Bilancio consolidato al 31 Dicembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio consolidato al 31 Dicembre 2011"

Transcript

1 Bilancio consolidato al 31 Dicembre 2011 TXT e-solutions S.p.A. Via Frigia, MILANO Tel Fax Capitale Sociale euro ,50 interamente versato C.C.I.A.A. Milano REGISTRO IMPRESE Milano n P. IVA Relazione annuale 31 Dicembre 2011 Pagina 1

2

3 Consiglio di amministrazione del 6 marzo 2012 SOMMARIO ORGANI SOCIALI COMPOSIZIONE DEL GRUPPO DATI DI SINTESI E COMMENTO DEGLI AMMINISTRATORI SULL ANDAMENTO DELL ESERCIZIO PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI PRINCIPI CONTABILI IAS/IFRS ADOTTATI NELLA REDAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2011 ANALISI DELLA COMPOSIZIONE DELLE PRINCIPALI VOCI DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 PROSPETTI CONTABILI DELLA CAPOGRUPPO TXT E-SOLUTIONS SPA PRINCIPI CONTABILI IAS/IFRS ADOTTATI DALLA CAPOGRUPPO NELLA REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011 ANALISI DELLA COMPOSIZIONE DELLE PRINCIPALI VOCI DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO DELLA TXT E-SOLUTIONS SPA AL 31 DICEMBRE 2011 PROSPETTI CONTABILI DELLE SOCIETA CONTTROLLATE Relazione annuale 31 Dicembre 2011 Pagina 3

4 ORGANI SOCIALI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE in carica fino all approvazione del bilancio al 31/12/2013 Alvise Braga Illa Presidente (1) Marco Edoardo Guida Amm.Delegato (3) Franco Cattaneo Consigliere (2) Andrea Cencini Consigliere (3) Paolo Enrico Colombo Consigliere (3) Adriano De Maio Consigliere (2) Paolo Matarazzo Consigliere (3) (1) poteri conferiti:ordinaria e straordinaria amministrazione ad eccezione dell acquisto e vendita di immobili. (2) Consigliere indipendente ai sensi del D.Lgs. 58/98 e del Codice di autodisciplina delle Società Quotate e membro del Comitato di Remunerazione e del Comitato di Controllo interno. (3) poteri conferiti: ordinaria amministrazione. COLLEGIO SINDACALE in carica fino all approvazione del bilancio al 31/12/2013 Raffaele Valletta Luigi Carlo Filippini Fabio Maria Palmieri Angelo Faccioli Pietro Antonio Grignani Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco supplente Sindaco supplente SOCIETA DI REVISIONE Mazars Spa Corso di Porta Vigentina, MILANO INVESTOR RELATIONS Tel : Relazione annuale 31 Dicembre 2011 Pagina 4

5 Composizione del gruppo 31/12/2011 Ragione Sociale % di controllo TXT e-solutions S.p.a. TXTe-solutions GmbH (Germany) 100% TXT e-solutions SL (Spain) 100% TXT e-solutions Sarl (France) 100% TXT e-solutions Ltd (UK) 100% Relazione annuale 31 Dicembre 2011 Pagina 5

6 Dati di sintesi e commento degli amministratori sull andamento dell esercizio Relazione annuale 31 Dicembre 2011 Pagina 6

7 I valori di conto economico consolidato qui sotto esposti sono coerenti con quanto previsto dall IFRS 5, al netto delle attività operative cedute (Polymedia). Tutti i ricavi e i costi relativi all attività Polymedia sono stati riclassificati per l intero 2011 e 2010 nella linea Risultato da attività operative cedute e accorpati alla plusvalenza netta. I prospetti contabili consolidati e la nota integrativa sono esposti coerentemente con il principio IFRS 5. DATI DI SINTESI - CONSOLIDATI IFRS 5 Dati economici 31/12/ /12/2010 Variazione (in migliaia di euro) Assoluta % Ricavi ,2 EBITDA ,8 Risultato operativo (EBIT) (1.074) (763) (311) n.s. Risultato prima delle imposte (3.666) (962) (2.704) n.s. Risultato netto di gestione corrente (4.256) (707) (3.549) n.s. Risultato da attività operative cedute n.s. Utile netto n.s. Nelle successive pagine della relazione, gli amministratori hanno ritenuto opportuno commentare i risultati consolidati gestionali 2011, che includono tutti i ricavi e i costi di Polymedia per i primi 4,5 mesi dell anno, fino a quando è stata ceduta ( ). I valori di riferimento del 2010 sono stati normalizzati per riflettere la cessione dell attività e il risultato di Polymedia è incluso per lo stesso periodo 4,5 mesi per il quale ha contribuito ai risultati del In particolare il Risultato netto di gestione corrente secondo i principi IFRS include l importo di 2,7 milioni per minusvalenza sulle azioni Kit Digital e 1,9 milioni per svalutazioni di immobilizzazioni che gli amministratori hanno evidenziato separatamente nell esposizione dei risultati gestionali per meglio esporre l andamento della gestione ordinaria al netto di eventi non ricorrenti. 7

8 DATI DI SINTESI - CONSOLIDATI GESTIONALI Dati economici 31/12/ /12/ /12/2010 Variazione % (in migliaia di euro) Storico Normalizzato* Storico Normalizzato* Ricavi (13,3) 7,3 di cui : TXT Perform ,4 4,4 TXT Next ,6 12,0 TXT Polymedia (58,6) 5,6 EBITDA ,1 51,3 Risultato operativo (165) n.s. n.s. Utile netto gestione corrente (616) n.s. n.s. Plusvalenze/Minusvalenze non correnti Utile netto (616) n.s. n.s. Dati patrimoniali e finanziari 31/12/ /12/2010 Var (in migliaia di euro) Storico Capitale immobilizzato (6.593) Capitale circolante netto (3.179) TFR e altre passività non correnti (3.412) (4.527) Capitale investito (8.657) Patrimonio netto del gruppo Liquidità finanziaria netta (12.489) (657) (11.832) Finanziamento del capitale investito (8.657) Dati per singola azione 31/12/ /12/2010 Var (in euro) Storico Numero di azioni emesse Numero di azioni in circolazione (44.145) Utile netto per azione 5,62 0,08 5,54 Patrimonio netto per azione 8,03 6,65 1,37 Dividendo per azione 4,00-4,00 Altre informazioni 31/12/ /12/2010 Var Storico Numero di dipendenti (156) Quotazione del titolo TXT 8,50 5,36 3,14 * Al fine di agevolare la comparabilità con lo scorso esercizio, i valori 2010 sono stati "normalizzati" per comprendere l'attività Polymedia per lo stesso periodo per il quale ha contribuito ai risultati 2011 (4,5 mesi).. 8

9 COMMENTO DEGLI AMMINISTRATORI SULL ANDAMENTO DELL ESERCIZIO 2011 Signori azionisti, due eventi particolarmente positivi hanno caratterizzato il 2011: L ulteriore miglioramento della gestione operativa del gruppo TXT, con una crescita dei ricavi del +7,3% rispetto al 2010 normalizzato, una crescita dell EBITDA del +51,3% ( 5,3 milioni o 11,3% dei ricavi) ed utile netto della gestione corrente di 0,8 milioni. la cessione del business Polymedia a KIT Digital ha comportato per il gruppo TXT la realizzazione di una plusvalenza netta dell operazione di 15,4 milioni e l incasso di un corrispettivo netto valutato al di 22,3 milioni. Sul fronte dell attività operativa ordinaria, i risultati del 2011 sono stati soddisfacenti sia dal punto di vista della crescita dei ricavi che del miglioramento della redditività. Allo scopo di illustrare l andamento della gestione operativa, i valori di riferimento del 2010 sono stati normalizzati per riflettere la cessione dell attività Polymedia. Nei valori normalizzati 2010 il contributo Polymedia è incluso per lo stesso periodo 4,5 mesi per il quale ha contribuito ai risultati del 2011 (attività ceduta il ). L andamento gestionale del 2011, rispetto al 2010 normalizzato è il seguente: I Ricavi sono in crescita del 7,3% a 47,2 milioni. I ricavi internazionali sono stati di 19,3 milioni e rappresentano il 41% dei ricavi consolidati. Il Margine Lordo, dopo i costi diretti, è cresciuto del +10,2% ed ha migliorato la propria incidenza sui ricavi al 49,6%, rispetto al 48,3% del 2010, grazie all aumento dei volumi e al miglioramento delle marginalità su servizi e progetti. Il Margine operativo lordo (EBITDA) è cresciuto del +51,3% giungendo a 5,3 milioni, pari al 11,3% dei ricavi, rispetto al 8,0% del 2010, grazie al contenimento dell aumento dei costi indiretti. L Utile operativo (EBIT) è positivo per 1,6 milioni a fronte di un risultato in perdita di -0,2 milioni nello scorso anno. L Utile netto della gestione corrente è stato di 0,8 milioni a fronte di una perdita di -0,6 milioni nel L Utile netto è stato di 14,2 milioni. Nel conto economico 2011 la cessione di Polymedia ha comportato un beneficio netto di 15,4 milioni, come risultato della plusvalenza dopo costi di vendita e imposte di 18,0 milioni e la minusvalenza di 2,6 milioni registrata sulle azioni KIT Digital. Nel quarto trimestre sono state prudenzialmente svalutate alcune immobilizzazioni immateriali e materiali con un onere di 1,9 milioni. La Posizione finanziaria netta al è positiva per 12,5 milioni, rispetto ai 0,7 milioni del , con un miglioramento di 11,8 milioni e dopo aver distribuito un dividendo straordinario per 10,3 milioni. Il Patrimonio netto è pari a 20,3 milioni. 9

10 TXT Perform ha contribuito ai risultati del gruppo con una crescita dei ricavi del 4,4%. Le vendite di TXT Perform sono aumentate da 21,1 milioni a 22,1 milioni confermando il trend di sviluppo e di espansione internazionale già avviato nel Il nuovo Go-to-Market ha permesso a TXT Perform l acquisizione negli ultimi trimestri di numerosi nuovi progetti con clienti medio-grandi, leaders nei rispettivi settori industriali e in particolare nel settore retail e fashion, tra i quali Bestseller (DK), Tesco (UK), Guess e Marc Jacobs (USA), Kenzo (F), Marc Cain a Hugo Boss (D), Stefanel (I) e Desigual (E). Le componenti software dei ricavi della divisione TXT Perform (licenze e manutenzioni), sono state nel 2011 di 8,8 milioni e rappresentano il 40% dei ricavi della divisione. La dinamica dei ricavi di manutenzione riflette i benefici di una politica di prezzo degli ultimi anni volta a valorizzare il contenuto innovativo del nostro software e un tasso di fidelizzazione molto elevato dei rinnovi, quale indice di apprezzamento del livello di servizio e qualità della nostra offerta. Molto positiva è stata la crescita di TXT Next del 12,0%, i cui ricavi sono stati di 17,5 milioni, per oltre due terzi nel settore aeronautico e difesa. Si conferma il forte impegno di TXT all innovazione e allo sviluppo dei propri prodotti e delle competenze tecnologiche con un investimento complessivo in Ricerca e Sviluppo pari al 9,8% dei ricavi, tra i più elevati dei segmenti di riferimento. Rispetto ai dati storici del 2010, e quindi a perimetro non omogeneo, l andamento è il seguente: I Ricavi sono in calo del -13,3%. Il Margine operativo lordo (EBITDA) è cresciuto del +14,1%. In data è stata perfezionata la cessione del business Polymedia. Il business Polymedia, oggetto della cessione, è quello che operava nello sviluppo di soluzioni multicanale per l acquisizione, gestione ed elaborazione di contenuti digitali e video (Polymedia Video). Il perimetro di attività cedute include la parte di attività del team di Corporate Research sinergiche con la divisione Polymedia e una parte del team General & Administrative, così da garantire l autosufficienza operativa e gestionale e la piena continuità del business. Nel 2010 i ricavi del business Polymedia sono stati pari a circa 17 milioni, con una redditività operativa lorda in linea con le altre divisioni del gruppo TXT. TXT, previo conferimento del business Polymedia nella società Polymedia Spa, ha ceduto il 100% del capitale di Polymedia SpA a KIT Digital Inc. Il corrispettivo complessivo netto per la cessione di Polymedia valutato al 31 dicembre 2011 è di 22,3 milioni, così composto: 12,4 milioni corrisposti in contanti alla data del closing; 4,8 milioni corrisposti a fronte del capitale circolante netto; (2,1) milioni costi relativi alla vendita, incluso il carico fiscale complessivo sulla plusvalenza; 7,2 valore delle azioni KIT Digital. Al closing KIT Digital ha corrisposto azioni proprie, di cui liberamente negoziabili senza lock-up e azioni liberamente negoziabili depositate per un anno in un conto fiduciario ad eventuale copertura delle garanzie contrattuali prestate. Al la quotazione al NASDAQ delle azioni KIT Digital era di 11.94$ per un controvalore del pacchetto azionario conferito di 9,9 milioni. Al le sono state vendute ad un prezzo medio di 9,14$ e le rimanenti erano ancora in portafoglio e valorizzate alla quotazione NASDAQ di fine esercizio di 8,45$, comportando una minusvalenza di 2,7 milioni e riducendo il valore corrente del corrispettivo azionario a 7,2 milioni. In aggiunta a tali corrispettivi incassati nel 2011 potrà essere incassato un Earn-Out sino ad un massimo di 3 milioni in azioni KIT Digital nei 2 anni successivi al Closing, condizionato al raggiungimento di obiettivi di crescita e di redditività per Polymedia. 10

11 TXT al ha già venduto il 70% delle azioni Kit Digital e ha intenzione nel corso del 2012 di cedere la residua partecipazione, recuperando risorse finanziarie per lo sviluppo delle proprie due divisioni TXT Perform e TXT Next. In data 7 ottobre 2011 il Consiglio di Amministrazione ha approvato il nuovo piano industriale che prevede di continuare ad investire ed a sviluppare le attività delle Divisioni Perform e Next secondo le seguenti tre linee di azione: Un Piano Base In un contesto economico e finanziario globale caratterizzato da forte incertezza e volatilità, la Società, forte del proprio portafoglio di soluzioni TXT Perform e TXT Next, di una numerosa clientela internazionale altamente fidelizzata e di un team di professionisti di prim ordine, intende continuare il percorso di crescita organica a tassi superiori al mercato. Questa prima linea del Piano ha come elemento prioritario la profittabilità, con l obiettivo di garantire continuità e completo autofinanziamento degli investimenti necessari per lo sviluppo organico del business corrente. La Divisione Perform proseguirà il suo percorso di sviluppo come software vendor internazionale, con crescente focalizzazione sul retail specializzato e su segmenti industriali consumer-driven. TXT innoverà ulteriormente la propria offerta per la clientela internazionale, puntando sulla integrazione dei processi di Planning, di Demand e di Product Life-Cycle Management, al fine di migliorare la profittabilità e la generazione di cassa dei clienti. La Divisione Next continuerà ad operare come società di ingegneria, facendo leva sulle capacità progettuali e sulla profonda conoscenza dei contesti applicativi acquisite in più di 20 anni di lavoro accanto alle aziende italiane leader nei settori Aerospace, High-Tech Manufacturing e Banche. Due Linee di ulteriore sviluppo o Acquisizioni mirate: ricercare in modo sistematico ed acquisire aziende di dimensioni medie o mediopiccole, specializzate ed innovative, e complementari a TXT, operazioni che saranno realizzate in tempi dettati dalle opportunità esterne. o Start-up innovativi: identificare, avviare e sviluppare nuove iniziative, coerenti con la missione di TXT, al fine di assicurare alla Società un vantaggio competitivo nel prossimo decennio ed ai suoi clienti soluzioni innovative e strategiche a supporto del proprio business. In entrambi i casi si intende dare attenzione prioritaria ai mercati del lusso, abbigliamento e retail specializzato, che hanno dimensioni grandissime in Europa e nel mondo e che, a prescindere dalla possibile recessione, hanno trend di forte crescita nel lungo periodo e presentano interessanti opportunità di innovazione. In data 16 novembre 2011 l assemblea degli azionisti ha deliberato la distribuzione di un dividendo straordinario di 4,00 per ciascuna azione mediante utilizzo della riserva sovrapprezzo azioni, par un importo complessivo di 10,3 milioni (con esclusione delle azioni proprie detenute dalla società). Il dividendo è stato messo in pagamento a partire dal 15 dicembre 2011, con stacco cedola il 12 dicembre I risultati gestionali di TXT nel 2011 vengono riportati di seguito confrontati sia al risultato storico dello stesso periodo dello scorso anno, sia al risultato normalizzato (consolidamento di Polymedia per soli 4,5 mesi, quindi a parità di contributo rispetto al 2011): 11

12 CONTO ECONOMICO GESTIONALE al 31 Dicembre 2011 e % 2010 % 2010 % Variance 11/10% (in migliaia di Euro) STORICO NORMALIZZATO* STORICO NORMALIZZATO* RICAVI , , ,0 (13,3) 7,3 Costi diretti , , ,7 (18,7) 4,6 MARGINE LORDO , , ,3 (7,1) 10,2 Costi di Ricerca e Sviluppo , , ,6 (8,2) 13,2 Costi Commerciali , , ,7 (10,9) 2,3 Costi Generali & Amministrativi , , ,0 (15,2) (3,6) UTILE OPERATIVO LORDO (EBITDA) , , ,0 14,1 51,3 Ammortamenti e svalutazioni , , ,4 (4,6) 1,9 UTILE OPERATIVO (EBIT) , ,3 (165) (0,4) n.s. n.s. Proventi (oneri) finanziari 72 0,2 (278) (0,5) (229) (0,5) n.s. n.s. UTILE PRIMA DELLE IMPOSTE (EBT) , ,8 (394) (0,9) n.s. n.s. Imposte (881) (1,9) (257) (0,5) (222) (0,5) n.s. n.s. UTILE NETTO GESTIONE CORRENTE 761 1, ,4 (616) (1,4) n.s. n.s. Minusvalenza su azioni KIT Digital (2.664) (5,6) - - Plusvalenza netta Polymedia ,2 - - Svalutazioni immobilizzazioni (1.945) (4,1) UTILE NETTO , ,4 (616) (2,7) n.s. n.s. * Al fine di agevolare la comparabilità con lo scorso esercizio, i valori al sono stati "normalizzati" per comprendere l'attività Polymedia per lo stesso periodo per il quale ha contribuito ai risultati 2011 (4,5 mesi). ANDAMENTO REDDITUALE I costi commerciali sono stati di 8,9 milioni, in crescita del +2,3% rispetto agli 8,7 milioni del 2010 normalizzato, essenzialmente per il rafforzamento delle strutture commerciali internazionali di TXT Perform. I costi generali e amministrativi sono stati pari a 5,9 milioni, in riduzione del -3,6%, rispetto al 2010 normalizzato, nonostante l incremento delle attività per effetto delle azioni di miglioramento dell efficienza. La loro incidenza sui ricavi si è ridotta dal 14,0% del 2010 al 12,5% nel Il margine operativo lordo (EBITDA) del 2011 è stato pari a 5,3 milioni, in crescita del +51,3% rispetto al 2010 normalizzato ( 3,5 milioni). La redditività lorda sui ricavi è cresciuta al 11,3%, rispetto al 8,0% dello scorso anno. L Utile operativo (EBIT) è stato di 1,6 milioni, con una crescita importante rispetto alla perdita di -0,2 milioni dello scorso anno, dopo aver spesato ammortamenti di 3,7 milioni. 12

13 L utile prima delle imposte (EBT) è stato pari a 1,7 milioni e pari al 3,5% dei ricavi, a fronte di un risultato negativo per -0,4 milioni nello scorso anno. L utile netto della gestione corrente è stato di 0,8 milioni a fronte di una perdita di -0,6 milioni nel Le imposte di 0,9 milioni sono principalmente dovute all IRAP. Alcune voci non ricorrenti hanno caratterizzato l esercizio 2011 e, ai fini della rappresentazione del risultato gestionale, sono state segregate per meglio illustrare l andamento dell attività corrente distinto dall effetto di elementi straordinari: La cessione di Polymedia ha comportato un beneficio netto di 15,4 milioni, come risultato della plusvalenza dopo costi di vendita e imposte di 18,0 milioni e la minusvalenza di 2,6 milioni registrata nella seconda metà dell anno sulle azioni KIT Digital ricevute come parziale corrispettivo per la cessione. Sono stati sostenuti costi per svalutazioni di immobilizzazioni per 1,9 milioni, di cui 1,6 milioni per spese di ricerca e sviluppo di anni passati e 0,3 milioni per immobilizzazioni tecniche. L utile netto del 2011 è stato di 14,2 milioni. Nel Dicembre 2011 è stato distribuito un dividendo straordinario agli azionisti di 4,0 per azione per un totale di 10,3 milioni. RICAVI E MARGINI LORDI PER AREA DI BUSINESS I ricavi relativi all area di business TXT Perform sono stati di 22,1 milioni, in crescita del 4,4% rispetto ai 21,1 milioni realizzati nel I ricavi per licenze e manutenzioni sono aumentati da 8,6 milioni a 8,8 milioni, pari a +2,6% per effetto di nuovi contratti e progetti firmati sia con clienti storici che con nuovi clienti e per i crescenti ricavi da manutenzione, segnale di apprezzamento ed utilizzo per lungo tempo delle nostre soluzioni software. I ricavi delle controllate estere sono stati sostanzialmente stabili a 14,4 milioni, con andamenti positivi in particolare in Germania e UK, che hanno compensato la flessione dei ricavi in Francia. Le vendite della capogruppo in Italia e sui mercati internazionali sono cresciute da 6,7 milioni a 7,7 milioni, pari al + 14,3%. Le vendite delle controllate estere rappresentano il 65% dei ricavi della business unit. Il margine lordo dell area di business, al netto dei costi diretti per la prestazione di servizi e progetti per clienti, è aumentato da 12,3 milioni a 13,4 milioni, con un significativo miglioramento della marginalità sui ricavi dal 58,0% ai 60,9% dovuto principalmente al miglioramento del margine di contribuzione sui servizi. L offerta di TXT è estremamente competitiva sia con riferimento alle richieste della clientela che all offerta della concorrenza, grazie a TXTPERFORM, il prodotto che per primo ingloba in un unica applicazione le funzionalità di Supply Chain Management e quelle di Business Intelligence. Grazie alla combinazione di intelligence e tecnologia, TXTPERFORM consente di prendere decisioni accurate e basate su dati e informazioni qualitative chiave, con un impatto di miglioramento dell efficacia ed efficienza di processi dell intera Supply Chain. Inoltre permette di gestire le performance della supply chain con il supporto di un sistema di metriche integrato. Le soluzioni TXTPERFORM sono specializzate per i settori Fashion & Luxury, Specialty Retail, CPG e Discrete Manufacturing; ne integrano le best practice e la profonda conoscenza delle specificità e dei bisogni dei diversi mercati maturata dai nostri consulenti nel corso di anni di lavoro affiancati alle aziende leader internazionali. I prodotti sono basati su una tecnologia flessibile, altamente innovativa e sono integrati con le ultime versioni dei prodotti Microsoft Sharepoint, Office e SQL Server. Nel 2011 la divisione TXT Perform ha caratterizzato il proprio software TXTPERFORM nel segmento delle aziende Retail specializzate nella distribuzione di CD, DVD, Video games e computer elettronics, rendendo 13

14 disponibile un offerta di best practice di settore e soluzioni estremamente scalabili. Grazie all esperienza consolidata in questo segmento di mercato, TXT vanta oggi tra i propri clienti produttori, rivenditori e distributori di musica e media, a livello nazionale e internazionale, tra cui: Entertainment Retail Group, HMV UK, EMI, MBL Group e Sony Music. L evoluzione dei comportamenti d acquisto, nuovi modelli distributivi e i progressi tecnologici come la digitalizzazione e i contenuti online hanno generato una maggiore complessità nella Supply Chain: la nostra soluzione è estremamente efficace nel cogliere e gestire i diversi segnali di domanda. I progetti gestiti con TXTPERFORM comprendono aspetti di pianificazione della domanda cruciale in un contesto caratterizzato da innovazione rapida e in cui il 75% delle vendite si realizzano tipicamente nelle prime 3 settimane dal lancio del prodotto pianificazione degli acquisti e processi avanzati di sales and operation planning, fino ad aspetti di VMI (Vendor Managed Inventory) e riapprovvigionamento con la gestione di decine di migliaia di articoli. Nel 2011 sono stati firmati importanti contratti di vendita di licenze del software TXTPERFORM nel settore moda/lusso tra cui Stefanel, Kenzo e nel settore food and beverage, tra cui Greencore (UK). Sono proseguiti, attraverso il lancio di nuove soluzioni, i rapporti avviati con importanti clienti delle soluzioni TXTPERFORM, tra cui Louis Vuitton (F), Auchan (F), Eckes-Granini (F), Carphone Warehouse (UK), Westmill Foods (UK), Games Stores (UK), Vogele (D), Tom Tailor (D), Daimler (D), Gerry Weber (D), Uvex Safety Textiles (D), Manor AG (CH), Brembo (I), Conad (I), Kraft Foods (I), Geox (I), Desigual (S). Nel corso del 2011 oltre 40 progetti sono andati live con altrettanti clienti, vecchi e nuovi. TXT Next I ricavi relativi all area di business TXT Next sono stati di 17,5 milioni, con un incremento di 2,6 milioni rispetto al Di tale crescita 1,6 milioni sono dovuti allo sviluppo delle attività per clienti operanti nella difesa e spazio ( Aerospace & Defence ) e bancario ( Banking & Finance ), pari a +12% e 1,0 milioni al contributo delle attività di Ricerca Corporate che, a partire dall uscita del gruppo TXT del business Polymedia dal , vengono ora consolidati nella divisione TXT Next. Il Margine lordo è cresciuto da 5,1 milioni a 6,6 milioni, grazie al contributo delle attività di Ricerca Corporate e all aumento dei volumi. TXT NEXT offre alle più importanti aziende europee un portafoglio specializzato e innovativo di servizi di system integration e di Information Technology, in particolare nei settori: Aerospace & Defence e High Tech Manufacturing Banking & Finance TXT NEXT si caratterizza per la capacità di ascoltare il cliente e creare, a partire dalle sue esigenze, soluzioni tecnologiche di assoluta avanguardia in cui il focus sono il business e le imprese e dove la tecnologia gioca il ruolo di fattore abilitante per il business. Forte è l attenzione verso software e sistemi mission critical e software embedded ad alta affidabilità. Per le aziende del settore aerospaziale, TXT è un partner qualificato nella progettazione e sviluppo di prodotti, sistemi e componenti avionici, oltre che nella messa in esercizio di innovativi sistemi di gestione della produzione aeronautica. L offerta per banche e finanza si focalizza su: Enterprise Portals Credito (Mutui, Credito al consumo) Soluzioni di Front End Multicanale Business Intelligence & Performance Management Sistemi di IT governance e testing di applicazioni software business critical Alla base dell offerta la grande esperienza applicativa maturata in oltre vent anni di attività a fianco di aziende leader, oltre che una profonda conoscenza delle metodologie di progettazione e sviluppo del software. A queste 14

15 si affiancano partnership strategiche con Microsoft e HP. TXT Polymedia I ricavi dell area di business TXT Polymedia, compresi nei risultati gestionali del gruppo TXT fino alla data della cessione delle azioni Polymedia SpA del sono stati di 7,6 milioni. Il margine lordo è stato di 3,3 milioni. Con la cessione del business Polymedia a Kit Digital il gruppo TXT è uscito completamente dal segmento delle soluzioni multicanale per la gestione on-line di contenuti digitali e di video destinati a clienti dei settori media e telecomunicazioni. I risultati gestionali di TXT, riclassificati per linee di business sino al margine lordo, sono riportati di seguito: 15

16 TXT PERFORM (in migliaia di Euro) 2011 % 2010 % VAR 11/10 RICAVI , ,0 4,4 Licenze e manutenzioni , ,7 2,6 Servizi , ,1 4,0 Progetti e altri ricavi 686 3, ,2 48,5 COSTI DIRETTI , ,0 (2,7) MARGINE LORDO , ,0 9,6 TXT NEXT (in migliaia di Euro) 2011 % 2010 % VAR 11/10 RICAVI , ,0 17,6 Licenze e manutenzioni 191 1, ,3 (3,0) Servizi , ,9 7,7 Progetti e altri ricavi , ,8 24,5 COSTI DIRETTI , ,7 11,1 MARGINE LORDO , ,3 30,1 TXT POLYMEDIA* (in migliaia di Euro) 2011* % 2010* % VAR 11/10 RICAVI , ,0 (58,6) Licenze e manutenzioni 529 6, ,5 (69,6) Servizi , ,0 7,0 Progetti e altri ricavi , ,5 (80,7) COSTI DIRETTI , ,5 (59,4) MARGINE LORDO , ,5 (57,4) * I risultati 2011 consolidano il contributo dell'attività Polymedia per 4,5 mesi, mentre nel 2010 per 12 mesi. TOTAL TXT (in migliaia di Euro) 2011 % 2010 % VAR 11/10 RICAVI , ,0 (13,3) Licenze e manutenzioni , ,4 (9,4) Servizi , ,9 5,6 Progetti e altri ricavi , ,7 (34,6) COSTI DIRETTI , ,7 (18,7) MARGINE LORDO , ,3 (7,1) 16

17 ATTIVITA DI RICERCA E SVILUPPO E continuato il forte impegno in ricerca e sviluppo per il miglioramento continuo dei prodotti esistenti e lo sviluppo di nuove soluzioni applicative. Complessivamente la spesa in ricerca e sviluppo nel 2011 è stata di 4,6 milioni, sostanzialmente allineata al 2010 normalizzato. L incidenza sui ricavi è stata del 9,8%. I costi di ricerca e sviluppo spesati a conto economico nel 2011 sono stati di 3,3 milioni, in crescita del +13,2% rispetto ai 2,9 milioni del Sostanzialmente dello stesso importo sono calati i costi capitalizzati da 1,7 milioni a 1,3 milioni (pari al 28% del totale di spesa). L approccio delle attività di ricerca e sviluppo di TXT Perform è quello della massima integrazione con la tecnologia Microsoft, di cui TXT è partner tecnologico e l integrazione del mondo Supply Chain Intelligence con il mondo Supply Chain Planning. I problemi e le nuove sfide che le aziende devono affrontare oggi, insieme ad una naturale convergenza tecnologica, stanno spingendo il mondo della Pianificazione (Planning) a diventare un tutt uno con il modo dell Analytics che tradizionalmente era confinato ad applicazioni di Business Intelligence. TXTPERFORM è un applicazione che integra le funzionalità business intelligence dei prodotti Microsoft in un potente motore di planning sviluppato sulla base della decennale esperienza TXT in materia. L offerta TXTPERFORM è articolata su due moduli: CDMi (Collaborative Demand Management & intelligence) e PDMi (Product Data Management & intelligence). L insieme dei due moduli CDMi e PDMi costituisce il core dell offerta PLM (Product Lifecycle Management) TXTPERFORM. L integrazione dei due moduli fornisce una soluzione altamente innovativa basata sulla completa integrazione del modo di budgeting / merchandise planning con il mondo dello sviluppo del prodotto. Le aziende del settore Fashion Retail sentono sempre di più l esigenza di disegnare prodotti in completo allineamento con la propria strategia di budget, minimizzando i costi di sviluppo di prodotti non in linea con tale strategia. Tale approccio consente anche una notevole riduzione dei tempi di sviluppo delle collezioni e quindi un migliore time to market. E un trend che si sta affermando in modo sempre più evidente, sino a passare dalle tradizionali due collezioni annue alle collezioni mensili e continue. TXTPERFORM è in grado di coprire pienamente questa esigenza supportandone tutti i processi di business interessati Le attività di Corporate Research riguardano i progetti di ricerca trasversali a tutto il gruppo TXT per la progettazione e realizzazione di prototipi dimostrativi innovativi, con lo scopo di innovare ed estendere gli attuali modelli di business, le tecnologie e più in generale la value-proposition di TXT, sia a livello Prodotti (TXTPerform), sia a livello Soluzioni (TXTNext). Sono state identificate e sviluppate nuove tecnologie ed applicazioni, con lo scopo di trasferire tale conoscenza come competenza strategica alle Business Unit di TXT per il vantaggio competitivo dell azienda sui mercati internazionali. CAPITALE INVESTITO Il Capitale Investito al 31 dicembre 2011 era pari a 7,8 milioni, con un importante riduzione di 8,6 milioni rispetto al dovuta per 6,6 milioni alla cessione del business Polymedia e per 2,0 milioni alla svalutazione di immobilizzazioni. Il Capitale immobilizzato si è ridotto di 6,6 milioni, di cui 2,0 milioni per effetto della cessione Polymedia, di cui 1,6 milioni per il goodwill dell acquisizione Logilab e delle spese di ricerca e sviluppo capitalizzate. Nel corso 2011 le nuove capitalizzazioni dei costi di ricerca e sviluppo ( 1,3 milioni), sono state inferiori ai costi sostenuti per ammortamenti delle spese capitalizzate negli anni scorsi ( 3,0 milioni), riducendo le attività immateriali immobilizzate, così come la prudenziale svalutazione per 1,6 milioni di alcune spese di ricerca e sviluppo capitalizzate negli anni scorsi ed ora riviste alla luce dell evoluzione nel 2011 del mercato e della concorrenza. 17

18 Sono stati svalutati anche cespiti obsoleti per 0,3 milioni, relativi a macchine elettroniche e arredamenti smaltiti. Il capitale circolante netto si è ridotto da 6,6 milioni a 3,5 milioni, con una flessione di 3,1 milioni, principalmente dovuta alla cessione Polymedia. Le rimanenze si riferiscono alla maturazione dello stato avanzamento commesse nei confronti dei clienti. I debiti per Trattamento di Fine Rapporto dei dipendenti italiani e altre passività non correnti si sono ridotti di 1,1 milioni, dovuti alla cessione Polymedia e alla variazione delle passività per imposte differite. I dettagli sono mostrati nella seguente tabella: CAPITALE INVESTITO (in migliaia di euro) Total 31/12/ /12/ /09/2011 Variazione Immobilizzazioni immateriali (4.965) Immobilizzazioni materiali nette (709) Altre attività immobilizzate (919) Capitale Immobilizzato (6.593) Rimanenze (132) Crediti commerciali (6.934) Crediti vari e altre attività a breve Debiti commerciali (2.291) (3.255) 964 (3.381) Debiti per imposte (1.236) (1.991) 755 (1.471) Debiti vari e altre passività a breve (8.766) (10.368) (8.333) Capitale circolante netto (3.179) TFR e altre passività non correnti (3.412) (4.527) (3.921) Capitale investito (8.657) Patrimonio netto Liquidità finanziaria netta (12.489) (657) (11.832) (23.163) Capitale investito (8.657) Il patrimonio netto consolidato era pari a 20,3 milioni, in crescita di 3,2 milioni rispetto al del , per effetto del risultato netto dell esercizio di 14,2 milioni, al netto della distribuzione di dividendi di 10,3 milioni e di acquisti di azioni proprie per 1,4 milioni. Nel corso dell ultimo trimestre del 2011 sono state emesse n azioni a fronte dell esercizio dei diritti di opzione assegnati nel 2008 con il piano di stock option a favore di amministratori esecutivi e dirigenti della 18

19 società. La posizione finanziaria netta consolidata al 31 dicembre 2011 era positiva per 12,5 milioni, essenzialmente per effetto dell incasso del prezzo della vendita del business Polymedia e al netto del dividendo distribuito di 10,3 milioni. E così composta: Cassa e banche attive di 14,2 milioni includono i corrispettivi ricevuti in contanti da KIT Digital, investiti in depositi bancari a breve termine in Euro e le giacenze di liquidità per la gestione operativa; Titoli negoziabili di 0,2 milioni includono gli investimenti di liquidita a breve delle a controllata tedesca. Crediti finanziari a breve di 2,0 milioni sono costituiti da azioni ordinarie di KIT Digital depositate in un escrow account a breve termine a garanzia delle rappresentazioni contrattuali prestate a KIT Digital nell ambito della cessione di Polymedia. Le azioni sono valorizzate a 8,45$ per azione; I debiti verso banche a breve termine di (1,8) milioni sono costituti dalle rate in scadenza entro i 12 mesi dei finanziamenti a medio-lungo termine; I debiti verso banche scadenti oltre i 12 mesi di (2,2) milioni sono costituti da finanziamenti a medio e lungo termine principalmente concessi a tassi agevolati a fronte di attività di ricerca e sviluppo finanziata. Posizione finanziaria netta 31/12/ /12/2010 Var 30/09/2011 (in migliaia di euro) (a) (b) (a-b) Cassa e banche attive Titoli negoziabili Crediti finanziari a breve Debiti verso banche a breve (1.757) (2.104) 347 (1.958) Posizione finanziaria a breve termine Debiti verso banche scadenti oltre 12 mesi (2.155) (3.870) (2.625) Totale posizione finanziaria netta DIPENDENTI Al 31 dicembre 2011 i dipendenti del gruppo erano 404 persone rispetto alle 560 persone al La variazione di 156 persone è interamente dovuta alla cessione del business Polymedia (163 persone uscite dal gruppo TXT). ANDAMENTO DEL TITOLO TXT E AZIONI PROPRIE Nel 2011 il titolo TXT e-solutions ha registrato un prezzo ufficiale massimo di 14,15 l 8 dicembre 2011 ed un minimo di 5,37 il 6 gennaio Al 31 dicembre 2011 il titolo quotava 8,50. Nel 2011 i volumi di scambio dei titoli TXT sono stati pari ad una media giornaliera di azioni. Il ritorno complessivo per gli azionisti TXT nel 2011 è stato del 120%, grazie sia alla crescita delle quotazioni che alla distribuzione di un dividendo straordinario di 4 per azione, pagato a metà dicembre. La performance è risultata fra le migliori del listino di Borsa Italiana, in un anno in cui l indice FTSE IT Small Cap ha perso il -34% e il FTSE Tecnologici il -39%. Anche i volumi giornalieri di scambi di azioni TXT sono significativamente aumentati, da poche migliaia di azioni a inizio anno, fino a superare anche molto significativamente le azioni giornaliere a fine

20 Nel corso del 2011 TXT ha inaugurato nuove forme di comunicazione diretta con gli investitori, in particolare attraverso il TXTinvestor Club. Con tale iniziativa si intende comunicare con tutto il mercato in modo sempre più completo e tempestivo, e dare particolare attenzione agli Azionisti e Investitori Privati. Per rimanere aggiornati in modo regolare e tempestivo sugli sviluppi della Società è stato aperto un nuovo canale di comunicazione tramite mail a cui tutti possono iscriversi, in modo da ricevere, oltre ai comunicati stampa, specifiche comunicazioni indirizzate ad Investitori e Azionisti. Nel corso del 2011 sono state acquistate azioni proprie ad un prezzo medio di 9,51 Alla data del 31 dicembre 2011 TXT detiene un totale di n azioni proprie, pari al 7,61% del totale delle azioni emesse. L ultima assemblea degli azionisti del 20 aprile 2011 ha rinnovato l autorizzazione all acquisto di azioni proprie fino ad un massimo di azioni, tali da non eccedere il 10% del capitale. ANALISI QUARTO TRIMESTRE 2011 L analisi dei risultati del quarto trimestre 2011 è riportata nella seguente tabella: CONTO ECONOMICO GESTIONALE QUARTO TRIMESTRE al 31 Dicembre 2011 e 2010 (in migliaia di Euro) Q % Q % Q % Variance 11/10% STORICO NORMALIZZATO* STORICO NORMALIZ- ZATO* RICAVI , , ,0 (29,6) 1,2 Costi diretti , , ,5 (36,4) (2,1) MARGINE LORDO , , ,5 (21,6) 4,5 Costi di Ricerca e Sviluppo , , ,7 (3,9) 31,1 Costi Commerciali , , ,1 (33,3) (18,6) Costi Generali & Amministrativi , , ,1 (14,4) 7,1 UTILE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 681 6, , ,6 (18,1) 92,4 Ammortamenti e svalutazioni , , ,7 (1,2) 9,1 UTILE OPERATIVO (EBIT) (362) (3,6) (225) (1,6) (602) (6,1) n.s. n.s. Proventi (oneri) finanziari (78) (0,8) (47) (0,3) (28) (0,3) n.s. n.s. UTILE PRIMA DELLE IMPOSTE (EBT) (440) (4,4) (272) (1,9) (630) (6,4) n.s. n.s. Imposte 88 0, , ,0 n.s. n.s. UTILE NETTO GESTIONE CORRENTE (352) (3,5) 82 0,6 (334) (3,4) n.s. n.s. Minusvalenza su azioni KIT Digital 254 2, Plusvalenza netta Polymedia (346) (3,5) Svalutazioni immobilizzazioni (1.945) (19,5) UTILE NETTO (2.389) (23,9) 82 0,6 (334) (3,4) n.s. n.s. * Al fine di agevolare la comparabilità con lo scorso esercizio, i valori del quarto trimestre 2010 sono stati "normalizzati" per escludere l'attività Polymedia. 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013 Relazione sul governo societario e sugli assetti proprietari 2013 Relazione al 21 marzo 2014 relativa all esercizio 2013 (ai sensi dell art 123-bis TUIF - modello di amministrazione e controllo tradizionale)

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli