Object Storage e Scality

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Object Storage e Scality"

Transcript

1 Enrico Signoretti Giugno 2012 Juku - mail: web:

2 Cinetica srl Indice Juku 3 Perchè Juku 3 Chi è Juku 4 Introduzione 5 Executive summary 6 Un breve cenno storico 8 Come funziona 10 Quando usarlo 13 Da object a cloud storage 15 Gateway e object storage 17 Scality 18 Il prodotto 19 Architettura e funzionalità 21 Management 23 L accesso ai dati 24 Scale-out file system 26 Note legali 27

3 Juku Perchè Juku I Juku sono scuole, private, giapponesi che hanno l obiettivo di aiutare gli studenti a migliorare il rendimento nelle loro normali attività scolastiche e a sostenere una preparazione migliore agli esami. Benchè questo tipo di scuola sia principalmente concepita per le materie accademiche, non è raro trovare dei juku anche per discipline artistiche, sportive e arti marziali. Il nostro obiettivo è proprio quello di non sostituirci all informazione istituzionale ma di aiutare chi deve prendere le decisioni per il proprio IT con articoli, informazione e confronto sulle tematiche tecnologiche che conosciamo meglio: L infrastruttura IT ed in particolare virtualizzazione e storage. Non è più come una volta, chi lavora nell IT deve guardarsi intorno: le cose cambiano velocemente e c è la necessità di rimanere informati, o informarsi velocemente, per sostenere decisioni importanti. Come fare? è semplice il sito contiene le nostre idee, il risultato del confronto quotidiano che abbiamo globalmente sul web e i social network con vendor, analisti, blogger, giornalisti e consulenti. Ma il nostro lavoro non si ferma qui, il confronto e la ricerca è globale ma la condivisione e l applicazione delle nostre idee deve essere locale: ed è qui che la nostra esperienza quotidiana, con aziende radicate sul terriorio italiano, diviene fondamentale per offrire una visione sincera ed utile. Ecco perchè abbiamo scelto think global, act local come payoff per Juku.

4 Chi è Juku Enrico Signoretti, Consulente, imprenditore e blogger (non necessariamente in questo ordine). Frequenta gli ambienti IT da oltre 20 anni, la sua carriera è iniziata con l assembler nella seconda metà degli anni 80 per poi passare allo Unix (ma sempre con il Mac nel cuore) fino ad approdare al Cloud dei giorni nostri. Attento alle evoluzioni del mercato e alla costante ricerca di idee e soluzioni innovative. E un appassionato velista e un pescatore mancato. Enrico raccoglie i suoi profili Social qui: esignoretti Fabio Rapposelli, specialista di Storage e Virtualizzazione con oltre 10 anni di esperienza nel settore della consulenza IT, sviluppando e dispiegando infrastrutture informatiche su scala globale. Nato come uomo UNIX al termine degli anni '90 ha iniziato a lavorare con le piattaforme di virtualizzazione ai loro albori fino ad oggi dove cerca di evangelizzare il concetto di Cloud agli IT manager. Nel 2010 viene insignito della ambita certificazione VCDX (Numero #58) da VMware. Appassionato musicofilo ed incallito viaggiatore. Fabio raccoglie i suoi profili Social qui: frapposelli

5 Introduzione L'obiettivo di questo documento è quello di introdurre il lettore all'object storage nel modo più semplice e rapido possibile accennando anche alla sua evoluzione nell'era del cloud. Una guida semplice per farsi un'idea delle problematiche che si possono indirizzare con questo particolare tipo di sistemi per la memorizzazione di dati. Il panorama delle soluzioni storage si sta allargando continuamente. Le richieste da parte degli utenti, nuove normative e la continua necessità di trovare spazio più economico, ma sicuro, per ospitare grandi quantità di dati che spesso vengono accedute poco e primariamente in sola lettura sta innescando una domanda fortissima per questo tipo di soluzioni. L argomento Object storage è tornato alla ribalta soprattutto dopo la grande diffusione di servizi di Cloud sotrage che ne stanno utilizzando i concetti e le tecnologie come elemento fondante della propria proposizione. Una tecnologia presente da oltre trenta anni ma che sta vivendo un momento particolarmente florido proprio adesso grazie al cloud, sia in forma privata che pubblica. Il documento è diviso in due parti, nella prima viene presentata la tecnologia nei suoi aspetti più generali: la storia, il funzionamento, i possibili vantaggi derivanti dall'adozione. La seconda parte di questa pubblicazione è dedicata alla presentazione di Scality, un azienda che ha sviluppato una soluzione innovativa in questo ambito. Questa pubblicazione è distribuita in maniera gratuita e ci farebbe molto piacere conoscere un vostro commento in proposito, scriveteci a Buona lettura!

6 Executive summary Il panorama dello storage enterprise, in questi anni, è cambiato radicalmente. La crescita esplosiva dei dati non strutturati e la necessità di gestire problematiche sempre più complesse stanno portando alla luce alcuni limiti dei sistemi di archiviazione tradizionali come i File Server o i NAS (Network Attached Storage). I file server archiviano i dati in una struttura dati denominata file system. I File System tradizionali presentano spesso dei limiti in termini di quantità di file gestibili, prestazioni e strumenti per la ricerca quando i numeri diventano particolarmente importanti (nell'ordine dei milioni, in alcuni casi anche solo di centinaia di miglia di file). A quanto appena scritto si aggiungono anche problematiche che in passato erano molto meno pressanti: backup e replica dei dati, resilienza del servizio, politiche di retention dei dati (anche di carattere legale) più stringenti che in passato, possibilità di accedere ai dati da dispositivi e luoghi diversi, sicurezza. L'object storage si sta quindi ritagliando uno spazio nuovo nel panorama enterprise portando una serie di benefici sul lato di gestione dei dati e migliorando sensibilmente il TCO. La ridotta penetrazione sul mercato di questa tecnologia è ancora da ricercarsi nella difficoltà di migrazione dai sistemi tradizionali e dalla difficoltà

7 di aggiornamento delle applicazioni legacy per poter operare con protocolli per le quali non erano state studiate. Il cloud computing sta comunque accelerando l'adozione di object storage: il cloud storage e l'object storage sono, in molti casi, la stessa cosa. Le differenze sono pochissime e sono legate principalmente al fatto che uno è un servizio pubblico mentre l'altro è sempre stato concepito come un servizio privato. Da un punto di vista dei protocolli e delle modalità di accesso sono molto simili (in alcuni casi identici) mentre le architetture di backend, proprio per il diverso tipo di pubblico che indirizzano possono essere anche molto diverse.

8 Un breve cenno storico Object storage è un termine abbastanza recente nel panorama IT, prima di utilizzare correntemente questo termine ci si riferiva a sistemi denominati CAS (content addressable storage). In pratica sistemi dove i dati vengono salvati e recuperati in funzione del loro contenuto e non della loro posizione all'interno dello storage, come avviene invece nei tradizionali file system. I primi sistemi CAS, addirittura implementati in hardware, sono nati negli anni settanta ma poi, i prodotti commerciali che si sono diffusi maggiormente sono stati tutti software con una architettura hardware abbastanza semplice e basata su componenti standard (di solito server x86). Già in quegli anni, per la natura e per l utilizzo a cui erano stati pensati questi sistemi, la protezione dei dati non veniva garantita utilizzando meccanismi di RAID ma, più semplicemente, duplicando l oggetto su più nodi in funziona del livello di affidabilità che si voleva raggiungere. Questo approccio ha sempre consentito di limitare il costo del sistema, una scalabilità potenziale molto alta e una velocità di ripristino dello stato ottimale molto elevata (è sufficiente istanziare una ulteriore copia nel caso se ne perda una!). Anche riguardo le architetture si può parlare di una implementazione abbastanza simile fra i vari prodotti che nel tempo si sono presentati al mercato: una serie di nodi dedicati alla memorizzazione vera e propria degli oggetti e dei nodi dedicati alle operazioni di input/output e indicizzazione dei contenuti. L architettura disegnata in questo modo dovrebbe poter permettere una scalabilità teorica molto elevata anche se, in pratica, le limitazioni dei prodotti commerciali sono sempre state presenti. Nella maggior parte dei casi i dati non venivano protetti da meccanismi di RAID, come invece avviene con altri sistemi di storage (file o blocchi) ma, visto la natura stessa dell architettura e della tipologia dei dati che vengono salvati si è sempre preferito adottare un meccanismo di protezione che prevede la copia del dato su più nodi del cluster, in alcuni casi copie multiple garantivano una maggiore velocità di accesso e un livelllo di sicurezza molto elevato senza incorrere nei problemi classici dei sistemi RAID riguardanti la ricostruzione di dischi danneggiati.

9 Storicamente, questi sistemi sono dotati anche di funzionalità WORM (write once read many). Queste caratteristica, se opportunamente certificata da organismi governativi o enti accreditati ha valenza legale. E per questo motivo che alcune delle applicazioni principali per cui venivano usati questi sistemi di storage si trovano nell healt care (archiviazione di immagini mediche e cartelle cliniche) piuttosto che nell archiviazione di posta elettronica. In passato, l unico modo di accedere a storage di questo tipo era attraverso l uso di API (application program interface) proprietarie ma, con l introduzione di storage ad oggetti per il cloud (cloud storage), tutti i produttori si stanno convertendo all uso di API aperte che rendono l interoperabilità dei software molto più facile e molto più trasparente rispetto al prodotto che viene adottato. L esempio più eclatante di API aperte è quello di Amazon S3 (un servizio di cloud storage che al momento detiene la leadership del mercato) ma anche SNIA (Storage Networking Industry Association: tutti i più grandi vendor di storage partecipano a questa associazione) ha proposto il suo standard chiamato CDMI (Cloud Data Management Interface) attraverso la Cloud Storage Initiative. Alcuni produttori forniscono diversi sistemi per accedere ai dati, anche attraverso gateway che simulano una interfaccia a file, proprio per venire incontro alle richieste di poter ottenere un repository di ultima generazione capace di dialogare con una infrastruttura legacy.

10 Come funziona Per spiegare al meglio i meccanismi che regolano il funzionamento di un object storage penso possa essere utile confrontarlo con uno storage a file. Per certi aspetti l object storage può essere considerato come un file storage più sofisticato. La prima cosa da definire quando sia parla di object storage è il concetto di oggetto e come questo differisce dal classico concetto di file. Un oggetto è la somma di un file (il contenitore dei dati) più una serie di metadati che ne descrivono il contenuto e le caratteristiche. I Metadati sono il valore aggiunto, possono contenere svariati tipi di informazione e sono utilizzabili per la ricerca dei file, funzionalità indispensabile in caso di ricerche complesse e su archivi di grandi dimensione. File name: XYZ.doc Created by: user1 Created on: File name: XYZ.doc Created by: user1 Created on: file type: dicom ID: xyz patient name: xyz Procedure date: Doctor name: xyz1 Doctor notes: Diagnosis:... In un sistema tradizionale lo spazio è organizzato in file e directory. Quando un dato viene scritto all'interno dello storage non ci si preoccupa del suo

11 contenuto ma della sua posizione. L'unico modo per accedere nuovamente al dato è di sapere dove si trova (path). Non è possibile assegnare due file diversi alla stessa locazione e non è previsto che lo stesso file sia referenziato da percorsi diversi. Al contrario, in un object storage, non esiste un sistema di localizzazione dei dati determinato dal loro posizionamento ma dal loro contenuto. Ogni volta che un oggetto viene immesso in un object storage il sistema utilizza una funzione di hashing (MD5 o SHA-1 sono gli algoritmi più diffusi) per generare una chiave univoca derivata da quelle informazioni. Ogni minuscola modifica al file originario crea automaticamente una nuova chiave che, proprio per natura dell algoritmo usato, è totalmente differente dalla precedente. Le hash formano quindi una hash table: un indice (catalogo) di tutti gli oggetti che fanno parte del sistema. Questo meccanismo previene la possibilità di avere due oggetti identici ma anche la sicurezza che, avendo la chiave giusta, si ottenga l oggetto effettivamente richiesto. Il problema dell utilizzo di algoritmi di hash come quelli descritti è il numero limitato di combinazioni possibili, grande ma limitato, e il conseguente rischio di collisioni (la collisione si verifica quando vengono generate due chiavi identica partendo da due oggetti diversi). Questa possibilità è remota in piccoli sistemi ma diviene un rischio concreto quando si devono memorizzare centinaia di milioni di file. Molti vendor, grazie anche al frutto di esperienze passate hanno iniziato a produrre hash table a doppia chiave, in alcuni casi semplicemente sommando i risultati di due funzioni diverse. Una volta che l oggetto è stato accolto all interno di un object storage viene duplicato N volte in funzione di regole che, in molti casi, possono essere definite dall utente in funzione del livello di affidabilità o anche solo della facilità di reperire l oggetto nel nodo più vicino possibile per una questione di performance. Molti sistemi prevedono funzionalità di versioning (la gestione automatica della versione di un oggetto), WORM (write once ready many) e criptazione dei dati, compressione dei dati. Tutte funzionalità che rendono lo strumento particolarmente adatto per operazioni di archiving con valenza legale e per altre applicazioni dove la sicurezza è una caratteristica fondamentale. I sistemi di object storage, proprio per loro natura e architettura, non necessitano di sistemi di backup tradizionali o di replica dei dati. I sistemi più moderni hanno tutte queste caratteristiche già presenti nel prodotto e quindi, se adeguatamente configurati, possono essere implementati su reti

12 geografiche per offrire il massimo di affidabilità, qualità del servizio e resilienza. L inserimento e la lettura degli oggetti, nella maggior parte dei casi, vengono eseguiti attraverso l uso di API. Ogni produttore ha sviluppato delle API proprietarie ma, grazie a servizi cloud come Amazon S3, che utilizzano un set di API aperte, molti vendor si stanno adeguando a questo nuovo standard de facto. Le API di cui ho appena accennato sono basate sul protocollo HTTP e sono di tipo RESTful (un architettura client/server molto semplice e largamente usata per costruire applicazioni web). Alcuni produttori si sono spinti oltre permettendo l uso anche di protocolli file (NFS, CIFS) o HTTP. Questo approccio è dovuto essenzialmente al tentativo semplificare al massimo la migrazione da ambienti storage tradizionali a quelli basati su oggetti (ovviamente in questi casi i metadati non possono essere utilizzati se non attraverso attività successive).

13 Quando usarlo L object storage ha delle caratteristiche tali da poter essere preso in considerazioni in diversi ambiti ma non è sicuramente una soluzione ad alte prestazioni in termini di throughput. Partendo dal concetto che ho appena espresso è facile capire che non è paragonabile ad un File server o ad NAS, o quantomeno non nella forma classica con cui siamo abituati a considerare questi oggetti. Esistono delle sovrapposizioni fra File e Object storage ma, nella pratica, queste avvengono principalmente quando uno dei due viene utilizzato erroneamente per fare le funzioni dell altro. All inizio di questo documento avevo riportato proprio l esempio più calzante: uno dei motivi per cui si utilizza l object storage può essere il raggiungimento dei limiti di una architettura a file tradizionale, ma anche questo è riduttivo. In linea generale, se il numero di oggetti/file da gestire è piccolo e non esistono particolari necessità legate all archiviazione (retention lunghe o di

14 valenza legale) l uso di object storage è sconsigliabile: il costo iniziale di una soluzione di questo tipo e il lavoro necessario per l integrazione con il resto dell infrastruttura è superiore al vantaggio. Dal lato diametralmente opposto, proprio grazie alle caratteristiche di questi sistemi, se le esigenze legate all archiviazione sono preponderanti e il numero di file/oggetti da gestire è molto elevato, la soluzione ideale rimane l object storage. Tutte le applicazioni che sono fra quelle descritte nei due paragrafi precedenti dovrebbero essere analizzate in dettaglio da uno specialista. E comunque importante precisare che l object storage ha una valenza sempre più elevata con l aumentare dei file da gestire e in funzione della necessità che questi oggetti presentano in termini di sicurezza e disponibilità nel lungo termine. Ultimamente stanno anche nascendo nuove opportunità per l object storage, rese possibili dalla sua declinazione cloud e dai relativi servizi associati, che ne hanno permesso di allargare tantissimo le applicazioni pratiche come ad esempio: backup, repository per foto/video/streaming, Big data, ecc.

15 Da object a cloud storage La quasi totalità dei servizi di cloud storage hanno un back-end sviluppato su una piattaforma ad oggetti. Anche i servizi che si presentano con una interfaccia a file (l esempio più eclatante viene da un prodotto consumer chiamato Dropbox), sono spesso fondati su uno storage ad oggetti. Alcuni prodotti/servizi sono stati sviluppati con l unico obiettivo di lavorare sul cloud pubblico, altri sono invece nati come storage per ambienti enterprise classici e poi sono stati rivisitati per operare su una scala più larga e con protocolli più standard. Il servizio in assoluto più conosciuto ed usato è quello del provider Amazon (probabilmente anche quello di maggior successo fra quelli del suo catalogo). S3 (simple storage service) è in tutto e per tutto un object storage che utilizza un modello di tariffazione di tipo pay-as-you-go. E un servizio che viene offerto principalmente a sviluppatori con un accesso iniziale gratuito. Uno dei vantaggi di S3 è che è un servizio sviluppato su scala mondiale e che può essere configurato per una disponibilità del dato ed eventuale bassa latenza di accesso molto interessanti. La maggior parte della concorrenza a S3 si sta sviluppando su due fronti distinti: da un lato ci sono i service provider che stanno adottando soluzioni sviluppate sull architettura openstack e la sua componente object storage (Swift), dall altra c è chi si sta rivolgendo a vendor per avere soluzioni pronte all uso. L offerta cloud storage comunque è fortemente legata alla comparazione con S3 sia in termini di funzionalità che di prezzo. Le cose cambiano sensibilmente quando si tratta di soluzioni dedicate allo sviluppo di cloud storage privato. Ovviamente la presenza di S3 è decisamente meno sentita anche se i clienti gradiscono una certa compatibilità con le API di Amazon (magari per un futuro sviluppo di un repository esterno a basso costo). Rimangono invece fondamentali alcuni aspetti del cloud pubblico come la

16 multi tenancy e, nelle installazioni più importanti, vengono prese in considerazione anche la possibilità di distribuire dati geograficamente con obiettivi simili a quelli del cloud pubblico (maggiore disponibilità del dato e minore tempo di accesso).

17 Gateway e object storage Negli ultimi due anni abbiamo visto la nascita di quello che si potrebbe definire un nuovo segmento di mercato, quello dei gateway verso l object/ cloud storage. Questi oggetti, spesso implementati anche come virtual appliances, si presentano sulla rete locale come uno storage per file (SMB/NFS) o come uno storage a blocchi (di solito via protocollo iscsi). Localmente gestiscono una cache in lettura, utile per migliorare le prestazioni, ma tutto lo spazio lo ereditano da uno storage cloud remoto. Da un punto di vista prestazionale, proprio per la loro natura, non brillano ma è chiaro che i vantaggi che possono derivare da questi oggetti possono essere diversi. In primo luogo il TCO (total cost of ownership) basso per soluzioni molto capacitive. In seconda battuta, la possibilità di avere un backup (criptato) sul cloud oppure uno storage accessibile da diversi punti con una certa semplicità (per soluzioni di DR ad esempio). Se c è chi guarda a queste soluzioni soprattutto per via del prezzo allettante, esiste chi si sta accorgendo che questi gateway sono un utile strumento per accoppiare due sistemi di memorizzazione molto diversi fra loro. Ad esempio, uno dei vantaggi può essere quello di preservare l infrastruttura (e la cultura) legacy implementando nel contempo uno storage con caratteristiche molto più sofisticate, su una scala molto più grande e già predisposto per interfacciarsi direttamente sul web o con dispositivi mobili dell ultima generazione.

18 Scality Scality (http://www.scality.com) è una startup di origine francese fondata nel 2009, con sede nella Silicon Valley e uffici anche in E u ro p a e d A s i a. S t a v e l o c e m e n t e guadagnando popolarità e clienti fra service provider e aziende che devono implementare e gestire grandi infrastrutture di storage. L'azienda si propone come valida alternativa agli storage tradizionali quando i volumi in gioco sono particolarmente grandi (come ad esempio: Big Data, Mail o immense quantità di dati non strutturati). Per fare questo ha sviluppato il prodotto RING Organic Storage: una soluzione scale-out object storage ad alte prestazioni per ambienti di grandi dimensioni, ritmi di crescita sostenuta e budget limitati. L'esperienza dell'azienda, e dei suoi fondatori, deriva dal know-how maturato dal team di Bizanga, che già negli anni precedenti alla fondazione di Scality avevano sviluppato, con successo, soluzioni per la memorizzazione di grandi quantitativi di dati non strutturati legati alla posta elettronica. Da un punto di vista della visione strategica, l'idea di Scality è quindi quella di superare i limiti dello storage tradizionale (SAN e NAS) con una soluzione software innovativa che sia in grado di migliorare sensibilmente l'affidabilità, la disponibilità e le performance a costi ridotti rispetto ad altri approcci.

19 Il prodotto RING Organic Storage è una soluzione software per creare uno storage ad oggetti distribuito di tipo scale-out sviluppato su piattaforma Linux (Centos, Debian, Ubuntu) installabile su server standard x86. Ogni nodo che fa parte di una installazione RING Organic Storage porta con se storage locale e connettività (ethernet). I nodi, in funzione del loro utilizzo, delle performance e della capacità richiesta possono ospitare dischi di tipo diverso (SATA, SAS e SSD). Per aumentare le performance o la capacità è quindi sufficiente aggiungere ulteriori nodi. RING Organic Storage, al contrario di molte soluzioni tradizionali, non utilizza un meccanismo di protezione RAID come avviene negli storage tradizionali. Al contrario, la protezione dei dati è delegata ad un sistema replica di ogni singolo oggetto su più nodi del cluster. Il numero di repliche è in funzione del livello di resilienza e spazio che si vuole ottenere. Questo approccio, soprattutto nelle configurazioni particolarmente grandi, ha un sensibile vantaggio in termini di affidabilità ma anche un incremento di performance. Inoltre, grazie proprio a questo meccanismo di replica, le copie possono anche essere distribuite geograficamente per fronteggiare problematiche di disaster recovery. Il modo più efficiente per accedere ai dati memorizzati in uno Scality RING è proprio in modalità object storage, quindi utilizzando protocolli standard HTTP, REST, S3 e CDMI. Questo perchè in installazioni molto grandi (nell ordine di 1 PByte o più) l accesso ai dati attraverso un file system tradizionale può essere particolarmente problematico. Inoltre, i metadati disponibili su RING permettono di implementare meccanismi di ricerca molto più sofisticati ed efficienti di quelli che si possono avere su sistemi tradizionali come anche sofisticati politiche di gestione dei dati e della loro vita. Nelle ultime versioni del prodotto sono comunque state sviluppate delle estensioni che permettono di utilizzare Scality con un accesso tradizionale a

20 file (attraverso File system in User Land), questo per agevolare l adozione del prodotto in ambienti legacy e facilitare le migrazioni. Scality ha stretto alcune importanti collaborazioni con terze parti per fornire anche soluzioni chiavi in mano grazie all integrazione con software di backup e gateway per l accesso dei dati a blocchi o file.

21 Architettura e funzionalità Scality!RING!Advanced!Resilience!Configuration!!! RING Organic independent!servers,!racks!or!sites.!the!ring!constantly!checks!the!stored!data!to!detect!any!silen Storage è un prodotto disegnato con mente obiettivi molto ambiziosi and! di repairs! resilienza, it! from! scalabilità the! stored! e prestazioni copies a! che process! lo rendono known! as! adatto scrubbing.! sia ad Together,! these! meth applicazioni excellent!protection!against!data!loss.!in!the!event!of!disk!loss!or!data!corruption,!the!system!!still classiche (come ad esempio l archiviazione o il medicale) che per nuove reads!of!data!without!any!additional!computation!such!as!regeneration!or!rebuilding.!! (cloud storage pubblico/privato o media archive/streaming). RING Organic Storage è quindi capace di m e m o r i z z a r e u n n u m e r o praticamente illimitato di oggetti (grazie all uso di chiavi a 160 bit di cui 128 usati per identificare gli oggetti) senza particolari limiti di dimensione. Proprio per questo motivo implementa una infrasrtuttura di tipo peer-to-peer basata su una hash table distribuita e senza i colli dibottiglia derivanti dall uso di una intelligena centralizzata, indici unici o! particolari gerarchie fra i nodi del Scality!RING!Replication!with!2!replicas!i.e!3!copies! cluster. Despite!the!effectiveness!of!replication,!3!copies!of!the!data!can!be!a!costly!solution,!in!terms!of!th Il prodotto hard!drives!needed.!of!course,!!additional!!hard!drives!means!additional!cost!in!floor!space,!power è studiato in modo da bilanciare automaticamente il carico in caso di perdita As!a!result,!replication!is!a!good!option!when!high! o aggiunta di nodi, maggiore capacità disco sui performance!is!required,!but!is!less!suited! nodi f storage!of!massive!amounts!of!data.! Il prodotto ha un disegno semplice ma molto efficace dove i nodi vengono distribuiti logicamente a formare un anello. L obiettivo è quello di disperdere le repliche ARC! (fino ad un massimo di 5) dell oggetto memorizzato su un nodo, in funzione To!handle!the!growing!need!for!long!term!storage!of!massive!amounts!of!data,!Scality!introduc del livello di affidabilità scelto, sui nodi geometricamente più Resilience!Configuration!(ARC).!This!erasureBcode!technology distanti. Le configurazioni possibili 2!is!based!on!the!Information!Dispers sono (IDA),!a!well!known!and!proven!solution!for!cost!effective!resilience!and!high!availability.!This!tec d i v e r s e : u n a n e l l o p u ò e s s e r e been!in!use!within!the!telecommunications!industry!for!a!long!time.!the!reconstruction!method!u geograficamente distribuito (su diversi on! the! ReedBSolomon 3! error! datacenter) correcting! theory,! oppure, often! attraverso seen! as! synonymous! alcune with! IDA.! ARC! is! a feature!option,!designed!to!operate!within!the!ring!to!intelligently!protect!data!against!disk,!se configurazioni specifiche, è possibile anche site! failures.! This! new! approach! replicare eliminates! i dati, o the! solo need! parte to! store! di essi, 2! or! su 3! copies! altri of! the! same! data.! significantly!reduces!the!initial!hardware!capital!expenditures!as!well!as!the!related!operational!cos anelli. In funzione di come vengono configurati gli anelli è possibile anche creare As!a!brief!description!of!Scality!ARC,!consider!n!objects!that!need!to!be!stored!and!protected.!Fo un sofisticato meccanismo di tiering che simplicity!of!the!explanation!it!is!assumed!that!they!are!all!1!mb!in!size,!and!need!to!be!protect failures;! noted! as! ARC(n,k).! Scality! ARC! will! store! each! of! the! n! pieces! of! content! individually, Object Storage addition,!store!new!objects,!which!are!called!checksums.!these!checksums!are!mathematical!com e Scality the!original!n!objects,!computed!in!such!a!way!that!all!the!objects!can!be!reconstructed!despite!th k!elements,!whether!objects!or!checksums.!with!scality!arc,!each!of!the!checksums!would!also!be!

22 permette di avere un primo anello particolarmente prestante (magari che sfrutta la tecnologia flash) ed un secondo per depositare dati meno letti e che devono essere mantenuti nel tempo. Proprio con queste configurazioni più sofisticate Scality RING Organic Storage ha recentemente fatto registrare prestazioni notevoli in termini di latenza e numero di operazioni sviluppate al secondo (IOPS), paragonabili a quelle di soluzioni più tradizionali ma con i vantaggi propri di RING Oragnic Storage: un risultato decisamente fuori dalla norma per un object storage. La resilienza e la durabilità del dato sono fra gli apetti più importanti quando si parla di object storage. In particolare per quanto riguarda il prodotto di Scality, la consistenza dei singoli oggetti e delle relative repliche è mantenuta attraverso un processo di scrubbing che verifica costantemente i checksum di tutto quanto è contenuto nello storage. Nelle ultime versioni del prodotto è stata anche aggiunta una tecnologia di erasure-code (ARC: advanced resilience configuration). In pratica il dato viene diviso in blocchi e, attraverso specifiche combinazioni matematiche, è possibile riprodurlo anche se parte delle informazioni originarie vanno perse. Questo meccanismo è particolarmente utile in quelle configurazioni pensate specificamente per la memorizzazione dei dati a lungo termine. Infatti, la somma della replica dei dati e l uso di ARC garantisce un uso delle risorse storage migliore di quello garantito da meccanismi tradizionale (es.: RAID6) ma con un livello di sicurezza del dato sensibilmente superiore. Di seguito una tabella con la comparazione dei diversi sistemi di protezione dei dati disponibili su RING e storage tradizionali. RING memorizza gli oggetti in forma criptata per garantire la massima sicurezza agli utenti e aderire agli standard più severi riguardo alle normative in materia.

Le strategie e le architetture

Le strategie e le architetture Storage 2013 HP Le strategie e le architetture La Converged Infrastructure Le soluzioni e le strategie di HP concorrono a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Silent Cubes. Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti

Silent Cubes. Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti Silent Cubes Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti 02 Infinita quantità di dati indefinitamente: archiviazione di lungo termine con Silent Cubes Liberate spazio

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Una delle cose che si apprezza maggiormente del prodotto è proprio la facilità di gestione e la pulizia dell interfaccia.

Una delle cose che si apprezza maggiormente del prodotto è proprio la facilità di gestione e la pulizia dell interfaccia. Nella breve presentazione che segue vedremo le caratteristiche salienti del prodotto Quick- EDD/Open. Innanzi tutto vediamo di definire ciò che non è: non si tratta di un prodotto per il continuos backup

Dettagli

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Resoconto commissionato da EMC Corporation Introduzione In breve EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione

Dettagli

WHITE PAPER. I vantaggi offerti dalla deduplicazione alle aziende di ogni dimensione White paper di Acronis

WHITE PAPER. I vantaggi offerti dalla deduplicazione alle aziende di ogni dimensione White paper di Acronis I vantaggi offerti dalla deduplicazione alle aziende di ogni dimensione White paper di Acronis Copyright Acronis, Inc., 2000 2009 Sommario Riepilogo... 3 Cos è la deduplicazione?... 4 Deduplicazione a

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

Elementi del progetto

Elementi del progetto Elementi del progetto Premessa Il CLOUD degli Enti Locali rende disponibile quanto necessario per migrare le infrastrutture informatiche oggi attive nei CED dei singoli Enti: Server in forma di Virtual

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Powered by

STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Powered by STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Powered by STORAGE SU IP: I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Introduzione

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC)

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) Per organizzazioni di medie dimensioni Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) PERCHÉ UN ORGANIZZAZIONE NECESSITA DI UNA FUNZIONALITÀ DI CLUSTERING? La continuità operativa è fondamentale

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Panoramica Paese: Italia Settore: ICT Profilo del cliente Telecom Italia è uno dei principali

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

A Brave. Chi detiene la sicurezza in-the-cloud? Un punto di vista di Trend Micro. Febbraio 2011. Dave Asprey, VP Cloud Security

A Brave. Chi detiene la sicurezza in-the-cloud? Un punto di vista di Trend Micro. Febbraio 2011. Dave Asprey, VP Cloud Security A Brave Chi detiene la sicurezza in-the-cloud? Un punto di vista di Trend Micro Febbraio 2011 Dave Asprey, VP Cloud Security I. CHI DETIENE LA SICUREZZA IN-THE-CLOUD? Il cloud computing è la parola più

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Arcserve UDP è basato su un'architettura unificata di nuova generazione per ambienti fisici e virtuali. La sua ampiezza di funzionalità senza paragoni, la

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati Symantec Backup Exec 2010 Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita

Data-sheet: Protezione dei dati Symantec Backup Exec 2010 Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita Panoramica offre protezione di backup e recupero leader di mercato per ogni esigenza, dal server al desktop. Protegge facilmente una maggiore

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

#cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon EFS (elastic file system)

#cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon EFS (elastic file system) Community - Cloud AWS su Google+ Web Services EFS (elastic file system) Un servizio che permette la gestione e la condivisione di un intero file system tra più istanze EC2. Hangout 41 del 18.06.2015 Danilo

Dettagli

Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0

Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0 White paper Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0 Analisi dettagliata Abstract Con l aumento incalzante degli ambienti virtuali implementati nel cloud delle aziende, è facile notare come

Dettagli

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno In questi ultimi anni gli investimenti

Dettagli

Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached Storage (SONAS)

Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached Storage (SONAS) IBM Systems and Technology Group (STG) System Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached (SONAS) 2 Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached (SONAS) Benvenuti

Dettagli

La Gestione Integrata dei Documenti

La Gestione Integrata dei Documenti Risparmiare tempo e risorse aumentando la sicurezza Gestione dei documenti riservati. Protezione dati sensibili. Collaborazione e condivisione file in sicurezza. LA SOLUZIONE PERCHE EAGLESAFE? Risparmia

Dettagli

presenta Via Santa Sofia, 12-20122 Milano T.: 02 6468151 Fax.: 02 83420495 E.: info@zero100.it

presenta Via Santa Sofia, 12-20122 Milano T.: 02 6468151 Fax.: 02 83420495 E.: info@zero100.it presenta Via Santa Sofia, 12-20122 Milano T.: 02 6468151 Fax.: 02 83420495 E.: info@zero100.it Le soluzioni SPAMINA aiutano le aziende a proteggere le proprie informazioni, aumentare la loro produttività

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

reliable continuity for your IT

reliable continuity for your IT reliable continuity for your IT Anzichè utilizzare i server più grandi e complessi, sperando si guastino di meno Far sì che ogni guasto, ovunque sia, venga gestito in pochi secondi e senza bisogno di intervento

Dettagli

IBM Tivoli Storage Manager for Virtual Environments

IBM Tivoli Storage Manager for Virtual Environments Scheda tecnica IBM Storage Manager for Virtual Environments Backup senza interruzioni e ripristino immediato: un processo più semplice e lineare Caratteristiche principali Semplificare la gestione del

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Symantec Backup Exec.cloud

Symantec Backup Exec.cloud Protezione automatica, continua e sicura con il backup dei dati nel cloud o tramite un approccio ibrido che combina il backup on-premise e basato sul cloud. Data-sheet: Symantec.cloud Solo il 21% delle

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano 1. Scopo del documento. 2. Il Portale ICS: utenti, caratteristiche e obiettivi. 3. Il progetto.

Dettagli

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire:

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire: VIRTUAL FARM La server consolidation è un processo che rappresenta ormai il trend principale nel design e re-styling di un sistema ICT. L ottimizzazione delle risorse macchina, degli spazi, il risparmio

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

TECNOLOGIA SENZA VINCOLI. SEMPLICE E TRASPARENTE. Vue. Cloud Services

TECNOLOGIA SENZA VINCOLI. SEMPLICE E TRASPARENTE. Vue. Cloud Services Vue Cloud Services SEMPLICE E TRASPARENTE. Clinici e medici curanti necessitano di una libertà di accesso rapido ed efficiente ai dati dei pazienti. Ma le restrizioni di costo e la complessità legata al

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

Server e Storage, le pietre angolari dell IT per l ufficio tecnico di Massimo Fucci

Server e Storage, le pietre angolari dell IT per l ufficio tecnico di Massimo Fucci Server e Storage, le pietre angolari dell IT per l ufficio tecnico di Massimo Fucci Le applicazioni IT in un ambiente collaborativo debbono essere fruibili in modo sicuro e con tempi di risposta adeguati

Dettagli

Cloudian S3 Object Storage

Cloudian S3 Object Storage Cloudian S3 Object Storage Riccardo Donati Head of IT Department Casale SA Via G. Pocobelli, 6 6900 Lugano - Switzerland AGENDA Chi è Casale Esigenze Perché Cloudian? Il Proge7o Benefit Il contributo di

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Servizio Installation and Startup per la soluzione di storage di rete HP StoreEasy 1000/3000

Servizio Installation and Startup per la soluzione di storage di rete HP StoreEasy 1000/3000 Servizio Installation and Startup per la soluzione di storage di rete HP StoreEasy 1000/3000 Servizi HP Caratteristiche tecniche Il servizio Installation and Startup per la soluzione di storage di rete

Dettagli

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Servizio Amazon Storage Gateway

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Servizio Amazon Storage Gateway Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services Servizio Amazon Storage Gateway Oggi vedremo il servizio di Amazon Storage Gateway per la gestione e la replica di dati tra azienda e cloud. Hangout

Dettagli

Virtualizzazione protetta per le PMI con il ReadyDATA 5200

Virtualizzazione protetta per le PMI con il ReadyDATA 5200 Virtualizzazione protetta per le PMI con il ReadyDATA 5200 White Paper Per la maggior parte delle PMI, l'installazione di una soluzione di virtualizzazione che fornisca scalabilità, affidabilità e protezione

Dettagli

Presentazione. Furaco IT Managing & Consulting

Presentazione. Furaco IT Managing & Consulting www.furaco.it Presentazione Furaco IT Managing & Consulting Furaco IT Managing & Consulting nasce dall attenzione costante alle emergenti tecnologie e dall esperienza decennale nel campo informatico. Furaco

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

MailStore Server 7 Specifiche tecniche

MailStore Server 7 Specifiche tecniche MailStore Server 7 Specifiche tecniche MailStore Server Lo standard nell archiviazione delle email Le aziende di ogni dimensione possono trarre vantaggi legali, tecnici ed economici dall archiviazione

Dettagli

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013 ALCATEL-LUCENT Strategie e architetture Il portfolio per le infrastrutture di rete di Alcatel-Lucent copre esigenze di rete dalla PMI sino alla grande azienda e ambienti fissi e mobili e comprende piattaforme

Dettagli

Acceleratore SQL ZD-XL 1.5

Acceleratore SQL ZD-XL 1.5 Acceleratore SQL ZD-XL 1.5 Soluzione di accelerazione hardware e software flash integrata per SQL Server Caratteristiche Supporta ambienti Microsoft Hyper-V e VMware ESXi Accelera SQL Server a livello

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

EMC DATA DOMAIN OPERATING SYSTEM

EMC DATA DOMAIN OPERATING SYSTEM EMC DATA DOMAIN OPERATING SYSTEM Accensione di EMC Protection Storage ESSENTIALS Deduplica scalabile ad alta velocità Prestazioni fino a 58,7 TB/h Riduce i requisiti per il backup storage da 10 a 30 volte

Dettagli

EMC CLOUDARRAY - GUIDA INTRODUTTIVA DEL PRODOTTO INTRODUZIONE

EMC CLOUDARRAY - GUIDA INTRODUTTIVA DEL PRODOTTO INTRODUZIONE EMC CLOUDARRAY - GUIDA INTRODUTTIVA DEL PRODOTTO INTRODUZIONE Le organizzazioni IT attualmente devono affrontare due problematiche relative al data storage dei dati critici: la crescita esponenziale dei

Dettagli

Cloud - + = complessità produttività risparmio

Cloud - + = complessità produttività risparmio Cloud - + = complessità produttività risparmio 1 Introduzione. Nel 1969, Leonard Kleinrock, uno degli scienziati a capo dell'arpanet project (Advanced Research Projects Agency Network), progetto che mise

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Il nostro approccio differenziato al mercato dell'intelligent Workload Management

Il nostro approccio differenziato al mercato dell'intelligent Workload Management Il nostro approccio differenziato al mercato dell'intelligent Workload Management Il mercato 1 Il panorama IT è in costante evoluzione È necessario tenere sotto controllo i rischi e le sfide della gestione

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Soluzioni NAS di seconda generazione. Per soddisfare la domanda crescente di storage

Soluzioni NAS di seconda generazione. Per soddisfare la domanda crescente di storage Soluzioni NAS di seconda generazione. Per soddisfare la domanda crescente di storage Sommario 1 Introduzione 2 Il ruolo tradizionale del NAS 3 Sfruttamento dei vantaggi del NAS 4 I limiti del NAS nelle

Dettagli

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Panoramica: implementare un Agile Data Center L obiettivo principale è la flessibilità del business Nello scenario economico attuale i clienti

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Pavia 15 Marzo 2012 Mauro Bruseghini CTO, R&D B.L.S. Consulting S.r.l. La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Disaster Recovery 2 Cosa di intende per Disaster Recovery? Insieme di soluzioni tecnice

Dettagli

File Sharing & LiveBox WHITE PAPER. http://www.liveboxcloud.com

File Sharing & LiveBox WHITE PAPER. http://www.liveboxcloud.com File Sharing & LiveBox WHITE PAPER http://www.liveboxcloud.com 1. File Sharing: Definizione Per File Sync and Share (FSS), s intende un software in grado di archiviare i propri contenuti all interno di

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

REPLICA ENTERPRISE CON DOUBLE- TAKE Marzo 2012

REPLICA ENTERPRISE CON DOUBLE- TAKE Marzo 2012 REPLICA ENTERPRISE CON DOUBLE- TAKE Marzo 2012 REPLICA ENTERPRISE CON DOUBLE- TAKE Marzo 2012 Antonio Nale+o Double- Take / Vision Antonio.nale+o@visionsolu9ons.com Tel +39 02 3860 8253 DOUBLE-TAKE! Dal

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

DELL e Project Milano

DELL e Project Milano DELL e Project Milano Premessa DELL non ha bisogno di presentazioni, è un marchio che in 30 anni di attività nella produzione di sistemi informatici, si è imposto a livello mondiale. Solo recentemente

Dettagli

CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE

CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE Sfruttare EMC e VMware per migliorare il ritorno sugli investimenti per Oracle CONCETTI FONDAMENTALI

Dettagli

Soluzioni di Storage Grandi prestazioni Avanzate funzionalità Ampia capacità

Soluzioni di Storage Grandi prestazioni Avanzate funzionalità Ampia capacità Soluzioni di Storage Grandi prestazioni Avanzate funzionalità Ampia capacità Smart IT Piccole dimensioni Semplice utilizzo Massima scalabilità Gli Storage NETGEAR si differenziano per la facile installazione,

Dettagli

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS SECURITY FOR BUSINESS Le nostre tecnologie perfettamente interoperabili Core Select Advanced Total Gestita tramite Security Center Disponibile in una soluzione mirata Firewall Controllo Controllo Dispositivi

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

Uno storage in evoluzione per le esigenze enterprise

Uno storage in evoluzione per le esigenze enterprise Storage 2013 Uno storage in evoluzione per le esigenze enterprise di Riccardo Florio La sfida dei Big Data L'incremento esponenziale del volume di dati è la cifra distintiva che ha guidato lo sviluppo

Dettagli

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile?

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Rimini, 1/2015 Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Le configurazioni con Server e desktop remoto (remote app), che possa gestire i vostri

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Cloudian, Object Storage per le infrastrutture di prossima generazione

Cloudian, Object Storage per le infrastrutture di prossima generazione Cloudian, Object Storage per le infrastrutture di prossima generazione Preparato per: Cloudian Agosto 2014 TABLE OF CONTENTS TABLE OF CONTENTS 1 EXECUTIVE SUMMARY 2 INTRODUZIONE 4 Le sfide 4 Il TCO e il

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity

Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity Data Management CSU Marzo 2011 Causes of Unplanned System Downtime Probability 8 High Low 7 6 5 4 3 2 1 0 Downtime Cause User errors Application

Dettagli

Down to earth report: Microsoft Windows Server 2012 introduce nuovi scenari storage

Down to earth report: Microsoft Windows Server 2012 introduce nuovi scenari storage Juku.it Down to earth report: Microsoft Windows Server 2012 introduce nuovi scenari storage Enrico Signoretti Ottobre 2013 Juku consulting - mail: info@juku.it web: http://www.jukuconsulting.com Jukuconsulting.com

Dettagli

Un infrastruttura informatica su misura per Voi nella cloud altoatesina

Un infrastruttura informatica su misura per Voi nella cloud altoatesina Un infrastruttura informatica su misura per Voi nella cloud altoatesina Concenratevi sulle Vostre attività mentre RUN si occupa della Vostra infrastruttura informatica. Accantonate lo schema oramai superato

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba...

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba... Indice generale Introduzione...xv I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix Ringraziamenti...xxi Capitolo 1 Capitolo 2 Condivisione delle risorse con Samba...1 Reti Windows... 2 Struttura base

Dettagli

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud)

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud) Brochure DATA CENTER Novell Cloud Manager Costruite e gestite ambienti cloud privati (Finalmente è arrivato il cloud) Novell Cloud Manager: il modo più semplice per creare e gestire ambienti cloud WorkloadIQ

Dettagli

REQUIREMENTS. http://www.liveboxcloud.com

REQUIREMENTS. http://www.liveboxcloud.com 2014 REQUIREMENTS http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli