ART. 186 C.D.S. SINTESI DELLE PROCEDURE OPERATIVE ALLA LUCE DELLA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA. Maurizio Marchi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ART. 186 C.D.S. SINTESI DELLE PROCEDURE OPERATIVE ALLA LUCE DELLA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA. Maurizio Marchi"

Transcript

1 ART. 186 C.D.S. SINTESI DELLE PROCEDURE OPERATIVE ALLA LUCE DELLA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA Maurizio Marchi Comandate Corpo P.M. Gambettola SESSIONE SPECIALE SULPM Mercoledì 17 Settembre, pomeriggio

2 1 Art Guida sotto l'influenza dell'alcool tra sintomatico, confisca e rifiuti Marchi Maurizio Comandante Polizia Municipale Gambettola E uno dei reati che ha subito le maggiori modifiche negli ultimi anni. Intanto prima del 13 agosto 2003 la competenza ad irrogare la pena era del Giudice di Pace mentre ora è competente il tribunale. Ma vediamo di approfondire la questione in una sorta di domanda e risposta Competenza: Maggiorenni: Tribunale Minori di anni 18: Tribunale per i Minori Altre segnalazioni Alla Prefettura con trasmissione patente ritirata Alla D.T.T. (ex MCTC) per la revisione della patente di guida Qual è il tasso alcoolemico? Chi conduce un veicolo è considerato in stato di ebbrezza qualora risulti un valore corrispondente ad un tasso alcoolemico superiore a 0,5 grammi per litro (g/l). Lo stabilisce il comma 6 dell articolo 186 cds Attenzione però! L articolo 186 comma due distingue tre fasce sanzionatorie e precisamente alle lettere: a) qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro (g/l) b) qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l) c) qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (g/l) Conseguenze pratiche su strada Al fine di acquisire elementi utili per motivare l obbligo di sottoposizione agli accertamenti previsti dal comma 4 dell articolo 186, gli organi di polizia stradale, secondo le direttive fornite dal Ministero dell Interno, nel rispetto della riservatezza personale e senza pregiudizio per l integrità fisica, possono sottoporre i conducenti ad accertamenti qualitativi non invasivi o a prove, anche attraverso apparecchi portatili. A chi può essere chiesto di sottoporsi alla prova per l accertamento del tasso alcoolemico? A chiunque conduce un veicolo (non necessariamente a motore): il primo comma dell articolo 186 parla infatti di divieto di guidare in stato di ebbrezza. Che cosa è un veicolo? È spiegato nell articolo 46 del cds dove si dice che si intendono per veicoli tutte le macchine di qualsiasi specie, che circolano sulle strade guidate dall'uomo. Non rientrano nella definizione di veicolo quelle per uso di bambini o di invalidi, anche se asservite da motore, purchè non superino determinati limiti indicati nel regolamento di esecuzione. È possibile richiedere ad un passeggero di sottoporsi alla prova alcoolemica? No in quanto la norma è rivolta solamente a chi guida un veicolo E se il conducente si sta esercitando alla guida con persona al suo fianco in funzione di istruttore? In questo caso è possibile sottoporre qualora ne ricorrano le condizioni a prova alcolemica entrambi: il conducente in quanto guida un veicolo

3 2 il passeggero anteriore in quanto come istruttore deve, a tutti gli effetti, vigilare sulla marcia del veicolo, intervenendo tempestivamente ed efficacemente in caso di necessità. Nel caso di superamento dei limiti alcoolemici però: se è il conducente a superare i limiti, questi risponderà del reato previsto dall articolo 186 cds. se è il passeggero a superarli, quest ultimo non risponderà di alcun reato, ma il conducente sarà sanzionabile in via amministrativa come se si stesse esercitando senza avere al fianco istruttore in quanto accompagnato da persona non idonea a tale funzione (in pratica sanzione amministrativa e fermo amministrativo del veicolo per tre mesi) Se si resta coinvolti in un incidente stradale? Indipendentemente dall eventuale responsabilità nell evento, se il conducente si rivolge per le cure ad una struttura sanitaria, l'accertamento del tasso alcolemico viene effettuato, su richiesta degli organi di polizia stradale di cui all'articolo 12, commi 1 e 2, da parte delle strutture sanitarie di base o di quelle accreditate o comunque a tali fini equiparate. Le strutture sanitarie rilasciano agli organi di polizia stradale la relativa certificazione, estesa alla prognosi delle lesioni accertate, assicurando il rispetto della riservatezza dei dati in base alle vigenti disposizioni di legge (come previsto dall articolo 186/5). Se non si rivolge a struttura sanitaria per le cure, può comunque essere sottoposto a prova alcoolemica come stabilito dal comma 4 dell articolo 186 cds Riepilogando, quando gli organi di polizia stradale possono invitare una persona a sottoporsi a prova alcoolemica? In tre casi: 1. quando gli accertamenti qualitativi di cui al comma 3 hanno dato esito positivo; 2. in ogni caso d incidente; quando si abbia motivo di ritenere che il conducente del veicolo si trovi in stato di alterazione psicofisica derivante dall'influenza dell'alcool, anche accompagnandolo presso il più vicino ufficio o comando. Dove può essere effettuata la prova alcoolemica? Quella con gli strumenti anche portatili propedeutica a quella ufficiale ovunque e pertanto anche su strada, purchè nel rispetto delle riservatezza personale e senza pregiudizio per l integrità fisica. Quella con gli strumenti e procedure previsti dal regolamento (in pratica con l etilometro), anche accompagnandolo presso il più vicino ufficio o comando. Presso le strutture sanitarie in caso di incidente stradale se la persona è stata sottoposta a cure mediche Quali le conseguenze per chi conduce veicoli qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro (g/l)? ammenda da euro 500 a euro 2000 (ammessa pertanto oblazione) sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da tre a sei mesi Come previsto dall articolo 223 cds, l'agente od organo accertatore della violazione ritira immediatamente la patente e la trasmette, unitamente al rapporto, entro dieci giorni, tramite il proprio comando o ufficio, alla prefettura del luogo della commessa violazione Il prefetto, ricevuti gli atti, dispone la sospensione provvisoria della validità della patente di guida.

4 3 Se il ritiro immediato non è possibile, per qualsiasi motivo, il verbale di contestazione è trasmesso, senza indugio, al prefetto che ordina all'autore della violazione di consegnare la patente entro cinque giorni dalla comunicazione dell'ordinanza, presso il proprio ufficio Il veicolo, qualora non possa essere guidato da altra persona idonea, può essere fatto trainare fino al luogo indicato dall'interessato o fino alla più vicina autorimessa e lasciato in consegna al proprietario o gestore di essa con le normali garanzie per la custodia Per la violazione è prevista la DECURTAZIONE DI PUNTI 10. Per le patenti rilasciate successivamente al 1º ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio Trattandosi di violazione che comporta la sospensione o revoca della patente, non è applicabile il disposto dell articolo 126 bis comma 1 bis sulla decurtazione massima di quindici punti nel caso di più violazioni accertate contemporaneamente. Con l ordinanza con la quale viene disposta la sospensione della patente, il prefetto ordina che il conducente si sottoponga a visita medica ai sensi dell'articolo 119, comma 4, che deve avvenire nel termine di sessanta giorni. Qualora il conducente non vi si sottoponga entro il termine fissato, il prefetto può disporre, in via cautelare, la sospensione della patente di guida fino all'esito della visita medica Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale, le pene di cui al comma 2) sono raddoppiate ed e' disposto il fermo amministrativo del veicolo per novanta giorni ai sensi del Capo I, sezione II, del titolo VI, salvo che il veicolo appartenga a persona estranea al reato. E' fatta salva in ogni caso l'applicazione delle sanzioni accessorie previste dagli articoli 222 e 223 Non è esclusa la possibilità di accertamento di reato per guida in stato di ebbrezza con accertamento sintomatico (cioè con la descrizione dei sintomi da parte degli operatori di polizia stradale che procedono). In questo caso però Nel caso di accertamento sintomatico la pena sarà però quella della (omissis) fattispecie meno grave, quella di cui al secondo comma lett. a) dell'art. 186 Cod. Strad., imponendosi per le ipotesi più gravi l'accertamento tecnico del livello effettivo di alcol nel sangue (omissis). Cassazione penale Sezione Quarta Penale Sentenza n del 11 aprile depositata il 15 maggio 2008 Se il veicolo utilizzato è un ciclomotore oppure un motoveicolo, è prevista la confisca per effetto dell'articolo 213 comma 2-sexies del vigente cds. (omissis) È sempre disposta la confisca del veicolo in tutti i casi in cui un ciclomotore o un motoveicolo sia stato adoperato per commettere un reato, sia che il reato sia stato commesso da un conducente maggiorenne, sia che sia stato commesso da un conducente minorenne (omissis) con conseguente necessità di sequestro amministrativo. Sulla questione è intervenuta la Corte Costituzionale che - con SENTENZA N. 345 anno con riferimento all'articolo 213 cds ha ritenuto non fondata la questione di legittimità costituzionale della confisca del ciclomotore o motoveicolo utilizzato per commettere reato, specificando che appare applicabile anche nella fattispecie della guida in stato di ebbrezza. 1 Se il veicolo condotto è un ciclomotore è possibile il ritiro della patente di guida o del certificato di idoneità alla guida, come precisato con circolare Circolare Ministero dell'interno - Dip. affari interni e territoriali 20/2/2007 n. 6 prot.m/2413/5 2 Quali le conseguenze per chi conduce veicoli qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l)? l'ammenda da euro 800 a euro e l'arresto fino a sei mesi (non è pertanto ammessa oblazione

5 4 sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno Come previsto dall articolo 223 cds, l'agente od organo accertatore della violazione ritira immediatamente la patente e la trasmette, unitamente al rapporto, entro dieci giorni, tramite il proprio comando o ufficio, alla prefettura del luogo della commessa violazione Il prefetto, ricevuti gli atti, dispone la sospensione provvisoria della validità della patente di guida. Se il ritiro immediato non è possibile, per qualsiasi motivo, il verbale di contestazione è trasmesso, senza indugio, al prefetto che ordina all'autore della violazione di consegnare la patente entro cinque giorni dalla comunicazione dell'ordinanza, presso il proprio ufficio Il veicolo, qualora non possa essere guidato da altra persona idonea, può essere fatto trainare fino al luogo indicato dall'interessato o fino alla più vicina autorimessa e lasciato in consegna al proprietario o gestore di essa con le normali garanzie per la custodia Per la violazione è prevista la DECURTAZIONE DI PUNTI 10. Per le patenti rilasciate successivamente al 1º ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio Trattandosi di violazione che comporta la sospensione o revoca della patente, non è applicabile il disposto dell articolo 126 bis comma 1 bis sulla decurtazione massima di quindici punti nel caso di più violazioni accertate contemporaneamente. Con l ordinanza con la quale viene disposta la sospensione della patente, il prefetto ordina che il conducente si sottoponga a visita medica ai sensi dell'articolo 119, comma 4, che deve avvenire nel termine di sessanta giorni. Qualora il conducente non vi si sottoponga entro il termine fissato, il prefetto può disporre, in via cautelare, la sospensione della patente di guida fino all'esito della visita medica Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale, le pene di cui al comma 2) sono raddoppiate ed e' disposto il fermo amministrativo del veicolo per novanta giorni ai sensi del Capo I, sezione II, del titolo VI, salvo che il veicolo appartenga a persona estranea al reato. E' fatta salva in ogni caso l'applicazione delle sanzioni accessorie previste dagli articoli 222 e 223 Non è esclusa la possibilità di accertamento di reato per guida in stato di ebbrezza con accertamento sintomatico (cioè con la descrizione dei sintomi da parte degli operatori di polizia stradale che procedono). In questo caso però Nel caso di accertamento sintomatico la pena sarà però quella della (omissis) fattispecie meno grave, quella di cui al secondo comma lett. a) dell'art. 186 Cod. Strad., imponendosi per le ipotesi più gravi l'accertamento tecnico del livello effettivo di alcol nel sangue (omissis). Cassazione penale Sezione Quarta Penale Sentenza n del 11 aprile depositata il 15 maggio 2008 Se il veicolo utilizzato è un ciclomotore oppure un motoveicolo, è prevista la confisca per effetto dell'articolo 213 comma 2-sexies del vigente cds. (omissis) È sempre disposta la confisca del veicolo in tutti i casi in cui un ciclomotore o un motoveicolo sia stato adoperato per commettere un reato, sia che il reato sia stato commesso da un conducente maggiorenne, sia che sia stato commesso da un conducente minorenne (omissis) con conseguente necessità di sequestro amministrativo. Sulla questione è intervenuta la Corte Costituzionale che - con SENTENZA N. 345 anno con riferimento all'articolo 213 cds ha ritenuto non fondata la questione di legittimità costituzionale della confisca del ciclomotore o motoveicolo utilizzato per commettere reato, specificando che appare applicabile anche nella fattispecie della guida in stato di ebbrezza. 3 Se il veicolo condotto è un ciclomotore è possibile il ritiro della patente di guida o del certificato di idoneità alla guida, come precisato con circolare Circolare Ministero dell'interno - Dip. affari interni e territoriali 20/2/2007 n. 6 prot.m/2413/5 4

6 Quali le conseguenze per chi conduce veicoli qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (g/l)? ammenda da euro a euro 6.000, l'arresto da tre mesi ad un anno (non è pertanto consentita oblazione) sanzione amministrativa accessoria della sospensione patente di guida da uno a due anni se la violazione è commessa dal conducente di un autobus o di un veicolo di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, ovvero di complessi di veicoli, con la sentenza di condanna è disposta la revoca della patente di guida Con la sentenza di condanna ovvero di applicazione della pena a richiesta delle parti, anche se è stata applicata la sospensione condizionale della pena, è sempre disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato ai sensi dell articolo 240, secondo comma del codice penale, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato. Trattasi di un sequestro effettuato ai sensi dell art. 321 cpp che non può MAI essere effettuato da un agente di PG (si rimanda alla tabella più avanti) il veicolo sottoposto a sequestro può essere affidato in custodia al trasgressore, salvo che risulti che abbia commesso in precedenza altre violazioni della disposizione di cui alla presente lettera Come previsto dall articolo 223 cds, l'agente od organo accertatore della violazione ritira immediatamente la patente e la trasmette, unitamente al rapporto, entro dieci giorni, tramite il proprio comando o ufficio, alla prefettura del luogo della commessa violazione Il prefetto, ricevuti gli atti, dispone la sospensione provvisoria della validità della patente di guida. Se il ritiro immediato non è possibile, per qualsiasi motivo, il verbale di contestazione è trasmesso, senza indugio, al prefetto che ordina all'autore della violazione di consegnare la patente entro cinque giorni dalla comunicazione dell'ordinanza, presso il proprio ufficio L articolo 186 comma 2 lettera c) prevede che il veicolo possa essere affidato esclusivamente al TRASGRESSORE. Ne consegue che, non essendo al momento dell accertamento del reato idoneo alla custodia (alcool terza fascia), il veicolo sarà SEMPRE affidato a depositeria per eventuale SUCCESSIVA variazione custodia. Trattandosi di sequestro PENALE, la variazione di custodia può essere concessa/disposta solo dall autorità giudiziaria, restando pertanto esclusa la possibilità di cambio custodia su iniziativa da parte di agenti/ufficiali di PG Per la violazione è prevista la DECURTAZIONE DI PUNTI 10. Per le patenti rilasciate successivamente al 1º ottobre 2003 a soggetti che non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti sono raddoppiati qualora le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio Trattandosi di violazione che comporta la sospensione o revoca della patente, non è applicabile il disposto dell articolo 126 bis comma 1 bis sulla decurtazione massima di quindici punti nel caso di più violazioni accertate contemporaneamente. Con l ordinanza con la quale viene disposta la sospensione della patente, il prefetto ordina che il conducente si sottoponga a visita medica ai sensi dell'articolo 119, comma 4, che deve avvenire nel termine di sessanta giorni. Ai sensi dell articolo 186/9, avendo accertato un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro, ferma restando l'applicazione delle sanzioni di cui ai commi 2 e 2- bis, il prefetto, in via cautelare, dispone la sospensione della patente fino all'esito della visita medica di cui al comma 8 Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale, le pene di cui al comma 2) sono raddoppiate ed e' disposto il fermo amministrativo del veicolo per novanta giorni ai sensi del Capo I, sezione II, del titolo VI, salvo che il veicolo appartenga a persona 5

7 6 estranea al reato. E' fatta salva in ogni caso l'applicazione delle sanzioni accessorie previste dagli articoli 222 e 223 Non è esclusa la possibilità di accertamento di reato per guida in stato di ebbrezza con accertamento sintomatico (cioè con la descrizione dei sintomi da parte degli operatori di polizia stradale che procedono). In questo caso però Nel caso di accertamento sintomatico la pena sarà però quella della (omissis) fattispecie meno grave, quella di cui al secondo comma lett. a) dell'art. 186 Cod. Strad., imponendosi per le ipotesi più gravi l'accertamento tecnico del livello effettivo di alcol nel sangue (omissis). Cassazione penale Sezione Quarta Penale Sentenza n del 11 aprile depositata il 15 maggio 2008 Se il veicolo utilizzato è un ciclomotore oppure un motoveicolo, è prevista la confisca per effetto dell'articolo 213 comma 2-sexies del vigente cds. (omissis) È sempre disposta la confisca del veicolo in tutti i casi in cui un ciclomotore o un motoveicolo sia stato adoperato per commettere un reato, sia che il reato sia stato commesso da un conducente maggiorenne, sia che sia stato commesso da un conducente minorenne (omissis) con conseguente necessità di sequestro amministrativo. Sulla questione è intervenuta la Corte Costituzionale che - con SENTENZA N. 345 anno con riferimento all'articolo 213 cds ha ritenuto non fondata la questione di legittimità costituzionale della confisca del ciclomotore o motoveicolo utilizzato per commettere reato, specificando che appare applicabile anche nella fattispecie della guida in stato di ebbrezza. 5 In questa ipotesi è necessario distinguere: se il veicolo NON è di proprietà del trasgressore, si procederà con il sequestro per la confisca ex articolo 213 cds (agente PG), se il veicolo E di proprietà del trasgressore, si procederà invece con il sequestro ex articolo 321 cpp (ufficiale PG) Se il veicolo condotto è un ciclomotore è possibile il ritiro della patente di guida o del certificato di idoneità alla guida, come precisato con circolare Circolare Ministero dell'interno - Dip. affari interni e territoriali 20/2/2007 n. 6 prot.m/2413/5 6 Rifiuto di sottoporsi alla prova con etilometro od altri strumenti stabiliti dal regolamento. Quali le conseguenze? Quella del rifiuto di sottoporsi alla prova alcolemica (così come quella del rifiuto alla prova stupefacenti) è una storia che parte da lontano. Fino ad alcuni anni fa la competenza penale era del Giudice di Pace, poi è passata al Giudice Monocratico del Tribunale e poi depenalizzata col decreto legge 117 dell estate Col decreto legge 92 del maggio scorso il comportamento di chi si rifiuta di sottoporsi alle prove previste dagli articoli 186 e/o 187 tornava fattispecie penale sanzionata, nel caso dell articolo 186 dal comma 7, mentre nel caso dell articolo 187 dal comma 8 che, per quanto concerne le sanzioni rimandava all articolo 186 comma 7. E evidente che, con la formulazione di maggio 2008 degli articoli 186 e 187 chi consapevole di essere in stato di forte ebbrezza oppure sotto l effetto di stupefacenti o sostanze psicotrope aveva convenienza a rifiutare la prova per non rischiare la confisca del veicolo A luglio 2008 la svolta! Con le modifiche apportate in sede di conversione del decreto legge (LEGGE 24 luglio 2008, n. 125 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92, recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica. (GU n. 173 del ) si prevede la confisca con conseguente applicazione del sequestro ex articolo 321 cpp anche per il rifiuto 7 di sottoporti alle prove previste dall articolo 186 cds (ad esclusione del caso in cui il veicolo non sia di proprietà del conducente 8 ). Anche nell ipotesi di rifiuto, qualora ricorrano i sintomi, non è esclusa la possibilità di accertamento di reato per guida in stato di ebbrezza con accertamento sintomatico (cioè con la descrizione dei sintomi da parte degli operatori di polizia stradale che procedono). In questo caso però Nel caso di accertamento sintomatico la pena sarà però quella della (omissis) fattispecie meno grave, quella di cui al secondo comma lett. a) dell'art. 186 Cod. Strad., imponendosi per le ipotesi più gravi l'accertamento tecnico del livello effettivo di alcol nel sangue (omissis). Cassazione penale Sezione Quarta Penale Sentenza n del 11 aprile depositata il 15 maggio In pratica nell ipotesi di rifiuto con accertamento sintomatico, il trasgressore risponderà delle violazioni previste e sanzionate dall articolo 186/7 (rifiuto) sanzionato dal comma 2 lettera C e dal comma 2 lettera A (per il sintomatico)

8 7 E obbligatorio sottoporre preventivamente la persona a prova veloce su strada? No. Si tratta di una possibilità per rendere più snello il lavoro degli organi di polizia stradale che possono così effettuare più controlli E obbligatorio sottoporre la persona a prova con etilometro? No. In quanto l accertamento del reato di guida in stato di ebbrezza può essere effettuato anche con descrizione dei sintomi da parte degli operatori di polizia stradale che procedono E prevista la sospensione della patente qualora il reato sia accertato alla guida di bicicletta? La sospensione della patente di guida è prevista solamente se necessaria per condurre il veicolo alla guida del quale è stato trovato il responsabile dell infrazione di guida in stato di ebbrezza e pertanto non può essere sospesa (e quindi ritirata) al conducente di veicolo per la guida del quale non necessita patente Per lo stesso principio non è prevista la decurtazione di punti E possibile disporre comunque la revisione della patente di guida della quale si è titolare. Questo perché il legislatore si è preoccupato di tutelare la sicurezza della circolazione prevedendo che può essere disposta la revisione della patente anche nei casi in cui la condotta di guida che ha ingenerato i dubbi si sia verificata conducendo un veicolo per il quale il titolo abilitativi alla guida non sia necessario.questo in quanto è sufficiente che il comportamento irregolare di guida dia adito ad incertezza logica in ordine all idoneità del conducente, nel senso che sussista la possibilità logica che siano venuti meno i requisiti psicofisici o l idoneità tecnica prescritti per il possesso della patente. Ne consegue che, mentre nei confronti di chi conduca in stato di ebbrezza da bevande alcoliche un veicolo per la guida del quale non è prevista patente alcuna, non può essere applicata la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, che presuppone un abuso dell autorizzazione amministrativa,, può essere disposta la revisione della patente di guida nei confronti di coloro che, pur conducendo un veicolo per il quale non è richiesto titolo autorizzatorio alla guida, sono titolari di patente di guida. Persona coinvolta in incidente stradale: possibile il rifiuto al prelievo e/o utilizzo del sangue? La Corte di Cassazione ha precisato che, mentre non è possibile obbligare un soggetto a farsi prelevare il sangue, è legittimo l'accertamento dello stato di ebbrezza eseguito tramite l'esame del sangue prelevato per finalità medico diagnostiche a seguito di sinistro 9. L affidamento del veicolo a seguito di accertamento reato articolo 186, fra requisiti, confisca amministrativa e confisca penale: come agire? Le modifiche apportate nell estate 2008, se da un lato non presentano particolari difficoltà interpretative dal punto di vista dell accertamento del reato (sia essa l ebbrezza nelle sue tre fasce oppure il rifiuto di sottoporti alle prove), si prestano però a rischi di errori applicativi da parte degli operatori di polizia al momento di decidere (in base a quanto stabilito dalla legge) la destinazione del veicolo che, a seconda dei casi e/o della tipologia può essere consegnato a persona idonea, affidato a depositeria, sottoposto a sequestro amministrativo ex articolo 213 cds, sottoposto a sequestro penale ex articolo 321 cpp. A complicare le cose poi il fatto che in alcuni casi è sufficiente la qualifica di agente, mentre in altri è invece necessaria la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria. Nell'intento di facilitare l'attività degli operatori su strada, è stata redatta questa tabella che, pur trattando solamente della guida in stato di ebbrezza, è facilmente adattabile anche alla guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope.

9 8 IPOTESI TIPO VEICOLO AFFIDAMENTO POSSIBILE? RIFERIMENTI ED ISTRUZIONI QUALIFICA NECESSARIA CICLOMOTORE MOTOCICLO MAI SEQUESTRO Arti. 213 cds PREVISTA CONFISCA Primi 30 gg obbligatoriamente in depositeria poi eventuale cambio custodia AGENTE ALCOL SINTOMATICO Articolo 186 comma 2 lettera A MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO ALTRO VEICOLO Anche NON a motore SE REPERITA PERSONA IDONEA SE REPERITA PERSONA IDONEA SEQUESTRO Arti. 213 cds PREVISTA CONFISCA Il veicolo può essere affidato all avente titolo purchè idoneo alla custodia e sobrio NON è necessario sia il trasgressore NESSUN PROVVEDIMENT O SUL VEICOLO Articolo 186/ 2 quinquies Salvo che non sia disposto il sequestro ai sensi del comma 2, il veicolo, qualora non possa essere guidato da altra persona idonea, può essere fatto trasportare fino al luogo indicato dall interessato o fino alla più vicina autorimesa e lasciato in consegna al proprietario o al gestore di essa con le normali garanzie per la custodia. Le spese per il recupero ed il trasporto sono interamento a carico del trasgressore. AGENTE AGENTE

10 9 ALCOL PRIMA FASCIA Articolo 186 comma 2 lettera A CICLOMOTORE MOTOCICLO MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO ALTRO VEICOLO Anche NON a motore MAI SE REPERITA PERSONA IDONEA SE REPERITA PERSONA IDONEA SEQUESTRO Arti. 213 cds PREVISTA CONFISCA NESSUN PROVVEDIMENTO SUL VEICOLO Primi 30 gg obbligatoriamente in depositeria poi eventuale cambio custodia Il veicolo può essere affidato all avente titolo purchè idoneo alla custodia e sobrio NON è necessario sia il trasgressore Articolo 186/ 2 quinquies Salvo che non sia disposto il sequestro ai sensi del comma 2, il veicolo, qualora non possa essere guidato da altra persona idonea, può essere fatto trasportare fino al luogo indicato dall interessato o fino alla più vicina autorimesa e lasciato in consegna al proprietario o al gestore di essa con le normali garanzie per la custodia. Le spese per il recupero ed il trasporto sono interamento a carico del trasgressore. AGENTE PG

11 10 ALCOL SECONDA FASCIA Articolo 186 comma 2 lettera B CICLOMOTORE MOTOCICLO MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO ALTRO VEICOLO Anche NON a motore MAI SE REPERITA PERSONA IDONEA SE REPERITA PERSONA IDONEA SEQUESTRO Arti. 213 cds PREVISTA CONFISCA NESSUN PROVVEDIMENTO SUL VEICOLO Primi 30 gg obbligatoriamente in depositeria poi eventuale cambio custodia Il veicolo può essere affidato all avente titolo purchè idoneo alla custodia e sobrio NON è necessario sia il trasgressore Articolo 186/ 2 quinquies Salvo che non sia disposto il sequestro ai sensi del comma 2, il veicolo, qualora non possa essere guidato da altra persona idonea, può essere fatto trasportare fino al luogo indicato dall interessato o fino alla più vicina autorimesa e lasciato in consegna al proprietario o al gestore di essa con le normali garanzie per la custodia. Le spese per il recupero ed il trasporto sono interamento a carico del trasgressore. AGENTE PG

12 11 ALCOL TERZA FASCIA Articolo 186 comma 2 lettera C CICLOMOTORE MOTOCICLO MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO MAI CONFISCA PENALE Articolo 321 cpp L articolo 186 comma 2 lettera c) prevede che il veicolo possa essere affidato esclusivamente al TRASGRESSORE. Ne consegue che, non essendo al momento dell accertamento del reato idoneo alla custodia (alcool terza fascia), il veicolo sarà SEMPRE affidato a depositeria per eventuale SUCCESSIVA variazione custodia. Trattandosi di sequestro PENALE, la variazione di custodia può essere concessa/disposta solo dall autorità giudiziaria, restando pertanto esclusa la possibilità di cambio custodia su iniziativa da parte di agenti/ufficiali di PG UFFICIALE PG

13 12 ALCOL RIFIUTO QUALSIASI MOTIVAZIONE (rifiuto seguito sospetto, rifiuto dopo positivo pre/test, rifiuto a segutio coinvolgimento in sinistro stradale, rifiuto struttura ospedaliera seguito cure conseguenti incidente stradale) Articolo 186 comma 7 sanzionato da articolo 186 comma 2 lettera C CICLOMOTORE MOTOCICLO MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO MOTOVEICOLO diverso dal MOTOCICLO MAI CONFISCA PENALE Articolo 321 cpp L articolo 186 comma 2 lettera c) prevede che il veicolo possa essere affidato esclusivamente al TRASGRESSORE. Ne consegue che, non essendo al momento dell accertamento del reato idoneo alla custodia (alcool terza fascia), il veicolo sarà SEMPRE affidato a depositeria per eventuale SUCCESSIVA variazione custodia. Trattandosi di sequestro PENALE, la variazione di custodia può essere concessa/disposta solo dall autorità giudiziaria, restando pertanto esclusa la possibilità di cambio custodia su iniziativa da parte di agenti/ufficiali di PG UFFICIALE PG

14 13 MODULISTICA: esempio - Il rifiuto di sottoporsi alle prove COMANDO OGGETTO: Verbale di sequestro preventivo, redatto ai sensi dell articolo 321, comma 3-bis c.p.p., del veicolo targato di proprietà di nato a ( ) il e residente a ( ) in via n., condotto da nato a ( ) il e residente a ( ) in via n. per il reato di cui all articolo del Codice della Strada. L anno, il giorno del mese di, alle ore il sottoscritto Ufficiale di Polizia Giudiziaria appartenente al Comando di dà atto di procedere al SEQUESTRO PREVENTIVO, ai sensi dell articolo 321, comma 3-bis c.p.p., del veicolo targato condotto da, meglio in oggetto generalizzato, per il reato di cui all articolo del Codice della Strada commesso alle ore del al km/cv di via località territorio del comune di ( ), Si applica la procedura del sequestro preventivo in in quanto: (barrare l ipotesi che ricorre) pericolo che la libera disponibilità del mezzo pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati prevista confisca per violazione art. 186/2 lettera C prevista confisca per violazione art. 186/7 sanzionato da art. 186/ 2 lettera C prevista confisca per violazione articolo 187/1 sanzionato da art. 186/2 lettera C prevista confisca per violazione articolo 187/8 8 sanzionato da art. 186/7 cds altro (1) All esecuzione del sequestro è presente/non è presente l avvocato del Foro di quale difensore di fiducia nominato dall indagato Il veicolo oggetto del sequestro viene affidato in custodia a presso in località ed assicurato con apposita segnalazione di sequestro penale Il custode viene avvertito dell obbligo di conservazione del veicolo nelle medesime condizioni in cui gli è stato affidato e delle conseguenze penali previste per chiunque disperde, distrugge, sottrae o utilizza senza autorizzazione, il bene che gli è stato affidato in custodia Il custode deve consentire che gli organi di Polizia possano verificare, in qualsiasi momento lo ritengano opportuno, anche accedendo alla sua proprietà privata, l osservanza degli obblighi di custodia di cui agli artt. 334 e 335 del Codice Penale Il presente verbale viene letto, confermato e sottoscritto dagli intervenuti alle ore IL CONDUCENTE IL CUSTODE I VERBALIZZANTI (1) = Descrivere il motivo per il quale si procede al sequestro preventivo del veicolo ai sensi dell articolo 321 c.p.p.

15 14 Rifiuto sottoporsi accertamento con etilometro nonostante ricorresse sospetto di assunzione di sostanze alcoliche 186 comma 2, 4 e 7 INTESTAZIONE DELL UFFICIO Verbale di elezione di domicilio, nomina del difensore, ricevuta della patente di guida e consegna del veicolo Anno giorno mese ora Al km della strada località Comune di Provincia di I sottoscritti Nel corso di servizio di è stato accertato quanto segue PERSONA SOTTOPOSTA AD ACCERTAMENTI Cognome e nome Nato/a a ( ) il Residente a ( ) in Patente categ. nr. rilasciata il Prefettura MCTC Nelle circostanze di tempo e di luogo di cui sopra, nell immediatezza del controllo del veicolo, condotto dal sopra nominato il quale ha violato l articolo 186 comma 2, 4 e 7 in quanto: Rifiuto di sottoporsi ad accertamento con etilometro nonostante ricorresse sospetto di assunzione di sostanze alcoliche in base ai seguenti elementi: ; noi sottoscritti Ufficiali/Agenti di PG diamo atto che lo stesso dichiara di eleggere il proprio domicilio legale in via telefono e di nominare [ ] difensore di fiducia [ ] difensore d ufficio (rich. Call Center nr. ): Avv.to del Foro di con studio in via telefono Si dà atto che la persona sottoposta alle indagini è stata invitata a dichiarare o eleggere il proprio domicilio per le notificazioni a norma dell'art.161 C.P.P. con avviso che deve comunicare ogni mutamento del domicilio dichiarato o eletto per le notificazioni e che in caso di mancanza, di insufficienza, di inidoneità della dichiarazione o della elezione, le successive notificazioni verranno eseguite nel luogo in cui l'atto è stato notificato ovvero, in mancanza di precedente notificazione, mediante consegna al difensore. Diamo atto altresì che [ ] si è proceduto [ ] non si è proceduto al ritiro della patente di guida di cui il nominato in oggetto risulta essere titolare per il successivo inoltro alla Prefettura di ai fini dell applicazione della sanzione accessoria di cui all art Per quanto concerne il veicolo si da atto che: Non essendo di proprietà del trasgressore è stato affidato in custodia al Sig. nato a in data e residente in via titolare di patente di cat. nr. la cui idoneità alla guida è stata verificata, che si impegna a condurre il veicolo in nome e per conto del conducente al medesimo conducente previa nuova verifica dei requisiti psico-fisici alle ore del che potrà condurlo fino a in custodia all impresa con deposito in via secondo le indicazioni fornite dallo stesso trasgressore con oneri e spese relative interamente a suo carico. Essendo di proprietà del conducente con atto a parte si è provveduto a sequestro ex articolo 321 cpp essendo prevista la confisca penale ai sensi articolo 186 comma 7 cds Diamo atto, infine, che il conducente è stato reso edotto della circostanza che per la violazione è prevista la decurtazione di punti dalla patente di guida e che è possibile inoltrare opposizione al provvedimento di sospensione della patente di guida al Giudice di Pace di entro 30 gg dalla data di notifica dello stesso. IL TRASGRESSORE IL CUSTODE GLI ACCERTATORI

16 15 Rifiuto di sottoporsi ad accertamento con etilometro nonostante ricorresse sospetto di assunzione di sostanze alcoliche 186 comma 2, 4 e 7 INTESTAZIONE DELL UFFICIO Prot., OGGETTO:, nato a, il,, residente a, Via, identificato con patente di guida categoria numero, rilasciata dalla Prefettura di, il, FATTI CONTESTATI: Articolo 186/2 4 e 7 sanzionato da articolo 186/2 cds Rifiuto di sottoporsi ad accertamento con etilometro nonostante ricorresse sospetto di assunzione di sostanze alcoliche PREFETTURA DIREZIONE TRASPORTI TERRESTRI Si trasmette per quanto di competenza l allegata patente di guida precisando che: L infrazione è stata accertata con le modalità indicate nell allegata relazione di servizio Come disposto dal dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell'interno, con circolare del 2 dicembre 2004, non è stato elevato il verbale di infrazione trattandosi di reato, ma solo compilato un verbale di ritiro patente Si precisa che, per quanto concerne il veicolo: Essendo di proprietà di persona diversa rispetto al conducente, è stato affidato in custodia a Essendo di proprietà del conducente è stato sottoposto a sequestro penale ex articolo 321 cpp essendo prevista confisca ai sensi articolo 186 comma 7 cds ALLEGATI: patente di guida (per la Prefettura) Verbale di elezione di domicilio, nomina del difensore, ricevuta della patente di guida e consegna del veicolo Relazione di servizio Il Comandante

17 16 Rifiuto di sottoporsi ad accertamento con etilometro nonostante ricorresse sospetto di assunzione di sostanze alcoliche 186 comma 2, 4 e 7 INTESTAZIONE DELL UFFICIO Prot., OGGETTO:, nato a, il,, residente a, Via, identificato con patente di guida categoria numero, rilasciata dalla Prefettura di, il, FATTI CONTESTATI: Articolo 186/2 4 e 7 sanzionato da articolo 186/2 cds Rifiuto di sottoporsi ad accertamento con etilometro nonostante ricorresse sospetto di assunzione di sostanze alcoliche PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO TRIBUNALE di Si trasmette per quanto di competenza la presente informativa precisando che: L infrazione è stata accertata con le modalità indicate nell allegata relazione di servizio Come disposto dal dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell'interno, con circolare del 2 dicembre 2004, non è stato elevato il verbale di infrazione trattandosi di reato, ma solo compilato un verbale di ritiro patente Si precisa che, per quanto concerne il veicolo: Essendo di proprietà di persona diversa rispetto al conducente, è stato affidato in custodia a Essendo di proprietà del conducente è stato sottoposto a sequestro penale ex articolo 321 cpp essendo prevista confisca ai sensi articolo 186 comma 7 cds ALLEGATI: relazione di servizio Verbale di elezione di domicilio, nomina del difensore, ricevuta della patente di guida e consegna del veicolo Originali documentazione rilasciata dalla struttura ospedaliera attestante il rifiuto Relazione sinistro stradale Verbale sequestro veicolo ex articolo 321 cpp qualora ne ricorra l ipotesi Il Comandante

18 17 Circolari di interesse tratte da 1. Art. 186 Codice della strada. Applicabilità dele sanzioni concernenti la patente di guida nei confronti dei cittadini stranieri 2. Revisione della patente ex artt. 126 bis e 128 del Codice della Strada. 3. Ulteriori disposizioni per l applicazione della disciplina della patente a punti. 4. Articoli 186 e 187 del Codice della Strada come modificati dalla Legge , n Applicazione artt. 186 e 187 Codice della Strada. Riduzione periodo validità patente. 6. Sanzioni amministrative per violazioni del Codice della Strada. Guida di ciclomotori in stato di ebbrezza ed in stato di alterazione psicofisica dovuta all'uso di sostanze stupefacenti e psicotrope. 7. Decreto Legge 3 agosto 2007 recante modifiche al Codice della Strada. Prime disposizioni operative per garantirne applicazione. 8. Modifiche al Codice della Strada. Decreto Legge 23 maggio 2008 n. 92. Articoli 186, 187, 189 e 222. Prime disposizioni operative. 9. Modifiche al Codice della Strada. 10. Decreto legislativo 30 aprile 1992, n Codice della strada. Artt. 223 e 224. Sospensione provvisoria della patente di guida. Ordinanze nn. 167, 168, 169, 170 della Corte Costituzionale. 11. Guida in stato di ebbrezza. Questione di legittimità costituzionale dell art. 186, comma 4, C.d.S Art. 128 del D.L.vo 285/92. Revisione della patente di guida. MINISTERO DELL'INTERNO DIREZIONE GENERALE PER L'AMMINISTRAZIONE GENERALE E PER GLI AFFARI DEL PERSONALE Ufficio studi e Ufficio del contenzioso Prot. M/2413/5 Roma, 4 settembre 2003 OGGETTO: Art. 186 Codice della strada. Applicabilità delle sanzioni concernenti la patente di guida nei confronti dei cittadini stranieri. Le misure, non strettamente sanzionatorie, previste dal Codice della strada in materia di limitazione della disponibilità e dell utilizzo dei documenti di guida, si applichino anche nei confronti dei cittadini stranieri non residenti in Italia. Senza un espressa previsione di legge che ne limiti il campo di applicazione, infatti, l art. 186, comma 8, C.d.s. deve ritenersi applicabile a qualsiasi trasgressore e quindi anche al cittadino straniero. Ciò in quanto gli adempimenti prescritti dalla norma possono essere considerati quali ulteriori conseguenze, diverse dalla sanzione accessoria vera e propria, riconducibili all accertamento della violazione. In altri termini, la violazione dell art. 186 C.d.s. (guida sotto l influenza dell alcool), modificato dalla legge 1 agosto 2003, n. 214, comporta l applicazione della pena principale e della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, unitamente all invito di sottoporsi a visita medica ai sensi dell art. 119, comma 4, C.d.s.. L esigenza di salvaguardia della sicurezza della circolazione stradale e della incolumità delle persone è stata pure avvertita dalla convenzione sulla circolazione stradale, firmata a Vienna l 8 novembre 1968 e ratificata dalla legge 5 luglio 1995, n L art. 42 del citato atto internazionale, riconosce, infatti, la possibilità di ritirare e di sospendere la patente straniera, che può essere restituita solo quando il trasgressore lasci il territorio nazionale. L allontanamento del cittadino straniero, pertanto, non fa venir meno l efficacia delle prescrizioni impartite dall autorità amministrativa, per cui al suo eventuale rientro nel territorio nazionale non potrà condurre veicoli senza aver ottemperato agli adempimenti previsti dall art. 186, comma 8, C.d.s.. IL DIRETTORE DELL UFFICIO Ubaldi

19 18 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione generale della motorizzazione e della sicurezza del trasporto terrestre Prot. n. 321/04 Roma, 24 marzo 2004 OGGETTO: Revisione della patente ex artt. 126 bis e 128 del Codice della Strada. Come è noto l articolo 7 del D.L.vo 15 gennaio 2002, n. 9, attraverso l inserimento dell articolo 126 bis nel decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, ha introdotto nel codice della strada, a decorrere dal 30 giugno c.a., la c.d. patente a punti, ossia l attribuzione alla patente di guida di un punteggio che subisce decurtazioni a seguito della violazione di alcune norme di comportamento e determina, al suo esaurimento, l obbligo a carico del titolare della patente stessa di sottoporsi a nuovo esame di idoneità tecnica (pena la sospensione a tempo indeterminato della patente stessa). Il citato articolo 126 bis disciplina compiutamente l iter procedimentale finalizzato alla annotazione nell Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida di ogni variazione del punteggio ed alla adozione dei provvedimenti conseguenti alla perdita totale del punteggio stesso. Codesti Uffici dispongono quindi, su comunicazione della citata Anagrafe, la revisione tecnica della patente nel caso di esaurimento del punteggio e sospendono poi a tempo indeterminato la patente di guida dei conducenti che non si sottopongano agli esami di idoneità tecnica nel termine stabilito (30 gg. dalla notifica del provvedimento). Entrambi tali provvedimenti (revisione e sospensione a tempo indeterminato) non sono suscettibili di impugnativa in sede gerarchica. II) Ciò premesso in ordine alla revisione tecnica ex articolo 126 bis ed avuto riguardo alla perdurante vigenza della revisione della patente disciplinata dall articolo 128 si ritiene opportuno richiamare l attenzione di codesti Uffici sul diverso presupposto e sulla diversa natura degli atti di cui trattasi. Il primo trova origine, salvo fattispecie particolari, in reiterate infrazioni alle norme del codice della strada e non comporta alcuna valutazione discrezionale: il legislatore stesso ha già preso in considerazione le singole infrazioni alle norme di comportamento e ne ha graduato la gravità ai fini della revisione tecnica, che deve essere disposta allorché il conducente ha perduto l intero punteggio sopra accennato. Il secondo invece trova il suo fondamento nei dubbi - sulla permanenza dei prescritti requisiti di idoneità - determinati da un comportamento gravemente irregolare, sintomatico di una insufficiente conoscenza delle norme che disciplinano la circolazione stradale ovvero di imperizia nella guida, ed è espressione di una valutazione discrezionale, da effettuarsi caso per caso. E evidente peraltro che non sempre le infrazioni alle norme di comportamento assumono la valenza sintomatica di cui sopra; e quindi l applicazione dell art. 128 richiede - come peraltro condiviso dal Ministero dell interno - la presenza di peculiari ulteriori elementi, che, adeguatamente esternati, giustifichino con chiarezza l insorgenza dei dubbi di cui sopra ed i motivi per cui nel caso specifico si renda necessario prescindere dalla perdita dell intero punteggio di cui al 126 bis e disporre l immediato invito a revisione. A tal fine potranno essere di ausilio, particolarmente significativo, eventuali considerazioni formulate in proposito dagli organi di polizia che hanno rilevato i comportamenti irregolari. Resta poi ferma la facoltà di utilizzare la norma di cui all articolo 128 con riguardo ai dubbi che possono insorgere da altre circostanze, non connesse con la violazione delle norme di comportamento (ad es. dall accertato mancato esercizio dell attività di guida per un lungo periodo di tempo). III) Dalla verifica dei requisiti di idoneità tecnica, disposta ai sensi dell art. 128, discende comunque la (ri)attribuzione dell intero punteggio iniziale (20 punti) al conducente riconosciuto idoneo e le infrazioni commesse precedentemente a detta verifica, in qualsiasi momento comunicate al Dipartimento per i trasporti terrestri (Anagrafe degli abilitati alla guida), non determinano alcuna decurtazione di punti. Infatti appare logico ritenere, in generale, che ogni qualvolta un conducente, per qualsiasi motivo (anche, ad esempio, a seguito di rigetto del ricorso avverso il provvedimento di revisione disposto prima dell entrata in vigore delle nuove norme), sia sottoposto a revisione tecnica con esito positivo, il punteggio riacquistato non possa subire riduzioni per violazioni poste in essere prima della effettuata revisione. IV) La portata dell art. 128, relativamente ai dubbi circa la permanenza dei requisiti psicofisici prescritti per il possesso della patente di guida - dubbi che, se adeguatamente motivati, consentono di esigere la

20 19 verifica presso le competenti Commissioni mediche - subisce una limitazione per effetto non delle norme sulla patente a punti, bensì della modifica all articolo 186 del codice introdotta con l articolo 5 del decreto legge 27 giugno 2003, n. 151, convertito nella legge 1 agosto 2003, n. 214, che attribuisce al Prefetto la competenza in materia. V) In esito poi a specifico quesito di un Ufficio Provinciale, si ritiene che la mancanza di un espressa previsione normativa unitamente alle particolari garanzie poste a favore del conducente dalle nuove norme, ed in particolare dal comma 2 dell art. 126 bis, impediscano di estendere alle revisioni disposte ex art. 128 la disposizione che introduce la sospensione della patente a tempo indeterminato per coloro che non ottemperino alla revisione tecnica conseguente alla perdita dell intero punteggio. VI) Da ultimo, con riferimento alle direttive impartite con la nota n. 3410/03 del circa l osservanza, per quanto concerne i provvedimenti ex art. 128, delle disposizioni in materia di comunicazione dell avvio del procedimento di cui agli artt. 7 e ss., della legge n. 241/1990, si coglie l occasione per sottolineare che le eventuali argomentazioni difensive, svolte dagli interessati oralmente o a mezzo di memorie scritte, possono giustificare la richiesta di chiarimenti agli organi di polizia soltanto ove siano evidenziati profili oggettivamente rilevanti ed effettivamente suscettibili di accertamento presso i predetti organi. Quando invece, come accade frequentemente anche in sede di ricorso gerarchico, sono prospettate ricostruzioni dei fatti e delle loro modalità di svolgimento basate su mere valutazioni del conducente oppure sono invocate circostanze prive di obiettivi riscontri, la richiesta di cui sopra è cenno si tradurrebbe in un inutile appesantimento procedimentale a tutto danno dell efficienza e dell economicità dell azione amministrativa. IL CAPO DEL DIPARTIMENTO dott. ing. Amedeo Fumero

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

copertura all applicazione amministrative,

copertura all applicazione amministrative, La trattazione di questo articolo, divenuto in questi ultimi tempi di crescente attualità, in quanto è in costante aumento il numeroo dei veicoli in circolazione sprovvisti della copertura assicurativa,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S.

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S. codice della strada di Raffaele Chianca* e Gianluca Fazzolari** Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94bis C.d.S. Nel non troppo lontano 2009 il nostro

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09

DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09 DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09 Art. 55. Sanzioni disciplinari e responsabilità 1. Le disposizioni del presente articolo e di quelli seguenti, fino all'articolo 55-octies, costituiscono norme

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli