WALTER TOBAGI. un mestiere che resta duro, artigianale, nonostante l applicazione delle tecnologie più moderne GIORNALISTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WALTER TOBAGI. un mestiere che resta duro, artigianale, nonostante l applicazione delle tecnologie più moderne GIORNALISTA"

Transcript

1 WALTER TOBAGI un mestiere che resta duro, artigianale, nonostante l applicazione delle tecnologie più moderne GIORNALISTA Associazione lombarda dei giornalisti Provincia di Milano

2 Dal Parini al Corriere della Sera Gli scritti di Walter Tobagi testimone della nostra storia Walter Tobagi nasce in Umbria nel marzo 1947 a San Brizio, frazione di Spoleto. Il padre è ferroviere. La famiglia si trasferisce al Nord negli anni 50, e va ad abitare a Cusano Milanino. Quando viene assassinato il 28 maggio 1980 ha 33 anni. È presidente dell Associazione Lombarda dei Giornalisti e articolista di prima pagina al CORRIERE DELLA SERA. Posizione raggiunta dopo una gavetta che ha radici nell adolescenza. Al Parini, il liceo di Milano, comincia a scrivere articoli di attualità a 16 anni sulla ZANZARA. Segue di poco la collaborazione con il settimanale sportivo MILANINTER. A 19 anni è al mensile SCIARE, e ne diventa caporedattore. A 21 anni è praticante all AVANTI!. Poi lavora ad AVVENIRE, CORRIERE DI INFORMAZIONE e CORRIERE DELLA SERA, dove giunge nel Integra la vocazione di cronista con quella di studioso. Scrive libri e saggi sui marxisti leninisti, lo squadrismo fascista degli anni 20, l attentato a Togliatti, il potere dei sindacati confederali, Achille Grandi, Mario Borsa direttore del Corriere dopo la Liberazione. Questo volume raccoglie parte dei suoi scritti: dagli esordi fino alle opere storiografiche e ai servizi da inviato. Scritti realizzati con la pazienza e l umiltà di documentarsi, vedere e ascoltare. Alcuni sono attualissimi, tanto da apparire persino profetici. Abbiamo voluto raccoglierli per offrire a tutti la possibilità di conoscere l opera di un uomo vittima della barbarie terroristica; che ha ucciso lui, ma non ha cancellato il suo esempio di capacità, di lavoro, di libertà.

3 Associazione lombarda dei giornalisti - Provincia di Milano Milano 28 maggio 1980 Milano 28 maggio 2005

4 Un ringraziamento particolare all Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani per il contributo determinante dato alla realizzazione di tutte le iniziative legate al venticinquesimo anniversario della morte di Walter Tobagi. Grazie anche al vicepresidente dell Associazione Lombarda dei Giornalisti Paolo Chiarelli, che ha coordinato il lavoro degli autori del libro e l organizzazione della manifestazione. Grafica di Franco Malaguti e Marco Micci Revisione testi di Luca Paolo Claudio Stampato dalla Milano Stampa di Farigliano (Cuneo) Anno 2005

5 a cura di Giuseppe Baiocchi e Marco Volpati WALTER TOBAGI GIORNALISTA con la collaborazione di Andrea Sparaciari

6 Cade quest anno, il 28 maggio, il 25 anniversario della morte di Walter Tobagi, assassinato dai terroristi a soli 33 anni. Un giornalista di rango, che nella sua purtroppo breve esistenza ha lasciato un segno. Il segno di chi ha saputo raccontare la realtà con la concretezza del cronista e la finezza del politologo. Un uomo che non aveva paura di cercare la verità, dovunque si trovasse, qualunque fosse, senza restare intrappolato in facili schematismi semplificatori, senza mai lasciarsi sopraffare dalla retorica. La sua ricerca della verità si faceva metodo, e come disse Leonardo Sciascia proprio per questo metodo fu ucciso. Perché, pur senza mai strillare seppe vedere, capire anni tragici, seppe capire che il terrorismo era il tarlo più pericoloso per il Paese e per la democrazia. Tobagi era un riformista e per questo, come più tardi Ezio Tarantelli, Massimo D Antona, e Marco Biagi, il peggior nemico della follia terrorista. Un nemico pacato e ragionevole ma proprio per questo più temibile. A25 anni dalla quella tragica, fredda mattina di maggio sentiamo ancora la sua mancanza. Se oggi fosse tra noi ci aiuterebbe a capire i mutamenti della nostra epoca. Il suo sguardo ancora una volta ci aiuterebbe a rendere più nitide le immagini del nostro presente, a muoverci nella complessità che rischia talvolta di confondere. Per questo lo vogliamo ricordare con rimpianto, ma anche con la certezza che il suo insegnamento, il suo metodo, non sono andati persi e ci accompagnano ogni giorno. Filippo Penati Presidente della Provincia di Milano

7 Un giornalismo forte, libero, pluralistico, capace di svolgere una funzione seriamente critica. Un sindacato non ideologico, non condizionato o condizionabile dai partiti, democratico al suo interno, in grado di prefigurare il futuro del sistema informazione e perciò di guidare i giornalisti attraverso le nuove frontiere dell editoria, tutelandoli, mantenendone la centralità nelle redazioni. Erano gli anni Settanta. E in un panorama già sconvolto dalla violenza che chiamava altra violenza, queste erano le idee di Walter Tobagi. Idee ragionevoli che pure, ad alcuni, dovevano apparire destabilizzanti. Certo, la loro traduzione in pratica presupponeva una contrapposizione senza tentennamenti ai poteri forti, palesi e occulti, al totalitarismo, alla sudditanza, alla giustificazione di situazioni ingiustificabili. Nei giornali e nel sindacato. Un po come dire le carte sono logore, cambiamo il mazzo. Come? Un credo aveva questo giovane intellettuale catturato dal giornalismo: osservare, riflettere, comprendere. Poi agire. E osare, con l arma principe della democrazia, la dialettica. Ha osato, Walter Tobagi. Ha raccolto consenso diventando il leader di un drappello di giornalisti che, come lui, non volevano essere omologati, credevano nella professionalità e in un sindacato in grado di dialogare e confrontarsi con il potere, restandone ben distante. No al compromesso, no alla cogestione. Insieme sarebbero scesi in campo e avrebbero dato vita a Stampa Democratica, una nuova componente del sindacato che si poneva fuori dagli schemi precostituiti, Destra, Sinistra, o con l una o con l altra. Si demoliva, con la ragione e i comportamenti, un assunto imperante: chi non è con me è contro di me. Un nemico. Da combattere ad armi pari per alcuni, da abbattere per altri. Furono gli altri a prendere il sopravvento.

8 E lui, il cronista-intellettuale, mite eppure determinato, fu abbattuto. Diceva nel 1978 in una relazione sindacale: Possiamo annoverare i terroristi tra quelli che si propongono di far tacere, o almeno intimorire, la stampa. Sarebbe sciocco ignorare questa realtà, ma non possiamo nemmeno farci impaurire. Dev essere chiaro che i giornalisti non vanno in cerca di medaglie, non ambiscono alla qualifica di eroi; però non accettano avvertimenti mafiosi. La risposta, ancora una volta, Tobagi la indicava nel rispetto delle regole democratiche, solo all interno delle quali sarebbe potuto esistere un sistema informativo libero. Fra le libertà che mantengono un giornalista libero, Walter poneva come centrale la questione delle retribuzioni, ferme da anni, inadeguate. Non c è libertà nella povertà: c è appiattimento, spesso uno sconforto pericoloso perché può trasformarsi in accettazione passiva dei diktat del potere, editori o partiti che siano. E il sindacato doveva essere il portabandiera di richieste legittime:... non dobbiamo avere vergogna di quello che chiediamo, diceva. Se i giornalisti devono mantenere la schiena dritta, non possono essere ricattabili. Era vero quasi trent anni fa come è vero oggi. E ancora Tobagi poneva il problema delle concentrazioni, delle tecnologie, della disoccupazione, dell accesso alla professione che lui vedeva, con lungimiranza, agganciato alle Università. Sono temi sempre sul tappeto, irrisolti, aggravati, se possibile, dall evolversi rapidissimo dei mezzi di comunicazione. Nodi da sciogliere, possibili da sciogliere solo attraverso un sindacato che comprenda come la sua indipendenza e la sua forza siano vitali per i giornalisti e, quindi, per la società. Noi, che scriviamo queste poche e riduttive righe di prefazione a testi ricchi di idee, di spunti, di realismo, abbiamo avuto il privilegio e anche l onere di raccogliere, con la presidenza dell Associazione Lombarda dei Giornalisti, quel testimone che brutalmente è stato strappato dalle mani di Walter Tobagi in un freddo mattino di fine maggio di venticinque anni fa. Noi non siamo proprietari del suo straordinario messaggio umano e professionale ma abbiamo cercato e cercheremo assieme a tanti colleghi più giovani che non hanno potuto conoscere Walter ma ne hanno capito la lezione, e la stanno seguendo di continuare un impegno, di coltivare quella straordinaria utopia che si chiama informazione libera. Giorgio Santerini, Maurizio Andriolo, Mariagrazia Molinari, Giovanni Negri

9 Raccolta di scritti, articoli e saggi di Walter Tobagi PARTE I IL PROFESSIONISTA INTRODUZIONE 15 LA ZANZARA IMPEGNO CRISTIANO, SENZA RIVOLUZIONI GLI STUDENTI DEL 65: CHE COSA SANNO DELLA RESISTENZA, COME LA GIUDICANO 21 Inchiesta al liceo classico e all istituto tecnico INTERVISTA CON GIORGIO BOCCA 23 L attualità della Resistenza UN GRANDE SCRITTORE, UN UOMO INFELICE: CESARE PAVESE, VISSUTO SOLITARIO E TORMENTATO, TROVÒ UN ARTE NUOVA 25 SPORT E GIORNALISMO SPORTIVO 28 CHE COSA LEGGONO I PARINIANI 32 DIVERTIRSI E FAR SOLDI 36 Chi è il pariniano medio? MILANINTER PIÙ SENTITA CHE VISTA Come te la racconta l Ambrogio di Monza GIGI RADICE: DOLOROSO ADDIO 41 Stroncato dalla fatalità un atleta esemplare L INTER CI STA TIRANDO LA VOLATA 42 Liedholm puntualizza le troppe disgrazie ma è ottimista IMPIEGHERÒ TUTTE LE MIE FORZE PER RIFARE UN GRANDE MILAN 43 Intervista con Luigi Carraro, il neo-presidente che è anche il primo tifoso rossonero MILANELLO SARÀ IL CENTRO PILOTA DEL CALCIO GIOVANILE EUROPEO 45 Lo ha formalmente promesso il presidente rossonero GIGI CARRARO E IL SUO PROGRAMMA 46 Con settembre nascerà una nuova squadra

10 RIVERA MI VA BENE, AMARILDO NO 47 Fortunato parla chiaro e spiega il perché degli alti e bassi RIVERA, SEI PIU BRAVO DI PELÉ 48 Un grido incredibile ma vero di un tifoso romanista NELLO SALTUTTI: GIOVINEZZA IN GOL! 49 Esordio di un purosangue che ha il brio del crack SCIARE SCANDINAVI MADE IN ITALY GRENOBLE: I PROTAGONISTI 53 SAPPORO ADDIO 54 Honoré Bonnet, il mago dimissionario dell Équipe de France, spiega perché nello sci attuale non è più possibile il dilettantismo predicato da Avery Brundage LA NEVE DEL TOB 58 AVANTI! GIPO VIANI: UNA VITA TUTTA DEDICATA AL CALCIO 62 Colpito da infarto a 59 anni, è morto l altra notte a un albergo di Ferrara Pur in precarie condizioni di salute e sebbene sconsigliato dal suo medico, aveva ugualmente voluto assistere all incontro che la sua squadra, l Udinese, ha disputato in casa con il Piacenza L UNIFICAZIONE DELL EUROPA È UNA BATTAGLIA DEMOCRATICA 64 Con questa dichiarazione il compagno Aniasi ha aperto il convegno su La partecipazione popolare all unificazione europea La riunione del Cd del Movimento europeo internazionale IL MIRACOLO ECONOMICO DELLA GERMANIA DIETRO IL MURO 66 Un interessante opera che aiuta a comprendere la realtà in movimento della Rdt LA RIFORMA UNIVERSITARIA IMBARAZZA I COMUNISTI 67 Ieri la polizia ha fatto irruzione nella Università Cattolica di Milano LE MONDE: RAGIONI DI UN SUCCESSO CHE PAREVA IMPOSSIBILE 69 Un altro articolo, sull Avanti! del 28 marzo 1969, che affronta i problemi dei giornali

11 PIÙ CONFUCIO CHE MARX NEL PENSIERO DI MAO 70 Lo afferma il settimanale sovietico Tempi nuovi UNA SCUOLA SELETTIVA CHE FAVORISCE CHI PUÒ 73 Netto divario fra istituti privati e pubblici Solo il 6,6 per cento del reddito nazionale destinato alla istruzione AVVENIRE L IMPROVVISA FIAMMATA UN DOCUMENTO NARRATO DAL PRINCIPE NERO 78 Assieme a molte assurdità ha però raccontato anche molti segreti della destra extraparlamentare SPERAVA IN UN MARXISMO TUTTO RINNOVATO 79 La complessa vicenda umana e culturale del teorico del socialismo LA STRAGE DA NON DIMENTICARE 81 FELTRINELLI: UN INTRIGO DI PISTE E IPOTESI 81 NON CI SONO CONFINI FRA TERRORISTI ROSSI E NERI 84 Qualche volta ci sono equivoci o commistioni. Ma è sul piano morale che neri e rossi si equivalgono: nel rifiuto della democrazia e nel disprezzo per la vita dell avversario IL CORRIERE D INFORMAZIONE SCIOPERANO PER LA NOIA I SUPER-TRAVET DEL MEC 88 PERCHÉ A NOI DELLA FIAT PIACE L ORARIO FLESSIBILE 89 Non più l incubo del ritardo e maggiore disponibilità per i problemi familiari IL REBUS FANFANI AL CENTRO DI UN ASPRA LOTTA NELLA DC 91 Ridda di voci sui nemici e sugli amici di Andreotti alla vigilia del Consiglio nazionale democristiano Tattica di Moro e di Rumor Donat Cattin e De Mita in prima linea

12 SÌ, ROVESCIAMO TUTTO MA IN NOME DI CRISTO 92 Millecinquecento giovani costituiscono la base di questo nuovo movimento cattolico, che opera nelle università ma anche nelle fabbriche e nei quartieri Non siamo gli estremisti della Dc SONO TUTTI AMICI DI MORO NELLA DC. MA ECCO LA REALTÀ DIETRO LE QUINTE 94 Radiografia segreta dei gruppi, degli appoggi, dei contrasti nella Democrazia cristiana Le posizioni di Andreotti, Piccoli e Donat Cattin Il presidente del Consiglio incaricato spiega a Psdi, Psi e Pri il suo programma di governo AVANTI DICIOTTENNI 96 Tre milioni di ragazzi aspettano di sapere entro il 28 febbraio se potranno votare alle elezioni amministrative di giugno. Abbiamo ascoltato numerosi pareri in fabbrica, a scuola, in ufficio: ecco un campione di risposte con le indicazioni del voto SINDONA TU SEI IL MIO MAESTRO 97 L AVVOCATO HA UN DEBOLE, IL CEMENTO 98 IL CENTRO SINISTRA NON SI FA 101 IL CORRIERE DELLA SERA L AUTUNNO IN ITALIA COI FIUMI ALLA GOLA QUANDO AL FESTIVAL DELL UNITÀ ARRIVANO GLI AUTORIDUTTORI 107 LOTTA CONTINUA: DUBBI SUL TERRORISMO MA NON SULLA VIOLENZA 109 NENNI RACCONTA COME CADDE LA MONARCHIA 110 TUTTI DICONO: NON È UN PAPA POLITICO 114 Nei suoi atteggiamenti non compaiono nostalgie temporalistiche e risulta evidente il primato della fede Autonomia ma non estraneità della religione dalla politica Più chiare indicazioni sulle linee del pontificato verranno dalla scelta dei collaboratori: fra due anni Casaroli o Benelli al posto di Villot? STORIA DI UNA DONNA CHE FACEVA PANETTONI 116

13 DALLA CONTESTAZIONE DELLA BUSSOLA AL TERRORISMO. PERCHÉ ALCUNI EX DI POTERE OPERAIO UCCIDONO? 118 COME MILANO STA CAMBIANDO PELLE 120 AL PARINI PICCHIANO UN FASCISTA. I RAGAZZI SI CHIEDONO: È UN REATO? 122 QUI RADIO SHERWOOD : PARLA L AUTONOMIA 124 AL BAR CON SCIASCIA MENTRE LA TELEVISIONE COMINCIA A TRASMETTERE 126 QUESTO MATRIMONIO NON S HA DA FARE 128 IL METALMEZZADRO PROTAGONISTA DELL ECONOMIA SOMMERSA AL SUD 130 WOJTYLA E GLI OMOSEX: UN ANATEMA CHE FA DISCUTERE 132 CONTRO L IRAN I CAMPUS RITROVANO L AMERICA 134 COME E PERCHÉ UN LABORATORIO DEL TERRORISMO SI È TRAPIANTATO NEL VECCHIO BORGO DEL TICINESE 137 TANTI RAGAZZI SENZA BANDIERA AI FUNERALI DEI TRE POLIZIOTTI 139 VOGLIONO I MORTI PER SEMBRARE VIVI 140 ADESSO SI DISSOLVE IL MITO DELLA COLONNA IMPRENDIBILE 142 C È UNA REGOLA DEI DUE ANNI, TERMINE ULTIMO OLTRE IL QUALE NON RESISTE IL BR CLANDESTINO 143 NON SONO SAMURAI INVINCIBILI 145 QUANDO SAN GENNARO NON FA MIRACOLI 147 SENZA PROMETTERE LA LUNA 150

14 PARTE II L INTELLETTUALE INTRODUZIONE 155 STORIA DEL MOVIMENTO STUDENTESCO E DEI MARXISTI-LENINISTI IN ITALIA 159 (Sugar Editore, Milano 1970) Capitolo VI: La tigre di carta Capitolo VII: Potere operaio RIFORMISTI A SINISTRA DEL PCI 171 (da Il Mulino, Bologna, marzo-aprile 1971, n. 214, pagg ) GLI ANNI DEL MANGANELLO 181 (Fratelli Fabbri Editori, Milano 1973, pagg. 170) Capitolo III: L aggressione ad Amendola LA RIVOLUZIONE IMPOSSIBILE 190 L attentato a Togliatti: violenza politica e reazione popolare. (Il Saggiatore, Milano 1978, pagg. 232) Capitolo V: La rivoluzione impossibile , TRA EGEMONIA E DOMINIO 205 (da Il Mulino, n. 258, agosto-settembre 1978, pagg ) CHE COSA CONTANO I SINDACATI 212 (Rizzoli, Milano 1980, pagg. 200) Capitolo IX: Il terrorista in fabbrica Capitolo X: Caccia all errore MARIO BORSA GIORNALISTA LIBERALE IL CORRIERE DELLA SERA E LA SVOLTA DELL AGOSTO (da Problemi dell Informazione della società editrice Il Mulino, numero 3, luglio-settembre 1976, pagg ) UNA LETTERA DI MARIO BORSA AI CRESPI 242

15 PARTE III IL SINDACALISTA INTRODUZIONE 247 LA TERZA STRADA 249 PRESIDENTE DEL SINDACATO LOMBARDO 252 MA I LOMBARDI NON FANNO CROCIATE 255 IL MANIFESTO DI STAMPA DEMOCRATICA 257 DIRITTO DI PAROLA E FORZA DEL DISSENSO 266 NON SI ILLUDANO DI SPAVENTARCI CON LE ARMI 268 PROFESSIONALITÀ, CONCENTRAZIONI, TECNOLOGIE 269 LA DEMOCRAZIA HA LE SUE REGOLE VALGONO ANCHE PER I GIORNALISTI 272 SINDACATO DI TUTTI, SENZA PADRINI 275 EDITORIA PERDUTA NELL ABBRACCIO DEI PARTITI 281 LA DEMOCRAZIA E IL PROBLEMA DELL UNITÀ 284 SINDACATO, CASA DI VETRO CON LE PORTE SEMPRE APERTE 286 PARTECIPAZIONE, LA SCOMMESSA (VINTA) DELLA DEMOCRAZIA 289 UN NODO SCORSOIO SULLA LIBERTÀ DEI GIORNALISTI 295 L ULTIMA VOCE 300 WALTER TOBAGI LE IMMAGINI 305

16 IL PROFESSIONISTA L INTELLETTUALE IL SINDACATO 15 PARTE I IL PROFESSIONISTA Un talento naturale e una vocazione precoce. Quando compie le prime prove ha soltanto 15 anni, studente di ginnasio al Parini: collabora alla famosa Zanzara, giornale scolastico. Non sono però esercitazioni adolescenziali. Walter scrive cronache sportive, inchieste tra i giovani, pubblica interviste a personaggi della vita pubblica e della cultura. È un talento coltivato attraverso l esercizio, il lavoro, il confronto con i lettori. Ha già i connotati dell intellettuale, eppure rifugge da qualsiasi snobismo. Tanto che il suo apprendistato si fonda sullo sport più popolare, il calcio. Pariniano anomalo, Walter frequenta il liceo più esclusivo di Milano senza provenire dal ceto urbano agiato dei quartieri alti. La sua casa è nella periferia Nord, a Cusano Milanino, comune tra i tanti che si sono sviluppati con l arrivo degli immigrati dal Mezzogiorno. È brillante, desideroso di esperienze, tenace. Non è facile arrivare a scrivere su un giornale a poco più di 15 anni, senza una spinta familiare e senza il viatico del figlio d arte. Ma lui è determinato: sa farsi coraggio, essere disinvolto, proporsi. Schiera un sorriso largo, sottolineato dalla fossetta sulla guancia; un sorriso che non capisci bene se sia ingenuo o beffardo, ma in ogni caso ti colpisce. Sembra sempre che insegua qualche pensiero lontano, ma al dunque sa essere concreto e veloce. Dopo i primi esercizi sulla Zanzara, approda presto al suo primo lavoro retribuito: le collaborazioni con il settimanale di calcio MilanInter. Ci lavorano giornalisti esperti, che hanno come occupazione principale Il Corriere Lombardo, quotidiano del pomeriggio che più tardi si fonderà con La Notte. Si tratta di seguire le partite, buttare giù in fretta cronache e commenti da settimanale, più accurati di quelli del quotidiano, e andare di corsa in tipografia. Lo nota Danilo Sarugia, e lo porta con sé a seguire le partite del Milan (MilanInter era bipartisan, con due sezioni distinte: a Walter toccarono i rossoneri). Quel ragazzo ancora studente che intanto procede con brillantezza negli studi sa cogliere umori e contrasti, atmosfere di spogliatoio, sentimenti di atleti attraversati da rivalità o stressati dalla sindrome da ritiro. Walter entra in contatto con loro facilmente, li fa parlare, sa ascoltarli e riferire bene i loro pensieri. MilanInter e la Zanzara, in parte, si sovrappongono, negli stessi anni. Sul foglio sportivo scrive ogni domenica, dopo le gare. E una parte delle cose che vede e sente seguendo il Milan in casa e in trasferta le utilizza anche sul giornale pariniano, dove la gamma degli argomenti è più ampia: inchieste su quello che pensano, desiderano o leggono i suoi coetanei, con analisi sul campo ; interviste, come quella a Giorgio Bocca; reportage, tra cui si segnala il racconto di una visita a Dachau. Gira sempre con il taccuino, e fissa appunti. Più che un taccuino è un grosso quaderno, oppure una vecchia agenda da tavolo con grandi pagine utili per annotare impressioni, idee, accenni di un pezzo da scrivere. Un abitudine che si porterà dietro per sempre. Fin dagli esordi, Walter è un viaggiatore curioso e riflessivo. Il suo giornalismo interpreta, ma non inventa: particolari, gesti, persone, dichiarazioni, sono tutte raccolte dal vivo. Potrebbe essere assunta, la sua figura, a simbolo di quel giornalismo di fatica e passione di cui

17 16 PARTE I PARTE II PARTE III parlano con nostalgia i vecchi del mestiere: quello che si fa con le scarpe, perché il cronista (o l inviato, che poi è lo stesso) fa bene il suo lavoro se vede con i propri occhi e ascolta con le proprie orecchie. Un testimone, non un semplice tramite tra notizia e pubblico. Tra le sue inchieste degli anni 60 sulla Zanzara e gli articoli del 1980 sui ragazzi che vanno in massa al funerale di tre agenti di polizia freddati da terroristi a Milano in via Schievano, o sui militanti dell autonomia del Nord Est potete leggerle qui di seguito passa parecchio tempo e spicca una diversa maturità. Il metodo però è il medesimo. Pazienza, umiltà nel raccogliere la voce della gente, timidezza superata nel rivolgere la parola a tanti, anche nelle situazioni in cui chiedere è scomodo o può sembrare banale. Il suo cursus di giovanissimo giornalista prosegue con Sciare, mensile specializzato nello sci sulla neve e sull acqua. È passato da Danilo Sarugia a Massimo di Marco, direttore, manager e anima della testata. Walter scopre così un mondo, i suoi segreti, il suo fascino, in tempi in cui la Valanga Azzurra doveva ancora comparire, e anche Thoeni non era ancora apparso. Non ha ancora 20 anni, è studente all università impegnato in seri studi di storia, quando il suo nome appare nel colophon di Sciare come caporedattore, subito sotto il direttore. Viaggia, va a Grenoble per le Olimpiadi, intervista i campioni della neve e scopre anche qualche promessa dello sport bianco. Tutto, per così dire, nel tempo libero, perché gli studi proseguono, e al meglio. Il primo passo verso il giornalismo quotidiano, e l iscrizione ufficiale all albo, avviene in un anno fatale, il Massimo Di Marco riportiamo più avanti la sua testimonianza scritta sopporta con rammarico la defezione del giovane Walter. Un compagno del Parini e della Zanzara, Marco Sassano (più tardi giornalista a sua volta), lo segnala a L Avanti!, il quotidiano storico dei socialisti, che allora aveva ancora una redazione milanese. Walter è aggregato alla cronaca, alle dipendenze di Ugo Intini. Presto tuttavia si segnala per l enciclopedicità dei suoi interessi. In pochi mesi scriverà di tutto: politica, cultura, esteri, mondo giovanile e anche sport, il vecchio amore. Anzi, di sport è proprio il primo articolo firmato ma non il primo scritto, ovviamente sul quotidiano del partito di Nenni. Sono anni di tensioni e di cambiamenti, nella società italiana e nei giornali. Quando scoppia a Milano la bomba di piazza Fontana, Walter è già passato ad un altra redazione. L Italia, quotidiano della curia, sotto la spinta dei tempi nuovi, si è trasformato ed è diventato Avvenire. Al nucleo dei redattori si affiancano altre firme, cattolici, ma proiettati verso esperienze nuove. Leonardo Valente, direttore-fondatore di Avvenire, chiama a sé quel giovane così promettente; e lui accetta la sfida: le nuove esperienze lo entusiasmano. Walter è un credente, anche se non milita in alcuna organizzazione cattolica. A Cusano Milanino, da ragazzo, il suo approccio era stato con la Federazione giovanile del Partito

18 IL PROFESSIONISTA L INTELLETTUALE IL SINDACATO 17 Socialista. E socialista di idee, pur senza più tessera, rimarrà sempre. Avvenire in quel momento è un crogiolo di personalità diverse; il cattolicesimo della testata ha risentito, almeno in parte, del vento del Sessantotto. Anche qui Walter ha modo di mettere in campo interessi ed esperienze culturali. Scrive di esteri, qualche volta ancora di sport, di politica interna, di fascismo e antifascismo, di movimenti studenteschi e delle prime inquietanti manifestazioni del terrorismo (il caso Feltrinelli, l editore morto per un incidente con gli esplosivi sotto un traliccio a Segrate, è del 72). Proprio al 72 data il nuovo cambiamento nella carriera di Tobagi. Arriva alla famiglia del Corriere, nella redazione del Corriere di Informazione, quotidiano del pomeriggio che è rimasto per molto tempo nella scia del Corriere della Sera, nel momento in cui lo si vuol rilanciare con l immissione di giovani penne. Anche all Informazione riesce a far apprezzare la sua versatilità. E lì si scopre quanto sia capace e fresco nel raccontare e commentare i fatti della politica: Walter lavora sempre più spesso come inviato a Roma, dove segue i leader: Fanfani impegnato nella campagna del referendum sul divorzio, Moro leader prestigioso circondato da diffidenze e rivalità, Amendola che segna con anticipo la rotta di un riformismo che il Pci non sposerà mai, finché si chiamerà col vecchio nome. Segue i congressi di partito e intervista anche i padri della Repubblica, da Nenni a La Malfa. Dopo quattro anni il passaggio, naturale, al giornale più autorevole d Italia, il Corriere della Sera. La redazione è scossa da contrasti e tensioni. C è anche chi teorizza, e magari riesce a far applicare, il controllo dal basso dei contenuti del giornale. Vale a dire il diritto degli operai (sostenuto più dai giornalisti che dagli stessi tipografi) di influire sulle scelte redazionali. La tensione si scarica nelle assemblee di redazione e si concentra nelle battaglie sindacali, interne ed esterne. Walter, pacato, ma molto fermo nelle sue convinzioni sull autonomia dei giornalisti e la loro incompatibilità con le missioni politiche (era il tempo del compromesso storico che alcuni, nelle redazioni, consideravano quasi una ideologia obbligata), accetta quasi subito incarichi sindacali. Econtemporaneamente, con una incredibile capacità di conciliare impegni tanto diversi e pesanti, diventa una delle colonne del quotidiano di via Solferino. La firma è sempre più spesso in prima pagina. C è un particolare rivelatore: tra i primi suoi articoli per il Corriere uno è addirittura il fondo di prima pagina (traguardo mitico). Parla di nubifragi d autunno e di alluvioni. Lo hanno affidato a lui perché era l unico che garantisse qualità di scrittura e capacità di sintesi, accompagnata però da una scrupolosa documentazione. È il metodo Tobagi di sempre: acquisire con tempestività, prima di buttar giù il pezzo, informazioni ed elementi per scrivere in modo argomentato e preciso. Gli anni del Corriere sono un crescendo di impegni, di maturazione professionale, di esposizione (purtroppo).

19 18 PARTE I PARTE II PARTE III Nel 78 diventa Presidente dell Associazione Lombarda dei Giornalisti al culmine di una polemica aspra, e personalizzata, alimentata dalle componenti più a sinistra del sindacato: c è chi non sopporta la distonia di Tobagi e della sua corrente, Stampa Democratica, con il clima di unità nazionale che informa di sé il Paese e la sua politica (in sintesi, il Pci dopo anni di lotte è diventato, almeno in parte, partito di governo: secondo molti dei giornalisti di allora, questa novità andrebbe celebrata, fiancheggiata, e non considerata come un avvenimento tra gli altri). C è poi chi pensa che giornalisti e giornali dovrebbero essere in sintonia con i movimenti, e assecondare un clima rivoluzionario. Sulla scomoda barricata del sindacato lombardo della stampa Walter continua a lavorare con intensità e con una professionalità ammirevole. Scrive di terrorismo, ovviamente (i giornali ne erano pieni, perché in quel periodo il partito armato lasciava sul terreno un morto a settimana, poliziotti e carabinieri, magistrati, dirigenti d azienda). Ma scrive anche di politica, di sindacato, di clima nelle fabbriche, di mafia, di cronaca nera, di correnti culturali. Quel mattino del 28 maggio 80 lo hanno ucciso quando stava dando il meglio di sé. Marco Barbone testimonia che i suoi assassini lo avevano scelto perché era acuto, intelligente, avanti a tutti nel capire. Sciascia osserva che dava fastidio perché aveva metodo, nello studio della realtà e quindi nel lavoro. Certo faceva parte come il giudice Alessandrini, sul cui assassinio lui stesso aveva scritto di un cuscinetto riformista, aborrito dai brigatisti perché, nel loro ottuso sogno rivoluzionario, lo vedevano come un serio ostacolo alla radicalizzazione totale e al diffondersi delle parole d ordine della lotta armata. Il genio fa spesso paura. Specie se è accompagnato da disciplina e lavoro tenace. Ce lo hanno tolto, e tante volte meditiamo su quel che avrebbe potuto darci se non fosse morto a 33 anni. Quello che ha fatto e che ha scritto è già un patrimonio importante. Il dolore che ancora ci colpisce non deve farcelo trascurare. Per questo, con una scelta inevitabilmente parziale, abbiamo voluto riproporre a 25 anni dalla scomparsa alcuni suoi scritti.

20 IL PROFESSIONISTA L INTELLETTUALE IL SINDACATO 19 LA ZANZARA La Zanzara era un giornale scolastico rimasto famoso per aver avuto l audacia, nel 1966, di pubblicare un dibattito tra i giovani sul sesso, con interviste a ragazzi e ragazze. Ne scaturì un procedimento giudiziario a carico di tre giovani redattori: Marco Sassano, Marco De Poli e Claudia Beltramo Ceppi. Un processo boomerang, che rivelò ipocrisie e ritardi della società adulta, e aprì la strada a tempi nuovi. Walter era uno dei liceali-redattori. Aveva scritto per La Zanzara già a 16 anni. Quel foglio non pubblicava soltanto opinioni e riflessioni, ma anche veri e propri reportage. Il primo articolo firmato da Tobagi è quasi un manifesto delle sue idee: parla di socialismo cristiano, di valore del lavoro. Respinge le parole d ordine rivoluzionarie, e concepisce un mondo che abbia al centro diritti e doveri di lavoratori e datori di lavoro. La politica, le visioni del mondo sono parte dominante delle pubblicazioni liceali. Walter però spazia nei diversi generi del giornalismo. Scrive di sport, intervistando le firme più autorevoli: Gianni Brera, Nino Nutrizio, Gino Palumbo. Intervista Giorgio Bocca sulla Resistenza. Dopo un viaggio a Dachau descrive le impressioni di un giovane di fronte alle testimonianze dell Olocausto. Con l inchiesta su Che cosa leggono i pariniani indaga sulle scelte culturali dei suoi compagni.

Associazione lombarda dei giornalisti - Provincia di Milano

Associazione lombarda dei giornalisti - Provincia di Milano Associazione lombarda dei giornalisti - Provincia di Milano Milano 28 maggio 1980 Milano 28 maggio 2005 Un ringraziamento particolare all Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani per il

Dettagli

Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo LE IMMAGINI

Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo LE IMMAGINI LE IMMAGINI 305 Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo B runello Vigezzi, uno dei suoi maestri, si rammarica che abbia scelto di lavorare nei giornali

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

La Giornata Internazionale della Pace

La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace viene celebrata il 21 settembre di ogni anno. Le seguenti proposte di lavoro riguardano i diversi gradi di scolarità, qui indicati

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

Mi piace il vento perché non si può comperare

Mi piace il vento perché non si può comperare Mi piace il vento perché non si può comperare Gianni Agnelli in parole sue A cura di Stefania Tamburello Prefazione di Ferruccio de Bortoli Fotocomposizione: Offcinalibri Lodi ISBN 978-88-17-06259-6 Copyright

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Il reclutamento e la formazione dei militanti per le nuove lotte del federalismo La necessità di

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

LA MONACAZIONE FORZATA

LA MONACAZIONE FORZATA LA MONACAZIONE FORZATA Per monacazione si intende una forma di vita totalmente consacrata a Dio rinunciando a ricchezze e affetti per distaccarsi dal mondo e seguire l ideale evangelico. Lo stile di vita

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli