Siamo, infine, giunti alla conclusione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Siamo, infine, giunti alla conclusione"

Transcript

1 LVS: Linux Virtual Server project Concludiamo la panoramica su LVS approfondendo la trattazione con una visione sugli strumenti di monitoraggio ed accennando a problematiche di sicurezza. Siamo, infine, giunti alla conclusione di questa miniserie sui cluster a bilanciamento di carico di rete, che in ambito Linux ha come riferimento il progetto Linux Virtual Server, progetto OpenSource che, partito nel 1999 da un idea di Wensong Zhang, ricercatore del National Laboratory for Parallel & Distributed Processing della Cina, è riuscito ad affermarsi come framework generale su cui sono state costruite molte altre soluzioni, commerciali e non. Con quest ultima puntata vorrei lasciarvi con la sensazione di completezza di soluzione. Concluderò quindi la panoramica di base dell offerta LVS andando a parlare degli strumenti amministrativi e di monitoraggio in user space; accennerò, inoltre, alle problematiche di sicurezza ed ai metodi di difesa da attacchi di tipo denial of service. Ma, alfine, quale miglior commiato del divagare su topiche relative alla predisposizione di un cluster cosiddetto ad alta disponibilità per l implementazione di servizi comuni, quali ad esempio web e ftp server? Trattasi di tematiche che possono fare la differenza in qualsiasi ambiente di qualsiasi tipo di qualsiasi realtà produttiva (e non) e che, di per sé, riconducono il sistema operativo Linux ad un ruolo trainante per il supporto infrastrutturale IT. Ovvero, tanto per essere espliciti: certe soluzioni che in ambiente proprietario costano svariate decine di migliaia di euro, in ambiente Linux funzionano, sono prestazionalmente concorrenziali ed, infine, sono GRATIS! Dall ultima volta che ci siamo sentiti su queste pagine, non ci sono stati rilasci nel codice (se non una versione per kernel 2.5), ma Joseph Mack, il curatore della documentazione, preso da sindrome documentativa acuta, ha rilasciato due versioni dell LVS-HOWTO e ben tre versioni dell LVS-mini-HOWTO tutte scaricabili dal sito di progetto: Val la pena darci un occhiata! Soprattutto per la (finalmente) maggior chiarezza espositiva per i problemi connessi alle non-arpable interfaces richieste dai metodi LVS-DR (direct routing) e LVS-Tun (IP tunelling) di cui abbiamo parlato sul numero scorso. Aggiungere un servizio L aggiunta di un nuovo servizio in un LVS cluster parte dal presupposto che la semantica client-server venga mantenuta. In generale, quindi, ipvs agirà in modo tale da far sì che: il client pensi di connettersi direttamente al server; il realserver pensi di essere stato contattato direttamente dal client. Questo, però, non è tutto. La modalità di funzionamento di un protocollo introduce altri concetti, quali ad esempio quello di servizio multiporta o di connessione persistente. Queste tematiche riguardano in particolare due fra i servizi più comuni, per l appunto l FTP e HTTP, ma sicuramente, servizi che utilizzano protocolli di comunicazione di tipo session oriented non sono scevri da queste problematiche. In generale, in ogni caso in cui la connessione ad un client debba essere assegnata allo stesso server sia per motivi funzionali che prestazionali, LVS deve trattare questa affinità di connessione in maniera particolare. Prendiamo il caso di FTP; questo è un esempio di richiesta funzionale per affinità di connessione. Il client stabilisce due connessioni con il server, una sulla porta 21 per lo scambio di informazioni di controllo e l altra sulla porta scelta per il trasferimento dei dati, solitamente la 20. Nel caso di FTP attivo, il client rende noto al server su quale porta è in ascolto ed il server utilizzerà la 20 come porta data. Il director potrebbe, quindi, esaminare il flusso dei pacchetti che arrivano dal client per ottenere la porta su cui il client è in ascolto, quindi creare una entrata nella hash table per la gestione della connessione dati in arrivo, ma nel caso dell FTP passivo, è il server a dire al client su quale porta si deve mettere in ascolto per ricevere il flusso dati. Nel caso dei metodi LVS Tunelling e di LVS Direct Routing il director interviene solo per metà della comunicazione, nella parte del collegamento client-server, per cui sarebbe impossibile per il director dedurre su quale porta avviene la comunicazione. Un altro esempio di affinità di connessione è dato dal protocollo SSL (Secure Socket Layer). Quando viene intrapresa avanzato 47

2 una connessione SSL (porta 443 per secure Web o 465 per secure Mail, ad esempio), viene creata una chiave SSL che identifica il client per ogni successiva connessione al server (nell arco di tempo di vita della chiave). Il meccanismo di persistenza LVS rende, quindi, possibile ad un client di connettersi allo stesso realserver per successive connessioni TCP. I casi in cui questo meccanismo deve essere utilizzato sono così riassumibili: necessità di mantenere uno stato della connessione sul server, ad esempio per lo scambio di chiavi HTTPS; richiesta di un servizio multiporta, come nel caso di FTP attivo e passivo o HTTP/SSL; richieste di connessione che arrivano tramite proxy che presentano differenti IP per il client per differenti connessioni TCP/IP dallo stesso client. Lo standard per il trattamento della persistant (o sticky) connection prevede un timeout della connessione (expiration time) circa 6 volte più lungo del normale default, che è di 1 minuto. Questo chiaramente comporta una prevedibile crescita della dimensione dell hash table delle connessioni di 6 volte maggiore che in presenza di connessioni non-sticky. Questo esercizio di dimensionamento dell hash table in funzione dei servizi supportati, risulta essenziale nell approntare un ambiente di produzione che debba affrontare elevatissimi numeri di connessioni. Il tuning dei valori di expiration della persistenza è un esercizio che può coinvolgere diversi fattori; si pensi ad un servizio di E-Commerce in cui il gestore vuol dare la possibilità al suo cliente, una volta autenticata la sua carta di credito, di girare liberamente fra i vari scaffali virtuali, prendersi una pausa di riflessione ed un caffè e, magari dopo una mezz oretta, decidersi a dare l ok per l acquisto del suo carrello... le problematiche prospettate travalicano la discussione L interfaccia grafica creata da VA Linux per amministrare un director LVS. Permette di gestire tutti gli aspetti principali di un cluster LVS con pochi colpi di mouse. tecnica, rientrando in quelle tematiche di cui sempre più sentiamo parlare in convegni e congressi ad alto livello e per le quali si aprono sempre più cattedre universitarie! Tanto per rinfrescare le idee, LVS si pone come soluzione di IP load balancing, ovvero come Layer 3/4 switch (si fa riferimento alla suddivisione in livelli dello stack ISO/OSI); quindi, per alcuni potrebbe sembrare inadeguato (o troppo semplicistico) per fornire una soluzione di bilanciatore a livello applicativo. Diciamo, quindi, che se avete bisogno di un application layer load balancer, le alternative sono: settare dei valori di persistenza sufficientemente elevati o lasciar perdere LVS e comprarsene uno (scelta peraltro estremamente costosa). A noi basti dire che la gestione delle suddette (ed altre) caratteristiche di servizio è realizzata a caldo in ipvs tramite la sua interfaccia ipvsadm. Per rendersi conto delle sue potenzialità, basta dare una occhiata al numero di opzioni della versione attuale: veramente impressionante! Vediamo come sia possibile adesso attivare un servizio FTP nel nostro ambiente di test LVS/DR, definendo le caratteristiche di persistenza LVS di cui abbiamo parlato in precedenza. Supponiamo che il servizio debba essere conosciuto all esterno con l indirizzo di rete ftpvip; sul director avremo allora la seguente sequenza di comandi: director# ipvsadm -A -t ftpvip:ftp -p 600 director# ipvsadm -a -t ftpvip:ftp -r g director# ipvsadm -a -t ftpvip:ftp -r g dove l aggiunta del servizio sul director (ipvsadm -A), identificato dalla coppia di valori <ipaddress:port> = ftpvip:ftp, è accompagnato dalla configurazione delle caratteristiche di persistenza con un timeout definito in 10 minuti (-p 600), mentre l aggiunta dei realserver (comando ipvsadm -a), oltre al RIP (l indirizzo privato del realserver) specifica che l algoritmo di schedulazione scelto è DR (-g). Il servizio aggiunto, a questo punto, diventa immediatamente disponibile. Volendo evitare di utilizzare la gestione a linea di comando, si può ricorrere ad una GUI tipo quella messa a punto da VA Linux (vedi figura 1). Val la pena notare che servizi, persistenti e non, possono coesistere all interno dello stesso cluster LVS e che, utilizzando il comando # ipvsadm -A -t <VIP> -p senza specificare la porta associata al VIP 1 48 avanzato

3 (o specificando come porta la 0), tutti i servizi definiti sui realserver vengono trattati con connessioni persistenti. Successivamente, sarà sempre possibile aggiungere un servizio senza specificare l opzione -p (persistence), utilizzando, quindi, entrambe le tipologie di connessione previste. Molto utili risultano anche gli utilizzi di ipvsadm come strumento di monitoraggio. Per degli esempi pratici, potete fare riferimento al riquadro 1. Infine, il salvataggio ed il ripristino delle configurazioni sul director sono garantiti da due altre utility, ipvsadm-save ed ipvsadm-restore. Strategie di difesa contro attacchi DoS Le tematiche di sicurezza di cui essenzialmente ci interesseremo riguardano eventuali attacchi DoS al director. Ogni connessione comporta la creazione di una entry di circa 128bit; una aggressione al director mediante attacco Denial of Service può, quindi, portare all esaurimento della memoria e conseguente potenziale crash del director stesso (eventualità scongiurata con le ultime Riquadro 1: monitoring di LVS Possiamo ottenere un listato delle connessioni col comando: # ipvsadm -L -c -n IPVS connection entries release di LVS). Per far fronte all annoso problema dei Denial of Service sono state implementate tre strategie di difesa: drop_entry: che elimina casualmente alcune entry della connection hash table per recuperare memoria; procedura attivabile ogni secondo, scandisce fino ad un 1/32 dell intera tabella ed elimina quei record che sono in uno stato SYN-RECV o SYN-ACK per TCP e, parzialmente, quelli in uno stato ESTABLISHED per UDP, stategia che dovrebbe essere indicata per attacchi denial of service di tipo syn-flooding: questa strategia può essere controllata dai valori della sysctl variable /proc/sys/net/ipv4/vs/drop_entry. La soglia per determinare se il sistema ha abbastanza memoria disponibile, è data dal valore (in memory page) presente nel file /proc/sys/net/ipv4/vs/amemthresh drop_packet: questa strategia elimina 1/rate pacchetti prima di redistribuirli ai realserver. La variabile rate è determinata dalla formula: amemthresh (amemthresh - available_memory) pro expire state source virtual destination TCP 01:51 FIN_WAIT : : :80 TCP 01:51 FIN_WAIT : : :80 TCP 01:51 FIN_WAIT : : :80 TCP 01:52 FIN_WAIT : : :80 TCP 01:53 FIN_WAIT : : :80 Ecco, invece, come ottenere una statistica del traffico per servizio: # ipvsadm -L --stats IP Virtual Server version (size=4096) Prot LocalAddress:Port Conns InPkts OutPkts InBytes OutBytes -> RemoteAddress:Port TCP :http > ccs04.sssup.it:http > ccs03.sssup.it:http ad è controllato dal valore della /proc/sys/net/ipv4/vs/drop_packet Esiste anche un always drop mode, nel qual caso il valore di rate è controllato dalla variabile /proc/sys/net/ipv4/vs/am_droprate secure_tcp: utilizza un tabella di transizione di stati per ogni connessione, stabilendo dei timeout per ogni stato; l utilizzo di questa strategia è controllata da /proc/sys/net/ipv4/vs/secure_tcp ed i timeout possono essere settati sempre nella stessa /proc directory nelle variabili timeout_*. Gli autori, per il metodo LVS-NAT, consigliano di settare timeout_synrecv a 10 (secondi). Soluzioni HA e monitoraggio Il software LVS di per sé non fornisce soluzioni di alta disponibilità, ma in realtà si presta molto bene ad essere integrato con soluzioni software esterne per il raggiungimento di piena disponibilità di servizio, prevedendo il rimpiazzo automatico, in caso di crash, di server o director. Questo non è sufficiente per parlare di alta disponibilità, che è comunque una problematica che non può essere analizzata a prescindere dal tipo di servizio posto sotto alta disponibilità. Ovvero, l alta disponibilità di un servizio NFS ha caratteristiche diverse da quelle previste per un servizio HTTP o per un Database. Ancora più semplicisticamente, l alta disponibilità non può prescindere da una serie di meccanismi a livello di file system distribuito che consentano una corretta implementazione di controllo dell accesso condiviso a stesse porzioni di disco; ovvero, possiamo parlare di alta disponibilità per un certo servizio quando si può contare su meccanismi a basso livello che consentano di utilizzare, in modo coerente, porzioni condivise di filesystem da parte di una molteplicità di sistemi, garantendo meccanismi di avanzato 49

4 2 I meccanismi di ridondanza applicabili sono molteplici. Quelli più comunemente usati, rispetto alla tipologia di crash, sono i seguenti: Uno schema che rappresenta un cluster LVS configurato per l alta affidabilità. Il director primario (master) viene monitorato dal director di backup che entra in gioco nel caso in cui il master venga a mancare. I realserver sono, a loro volta, controllati dal director che si assicura che siano disponibili e li elimina dal pool di realserver dedicati ad un determinato servizio, qualora non siano raggiungibili o non rispondano alle richieste per quel protocollo. Un esempio di monitoraggio del server LVS con ipvsadmin; con il grafico è semplice notare i picchi di utilizzo del cluster LVS. 3 Director crash: risolvibile avendo a disposizione uno o più director ridondati, sia secondo uno schema attivo/standby che, in alcuni casi, secondo uno schema attivo/attivo e facendo ricorso a strumenti di monitoraggio derivanti da studi e progetti riconducibili a tre filoni: Linux HA Project quale base di sviluppo dei codici fondamentali di heartbeating, si veda e monitoraggio, UltraMonkey che utilizza heartbeat per il monitoraggio dei director e tecniche di IP address Takeover per il ripristino in caso di crash del master director, ed infine keepalived un framework per il controllo dello stato dei director, secondo uno schema che prevede la presenza in simultanea su più director di varie istanze di gruppi di servizi virtuali, sincronizzati tramite un meccanismo di elezione dei bilanciatori che utilizza il protocollo VRRPv2, descritto in RFC2338 ( Virtual Router Redundancy Protocol ). lock e di arbitrazione di accesso, di caching e di sincronizzazione di esse ed eventualmente meccanismi di forzato spengimento di quei sistemi che possono risultare in uno stato inconsistente. Comunque, dal punto di vista delle componenti del cluster LVS, si possono verificare due tipi di fallimenti: quello relativo ad un director e quello relativo ad un realserver. Da un punto di vista di criticità, quasi certamente il primo assume ben altro peso, in quanto solitamente, partendo da una configurazione standard LVS, esiste un solo director sul quale è stato definito un servizio virtuale associato ad un VIP; se questo cade, quindi, l intero servizio viene a mancare, anche se la totalità del pool di realserver relativi potenzialmente sono in grado di continuare ad offrire servizio. Inversamente, il fallimento di uno dei realserver di un pool di N, porta ad una percentuale di fallimento di connessioni pari, nel caso di algoritmo di schedulazione round-robin lineare, a 1/N. Quindi, bassa criticità e la possibilità comunque di poter sempre intervenire a livello di director per togliere a caldo quel sistema dal pool di servizio. Realserver crash: utilizzando uno strumento di monitoraggio come mon, ldirector o, in generale, dei cosiddetti healtchecker agents, il director monitorizza i servizi posti sui realserver. Nel caso in cui il servizio su un sistema diventi indisponibile, quel server è rimosso dal pool di realserver associati al servizio virtuale, mediante utilizzo di ipvsadm. In caso di crash del director principale, pur essendo possibile trasferire automaticamente il controllo al secondario, le informazioni sulle sessioni IP attualmente 50 avanzato

5 in corso andrebbero perse. Il problema è spinoso ed è stato affrontato e risolto tramite la progettazione di un demone che serve ad effettuare la sincronizzazione dei vari director. Il demone è attivabile tramite il comando # ipvsadm --start-daemon=master --mcast-interface=eth0 sul load balancer primario e, analogamente, sarà possibile attivarlo # ipvsadm --start-daemon=backup --mcast-interface=eth0 anche su quello di backup; i due demoni, attivati dentro il kernel, usano pacchetti in ip-multicast per scambiarsi i messaggi di sincronizzazione delle code di forwarding. Sebbene non sia nostro scopo addentrarci sulle configurazioni HA, i componenti di configurazione e di integrazione citati integrano in buona parte alcune delle componenti standard di base per il monitoraggio e l heartbeat. Lo stesso script configure.pl descritto in precedenza produce un file (mon.cf) di configurazione residente sul director; questo viene utilizzato da MON, il modulo di monitoraggio scritto in Perl rilasciato con licenza GPL reperibile sul sito che consente il monitoraggio dei servizi configurati mediante chiamate ai protocolli applicativi o, quantomeno, verificando la connettibilità dei realserver; in caso di risposta negativa per uno dei servizi monitorati, altri strumenti provvedono a togliere il realserver interessato dal pool di macchine associato al servizio (in figura 2 lo schema del funzionameonto di un cluster in alta affidabilità che utilizza mon e LVS). Oltre al già citato ipvsadm, altri tool di monitoraggio sono disponibili (si veda ad esempio figura 3), anche se non strettamente correlati al problema del failover; sono per la maggior parte strumenti realizzati utilizzando meccanismi standard quali ad esempio SNMP; a tal proposito si vedano le MIBs sviluppate da Romeo Benzoni e disponibili all indirizzo: /lvs-snmp/ucd-snmp-lvs-module tar.bz2 Conclusioni In tutti gli ambiti di clustering, le potenzialità di Linux stanno ormai vincendo tutte le più radicate resistenze. Muovendosi intorno ad un gruppo ristretto di progetti OpenSource cardine, quali openmosix ed OpenSSI per soluzioni general purpose cluster, Linux HA Project e Kimberlite per cluster HA, Beowulf per cluster scientifici, LVS per il cluster di servizi a bilanciamento di carico, Linux sta sconvolgendo un mercato fino a non molto tempo fa appannaggio delle grandi case costruttrici, che presentavano soluzioni a costi irraggiungibili ai più. In questa serie di articoli abbiamo visitato tutte le caratteristiche fondamentali del progetto LVS, dalla scalabilità, con la grande flessibilità che consente altresì di far fronte a picchi computazionali difformi nel tempo senza ricorrere ad investimenti sovradimensionati, alla manutenibilità, che principalmente grazie al ricorso di indirizzi alias consente di spegnere espostare i servizi da un sistema all altro ed, infine, proprio con queste ultime pagine, alle caratteristiche di disponibilità e ridondanza. Ho a tal proposito citato alcune soluzioni di integrazione che offrono, sempre nel panorama del software di pubblico dominio, pacchetti di configurazione di cluster ridondati (UltraMonkey e KeepAlived fra tutti). LVS è un progetto con innegabili qualità, comprese quella della leggerezza, della flessibilità, della robustezza, della configurabilità, dell integrabilità e, non ultima, la grande qualità di essere gratuito! Viene allora spontaneo chiedersi: beh, e allora perchè non è ancora così diffuso? Ahimè signori, i motivi sono ben altri che quelli di natura tecnica. Dal punto di vista del produttore, si possono riassumere forse nella frase è l hardware il vero business!. Dal punto di vista del cliente, forse la risposta più significativa potrebbe essere bello sì, ma... qual è il numero verde dell assistenza?. LVS è il classico esempio di soluzione che attende. Attende che il Linux business diventi qualcosa di più che una campagna di marketing; attende che l industria si metta a pensare con un vero spirito imprenditoriale; attende che i responsabili l IT Management cerchino di modificare i loro pregiudizi; attende che il tecnico si faccia catturare dallo spirito collaborativo della soluzione aperta, dai brevissimi tempi di risposta ai problemi, nemmeno paragonabili a quelli delle soluzioni proprietarie, dall eccitazione frebbrile che prende chi si sente parte integrante dello sviluppo di una soluzione, dalla consapevolezza di avere a disposizione un codice sorgente che rappresenta sempre la più completa forma di documentazione, sul proprio software, disponibile. Quindi la soluzione LVS, ma non solo essa, attende. Ma voi? Quanto avete ancora intenzione di attendere? note sull autore Italo Lisi Laureato in Informatica all Università di Pisa, ha una esperienza circa quindicennale quale sistemista in ambito Unix. Ha lavorato su sistemi a parallelismo massivo e su architetture a cluster sia orientati al calcolo scientifico che alla realizzazione di servizi di rete. Membro auditore della Linux Standard Base (LSB), ha affrontato fin dal 1995 le tematiche di sviluppo di cluster basati su Linux; nell ambito di diverse associazioni tecnologiche, ha collaborato, per le problematiche computazionali, con progetti di ricerca in diversi settori, dall astrofisica alla fisica delle alte energie. Ha rivestito per 10 anni il ruolo di Responsabile Tecnico per il Calcolo Scientifico presso il CED della Scuola Normale Superiore di Pisa. Attualmente è responsabile del Centro Servizi Informatici presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. avanzato 51

Continuando nel nostro excursus

Continuando nel nostro excursus LVS: Linux Virtual Server Project Continuiamo l analisi del progetto LVS focalizzando l attenzione sulle tecniche di forwarding dal director verso i realserver. Continuando nel nostro excursus su LVS,

Dettagli

Apache e Mysql cluster

Apache e Mysql cluster Apache e Mysql cluster Index Affrontare il clustering da 4 a 400 nodi con strumenti open-source di livello enterprise (o meglio :>). Deploy di ambienti clusterizzati (Load Balancing e High Availability).

Dettagli

Improve your management productivity

Improve your management productivity lob Balancing Power Improve your management productivity In molti ambienti aziendali la scalabilità, l'affidabilità e la ridondanza dei servizi informatici sono i punti chiave per fornire una soluzione

Dettagli

Soluzioni Cluster per l alta disponibilità dei servizi

Soluzioni Cluster per l alta disponibilità dei servizi Soluzioni Cluster per l alta disponibilità dei servizi Gorizia,, 1 dicembre 2001 Overview Il problema della High Availability, o RAS Soluzioni basate su Linux Chi vi parla: Docente di Sistemi Operativi

Dettagli

Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli. Mario Baldi. Politecnico di Torino. http://staff.polito.it/mario.baldi

Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli. Mario Baldi. Politecnico di Torino. http://staff.polito.it/mario.baldi Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Basato sul capitolo 10 di: M. Baldi, P. Nicoletti, Switched LAN, McGraw-Hill,

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

White Paper. White Paper. Lesson 3: Protezione apparati di rete. Gli Apparati di Rete. Quali sono gli apparati di rete

White Paper. White Paper. Lesson 3: Protezione apparati di rete. Gli Apparati di Rete. Quali sono gli apparati di rete Lesson 3: Protezione apparati di rete Gli Apparati di Rete Prendiamo ora in considerazione le apparecchiature che realizzano, una volta connesse tra di loro la struttura della nostra rete informatica.

Dettagli

10_MLSwitching. ! Normalmente server web! Portali. ! Yahoo, Netscape. ! Notizie in tempo reale. ! CNN, La Stampa. ! Reperimento software. !

10_MLSwitching. ! Normalmente server web! Portali. ! Yahoo, Netscape. ! Notizie in tempo reale. ! CNN, La Stampa. ! Reperimento software. ! Nota di Copyright Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Basato sul capitolo 10 di: M. Baldi, P. Nicoletti,

Dettagli

High Speed Traffic Capture with ntop. Riccardo Paterna

High Speed Traffic Capture with ntop. Riccardo Paterna <paterna@ntop.org> High Speed Traffic Capture with ntop Riccardo Paterna 1 Who am I? Riccardo Paterna Network Evangelist at ntop.org President @System (www.atsystem.org) 2 Di cosa Parleremo? Il progetto ntop Cattura dei

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Le soluzioni di clustering sotto

Le soluzioni di clustering sotto LVS: Linux Virtual Server Project Presentiamo la soluzione OpenSource più utilizzata per la scalabilità dei servizi di rete e la realizzazione di cluster per alta disponibilità e affidabilità. Le soluzioni

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Riccardo Paterna

Riccardo Paterna <paterna@ntop.org> Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release pubblica v 0.4 (GPL2)

Dettagli

ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca

ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca ARP spoofing è un attacco che può essere effettuato solo dall interno di una rete locale o LAN (Local Area Network). Questa tecnica si basa su alcune caratteristiche di

Dettagli

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cataldo Basile < cataldo.basile @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Motivazioni l architettura TCP/IPv4 è insicura il problema

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif Web e HTTP Terminologia Una pagina web consiste di oggetti Un oggetto può essere un file HTML, una immagine JPG, ecc. Una pagina web consiste di un file HTML base che fa riferimento a diversi oggetti al

Dettagli

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Guida all attivazione di una CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Emanuele Goldoni Università degli studi di Pavia Sede di Mantova Laboratorio di Reti di Calcolatori 2006 1 Introduzione A distanza

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e sicurezza in architetture complesse

INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e sicurezza in architetture complesse INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e security @ gelpi.it www.gelpi.it I computer sono al servizio dell'uomo e non l'uomo al servizio dei computer. Negli

Dettagli

Filtraggio del traffico IP in linux

Filtraggio del traffico IP in linux Filtraggio del traffico IP in linux Laboratorio di Amministrazione di Sistemi L-A Dagli appunti originali di Fabio Bucciarelli - DEIS Cos è un firewall? E un dispositivo hardware o software, che permette

Dettagli

Realizzazione di una rete dati IT

Realizzazione di una rete dati IT Realizzazione di una rete dati IT Questo documento vuole semplicemente fornire al lettore un infarinatura di base riguardo la realizzazione di una rete dati. Con il tempo le soluzioni si evolvono ma questo

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Obiettivo: realizzazione di reti sicure Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Per quanto riguarda le scelte tecnologiche vi sono due categorie di tecniche: a) modifica

Dettagli

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone - 1 - LINUX E le Reti Corso Linux 2014 di Giuseppe Zingone - 2 - Cenni sulle reti Introduzione Linux e le reti vanno mano nella mano. Il kernel di Linux ha il supporto per tutti i protocolli di rete comuni

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 9/11/2006

Dettagli

Elementi sull uso dei firewall

Elementi sull uso dei firewall Laboratorio di Reti di Calcolatori Elementi sull uso dei firewall Carlo Mastroianni Firewall Un firewall è una combinazione di hardware e software che protegge una sottorete dal resto di Internet Il firewall

Dettagli

Progetto M.A.Y.H.E.M.

Progetto M.A.Y.H.E.M. Progetto M.A.Y.H.E.M. In informatica un computer cluster, o più semplicemente un cluster (dall'inglese 'grappolo'), è un insieme di computer connessi tra loro tramite una rete telematica. Lo scopo di un

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 25 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 25 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 25 giugno 2004 Tecniche di attacco Denial of Service : impedisce ad una organizzazione di usare i servizi della propria rete; sabotaggio elettronico Gli attacchi DoS possono

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

* *Non esiste luogo più sicuro

* *Non esiste luogo più sicuro Soluzioni per l Hosting * *Non esiste luogo più sicuro per i vostri dati Le soluzioni hosting di Interoute offrono una collocazione (co-location) sicura, dedicata e a prezzi competitivi per i sistemi e

Dettagli

UNA POSSIBILE SOLUZIONE OPENSOURCE PER UN SERVIZIO DI AUTENTICAZIONE UNICA AD ALTA DISPONIBILITA E SCALABILITA

UNA POSSIBILE SOLUZIONE OPENSOURCE PER UN SERVIZIO DI AUTENTICAZIONE UNICA AD ALTA DISPONIBILITA E SCALABILITA UNA POSSIBILE SOLUZIONE OPENSOURCE PER UN SERVIZIO DI AUTENTICAZIONE UNICA AD ALTA DISPONIBILITA E SCALABILITA Giovanni Battista Barone, Davide Bottalico, Ciro Di Mauro, Nicola Ranaldo, Amerigo Izzo [giovannibattista.barone,davide.bottalico,ciro.dimauro,nicola.ranaldo,amerigo.izzo]@unina.it

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA: IL FIREWALL

INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA: IL FIREWALL INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA: IL FIREWALL Fino a qualche anno fa la comunicazione attraverso le reti di computer era un privilegio ed una necessità di enti governativi e strutture universitarie. La sua

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Indirizzamento privato e NAT

Indirizzamento privato e NAT Indirizzamento privato e NAT Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei

Dettagli

Fisciano, 24 ottobre 2008

Fisciano, 24 ottobre 2008 Virtualizzazione applicazioni per la sicurezza Luigi Catuogno Fisciano, 24 ottobre 2008 Sommario Virtualizzazione e para-virtualizzazione Sicurezza Separazione delle applicazioni Virtual data center Trusted

Dettagli

Servizi di Messaggistica

Servizi di Messaggistica Servizi di Messaggistica Generalità Messaggistica Introduzione I servizi di messaggistica sono servizi di comunicazione bidirezionale sincroni tra due o più soggetti in rete. Caratteristiche. Sincronismo

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 10 Firewall and IDS

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 10 Firewall and IDS Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 10 Firewall and IDS Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Firewall Firewall Sistema di controllo degli accessi che verifica tutto il traffico in transito Consente

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Sommario. Una breve introduzione ai file system cifrati. Casi di studio. Tecniche di protezione dei file. Cifratura manuale dei file

Sommario. Una breve introduzione ai file system cifrati. Casi di studio. Tecniche di protezione dei file. Cifratura manuale dei file Dipartimento Informatica e Applicazioni R. Capocelli Sommario Una breve introduzione ai file system cifrati Luigi Catuogno luicat@tcfs.unisa.it Tecniche di protezione dei file Perché cifrare un file system?

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL POuL Corsi Linux 2012 Una breve introduzione: le reti Una rete di calcolatori è un mezzo fisico sul quale è possibile inviare e ricevere messaggi o flussi di dati. La prima rete a commutazione di pacchetto

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna

Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

/00$)#)+#// )#$ $ )""#,+#)#())# "# #$##( #%# $ )/ #//, #/ $#%# $# )""# +# $ +,+#) 1/-- $234&( + 20%)* /&) 6 / /00$)#"( 7 6$

/00$)#)+#// )#$ $ )#,+#)#())# # #$##( #%# $ )/ #//, #/ $#%# $# )# +# $ +,+#) 1/-- $234&( + 20%)* /&) 6 / /00$)#( 7 6$ STATO MAGGIORE DIFESA Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa !"# $# %$&#" # $'& #()*#%# )+ && +#)* # $# )""#,+#)#-.$ ## /00$)#)+#// )#$ $ )""#,+#)#())# "# #$##( #%# $ )/ #//, #/ $#%#

Dettagli

Il FIREWALL LINUX Basare la sicurezza della rete su un sistema operativo gratuito

Il FIREWALL LINUX Basare la sicurezza della rete su un sistema operativo gratuito Il FIREWALL LINUX Basare la sicurezza della rete su un sistema operativo gratuito Cosa si intende per sicurezza di rete Accesso a sistemi, servizi e risorse solo da e a persone autorizzate Evitare di essere

Dettagli

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Networking NAT 1 Sommario L indirizzamento privato e pubblico I meccanismi di address

Dettagli

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall Firewall e NAT A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protezione di host: personal firewall Un firewall è un filtro software che serve a proteggersi da accessi indesiderati provenienti dall esterno della rete Può

Dettagli

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI)

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI) Reti Architettura a livelli (modello OSI) Prevede sette livelli: applicazione, presentazione, sessione, trasporto, rete, collegamento dei dati (datalink), fisico. TCP/IP: si può analizzare in maniera analoga

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Sistemi Web distribuiti localmente. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Sistemi Web distribuiti localmente. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Sistemi Web distribuiti localmente Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Motivazioni Il successo del Web Siti Web popolari sono soggetti a milioni di hit al giorno Es.: il sito Web delle Olimpiadi

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Intranet: progettazione e capacity planning

Intranet: progettazione e capacity planning Intranet: progettazione e capacity planning 19/0 /05/0 G.Serazzi a.a. 2004/05 Impianti Informatici CSIntra - 1 indice intranet per una redazione giornalistica architettura, principali componenti e funzioni

Dettagli

DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento

DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento Produttore Project Manager DataWare srl Ing. Stefano Carfagna pag.1/6 INDICE Introduzione...3 ClusterMonitorService...5 ClusterAgentService...6 pag.2/6

Dettagli

Indice. Indice V. Introduzione... XI

Indice. Indice V. Introduzione... XI V Introduzione........................................................ XI PARTE I Installazione di Linux come Server.............................. 1 1 Riepilogo tecnico delle distribuzioni Linux e di Windows

Dettagli

Firewall Intrusion Detection System

Firewall Intrusion Detection System Firewall Intrusion Detection System Damiano Carra Università degli Studi di Verona Dipartimento di Informatica Parte I: Firewall 2 Firewall! I Firewall di rete sono apparecchiature o sistemi che controllano

Dettagli

Il livello 3 della pila ISO/OSI. Il protocollo IP e il protocollo ICMP

Il livello 3 della pila ISO/OSI. Il protocollo IP e il protocollo ICMP Il livello 3 della pila ISO/OSI Il protocollo IP e il protocollo ICMP IL LIVELLO 3 - il protocollo IP Il livello 3 della pila ISO/OSI che ci interessa è l Internet Protocol, o più brevemente IP. Visto

Dettagli

Protocolli applicativi basati su TCP/IP

Protocolli applicativi basati su TCP/IP Protocolli applicativi basati su TCP/IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protocolli applicativi Sono i protocolli utilizzati dalle applicazioni per scambiarsi informazioni attraverso la rete Esempi: HTTP

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematica Fisica e Naturali NETWORK SCANNER

Facoltà di Scienze Matematica Fisica e Naturali NETWORK SCANNER Facoltà di Scienze Matematica Fisica e Naturali NETWORK SCANNER I NETWORK SCANNER A cura di: Acunzo Gaetano Mariano Andrea Punzo Ivano Vitale Valentino Introduzione Cos è un network scanner L evoluzione

Dettagli

OpenVPN: un po di teoria e di configurazione

OpenVPN: un po di teoria e di configurazione Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica 10 dicembre 2004 Sommario 1 Introduzione: definizione e utilizzo delle VPN 2 3 4 5 Sommario

Dettagli

Q3.Qual è la funzione del menu System Log nella Web Console di ObserveIT?

Q3.Qual è la funzione del menu System Log nella Web Console di ObserveIT? Domande & Risposte Q1.Qual è l utilizzo delle risorse degli agenti durante il monitoring? A1. NETWORK: La massima banda utilizzata dall agente è tra i 15 ed i 30Kbps durante l interazione dell utente.

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

Realizzazione di una Infrastruttura di Sicurezza

Realizzazione di una Infrastruttura di Sicurezza Realizzazione di una Infrastruttura di Sicurezza Andrea Lanzi, Lorenzo Martignoni e Lorenzo Cavallaro Dipartimento di Informatica e Comunicazione Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università degli Studi di

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

esercizi su sicurezza delle reti 2006-2008 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

esercizi su sicurezza delle reti 2006-2008 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti esercizi su sicurezza delle reti 20062008 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti 1 supponi i fw siano linux con iptables dai una matrice di accesso che esprima la policy qui descritta

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione............................. 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise............. 8 2 Affidabilità 11 2.1 Introduzione............................. 12 2.1.1

Dettagli

Il Mondo delle Intranet

Il Mondo delle Intranet Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il Mondo delle Intranet Network Address Translation (NAT) Virtual Private Networks (VPN) Reti Private e Intranet EG sottorete IG IG rete IG

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Setup dell ambiente virtuale

Setup dell ambiente virtuale Setup dell ambiente virtuale 1.1 L immagine per le macchine virtuali Il file mininet-vm-x86 64.qcow è l immagine di una memoria di massa su cui è installato un sistema Linux 3.13 Ubuntu 14.04.1 LTS SMP

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

InfoCertLog. Allegato Tecnico

InfoCertLog. Allegato Tecnico InfoCertLog Allegato Tecnico Data Maggio 2012 Pagina 2 di 13 Data: Maggio 2012 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Le componenti del servizio InfoCertLog... 4 2.1. Componente Client... 4 2.2. Componente Server...

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici

Dettagli