Rassegna Stampa. Martedì 25 Febbraio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Martedì 25 Febbraio 2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa Martedì 25 Febbraio 2014

2 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione 46 La vigilanza collaborativa di Covip (Servidio Laura) 1 52 Fondi sanitari: chi finanzia la sanità? (Servidio Laura) 60 UniSalute apre la strada al fondi aperti (Servidio Laura) Previdenza Sole 24 Ore (Il) 25/02/ Domande&Risposte - Con il cumulo la pensioe parte subito (Venanzi Fabio) 7

3 Estratto da pag. 46 SENZA ENTRARE NELLE DECISIONI GESTIONALI DEI SOGGETTI VIGILATI, LA COMMISSIONE DI VIGILANZASUI FONDI PENSIONE GARANTISCE, CON RIGORE E IN OTTICA DI COLLABORAZIONE, LA TRASPARENZA, IL RISPETTO DELLE REGOLE E UNO STIMOLO ALLO SVILUPPO DEL SETTORE LA VIGI LANZA COLLABORAT! VA DI COVI P SENZA ENTRARE NELLE DECISIONI GESTIONALI DEI SOGGETTI VIGILATI, LA COMMISSIONE DI VIGILANZASUI FONDI PENSIONE GARANTISCE, CON RIGORE E IN OTTICA DI COLLABORAZIONE, LA TRASPARENZA, IL RISPETTO DELLE REGOLE E UNO STIMOLO ALLO SVILUPPO DEL SETTORE Progetti trasparenti e conformi alle garanzie di legge, da valutare con un approccio dinamico. In quest'ottica Covip tutela il buon funzionamento dei fondi pensione, per i sei milioni di iscritti alla previdenza complementare. "Il nostro - spiega Rino Tarelli, presidente Covip - è un compito molto delicato: vigilare, in modo attivo e oculato sulle forme promosse e gestite dalle imprese di assicurazioni (fondi aperti, Pip), per garantire la trasparenza e il rispetto delle regole, pur senza entrare nei profili assicurativi e nelle scelte gestionali". Negli anni, l'attività di Covip si è andata evolvendo. "Accanto all'attività più strettamente formale, abbiamo valorizzato un approccio più orientato alla valutazione dei fattori di rischio, svolgendo anche un ruolo proattivo di stimolo nei confronti degli organi dei fondi pensione, finalizzato all'adozione delle migliori pratiche del settore. La nostra attività è di vigilare, in modo fermo, sulle scelte fatte, ma sempre in modo collaborativo, per garantire il miglior andamento del settore: un atteggiamento gradito sia ai fondi pensione sia alle casse private, che hanno apprezzato l'assenza di una contrapposizione di principio. Inoltre, nell'ambito dell'attività di vigilanza, abbiamo dato maggiore rilievo all'analisi della struttura organizzativa, dei processi di lavoro e delle procedure informatiche". VERSO UN WELFARE INTEGRATO L'evoluzione di Covip potrebbe non esaurirsi qui. "Dobbiamo prepararci a un futuro di welfare integrato: se, fino ad oggi, l'attenzione della politica è stata orientata alla sostenibilità del sistema sociale, solo in chiave pensionistica, ora è urgente intervenire anche riguardo SENZA ENTRARE NELLE DECISIONI GESTIONALI DEI SOGGETTI VIGILATI, LA COMMISSIONE DI VIGILANZASUI FONDI PENSIONE GARANTISCE, CON RIGORE E IN OTTICA DI COLLABORAZIONE, LA TRASPARENZA, IL RISPETTO DELLE REGOLE E UNO STIMOLO ALLO SVILUPPO DEL SETTORE Progetti trasparenti e conformi alle garanzie di legge, da valutare con un approccio dinamico. In quest'ottica Covip tutela il buon funzionamento dei fondi pensione, per i sei milioni di iscritti alla previdenza complementare. "Il nostro - spiega Rino Tarelli, presidente Covip - è un compito molto delicato: vigilare, in modo attivo e oculato sulle forme promosse e gestite dalle imprese di assicurazioni (fondi aperti, Pip), per garantire la trasparenza e il rispetto delle regole, pur senza entrare nei profili assicurativi e nelle scelte gestionali". Negli anni, l'attività di Covip si è andata evolvendo. "Accanto all'attività più strettamente formale, abbiamo valorizzato un approccio più orientato alla valutazione dei fattori di rischio, svolgendo anche un ruolo proattivo di stimolo nei confronti degli organi dei fondi pensione, finalizzato all'adozione delle migliori pratiche del settore. La nostra attività è di vigilare, in modo fermo, sulle scelte fatte, ma sempre in modo collaborativo, per garantire il miglior andamento del settore: un atteggiamento gradito sia ai fondi pensione sia alle casse private, che hanno apprezzato l'assenza di una contrapposizione di principio. Inoltre, nell'ambito dell'attività di vigilanza, abbiamo dato maggiore rilievo all'analisi della struttura organizzativa, dei processi di lavoro e delle procedure informatiche". VERSO UN WELFARE INTEGRATO L'evoluzione di Covip potrebbe no all'assistenza sanitaria integrativa, laddove l'aspettativa di vita avanza, la decrescita della fertilità riduce il ricambio generazionale, i bisogni sono inversamente proporzionali alla disponibilità di risorse e la non autosufficienza rappresenta un costo e un peso sensibile. E, se ora, gli aspetti previdenziali sono molto ben disciplinati, così non è per l'assistenza sanitaria integrativa, dove c'è confusione, in alcuni casi, poca scrupolosità e un maggior bisogno di tutele e di trasparenza. Servono regole certe e un'autorità di vigilanza al di sopra delle parti che abbia l'autorevolezza e i poteri necessari per vigilare, così come già accade per la previdenza complementare. In questo senso - conclude il presidente Tarelli - Covip può rappresentare il naturale soggetto preposto a questa funzione: una soluzione di garanzia, trasparenza ed economicità, visti gli incoraggianti risultati già ottenuti con la previdenza". esaurirsi qui. "Dobbiamo prepararci a un futuro di welfare integrato: se, fino ad oggi, l'attenzione della politica è stata orientata alla sostenibilità del sistema sociale, solo in chiave pensionistica, ora è urgente intervenire anche riguardo SENZA ENTRARE NELLE DECISIONI GESTIONALI DEI SOGGETTI VIGILATI, LA COMMISSIONE DI VIGILANZASUI FONDI PENSIONE GARANTISCE, CON RIGORE E IN OTTICA DI COLLABORAZIONE, LA TRASPARENZA, IL RISPETTO DELLE REGOLE E UNO STIMOLO ALLO SVILUPPO DEL SETTORE Progetti trasparenti e conformi alle garanzie di legge, da valutare con un approccio dinamico. In quest'ottica Covip tutela il buon funzionamento dei fondi pensione, per i sei milioni di iscritti alla previdenza complementare. "Il nostro - spiega Rino Tarelli, presidente Covip - è un compito molto delicato: vigilare, in modo attivo e oculato sulle forme promosse e gestite dalle imprese di assicurazioni (fondi aperti, Pip), per garantire COVIP, TUTELA E ANALISI la trasparenza e il ris stituita nel 1993, Covip ha acquisito la personalità giuridica di diritto pubblico nel 1996 e, dal 2011, svolge anche un'attività di analisi sulle casse professionali privatizzate una relazione che va poi presentata esclusivamente al ministro del Lavoro e al ministro dell'economia etto delle regole, pur senza entrare nei profili assicurativi e nelle scelte gestionali". Negli anni, l'attività di Covip si è andata evolvendo. "Accanto all'attività più strettamente formale, abbiamo valorizzato un approccio più orientato alla valutazione dei fattori di rischio, Fondi pensione Pag. 1

4 Estratto da pag. 52 Fondi sanitarì: CHI FINANZIA L A SAN ITA UN MODELLO DI WELFARE INTEGRATIVO CHE UTILIZZI L'IMPIANTO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE ANCHE PER LA SALUTE. PER LA QUALE URGE UN VERO E PROPRIO SECONDO PILASTRO, CHE PRIVILEGI GLI STRUMENTI CHE TUTELANO I BISOGNI NON COPERTI DAL PUBBLICO. QUESTA LA STRADA PER SOSTENERE IL PESO DEL COMPARTO, IN ITALIA, SECONDO CENSIS ED ESPERTI DI SETTORE di LAURA SERVIDIO di LAURA SERVIDIO Su una spesa complessiva di 800 miliardi di euro, l'italia utilizza, per il welfare, il 49% ovvero 390 miliardi, di cui 110, per la sola sanità, equivalenti a euro procapite. "Su un Pil di miliardi di euro - spiega Alberto Brambilla, coordinatore del comitato tecnico scientifico di Itinerari Previdenziali - questo si traduce in un'incidenza sulla ricchezza del 29%, a cui si aggiunge il fatto che, nella sola Lombardia, sei milioni di abitanti non pagano il ticket sanitario, gravando sui restanti tre milioni. di LAURA SERVIDIO Su una spesa complessiva di 800 miliardi di euro, l'italia utilizza, per il welfare, il 49% ovvero 390 miliardi, di cui 110, per la sola sanità, equivalenti a euro procapite. "Su un Pil di miliardi di euro - spiega Alberto Brambilla, coordinatore del comitato tecnico scientifico di Itinerari Previdenziali - questo si traduce in un'incidenza sulla ricchezza del 29%, a cui si aggiunge il fatto che, nella sola Lombardia, sei milioni di abitanti non pagano il ticket sanitario, gravando sui res Fondi pensione Pag. 2

5 Estratto da pag. 52 Risultato: il costo per il welfare e, in particolare per la È naturale chiedersi chi finanzia questa spesa: "il 52,64% dell'irpef è a carico di appena il 15,68% dei contribuenti: solo il 50% degli italiani presenta la dichiarazione dei redditi (31 milioni) e, di questi, quelli che sostengono il Paese sono il 16% scarso". Una situazione insostenibile per un cittadino che, oltre a pagare i tributi, deve sostenere anche i costi per le prestazioni sanitarie: "se 40 milioni di italiani - conferma Brambilla non pagano né imposte né servizi, pur costando euro a testa, è necessario riversare sui restanti 20 milioni di abitanti il costo della sanità". Anche in materia di ticket sanitari, sono moltissime le agevolazioni e le esclusioni: al sud, la maggior parte non paga alcun ticket, il che spesso provoca un uso abnorme sia di visite sia di medicinali. La Lombardia non fa eccezione, oltre sei milioni non pagano il ticket scaricando sul resto della popolazione costi elevati. "Occorre - continua Brambilla - che lo Stato si adoperi per agevolare il concetto di welfare integrativo e complementare attraverso un'opera di formazione e cultura, veicolata attraverso i media e la scuola, con l'obiettivo di far capire che, continuando così, non esisterà più il welfare di Stato". Qui si inserisce il discorso della sanità integrativa, laddove - secondo il Censis - l'80% degli italiani non è in grado di fronteggiare un evento imprevisto. "In Italia spiega Carla Collicelli, vice direttore Censis la spesa privata aggiuntiva per le prestazioni non coperte è, per Y87%, a carico di pazienti e famiglie, mentre, in altri contesti, esistono forme di copertura assicurativa e inte-carla Collicelli, vicedirettore Censis Carla Collicelli, vicedirettore Censis grativa già consolidate. Da qui l'interesse per un processo di rilancio dei Fondi sanitari integrativi: un comparto che, ad oggi, tutela solo alcune categorie privilegiate, con prestazioni prevalentemente sostitutive rispetto a quanto offerto dal sistema pubblico. Risorse che potrebbero essere meglio impiegate per offrire ciò che il sistema pubblico non da. Siamo in sostanza ancora lontani dalla costituzione di un vero e proprio secondo pilastro della copertura socio-sanitaria, da ripensare rapidamente, specie a favore dei fondi che tutelano i bisogni meno coperti dal pubblico". UN PROBLEMA DI SOVRAPPOSIZIONE Nel quadro della sussidiarietà in sanità, la questione dei Fondi sanitari integrativi è cruciale per tre ordini di motivi, secondo Collicelli: "il peso della spesa privata out of pocket, con cui le famiglie e gli individui pagano di tasca propria ciò che non riescono a ottenere dal servizio pubblico; la continua crescita della spesa sanitaria pubblica e del suo fabbisogno, spesso disatteso, con i noti problemi di disavanzo delle finanze regionali; l'emergenza sociale di patologie e ambiti di cura fino ad oggi rimasti nascosti nelle pieghe dell'autotutela individuale e fami- Carla Collicelli, vicedirettore Censis grativa già consolidate. Da qui l'interesse per un processo di rilancio dei Fondi sanitari integrativi: un comparto che, ad oggi, tutela solo alcune categorie privilegiate, con prestazioni prevalentemente sostitutive rispetto a quanto offerto dal sistema pubblico. Risorse che potrebbero essere meglio impiegate per offrire ciò che il sistema pubblico non da. Siamo in sostanza ancora lontani dalla costituzione di un vero e proprio secondo pilastro della copertura socio-sanitaria, da ripensare rapidamente, specie a favore dei fondi che tutelano i bisogni meno coperti dal pubblico". UN PROBLEMA DI SOVRAPPOSIZIONE Nel quadro della sussidiarietà in sanità, la questione dei Fondi sanitari integrativi è cruciale per tre ordini di motivi, secondo Collicelli: "il peso della spesa privata out of pocket, con cui le famiglie e gli individui pagano di tasca propria ciò che non riescono a ottenere dal servizio pubblico; la continua crescita della spesa sanitaria pubblica e del suo fabbisogno, spesso disatteso, con i noti problemi di disavanzo delle finanze regionali; l'emergenza sociale di patologie e ambiti di cura fino ad oggi rimasti nascosti nelle pie Fondi pensione Pag. 3

6 Estratto da pag. 52 liare, quali l'assistenza ai non autosufflcienti, disabili e malati psichici, con elevati costi indiretti (che comportano una perdita di risorse lavorative o di altro genere) e intangibili (sofferenza psichica e fisica) per le famiglie, e delle cure odontoiatriche, considerate indispensabili e finanziate dai diretti interessati, con parcelle molto esose, nel 92% dei casi". Nel frattempo, in sanità, si continuano a registrare inefficienze e sprechi di risorse, dati dalla sovrapposizione tra le prestazioni coperte dai fondi sanitari integrativi e quelle offerte dal sistema pubblico universalistico e, su una platea di aventi diritto di circa sei milioni di iscritti (che diventano 12 milioni con i familiari), si può capire quanto ingente sia l'area di sovrapposizione. "Una strada utile - propone il vice direttore di Censis - può essere il ripensamento del welfare contrattuale e aziendale in chiave di integrazione tra previdenza, assistenza e sanità, visto che i bisogni sono sempre più spesso integrati". LEVA FISCALE E NORMATIVA Occorre, però, non solo guardare alla sanità integrativa, ma anche alla riduzione del carico fiscale. "È necessario - spiega Brambilla - che tutti i lavoratori godano di ampi sgravi fiscali: ad oggi, il lavoratore dipendente ha la deducibilità della spesa sanitaria fino a euro, mentre il lavoratore autonomo ha la detraibilità fino a 1.291; siamo, quindi, di fronte a una situazione di incostituzionalità a svantaggio anche del servizio pubblico: se il 25% della popolazione aderisse ai fondi sanitari si produrrebbe una riduzione delle liste di attesa". Altro problema, la normativa sulla sanità integrativa. "Serve - spiega Federica Rambaldi, partner di Jenny. Avvocati Studio legale associato - un'armonizzazione della disciplina dei fondi sanitari contrattuali, quali enti, casse e società di mutuo soccorso con finalità assistenziale e dei fondi sanitari integrativi, che sono disincentivati a creare forme di integrazione, perché mancano di UN'OPPORTUNITÀ PER I CANALI DISTRIBUTIVI UN'OPPORTUNITÀ PER I CANALI DISTRIBUTIVI Le prospettive per i fondi sanitari sono molto interessanti in quanto strumento di primaria importanza nel rapporto tra il cittadino e il bisogno di assistenza sanitaria, anche se le attuali condizioni potrebbero ostacolarne la loro evoluzione, soprattutto per quelle categorie che non rientrano nella definizione di lavoratore dipendente "In particolare - spiega Federica Rambaldi, partner di Jenny Avvocati Studio legale associato, i fondi sanitari rappresentano un'allettante opportunità per gli attuali canali distributivi, che possono incasellare nelle loro competenze anche il collocamento di piani di assistenza sanitaria un settore poco esplorato, dove si iniziano a scorgere atteggiamenti concorrenziali da parte di canali distributivi alternativi a quelli professionali, creati appositamente per il settore dei fondi sanitari e delle società di mutuo soccorso Questo rappresenta un monito per le associazioni di categoria - conclude - che dovrebbero sensibilizzare maggiormente i propn associati e fornire maggiore cultura sul tema" UN'OPPORTUNITÀ PER I CANALI DISTRIBUTIVI Le prospettive per i fondi sanitari sono molto interessanti in quanto strumento di primaria importanza nel rapporto tra il cittadino e il bisogno di assistenza sanitaria, anche se le attuali condizioni potrebbero ostacolarne la loro evoluzione, soprattutto per quelle categorie che non rientrano nella definizione di lavoratore dipendente "In particolare - spiega Federica Rambaldi, partner di Jenny Avvocati Studio legale associato, i fondi sanitari rappresentano un'allettante opportunità per gli attuali canali distributivi, che possono incasellare nelle loro competenze anche il collocamento di piani di assistenza sanitaria un settore poco esplorato, dove si iniziano a scorgere atteggiamenti concorrenziali da parte di canali distributivi alternativi a quelli professionali, creati appositamente per il settore dei fondi sanitari e delle società di mutuo soccorso Questo rappresenta un monito per le associazioni di categoria - conclude - che dovrebbero sensibilizzare maggiormente i propn assoc Fondi pensione Pag. 4

7 Estratto da pag MILIARDI sanità l NUMERI DELLA SPESA PUBBLICA 110 MILIARDI sanità una normativa organica, senza dire che, per la disciplina di questi fondi, non vi è ancora la normativa attuativa, tra cui l'indicatore quantitativo sugli ambiti di intervento A compromettere il ruolo della sanità integrativa contribuisce anche la mancanza di una definizione univoca di prestazioni integrative, sostitutive e complementari al servizio sanitario nazionale, erogabili in favore dei cittadini e dei lavoratori dipendenti "Qui esistono potenziali sinergie tra previdenza e assistenza nella fase gestionale e amministrativa dei fondi samtari, finalizzata a un contenimento dei costi Su questo, però, bisognerebbe coinvolgere Covip" Sempre m tema di normativa, sarebbe sufficiente, secondo Brambilla, utilizzare la legislazione che regola la previdenza complementare, m una logica di integrazione tra sanità e previdenza complementare Una normativa - propone - che preveda l'aggancio dei coefficienti 110 MILIARDI sanità una normativa organica, senza dire che, per la disciplina di questi fondi, non vi è ancora la normativa attuativa, tra cui l'indicatore quantitativo sugli ambiti di intervento A compromettere il ruolo della sanità integrativa contribuisce anche la mancanza di una definizione univoca di prestazioni integrative, sostitutive e complementari al servizio sanitario nazionale, erogabili in favore dei cittadini e dei lavoratori dipendenti "Qui esistono potenziali sinergie tra previdenza e assistenza nella fase gestionale e amministrativa dei fondi samtari, finalizzata a un contenimento dei costi Su questo, però, bisognerebbe coinvolgere Covip" Sempre m tema di normativa, sarebbe sufficiente, secondo Brambilla, utilizzare la legislazione che regola la previdenza complementare, m una logica di integrazione tra sanità e previdenza complementare Una normativa - propone - che preveda l'agga di trasformazione e dell'età pensionabile alla speranza di vita (e non dell'anzianità contributiva, come previsto dalla riforma Fornero) e che preveda, per tutte le categorie, la medesima norma, gli stessi sgravi fiscali e il medesimo controllo sui fondi, effettuato dalla stessa autorità di controllo (Covip) Basterebbero questi quattro elementi per consentire sia lo sviluppo della sanità integrativa sia l'attività dei canali distributivi", conclude Brambilla SUSSIDIARIETÀ E NUOVI BISOGNI L'evoluzione del sistema di welfare passa anche per l'applicazione del principio costituzionale di sussidianetà, abbandonando l'attuale meccanismo di riparazione, utilizzato per porre riparo all'inefficienza del sistema pubblico "il legislatore - spiega Rambaldi - non può pensare che le consuetudim, create dall'associazionismo di categoria, possano rappresentare gli interessi dell'intera collettività e sopperire al bisogno assistenziale e previdenziale latente" Secondo Collicelli, è necessario gestire il passaggio dalla protezione pubblica alla sussidianetà m un mix tra pubblico e privato, con una maggiore attenzione ai bisogni m continua modificazione e al ruolo dei nuovi soggetti di responsabilità collettiva, collocati nell'area del terzo settore "In particolare, occorrerebbe che le parti sociali abbracciassero un'ottica di responsabilità concertativa, di poliarchia, di attenzione alle nuove forme di bisogno e ai soggetti tradizionalmente non rappresentati, che gli individui, le famiglie e le imprese fossero messi nelle condizioni di sviluppare una cultura del rischio e della sussidianetà sociale di tipo attivo e promozionale, oltre il garantismo e il corporativismo, che lo Stato si predisponesse a sgonfiarsi nel livello gestionale, ma a rafforzarsi nel ruolo di coordinamento e di collaborazione tra funzioni distinte tra loro, che si lavorasse seriamente a progetti di welfare locale e territoriale autogestiti dal basso, contro le logiche piramidali e i conflitti inter istituzionali, cio dei coefficienti 110 MILIARDI sanità una normativa organica, senza dire che, per la disciplina di questi fondi, non vi è ancora la normativa attuativa, tra cui l'indicatore quantitativo sugli ambiti di intervento A compromettere il ruolo della sanità integrativa contribuisce anche la mancanza di una definizione univoca di prestazioni integrative, sostitutive e complementari al servizio sanitario nazionale, erogabili in favore dei cittadini e dei lavoratori dipendenti "Qui esistono potenziali sinergie tra previdenza e assistenza nella fase gestionale e amministrativa dei fondi samtari, finalizzata a un contenimento dei costi Su questo, però, bisognerebbe coinvolgere Covip" Sempre m tema di normativa, sarebbe sufficiente, secondo Brambilla, utilizzare la legislazione che regola la previdenza complementare, m una logica di integrazione tra sanità e previdenza complementare Una normativa - propone - che preveda l'agga di trasformazione e dell'età pensionabile alla speranza di vita (e non dell'anzianità contributiva, come previsto dalla riforma Fornero) e che preveda, per tutte le categorie, la medesima norma, gli stessi sgravi fiscali e il medesimo controllo sui fondi, effettuato dalla stessa autorità di controllo (Covip) Basterebbero questi quattro elementi per consentire sia lo sviluppo della sanità integrativa sia l'attività dei canali distributivi", conclude Brambilla SUSSIDIARIETÀ E NUOVI BISOGNI L'evoluzione del sistema di welfare passa anche per l'applicazione del principio costituzionale di sussidianetà, abbandonando l'attuale meccanismo di riparazione, utilizzato per porre riparo all'inefficienza del sistema pubblico "il legislatore - spiega Rambaldi - non può pensare che le consuetudim, create dall'associazionismo di categoria, possano rappresentare gli interessi dell'intera collettività e sopperire al bisogno assistenziale e previdenziale latente" Secondo Collicelli, è necessario gestire il passaggio dalla protezione pubblica alla sussidianetà m un mix tra Fondi pensione Pag. 5

8 Estratto da pag. 60 IDEARE SOLUZIONI DI WELFARE ALTERNATIVO ANCHE PER CATEGORIE MENO TUTELATE. PRONTI STRUMENTI SANITARI A COSTI CONTENUTI. UN PERCORSO PIONIERISTICO, ALMENO IN ITALIA UNISALUTE APRE LA STRADA Al FONDI APERTI IDEARE SOLUZIONI DI WELFARE ALTERNATIVO ANCHE PER CATEGORIE MENO TUTELATE. PRONTI STRUMENTI SANITARI A COSTI CONTENUTI. UN PERCORSO PIONIERISTICO, ALMENO IN ITALIA Portare soluzioni di welfare anche a categorie trasversali della popolazione che, nel mondo del lavoro, sono protette solo marginalmente. Questo l'obiettivo di UniSalute in tema di sanità integrativa. "Il passaggio dal modello di assunzione a tempo indeterminato a quello di precariato - spiega riammetta Fabris, vice direttore generale area operativa di Unisalute - ha posto un tema nuovo sul tavolo della parti sociali: ideare situazioni di welfare integrativo anche per le categorie meno tutelate per le quali stiamo ideando strumenti sanitari a costi contenuti. Tra questi, i fondi aperti, che consentono anche a chi ha meno tutele di aderire alla sanità in forma libera. Ancora, però, non siamo arrivati a definire questo percorso, ancora pionieristico in Italia". L'offerta di Unisalute mira a fornire, a grandi numeri di persone, coperture assicurative a costi contenuti, sviluppando un modello integrativo pubblico-privato che, in Italia, ancora non è realtà, laddove non esistono linee guida per affrontare in termini operativi un modello di integratività effettiva e sostanziale. "Il nostro interlocutore è cambiato: sta crescendo l'attenzione verso coperture individuali e verso prodotti mono prestazione (odontoiatria, fisioterapia, diaria, visite), in un'ottica di modello personalizzato. Tutto ciò sarà un'occasione per tutti i canali distributivi, agevolati dal fatto che le urgenze sanitarie sono numerose e crescenti: dalle cure odontoiatriche alle visite specialistiche". MIX TRA PUBBLICO E PRIVATO Sussidiarietà e welfare integrato: quale modello per l'italia? "Nel nostro Paese - spiega Fabris - non è pensabile che esista un sistema a esclusiva matrice privata né un sistema universalistico che possa soddisfare una richiesta di assistenza che sta cambiando e che fa lievitare sempre di più i costi sanitari. È necessa- IDEARE SOLUZIONI DI WELFARE ALTERNATIVO ANCHE PER CATEGORIE MENO TUTELATE. PRONTI STRUMENTI SANITARI A COSTI CONTENUTI. UN PERCORSO PIONIERISTICO, ALMENO IN ITALIA Portare soluzioni di welfare anche a categorie trasversali della popolazione che, nel mondo del lavoro, sono protette solo marginalmente. Questo l'obiettivo di UniSalute in tema di sanità integrativa. "Il passaggio dal modello di assunzione a tempo indeterminato a quello di precariato - spiega riammetta Fabris, vice direttore generale area operativa di Unisalute - ha posto un tema nuovo sul tavolo della parti sociali: ideare situazioni di welfare integrativo anche per le categorie meno tutelate per le quali stiamo ideando strumenti sanitari a costi contenuti. Tra questi, i fondi aperti, che consentono anche a chi ha meno tutele di aderire alla sanità in forma libera. Ancora, però, non siamo arrivati a definire questo percorso, ancora pionieristico in Italia". L'offerta di Unisalute mira a fornire, a grandi numeri di persone, coperture assicurative a costi contenuti, sviluppando un modello integrativo pubblico-privato che, in Italia, ancora non è realtà, laddove non esistono linee guida per affrontare in termini operativi un modello di integratività effettiva e sostanziale. "Il nostro interlocutore è cambiato: sta crescendo l'attenzione verso coperture individuali e verso prodotti mono prestazione (odontoiatria, fisioterapia, diaria, visite), in un'ottica di modello personalizzato. Tutto ciò sarà un'occasione per tutti i canali distributivi, agevolati dal fatto che le urgenze sanitarie sono numerose e crescenti: dalle cure odontoiatriche alle visite specialistiche". MIX TRA PUBBLICO E PRIVATO Sussidiarietà e welfare integrato: quale modello per l'italia? "Nel nostro Paese - spiega Fabris - non è pensabile che esista un sistema a esclusiva matrice p Fiammetta Fabris, vice direttore generale area operativa di UniSalute ivata né un sistema universalistico che possa soddisfare una richiest rio trovare un riposizionamento di ruoli e compiti, in un confronto tra pubblico e privato. Viceversa, non è ipotizzabile un'integrazione tra le dinamiche di sanità e di previdenza integrativa, molto diverse tra di loro: se l'obbligazione del fondo pensione è di lunga durata ed è di carattere volontaristico, quella legata al fondo sanitario, comprende esigenze quasi quotidiane (prevenzione, visite specialistiche, cure dentarie), laddove - conclude - la sola Unisalute gestisce due milioni di prestazioni all'anno su una platea di tre milioni di clienti di fondi sanitari, con alte frequenze di utilizzo delle prestazioni, soprattutto di specialistica". Fondata dal gruppo Unipol nel 1995, Unisalute è la prima assicurazione sanitaria in Italia per numero di clienti gestiti. Conta sul lavoro di 560 persone, tra cui 45 medici presenti in azienda e un network qualificato di strutture sanitarie, annoverando 4,3 milioni di assicurati (tra malattia e assistenza) e una centrale di acquisto che garantisce un controllo qualificato e costante della qualità: nove clienti su dieci consigliano la struttura in cui hanno effettuato le cure. di assistenza che sta cambiando e che fa lievitare sempre di più i costi sanitari. È necessa- IDEARE SOLUZIONI DI WELFARE ALTERNATIVO ANCHE PER CATEGORIE MENO TUTELATE. PRONTI STRUMENTI SANITARI A COSTI CONTENUTI. UN PERCORSO PIONIERISTICO, ALMENO IN ITALIA Portare soluzioni di welfare anche a categorie trasversali della popolazione che, nel mondo del lavoro, sono protette solo marginalmente. Questo l'obiettivo di UniSalute in tema di sanità integrativa. "Il passaggio dal modello di assunzione a tempo indeterminato a quello di precariato - spiega riammetta Fabris, vice direttore generale area operativa di Unisalute - ha posto un tema nuovo sul tavolo della parti sociali: ideare situazioni di welfare integrativo anche per le categorie meno tutelate per le quali stiamo ideando strumenti sanitari a costi contenuti. Tra questi, i fondi aperti, che consentono anche a chi ha meno tutele di aderire alla sanità in forma libera. Ancora, però, non siamo arrivati a definire questo percorso, ancora pionieristico in Italia". L'offerta di Unisalute mira a fornire, a grandi numeri di persone, coperture assicurative a costi contenuti Fondi pensione Pag. 6

9 Estratto da pag. 27 PENSIONI sul Registro pi&v^ sul Registro pi&v^ Venanzi»pagina 30 sul Registro Roberto Napoletano Martedì 25/02/2014 Domande&Risposte Le soluzioni ai quesiti dei lettori Con il cumulo la pensione parte subito La disciplina non ammette, però, la somma dei contributi accreditati alle Casse dei professionisti Fabio Venanzi II tempo che intercorre tra diverse gestioni, escluse le Casse dei liberi perfezionamento dei requisiti anagrafici e professionisti, mantenendo le regole di calcolo contributivi e accesso alla prima rata di pensione dellegestioninellequalisi può vantare contribuzione. può non essere immediato. Dopo il decreto Salva Non trova applicazione la finestra Italia, la finestra mobile è stata disapplicata nei confronti di quei lavoratori che maturano il diritto mobile. È possibile accedere solo con il a pensione con i nuovi requisiti mentre continua a requisito anagrafico previsto dalla Riforma trovare applicazione se l'accesso al MontiFornero per la pensione di vecchiaia pensionamento avviene con i requisiti previgenti. (di norma 66 anni 3 mesi). Inoltre il E questo il caso degli assicurati lavoratore non deve aver perfezionato il diritto a pensione in nessuna delle gestioni oggetto di cumulo. In entrambi i casi la pensione sarà sempre messa in pagamento che, per non sopportare l'onere di una dall'inps anche qualora a suo carico non eventuale ricongiunzione, decidono di dovesse esserci alcun pro quota. ricorrere alla totalizzazione. Il lavoratore, che nel corso della propria vita lavorativa, avendo Dal lavoro LE GUIDE DEL SOLE Dal svolto attività diverse, è stato iscritto a più lavoro pensioni -> Le prime risposte gestioni previdenziali, può utilizzare i diversi Pubblichiamo le prime risposte ai periodi contributivi ai fini di un unico trattamento, il cui onere è posto quesiti inviati dai lettori in materia di proporzionalmente a carico delle gestioni alle pensioni. A questo tema è stata quali ha versato la propria contribuzione. Tale dedicata la Guida pubblicata ieri sul facoltà può essere esercitata dai lavora Sole 24 Ore. Hanno risposto: Aldo Forte, Pietro Gremigni, Silvano Imbriaci, Claudio Pinna, Giuseppe tori iscritti in due o più forme pensionistiche a carico dell'assicurazione generale obbligatoria Roda, Fabio Venanzi Dal lavoro e delle forme sostitutive, esclusive ed pensioni -> Le prime risposte esonerative della medesima, alle forme Pubblichiamo le prime risposte ai pensionistiche obbligatorie relative ai liberi quesiti inviati dai lettori in materia di professionisti, dai lavoratori iscritti alla pensioni. A questo tema è stata gestione separata dell'inps (che per sua natura dedicata la Guida pubblicata ieri sul non può essere ricongiunta) nonché dagli Sole 24 Ore. Hanno risposto: Aldo iscritti al Fondo di previdenza del clero e dei Forte, Pietro Gremigni, Silvano ministri di culto delle confessioni religiose Imbriaci, Claudio Pinna, Giuseppe diverse dalla cattolica. Di norma la pensione Roda, F Sut sito del Sole 24 Ore, da tota oggi, le risposte agli altri quesiti lizzata è calcolata con le regole del sistema collegati alla Guida del Sole «Da I contributivo salvo che l'interessato non possa lavoro alla pensione» www. far valere, in una delle gestioni, un diritto Hsole24ore. com/pensioni2014 bio autonomo. In tal caso, il pro quota di pensione Venanzi Dal lavoro pensioni -> Le sarà calcolato con le regole previste prime risposte Pubblichiamo le prime dall'ordinamento in questione mantenendo le risposte ai quesiti inviati dai lettori in regole retributive/miste. In regime di materia di pensioni. A questo tema è s totalizzazione, la pensione di vecchiaia si consegue con 65 anni 3 mesi e almeno venti anni di contributi mentre la decorrenza sarà posticipata di 18 mesi. La pen In scadenza la salvaguardia per chi ha assistito familiari I lavoratori, che hanno fruito dei permessi per l'assistenza a familiari in base alla legge 104/1992, possono ancora accedere con le regole precedenti il Decreto Salva Italia ^ La risposta è positiva ma i termini * sono in scadenza. Il DI 102/2013 na esteso la salvaguardia anche nei confronti di questa tipologia di lavoratori nonché a quelli che erano in congedo straordinario biennale in base all'articolo 42 del Digs 151/2001. Il contingente è fissato in unità ma gli interessati devono perfezionare i requisiti anagrafici e contributivi (o solo contributivi), compresa la finestra mobile, affinchè la pensione possa essere messa in pagamento entro il 6 gennaio La domanda va presentata alla competente Dirczione territoriale del lavoro entro domani, 26 febbraio Totalizzazione con 40 anni, finestra di 21 mesi Ho maturato i 40 anni in regime di totalizzazione a settembre 2013: devo aspettare 18 mesi per percepire l'assegno ^ I lavoratori che intendono ricorrere al * pensionamento tramite la totalizzazione nazionale devono soddisfare il requisito contributivo di 40 anni 3 mesi. Dal perfezionamento dei requisiti occorrerà attendere 21 mesi di finestra mobile. sione con il solo requisito contributivo si consegue con 40 anni 3 mesi ma in questo caso il differimento è di 21 mesi. Più favorevole è il sistema di calcolo della pensione in regime di cumulo, introdotta dalla legge di stabilità Con il cumulo è possibile "sommare" i periodi accreditati nelle Previdenza Pag. 7

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Maggio 2015 Più si va avanti e più si allontana l accesso alla pensione degli italiani. Col passare degli anni, infatti, aumenta l età

Dettagli

QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/

QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/ QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/ giuliana giovedì, 24 ottobre 2013 CALCOLO BUONGIORNO DOTT. FRACARO SONO NATA NEL 1956 HO LAVORATO

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Le informazioni sulla propria situazione contributiva e previdenziale

Le informazioni sulla propria situazione contributiva e previdenziale Check-up Pensione - Servizio di ricognizione dei contributi versati presso l Inps Check-up - Calcolo P Check-up settimane Pensione utili - Servizio ai fini di pensionistici ricognizione dei contributi

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE. Ufficio studi e formazione quadri sindacali

S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE. Ufficio studi e formazione quadri sindacali S.U. L. P. M. S.U. L. P. L. UFFICIO STUDI S.U.L.P.M. SINDACATO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA MUNICIPALE Ufficio studi e formazione quadri sindacali VADEMECUM PENSIONI DAL 2012-1 - Per poter andare in pensione,

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

TuttoInps. Le pensioni. La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti. Sommario

TuttoInps. Le pensioni. La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti. Sommario TuttoInps Le pensioni La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti Sommario NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO... 2 NEL SISTEMA RETRIBUTIVO... 3 NEL SISTEMA MISTO... 4 LA DOMANDA... 4 LA DECORRENZA... 4

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

LA MANOVRA MONTI FORNERO

LA MANOVRA MONTI FORNERO LA MANOVRA MONTI FORNERO DL n. 201 del 6/12/2011, conversione in legge n. 214 del 22/12/2011 1 Legge 214/11 art. 24 c. 6,7,9 requisiti richiesti dal 1.1.2012 Pensione di vecchiaia Innalzamento dell età

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA )

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) L attuale Governo Monti ha iniziato il suo operato indicando tre parole d ordine: rigore, crescita ed equità. Ad oggi però è stato applicato ampiamente

Dettagli

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 99 Settembre 2014 Quando si lavora dopo la pensione "Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno"! A questa massima

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995 Sistema di liquidazione Contributivo I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 2. I REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBU- TIVA DAL 1 GENNAIO 2008: IL REQUISITO ANAGRAFICO GENERALE (CD. SCALONE)

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

Rassegna Stampa. Venerdì 17 Gennaio 2014

Rassegna Stampa. Venerdì 17 Gennaio 2014 Rassegna Stampa 17 Gennaio 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Previdenza Sole 24 Ore (Il) 21 Previdenza - Contribuzione sugli arretrati «da sentenza» (Venanzi Fabio) Sole 24 Ore (Il) 20 Pensioni

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI Agosto 2004 C on la riforma delle pensioni elaborata dal ministro del Welfare Maroni e più volte rivista e corretta,

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile)

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) Anche questo anno grandi frecciate sulle pensioni con cambiamenti rilevanti per l accesso. Ho quindi cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2013,

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26 LE NOVITA SULLE PENSIONI NELLA MANOVRA MONTI di PIETRO PERZIANI (DICEMBRE 2011) Facciamo una prima analisi delle principali novità introdotte dalla Manovra Monti in materia di pensioni, più esattamente

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo Circolare 14 settembre 1996 n. 180 INPS Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo OGGETTO: Legge 8 agosto 1995, n.335. Calcolo delle pensioni secondo

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Opzione donna. A cura di Paolo Zani per FNP CISL Milano. Aggiornata al 25 novembre 2014

Opzione donna. A cura di Paolo Zani per FNP CISL Milano. Aggiornata al 25 novembre 2014 A cura di Paolo Zani per FNP CISL Milano Aggiornata al 25 novembre 2014 Che cos è Per «opzione donna» si intende la possibilità per le donne di accedere al pensionamento anticipato alle seguenti condizioni:

Dettagli

Si legga, in particolare, quanto riguarda gli effetti sui lavoratori in mobilità e gli iscritti ai Fondi di sostegno di settore.

Si legga, in particolare, quanto riguarda gli effetti sui lavoratori in mobilità e gli iscritti ai Fondi di sostegno di settore. La manovra correttiva interviene anche sulle pensioni. Nelle more degli approfondimenti sul testo definitivo del provvedimento, riportiamo di seguito un analisi, con risposte a quesiti, pubblicata da IL

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

Periodi Non Valutabili

Periodi Non Valutabili RICONGIUNZI ONE ART. 2 LEGGE 29/79 Essere in attività di servizio. Si ricongiungono i periodi precedenti la domanda e non anche quelli resi successivamente. Per questi ultimi una seconda domanda può essere

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA

FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA Alcune categorie di lavoratori dipendenti sono iscritte a Fondi speciali di previdenza, gestiti dall'inps. I Fondi sono sostitutivi o integrativi dell'assicurazione generale

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli