BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava"

Transcript

1 BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive Maurizio Tava APPA Responsabile per lo studio e l analisi dei processi tecnologici e produttivi

2 Indice degli argomenti trattati Combustibili ammessi Normativa statale Normativa provinciale Biomasse combustibili Limiti di emissione per gli impianti di combustione a biomassa Normativa statale in vigore Normative regionali (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna) Proposta di Direttiva Europea (2013) Schema di decreto ministeriale (in elaborazione) 2

3 Combustibili ammessi Normativa statale

4 Combustibili ammessi - Normativa statale D.LGS 3 APRILE 2006, N 152 Norme in materia ambientale Parte quinta TITOLO III Norme in materia di tutela dell aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Combustibili Allegato X Parte I Sezione 1 Sezione 2 Disciplina del combustibili Combustibili consentiti Elenco dei combustibili di cui è consentito l utilizzo negli impianti di cui al Titolo I Elenco dei combustibili di cui è consentito l utilizzo negli impianti di cui al Titolo II 4

5 Combustibili ammessi - Normativa statale D.LGS 3 APRILE 2006, N 152 TITOLO III Combustibili ARTICOLO Negli impianti disciplinati dal titolo I e dal titolo II della parte quinta, inclusi gli impianti termici civili di potenza termica inferiore al valore di soglia, possono essere utilizzati esclusivamente i combustibili previsti per tali categorie di impianti dall Allegato X alla parte quinta, (Combustibili consentiti) alle condizioni ivi previste. I materiali e le sostanze elencati nell'allegato X alla parte quinta del presente decreto non possono essere utilizzati come combustibili ai sensi del presente titolo se costituiscono rifiuti ai sensi della parte quarta del presente decreto. Allegato X 5

6 Combustibili ammessi - Normativa statale Allegato X Parte I Sezione 1 Combustibili consentiti negli impianti di cui al Titolo I (impianti industriali) a) gas naturale; b) gas di petrolio liquefatto; c) gas di raffineria e petrolchimici; d) gas d'altoforno, di cokeria, e d'acciaieria; e) gasolio, kerosene ed altri distillati leggeri e medi di petrolio; f) emulsioni acqua-gasolio, acqua-kerosene e acqua-altri dist. leggeri e medi di petrolio; g) biodiesel rispondente alle caratteristiche indicate nella parte II, sezione 1, paragrafo 3; h) olio combustibile ed altri distillati pesanti di petrolio con zolfo non superiore all'1%; i) emulsioni acqua-olio combustibile o acqua-altri distillati pesanti di petrolio; l) legna da ardere alle condizioni previste nella parte II, sezione 4; m) carbone di legna; n) biomasse combustibili individuate nella parte II, sezione 4, alle condizioni ivi previste; o) carbone da vapore con contenuto di zolfo non superiore all'1% in massa; p) coke metallurgico e da gas con contenuto di zolfo non superiore all'1% in massa; q) antracite, prodotti antracitosi e loro miscele con zolfo non superiore all'1% in massa; r) biogas individuato nella parte II, sezione 6, alle condizioni ivi previste; s) gas di sintesi proveniente dalla gassificazione di combustibili consentiti. 6

7 a) gas naturale; b) gas di citta; c) gas di petrolio liquefatto; d) gasolio, kerosene ed altri distillati leggeri e medi di petrolio e) emulsioni acqua-gasolio, acqua-kerosene e acqua-altri dist. leggeri e medi di petrolio; f) legna da ardere alle condizioni previste nella parte II, sezione 4; g) carbone di legna; Combustibili ammessi - Normativa statale Allegato X Parte I Sezione 2 Combustibili consentiti negli impianti di cui al Titolo II (impianti termici) legna da ardere biomasse combustibili h) biomasse combustibili individuate nella parte II, sezione 4, alle condizioni ivi previste; i) biodiesel avente le caratteristiche indicate in parte II, sezione 1, paragrafo 3; n) biogas individuato nella parte II, sezione 6, alle condizioni ivi previste. 7

8 Combustibili ammessi Normativa provinciale

9 Combustibili ammessi - Normativa provinciale T.U.L.P. in materia di tutela dell ambiente dagli inquinamenti TITOLO II Emissioni in atmosfera ARTICOLO 10 (Combustibili ammessi) D.P.P. 30 luglio 2008, n /Leg. Regolamento recante la disciplina delle caratteristiche merceologiche e delle modalità di impiego dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell inquinamento atmosferico 9

10 Combustibili ammessi - Normativa provinciale TULP in materia di tutela dell ambiente dagli inquinamenti ARTICOLO 10 (Combustibili ammessi) 1. Con apposito regolamento di esecuzione sono stabilite le caratteristiche merceologiche e le condizioni di impiego dei combustibili, in coerenza con le finalità delle disposizioni normative statali recanti limiti all'autonomia provinciale ai sensi dello statuto speciale. Il regolamento di esecuzione può stabilire norme più restrittive rispetto alla disciplina statale di riferimento, nell'obiettivo di assicurare la prevenzione, la conservazione e il risanamento della qualità dell'aria nel territorio provinciale o in singole zone. 2. Il regolamento di cui al comma 1 può essere aggiornato in ogni momento, anche in relazione al piano provinciale di risanamento e tutela della qualità dell'aria, e reca la disciplina per l'adeguamento degli impianti in esercizio. 10

11 Combustibili ammessi - Normativa provinciale D.P.P. 30 luglio 2008, n /Leg Regolamento recante la disciplina della caratteristiche merceologiche e delle modalità di impiego dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico Art. 2: Combustibili consentiti negli impianti industriali ed assimilati, disciplinati dal titolo I, parte quinta, del D.Lgs. 152/2006 Art. 3: Combustibili consentiti negli impianti termici civili, disciplinati dal titolo II, parte quinta, del D.Lgs. 152/2006 Le caratteristiche merceologiche e le modalità di impiego dei combustibili devono essere conformi alle norme statali 11

12 Combustibili ammessi - Normativa provinciale Art. 2: Combustibili consentiti negli impianti industriali ed assimilati a) gas naturale; b) gas di petrolio liquefatto; c) gasolio, kerosene ed altri distillati leggeri e medi di petrolio; d) emulsioni acqua-gasolio, acqua-kerosene e acqua-altri dist. leggeri e medi di petrolio; e) biodiesel; f) olio combustibile ed altri distillati pesanti di petrolio con zolfo non superiore a 0,3 %; g) olio combustibile ed altri distillati pesanti di petrolio con zolfo non superiore a 1%; h) emulsioni acqua-olio combustibile e acqua-altri dist. pesanti di petrolio (lettere f) e g)); legna da ardere i) legna da ardere (legna tal quale); j) carbone di legna; biomasse k) biomasse; l) carbone da vapore con zolfo non superiore all'1 per cento; m) coke metallurgico e da gas con zolfo non superiore all'1 per cento; n) biogas; o) gas di sintesi proveniente dalla gassificazione di combustibili consentiti. 12

13 Combustibili ammessi - Normativa provinciale Art. 3: Combustibili consentiti negli impianti termici civili a) gas naturale; b) gas di petrolio liquefatto; c) gasolio, kerosene e altri distillati leggeri e medi di petrolio; d) emulsioni acqua - gasolio, acqua - kerosene e acqua - altri distillati leggeri e medi di petrolio; legna da ardere e biomasse legnose e) legna da ardere e biomasse legnose (legna tal quale); f) carbone di legna; g) biodiesel; h) biogas. 13

14 Biomasse combustibili Normativa statale (e normativa provinciale)

15 Combustibili ammessi Biomasse combustibili Allegato X Parte II Sezione 4 Caratteristiche delle biomasse combustibili e relative condizioni di utilizzo Tipologia e provenienza a) Materiale vegetale prodotto da coltivazioni dedicate; b) Materiale vegetale prodotto da trattamento esclusivamente meccanico di coltivazioni agricole non dedicate; c) Materiale vegetale prodotto BIOMASSE da interventi selvicolturali, LEGNOSE da manutenzione forestale e SOLIDE da potatura; d) Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica e dal trattamento con aria, vapore o acqua anche surriscaldata di legno vergine e costituito da cortecce, segatura, trucioli, chips, refili e tondelli di legno vergine, granulati e cascami di legno vergine, granulati e cascami di sughero vergine, tondelli, non contaminati da inquinanti; e) Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica, lavaggio con acqua o essiccazione di di prodotti agricoli. f) Sansa di oliva disoleata, ottenuta dal trattamento delle sanse vergini con n-esano per l'estrazione dell'olio di sansa destinato all'alimentazione umana, e da successivo trattamento termico, ; g) Liquor nero ottenuto nelle cartiere dalle operazioni di lisciviazione del legno e sottoposto ad evaporazione al fine di incrementarne il residuo solido, (previsto in AIA). Condizioni di utilizzo La conversione energetica della biomasse di cui al paragrafo 1 può essere effettuata attraverso la combustione diretta, ovvero previa pirolisi o gassificazione. 15

16 Combustibili ammessi Biomasse combustibili Allegato X Parte II Sezione 4 Caratteristiche delle biomasse combustibili e relative condizioni di utilizzo BIOMASSE LEGNOSE SOLIDE a) Materiale vegetale prodotto da coltivazioni dedicate; b) Materiale vegetale prodotto da trattamento esclusivamente meccanico di coltivazioni agricole non dedicate; c) Materiale vegetale prodotto da interventi selvicolturali, da manutenzione forestale e da potatura; d) Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica e dal trattamento con aria, vapore o acqua anche surriscaldata di legno vergine e costituito da cortecce, segatura, trucioli, chips, refili e tondelli di legno vergine, granulati e cascami di legno vergine, granulati e cascami di sughero vergine, tondelli, non contaminati da inquinanti; 16

17 Combustibili ammessi Biomasse combustibili Allegato X Parte II Sezione 4 Caratteristiche delle biomasse combustibili e relative condizioni di utilizzo BIOMASSE LEGNOSE SOLIDE Combustibile / sottoprodotto / rifiuto Precisazione Parte II Sezione 4 comma 1.bis Salvo il caso in cui i materiali elencati nel paragrafo 1 derivino da processi direttamente destinati alla loro produzione o ricadano nelle esclusioni dal campo di applicazione della parte quarta del presente decreto, la possibilità di utilizzare tali biomasse secondo le disposizioni della presente parte quinta è subordinata alla sussistenza dei requisiti previsti per i sottoprodotti dalla precedente parte quarta. Articolo 293, comma 1 I materiali e le sostanze elencati nell'allegato X alla parte quinta del presente decreto non possono essere utilizzati come combustibili ai sensi del presente titolo se costituiscono rifiuti ai sensi della parte quarta del presente decreto. 17

18 Combustibili ammessi Biomasse combustibili La Regione Lombardia inserisce fra le biomasse anche la comune legna da ardere D.g.r. 6 agosto n. IX/3934 Biomasse combustibili a) Legna da ardere (utilizzabile in Regione Lombardia alle condizioni previste dalle azioni di contenimento inserite nel piano di risanamento della qualità dell aria) b) Materiale vegetale prodotto da coltivazioni dedicate; Criteri per l installazione e l esercizio degli impianti di produzione di energia collocati sul territorio regionale c) Materiale vegetale prodotto da trattamento esclusivamente meccanico di coltivazioni agricole non dedicate; d) Materiale vegetale prodotto da interventi selvicolturali, da manutenzione forestale e da potatura; e) Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica di legno vergine e costituito da cortecce, segatura, trucioli, chips, refili e tondelli di legno vergine, granulati e cascami di legno vergine, granulati e cascami di sughero vergine, tondelli, non contaminati da inquinanti; f) Materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica di prodotti agricoli. g) Sansa di oliva disoleata, Liquor nero ottenuto nelle cartiere dalle operazioni di lisciviazione del legno e sottoposto ad evaporazione, h) vinacce e pollina (non permessi in applicazioni civili) se rientranti nella definizione di cui all art. 185 sottoprodotti 18

19 Limiti di emissione per gli impianti di combustione a biomassa Normativa statale

20 Limiti di emissione - Normativa statale D.lgs. 152/2006 parte quinta Allegato I Limiti di emissione per impianti che utilizzano le biomasse di cui all Allegato X I valori di emissione stabiliti dalla normativa nazionale (già ai sensi del DPR 203/1988) sono applicabili in prima istanza soltanto agli impianti esistenti al Per gli impianti nuovi i limiti sono stabiliti dall autorità competente in sede di rilascio dell autorizzazione (ordinaria o in via generale). In alcune Regioni sono state adottate specifiche normative o Linee guida regionali. In provincia di Trento i limiti statali, ove più restrittivi, hanno integrato la previgente normativa provinciale. 20

21 Biomasse Allegato X Limiti di emissione - Normativa statale D.lgs. 152/2006 parte quinta Allegato I Limiti di emissione per impianti che utilizzano le biomasse di cui all Allegato X Potenza termica nominale installata 0,035-0,15 0,15-3 MW 3-6 MW 6-20 MW >20 MW PTS COT (10) CO (150) 200 (100) NOx (300) 400 (200) SOx Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11% Fra parenti valori riferiti alla media giornaliera 21

22 Limiti di emissione Normative regionali biocombustibili solidi Potenzialità termica installata 1-6 MW 6-20 MW MW >50 MW NOx (120) (100) NH CO SOx COT PTS Diox 1 ng/nm 3 IPA 0,1 Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11% Fra parenti valori riferiti a zone critiche 22

23 Limiti di emissione Normative regionali Potenza termica nominale biocombustibili solidi < 1 MW 1-10 MW PTS NOx + NH 3 (come NO2) CO SOx COT HCl 10 Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11% 23

24 Limiti di emissione Normative regionali Regione Piemonte D.D. 2 maggio 2011, n. 145 Autorizzazioni di carattere generale per le emissioni in atmosfera biomasse solide Allegato X Potenzialità termica installata < 3 MW 3-6 MW 6 20 MW MW PTS (10) CO (100) 200 (100) NOx (200) 400 (200) SOx NH COT (10) Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11% Fra parenti valori riferiti alla media giornaliera 24

25 Limiti di emissione Confronto Normative regionali Limiti per Polveri Totali (PTS) Italia (PAT) Lombardia Emilia-Romagna Piemonte ,035 0,15 0, ,01 0,

26 Limiti di emissione Confronto Normative regionali Limiti per CO (Monossido di Carbonio) 0,035 0,15 0, Italia (PAT) Lombardia Emilia-Romagna Piemonte 0,01 0,

27 Limiti di emissione Confronto Normative regionali Limiti per NOx (Ossidi di Azoto) Italia Lombardia Emilia-Romagna Piemonte 0 0,035 0,15 0, ,01 0,

28 Limiti di emissione Confronto Normative regionali Limiti per SOx (Ossidi di Zolfo) Italia (PAT) Lombardia Emilia-Romagna Piemonte 0 0,035 0,15 0, ,01 0,

29 Limiti di emissione Confronto Normative regionali Confronto percentuale dei limiti Regionali per un impianto di taglia intermedia (6-10 MW) D.Lgs 152/06 Lombardia Emilia-R Piemonte PTS 30 mg/nm CO 250 mg/nm NOx 400 mg/nm SOx 200 mg/nm

30 Limiti di emissione Confronto Normative regionali Confronto percentuale dei limiti Regionali per un impianto di taglia intermedia (6-10 MW) D.Lgs 152/06 Lombardia Emilia-R Piemonte PTS 30 mg/nm % 10-66% 20-33% CO 250 mg/nm % % % NOx 400 mg/nm % % 400 ±0% SOx 200 mg/nm ±0% % 50-75% +60% +40% +20% ±0-20% -40% -60% >-60% 30

31 Limiti di emissione per gli impianti di combustione a biomassa Normativa europea Proposta di Direttiva

32 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi Nel 2013 è stata elaborata una proposta per la fissazione di limiti di emissione per gli impianti di combustione con potenzialità 1-50 MW (impianti di combustione medi) 32

33 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi esistenti nuovi zone piano Potenza termica nominale 1-5 MW 5-50 MW PTS NOx SOx PTS NOx SOx PTS [10] [5] NOx [200] [145] SOx Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 6%. Fra parenti valori riferiti a zone con superamenti 33

34 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi esistenti nuovi zone piano Potenza termica nominale 1-5 MW 5-50 MW PTS NOx SOx PTS 16,7 13,3 NOx SOx PTS [6,7] [3,33] NOx [133] [96,7] SOx Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11%. Fra parenti valori riferiti a zone con superamenti 34

35 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Limiti per Polveri Totali (PTS) 11%O 2 PTS esistenti PTS nuovi PTS piano ,035 0,15 0, ,01 0,

36 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Limiti per NOx (Ossidi di Azoto) 11%O 2 NOx esistenti NOx nuovi NOx piano 0 0,035 0,15 0, ,01 0,

37 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Limiti per SOx (Ossidi di Zolfo) 11%O 2 SOx esistenti SOx nuovi SOx piano ,035 0,15 0, ,01 0,

38 Limiti di emissione per gli impianti di combustione a biomassa Schema di decreto ministeriale

39 Limiti di emissione Proposta Normativa Statale Schema di decreto ministeriale Aggiornamento dei valori di emissione degli impianti alimentati a biomasse Presso il Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare, nell ambito del Gruppo di Lavoro istituito in base all Accordo di Programma per l adozione coordinata e congiunta di misure finalizzate al miglioramento della qualità dell aria nel Bacino Padano, è in corso di elaborazione una proposta di aggiornamento dei valori di emissione degli impianti di combustione alimentati a biomasse (allegato I, parte 3, alla parte quinta del decreto legislativo n. 152 del 2006). 1.Il presente decreto aggiorna, ai sensi dell articolo 271, comma 2, e dell articolo 281, comma 5, del decreto legislativo n. 152/2006, i valori di emissione in atmosfera degli impianti alimentati a biomasse.

40 biomasse solide Limiti di emissione Proposta Normativa Statale Schema di decreto ministeriale Aggiornamento dei valori di emissione degli impianti alimentati a biomasse IMPIANTI NUOVI Potenza termica nominale installata (MW) 0,035 0,15 0,15 0,5 0, >20 PTS (30) 40 (30) 30 (10) COT CO NH NOx SOx Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11% Fra parenti valori riferiti a zone critiche

41 biomasse solide Limiti di emissione Proposta Normativa Statale Schema di decreto ministeriale Aggiornamento dei valori di emissione degli impianti alimentati a biomasse IMPIANTI ESISTENTI Potenza termica nominale installata (MW) Adeguamento entro 1 gen ,035 0,15 0,15 0,5 0, >20 PTS COT CO NH NOx SOx Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 11%

42 Limiti di emissione Confronto oggi/domani Limiti per Polveri Totali (PTS) D.Lgs 152/06 Schema D. - nuovi Schema D. - esistenti 0 0,035 0,15 0, ,01 0,

43 Limiti di emissione Confronto oggi/domani Limiti per CO (Monossido di Carbonio) D.Lgs 152/06 Schema D. - nuovi Schema D. - esistenti 0 0,035 0,15 0, ,01 0,

44 Limiti di emissione Confronto oggi/domani Limiti per NOx (Ossidi di Azoto) D.Lgs 152/06 Schema D. - nuovi Schema D. - esistenti 0 0,035 0,15 0, ,01 0,

45 Limiti di emissione Confronto oggi/domani Limiti per SOx (Ossidi di Zolfo) D.Lgs 152/06 Schema D. - nuovi Schema D. - esistenti ,035 0,15 0, ,01 0,

46 Limiti di emissione Confronto oggi/domani Confronto percentuale dei limiti proposti per un impianto di taglia intermedia (6-10 MW) D.Lgs 152/06 Schema di decreto UE NUOVI ESISTENTI NUOVI ESISTENTI PTS 30 mg/nm ,3 20 CO 250 mg/nm NOx 400 mg/nm SOx 200 mg/nm

47 Limiti di emissione Confronto oggi/domani Confronto percentuale dei limiti proposti per un impianto di taglia intermedia (6-10 MW) D.Lgs 152/06 Schema di decreto UE NUOVI ESISTENTI NUOVI ESISTENTI PTS 30 mg/nm , CO 250 mg/nm NOx 400 mg/nm ,1 SOx 200 mg/nm % +40% +20% 0-20% -40% -60% >-60% 47

48 Limiti di emissione per gli impianti di combustione a biomassa Normativa europea Emendamenti alla Proposta di Direttiva

49 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Emendamenti alla Proposta di DIRETTIVA relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi Nel 2015 è stato presentato un PROGETTO DI RELAZIONE contenente gli emendamenti alla proposta di Direttiva europea, riguardanti anche i limiti di emissione degli impianti a biomassa. 49

50 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Emendamenti alla Proposta di DIRETTIVA relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi I valori limite per le emissioni (allegati II e III) sono stati modificati per evitare di imporre un onere sproporzionato ai gestori di determinati impianti, sulla base del principio dell'efficienza in termini di costi. In alcuni casi, è stata introdotta un ulteriore distinzione tra le categorie di impianti di combustione medi in funzione della loro potenza termica nominale. 50

51 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi esistenti nuovi zone piano Potenza termica nominale 1-5 MW 5-50 MW PTS NOx SOx PTS NOx SOx PTS [10] [5] NOx [200] [145] SOx Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 6%. Fra parenti valori riferiti a zone con superamenti 51

52 Limiti di emissione Proposta Normativa europea Emendamenti alla Proposta di DIRETTIVA EUROPEA relativa alla limitazione delle emissioni da impianti di combustione medi esistenti nuovi zone piano 1-5 MW Potenza termica nominale 5-15 MW MW PTS NOx SOx* PTS NOx SOx* PTS [10] [50] NOx [200] [500] SOx* 200 [5] [20] [145] [300] 200 Valori espressi in mg/nm 3 riferiti ad un tenore di ossigeno pari a 6%. Fra parenti valori riferiti a zone con superamenti * per combustibili diversi da biomassa legnosa 300 mg/nm 3 per paglia 52

53 PROSPETTIVE Considerazioni conclusive

54 Prospettive Conclusioni Considerazioni conclusive La normativa italiana in materia inquinamento atmosferico, dopo 25 anni, si appresta ad aggiornare i valori di emissione degli impianti alimentati a biomasse. I limiti proposti risultano particolarmente rigorosi soprattutto per Polveri (-50% -66%) Ossidi di Azoto (-30% -50%) che, per potenzialità medie, imporranno l adozione di sistemi di depolverazione e di denitrificazione dei fumi. 54

55 Prospettive Conclusioni Considerazioni conclusive La normativa italiana in materia inquinamento atmosferico, dopo 25 anni, si appresta ad aggiornare i valori di emissione degli impianti alimentati a biomasse. Meno significative sono le riduzioni proposte per Monossido di Carbonio (0% -35%) Ossidi di Zolfo (-25%), che in generale non obbligano all adozione di sistemi di abbattimento accessori. 55

56 Grazie per l attenzione Maurizio Tava APPA - Responsabile per lo studio e l analisi dei processi tecnologici e produttivi

QUADRO GENERALE DEGLI IMPIANTI A COMBUSTIONE. Biomasse Combustibili

QUADRO GENERALE DEGLI IMPIANTI A COMBUSTIONE. Biomasse Combustibili QUADRO GENERALE DEGLI IMPIANTI A COMBUSTIONE Biomasse Combustibili Dott. Marco Canè Resp.le Distretto di Ravenna U.O. Emissioni Quali sono le biomasse combustibili: sono solo quelle che rispettano le condizioni

Dettagli

Impianti di conversione energetica della biomassa

Impianti di conversione energetica della biomassa Page 1 of 5 n. 248 - Domenica 03 Novembre 2013 Impianti di conversione energetica della biomassa La normativa sul combustibile e sugli impianti In questo numero di ARPATnews dedicato all uso energetico

Dettagli

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA :

1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : 1.2 QUALI BIOMASSE A) DEFINIZIONE GENERALE DI BIOMASSA : Le biomasse sono un insieme eterogeneo di materiali di origine organica e rinnovabili e costituiscono anche una fonte energetica atipica caratterizzata

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose.

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose. Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton dalla produzione delle biomasse Associazione di filiera

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettere b) e c), comma 2 e comma 3, della legge 8 luglio 1986, n. 349;

Visto l'art. 2, comma 1, lettere b) e c), comma 2 e comma 3, della legge 8 luglio 1986, n. 349; D.P.C.M. 8-3-2002 Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonché delle caratteristiche tecnologiche degli impianti di combustione.

Dettagli

ALLEGATO X. Disciplina dei combustibili. Parte I. Combustibili consentiti. Sezione 1

ALLEGATO X. Disciplina dei combustibili. Parte I. Combustibili consentiti. Sezione 1 ALLEGATO X Disciplina dei combustibili Parte I Combustibili consentiti Sezione 1 Elenco dei combustibili di cui è consentito l utilizzo negli impianti di cui al titolo I 1. Negli impianti disciplinati

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. - Ambito di applicazione. Art. 2. - Definizioni.

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. - Ambito di applicazione. Art. 2. - Definizioni. Pagina 1 di 20 Decreto Pres. Cons. Ministri del 08/03/2002 Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonche' delle caratteristiche

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Stato dell arte dei a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Aktueller Stand der Technik bei Biomasse zu Stromgeneratoren: energetische und umweltrelevante Leistungsmerkmale Andrea Gasparella Bolzano,

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Edilclima ha predisposto un prospetto informativo delle principali prescrizioni previste dal D.P.R. n. 59 del 2.4.2009, al fine di semplificare e

Dettagli

Il T.U.A. 152/06 dopo il decreto 29 giugno 2010: PRINCIPALI NOVITA

Il T.U.A. 152/06 dopo il decreto 29 giugno 2010: PRINCIPALI NOVITA notizie - testo unico ambientale Il T.U.A. 152/06 dopo il decreto 29 giugno 2010: PRINCIPALI NOVITA E finalmente uscito il terzo correttivo al TU 152/06! Le modifiche apportate riguardano esclusivamente

Dettagli

8 Bollettino Ufficiale

8 Bollettino Ufficiale 8 Bollettino Ufficiale D.g.r. 6 agosto 2012 - n. IX/3934 Criteri per l installazione e l esercizio degli impianti di produzione di energia collocati sul territorio regionale Visti: LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia (articolo 7 della direttiva 99/32/CE, come modificata dalla direttiva 2005/33/CE)

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA POKRAJINA GORICA PROVINCIE DI GURIZE Direzione Territorio, Ambiente, Attività produttive e tecnico-manutentive

PROVINCIA DI GORIZIA POKRAJINA GORICA PROVINCIE DI GURIZE Direzione Territorio, Ambiente, Attività produttive e tecnico-manutentive Prot. n. 33831/07 Gorizia, 12 dicembre 2007 Oggetto: Autorizzazione di carattere generale alle emissioni in atmosfera, ai sensi dell art. 272 co.2 e dell art. 282 co. 3 del D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

Emissioni in atmosfera

Emissioni in atmosfera Seminario Il Testo Unico Ambientale D. Lgs n. 152/06 alla luce delle modifiche apportate dai recenti correttivi D. Lgs n. 128/10, D. Lgs n. 205/10, D. Lgs n. 219/10 Emissioni in atmosfera La parte V del

Dettagli

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06 OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D Lgs 152/06 Premessa Il DLgs 152/06, emanato dal precedente Governo con l'intento di essere il Testo Unico dell'ambiente ha introdotto diverse

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI ALLEGATO 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI Ai fini della presente determinazione si definisce impianto di climatizzazione un impianto tecnologico la cui produzione di calore

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO AOO Consiglio Regionale del Veneto - Ufficio archivio e protocollo - 22/06/2011-0009187 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO S Consiglio regionale del Veneto Interno del 22/06/2011 Num. 0009187 CRV CRV spc-upa

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

Area Funzionale Ambiente Servizio Emissioni in Atmosfera

Area Funzionale Ambiente Servizio Emissioni in Atmosfera Autorizzazioni generali: modifiche dei provvedimenti adottati e presentazione dei nuovi provvedimenti per le emissioni diffuse di materiali polverulenti e dei rinnovi per gli impianti di combustione Area

Dettagli

Workshop ISPRA (GdL - Energie Rinnovabili sul Territorio): Biomasse e loro utilizzo energetico

Workshop ISPRA (GdL - Energie Rinnovabili sul Territorio): Biomasse e loro utilizzo energetico Workshop ISPRA (GdL - Energie Rinnovabili sul Territorio): Biomasse e loro utilizzo energetico Ing. Stellio Vatta ARPA FVG DEFINIZIONE DI BIOMASSA Ai sensi della legislazione comunitaria e nazionale sull

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici

Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici Stefano Forti CTR Emissioni Industriali ARPA Emilia Romagna - Sezione Provinciale di Modena Impianti a biomasse in Emilia Romagna: Aspetti Autorizzativi

Dettagli

BIOMASSA: Certificati bianchi e biomassa, un binomio vincente. Giorgio Brentari. Amministratore Brentenergy Srl

BIOMASSA: Certificati bianchi e biomassa, un binomio vincente. Giorgio Brentari. Amministratore Brentenergy Srl BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Certificati bianchi e biomassa, un binomio vincente Giorgio Brentari Amministratore Brentenergy

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW. Impianto civile con potenzialità maggiore di 35 KW

Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW. Impianto civile con potenzialità maggiore di 35 KW SUNTO LEGISLATIVO Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW VALORI MISURATI E CALCOLATI OGNI DUE ANNI Temperatura aria comburente - Temperatura fumi - Rendimento - Ossigeno - Monossido di carbonio

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI ALLEGATO 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI Ai fini della presente determinazione si definisce impianto di climatizzazione un impianto tecnologico la cui produzione di calore

Dettagli

Micro impianti a biomassa solida con turbina a combustione esterna

Micro impianti a biomassa solida con turbina a combustione esterna Mini impianti di co-generazione alimentati a biomasse legnose Azienda Stuard, San Pancrazio,Parma 23 aprile 2010 Micro impianti a biomassa solida con turbina a combustione esterna Romano Giglioli, Università

Dettagli

Addetti L-A - ripartizione per comparto

Addetti L-A - ripartizione per comparto STIMA DELLE QUANTITA DI RESIDUI LEGNOSI PRODOTTI IN ITALIA Sebastiano Cerullo* e Alessandra Pellegrini * Responsabile di AssoLegno/Federlegno-Arredo Responsabile Ufficio Normative Ambientali - Centro Studi

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt Sistema Integrato di produzione di energia elettrica e calore dagli scarti agroforestali, residui organici di allevamento e rifiuti. SITIE Greenplant

Dettagli

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende:

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Una diminuzione della concentrazione dei gas ad effetto serra in atmosfera Una riduzione della dipendenza energetica dai combustibili importati

Dettagli

C o m i t a t o T e r m o t e c n i c o I t a l i a n o Energia e Ambiente

C o m i t a t o T e r m o t e c n i c o I t a l i a n o Energia e Ambiente C o m i t a t o T e r m o t e c n i c o I t a l i a n o Energia e Ambiente ANALISI DELLA LEGISLAZIONE RELATIVA ALLA PRODUZIONE DI BIOGAS DA FERMENTAZIONE ANAEROBICA Relazione tecnica sviluppata nell ambito

Dettagli

CHECK LIST - AUTODICHIARAZIONE DI CONFORMITA' LEGISLATIVA AMBIENTALE PER IL SETTORE DEL LEGNO ARREDO. L. 10/91, art. 19. D.Lgs. 152/06, art.

CHECK LIST - AUTODICHIARAZIONE DI CONFORMITA' LEGISLATIVA AMBIENTALE PER IL SETTORE DEL LEGNO ARREDO. L. 10/91, art. 19. D.Lgs. 152/06, art. CHECK LIST - AUTODICHIARAZIONE DI CONFORMITA' LEGISLATIVA AMBIENTALE PER IL SETTORE DEL LEGNO ARREDO La presente check list è utilizzata nel percorso per l'ottenimento del marchio di qualità ambientale

Dettagli

1. INTRODUZIONE Pag. 2. 2. SCOPO DEL PROGETTO Pag. 2. 3. DESTINATARI E RICADUTE DEL PROGETTO Pag. 2

1. INTRODUZIONE Pag. 2. 2. SCOPO DEL PROGETTO Pag. 2. 3. DESTINATARI E RICADUTE DEL PROGETTO Pag. 2 INDICE 1. INTRODUZIONE Pag. 2 2. SCOPO DEL PROGETTO Pag. 2 3. DESTINATARI E RICADUTE DEL PROGETTO Pag. 2 4. ANALISI DELLA LEGISLAZIONE RELATIVA ALLA PRODUZIONE DI BIOGAS DA FERMENTAZIONE ANAEROBICA Pag.

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

Conto Energia Termico. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Conto Energia Termico. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Conto Energia Termico San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Inquadramento generale Finalità e ambito di applicazione Soggetti ammessi Interventi incentivabili Incentivi Casi studio Pannelli solari termici

Dettagli

TITOLO II IMPIANTI TERMICI CIVILI

TITOLO II IMPIANTI TERMICI CIVILI TITOLO II IMPIANTI TERMICI CIVILI articolo 282 Campo di applicazione 1. Il presente titolo disciplina, ai fini della prevenzione e della limitazione dell inquinamento atmosferico, gli impianti termici

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE Prot. Generale N. 0104803 / 2013 Atto N. 5044 OGGETTO: Autorizzazione alle

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

PROSPETTIVE E COMPATIBILITA NELLA PRODUZIONE DI ENERGIA DA RESIDUI Asti, 5 marzo 2012 Prof. Ing GENON Giuseppe Ing PANEPINTO Deborah Forme di conversione energetica delle biomasse Conversione delle biomasse

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle biomasse

La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle biomasse VALUTAZIONI SULL UTILIZZO DELLE BIOMASSE FORESTALI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA Auditorium Centro Ricerche Sotacarbo - Carbonia, 6 Maggio 2014 La sostenibilità ambientale nell impiego energetico delle

Dettagli

Originale Ordinanza Sindacale

Originale Ordinanza Sindacale Originale Ordinanza Sindacale N. 13 data 10/03/2014 Classifica VI.9 Oggetto: PROVVEDIMENTI CONTINGENTI 2013-2014 PER LA RIDUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DEGLI INQUINANTI NELL'AREA AMBIENTE DI CUI ALLA DELIBERAZIONE

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI ED ECONOMICI DELLA COGENERAZIONE

ASPETTI TECNOLOGICI ED ECONOMICI DELLA COGENERAZIONE ASPETTI TECNOLOGICI ED ECONOMICI DELLA COGENERAZIONE AD OLIO VEGETALE ing. Giorgio Zaffani Movendi s.r.l. (VR) Ancona 7 Aprile 2010 1 Impianti i di cogenerazione ad olio vegetale Movendi s.r.l. Via L.

Dettagli

I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione

I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione Università di Ferrara GIORNATA DI STUDIO Cogenerazione distribuita per applicazioni civili e residenziali Ferrara, 5 dicembre 2007 I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 23 giugno 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

LA NORMATIVA REGIONALE SUL BIOGAS: I PUNTI CRITICI

LA NORMATIVA REGIONALE SUL BIOGAS: I PUNTI CRITICI LA NORMATIVA REGIONALE SUL BIOGAS: I PUNTI CRITICI Bastia Umbra, 3 ottobre 2012 Di norma breve sintesi del relatore: Ernesta Maria Ranieri Premessa: I limiti della potestà regionale : la competenza in

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

Conto Termico: generatori di calore a biomassa

Conto Termico: generatori di calore a biomassa Progetto Tuscia sostenibile: azioni di consolidamento per lo sviluppo del territorio Conto Termico: generatori di calore a biomassa Viterbo, 31 maggio 2013 Prof. Ing. Danilo MONARCA Ing. Leonardo LONGO

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa

INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa ENEA/ACS GdL Efficienza Energetica FAQ 42 D - Vorrei sostituire una caldaia con un'altra

Dettagli

Il punto di vista delle Province: le criticità e i criteri autorizzativi

Il punto di vista delle Province: le criticità e i criteri autorizzativi Il punto di vista delle Province: le criticità e i criteri autorizzativi Francesco PVONE Provincia di Torino VLLE D'OST LIGURI MOLISE CLBRI BSILICT FRIULI VENEZI GIULI TRENTINO LTO DIGE UMBRI CMPNI SRDEGN

Dettagli

Provincia di Ancona. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale. n. 101 del 11/04/2014

Provincia di Ancona. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale. n. 101 del 11/04/2014 Provincia di Ancona DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale n. 101 del 11/04/2014 Oggetto: D.LGS. 03/04/2006 N 152, PARTE QUINTA, ARTICOLO 272 - DISCIPLINA

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

I generatori a biomassa per riscaldamento domestico: aspetti normativi, economici, ecologici, requisiti e standard di qualità

I generatori a biomassa per riscaldamento domestico: aspetti normativi, economici, ecologici, requisiti e standard di qualità C.R. ENEA di Santa Teresa, Lerici (SP), 29 maggio 2007 I generatori a biomassa per riscaldamento domestico: aspetti normativi, economici, ecologici, requisiti e standard di qualità Ing. Roberta ROBERTO,

Dettagli

BIOMASSE: L ORA DELLA RISCOSSA? MICRO-GENERAZIONE A BIOGAS

BIOMASSE: L ORA DELLA RISCOSSA? MICRO-GENERAZIONE A BIOGAS MICRO-GENERAZIONE A BIOGAS LA C.E.R.SRL E UNA SOCIETA PRESENTE A RAGUSA DAL 1997 CHE OPERA NEL CAMPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI CENTRALE A GAS CON MOTORI JENBACHER PER UNA POTENZA ISTALLATA DI 7 MW IMPIANTO

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse. D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012

Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse. D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012 Criteri per l elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia elettrica a biomasse D.G.R. n. 362 del 26 marzo 2012 Katia Raffaelli Regione Emilia-Romagna Servizio Risanamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria Proposta nr. 42 del 16/04/2014 - Determinazione nr. 992 del 17/04/2014 OGGETTO: D.Lgs n. 152/06 e s.m.i. e DPR 59/2013 Autorizzazione

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Aggiornamento dello STRALCIO DI PIANO PER IL RISCALDAMENTO AMBIENTALE E IL CONDIZIONAMENTO e disposizioni attuative della l.r. 13/2007 IN MATERIA

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati:

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati: D. R. S. n. 308 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico ed acustico

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Marino Berton Direttore Generale Lo sviluppo del settore delle biomasse non può essere

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Anno XXXIX BARI, 21 LUGLIO 2008 N. 116 Sede Presidenza Giunta Regionale Leggi e regolamenti regionali Il Bollettino Ufficilale della Regione

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III... TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE Allegato n. 8 SOMMARIO TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...1 MATERIE

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

IL CONTROLLO E LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI IN IMPIANTI A LEGNA

IL CONTROLLO E LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI IN IMPIANTI A LEGNA Premesse IL CONTROLLO E LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI IN IMPIANTI A LEGNA Giovanni Riva *, Mauro Alberti ** L utilizzazione sempre più diffusa di legno/biomassa per fini energetici obbliga a fare alcune

Dettagli

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 Produzione di energia termica da biomasse: tecnologie ed esperienze Dott.

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

G.B. Zorzoli ISES ITALIA L USO DI BIOMASSE A FINI ENERGETICI. Porretta Terme, 27.09.2008

G.B. Zorzoli ISES ITALIA L USO DI BIOMASSE A FINI ENERGETICI. Porretta Terme, 27.09.2008 G.B. Zorzoli ISES ITALIA L USO DI BIOMASSE A FINI ENERGETICI Porretta Terme, 27.09.2008 LE PIÙ IMPORTANTI TIPOLOGIE DI BIOMASSA RESIDUI FORESTALI SCARTI DELL INDUSTRIA DI TRASFORMAZIONE DEL LEGNO (TRUCIOLI,

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

78 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Mercoledì 25 luglio 2012

78 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Mercoledì 25 luglio 2012 78 Bollettino Ufficiale D.G. Ambiente, energia e reti D.d.s. 23 luglio 2012 - n. 6576 Approvazione degli allegati tecnici relativi all autorizzazione in via generale ex art. 272 comma 2 del d.lgs. 152/06

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385 Requisiti necessari per accedere alla detrazione Irpef del 65% per l installazione di caldaia a biomassa REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER USUFRUIRE DELLE

Dettagli

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 IL PROGRAMMA ENERGETICO COMUNALE Al fine di intervenire in

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA N. 53-14382/2010 OGGETTO: Autorizzazione Integrata Ambientale ex D.Lgs. 18 febbraio 2005, n. 59. Aggiornamento per modifica non sostanziale.

Dettagli