IN COPERTINA ANNO II torneo del Monferrato - Campo sportivo di Gabiano prima di una importante partita. Si riconoscono: Giuseppe Brusasca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN COPERTINA ANNO 1966 - II torneo del Monferrato - Campo sportivo di Gabiano prima di una importante partita. Si riconoscono: Giuseppe Brusasca"

Transcript

1 IN COPERTINA ANNO II torneo del Monferrato - Campo sportivo di Gabiano prima di una importante partita. Si riconoscono: Giuseppe Brusasca (Senatore originario di Cantavenna di Gabiano), Francesco Caligaris, Gian Franco Grillo, Romano Biglia, Luciano Galetto.

2 A mia moglie Maria Grazia e alle figlie Elena e Silvia IL GIOCO DEL TAMBURELLO NELLA COMUNITÀ DI GABIANO A cura di Mario Richetta

3 PRESENTAZIONE TAMBURELLO CHE PASSIONE Quando si parla di tambass si evoca una parte importante della storia recente della comunità di Gabiano a partire dal dopoguerra fino ai giorni nostri. E un filo di ricordi, di emozioni, di momenti indimenticabili, di persone e personaggi che al tambass sono legati in maniera indissolubile vuoi come giocatori, come tifosi, come dirigenti. Tambass o tamburello da tanti considerato il parente povero del più conosciuto pallone elastico che ha avuto la fortuna e il privilegio di annoverare grandi cantori primo fra tutti Cesare PAVESE di Santo Stefano Belbo che descrive nei suoi romanzi tra le gente della sua terra i grandi campioni, i comprimari, gli scommettitori. E ancora Beppe FENOGLIO, Giovanni ARPINO, Franco PICCINELLI che in hanno profuso decine e decine di pagine il loro amore verso questa disciplina decantandone i grandi campioni, le bellezze dei luoghi e dei paesaggi dove questi giganti si scontravano in epiche battaglie. Al tamburello tutto questo è mancato forse perché questo sport è espressione di un territorio, il Monferrato, i cui abitanti sono sempre in bilico tra passato e futuro facili allo slancio e all euforia ma altrettanto pronti a mutare i loro interessi a differenza dei langaroli e dei liguri strenui difensori del loro patrimonio culturale e storico. Quando Mario RICHETTA incominciò ad accennarmi la sua idea di raccogliere del materiale fotografico per raccontare la storia del tamburello a Gabiano ha trovato il mio incondizionato appoggio. Primo perché aiuta a ricordare con le immagini la storia della nostra comunità e attraverso le immagini i suoi mutamenti nel tempo. Secondo perché parlando di tamburello ci ricorda uno sport che si pratica per passione, per difendere il blasone del proprio paese, della propria frazione senza corrispettivo economico in contrasto con il pensiero imperante della nostra società attuale in cui gli unici valori paiono essere il denaro e il profitto.onore dunque assolutamente meritato a tutti i gabianesi e non che con la loro passione, la loro rabbia agonistica, la loro costanza hanno portato e difeso il nome di Gabiano negli sferisteri del Monferrato. La nostra comunità ha dato i natali a grandi campioni: Giulio ZANOTTO di Sessana vincitore della I edizione del toneo del Monferrato nel 1965 con il Cerrina-Gabiano, Angelo UVA di Varengo uno dei più grandi rimettitori di tutti i tempi esempio di classe e correttezza tipicamente inglesi in campo da cui il soprannome John vincitore di molti tornei del Monferrato e di due titoli italiani; Gianni GRILLO calciatore di livello prima, mezz ovolo di rara precisione ed efficacia poi e tanti altri ancora che con la loro passione hanno mantenuto vivo questo sport nella nostra comunità. Un ringraziamento particolare va alla Regione Piemonte che in collaborazione con l amministrazione comunale ha creduto e aiutato il bel lavoro di Mario RICHETTA grande appassionato di tamburello ma soprattutto innamorato di Gabiano e della sua gente Mario TRIBOCCO Sindaco di Gabiano

4 PREFAZIONE Il libro di Mario Richetta appartiene a quel genere di cose che nelle nostre case viene conservato con cura e passa da una generazione all altra come strumento di memoria comune. Il suo lavoro ricostruisce una parte importante della vita dei nostri paesi, fissa immagini, ricordi privati e collettivi che il tempo stinge e per quelli della nostra generazione genera nostalgia per un epoca che ci ha visti percorrere la parte più serena della nostra vita. Il tabass era appeso in cucina, pronto per l uso, ed il mio in particolare ( il primo) era un Capretto, pesava qualche chilo e la pelle era spessa probabilmente un centimetro (doveva aver visto Repubblica e Partigiani), ma non danneggiava la qualità delle mie prestazioni, perché quasi sempre colpivo la pallina con il cerchio. Il tabass ha legato nel tifo per le proprie squadre le comunità, ha riempito i pomeriggi di tante domeniche di passione, di gioia per le vittorie o di amarezza per le sconfitte. Ci furono anni in cui il tamburello diventò per il Monferrato una sentimento totale, che fece nascere bravi giocatori, campioni e miti, tifosi che diventarono personaggi. Questo gioco, a cui tutti siamo legati, è come il fuoco che alla fine dell inverno veniva acceso per bruciare i canneti, e che quando sembrava sul punto di morire, si riprendeva con la folata di vento che gli ridava grande energia. Così è stato in passato e così sarà in futuro: sono certo negli sferisteri torneranno campioni come il sessanese Giulio Zanotto, l uomo delle intre, capace di vincere da solo contro tutti, e di fulminare l avversario con battute di spirito rimaste nel linguaggio comune, quale quella che fotografava un giocatore in affanno A l ha i pè an tla nita, o come il varenghese Angelo Uva, il maratoneta del tamburello, l atleta che in una domenica di luglio di tanti anni fa, in un pomeriggio degno di essere cantato da Paolo Conte, inchiodo fino al cader delle tenebre sulla linea dei cento metri, il Codana del mitico campionissimo Marino Marzocchi Mara. In questi anni il gioco del tamburello vive sospeso in uno spazio indefinito, come la nostra società rurale, che rimasta sostanzialmente immutata per tantissimi anni, vede ora le regole e le prospettive messe in discussione da forze estranee ed incontenibili. Se vogliamo dare una prospettiva ai valori in cui hanno vissuto generazioni di monferrini, dobbiamo salvaguardare i valori fondamentali che hanno costituito la base della civiltà contadina, e tra questi valori, grandissima importanza ha quella passione assolutamente unica che è il gioco del tamburello. Domenico Priora Assessore della Provincia di Alessandria

5 PREFAZIONE Dopo un decennio sul finire del secolo scorso, in pratica gli anni 90, in cui si assistette ad un declino generalizzato degli sport sferistici nella nostra zona e non solo, stiamo vivendo ora una rinascita paragonabile dal punto di vista agonistico, solo a quella avvenuta dopo il primo conflitto mondiale, periodo in cui però era più facile creare questi presupposti, in quanto la sosta fu forzata e non dovuta alla concorrenza, la quale invece già tagliò le gambe dopo il 2 conflitto mondiale. Un rinnovo generalizzato di quasi tutti i dirigenti, ha portato una ventata di entusiasmo e di crescita organizzativa, senza la quale oggi sarebbe impossibile affrontare qualsiasi situazione appena fuori dalla porta di casa, i tempi attuali, in cui la competitività si va affermando addirittura su scala mondiale, non è più possibile pensare di organizzare le cose per il semplice piacere ludico di vedere una bella partita nel fine settimana, ma ad essa va allineata tutta una rete di preparativi che la amplifichino, ovvero la portino sui mass media, fatti non solo più dai giornali, radio, Tv, ma in aggiunta anche da Internet, vera e propria TV e via d informazione del futuro. Attorno ad essa poi bisogna ricordarsi che come ogni entità occorre renderla viva a se stante, quindi con struttura, almeno minima, dirigenziale, settori giovanile, diversificazione dei prodotti che coprano più facilmente i gusti più vari, insomma un organizzazione, che se legge questo un dirigente aziendale, potrebbe obiettare che in sostanza è quello che fa una qualunque azienda che voglia stare sul mercato. Ebbene mi si chiederà: Cosa c entra tutto ciò con la prefazione di questo libro? E dalla Comunicazione che dipende il tutto, essa è basilare filo conduttore di quella organizzazione moderna. Tamburello o cosa si possa aggiungere d altro. Il libro di per se normalmente esce dal quotidiano, spazia nella mente e nel tempo, ma in questo caso per la comunità di Gabiano, primo esempio di consacrazione della sua storia sportiva, oggi può vedere in luce diversa, esso ha scritto delle pagine importanti a livello di Monferrato ed italiano; per il Tamburello, che fino a pochi anni fa ha goduto di rari libri a lui dedicati e solo ora si sta riprendendo, segno della svolta che ha intrapreso. Mario con una traccia incomparabile, ha saputo collegare inequivocabilmente la storia di Gabiano ai suoi giochi, che poi per lei, nobile capitale di alcuni paesi, detti frazione, rappresenta la dimostrazione che nella storia sportiva d Italia essa è ben presente, nel gioco degli italiani, dall Europa riconosciutoci, essa ha fatto la sua parte ed ancor più la sta facendo; ma da questo sforzo, che già dalle prime bozze posso sicuramente apprezzare, amerei vedere che l intera comunità di Gabiano si ridesti, che tutti i paesi del suo comune rigiochino, perché chi può vantare questo passato deve aspirare ad un futuro d autore e per esso ci vuole senso di responsabilità, se vogliamo che tra un secolo un altro Mario scriva una storia sportiva di Gabiano, che lo veda per quel futuro sempre proiettato nei nostri sport unica vera via per Gabiano per mettersi in evidenza in quella nazione globale che sarà l Europa. Mauro Bellero Presidente Provinciale F. P.T. Tamburello

6 INTRODUZIONE Il gioco del tamburello è uno sport radicato nella storia della comunità di Gabiano sicuramente fin dal medioevo, che ha sempre coinvolto e coinvolge tutt oggi i giocatori, i sostenitori e gli appassionati di questa bellissima disciplina sportiva. Gli anziani mi hanno parlato e mi parlano delle loro partite, delle loro memorabili sfide, con una passione, una partecipazione, una nostalgia che mi hanno colpito. Ho quindi pensato di raccogliere le fotografie che richiamano l ambiente, i giocatori, gli spettatori di questa realtà del nostro paese per farne rivivere ricordi, emozioni e i sentimenti. Ho diviso il lavoro in quattro grandi parti: il tamburello a Gabiano negli statuti; il tamburello a Gabiano fino al 1965; il tamburello a Gabiano dal 1965 al 1970; il tamburello dal 1970 ad oggi per ogni decennio; l alternanza tamburello-calcio a Gabiano; Il mio lavoro non ha alcuna pretesa storico-scientifica, e sicuramente è incompleto, ma è stato fatto perché mi ha consentito di formare una memoria visiva di un aspetto della comunità con coinvolgimento e piacere personale. E stato un modo per sentirmi, almeno nel ricordo, ancora giovane e rivivere i giorni felicissimi di quando adolescente, seguivo le vicende della squadra del tamburello di Gabiano: come giocatore ero un terzino quasi nullo parole amichevoli del grande Giulio Zanotto mentre sono sempre stato molto divertito e soddisfatto nel partecipare ai momenti di organizzazione e di svolgimento dell attività. Chi sfoglierà questa raccolta potrà rivivere i suoi bei ricordi,così come lo è stato per me che ho provveduto con la collaborazione degli amici al recupero e alla sistemazione del materiale fotografico. Il tamburello a Gabiano era tutto improntato sulla partecipazione collettiva: bisognava segnare il campo, trovare le maglie, le palline, le squadre dei paesi avversari, l arbitro e il segnapunti. Tutti facevano qualcosa per arrivare alla partita. Si giravano e si girano ancora oggi i bei paesi del nostro Monferrato e ci si sentiva immersi e partecipi della loro realtà locale diventandone parte attiva. Ricordo nel 1972 a Tonco, dopo una bella partita, ci offrirono pane e salame crudo e un barbera frizzantino di quello tenuto nell infernot di cui mi pare di sentire ancora oggi il meraviglioso sapore e profumo. La raccolta delle foto ha quindi anche l intendimento di far capire che le cose belle, anche se semplici, ma vere e fatte insieme, sono le più coinvolgenti e le più appaganti. Ringrazio il Sindaco dr Mario Tribocco e tutta l amministrazione comunale, la Pro Loco con il Presidente Flavio Zacco, e gli amici, che mi hanno dato in prestito il materiale fotografico: Aldo Bruno, Gianni Grillo, Pier Carlo Gluttini, Giuseppe Gagliardone, Massimo Caligaris, Mauro Amerio, Claudio Bruno, Franco Curletti, Francesco Mussone, Vincenzo Cornaglia, Luigi Monti, Franco Sirotto, Mario Motta, Pietro e Flavio Lanfranco, Antonio Bragagnolo, Giovanni Monchietto, Angelo Vicario, Gino Ulla, Bossetto Paolo, don Luigi

7 Calvo, Angelo e Alberto Uva, Felice Cressano, Ubaldo Lanfranco. Dedico questo mio lavoro a tutti coloro che come dirigenti, giocatori, sostenitori e appassionati di questo sport, nei tempi e nei in modi i più diversi, hanno consentito il realizzarsi di significative esperienze sportive nella nostra comunità e tra questi il nostro Presidente Onorario Renzo Odisio. Né posso dimenticare coloro che negli anni con entusiasmo, tenacia e sacrifici, anche economici non indifferenti, hanno consentito a questo sport di rinascere, portando la squadra alla serie A del campo libero: il più coinvolto e sempre presente Luciano Galetto, Dante Martinelli, Aldo Grillo, Francesco Caligaris, Pier Carlo Gluttini, Luciano Carro. Valter Cicolini, Aldo Bruno, Renzo Odisio, Gianfranco Grillo, Ernestino Pagliano, Nello Soliani. Una dedica particolare va ai giovani di oggi, che iniziano a praticare questo bellissimo sport, perché sappiano portare avanti una tradizione secolare dalla nostra comunità e trarne divertimento e soddisfazione così come lo è stato per i loro predecessori. Mario Richetta

8 I DOCUMENTI STORICI - 1 -

9 - 2 -

10 I GIOCHI NEGLI STATUTI DI GABIANO DEL 1422 Negli statuti del Comune sono elencati diversi tipi di gioco, molti di questi non più praticati né conosciuti. Non è indicato il termine tamburello né di bracciale, mentre sappiamo con certezza che entrambi i giochi erano molto diffusi a Gabiano. Nelle cose dimenticate delle soffitte il Presidente della Pro Loco Flavio Zacco ha rinvenuto un bracciale del 1700 molto ben conservato ed ora li riproduce nella sua scuola del legno Mak Bosk. Si tenga presente che i nostri statuti elencano ben otto tipi di gioco: - taxillorum = il gioco dei dadi - cartarum = i diversi tipi di gioco con le carte - burrianorum = non più conosciuto - picazoriorum = forse il gioco a pichet (chi buttava il soldo più vicìno al picchetto o al muro prendeva le giocate - scalpetarum = non più conosciuto - alium ludum = altri giochi - scaccos nigros ed albos = la dama e gli scacchi - tabulas = non più conosciuto - repellando = forse un gioco con la balestra Emerge che in quei secoli il gioco impegnava moltissimo le persone di Gabiano, non solo, ma spesso il gioco degenerava in risse, con problemi per l ordine pubblico (consulta art degli statuti tradotti nel 1989 dal prof. Luigi Calvo), per cui erano vietate le scommesse su qualsiasi tipo di gioco, salvo alcuni, dove era consentita una piccola scommessa. Il gioco del tamburello e del bracciale erano entrambi molto praticati,(abbiamo ritrovato gli attrezzi); probabilmente nel 1420 il gioco del tamburello e del bracciale avevano un altro nome; forse uno tra quelli su menzionati (buriane, picazori, scalpete, tavola, repello). Può anche essere che negli statuti non abbiano pensato di regolamentare il tamburello e il bracciale in quanto non giochi d azzardo e classificandoli quindi tra i tanti tipi di gioco allora praticati (alium ludum). Non era consentito ufficialmente per il bracciale e il tamburello alcuna scommessa. Sappiamo con certezza che fino ai primi decenni del 1900, le scommesse non ufficiali e regolamentate erano viceversa praticate, soprattutto si scommetteva su quale squadra vinceva il 15. Il sig. Remo Grillo, grande giocatore negli anni , mi ha raccontato che spesso le scommesse erano ufficiose e truccate, nel senso che, chi teneva il banco delle scommesse si era già accordato con un giocatore delle due squadre a scapito degli scommettitori. A seconda delle consistenza delle puntate chi teneva il banco spostava un ombrello chiuso in un certo modo: era l ordine per il giocatore di fare fallo e perdere il 15 per far vincere chi teneva le scommesse. Come sempre, così come avviene anche oggi, chi organizza il gioco e tiene il banco alla lunga vince. Il gioco a bracciale era probabilmente praticato dalle classi sociali più abbienti ia sgnuri dan tal rulin, mentre il tamburello era praticato dalle classi sociali più povere. Costruire un bracciale richiedeva anche 40 ore di lavoro, mentre costruire una paletta in legno con l impugnatura in cuoio, come probabilmente era fatto allora l antenato dell attuale tamburello, erano - 3 -

11 sufficienti alcune ore di lavoro. L attuale attrezzo del gioco del tamburello deriva da un attrezzo che nel medioevo,ad esempio, a Venezia si chiamava scanno ed era composto da una paletta di legno con una impugnatura laterale in cuoio (vedi figura in altra pagina). Qualcosa di molto simile alla mazza di baseball americana ma piatto. Frontepagina degli Statuti del Comune di Gabiano tradotti nel 1989 da prof. Luigi Calvo - 4 -

12 GLI ARTICOLI DEGLI STATUTI DI GABIANO CHE PARLANO DEI GIOCHI COME REGOLAMENTATI NEL

13 - 6 -

14 - 7 -

15 IL PALLONE A BRACCIALE PIEMONTESE CENNI STORICI Come già detto, un bracciale del 1700 è stato ritrovato dal sig. Flavio Zacco tra le cose abbandonate nelle case di Gabiano. Il bracciale da cui prende il nome questa disciplina sportiva, nasce in Piemonte intorno al Trattasi di un cilindro in legno di noce o di pero svuotato all interno e totalmente torchiato all esterno da punzoni di forma piramidale, disposti su file, alternati l uno all altro. L attrezzo copre interamente l avambraccio lasciando scoperta la parte finale per l impugnatura a barra della mano. Intorno al 1700 il bracciale cambia forma assumendo le dimensioni ridotte rispetto al precedente, più corto ma sufficiente a coprire il pugno e il polso, l impugnatura diventa anatomica e scavata all interno dell attrezzo. La torchiatura esterna piramidale, viene ridotta a sei file di punte sfalsate. L estremità che racchiude le dita della mano è formata da un coperchio bombato e fesso per consentire lo svuotamento durante la lavorazione e per permettere all aria di circolare durante il gioco. La partita viene disputata da quattro giocatori per campo e prevede 18 giochi. Si gioca a casse. Il campo è spesso costituito da una piazza contornata da ANNI A Casale Monferrato in una sfida a bracciale Bevilacqua-Cocito. L ing. Cocito di Torino è stato con Bruzzone di Genova, Conrotto di Cocconato, Caneva di Ovada, Toffoli di Verona, uno dei più grandi giocatori di bracciale e tamburello degli

16 muri o palazzi. Per Gabiano non mancavano certo gli spazi adeguati intorno al Castello. Il bracciale è senza dubbio l antenato dell odierno gioco chiamato pallone elastico ancora molto praticato in Piemonte specie nell albese e cuneese. L ultimo campionato di bracciale si disputa in Piemonte nel 1927 e vede l Asti vincere dinnanzi all Acqui Terme e al Torino.Dopo di che il gioco scompare o perché non si trovano più artigiani capaci di costruire l attrezzo sportivo soprattutto perché per quei tempi, era costoso acquistarlo, pertanto venne assorbito dal gioco del pallone elastico e dal gioco del tamburello. Resta vivissimo il ricordo di questo gioco, tipicamente piemontese nella memoria degli anziani e qualche attrezzo rimane ancora abbandonato nelle soffitte delle case più signorili. Oggi è un ricercato oggetto da collezione, data la fattura elegante, molto elaborata e tipicamente medioevale. La scuola di scultura e restauro del legno Mak Bosk del Presidente della Pro-Lco sig. Flavio Zacco, come già detto, ha ripreso a costruire e restaurare questo antico oggetto sportivo. Il sig. Mauro Bellero di Casale, presidente della FIPT provinciale, ha organizzato il nuovo campionato italiano di questo sport medioevale

17 ALCUNE PERSONALITA STORICHE PIEMONTESI INTERESSATE AI GIOCHI DEL BRACCIALE, PALLA A PUGNO E TAMBURELLO Edmondo De Amicis Giovanni Giolitti Luigi Einaudi Pietro Badoglio Beppe Fenoglio Cesare Pavese

18 I GIOCHI A BRACCIALE, PALLA A PUGNO E TAMBURELLO SPORT PIU PRATICATI IN ITALIA FINO AL 1900 Abbiamo ritrovato una rivista inglese dei primi del 1900 dove si parla appunto dell importanza del gioco a bracciale in Italia. In Piemonte e anche a Gabiano si giocava a questo secolare sport che aveva nelle diverse località modi diversi di applicazione con riferimento alla palla e all impugnatura

19 - 12 -

20 - 13 -

21 - 14 -

22 - 15 -

23 IL GIOCO DEL TAMBURELLO CENNI STORICI Il gioco del tamburello, della palla a pugno così come il gioco con il bracciale e altri storici che oggi si stanno riscoprendo (pantalera, paletta,palla elastica, minipelota), sono sport antichi le cui origini si perdono nella notte dei tempi confondendosi, in un rito ideale, con i giochi con la palla già in uso ai tempi dei greci e dei romani. Specialmente i romani erano anche grandi cultori dei giochi con la palla ( ludere pila ), e sicuramente avevano regolamentato lo svolgimento di questi giochi, ma mancano riferimenti storici precisi. Il primo scritto con informazioni dettagliate e precise sui giochi della palla è opera di Antonio Scaino, Prete e Parroco di un paese del Veneto, autore del trattato del gioco della palla stampato a Venezia nel Da lui sappiamo che i giochi con la palla si distinguevano a quei tempi: - secondo il tipo di palla: - a vento cioè palla di cuoio riempita con aria a pressione - soda cioè palla di cuoio riempita con altro materiale - secondo il modo di colpirla: - a mano aperta, - col pugno ricoperto da protezione - con un attrezzo. L attrezzo di gioco che più si avvicina all attuale attrezzo del tamburello era nel Veneto, come già detto, chiamato scanno. Osservando le fotografie sottoriportate, era un attrezzo in legno sodo, normalmente frassino, perché legno leggero, con un manico in cuoio per l impugnatura e un corpo trapezoidale che si allargava sul lato opposto dell impugnatura. Anche nel gioco con lo scanno si usavano due tipi di scanno : uno solo per la battuta lungo 75 cm e largo solo 8 cm.; l altro, per il gioco vero e proprio, lungo solo 51 cm ma più largo fino a 11 cm. La palla con cui si giocava era gonfiata ad aria, con cinque spicchi, quattro di pelle di capra e una di cuoio del peso di circa 220 grammi e 8.5 cm di diametro. Ovviamente i luoghi di gioco erano le piazze, le aie, i cortili, i prati che per lunghezza e spazio consentissero lo svolgimento del gioco. Probabilmente ogni paese adattava le regole del gioco alla struttura del campo. Due erano e sono rimaste le varianti principali: A) il gioco a campo libero dove la palla va colpita al volo o al primo rimbalzo e deve superare la linea mediana del campo ma non le linee laterali, né la linea di fondocampo. B) il gioco a muro, dove oltre alle regole simili del campo libero, è valido anche far rimbalzare la palla nel muro della piazza, ma poi la pallina deve comunque cadere nella metà del campo avversario,con regole diverse da paese a paese, per le palle che battono o si fermano sui balconi,portoni,

24 finestre e luci del muro d appoggio. Fino al 1900 esisteva la linea di fondocampo segnata solo per la battuta e valeva la vola libera : chi aveva più forza e superava tutti gli avversari e la linea di fondocampo si aggiudicava il 15. Anche qui c erano le varianti da paese a paese. Ad esempio: chi superava tutti gli avversari e la linea di fondocampo, anziché aggiudicarsi il 15 riconquistava nuovamente la battuta. Riconquistare la battuta era comunque un vantaggio per la squadra: se il battitore era capace a lè bun bati fali aveva più probabilità di fare il 15. Oggi le dimensioni federali del gioco a campo libero sono lunghezza 80 metri e larghezza 20 metri mentre nel campo a muro sono consentite delle ragionevoli varianti a seconda della piazza dove si gioca. La linea mediana del campo è a 40 metri. Fino al 1900 esistevano anche due varianti principali: la linea mediana o cordino fisso a metàcampo e il gioco a cacce dove si spostava teoricamente la linea mediana o cordino del centro campo a seconda della caccia conquistata. La linea di fondocampo era segnata per la battuta ma poi si poteva superare con il tiro a vola libera o intra. Con il sistema delle cacce, ogni squadra aveva come primo obiettivo di gioco conquistare la caccia (conquistare con la caccia più spazio favorevole del terreno di gioco, cacciando, respingendo l avversario in una zona ristretta del campo). Si segnava a lato del terreno di gioco il punto della caccia che era anche la nuova linea mediana del campo. Segnata la caccia si cambiava campo: chi aveva fatto una buona caccia avendo uno spazio di campo piccolo da difendere era avvantaggiato per il 15, l opposto per la squadra avversaria che doveva difendere, se aveva fatto una cattiva caccia, gran parte del campo di gioco. Scopo dei giocatori era, pertanto, anche quello di respingere cacciare l avversario più debole in una zona ristretta del campo, poi con il cambio campo ci si metteva in quella zona di campo più piccola e pertanto più facile da difendere, mentre l avversario si trovava a difendere una zona più vasta del campo e pertanto era sfavorito nella conquista del 15. La sfide e il cuore della partite erano pertanto la forza,la potenza del tiro, cioè riuscire a conquistare più parte del campo avversario possibile, per poi far perdere all avversario il 15 e il gioco. Il gioco con le cacce era un gioco più lento nello svolgimento rispetto all attuale, e avveniva secondo questa scansione: battuta, conquista della caccia, cambio campo, nuova battuta e poi 15. Il punteggio era sempre e gioco. Oltre all arbitro bisognava avere due segnalinee o segnacacce. Ora il gioco del tamburello ha sostanzialmente le regole del tennis, ma il campo è lungo 80 metri, largo 20 metri, con la linea mediana a 40 metri. Si cambia campo dopo 3 giochi. Si gioca in cinque per ogni squadra. Due giocatori a fondocampo chiamati battitore e rimando, un giocatore a centrocampo detto in Piemonte mezzovolo, nel Veneto cavalletto, due giocatori vicino alla linea mediana o cordino detti terzini. La partita si disputa sulla distanza dei 13 giochi per il campo a libero e dei 19 giochi per il campo a muro. Ogni gioco si ottiene dopo aver fatto quattro 15 ( e poi gioco). Oggi i giocatori debbono possedere tante doti o talenti:

25 - la capacità di conoscere la palla e portarsi velocemente al posto giusto; - la coordinazione gamba-braccio per colpire la palla in modo utile; - la regolarità nel tiro: cioè tenere sempre o il più possibile la palla in campo: meglio se a fondocampo; - la potenza nel tiro; - la potenza va sempre unita alla capacità di saper tenere in campo la palla: un giocatore potentissimo ma falloso avvantaggia gli avversari; - la resistenza nel gioco; - la tenacia nel perseguire il 15; - la capacità di saper coinvolgere nel gioco i compagni di squadra. Nei tempi passati bisognava avere tutte queste doti ma diventava poi prevalente la potenza nel tiro essendo il gioco a vola libera ai val l intra. Per approfondimenti vedi il libro: - Storia del gioco del tamburello - di Filippo Piana anno 1995 reperibile alla Federazione Italiana Palla tamburello di Mantova. Tel Palla e Pompe Tamburello o scanno Bracciale La copertina del trattato sui giochi a palla di Scaino. Anno 1555 Attrezzi di Gioco del

26 LA COSTRUZIONE DEI TAMBURELLI A GABIANO Dalla tradizione orale emerge che a Gabiano fino al 1970 vennero fabbricati tamburelli. Ogni figlio maschio, se poteva, si comprava un tamburello il prezzo era allora abbastanza elevato perché costruito artigianalmente con pelle di cavallo o di mucca; ora il prezzo è molto diminuito (10 ) perché si costruiscono industrialmente con materiali di plastica. A Gabiano, in Frazione Zoalengo, nella sua cascina di via Cavour 21 c era un artigiano contadino che li costruiva per tutti, sia per i giocatori professionisti che per gli amatori, per grandi e piccoli. Ettore Capretto, nato a Zolalengo di Gabiano nel 1889, il Vigin o Varenghin per gli amici, era un fervido appassionato del gioco della palla tamburello e da questa passione, dopo la I^ guerra mondiale, nacque l idea di costruire tamburelli. Si dedicava a questa attività soprattutto d inverno, quando il lavoro nei campi subiva un calo, mentre d estata conciava le pelli. Dopo diversi tentativi (era un autodidatta) riuscì a costruirsi i macchinari necessari per la sua produzione artigianale; si faceva anche aiutare dai suoi figli in alcuni lavori manuali, come ad esempio per la concia delle pelli o per le finiture. Il procedimento era abbastanza lungo e laborioso: occorreva procurarsi il materiale che consisteva in listelli di legno d olmo e nel pellame di cavallo o di mucca; due listelli venivano piegati a caldo e lasciati stagionare 3-4 mesi, in seguito erano incollati in modo da formare il cerchio vero e proprio: si applicava poi la pelle già sgrassata e conciata dopo aver tolto il pelo. Con i suoi macchinari il Vigin tirava la pelle in modo da renderla elastica e contemporaneamente la più resistente possibile, scartando quelle parti che presentavano delle imperfezioni (cicatrici) che ne minavano la resistenza: La pelle veniva fissata manualmente al cerchio con circa 200 chiodini. Le parti della pelle dell animale considerate pù idonee all uso erano la pelle del collo del cavallo e la pelle del ventre della mucca. Si passava poi al lavoro di rifinitura: il legno veniva seppiato e verniciato; per coprire le teste dei chiodini si foderava il cerchio con un terzo listello bordato di ottone o anche con del materiale sintetico adesivo e colorato. In ultimo veniva fissata l impugnatura sempre in cuoio con un piccolo listello di legno arrotondato nella parte interna del cerchio per favorirne l impugnatura. Venivano costruiti tamburelli di tutte le misure, anche le cosiddette bifette o tabassine, un tamburello allungato e ovale dalla caratteristica forma a goccia che serviva solo per la battuta al battitore e immediatamente cambiato con il tamburello normale come avviene ancora oggi. Ettore Capretto

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE Il percorso didattico dedicato al Natale ha la finalità di far vivere con maggiore consapevolezza le tradizioni natalizie, dando un significato appropriato ai simboli del

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli