C A R T A D E I D I R I T T I F O N D A M E N T A L I D E L L U N I O N E E U R O P E A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C A R T A D E I D I R I T T I F O N D A M E N T A L I D E L L U N I O N E E U R O P E A"

Transcript

1 C A R T A D E I D I R I T T I F O N D A M E N T A L I D E L L U N I O N E E U R O P E A D I G N I T À L I B E R T À U G U A G L I A N Z A S O L I D A R I E T À C I T T A D I N A N Z A G I U S T I Z I A

2 C A R T A D E I D I R I T T I F O N D A M E N T A L I D E L L U N I O N E E U R O P E A

3 I n d i c e Prefazione d e l Presidente d e l G r u p p o d e l P P E - D E 5 I n t r o d u z i o n e 9 C a r t a d e i d i r i t t i f o n d a m e n t a l i d e l l ' U n i o n e e u r o p e a 1 5 E d i z i o n e

4 P r e f a z i o n e Il Gruppo politico del Partito Popolare Europeo (Democratici-cristiani) e dei Democratici Europei (PPE-DE), il più influente del Parlamento europeo, è la grande forza politica che raccoglie l eredità e la visione dei padri fondatori, Robert Schuman, Konrad Adenauer, Alcide De Gasperi. Lavora per un Europa dei valori, unita, aperta, diversa e più umana. La nostra concezione della costruzione europea si basa sul rispetto dei diritti fondamentali e sulla supremazia del diritto, su istituzioni democratiche e indipendenti e sul rispetto del principio di sussidiarietà. Per i membri della famiglia del PPE-DE, che hanno partecipato attivamente alla redazione della Carta dei diritti fondamentali, quest ultima costituisce un aspetto essenziale dell Unione politica e dimostra come l Europa costruita negli scorsi cinquant anni sia una comunità di valori fondamentali. La Carta dei diritti fondamentali conferma quindi i principi difesi dal Gruppo del PPE-DE. Quest influenza determinante si spiega con i valori con i quali la nostra famiglia politica si identifica: la protezione e la

5 salvaguardia dei diritti umani hanno sempre guidato la nostra azione, la consapevolezza della cittadinanza europea si è sempre manifestata nella ricerca dell interesse comune. Il metodo alla base dell elaborazione della Carta merita tutta la nostra attenzione. La Convenzione ha riunito parlamentari nazionali, parlamentari europei, rappresentanti dei governi nazionali e il commissario europeo responsabile. Democrazia e trasparenza hanno guidato i lavori della Convenzione. Questo metodo, originale nella storia della costruzione europea, ha permesso una discussione estesa e approfondita, che ha dato vita a un testo di qualità adottato a grandissima maggioranza. Il successo è immenso e rivela in modo straordinario la fondatezza e l efficacia del metodo comunitario, che privilegia la ricerca del bene comune e la visione globale dei nostri interessi. La Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea è stata solennemente proclamata nel dicembre 2000 a Nizza dal Parlamento europeo, dal Consiglio dell Unione europea e dalla Commissione europea. Il testo è stato introdotto come Parte II della Costituzione europea. Il nostro Gruppo sarà come sempre attivo e determinato nella realizzazione del grande disegno europeo al servizio dei cittadini. Joseph Daul, Presidente del Gruppo del PPE-DE al Parlamento Europeo

6 I n t r o d u z i o n e 1. La Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea C A R T A DEI DIRIT TI FONDAMENTALI D E L L U N I O N E E U R O P E A - promuove la dignità umana, - stabilisce i diritti fondamentali dei cittadini dell Unione, - descrive le basi intellettuali e giuridiche dell Unione europea, - rappresenta l Unione europea come una comunità di valori e di diritto, - è la più moderna dichiarazione dei diritti fondamentali nel mondo e la prima del nuovo millennio, - garantisce il rispetto dei diritti fondamentali da parte di tutte le istituzioni dell Unione. 2. La Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea è stata solennemente proclamata nel Dicembre 2000 a Nizza dal Parlamento europeo, dal Consiglio dell Unione europea (ossia da tutti i governi dei paesi membri) e dalla Commissione europea. Ha valenza politica in quanto tutte le istituzioni UE e i Paesi membri quando promulgano e applicano il diritto civile si basano su di essa anche nella negoziazione con Paesi candidati e Terzi. La Carta ha inoltre valenza giuridica. Nel gennaio 2001, ad esempio, la Corte Costituzionale federale tedesca di Karlsruhe ha annullato una sentenza di ultima istanza del tribunale amministrativo federale appellandosi ai diritti fondamentali dei cittadini dell Unione europea. Allo stesso modo la Corte costituzionale spagnola ha annullato una parte della legge sulla protezione dei dati. La Carta dei diritti fondamentali rappresenta un punto di riferimento e uno strumento interpretativo importanti per la Corte di Giustizia delle Comunità europee e la sua giurisprudenza. Firma della Car ta dei diritti fondamentali dell Unione europea a N izza il 7 Dicembre Il progetto di questa Carta dei diritti fondamentali è stato redatto dalla Convenzione istituita appositamente per discutere dei diritti fondamentali dell Unione europea, una novità in termini di storia del diritto e di politica di integrazione. Alla Convenzione, presieduta dall ex Presidente tedesco, Roman Herzog, che è stato in grado di integrare fra loro i paesi e i partiti, erano presenti 30 deputati provenienti dai 15 parlamenti nazionali, 16 membri del Parlamento europeo, 15 rappresentanti dei governi dei paesi membri e il Commissario responsabile per tre quarti dei quali trasparenza e dibattito pubblico sono punti fondamentali. Il progetto di Carta è stato redatto di concerto con i supplenti. Fin dall inizio la Convenzione si è riunita in pubblico e i documenti sono stati a disposizione di tutti su Internet. La Convenzione ha tenuto udienze pubbliche di rappresentanti di protagonisti della società civile e dalle sue fila sono state proposte oltre 1500 formulazioni per il testo della Carta. Anche i parlamenti nazionali hanno predisposto udienze, dibatti parlamentari e pareri sul testo della Carta.

7 4. Qual è l obiettivo della Carta dei diritti fondamentali? È stata concepita durante il vertice del Consiglio europeo a Colonia. Si trattava di limitarsi ai diritti fondamentali dell individuo, di rendere trasparente il diritto vigente, di precisare che tutte le istituzioni dell Unione europea e dei Paesi membri, nell attuare e applicare il diritto comunitario, devono rispettare i diritti fondamentali dei cittadini ossia che il trasferimento della responsabilità dalla sfera di competenza dei Paesi membri a quella della Comunità tramite modifica di un Trattato non comporta la perdita della protezione nazionale dei diritti fondamentali da parte dei cittadini dell Unione. Come constatato dal Presidente Roman Herzog, si trattava di «descrivere le basi intellettuali e giuridiche dell Unione europea», ovvero di chiarire che fin dai suoi inizi l Unione europea ha rappresentato uno spazio di valori e leggi comuni. Si trattava e si tratta tuttora di far sapere ai cittadini, al mondo, ai paesi candidati e vicini che la politica e le leggi dell UE si impegnano a rispettare valori e leggi comuni e che a vincolarli è un diritto comune. 5. Cosa non si voleva raggiungere: non si voleva redigere una costituzione dell Unione europea in quanto ciò dipende dagli sviluppi futuri. Avvalendosi del consiglio del sig. Herzog, tuttavia, la Carta è stata concepita come se dovesse essere parte integrante di una costituzione dell UE; i termini utilizzati si confanno quindi sia ad una costituzione che a un Trattato. Non si trattava nemmeno di formulare diritti fondamentali per i Paesi membri godendo questi di propri diritti fondamentali e disponendo a questo fine della sovranità legislativa. Non era neanche questione di trasferire responsabilità dai Paesi membri all Unione in quanto la loro modifica è un diritto e un dovere esclusivo dei Paesi membri sotto forma di una modifica dei Trattati istitutivi dell Unione europea. In conclusione, non si trattava tanto di formulare nuovi diritti quanto di rendere il diritto vigente trasparente. 6. Da quali fonti giuridiche trae origine l elaborazione della Carta dei diritti fondamentali? I diritti dei cittadini dell Unione sono disseminati su numerosi testi giuridici, ostici anche per gli esperti. Per i cittadini dell Unione la Carta rappresenta il fondamento del diritto in vigore e, più in particolare, del diritto unanimemente ritenuto idoneo in Europa quanto a diritti fondamentali e che si basa sul Trattato sull Unione europea, sul Trattato che istituisce la Comunità europea, sulle tradizioni costituzionali dei 15 paesi membri, sulla Convenzione del Consiglio d Europa sui diritti umani del 1950 inclusi i suoi protocolli aggiuntivi e sulla giurisprudenza della Corte dei diritti dell uomo di Strasburgo, sulla giurisprudenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee, sulla Carta Sociale europea del Consiglio d Europa del 1961 (alla quale si fa riferimento nel preambolo del Trattato sull Unione europea), sulla Carta comunitaria dei diritti fondamentali dei lavoratori del 1989 (una dichiarazione politica dei Capi di governo dell Unione alla quale si fa riferimento nel preambolo del Trattato sull Unione europea e nell articolo 136 del trattato CE), sulla Convenzione sui diritti del fanciullo dell ONU, sulle convenzioni del Consiglio d Europa, sullo statuto del Tribunale internazionale per i crimini contro l umanità, sulle convenzioni Europol, sull accordo di applicazione di Schengen, ecc. 7. Non sarebbe stato più semplice copiare la Convenzione europea dei diritti dell uomo del Consiglio d Europa del 1950? Al momento dell elaborazione del progetto del testo la Convenzione si è ispirata anche alla CEDU, tuttavia, per svariati motivi, non è stato possibile né riprenderla né copiarla. Da un lato questo non era il messaggio di Colonia e il contenuto della Convenzione europea dei diritti dell uomo rappresenta circa un terzo del testo della Carta europea dei diritti fondamentali. Inoltre, alla veneranda età di 50 anni e tenuto conto dell evoluzione della giurisprudenza, la CEDU è troppo vecchia per essere ripresa. Lo stesso Consiglio d Europa, dopo la proclamazione della Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea, ne ha preso atto decidendo di modificare la CEDU. La Convenzione doveva in realtà anche stare attenta a non formulare nuovi diritti, dal momento che il suo compito era di esaminare il diritto vigente. Tuttavia, parallelamente con i vecchi diritti sono stati presi in considerazione nuovi pericoli: le dichiarazioni sulla tratta degli esseri umani, sulla clonazione riproduttiva, sulla protezione dei dati, sull assistenza legale, sulla buona amministrazione, sul diritto di asilo e sull accesso alla giustizia ne sono la prova. Infine, la formulazione ostica della CEDU rappresenta un ulteriore motivo per non prenderla come modello di riferimento. 8. La Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea comporta delle salvaguardie per l individuo volte a proteggerlo contro il potere dello Stato, nonché dei diritti sociali fondamentali senza tuttavia promettere cose impossibili. Il testo precisa quindi che tali diritti non conferiscono competenze all Unione europea che non siano decise dai Paesi membri tramite emendamenti del trattato. Prevede inoltre il rispetto delle condizioni e delle restrizioni imposte dal diritto comunitario. La famiglia PPE-DE vede con particolare favore il fatto che, in seguito a lunghi dibattiti in seno alla Convenzione, nel preambolo vengano definite le fonti culturali del testo; nonostante la presenza di tradizioni costituzionali assai diverse in ciascun Paese membro, durante la stessa Convenzione è stato possibile garantire che si facesse riferimento al patrimonio spirituale e morale. Premeva allo stesso tempo far prendere coscienza della correlazione primaria tra diritti e doveri; una comunità è in grado di garantire i diritti solo nel caso in cui i suoi membri siano pronti ad assolvere i doveri essenziali a vantaggio della comunità un nesso logico che era rivolto a coloro che non partecipavano ai lavori di fortificazione o, quando era necessario, agli sforzi di difesa utilizzando l espressione medievale l aria di città ti rende libero. Nella penultima frase 10 11

8 del preambolo della Carta dei diritti fondamentali questo è efficacemente espresso nel seguente modo: il godimento di questi diritti fa sorgere responsabilità e doveri nei confronti degli altri come pure della comunità umana e delle generazioni future. 9. I membri della famiglia PPE-DE che hanno partecipato alla sua stesura sotto la guida dall on. Ingo Friedrich, Vicepresidente del Parlamento europeo, ritengono che la Carta sia un importante pietra miliare nella graduale costruzione dell unione politica. Essa dimostra come l Europa costruita nel corso degli ultimi 50 anni non sia solamente un mercato benché ciò sia un fatto alquanto rilevante in se stesso ma qualcosa di più, ossia una comunità ispiratrice di valori comuni. I membri della famiglia PPE-DE hanno svolto un ruolo molto attivo durante le discussioni della Convenzione e hanno apportato un contribuito notevole nella redazione del testo definitivo approvato all unanimità. Siamo particolarmente soddisfatti di avere contribuito alla definizione dell inviolabilità della dignità umana, del diritto di ogni individuo al rispetto della sua integrità, del diritto di sposarsi e di costituire una famiglia e della protezione di quest ultima sul piano giuridico, economico e sociale. Inoltre, il diritto all istruzione è stato espresso in modo tale da prevedere anche la possibilità di accedere gratuitamente all istruzione obbligatoria. 10. Il Parlamento e la maggioranza dei partiti qui rappresentati sono convinti che la Carta deve in definitiva essere parte integrante dei trattati che devono essere ratificati dai Paesi membri, ovvero deve essere inequivocabilmente vincolante dal punto di vista legale, come espresso dal Presidente della delegazione del Parlamento europeo, on. Íñigo Méndez de Vigo, al Consiglio europeo di Biarritz. Questo consentirà a tutti i cittadini europei di far valere direttamente i diritti fondamentali dell Unione presso i tribunali nazionali e la Corte di giustizia europea. La famiglia PPE-DE ritiene che il principio di pari opportunità e di non discriminazione sia di fondamentale importanza. Qualsiasi forma di razzismo, xenofobia o discriminazione deve essere totalmente respinta. Sosteniamo la completa parità tra uomini e donne e il rispetto della diversità linguistica, culturale e religiosa in Europa. Sosteniamo fermamente il capitolo sulla Solidarietà in quanto crediamo che la sfera sociale debba necessariamente andare di pari passo con quella economica. Tuttavia abbiamo dato il nostro appoggio senza cercare il favore popolare né ricorrere alle false illusioni della sinistra, senza ledere le rispettive competenze dell Unione e dei Paesi membri e senza promettere cose che non saremmo stati in grado di mantenere. Abbiamo anche cercato di dare rilievo alle basi economiche dell Unione: «Allo stesso modo, il diritto alla proprietà, inclusa la proprietà intellettuale, e il diritto fondamentale sulla libertà di impresa rivestono una notevole importanza in quanto comprendono i diritti racchiusi nel mercato interno garantiti dai trattati a tutti i cittadini dell Unione, ovvero la libertà di impresa e di dimora, la libertà di prestare servizi e la libera circolazione dei beni». La Carta riconosce di conseguenza che ogni individuo ha diritto a che le questioni che lo riguardano siano sottoposte ad una buona amministrazione da parte delle istituzioni dell Unione. In breve, la Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea è stata redatta a vantaggio di tutti, e trae origine dai principi e dai valori sostenuti dal PPE-DE

9 P R E A M B O L O I popoli d Europa, nel creare tra loro un unione sempre più stretta, hanno deciso di condividere un futuro di pace fondato su valori comuni. Consapevole del suo patrimonio spirituale e morale, l Unione si fonda sui valori indivisibili e universali della dignità umana, della libertà, dell uguaglianza e della solidarietà; essa si basa sul principio della democrazia e sul principio dello Stato di diritto. Pone la persona al centro della sua azione istituendo la cittadinanza dell Unione e creando uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia. C A R T A D E I D I R I T T I F O N D A M E N T A L I D E L L U N I O N E E U R O P E A L Unione contribuisce alla salvaguardia e allo sviluppo di questi valori comuni nel rispetto della diversità delle culture e delle tradizioni dei popoli d Europa, nonché dell identità nazionale degli Stati membri e dell ordinamento dei loro pubblici poteri a livello nazionale, regionale e locale; essa si sforza di promuovere uno sviluppo equilibrato e sostenibile e assicura la libera circolazione delle persone, dei servizi, delle merci e dei capitali, nonché la libertà di stabilimento. A tal fine è necessario rafforzare la tutela dei diritti fondamentali, alla luce dell evoluzione della società, del progresso sociale e degli sviluppi scientifici e tecnologici, rendendo tali diritti più visibili in una Carta. La presente Carta riafferma, nel rispetto delle competenze e dei compiti dell Unione e del principio di sussidiarietà, i diritti derivanti in particolare dalle tradizioni costituzionali e dagli obblighi internazionali comuni agli Stati membri, dalla Convenzione europea di salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, dalle carte sociali adottate dall Unione e dal Consiglio d Europa, nonché dalla giurisprudenza della Corte di giustizia dell Unione europea e da quella della Corte europea dei diritti dell uomo. In tale contesto, la Carta sarà interpretata dai giudici dell Unione e degli Stati membri tenendo in debito conto le spiegazioni elaborate sotto l autorità del praesidium della Convenzione che ha redatto la Carta e aggiornate sotto la responsabilità del praesidium della Convenzione europea. Il godimento di questi diritti fa sorgere responsabilità e doveri nei confronti degli altri come pure della comunità umana e delle generazioni future. Pertanto, l Unione riconosce i diritti, le libertà e i principi enunciati in appresso

10 T I T O L O I D I G N I T À T I T O L O I I L I B E R T À A R T I C O L O I I D I G N I TÀ U M A N A La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata. A R T I C O L O I I D I R I T T O A L L A V I TA 1. Ogni persona ha diritto alla vita. 2. Nessuno può essere condannato alla pena di morte, né giustiziato. A R T I C O L O I I D I R I T T O A L L I N T E G R I TÀ D E L L A P E R S O N A 1. Ogni persona ha diritto alla propria integrità fisica e psichica. 2. Nell ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati: a) il consenso libero e informato della persona interessata, secondo le modalità definite dalla legge, b) il divieto delle pratiche eugenetiche, in particolare di quelle aventi come scopo la selezione delle persone, c) il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro, d) il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani. A R T I C O L O I I D I R I T T O A L L A L I B E R TÀ E A L L A S I C U R E Z Z A Ogni persona ha diritto alla libertà e alla sicurezza. A R T I C O L O I I R I S P E T T O D E L L A V I TA P R I VATA E D E L L A V I TA FA M I L I A R E Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e delle proprie comunicazioni. A R T I C O L O I I P R O T E Z I O N E D E I D AT I D I C A R AT T E R E P E R S O N A L E 1. Ogni persona ha diritto alla protezione dei dati di carattere personale che la riguardano. 2. Tali dati devono essere trattati secondo il principio di lealtà, per finalità determinate e in base al consenso della persona interessata o a un altro fondamento legittimo previsto dalla legge. Ogni persona ha il diritto di accedere ai dati raccolti che la riguardano e di ottenerne la rettifica. 3. Il rispetto di tali regole è soggetto al controllo di un autorità indipendente. A R T I C O L O I I P R O I B I Z I O N E D E L L A T O R T U R A E D E L L E P E N E O T R AT TA M E N T I I N U M A N I O D E G R A D A N T I Nessuno può essere sottoposto a tortura, né a pene o trattamenti inumani o degradanti. A R T I C O L O I I P R O I B I Z I O N E D E L L A S C H I A V I T Ù E D E L L A V O R O F O R Z AT O 1. Nessuno può essere tenuto in condizioni di schiavitù o di servitù. 2. Nessuno può essere costretto a compiere un lavoro forzato o obbligatorio. 3. È proibita la tratta degli esseri umani. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I S P O S A R S I E D I C O S T I T U I R E U N A FA M I G L I A Il diritto di sposarsi e il diritto di costituire una famiglia sono garantiti secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l esercizio. A R T I C O L O I I L I B E R TÀ D I P E N S I E R O, D I C O S C I E N Z A E D I R E L I G I O N E 1. Ogni persona ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. Tale diritto include la libertà di cambiare religione o convinzione, così come la libertà di manifestare la propria religione o la propria convinzione individualmente o collettivamente, in pubblico o in privato, mediante il culto, l insegnamento, le pratiche e l osservanza dei riti. 2. Il diritto all obiezione di coscienza è riconosciuto secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l esercizio

11 A R T I C O L O I I L I B E R TÀ D I E S P R E S S I O N E E D I N F O R M A Z I O N E 1. Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera. 2. La libertà dei media e il loro pluralismo sono rispettati. A R T I C O L O I I L I B E R TÀ D I R I U N I O N E E D I A S S O C I A Z I O N E 1. Ogni persona ha diritto alla libertà di riunione pacifica e alla libertà di associazione a tutti i livelli, segnatamente in campo politico, sindacale e civico, il che implica il diritto di ogni persona di fondare sindacati insieme con altri e di aderirvi per la difesa dei propri interessi. 2. I partiti politici a livello dell Unione contribuiscono a esprimere la volontà politica dei cittadini dell Unione. A R T I C O L O I I L I B E R TÀ D E L L E A R T I E D E L L E S C I E N Z E Le arti e la ricerca scientifica sono libere. La libertà accademica è rispettata. A R T I C O L O I I D I R I T T O A L L I S T R U Z I O N E 1. Ogni persona ha diritto all istruzione e all accesso alla formazione professionale e continua. 2. Questo diritto comporta la facoltà di accedere gratuitamente all istruzione obbligatoria. 3. La libertà di creare istituti di insegnamento nel rispetto dei principi democratici, così come il diritto dei genitori di provvedere all educazione e all istruzione dei loro figli secondo le loro convinzioni religiose, filosofiche e pedagogiche, sono rispettati secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l esercizio. A R T I C O L O I I L I B E R TÀ P R O F E S S I O N A L E E D I R I T T O D I L A V O R A R E 1. Ogni persona ha il diritto di lavorare e di esercitare una professione liberamente scelta o accettata. 2. Ogni cittadino dell Unione ha la libertà di cercare un lavoro, di lavorare, di stabilirsi o di prestare servizi in qualunque Stato membro. 3. I cittadini dei paesi terzi che sono autorizzati a lavorare nel territorio degli Stati membri hanno diritto a condizioni di lavoro equivalenti a quelle di cui godono i cittadini dell Unione. A R T I C O L O I I L I B E R TÀ D I M P R E S A È riconosciuta la libertà d impresa, conformemente al diritto dell Unione e alle legislazioni e prassi nazionali. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I P R O P R I E TÀ 1. Ogni persona ha il diritto di godere della proprietà dei beni che ha acquisito legalmente, di usarli, di disporne e di lasciarli in eredità. Nessuna persona può essere privata della proprietà se non per causa di pubblico interesse, nei casi e nei modi previsti dalla legge e contro il pagamento in tempo utile di una giusta indennità per la perdita della stessa. L uso dei beni può essere regolato dalla legge nei limiti imposti dall interesse generale. 2. La proprietà intellettuale è protetta. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I A S I L O Il diritto di asilo è garantito nel rispetto delle norme stabilite dalla convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e dal protocollo del 31 gennaio 1967, relativi allo status dei rifugiati, e a norma della Costituzione. A R T I C O L O I I P R O T E Z I O N E I N C A S O D I A L L O N TA N A M E N T O, D I E S P U L S I O N E E D I E S T R A D I Z I O N E 1. Le espulsioni collettive sono vietate. 2. Nessuno può essere allontanato, espulso o estradato verso uno Stato in cui esiste un rischio serio di essere sottoposto alla pena di morte, alla tortura o ad altre pene o trattamenti inumani o degradanti

12 T I T O L O I I I U G U A G L I A N Z A A R T I C O L O I I D I R I T T I D E G L I A N Z I A N I L Unione riconosce e rispetta il diritto degli anziani di condurre una vita dignitosa e indipendente e di partecipare alla vita sociale e culturale. A R T I C O L O I I U G U A G L I A N Z A D A VA N T I A L L A L E G G E Tutte le persone sono uguali davanti alla legge. A R T I C O L O I I N O N D I S C R I M I N A Z I O N E 1. È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, la disabilità, l età o l orientamento sessuale. 2. Nell ambito d applicazione della Costituzione e fatte salve disposizioni specifiche in essa contenute, è vietata qualsiasi discriminazione in base alla nazionalità. A R T I C O L O I I D I V E R S I TÀ C U LT U R A L E, R E L I G I O S A E L I N G U I S T I C A L Unione rispetta la diversità culturale, religiosa e linguistica. A R T I C O L O I I I N S E R I M E N T O D E L L E P E R S O N E C O N D I S A B I L I TÀ L Unione riconosce e rispetta il diritto delle persone con disabilità di beneficiare di misure intese a garantirne l autonomia, l inserimento sociale e professionale e la partecipazione alla vita della comunità. T I T O L O I V S O L I D A R I E T À A R T I C O L O I I D I R I T T O D E I L A V O R AT O R I A L L I N F O R M A Z I O N E E A L L A C O N S U LTA Z I O N E N E L L A M B I T O D E L L I M P R E S A Ai lavoratori o ai loro rappresentanti devono essere garantite, ai livelli appropriati, l informazione e la consultazione in tempo utile nei casi e alle condizioni previsti dal diritto dell Unione e dalle legislazioni e prassi nazionali. A R T I C O L O I I PA R I TÀ T R A D O N N E E U O M I N I La parità tra donne e uomini deve essere assicurata in tutti i campi, compreso in materia di occupazione, di lavoro e di retribuzione. Il principio della parità non osta al mantenimento o all adozione di misure che prevedano vantaggi specifici a favore del sesso sottorappresentato. A R T I C O L O I I D I R I T T I D E L M I N O R E 1. I minori hanno diritto alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere. Essi possono esprimere liberamente la propria opinione; questa viene presa in considerazione sulle questioni che li riguardano in funzione della loro età e della loro maturità. 2. In tutti gli atti relativi ai minori, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private, l interesse superiore del minore deve essere considerato preminente. 3. Il minore ha diritto di intrattenere regolarmente relazioni personali e contatti diretti con i due genitori, salvo qualora ciò sia contrario al suo interesse. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I N E G O Z I A Z I O N E E D I A Z I O N I C O L L E T T I V E I lavoratori e i datori di lavoro, o le rispettive organizzazioni, hanno, conformemente al diritto dell Unione e alle legislazioni e prassi nazionali, il diritto di negoziare e di concludere contratti collettivi, ai livelli appropriati, e di ricorrere, in caso di conflitti di interessi, ad azioni collettive per la difesa dei loro interessi, compreso lo sciopero. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I A C C E S S O A I S E R V I Z I D I C O L L O C A M E N T O Ogni persona ha il diritto di accedere a un servizio di collocamento gratuito

13 A R T I C O L O I I T U T E L A I N C A S O D I L I C E N Z I A M E N T O I N G I U S T I F I C AT O Ogni lavoratore ha il diritto alla tutela contro ogni licenziamento ingiustificato, conformemente al diritto dell Unione e alle legislazioni e prassi nazionali. A R T I C O L O I I C O N D I Z I O N I D I L A V O R O G I U S T E E D E Q U E 1. Ogni lavoratore ha diritto a condizioni di lavoro sane, sicure e dignitose. 2. Ogni lavoratore ha diritto a una limitazione della durata massima del lavoro, a periodi di riposo giornalieri e settimanali e a ferie annuali retribuite. A R T I C O L O I I D I V I E T O D E L L A V O R O M I N O R I L E E P R O T E Z I O N E D E I G I O VA N I S U L L U O G O D I L A V O R O Il lavoro minorile è vietato. L età minima per l ammissione al lavoro non può essere inferiore all età in cui termina la scuola dell obbligo, fatte salve le norme più favorevoli ai giovani ed eccettuate deroghe limitate. I giovani ammessi al lavoro devono beneficiare di condizioni di lavoro appropriate alla loro età ed essere protetti contro lo sfruttamento economico o contro ogni lavoro che possa minarne la sicurezza, la salute, lo sviluppo fisico, mentale, morale o sociale o che possa mettere a rischio la loro istruzione. A R T I CO LO I I V I TA FA M I L I A R E E V I TA P R O F E S S I O N A L E 1. È garantita la protezione della famiglia sul piano giuridico, economico e sociale. 2. Al fine di poter conciliare vita familiare e vita professionale, ogni persona ha il diritto di essere tutelata contro il licenziamento per un motivo legato alla maternità e il diritto a un congedo di maternità retribuito e a un congedo parentale dopo la nascita o l adozione di un figlio. A R T I C O L O I I S I C U R E Z Z A S O C I A L E E A S S I S T E N Z A S O C I A L E 2. Ogni persona che risieda o si sposti legalmente all interno dell Unione ha diritto alle prestazioni di sicurezza sociale e ai benefici sociali conformemente al diritto dell Unione e alle legislazioni e prassi nazionali. 3. Al fine di lottare contro l esclusione sociale e la povertà, l Unione riconosce e rispetta il diritto all assistenza sociale e all assistenza abitativa volte a garantire un esistenza dignitosa a tutti coloro che non dispongano di risorse sufficienti, secondo le modalità stabilite dal diritto dell Unione e le legislazioni e prassi nazionali. A R T I C O L O I I P R O T E Z I O N E D E L L A S A L U T E Ogni persona ha il diritto di accedere alla prevenzione sanitaria e di ottenere cure mediche alle condizioni stabilite dalle legislazioni e prassi nazionali. Nella definizione e nell attuazione di tutte le politiche ed attività dell Unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana. A R T I C O L O I I A C C E S S O A I S E R V I Z I D I N T E R E S S E E C O N O M I C O G E N E R A L E Al fine di promuovere la coesione sociale e territoriale dell Unione, questa riconosce e rispetta l accesso ai servizi d interesse economico generale quale previsto dalle legislazioni e prassi nazionali, conformemente alla Costituzione. A R T I C O L O I I T U T E L A D E L L A M B I E N T E Un livello elevato di tutela dell ambiente e il miglioramento della sua qualità devono essere integrati nelle politiche dell Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile. A R T I C O L O I I P R O T E Z I O N E D E I C O N S U M AT O R I Nelle politiche dell Unione è garantito un livello elevato di protezione dei consumatori. 1. L Unione riconosce e rispetta il diritto di accesso alle prestazioni di sicurezza sociale e ai servizi sociali che assicurano protezione in casi quali la maternità, la malattia, gli infortuni sul lavoro, la dipendenza o la vecchiaia, oltre che in caso di perdita del posto di lavoro, secondo le modalità stabilite dal diritto dell Unione e le legislazioni e prassi nazionali

14 T I T O L O V C I T T A D I N A N Z A A R T I C O L O I I D I R I T T O D I V O T O E D I E L E G G I B I L I TÀ A L L E E L E Z I O N I D E L PA R L A M E N T O E U R O P E O 1. Ogni cittadino dell Unione ha il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo nello Stato membro in cui risiede, alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato. 2. I membri del Parlamento europeo sono eletti a suffragio universale diretto, libero e segreto. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I V O T O E D I E L E G G I B I L I TÀ A L L E E L E Z I O N I C O M U N A L I Ogni cittadino dell Unione ha il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni comunali nello Stato membro in cui risiede, alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato. A R T I C O L O I I D I R I T T O A D U N A B U O N A A M M I N I S T R A Z I O N E 1. Ogni persona ha diritto a che le questioni che la riguardano siano trattate in modo imparziale ed equo ed entro un termine ragionevole dalle istituzioni, organi e organismi dell Unione. 2. Tale diritto comprende in particolare: a) il diritto di ogni persona di essere ascoltata prima che nei suoi confronti venga adottato un provvedimento individuale che le rechi pregiudizio; b) il diritto di ogni persona di accedere al fascicolo che la riguarda, nel rispetto dei legittimi interessi della riservatezza e del segreto professionale; c) l obbligo per l amministrazione di motivare le proprie decisioni. 3. Ogni persona ha diritto al risarcimento da parte dell Unione dei danni cagionati dalle sue istituzioni o dai suoi agenti nell esercizio delle loro funzioni conformemente ai principi generali comuni agli ordinamenti degli Stati membri. 4. Ogni persona può rivolgersi alle istituzioni dell Unione in una delle lingue della Costituzione e deve ricevere una risposta nella stessa lingua. A R T I C O L O I I D I R I T T O D A C C E S S O A I D O C U M E N T I Ogni cittadino dell Unione nonché ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di accedere ai documenti delle istituzioni, organi e organismi dell Unione, a prescindere dal loro supporto. A R T I C O L O I I M E D I AT O R E E U R O P E O Ogni cittadino dell Unione nonché ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di sottoporre al mediatore europeo casi di cattiva amministrazione nell azione delle istituzioni, organi o organismi dell Unione, salvo la Corte di giustizia dell Unione europea nell esercizio delle sue funzioni giurisdizionali. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I P E T I Z I O N E Ogni cittadino dell Unione nonché ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di presentare una petizione al Parlamento europeo. A R T I C O L O I I L I B E R TÀ D I C I R C O L A Z I O N E E D I S O G G I O R N O 1. Ogni cittadino dell Unione ha il diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri. 2. La libertà di circolazione e di soggiorno può essere accordata, conformemente alla Costituzione, ai cittadini dei paesi terzi che risiedono legalmente nel territorio di uno Stato membro. A R T I C O L O I I T U T E L A D I P L O M AT I C A E C O N S O L A R E Ogni cittadino dell Unione gode, nel territorio di un paese terzo nel quale lo Stato membro di cui ha la cittadinanza non è rappresentato, della tutela delle autorità diplomatiche e consolari di qualsiasi Stato membro, alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato

15 T I T O L O V I G I U S T I Z I A A R T I C O L O I I D I R I T T O A U N R I C O R S O E F F E T T I V O E A U N G I U D I C E I M PA R Z I A L E Ogni persona i cui diritti e le cui libertà garantiti dal diritto dell Unione siano stati violati ha diritto a un ricorso effettivo dinanzi a un giudice, nel rispetto delle condizioni previste nel presente articolo. Ogni persona ha diritto a che la sua causa sia esaminata equamente, pubblicamente e entro un termine ragionevole da un giudice indipendente e imparziale, precostituito per legge. Ogni persona ha la facoltà di farsi consigliare, difendere e rappresentare. A coloro che non dispongono di mezzi sufficienti è concesso il patrocinio a spese dello Stato, qualora ciò sia necessario per assicurare un accesso effettivo alla giustizia. A R T I C O L O I I P R E S U N Z I O N E D I I N N O C E N Z A E D I R I T T I D E L L A D I F E S A 1. Ogni imputato è considerato innocente fino a quando la sua colpevolezza non sia stata legalmente provata. 2. Il rispetto dei diritti della difesa è garantito ad ogni imputato. A R T I C O L O I I P R I N C I P I D E L L A L E G A L I TÀ E D E L L A P R O P O R Z I O N A L I TÀ D E I R E AT I E D E L L E P E N E 1. Nessuno può essere condannato per un azione o un omissione che, al momento in cui è stata commessa, non costituiva reato secondo il diritto interno o il diritto internazionale. Parimenti, non può essere inflitta una pena più grave di quella applicabile al momento in cui il reato è stato commesso. Se, successivamente alla commissione del reato, la legge prevede l applicazione di una pena più lieve, occorre applicare quest ultima. 2. Il presente articolo non osta al giudizio e alla condanna di una persona colpevole di un azione o di un omissione che, al momento in cui è stata commessa, costituiva un crimine secondo i principi generali riconosciuti da tutte le nazioni. 3. Le pene inflitte non devono essere sproporzionate rispetto al reato. A R T I C O L O I I D I R I T T O D I N O N E S S E R E G I U D I C AT O O P U N I T O D U E V O LT E P E R L O S T E S S O R E AT O Nessuno può essere perseguito o condannato per un reato per il quale è già stato assolto o condannato nell Unione a seguito di una sentenza penale definitiva conformemente alla legge. T I T O L O V I I D I S P O S I Z I O N I G E N E R A L I C H E D I S C I P L I N A N O L I N T E R P R E T A Z I O N E E L A P P L I C A Z I O N E D E L L A C A R T A A R T I C O L O I I A M B I T O D I A P P L I C A Z I O N E 1. Le disposizioni della presente Carta si applicano alle istituzioni, organi e organismi dell Unione nel rispetto del principio di sussidiarietà, come pure agli Stati membri esclusivamente nell attuazione del diritto dell Unione. Pertanto, i suddetti soggetti rispettano i diritti, osservano i principi e ne promuovono l applicazione secondo le rispettive competenze e nel rispetto dei limiti delle competenze conferite all Unione nelle altre parti della Costituzione. 2. La presente Carta non estende l ambito di applicazione del diritto dell Unione al di là delle competenze dell Unione, né introduce competenze nuove o compiti nuovi per l Unione, né modifica le competenze e i compiti definiti nelle altre parti della Costituzione. A R T I C O L O I I P O R TATA E I N T E R P R E TA Z I O N E D E I D I R I T T I E D E I P R I N C I P I 1. Eventuali limitazioni all esercizio dei diritti e delle libertà riconosciuti dalla presente Carta devono essere previste dalla legge e rispettare il contenuto essenziale di detti diritti e libertà. Nel rispetto del principio di proporzionalità, possono essere apportate limitazioni solo laddove siano necessarie e rispondano effettivamente a finalità di interesse generale riconosciute dall Unione o all esigenza di proteggere i diritti e le libertà altrui

16 2. I diritti riconosciuti dalla presente Carta per i quali altre parti della Costituzione prevedono disposizioni si esercitano alle condizioni e nei limiti ivi definiti. 3. Laddove la presente Carta contenga diritti corrispondenti a quelli garantiti dalla Convenzione europea di salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, il significato e la portata degli stessi sono uguali a quelli conferiti dalla suddetta convenzione. La presente disposizione non preclude che il diritto dell Unione conceda una protezione più estesa. 4. Laddove la presente Carta riconosca i diritti fondamentali quali risultano dalle tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri, tali diritti sono interpretati in armonia con dette tradizioni. 5. Le disposizioni della presente Carta che contengono dei principi possono essere attuate da atti legislativi e esecutivi adottati da istituzioni, organi e organismi dell Unione e da atti di Stati membri allorché essi danno attuazione al diritto dell Unione, nell esercizio delle loro rispettive competenze. Esse possono essere invocate dinanzi a un giudice solo ai fini dell interpretazione e del controllo della legalità di detti atti. 6. Si tiene pienamente conto delle legislazioni e prassi nazionali, come specificato nella presente Carta. 7. I giudici dell Unione e degli Stati membri tengono nel debito conto le spiegazioni elaborate al fine di fornire orientamenti per l interpretazione della Carta dei diritti fondamentali. A R T I C O L O I I L I V E L L O D I P R O T E Z I O N E Nessuna disposizione della presente Carta deve essere interpretata come limitativa o lesiva dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali riconosciuti, nel rispettivo ambito di applicazione, dal diritto dell Unione, dal diritto internazionale, dalle convenzioni internazionali delle quali l Unione o tutti gli Stati membri sono parti, in particolare la Convenzione europea di salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, e dalle costituzioni degli Stati membri. A R T I C O L O I I D I V I E T O D E L L A B U S O D I D I R I T T O Nessuna disposizione della presente Carta deve essere interpretata nel senso di comportare il diritto di esercitare un attività o compiere un atto che miri a distruggere diritti o libertà riconosciuti nella presente Carta o a imporre a tali diritti e libertà limitazioni più ampie di quelle previste dalla presente Carta. 28

17 Editore: Gruppo del PPE-DE al Parlamento Europeo Servizio Documentazione-Pubblicazioni-Ricerca Indirizzo: 60, rue Wiertz, 1047 Bruxelles - Belgio Tel: Internet:

Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea

Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione proclamano solennemente quale Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea il testo riportato in appresso. Nizza, 7 dicembre 2000 Preambolo I

Dettagli

PARTE II CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UNIONE PREAMBOLO

PARTE II CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UNIONE PREAMBOLO PARTE II CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UNIONE PREAMBOLO I popoli d'europa, nel creare tra loro un'unione sempre più stretta, hanno deciso di condividere un futuro di pace fondato su valori comuni.

Dettagli

PICTURES ON HUMAN RIGHTS

PICTURES ON HUMAN RIGHTS Luciano Nadalini ISBN 978-88-97046-01-1 euro 9,90 (i.i.) 9 788897 046011 CAMERA CHIARA EDIZIONI 4 Articolo 1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

CONSULTA ONLINE. Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL UNIONE EUROPEA PREAMBOLO. TITOLO I Dignità (1)

CONSULTA ONLINE. Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL UNIONE EUROPEA PREAMBOLO. TITOLO I Dignità (1) Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea Il testo della Carta è quello solennemente proclamato a Nizza il 7 dicembre 2000 e riproclamato il 12 dicembre 2007, in vista della firma del Trattato

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani ichia azion niver alede iritti dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA umani SEZIONE ITALIANA dichia razione univer saledei dirit tiumani Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni

Dettagli

Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea

Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea Luigi ferrali Bravo Francesco M. di Majo Alfredo Rizzo A 348806 Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea commentata con la giurisprudenza della Corte di giustizia CE e della Corte europea dei

Dettagli

I Diritti dell'uomo secondo la Costituzione italiana di Laura e Ilaria della 3 D

I Diritti dell'uomo secondo la Costituzione italiana di Laura e Ilaria della 3 D I Diritti dell'uomo secondo la Costituzione italiana di Laura e Ilaria della 3 D Bisogni da cui nascono Decidere come governarsi Avere diritti inviolabili Non essere inferiori né superiori a nessuno Avere

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ventiseiesima Sessione Filadelfia, 10 maggio

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Si basano La loro premessa fondamentale è Sono chiamati diritti umani perché

Si basano La loro premessa fondamentale è Sono chiamati diritti umani perché I diritti umani Umano: Membro della specie Homo sapiens; un uomo, donna o bambino; una persona. Diritti: Cose che ti spettano o che ti sono concesse; libertà che sono garantite. Diritti umani: I diritti

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) 1 di 8 11/11/2011 10.30 (Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini Costituzione della Repubblica Italiana Diritti e doveri dei cittadini Art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge

Dettagli

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Sommario I. INTRODUZIONE 4 II. SCOPO DELLA CARTA 4 III. AMBITO DI APPLICAZIONE 5 IV. IMPEGNI 6 4.1. Diritto alla contrattazione

Dettagli

SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina

SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina Anno Associativo 2012/2013 INTRODUZIONE Nella conclusione al preambolo della Dichiarazione dei Diritti Universali

Dettagli

La Convenzione sui diritti dell infanzia

La Convenzione sui diritti dell infanzia NOME... COGNOME... CLASSE... DATA... La Convenzione sui diritti dell infanzia La Convenzione sui diritti dell infanzia è stata approvata dall Assemblea generale delle Nazioni unite (ONU) il 20 novembre

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

CARTA ARABA DEI DIRITTI DELL UOMO. I governi degli Stati membri della Lega degli Stati Arabi,

CARTA ARABA DEI DIRITTI DELL UOMO. I governi degli Stati membri della Lega degli Stati Arabi, CARTA ARABA DEI DIRITTI DELL UOMO I governi degli Stati membri della Lega degli Stati Arabi, Preambolo Premessa la fede della nazione Araba nella dignità dell uomo, sin da quando Allah l ha onorata facendo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa

Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa Mohamed M'Bodj c. État belge C-542/13, 18 dicembre 2014 La sentenza trae origine dalla

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

L INIZIALE INDIFFERENZA COMUNITARIA NEI CONFRONTI DEI DIRITTI FONDAMENTALI.

L INIZIALE INDIFFERENZA COMUNITARIA NEI CONFRONTI DEI DIRITTI FONDAMENTALI. 1. LA TUTELA MULTILIVELLO DEI DIRITTI FONDAMENTALI (16.11.2011) - -ESISTONO DIVERSI SISTEMI GIURIDICI DIPROTEZIONE DEI DIRITTI FONDAMENTALI: - I DIRITTI FONDAMENTALI CONTEMPLATI DALLE COSTITUZIONI NAZIONALI,

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti emendata dal Protocollo n. 1 (STE 151) e dal Protocollo n. 2 (STE 152) Strasburgo, 26 novembre 1987

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE?? Sebastiano Miele - AISEC www.sebastianomiele.it - www.aisec.it

VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE?? Sebastiano Miele - AISEC www.sebastianomiele.it - www.aisec.it VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE?? Sebastiano Miele - AISEC www.sebastianomiele.it - www.aisec.it COSTITUZIONE E SERVIZIO CIVILE Articolo 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili

Dettagli

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base

Business and Human Rights: una introduzione. Sessione pilota del Corso di formazione di base Business and Human Rights: una introduzione Sessione pilota del Corso di formazione di base Milano, 12 Novembre 2015 I Diritti Umani: una definizione Cosa sono i Diritti Umani? I Diritti Umani: una definizione

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

CONVENZIONE SULLE AGENZIE PER L IMPIEGO PRIVATE, 1997 1

CONVENZIONE SULLE AGENZIE PER L IMPIEGO PRIVATE, 1997 1 Convenzione 181 CONVENZIONE SULLE AGENZIE PER L IMPIEGO PRIVATE, 1997 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione dell Ufficio

Dettagli

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori Introduzione ai diritti umani Scuole superiori Cosa sono i diritti umani? I diritti umani sono i diritti di ogni persona in quanto tale. Caratteristiche: Fondamentali Universali Inviolabili Indisponibili

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI 11 marzo 2006 Il 10 dicembre 1948, l Assemblea Generale delle Nazioni Unite proclamava la Dichiarazione universale dei diritti umani. Per la prima volta nella

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL.

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. ( OVVERO UGUAGLIANZA NELLA DISUGUAGLIANZA), LEGGE 124/99 - ART.8 TRASFERIMENTO DI PERSONALE SCOLASTICO A.T.A.

Dettagli

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE Padova, marzo 2013 Avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Qualche premessa: Parliamo della discriminazione non in senso di stigma sociale, ma di

Dettagli

PATTO INTERNAZIONALE SUI DIRITTI ECONOMICI, SOCIALI E CULTURALI NEW YORK, 16 DICEMBRE 1966 (ENTRATA IN VIGORE: 23 MARZO 1976)

PATTO INTERNAZIONALE SUI DIRITTI ECONOMICI, SOCIALI E CULTURALI NEW YORK, 16 DICEMBRE 1966 (ENTRATA IN VIGORE: 23 MARZO 1976) PATTO INTERNAZIONALE SUI DIRITTI ECONOMICI, SOCIALI E CULTURALI NEW YORK, 16 DICEMBRE 1966 (ENTRATA IN VIGORE: 23 MARZO 1976) Gli Stati parti del presente Patto, Considerando che, in conformità ai principi

Dettagli

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU Una breve premessa Le nozioni di accusa penale e materia penale (leading case: Engel ed altri c. Paesi Bassi): autonomia delle garanzie convenzionali

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13 dicembre 2006 durante la sessantunesima sessione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 349 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE POLI Istituzione del Garante nazionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Presentata

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Il Patto sui diritti civili e politici

Il Patto sui diritti civili e politici Il Patto sui diritti civili e politici 1 L approvazione dei due Patti del 1966 Ris. 2200A (XXI) del 16 dicembre 1966: Patto sui diritti civili e politici (vigore 23 marzo 1976) Patto sui diritti economici

Dettagli

Seconda Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino

Seconda Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino Seconda Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino Promulgata a Parigi, 1793 Cenni storici Elaborata ed approvata dall Assemblea, rappresenta una ripresa e un approfondimento della Dichiarazione

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

STATUTO dell ASSOCIAZIONE HUMAN RIGHTS AWARENESS

STATUTO dell ASSOCIAZIONE HUMAN RIGHTS AWARENESS STATUTO dell ASSOCIAZIONE HUMAN RIGHTS AWARENESS CAPITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Denominazione e sede Si costituisce un organizzazione culturale denominata HUMAN RIGHTS AWARENESS ( Consapevolezza

Dettagli

LA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL U.E.

LA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL U.E. INFO POINT EUROPA - Comune di Trieste via della Procureria 2, I - 34121 Trieste tel. 040-675.41.41 fax 040-675.41.42 ipe@comune.trieste.it.retecivica.trieste.it/ipe LA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL

Dettagli

I diritti dell adolescenza nelle convenzioni internazionali. Avv. Ivana Roagna

I diritti dell adolescenza nelle convenzioni internazionali. Avv. Ivana Roagna I diritti dell adolescenza nelle convenzioni internazionali Avv. Ivana Roagna 1 2 Fonti internazionali Convenzione sui diritti dell infanzia e dell adolescenza (CRC) (ONU, 1989) Convenzione europea dei

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point Anno Europeo dei Cittadini 2013 Rita Sassu Europe for Citizens Point Base giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Basata sulla Proposta della Commissione

Dettagli

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14 Art. 2 4 modulo I DIRITTI Prima parte Cost. artt. 1-54 = Costituzione dei diritti La Repubblica riconosce (giusnaturalismo: i diritti preesistono allo Stato) Tesi aperta e tesi chiusa Tesi intermedia accolta

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Diritti fondamentali : il cuore dell Europa

Diritti fondamentali : il cuore dell Europa CES ETUC Piattaforma delle ONG europee del settore sociale Plate-forme des ONG européennes du secteur social Diritti fondamentali : il cuore dell Europa Documento della campagna per l inserimento dei diritti

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI La Conferenza Generale, Ricordando che il Preambolo dell Atto Costitutivo dell UNESCO invoca l ideale democratico di dignità, di uguaglianza

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

ART. 1* (Denominazione e sede)

ART. 1* (Denominazione e sede) 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: A.V.P.C.Logistico/Gestionale VO.LO.GE-PAVIA assume la forma giuridica di associazione O.N.L.U.S. in ottemperanza al Decreto

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli