CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO COMUNE DI CASARANO (Comune Capofila) PROVINCIA DI LECCE (Convenzione ex art. 30 del D.Lgs n. 267/2000) Casarano (LE) C.F Tel.: Fax: Sito internet: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIALE (S.A.D.) IN FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA RESIDENTI NEI COMUNI AFFERENTI ALL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO. ART. 1 - OGGETTO DEL CAPITOLATO Il presente Capitolato Speciale d Appalto ha per oggetto il Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale in favore di persone con disabilità residenti nei comuni afferenti all. Il servizio di Assistenza Domiciliare Sociale (S.A.D.) consiste in interventi da fornire alle persone al fine di favorire la permanenza nel loro ambiente di vita, evitando l istituzionalizzazione e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione. Il servizio prevede un monte ore massimo complessivo di da espletarsi nell arco presuntivo di 12 mesi, salvo eventuale, successiva implementazione, in ragione di maggiori bisogni, e corrispondenti, eventuali, risorse finanziarie disponibili. ART. 2 - DESTINATARI DEL SERVIZIO Destinatari degli interventi di cui al presente appalto sono persone, a rischio di emarginazione e fragilità sociale, affette da minorazioni psichiche, intellettive, fisiche e sensoriali che vivono soli e/o con famiglie non sufficientemente in grado di assicurare l assistenza per la cura e l igiene della persona e degli ambienti di vita. Il servizio si rivolge a numero potenziale di 75 utenti, resid enti nei comuni afferenti l Ambito Territoriale Sociale di Casarano. ART. 3 - FINALITA GENERALI DEL SERVIZIO Il S.A.D. consiste in un insieme di interventi e di prestazioni di natura socio-assistenziali garantititi a domicilio e secondo Piani Assistenziali Individuali (PAI), prevedendo attività di assistenza diretta alla persona, prestazioni igienico- sanitarie di semplice attivazione, aiuto nella vita di relazione. Il S.A.D. persegue i seguenti obiettivi: limitare i ricoveri ospedalieri dell utente per i tempi necessari alla cura delle acuzie; mantenere l utente per quanto è possibile nel suo ambiente familiare e sociale, evitandone l istituzionalizzazione; sostenere in maniera significativa le famiglie e gli altri soggetti che prestano assistenza alla persona mediante iniziative varie, tra le quali la trasmissione delle competenze ed abilità per una loro autonomia di intervento; ottenere il recupero dell autosufficienza della persona con disabilità; prevenire la perdita totale dell autosufficienza e dell autonomia; stimolare la collaborazione sinergica del volontariato territoriale; consolidare il sistema dei servizi sociali e sanitari i esistenti, garantendo un miglioramento della qualità di vita; Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 1 di 8

2 promuovere e sostenere la qualità di vita delle famiglie, e la loro partecipazione attiva, in termini di welfare community, alla realizzazione del benessere individuale e collettivo. ART. 4 - PRESTAZIONI DEL SERVIZIO Il S.A.D. comprende prestazioni che si articolano per aree di bisogno, con particolare riferimento a persone prive di rete familiare. Le modalità d intervento devono essere flessibili e il più possibile personalizzate, in relazione alle differenti manifestazioni dei bisogni individuali e delle indicazioni fornite dal Servizio Sociale Professionale di Ambito, nonché secondo le indicazioni del PAI. Le prestazioni di Assistenza Domiciliare Sociale, previa elaborazione del PAI, comprendono i seguenti interventi: a) assistenza alla persona, che si esplica in attività volte a favorire e/o a mantenere l'autosufficienza nell'attività giornaliera, riferibili al complesso delle seguenti funzioni quotidiane: - alzare l'utente, vestizione, aiuto nel movimento di arti invalidi e nell'utilizzo di ausili sanitari; - curare l'igiene della persona (bagno, pulizia personale) e aiuto nell'uso di accorgimenti o attrezzi per lavarsi; - nutrizione e/o aiuto nell'assunzione dei pasti; - aiuto per una corretta deambulazione e mobilizzazione delle persone costrette a letto; - aiuto al mantenimento di abilità quotidiane; - prestazioni igienico-sanitarie di semplice attuazione, complementari alle attività assistenziali: rilevamento della temperatura, assistenza per la corretta somministrazione delle prescrizioni farmacologiche, opportuna segnalazione di sintomi di malattie al medico di base o ai familiari o al pronto soccorso; b) aiuto domestico, che si esplica in attività di aiuto alla persona nella gestione dell'ambiente domestico e nel governo della casa con particolare riferimento: - riordino del letto e della stanza; - pulizia dei servizi e dei vani dell'alloggio ad uso dell'utente e dallo stesso utilizzati, curando l areazione e l'illuminazione dell'ambiente; - cambio della biancheria, lavaggio e stiratura della biancheria e del vestiario dell'utente ed eventuale utilizzo del servizio di lavanderia; - preparazione dei pasti ed eventuale pulizia delle stoviglie; d) coordinamento (Assistente Sociale): - coordinare le attività oggetto del presente appalto; - provvedere alla redazione, almeno trimestralmente, di relazione riepilogativa relativa all andamento del Servizio, oggetto del presente appalto; - assicurare la propria reperibilità, anche telefonica, al fine di garantire il necessario tramite comunicativo con l ente appaltante, nella persona del Referente dell Area Disabilità e Salute Mentale, e con gli operatori; - segnalare al Servizio Sociale Professionale di Ambito, eventuali problemi riscontrati; - concorrere con il Servizio Sociale Professionale di Ambito nella definizione del PAI; - concorrere con il Servizio Sociale Professionale di Ambito, alla verifica periodica, in fase di realizzazione del piano individualizzato, dei risultati raggiunti, per apportare eventuali modifiche agli interventi previsti; - garantire il necessario tramite comunicativo con l ente appaltante e con gli operatori; - fornire informazioni agli utenti ed alle loro famiglie sui loro diritti, sui servizi a disposizione, sulle pratiche necessarie per ottenerli; - attivare interventi tendenti a favorire la vita di relazione, ricerca e attivazione di forme solidaristiche, rapporti con strutture ricreative e culturali per iniziative di socializzazione e reinserimento sociale, attività di prevenzione della solitudine, attività di socializzazione. Il Servizio S.A.D. viene attivato, su richiesta (dell utente, dei suoi familiari, del medico di medicina generale e/o dai servizi territoriali e dal CSM), previa valutazione del Servizio Sociale Professionale di Ambito. All attivazione del servizio la stazione appaltante comunicherà all operatore economico aggiudicatario l elenco dei beneficiari del servizio, specificando tipologia del bisogno, della disabilità e quantificazione oraria dell attività richiesta, nonché ogni altra notizia indispensabile alla migliore realizzazione degli interventi. Sulla base della comunicazione ricevuta, l operatore economico aggiudicatario provvederà ad assegnare ai beneficiari segnalati, l operatore maggiormente qualificato ed in possesso della specializzazione specifica. ART. 5 - COORDINAMENTO E CONTROLLO DEL SERVIZIO Il coordinamento e la supervisione del servizio sono affidati al Servizio Sociale Professionale di Ambito, che valuta e coordina l attuazione del progetto sulla base dei seguenti indicatori: Numero utenti seguiti; Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 2 di 8

3 Numero ore di assistenza garantita; Numero giornate/uomo lavorate; Tipologia di intervento. In particolare il Servizio Sociale Professionale di Ambito: coordina tutte le fasi e le attività del servizio, oggetto del presente Capitolato Speciale d Appalto; provvede alla supervisione, accompagnamento, monitoraggio e valutazione del servizio; supervisiona e partecipa alla stesura del PAI, formulato per ogni destinatario del servizio; stabilisce le priorità e gli obiettivi dell intervento; provvede alla verifica periodica, in fase di attuazione del piano individualizzato, degli obiettivi e dei risultati raggiunti, per apportare eventuali modifiche agli interventi previsti o per stabilire la conclusione dell intervento, in ragione del raggiungimento degli obiettivi o nel caso di impossibilità del loro perseguimento; individua e comunica al Responsabile del Coordinamento Tecnico addetto al servizio, la tipologia, la durata e la frequenza delle prestazioni che dovranno essere rese a favore del singolo utente, secondo il PAI. La stazione appaltante è legittimata a controllare l espletamento del servizio in svolgimento presso il domicilio dell utente, senza darne comunicazione preventiva all operatore economico aggiudicatario. Inoltre, potrà organizzare in ogni momento incontri di verifica della congruità e della puntualità delle prestazioni rispetto agli obiettivi del servizio prefissati, incontri di programmazione e coordinamento al fine di migliorare la gestione del servizio. ART. 6 - RESPONSABILE DEL COORDINAMENTO TECNICO E fatto obbligo all operatore economico aggiudicatario individuare al suo interno un responsabile del servizio per tutti gli aspetti gestionali ed organizzativi di esso, quale interlocutore unico con il Servizio Sociale Professionale di Ambito. Il Responsabile del Coordinamento Tecnico deve essere in possesso, preferibilmente, della qualifica di Assistente Sociale, regolarmente iscritto al relativo Albo professionale, responsabile del servizio affidato, che risponda dei rapporti contrattuali fra esecutore e stazione appaltante e che rappresenti per quest ultima la figura di costante riferimento per tutto quanto attiene l organizzazione del servizio. In caso di assenza, l operatore economico aggiudicatario è tenuto a comunicare immediatamente al Servizio Sociale Professionale di Ambito il nominativo del sostituto, che deve possedere gli stessi requisiti del titolare della funzione. Il Responsabile del coordinamento tecnico dovrà svolgere tutte le funzioni ed i compiti previsti nel presente Capitolato Speciale d'appalto e dovrà rendersi disponibile a periodici incontri di programmazione e verifica del servizio con il Servizio Sociale Professionale di Ambito. ART. 7 - MODALITÀ DI AMMISSIONE E DIMISSIONE DELL UTENZA All avvio del servizio, il Servizio Sociale Professionale di Ambito comunicherà al Responsabile del Coordinamento Tecnico, di cui all art. 6 del presente Capitolato Speciale d'appalto, l elenco nominativo degli utenti da prendere in carico dall operatore economico aggiudicatario, il quale dovrà provvedere a costituire ed aggiornare periodicamente l anagrafe dell utenza in formato cartaceo e su supporto digitale mediante l utilizzo di specifici software applicativi messi a disposizione dell operatore economico aggiudicatario e accessibile dal referente del Servizio Sociale Professionale. L'erogazione del servizio dovrà avvenire entro le 48 ore dalla trasmissione del PAI. L'affidatario è vincolato all'adempimento esatto del programma concordato e dei piani di assistenza individualizzati elaborati dagli organismi integrati. All Ambito Territoriale Sociale, tramite il Servizio Sociale Professionale di Ambito, compete l individuazione degli obiettivi, la direzione generale del progetto, il coordinamento complessivo e la verifica circa il corretto raggiungimento degli obiettivi stessi. Il Servizio Sociale Professionale di Ambito individuerà e comunicherà al Responsabile del Coordinamento Tecnico: la tipologia, la durata e la frequenza delle prestazioni che dovranno essere rese a favore del singolo utente, secondo il PAI, soggetto a costante monitoraggio per integrazioni, modificazioni e aggiornamento. ART. 8 - CARTELLA E SCHEDA UTENTE Per ogni utente del servizio deve essere predisposta idonea cartella contenente i principali dati personali e familiari. La cartella, predisposta dal Servizio Sociale Professionale di Ambito, in collaborazione con il Responsabile del coordinamento tecnico, individuato dall operatore economico aggiudicatario, e custodita presso l Ufficio di Piano dell c/o Comune di Casarano, in qualità di Comune capofila, conterrà copia del PAI. Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 3 di 8

4 La progettazione individualizzata di ciascun intervento, sia dal punto di vista del contenuto che del metodo, dovrà riguardare, in particolare: - quantificazione monte ore settimanale per ciascun utente; - organizzazione dell'orario del personale da destinare al servizio; - contenuti e metodologie del singolo intervento in base alle caratteristiche e alle esigenze del soggetto in carico; - previsione degli incontri di programmazione, coordinamento e verifica da effettuarsi nel corso dell espletamento del servizio. Sulla cartella andranno registrati, con cadenza mensile, altresì, da parte del Servizio Sociale Professionale di Ambito in collaborazione con il Responsabile del Coordinamento Tecnico, oltre all andamento degli interventi, ogni variazione del PAI. ART. 9 - DURATA COMPLESSIVA DELL INTERVENTO/SERVIZIO Il servizio oggetto del presente appalto avrà durata pari a 12 mesi. L appalto decorrerà dalla data di inizio del servizio, concordato con il Responsabile dell Ufficio di Piano dell - Responsabile Unico del Procedimento, anche sotto riserva di legge ed in pendenza della stipula del contratto. Si intenderà risolto alla scadenza del termine stabilito, senza necessità di preventiva disdetta. È esclusa la possibilità di rinnovo tacito. La stazione appaltante, tuttavia, si riserva la possibilità di proroga, ovvero la facoltà prevista dall art. 57, c.5, lett. b) del D.Lgs. n. 163/2006. L operatore economico aggiudicatario, in caso di proroga espressa da parte dell Amministrazione giudicatrice, è impegnata a garantire, anche dopo la scadenza dei termini, come sopra indicati, la continuità del servizio. ART MODALITA PAGAMENTO Al pagamento si provvederà, con cadenza minima trimestrale, a seguito di presentazione di regolare fattura corredata di relazione sull andamento del servizio a cura dell operatore economico aggiudicatario, previo accertamento sulla regolarità contributiva dell impresa sopra descritta nei confronti degli Istituti Previdenziali e Assistenziali (INPS-INAIL) e previa apposizione del visto di regolare svolgimento del servizio da parte del Responsabile dell Ufficio di Piano dell. La relazione sull andamento del servizio, da allegare alla fattura, dovrà contenere le seguenti indicazioni: una breve descrizione degli interventi erogati, per ogni codice utente; fogli firma presenza operatori controfirmato dall utente; i giorni/ore di fruizione dell assistenza; il grado di soddisfazione dell utente. Dal pagamento del corrispettivo, che sarà effettuato previo adeguato controllo, sarà detratto l importo delle eventuali penalità applicate per inadempienza a carico dell operatore economico aggiudicatario e quant altro dallo stesso dovuto. Il corrispettivo dovuto all operatore economico aggiudicatario è costituito dal prezzo, offerto sul totale posto a base d asta. Con tale corrispettivo l operatore economico aggiudicatario si intende, pertanto, compensato di qualsiasi corrispettivo inerente, connesso o conseguente il servizio medesimo, senza alcun diritto a nuovi o maggiori compensi. L operatore economico aggiudicatario riscuoterà il compenso dovuto esclusivamente in base alle ore di servizio effettivamente espletato. ART PROFILO DEGLI OPERATORI RICHIESTI PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO/SERVIZIO Per l espletamento delle prestazioni di tipo domestico e socio-sanitario sono previsti, a regime: Figure professionali di assistenza alla persona, con specifica formazione in relazione alle diverse aree di bisogno, ai sensi dell art. 87 del R. R. n. 4 del 2007, con esperienza maturata e documentata in interventi di cui all appalto in oggetto, da utilizzarsi per il 70% del monte ore complessivo previsto da bando. Operatori Socio-Sanitari, in possesso di specifico titolo Operatore Socio Sanitario e con esperienza maturata e documentata in interventi di cui all appalto in oggetto, da utilizzarsi per il 30% del monte ore complessivo previsto da bando. Assistente Sociale, con funzione di coordinatore del servizio, per conto del soggetto gestore, fino ad un monte ore mensile massimo di 12 ore. L operatore aggiudicatario deve utilizzare esclusivamente operatori in possesso delle qualifiche professionali previste dalle normative nazionali, regionali e dai contratti di lavoro. La tariffa oraria da corrispondere dovrà essere differenziata in riferimento al profilo posseduto dal singolo operatore. Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 4 di 8

5 ART MODALITA GENERALI DI ORGANIZZAZIONE ED ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO Il servizio sarà effettuato dal lunedì al sabato, secondo quanto indicato dal PAI. Al di fuori del normale orario di lavoro, il Servizio Sociale Professionale potrà richiedere in casi eccezionali, per far fronte ad interventi urgenti ed inderogabili, un servizio emergenza nei giorni festivi. Agli operatori addetti al servizio, si devono applicare i contratti di lavoro secondo la normativa vigente in materia. L operatore economico aggiudicatario si impegna a garantire l immediata sostituzione in caso di assenza del personale per malattia, ferie, sciopero, ecc., senza alcun ulteriore aggravio per l Ente appaltante. Le sostituzioni devono essere fatte con altro operatore, in possesso della medesima qualifica, nell eventualità di operatore con qualifica superiore, l Ambito Territoriale Sociale computerà lo stesso compenso aggiudicato per la qualifica da sostituire. I motivi che determinano la momentanea sostituzione dell operatore titolare devono essere comunicati ed esplicitati in modo da permettere una verifica da parte dell Ente appaltante. L Ambito Territoriale Sociale si riserva il diritto di rifiutare l'opera di uno o più operatori per inadempienze rilevate e documentabili; in tal caso, l operatore economico aggiudicatario dovrà sostituirlo tempestivamente con altro personale dotato dei requisiti previsti. La continuità del rapporto operatore-utente è un elemento di qualità del servizio e pertanto perseguita e salvaguardata dall operatore economico aggiudicatario. E obbligo dell operatore economico aggiudicatario comunicare, prima dell avvio del servizio l elenco dei nominativi degli operatori preposti al servizio, che deve essere aggiornato tempestivamente ogni qualvolta si verifichi la sostituzione di un operatore. L eventuale ricovero in strutture residenziali o ospedaliere dell utente preso in carico deve essere sempre comunicata dall operatore economico aggiudicatario all Ambito Territoriale Sociale. Nel caso in cui eventuali modifiche al PAI comportassero variazioni delle ore di servizio di assistenza, queste dovranno essere in ogni caso autorizzate dal Servizio Sociale Professionale di Ambito. Il Responsabile del Coordinamento Tecnico, nominato dall operatore economico aggiudicatario ai sensi dell art. 6 del presente capitolato, dovrà presentare una relazione iniziale relativa alla distribuzione del personale e dei compiti da espletare, una relazione trimestrale sull andamento del servizio e una relazione conclusiva sulle attività svolte, i risultati ottenuti ed eventuali proposte migliorative, nonché sugli esiti delle prestazioni svolta per ogni singolo utente. ART RAPPORTI CON IL PERSONALE Gli operatori impiegati dall operatore economico aggiudicatario avranno rapporti di lavoro esclusivamente con quest ultimo e pertanto, nessun rapporto intercorrerà, sotto tale profilo, con l Ambito Territoriale Sociale, restando quindi, ad esclusivo carico dell operatore economico aggiudicatario tutti gli oneri contrattuali, assicurativi e previdenziali relativi alla gestione del personale stesso. Art.14 - RAPPORTO TRA OPERATORI ED UTENTI/NORME DI COMPORTAMENTO L operatore economico aggiudicatario dovrà attenersi, personalmente e tramite il personale preposto, agli obblighi di condotta, per quanto compatibili, previsti dal codice di comportamento così come definito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n. 62, che dichiara di conoscere ed accettare. La violazione degli obblighi derivanti dal citato codice comporta la risoluzione del contratto. Allorché si verifichi una causa di risoluzione, l Ambito Territoriale Sociale provvederà alla contestazione, assegnando un termine di 15 giorni per la presentazione delle giustificazioni. Decorso infruttuosamente il termine predetto, ovvero nel caso che le giustificazioni non siano ritenute idonee, la risoluzione del rapporto è disposta con provvedimento del funzionario del settore competente, fatto salvo per l Ambito Territoriale Sociale il diritto al risarcimento dei danni. L operatore economico aggiudicatario, pertanto, si obbliga a richiamare e, nei casi più gravi, a sostituire gli operatori che abbiano manifestato un comportamento non consono ad un corretto svolgimento del servizio. ART COMPETENZE DEL COMMITTENTE Il Responsabile dell Ufficio di Piano, o suo delegato, svolge funzioni di indirizzo e coordinamento tecnico e amministrativo nelle varie fasi di attuazione del servizio; effettua la verifica della corretta gestione delle attività e della rispondenza del servizio svolti dall operatore economico aggiudicatario. Compete al Responsabile dell Ufficio di Piano il controllo degli adempimenti previsti per legge. Il Servizio Sociale Professionale di Ambito, si impegna a fornire all operatore economico aggiudicatario i dati e le informazioni necessarie allo svolgimento del servizio, a garantire la vigilanza ed il controllo delle attività, in particolare, la verifica della congruità e della puntualità delle prestazioni rispetto agli obiettivi del servizio. Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 5 di 8

6 ART OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA L operatore economico aggiudicatario si obbliga a stipulare, a favore degli operatori, idonee coperture assicurative al fine di coprire i rischi da infortuni e/o danni provocati durante l'esercizio delle prestazioni oggetto del presente Capitolato Speciale d Appalto. L operatore economico aggiudicatario è, altresì, obbligato a stipulare polizza assicurativa ai sensi dell art. 17. L operatore economico aggiudicatario si impegna ad osservare tutte le disposizioni di legge sulla prevenzione degli infortuni degli operatori impiegati nel servizio, nonché sul divieto di intermediazione e interposizione nelle prestazioni di lavoro, e libera sin d'ora l'ambito Territoriale Sociale da qualsiasi responsabilità derivante da eventuali infortuni sul lavoro e/o da ogni altro danno che potesse derivare dall'espletamento del servizio in appalto. Restano, comunque, a carico dell operatore economico aggiudicatario tutte le responsabilità ed incombenze inerenti la gestione del servizio. L operatore economico aggiudicatario ha l'obbligo di osservare, oltre che le norme del presente Capitolato Speciale d Appalto, le norme in vigore o emanate in corso d'opera e che disciplinano i contratti di servizio, la prevenzione e l'infortunistica, i contratti di lavoro, le assicurazioni sociali, le norme sanitarie, nonché le leggi antinquinamento e le norme della sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 626/94 e successive modificazioni e integrazioni) e ogni altra disposizione normativa applicabile al servizio di cui trattasi. In proposito, l operatore economico aggiudicatario è tenuto a fornire la documentazione relativa al rapporto di lavoro degli operatori complessivamente impiegati per l espletamento del servizio di cui al presente Capitolato Speciale d Appalto; pertanto, l Ufficio di Piano è esonerato da qualsiasi responsabilità al riguardo. L operatore economico aggiudicatario si impegna ad operare in linea con i principi della tutela fisica e psichica dei cittadini e nel rispetto dei diritti individuali. A tal fine, l operatore economico aggiudicatario si impegna a presentare, prima dell inizio del servizio una dichiarazione del legale rappresentante di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, nonché apposita certificazione rilasciata dagli uffici competenti dalla quale risulti l ottemperanza alle norme di cui all art. 17 L. n. 68 del L operatore economico aggiudicatario si impegna, senza eccezione alcuna, a: a) fornire, prima dell avvio del servizio, l elenco nominativo con le rispettive qualifiche di tutto il personale che intende impiegare nell attività, compreso quello per le eventuali sostituzioni, corredato da curricula vitae; b) dare corso immediato al servizio, anche in pendenza di stipula dell atto formale di convenzione/contratto, senza pretendere alcun compenso aggiuntivo, eseguendo, altresì, lo stesso conformemente a tutte le condizioni previste dal presente Capitolato Speciale d Appalto, senza riserva alcuna, nonché in conformità del progetto presentato il cui contenuto costituisce, quindi, obbligo per l operatore economico aggiudicatario a integrazione di quanto previsto nel presente Capitolato Speciale d Appalto; c) dotare ogni operatore di una scheda, opportunamente predisposta, per la rilevazione delle prestazioni effettuate e dei relativi orari; d) dotare, a proprie spese e sotto la propria responsabilità, il proprio personale di un documento di riconoscimento contenente l indicazione del soggetto giuridico di appartenenza, le generalità e la qualifica dell operatore (da esibire a richiesta); e) impiegare nella gestione del servizio personale fisicamente idoneo, di provata capacità, onestà e moralità, oltre che corrispondente alle specifiche richieste di profilo professionale; f) garantire la funzionalità, l adattabilità e l immediatezza degli interventi; g) dotare il personale di camici, guanti e materiale igienizzante per l espletamento del servizio là dove si rendesse necessario e non in possesso dell utente; h) collaborare, nell'ambito di una concezione globale ed integrata degli interventi, con i Servizi dell'a.s.l., del CSM, e con i servizi di altri Enti presenti sul territorio, ivi comprese le associazioni o forme organizzate di volontariato; i) l operatore economico aggiudicatario dovrà emettere fattura, allegando un riepilogo che contenga il nominativo degli utenti con le rispettive ore di servizio effettuate, suddivise per tipologia di operatori impiegati: O.S.A., O.S.S. e Assistente Sociale. Il prezzo offerto e stabilito a titolo di corrispettivo del servizio è comprensivo dei corrispettivi dovuti dall appaltatore al personale, i contributi previdenziali ed assistenziali, le spese di assicurazione di detti operatori contro i rischi di morte e di invalidità permanente e per la responsabilità civile verso terzi, le spese per la mobilità del personale nell ambito del territorio di ciascun Comune ed, eventualmente, nel territorio dell Ambito. ART ASSICURAZIONE L operatore economico aggiudicatario dovrà provvedere, a sua cura e spese, a stipulare una specifica polizza assicurativa di responsabilità civile, per l intera durata del contratto, per la copertura degli eventuali danni a persone o cose che si potessero verificare nell espletamento delle prestazioni oggetto del contratto, nei confronti degli operatori, dei dipendenti, degli utenti o di terzi, anche per fatto imputabile agli operatori, ai dipendenti, agli utenti o a Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 6 di 8

7 terzi. L'importo del massimale per RCT ed RCO non potrà essere comunque inferiore ad ,00 (euro cinquecentomila/00). La polizza dovrà essere consegnata, prima della stipula del contratto, all Ufficio di Piano dell Ambito Territoriale Sociale. ART RESPONSABILITA L operatore economico aggiudicatario si impegna ad escludere da qualsiasi responsabilità per casi di infortunio o danni arrecati agli utenti ed eventualmente all'ambito Territoriale Sociale, in dipendenza di manchevolezze o di trascuratezze commesse durante l'esecuzione della prestazione contrattuale. L appaltatore comunicherà tempestivamente con lettera raccomandata all Ufficio di Piano gli eventuali infortuni o incidenti verificatisi durante l attività. L operatore economico aggiudicatario e' sempre responsabile sia verso l Ambito Territoriale Sociale sia verso terzi della qualità del servizio fornito. ART OSSERVANZA NORME SULLA PRIVACY L operatore economico aggiudicatario è tenuto all osservanza del D. LGS n.196/2003 e, prima dell inizio del servizio, dovrà comunicare il responsabile del trattamento dei dati sensibili ai sensi del D.Lgs n L operatore economico aggiudicatario del servizio, dovrà astenersi dal divulgare o rivelare a terzi notizie riservate inerenti alle persone o alle famiglie, utenti dei servizi, delle quali siano venuti a conoscenza in occasione del proprio servizio, di cui al D. LGS. sopra citato. ART INADEMPIENZE DEL SERVIZIO Eventuali inadempienze nell espletamento del servizio vanno tempestivamente comunicate all Ufficio di Piano dell. L operatore economico aggiudicatario del servizio verrà, previa contestazione degli addebiti, dichiarato decaduto dall'appalto nei seguenti casi: 1. per mancato assolvimento degli obblighi contrattuali o di legge, in materia di liquidazioni, stipendi o trattamento previdenziale ed assicurativo a favore del personale impiegato dall operatore economico aggiudicatario; 2. per manifesta e grave inadempienza degli obblighi assunti con il contratto di appalto. ART PENALITA' L operatore economico aggiudicatario, nell'esecuzione del servizio avrà l'obbligo di seguire le disposizioni di legge ed i regolamenti che riguardano il servizio stesso o le disposizioni del presente Capitolato Speciale d Appalto. Ove non attenda agli obblighi imposti per legge o regolamento, ovvero violi le disposizioni del presente Capitolato Speciale d Appalto, e' tenuta al pagamento di una pena pecuniaria determinata in relazione all entità delle conseguenze derivanti dall infrazione. L Ambito Territoriale Sociale, previa contestazione all operatore economico aggiudicatario, applica sanzioni nei casi in cui non vi sia rispondenza del servizio a quanto richiesto nel presente Capitolato Speciale d Appalto, e specificatamente: PENALE di: - Euro 62,50 per ogni ora di ritardo o uscita anticipata rispetto al singolo servizio giornaliero; - Euro 187,50 per ogni mancato singolo servizio giornaliero; - Euro 187,50 per mancata sostituzione dell operatore per ogni singolo servizio; - Euro 100,00 in caso di prestazione di servizio giornaliero con personale privo dei requisiti richiesti; - Euro 100,00 per ogni mancato avvio di servizio, secondo le modalità e i tempi indicati dal Servizio Sociale Professionale; - Euro 187,50 per il mancato intervento urgente previsto dal presente Capitolato Speciale d Appalto. In osservanza del D.P.R. 05 ottobre 2010 art. 145 C. 3, gli importi sopra indicati sono passibili di variazione nel caso in cui, a seguito dell aggiudicazione definitiva sia stabilito un importo contrattuale che determina, per gli stessi, il non rispetto della pena relativamente ai parametri di contenimento tra lo 0,3 per mille e l 1,0 per mille, in misura giornaliera, dell importo netto contrattuale. Per cumulo di infrazioni, l Ambito Territoriale Sociale procederà alla rescissione del contratto. Si comunica che l unica formalità preliminare per l applicazione delle penalità sopraindicate è la contestazione degli addebiti. Alla contestazione della inadempienza, l operatore economico aggiudicatario ha facoltà di presentare le proprie controdeduzioni entro e non oltre 10 (dieci) giorni dalla data di ricevimento della lettera di addebito. L Ambito Territoriale Sociale procede al recupero della penalità mediante ritenuta sul mandato di pagamento delle fatture emesse dall operatore economico aggiudicatario. Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 7 di 8

8 ART.22 - DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO L operatore economico aggiudicatario dovrà costituire, all atto della sottoscrizione del contratto d appalto, una garanzia fideiussoria pari al 10% dell importo contrattuale per l intera durata dell appalto, dovuta al concessionario a garanzia dell esatto adempimento degli obblighi derivanti dal contratto. La cauzione definitiva dovrà avvenire mediante versamento in contanti o in titoli del debito pubblico presso la Tesoreria comunale oppure mediante fideiussione bancaria o polizza assicurativa fideiussoria con clausola di pagamento a semplice richiesta, nella misura e nei modi di cui all art. 113 del D.lgs , n. 163, e all art. 101 del dpr. 554/99. Tale cauzione garantirà anche l eventuale risarcimento dei danni, nonché il rimborso delle spese che l Ambito Territoriale Sociale dovesse eventualmente sostenere durante la gestione appaltata, per fatto dell appaltatore, a causa dell inadempimento o cattiva esecuzione del contratto. La cauzione definitiva resterà vincolata, per l operatore economico aggiudicatario del servizio, fino a termine del contratto e comunque fino a che non sia stata definita ogni eventuale eccezione e controversia. ART RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Le insufficienze, le inadempienze, la violazione totale o parziale delle condizioni e degli obblighi contenuti nel contratto e nel presente Capitolato che siano di gravità tale da compromettere la funzionalità del servizio, saranno causa di risoluzione automatica del contratto ex art c.c. e l Ambito Territoriale Sociale potrà assumere immediatamente l esercizio diretto del servizio di cui trattasi, ovvero affidarne la prosecuzione ad altri. Qualora la risoluzione avvenga per colpa dell operatore economico aggiudicatario del servizio e/o per ritardi, inadempimenti o difetti di esecuzione del servizio, ogni maggiore costo del servizio effettuato da altre ditte, comprese le eventuali spese per atti e simili, resta a carico dell operatore economico aggiudicatario, fatte salve le possibilità di ogni altra iniziativa che l Ambito Territoriale Sociale intenderà mettere in atto. E automatica la risoluzione del contratto in caso di fallimento o cessazione dell operatore economico aggiudicatario del servizio. Qualora la cauzione sia costituita con la forma della Fideiussione Bancaria o Polizza assicurativa dovranno essere inserite nel testo del documento comprovante il deposito cauzionale le condizioni particolari con le quali l istituto bancario o Assicurativo si obbliga incondizionatamente ed in particolare escludendo il beneficio della preventiva escussione di cui all art del c. c. e della decadenza di cui all art del c. c. ad effettuare, su semplice richiesta di questa Stazione appaltante, il versamento della somma garantita presso la tesoreria Comunale. ART DIVIETO DI SUBAPPALTO E' vietato all operatore economico aggiudicatario, di cedere o subappaltare il servizio assunto, pena la risoluzione del contratto ed il risarcimento di eventuali danni e spese causate all Ambito Territoriale Sociale per la risoluzione anticipata dello stesso. ART. 25 CONTROVERSIE Per la risoluzione di eventuali controversie che potessero sorgere nell' esecuzione del servizio, non definibili in via breve tra le parti contraenti, il Foro competente è quello di Lecce. E escluso il ricorso all arbitrato. ART SPESE, TASSE ED ONERI A CARICO DEL SOGGETTO TERZO L OPERATORE ECONOMICO AGGIUDICATARIO Sono a carico dell operatore economico aggiudicatario del servizio tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipula del contratto, bollo e registro, copie del contratto e di documenti che debbano essere eventualmente consegnati, nonché le spese di bollo per gli atti relativi alla gestione e contabilizzazione del servizio. ART NORME DI RINVIO Per quanto non previsto dal presente Capitolato Speciale d Appalto valgono le norme statali e regionali vigenti in materia, nonché quelle in vigore per la Pubblica Amministrazione nella materia. LA RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Dott.ssa Antonella FERRARO Capitolato Speciale d appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Sociale per persone con disabilità Pagina 8 di 8

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli