INTERPRETARE IN MODO CORRETTO I SIMBOLI SULLE CONFEZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERPRETARE IN MODO CORRETTO I SIMBOLI SULLE CONFEZIONI"

Transcript

1 ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI EMILIA ROMAGNA, TOSCANA, MARCHE ED UMBRIA INTERPRETARE IN MODO CORRETTO I SIMBOLI SULLE CONFEZIONI 12 Settembre 2015 dott.ssa Rosanna Corò (tecnologo alimentare) Consigliere dell Ordine dei Tecnologi Alimentari dell Emilia Romagna, Toscana, Marche ed Umbria

2 Tanti simboli.. che significato hanno???? Tutti i materiali o oggetti a contatto con alimenti, chiamati con l acronimo MOCA (materiali e oggetti a contatto con alimenti) sono disciplinati dal Regolamento (CE) n. 1935/2004. Essi devono avere nell etichetta, o stampato sul materiale, una delle seguenti frasi o simboli: -dicitura per contatto con i prodotti alimentari; -Indicazione per il loro impiego es: Macchina da caffe -il simbolo

3 Tanti simboli.. che significato hanno????

4 MATERIALI PLASTICI facile da lavorare, costi ridotti e di elevata praticità, le materie plastiche spesso non sono biodegradabili, ed inquinano l ambiente. Sono sensibili al calore, non si usano per cibi pastorizzati o sterilizzati. Utilizzati per contenere bevande, alimenti, come film per alimenti, bicchieri ecc. PET) POLIETILENTEREFTALATO(PET E' utilizzato prevalentemente per il contenimento di liquidi PVC) POLIVINILCLORURO (PVC.-CH2-CHCl-CH2-CHCl-CH2-CHCl-CH2-CHCl-CH2-CHCl-... Polimero con buona permeabilità all'acqua e ai gas. Utilizzato anche per le bottiglie, sacchetti della spesa, ecc. Uno smaltimento non corretto può essere molto pericoloso: la combustione del PVC libera composti cancerogeni a base di cloro (diossine). PP) POLIPROPILENE (PP PS) POLISTIRENE (PS

5 I MATERIALI METALLICI ALLUMINIO (AL) E un metallo malleabile. Resiste sia alle alte che basse temperature di Cottura e congelamento. Viene usato anche come coperchio nei contenitori di alimenti sterilizzati (carne, tonno, verdura, precotti) così da facilitare l apertura delle confezioni

6 BANDA STAGNATA o LATTA (ACC) E un lamierino d acciaio rivestito di stagno. Viene utilizzato per realizzare le classiche scatolette cilindriche per conservare a lungo alimenti sterilizzati. L interno del barattolo viene rivestito con speciali vernici atossiche. ACC ACC

7 ARTA E CARTONE (CA) Carte e cartoni sono materiali diffusi e pratici, poco resistenti e permeabili all aria e all acqua. Brik, è un contenitore per latte e bibite fatto all 80% di carta. L interno è rivestito da pellicole di polietilene (plastica atossica impermeabile) e di alluminio che garantiscono l isolamento. Ha peso ed ingombro minore del vetro, si lavora facilmente, conserva le qualità dell alimento. La carta e la plastica però non sono separabili per cui non è riciclabile.

8 MATERIALI VETROSI E un materiale riciclabile, impermeabile, atossico e inerte, corroso solo dall acido fluoridrico. E adatto per ogni alimento, acido o grasso. Opportunamente trattato resiste bene al calore (vetro pirex) ed è usato per conserve sterilizzate. Poiché è trasparente, la luce può alterare alcuni alimenti; si usano allora vetri colorati verdi o ambrati. E riciclabile.

9 Una norma europea (decisione 94/62/CE, 97/129 CE e suc. recepiti in Italia dal D.L. 3 aprile 2006 n. 152) stabilisce un sistema di identificazione dei materiali di imballaggio. Norma CEN/CR 14311:2002 Packaging. Sono determinanti ai fini dello smaltimento differenziato ed eventuale riciclo. L' esagono o un cerchio abbinato a un numero o una sigla identifica i il materiale del recipiente. Questo si trova negli imballaggi per i liquidi, di qualsiasi materiale.. Le tre frecce che si inseguono formando un nastro triangolare di Mobius, con un numero o una sigla riferita al materiale impiegato. Si trovano nei simbolo della riciclabilità

10 Sistema europeo di identificazione dei materiali da imballaggio Decisione 97/129/CE. Allegato I Sistema di numerazione e abbreviazione per la plastica. Alcuni esempi per la plastica Polietilentereftalato PET 1 Polietilene ad alta densità LDPE 4 Polietilene a bassa densita' HDPE 2 Cloruro di polivinile PVC 3 Polipropilene PP 5 Polistirolo PS 6

11 Allegato II Sistema di numerazione e abbreviazione per la carta e il cartone Cartone ondulato PAP 20 Cartone non ondulato PAP 21 Carta PAP 22

12 Allegato III Sistema di numerazione e abbreviazione per i metalli Acciaio FE 40 Alluminio ALU 41.

13 Allegato IV Sistema di numerazione e abbreviazione per i materiali in legno Legno FOR 50 Sughero FOR 51.

14 Allegato V Sistema di numerazione e abbreviazione per i materiali tessili Cotone TEX 60 Juta TEX 61.

15 Allegato VI Sistema di numerazione e abbreviazione per il vetro Vetro incolore GL 70 Vetro verde GL 71 Vetro marrone GL 72

16 Allegato VII Sistema di numerazione abbreviazione per i composti Carta e cartone/metalli vari 80 Carta e cartone/plastica 81 Carta e cartone/alluminio 82 Carta e cartone/latta 83 Carta e cartone/plastica/alluminio 84 Carta e cartone/ plastica/ alluminio/latta 85 Plastica/alluminio 90 Plastica/latta 91 Plastica/metalli vari 92 Vetro/plastica 95 Vetro/alluminio 96 Vetro/latta 97 Vetro/metalli vari 98

17 Indica che parte del materiale dell'imballaggio è riciclato, che è riciclabile. riciclabili, Alcuni imballaggi sono costituiti da materiali poliaccoppiati difficilmente per cui l'unica accortezza che possiamo avere consiste nel ridurne il volume, appiattendoli, per occupare meno spazio. non disperdere nell'ambiente dopo l'uso

18 materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti devono essere utilizzati secondo le indicazioni d uso riportate in etichetta sempi: la pellicola di PVC non può essere utilizzata a contatto di cibi grassi per il rilascio di plastificanti), il foglio d alluminio non può essere utilizzato a contatto di cibi acidi per il rilascio del metallo)

19 Simbolo metrologico e Indica che il produttore ha rispettato le normative europee concernenti il confezionamento del prodotto (quantità nominali constanti, conformità dell'imballaggio a tali quantità, misurazioni e controlli prescritti). Possono essere commercializzati in tutti gli Stati dell'unione

20 Reg.CE 271/10 il logo viene così definito: «Logo di produzione biologica dell Unione europea» Codice a barra Sequenza di linee e numeri bianche e nere che danno informazioni. Le prime due cifre codice nazione della ditta per l'italia va da 80 a 83. le altre 5 cifre codice produttore o distributore 5 cifre seguenti codice confezioni ultima cifra cifra di controllo. Rilasciato da appositi organismi in Italia da (INDICOD) sede a Milano.

21 DOP Per "denominazione d'origine" si intende il nome di un'area geografica delimitata che designa un prodotto alimentare originario di quel luogo e le cui caratteristiche sono esclusivamente dell'ambiente geografico (comprensivo dei fattori naturali ed umani). Tutte le fasi, sia la produzione, che la trasformazione ed elaborazione devono avvenire nell'area stessa. Il processo produttivo deve essere conforme ad un disciplinare di produzione. IGP Per "indicazione geografica protetta" si intende il nome di un'area geografica determinata che designa un prodotto alimentare originario di tale zona e di cui una determinata qualità, o un'altra caratteristica possa essere attribuita all'origine geografica. Una delle fasi, la produzione, e/o trasformazione, e/o elaborazione avvenga nell'area stessa. Il processo produttivo deve essere conforme ad un Disciplinare di produzione STG Per Specialità Tradizionali Garantite, si identificano quei prodotti agroalimentari, non legati nello specifico ad un territorio, ma tali che si caratterizzano per il metodo di produzione tipico tradizionale.

22 ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI EMILIA ROMAGNA, TOSCANA, MARCHE ED UMBRIA e buona lettura

CODICI E SIMBOLI DELLE TIPOLOGIE DI MATERIALI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Per rendere più chiaro ed immediato riconoscere quali rifiuti possono essere riciclati ed in che modo vanno raccolti in maniera

Dettagli

SIMBOLI CHE RITROVIAMO SULLE ETICHETTE DEI PRODOTTI

SIMBOLI CHE RITROVIAMO SULLE ETICHETTE DEI PRODOTTI SIMBOLI CHE RITROVIAMO SULLE ETICHETTE DEI PRODOTTI I produttori hanno l'obbligo di indicare sulle etichette una serie di informazioni tra cui anche quelle che riguardano le caratteristiche del materiale

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

4. ETICHETTATURA PER LA GESTIONE POST CONSUMO DEGLI IMBALLAGGI

4. ETICHETTATURA PER LA GESTIONE POST CONSUMO DEGLI IMBALLAGGI 4. ETICHETTATURA PER LA GESTIONE POST CONSUMO DEGLI IMBALLAGGI Al fine di illustrare le diverse possibilità di etichettatura degli imballaggi per la loro gestione post consumo ai diversi soggetti della

Dettagli

GUIDA ALLA SIMBOLOGIA DI INFORMAZIONE AMBIENTALE DEGLI IMBALLAGGI ( Dott. Adriano Angelucci, Aprile 2011)

GUIDA ALLA SIMBOLOGIA DI INFORMAZIONE AMBIENTALE DEGLI IMBALLAGGI ( Dott. Adriano Angelucci, Aprile 2011) GUIDA ALLA SIMBOLOGIA DI INFORMAZIONE AMBIENTALE DEGLI IMBALLAGGI ( Dott. Adriano Angelucci, Aprile 2011) I produttori sono invitati ad indicare le caratteristiche del materiale usato per l imballaggio.

Dettagli

Le indicazioni contenute in questo file. possono essere utili. per capire i vari materiali. e dove devono essere buttati,

Le indicazioni contenute in questo file. possono essere utili. per capire i vari materiali. e dove devono essere buttati, Rifiuti, capire i simboli - altri enti. Le indicazioni contenute in questo file possono essere utili per capire i vari materiali e dove devono essere buttati, però non sono fornite dallamsa e, se diverse

Dettagli

PLASTICA. Plastica riciclabile. Resina termoplastica ottenuta dalla polimerizzazione dell'etilene. Plastica rumorosa che si stropiccia facilmente

PLASTICA. Plastica riciclabile. Resina termoplastica ottenuta dalla polimerizzazione dell'etilene. Plastica rumorosa che si stropiccia facilmente PLASTICA SIMBOLI DENOMINAZIONI MATERIALE PRODOTTI CASSONETTO American Plastic Europa* Code System PET PETE Polietilentereftalato Polietilene tereftalato Arnite PE HDPE PE-HD Polietilene ad alta densità

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance 62 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La governance Conai dispone di una propria organizzazione che svolge, attraverso le sedi di Roma e Milano, l attività di coordinamento e gli altri compiti descritti

Dettagli

UN TAPPO PER LA VITA!

UN TAPPO PER LA VITA! U TAPPO PER LA VITA! O BUTTARMI... RICICLAMI. Assessorato all Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile LEGAO USI DELLE MATERIE PLASTICHE PIU DIFFUSE il PE (polietilene): utilizzato per la produzione di

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

Società Igiene Ambientale. Consorzio Bacino FG/4 a r.l. Comune di Margherita di Savoia. Istruzioni sulla. raccolta Differenziata

Società Igiene Ambientale. Consorzio Bacino FG/4 a r.l. Comune di Margherita di Savoia. Istruzioni sulla. raccolta Differenziata Comune di Margherita di Savoia Società Igiene Ambientale Consorzio Bacino FG/4 a r.l. Istruzioni sulla raccolta Differenziata 1 Raccolta differenziata Porta a Porta il Una grande idea per un mondo libero

Dettagli

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Le materie plastiche Chimica e tecnologie chimiche

Le materie plastiche Chimica e tecnologie chimiche Cosa sono... Le materie plastiche Chimica e tecnologie chimiche materiali artificiali polimerici con STRUTTURA MACROMOLECOLARE Monomeri e polimeri Materiali plastici... si dividono in TERMOPLASTICI ELASTOMERI

Dettagli

Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti: introduzione e normativa

Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti: introduzione e normativa Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti: introduzione e normativa Garantire la sicurezza e la salubrità di ciò che mangiamo non si ferma solo al controllo del cibo stesso; Tutto ciò che viene a

Dettagli

SOLO CARTA E CARTONE SI

SOLO CARTA E CARTONE SI SOLO CARTA E CARTONE CARTA DI GIORNALE, OPUSCOLI, QUADERNI RIVISTE, LIBRI, CARTA DA CANCELLERIA CARTONCI N UNITO A PLASTICA IMBALLI DI CARTONE ONDULATO CARTA OLEATA, CARTA PLASTIFICATA CARTA CARBONE, CARTA

Dettagli

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI CARTA ADATTA ALLA STAMPA CARTA ADATTA ALLA SCRITTURA CARTA PER INVOLGERE CARTA PER USI DOMESTICI CARTE SPECIALI CARTA COME BASE DEI CONTENITORI IN POLIACCOPPIATO

Dettagli

Francesca Ilgrande. Ridurre l impatto l nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Francesca Ilgrande. Ridurre l impatto l nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Francesca Ilgrande Quanti rifiuti in un anno? Andamento della produzione di rifiuti

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

GELSIA AMBIENTE SRL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA SACCHI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA

GELSIA AMBIENTE SRL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA SACCHI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA GELSIA AMBIENTE SRL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA SACCHI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA Caratteristiche dei sacchi e della fornitura: Il presente capitolato prevede la fornitura di 15.623.500 sacchi

Dettagli

Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente

Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente Al principio La plastica ha una storia antica. Prima che comparisse, l uomo ha utilizzato dei polimeri naturali, reperibili in natura, come il guscio della

Dettagli

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Derichebourg San Germano. Comune di Bonorva. I nuovi servizi di raccolta differenziata

Derichebourg San Germano. Comune di Bonorva. I nuovi servizi di raccolta differenziata Derichebourg San Germano Comune di Bonorva I nuovi servizi di raccolta differenziata La composizione dei nostri rifiuti: Raccolte : Servizi previsti - raccolta domiciliare: Rifiuto solido frazione residuale

Dettagli

Progetto ecoschool: raccolta differenziata

Progetto ecoschool: raccolta differenziata Progetto ecoschool: raccolta differenziata Chi semina. raccoglie? 23/06/2010 progetto raccolta differenziata 1 Introduzione Conoscere le diverse tipologie di rifiuti Cosa fare per migliorare la raccolta?

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Etichetta per il cittadino

Etichetta per il cittadino Etichetta per il cittadino Vademecum per una etichetta volontaria ambientale che guidi il cittadino alla raccolta differenziata degli imballaggi Fuso Nerini Amanda CONAI, R&S Milano, 03 Marzo 2014 Etichettatura

Dettagli

Cari Alunni, Queste regole rappresentano un piccolo tesoro per generare un grande beneficio per la natura! Vincenzo A. Giudice

Cari Alunni, Queste regole rappresentano un piccolo tesoro per generare un grande beneficio per la natura! Vincenzo A. Giudice Cari Alunni, l'ambiente in cui viviamo rappresenta un patrimonio di immenso valore ed è una risorsa vitale per tutti noi. Grazie alle materie prime che esso ci fornisce realizziamo gli oggetti che ogni

Dettagli

CARTA, CARTONCINO, CARTONE

CARTA, CARTONCINO, CARTONE CARTA, CARTONCINO, CARTONE QUALI SI: giornali e riviste, tabulati di fotocopie, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta, scatole e scatoloni anche ondulato, cartoni

Dettagli

Traduzione delle informazioni

Traduzione delle informazioni ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANA CHIMICI CONSULENTI TRASFERIMENTO DI INNOVAZIONE L Associazione ITC è driver di innovazione e facilitatore dello scambio di conoscenza proponendosi come nodo di una rete

Dettagli

PORTA A PORTA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Comune di Pettorano sul Gizio LA TUA COLLABORAZIONE E INDISPENSABILE

PORTA A PORTA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Comune di Pettorano sul Gizio LA TUA COLLABORAZIONE E INDISPENSABILE Comune di Pettorano sul Gizio GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA E il nuovo sistema domiciliare con cui il Comune di Pettorano sul Gizio provvederà al ritiro dei rifiuti direttamente avanti

Dettagli

La mozzarella DOP cambia look

La mozzarella DOP cambia look Consorzio di Tutela presenta La mozzarella DOP cambia look La rivoluzione nella presentazione della mozzarella di bufala campana DOP In collaborazione con Perché 1 riconoscibilità immediata ed univoca

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

Raccolte Differenziate. Guida Pratica

Raccolte Differenziate. Guida Pratica Raccolte Differenziate Guida Pratica R come rifiuto Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato.. Ciclo Naturale Chiuso Il concetto di Rifiuto non esiste in Natura. La

Dettagli

Ecodesign e innovazione di prodotto. Casi studio di polimeri riciclati

Ecodesign e innovazione di prodotto. Casi studio di polimeri riciclati Arc. Marco Capellini Ecodesign e innovazione di prodotto. Casi studio di polimeri riciclati MATREC EcoMaterial database MATREC EcoMaterial database èla prima banca dati Made in Italy di eco design internazionale

Dettagli

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA QUANTA ACQUA IN BOTTIGLIA SI CONSUMA IN ITALIA? Il consumo nazionale di acqua in bottiglia è molto elevato: nel 2007, gli italiani ne hanno acquistato 12,4 miliardi

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

PLASTICA ED ALLUMINIO

PLASTICA ED ALLUMINIO PLASTICA ED ALLUMINI Contenitori da utilizzare Il contenitore da utilizzare è quello di colore giallo. Cosa DIFFERENZIARE e Cosa NN DIFFERENZIARE Materiale si no Lattine per bibite Capsule e tappi per

Dettagli

CONVEGNO Gli imballaggi in plastica per l industria alimentare tra innovazione e sostenibilità Venerdì 26 Settembre 2008 Castello di San Gaudenzio

CONVEGNO Gli imballaggi in plastica per l industria alimentare tra innovazione e sostenibilità Venerdì 26 Settembre 2008 Castello di San Gaudenzio CONVEGNO Gli imballaggi in plastica per l industria alimentare tra innovazione e sostenibilità Venerdì 26 Settembre 2008 Castello di San Gaudenzio Realtà e prospettive degli imballaggi in plastica per

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Progetto Educazione al Consumo: riduzione dei rifiuti, riciclo e riuso

Progetto Educazione al Consumo: riduzione dei rifiuti, riciclo e riuso Progetto Educazione al Consumo: riduzione dei rifiuti, riciclo e riuso Iniziativa formativa sulle tematiche del consumerismo della Provincia di Roma, finanziata con i fondi della Regione Lazio OPEN MIND

Dettagli

2 novità GIUGNO 2011 - DICEMBRE 2012 I N D I F F E R E N Z I A T O F A L C DAL 1 GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE SOLFERINO

2 novità GIUGNO 2011 - DICEMBRE 2012 I N D I F F E R E N Z I A T O F A L C DAL 1 GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE SOLFERINO Città di SOLFERINO ecocale ndario GIUGNO 0 - DICEMBRE 0 novità per l ambiente DAL GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE I N D I F F E R E N Z I A T O S F A I L C SI ESTENDE IL PORTA A

Dettagli

Vademecum per la raccolta differenziata del Comune di Subiaco

Vademecum per la raccolta differenziata del Comune di Subiaco Vademecum per la raccolta differenziata del Comune di Subiaco Cosa differenziare, perché, dove Il Comune di Subiaco sta progettando il sistema di raccolta differenziata porta a porta. Facciamoci trovare

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO "COMPETENZE PER LO SVILUPPO" 2007 IT 05 1 PO

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO 2007 IT 05 1 PO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO "COMPETENZE PER LO SVILUPPO" 2007 IT 05 1 PO 007 Obiettivo F Azione 1 BANDO AOODGAI 872 2007 Apprendere per orientarsi nella società complessa Codice

Dettagli

SIMBOLOGIA E LEGISLAZIONE PER ETICHETTE E PACKAGING

SIMBOLOGIA E LEGISLAZIONE PER ETICHETTE E PACKAGING SIMBOLOGIA E PER ETICHETTE E PACKAGING SIMBOLOGIA E PER ETICHETTE E PACKAGING Questo marchio non ha particolare significato in Italia, perché si riferisce a un sistema di gestione dei rifiuti di imballaggio

Dettagli

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico A Pisogne L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico Oltre alle raccolte differenziate avviate da tempo ora si possono recuperare anche: residui da sfalci e potature (erba, rami e foglie)

Dettagli

riciclabili per natura

riciclabili per natura Comunità montana Walser alta Valle del Lys riciclabili per natura in collaborazione con: carta vetro e ALLUMiNio imballaggi in plastica rifiuti indifferenziati apparecchi elettrici ed elettronici ingombranti

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future.

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. VILLA FARALDI Differenziamoci Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. !!!!! SIAMO IMPEGNATI NEL MIGLIORAMENTO CONTINUO, AIUTATECI A RISPETTARE

Dettagli

E t i c h e t t e a l i m e n t a r i

E t i c h e t t e a l i m e n t a r i E t i c h e t t e a l i m e n t a r i Le etichette sono la carta d identità dei prodotti alimentari perché riportano le informazioni utili che consentono di scegliere quello più appropriato alle nostre

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE UFFICIO VI Materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti Disposizioni normative Aggiornamento

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco:

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco: CARTA E CARTONI Giornali e riviste separate da involucri di cellophane, libri e quaderni, fogli e tabulati, carta da pacchi, cartone e cartoncino, sacchetti di carta, scatole di cartoncino per alimenti

Dettagli

Percorso didattico per la scuola primaria

Percorso didattico per la scuola primaria Percorso didattico per la scuola primaria -classi III, IV e V- e secondaria di primo grado -classe I L attività si sviluppa interamente nell orario scolastico e richiede tre momenti di lavoro, della durata

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

CARTA, CARTONCINO, CARTONE

CARTA, CARTONCINO, CARTONE CARTA, CARTONCINO, CARTONE QUALI SI: giornali e riviste, tabulati di fotocopie, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta, scatole e scatoloni anche ondulato, cartoni

Dettagli

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA GIORNALI E RIVISTE LIBRI E QUADERNI FOTOCOPIE E FOGLI VARI CARTONI PIEGATI E SCATOLE PER ALIMENTI IMBALLAGGI DI CARTONE TETRA PAK (LATTE, SUCCHI DI FRUTTA,

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

IL BELLO DELL IMBALLO Gioco didattico

IL BELLO DELL IMBALLO Gioco didattico RSAJunior SCHEDA LAVORO Nr. 13 CONSUMI IL BELLO DELL IMBALLO Gioco didattico Prima della rivoluzione industriale i contenitori erano costruiti da artigiani (per es. vasai) ed erano quasi sempre riutilizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE COMUNE DI SPELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 14 marzo 2005 Modificato ed integrato con deliberazione consiliare

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011 COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE

Dettagli

COME SI FA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA? difficoltà

COME SI FA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA? difficoltà 1 COME SI FA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA? FARE LA RACCOLTA DIFFEREN- ZIATA SIGNIFICA SEPARARE BENE I RIFIUTI, DIVIDENDO- LI PER TIPOLOGIA DI MATE- RIALE. FACENDO BENE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA È POSSIBILE

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

AVVIO DEL SERVIZIO PORTA A PORTA

AVVIO DEL SERVIZIO PORTA A PORTA AVVIO DEL SERVIZIO PORTA A PORTA 1 COME SEPARARE CORRETTAMENTE LE DIVERSE FRAZIONI DI RIFIUTO CARTA E CARTONE PLASTICA E METALLO VETRO 2 Ricorda che la raccolta differenziata della plastica riguarda SOLO

Dettagli

CITTÀ DI LECCE. AMBITO di RACCOLTA OTTIMALE LE/4 PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DA UTENZA NON DOMESTICA TRAMITE ECOMOBILE

CITTÀ DI LECCE. AMBITO di RACCOLTA OTTIMALE LE/4 PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DA UTENZA NON DOMESTICA TRAMITE ECOMOBILE AMBITO di RACCOLTA OTTIMALE LE/4 (EX CONSORZIO ATO LE/1) CITTÀ DI LECCE PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DA UTENZA NON DOMESTICA TRAMITE ECOMOBILE PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA DI

Dettagli

raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it

raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it L Amministrazione Comunale, in collaborazione con REA, avvierà, nel mese di novembre, nel quartiere di

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

non fateci fare una brutta fine siamo riciclabili! guida utile al corretto conferimento dei rifiuti da conservare

non fateci fare una brutta fine siamo riciclabili! guida utile al corretto conferimento dei rifiuti da conservare non fateci fare una brutta fine siamo riciclabili! guida utile al corretto conferimento dei rifiuti da conservare a tutte le famiglie... perchè è importante separare i rifiuti Con questa pubblicazione,

Dettagli

Bianchi con coperchio per evidenziare manomissioni. Contenitori multiuso ad esempio per conservazione o trasporto di campioni.

Bianchi con coperchio per evidenziare manomissioni. Contenitori multiuso ad esempio per conservazione o trasporto di campioni. GENERAL CATALOGUE EDITION 8. Consumabili Contenitori/Porta-provette-Contenitori Barattolo PP con tappo Contenitore cilindrico. Tappo a pressione. BRAND ca. 0 ca. 7 0 9.0 9.0 0 LLG-Contenitori per campioni

Dettagli

Comune di Bobbio Pellice

Comune di Bobbio Pellice Comune di Bobbio Pellice 2010 LA NUOVA RACCOLTA RIFIUTI Ecopunto Ecoisola Orario 2010 Delle ecoisole più vicine Torre Pellice Luserna S.G. Lunedì chiuso 14,00/17,00 Martedì 13,30/16,30 chiuso chiuso 14,00/17,00

Dettagli

La seconda vita della Scatoletta

La seconda vita della Scatoletta La seconda vita della Scatoletta Quello dello smaltimento dei rifiuti è uno dei problemi più grandi che il nostro pianeta sembra dover affrontare nei prossimi decenni. I rifiuti oggi vengono smaltiti in

Dettagli

Utenze domestiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Utenze domestiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani CARTA giornali, riviste, libri, quaderni, carta da pacchi, cartoncini, sacchetti di carta, scatole di cartone per scarpe e alimenti

Dettagli

Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata

Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata SRI SOCIETA RECUPERO IMBALLAGGI SRI è il punto di avvio di un ciclo di valorizzazione che porta alla creazione di

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della.

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della. www.redwave.at IT Il vostro partner affidabile nel settore della: Plastica Tecnica di selezione a sensori Carta REDWAVE è un marchio della società BT-Wolfgang Binder GmbH, impiegato nel campo della tecnica

Dettagli

Il Caso di Studio della Plastica

Il Caso di Studio della Plastica Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio della Plastica Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DELLA PLASTICA...4 3. IL RUOLO DEL

Dettagli

RIFIUTI: DIFFERENZIARE FA LA DIFFERENZA

RIFIUTI: DIFFERENZIARE FA LA DIFFERENZA RIFIUTI: DIFFERENZIARE FA LA DIFFERENZA Bagnoli Irpino 19 Aprile 2008 Finalità: Promuovere modelli comportamentali ed economici che inducano ad un impegno reale e ad un maggiore senso di responsabilità

Dettagli

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it INDICAZIONI GEOGRAFICHE E MARCHI COLLETTIVI : AMBITI DI PROTEZIONE E RAPPORTI RECIPROCI Avv. Nicoletta Amadei COS E UN MARCHIO Art. 7. dlgs.30/2005 Oggetto della registrazione 1. Possono costituire oggetto

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. la strada obbligata

RACCOLTA DIFFERENZIATA. la strada obbligata RACCOLTA DIFFERENZIATA la strada obbligata Il Consorzio RSU, quale Ente di Bacino, organo di indirizzo, pianificazione e controllo, in aderenza alle direttive dell assemblea dei Sindaci dei 50 Comuni

Dettagli

A Pretoro si fa la differenzia...

A Pretoro si fa la differenzia... A Pretoro si fa la differenzia... REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DI Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a Base Cellulosica ECOCALENDARIO I rifiuti organici Avanzi di cibo crudo e cotto

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata

Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata Comune di Lesignano de Bagni COSA VI VIENE FORNITO CARTA, VETRO, PLASTICA, BARATTOLAME e CONTENITORI TETRA PAK Ad ogni famiglia

Dettagli

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO LIDO ZONA MARE OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO LIDO ZONA MARE OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE Comune di Camaiore CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE LIDO ZONA MARE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A

Dettagli

ECOCALENDARIO 2016 NORDALENTO CITTÀ DI FRANCAVILLA AL MARE FACCIAMO LA DIFFERENZA. Stampato su carta riciclata

ECOCALENDARIO 2016 NORDALENTO CITTÀ DI FRANCAVILLA AL MARE FACCIAMO LA DIFFERENZA. Stampato su carta riciclata ECOCALENDARIO 0 CITTÀ DI FRANCAVILLA AL MARE FACCIAMO LA DIFFERENZA Stampato su carta riciclata Organico N.B. USARE BUSTE COMPOSTABILI Avanzi di cibo crudo e cotto scarti di frutta e verdura, alimenti

Dettagli

Rifiuti Ingombranti e Ingombranti Ferrosi

Rifiuti Ingombranti e Ingombranti Ferrosi PREMIALITA Più avanti vedremo tutti i vantaggi della differenziata legati al recupero e al minore impatto ambientale. Molti di questi argomenti sono oramai patrimonio di tutti, sono ovvi e non hanno bisogno

Dettagli

La Raccolta Differenziata bussa alla tua

La Raccolta Differenziata bussa alla tua La Raccolta Differenziata bussa alla tua porta! Comune di Villamagna ECOCALENDARIO 1 I rifiuti organici Avanzi di cibo crudo e cotto Scarti di frutta e verdura Alimenti avariati Filtri di tè, camomilla

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO CAPEZZANO PIANORE

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO CAPEZZANO PIANORE Comune di Camaiore CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO CAPEZZANO PIANORE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA (CAPEZZANO PIANORE) Contenitori fissi COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente I NUOVI

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE TIPOLOGIE DI RIFIUTI DIFFERENZIATI, PROVENIENTI DALL UTENZA DOMESTICA,

Dettagli

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO

Comune di. Camaiore FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO Comune di Camaiore CAMAIORE VERSO RIFIUTI ZERO FACCIO LA DIFFERENZIATA: SEPARO, RECUPERO, RICICLO IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA COMPOSTAGGIO DOMESTICO Contenitori fissi UMIDO ORGANICO CARTA, CARTONE E

Dettagli

Comune di Montefortino

Comune di Montefortino Comune di Montefortino Provincia di Fermo RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI RACCOLTA UMIDO Utilizza il cassonetto marrone per la raccolta dell UMIDO SI COSA INSERIRE: Avanzi freddi di cibo, scarti di

Dettagli

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola primaria LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO La natura non spreca. L uomo sì.che fare? CHIEDIAMO AIUTO ALLE MITICHE, FAVOLOSE INSUPERABILI, MEGAGALATTICHE,

Dettagli