La legge di Lambert-Beer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La legge di Lambert-Beer"

Transcript

1 La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell interazione fra la materia e la radiazione elettromagnetica (luce). La radiazione elettromagnetica possiede una duplice natura: in alcuni fenomeni essa si comporta come un onda costituita da un campo elettrico e un campo magnetico che oscillano su piani perpendicolari; altri fenomeni, tuttavia, possono essere spiegati solo assumendo che la radiazione elettromagnetica sia costituita da un flusso di particelle, dette fotoni. Naturalmente, queste due descrizioni della radiazione elettromagnetica sono equivalenti e tale equivalenza e contenuta nella seguente relazione: E = hν (1) dove E e l energia posseduta da un fotone della radiazione di frequenza ν (h e la costante di Planck: h = J s). In altre parole, un raggio di luce monocromatica di frequenza ν (e lunghezza d onda λ = c/ν, dove c e la velocita della luce), puo essere equivalentemente descritto come un fascio di fotoni aventi energia (cinetica) pari a hν. La frequenza (e la corrispondente energia e lunghezza d onda) della radiazione elettromagnetica varia in un range estremamente ampio, come mostrato nella tabella 1. Denominazione λ (m) ν (Hz) E (ev) raggi X ultravioletto visibile infrarosso microonde onde radio Tabella 1: Regioni dello spettro elettromagnetico Quando un fascio di fotoni attraversa un campione di materia, possono avvenire molteplici fenomeni. Quello di interesse nel presente contesto e il fenomeno dell assorbimento. L intensita I di una radiazione elettromagnetica e definita come l energia che viene trasportata dalla radiazione attraverso una superficie di area unitaria, normale alla direzione di propagazione, nell unita di tempo. Se vediamo la radiazione come un fascio di fotoni, allora l intensita di un raggio di luce monocromatica e espressa dal flusso di fotoni (o irradianza fotonica, cioe : quanti fotoni attraversano la superficie di area unitaria nell unita di tempo) moltiplicato per l energia di un singolo fotone. 1

2 I I Figura 1: Nel fenomeno dell assorbimento raggio incidente e raggio emergente hanno intensita diversa Quando un raggio di luce monocromatica attraversa un campione di materia, si dice che si e avuto assorbimento se l intensita I del raggio emergente e minore di quella I del raggio incidente (figura 1). In sostanza, se contassimo quanti fotoni attraversano una sezione unitaria nell unita di tempo prima e dopo aver attraversato il campione, troveremmo che in uscita una frazione dei fotoni manca all appello, ovvero alcuni fotoni entrano nel campione, ma non ne escono e diciamo quindi che questi fotoni sono stati assorbiti dal campione. L assorbimento A (o assorbanza o densita ottica) e definito quantitativamente in termini di I e I nel modo seguente: Notate che con questa definizione si ha: e A = log I I (2) I = I A = 0 lim A = + I 0 come ci si aspetta che sia. Normalmente, il comportamento di un campione in riferimento alla sua capacita di assorbire la radiazione elettromagnetica viene misurato dal suo spettro di assorbimento. Questo consiste in un grafico che riporta l assorbimento del campione in funzione della lunghezza d onda della luce che lo attraversa. In figura 2 e mostrato lo spettro di assorbimento del permanganato di potassio nella regione del visibile. In cosa consiste, a livello microscopico, l assorbimento di un singolo fotone? Per rispondere a questa domanda dobbiamo innanzitutto pensare che gli atomi e/o molecole che costituiscono il campione sono oggetti quantistici, e in particolare i loro stati energetici sono quantizzati. La transizione da un determinato stato energetico ad uno stato a energia maggiore richiede un energia pari alla differenza energetica fra lo stato di arrivo e quello di partenza. Tale energia puo essere acquisita in seguito all urto con un fotone: come risultato, il sistema atomico/molecolare si trova in uno stato eccitato e il fotone viene annichilito e, quindi, non e piu presente nel fascio emergente dal campione. La descrizione dell assorbimento quando si consideri la radiazione incidente come un onda consente un maggiore dettaglio. Un sistema atomico/molecolare 2

3 absorbance (a.u.) wavelength (nm) Figura 2: Spettro di assorbimento del permanganato di potassio nella regione del visibile e costituito da cariche elettriche positive (i nuclei) e negative (gli elettroni). Tali cariche non sono statiche, ma possono muoversi le une rispetto alle altre: per questo motivo, un atomo/molecola appare come un dipolo elettrico capace di oscillare. Una radiazione elettromagnetica monocromatica e costituita da un campo elettrico oscillante: allora, se la frequenza di tale campo elettrico e uguale a una delle frequenze con cui il dipolo elettrico atomico/molecolare puo oscillare, l energia trasportata dalla radiazione puo essere trasmessa all atomo/molecola per eccitare quella particolare oscillazione del suo dipolo elettrico. Molto semplicisticamente, il fenomeno e simile a quello di una persona che si accinge a spingere un altalena: se le spinte hanno la stessa frequenza con cui oscilla l atalena, allora la persona riesce a trasferire energia all altalena (l ampiezza delle oscillazioni aumenta e l altalena assorbe energia dalla persona che la spinge); se invece la frequenza con cui si spinge e molto diversa da quella dell altalena, il risultato e un nulla di fatto. Da quanto detto si trae la conclusione, totalmente confermata dalle osservazioni sperimentali, che si puo avere assorbimento di luce solo quando il sistema assorbente compie una transizione che comporta una variazione del momento di dipolo elettrico. Fino a questo punto si potrebbe pensare che ogni volta che un fotone avente energia opportuna urta una molecola, si abbia una transizione. In realta la situazione e piu complessa di cosi. Infatti, le transizioni fra livelli energetici 3

4 degli atomi e delle molecole sono subordinate ad una cosiddetta probabilita di transizione, che in generale non e unitaria; in sostanza, se consideriamo 100 molecole identiche, ciascuna delle quali collide con un fotone avente la giusta energia per provocare una determinata transizione, non tutte assorbiranno il fotone (cioe non tutte compiranno la transizione): solo una frazione di esse, pari alla probabilita di quella transizione, si ritrovera nello stato eccitato. Siccome la probabilita di transizione e determinata dalle caratteristiche dei due stati coinvolti (quello di partenza e quello di arrivo), segue che, anche per uno stesso assorbitore (atomo o molecola), le diverse possibili transizioni avranno probabilita diverse. Questo spiega come mai l assorbimento di un campione ad una certa lunghezza d onda sia diverso, a parita del resto, da quello ad una lunghezza d onda diversa; infatti, essendo le lunghezze d onda differenti, le transizioni implicate sono differenti e, in generale, hanno probabilita differenti. Tralasciando l energia traslazionale (di fatto non quantizzata), quella nucleare e quella degli elettroni piu interni (che sono quantizzate, ma in cui la differenza energetica fra livelli successivi e molto maggiore dell energia trasportata dalla radiazione che ci interessa), gli stati energetici di una molecola o ione possono essere: rotazionali, cioe connessi con la rotazione della molecola vibrazionali, cioe connessi con le vibrazioni molecolari elettronici, cioe connessi con la mobilita degli elettroni di legame Le spaziature di queste tre categorie di livelli energetici sono molto diverse; tipicamente, la spaziatura dei livelli rotazionali e dell ordine di kt/100 (k = ev/k e la costante di Boltzmann; T e la temperatura assoluta); la spaziatura dei livelli vibrazionali e dell ordine di 5kT e quella dei livelli elettronici e dell ordine di 100kT. A temperatura ambiente (T = 298K), questi valori diventano (in ev): kt/ kT kT 2.6 da cui, guardando la tabella 1, si conclude che: le transizioni fra livelli rotazionali sono provocate da assorbimento di fotoni della regione delle microonde le transizioni fra livelli vibrazionali sono provocate da assorbimento di fotoni infrarossi le transizioni fra livelli elettronici sono provocate da assorbimento di fotoni visibili e ultravioletti La spettroscopia visibile e ultravioletta Come detto nella sezione precedente, la spettroscopia visibile e ultravioletta riguarda le transizioni fra livelli energetici degli elettroni di valenza delle molecole. La spaziatura dei livelli elettronici e molto grande ( 100kT): ne segue che, a temperatura ambiente, solo il livello elettronico dello stato fondamentale e popolato. 4

5 E E R R R R R R R R R R ENERGIA Figura 3: Data una certa transizione elettronica fra i due livelli indicati con E, possono esserci molte transizioni ad energia leggermente maggiore e minore, dipendentemente dagli stati rotazionali coinvolti, indicati con R Cio si ricava dalla legge di distribuzione di Boltzmann, secondo la quale la frazione di molecole che si trova nel primo livello elettronico eccitato e data da: N 1 = g ( 1 exp E ) 1 E g ( 1 exp 100kT ) = g 1 exp ( 100) N g kt g kt g dove N 1 e il numero di molecole nello stato elettronico a energia E 1, N e il numero di molecole nello stato elettronico a energia E, g 1 e la degenerazione del livello a energia E 1 e g e la degenerazione del livello a energia E. Tuttavia, a ciascun livello elettronico, e associato tutto lo spettro dei livelli vibrazionali e a ciascun livello vibrazionale e associato lo spettro dei livelli rotazionali. In condizioni normali, anche la popolazione del primo livello vibrazionale eccitato e molto bassa, mentre i livelli rotazionali eccitati sono apprezzabilmente popolati, data la loro piccola spaziatura. Quindi, in prima approssimazione, si puo dire che tutte le transizioni elettroniche partono dal livello elettronico e vibrazionale dello stato fondamentale, ma l energia dello stato di partenza puo essere leggermente diversa a seconda dello stato rotazionale occupato. Per quanto riguarda lo stato elettronico di arrivo della transizione, ci sono molte possibilita, corrispondenti ai diversi possibili stati vibrazionali e rotazionali connessi allo stato elettronico finale. Da cio segue che, fissato il livello elettronico dello stato fondamentale e dato un certo livello elettronico eccitato, ci sono molte possibili transizioni aventi energie simili e centrate attorno a quella della transizione elettronica considerata. La situazione e schematicamente illustrata nella figura 3. Il risultato e che gli spettri di assorbimento nel visibile sono generalmente costituiti da un numero molto grande di righe molto vicine, per cui quello che si vede e l inviluppo di tali righe (come in figura 2) Cenni di strumentazione Uno spettrofotometro UV-visibile e uno strumento capace di generare un fascio di luce UV-visibile(idealmente) monocromatico, di variarne la lunghezza d onda 5

6 Figura 4: Schema di principio di uno spettrofotometro UV-visibile. in modo controllabile, di inviarlo attraverso il campione in esame e di misurare l intensita della radiazione prima e dopo l attraversamento del campione. Gli spettrofotometri convenzionali possono essere a singolo o a doppio raggio. Negli spettrofotometri a raggio singolo, e sempre necessario effettuare una misura di assorbimento non solo per la soluzione di interesse, ma anche per un campione di solo solvente (il cosiddetto bianco ), il cui assorbimento va poi sottratto a quello della soluzione. Negli spettrofotometri a doppio raggio, invece, un sistema elettronico esegue il confronto automatico ad ogni lunghezza d onda dell assorbimento della soluzione e di quello del solo solvente, fornendo direttamente la misura depurata dal contributo del solvente. Cio viene realizzato al costo di una maggiore complessita sia dal punto di vista delle parti ottiche, che da quello delle parti meccaniche. Nonostante la diversita dei due tipi di strumenti, le parti essenziali che li costituiscono sono in generale le stesse e possono essere schematizzate come mostrato nella figura 4: 1. Sorgente luminosa a filamento di tungsteno per il visibile o a vapori di deuterio per l UV. La radiazione emessa e policromatica. 2. Sistema di fenditure, filtri e lenti per focalizzare, filtrare e indirizzare il fascio di luce in modo opportuno. 3. Monocromatore: dispositivo che, attraversato da un fascio di radiazione policromatica, lascia uscire (nel caso ideale) solo la componenente di una lunghezza d onda selezionabile. Ne esistono di diversi tipi e una descrizione dettagliata non ha interesse in questo contesto. 4. Serie di specchi per indirizzare il raggio. 5. Sistema di specchi (detto nel suo complesso chopper ) che divide il raggio di luce in due raggi di uguale intensita. Questo componente e presente solo negli spettrofotometri a doppio raggio. 6. Alloggiamento per le celle (dette anche cuvette ). 6

7 7. Rivelatore: dispositivo capace di trasformare l intensita luminosa in un segnale elettrico ad essa proporzionale. Anche in questo caso la descrizione dettagliata non e importante. Il segnale elettrico generato dal rivelatore(7) viene trattato(quasi sempre da un computer collegato allo strumento) per ottenere l assorbimento A, definito dall equazione2(nelcasodeglispettrofotometriadoppioraggio,i e l intensita della radiazione uscente dalla cuvetta contenente il bianco). Negli spettrofotometri a raggio singolo c e un solo alloggiamento per le celle: in questo caso per ogni lunghezza d onda e necessario determinare l assorbimento del solvente per sottrarlo da quello del campione in soluzione. Negli spettrofotometri a doppio raggio ci sono due alloggiamenti: in uno viene posta la cella con il solo solvente mentre nell altro viene posta la cella contenente la soluzione da analizzare. Un sistema elettronico esegue il confronto automatico dell intensita della luce uscente dalle due celle, fornendo in tal modo direttamente l assorbimento dovuto alla sola specie di interesse. Le celle (generalmente di sezione quadrata e lato pari a 1 cm) sono costruite invetropermisurenelvisibileoinquarzopermisurenelcampodell UV(il vetro perde infatti la sua trasparenza per lunghezze d onda inferiori a circa 350 nm). L applicazione analitica L applicazione analitica delle misure di assorbimento che utilizzerete in questa esperienza si basa sulla legge di Lambert-Beer, secondo cui l assorbimento A di una radiazione elettromagnetica monocromatica a lunghezza d onda λ da parte di una soluzione che contiene N specie chimiche capaci di assorbire a quella lunghezza d onda e proporzionale alla somma pesata delle loro concentrazioni: dove: A d ǫ λ i c i A λ = log I I = d N ǫ λ i c i (3) assorbimento (adimensionale) cammino ottico: cm coefficientediestinzioneocoefficientediassorbimentomolaredellaspecie i alla lunghezza d onda λ: cm 2 /mol concentrazione molare della specie i: mol/l Il cammino ottico e semplicemente lo spessore di soluzione attraversato dalla radiazione. Il coefficiente di assorbimento molare e una caratteristica della specie assorbente e dipende dalla lunghezza d onda. Esso e in relazione con la probabilita della transizione per la data specie assorbente alla data lunghezza d onda dei fotoni incidenti. Se la soluzione contiene una sola specie in grado di dare assorbimento, la legge di Lambert-Beer diventa: A λ = ǫ λ dc Scritta in questa forma semplificata, la legge e facilmente interpretabile. i=1 7

8 L assorbimento sara tanto maggiore quanto maggiore e la probabilita che un fotone incontri una molecola della specie assorbente; tale probabilita e chiaramente proporzionale alla lunghezza del percorso che il fotone compie all interno della soluzione (d) e alla concentrazione della specie assorbente (c). Inoltre, a parita di cammino ottico e concentrazione, l assorbimento sara proporzionale alla probabilita della transizione implicata (come abbiamo visto in generale) e quindi sara proporzionale a ǫ λ. Quando la soluzione contiene piu specie assorbenti, l assorbimento sara la somma dei contributi delle varie specie (equazione 3). Se siamo interessati all assorbimento dovuto a una sola specie presente in soluzione (supponiamo la specie N), allora e sufficiente fare il rapporto fra l intensita I emergente dal campione e l intensita I emergente dal bianco; infatti, detto A λ l assorbimento del bianco, AT λ quello (totale) del campione e A λ quello dovuto alla sola specie N, si ha: A λ = dǫ λ N c N = d N N 1 ǫ λ i c i d ǫ λ i c i = A T λ A λ = log I ) ( log I = log I I I i=1 i=1 La legge di Lambert-Beer non sempre e verificata. Cause di deviazione dalla linearita possono essere equilibri chimici in cui le specie assorbenti sono implicate, oppure scarsa monocromaticita della radiazione generata dallo spettrofotometro(che influenza il valore del coefficiente di assorbimento molare). Siccome la determinazione del coefficiente di assorbimento molare e piuttosto difficile e il valore determinato dipende significativamente dalle condizioni sperimentali (in particolare dalla monocromaticita del raggio di luce generato dallo spettrofotometro), le misure di concentrazione basate sulla legge di Lambert Beer sono normalmente ottenute attraverso la costruzione di una retta di taratura. In pratica, utilizzando soluzioni di analita a concentrazione nota, si costruisce un grafico dell assorbimento in funzione dalla concentrazione; dall assorbimento misurato per la soluzione incognita, si puo poi risalire graficamente o numericamente alla sua concentrazione (figura 5). Procedimento L esperienza consiste nella registrazione dello spettro UV-visibile in soluzione acquosa del permanganato di potassio, KMnO 4, e la misura della concentrazione incognita di una sua soluzione, previa verifica della validita della legge di Lambert-Beer e costruzione di una retta di taratura. Determinazione dello spettro di assorbimento del permanganato di potassio in soluzione acquosa Preparare 50 ml di una soluzione madre di KMnO 4 a concentrazione pari a 80 mg/l (soluzione S 1 ). Registrare lo spettro della soluzione S 1 nell intervallo di lunghezze d onda nm. (figura 2) Determinare la lunghezza d onda corrispondente al massimo di assorbimento. I 8

9 A x 1.2 Assorbimento Concentrazione (mol/l) C x Figura 5: Esempio reale di retta di taratura assorbimento vs concentrazione. Dall assorbimento A x della soluzione incognita si risale graficamente alla corrispondente concentrazione C x Costruzione della retta di taratura e verifica della legge di Lambert- Beer Nello spettrofotometro selezionare la lunghezza d onda corrispondente al massimo di assorbimento dello spettro completo determinato precedentemente. Trasferire la soluzione S 1 in un beaker da 100 ml; avvinare tre volte con circa 1 ml di soluzione la cuvetta; riempirla per un altezza di circa 2 cm e misurare l assorbimento allo spettrofotometro. Riportare la misura effettuata sulla scheda fornita. Attenzione: non sprecare troppa soluzione durante queste operazioni; devono avanzare almeno 25 ml che verranno utilizzati per preparare la soluzione successiva. Sgocciolare energicamente il matraccio da 50 ml fornito; con la pipetta taratatrasferire25.0 mldisoluziones 1 dalbeakernelmatraccioeportare a volume con acqua distillata (soluzione S 2 ). Sgocciolareaccuratamente il beakeretrasferirvila soluziones 2 dal matraccio. Misurarel assorbimento di S 2 come gia fatto con S 1. Ripetere il procedimento usato per S 2 per preparare e misurare l assorbimento di altre tre soluzioni S 3,S 4 ed S 5. Con i dati ottenuti costruire una tabella come quella riportata di seguito: 9

10 Soluzione mg/l mol/l Assorbimento S 1 S 2 S 3 S 4 S 5 Utilizzare i dati di concentrazione e assorbimento della tabella per costruire un grafico assorbimento vs concentrazione (figura 5). Determinazione della concentrazione incognita di una soluzione di KMnO 4 Misurare l assorbimento di una soluzione a concentrazione incognita di KMnO 4 alla stessa lunghezza d onda e usando la stessa cella impiegata per costruire la retta di taratura. Ricavare la concentrazione cercata per interpolazione grafica o per via numerica Trattamento dei dati Con i dati della tabella costruire il grafico dell assorbimento in funzione della concentrazione di KMnO 4 nelle soluzioni utilizzate. Se si ottiene una retta passante per l origine degli assi cio significa che assorbimento e concentrazione sono direttamente proporzionali e che la legge di Lambert-Beer (equazione 3) e verificata. La proporzionalita diretta si puo verificare calcolando il rapporto A/c = ǫd per ogni soluzione usata e accertandosi che tale rapporto rimanga costante. La pendenza m della retta di taratura: A = m c puo essere determinata con il metodo dei minimi quadrati: m = ci A i c 2 i dovea i ec i sono,rispettivamente, l assorbimentoelaconcentrazionedell i esima soluzione di taratura. Detto A x l assorbimento misurato per la soluzione incognita e c x il valore cercato della concentrazione, sara : c x = A x m (4) 10

11 Determinazione della concentrazione incognita di permanganato di potassio in una soluzione per via spettrofotometrica Sigla del vostro gruppo: Concentrazione della soluzione S 1 : mg/l Assorbimento delle soluzioni di taratura: soluzione assorbimento S 1 S 2 S 3 S 4 S 5 Volume della soluzione incognita: ml Assorbimento della soluzione incognita:

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico Capitolo 4 Le spettroscopie 1. Lo spettro elettromagnetico 2) Tipi di spettroscopia Emissione: transizione da livello superiore a livello inferiore Assorbimento: contrario 2.1 Spettroscopie rotazionali,

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia.

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. G. Digilio - principi_v10 versione 6.0 LA SPETTROSCOPIA Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. La Spettroscopia di risonanza magnetica

Dettagli

Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3. S. Solimeno lezione 3 1

Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3. S. Solimeno lezione 3 1 Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3 S. Solimeno lezione 3 1 S. Solimeno lezione 3 2 S. Solimeno lezione 3 3 S. Solimeno lezione 3 4 S. Solimeno lezione 3 5 spettroscopia gamma di colori che

Dettagli

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme Da Newton a Planck Meccanica classica (Newton): insieme La struttura dell atomo di leggi che spiegano il mondo fisico fino alla fine del XIX secolo Prof.ssa Silvia Recchia Quantomeccanica (Planck): insieme

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Chimica Analitica

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche

Fisica II - CdL Chimica. La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche La natura della luce Teoria corpuscolare (Newton) Teoria ondulatoria: proposta già al tempo di Newton, ma scartata perchè

Dettagli

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa LA SPETTROSCOPIA Le tecniche spettroscopiche si basano sull assorbimento o sulla emissione di una radiazione elettromagnetica da parte di un atomo o di una molecola La radiazione elettromagnetica è una

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Il fotone Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Interpretazione di Einstein dell effetto fotoelettrico Esistono «particelle»* di luce: i fotoni! La luce è composta da quantità indivisibili di energia

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Le lampade a vapori di mercurio sono sicuramente le sorgenti di radiazione UV più utilizzate nella disinfezione delle acque destinate al consumo umano in quanto offrono

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è un mezzo di trasmissione dell energia sotto forma di onde aventi entrambe le componenti elettriche e magnetiche. La sequenza ordinata delle

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Radiazione atmosferica

Radiazione atmosferica Radiazione atmosferica Fondamenti di meteorologia e climatologia Trento, 28 Aprile 2015 Radiazione elettromagnetica La radiazione elettromagnetica puó essere vista come un insieme di onde che si propagano

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Corso di Principi e Modelli della Percezione Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it http://boccignone.di.unimi.it/pmp_2014.html

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

Laboratorio di Fisica 3 Ottica 2. Studenti: Buoni - Giambastiani - Leidi Gruppo: G09

Laboratorio di Fisica 3 Ottica 2. Studenti: Buoni - Giambastiani - Leidi Gruppo: G09 Laboratorio di Fisica 3 Ottica 2 Studenti: Buoni - Giambastiani - Leidi Gruppo: G09 24 febbraio 2015 1 Lunghezza d onda di un laser He-Ne 1.1 Scopo dell esperienza Lo scopo dell esperienza è quello di

Dettagli

Radiazione elettromagnetica

Radiazione elettromagnetica Radiazione elettromagnetica Un onda e.m. e un onda trasversa cioe si propaga in direzione ortogonale alle perturbazioni ( campo elettrico e magnetico) che l hanno generata. Nel vuoto la velocita di propagazione

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 10. Reti di Petri: analisi strutturale Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Analisi strutturale Un alternativa all analisi esaustiva basata sul grafo di raggiungibilità,

Dettagli

VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS E MISURA DELLA CONCENTRAZIONE DI UNA SOLUZIONE CON DUE POLAROIDI

VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS E MISURA DELLA CONCENTRAZIONE DI UNA SOLUZIONE CON DUE POLAROIDI VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS E MISURA DELLA CONCENTRAZIONE DI UNA SOLUZIONE CON DUE POLAROIDI A) VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS L intensità luminosa trasmessa da un sistema costituito da due polaroidi

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Queste note non vogliono essere esaustive, ma solo servire come linee guida per le lezioni

Queste note non vogliono essere esaustive, ma solo servire come linee guida per le lezioni Alessandro Farini: note per le lezioni di ottica del sistema visivo Queste note non vogliono essere esaustive, ma solo servire come linee guida per le lezioni 1 Lo spettro elettromagnetico La radiazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero.

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero. Collegamenti Supponiamo di avere due antenne, una trasmittente X e una ricevente X e consideriamo il collegamento tra queste due antenne distanti X X Figura : collegamento tra due antenne nello spazio

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica Simone Alghisi Liceo Scientifico Luzzago Novembre 2013 Simone Alghisi (Liceo Scientifico Luzzago) Energia potenziale elettrica Novembre 2013 1 / 14 Ripasso Quando spingiamo

Dettagli

Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Chimica 1. Luce e Molecole

Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Chimica 1. Luce e Molecole Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Chimica 1 Luce e Molecole 1 INTRODUZIONE La spettroscopia è uno dei settori della chimica. Il chimico spettroscopista indaga il comportamento delle molecole

Dettagli

Usando il pendolo reversibile di Kater

Usando il pendolo reversibile di Kater Usando il pendolo reversibile di Kater Scopo dell esperienza è la misurazione dell accelerazione di gravità g attraverso il periodo di oscillazione di un pendolo reversibile L accelerazione di gravità

Dettagli

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE Le saldature si realizzano prevalentemente con il metodo dell arco elettrico, utilizzando elettrodi rivestiti, che forniscono il materiale di apporto. Il collegamento è

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm posto in un tubo Campione sciolto in un solvente (deuterato) e di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm o spettrometro NMR è formato da alcuni mponenti fondamentali: un magnete,

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Proprietà ottiche di nanocristalli

Proprietà ottiche di nanocristalli Gerelli Yuri Corso di Spettroscopia Proprietà ottiche di nanocristalli Introduzione L esperienza affrontata in laboratorio prevede la caratterizzazione delle basilari proprietà ottiche di cristalli nanostrutturati,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE Con il nome di indicatori di ph vengono denominate delle sostanze in grado di assumere diverse colorazioni a seconda della concentrazione

Dettagli

Esercitazione #5 di Statistica. Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione)

Esercitazione #5 di Statistica. Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione) Esercitazione #5 di Statistica Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione) Dicembre 00 1 Esercizi 1.1 Test su media (con varianza nota) Esercizio n. 1 Il calore (in calorie per grammo) emesso

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 I CODICI 1 IL CODICE BCD 1 Somma in BCD 2 Sottrazione BCD 5 IL CODICE ECCESSO 3 20 La trasmissione delle informazioni Quarta Parte I codici Il codice BCD

Dettagli

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J.

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J. Lavoro Un concetto molto importante è quello di lavoro (di una forza) La definizione di tale quantità scalare è L= F dl (unità di misura joule J) Il concetto di lavoro richiede che ci sia uno spostamento,

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Struttura Elettronica degli Atomi

Struttura Elettronica degli Atomi Prof. A. Martinelli Struttura Elettronica degli Atomi Dipartimento di Farmacia 1 La Natura ondulatoria della luce - La luce visibile è una piccola parte dello spettro delle onde elettromagnetiche. 1 La

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Giuseppe Ruffo. Fisica: lezioni e

Giuseppe Ruffo. Fisica: lezioni e Giuseppe Ruffo Fisica: lezioni e problemi Unità A2 - La rappresentazione di dati e fenomeni 1. Le rappresentazioni di un fenomeno 2. I grafici cartesiani 3. Le grandezze direttamente proporzionali 4. Altre

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

CONDUTTORI, CAPACITA' E DIELETTRICI

CONDUTTORI, CAPACITA' E DIELETTRICI CONDUTTORI, CAPACITA' E DIELETTRICI Capacità di un conduttore isolato Se trasferiamo una carica elettrica su di un conduttore isolato questa si distribuisce sulla superficie in modo che il conduttore sia

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

Relazione di Fisica. IV E a.s. 2011/2012. Badioli Federico, Ciprianetti Sofia, Pasqualini Roberto.

Relazione di Fisica. IV E a.s. 2011/2012. Badioli Federico, Ciprianetti Sofia, Pasqualini Roberto. Relazione di Fisica IV E a.s. 2011/2012 Badioli Federico, Ciprianetti Sofia, Pasqualini Roberto. Scopo: Misurare la lunghezza d onda (λ) di un laser HeNe attraverso un reticolo di diffrazione. Materiale

Dettagli

LA RETTA. Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali

LA RETTA. Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali LA RETTA Abbiamo visto che l'equazione generica di una retta è del tipo Y = mx + q, dove m ne rappresenta la pendenza e q il punto in cui la retta incrocia

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia. Francesco Nobili

Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia. Francesco Nobili Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia Francesco Nobili TECNICHE SPETTROSCOPICHE Le tecniche spettroscopiche sono tecniche analitiche basate sull interazione tra

Dettagli

a t Esercizio (tratto dal problema 5.10 del Mazzoldi)

a t Esercizio (tratto dal problema 5.10 del Mazzoldi) 1 Esercizio (tratto dal problema 5.10 del Mazzoldi) Una guida semicircolare liscia verticale di raggio = 40 cm è vincolata ad una piattaforma orizzontale che si muove con accelerazione costante a t = 2

Dettagli

Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B. Evento prodotto: Evento in cui si verifica sia A che B ; p(a&b) = p(a) x p(b/a)

Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B. Evento prodotto: Evento in cui si verifica sia A che B ; p(a&b) = p(a) x p(b/a) Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B Eventi indipendenti: un evento non influenza l altro Eventi disgiunti: il verificarsi di un evento esclude l altro Evento prodotto:

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. Università di Bologna

RADIAZIONE SOLARE. Università di Bologna RADIAZIONE SOLARE DiSTA Università di Bologna IMPORTANZA DELLA RADIAZIONE E' fonte del 99.9% dell energia disponibile sulla terra Le principali fonti energetiche controllate dall'uomo sono state generate

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO COME FUNZIONA UNA CELLA FOTOVOLTAICA EFFETTO FOTOVOLTAICO: Un flusso luminoso che incide su un materiale semiconduttore opportunamente

Dettagli

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi)

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi) Classificazione dei Sensori (raccolta di lucidi) 1 Le grandezze fisiche da rilevare nei processi industriali possono essere di varia natura; generalmente queste quantità sono difficili da trasmettere e

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale Analisi di Controllo di un Acqua Minerale aturale ITODUZIOE Le acque potabili possono essere in diverse tipologie: si definiscono acque destinate al consumo umano, quelle acque rese potabili dopo aver

Dettagli

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce.

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. Questa attenuazione si ottiene mediante l uso di un

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Generatore radiologico

Generatore radiologico Generatore radiologico Radiazioni artificiali alimentazione: corrente elettrica www.med.unipg.it/ac/rad/ www.etsrm.it oscar fiorucci. laurea.tecn.radiol@ospedale.perugia.it Impianto radiologico trasformatore

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

Onde elettromagnetiche

Onde elettromagnetiche Onde elettromagnetiche Alla metà del XIX secolo Maxwell prevede teoricamente le onde e.m. Sono scoperte sperimentalmente da Hertz Danno la possibilità di comunicare a distanza (radio, televisione, telecomandi

Dettagli

Corso di Matematica per la Chimica

Corso di Matematica per la Chimica Dott.ssa Maria Carmela De Bonis a.a. 203-4 I sistemi lineari Generalità sui sistemi lineari Molti problemi dell ingegneria, della fisica, della chimica, dell informatica e dell economia, si modellizzano

Dettagli

Unità di misura e formule utili

Unità di misura e formule utili Unità di misura e formule utili Lezione 7 Unità di misura Il Sistema Internazionale di unità di misura (SI) nasce dall'esigenza di utilizzare comuni unità di misura per la quantificazione e la misura delle

Dettagli