Processi in Linux. Igino Corona 20 Ottobre 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009"

Transcript

1 Sistemi Operativi Processi in Linux Igino Corona 20 Ottobre 2009

2 Contenuti della lezione Come funzionano i programmi in Linux? Schema base di esecuzione di un programma Modalità utente e kernel Chiamate a sistema (syscall) Memoria allocata ai processi Segmenti Text, Data e Stack La u (user) Area Creazione dei processi - syscall fork() Identicatori di processo Process IDentier - PID Parent process Indentied - PPID Process Group Identier - PGID Fork e processi - esempio Syscall Exec Possiamo creare processi completamente diversi dal genitore? La shell usa fork e exec La famiglia di syscall exec Alcuni programmi di esempio

3 Come funzionano i programmi in Linux? Schema base di esecuzione di un programma I le eseguibili (in Linux, in formato ELF), vengono interpretati dal sistema operativo per la creazione di un processo sistema operativo. sul Un processo è di fatto un oggetto allocato in memoria avente una struttura pressata: contiene le istruzioni del programma, nonché diversi campi necessari (al sistema operativo) per la sua gestione. In generale, quando un processo è in esecuzione, cioè il s.o. sta eseguendo le istruzioni del programma, esso è allocato in memoria principale.

4 Come funzionano i programmi in Linux? Modalità utente e kernel Esistono due principali modalità di esecuzione dei processi: utente (user mode) e kernel (kernel mode). I processi in modalità utente (appartenenti allo user space) hanno gli stessi privilegi, e permessi di accesso alle risorse, concessi agli utenti che li hanno eseguiti. I processi in modalità kernel (appartenenti al kernel space) hanno invece privilegi e permessi di accesso alle risorse, concessi al super utente root. Queste due modalità sono utili per proteggere l'integrità e garantire le funzionalità del kernel di Linux: in genere sono anche supportate a livello hardware, tramite l'instruction set degli attuali microprocessori.

5 Come funzionano i programmi in Linux? Chiamate a sistema (syscall) Esistono delle funzioni base oerte dal kernel del sistema operativo, che fanno da interfaccia per l'accesso/gestione delle risorse sul calcolatore, ad esempio, apertura di un le, terminazione di un processo, creazione di una connessione TCP, etc. Tali funzioni sono dette chiamate a sistema o syscall. Le syscall sono implementate attraverso istruzioni contenute nel kernel, e possono essere richiamate da un programma utente. Per ogni syscall esiste una funzione di libreria C (es. libc) che fa da wrapper.

6 Come funzionano i programmi in Linux? Chiamate a sistema (syscall) Ogni volta che un programma utente esegue una syscall (direttamente o indirettamente, tramite librerie), avviene un cambio di contesto (context switch), poiché il processo passa temporaneamente dalla modalità utente alla modalità kernel. Per limitare il tempo necessario al cambio di contesto, spesso le chiamate al sistema per Input/Output sono inserite in un buer.

7 Come funzionano i programmi in Linux? Memoria allocata ai processi

8 Come funzionano i programmi in Linux? Memoria allocata ai processi Ogni processo ha un suo spazio di memoria riservato, suddiviso in text segment, data segment e stack segment. Il text segment contiene il codice eseguibile e i dati costanti. Questa parte della memoria è leggibile ma non modicabile dal processo e può essere condivisa da processi diversi che eseguono lo stesso codice (in modo da risparmiare spazio in memoria) Il data segment contiene variabili inizializzate e non inizializzate. Questa area può essere estesa (es. in C, tramite malloc()). Lo stack segment è usato dal sistema per memorizzare identicatori automatici, variabili locali, registri e informazioni sulle chiamate a funzione.

9 Come funzionano i programmi in Linux? Memoria allocata ai processi I riferimenti alle tre zone text segment, data segment e stack segment sono forniti dalle 3 variabili C (da dichiarare come extern) etext, edata e end: Gli indirizzi delle variabili etext, edata, end contengono rispettivamente il primo indirizzo valido successivo ai segmenti di testo, dei dati inizializzati e dei dati non inizializzati. La regione di memoria non allocata compresa tra l'indirizzo di ne della sezione dati e la ne dello stack (n.b. che viene riempito in senso contrario) talvolta viene chiamato anche heap.

10 Come funzionano i programmi in Linux? Memoria allocata ai processi Esempio: si compili e si esegua il programma mem_proc.c. Associare i vari tipi di variabili alle parti della memoria del processo in gura.

11 Come funzionano i programmi in Linux? Memoria allocata ai processi La u (user) area è un area all'interno della quale il sistema operativo immagazzina le informazioni relative ad ogni singolo processo. Per ogni processo si tiene traccia di: Informazioni sulle risorse utilizzate (ad esempio les aperti) Directory di lavoro corrente Segnali giunti al processo System stack (le informazioni per la gestione delle chiamate a sistema vengono memorizzate in questo stack) Stato del processo (dormiente, bloccato, in esecuzione) Proprietario del processo La u-area è accessibile solo attraverso le system call.

12 Creazione dei processi - syscall fork() Quando il s.o. viene avviato, il cosiddetto swapper (PID = 0) è il primo processo ad essere creato (da zero) e crea il processo init. Il processo init, di PID 1, crea poi una serie di thread 1 per la gestione del s.o. La creazione di un nuovo processo avviene generando una copia di un processo esistente. La funzione di sistema che eettua la copia di processi è la fork() Il nuovo processo è dotato di un PID (Process IDentier) distinto. 1 In Linux un thread è un tipo speciale di processo, che condivide lo spazio indirizzi e le risorse del genitore.

13 Creazione dei processi - syscall fork() La fork() è una funzione che normalmente restituisce due valori distinti. Al processo glio restituisce il valore 0, al processo padre restituisce il PID del processo glio. Se la funzione fork() fallisce restituisce il valore -1 e imposta il valore opportuno della variabile errno. Dopo la chiamata alla fork(), sia il padre che il glio continuano ad essere eseguiti a partire dalla prima istruzione successiva alla fork(). Il fatto che venga eseguito prima il padre o il glio dipende unicamente dall'algoritmo di scheduling utilizzato dal kernel.

14 Creazione dei processi - syscall fork() Poiché i due processi sono identici (a parte il PID), per fare in modo che il glio faccia qualcosa di diverso dal padre, occorre che il usso di elaborazione cambi a seconda del valore restituito dalla fork(). Se un processo padre termina prima dei propri gli, il processo init prende il posto del padre.

15 Creazione dei processi - syscall fork() Identicatori di processo Ciascun processo è caratterizzato da alcuni identicatori utili al sistema operativo per la sua gestione: Il PID, ovvero un numero intero che identica univocamente il processo. Il PPID, ovvero il PID del processo genitore. Il PGID, ovvero l'identicatore del gruppo di processi al quale il processo appartiene.

16 Creazione dei processi - syscall fork() Identicatori di processo Il PID è un numero intero che identica univocamente un processo Il sistema operativo assegna un PID crescente ai nuovi processi che vengono generati Alcuni processi del sistema operativo, poiché vengono generati in fase di avvio sempre nello stesso ordine, hanno sempre lo stesso PID Un processo può conoscere il proprio PID tramite la syscall getpid()

17 Creazione dei processi - syscall fork() Identicatori di processo A ciascun processo viene associato anche il PID del processo genitore La syscall getppid() consente di ottenere il PID del processo padre Se da un processo glio possibile risalire al processo padre, non è possibile il percorso inverso: non esiste alcuna syscall attraverso la quale possibile ottenere il PID di tutti i gli di un dato processo. Per tenere traccia di questa informazione, un processo padre dovrebbe memorizzare i PID che gli vengono restituiti ogni volta che esso chiama la fork().

18 Creazione dei processi - syscall fork() Identicatori di processo Un processo e tutti i suoi processi gli costituiscono un gruppo Il processo genitore è il process leader L'ID del processo genitore è anche l'identicatore del gruppo (PGID) Il concetto di gruppo molto importante per la distribuzione dei segnali (che vedremo in seguito) tra i processi: se il processo padre riceve un segnale di terminazione (kill), questo segnale verrà inoltrato anche a tutti i processi gli (ovvero quelli che fanno parte del suo gruppo) Tramite la syscall getpgid(id) un processo può conoscere l'id del gruppo di appartenenza La syscall prende in ingresso l' id del processo di cui si vuole conoscere il gruppo di appartenenza (getpgid(0) specica che vogliamo conoscere il gruppo del processo chiamante)

19 Fork e processi - esempio Il programma fork_esempio.c illustra chiaramente qual'è l'operazione svolta dalla fork(). NOTA: la gestione dell'errore sulla fork(): in caso di errore fork() ritorna -1 e imposta il valore della variabile errno. Altrimenti, al processo padre ritorna il PID del nuovo processo creato, mentre al processo glio ritorna il valore 0. NOTA: per utilizzare delle syscall getpid, getppid e getpgid è necessario includere gli header <sys/types.h> e <unistd.h> A partire dall'output del programma, disegnare lo schema di generazione dei processi.

20 Syscall Exec Possiamo creare processi completamente diversi dal genitore? In molti casi risulta utile creare nuovi processi, le cui istruzioni (Text area), e la cui variabili (Data e Stack area) siano diverse da quelle del processo padre. L'espediente consiste nel creare prima un processo glio, tramite fork. Tramite una syscall exec si sovrascrive l'immagine (segmenti Text, Data e Stack) del nuovo processo, e solo la u-area rimane intatta. Per far ciò una exec necessita del nome del (o del puntatore al) le eseguibile (e degli argomenti da passargli) da usare per la creazione della nuova immagine del processo. In pratica, questo corrisponde al lanciare un certo eseguibile, ed è il ruolo principale svolto dalla shell. Quindi, fork ed exec sono syscall spesso utilizzate congiuntamente.

21 Syscall Exec La shell usa fork e exec La shell esegue un comando esterno (es. cat) attraverso l'utilizzo congiunto di fork e exec. La shell legge il comando (es. cat) e gli argomenti dal prompt La shell crea un glio tramite una fork, e (di defult) resta bloccata no alla sua terminazione (syscall wait) Il glio chiama una exec, passandole il nome del (o il puntatore al) le eseguibile e gli argomenti estratti dal prompt (es. il le eseguibile di nome cat all'interno della cartella /bin/) Al termine del processo glio, la shell rivisualizza il prompt per ricevere nuovi comandi

22 Syscall Exec La famiglia di syscall exec Abbiamo a disposizione ben 6 syscall della famiglia exec: execl() execv() execle() execve() execlp() execvp() Queste syscall si dierenziano per la parte nale del nome ad indicare alcune dierenze nell'acquisizione e nella tipologia degli argomenti passati. Tutte queste chiamate restituiscono -1 in caso di errore e impostano la variabile errno (se hanno successo, per denizione, non ritornano).

23 Syscall Exec La famiglia di syscall exec Esempio: execlp int execlp(const char *nomele, char *arg1,..., char *argn, (char *) NULL); nomele è il nome del le eseguibile (completo di percorso sul lesystem) arg1,...,argn sono gli argomenti da passare al programma l'ultimo argomento della syscall è una stringa vuota (char *)NULL, per indicare che tutti gli argomenti sono stati inseriti

24 Alcuni programmi di esempio La syscall execlp è utilizzata nei programmi clone_cat.c e cat_ls.c. clone_cat.c mostra come sia possibile generare un programma clone di cat, attraverso l'utilizzo di exec. cat_ls.c mostra come sia possibile eseguire concorrentemente un processo clone cat e uno clone di ls, attraverso l'utilizzo congiunto di fork e exec.

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Gestione dei processi Dormire unsigned int sleep(unsigned int); Attende un numero specificato di secondi a meno che non si verifichi un segnale Restituisce 0 se l'attesa è terminata senza interruzioni,

Dettagli

Processi in Linux. Stru/ura file eseguibili

Processi in Linux. Stru/ura file eseguibili SISTEMI OPERATIVI Processi in Linux Stru/ura file eseguibili» ELF - Executable and Linking Format formato di default degli eseguibili in Linux definizione nel file include » StruGura un header contenente

Dettagli

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 STRUTTURE DATI PER PROCESSI Un processo puo' essere in escuzione in 2 modi: kernel e utente. Un processo ha almeno 3 regioni: codice, dati e stack Lo stack è allocato dinamicamente.

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI Fabio Buttussi La programmazione di sistema Il kernel è la parte di Unix che corrisponde al sistema operativo

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 5 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Processi in Unix Approfondimenti: http://gapil.gnulinux.it/download/

Dettagli

System Calls per la Gestione dei Processi

System Calls per la Gestione dei Processi System Calls per la Gestione dei Processi Domenico Cotroneo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Roadmap Process Context Identificativi getpid() getppid()

Dettagli

Programmazione multiprocesso

Programmazione multiprocesso DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 Programmazione multiprocesso Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 20 febbraio 2012 2 Processi Cos'è un processo? Un programma in esecuzione Spazio di

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Capitolo 1 Gestione dei processi 1.1 Creazione di un processo I principali eventi che possono dare luogo ad un nuovo processo sono: inizializzazione del sistema; esecuzione di una primitiva di sistema

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

System call per la gestione di processi

System call per la gestione di processi System call per la gestione di processi Chiamate di sistema per creazione di processi: fork() sostituzione di codice e dati: exec...() terminazione: exit() sospensione in attesa della terminazione di figli:

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Sistemi Operativi. Des crizione e controllo dei proces s i

Sistemi Operativi. Des crizione e controllo dei proces s i Sistemi Operativi Des crizione e controllo dei proces s i Servizi di un Sistema Operativo Permettere ad un utente di creare processi (lanciare programmi) Interallacciare l esecuzione di diversi processi,

Dettagli

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job.

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job. Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 4 Cosa è un processo e come viene gestito dal SO 1 e job 2 Il blocco di controllo Sistemi operativi 3 Struttura di un file eseguibile 4 La schedulazione dei

Dettagli

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti GESTIONE DEI PROCESSI 4.1 Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in diversi S.O. 4.2 Concetto di

Dettagli

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo I Thread 1 Consideriamo due processi che devono lavorare sugli stessi dati. Come possono fare, se ogni processo ha la propria area dati (ossia, gli spazi di indirizzamento dei due processi sono separati)?

Dettagli

Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Gestione dei processi in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Process id ed altri identificatori pid_t getpid(); // Process id del processo chiamante pid_t getppid(); // Process

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix

I Processi nel Sistema Operativo Unix I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) I processi

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) I processi Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) I processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario Il concetto di processo Schedulazione dei processi e cambio di contesto

Dettagli

VARIABILI LOCALI E GLOBALI (ESTERNE)

VARIABILI LOCALI E GLOBALI (ESTERNE) VARIABILI LOCALI E GLOBALI (ESTERNE) Le variabili locali sono definite (ed il loro uso dichiarato) nella funzione (o nel blocco) che le usa; nascono quando la funzione entra in esecuzione e muoiono al

Dettagli

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario Processi e thread Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Sommario Concetto di processo Stati di un processo Operazioni e relazioni tra processi Concetto di thread Gestione dei processi

Dettagli

I Processi nel SO UNIX

I Processi nel SO UNIX I Processi nel SO UNIX 1 Processi UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Daniele Pighin pighin@fbk.eu FBK Via Sommarive, 18 I-38050 Trento, Italy March 5, 2008 Outline 1 Sistema operativo e

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi)

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Architettura del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle chiamate

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Modello dei processi. Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano

Modello dei processi. Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano Modello dei processi Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano 1 Processi Modello di Processi asincroni comunicanti Process Scheduling Operazioni sui Processi Cooperazione tra Processi Interprocess

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 22 Martedì 7-1-2014 1 System Call per l'uso dei segnali Un processo che

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Computazione multi-processo. Condivisione, Comunicazione e Sincronizzazione dei Processi. Segnali. Processi e Threads Pt. 2

Computazione multi-processo. Condivisione, Comunicazione e Sincronizzazione dei Processi. Segnali. Processi e Threads Pt. 2 Computazione multi-processo Avere più processi allo stesso momento implica/richiede Processi e Threads Pt. 2 Concorrenza ed efficienza Indipendenza e protezione dei dati ma deve prevedere/permettere anche:

Dettagli

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto Processi e Sincronizzazione C. Brandolese M. Grotto Sommario 1. Processi Concetti fondamentali Stati in GNU/Linux 2. Creazione Descrizione Creazione con system() Creazione con fork() Effetto di fork()

Dettagli

Capitolo 3 -- Silberschatz

Capitolo 3 -- Silberschatz Processi Capitolo 3 -- Silberschatz Concetto di processo Un SO esegue una varietà di attività: Sistemi batch job Sistemi time-sharing programmi utenti o task Nel libro i termini job e processo sono usati

Dettagli

Concetto di processo. Processi. Immagine in memoria di un processo. Stati di un processo. Un SO esegue una varietà di attività:

Concetto di processo. Processi. Immagine in memoria di un processo. Stati di un processo. Un SO esegue una varietà di attività: Impossibile visualizzare l'immagine. Processi Concetto di processo Un SO esegue una varietà di attività: Sistemi batch job Sistemi time-sharing programmi utenti o task Nel libro i termini job e processo

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

MACCHINA DI VON NEUMANN

MACCHINA DI VON NEUMANN I seguenti appunti non hanno la pretesa di essere esaustivi, ma hanno l unico scopo di illustrare in modo schematico i concetti necessari allo sviluppo del programma di Informatica della 1D del Liceo Scientifico

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale didattico,

Dettagli

Sistemi Operativi. Descrizione e controllo dei processi

Sistemi Operativi. Descrizione e controllo dei processi Sistemi Operativi Descrizione e controllo dei processi Servizi di un Sistema Operativo Permettere ad un utente di creare processi (lanciare programmi) Interallacciare l esecuzione di diversi processi,

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Un programma per essere eseguito deve risiedere in memoria principale e lo stesso vale per i dati su cui esso opera In un sistema multitasking molti processi vengono eseguiti

Dettagli

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Lezione 5. Processi e thread. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 5. Processi e thread. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 5 Sistemi operativi 24 marzo 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 5.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Relazione tra processi e thread, e relative

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

L API socket ed i daemon

L API socket ed i daemon L API socket ed i daemon Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy http://www.iac.cnr.it/

Dettagli

Allocazione dinamica della memoria - riepilogo

Allocazione dinamica della memoria - riepilogo Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica In breve Storage duration Allocazione dinamica della

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. Il software

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. Il software Il software la parte contro cui si può solo imprecare Il software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore ma è necessario introdurre il software ovvero un insieme di

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Processi Laboratorio Software 2008-2009 Introduzione I calcolatori svolgono operazioni simultaneamente Esempio Compilazione di un programma Invio di un file ad una stampante Visualizzazione di una pagina

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Strumenti per l Analisi Statica e Dinamica di Eseguibili

Strumenti per l Analisi Statica e Dinamica di Eseguibili Pattern Recognition and Applications Lab Strumenti per l Analisi Statica e Dinamica di Eseguibili Dott. Ing. Davide Maiorca davide.maiorca@diee.unica.it Corso di Sicurezza Informatica A.A. 2014/2015 Dipartimento

Dettagli

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA)

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA) Il software Software Il software Il software è la sequenza di istruzioni che permettono ai computer di svolgere i loro compiti ed è quindi necessario per il funzionamento del calcolatore. Il software può

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Protezione. Protezione. Protezione. Obiettivi della protezione

Protezione. Protezione. Protezione. Obiettivi della protezione Protezione Protezione La protezione riguarda i meccanismi per il controllo dell accesso alle risorse in un sistema di calcolo da parte degli utenti e dei processi. Meccanismi di imposizione fissati in

Dettagli

2. I THREAD. 2.1 Introduzione

2. I THREAD. 2.1 Introduzione 2. I THREAD 2.1 Introduzione Il tipo di parallelismo che è opportuno avere a disposizione nelle applicazioni varia in base al grado di cooperazione necessaria tra le diverse attività svolte in parallelo:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 20 Martedì 16-12-2014 1 System call per la gestione dei processi Creazione

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio 1-La memoria dinamica La scrittura di un programma (indipendentemente dal linguaggio adottato) deve sempre tener conto

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella Complessità del Software Software applicativo Software di sistema Sistema Operativo Hardware 2 La struttura del

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema.

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema. Allocazione della memoria In C++ è possibile creare (allocare) variabili in maniera statica o dinamica. Nell allocazione statica una variabile esiste ed è utilizzabile dal momento della sua dichiarazione

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI (1)

I SISTEMI OPERATIVI (1) I SISTEMI OPERATIVI (1) 1 un computer può essere pensato come una stratificazione di macchine virtuali, ciascuna delle quali mette a disposizione alcuni servizi, che sono utilizzabili mediante chiamate

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. I processi. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. I processi. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) I processi Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Il concetto di processo

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Tesina per l esame di Sistemi Operativi a cura di Giuseppe Montano. Prof. Aldo Franco Dragoni

Tesina per l esame di Sistemi Operativi a cura di Giuseppe Montano. Prof. Aldo Franco Dragoni Sistemi operativi real time basati su Linux: gestione delle risorse e dei processi. Tesina per l esame di Sistemi Operativi a cura di. Prof. Aldo Franco Dragoni Corso di laurea in Ingegneria Informatica

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Informatica: il sistema operativo

Informatica: il sistema operativo pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 6 ottobre 2006 Il software Il software è l insieme dei programmi che operano sul calcolatore Software

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Elementi di Architettura e Sistemi Operativi

Elementi di Architettura e Sistemi Operativi Elementi di Architettura e Sistemi Operativi Bioinformatica - Tiziano Villa 15 Giugno 2015 Nome e Cognome: Matricola: Posta elettronica: problema punti massimi i tuoi punti problema 1 4 problema 2 6 problema

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Seminario C/C++ Lorenzo Dusty Costa. Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica

Corso di Laurea in Matematica. Seminario C/C++ Lorenzo Dusty Costa. Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Matematica Seminario C/C++ Costa Università degli Studi di Milano Dipartimento di Matematica 19 Ottobre 2011 Cos'é un'ide IDE = Integrated Development Environment Consiste in: Editor

Dettagli

Controllo dei Processi 1

Controllo dei Processi 1 Controllo dei Processi 1 I processi Nei sistemi Unix/Linux ogni processo ne può generare altri. Il processo che li genera è detto processo padre (parent process), mentre i processi generati sono detti

Dettagli

Laboratorio di Programmazione

Laboratorio di Programmazione Laboratorio di Programmazione Federico Spizzo Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza 006 Tel: 0532 974231 E-mail: federico.spizzo@unife.it Gianluigi Cibinetto Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza

Dettagli

Processi Concetti di base. Esecuzione parallela e sequenziale Il concetto di processo Gestione dei processi

Processi Concetti di base. Esecuzione parallela e sequenziale Il concetto di processo Gestione dei processi Processi Concetti di base Esecuzione parallela e sequenziale Il concetto di processo Gestione dei processi Esecuzione sequenziale I sistemi di calcolo più semplici consentono unicamente l'esecuzione sequenziale

Dettagli

Il descrittore di processo (PCB)

Il descrittore di processo (PCB) Il descrittore di processo (PC) Il S.O. gestisce i processi associando a ciascuno di essi un struttura dati di tipo record detta descrittore di processo o Process Control lock (PC) Il PC contiene tutte

Dettagli

I Thread. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina

I Thread. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina I Thread M. Grotto R. Farina Sommario 1. I Thread Introduzione 2. Creazione e terminazione Utilizzo Scheduling dei processi 3. Comunicazione 4. Attributi Passaggio di parametri Funzioni utili Descrizione

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione Definizione Con il termine processo si indica una sequenza di azioni che il processore esegue Il programma invece, è una sequenza di azioni che il processore dovrà eseguire Il processo è quindi un programma

Dettagli

Utilizzo e scrittura di classi

Utilizzo e scrittura di classi Utilizzo e scrittura di classi Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 14 novembre, 2001 Gino Perna Implementazione di classi in C++ UN ESEMPIO DI CLASSE: RISULTATI

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 6 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Interazione tra Processi I processi concorrenti possono interagire

Dettagli

Relazioni tra oggetti e classi : Composizione. Relazioni tra oggetti e classi : esempio di Aggregazione. classe contenitore

Relazioni tra oggetti e classi : Composizione. Relazioni tra oggetti e classi : esempio di Aggregazione. classe contenitore Relazioni tra oggetti e classi : Generalizzazione Fondamenti di Informatica II 20. Laboratorio 6 Collegamenti e associazioni Le relazioni di tipo generalizzazione (specializzazione), servono per poter

Dettagli

1 Processo, risorsa, richiesta, assegnazione 2 Concorrenza 3 Grafo di Holt 4 Thread 5 Sincronizzazione tra processi

1 Processo, risorsa, richiesta, assegnazione 2 Concorrenza 3 Grafo di Holt 4 Thread 5 Sincronizzazione tra processi 1 Processo, risorsa, richiesta, assegnazione 2 Concorrenza 3 Grafo di Holt 4 Thread 5 Sincronizzazione tra processi Il processo E' un programma in esecuzione Tipi di processo Stati di un processo 1 indipendenti

Dettagli

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 parametri delle funzioni (dalla lezione scorsa) gli argomenti in C vengono passati by value dalla funzione chiamante alla funzione chiamata la lista degli argomenti viene

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Sistemi Operativi. Esercitazione 2 Compilazione, Makefile e Processi

Sistemi Operativi. Esercitazione 2 Compilazione, Makefile e Processi Sistemi Operativi Esercitazione 2 Compilazione, Makefile e Processi Percorso Compilazione programmi in c Makefiles Processi definizione gestione creazione Compilazione di programmi in C Compilazione e

Dettagli

VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA. Linux Day - 25 Ottobre 2008

VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA. Linux Day - 25 Ottobre 2008 VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA Linux Day - 25 Ottobre 2008 VIRTUALIZZAZIONE In informatica la virtualizzazione consiste nella creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente

Dettagli