Sistemi Operativi. Esercitazione 2 Compilazione, Makefile e Processi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Operativi. Esercitazione 2 Compilazione, Makefile e Processi"

Transcript

1 Sistemi Operativi Esercitazione 2 Compilazione, Makefile e Processi

2 Percorso Compilazione programmi in c Makefiles Processi definizione gestione creazione

3 Compilazione di programmi in C

4 Compilazione e Linking Codice sorgente Librerie (file oggetto) COMPILATORE LINKER File oggetto Eseguibile

5 Compilatore e linker gcc Open-Source GNU project Compilatore e linker gcc Supporta C e C++ Comando generico gcc <opzioni> <argomenti> Opzioni: elenco di flag che controllano il compilatore e il linker; Argomenti: elenco di file che gcc legge e trasforma in maniera dipendente dalle opzioni

6 Opzioni gcc (1) Opzioni più comuni -c file -o file -g -Wall Esegue la compilazione non il linker Specifica il nome di output; in genere indica il nome dell eseguibile finale (linkando) Indica a gcc di non ottimizzare il codice e di inserire informazioni extra per poter effettuare il debugging (i.e., vedere gdb) Stampa warning per tutti i possibili errori nel codice

7 Opzioni gcc (2) -Idir -lm -Ldir Specifica ulteriori direttori in cui cercare gli header file Specifica utilizzo libreria matematica Specifica direttori per ricercare librerie preesistenti

8 Processo di creazione dell'eseguibile Il compilatore prende in ingresso i file sorgenti e fornisce in uscita i file oggetto (object files -.o files) gcc -c main.c -c(compile) con l'opzione -c vengono creati solo I file oggetto e non l'eseguibile Il linker prende in ingresso i file oggetto e crea l'eseguibile gcc main.o -o nome_eseguibile Compilazione e linking in una sola istruzione gcc main.c -o nome_eseguibile

9 Makefiles

10 Cos'è un Makefile? I Makefies sono dei file che permettono, insieme al comando make di compilare e gestire i propri progetti (Programmi scritti in C) man make Sono utili per compilare i file.c soprattutto nel caso si abbiano tanti file da compilare con tanti headers da includere

11 Come sono organizzati? La versione base di un Makefile è composta da: target: dipendenze [tab] comando unix Esempio Makefile: all: target Shell : make all gcc Wall main.c o mywc comando unix di compilazione

12 Usare le dipendenze A volte può essere utile usare target differenti Example: compile: echo compiling my application gcc -Wall main.c -o mywc install : compile esegue prima il target compile e poi il target install echo copying executable in the deploy directory... clean : echo clean object files...

13 Esercizio 1 Creare un make che permetta di: creare l'eseguibile del sorgente mysource.c creare una directory install e copiarne l'eseguibile creato prima cancellare la directory install

14 Usare le variabili Le variabili sono utili per cambiare compilatore o le opzioni di compilazione. Example CC=gcc dichiarazione e inizializzazione variabili CFLAGS=-Wall ONAME=myWC compile: echo compiling my application $(CC) $(CFLAGS) main.c -o $(ONAME) uso delle variabili...

15 Comando make Lanciando make da shell: Cercherà un file di nome makefile nella directory corrente, e lo eseguirà. Se si hanno diversi, si può usare l'opzione -f per speificare il nome del makefile : make -f MyMakefile

16 Processi

17 Cos'è un processo É un istanza di un programma in memoria! Ogni programma che viene eseguito crea un processo. Un programma può essere un comando unix, uno script di shell, o qualsiasi eseguibile

18 Attributi di un processo PID (Process-Id) Il PID è usato dal Kernel per identificare il processo Simile all'utilizzo dell'inode per l'identficazione dei file PPID (Parent Process Id) Il processo che crea un'altro processo si chiama Padre (o Parent), il processo creato si chiama Figlio (o child) Il PID del processo Parent è chiamato PPID TTY Il terminale al quale il processo è associato Ci sono processi, chiamati Daemons, che non appartengono a nessun terminale UID L'ID dell'utente al quale appartiene il processo File Descriptors I Descrittori dei file collegati al processo (nput, output e descrittori di errore)

19 Come creare un processo(fork) System call fork() usata per creare un processo (un nuovo flusso di esecuzione) Non riceve argomenti e ritorna: 0 al processo Figlio (Child Process) PID del figlio al processo Padre (Parent process) -1 in caso di errore

20 Fork system call Process Fork() execution flow 1 Parallel execution Child Process execution flow 2 parent Process execution flow 1 exit(0) exit(0) Quale processo termina prima?

21 Fork: esempio 1 Creazione di un figlio #include <stdio.h> #include <stdlib.h> #include <unistd.h> int main() { pid_t pid; fprintf(stdout, "Parent: my PID is %d: my parent is process %d\n", getpid(), getppid()); pid = fork(); if (pid == 0){ // Child fprintf(stdout, "ID Returned to Child: %d\n", pid); } else { //Parent fprintf(stdout, "ID Returned to Parent: %d\n", pid); } } exit (0);

22 Esercizio 2 Scrivere un programma in C che permette di creare due processi figli

23 Esercizio 3 Scrivere un programma in C per creare N processi figli

24 Fork: esempio 2 Spazio di indirizzamento dei processi /* * Illustrates the use of separate process address spaces * with common inital values */ #include <stdio.h> #include <stdlib.h> #include <unistd.h> int main() { int x, y; x = 4; if (fork()) { // parent!= 0 y = 5; x = 15; sleep (5); } else { // child y= -5; } // recall 0 in C is FALSE fprintf(stdout, " x = %d y = %d process %d, PPID %d\n", x, y, getpid(), getppid()); exit(0); }

25 sleep unsigned sleep(unsigned seconds); Sospende l'esecuzione di un processo per un determinato tempo Il processo potrebbe essere sospeso più a lungo, a causa della schedulazione delle altre attività del sistema Valori di ritorno 0 tempo scaduto Unslept il tempo che resta da dormire se viene ricevuto un segnale

26 Sleep: esempio #include <stdio.h> #include <stdlib.h> #include <unistd.h> int main() { pid_t pid1; pid_t pid2; fprintf(stdout, "Parent: my PID is %d: my parent is process %d\n", getpid(), getppid()); pid1 = fork(); if (pid1 == 0){ // Child1 fprintf(stdout, "ID Returned to First Child: %d\n", pid1); sleep(5); fprintf(stdout, "First Child end!"); } } else { //Parent fprintf(stdout, "First Child ID Returned to Parent : %d\n", pid1); pid2 = fork(); if (pid2 == 0){ // Child2 fprintf(stdout, "ID Returned to Second Child: %d\n", pid2); } else { //Parent fprintf(stdout, "Second Child ID Returned to Parent : %d\n", pid2); fprintf(stdout, "Second Child end!\n"); } } exit (0);

27 Esercizio 4 Qual'è l'ordine in cui compaiono i messaggi di output del programma precedente?

28 Gestione Processi (1) Un processo può essere esguito in due modi Foreground Di default ogni processo gira in foreground Prende gli input da tastiera e manda gli output a video Mentre un programma sta girando in foreground, non possiamo eseguire nessun altro processo Esempio foreground : $ ls Background Il vantaggio è che in questo caso si possono lanciare altri processi Non bisogna aspettare che termini I processi si lanciano in background usanto il carattere & sul terminale esempio: $ ls &

29 Gestione Processi(2) Lista dei processi in esecuzione comando ps $ps -f UID PID PPID C STIME TTY TIME CMD UID User ID that this process belongs to (the person running it). PID Process ID. PPID Parent process ID (the ID of the process that started it). C CPU utilization of process. STIME Process start time. TTY Terminal type associated with the process TIME CPU time taken by the process. CMD The command that started this process.

30 Gestione processi(3) ps options -a Shows information about all users -x Shows information about processes without terminals. -u Shows additional information like -f option. -e Display extended information. Stopping processes CTRL + C keystroke this works when process is running in foreground mode. If a process is running in background kill command kill -9 PID use ps command to get the process PID you need to kill

31 Sincronizzazione dei Processi

32 System call wait pid_t wait(int *status) Blocca il processo che la chiama finchè non termina uno dei suoi figli oppure se riceve un segnale Può essere usata per rilasciare delle risorse allocate per un figlio Se non si chiama la wait il figlio che termina diventa Zombie

33 Zombie vs Orphan Un processo zombie (o defunct) è un processo che ha completato la sua esecuzione ha ancora una entry nella process table il Parent è ancora vivo Il processo Orphan è un processo ancora in esecuzione il cui Parent è terminato. Questi processi non sono Zombie ma vengono adottati dal processo init (ID=1)

34 System call wait: esempio int main(int argc, char *argv[]) { pid_t pid; int status; fprintf(stdout, "Parent: my PID is %d: my parent is process %d\n", getpid(), getppid()); pid = fork(); if (pid == 0){ // Child int s; fprintf(stdout, "Child: my PID is %d: my parent is process %d - Please enter a number(0-255)\n", getpid(), getppid()); scanf("%d",&s); fprintf(stdout, "Child %d - my exit status will be %d\n",getpid(),s%256); exit (s); } } else { //Parent wait(&status); fprintf(stdout, "Parent %d - my child status is %d\n",getpid(),status>>8); exit (0); } C P P Sync Point P

35 Esercizio 5 Scrivere un programma in C che può creare un Zombie

36 Esercizio 6 Scrivere un programma in C che può creare un Orphan

37 System call waitpid pid_t waitpid(pid_t pid, int *status, int options) Aspetta un figlio specifico definito dal pid

Gestione dei processi

Gestione dei processi Gestione dei processi Dormire unsigned int sleep(unsigned int); Attende un numero specificato di secondi a meno che non si verifichi un segnale Restituisce 0 se l'attesa è terminata senza interruzioni,

Dettagli

Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Process id ed altri identificatori pid_t getpid(); // Process id del processo chiamante pid_t getppid(); // Process

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 5 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Processi in Unix Approfondimenti: http://gapil.gnulinux.it/download/

Dettagli

Programmazione multiprocesso

Programmazione multiprocesso DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 Programmazione multiprocesso Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 20 febbraio 2012 2 Processi Cos'è un processo? Un programma in esecuzione Spazio di

Dettagli

Processi in Linux. Stru/ura file eseguibili

Processi in Linux. Stru/ura file eseguibili SISTEMI OPERATIVI Processi in Linux Stru/ura file eseguibili» ELF - Executable and Linking Format formato di default degli eseguibili in Linux definizione nel file include » StruGura un header contenente

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto Processi e Sincronizzazione C. Brandolese M. Grotto Sommario 1. Processi Concetti fondamentali Stati in GNU/Linux 2. Creazione Descrizione Creazione con system() Creazione con fork() Effetto di fork()

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI Fabio Buttussi La programmazione di sistema Il kernel è la parte di Unix che corrisponde al sistema operativo

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 7- -Gestione dei processi Unix- 1 Sommario Esercizi sulla gestione dei processi Creazione di un nuovo processo: fork Sincronizzazione tra processi: wait 2 -

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection

Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection Caratteristiche di GCC Compilatore multipiattaforma modulare Disponibile per tutti i principali sistemi operativi Può produrre programmi per la maggior parte

Dettagli

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 STRUTTURE DATI PER PROCESSI Un processo puo' essere in escuzione in 2 modi: kernel e utente. Un processo ha almeno 3 regioni: codice, dati e stack Lo stack è allocato dinamicamente.

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente Processi. Valter Crescenzi

Corso di Programmazione Concorrente Processi. Valter Crescenzi Corso di Programmazione Concorrente Processi Valter Crescenzi http://crescenzi.inf.uniroma3.it Sommario Processi vs Thread Creazione e terminazione di processi chiamata di sistema fork() chiamata di sistema

Dettagli

Programmazione di Sistema 3

Programmazione di Sistema 3 Programmazione di Sistema 3 Gestione dei Processi Paolo Baldan Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Parte di questo materiale è rielaborato dalle slide del Corso di Laboratorio

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Capitolo 1 Gestione dei processi 1.1 Creazione di un processo I principali eventi che possono dare luogo ad un nuovo processo sono: inizializzazione del sistema; esecuzione di una primitiva di sistema

Dettagli

Compilatori GNU in Linux: gcc e g++

Compilatori GNU in Linux: gcc e g++ Un compilatore integrato C/C++ Per Linux e' disponibile un compilatore integrato C/C++: si tratta dei comandi GNU gcc e g++, rispettivamente. In realta g++ e' uno script che chiama gcc con opzioni specifiche

Dettagli

POSIX - Gestione dei Segnali. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

POSIX - Gestione dei Segnali. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it POSIX - Gestione dei Segnali E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Segnali in POSIX Segnali in Posix Modalità di notifiche relative a vari eventi asincroni I signal interrompono un processo e possono o meno essere

Dettagli

IL LINGUAGGIO C NOSTRO APPROCCIO AL C. Sempre con esempi che illustrano le caratteristiche del linguaggio. SCRIVERE ED ESEGUIRE IL PRIMO PROGRAMMA C

IL LINGUAGGIO C NOSTRO APPROCCIO AL C. Sempre con esempi che illustrano le caratteristiche del linguaggio. SCRIVERE ED ESEGUIRE IL PRIMO PROGRAMMA C IL LINGUAGGIO C Sviluppato agli inizi degli anni '70 nei Bell Laboratories per ricerca, ha caratteristiche che lo rendono ideale per uso scientifico. Si sviluppa e si diffonde parallelamente a Unix. È

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 22 Martedì 7-1-2014 1 System Call per l'uso dei segnali Un processo che

Dettagli

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread-

Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- Lab. di Sistemi Operativi - Esercitazione n 9- -Thread- 1 Sommario Esercizi su: Comunicazione tra processi: la funzione pipe() Condivisione dati e codice tra due o più processi: concetto di Thread 2 -

Dettagli

ZZZ01 Esercizi Vari. Esercizi per preparazione alla prova pratica di laboratorio

ZZZ01 Esercizi Vari. Esercizi per preparazione alla prova pratica di laboratorio ZZZ01 Esercizi Vari Esercizi per preparazione alla prova pratica di laboratorio Esercizio ZZZ01_01 - Elefanti Schizzinosi Nella savana africana c'e' una pozza d'acqua fresca alimentata da un acquedotto.

Dettagli

Program m azione di Sistem a 3

Program m azione di Sistem a 3 Program m azione di Sistem a 3 Lucidi per il corso di Laboratorio di Sistemi Operativi tenuto da Paolo Baldan presso l'università Ca' Foscari di Venezia, anno accademico 2004/ 2005. Parte di questo materiale

Dettagli

Unix e GNU/Linux Eugenio Magistretti emagistretti@deis.unibo.it Prima Esercitazione Fork Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Unix: sviluppato negli anni '60-'70 presso Bell Labs di AT&T, attualmente sotto

Dettagli

Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009

Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009 Sistemi Operativi Processi in Linux Igino Corona igino.corona@diee.unica.it 20 Ottobre 2009 Contenuti della lezione Come funzionano i programmi in Linux? Schema base di esecuzione di un programma Modalità

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI (1)

I SISTEMI OPERATIVI (1) I SISTEMI OPERATIVI (1) 1 un computer può essere pensato come una stratificazione di macchine virtuali, ciascuna delle quali mette a disposizione alcuni servizi, che sono utilizzabili mediante chiamate

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Laboratorio di Programmazione 1 1 Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Funzioni: Dichiarazione e Definizione La dichiarazione di una funzione serve a comunicare al compilatore quali sono

Dettagli

Dynamic Linking. Introduzione Creazione di una libreria dinamica Uso di una libreria dinamica

Dynamic Linking. Introduzione Creazione di una libreria dinamica Uso di una libreria dinamica Dynamic Linking Introduzione Creazione di una libreria dinamica Uso di una libreria dinamica Dynamic Linking Il linking tra i moduli di un programma e le librerie da esso utilizzate può essere Statico

Dettagli

Il comando Make: : uno strumento per la compilazione ed esecuzione di software applicativo. A. Murli - Cacolo Scientifico a.a.

Il comando Make: : uno strumento per la compilazione ed esecuzione di software applicativo. A. Murli - Cacolo Scientifico a.a. Il comando Make: : uno strumento per la compilazione ed esecuzione di software applicativo a.a.2007/2008 1 Un software si compone di diversi moduli, generalmente memorizzati in file diversi. Il programma

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

Controllo dei Processi. M. R. Guarracino - Primitive di Controllo dei Processi

Controllo dei Processi. M. R. Guarracino - Primitive di Controllo dei Processi Controllo dei Processi Introduzione Come possiamo creare nuovi processi? Come possiamo eseguire un programma? Come possiamo terminare un processo? Introduzione Unix fornisce le primitive per la creazione

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Il sistema operativo LINUX Indice

Il sistema operativo LINUX Indice Il sistema operativo LINUX Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Processo Un processo è un programma in esecuzione:

Dettagli

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario Processi e thread Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Sommario Concetto di processo Stati di un processo Operazioni e relazioni tra processi Concetto di thread Gestione dei processi

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Capitolo 3 -- Silberschatz

Capitolo 3 -- Silberschatz Processi Capitolo 3 -- Silberschatz Concetto di processo Un SO esegue una varietà di attività: Sistemi batch job Sistemi time-sharing programmi utenti o task Nel libro i termini job e processo sono usati

Dettagli

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi)

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Architettura del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle chiamate

Dettagli

Concetto di processo. Processi. Immagine in memoria di un processo. Stati di un processo. Un SO esegue una varietà di attività:

Concetto di processo. Processi. Immagine in memoria di un processo. Stati di un processo. Un SO esegue una varietà di attività: Impossibile visualizzare l'immagine. Processi Concetto di processo Un SO esegue una varietà di attività: Sistemi batch job Sistemi time-sharing programmi utenti o task Nel libro i termini job e processo

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX Introduzione In questa dispensa sono stati raccolti alcuni esercizi di programmazione C in ambiente Unix, tratti dagli esami di Sistemi Operativi svoltisi

Dettagli

Guida all utilizzo del compilatore lcc-win32 per creare una applicazione console

Guida all utilizzo del compilatore lcc-win32 per creare una applicazione console Guida all utilizzo del compilatore lcc-win32 per creare una applicazione console Il compilatore per i linguaggi c e c++ chiamato lcc-win32 è un prodotto gratuito scaricabile dal sito http://www.cs.virginia.edu/~lcc-win32/

Dettagli

Makefile. Un target in generale e' un file. Usando.PHONY: target specifichiamo a make che il target non e' un file

Makefile. Un target in generale e' un file. Usando.PHONY: target specifichiamo a make che il target non e' un file Makefile Un target in generale e' un file. Usando.PHONY: target specifichiamo a make che il target non e' un file make target C./dir in pratica equivale all'esecuzione del comando make target all'interno

Dettagli

Premessa per gli studenti.

Premessa per gli studenti. Premessa per gli studenti. Le lezioni di laboratorio vertono sulla programmazione di applicazioni che comunicano su una interrete ed, in particolare, progettate in accordo al paradigma client-server. Questi

Dettagli

Sistemi Operativi. Des crizione e controllo dei proces s i

Sistemi Operativi. Des crizione e controllo dei proces s i Sistemi Operativi Des crizione e controllo dei proces s i Servizi di un Sistema Operativo Permettere ad un utente di creare processi (lanciare programmi) Interallacciare l esecuzione di diversi processi,

Dettagli

Relazione tra thread e processi

Relazione tra thread e processi I Thread POSIX Relazione tra modello a processi e a thread Creazione di un thread Attesa Distacco Terminazione Ricerca e confronto Inizializzazione dinamica Relazione tra thread e processi Nel modello

Dettagli

Terza Esercitazione. Unix - Esercizio 1. Unix System Call Exec Java Introduzione Thread

Terza Esercitazione. Unix - Esercizio 1. Unix System Call Exec Java Introduzione Thread Terza Esercitazione Unix System Call Exec Java Introduzione Thread Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Unix - Esercizio 1 Scrivere un programma C con la seguente interfaccia:./compilaedesegui

Dettagli

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job.

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job. Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 4 Cosa è un processo e come viene gestito dal SO 1 e job 2 Il blocco di controllo Sistemi operativi 3 Struttura di un file eseguibile 4 La schedulazione dei

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Programmazione concorrente Principi e introduzione ai processi

Programmazione concorrente Principi e introduzione ai processi LinuxFocus article number 272 http://linuxfocus.org Programmazione concorrente Principi e introduzione ai processi by Leonardo Giordani About the author: Studente presso la

Dettagli

In generale può essere utile che i due processi eseguano del codice diverso

In generale può essere utile che i due processi eseguano del codice diverso System call FORK P fork() ha l aspetto di una funzione C, in realtà è una system call, una chiamata al sistema operativo fork() P P Il processo P' è una copia di P esegue lo stesso codice e possiede una

Dettagli

Esercitazione E7 Immagini

Esercitazione E7 Immagini Esercitazione E7 Immagini Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

I Processi nel SO UNIX

I Processi nel SO UNIX I Processi nel SO UNIX 1 Processi UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

Lezione 5. Processi e thread. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 5. Processi e thread. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 5 Sistemi operativi 24 marzo 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 5.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Relazione tra processi e thread, e relative

Dettagli

Cosa e un processo? Stato del processo

Cosa e un processo? Stato del processo Cosa e un processo? LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2 Corso di laurea in matematica Un sistema operativo esegue programmi di varia natura: Compilatori, word processor, programmi utente, programmi di sistema,

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. I processi. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. I processi. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) I processi Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Il concetto di processo

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi Laboratorio di Sistemi Operativi Segnali a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Segnali - Introduzione I segnali sono interrupt software a livello di processo comunicano al processo il verificarsi di un evento

Dettagli

Esercizio sulla gestione di file in Unix

Esercizio sulla gestione di file in Unix Esercizio sulla gestione di file in Unix 1 Esercizio Si vuole realizzare un programma C che, utilizzando le system call di Unix, realizzi uno schema di comunicazione tra due processi (padre e figlio) mediante

Dettagli

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Processi Laboratorio Software 2008-2009 Introduzione I calcolatori svolgono operazioni simultaneamente Esempio Compilazione di un programma Invio di un file ad una stampante Visualizzazione di una pagina

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Modello dei processi. Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano

Modello dei processi. Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano Modello dei processi Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano 1 Processi Modello di Processi asincroni comunicanti Process Scheduling Operazioni sui Processi Cooperazione tra Processi Interprocess

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Sistemi Operativi. Descrizione e controllo dei processi

Sistemi Operativi. Descrizione e controllo dei processi Sistemi Operativi Descrizione e controllo dei processi Servizi di un Sistema Operativo Permettere ad un utente di creare processi (lanciare programmi) Interallacciare l esecuzione di diversi processi,

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Il sistema operativo LINUX Semafori. Semaforo. Sommario. Sommario. Uso delle pipe. Gestione di semafori tramite pipe. Sistemi operativi Modulo II

Il sistema operativo LINUX Semafori. Semaforo. Sommario. Sommario. Uso delle pipe. Gestione di semafori tramite pipe. Sistemi operativi Modulo II Il sistema operativo LINUX Semafori Semaforo Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Un semaforo è una variabile

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Lezione 10: Librerie e compilazione separata

Lezione 10: Librerie e compilazione separata Lezione 10: Librerie e compilazione separata Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 16 Maggio 2012 Calendario della parte finale del corso Mer 23 Maggio ultima lezione sul C Gio 24

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Peripheral Interface Controller PIC MCU Families (Microchip)

Peripheral Interface Controller PIC MCU Families (Microchip) PIC Peripheral Interface Controller PIC MCU Families (Microchip) Parliamo di come programmeremo Hardware Microcontrollore PIC18Fxxx (452) ambiente di sviluppo software scrittura del codice Cross-compilatore

Dettagli

Introduzione. P4 termina prima di P3, P2 e P3 prima di P1 P1 P2 P3 P4 P1 P1 P2 P3 P4. Padre. P1,..., P4 sono processi. Figlio

Introduzione. P4 termina prima di P3, P2 e P3 prima di P1 P1 P2 P3 P4 P1 P1 P2 P3 P4. Padre. P1,..., P4 sono processi. Figlio Processi Introduzione Processo = entità attiva 1. esiste per un certo lasso di tempo 2. utilizza risorse Ogni processo ha un identificatore intero (PID: process identifier) Tutti i processi UNIX hanno

Dettagli

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife. I TUTOR Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.it IL LABORATORIO Perché il laboratorio? Alcune problematiche si capiscono

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

L ambiente UNIX/Linux. Strumenti per la programmazione C Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

L ambiente UNIX/Linux. Strumenti per la programmazione C Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino L ambiente UNIX/Linux Strumenti per la programmazione C Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Introduzione Integrated Development Environment (IDE) Code::Blocks

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI Shahram Rahatlou Laboratorio di Calcolo, Anno Accademico 2015-16 http://www.roma1.infn.it/people/rahatlou/labcalc/ Sistema Operativo Hardware Software n Routine e programmi

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix.

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix. I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

Thread. Thread. Creazione di nuovi processi. Applicazioni reali. La creazione di un nuovo processo costa I tempi di context switch sono elevati

Thread. Thread. Creazione di nuovi processi. Applicazioni reali. La creazione di un nuovo processo costa I tempi di context switch sono elevati Thread Thread Motivazioni Modelli Multithread Pthread, Threads in Win32, Thread in Java Problematiche relative ai Thread Thread Windows XP Thread Linux Applicazioni reali Creazione di nuovi processi Browser

Dettagli

Indice. Materiale di riferimento. Struttura di un programma in C++ Introduzione al C++ (CAP 1) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A.

Indice. Materiale di riferimento. Struttura di un programma in C++ Introduzione al C++ (CAP 1) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A. Introduzione al C++ (CAP 1) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco Università degli studi di Padova A.A. 2014/2015 Indice Scrittura del primo programma in C++ elementi costitutivi del programma compilazione

Dettagli

Funzioni. Il modello console. Interfaccia in modalità console

Funzioni. Il modello console. Interfaccia in modalità console Funzioni Interfaccia con il sistema operativo Argomenti sulla linea di comando Parametri argc e argv Valore di ritorno del programma La funzione exit Esercizio Calcolatrice 2, presente in tutti i programmi

Dettagli

Richiamo compilatore FORTRAN 77

Richiamo compilatore FORTRAN 77 Table of Contents Richiamo compilatore FORTRAN 77...1 Indice dei contenuti...1 Generalità sul compilatore f77...1 Nomi di file (filename)...1 Opzioni...2 Note per utenti OpenVMS...3 i In questa pagina

Dettagli

Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix. usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato.

Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix. usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato. Processi parte III Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix Segnali: usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato. Pipe: struttura dinamica,

Dettagli

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Richiamo sulle socket Socket in Windows (WinSock) Differenze tra sistemi operativi D. Gendarmi Socket API API: Application Programming Interface

Dettagli

VARIABILI LOCALI E GLOBALI (ESTERNE)

VARIABILI LOCALI E GLOBALI (ESTERNE) VARIABILI LOCALI E GLOBALI (ESTERNE) Le variabili locali sono definite (ed il loro uso dichiarato) nella funzione (o nel blocco) che le usa; nascono quando la funzione entra in esecuzione e muoiono al

Dettagli

Progettazione di Applicazioni Robuste. Applicazione Echo. Schema Generale di un Server TCP Ricorsivo 1. Applicazione echo

Progettazione di Applicazioni Robuste. Applicazione Echo. Schema Generale di un Server TCP Ricorsivo 1. Applicazione echo a.a. 2003/04 Applicazione Echo Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Progettazione di Applicazioni Robuste nel progettare applicazioni su rete robuste

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix

I Processi nel Sistema Operativo Unix I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

Sistemi Operativi. Compito d esame 08 Settembre Versione A

Sistemi Operativi. Compito d esame 08 Settembre Versione A Sistemi Operativi Compito d esame 08 Settembre 2014 Versione A Caselle riservate Ex. 1 Ex. 2 Ex. 3 Ex. 4 Ex. 5 Ex. 6 Tot. Matricola Cognome Nome Docente: Laface Quer Non si possono consultare testi, appunti

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Seminario C/C++ Lorenzo Dusty Costa. Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica

Corso di Laurea in Matematica. Seminario C/C++ Lorenzo Dusty Costa. Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Matematica Seminario C/C++ Costa Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica 19 Ottobre 2011 Cos'é un'ide IDE = Integrated Development Environment Consiste in: Editor

Dettagli

Gestione progetti. software. Ingegneria Informatica e dell'informazione. Michelangelo Diligenti. diligmic@dii.unisi.it

Gestione progetti. software. Ingegneria Informatica e dell'informazione. Michelangelo Diligenti. diligmic@dii.unisi.it Gestione progetti software Michelangelo Diligenti Ingegneria Informatica e dell'informazione diligmic@dii.unisi.it Sommario Cosa fare quando il progetto software diviene grande?.cc e.h Makefiles per gestire

Dettagli

ToolChain: Come Generare Applicazioni in Linguaggio Macchina

ToolChain: Come Generare Applicazioni in Linguaggio Macchina ToolChain: Come Generare Applicazioni in Linguaggio Macchina Luca Abeni e Luigi Palopoli March 30, 2015 La Lingua della CPU Una CPU capisce e riesce ad eseguire solo il linguaggio macchina Linguaggio di

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Funzioni wait e waitpid quando un processo termina il kernel manda al padre il segnale SIGCHLD Controllo dei processi (2) il padre può ignorare il segnale (default)

Dettagli

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 -

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - Created by GT, 28/10/2002 l.r. bycg, 14/11/2005 1 - INFORMAZIONE SUI FILES ls : lista i files presenti nel direttorio dove ci si trova, in ordine

Dettagli

Talvolta i programmi che scriviamo non funzionano, oppure forniscono risultati che non ci aspettiamo

Talvolta i programmi che scriviamo non funzionano, oppure forniscono risultati che non ci aspettiamo Debugging Introduzione Talvolta i programmi che scriviamo non funzionano, oppure forniscono risultati che non ci aspettiamo Un errore in un programma può non pregiudicarne la compilazione ma impedirne

Dettagli

La sincronizzazione è legata alla implementazione delle pipe: int pipe(int fd[2]);

La sincronizzazione è legata alla implementazione delle pipe: int pipe(int fd[2]); int pipe(int fd[2]); Le pipe sono canali di comunicazione unidirezionali che costituiscono un primo strumento di comunicazione (con diverse limitazioni), basato sullo scambio di messaggi, tra processi

Dettagli