LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA"

Transcript

1 LA MONTAGNA DEI RAGAZZI Una collana dedicata alla scoperta della montagna trentina attraverso i luoghi della Grande Guerra. 5,00 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA

2 FONDAZIONE ACCADEMIA DELLA MONTAGNA DEL TRENTINO Insieme per vivere, rispettare e conoscere la montagna di ieri, oggi e domani L Accademia della Montagna del Trentino è una Fondazione promossa dalla Provincia autonoma di Trento, per incentivare la conoscenza del territorio montano, valorizzare il patrimonio dell arco alpino e la salvaguardia della montagna, in particolare del Trentino. Il suo compito è inoltre far emergere il valore storico, culturale, socio-economico e sportivo delle attività alpinistiche, sciistiche ed escursionistiche che si svolgono in montagna. Costituita il 21 dicembre 2009, è operativa dal marzo I suoi soci fondatori sono la Provincia autonoma di Trento, la Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura, l Università degli studi di Trento, il Collegio Provinciale delle Guide Alpine, l Associazione Accompagnatori di Territorio del Trentino, il Collegio provinciale Maestri di Sci del Trentino, l Associazione Maestri di Sci del Trentino e l Associazione Gestori Rifugi del Trentino.

3 LA MONTAGNA DEI RAGAZZI CONOSCERE LA MONTAGNA ATTRAVERSO LA GRANDE GUERRA LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta

4 Progetto: Accademia della Montagna del Trentino Testi: Museo Storico Italiano della Guerra Credits fotografici: Museo Storico Italiano della Guerra [MGR], Museo Civico di Rovereto [MCR], SAT Rovereto, Tiroler Kaiserjäger Museum [TKM], Alessandro Andreolli Illustrazioni: Tommaso Sega Progetto Grafico: Litodelta sas - Scurelle (TN) ISBN: Si ringraziano per la collaborazione: Fiorenza Aste, Stefania Costa, Associazione Tra le Rocce e il Cielo Con il contributo di Accademia della Montagna del Trentino Via Jacopo Aconcio, Trento tel mail: 2012, Egon di Emanuela Zandonai Editore s.r.l. via del Garda 32, Rovereto (TN) tel fax

5 Imparare a conoscere il territorio in cui si vive è una tappa decisiva nel percorso di crescita di ogni persona che risulterà tanto più coinvolgente e appassionante se l esplorazione avrà inizio fin da giovani, quando è più facile ricordare i luoghi e immaginare le vicende che li hanno segnati. Per questo anche una piccola pubblicazione può diventare un opportunità formativa, aggiungendo un autentica esperienza culturale al piacere di una camminata all aria aperta. Questa pubblicazione, primo volume di una collana realizzata per iniziativa della Fondazione Accademia della Montagna del Trentino in collaborazione con il Museo Storico Italiano della Guerra, non è tuttavia solamente un contributo per accendere la curiosità dei ragazzi verso un passato che ha segnato radicalmente la vita dei loro bisnonni. In questi giorni in cui l assurdità della guerra continua a insanguinare l umanità, una visita diretta ai luoghi dove si combatté la Grande Guerra può diventare il discorso più efficace per promuovere un mondo liberato dalla violenza. Annibale Salsa Presidente del Comitato Scientifico dell Accademia della Montagna del Trentino 3

6 Soldati austro-ungarici trasportano assi sul Pasubio [TKM]

7 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta La Prima guerra mondiale e il Trentino La Prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e si concluse nel Coinvolse tantissimi stati come la Francia, la Gran Bretagna, la Russia, la Germania, l Austria-Ungheria, l Italia, la Turchia, gli Stati Uniti, il Giappone e possedimenti coloniali come l India, il Sudafrica, l Australia. Venne chiamata anche Grande Guerra perché assunse dimensioni che nessun conflitto aveva mai avuto prima. Vennero mobilitati milioni di soldati, si sperimentarono grandi innovazioni tecnologiche, furono introdotte nuove armi e moderni mezzi di trasporto, la vita di milioni di donne e bambini cambiò radicalmente, morirono più di 9 milioni di soldati e moltissimi civili. Prima della guerra il Trentino faceva parte dell Impero austro-ungarico e confinava con il Regno d Italia. Nel 1914, allo scoppio della guerra, più di trentini vennero richiamati alle armi e inviati in Galizia (territorio oggi diviso tra Polonia e Ucraina), dove combatterono contro l esercito russo. Moltissimi vennero fatti prigionieri, più di morirono. 5

8 Nel 1915 l Italia dichiarò guerra all Austria-Ungheria. Il Trentino diventò campo di battaglia: si costruirono centinaia di chilometri di trincee, i paesi furono bombardati e i civili dovettero abbandonare le loro case. Per la prima volta si combatté anche in alta montagna e i soldati furono costretti a sopravvivere tra le nevi e i ghiacci. Circa 700 trentini, chiamati irredentisti perché si battevano per unire il Trentino all Italia, si arruolarono volontari nell esercito italiano. Tra questi, Cesare Battisti, Fabio Filzi e Damiano Chiesa furono catturati dagli austriaci sul Pasubio e sullo Zugna, furono processati e condannati a morte per tradimento. Al termine della guerra, alcuni degli antichi Stati scomparvero e ne nacquero di nuovi. Il Trentino divenne parte dell Italia, uscita vincitrice dal conflitto. 6 Soldati austro-ungarici in una trincea presso Zugna Torta [MGR]

9 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta La Grande Guerra in Vallarsa L Impero austro-ungarico iniziò a fortificare il Trentino già a partire dal , nell eventualità di un conflitto con il giovane Regno d Italia. Nel 1910 si cominciò a pensare alla difesa dei monti della Vallarsa, ma allo scoppio della guerra, nell estate 1914, i lavori non erano finiti. Sul monte Zugna erano stati costruiti una strada militare, delle caserme e un impluvio per la raccolta dell acqua piovana. Il forte di Pozzacchio, sulle pendici del Pasubio, era ancora incompleto. A Matassone era stato realizzato solo un campo trincerato. Non avendo la possibilità di completare i forti, nel settembre 1914 l esercito austro-ungarico realizzò lungo tutto il confine una potente linea di difesa, composta da centinaia di chilometri di trincee. 7

10 8

11 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta Nel maggio 1915, quando l Italia entrò in guerra, l esercito austriaco era già impegnato sul fronte russo ed in Serbia e, per risparmiare truppe ed armamenti, abbandonò la Vallarsa, lo Zugna e il Pasubio fino alle porte di Rovereto. L esercito italiano poté così avanzare senza ostacoli e nel giugno 1915 occupò le due montagne, compresi l area di Matassone e il forte di Pozzacchio. Nel maggio 1916, con un intensa offensiva nota come Strafexpedition, l esercito austro-ungarico riuscì a riconquistare alcune posizioni, tra le quali il forte di Pozzacchio, buona parte del Pasubio e la parte settentrionale dello Zugna (fino al cosiddetto trincerone ). L esercito italiano, costretto ad arretrare, riuscì tuttavia a fermare l offensiva. Sulle montagne della Vallarsa si combatté aspramente e, come ci ricordano i numerosi cimiteri militari, si contarono moltissimi caduti. Sul Pasubio si ricorse anche alla guerra di mine, ma le posizioni dei due eserciti rimasero quasi immutate. Anche in Vallarsa, come su tutto il fronte italo-austriaco, la guerra terminò ai primi di novembre del Traino di artiglierie sul Pasubio [MGR] 9

12 Tra guerra e dopoguerra Allo scoppio della guerra con l Italia, nel maggio 1915, i paesi trentini vicini al confine vennero evacuati. Più di persone dovettero lasciare le proprie case e spostarsi verso l interno dell Austria o verso l Italia. La maggior parte di loro, dopo un lungo e faticoso viaggio, trovò ospitalità in paesi e città della Boemia, della Moravia e dell Austria, oppure in grandi campi di baracche, come a Mitterndorf e Braunau. In queste città di legno i profughi vissero in miseria e molti morirono. Una parte della popolazione dovette fuggire verso il Veneto, la Lombardia, la Liguria e altre regioni italiane. Chi non partì, visse l esperienza dell occupazione militare e della fame. La popolazione della Vallarsa fu evacuata tra il maggio 1915 e il maggio 1916: parte verso l Austria, parte verso l Italia. I profughi poterono portare con sé solo poche cose. I paesi vennero occupati dai militari e subirono pesanti bombardamenti. Alla fine della guerra, la popolazione trovò distruzioni e macerie. Ci vollero anni prima che la vita tornasse alla normalità. La povertà spinse molte persone a cercare sui campi di battaglia materiali da vendere o con cui ricostruire i paesi. Quello del recuperante fu un lavoro faticoso e pericoloso. Oggi si cerca di conservare ciò che resta di quella guerra. In Vallarsa, anche grazie al lavoro di tanti volontari, sono stati eseguiti molti interventi di pulizia e ripristino dei luoghi del conflitto che hanno reso nuovamente visitabili sentieri, trincee e fortificazioni. 10

13 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta Il paese di Aste distrutto [MGR] 11

14

15 Itinerari

16 Come prepararsi ad un escursione in montagna I monti della Vallarsa, oltre ad offrire un paesaggio e una natura incontaminate, permettono di ripercorrere quelli che furono i campi di battaglia della Grande Guerra. Come tutte le gite, anche un escursione in montagna va organizzata. Ecco alcuni suggerimenti: - indossa un abbigliamento pratico e delle calzature adatte (scarponcini); - scegli un itinerario adatto alle tue capacità e al tuo allenamento; - assicurati che le previsioni del tempo siano buone; - studia l itinerario prima di partire, porta con te la cartina e mantieni il cammino sui sentieri segnalati; - in generale non ti addentrare in grotte o gallerie; dove è consentito l ingresso, fatti accompagnare da un adulto e ricordati di portare una torcia elettrica; - non disturbare gli animali: limitati ad osservarli; - rispetta l ambiente: riporta a casa i tuoi rifiuti! Cosa non deve mancare nel tuo zaino: - una buona quantità di acqua; - qualcosa da mangiare durante la giornata; - un cappellino e gli occhiali per ripararti dal sole; - la crema protettiva per evitare scottature; - un kit per il primo soccorso; - una maglia e uno spolverino per la pioggia: in montagna il tempo può cambiare molto velocemente; - una cartina della zona. 14

17 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta 1 ITINERARIO IL CAMPO TRINCERATO DI MATASSONE L escursione è ad anello, è molto breve e semplice, comincia dal paese di Matassone e richiede circa un ora. Un cartello ricorda che alcuni anni fa la Provincia autonoma di Trento ha realizzato dei lavori di ripristino: le trincee sono percorribili proprio grazie a questi interventi. 1. Lungo la prima salita si nota, a sinistra, l ingresso di una caverna (non visitabile): l esercito austroungarico vi aveva realizzato un deposito per armi e viveri scavato nella roccia e quindi molto sicuro. Poco dopo, sulla destra, si osserva l ingresso di un camminamento coperto che permetteva ai soldati di raggiungere le trincee senza farsi vedere. 15

18 Proseguendo si giunge sulla parte sommitale del prato: da qui si ha una grandiosa vista su tutta la Vallarsa. Dove oggi corre il confine tra le province di Trento e Vicenza, un tempo c era il confine tra Impero austro-ungarico e Regno d Italia. Sulla sinistra si osserva il massiccio del Pasubio, a destra la catena dello Zugna e del Carega. 2. Da qui inizia la visita alle trincee. Il campo trincerato di Matassone fu realizzato dall esercito austroungarico nell autunno Era composto da due sistemi circolari di trincee, circondati da fasce di reticolati. Queste trincee sono state realizzate in calcestruzzo, hanno uno scalino che permetteva ai soldati di alzarsi, controllare il territorio ed eventualmente sparare. Sono visibili i resti di una postazione di mitragliatrice. Era previsto anche un osservatorio e una stazione per segnali ottici per comunicare con il forte Pozzacchio, posto sulla parte opposta della valle. Percorrendo la trincea si nota l arrivo del camminamento coperto di cui abbiamo visto l ingresso dalla parte opposta della collina. 3. L itinerario continua verso est attraverso un sentiero che ricalca l andamento delle trincee. Dopo la guerra, negli anni, le trincee si sono riempite di materiali, fino a diventare invisibili: in questo tratto non sono state svuotate e dobbiamo quindi immaginare il loro percorso. Attraverso un tratto di trincea ripristinata si giunge ad un altra postazione di mitragliatrice da cui si vedono il paese di Valmorbia e il monte Corno Battisti: questo monte deve il suo nome al fatto che, sulla sua cima, nell estate 1916 venne catturato Cesare Battisti, importante personaggio dell irredentismo trentino. Trincee austro-ungariche 16

19 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta 4. Il sentiero prosegue con una breve scala: qui si incontrano i ruderi di un rifugio in calcestruzzo armato (cemento rinforzato con sbarre di ferro) che gli austriaci avevano realizzato prima della guerra come alloggio per i soldati. Per offrire loro massima protezione, era stato costruito in una posizione invisibile al nemico. Le macerie che si notano non sono dovute ai bombardamenti, ma all azione dei recuperanti che nel dopoguerra smantellarono il rifugio per estrarne il metallo. 5. Da qui è possibile osservare un altro sistema di trincee, orientate in maniera opposta rispetto a quelle viste finora. Sono trincee italiane: nel maggio 1915, allo scoppio della guerra con l Italia, l esercito austro-ungarico abbandonò questa posizione e l esercito italiano la occupò senza difficoltà. Gli italiani non poterono però riutilizzare le trincee già presenti orientate in senso opposto alla loro avanzata! e dovettero realizzarne di nuove. Noti delle differenze rispetto a quelle austriache? Queste sono state realizzate molto più velocemente e con materiali più facili da recuperare. Durante l offensiva del maggio 1916 (Strafexpedition), l esercito austro-ungarico riconquistò temporaneamente quest area, ma il 28 giugno 1916 gli italiani la rioccuparono e la tennero fino alla fine del conflitto. Dalle trincee italiane, guardando dalla parte opposta della valle, si notano dei buchi nella roccia: sono le cannoniere del forte di Pozzacchio. Per saperne di più, guarda l itinerario dedicato a questa fortificazione. Il sentiero ti riporta ora verso il paese di Matassone (direzione ovest), dove si conclude l escursione. 17

20 la TRINCEA La trincea è uno dei luoghi-simbolo della Grande Guerra. Serviva a proteggere i soldati e a difendere le posizioni occupate. Era composta da un fosso mimetizzato e protetto con muretti di pietra, di sacchi di terra e con scudi d acciaio; poteva avere delle feritoie da cui sparare. Veniva scavata a zigzag per ridurre gli effetti delle esplosioni, ma spesso consisteva solo in uno scavo improvvisato. La linea del fronte era composta da una sequenza ininterrotta di trincee, disposte su due, tre o più linee parallele collegate da sentieri infossati, detti camminamenti. Davanti alle trincee venivano posizionati fitti reticolati di filo spinato. Il territorio compreso fra le trincee più avanzate dei due schieramenti era definito terra di nessuno. In alcuni casi la distanza si riduceva a poche decine di metri, in altri si estendeva fino ad alcuni chilometri. Immediatamente dietro alle trincee c erano i ricoveri, cioè gli alloggiamenti dei soldati che combattevano in prima linea. In una zona più arretrata, nelle retrovie, si trovavano invece i posti di comando, gli ospedali, i cimiteri e i depositi. La vita nelle trincee era durissima: si soffriva il caldo d estate e il freddo d inverno; non ci si poteva lavare né cambiare; spesso si viveva nel fango e in compagnia di topi, pidocchi e altri insetti. Trincea sul monte Zugna [MGR] 18

21 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta 2 ITINERARIO IL MONTE zugna Il monte Zugna, che separa la Vallarsa dalla valle dell Adige, ebbe una rilevante importanza sul fronte trentino della Grande Guerra. Nel punto più stretto del crinale, gli italiani costruirono un sistema trincerato denominato Trincerone, che interrompeva la strada che da Albaredo porta alla cima della montagna. Nella primavera del 1916, questo sbarramento permise di fermare l avanzata austro-ungarica. Dall estate 1916 al novembre 1918, i due eserciti combatterono su queste posizioni. Salendo in auto lungo la strada che da Albaredo porta al Rifugio 19

22 Monte Zugna si giunge all area del Trincerone-Kopfstellung, dove si può parcheggiare. Grazie a un progetto di recupero promosso dalla Fondazione Parco Botanico del Cengio Alto, i manufatti militari sono stati ripuliti dalla vegetazione e dai detriti e sono stati predisposti numerosi pannelli illustrativi. Il percorso ad anello è molto semplice e richiede circa un ora. 1. L itinerario parte dalle linee austro-ungariche: si percorrono camminamenti e trincee, si vedono i resti di posti di osservazione e postazioni di mitragliatrici. Percorrendo un tratto di strada asfaltata si attraversa quella che un tempo era la terra di nessuno e si giunge alle linee italiane. Il Trincerone italiano, estrema difesa contro l offensiva austro-ungarica del maggio 1916, era stato pressoché cancellato dai bombardamenti: ora è stato in parte ricostruito per mostrarne la forma e la funzione. 2. Dopo aver attraversato i camminamenti, le trincee e gli avamposti italiani, il percorso torna verso la linea austro-ungarica dove, all interno di una struttura metallica che riproduce la trincea originaria, alcuni pannelli didattici illustrano l organizzazione di questo tratto di fronte. La prima linea austro-ungarica Il Trincerone, prima linea italiana 20

23 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta 3. Concluso l anello si può proseguire a piedi verso il Rifugio Monte Zugna: si continua lungo la strada asfaltata fino al tornante con le indicazioni relative al cimitero militare italiano di San Giorgio. Da qui il percorso prosegue nel bosco: si passa davanti ai resti del cimitero e seguendo la segnaletica, in poco più di mezz ora, si raggiunge il rifugio. 4. Chi invece preferisce riprendere l auto, può raggiungere il rifugio, e salire a piedi verso la cima. Dal rifugio si segue il segnavia 115 ( Sentiero della Pace ) e in circa 20 minuti si giunge al Parco della Pace. In questa zona, prima del conflitto, gli L impluvio austriaci avevano progettato di realizzare un forte e avevano costruito una serie di manufatti, tra i quali un impluvio per la raccolta dell acqua piovana e delle caserme. All ingresso in guerra dell Italia, non avendo completato i lavori, gli austriaci decisero di abbandonare l intero monte Zugna. Gli italiani occuparono la zona e realizzarono le proprie postazioni. In quest area si vedono tracce di trincee, ricoveri scavati in roccia, postazioni di artiglieria e i resti di un ospedale militare e di un cimitero. 5. Dal Parco della Pace, in circa 15 minuti, si può raggiungere la cima dello Zugna. Qui, oltre ad ammirare uno stupendo panorama dal gruppo dell Adamello a ovest alle cime dolomitiche ad est, si vede tutta la Vallarsa, il Pian delle Fugazze e, dietro, la pianura veneta. È facile comprendere l importanza strategica di questa montagna: controllarla significava chiudere le porte per Vicenza da un lato, per Verona dall altro. Il rientro avviene lungo lo stesso sentiero dell andata. 21

24 Il monte Zugna: una montagna ricca di storia e natura Lo Zugna è una montagna interessante non solo dal punto di vista storico, ma anche geologico e naturalistico. Circa 200 milioni di anni fa, all inizio del Giurassico, l attuale roccia calcarea del monte Zugna costituiva la riva limacciosa del Mare di Tetide. Centinaia di dinosauri carnivori ed erbivori, di forme e dimensioni differenti, correvano su queste rive lasciando impronte nel fango. Oggi queste tracce sono ancora visibili ai Lavini di Marco, sulle pendici del monte, a sud di Rovereto. Quest area, venuta alla luce a seguito di una serie di frane risalenti a epoche diverse, costituisce il più grande giacimento di impronte fossili di dinosauro mai rinvenuto in Italia. Lo Zugna è conosciuto anche per il suo Osservatorio astronomico. Attivo dal 1997, effettua ricerche a livello internazionale: nella cupola di quattro metri di diametro si trovano tre telescopi e un telescopio solare che permette di ammirare il cielo, il Sole e le altre stelle. Notevole è anche l interesse botanico e faunistico di questa montagna. La passeggiata permette di osservare una grande varietà di fiori, tra i quali le orchidee selvatiche. Sai riconoscerle? Per saperne di più: Le orme dei dinosauri [MCR] 22

25 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta 3 ITINERARIO IL MONTE TESTO (gruppo del pasubio) Il Pasubio è stato uno dei campi di battaglia più tormentati della Prima guerra mondiale. Nel 1915, a seguito dell arretramento della linea di difesa, fu abbandonato dall esercito austro-ungarico e occupato interamente dall esercito italiano. Con l offensiva della primavera del 1916 gli austro-ungarici riuscirono a riconquistarne una buona parte, tra cui il monte Testo. Tra il 1916 e il 1918 il Pasubio fu teatro di cruente battaglie; in quest area vissero poco meno di soldati, che tracciarono strade e sentieri, costruirono teleferiche e acquedotti, villaggi di baracche e centinaia di gallerie. 23

26 Più di diecimila soldati morirono su queste cime: in combattimento, per malattie e incidenti, travolti da valanghe. Qui si combatté anche la più lunga guerra di mine di tutto il fronte europeo. 1. Questa escursione è la più impegnativa tra quelle presentate in questa guida: richiede l intera giornata, ma ti permetterà di ammirare un panorama straordinario. Con la macchina si risale lungo la strada provinciale che, passando da Trambileno e da Giazzera, porta fino a Malga Cheserle (1402 m). Qui si parcheggia e si prosegue lungo la strada forestale (sentiero 101) che, in poco più di un ora, porta al Rifugio Lancia, dove è possibile fermarsi per una sosta. 2. Dal rifugio si segue il segnavia E Dopo circa 10 minuti c è un bivio: a sinistra il sentiero prosegue per la Bocchetta delle Corde e la parte sommitale del Pasubio; il nostro itinerario ci porta invece verso destra in direzione del monte Testo (segnavia 102A). In breve si cominciano a vedere resti di manufatti militari; percorrendo alcuni camminamenti che partono sulla destra del sentiero, si arriva in prossimità della cima (1999 m). A partire dal 1916, il monte Testo fu un importante caposaldo austro-ungarico: oggi, grazie ai lavoro di recupero dei soci della SAT di Rovereto e del Gruppo Grotte E. Roner, è nuovamente possibile Trincea sul monte Testo Il monte Testo dalla Bocchetta delle Corde 24

27 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta percorrere i manufatti della cima. L opera di ripristino ha fatto emergere un notevole complesso di gallerie, trincee, punti di osservazione. Da queste postazioni di artiglieria scavate in roccia i soldati austro-ungarici avevano un controllo strategico sulla Vallarsa e il Pasubio. Dalle feritoie lo sguardo si apre sulla conca di Cosmagnon e sulla catena di monti che dal Roite prosegue verso il Dente Austriaco, il Dente Italiano e Cima Palon. Su queste cime tra l autunno del 1917 e la primavera del 1918, i due eserciti si scontrarono, oltre che nelle trincee, anche in una drammatica guerra di mine. Dieci terribili esplosioni - cinque italiane e altrettante austriache - mutarono il profilo del Dente Italiano. Il 13 marzo 1918 una mina austriaca, caricata con più di 50 tonnellate di esplosivo, provocò la morte di oltre 50 soldati italiani. Le feritoie orientate verso ovest permettono invece di inquadrare tutta la dorsale dello Zugna. 3. Dopo aver visitato le postazioni della cima, si segue il sentiero 102A in direzione Bocchetta dei Foxi, dove si giunge in 30 minuti circa. Ingresso al sistema di gallerie Da qui, chi desidera allungare il giro, può proseguire fino al Corno Battisti, dove nell estate del 1916 vennero catturati gli irredentisti trentini Cesare Battisti e Fabio Filzi. Anche questa montagna, a lungo contesa tra i due eserciti, conserva ancora molti resti della presenza dei due eserciti (centinaia di metri di gallerie la cui visita richiede un notevole impegno e una guida esperta). 4. Da Bocchetta dei Foxi, il rientro avviene lungo il sentiero 122 in direzione Malga Zocchi; da qui, in circa 40 minuti si arriva al parcheggio di Malga Cheserle. 25

28 La guerra in montagna Fino al 1915 si riteneva impossibile combattere in alta montagna. Nella Grande Guerra, invece, le prime linee del fronte trentino correvano spesso a quote superiori ai metri e molti soldati vissero e combatterono sui ghiacciai. Per loro l ambiente di montagna - il freddo, la mancanza di rifornimenti, le difficoltà nei collegamenti e nell assistenza - divenne il principale nemico da cui proteggersi. Talvolta le bufere di vento e di neve erano così violente che le sentinelle dovevano legarsi alla postazione per resistere. I rischi maggiori erano rappresentati dal congelamento e dalle valanghe, che anche in Vallarsa causarono molti morti. Il primo inverno di guerra colse gli eserciti impreparati: i soldati non avevano indumenti adatti, vivevano in baracche leggere o addirittura in tende. Col tempo vennero costruiti baraccamenti, gallerie in roccia o nel ghiaccio, strade e sentieri. Nei trasporti vennero impiegati soldati e prigionieri ma anche donne e ragazzi, oltre a muli e cani. Si realizzarono robuste teleferiche per collegare il fondovalle alle cime. Sul Pasubio e sullo Zugna se ne contavano decine. A causa delle temperature molto basse anche le armi funzionavano male o si inceppavano. Trasporto con muli sul Pasubio [MGR] 26

29 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta 4 ITINERARIO Il forte Pozzacchio (Valmorbia Werk) Il forte di Pozzacchio è una delle più importanti fortificazioni realizzate dall esercito austroungarico. Mai completata, questa macchina da guerra venne pesantemente danneggiata dai bombardamenti. Alla fine del conflitto, gli abitanti di Pozzacchio e Valmorbia lo demolirono per recuperare il metallo e altri materiali utili per ricostruire i paesi distrutti. Il forte divenne però anche meta di pellegrinaggio di reduci. Ancora oggi, ogni anno nel mese di luglio, l Associazione culturale ricreativa Il forte organizza una manifestazione commemorativa per ricordare i caduti. 27

30 Dopo un importante lavoro di restauro, dal 2013 il forte è nuovamente visitabile. 1. Il percorso di visita richiede mezza giornata. L escursione parte dal parcheggio nei pressi del paese di Pozzacchio: da qui si imbocca la strada militare realizzata tra il 1912 e il In circa 30 minuti di cammino si arriva nell area dove un tempo sorgevano le caserme, di cui oggi si vedono i ruderi. Pannelli con testi e fotografie illustrano la storia del forte, raccontano le principali vicende belliche e spiegano l intervento di restauro. 2. Il forte di Pozzacchio, interamente scavato in roccia, rappresentava la più moderna fortezza progettata dall esercito austro-ungarico. La sua posizione consentiva un efficace controllo sulla Vallarsa: da lì l esercito avrebbe potuto sbarrare una possibile avanzata italiana verso Rovereto. Area didattica nei pressi del forte Il fossato 28

31 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta Il forte era articolato su due piani: all interno c erano magazzini di viveri e munizioni, officine, locali per l impianto elettrogeno e una centrale telefonica. Nelle caverne c erano anche dormitori per più di 200 soldati e 7 ufficiali, ricavati in baracche di legno oggi ricordate da strutture metalliche arancioni. Dalla galleria centrale si diramavano i collegamenti alle postazioni per artiglierie e mitragliatrici e ai riflettori impiegati per illuminare il territorio antistante. Il forte doveva essere armato con 2 obici costruiti dalle acciaierie Skoda di Praga, posti in cupole corazzate girevoli, 6 cannoni, 10 mitragliatrici, 8 riflettori. Un pozzo verticale dava accesso al piano superiore dove erano previste le artiglierie in cupola. L esercito italiano lo occupò già nel giugno Nel maggio del 1916 il forte fu ripreso dagli austro-ungarici. Gli italiani tentarono poche settimane dopo di riconquistarlo, ma vennero respinti. Scala interna al forte La passerella sulla parte sommitale del forte 29

32 Come si viveva in un forte I forti della Prima guerra mondiale erano strutture molto complesse e dovevano essere autosufficienti. Al loro interno c erano magazzini per viveri, depositi di munizioni, cisterne per l acqua, impianti elettrogeni, officine e ricoveri per i soldati (il forte di Pozzacchio poteva contenerne 200!), perfino un locale per i caduti. Comunicavano con altre fortificazioni attraverso collegamenti telefonici e ottici. A loro servizio si realizzarono strade e teleferiche: prima per la costruzione, poi per il trasporto dei rifornimenti. La vita dei soldati in queste strutture era molto dura: la paura maggiore era di rimanervi intrappolati. I forti erano armati con obici, cannoni e mitragliatrici. Le artiglierie erano collocate in postazioni scavate nella roccia o in cupole d acciaio. Allo scoppio della guerra alcuni dei forti non erano ancora stati completati e non vennero perciò utilizzati; altri, costruiti molti anni prima della guerra, risultarono inadeguati e vennero abbandonati. Le cupole corazzate previste per il forte di Pozzacchio non furono mai installate. Durante la guerra molti di questi forti vennero pesantemente danneggiati dai bombardamenti. Nel dopoguerra, i recuperanti che cercavano metalli completarono l opera di distruzione. Forte di Pozzacchio [MGR] 30

33 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLARSA Escursioni e itinerari di scoperta Info e strutture in vallarsa Altri luoghi di interesse sul tema Grande Guerra DOVE MANGIARE IN VALLARSA Comune di Vallarsa Via Roma 13, Raossi di Vallarsa - Tel Pro loco Vallarsa Frazione Parrocchia - Tel APT Rovereto e Vallagarina Piazza Rosmini 15 - Tel Museo della civiltà contadina della Vallarsa Centro studi museo etnografico Vallarsa Riva di Vallarsa - Tel Tra le rocce e il cielo associazione per l arte e la cultura della montagna Fraz. Zendri 16, Vallarsa - Tel Associazione Pasubio 100 anni GRUPPO SAT VALLARSA Museo Storico Italiano della Guerra Via Castelbarco 7, Rovereto Tel Campana dei Caduti Località Miravalle, Rovereto Tel Sacrario del Pasubio Via Ossario 1, Valli del Pasubio (VI) Sacrario di Rovereto Rovereto Tel LA GRANDE GUERRA SUL WEB RIFUGIO MONTE ZUGNA Monte Zugna - Tel RIFUGIO VINCENZO LANCIA Alpe Pozza, Monte Pasubio Tel ALBERGO AL PASSO via Martini, 37 Passo Pian delle Fugazze Tel ALBERGO ALPINO loc. Camposilvano Tel ALBERGO AURORA loc. Parrocchia Tel ALBERGO LA LANTERNA loc. Foxi Tel ALBERGO PASSO BUOLE loc. Riva Tel ALBERGO STREVA via Martini, 32 Passo Pian delle Fugazze Tel RISTORANTE PIZZERIA L ACQUARIO loc. Raossi Tel

34 Finito di stampare nel mese di agosto 2012 Grafiche Stile Rovereto

<> 26 giugno 2 luglio 2010

<<Itinerari sul filo della memoria: la prima guerra mondiale in Vallarsa (TN)>> 26 giugno 2 luglio 2010 26 giugno 2 luglio 2010 UNA SETTIMANA EMOZIONANTE DI ESCURSIONI NEL TRENTINO PER GLI AMANTI DEL CAMMINO LUNGO SENTIERI DI

Dettagli

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Dalla Guerra alla Pace Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Rovereto e Vallagarina Folgaria Lavarone e Luserna Trento Rovereto e Vallagarina Attraversata durante

Dettagli

GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA VALLARSA I SENTIERI RACCONTANO ALL ALBA DEL 24 MAGGIO TERRA, STORIA, MEMORIA

GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA VALLARSA I SENTIERI RACCONTANO ALL ALBA DEL 24 MAGGIO TERRA, STORIA, MEMORIA GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA Manifestazioni di commemorazione Mostra Il Pasubio di carta, scoprimento cippo, inaugurazione targa 23 maggio, dalle ore 10 alle ore 17 Campogrosso e Pian delle Fugazze,

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA TRINCEA La Prima Guerra Mondiale fu caratterizzata da combattimenti in TRINCEA una tattica di guerra che vide gli eserciti nemici fronteggiarsi per lunghi periodi di tempo.

Dettagli

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it Lombardia Run The Top TRINCEE TRAIL Guida e GPS www.regione.lombardia.it Lunghezza: 21 km Dislivello: 1100 mt D+ Tecnicità: percorso che si sviluppa in gran parte lungo trincee di inizio secolo con diversi

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte DESCRIZIONE PERCORSO 1 GIORNO. Arrivati a Schio via treno, saliremo con un pulman fino a località Recoaro Mille (1015 msl), Comune di Recoaro Terme. La Conca di Pizzegoro è una vasta area adibita a pascolo

Dettagli

LIONS CLUB VALLECAMONICA 25043 BRENO (Brescia)

LIONS CLUB VALLECAMONICA 25043 BRENO (Brescia) Domenica 13 settembre 2015 Meeting Rivivere la Grande Guerra Cari Amici Lions, il Lions Club di VALLECAMONICA ha il piacere di informarvi che quest anno svolgerà il meeting di apertura della nuova annata

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Con la scuola a Rovereto Idee per un viaggio tra arte, storia e scienza

Con la scuola a Rovereto Idee per un viaggio tra arte, storia e scienza Con la scuola a Rovereto Idee per un viaggio d istruzione in Trentino tra arte, storia e scienza Vicina a Trento e al lago di Garda, Rovereto propone itinerari interdisciplinari e viaggi d istruzione su

Dettagli

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata F / Facile, panoramica e facilmente accessibile, ci porta sulla cima del Monte Biaena (1.618). Descrizione breve: ferrata facile e breve, dal Rifugio Malga

Dettagli

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Escursione T, per turisti, che da Manzano ci porta a visitare il Caposaldo Austro-Ungarico di Nagià-Grom (768). Descrizione breve: percorso tematico

Dettagli

LA MONTAGNA DEI RAGAZZI LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLAGARINA

LA MONTAGNA DEI RAGAZZI LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLAGARINA LA MONTAGNA DEI RAGAZZI LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLAGARINA 1 LA MONTAGNA DEI RAGAZZI CONOSCERE LA MONTAGNA ATTRAVERSO LA GRANDE GUERRA LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VALLAGARINA

Dettagli

Guerra. in Vallagarina

Guerra. in Vallagarina La Grande Guerra in Vallagarina 1 Comunità della Vallagarina Testi Museo Storico Italiano della Guerra Progetto grafico Designfabrik Fotografie Paolo Aldi - Fondazione Opera Campana dei Caduti Alessandro

Dettagli

LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA SUGLI ALTIPIANI DI FOLGARIA, LAVARONE E LUSERNA

LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA SUGLI ALTIPIANI DI FOLGARIA, LAVARONE E LUSERNA LA MONTAGNA DEI RAGAZZI Una collana dedicata alla scoperta della montagna trentina attraverso i luoghi della Grande Guerra. 5,00 LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA SUGLI ALTIPIANI DI FOLGARIA, LAVARONE

Dettagli

LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VAL DI SOLE

LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VAL DI SOLE LA MONTAGNA DEI RAGAZZI CONOSCERE LA MONTAGNA ATTRAVERSO LA GRANDE GUERRA LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN VAL DI SOLE Escursioni e itinerari di scoperta Progetto: Accademia della Montagna del Trentino

Dettagli

i luoghi della Grande Guerra in Vallagarina

i luoghi della Grande Guerra in Vallagarina i luoghi della Grande Guerra in Vallagarina 1 Comunità della Vallagarina Testi Museo Storico Italiano della Guerra Progetto grafico Designfabrik Fotografie Paolo Aldi - Fondazione Opera Campana dei Caduti

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali: ESCURSIONI NATURALISTICHE NELL ANNO 2015 Parco naturale TRE CIME Parco naturale FANES-SENES-BRAIES Con gli accompagnatori ufficiali ficiali del parco naturale Prenotazione e informazioni: Associazione

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI)

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI) 5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI) Legenda grado difficoltà Nordic/Turistico facile: percorso senza difficoltà in cui si utilizza la tecnica n.w. lungo

Dettagli

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Descrizione Ubicato a 1542 m sul versante settentrionale della Maiella, alle coordinate geografiche N 42 008 09 E 14 003 39, il rifugio é intitolato a Paolo Barrasso,

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) 42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) La più classica delle gite in montagna della Grecia davvero imperdibile e non difficile, merita tutta la sua fama:

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

Sulle tracce della Grande Guerra in Trentino

Sulle tracce della Grande Guerra in Trentino Sulle tracce della Grande Guerra in Trentino 1 Il libretto è stato realizzato dalla Rete Trentino Grande Guerra e dalla Rete degli Ecomusei del Trentino Redazione Giulia Cumer Anna Pisetti Illustrazioni

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova NEL QUADRO DEI FESTEGGIAMENTI PER I CENTO ANNI DELLA NOSTRA SSOCIAZIONE SABATO 10 MAGGIO INAUGURAZIONE DEL NUOVO SENTIERO AQ2 AQ2 DATA: 10 maggio 2014 LOCALITA

Dettagli

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) Situazione 44.0982 / 7.5063 In questa zona trovate splendide soluzioni per alloggiare in albergo o per la sosta camper in libero. Base di partenza

Dettagli

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it - tel. 346 5446353 I NUOVI SENTIERI NEL TERRITORIO DI BOLCA La Pro Loco di Bolca, aderendo alle richieste dei turisti di poter conoscere,

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

AGOSTO 2015 SABATO 8 AGOSTO. ore 14.00 18.00. @ 14.30: visita guidata alla scoperta del Parco. Attività per tutti

AGOSTO 2015 SABATO 8 AGOSTO. ore 14.00 18.00. @ 14.30: visita guidata alla scoperta del Parco. Attività per tutti AGOSTO 2015 I N G R E S S O G R A T U I T O SABATO 8 AGOSTO @ 16.30: A come acqua. SABATO 1 AGOSTO @ 16.30: Caccia al tesoro nel Parco. DOMENICA 9 AGOSTO @ 16.30: Esperimenti magici. DOMENICA 2 AGOSTO

Dettagli

Percorso della guerra

Percorso della guerra Percorso della guerra Il percorso si snoda attraverso i territori dei cinque comuni ripercorrendo i principali eventi bellici che li hanno interessati. E un percorso adatto ad essere esplorato in più giorni,

Dettagli

Attività per ragazzi ad adulti abituati alle escursioni. Attività dove è richiesto un buon allenamento alle escursioni

Attività per ragazzi ad adulti abituati alle escursioni. Attività dove è richiesto un buon allenamento alle escursioni Programma inverno 2014/15 Attività per tutta la famiglia. Limite età bimbi Attività per ragazzi ad adulti abituati alle escursioni Attività dove è richiesto un buon allenamento alle escursioni ACTIVITY

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

GIOCHI DI TRINCEA di Angelo Nataloni e Giovanni Vinci

GIOCHI DI TRINCEA di Angelo Nataloni e Giovanni Vinci GIOCHI DI TRINCEA di Angelo Nataloni e Giovanni Vinci Vedi mi diceva Lussu in guerra non è sempre così, e lo sai bene anche tu. C erano delle pause, abbiamo anche cantato, scherzato, abbiamo avuto ore

Dettagli

RITROVO: AGNOSINE CHIESA PARROCCHIALE ORE 9,00 RITROVO SUCCESSIVO CHIESA PARROCCHIALE DI BIONE ORE 9,15 CON MEZZI PROPRI

RITROVO: AGNOSINE CHIESA PARROCCHIALE ORE 9,00 RITROVO SUCCESSIVO CHIESA PARROCCHIALE DI BIONE ORE 9,15 CON MEZZI PROPRI Ci sono diversi itinerari di Canyoning, Arrampicata e Trekking nella zona attorno al Lago di Garda e Lago d'idro, tra Lombardia, Trentino e Veneto. Proponiamo uscite con Guide Alpine per il Canyoning e

Dettagli

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Promosso da: Fondazione Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis Unesco Rete del patrimonio geologico (Provincia Autonoma

Dettagli

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo) A cura di A. Scolari Marcellise alto: itinerario lungo (Marcellise, Borgo, Casale, Cao di sopra, Casale di Tavola, San Briccio, Marion, Borgo, Marcellise). Dislivello m 205, tempo h 3.00'. Percorso facile.

Dettagli

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero Attrezzato EEA / F, per escursionisti esperti con attrezzatura / facile, nella zona dell Altissimo

Dettagli

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014 CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea.arcore@gmail.com GITA alla ROSA DEI BANCHI 3163 M E MONT GLACIER 3182 M VAL

Dettagli

Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana Pagina 1 di 5 Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana Scheda informativa Punto di partenza: Pescasseroli Distanza da Roma: 164 km Lunghezza: 34 km Ascesa totale: 630 m Quota

Dettagli

Percorso Zona Orientale

Percorso Zona Orientale Percorso Zona Orientale Indice Cala Luna 1 Il Canyon di Gorroppu 3 Il villaggio di Fiscali 6 Cala Luna Un itinerario dove il bianco del calcare regna sul sentiero e sul monte, per arrivare a una delle

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Villaggi Walser a due passi dal Cielo

Villaggi Walser a due passi dal Cielo Martedì 7 Luglio Villaggi Walser a due passi dal Cielo I Walser, popolo di coloni contadini dissodatori, arrivò nel medioevo nell alta Valle di Gressoney, allora disabitata, attraverso il Monte Rosa fondando

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

ews IN CAMMINO SULLE (ALTE) VIE DELLO SPIRITO PROGRAMMA DELLE ESCURSIONI/VISITE a cura di ODISSEO

ews IN CAMMINO SULLE (ALTE) VIE DELLO SPIRITO PROGRAMMA DELLE ESCURSIONI/VISITE a cura di ODISSEO n Speciialle CENTENARIIO ((1915--2015)),, fforttii e ttriincee delllla GRANDE GUERRA.. IN CAMMINO SULLE (ALTE) VIE DELLO SPIRITO ews a cura di ODISSEO Un intera nottata buttata vicino a un compagno massacrato

Dettagli

Monte Baldo Nord da Nago, percorso storico sul fronte della Prima Guerra Mondiale

Monte Baldo Nord da Nago, percorso storico sul fronte della Prima Guerra Mondiale Monte Baldo Nord da Nago, percorso storico sul fronte della Prima Guerra Mondiale Escursione tematica E, per escursionisti, sul Monte Baldo: Malga Zures, Doss Casina (1050), Galbegne, Dosso Alto e Segron.

Dettagli

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita. 1150 m 15 km. 5 h (senza soste)

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita. 1150 m 15 km. 5 h (senza soste) Monte Rotondo dal Santuario di Macereto Monti Sibillini DATA ESCURSIONE: 29 Giugno 2015 ORA PARTENZA: 8.30 RITROVO: DISLIVELLO: DISTANZA: DIFFICOLTA TECNICA: Ussita 1150 m 15 km EE DURATA: ACCOMPAGNATORE:

Dettagli

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA 1 ESCURSIONI RISERVATE OSPITI BIKE HOTELS PRENOTAZIONE: Le escursioni vanno prenotate ai recapiti del Check Point: info@fassasport.com

Dettagli

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m) Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m) Dal rifugio Fanes al Ju de Limo ed al lago. La si svolta a sinistra (est) su un sentiero evidente, però non numerato,

Dettagli

I.T.T. A.Pozzo Trento Progetto Fare memoria 2014. Programma uscita classi prime giovedì 5 giugno 2014

I.T.T. A.Pozzo Trento Progetto Fare memoria 2014. Programma uscita classi prime giovedì 5 giugno 2014 Programma uscita classi prime giovedì 5 giugno 2014 Giovedì 5 giugno 2014 dalle 10.30-13.00 le classi prime effettueranno un uscita in città sui luoghi della memoria con guida del Museo storico di Trento,

Dettagli

LA MONTAGNA DEI RAGAZZI LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN PRIMIERO E VANOI

LA MONTAGNA DEI RAGAZZI LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN PRIMIERO E VANOI LA MONTAGNA DEI RAGAZZI LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN PRIMIERO E VANOI 1 LA MONTAGNA DEI RAGAZZI CONOSCERE LA MONTAGNA ATTRAVERSO LA GRANDE GUERRA LUNGO I SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA IN PRIMIERO

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti Quando si parla delle Tre Cime di Lavaredo si pensa subito alle fotografie che vediamo sempre sui calendari. Ma avete mai pensato da dove sono state scattate?

Dettagli

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci. Tempo splendido e una temperatura eccezionale hanno caratterizzato questo weekend autunnale in una valle sconosciuta ai più. Da Torino e provincia partiamo in tre (Marina, Piero ed io) per questa nuova

Dettagli

Museo storico italiano della Guerra. Proposte didattiche 2009 2010

Museo storico italiano della Guerra. Proposte didattiche 2009 2010 Museo storico italiano della Guerra Proposte didattiche 2009 2010 1 trento riva del garda val di gresta monte nagià grom Rovereto folgaria museo della guerra campana dei caduti sacrario militare mori vallarsa

Dettagli

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Splendida escursione, fra vedute mozzafiato su Firenze, sulle pendici di Montececeri, la montagna della "pietra forte" e della "pietra

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

Emozione davanti ad un animale insolito che può essere una marmotta ma anche un tricottero. Emozione nel condividere con i compagni l esperienza di

Emozione davanti ad un animale insolito che può essere una marmotta ma anche un tricottero. Emozione nel condividere con i compagni l esperienza di Gentile docente; Sentierando da anni è attiva da molti anni nella promozione dell escursionismo scolastico. Con le nostre guide qualificate perseguiamo l idea di far nascere nei giovani una sensibilità,

Dettagli

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI La partenza è da Villagrande di Tornimparte (880 m s.l.m.) lungo la strada provinciale SP1 Amiternina; dopo 400 metri circa in falsopiano svoltare a sinistra

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento.

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento. Percorso di visita autoguidata al Lager di Dachau Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Dachau cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti in

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

IL FRONTE OCCIDENTALE

IL FRONTE OCCIDENTALE IL FRONTE OCCIDENTALE QUESTO TESTO E QUESTA CARTINA TRATTANO DELLA SITUAZIONE SUL FRONTE OCCIDENTALE. VEDRAI ANCHE COME VIVEVANO I SOLDATI IN TRINCEA. All inizio della guerra, la Germania invade il Belgio,

Dettagli

PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO

PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO LUNEDI Andalo h. 10,00 / 15,00 -SCI: corso tempo pieno dal lunedì al venerdì Kids 6+ Corso di sci tenuto da Maestri di sci e Guide Alpine per dare ai tuoi

Dettagli

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese.

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese. Percorso di visita autoguidata al Lager di Ravensbrück Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Ravensbrück cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO. 17 24 Luglio 2011. Schede descrittive degli itinerari

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO. 17 24 Luglio 2011. Schede descrittive degli itinerari GIT ESTIV SULLE OLOMITI I SESTO 17 24 Luglio 2011 Schede descrittive degli itinerari Le schede contenute nel seguente documento illustrano, con l ausilio di porzioni topografiche delle aree man mano attraversate,

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 15 aprile 2015

------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 15 aprile 2015 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 15 aprile 2015 Grande Guerra, presentazione nuovi

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE CAMMINA. VIAGGI TREKKING. organizzati in anni precedenti con la collaborazione di numerosi operatori in tutta Italia

LA FAMIGLIA CHE CAMMINA. VIAGGI TREKKING. organizzati in anni precedenti con la collaborazione di numerosi operatori in tutta Italia LA FAMIGLIA CHE CAMMINA. VIAGGI TREKKING organizzati in anni precedenti con la collaborazione di numerosi operatori in tutta Italia Gli itinerari sono pensati soprattutto per coinvolgere ragazzi e bambini,

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

24 PARCHI IN LOMBARDIA, PIÙ DI 120 INIZIATIVE PER VIVERE NELLA NATURA

24 PARCHI IN LOMBARDIA, PIÙ DI 120 INIZIATIVE PER VIVERE NELLA NATURA 24 PARCHI IN LOMBARDIA, PIÙ DI 120 INIZIATIVE PER VIVERE NELLA NATURA dal 24 maggio al 5 giugno 2009 IN OCCASIONE DELLA GIORNATA EUROPEA DEI PARCHI E DELLA GIORNATA MONDIALE PER L AMBIENTE, LA REGIONE

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

ESCURSIONI SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA Luglio ottobre 2009

ESCURSIONI SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA Luglio ottobre 2009 Rete Trentino Grande Guerra ESCURSIONI SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA Luglio ottobre 2009 LUGLIO SAB 4 LUGLIO SAB 4 LUGLIO MAR 7 LUGLIO MAR 7 LUGLIO GIO 9 LUGLIO SAB 11 LUGLIO SAB 11 LUGLIO SAB 11 LUGLIO

Dettagli

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 Presentazione: escursione faticosa ma breve e di soddisfazione,

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Mauthausen

Percorso di visita autoguidata al Lager di Mauthausen Percorso di visita autoguidata al Lager di Mauthausen Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Mauthausen cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge NOTIZIE. La cosiddetta Cresta dei Tausani è la dorsale che, dalla SS 258 Marecchiese in corrispondenza di Ponte Santa Maria Maddalena (188

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Passeggiate tematiche: spunti originali per proporre il territorio

Passeggiate tematiche: spunti originali per proporre il territorio Agricoltura & territorio: dalle risorse locali opportunità di crescita per il turismo rurale Passeggiate tematiche: spunti originali per proporre il territorio Passeggiate tematiche, spunti originali????

Dettagli

Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015

Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015 Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015 Villa Santi è la Casa Natura del Parco Naturale Adamello Brenta nel comune di Montagne. È un antica casa rurale rinnovata

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Buchenwald cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli