MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE"

Transcript

1 MERCATINO ARTISTICO di SAN PANTALEO ORDINANZA Disciplinante il mercatino artistico di San Pantaleo ORDINANZA n 3 del 26/01/2007 IL DIRIGENTE VISTO il D.Lgs. n 114 del Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59"; VISTA la L.R. n. 5 del Disciplina generale delle attività commerciali e successive modifiche ed integrazioni; VISTA la seduta del Consiglio Comunale del con la quale si istituisce il mercatino artistico di San Pantaleo a cadenza settimanale nella giornata del giovedì; DISPONE Con la presente ordinanza la regolamentazione del mercatino artistico di San Pantaleo. Art. 1 Definizioni La presente ordinanza disciplina il mercatino artistico (di seguito denominato mercatino o mercato) nella frazione di San Pantaleo, Comune di Olbia. Per stallo (denominato anche posteggio, posto o spazio) si intende la porzione di suolo pubblico data in concessione decennale per lo svolgimento dell attività di commercio. Per operatore ( denominato anche venditore o ambulante o commerciante) si intende colui o colei che a vario titolo è legittimato a svolgere l attività di vendita su area pubblica. Art. 2 Frequenza ed orari Il mercatino artistico di San Pantaleo si svolge tutti i giovedì dell anno. Qualora la giornata di mercato venga a coincidere con una festività, la stessa potrà essere anticipata o posticipata, su richiesta scritta di almeno i due terzi degli ambulanti, alla giornata precedente o successiva non festiva. L attività di vendita dovrà essere svolta nel rispetto dei seguenti orari: dalle ore 8.30 alle ore pag. 1 di 6 -

2 L allestimento dello stallo da parte dell operatore e lo sgombero, con relative operazioni di carico e scarico dovranno essere svolte entro e non oltre i 60 minuti precedenti e successivi l orario di apertura e chiusura, e cioè dalle 7.30 alle 8.30 e dalle alle ore Art. 3 Stagionalità Il mercatino consta di un numero di stalli permanenti e di un numero di stalli stagionali. Il periodo di stagionalità del mercato intercorre dal 1 maggio al 15 ottobre. Art. 4 Tipologia Stalli Il mercato è costituito da 61 stalli di cui 10 permanenti e 51 stagionali. Gli stalli sono così ripartiti: N. 8 stalli alimentari (di cui 3 permanenti e 5 stagionali) N. 2 stalli produttori agricoli (di cui 1 permanente e 1 stagionale) N. 25 stalli non alimentari (di cui 4 permanenti e 21 stagionali) N. 25 stalli per opere dell ingegno creativo (di cui 2 permanenti e 23 stagionali) N. 1 posteggio libero ai sensi della L.R. n. 5/2006, da assegnare giornalmente (solo stagionale) È fatto divieto di mutare la destinazione merceologica degli stalli, così come individuati nella planimetria, mediante cessioni, affitti, donazioni di azienda o rami d azienda: gli stalli alimentari, non alimentari, di produttori agricoli e di opere dell ingegno creativo potranno essere ceduti solo ed esclusivamente ad imprese di uguale settore merceologico. Si precisa che il trasferimento di proprietà e gestione del ramo di azienda è consentito solo tra parenti e affini entro il quarto grado (atto tra vivi) e nei casi di subingresso per causa di morte. Il Dirigente può, per motivi di pubblico interesse e senza oneri per il Comune, revocare la concessione di posteggio. Art. 5 Requisiti per il commercio su area pubblica Hanno titolo ad esercitare il commercio su area pubblica al mercatino di San Pantaleo: 1. Titolari di autorizzazione di commercio su area pubblica di tipo itinerante che siano iscritti in Camera di Commercio; 2. Imprenditori agricoli iscritti in Camera di Commercio nella relativa Sezione Speciale; 3. Creatori di opere dell ingegno, cioè espositori di prodotti artistici da essi stessi realizzati. Non sono considerate opere dell ingegno i capi di abbigliamento realizzati a mano. Art. 6 Durata delle concessioni Le concessioni degli stalli hanno durata decennale. Allo scadere del termine sono rinnovate tacitamente per altri dieci anni, salvo che l Amministrazione notifichi all operatore con atto singolo - o alla totalità degli assegnatari con unico atto - la volontà di non rinnovare la concessione. Tale - pag. 2 di 6 -

3 atto deve essere notificato con le modalità di legge in un periodo compreso tra il 180 e il 30 giorno precedente la scadenza della concessione. Art. 7 Regole di comportamento e convivenza Il banco. Esposizione prodotti L operatore è tenuto a montare il proprio banco all interno dello spazio assegnato, senza sporgere oltre o occupare suolo pubblico o di altro operatore. Lo spazio previsto tra gli stalli dovrà essere sempre lasciato libero per il passaggio pedonale. E assolutamente vietato ostruire il passaggio o l ingresso o le finestre delle abitazioni con le attrezzature di vendita o furgoni e veicoli. Gli stessi veicoli potranno essere posizionati all interno dello stallo assegnato se vi è spazio sufficiente, diversamente dovranno essere parcheggiati altrove. Gli articoli e i prodotti devono essere esposti sui banchi o espositori di altezza minima di 50 cm. I tendoni di copertura del banco dovranno essere posizionati in modo da risultare ad un altezza minima dal suolo di cm 200, senza sporgere oltre il perimetro dello stallo assegnato. Non è mai consentito esporre le merci direttamente al suolo anche se esposte su lenzuola o tessuti. Fanno eccezione: i venditori di calzature, terraglie, piante e fiori, ferramenta, arredamenti e articoli da campeggio, che possono utilizzare banchi di altezza inferiori a 50 cm o posizionare direttamente al suolo i propri prodotti. In ogni caso l operatore è esortato a curare il proprio banco e la propria esposizione in modo da assicurare alla propria attività e al mercato un immagine di decoro, pulizia e ordine. Esposizione prezzi Il venditore deve indicare sulle merci esposte il prezzo di vendita in modo ben chiaro e visibile con cartelli o altra modalità idonea allo scopo. Comportamento Gli operatori non devono fare uso di altoparlanti, strumenti musicali, campane o mezzi similari, per il richiamo dei compratori. Sono vietate grida e schiamazzi. La condotta del venditore dovrà essere generalmente improntata al rispetto dei residenti, dei clienti e degli altri operatori. Conferimento rifiuti Al termine dell orario di mercato, lo stallo dovrà essere lasciato pulito e sgombro da ogni genere di rifiuto o contenitore. I rifiuti dovranno essere conferiti dall operatore stesso all interno degli appositi contenitori urbani, con particolare attenzione al rispetto della raccolta differenziata. Art. 8 Registro presenze Il rappresentante della Polizia Municipale provvederà giornalmente a registrare la presenza degli operatori in una apposita scheda o registro giornaliero che dovrà essere controfirmato dal venditore stesso. Art. 9 Spuntisti - pag. 3 di 6 -

4 Qualora il titolare dello stallo non si sia presentato entro le ore 8,00 al mercato, lo stallo viene assegnato per la giornata all operatore che, avendo titolo per esercitare il commercio su area pubblica, si sia presentato entro le 8,00 (spuntista). La presenza viene annotata dal rappresentante della Polizia Municipale che provvederà ad assegnare gli stalli vacanti agli operatori che vantino il più alto punteggio come numero di presenze nel mercato stesso, o, secondariamente, in ordine di arrivo. Gli stalli saranno assegnati tenendo conto, ove possibile, della destinazione merceologica degli stessi. Lo spuntista che ottiene lo stallo è tenuto a piazzare immediatamente il banco e a versare la tassa di concessione di suolo pubblico nella misura dovuta per l occupazione giornaliera. Lo spuntista che non ottiene lo stallo giornaliero ha comunque diritto alla presenza che viene calcolata come punteggio. Lo spuntista che, pur ottenuto lo stallo giornaliero, per qualsiasi motivo non piazzi il proprio banco e non vi eserciti l attività di vendita, perde il diritto alla presenza. Lo spuntista che pur avendo punteggio in graduatoria non frequenta il mercato da più di due anni (oltre 104 giornate di mercato) avrà il suo punteggio azzerato. Le graduatorie degli spuntisti saranno suddivise per settore: alimentari, non alimentari, produttori agricoli, opere dell ingegno, posteggio libero. Art. 10 Posteggio libero Lo stallo individuato come posteggio libero è esclusivamente riservato alle produzioni regionali di artigianato tipico e tradizionale o dell agroalimentare: lo stallo non è assegnato con concessione decennale, ma è assegnato giornalmente all operatore che, in possesso dei requisiti previsti (autorizzazione su area pubblica, vendita di prodotti regionali artigianali e tradizionali o agroalimentari), vanti il più alto numero di presenze nel mercato. Gli operatori dell ingegno non possono esporre sul posteggio libero. Il punteggio acquisito nel posteggio libero non dà titolo all assegnazione del posteggio libero, ma potrà essere computato per l assegnazione degli altri stalli (alimentari, non alimentari, produttori agricoli). Art. 11 Assenze E consentito il seguente numero massimo di assenze dal mercato: Per gli stalli permanenti: Per gli stalli stagionali: 12 (dodici) assenze per anno solare 5 (cinque) assenze per anno solare Ne consegue che la concessione del posteggio dell operatore che si assenti rispettivamente per 13 (tredici) o per 6 (sei) giornate di mercato è considerata DECADUTA, e il posto verrà assegnato a nuovo operatore. Sarà considerato assente a tutti gli effetti il venditore che giunga al mercato dopo le ore 8,00 o che si allontani dal mercato prima dell orario di chiusura. Assenze giustificate Sono fatti salvi i casi di assenza per malattia, gravidanza e puerperio, come previsto dall art. 17 comma 2 lettera E della L.R. n. 5/2006 e dal D. Lgs n. 114/98. Le assenze giustificata per malattia, gravidanza e puerperio, nonché per altri casi speciali previsti da normativa di settore, dovranno essere tempestivamente comunicate per fax al n o comunque pervenire per iscritto all ufficio entro 30 giorni dal verificarsi del primo giorno di assenza: diversamente saranno considerate assenze a tutti gli effetti. - pag. 4 di 6 -

5 L Ufficio si riserva il diritto di procedere a controlli incrociati con altri comuni sede di mercato per verificare l attendibilità delle giustificazioni pervenute. Art. 12 Revoca del posteggio L autorizzazione del posteggio è revocata nei seguenti casi: In caso di decadenza quando il titolare non risulti più provvisto dei requisiti di cui all art. 5, comma 2 del D. Lgs 114/98. In caso di decadenza per superamento del numero massimo di assenze consentite. Art. 13 Divieto di delega, scambio, condivisione Delega Non è previsto in nessun caso l istituto della delega, intesa come sostituzione temporanea del regolare assegnatario stabilita con atto tra operatori. Si precisa che il titolare dello stallo dovrà sempre esercitare l attività di persona o con l aiuto di personale dipendente regolarmente assunto secondo la normativa vigente. L ufficio si riserva il diritto di verificare la regolarità della posizione del personale presente negli stalli mediante invio dei nominativi agli Enti competenti. Scambio E vietato lo scambio dello stallo tra gli operatori titolari di posteggio. Condivisione Non è consentita la condivisione del proprio stallo con altri operatori: nel posteggio può esercitare l attività di vendita esclusivamente il legittimo assegnatario. Art. 14 Riassegnazione stalli Gli stalli che si rendono vacanti in seguito a revoca, per rinuncia del titolare o per altri motivi, saranno riassegnati dall Ufficio a coloro che, inseriti nella graduatoria delle presenze come spuntisti, dimostrino la sussistenza dei requisiti previsti dalla normativa vigente per l esercizio del commercio su area pubblica. Art. 15 Cessione dello stallo Il trasferimento di proprietà e gestione del ramo di azienda è consentito solo tra parenti e affini entro il quarto grado (atto tra vivi) e nei casi di subingresso per causa di morte. Il posteggio può essere ceduto solo contestualmente alla cessione o all affitto di ramo d azienda, conclusa con le modalità previste dalla normativa vigente e comunicata al Comune per gli adempimenti di competenza. La cessione o la gestione comportano anche il trasferimento dei titoli di priorità in termini di presenze. Art. 16 Merci non ammesse - pag. 5 di 6 -

6 Non è consentito vendere al mercato di San Pantaleo i seguenti prodotti e articoli: animali vivi, prodotti a marchio contraffatto, materiale esplodente, articoli erotici. Art. 17 Sanzioni Si applicano le sanzioni previste dal Capo III della L.R. n. 5/2006 e dall art. 29 del D.Lgs n.114/98. L attività di vendita esercitata fuori dallo stallo o da operatore non avente titolo è considerata commercio abusivo su aree pubbliche e comporta ai sensi dell art. 17 comma 4 della L. R. n. 5/2006 la sospensione immediata dell attività di vendita con la confisca delle attrezzature e delle merci. La presente ordinanza è pubblicata all Albo Pretorio del Comune di Olbia e sui siti Internet e Olbia, 20 marzo IL DIRIGENTE (Dott. Michele BAFFIGO) - pag. 6 di 6 -

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare REGOLAMENTO MERCATO PIAZZALE FORO BOARIO DI VILLA POTENZA Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 9 febbraio 2010 Esecutiva il 26 febbraio 2010 Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercato del Foro Boario

Dettagli

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA REGOLAMENTO DEI MERCATI Approvato con delibera CC n. 204 del 19/11/2003 INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA Art. 1 Finalità... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art. 3 Ambito di applicazione... 4 Art. 4 Recepimento,

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Allegato alla Delib.G.R. n. 15/15 del 19.4.2007 Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Art. 1 Definizioni Con il presente provvedimento vengono definite le direttive ed i criteri di attuazione

Dettagli

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 4 in data 17/03/2008-1 - ART. TITOLO PAG. 1

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO Art. 1 Svolgimento 1. Il mercatino Natalizio è una fiera specializzata del settore alimentare e non alimentare per la vendita di prodotti tipici dell artigianato; si svolge

Dettagli

COMUNE DI SAN ZENO NAVIGLIO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI SAN ZENO NAVIGLIO PROVINCIA DI BRESCIA CRITERI PER LO SVOLGIMENTO E LA PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE DENOMINATA: MERCATINO DI NATALE Il presente documento adottato con delibera N 107 del 07/10/2013, disciplina i criteri per lo svolgimento

Dettagli

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO (approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 15/2002) 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento...... 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali.

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. 1 Indice Art. 1 - Finalità Pag. 3 Art. 2 - Individuazione delle

Dettagli

Comune di Avigliana. Disciplinare

Comune di Avigliana. Disciplinare Comune di Avigliana Provincia di Torino Disciplinare Mercato riservato all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli gestito da Federazione Coldiretti Torino ai sensi del d.m.

Dettagli

COMUNE DI MONTI PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DI FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI

COMUNE DI MONTI PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DI FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI COMUNE DI MONTI PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DI FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 5 del 10.06.2014

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO A DELIBERAZIONE C.C N 60 DEL 14.04.2011 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL MERCATO KM 0 RISERVATO ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi del Decreto Ministero

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI

COMUNE DI SASSO MARCONI COMUNE DI SASSO MARCONI Provincia di Bologna SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO "MERCATO ORDINARIO" Giugno 2000 1 art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina il mercato ordinario

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA Provincia di Roma SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SUAP REGOLAMENTO MERCATO COPERTO GIORNALIERO SU AREA PUBBLICA COMUNALE

COMUNE DI GENZANO DI ROMA Provincia di Roma SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SUAP REGOLAMENTO MERCATO COPERTO GIORNALIERO SU AREA PUBBLICA COMUNALE COMUNE DI GENZANO DI ROMA Provincia di Roma SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SUAP REGOLAMENTO MERCATO COPERTO GIORNALIERO SU AREA PUBBLICA COMUNALE approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.19

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO CITTÀ DI AVIGLIANA AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGI SINGOLI IN CONCESSIONE DECENNALE

Dettagli

INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO. Articolo 1 Il mercato di Natale

INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO. Articolo 1 Il mercato di Natale INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO Articolo 1 Il mercato di Natale Articolo 2 Orari di mercato e giornate di apertura Articolo 3 Domanda di partecipazione

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale Approvato con Deliberazione di C.C. n. 22 del 15/03/2012 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 30.04.2010 pubblicata all Albo Pretorio dal 14.05.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 96 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.56 Reg.Del./7 Prop.Del NELLA SEDUTA DEL 28/03/2011 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Contenuto

Dettagli

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI REGOLAMENTO DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE (Tipologia a art. 6, comma 1, L.R. 25.6.1999 n. 12) INDICE 1. TIPOLOGIA DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE 2. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE ALLEGATO DELIB. C.C. n. / 2010 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO FIERA DEI CORPI SANTI 1) Richiami normativi. D. legislativo 114/98 riforma della disciplina del commercio a norma dell articolo 4

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO - Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 10.03.2015 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

AREA SEGRETERIA SETTORE COMMERCIO REGOLAMENTO PER LE FESTE ARTIGIANALI, FIERE PROMOZIONALI E MANIFESTAZIONI COMMERCIALI

AREA SEGRETERIA SETTORE COMMERCIO REGOLAMENTO PER LE FESTE ARTIGIANALI, FIERE PROMOZIONALI E MANIFESTAZIONI COMMERCIALI COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE Provincia di Imperia Riviera dei Fiori AREA SEGRETERIA SETTORE COMMERCIO REGOLAMENTO PER LE FESTE ARTIGIANALI, FIERE PROMOZIONALI E MANIFESTAZIONI COMMERCIALI Approvato

Dettagli

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 SOMMARIO NORME DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO TITOLO I CARATTERISTICHE

Dettagli

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 -

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 - COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO CHE

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como)

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO A TITOLO ONEROSO. Testo approvato dal Commissario Prefettizio con i poteri del Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Provincia di Bologna)

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Provincia di Bologna) COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Provincia di Bologna) Via Roma, 39-40048 S.BENEDETTO V.S. ( BO) Tel. 0534 / 95026 - FAX 0534.95595 Email : urp.sambro@cosea.bo.it Disciplina del commercio su aree

Dettagli

REGOLAMENTO comunale

REGOLAMENTO comunale Servizio AA.PP. REGOLAMENTO comunale per la disciplina del pagamento del C.O.S.A.P. per i posteggi ed altra area pubblica utilizzata per l esercizio di attivita economiche Approvato con deliberazione di

Dettagli

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ PIANO DEL COMMERCIO SULLE AREE PUBBLICHE Legge Regionale n. 10 del 6 aprile 2001 recante Nuove norme in materia di commercio su aree pubbliche ; Deliberazione

Dettagli

Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento

Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento Città di CHIOGGIA approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 27/01/2004 modificato con delibera del Consigliio Comunale n. 93 del 30/09/2004 Piano per il Commercio su Aree Pubbliche Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE 1 COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE -Provincia di Bologna- REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE Approvato con Delibera di C.C. n. 84 del 21 dicembre 2000 Modificato con Delibera di C.C. n. 26 del

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLE FIERE E MANIFESTAZIONI OCCASIONALI Approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 21 febbraio 2005 Indice Art. 1 Norme

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

COMUNE DI MIRANO. Regolamento per l istituzione e la disciplina del mercato dei prodotti agricoli di Piazza Paolo e Nella Errera APPROVATO

COMUNE DI MIRANO. Regolamento per l istituzione e la disciplina del mercato dei prodotti agricoli di Piazza Paolo e Nella Errera APPROVATO COMUNE DI MIRANO Regolamento per l istituzione e la disciplina del mercato dei prodotti agricoli di Piazza Paolo e Nella Errera APPROVATO Con delibera del C.S. n. 9 del 19.4.2012 - esecutiva - 1 Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DI MONTEREALE VALCELLINA

REGOLAMENTO MERCATINO DI MONTEREALE VALCELLINA REGOLAMENTO MERCATINO DI MONTEREALE VALCELLINA ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina lo svolgimento della fiera mercato dell usato a carattere locale di cui all art. 4, comma 3 della L.R. 7/2003

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA ALLEGATO A) Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 95 del 24/07/2007 REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Finalità Art. 3 - Recepimento, funzione attuativa e integrativa

Dettagli

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP.

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. FIERA DI SAN GIUSEPPE EDIZIONE 2010 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATINO DELLE PULCI E DEI PRODOTTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATINO DELLE PULCI E DEI PRODOTTI LOCALI COMUNE DI MARRUBIU Provincia di Oristano - Piazza Roma n.7 C.A.P. 09094 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATINO DELLE PULCI E DEI PRODOTTI LOCALI Approvato con delibera del C.C. n. 19 del 08/04/2014

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE)

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI; MERCATI COSIDETTI A KM 0. (Testo integrale riportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a il a codice fiscale. residente a via/piazza n. C.A.P. tel. cellulare fax

Il/La sottoscritto/a. nato/a il a codice fiscale. residente a via/piazza n. C.A.P. tel. cellulare fax COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 COMUNICAZIONE AI FINI DELLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Domanda di volturazione/reintestazione di autorizzazione AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _ Il sottoscritto nato il _ _ / _ _ / _ _ _ _ a Comune Provincia Stato (sesso M _

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 3 marzo 1999, n. 9 art. 9, comma

Dettagli

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso)

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Mercatino dell Antiquariato e del Collezionismo Istituito con deliberazione C.C. n. 80 del 23/10/1989 Confermato con deliberazione C.C. n. 4 del 21/2/2002

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27

Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27 Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27 BANDO COMUNALE ASSEGNAZIONE AREE IN CONCESSIONE NEI MERCATI DI BARI (la legge regionale n. 11/2003 e successive modificazioni e integrazioni)

Dettagli

COMUNE DI CESENA CODICE ATTIVITÀ ECONOMICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI CESENA CODICE ATTIVITÀ ECONOMICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CESENA CODICE ATTIVITÀ ECONOMICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 135 DEL 21.12.2011 INDICE Art. Pagina PARTE I - DISCIPLINA ATTIVITA ECONOMICHE 1 Oggetto 5 TITOLO I - COMMERCIO

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Domanda di volturazione/reintestazione di autorizzazione AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _ Il sottoscritto nato il _ _ / _ _ / _ _ _ _ a Comune Provincia Stato (sesso M _

Dettagli

COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA

COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA (DA TRASMETTERE IN DUPLICE COPIA) Al Corpo di Polizia Municipale del Comune di Castiglione della Pescaia (Ufficio Polizia Amministrativa) Strada Provinciale n 3 del Padule, Km 19 58043 - Castiglione della

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA Il presente Regolamento è stato approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 21 ottobre 2014,

Dettagli

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche Comune di SAN MARTINO BUON ALBERGO Provincia di Verona Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche ***** Regolamento per lo svolgimento del commercio su aree pubbliche e nei posteggi isolati Approvato

Dettagli

AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE

AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE ART. 1 Tipologia commercio fiere e sagre. ART. 2 Istituzione e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 5.3.2012 N. 45/86570 P.G. COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.).

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Città di Sondrio REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 75 del 31.10.2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE ARTICOLO 1...2 PRINCIPI GENERALI...2 ARTICOLO 2...2 TRIBUTI...2 ARTICOLO 3...2 PUNTI VENDITA...2 ARTICOLO 4...3 OBBLIGHI...3

Dettagli

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (art. 40 L.R.T. 7 Febbraio 2005 n. 28 e successive modifiche

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell organizzazione e svolgimento delle funzioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche

Regolamento per la disciplina dell organizzazione e svolgimento delle funzioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche COMUNE DI IMPRUNETA Regolamento per la disciplina dell organizzazione e svolgimento delle funzioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche ************************ (Legge Regionale Toscana 7

Dettagli

Comune di Cortazzone

Comune di Cortazzone Comune di Cortazzone REGOLAMENTO del MERCATO RISERVATO ALL ESERCIZIO DELLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Articolo 1 (Finalità ed impegni di carattere generale) 1) Il presente Regolamento

Dettagli

CITTA DI ITTIRI BANDO PER LA CONCESSIONE DI STAND PER LA VENDITA DIRETTA PRESSO IL MERCATO CONTADINO DI ITTIRI PRENDAS DE TERRA NOSTRA

CITTA DI ITTIRI BANDO PER LA CONCESSIONE DI STAND PER LA VENDITA DIRETTA PRESSO IL MERCATO CONTADINO DI ITTIRI PRENDAS DE TERRA NOSTRA CITTA DI ITTIRI BANDO PER LA CONCESSIONE DI STAND PER LA VENDITA DIRETTA PRESSO IL MERCATO CONTADINO DI ITTIRI PRENDAS DE TERRA NOSTRA I N D I C E Art. 1 - Oggetto del bando Art. 2 - Soggetti ammessi Art.

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 18 del 18/05/2000 Articolo 1 33 AREE DI FIERA E SETTORI MERCEOLOGICI 1. Le aree interessate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO ***************

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA FIERA MERCATO DELL ANTIQUARIATO Approvato con deliberazione del consiglio

Dettagli

Associazione Socio-Culturale Vivere Frazzanò

Associazione Socio-Culturale Vivere Frazzanò Associazione Socio-Culturale Vivere Frazzanò Regolamento MERCANZIE mercatino artigianale INDICE ART. 1 ISTITUZIONE DELLA MOSTRA MERCATO ART. 2 SCOPO DELLA MOSTRA MERCATO ART. 3 GIORNATE DI SVOLGIMENTO,

Dettagli

LINEE GUIDA MANIFESTAZIONE GIOVEDI IN PIAZZA

LINEE GUIDA MANIFESTAZIONE GIOVEDI IN PIAZZA LINEE GUIDA MANIFESTAZIONE GIOVEDI IN PIAZZA Art. 1. Finalità E istituita nel Comune di Moniga del Garda la manifestazione denominata Giovedi in Piazza (d ora in poi manifestazione ), al fine di promuovere

Dettagli

estratto pubblicato esclusivamente a carattere informativo del Regolamento comunale di Ancona

estratto pubblicato esclusivamente a carattere informativo del Regolamento comunale di Ancona estratto pubblicato esclusivamente a carattere informativo del Regolamento comunale di Ancona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 58 del

Dettagli

Via G. Matteotti, 154 cap. 40018 San Pietro in Casale BO) WWW.COMUNE.SAN-PIETRO-IN-CASALE.BO.IT

Via G. Matteotti, 154 cap. 40018 San Pietro in Casale BO) WWW.COMUNE.SAN-PIETRO-IN-CASALE.BO.IT Comune di San Pietro in Casale Via G. Matteotti, 154 cap. 40018 San Pietro in Casale BO) WWW.COMUNE.SAN-PIETRO-IN-CASALE.BO.IT Regolamento per la concessione delle aree disponibili per la installazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE PER LA VENDITA AL MINUTO DEI PRODOTTI ITTICI, ORTOFRUTTICOLI ED ALIMENTARI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE PER LA VENDITA AL MINUTO DEI PRODOTTI ITTICI, ORTOFRUTTICOLI ED ALIMENTARI COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE PER LA VENDITA AL MINUTO DEI PRODOTTI ITTICI, ORTOFRUTTICOLI ED ALIMENTARI Adottato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI CERCEMAGGIORE

COMUNE DI CERCEMAGGIORE COMUNE DI CERCEMAGGIORE PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Dettagli

ART.1 ISTITUZIONE DEL MERCATINO ART. 2 SVOLGIMENTO DEL MERCATO

ART.1 ISTITUZIONE DEL MERCATINO ART. 2 SVOLGIMENTO DEL MERCATO COMUNE DI VICOPISANO REGOLAMENTO FIERA PROMOZIONALE MERCATINO DEL COLLEZIONISMO Allegato al Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche (allegato 1) INDICE ART. 1 ISTITUZIONE DEL MERCATO ART. 2 SVOLGIMENTO

Dettagli

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche - Approvato con deliberazione C.C. n. 1 del 17 gennaio 2005 - Modificato con deliberazione C.C. n. 19 del 07 marzo 2007 a seguito dell entrata in

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE commercio su aree pubbliche su posteggio Titolo abilitante (all esercizio di commercio su aree pubbliche al dettaglio su posteggio) art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE approvato con delibera di C.C. n. 54 del 02.07.1998 Art. 1 Norme generali

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE I N D I C E ARTICOLO 1 oggetto, indirizzi ed ambito di applicazione del piano ARTICOLO 2 - definizioni ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO. Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato

REGOLAMENTO. Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato * * * ADOTTATO con delibera Consiliare n 51 del 14.04.1994 RIPUBBLICATO in data

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR.

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. COPIA COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. OGGETTO: Bando pubblico per l assegnazione di posti fissi del mercato settimanale della domenica mattina

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE I N D I C E Art 1 - Istituzione del mercato settimanale Art 2 - Definizione del mercato settimanale

Dettagli

COMUNE DI PIOBESI TORINESE PROVINCIA DI TORINO ------------------------------

COMUNE DI PIOBESI TORINESE PROVINCIA DI TORINO ------------------------------ COMUNE DI PIOBESI TORINESE PROVINCIA DI TORINO ------------------------------ REGOLAMENTO DELLA MANIFESTAZIONE DENOMINATA " SAGRA DEL PANE " - ESPOSIZIONE E VENDITA DI PRODOTTI TIPICI LEGATI ALLE TRADIZIONI

Dettagli

DISCIPLINARE DEL MERCATINO DELLE PULCI

DISCIPLINARE DEL MERCATINO DELLE PULCI COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento DISCIPLINARE DEL MERCATINO DELLE PULCI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 126 di data 14 ottobre 2010. Entrato in vigore in data 30 ottobre 2010. Modificato

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI edicole PIANO ESCLUSIVE 1 20 marzo 2007 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Aspetti di carattere generale 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA ALLEGATO A) ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 66 DEL 16.05.2011 COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Bando pubblico per il rilascio di autorizzazioni di commercio su aree pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO di FIERE, FESTE PATRONALI MOSTRE e MOSTRE-MERCATO

REGOLAMENTO di FIERE, FESTE PATRONALI MOSTRE e MOSTRE-MERCATO 1 COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo * * * REGOLAMENTO di FIERE, FESTE PATRONALI MOSTRE e MOSTRE-MERCATO * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 20 Maggio 2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2013 SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE INDICE NORME GENERALI...

Dettagli

Comune di Legnaro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO. Provincia di Padova. ==ooooo==-- --==ooooo=

Comune di Legnaro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO. Provincia di Padova. ==ooooo==-- --==ooooo= Comune di Legnaro Provincia di Padova --==ooooo= ==ooooo==-- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO Approvato con delibera di CC n. 10 del 27/04/2012 Art. 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO)

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) AL COMUNE DI BORGO A MOZZANO UFFICIO COMMERCIO AREE PUBBLICHE OGGETTO: Domanda per sub ingresso in autorizzazione/concessione decennale

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SCOPERTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SCOPERTE DIREZIONE AREA SS. DEMOGRAFICI, ATTIVITÀ PRODUTTIVE e SUAP. REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SCOPERTE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.60 del 09.08.2011, rettificato ed

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche L. R. 06 aprile 2001 n. 10 e D.G.R. 20 luglio 2001 n. 1902 NOTA: Il presente Piano e Regolamento per il commercio su aree pubbliche è stato approvato con

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli