vari metalli sono molto diversi. LEGAME METALLICO

7 Leghe Metalliche Molto spesso il metallo puro non presenta le caratteristiche volute. Per ottimizzare le prestazioni in esercizio di un metallo si fabbricano le leghe,attraverso la sua combinazione del metallo con altri elementi. Queste combinazioni sono mirate principalmente al miglioramento delle prestazioni meccaniche, della lavorabilità, della resistenza alla corrosione ed alle resistenza ad alte temperature. Si definisce lega una miscela solida, composta da 2 o più elementi, di cui almeno uno, il principale, è metallico. Da notare che in un metallo puro, composto da un solo elemento, la struttura molecolare è formata da un solo tipo di reticolo cristallino. Invece, in una lega metallica formata da due o da più elementi anche non metallici (carbonio e azoto) la struttura della lega può essere caratterizzata da un solo reticolo cristallino o da più reticoli cristallini diversi. Per formare una lega, un metallo deve avere la capacità di sciogliere un altro elemento e cioè un metallo deve accogliere nella sua struttura cristallina gli atomi di un altro elemento, formando quella che si chiama una soluzione solida Vi sono due tipi fondamentali di soluzioni solide : Soluzione di sostituzione e Soluzione interstiziali Soluzione di sostituzione si ha quando gli atomi hanno dimensioni simili Soluzione interstiziale: si ha quando gli elementi hanno atomi di dimensioni molto diverse Esempio il Bronzo è una soluzione di sostituzione di Stagno in Rame l Acciaio è una soluzione interstiziale di Carbonio nel Ferro

8 Leghe metalliche più usate Le leghe che trovano la più vasta applicazione in campo industriale sono : Leghe ferro carbonio Sono dette anche leghe ferrose e sono : Acciaio e ghise.l acciaio, fabbricato in diversi tipi, è il materiale industriale più utilizzato Leghe di alluminio L alluminio si può combinare con rame, titanio, zinco, manganese magnesio,silicio,nichel per formare le cosiddette leghe leggere. Una buona lega di alluminio pesa circa tre volte in meno di un acciaio comune ed ha la stessa resistenza Leghe di rame Sono gli Ottoni ( lega Cu, Zn ) ; Bronzi ( lega Cu, Sn ) Leghe di titanio Il titanio si può combinare con di differenti metalli al fine di ottenere materiali dalla notevole resistenza meccanica con pesi molto bassi oltre ad una ottima resistenza alla corrosione. Purtroppo il titanio è costoso a causa del suo elevato costo di preparazione Leghe di magnesio Il magnesio può formare leghe con alluminio, zinco e manganese; queste leghe sono in genere fragili ma resistenti alla corrosione ed alle alte temperature ( con il magnesio si possono ottenere leghe ultraleggere )

9 MATERIALI CERAMICI I materiali ceramici sono in genere aggregati policristallini,anche se in alcuni casi possono presentarsi amorfi o come monocristalli. Sono materiali inorganici costituiti da elementi metallici e non metallici legati chimicamente in rapporti costanti. Sono costituiti da una sequenza ordinata nello spazio di elementi metallici e non metallici (carburi, nitruri, ossidi metallici ) Fanno parte di questa classe i ceramici tradizionali (argille, porcellane), i ceramici avanzati (allumina, zirconia, nitruro di silicio), i vetri ed i cementi Proprietà tipiche Hanno elevata resistenza a compressione, ma bassa resistenza a trazione Sono molto duri, rigidi ed indeformabili Impossibile sottoporli a lavorazione plastica Presentano un elevato isolamento elettrico e termico Resistenza alla corrosione Resistenza al calore

10 I MATERIALI COMPOSITI I materiali compositi sono materiali artificiali nei quali due o più componenti sono combinati per ottenere una sostanza con particolari proprietà. L esempio più comune di materiale composito è la vetroresina, formata da stati sovrapposti di fibra di vetro immersi in una resina polimerica ; in vetroresina si costruiscono gli scafi per imbarcazioni di varie misure I componenti, a differenza di quanto avviene nei composti chimici o nelle leghe, sono fisicamente separati e nettamente distinguibili con un esame microscopico a basso ingrandimento. In un materiale composito un componente svolge la funzione di matrice ( metallica, ceramica,polimerica ), nella quale sono dispersi sottili filamenti ( Whiskers) di materiale diverso, che fungono da rinforzo. Oltre ai whiskers, per rinforzo si possono usare anche fili, fibre lunghe e corte, polveri metalliche ( carburi) L esempio più comune di materiale composito è la vetroresina, formata da stati sovrapposti di fibra di vetro immersi in una resina polimerica ; in vetroresina si costruiscono gli scafi per imbarcazioni. Esistono anche i compositi metallici formati da una matrice a base di alluminio, zinco rame, magnesio, titanio e per rinforzo si possono usare : - fili metallici ( in acciaio, tungsteno, carburi silicio); - fibre e whiskers ( C, Vetro, Al2O3, SiC, SiO2 ) ; - polveri ( SiC, SiO2, Al2O3 )

11 Fibre e matrici nei compositi Le proprietà meccaniche dei materiali compositi dipendono dal tipo di fibre e dalla loro disposizione all interno della matrice. La disposizione delle fibre può essere di tre tipi. Tipi di Fibre a) - discontinua disordinata b) - discontinua parallela c ) - continua parallela Nei compositi con fibre disposte in modo discontinuo e disordinato (figura 1a), si avranno le stesse caratteristiche meccaniche in tutte le direzioni, mentre nei compositi con fibre discontinue o continue ma parallele (figure 1b/c), si avranno caratteristiche migliori nella direzione delle fibre Le fibre di rinforzo più utilizzate, attualmente, sono: Fibre di vetro: sono costituite da filamenti, aventi diametro di 10 micron circa,ottenuti per trafilatura ; Identificabili dal colore bianco. Fibre di carbonio: sono filamenti ottenuti da fibre organiche. Stanno sostituendo le fibre di vetro per il minor peso e la maggiore rigidità. Il colore è nero brillante. Fibre organiche: sono le fibre di rinforzo più leggere; la loro composizione chimica ed il processo di fabbricazione sono ancora brevettati. Il è color giallo vivo. Fibre minerali: sono utilizzate nel campo delle tubazioni, coperture e recipienti; l elevato costo ne limita l impiego. Le resine più utilizzate sono le seguenti: resine epossidiche: sono quelle che possiedono le migliori proprietà meccaniche; resine poliestere: sono le più comuni ed economiche; resine fenoliche: hanno maggior resistenza alla corrosione e all infiammabilità.

12 Impiego dei compositi La moderna tecnologia consente di realizzare materiali compositi con un ampia gamma di caratteristiche ; in pratica è possibile costruire un materiale su misura per una data applicazione. Così ad esempio si possono costruire materiali che abbiano particolare resistenza a trazione, materiali con elevata resistenza all usura ed al calore, materiali ad elevata resistenza a caldo per la costruzione di utensili ( il metallo duro composto da una matrice metallica di Cobalto in cui sono disciolti i carburi di tungsteno) ecc. Molteplici sono le applicazioni dei materiali compositi ed il loro sviluppo è sicuramente destinato ad aumentare Nell industria automobilistica i compositi in resina rinforzati con fibra di vetro o di carbonio si usano per costruire parti di carrozzeria. Nell industria aeronautica si utilizzano i compositi per parti di ali e fusoliera, per i carrelli di atterraggio. Nell industria di articoli sportivi molte sono le applicazioni quali racchette da tennis, sci, aste per salto, alberi maestri per barche a vela,canne da pesca, telaio bici, scafi ecc. Nell industria bellica si costruiscono parti per armi leggere, blindature, giubbotti antiproiettile. Nell industria meccanica si realizzano pezzi meccanici vari, incastellature, ruote dentate,ecc. Auto con Pannelli in Fibre carbonio Aereo Militare In Fibre carbonio Scavo in vetroresina Oggetti sportivi n fibre Carbonio Papa Giovanni in vetroresina

13 LE MATERIE PLASTICHE Le materie plastiche ( dette anche polimeri plastici ) sono dei materiali sintetici, cioè non esistono in natura ma vengono preparate in laboratorio partendo da materiali naturali Le materie prime più usate sono : il petrolio, il metano, l idrogeno e l ossigeno. Le materie plastiche sono quei materiali che si lasciano facilmente deformare e, una volta deformati, non perdono la nuova forma. Ed infatti la parola plastica deriva dal greco plastikos,che vuol dire malleabile. Il segreto della plasticità di queste materie è la singolare struttura delle molecole, che prendono il nome di polimeri, che sono lunghissime molecole organiche. Esse infatti hanno una struttura a spaghetti, cioè una struttura lineare. In questo modo quando l oggetto viene deformato le sue molecole strisciano le une sulle altre, in modo tale che esse adattino l oggetto alla nuova forma. I polimeri sono costituiti a loro volta da catene molecolari più piccole, i monomeri Classificazione materie plastiche Le materie plastiche si distinguono in due classi principali: Termoindurenti Termoplastiche Una resina termoindurente allo stato solido a temperatura ambiente se riscaldata diventa progressivamente rigida. Questa proprietà irreversibile, cioè la sostanza non diventa plastica quando viene raffreddata. Le resine termoindurenti sono infusibili ed insolubili Una resina termoplastica se se riscaldata partendo dallo stato solido a temperatura ambiente rammollisce e passa allo stato liquido ; ritorna poi allo stato solido primitivo con il raffreddamento. Questa operazione si può ripetere indefinitamente.le resine termoplastiche sono fusibili e solubili Proprietà delle materie plastiche Bassa resistenza meccanica ; Flessibilità e deformabilità ; Isolamento termico ed elettrico ; Basso peso specifico (0.9 2 gr /cm 3 ) ; Ottima resistenza agli urti

14 Fabbricazione Oggetti in Plastica Esistono vari metodi per produrre oggetti in plastica come illustrato nella figura seguente Per realizzare lamiere o altri oggetti sottili in plastica si usa il processo di calandratura, che consiste nel sottoporre l impasto alla pressione di rulli e di presse. Un altro processo di lavorazione è il soffiaggio, che consiste nell immettere il materiale fuso in uno stampo e gonfiarlo, come un palloncino. Il processo di centrifugazione consiste nell immettere in uno stampo rotante la plastica fusa. Il processo più diffuso è l estrusione, nel quale il materiale plastico cola in una matrice,spinto da un pistone e assume la forma della matrice

15 Impiego Plastica I tipi di materie plastiche prodotti sono diversi e numerosissimi sono gli oggetti prodotti. Bottiglie di acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte, ecc.; Flaconi/dispensatori per sciroppi, creme, salse, yogurt, per detersivi, saponi, prodotti per la casa ecc; Confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (es: affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura); Buste e sacchetti per alimenti in genere (es: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati); Vaschette e contenitori per alimenti ( carne e pesce, per gelati, creme di formaggio, dessert ); Reti Film e Pellicole per frutta e verdura ; imballaggi ;, Barattoli per alimenti in polvere ; Cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari in genere; Vasi per vivaisti ; Blister e contenitori rigidi e formati a sagoma (es: gusci per giocattoli, pile, articoli da cancelleria, gadget vari ) ; Scatole e buste per il confezionamento di capi di abbigliamento (camicie, biancheria intima, calze,cravatte); Gusci, barre, chips da imballaggio in polistirolo espanso; Reggette per legatura pacchi ; Sacchi, sacchetti, buste (es: shoppers, sacchi per detersivi, per prodotti per giardinaggio, per animali); Vari contenitori Bottiglie in Pet Ciotolame Recupero bottiglie

16 I MATERIALI SINTERIZZATI I materiali sinterizzati sono i materiali ottenuti con la tecnica di produzione chiamata metallurgia delle polveri o sinterizzazione o metalloceramica. Tale tecnica è nota fin dall antichità ma solo da pochi decenni ha avuto una larga diffusione in vari settori dell industria. La metallurgia delle polveri è un procedimento fisico-meccanico in cui si parte da materia prima sotto forma di miscele di polveri metalliche o non metalliche e si ottiene un pezzo, con forma e geometria definita. Le polveri possono essere prodotte con vari procedimenti : Meccanici ( macinazione, frantumazione, pestellatura ) Fisici ( atomizzazione, decomposizione ) ; Chimici ( riduzione, ossidazione-carburazione ) SCHEMA CICLO LAVORAZIONE Le fasi principali per la realizzazione di un pezzo sono Preparazioni delle polveri, metalliche o non metalliche Dosatura e miscelazione delle polveri ; Caricamento delle polveri nello stampo Pressatura delle polveri ad alta pressione ; Estrazione del pezzo dallo stampo Sinterizzazione del pezzo in forno

17 Ciclo di produzione di un pezzo sinterizzato Più dettagliatamente le fasi necessarie a produrre un pezzo sinterizzato sono. 1- Costruzione dello stampo : Per prima cosa, in base al disegno di progetto del pezzo si costruisce con accurata lavorazione uno stampo in acciaio speciale, composto da matrice e punzone. Lo stampo viene montato su una pressa, cioè una macchina capace di spingere il punzone nella matrice con una forza elevata ( decine di tonnellate ) 2- Preparazione della miscela delle polveri La polvere base viene miscelata con cere lubrificanti ed eventuale altre aggiunte metalliche ed il tutto viene accuratamente miscelata, fino ad ottenere una polvere omogenea composto da granuli piccolissimi. 3- Caricamento dello stampo La polvere dosata va riempire la matrice dello stampo. 4- Pressatura e Compattazione Il punzone viene spinto entro la matrice esercitando sulla polvere una pressione alta pari a atmosfere. Il pezzo compatto viene estratto dallo stampo ; questo pezzo non ha ancora la densità e la resistenza voluta e si può sgretolate facilmente se soggetto a piccole forze. 5- Sinterizzazione Il pezzo pressato e compattato viene immesso in un forno riscaldato in atmosfera controllata : la temperatura nel forno è elevata ma non raggiunge mai la temperatura di fusione delle polveri. Durante la permanenza del forno per un tempo prestabilito avviene la sinterizzazione, cioè un complesso di fenomeni chimico-fisico che determinano la saldatura dei granuli di polvere. Con la sinterizzazione si ottiene un pezzo finito di dimensioni precise e di elevata resistenza.

18 Caratteristiche della sinterizzazione Il metodo della metallurgia delle polveri presenta i seguenti vantaggi : elevata produttività ( dalla pressa si possono ottenere ad esempio 20 pezzi al minuto ) ; produzione di pezzi finiti con tolleranze ristrette, anche con profili complessi ; utilizzazione di miscele di polveri di materiali che non possono essere lavorati per fusione ; utilizzazione di miscele di polveri diverse ; metalliche e non metalliche ; produzione di materiali con particolari caratteristiche ( porosità definita, proprietà autolubrificanti ecc ) ; produzione di materiali durissimi come il metallo duro Metallo Duro (polvere WC in matrice di Cobalto ) Granito Sinterizzato Filtro Il metodo della metallurgia delle polveri presenta i seguenti svantaggi e limiti : costo elevato degli stampi e degli impianti ; necessità di produzione in grande serie per ammortizzare i costi ; i pezzi da produrre devono avere piccole dimensioni,

19 Impiego dei sinterizzati Oggi sono numerose le applicazioni dei pezzi sinterizzati. I settori di maggior impiego sono nel campo automobilistico, nel campo degli elettrodomestici e nella meccanica in genere. Tra i materiali più usati si trovano : Bronzo ( con stagno al 15% ) Ottoni ( con zinco al % ) Alluminio e leghe leggere Cupropiombo ( rame,piombo, stagno, antimonio ) Materiali duri per utensili ( miscele di metalli e carburi metallici) Materiali ceramici per utensili ( miscele di ossido di alluminio con carburi di vanadio, titanio e molibdeno ) Materiali per mole diamantate ( miscele di polvere di diamante dispersa in un matrice metallica a base ferro, bronzo od altri metalli ) Materiali refrattari per resistenze e filamenti di lampade ( polveri di tungsteno, di vanadio ) Mola per rettifica Patricolari vari Particolari vari Creatore Frese in metallo duro

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

Le materie plastiche Chimica e tecnologie chimiche

Le materie plastiche Chimica e tecnologie chimiche Cosa sono... Le materie plastiche Chimica e tecnologie chimiche materiali artificiali polimerici con STRUTTURA MACROMOLECOLARE Monomeri e polimeri Materiali plastici... si dividono in TERMOPLASTICI ELASTOMERI

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

Scienza e Tecnologia dei Materiali

Scienza e Tecnologia dei Materiali Scienza e Tecnologia dei Materiali Ingegneria Civile Docente: Prof. Laura Montanaro laura.montanaro@polito.it Prof. L. Montanaro STM Ing. Civile 1 Generalità Orario lezioni: Lunedì 11.30-13.00 Martedì

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Diffuso in natura sotto forma di idrossido (bauxite) Prop. Fisiche:ottima cond. elettrica, 659 C C t fusione Prop. Meccaniche: modeste ma ottime nelle leghe Pro. Tecnologiche: piegabilità,,

Dettagli

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI - Durezza a freddo (elementi di lega, trattamenti termici ) - Durezza a caldo (alte velocità di taglio) - Tenacità (frese, taglio interrotto ) - Resistenza

Dettagli

I metalli non ferrosi si distinguono in:

I metalli non ferrosi si distinguono in: MATERIALI METALLICI NON FERROSI Si dicono materiali non ferrosi, tutti quei materiali che non contengono ferro, ma sono costituiti da altri materiali o loro leghe. I metalli non ferrosi si distinguono

Dettagli

Prof. A. Battistelli

Prof. A. Battistelli Prof. A. Battistelli Materiale da costruzione Materiale di origine minerale (si estrae da pietre) per costruire: oggetti, costruzioni edili, materiale tecnico ed elettronico, mezzi, attrezzi, ecc.. Come

Dettagli

Compositi: generalità e proprietà meccaniche

Compositi: generalità e proprietà meccaniche Compositi: generalità e proprietà meccaniche Definiamo materiale composito: Una combinazione di due o più micro o macro costituenti, che differiscono nella forma e nella composizione chimica, insolubili

Dettagli

Il casco e le sue varianti

Il casco e le sue varianti Casco D+ Liceo Scientifico Statale Federico II Altamura Il casco e le sue varianti E il nostro progetto riguarda 1 L ELMETTO DA LAVORO Domanda: perché si è soliti non rispettare tale cartello?? PERCHE

Dettagli

Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente

Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente Al principio La plastica ha una storia antica. Prima che comparisse, l uomo ha utilizzato dei polimeri naturali, reperibili in natura, come il guscio della

Dettagli

Classificazione. Le plastiche utilizzate in edilizia sono classificate in: - Resine termoindurenti - Resine termoplastiche

Classificazione. Le plastiche utilizzate in edilizia sono classificate in: - Resine termoindurenti - Resine termoplastiche Classificazione Le plastiche utilizzate in edilizia sono classificate in: - Resine termoindurenti - Resine termoplastiche Entrambe raggruppano altre resine differenti per alcun specificità. Resine termoindurenti.

Dettagli

GLI ELEMENTI CHIMICI

GLI ELEMENTI CHIMICI In natura esistono 92 elementi chimici naturali. GLI ELEMENTI CHIMICI Nella tavola periodica sono riportati tutti gli elementi chimici: naturali e non naturali ( UNA DECINA) COMBINANDOSI TRA LORO IN VARIO

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Classificazione acciai

Classificazione acciai Leghe ferrose Classificazione acciai Acciai al Carbonio: Fe + C (%C da 0,06% a 2,06 %) High Strengh Low Alloy (HSLA): contengono 0.2% di C, 1.5% Mn e piccoli tenori di Si, Cu, V, Nb), sono prodotti con

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

Materiali Plastici. standard PVC. Cloruro di polivinile

Materiali Plastici. standard PVC. Cloruro di polivinile 8 >> Materiali Plastici standard Materiali Plastici standard >> Semilavorati in PVC PVC Cloruro di polivinile Il PVC rigido è un materiale di larga diffusione, utilizzato prevalentemente per la sua ottima

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Prodotti sinterizzati

Prodotti sinterizzati Prodotti sinterizzati - Composto bimetallico refrattario prodotto tramite un processo, rigorosamente controllato, di pressatura e sinterizzazione di polveri di tungsteno e infine infiltrazione del materiale

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING Tecniche legate alla produzione di materiali compositi, caratterizzate dal flusso di una matrice polimerica termoindurente (resina) attraverso un rinforzo asciutto a base

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.1 I materiali ceramici tradizionali sono tipicamente formati da tre componenti argilla, feldspato e

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SISTEMA ARCI-TIRSO COMUNI DI SANTA GIUSTA, PALMAS ARBOREA, SIMAXIS, SOLARUSSA E VILLAURBANA. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PORTA A PORTA VETRO CARTA E CARTONI LATTINE UMIDO PLASTICA SECCO NEGLI APPOSITI

Dettagli

Classificazione dei metalli

Classificazione dei metalli Prof. Carlo Carrisi Classificazione dei metalli Leggeri: magnesio (Mg), alluminio (Al), titanio (Ti) hanno buona resistenza meccanica e sono molto leggeri. Ferrosi: il ferro (Fe) è il metallo più usato

Dettagli

6 I materiali compositi

6 I materiali compositi 6 I materiali compositi Dopo un periodo di relativa stagnazione, dovuta alla contrazione delle commesse militari e, in ambito civile, alle difficoltà finanziarie incontrate da numerose compagnie aeree

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

Raccolta differenziata. Elenco dei materiali

Raccolta differenziata. Elenco dei materiali Per la Guida alla raccolta differenziata sostituire quanto inserito con la seguente: Raccolta differenziata. Elenco dei materiali Carta e Cartone (apposita cassetta o scatoloni) giornali e riviste, libri,

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

Grazie al tuo impegno, abbiamo raggiunto ottimi risultati nella raccolta differenziata. Ricorda però che la plastica giusta è solo quella degli

Grazie al tuo impegno, abbiamo raggiunto ottimi risultati nella raccolta differenziata. Ricorda però che la plastica giusta è solo quella degli Grazie al tuo impegno, abbiamo raggiunto ottimi risultati nella raccolta differenziata. Ricorda però che la plastica giusta è solo quella degli imballaggi. Grazie al tuo impegno, abbiamo raggiunto ottimi

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2 Infissi_2 SERRAMENTI IN LEGNO I profili di legno sono i principali elementi che caratterizzano le parti strutturali della finestra: Telai fissi, montanti e traversi dell anta, parti complementari (profili

Dettagli

STRUTTURA DEI METALLI

STRUTTURA DEI METALLI STRUTTURA DEI METALLI Durante la solidificazione di un metallo liquido si formano progressivamente in tutta la massa i grani cristallini affiancati. GRANI CRISTALLINI I grani sono visibili con un microscopio

Dettagli

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE La rubrica Materiale del mese è curata da: Matech materiali innovativi g Alessio Cuccu MaTech Parco Scientifico e Tecnologico Galileo Corso Stati Uniti,14 35127 Padova Tel.+39.049.8705973 - Fax.+39.049.8061222

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo

Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo Dove Hanno Inizio Fili Eccezionali Guida ai Prodotti Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo Le trafile di diamante naturale monocristallo di Fort Wayne Wire Die forniscono elevate prestazioni e primissima

Dettagli

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1 asdf ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 11 November 2011 Con questo articolo proviamo ad effettuare un breve excursus nel "mondo" dell'alluminio, analizzandone alcuni degli aspetti

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici Processi di fusione e colata, parte III Stampi permanenti Trattamenti termici Colata in stampi permanenti: generalità Gli stampi permanenti sono progettati in modo che il pezzo venga estratto facilmente

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Indice. 1.1 Introduzione 3 1.2 Sistema Internazionale delle unità di misura 4

Indice. 1.1 Introduzione 3 1.2 Sistema Internazionale delle unità di misura 4 Indice Prefazione alla terza edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice dei simboli Indice delle abbreviazioni Tavola periodica degli elementi XI XIII XV XVII XXI XXII

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Edizione Gennaio 2011 Manuale per la raccolta differenziata. Comune di Casoria

Edizione Gennaio 2011 Manuale per la raccolta differenziata. Comune di Casoria Edizione Gennaio 2011 Manuale per la raccolta differenziata Comune di Casoria R.S.U. Rifiuti Solidi Urbani Piatti, bicchieri e posate in plastica Giocattoli Bicchieri e recipienti di cristallo Bicchieri,

Dettagli

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe TCNGA e DSGN Modulo C Unità 2 Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe 1 Modulo C Unità 2 RRTÀ CARATTRSTC D MATRA 2 a tecnologia è la scienza che studia i materiali, la composizione, le caratteristiche,

Dettagli

I materiali: l'alluminio

I materiali: l'alluminio Per costruire i telai delle mountain bike vengono diversi materiali, ognuno dei quali presenta proprie particolarità. Proprio per questo forse si può anche azzardare a dire che non esiste in commercio

Dettagli

Lezione 21 Materiali di impiego aeronautico e loro trattamenti

Lezione 21 Materiali di impiego aeronautico e loro trattamenti di impiego aeronautico e loro trattamenti Giuseppe Quaranta giuseppe.quaranta@polimi.it Forze che agiscono sul velivolo Portanza Trazione Resistenza Ambiente Operativo Peso Argomenti del corso Aerodinamica

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE

ALLUMINIO E SUE LEGHE ALLUMINIO E SUE LEGHE L'alluminio è il più abbondante costituente metallico delle rocce terrestri; si ritrova generalmente come silicato, sia solo sia mescolato con altri metalli come il sodio, il potassio,

Dettagli

BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO

BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO BOCCOLE BRONZO SINTERIZZATO Via Torino 77/1-10040 Druento (TO) Tel. 011-19775.115 Fax 011-9942666 e-mail : info@sidarma.it - uff.commerciale@sidarma.it www.sidarma.it LA SINTERIZZAZIONE Che cos'è? La sinterizzazione

Dettagli

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa Gli elettrodi nell EDM G. Fantoni Università di Pisa Erodibilità di diversi materiali metallici PURI T fus. -MRR Ma Ag, Cu anomali infatti erodibilità dipende anche da conducibilità termica, capacità

Dettagli

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà dei MATERIALI in quanto li descrive singolarmente nel capitolo del materiale trattato; ma io ritengo sia un argomento comune a tutti

Dettagli

I Materiali Polimerici

I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici Un polimero è costituito da molte unità molecolari ricorrenti, unite tra di loro per addizione sequenziale di molecole di monomero. Molte molecole del monomero

Dettagli

GRAFITE ISOSTATICA PER COLATA CONTINUA. MERSEN Esperti al vostro servizio

GRAFITE ISOSTATICA PER COLATA CONTINUA. MERSEN Esperti al vostro servizio GRAFITE ISOSTATICA PER COLATA CONTINUA MERSEN Esperti al vostro servizio colata continua orizzontale Sistema di raffreddamento Filiera di grafite Fronte di solidificazione Colata Continua è un processo

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE Questionario N. 1C - Materiali Metallici per la classe 2^ C.A.T. Questo questionario

Dettagli

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità Durata Versatilità Precisione Affidabilità Tabella per la scelta delle punte in funzione del materiale da lavorare MATERIALE DA LAVORARE QUALITA VELOCITA DIAMETRO PUNTA REFRIGERANTE PUNTA PERIFERICA mt

Dettagli

Gli elementi di transizione

Gli elementi di transizione Gli elementi di transizione A partire dal quarto periodo del Sistema Periodico, nella costruzione della configurazione elettronica degli elementi, dopo il riempimento degli orbitali s del guscio di valenza

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

MATERIALI POLIMERICI TERMOINDURENTI

MATERIALI POLIMERICI TERMOINDURENTI MATERIALI POLIMERICI TERMOINDURENTI Alcune resine termoinduren8 vengono re1colate per mezzo del calore o a;raverso calore e pressione combina1. Altre possono venire re8colate a>raverso una reazione chimica

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

eledia CATALOGO PASTA E SOSPENSIONE DIAMANTATA eledia Vicolo E. Caruso, 6 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) ITALIA PASTA DIAMANTATA 1.9

eledia CATALOGO PASTA E SOSPENSIONE DIAMANTATA eledia Vicolo E. Caruso, 6 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) ITALIA PASTA DIAMANTATA 1.9 CATALOGO PASTA E SOSPENSIONE DIAMANTATA PASTA DIAMANTATA 1.9 Vicolo E. Caruso, 6 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) ITALIA Tel. +39 080 3601661 Fax. +39 080 3602147 N 41 06' 39,43" / E 16 29' 54,30" e-mail info@.it

Dettagli

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Materiali Avanzati I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti UN PO DI STORIA Lo sviluppo della civilizzazione è stato fortemente influenzato dalla capacità di modificare e produrre sostanze, materiali

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA GIORNALI E RIVISTE LIBRI E QUADERNI FOTOCOPIE E FOGLI VARI CARTONI PIEGATI E SCATOLE PER ALIMENTI IMBALLAGGI DI CARTONE TETRA PAK (LATTE, SUCCHI DI FRUTTA,

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

COSA? COME? COSA SI QUANDO? COSA NO

COSA? COME? COSA SI QUANDO? COSA NO IL COMUNE DI POLLICA SI DIFFERENZIA COSA? COME? COSA SI QUANDO? COSA NO Umido Sacchetto biodegradabile in mater-bio in ECM Scarti di cucina freddi (pane, pasta, riso), alimenti avariati, resti animali,

Dettagli

ESEMPI PRATICI DI TIPOLOGIE DI RIFIUTI DA AVVIARE ALLE SINGOLE RACCOLTE DIFFERENZIATE

ESEMPI PRATICI DI TIPOLOGIE DI RIFIUTI DA AVVIARE ALLE SINGOLE RACCOLTE DIFFERENZIATE ESEMPI PRATICI DI TIPOLOGIE DI RIFIUTI DA AVVIARE ALLE SINGOLE RACCOLTE DIFFERENZIATE COSA METTERE NELLA RACCOLTA DELLA CARTA/CARTONE Materiali da conferire: Giornali Riviste Volantini pubblicità Scatole

Dettagli

Termotecnica: non soggetta al tempo importante per i processi metallurgici. THERMPROCESS 2015 Fiera Internazionale per la tecnica per processi termici

Termotecnica: non soggetta al tempo importante per i processi metallurgici. THERMPROCESS 2015 Fiera Internazionale per la tecnica per processi termici Articolo specialistico n 1: THERMPROCESS dal 16 al 20 Giugno 2015 Termotecnica: non soggetta al tempo importante per i processi metallurgici THERMPROCESS 2015 Fiera Internazionale per la tecnica per processi

Dettagli

Fibra Ceramica. Catalogo generale

Fibra Ceramica. Catalogo generale Fibra Ceramica Catalogo generale La storia della società KERAUNION Nel 1, in Bohemia (oggi Repubblica Ceca) viene fondata la ditta Keraunion per produrre vasellame ed oggetti in vetro e cristallo. Dal

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

Raccolte Differenziate. Guida Pratica

Raccolte Differenziate. Guida Pratica Raccolte Differenziate Guida Pratica R come rifiuto Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato.. Ciclo Naturale Chiuso Il concetto di Rifiuto non esiste in Natura. La

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli