Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose."

Transcript

1 Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton

2 dalla produzione delle biomasse Associazione di filiera (300 imprese) alla canna fumaria

3 GASSIFICAZIONE E SISTEMA INCENTIVANTE TARIFFE INCENTIVANTI per l energia elettrica o CERTIFICATI BIANCHI? Il DM 28 dicembre 2012 che disciplina i Certificati Bianchi ha escluso la cumulabilità!

4 SYNGAS E TARIFFE INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Le FAQ del GSE rispondono positivamente Gli impianti di produzione di energia elettrica mediante utilizzo di syngas, ai sensi del DM 6 luglio 2012, sono classificati come impianti alimentati a biomassa o impianti alimentati a biogas? Ai sensi del DM 6 luglio 2012, gli impianti di produzione di energia elettrica mediante l utilizzo di syngas prodotto dalla gassificazione della biomassa, sono classificati come impianti alimentati a biomassa secondo la definizione di cui al par. 1.1 dell All. 1 allo stesso DM: Impianto a biomasse: è l insieme degli apparati di stoccaggio, trattamento e trasformazione del combustibile (tra cui se presenti i gassificatori), dei generatori di vapore, dei forni di combustione, delle griglie e di tutti i gruppi di generazione (gruppi motore-alternatore), dei condensatori, della linea di trattamento fumi, del camino, e, quando ricorra, delle opere di presa e di scarico dell acqua di raffreddamento e delle torri di raffreddamento.

5 PRINCIPALI CRITERI PER ACCEDERE ALLE TARIFFE INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Dm 6 LUGLIO 2012 REGISTRI CLASSIFICAZIONE DELLE BIOMASSE IN PRODOTTI E SOTTOPRODOTTI TARIFFE base POTENZE BONUS

6 REGISTRI Per poter entrare nel sistema di selezione e quindi accedere al contingente è necessario che il soggetto interessato si iscriva preventivamente ad un apposito registro allegando, tra l altro, gli atti autorizzativi dell impianto, il progetto approvato e il preventivo di connessione redatto dal gestore di rete ed accettato in via definitiva dal proponente. Il GSE pubblica periodicamente il bando relativo alla procedura di iscrizione al registro e forma le graduatorie secondo sei criteri di priorità che vengono applicati in via gerarchica, cioè fintantoché non vengono esaurite le richieste che corrispondono al primo criterio di priorità non si passa a quello successivo. Il primo criterio di selezione per accedere al contingente: impianti di proprietà di aziende agricole, singole o associate, alimentati da biomasse e biogas che utilizzano prodotti e sottoprodotti, con potenza non superiore ai 600 kw. Sono esclusi dal sistema dei registi e quindi potranno beneficiare della tariffa incentivante direttamente senza dover accedere al contingente gli impianti a biomasse fino a 200 kw e quelli alimentati a biogas di potenza fino a 100 kw. Inoltre non sono assoggettati al registro gli impianti previsti nei progetti di riconversione del settore bieticolo-saccarifero e quelli realizzati con procedure di evidenza pubblica da Amministrazioni Pubbliche con potenza fino al doppio a quelle sopra indicate.

7 CONTINGENTE Il tetto massimo di potenza espresso in MW per i nuovi impianti che potranno beneficiare delle tariffe incentivanti è stato fissato in In questo stesso contingente sono compresi gli impianti alimentati a: biomassa e biogas e syngas (da prodotti e sottoprodotti) gas da depurazione e gas di discarica bioliquidi sostenibili.

8 CLASSIFICAZIONE DELLE MATRICI UTILIZZATE PER ALIMENTARE L IMPIANTO Prodotti di origine biologica. Appartengono a questa categoria ad esempio le colture dedicate come il caso delle colture da seminativi da destinare alla digestione anaerobica, oppure le coltivazioni di cedui a corta o breve rotazione per produrre biomasse legnose; Sottoprodotti di origine biologica. Il decreto ha previsto una lunga lista di sottoprodotti utilizzabili negli impianti a biomasse e biogas, distinti in quattro categorie: 1 sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano; 2 Sottoprodotti provenienti da attività agricola, di allevamento, dalla gestione del verde e da attività forestale; 3 Sottoprodotti provenienti da attività alimentari e agroindustriali; 4 sottoprodotti provenienti da attività industriali. Per ciascuno di questi quattro gruppi è previsto uno specifico elenco di sottoprodotti ammessi. Ai fini della tariffa di riferimento, possono essere riconosciuti come alimentati da sottoprodotti anche gli impianti non superiori ad 1 MW, alimentati per il 70% da sottoprodotti e per il 30% da prodotti. Rifiuti per i quali la frazione biodegradabile è determinata forfettariamente; Rifiuti non provenienti dalla raccolta differenziata.

9 TARIFFE All energia elettrica prodotta da impianti alimentati a biomasse e biogas è riconosciuta una tariffa incentivante, fissa e costante per vent anni, che rappresenta la somma tra il valore dell energia e l incentivo. Questa modalità è attribuita agli impianti fino a 5 MW di potenza, oltre a questa soglia scatta il meccanismo delle aste a ribasso. Il valore della tariffa tiene conto di una serie di variabili: tipologia delle matrici utilizzate classi di potenza bonus riconosciuti a specifici aspetti legati alla efficienza e alla tecnologia utilizzata.

10 TARIFFE base POTENZA - BONUS Il decreto attribuisce una tariffa base più alta a sottoprodotti e ai rifiuti non provenienti da raccolta differenziata e inferiore agli impianti alimentati da prodotti. Alle classi di potenza inferiori vengono riconosciute le tariffe base più alte. In particolare risultano avvantaggiati gli impianti fino a 300 kw. I bonus costituiscono una aggiunta alla tariffa base, con valore variabile a seconda la specifica caratteristica e possono essere cumulabili. Riguardano la riduzione delle emissioni di gas serra, la generazione ad alto rendimento cioè la valorizzazione oltre all energia elettrica anche la termica prodotta, la riduzione delle emissioni in atmosfera (solo per biomasse) la rimozione ed il recupero dell azoto ( solo per biogas).

11 TARIFFE Attenzione La tariffa BASE viene ridotta del 2% all anno a decorrere dal 2014.

12 TARIFFE-POTENZE-BONUS Note Fonte Tipologia Potenza kw Tariffa base /MWh CAR CAR teleriscald. Biomasse Filiera tab 1 B Riduzione Gas serra Emissioni Rimozione. Azoto 60% Recupero Azoto 30% Rimozione azoto 40% BIOMASSE a)prodotti di origine biologica 1<P< <P< <P< P< b) Sottoprodotti di origine biologica (Tab. 1 A) d) rifiuti non provenienti da raccolta differenziata diversi da quelli di cui alla lett c) 1<P< <P< <P< P< c) Rifiuti per i quali la frazione biodegradabile è determinata forfetariamente 1<P< P<

13 Note 1 CAR Premio previsto per impianti a biomasse biogas e bioliquidi sostenibili, operanti in cogenerazione ad alto rendimento. 40 /MWh se alimentati a prodotti di origine biologica e 10 MWh per gli altri impianti. 2 CAR TELERISCALDAMENTO Premio in alternativa a quello precedente, per impianti a biomasse ( non biogas) solo se da sottoprodotti di origine biologica ed esclusivamente se il calore cogenerato è utilizzato per il teleriscaldamento. 3 BIOMASSE FILIERA Le biomasse da filiera sono quelle ricomprese tra quelle indicate nella Tab 1-B del decreto. Il bonus è previsto solo per gli impianti di potenza tra 1 e 5 MW. Sono esclusi impianti inferiori a 1 MW e impianti a biogas. 4 RIDUZIONE GAS SERRA il bonus è limitato agli impianti della potenza tra 1 e 5 MW, sono esclusi impianti inferiori a 1 MW e a biogas. Enea in collaborazione con CTI provvederà entro 90 giorni a predisporre la procedura per il calcolo dei gas ed effetto serra per determinare il diritto al bonus. 5 EMISSIONI Possono beneficiare del bonus impianti a biomasse da colture dedicate o da sottoprodotti, di qualsiasi potenza, anche oggetto di rifacimenti, purché soddisfino requisiti di emissioni in atmosfera di cui all allegato 5 del decreto. I limiti di emissioni si riferiscono a NOx, NH3, CO, SO2, COT, Polveri. In particolare la soglia per le polveri è di 10 mg/nm3 per gli impianti di Potenza Termica Nominale fino a 6 MWt. Sono esclusi dal bonus gli impianti a biogas.

14 BONUS EMISSIONI (FAQ GSE) Il premio di 30 /MWh (art. 8, comma 7) è applicabile agli impianti di gassificazione con motori a combustione interna le cui emissioni fanno riferimento a un tenore di ossigeno nell effluente gassoso del 5%? Al premio di cui all art. 8, comma 7 del DM possono accedere anche gli impianti di gassificazione con motori a combustione interna purché autorizzati all alimentazione esclusiva con biomasse di Tipo a) e/o di Tipo b) (così come definite nel paragrafo delle Procedure Applicative). I valori di emissione di cui all Allegato 5 devono in questo caso essere normalizzati al tenore di ossigeno del 11%. Le modalità di verifica del rispetto dei requisiti di cui all art. 8, comma 7 del DM da parte delle ARPA e delle APPA saranno definite con uno dei decreti previsti dall art. 281, comma 5 del D.Lgs. 152/06.

15 TITOLO AUTORIZZATIVO E BIOMASSE UTILIZZATE (FAQ GSE) Autorizzazioni e aspetti amministrativi Quali sono le modalità con cui i titoli autorizzativi/abilitativi devono riportare indicazioni sulle biomasse con cui è alimentato l impianto (art 8, comma 4 del DM)? Devono essere riportati esattamente tutti i sottoprodotti di origine biologica di cui alla lettera b) ed i prodotti di origine biologica di cui alla lettera a), con esplicita dichiarazione, ad esempio, che quelli di categoria a) non eccedono in peso il 30% del totale? Il titolo autorizzativo alla costruzione e all esercizio dell impianto deve riportare in modo puntuale i prodotti, i sottoprodotti e i rifiuti di cui si prevede l'utilizzo e le relative quantità massime (in peso) previste in ingresso all'impianto. Nel caso di autorizzazione unica le suddette informazioni devono essere riportate nel testo dell autorizzazione stessa o nei relativi allegati. Negli altri casi le suddette informazioni devono essere riportate nella Relazione Tecnica Asseverata allegata ai titoli e vidimata dal Comune.

16 Considerazioni finali Dopo oltre 18 mesi dalla entrata in vigore del DM 6 luglio 2012 I bonus non si possono conseguire facilmente Esiste una mancanza di uniformità normativa TUA D.lgs 152/ 2006 DM 6 luglio 2012 Siamo in attesa di una decreto «sottoprodotti «che dovrebbe chiarire e risolvere, ma l attesa si protrae da oltre un anno

17 Estratto da DM 6 luglio 2012, allegato tab 1 a

18 IL TESTO UNICO AMBIENTALE L'allegato X alla parte V del D. Lgs n. 152/2006 Disciplina dei combustibili individua nella parte I sez.1 i combustibili di cui è consentito l'utilizzo negli impianti di cui al titolo I. Tra questi, alla lettera n) troviamo le biomasse combustibili individuate nella parte II sez. 4. Nella sezione relativa alle caratteristiche delle biomasse combustibili si fa riferimento, tra l'altro, a: 1. materiale vegetale prodotto da trattamento esclusivamente meccanico, lavaggio con acqua o essiccazione di coltivazioni agricole non dedicate ; materiale vegetale prodotto da trattamento esclusivamente meccanico, lavaggio con acqua o essiccazione di prodotti agricoli ; 2. materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica e dal trattamento con aria, vapore o acqua anche surriscaldata di legno vergine e costituito da cortecce, segatura, trucioli, chips, refili e tondelli di legno vergine, granulati e cascami di legno vergine, granulati e cascami di sughero vergine, tondelli, non contaminati da inquinanti.

19 la possibilità di utilizzare tali biomasse secondo le disposizioni della parte V è subordinata alla sussistenza dei requisiti previsti per i sottoprodotti Una nota del Ministero dell'ambiente, prot del , chiarisce che i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali, non sono esclusi dalla normativa rifiuti, quindi sono praticamente rifiuti, e che l'articolo 185 fa riferimento solo a materiali che provengono da attività agricola e forestale e solo per gli usi che sono descritti.

20 E infine il cippato proveniente dalla gestione forestale è prodotto o un sottoprodotto? Questa risposta dovrebbe arrivare dal decreto «imminente?» sottoprodotti È intanto che tariffa applichiamo?

21

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Montichiari (BS) 24 gennaio 2013 Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton GASSIFICAZIONE E SISTEMA

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Impianti di conversione energetica della biomassa

Impianti di conversione energetica della biomassa Page 1 of 5 n. 248 - Domenica 03 Novembre 2013 Impianti di conversione energetica della biomassa La normativa sul combustibile e sugli impianti In questo numero di ARPATnews dedicato all uso energetico

Dettagli

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive Maurizio Tava APPA Responsabile

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA :

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : 1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : Le biomasse sono un insieme eterogeneo di materiali di origine organica e rinnovabili e costituiscono anche una fonte energetica atipica caratterizzata

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt Sistema Integrato di produzione di energia elettrica e calore dagli scarti agroforestali, residui organici di allevamento e rifiuti. SITIE Greenplant

Dettagli

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com 1 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer 2 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Il Decreto FER : Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 adottato dal Ministero dello

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

QUADRO GENERALE DEGLI IMPIANTI A COMBUSTIONE. Biomasse Combustibili

QUADRO GENERALE DEGLI IMPIANTI A COMBUSTIONE. Biomasse Combustibili QUADRO GENERALE DEGLI IMPIANTI A COMBUSTIONE Biomasse Combustibili Dott. Marco Canè Resp.le Distretto di Ravenna U.O. Emissioni Quali sono le biomasse combustibili: sono solo quelle che rispettano le condizioni

Dettagli

L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL «MERCATO» DEL BIOGAS

L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL «MERCATO» DEL BIOGAS L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL «MERCATO» DEL BIOGAS Tariffe, bonus e vincoli della normativa incentivante Verona 10 maggio 2012 Sofia Mannelli 1 Decreto DM FER È stato completato l iter ministeriale!!

Dettagli

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO Roberto Murano Catania, Venerdì 14 Marzo 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione biologica di sostanza

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Nuova tariffa in Italia

Nuova tariffa in Italia è stato pubblicato nella G.U. n. 1 del 2 gennaio 2009, il Decreto 18 dicembre 2008, con il quale si dà prima attuazione alle disposizioni in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole

SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 Il ruolo della Cogenerazione ad Alto Rendimento Gabriele Susanna - Direzione

Dettagli

Centro per lo sviluppo del polo di Cremona

Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Centro per lo sviluppo del polo di Cremona La revisione al sistema di incentivazione delle FER: valutazioni economiche e opportunità d investimento per gli impianti di digestione anaerobica di biomasse

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004

Dettagli

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Milano, 20 luglio 2015 Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Davide Valenzano Milano, 20 Luglio 2015 Ringraziamenti Si ringraziano

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

Caldaie, stufe e termocamini alimentati a Biomasse

Caldaie, stufe e termocamini alimentati a Biomasse Caldaie, stufe e termocamini alimentati a Biomasse Le caratteristiche tecniche richieste per ottenere il conto termico. Antonietta Serra, responsabile sezione Termotecnica presso Istituto Giordano Spa

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Le Linee Guida di Regione Lombardia

L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Le Linee Guida di Regione Lombardia L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Le Linee Guida di Regione Lombardia Silvana Di Matteo Struttura Risorse Energetiche Direzione Generale Ambiente

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011

IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011 1 IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011 Milano, 11 maggio 2011 Avv. Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Avv. Alessia Marconi a.marconi@macchi-gangemi.com

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili Marino Berton presidente Aiel Il peso delle bioenergie rispetto a tutte le fonti rinnovabili in Europa RES in EU27 57% 60% 61% Stima del contributo

Dettagli

IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY. Ing. Ennio Spazzoli

IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY. Ing. Ennio Spazzoli IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY Ing. Ennio Spazzoli INQUADRAMENTO NORMATIVO BIOMASSE E SOTTOPRODOTTI D.lgs. 387/2003 Attuazione della direttiva 2001/77 relativa alla promozione dell

Dettagli

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Presentazione BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Marco Manchisi TERA Bari, Convegno Fiera del Levante, 12 Settembre 2011 V^ GIORNATA DELL ENERGIA PULITA RIFLESSIONI Il quadro

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Il biogas Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Renzo N.Iride Servizio Energia-Araen D.M. 18.12.2008 (g.u.2.01.09) Incentivazione della

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Ing. Luca Di Carlo Direttore Ingegneria IL MINIEOLICO IN ITALIA. PROGETTARE IL FUTURO Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE Maurizio Cuppone Il Gestore dei Servizi Energetici MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia

Dettagli

CIB- CONSORZIO ITALIANO BIOGAS E GASSIFICAZIONE. www.consorziobiogas.it

CIB- CONSORZIO ITALIANO BIOGAS E GASSIFICAZIONE. www.consorziobiogas.it CIB- CONSORZIO ITALIANO BIOGAS E GASSIFICAZIONE CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione costituitosi a marzo del 2009, ha copertura nazionale ed è il punto di riferimento Italiano del settore

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA

CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA L azienda Curti SpA nasce nel 1957 ad Imola con la produzione di macchine per l industria tessile e agricola. Negli anni successivi l azienda si specializza

Dettagli

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Mauro Bertolino, Ph. D. Settore Politiche Energetiche Direzione

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici ENERGIE RINNOVABILI:

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA Divisione di GET ITALIA Srl. Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) Tel. (+39) 011.0436131 - Fax (+39) 011.3710305 info@getenergy.it - www.getenergy.it GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la LIGNO-CELLULOSICA

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive;

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive; Decreto 2 marzo 2010 (Gu 5 maggio 2010 n. 103) Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica Il Ministro delle politiche agricole

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi A A A English AREA CLIENTI Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi Contatti FAQ CONTO ENERGIA RITIRO E SCAMBIO QUALIFICHE E CERTIFICATI GAS, CO2

Dettagli

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012 Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie Cagliari, 10 Ottobre 2012 1 Perchè Agriventure?... perché lo sviluppo di un impresa passa anche attraverso precise strategie. Agriventure si propone

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Eolica

Dettagli

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula Centro per lo sviluppo del polo di Cremona L energia da biomasse e biogas nel mix energetico GER 2011 12 Le Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Energia e biomassa La biomassa utilizzabile ai fini energetici

Dettagli

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Le biomasse Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Biomasse: Definizioni LA DEFINIZIONE DI BIOMASSE SECONDO LA DIRETTIVA SULLE FER La proposta di direttiva sulle fonti rinnovabili considera come

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

UTILIZZO DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA NEL TERRITORIO MANTOVANO

UTILIZZO DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA NEL TERRITORIO MANTOVANO Chemistry Day Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si ri-genera Mantova, 12 Dicembre 2011 UTILIZZO DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA NEL TERRITORIO MANTOVANO Veronica Cornalba Dottoranda

Dettagli

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2)

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2) Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali D.M. 2-3-2010 Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. Pubblicato

Dettagli

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario FORLENER 2011 Biella Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Biomassa Comprende la legna contabilizzata

Dettagli

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 INCENTIVI PREVISTI DALLA FINANZIARIA 2007 Riqualificazione edifici con miglioramento del 20% Infissi con finestre, parti opache Caldaie a condensazione Solare Termico Fotovoltaico

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE GRATUITA PER I DIRIGENTI 2009-2010. Fondazione Politecnico di Milano

CATALOGO FORMAZIONE GRATUITA PER I DIRIGENTI 2009-2010. Fondazione Politecnico di Milano CATALOGO FORMAZIONE GRATUITA PER I DIRIGENTI 2009-2010 Fondazione Politecnico di Milano 1 Testo unico ambientale, conformità legislativa e analisi ambientale dei processi produttivi Contenuti: - Conformità

Dettagli

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo A cura della Dott.ssa ROBERTA CIAVARINO _ INEA Campania La lotta ai cambiamenti climatici è profondamente interconnessa alla questione energetica,

Dettagli

Workshop: Aspetti normativi dei sottoprodotti nel biogas

Workshop: Aspetti normativi dei sottoprodotti nel biogas . Workshop: Aspetti normativi dei sottoprodotti nel biogas 1 marzo 2013 Sofia Mannelli Presidente Chimica Verde Bionet 1 Fondata nel 2006!!"#$#%&'()*+)',' -./&001%#&2#1.)'.&3&'4)*' 4*1$-15)*)')'05#6-44&*)7'

Dettagli

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art.

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art. Bollettino 2 2 semestre 2012 Incentivazione delle fonti rinnovabili. Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiorn nato al 31 dicembre 2012. Il presente documento è il bollettino informativo

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012 Gerardo Montanino Direttore Operativo Incontro col GSE, AU e PAT AEIT Trento, 26 ottobre 2012-1

Dettagli

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende:

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Una diminuzione della concentrazione dei gas ad effetto serra in atmosfera Una riduzione della dipendenza energetica dai combustibili importati

Dettagli

Conto Energia Termico. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Conto Energia Termico. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Conto Energia Termico San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Inquadramento generale Finalità e ambito di applicazione Soggetti ammessi Interventi incentivabili Incentivi Casi studio Pannelli solari termici

Dettagli

Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici

Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici Stefano Forti CTR Emissioni Industriali ARPA Emilia Romagna - Sezione Provinciale di Modena Impianti a biomasse in Emilia Romagna: Aspetti Autorizzativi

Dettagli

Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano

Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano CIBO ED ENERGIA L USO SOSTENIBILE DI SOTTOPRODOTTI E COLTURE DEDICATE Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano Sofia Mannelli Presidente Chimica Verde Bionet 1

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Il quadro degli impianti in Emilia-Romagna Franco Zinoni Bologna 1 2 ottobre 2013 La crescita delle biomasse: 2009 Fonte: Arpa

Dettagli

Polo Territoriale di Cremona Le incentivazioni al biometano

Polo Territoriale di Cremona Le incentivazioni al biometano Polo Territoriale di Cremona Le incentivazioni al biometano La normativa di incentivazione 2 Nel 2013 nel Mondo si contano 340 impianti di upgrading del biogas, con una preminenza in Europa. Germania:

Dettagli

La normativa nazionale e regionale: valutazioni e prospettive

La normativa nazionale e regionale: valutazioni e prospettive La normativa nazionale e regionale: valutazioni e prospettive Gli impianti a biogas Valutazioni, impatti, esperienze e proposte per il territorio San Giovanni in Persiceto 21 settembre 2012 Ing. Leonardo

Dettagli

Tabella 1 - Coefficienti di prestazione minimi per pompe di calore elettriche. Bulbo secco all entrata: -7 (*) 2,7 (*)

Tabella 1 - Coefficienti di prestazione minimi per pompe di calore elettriche. Bulbo secco all entrata: -7 (*) 2,7 (*) ALLEGATO II - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed incremento dell efficienza energetica 1. Criteri di ammissibilità

Dettagli

Incentivazione delle biomasse

Incentivazione delle biomasse Incentivazione delle biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi luca.benedetti@gse.it 11 a Giornata PAVER Piacenza, 20 giugno 2011 INDICE 1. Meccanismi incentivanti in Italia Certificati Verdi Tariffe

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle biomasse

La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle biomasse VALUTAZIONI SULL UTILIZZO DELLE BIOMASSE FORESTALI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA Auditorium Centro Ricerche Sotacarbo - Carbonia, 6 Maggio 2014 La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle

Dettagli

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Il DM 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE SERVIZIO AGRICOLTURA, FORESTAZIONE E PESCA DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 (LEGGE FINANZIARIA 2008

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTA la direttiva 2009/28/CE del 23 aprile 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

di Melkus Elisabeth CONTO TERMICO

di Melkus Elisabeth CONTO TERMICO CONTO TERMICO DECRETO del MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 28/12/2012 e PUBBLICATO sulla GAZZETTA UFFICIALE n. 1 del 02/01/2013 Regole Attuative elaborate e pubblicate dal GSE Gestore Servizi Energetici

Dettagli

Documento per la consultazione. Decreto 5 dicembre 2013

Documento per la consultazione. Decreto 5 dicembre 2013 Procedure applicative Documento per la consultazione Decreto 5 dicembre 2013 Pag. 1 Indice Premessa... 3 Struttura delle procedure applicative, di cui al decreto 5 dicembre 2013... 5 1. Inquadramento generale...

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica

Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica INTRODUZIONE Il 29 marzo scorso è entrato in vigore il decreto legislativo 28/2011 (c.d. Decreto Rinnovabili) attuativo

Dettagli

Contenuti. Lorenzo Maggioni Filiera biogas-biometano

Contenuti. Lorenzo Maggioni Filiera biogas-biometano Contenuti STATO DELL ARTE Stato dell arte Definizione DLgs 28/2011: Biometano gas ottenuto a partire da fonti rinnovabili avente caratteristiche e condizioni di utilizzo corrispondenti a quelle del gas

Dettagli