Domande inquiete tra morbo del mattone e benedizioni della povertà Editoriale di Presbyteri, 2/2009, 81-90

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande inquiete tra morbo del mattone e benedizioni della povertà Editoriale di Presbyteri, 2/2009, 81-90"

Transcript

1 Domande inquiete tra morbo del mattone e benedizioni della povertà Editoriale di Presbyteri, 2/2009, Da tempo si ventilava una crisi dell economia occidentale. Con l autunno è arrivata. Nonostante gli ottimismi di maniera e di mestiere («È dannoso allarmare la gente!»), siamo di fronte alla recessione e davanti allo spettro della fame, almeno di un serio disagio, anche per milioni di italiani. Il lavoro diventa un privilegio, non più un diritto ed il fondamento della nostra Costituzione. La disoccupazione raggiunge percentuali spaventose e tanti risparmi si volatilizzano con la caduta in picchiata delle borse. Da parte loro gli stati socializzano le perdite e privatizzano profitti ed aziende. Salvano le banche, ma lasciando ai loro posti i manager che hanno provocato il disastro. L aspetto peggiore è il vuoto che si disegna in volto ai giovani quando affrontano l idea del loro futuro. Che sia anche in questo vuoto del loro tempo una delle radici della loro voglia di sballo e di disimpegno? Certo è difficile avere voglia di manifestare un disagio, una paura del vivere o una sete di speranza quando ci si accorge di non avere interlocutori seri. Si esce dalla crisi solo perché si consiglia alle ragazze di sposare uomini miliardari? Non si dice così che davvero non c è futuro per i poveri cristi, e che l unica cosa da tentare, anche prostituendosi, è far parte del club degli eletti? E si risolve qualcosa affermando che gli italiani sono ricchi perché l 80% delle famiglie è proprietaria di una casa? Il meno che si possa dire è che c è un distacco notevole tra questa gente che dovrebbe servire il popolo conoscendone prima i bisogni, e l uomo comune che arriva alla seconda settimana col suo stipendio, racimola un pasto alla Caritas e che non si vergogna di vestirsi nella boutique dei poveri, nei bazar dell usato. C è appena bisogno di dirlo: i poveri di lunga data ed i nuovi poveri ci appartengono. Vengano o no in chiesa, essi sono la nostra gente, sono figli di Dio che il Padre ci ha affidato. Come appariamo ai loro occhi? Ecco un problema serio. La vecchia storia dei «preti che i soldi li hanno» noi potremmo liquidarla magari indicando parrocchie e ministri ordinati di esemplare povertà. Non sono pochi i preti che condividono tutto (comprese le stanze della canonica e la sacrestia nel loro folle tentativo di dare un tetto ad un barbone), che dunque «non hanno niente» e che un pasto caldo lo hanno quando qualcuno li invita a cena. Ma questa è solo una faccia della realtà. Se una volta tanto accettiamo di farci identificare con la Chiesa, se insomma ammettiamo che non hanno tutti i torti quanti ci vedono appartenere ad un insieme che chiamano casta sacerdotale, allora dobbiamo ammettere che in mezzo ai poveri la Chiesa non è povera, che solo sulla carta ammette di avere «scelto i poveri», che girano nel clero idee tipiche di chi guarda il mondo e la vita con gli occhi dei privilegiati. Potrebbe essere oggetto di un fruttuoso esame di coscienza una domanda del tipo: «Guardiamo il mondo con gli occhi dei ricchi o con quelli del Povero, di quel Dio che si identifica col povero, con il bisognoso?». Non sarebbero scontati gli esiti. Certamente guarda con gli occhi dei ricchi chi trova nella figliolanza da Dio solo il diritto alla libertà (enfasi tipica del liberalismo di sempre) e non anche e primariamente la sorgente di tutti quei diritti inalienabili che esplicitano in modo concreto l unica dignità umana. Senza questa sorgiva attenzione, si finisce per dimenticare molto di quanto il neoliberismo oggi ci impone di dimenticare: che senza uguaglianza concreta dei diritti, senza uguaglianza tra gli uomini nella dignità, sparisce la giustizia perché domina la legge dei privilegiati, scompare la democrazia perché uomini forti e saggi credono di dovere reggere i popoli per mandato divino, si eclissa la stessa libertà perché diventa solo garanzia di prepotenza dei forti. Historia docet. 1

2 Guarda con gli occhi dei ricchi chi, avallando un sistema economico e politico che ha portato all attuale crisi dell Occidente, forse non si è reso conto che, dopo 60 anni dalla Dichiarazione dei diritti dell uomo, oggi i diritti si sono trasformati in privilegi per alcuni e in concessioni e caritàelemosina per la maggioranza degli umani. Non può non guardare con gli occhi dei ricchi chi sia spendendosi per la gente oppure sciupando il tempo ha uno stipendio portato a casa ( sostentamento clero ), chi non ha problemi di tetto, di pasto, di futuro, di medicine, di freddo, di vestiti, di macchine, di vacanze Una simile esperienza di benessere disabilita chiunque ad interessarsi per sapere cosa è povertà. Nonostante tutto però il miracolo esiste. Ci sono preti che riescono a guardare con gli occhi dei poveri. Uomini non solo poveri e capaci di incredibili condivisioni, ma davvero vicini ad ogni problema della povera gente, presenti dove si discute di un posto di lavoro, della dignità di una scuola, della chiusura di una fabbrica. Di più: esistono anche altri preti che intervengono a livelli più alti nel dare voce ai poveri. Quanti hanno un minimo di conoscenza della Dottrina sociale della Chiesa, non possono accettare acriticamente le teorie mercantilistiche che stabiliscono il giusto prezzo di tutto in base alle eterne leggi della domanda e dell offerta, aspettando dalla mano invisibile della concorrenza che eventuali disordini vengano corretti. Essi sanno, e lo predicano, che ci sono diritti dell uomo da rispettare, ci sono beni comuni non disponibili alle leggi del mercato, ci sono bisogni primari da soddisfare ad ogni costo perché legati allo stesso diritto primordiale alla vita. Si pensi al cibo e alla casa, alla salute e all educazione, all acqua e ad un terra non contaminata. Se nel modo di pensare tra noi ministri ordinati c è una certa pluralità di opinioni e di atteggiamenti, nel campo pratico la diversità può apparire contraddizione. Pare che la sensibilità sociale riesca a scomparire quando si tratta di cavare soldi dai risparmi investiti in banca o di mettere a frutto beni della parrocchia. Allora non si guarda più per il sottile e si cerca come fanno tutti la massimizzazione dei profitti. Come se vivessimo in una doppia morale: una cosa è affermare in linea di principio che i beni della terra ci sono per tutti, che l ordine economico deve essere giusto per permettere ad ogni creatura umana una vita dignitosa, altra cosa è la prudenza e la scaltrezza nel gestire i beni di questo mondo, nel far fruttare i beni che poi neppure ci appartengono, dato che sono di proprietà della chiesa parrocchiale o della diocesi. Non si possono avere scrupoli: si deve cercare quella banca che ci assicura un migliore interesse, tentare perché no? l investimento creativo, speculare sull andamento di titoli azionari. A meno che non ci si voglia impelagare in un gretto moralismo e non ci si candidi a farsi accusare di imperdonabile irresponsabilità. Si porta come argomento decisivo di tale atteggiamento (o come scusa di fronte alla propria coscienza) che per avere la possibilità di aiutare i poveri bisogna ragionare come ragionano i ricchi. Sono infatti gli unici esperti a far fruttare i talenti. E se davanti agli occhi si ha una massa di disgraziati vittime magari dei disastri provocati dal neoliberismo attuale a cui noi ci siamo affiancati finiamo anche noi per pensare che «non possiamo farci nulla contro le disgrazie innumerevoli della vita» parola di un vecchio realista prete e che «non possiamo farci intenerire dalle facce di questi clandestini che dovrebbero stare a casa loro e invece ci stanno invadendo» come si espresse in una assemblea di clero, senza che nessuno battesse ciglio, un direttore Caritas diocesano... Grazie a Dio, la maggior parte dei preti ha veramente ben altro da fare che giocare in borsa o tentare il colpaccio favorevole nell altalenare dei mercati mondiali. I nostri sacerdoti saranno magari ingenui in finanza, agiscono come tutti nelle banche, ma è raro che se ne trovi qualcuno a cui la gente appioppi il titolo di traffichino o di usuraio o di uomo d affari. Questo non ci esime dal chiederci cosa succede nell animo di un comune credente quando si imbatte in un prete affarista che trova magari mille motivi morali per ritardare il pagamento degli stipendi, che segna al minimo di legge i contratti di lavoro, che trova del tutto legittimo pagare a 180 giorni certe fatture di fornitori in difficoltà, o che affitta con criteri del tutto economici i locali della curia o dell ex Azione Cattolica. Già, cosa succede quando un battezzato scopre questo aspetto del clero, magari generalizzando a tutta la categoria ciò che sarebbe vizio o mancanza di uno? 2

3 Forse pensiamo poco che se è vero che Dio lo si incontra nelle persone, è anche vero che lo si può perdere a causa di persone concrete, anche a causa di uno sfratto targato chiesa. E non badiamo a sufficienza che l incontro di un uomo della strada con un rappresentante di Dio non è un incontro qualsiasi. Mai un prete agisce in nome proprio. A torto o a ragione, la gente ritiene che il prete non ha una sua vita privata. È sempre uomo di Dio, sempre rende visibile il sacro. Oppure lo nasconde e lo contraddice. E ancora: rendiamoci conto che per molta, per troppa gente, la Chiesa è il parroco, il vescovo di quel posto, oppure addirittura il prete con cui viene a contatto in modo più significativo. E allora, riteniamo da sopprimere la domanda se «nei nostri incontri di ministri ordinati con la gente siamo roccia della loro fede o pietra di inciampo?». Lo sappiamo bene che a nessuna categoria si richiede tanto in abnegazione, onestà, correttezza, dedizione amorevole, serenità, limpidezza come ai preti. Ma non diciamo noi stessi che il prete è alter Christus? Comunque che è unico nella sua vocazione a fare del Regno e della sua giustizia lo scopo e il significato della sua vita? Se è così, siamo costretti a pensare che la gente ha diritto di scandalizzarsi quando un prete agisce negli affari, come tutti, a prezzi di mercato, seguendo quella logica mondana che poi nelle sue prediche astratte condanna, brandendo magari paragrafi delle encicliche sociali dei papi. Il problema si propone come un autentico caso di coscienza ed acquista una sua vistosità quando lo stesso ministro ordinato, vescovo o prete che sia, amministra beni ecclesiastici o presiede agli uffici amministrativi della curia. In questo caso se non si hanno occhi penetranti non è raro che si dia scandalo, pur agendo nella più chiara legalità. Al di là degli aspetti personali e del tenore esterno di vita tenuto da chi materialmente tiene la cassa, le cose diventano davvero gravi perché sono in gioco consistenti beni ecclesiastici (palazzi, appartamenti, fondi, titoli azionari ) che il prete gestisce in nome della stessa Chiesa. Si tratta di cose enormi, se fosse vero che la Chiesa detiene un sesto dell intero patrimonio immobiliare italiano. Allora c è un dissidio: da una parte si vuole che i beni rendano, sovvengano alle molteplici necessità di una diocesi (formazione del clero, costruzione di nuove chiese, sussidi straordinari a parrocchie in difficoltà...), e dunque li si amministra col criterio del massimo profitto ; dall altra ci si rende conto che, così facendo, si offre il fianco allo scandalo, perché la durezza delle leggi economiche la gente giustamente pensa che si addica ai servi di Mammona, non ai ministri di Dio. Allo scandalo seguono giudizi anche sommari, ma sempre con un orecchio alle parole di quel Falegname di Nazareth che dichiarava che l uomo pone il cuore là dove ha «il suo tesoro». Nessuno nega che un edificio dismesso da un ordine religioso, un piccolo seminario ormai inutilizzato, un episcopio vuoto da decenni abbiano valore commerciale considerevole. Ma non dovrebbero anche avere un valore pastorale? Di testimonianza? Affidarli ad un palazzinaro amico è la soluzione giusta quando la Caritas diocesana non sa dove accogliere i figli di Dio allo sbando, o quando l unico centro sociale del quartiere è stato smantellato dall ultimo sindaco? C è o no il rischio che contrabbandiamo per virtù la stessa logica di accumulo? L «affanno per le ricchezze» può ingabbiare anche un prete, un consacrato. Ci sono intere province religiose come intere diocesi dove la manutenzione delle strutture, il reperimento dei fondi per restauri è la primaria preoccupazione di nuclei di consacrati, ridotti numericamente all osso, nel presenziare illustri edifici dei secoli passati. Non sempre la ristrutturazione è funzionale ad un investimento speculativo (un seminario minore, un convento trasformato in albergo per turismo religioso ), a volte si tratta di tenere in piedi, perché non cada a pezzi, proprio un pezzo di storia dell Ordine, di una diocesi. È fondata l impressione che questa sorveglianza ai mattoni sia quasi fine a se stessa, dato che subordina a sé lo stesso servizio pastorale. La cosa ha una spiacevole ricaduta. È così preponderante questa cura di case ed edifici storici che nella scelta dei responsabili, perfino dei superiori di una casa religiosa, si deputano coloro che coi soldi ci sanno fare, anche se non proprio molto inclini ad una vita interiore sentita ed esemplare. L uomo di cui l istituzione ha bisogno finisce per essere non più l uomo saggio e santo, ma l uomo esperto nelle cose del mondo, che gli affari li sa concludere. Salvo magari ritrovarsi in perdite miliardarie per investimenti azzardati. 3

4 Per quanto ci possa dispiacere ammetterlo, è un dato di fatto che con troppa facilità la gente (anche battezzata e non ostile al Vangelo) vede nella Chiesa un gruppo di potere, di pressione economica, mai sazia di soldi dello stato, in possesso essa stessa di immensi beni; e dunque ricca ed amica dei ricchi. In altri termini, serva di quel dio-denaro che essa, secondo il Vangelo, dovrebbe detronizzare. Tutti abbiamo incontrato ministri ordinati che, in merito a problemi come questi, si trincerano dietro la convinzione che la gente «è piena di pregiudizi» e che è da folli andarci dietro. Sarà magari così. Ma vogliamo negare che questi pregiudizi hanno, purtroppo, un fondamento? O vogliamo dimenticare che la testimonianza richiesta da Gesù è nell ordine anche della visibilità esterna, e non dell interiorità nota solo a Lui? C è spesso uno squilibrio o una adolescenziale sprovvedutezza nell uso del denaro. Lo si dilapida in oggetti di facciata, in uffici arredati all ultimo design, in sciocchezze vanitose che indicano ridicoli raggiungimenti di status superiori. Può anche girare in diocesi l idea che il prete è qualcuno soprattutto se trova soldi, se edifica case, se crea beni che rendono. Tutto ciò rende patetica una omelia che proclamasse la predilezione di Gesù per i poveri Restiamo perplessi di fronte a cose simili, e ne abbiamo il diritto. Ci impelagheremo in difese apologetiche che almeno ridimensionino cifre e metri quadrati e spieghino che in fondo questi beni ricchi sono a servizio dei poveri? Non è invece più consono alla natura stessa della Chiesa interrogarci se una pastorale adeguata ed un annunzio più puro del Vangelo non esigano interventi propositivi perché la Chiesa non solo sia povera ma sia vista tale agli occhi dei poveri? L attuale crisi economica mondiale che sta creando miliardi di nuovi poveri non può considerarsi una Parola detta alla stessa Chiesa oggi? È lecito continuare nelle nostre dinamiche finanziare come se nulla succedesse sotto i nostri occhi? Vecchi ricordi di teologia morale ci rassicurano sulla legittimità della nostra gestione, almeno nella maggioranza dei casi. Ma badiamo forse poco al fatto che lo stesso popolo di Dio è disposto a perdonare molto al prete, perfino le sue fin troppo umane debolezze, perfino scivolamenti affettivi, ma non quell attaccamento al denaro che di solito gli rimprovera o che constata anche in religiosi che personalmente vivono in austera povertà. Che fare? Quali criteri seguire? Si può oltrepassare in questo campo la weberiana etica della responsabilità e seguire principi che mostrino concretamente la Chiesa non conforme agli «schemi di questo mondo» ma conforme al suo Signore? Ritorniamo così a parlare di un problema che occupa e preoccupa la Chiesa fin dalle sue origini, ma che oggi sembra decisivo per le sorti dell umanità, se è vero che l attuale globalizzazione economica, gli attuali sistemi di mercato sono alla base dell impoverimento del pianeta nel periodo della sua massima complessiva ricchezza. Ci è difficile, molto difficile, parlare della povertà e della priorità dell uomo, quando concretamente noi inseriamo nella logica perversa dei ricchi quei beni che la gente ha dato per i poveri della Chiesa. Ci rendiamo conto che il problema è complesso, ed è insieme decisivo per la nostra credibilità. Noi riteniamo che una sorta di voto di povertà e gratuità sia connaturale con la vocazione e la missione del battezzato, soprattutto di quanti vogliono fare dell annunzio del Vangelo l unico orizzonte della loro vita. E che altro è un prete? Ma riteniamo pure che se la comunità credente si vuole efficacemente inserire nella ricerca di una nuova economia che salvaguardi la priorità della vita sul pianeta, deve trovare altre direttive per l amministrazione dei suoi beni, altri criteri nei propri investimenti. Sarebbe paradossale (ed è capitato!) che si aiutino i disastrati di una guerra con i proventi di un investimento bancario che ha finanziato quella guerra. Non bastano i consulenti economici, non bastano i consigli di amministrazione composti anche da laici se non c è una spiritualità del denaro, perfino un qualche gusto per la civiltà della povertà termine oscuro questo, ce ne rendiamo conto, e che esigerebbe ben altro spazio. Nulla basta a dissolvere il 4

5 pericolo dello scandalo se non ci si convince, in qualche modo, che i beni di Dio non possono essere amministrati secondo i criteri degli uomini. La monografia a questo soltanto tende, a porre qualche domanda perché l amministrazione dei beni finisca di sfigurare il volto vero della Chiesa: presenza del Povero lungo i secoli. Non solo, ma diventi occasione dell annunzio di un Vangelo che, salvando nella storia, costruisce una storia di salvezza. Il problema che stiamo trattando non attiene solo alla teologia morale e pastorale. Tocca la fede. Dobbiamo prendere coscienza che le critiche di papa Wojtyla al neoliberismo si pensi alla Centesimus Annus sono servite a ben poco. Forse solo a rafforzare la sua leadership personale, e ad accrescere quel vano prestigio dei chierici che, proditoriamente quasi, hanno fatto propri il coraggio e la lungimiranza del defunto papa, senza però arrivare mai a significativa conversione. Dichiarazioni come quelle, e anche più esplicite, servono a poco se esse non vengono supportate dalla pratica coerente dei cristiani e, in particolare, di quei ministri ordinati preposti alla gestione dei beni ecclesiastici. Il mondo oggi è solo finanza. O ci si sgancia dalla sua logica bottegaia e si contesta così il predominio di Mammona, o lo si segue, decretando così lo svuotamento del Vangelo. Siamo convinti che questo sganciamento dal sistema è solo il primo passo. Dovrà necessariamente seguirne un altro: quella nuova evangelizzazione che tende a confrontarsi con la vecchia cultura signorile diseguale e ingiusta, per ribaltarla in una cultura della solidarietà e del puntiglioso rispetto del diritto alla vita umana di ogni creatura sotto qualsiasi cielo. Per evitare che gli anni 2000 continuino la barbarie del 900, il secolo breve, è fondamentale che il cristianesimo diventi annuncio di un uomo nuovo che, sentendosi uguale a ogni altro uomo, non ha bisogno né di tirannia e schiavitù, né di sfruttamento e dominio. Un uomo disposto a porre al centro di tutto l irriducibilità di ogni volto che apre alla comunicazione e predispone al rispetto di ogni diversità. Un uomo dunque che non calcola più il suo sviluppo in termini di Prodotto Interno Lordo (Pil), ma di qualità di vita e di umanità. Per quanto ci riesca difficile spiegarci in questa sede, avvertiamo che questo cambiamento di cultura non è certamente stato operato. Non sappiamo neppure se è stato iniziato. Solo in una minoranza umana va facendosi strada negli ultimi cinquant anni, e al di là di ogni fede professata. Anzi, questa strana tribù di folli, che crede nell uomo-servo (cioè nell uomo che è tale perché relazione, dono, servizio a un fratello che, in fondo, è uno con lui, è lui così come ha indicato Gesù di Nazareth), questa genia di stravaganti idioti destinati ad auto crocifiggersi, è continuamente minacciata dall establishment e da quei nuclei agguerriti che inaugurano il nuovo razzismo. Anche il nuovo emergente razzismo cristiano. «Questi idealisti sono una razza in estinzione», proclamava sicuro il direttore di un quotidiano. Sarebbe la storia, la storia che viviamo, a togliere loro la parola. Sarà vero, ma da ciò non ne ricaviamo nessun senso di sconfitta. Diciamo solo che prima ancora della difesa dei conclamati valori che stanno a cuore ai cattolici, c è da operare questa rivoluzione. Senza di essa i valori restano ambigui o vuoti. Il mondo non ha bisogno di una pace americana o occidentale, neppure di una pace islamica (sarebbe tirannia), ma di pace, sic et simpliciter. Gli uomini non hanno bisogno di un dio, ma del Dio di Gesù, fondamento e custode della dignità di ogni uomo. Non abbiamo bisogno di un ulteriore progresso tecnico per pochi eletti, ma dell estensione al pianeta delle mete raggiunte. Non ci serve affatto un qualsiasi lavoro (in fabbriche di armi, prostituzione, esercito, lavoro minorile, in nero ); ci serve un lavoro che costruisca la vita e restauri questo pianeta devastato. Soprattutto non abbiamo bisogno della libertà dei ricchi e dei potenti, così proclive a trasformarsi in tirannica legge della giungla, ma di libertà umana che sia sempre in grado di percepire domande e dare risposte (la responsabilità!) a ogni compagno di cammino. Se questo ribaltamento culturale è autentica missione della Chiesa intera, pare ovvio concludere che un tale compito si presenta particolarmente difficile quando essa stessa ha una rapporto ambiguo, non esclusivamente evangelico, col denaro, la ricchezza, i mattoni. Parafrasando le parole di un prete, forse dobbiamo confessare che è tempo di smetterla di leggere il Vangelo come se non avessimo soldi, e di servirci dei soldi come se non sapessimo nulla del Vangelo. (F. S.) 5

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria AZIONE CATTOLICA ITALIANA Arcidiocesi di Bari-Bitonto XIV Assemblea Diocesana Ordinaria VIVERE LA FEDE, AMARE LA VITA 1 INTRODUZIONE 1.1 Le persone fanno sempre più fatica a dare un senso profondo all

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI

Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI Serata culturale organizzata dal Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Venerdì 29

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006 DIOCESI DI PATTI RENDICONTO RELATIVO ALLA EROGAZIONE DELLE SOMME ATTRIBUITE ALLA DIOCESI DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA EX ART. 47 DELLA LEGGE 222/1985 PER L ANNO 2006 EROGAZIONE DELLE SOMME DERIVANTI

Dettagli

La scommessa della pastorale missionaria oggi

La scommessa della pastorale missionaria oggi Commissione Missionaria Regionale Lombardia La scommessa della pastorale missionaria oggi Orientamenti per una pastorale missionaria delle Chiese di Lombardia Desideriamo che l attività missionaria della

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona Introduzione alla nuova edizione - Non ha Dio come padre chi non ha la Chiesa come madre. La celebre intuizione di san Cipriano

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro A partire dalle numerose esperienze sbocciate in alcune diocesi nel campo del microcredito a sostegno delle imprese nate dal Progetto Policoro

Dettagli

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo P R E M E S S A Il progetto educativo esprime "l identità della scuola", ne precisa gli obiettivi e li traduce in termini operativi

Dettagli

Titolo del progetto: UNACOMUNITA CHESICHIAMIPERNOME L educazione per un rinnovato senso della comunità

Titolo del progetto: UNACOMUNITA CHESICHIAMIPERNOME L educazione per un rinnovato senso della comunità MICRO-PROGETTO Titolo del progetto: UNACOMUNITA CHESICHIAMIPERNOME L educazione per un rinnovato senso della comunità Destinatari: Educatori Catechisti - Giovani e Adulti Motivazione dell intervento Riprendere

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

Apertura dell anno pastorale 2015-2016

Apertura dell anno pastorale 2015-2016 Apertura dell anno pastorale 2015-2016 Tempio di S. Nicolò, 18 settembre 2015 Fratelli e sorelle carissimi, vi saluto tutti con affetto e con gioia, lieto di poter ancora una volta vivere con voi, presbiteri,

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

EUCARISTIA, DONO DI AMORE

EUCARISTIA, DONO DI AMORE EUCARISTIA, DONO DI AMORE Voce guida La nostra processione, quest'anno, sarà accompagnata dalla lettera enciclica di Benedetto XVI, sul tema dell'amore di Dio come fondamento e sviluppo della nostra vita

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Commissione Nuovi stili di vita Diocesi di Padova Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Dal mese della Missione al Mese del Creato C È POSTO PER TUTTI L ospitalità

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere

PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere BOZZA DOCUMENTO ASSEMBLEARE XV ASSEMBLEA DIOCESANA DI AZIONE CATTOLICA SAN SEVERO, 15-16 FEBBRAIO 2014 Il Documento, frutto dell'impegno

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

Povertà obbedienza castità

Povertà obbedienza castità Povertà obbedienza castità Povertà La povertà per Francesco è uno stile di vita, un modo di pensare e di collocarsi in relazione con se stesso, con Dio e con le cose. A volte si parla di due livelli di

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Progetto Educativo dell UPG Mariano Comense Cabiate

Progetto Educativo dell UPG Mariano Comense Cabiate Progetto Educativo dell UPG Mariano Comense Cabiate «Un solo corpo» INTRODUZIONE Perché? Perché un Progetto educativo per gli oratori? La risposta la troviamo nel Sinodo 47 al n 111 dove è scritto: "Le

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

La Chiesa che educa servendo la carità

La Chiesa che educa servendo la carità 21-23/11/2011 35 Convegno nazionale delle Caritas diocesane Fiuggi (FR) La Chiesa che educa servendo la carità «Si mise ad insegnare loro molte cose» (Mc 6,34) A TU PER TU CON Mons. Giovanni Nervo primo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Facoltà di medicina verso un nuovo umanesimo

Facoltà di medicina verso un nuovo umanesimo Facoltà di medicina verso un nuovo umanesimo le scuole e le università che nascono dall esperienza cristiana offrono a tutti, credenti e non, una proposta educativa mirata allo sviluppo integrale della

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

4 Convegno Ecclesiale Nazionale VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE

4 Convegno Ecclesiale Nazionale VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE 4 Convegno Ecclesiale Nazionale Testimoni di Gesù Risorto, speranza del mondo Verona, 16-20 ottobre 2006 VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012 CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 TERRAFUTRA FIRENZE 26 Maggio 2012 Francesco Delfino andriacaritas@libero.it www.caritasandria.com GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE NELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE NELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE NELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Se vuoi 1 anno di prosperità fai crescere il grano; se vuoi 10 anni di prosperità fai crescere gli alberi; se vuoi 100 anni di prosperità fai

Dettagli