La proposta della fede agli adulti. Dalle intenzioni ai passi concreti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La proposta della fede agli adulti. Dalle intenzioni ai passi concreti"

Transcript

1 Treviso, 8 giugno 2012 La proposta della fede agli adulti. Dalle intenzioni ai passi concreti fratel Enzo Biemmi - Sono più di 40 anni (a partire dal Documento Base della catechesi del 1970 e poi su fino al catechismo degli adulti degli anni 80 e 90, ai diversi orientamenti pastorali, alle note sull iniziazione cristiana, al Convegno ecclesiale nazionale di Verona del 2006, fino al recente Educare alla vita buona del Vangelo) che l appello a mettere gli adulti al centro dell evangelizzazione risuona all interno della Chiesa come una specie di ritornello. E questa reiterata insistenza, prendiamone atto serenamente, tradisce anche la nostra fatica a passare dalle intenzioni ai passi concreti. C è un evidente scarto tra le convinzioni della nostra comunità ecclesiale e le sue concrete realizzazioni. Così l appello alla centralità della catechesi degli adulti ha spesso il sapore delle grida di manzoniana memoria: bisogna, dobbiamo, è urgente Le dichiarazioni di intenti si ripetono, e intanto gli anni passano, le generazioni sfilano una dopo l altra, le famiglie non iniziano più alla fede i loro figli e la catechesi ecclesiale resta ancora fondamentalmente diretta ai bambini. Una inchiesta sui catechisti negli anni 90 dava questi dati: dei circa catechisti italiani, erano impiegati per i ragazzi dell iniziazione cristiana (elementari e medie). Per gli adulti rimaneva il 4 %. Sarebbe come se il 92% dei medici italiani fossero pediatri. Secondo voi, le cose da allora sono cambiate tanto? Il nostro impianto catechistico rimane puerocentrico e finalizzato ai sacramenti. Con questo noi confermiamo, senza volerlo, che la fede è una cosa importante fino a quando si è bambini, e lo è molto di meno dopo, quando si entra nell età adulta. E questo è esattamente quello che capiscono i ragazzi e i loro genitori. - Detto questo, è inutile piangersi addosso. Meglio vedere quello che già stiamo facendo e, a partire da quanto è già in atto, provare a individuare qualche passo per rinforzare alcune buone pratiche e inserirle in un progetto diocesano condiviso e in una logica di lavoro a rete. Mi sembra questo il dato positivo che emerge dall inchiesta fatta nella vostra diocesi. Ci sono già esperienze, piuttosto diversificate e frammentate, è vero, ma non siamo all immobilismo. C è dunque un ponte tra le intenzioni e le realizzazioni, magari un ponte tibetano un po traballante, ma non c è il vuoto. Come rinforzare la nostra proposta nei riguardi degli adulti? Come rendere le nostre parrocchie delle comunità adulte e per gli adulti? Senza pretendere di dare ricette, vorrei darvi alcuni suggerimenti in questa direzione. 1. Una domanda utile e allo stesso tempo inutile: ma gli adulti, sono interessati alla fede? Quando ci impegniamo a portare il vangelo agli adulti siamo spesso scoraggiati di trovarci di fronte a persone in apparenza sempre meno interessate alle nostre catechesi. La domanda che ci poniamo spesso, e che ci scoraggia fino quasi a paralizzarci, è questa: ma come si fa a proporre il Vangelo a gente che non è interessata? La Lettera ai cercatori di Dio 1 sembrerebbe a questo proposito essere passata a lato della questione. Ai cercatori di Dio si può rivolgersi, ma con la maggioranza della gente che non cerca Dio, cosa possiamo fare? Questa domanda è da una parte utile, dall altra del tutto inutile. - E utile perché ci aiuta a renderci conto che ci troviamo di fronte a una diversificazione del mondo degli adulti rispetto alla fede sempre più evidente, secondo almeno una quadruplice tipologia: gli appartenenti alla comunità, che si impegnano al suo interno (militanti); i praticanti che in forma più 1 COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI, Lettera ai cercatori di Dio, 12 aprile

2 o meno continua frequentano il culto; il gruppo di adulti piuttosto numerosi che il sociologo Garelli ha definito come salutari o intermittenti, che si accostano alla Chiesa nei grandi passaggi simbolici della vita (nascite, prime comunioni e cresimi, matrimoni, funerali); gli adulti in aumento che non passano affatto dalle nostre parrocchie. Quando diciamo catechesi degli adulti parliamo di fatto di un impegno diversificato: una catechesi come formazione e cura della fede del gruppo di credenti appartenenti (sempre più pochi); una catechesi come riavvio della fede, per cristiani praticanti per abitudine (parliamo per loro di secondo annuncio); e di un vero primo annuncio per adulti che si sono da tempo allontanati dalla chiesa o che non sono battezzati. Questa realtà ci richiama la parabola del seminatore (Mc 4) con la tipologia dei quattro terreni, e ci invita a tenerne conto. - D altra parte la stessa parabola non sembra molto interessata alle nostre analisi sociologiche. Sembra invece far leva più sulla forza intrinseca della Parola e sulla speranza del seminatore che sulla recettività del terreno. Al punto che potremmo pensare che questo seminatore sia sprovveduto, perché getta il seme dove capita. Sappiamo che raccontando questa parabola Gesù parla di se stesso, dell apparente insuccesso del suo annuncio. E sembra dire ai suoi discepoli sfiduciati, e in ultima analisi a se stesso, che bisogna donare il Vangelo semplicemente perché è buono e ha fatto bene a noi, e avere fiducia che questo, in qualcuno (uno solo su quattro, per la verità) opera miracoli: il 30, il 60 e qualche volta il 100 per uno. Ci sono altre due parabole molto istruttive, quelle di Matteo del tesoro e della perla. Perché mai Matteo avrebbe dovuto raccontare due parabole esattamente uguali? Non ne bastava una? No, perché tra le due c è un unica differenza sostanziale: in quella del tesoro il contadino non cerca, si imbatte per caso. Nella seconda, invece, il negoziante di perle cerca. In entrambi i casi l accento è posto sulla sorpresa, sul di più per grazia che la scoperta riserva. Matteo sembra qui mettere in scena le due possibilità dell evangelizzazione: quella rivolta a chi cerca e quella rivolta a chi non cerca. E sembra dirci che non c è nessuna differenza. Il Vangelo è per tutti grazia, sorpresa, e come ci accade spesso nella vita, ci vengono incontro cose che non cerchiamo, ma che cambiano la nostra esistenza. Quale la morale? Semplicemente questa. Affrontando praticamente (e non solo nelle intenzioni) la catechesi degli adulti noi non ci concentreremo più sulle disposizioni più o meno positive delle persone, non vincoleremo più l annuncio alle condizioni della sua accoglienza. Avremo anche noi la sprovvedutezza di puntare tutto sulla grazia del Vangelo, sulla sua forza intrinseca, sulla nudità della nostra testimonianza. Gli adulti sono molto diversi tra di loro, è vero, ma sono tutti capax dei, capaci di Dio, tutti adatti al Vangelo. Anzi, sembra che siano i più poveri di loro, i più sguarniti, i più lontani quelli che, di fronte ad un annuncio gratuito e a una testimonianza coraggiosa, si lasciano colpire dal suo valore. E stato così per Gesù. Volete che sia diverso per noi? In alcune regioni del sud mi hanno spiegato che se vengo invitato a cena non devo portare nulla, perché significherebbe che il mio ospite, anche se molto povero, non è in grado di onorare la mia presenza. Ho pensato: che bella lezione per l evangelizzazione! La nostra gioia deve essere quella di donare il meglio che abbiamo, senza preoccuparci se l altro porta o non porta qualcosa. Invece, 17 secoli di cristianità ci hanno abituato troppo bene (o troppo male): il nostro dono è condizionato al fatto che le persone portino qualcosa, siano a posto, abbiano le carte in regola, presentino la fede come la intendiamo noi, ecc. Che assurdità condizionare il dono del Vangelo alla situazione delle persone. Allora la direzione è chiara. Ci concentreremo su quello che abbiamo da donare noi, e non lo faremo per fare dei proseliti, ma perché la nostra gioia, come dice Giovanni (1Gv 1,1-4), sarà piena solo quando il Vangelo sarà donato a tutti. Diremo semplicemente quello che per grazia siamo diventati. E anche il solo modo per disinnescare attese sproporzionate, colpevolizzazioni, frustrazioni. Finito il tempo della cristianità, entriamo in quello della gratuità e libertà. Ricordiamocelo: tre su quattro non accoglieranno, non per cattiveria, ma per la complessità della vita. Se è stato così per il legno verde, che è Gesù, cosa volete che sia diverso per il legno secco, che siamo noi sua Chiesa? 2

3 Quale vangelo agli adulti? Cerchiamo ora di addentrarci un po di più sulle proposte concrete di catechesi degli adulti. La domanda allora è la seguente: quale vangelo sono in grado di ascoltare gli adulti? Quale vangelo sarebbero disposti ad accogliere le donne e gli uomini di oggi? La domanda è in questo caso volutamente rovesciata rispetto a quella che facciamo di solito, la quale grosso modo suona così: quale vangelo è bene che gli adulti sentano? E a partire da questa seconda prospettiva che noi prepariamo i nostri programmi, organizziamo i nostri incontri, predisponiamo i nostri contenuti. Questa è una partenza legittima, perfino doverosa. E così che risulta estremamente importante poter delineare a quale punto di arrivo dobbiamo condurre le persone, qual è la figura adulta della fede. Il Vescovo lo ha fatto in modo molto chiaro ed efficace nei suoi orientamenti pastorali. Questo deve costituire il quadro di riferimento. Quando il quadro di riferimento si traduce in percorso, allora non dobbiamo confondere il traguardo con la strada. Noi desideriamo che incontrino il Signore Gesù nella sua comunità, e desideriamo che giungano alla piena maturità in Cristo. Ma dobbiamo partire da dove sono, non dal punto in cui ci troviamo noi o dal punto in cui sarebbe bene che arrivino. Formulata dal versante del percorso, la domanda ha una risposta semplicissima: gli adulti sono disposti a sentire il Vangelo che è vangelo, vale a dire buona notizia sulla situazione della loro vita. Sono disposti a sentire ciò che rende buona e bella la loro vita. Sì, proprio questo: il vangelo della vita buona. Siamo dunque nel cuore della sfida pastorale di questo decennio. Detto in maniera un po più cruda ma comunque efficace, diciamo che gli adulti, noi stessi per primi, sono disposti ad accogliere quello che in qualche modo serve a loro, quello che è loro utile. Questa prospettiva dell utilità applicata all evangelizzazione non ha alcune connotazione banalmente utilitaristica. Essa vuole indicare che ogni adulto è raggiunto là dove si collocano i compiti che è chiamato ad assumere e le sfide che essi comportano. Questo primo livello di utilità non banale riguarda quindi i ruoli, quelli di padre e di madre, quello di marito o moglie, quello legato al lavoro e alla professione, e così via. Infatti, la nostra identità, il senso che noi diamo alla vita nella sua fase adulta, è legato ai nostri ruoli e ai nostri compiti. Ciò che ci aiuta ad affrontarli meglio, questo siamo disposti ad accoglierlo, anzi lo cerchiamo. Ma c è un secondo livello di utilità non banale del quale tutti siamo alla ricerca: riguarda il nostro modo di stare al mondo, di stare dentro la nostra pelle, di stare in relazione con gli altri, di vivere le cose belle o brutte che ci succedono. Questo livello riguarda non il fare, ma l essere, il senso ultimo del nostro esistere. E non è difficile capire questo: quando una proposta formativa raggiunge i due livelli di utilità (rispetto al fare meglio e all essere meglio, al ben-essere) allora noi attiviamo nelle persone il massimo della disponibilità. Se i bambini e i ragazzi sono aperti a tutti gli apprendimenti, gli adulti non apprendono che quello che in qualche modo li riguarda. Vale anche per noi, per i catechisti quando viene loro proposta una formazione, per i preti quando fanno la formazione permanente. - Si colloca proprio dentro questa prospettiva l invito del Convegno ecclesiale di Verona e dei documenti dei Vescovi italiani, fino agli orientamenti pastorali per questo decennio: annunciare il vangelo dentro il bisogno di vita delle persone: il vangelo degli affetti quando ci si innamora e si stabilisce una relazione stabile con un partner; il vangelo della paternità e maternità quando nasce un figlio, quando lo dobbiamo educare, quando lo dobbiamo lasciar partire; il vangelo del lavoro quando si ha un lavoro, quando lo si perde, quando lo si cerca senza trovarlo; il vangelo delle infinite fragilità che ci colpiscono nella vita, prima fra tutte la fragilità affettiva; il vangelo dei distacchi, delle separazioni e dei divorzi che lasciano ferite profonde, il vangelo di nuovi legami stabiliti; il vangelo dei lutti, delle perdite di un figlio, di un coniuge, di un parente; il vangelo della malattia, propria e altrui; il vangelo della morte, quando ormai è chiaro che resta poco da vivere. Si apre qui una mappa estremamente variegata di catechesi degli adulti, nella linea di un trasloco della comunità ecclesiale nella vita della gente, nel suo bisogno di vita. I vescovi li hanno chiamati ambiti di vita, soglie della fede, esperienze antropologiche, passaggi della vita. 3

4 - E interessante notare come l indagine fatta nella vostra diocesi mostra che, al di là delle apparenze, questa variegata mappa umana non è del tutto disabitata dalla proposta ecclesiale del vangelo. Certo, si tratta di una presenza ancora debole, rimanendo prevalente una proposta interna agli obiettivi ecclesiali e ai suoi bisogni. Ma qualche passo è avviato. E la direzione da incrementare, facendo sì che la Parola continui a farsi carne. - Per questo trasloco non facile, occorre liberarci di una eccessiva preoccupazione nostra: quella di temere che se raggiungiamo gli adulti per i loro bisogni, in qualche modo noi li strumentalizziamo. Lo diciamo, ad esempio, per i genitori dei ragazzi che devono ricevere i sacramenti. L adulto va raggiunto come adulto, non come genitore, ci capita di sentir dire o di dire. Ma di fatto nella nostra vita non possiamo distinguere i due livelli: siamo adulti in quanto genitori, in quanto mariti e mogli, in quanto preti, in quanto insegnanti, ecc. Prendiamo atto di una cosa importante. Di solito Dio si apre una strada nelle nostre brecce, nelle nostre crepe, nelle nostre fragilità. La fede adulta è quella che si vive nella quotidianità e nell ordinarietà, è vero, ma questo è sempre un punto di arrivo. La partenza, invece, è quasi sempre dentro una interruzione dell ordinarietà. Dio bussa nella nostra esistenza o quando la vita ci presenta un eccedenza gratuita, o quando ci fa sperimentare, spesso drammaticamente, il limite e la morte. Dio di solito non riesce a raggiungerci quando le cose vanno bene, quando la nostra vita è un lungo fiume tranquillo, quando affettivamente abbiamo buone relazioni, buona salute, un buon bilancio economico. Quando nella nostra vita irrompe un amore che non ci meritiamo, quando ci nasce un figlio, quando attraversata la malattia ritroviamo la salute, allora noi sentiamo la necessità profonda di dire un grazie. Quando siamo dentro l esperienza della sofferenza, dentro la minaccia del morire in tutte le sue sfaccettature (psicologiche, fisiche affettive), allora da noi sale un grido. Una grazie e un grido: in queste due fessure si presenta il volto di Dio. Il rendimento di grazie e l invocazione ritmano le stagioni della fede, e spesso ne avviano il cammino. I salmi sono a questo proposito più liberi di noi. Nei 150 salmi si va dal grido al grazie e alla lode (gli ultimi), con un crescendo progressivo dal salmo 1 al salmo 150, quasi a dire che l esperienza umana del bisogno è luogo antropologico del rivelarsi di Dio e il rendimento di grazie è il progressivo riconoscimento del sua agire buono nei nostri confronti. Non avremo quindi nessuna paura a collocarci nelle crepe della vita adulta, sia quelle provocate da eccesso di grazia che quelle provocate da eccesso di dolore. E lì proporremo le nostre catechesi, come rivelazione di Gesù Cristo, morto e risorto per noi. Perché questa è la vita, in fin dei conti: un continuo mistero pasquale, una continua esperienza di morte e un continuo anelito di risurrezione. Annunciare il vangelo della paternità e della maternità Un esercizio molto semplice sarebbe allora quello di disegnare in una parrocchia la mappa della catechesi, all interno del Consiglio pastorale o del gruppo catechisti. Si potranno così vedere i pieni e i vuoti, vale a dire dove collochiamo tradizionalmente la proposta del Vangelo e dove da tempo siamo del tutto assenti. Ci accorgeremmo di quanti appuntamenti di Dio nella vita degli adulti la comunità ecclesiale è assente, essendo occupata nelle proprie proposte. Vorrei per questo dire una parola breve su una delle esperienze di vita delle persone che è una vera soglia della fede: quel tempo della vita nel quale si diventa papà e mamme e tutto il tempo successivo dell educazione dei figli. Se per essere genitori bastano 9 mesi, infatti, per essere padri e madri dei nostri figli ci vogliono molti anni. È questo un tempo particolarmente favorevole per la fede, sia perché la nascita di un figlio segna una vera rinascita dell adulto, sia perché la fede di tutti si apre con il battesimo. Abbiamo qui un incrocio particolarmente favorevole. Ascoltiamo la testimonianza di una mamma. 4

5 «Poi sono nati i bambini ed è stato un momento di ripensamento, perché ti rendi conto di quanto sei poco: due sono troppo pochi per la responsabilità di tirar su degli altri, la coppia non è sufficiente, assolutamente; ( ) ci siamo proprio detti che ci vuole qualcuno di più grande che li protegga ( ). Io e G. entrambi abbiamo detto che sarebbe bello credere, che veramente sarebbe bello se ci fosse qualcuno che li protegge. La fede è come una ricchezza per chi ce l ha, ti aiuta» (percorsi per genitori, diocesi di Trento). Questa breve testimonianza ci lascia intuire che il venire al mondo di un bambino è un fatto inaugurale nella vita adulta di due persone. Inaugurale significa che interviene nella vita una novità che instaura un nuovo inizio, un ricominciamento. E vero che nasce un bambino, ma è altrettanto vero che nasce una donna e un uomo, nascono come madri e padri. «Che arriva dall'embrione alla puerpera?», questa donna ogni giorno diventa diversa, dalla sua forma lo vediamo e dall'alone, vediamo che questa donna si adatta a creare, anche se pare una contraddizione parlare di adattamento alla creatività. «Ecco quanto arriva alla donna dall'embrione: proprio questo adattamento alla creatività». Si è creduto per molto tempo che un cordone ombelicale è unidirezionale: ma non è vero. Il cordone ombelicale, come ogni rapporto vivo, è sempre bidirezionale» 2. Il cordone è bidirezionale: si tratta di una doppia nascita. E questo vale sia dal punto di vista umano che di quello della fede. - Prima di tutto dal punto di vista umano. Gli adulti che fanno crescere i figli dentro una relazione di amore, imparano dai piccoli la docilità dell essere, l abbandono fiducioso alla vita. Tornano grazie a loro ad avere un rapporto con la vita non dettato dall utilità, non sottomesso all economia, non dominato dal fare, ma centrato sull essere, sull amore, sul prendersi cura reciprocamente. Gli adulti, generando alla vita, si rigenerano al valore della vita donata; sentono la bellezza di essere creature. Si tratta di una grande opportunità per ri-cominciare a vivere diversamente. - La stessa cosa avviene per quanto riguarda la fede. Gli adulti che generano i bambini alla vita si possono ri-svegliare a una vita che va oltre, che va verso l oltre, che può aprire ad esperienze umane vissute in profondità, che può far emergere interrogativi esistenziali assopiti. Quando noi insegniamo a un bambino a fare il segno della croce, diciamo con lui il Padre nostro o l angelo di Dio, o l Ave Maria, noi grandi torniamo piccoli con lui di fronte a Dio. E loro ci aiutano con la loro semplicità e il loro abbandono, a stare davanti a Dio come figli, a sentirlo Padre per noi, a renderci conto che tutto ciò che siamo e facciamo viene da lui, dalla sua grazia. E quando crescono e cominciano a fare domande, essi danno voce alle domande sopite che sono in noi, e ci chiedono di cercare con loro le risposte giuste, le parole non stereotipate, ci chiedono di non essere superficiali. Insomma, mentre li aiutiamo a credere, noi rifacciamo con loro la strada della fede e ricominciamo a credere noi. E quando sono più grandi, e prendono le loro distanze, anche dalla fede, è molto importante per loro, mentre se ne vanno, che ci sia qualcuno che tiene, che resta. Essi si possono allontanare sicuri, anche dalla fede, perché sentono che c è un porto. Possono essere pellegrini nella vita e non vagabondi, senza riferimenti. Sono i bambini i traghettatori della fede dei grandi. Abbiamo sempre detto che i genitori sono i primi catechisti dei loro bambini; è tempo che cominciamo a renderci conto che i bambini sono i primi catechisti dei loro genitori. I bambini piccoli: dopo, sarà troppo tardi. - E questa la sfida che il rinnovamento dell iniziazione cristiana sta affrontando, in molte comunità cristiane. L importante è capire che l iniziazione cristiana non inizia con la prima comunione, ma con il battesimo, il che significa che inizia con i genitori, non con i bambini. La cura della pastorale battesimale diventa così determinante. È spesso il primo appuntamento dopo anni di allontanamento 2 - DOLCI Danilo, Dal trasmettere del virus del dominio al comunicare della struttura creativa, Edizioni Sonda, Milano 1988, pag

6 dalla comunità. L accoglienza qui è determinante. Ed è accoglienza nel segno della reciprocità. Gli incontri nelle case dei nuovi genitori sono un primo trasloco della comunità cristiana nelle case della gente. Sono fatti spesso da laici, da coppie di sposi. Avviano semplici e profondi dialoghi. Fanno del bene alla fede non solo dei genitori visitati, ma degli stessi visitatori. Altrettanto piena di sorpresa è la proposta di incontri nel periodo 0-6 anni, in cui possono avvenire cose molto belle, perché non c è in ballo un sacramento. E una grande opportunità pastorale che i genitori gustano senza la fretta di sentirsi prossimi ai sacramenti; si aprono alle relazioni, alla meraviglia della vita e alla ricerca del senso della morte. E così che quando si arriva al tempo della prima comunione, non si parte da zero: per alcuni genitori è un percorso di ricominciamento che continua insieme ai loro figli. In questo annuncio del Vangelo della paternità e della maternità risulta determinante, ancora una volta, il nostro atteggiamento ecclesiale. La domanda che ci dobbiamo porre è la seguente: cosa abbiamo di bello da offrire loro? Avviene come quando qualcuno ci viene a trovare. Gli si fa una sorpresa. Usciamo dalla logica se hai delle condizioni allora ti diamo il sacramento e passiamo a quella: ti facciamo una bella proposta, senza rimanere offesi se non l accettano. Questo chiede molta cura nel contatto e nel tipo di proposta che intendiamo loro fare. Sarà la proposta di un percorso di riscoperta della fede curato e bello, al quale li invitiamo a partecipare, in una logica di proposta e non di ricatto. Si tratta della logica della sorpresa, non di quella del contratto. Fare la sorpresa del Vangelo ai genitori significa entrare in un rapporto di totale gratuità e di profondo amore con loro. E non pensiate che questo sia un cedimento, un abbassamento delle esigenze del vangelo. E vero il contrario: paradossalmente, più siamo ospitali, più ci possiamo permettere di essere propositivi e autentici. Potremmo allora dire così: siamo molto preoccupati di educare la domanda di sacramenti; è invece prioritario educare la nostra risposta. Una nuova evangelizzazione nel segno della reciprocità Vorrei concludere queste mie riflessioni con voi questa sera rendendoci tutti attenti a due aspetti fondamentali. a) Evitare di affrontare il compito dell evangelizzazione degli adulti in modo estrinsecista. I Lineamenta del prossimo Sinodo dei Vescovi ci invitano ad evitare di considerare la nuova evangelizzazione come un cambiamento di strategie nella proposta del Vangelo, e di interpretarla invece come «un azione anzitutto spirituale» (n. 5, p. 23). «La domanda circa il trasmettere la fede non deve indirizzare le risposte nel senso della ricerca di strategie comunicative efficaci e neppure incentrarsi analiticamente sui destinatari, per esempio i giovani, ma deve essere declinata come domanda che riguarda il soggetto incaricato di questa operazione spirituale. Deve divenire una domanda della Chiesa su di sé. Questo consente di impostare il problema in maniera non estrinseca, ma corretta, poiché pone in causa la Chiesa tutta nel suo essere e nel suo vivere. E forse così si può anche cogliere il fatto che il problema dell infecondità dell evangelizzazione oggi, della catechesi dei tempi moderni, è un problema ecclesiologico, che riguarda la capacità o meno della Chiesa di configurarsi come reale comunità, come vera fraternità, come corpo e non come macchina o azienda» 3. Mi pare che questo sia il primo elemento per impostare correttamente la catechesi degli adulti. Se le parole della Chiesa non passano nell attuale contesto, non è primariamente perché le persone non capiscono o sono chiuse, né perché i metodi di evangelizzazione sono superati, ma perché le parole del Vangelo non parlano più alla Chiesa stessa. La crisi della comunicazione della fede rinvia la 3 Sinodo dei Vescovi, XIII Assemblea generale ordinaria, La Nuova Evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana. Lineamenta, Libreria Editrice Vaticana, 2001, p

7 Chiesa ad un rinnovato ascolto. Il secondo annuncio domanda un secondo ascolto. L affermazione più forte in questo senso è che il problema dell evangelizzazione non è un problema catechistico, ma ecclesiologico. Benedetto XVI utilizza il termine tattica per evitare questo fraintendimento: «Non si tratta qui di trovare una nuova tattica per rilanciare la Chiesa. Si tratta piuttosto di deporre tutto ciò che è soltanto tattica e di cercare la piena sincerità portando la fede alla sua piena identità, togliendo da essa ciò che solo apparentemente è fede, ma in verità è convenzione e abitudine» (Discorso ai cattolici impegnati nella chiesa e nella società, viaggio in Germania, 25 settembre 2011). b) L evangelizzazione nel segno della reciprocità. Come metteremo in atto nelle nostre comunità questo secondo ascolto come premessa per un secondo annuncio? Nel modo seguente. Il Signore ci precede nel nostro compito di evangelizzazione. Egli è già misteriosamente presente, tramite il suo Spirito, nel cuore degli adulti verso i quali andiamo. In fondo il nostro compito non è di far nascere la fede (questo è opera dello Spirito Santo), ma va piuttosto nella linea dello svelamento, del riconoscimento di una presenza che ci precede: «andare verso gli altri per scoprire con loro, nei loro luoghi di vita, nel cuore della loro esistenza, le tracce del Risorto che sempre ci precede, che è già là in incognito» (André Fossion). La sfida e il guadagno più grande dell impegno della catechesi degli adulti sta proprio in questa direzione. Spostandoci nei luoghi degli altri, ci viene donata una Parola di Dio per noi, comincia per noi il secondo ascolto. Saranno questi accompagnamenti e questi accompagnati ad essere, per noi, una nuova opportunità di rinascita. Nel compito di evangelizzazione, non sappiamo poi bene chi evangelizza chi. Di fatto è una reciproca evangelizzazione, perché mentre noi portiamo una pagina di vangelo agli adulti, questi, se raggiunti nella loro profonda umanità, ne hanno una per noi, una parola di Vangelo che lo Spirito da tempo aveva riservato in loro per noi. E così che insieme, riscopriremo tutti il vangelo con occhi e con cuore nuovo. Conclusione Avrete notato che in questo mio dialogo ho sempre proceduto rovesciando le prospettive: non chiedersi cosa hanno da portare gli adulti, ma cosa abbiamo da offrire noi; non concentrarsi solo su quale vangelo è bene che sentano da noi, ma quale vangelo sono in grado di sentire loro; non partire da dove siamo arrivati noi, ma da dove si trovano loro; non pensare solo che i genitori sono i primi catechisti dei loro bambini, ma pensare anche che i bambini sono i primi catechisti dei loro genitori; non pensare che noi abbiamo da portare agli adulti qualcosa che loro non hanno, ma pensare piuttosto che il nostro compito è di aiutarli a riconoscere la presenza di Dio che è già in loro, in modo che possano, come Giacobbe, svegliarsi dal sonno e dire: «Il Signore era qui e io non lo sapevo!» (Gen 28,16); non pensare che noi sappiamo che cosa è il vangelo e gli altri no, ma pensare che dobbiamo noi tornare a leggere il vangelo con occhi nuovi; infine non credere che saremo capaci di leggere il vangelo con occhi nuovi da soli, ma pensare che saranno gli occhi degli altri, dei lontani soprattutto, a risvegliare in noi uno stupore dimenticato, una gioia perduta, un tesoro tornato sotto terra, una perla di grande valore ormai appannata. La catechesi degli adulti non è solo il nodo centrale dell evangelizzazione: è anche il nodo centrale della conversione della comunità ecclesiale al suo Signore, che sembra ancora una volta rivolgerle la parola dell Apocalisse: «Conosco le tue opere, la tua fatica e la tua perseveranza Ho però da rimproverati di avere abbandonato il tuo primo amore» (Ap 2,2.4); e ancora: «Conosco le tue opere Sii vigilante, rinvigorisci ciò che rimane e sta per morire Ricorda dunque come hai ricevuto e ascoltato la Parola, custodiscila e convertiti» (Ap. 3, 1-3). E questo il paradosso bello della nuova evangelizzazione: l autoevangelizzazione della comunità ecclesiale non sola, ma insieme con le donne e gli uomini di oggi, insieme alle persone vicine e a quelle lontane, a quelle in regola e a quelle non in regola, insieme ai separati e divorziati, insieme 7

8 agli ammalati, alle persone colpite dalla malattia, a chi non ha lavoro, a chi pena a sbracare il lunario, a chi è ferito dalla vita. L augurio è proprio questo: andiamo con più coraggio verso forme di annuncio nei luoghi abitati dalla gente, cioè nei nostri luoghi. E lì che il Signore ci attende. 8

Iniziativa diocesana per la preparazione al Battesimo

Iniziativa diocesana per la preparazione al Battesimo Diocesi di Treviso - Ufficio diocesano per il coordinamento della pastorale Anno pastorale 2012-2013 2 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo Iniziativa diocesana per la preparazione

Dettagli

Come aiutare i genitori a trasmettere la fede ai propri figli

Come aiutare i genitori a trasmettere la fede ai propri figli Torino, 17 maggio 2008 Come aiutare i genitori a trasmettere la fede ai propri figli Introduzione Fratel Enzo Biemmi Mi è stato chiesto un tema difficile: come coinvolgere i genitori nei processi di iniziazione

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565 Il Vescovo di Crema Alle Parrocchie di Palazzo Pignano, Cascina Caprio, Cascina Gandini, riunite in unità pastorale; al parroco, don Benedetto Tommaseo, al cappellano, don Ernesto Mariconti al consiglio

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTAZIONE INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO SPERIMENTAZIONE INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO SPERIMENTAZIONE INIZIAZIONE CRISTIANA 2007 CALENDARIO INCONTRI GENITORI E BAMBINI SETTEMBRE: Domenica 23: Festa di inizio OTTOBRE: Domenica 21 NOVEMBRE Domenica 18 DICEMBRE Domenica 16 2008 GENNAIO

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

IL PROGETTO DIOCESANO

IL PROGETTO DIOCESANO IL PROGETTO DIOCESANO DANIELE PIAZZI Premessa: dalle idee ispiratrici a una prassi conseguente Vista l urgenza di imparare ad accompagnare alla fede ragazzi e famiglie, queste istanze devono tradursi in

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE INIZIA ALLA FEDE

LA FAMIGLIA CHE INIZIA ALLA FEDE CONVEGNO CATECHISTICO DIOCESANO 2013 LA FAMIGLIA CHE INIZIA ALLA FEDE Centro della Comunità Giovanni Paolo II Via Spagnoletti Zeuli (accanto all ex Ospedale de Nicastri) Lucera, 2 ottobre 2013 h. 16.00

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori

Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori Prima catechesi: PERCHÉ BATTEZZARE IL NOSTRO BAMBINO per il catechista accompagnatore dei genitori Annotazioni preliminari Questo è il primo incontro di preparazione dei genitori al battesimo del figlio.

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI PERCORSO DELL INIZIAZIONE CRISTIANA Due parole per spiegare i motivi di una scelta Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Meditazione dettata da don Adriano Migliavacca, attuale Vicario generale della diocesi di Pavia, la sera del 12 Marzo 2001 nella parrocchia di Santa Francesca Cabrini in Lodi, in occasione degli esercizi

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE Padre Livio: Vediamo ora tre incontri di Ivan con tre gruppi di pellegrini. Sono in gran parte dei giovani. E possiamo ben dire che gli incontri con

Dettagli

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci CURIA VESCOVILE di Civitavecchia-Tarquinia Il Vicario Episcopale per la Pastorale Civitavecchia, 18 settembre 2014 Ai Rev.mi Parroci Ai Rev.mi Assistenti di Movimenti, Gruppi, Associazioni Ecclesiali Ai

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Prospettiva teologica: Il cammino della fede Don Nunzio Capizzi

Prospettiva teologica: Il cammino della fede Don Nunzio Capizzi 1 Prospettiva teologica: Il cammino della fede Don Nunzio Capizzi 1. Considerazioni sulla mentalità di fede 1. Le affermazioni di OP 39 e DB 38 possono essere considerate su uno sfondo più ampio, recentemente

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

L importanza di un buon inizio: motivazioni, obiettivi, coordinate Mercoledi 1 settembre - Incontro catechisti

L importanza di un buon inizio: motivazioni, obiettivi, coordinate Mercoledi 1 settembre - Incontro catechisti ARCIDIOCESI DI CATANIA - Convegno Catechistico Diocesano Chi bene inizia L accoglienza e l annuncio nelle prime tappe dell itinerario a ispirazione catecumenale L importanza di un buon inizio: motivazioni,

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Progetto Catechistico Diocesano

Progetto Catechistico Diocesano Progetto Catechistico Diocesano UFFICIO EVANGELIZZAZIONE E CATECHESI - DIOCESI SALERNO - CAMPAGNA - ACERNO Le condizioni previe perché un cammino di iniziazione cristiana possa funzionare Da una Chiesa

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli