Domande inquiete tra morbo del mattone e benedizioni della povertà Editoriale di Presbyteri, 2/2009, 81-90

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande inquiete tra morbo del mattone e benedizioni della povertà Editoriale di Presbyteri, 2/2009, 81-90"

Transcript

1 Domande inquiete tra morbo del mattone e benedizioni della povertà Editoriale di Presbyteri, 2/2009, Da tempo si ventilava una crisi dell economia occidentale. Con l autunno è arrivata. Nonostante gli ottimismi di maniera e di mestiere («È dannoso allarmare la gente!»), siamo di fronte alla recessione e davanti allo spettro della fame, almeno di un serio disagio, anche per milioni di italiani. Il lavoro diventa un privilegio, non più un diritto ed il fondamento della nostra Costituzione. La disoccupazione raggiunge percentuali spaventose e tanti risparmi si volatilizzano con la caduta in picchiata delle borse. Da parte loro gli stati socializzano le perdite e privatizzano profitti ed aziende. Salvano le banche, ma lasciando ai loro posti i manager che hanno provocato il disastro. L aspetto peggiore è il vuoto che si disegna in volto ai giovani quando affrontano l idea del loro futuro. Che sia anche in questo vuoto del loro tempo una delle radici della loro voglia di sballo e di disimpegno? Certo è difficile avere voglia di manifestare un disagio, una paura del vivere o una sete di speranza quando ci si accorge di non avere interlocutori seri. Si esce dalla crisi solo perché si consiglia alle ragazze di sposare uomini miliardari? Non si dice così che davvero non c è futuro per i poveri cristi, e che l unica cosa da tentare, anche prostituendosi, è far parte del club degli eletti? E si risolve qualcosa affermando che gli italiani sono ricchi perché l 80% delle famiglie è proprietaria di una casa? Il meno che si possa dire è che c è un distacco notevole tra questa gente che dovrebbe servire il popolo conoscendone prima i bisogni, e l uomo comune che arriva alla seconda settimana col suo stipendio, racimola un pasto alla Caritas e che non si vergogna di vestirsi nella boutique dei poveri, nei bazar dell usato. C è appena bisogno di dirlo: i poveri di lunga data ed i nuovi poveri ci appartengono. Vengano o no in chiesa, essi sono la nostra gente, sono figli di Dio che il Padre ci ha affidato. Come appariamo ai loro occhi? Ecco un problema serio. La vecchia storia dei «preti che i soldi li hanno» noi potremmo liquidarla magari indicando parrocchie e ministri ordinati di esemplare povertà. Non sono pochi i preti che condividono tutto (comprese le stanze della canonica e la sacrestia nel loro folle tentativo di dare un tetto ad un barbone), che dunque «non hanno niente» e che un pasto caldo lo hanno quando qualcuno li invita a cena. Ma questa è solo una faccia della realtà. Se una volta tanto accettiamo di farci identificare con la Chiesa, se insomma ammettiamo che non hanno tutti i torti quanti ci vedono appartenere ad un insieme che chiamano casta sacerdotale, allora dobbiamo ammettere che in mezzo ai poveri la Chiesa non è povera, che solo sulla carta ammette di avere «scelto i poveri», che girano nel clero idee tipiche di chi guarda il mondo e la vita con gli occhi dei privilegiati. Potrebbe essere oggetto di un fruttuoso esame di coscienza una domanda del tipo: «Guardiamo il mondo con gli occhi dei ricchi o con quelli del Povero, di quel Dio che si identifica col povero, con il bisognoso?». Non sarebbero scontati gli esiti. Certamente guarda con gli occhi dei ricchi chi trova nella figliolanza da Dio solo il diritto alla libertà (enfasi tipica del liberalismo di sempre) e non anche e primariamente la sorgente di tutti quei diritti inalienabili che esplicitano in modo concreto l unica dignità umana. Senza questa sorgiva attenzione, si finisce per dimenticare molto di quanto il neoliberismo oggi ci impone di dimenticare: che senza uguaglianza concreta dei diritti, senza uguaglianza tra gli uomini nella dignità, sparisce la giustizia perché domina la legge dei privilegiati, scompare la democrazia perché uomini forti e saggi credono di dovere reggere i popoli per mandato divino, si eclissa la stessa libertà perché diventa solo garanzia di prepotenza dei forti. Historia docet. 1

2 Guarda con gli occhi dei ricchi chi, avallando un sistema economico e politico che ha portato all attuale crisi dell Occidente, forse non si è reso conto che, dopo 60 anni dalla Dichiarazione dei diritti dell uomo, oggi i diritti si sono trasformati in privilegi per alcuni e in concessioni e caritàelemosina per la maggioranza degli umani. Non può non guardare con gli occhi dei ricchi chi sia spendendosi per la gente oppure sciupando il tempo ha uno stipendio portato a casa ( sostentamento clero ), chi non ha problemi di tetto, di pasto, di futuro, di medicine, di freddo, di vestiti, di macchine, di vacanze Una simile esperienza di benessere disabilita chiunque ad interessarsi per sapere cosa è povertà. Nonostante tutto però il miracolo esiste. Ci sono preti che riescono a guardare con gli occhi dei poveri. Uomini non solo poveri e capaci di incredibili condivisioni, ma davvero vicini ad ogni problema della povera gente, presenti dove si discute di un posto di lavoro, della dignità di una scuola, della chiusura di una fabbrica. Di più: esistono anche altri preti che intervengono a livelli più alti nel dare voce ai poveri. Quanti hanno un minimo di conoscenza della Dottrina sociale della Chiesa, non possono accettare acriticamente le teorie mercantilistiche che stabiliscono il giusto prezzo di tutto in base alle eterne leggi della domanda e dell offerta, aspettando dalla mano invisibile della concorrenza che eventuali disordini vengano corretti. Essi sanno, e lo predicano, che ci sono diritti dell uomo da rispettare, ci sono beni comuni non disponibili alle leggi del mercato, ci sono bisogni primari da soddisfare ad ogni costo perché legati allo stesso diritto primordiale alla vita. Si pensi al cibo e alla casa, alla salute e all educazione, all acqua e ad un terra non contaminata. Se nel modo di pensare tra noi ministri ordinati c è una certa pluralità di opinioni e di atteggiamenti, nel campo pratico la diversità può apparire contraddizione. Pare che la sensibilità sociale riesca a scomparire quando si tratta di cavare soldi dai risparmi investiti in banca o di mettere a frutto beni della parrocchia. Allora non si guarda più per il sottile e si cerca come fanno tutti la massimizzazione dei profitti. Come se vivessimo in una doppia morale: una cosa è affermare in linea di principio che i beni della terra ci sono per tutti, che l ordine economico deve essere giusto per permettere ad ogni creatura umana una vita dignitosa, altra cosa è la prudenza e la scaltrezza nel gestire i beni di questo mondo, nel far fruttare i beni che poi neppure ci appartengono, dato che sono di proprietà della chiesa parrocchiale o della diocesi. Non si possono avere scrupoli: si deve cercare quella banca che ci assicura un migliore interesse, tentare perché no? l investimento creativo, speculare sull andamento di titoli azionari. A meno che non ci si voglia impelagare in un gretto moralismo e non ci si candidi a farsi accusare di imperdonabile irresponsabilità. Si porta come argomento decisivo di tale atteggiamento (o come scusa di fronte alla propria coscienza) che per avere la possibilità di aiutare i poveri bisogna ragionare come ragionano i ricchi. Sono infatti gli unici esperti a far fruttare i talenti. E se davanti agli occhi si ha una massa di disgraziati vittime magari dei disastri provocati dal neoliberismo attuale a cui noi ci siamo affiancati finiamo anche noi per pensare che «non possiamo farci nulla contro le disgrazie innumerevoli della vita» parola di un vecchio realista prete e che «non possiamo farci intenerire dalle facce di questi clandestini che dovrebbero stare a casa loro e invece ci stanno invadendo» come si espresse in una assemblea di clero, senza che nessuno battesse ciglio, un direttore Caritas diocesano... Grazie a Dio, la maggior parte dei preti ha veramente ben altro da fare che giocare in borsa o tentare il colpaccio favorevole nell altalenare dei mercati mondiali. I nostri sacerdoti saranno magari ingenui in finanza, agiscono come tutti nelle banche, ma è raro che se ne trovi qualcuno a cui la gente appioppi il titolo di traffichino o di usuraio o di uomo d affari. Questo non ci esime dal chiederci cosa succede nell animo di un comune credente quando si imbatte in un prete affarista che trova magari mille motivi morali per ritardare il pagamento degli stipendi, che segna al minimo di legge i contratti di lavoro, che trova del tutto legittimo pagare a 180 giorni certe fatture di fornitori in difficoltà, o che affitta con criteri del tutto economici i locali della curia o dell ex Azione Cattolica. Già, cosa succede quando un battezzato scopre questo aspetto del clero, magari generalizzando a tutta la categoria ciò che sarebbe vizio o mancanza di uno? 2

3 Forse pensiamo poco che se è vero che Dio lo si incontra nelle persone, è anche vero che lo si può perdere a causa di persone concrete, anche a causa di uno sfratto targato chiesa. E non badiamo a sufficienza che l incontro di un uomo della strada con un rappresentante di Dio non è un incontro qualsiasi. Mai un prete agisce in nome proprio. A torto o a ragione, la gente ritiene che il prete non ha una sua vita privata. È sempre uomo di Dio, sempre rende visibile il sacro. Oppure lo nasconde e lo contraddice. E ancora: rendiamoci conto che per molta, per troppa gente, la Chiesa è il parroco, il vescovo di quel posto, oppure addirittura il prete con cui viene a contatto in modo più significativo. E allora, riteniamo da sopprimere la domanda se «nei nostri incontri di ministri ordinati con la gente siamo roccia della loro fede o pietra di inciampo?». Lo sappiamo bene che a nessuna categoria si richiede tanto in abnegazione, onestà, correttezza, dedizione amorevole, serenità, limpidezza come ai preti. Ma non diciamo noi stessi che il prete è alter Christus? Comunque che è unico nella sua vocazione a fare del Regno e della sua giustizia lo scopo e il significato della sua vita? Se è così, siamo costretti a pensare che la gente ha diritto di scandalizzarsi quando un prete agisce negli affari, come tutti, a prezzi di mercato, seguendo quella logica mondana che poi nelle sue prediche astratte condanna, brandendo magari paragrafi delle encicliche sociali dei papi. Il problema si propone come un autentico caso di coscienza ed acquista una sua vistosità quando lo stesso ministro ordinato, vescovo o prete che sia, amministra beni ecclesiastici o presiede agli uffici amministrativi della curia. In questo caso se non si hanno occhi penetranti non è raro che si dia scandalo, pur agendo nella più chiara legalità. Al di là degli aspetti personali e del tenore esterno di vita tenuto da chi materialmente tiene la cassa, le cose diventano davvero gravi perché sono in gioco consistenti beni ecclesiastici (palazzi, appartamenti, fondi, titoli azionari ) che il prete gestisce in nome della stessa Chiesa. Si tratta di cose enormi, se fosse vero che la Chiesa detiene un sesto dell intero patrimonio immobiliare italiano. Allora c è un dissidio: da una parte si vuole che i beni rendano, sovvengano alle molteplici necessità di una diocesi (formazione del clero, costruzione di nuove chiese, sussidi straordinari a parrocchie in difficoltà...), e dunque li si amministra col criterio del massimo profitto ; dall altra ci si rende conto che, così facendo, si offre il fianco allo scandalo, perché la durezza delle leggi economiche la gente giustamente pensa che si addica ai servi di Mammona, non ai ministri di Dio. Allo scandalo seguono giudizi anche sommari, ma sempre con un orecchio alle parole di quel Falegname di Nazareth che dichiarava che l uomo pone il cuore là dove ha «il suo tesoro». Nessuno nega che un edificio dismesso da un ordine religioso, un piccolo seminario ormai inutilizzato, un episcopio vuoto da decenni abbiano valore commerciale considerevole. Ma non dovrebbero anche avere un valore pastorale? Di testimonianza? Affidarli ad un palazzinaro amico è la soluzione giusta quando la Caritas diocesana non sa dove accogliere i figli di Dio allo sbando, o quando l unico centro sociale del quartiere è stato smantellato dall ultimo sindaco? C è o no il rischio che contrabbandiamo per virtù la stessa logica di accumulo? L «affanno per le ricchezze» può ingabbiare anche un prete, un consacrato. Ci sono intere province religiose come intere diocesi dove la manutenzione delle strutture, il reperimento dei fondi per restauri è la primaria preoccupazione di nuclei di consacrati, ridotti numericamente all osso, nel presenziare illustri edifici dei secoli passati. Non sempre la ristrutturazione è funzionale ad un investimento speculativo (un seminario minore, un convento trasformato in albergo per turismo religioso ), a volte si tratta di tenere in piedi, perché non cada a pezzi, proprio un pezzo di storia dell Ordine, di una diocesi. È fondata l impressione che questa sorveglianza ai mattoni sia quasi fine a se stessa, dato che subordina a sé lo stesso servizio pastorale. La cosa ha una spiacevole ricaduta. È così preponderante questa cura di case ed edifici storici che nella scelta dei responsabili, perfino dei superiori di una casa religiosa, si deputano coloro che coi soldi ci sanno fare, anche se non proprio molto inclini ad una vita interiore sentita ed esemplare. L uomo di cui l istituzione ha bisogno finisce per essere non più l uomo saggio e santo, ma l uomo esperto nelle cose del mondo, che gli affari li sa concludere. Salvo magari ritrovarsi in perdite miliardarie per investimenti azzardati. 3

4 Per quanto ci possa dispiacere ammetterlo, è un dato di fatto che con troppa facilità la gente (anche battezzata e non ostile al Vangelo) vede nella Chiesa un gruppo di potere, di pressione economica, mai sazia di soldi dello stato, in possesso essa stessa di immensi beni; e dunque ricca ed amica dei ricchi. In altri termini, serva di quel dio-denaro che essa, secondo il Vangelo, dovrebbe detronizzare. Tutti abbiamo incontrato ministri ordinati che, in merito a problemi come questi, si trincerano dietro la convinzione che la gente «è piena di pregiudizi» e che è da folli andarci dietro. Sarà magari così. Ma vogliamo negare che questi pregiudizi hanno, purtroppo, un fondamento? O vogliamo dimenticare che la testimonianza richiesta da Gesù è nell ordine anche della visibilità esterna, e non dell interiorità nota solo a Lui? C è spesso uno squilibrio o una adolescenziale sprovvedutezza nell uso del denaro. Lo si dilapida in oggetti di facciata, in uffici arredati all ultimo design, in sciocchezze vanitose che indicano ridicoli raggiungimenti di status superiori. Può anche girare in diocesi l idea che il prete è qualcuno soprattutto se trova soldi, se edifica case, se crea beni che rendono. Tutto ciò rende patetica una omelia che proclamasse la predilezione di Gesù per i poveri Restiamo perplessi di fronte a cose simili, e ne abbiamo il diritto. Ci impelagheremo in difese apologetiche che almeno ridimensionino cifre e metri quadrati e spieghino che in fondo questi beni ricchi sono a servizio dei poveri? Non è invece più consono alla natura stessa della Chiesa interrogarci se una pastorale adeguata ed un annunzio più puro del Vangelo non esigano interventi propositivi perché la Chiesa non solo sia povera ma sia vista tale agli occhi dei poveri? L attuale crisi economica mondiale che sta creando miliardi di nuovi poveri non può considerarsi una Parola detta alla stessa Chiesa oggi? È lecito continuare nelle nostre dinamiche finanziare come se nulla succedesse sotto i nostri occhi? Vecchi ricordi di teologia morale ci rassicurano sulla legittimità della nostra gestione, almeno nella maggioranza dei casi. Ma badiamo forse poco al fatto che lo stesso popolo di Dio è disposto a perdonare molto al prete, perfino le sue fin troppo umane debolezze, perfino scivolamenti affettivi, ma non quell attaccamento al denaro che di solito gli rimprovera o che constata anche in religiosi che personalmente vivono in austera povertà. Che fare? Quali criteri seguire? Si può oltrepassare in questo campo la weberiana etica della responsabilità e seguire principi che mostrino concretamente la Chiesa non conforme agli «schemi di questo mondo» ma conforme al suo Signore? Ritorniamo così a parlare di un problema che occupa e preoccupa la Chiesa fin dalle sue origini, ma che oggi sembra decisivo per le sorti dell umanità, se è vero che l attuale globalizzazione economica, gli attuali sistemi di mercato sono alla base dell impoverimento del pianeta nel periodo della sua massima complessiva ricchezza. Ci è difficile, molto difficile, parlare della povertà e della priorità dell uomo, quando concretamente noi inseriamo nella logica perversa dei ricchi quei beni che la gente ha dato per i poveri della Chiesa. Ci rendiamo conto che il problema è complesso, ed è insieme decisivo per la nostra credibilità. Noi riteniamo che una sorta di voto di povertà e gratuità sia connaturale con la vocazione e la missione del battezzato, soprattutto di quanti vogliono fare dell annunzio del Vangelo l unico orizzonte della loro vita. E che altro è un prete? Ma riteniamo pure che se la comunità credente si vuole efficacemente inserire nella ricerca di una nuova economia che salvaguardi la priorità della vita sul pianeta, deve trovare altre direttive per l amministrazione dei suoi beni, altri criteri nei propri investimenti. Sarebbe paradossale (ed è capitato!) che si aiutino i disastrati di una guerra con i proventi di un investimento bancario che ha finanziato quella guerra. Non bastano i consulenti economici, non bastano i consigli di amministrazione composti anche da laici se non c è una spiritualità del denaro, perfino un qualche gusto per la civiltà della povertà termine oscuro questo, ce ne rendiamo conto, e che esigerebbe ben altro spazio. Nulla basta a dissolvere il 4

5 pericolo dello scandalo se non ci si convince, in qualche modo, che i beni di Dio non possono essere amministrati secondo i criteri degli uomini. La monografia a questo soltanto tende, a porre qualche domanda perché l amministrazione dei beni finisca di sfigurare il volto vero della Chiesa: presenza del Povero lungo i secoli. Non solo, ma diventi occasione dell annunzio di un Vangelo che, salvando nella storia, costruisce una storia di salvezza. Il problema che stiamo trattando non attiene solo alla teologia morale e pastorale. Tocca la fede. Dobbiamo prendere coscienza che le critiche di papa Wojtyla al neoliberismo si pensi alla Centesimus Annus sono servite a ben poco. Forse solo a rafforzare la sua leadership personale, e ad accrescere quel vano prestigio dei chierici che, proditoriamente quasi, hanno fatto propri il coraggio e la lungimiranza del defunto papa, senza però arrivare mai a significativa conversione. Dichiarazioni come quelle, e anche più esplicite, servono a poco se esse non vengono supportate dalla pratica coerente dei cristiani e, in particolare, di quei ministri ordinati preposti alla gestione dei beni ecclesiastici. Il mondo oggi è solo finanza. O ci si sgancia dalla sua logica bottegaia e si contesta così il predominio di Mammona, o lo si segue, decretando così lo svuotamento del Vangelo. Siamo convinti che questo sganciamento dal sistema è solo il primo passo. Dovrà necessariamente seguirne un altro: quella nuova evangelizzazione che tende a confrontarsi con la vecchia cultura signorile diseguale e ingiusta, per ribaltarla in una cultura della solidarietà e del puntiglioso rispetto del diritto alla vita umana di ogni creatura sotto qualsiasi cielo. Per evitare che gli anni 2000 continuino la barbarie del 900, il secolo breve, è fondamentale che il cristianesimo diventi annuncio di un uomo nuovo che, sentendosi uguale a ogni altro uomo, non ha bisogno né di tirannia e schiavitù, né di sfruttamento e dominio. Un uomo disposto a porre al centro di tutto l irriducibilità di ogni volto che apre alla comunicazione e predispone al rispetto di ogni diversità. Un uomo dunque che non calcola più il suo sviluppo in termini di Prodotto Interno Lordo (Pil), ma di qualità di vita e di umanità. Per quanto ci riesca difficile spiegarci in questa sede, avvertiamo che questo cambiamento di cultura non è certamente stato operato. Non sappiamo neppure se è stato iniziato. Solo in una minoranza umana va facendosi strada negli ultimi cinquant anni, e al di là di ogni fede professata. Anzi, questa strana tribù di folli, che crede nell uomo-servo (cioè nell uomo che è tale perché relazione, dono, servizio a un fratello che, in fondo, è uno con lui, è lui così come ha indicato Gesù di Nazareth), questa genia di stravaganti idioti destinati ad auto crocifiggersi, è continuamente minacciata dall establishment e da quei nuclei agguerriti che inaugurano il nuovo razzismo. Anche il nuovo emergente razzismo cristiano. «Questi idealisti sono una razza in estinzione», proclamava sicuro il direttore di un quotidiano. Sarebbe la storia, la storia che viviamo, a togliere loro la parola. Sarà vero, ma da ciò non ne ricaviamo nessun senso di sconfitta. Diciamo solo che prima ancora della difesa dei conclamati valori che stanno a cuore ai cattolici, c è da operare questa rivoluzione. Senza di essa i valori restano ambigui o vuoti. Il mondo non ha bisogno di una pace americana o occidentale, neppure di una pace islamica (sarebbe tirannia), ma di pace, sic et simpliciter. Gli uomini non hanno bisogno di un dio, ma del Dio di Gesù, fondamento e custode della dignità di ogni uomo. Non abbiamo bisogno di un ulteriore progresso tecnico per pochi eletti, ma dell estensione al pianeta delle mete raggiunte. Non ci serve affatto un qualsiasi lavoro (in fabbriche di armi, prostituzione, esercito, lavoro minorile, in nero ); ci serve un lavoro che costruisca la vita e restauri questo pianeta devastato. Soprattutto non abbiamo bisogno della libertà dei ricchi e dei potenti, così proclive a trasformarsi in tirannica legge della giungla, ma di libertà umana che sia sempre in grado di percepire domande e dare risposte (la responsabilità!) a ogni compagno di cammino. Se questo ribaltamento culturale è autentica missione della Chiesa intera, pare ovvio concludere che un tale compito si presenta particolarmente difficile quando essa stessa ha una rapporto ambiguo, non esclusivamente evangelico, col denaro, la ricchezza, i mattoni. Parafrasando le parole di un prete, forse dobbiamo confessare che è tempo di smetterla di leggere il Vangelo come se non avessimo soldi, e di servirci dei soldi come se non sapessimo nulla del Vangelo. (F. S.) 5

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti Giuseppe DARDES in occasione del seminario di formazione per parroci - Pianezza, 24 febbraio 2003.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

Anno della Misericordia

Anno della Misericordia Parrocchia San Giuseppe Calasanzio Padri Scolopi Via Don Gnocchi 16 - Milano Tel 02-4075933 www.parrocchiacalasanzio.it e-mail: info@parrocchiacalasanzio.it Progetto pastorale 2015-2016 Anno della Misericordia

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

I LAICI: QUALE MISSIONE?

I LAICI: QUALE MISSIONE? Adérito Gomes Barbosa, scj I LAICI: QUALE MISSIONE? 1. I laici nella storia della Chiesa Nei tempi apostolici, i ministeri di base erano: il servizio della parola (profeti, evangelizzatori e dottori);

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità 1 4. 23 dicembre 2013: La sinodalità Una volta precisata la natura della parrocchia come comunità ecclesiale, e del sacerdote parroco come pastore del popolo, passo a vedere come si debba affrontare al

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI

Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Via Reich, 14 Torre Boldone Bg. circolodonsturzotb@gmail.com DOCUMENTI Serata culturale organizzata dal Circolo Politico Culturale Don Luigi Sturzo Venerdì 29

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Dilecti amici Carissimi giovani

Dilecti amici Carissimi giovani 5 INDICE Dilecti amici 1. Auguri per l anno della gioventù 9 2. Cristo parla con i giovani 12 3. La giovinezza è una ricchezza singolare 15 4. Dio è amore 19 5. La domanda sulla vita eterna... 22 6....

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Diocesi Firenze Caritas diocesana Firenze Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Caritas diocesana Firenze 1 Il Laboratorio

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA Art. l: NATURA ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA La Caritas Diocesana è l'organismo pastorale istituito dal Vescovo per promuovere e favorire nella Chiesa Diocesana la nuova evangelizzazione

Dettagli

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984

Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 Eucaristia-Ministri Straordinari-Norme-1984 NORME PER I MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE L.V.D. LXXV (1984) pp. 373-380 L Eucaristia è sorgente e vertice di tutta la vita cristiana, ed è fonte dell

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO DEL PRESEMINARIO S. PIO X

IL PROGETTO EDUCATIVO DEL PRESEMINARIO S. PIO X Nella pedagogia degli anni 70 qualcuno arrivava a parlare di una impossibilità di scelta in età infantile e adolescenziale, e di conseguenza riteneva che il Preseminario (e anche il seminario minore) non

Dettagli

SEMINARIO. Giovedì, 9 ottobre 2014. Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano)

SEMINARIO. Giovedì, 9 ottobre 2014. Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano) SEMINARIO Giovedì, 9 ottobre 2014 Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano) La proposta di nuovi modelli di santità coniugale potrebbe favorire la crescita delle persone all interno di un tessuto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria AZIONE CATTOLICA ITALIANA Arcidiocesi di Bari-Bitonto XIV Assemblea Diocesana Ordinaria VIVERE LA FEDE, AMARE LA VITA 1 INTRODUZIONE 1.1 Le persone fanno sempre più fatica a dare un senso profondo all

Dettagli

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 COOPERAZIONE CON I LAICI NELLA MISSIONE [331] 1. Una lettura dei segni dei tempi dopo il Vaticano II indica in maniera inequivocabile che la Chiesa del terzo millennio

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA

CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA CAMILLO CARD. RUINI Famiglia e comunità cristiana: formazione della persona e trasmissione della fede Relazione conclusiva del Cardinale Vicario Basilica di San Giovanni

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

La quotidianità di Giorgio

La quotidianità di Giorgio Giorgio La Pira La Storia Nella vita di Giorgio La Pira, spicca l'eccezionale personalità di un uomo ispirato dalla vocazione, votato alla pace e alla fratellanza, che seppe coniugare gli ideali del cattolicesimo

Dettagli

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO PASTORALE 12 dicembre 2013

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO PASTORALE 12 dicembre 2013 Nei giorni 5 e 12 dicembre 2013 è stato convocato il Consiglio Pastorale della Comunità per riflettere sul questionario proposto quale strumento di lavoro per il Sinodo Straordinario sulla Famiglia indetto

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006 DIOCESI DI PATTI RENDICONTO RELATIVO ALLA EROGAZIONE DELLE SOMME ATTRIBUITE ALLA DIOCESI DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA EX ART. 47 DELLA LEGGE 222/1985 PER L ANNO 2006 EROGAZIONE DELLE SOMME DERIVANTI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Diocesi di Roma GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015

Diocesi di Roma GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015 Diocesi di Roma SERVIZIO PER LA PROMOZIONE DEL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA CATTOLICA «UN CAMMINO DI FRATELLANZA!» GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015 16/11/2015 Come

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Identità di un Centro di Ascolto in 15 note

Identità di un Centro di Ascolto in 15 note Identità di un Centro di Ascolto in 15 note La costruzione 1) Occhio e Orecchio della parrocchia 2) Centro di aggregazione 3) Nucleo operativo 4) Segno di Chiesa Un C.d.A. è la parte iniziale di un più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

PARROCCHIA S.AGOSTINO BILANCIO PREVENTIVO

PARROCCHIA S.AGOSTINO BILANCIO PREVENTIVO DIOCESI DI GUBBIO PARROCCHIA S.AGOSTINO BILANCIO PREVENTIVO delle Entrate e delle Uscite PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 Cod. Parte 1 - ENTRATE PREVENTIVO DELLE ENTRATE OGGETTO DEGLI STANZIAMENTI Bilancio

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

PRESUPPOSTI DOTTRINALI

PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità ecclesiale celebra le proprie Liturgie, ma nello stesso tempo non si dà pace, finché ci saranno fratelli e sorelle nella sofferenza spirituale e materiale" PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli