ICIC. Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici. Ministero dello sviluppo economico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICIC. Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici. Ministero dello sviluppo economico"

Transcript

1 ICIC Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici Bologna 22 maggio 2007 Roberto MONETA Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria tecnica 1

2 Provvedimenti emanati Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 Decreto legislativo 29 dicembre 2006, n. 311 Provvedimenti autoconsistenti per climatizzazione invernale, certificazione ed ispezione impianti di riscaldamento. Decreto Ministeriale fotovoltaico Provvedimenti in elaborazione Linee guida per la certificazione energetica (entro luglio 2007) Decreti attuativi: con particolare attenzione per climatizzazione estiva Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 2

3 Provvedimenti emanati a supporto dell attuazione della direttiva 2002/91/CE Legge 27 dicembre 2006, n. 296 Finanziaria 2007 Detrazioni 55% in tre anni della spesa per gli interventi di coibentazione, caldaie a condensazione e pannelli solari, con obbligo di certificazione icazione energetica Decreto Ministeriale 22 dicembre milioni di trasferiti alle Regioni per diagnosi, certificazione e progettazione interventi in edilizia pubblica Attività di informazione nei confronti dei cittadini e degli operatori con un investimento di oltre 8 milioni di Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 3

4 L efficacia di questi provvedimenti si misura sulla capacità di avviare, sviluppare e consolidare nel Paese una reale politica energetica del settore civile (patrimonio immobiliare esistente) Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 4

5 Politica energetica:10 tasti da suonare insieme raccordo istituzionale misure e le procedure confronto con le parti sociali sensibilizzazione e comunicazione approccio esemplare incentivi strumenti di finanziamento qualificazione degli operatori e dei servizi controllo pubblico monitoraggio ed adeguamenti Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 5

6 PRINCIPALI DIFFICOLTA il raccordo istituzionale Stato-Regioni concertazione continua per rispondere positivamente alle richieste di massima omogeneità applicativa che ci giungono da operatori, imprese e cittadini: ACCREDITAMENTO; CLASSIFICAZIONE; metodi di calcolo semplificati per edifici esistenti apparato tecnico-burocratico (Uffici Tecnici comunali.) che si interfaccia direttamente con i professionisti ed i cittadini semplificazione (aspetti urbanistici,..), di qualificazione, di potenziamento operativo e di approccio alle problematiche energetiche Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 6

7 PRINCIPALI DIFFICOLTA sensibilizzazione e comunicazione necessità di un maggiore impegno economico controllo pubblico stimolare e favorire un controllo diffuso a partire dall interesse del cittadino e dalla responsabilità del progettista integrazione con la direttiva 2006/32/CE Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 7

8 Decreto 29 dicembre 2005 n. 311 modifica e integrazione del 192/05 Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 8

9 La certificazione energetica Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 9

10 ART. 6 COMMA 1 bis CERTIFICAZIONE OBBLIGATORIA PER EDIFICI ESISTENTI IMMESSI SUL MERCATO IMMOBILIARE DAL 1 1 LUGLIO 2007 edifici > 1000 m 2 DAL 1 1 LUGLIO 2008 edifici < 1000 m 2 venduti in blocco venduti in blocco DAL 1 1 LUGLIO 2009 singole unita immobiliari Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 10

11 ART. 6 COMMA 1 ter DAL 1 GENNAIO 2007, L ATTESTATO L DI CERTIFICAZIONE È NECESSARIO PER ACCEDERE AGLI INCENTIVI ED ALLE AGEVOLAZIONI 11

12 ART. 6 COMMA 1 quater DAL 1 GENNAIO 2007, TUTTI I CONTRATTI, NUOVI O RINNOVATI, RELATIVI ALLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEGLI EDIFICI PUBBLICI, DEBBONO DOTARSI DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA 12

13 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Documento predisposto ed asseverato da un professionista abilitato, anche non estraneo alla proprietà, alla progettazione o alla realizzazione dell edificio. edificio. Allegato obbligatorio alla dichiarazione di fine lavori, Fino all entrata in vigore delle Linee guida nazionali o di un sistema di certificazione regionale o locale, sostituisce a tutti gli effetti la certificazione energetica. 13

14 FUNZIONI DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 14

15 PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE DEL PARCO IMMOBILIARE REGIONALE Previsione entro il 31 dicembre 2008 campagne di informazione e sensibilizzazione accordi con le parti sociali applicazione di un sistema di certificazione energetica diagnosi energetiche a partire dagli edifici a più bassa efficienza sistemi di incentivazione locali strumenti di finanziamento per realizzare gli interventi individuati nell attestato di certificazione energetica 15

16 Semplificazione Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 16

17 Sostituzione del c. 2, art. 26, legge 10/91 Per realizzare gli interventi su edifici ed impianti individuati attraverso un attestato di certificazione o una diagnosi energetica realizzata da un tecnico abilitato, le pertinenti decisioni condominiali sono valide se adottate con la maggioranza semplice delle quote condominiali 17

18 LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 18

19 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Obiettivi Dare ai cittadini informazioni ed elementi di orientamento alla scelta e alla riqualificazione delle abitazioni con strumenti commisurati alle loro esigenze Fornire l immediata l percezione della convenienza economica ad intervenire per migliorarne le prestazioni e ridurre la bolletta energetica Contribuire ad una applicazione coerente con i criteri della legislazione nazionale, tenendo conto delle specificità territoriali Rispondere positivamente alle istanze di tutte le parti sociali di perseguire la massima omogeneizzazione delle procedure, metodologie e sistemi di classificazione sul territorio nazionale. 19

20 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Tematiche principali Coordinamento istituzionale Prestazioni oggetto della certificazione Sistemi di classificazione Metodologie di calcolo (strumenti ) Sistema di accreditamento (formazione.) Procedure di rilascio e controllo pubblico rifer.. normativi (dir.( 2006/32/CE), campo di applicazione, documenti certificazione 20

21 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Provvedimento d intesa d con la Conferenza Unificata Prima parte Si definisce un sistema nazionale di certificazione energetica degli d edifici Seconda parte Nell ambito della congruenza con la legislazione nazionale, si forniscono elementi di flessibilità per favorire l avvio e lo sviluppo di politiche regionali, attraverso le opportunità offerte dalle caratteristiche e condizioni territoriali 21

22 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Coordinamento istituzionale In considerazione del ruolo strategico della certificazione energetica nel quadro della politica nazionale in materia, costituiscono un ulteriore riferimento alla stesura dei provvedimenti regionali Si individua in un Ente/Agenzia nazionale l organismo l per il monitoraggio ed il supporto tecnico al MSE e alle Regioni nonché per il coordinamento territoriale di tutte le iniziative connesse e alla certificazione energetica ( e più in generale all efficienza energetica in edilizia) 22

23 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Prestazioni oggetto della certificazione nella fase di avvio solamente: climatizzazione invernale produzione di a.c.s. e valutazione qualitativa dell involucro edilizio ai fini della climatizzazione estiva 23

24 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Sistemi di classificazione Sistema nazionale coerente con il d. lgs.. 192/05: f( S/V; ) Riteniamo questa impostazione la più appropriata a rispondere alle indicazioni della direttiva europea in termini di informazione ai cittadini e per sfruttare le potenzialità della c. e. Altri sistemi congruenti di riferimento per le Regioni: f( volumi; ) f(nuovi limiti o limite unico per Ep; ; ) f( tipologie; ) 24

25 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Sistemi di classificazione (climatizzazione invernale) Esempio di sistema di classificazione nazionale Classe A+ 40% EPLi (2010) Classe A 60% EPLi (2010) Classe B+ 80% EPLi (2010) Classe B 100% EPLi (2010) Classe C 100% EPLi (2008) Classe D 100% EPLi (2005) Classe E 120% EPLi (2005) Classe F 140% EPLi (2005) Classe G 170% EPLi (2005) Classe H 200% EPLi (2005) 25

26 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Sistemi di classificazione (climatizzazione invernale) ESEMPIO Edificio sito a XYZ : 2100 Rapporto di forma S/V= 0,60 Fabbisogno di energia primaria dell edificio: edificio: EPi = 76 kwh/m2 anno Fabbisogno di energia primaria massimo ammissibile dell edificio edificio ai sensi del d. lgs. 192/05: EPLi (2005) = 80 kwh/m2 anno EPLi (2008) = 73kWh/m2 anno EPLi (2011) = 65 kwh/m2 anno 26

27 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Sistemi di classificazione (climatizzazione invernale) Classe A+ 26 kwh/m2 anno Classe A 45,5 kwh/m2 anno Classe B 65 kwh/m2 anno Classe C 73 kwh/m2 anno Classe D 80 kwh/m2 anno EPi = 76 kwh/m2 anno Classe E 96 kwh/m2 anno Classe F 112 kwh/m2 anno Classe G 136 kwh/m2 anno Classe H 160 kwh/m2 anno Classe I > 160 kwh/m2 anno Nel certificato saranno riportati, oltre al dato globale della prestazione, p anche quelli relativi alle prestazioni parziali, quali l involucro e gli impianti. 27

28 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Sistemi di classificazione (climatizzazione invernale) Certificazione di edifici e singoli appartamenti Impianti autonomi un certificato per ogni unità immobiliare determinato con l utilizzo del rapporto di forma proprio dell appartamento considerato (Lo stesso che si utilizza per la determinazione del fabbisogno limite di energia primaria) 28

29 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Sistemi di classificazione (climatizzazione invernale) Certificazione di edifici e singoli appartamenti (quote Millesimali) una certificazione dell edificio edificio nella sua globalità valida per gli appartamenti intermedi,, differenziati per esposizione, con l utilizzo del rapporto di forma proprio dell edificio edificio considerato (Lo Impianti centralizzati-(quote stesso che si utilizza per la determinazione del fabbisogno limite di energia primaria); una certificazione per gli appartamenti di confine o penalizzati, determinata sulla base del EPi della specifica unità immobiliare o a partire EPi degli alloggi intermedi corrispondenti (esposizione) moltiplicata per un opportuno coefficiente di maggiorazione. Il rapporto di forma che si utilizza è quello proprio dell appartamento considerato (in questo caso diverso da quello utilizzato per la determinazione del fabbisogno limite di energia primaria); 29

30 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Edifici nuovi Metodologie di calcolo nazionali Calcolo del EP i con le norme tecniche predisposte dal CTI sulla base delle corrispondenti CEN Edifici esistenti - Diversi livelli per il calcolo di Ep i Le stesse norme utilizzate per gli edifici nuovi; Procedure semplificate commisurate alla tipologia edilizia e agli obiettivi che si intende raggiungere (CTI/CEN o alternative): Diagnosi energetica Diagnosi energetica semplificata Rilievo dei consumi reali standardizzati f(tip.edificio tip.edificio;profilo utenza) 30

31 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Procedure di rilascio e controllo pubblico L attestato di certificazione energetica può essere rilasciato nell ambito di un sistema nazionale o regionale, da Enti pubblici, organismi o esperti accreditati, di parte terza (nuovi edifici,..), dotati di organizzazione e strumentazione adeguate, senza legami con costruttori, produttori di materiali e componenti, Soggetti certificatori 31

32 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Procedure di rilascio e controllo pubblico Organismo di accreditamento Accreditamento dei Soggetti certificatori, archivio, accertamento e ispezioni Soggetti certificatori accreditati a livello regionale (ma riconosciuti su tutto il territorio nazionale) Requisiti oggettivi, Esperienza, Formazione Organizzazione, Strumenti 32

33 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Procedure di rilascio e controllo pubblico Nuovi edifici Richiesta Del costruttore ad inizio lavori e presentazione (a fine lavori) dell attestato di qualificazione energetica (già predisposto dal progettista) asseverato dal direttore dei lavori Edifici esistenti Del proprietario con presentazione (o meno) dell attestato di qualificazione energetica predisposto da un professionista 33

34 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Procedure di rilascio e controllo pubblico Rilascio Il Soggetto certificatore procede agli accertamenti e alle ispezioni necessarie ed in caso di esito positivo emette l attestato l di certificazione 34

35 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Procedure di rilascio e controllo pubblico Elementi di flessibilità per le Regioni Possibilità di certificazione a basso costo f(dimensione, tipologia) limite di accesso nella classificazione energetica Avviare il sistema e canalizzarlo con gradualità verso una qualità sempre maggiore 35

36 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Ispezioni Procedure di controllo pubblico in percentuale sui certificati emessi con opportune priorità (classe energetica,. incentivi) Sanzioni Aggiornamento obbligatorio e esclusione dal sistema di accreditamento 36

37 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Garanzia per i cittadini Definire una impostazione che stimoli e favorisca il, a partire da controllo diffuso, a partire da Interesse del cittadino/responsabilità del professionista 37

38 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici INFORMAZIONE Essenziale per favorire l apprezzamento l della qualità energetica degli edifici da parte dei Cittadini Programmi regionali di riqualificazione energetica PRIMA certificazione energetica 38

39 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Incentivi Diretti.. e indiretti.. ma f (EP Li ; altri requisiti minimi; classe energetica) 39

40 Prestazione energetica degli edifici Regime transitorio Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 40

41 PER REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EP I EP in kwh/m Ilim 2 a EP Ilim NUOVE COSTRUZIONI RISTRUTTURAZIONE COMPLETA DI EDIFICI CON SUP. UTILE > 1000 m 2 DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIOME DI EDIFICI CON SUP. UTILE > 1000 m 2 AMPLIAMENTI PER PIU DEL 20% VOLUMETRIA EDIFICIO (solo ampliamento) PER EDIFICI DI CATEGORIA E1, ESCLUSI COLLEGI, Ministero dello sviluppo economico CONVENTI, CASE DI PENA E CASERME DGERM Segreteria Tecnica 41

42 FABBISOGNO ENERGETICO PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE Vigente RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO EDIFICIO S/V A FINO A 600 DA 601 B A 900 ZONA CLIMATICA DA 901 C A 1400 DA 1401 D A 2100 DA 2101 E A 3000 F OLTR E , ,9 45 Ministero dello sviluppo 60 economico DGERM Segreteria Tecnica

43 FABBISOGNO ENERGETICO PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE 2008 DAL 1 GENNAIO 2008 RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO EDIFICIO S/V A FINO A 600 DA 601 B A 900 ZONA CLIMATICA DA 901 C A 1400 DA 1401 D A 2100 DA 2101 E A 3000 F OLTR E ,2 9,5 9, ,9 41 Ministero dello sviluppo 55 economico DGERM Segreteria Tecnica

44 FABBISOGNO ENERGETICO PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE 2010 DAL 1 GENNAIO 2010 RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO EDIFICIO S/V A FINO A 600 DA 601 B A 900 ZONA CLIMATICA DA 901 C A 1400 DA 1401 D A 2100 DA 2101 E A 3000 F OLTR E ,2 8,5 8,5 12,8 12,8 21,3 21, ,8 46,8 0,9 36 Ministero dello sviluppo 48 economico DGERM Segreteria Tecnica

45 REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EP I EP in kwh/m Ilim 3 a EP Ilim PER NUOVE COSTRUZIONI RISTRUTTURAZIONE COMPLETA DI EDIFICI CON SUP. UTILE > 1000 m 2 DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIOME DI EDIFICI CON SUP. UTILE > 1000 m 2 AMPLIAMENTI PER PIU DEL 20% VOLUMETRIA EDIFICIO (solo ampliamento) PER TUTTI GLI ALTRI EDIFICI DI QUALUNQUE CATEGORIA Ministero dello sviluppo economico E DESTINAZIONE D USO D DGERM Segreteria Tecnica 45

46 FABBISOGNO ENERGETICO PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE Dalla data di entrata in vigore RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO EDIFICIO S/V A FINO A 600 DA 601 B A 900 ZONA CLIMATICA DA 901 C A 1400 DA 1401 D A 2100 DA 2101 E A 3000 F OLTR E ,2 2,5 2,5 4,5 4,5 7,5 7, ,9 11 Ministero dello sviluppo 17 economico DGERM Segreteria Tecnica

47 FABBISOGNO ENERGETICO PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DAL 1 GENNAIO 2008 RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO EDIFICIO S/V A FINO A 600 DA 601 B A 900 ZONA CLIMATICA DA 901 C A 1400 DA 1401 D A 2100 DA 2101 E A 3000 F OLTR E ,2 2,5 2,5 4,5 4,5 6,5 6,5 10,5 10,5 14,5 14,5 0,9 9 Ministero 9 14 dello sviluppo 14 economico DGERM Segreteria Tecnica

48 FABBISOGNO ENERGETICO PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DAL 1 GENNAIO 2010 RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO EDIFICIO S/V A FINO A 600 DA 601 B A 900 ZONA CLIMATICA DA 901 C A 1400 DA 1401 D A 2100 DA 2101 E A 3000 F OLTR E ,2 2,0 2,0 3,6 3, ,6 9,6 12,7 12,7 0,9 8,2 Ministero 8,2 12,8 dello sviluppo 12,8 17,3 economico 17,3 DGERM Segreteria Tecnica 22,5 22,

49 2 REQUISITO PRESTAZIONALE (di equilibrio) η g ( log Pn) % 3 REQUISITO PRESCRITTIVO (di equilibrio) U U lim + 30% U lim Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 49

50 PER RISTRUTTURAZIONE TOTALI O PARZIALI NON RICADENTI NEL CASO PRECEDENTE AMPLIAMENTI PER MENO DEL 20% VOLUMETRIA EDIFICIO VERIFICA SOLO DELLE TRASMITTANZE Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 50

51 LIMITI ALLE TRASMITTANZE CHIUSURE VERTICALI U U lim (a ponte termico corretto o U medio medio ) T e T i Tabella 2.1 Valori limite della trasmittanza termica U delle strutture opache verticali espressa in W/m 2 K Zona climat. A B C D E F Dall 1 gennaio 2006 U (W/m 2 K) 0,85 0, ,50 0,46 0,44 Dall 1 gennaio 2008 U (W/m 2 K) 0,72 0, ,40 0,37 0,35 Dall 1 gennaio 2010 U (W/m 2 K) 0,62 0, ,36 0,34 0,33 51

52 LIMITI ALLE TRASMITTANZE CHIUSURE ORIZZONTALI SUPERIORI ORIZZONTALI O INCLINATE U U lim (a ponte termico corretto o U medio medio ) T e Ti Tabella 3.1 Valori limite della trasmittanza termica U delle strutture opache orizzontali di copertura espressa in W/m 2 K Zona climat. A B C D E F Dall 1 gennaio 2006 U (W/m 2 K) 0,80 0,60 0,55 0,46 0,43 0,41 Dall 1 gennaio 2008 U (W/m 2 K) 0,42 0, ,35 0,32 0,31 Dall 1 gennaio 2010 U (W/m 2 K) 0,38 0, ,32 0,30 0,29 52

53 LIMITI ALLE TRASMITTANZE CHIUSURE ORIZZONTALI INFERIORI-PAVIMENTI U U lim (a ponte termico corretto o U medio medio ) Ti T g Tabella 3.2 Valori limite della trasmittanza termica U delle strutture opache orizzontali di pavimento espressa in W/m 2 K Zona climatica A B C D E F Dall 1 gennaio 2006 U (W/m 2 K) 0,80 0,60 0,55 0,46 0,43 0,41 Dall 1 gennaio 2008 U (W/m 2 K) 0,74 0,55 0,49 0,41 0,38 0,36 Dall 1 luglio 2010 U (W/m 2 K) 0,65 0, ,36 0,33 0,32 53

54 LIMITI ALLE TRASMITTANZE CHIUSURE TRASPARENTI U w U wlim Tabella 4. Valori limite della trasmittanza termica U delle chiusure trasparenti comprensive degli infissi espressa in W/m 2 K Zona climatica Dall 1 gennaio 2006 U (W/m 2 K) Dall 1 gennaio 2008 U (W/m 2 K) Dall 1 gennaio 2010 U (W/m 2 K) A 5,5 5,0 4,6 B 4,0 3,6 3,0 C 3,3 3,0 2.6 D 3,1 2,8 2,4 E 2,8 2,4 2,2 F 2,4 2,2 2,0 54

55 LIMITI ALLE TRASMITTANZE CHIUSURE TRASPARENTI U w U wlim Tabella 4. Valori limite della trasmittanza centrale termica U espressa in W/m 2 K Zona climatica Dall 1 gennaio 2006 U (W/m 2 K) Dall 1 gennaio 2008 U (W/m 2 K) Dall 1 gennaio 2010 U (W/m 2 K) A 5,0 4,5 3,7 B 4,0 3,4 2,7 C 3,0 2,3 2.1 D 2,6 2,1 1,9 E 2,4 1,9 1,7 F 2,3 1,7 1,3 55

56 NUOVA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI TERMICI RISTRUTTURAZIONE INTEGRALE DI IMPIANTI TERMICI SOSTITUZIONI DI GENERATORI DI CALORE RENDIMENTO GLOBALE MEDIO STAGIONALE η g ( log Pn) % SE P> 100 Kw (anche come somma) OBBLIGO DI DIAGNOSI ENERGETICA Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 56

57 SEMPLIFICAZIONE PER SEMPLICE SOSTITUZIONE DEL GENERATORE RENDIMENTO TERMICO UTILE 100%Pn η ( log Pn) % termoregolazione, valvole termostatiche, equilibratura. Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 57

58 SITUAZIONI IMPIANTISTICHE PARTICOLARI RENDIMENTO TERMICO UTILE 30%Pn η ( log Pn) % RELAZIONE TECNICA DETTAGLIATA Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 58

59 PERCORSO ALTERNATIVO PER EDIFICI NUOVI O RICOSTRUITI Sup trasparente / Sup utile < 0,18 0,18 U U lim η tu (Pn) (X + 2 log Pn) % X = 90 ZONE A,B,C X = 93 ZONE D,E,F TEMPERATURA MEDIA FLUIDO < 60 C UNA CENTRALINA PROGRAMMABILE E VALVOLE TERMOSTATICHE OVE OPPORTUNO EP I = EP I lim Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 59

60 PER TUTTI GLI EDIFICI NUOVI E RISTRUTTURATI (AD ECCEZIONE DELLE CAT. E6 ED E8) VALUTARE E DOCUMENTARE L EFFICACIA L DEI SISTEMI SCHERMANTI DELLE SUPERFICI VETRATE MASSA SUPERFICIALE PARETI M s > 230 Kg/m 2 PER LOCALITA CON IRRADIANZA SUL PIANO ORIZZONTALE I m,s > 290 W/m 2 NEL MESE A MAX INSOLAZIONE PER TUTTE LE ZONE CLIMATICHE TRANNE LA F FAVORIRE LA VENTILAZIONE NATURALE O RICORRERE A VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 60

61 ULTERIORI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI OBBLIGO DI SISTEMI SCHERMANTI DELLE SUPERFICI VETRATE, PER EDIFICI DI SUPERFICIE UTILE > 1000 m 2 Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 61

62 ULTERIORI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PER TUTTI GLI EDIFICI ED IMPIANTI TERMICI NUOVI E RISTRUTTURATI DISPOSITIVI PER LA REGOLAZIONE AUTOMATICA DELLA T AMB NEI SINGOLI LOCALI O ZONE CON CARATTERISTICHE D USO D ED ESPOSIZIONE UNIFORMI ONDE EVITARE SOVRARISCALDAMENTO PER EFFETTO DEGLI APPORTI GRATUITI E SOLARI Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 62

63 ULTERIORI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI OBBLIGO DI FONTI RINNOVABILI OBBLIGO DI PER COPRIRE ALMENO IL 50% DEL FABBISOGNO ANNUO DI ACS PER TUTTI GLI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI NUOVI E PER IMPIANTI TERMICI NUOVI O RISTRUTTURATI Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 63

64 ULTERIORI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI OBBLIGO DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA PER TUTTI GLI EDIFICI NUOVI E RISTRUTTURATI INTEGRALMENTE DA DEFINIRE CON I DECRETI ATTUATIVI DI CUI ALL ART. ART. 4 COMMA 1 Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 64

65 Esercizio e manutenzione impianti termici Regime transitorio Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 65

66 Controllo ed eventuale manutenzione Impresa installatrice. Fabbricante.. Norme UNI e CEI 66

67 Controllo efficienza energetica Ogni anno combustibili liquidi e > 35 kw Ogni due anni < 35 kw,, installati da oltre otto anni, focolare aperto interne Ogni quattro anni tutti gli altri < 35 kw 67

68 Controllo efficienza energetica Rend.. di comb.. minimo > valori All. H Generatori installati dall 8 8 ottobre 2005 Rend.. combustione ( log Pn) ) %

69 Controllo efficienza energetica Trasmissione del rapporto di controllo tecnico Ogni due anni per impianti > 35 kw Ogni quattro anni per impianti < 35 kw 69

70 ISPEZIONE IMPIANTI TERMICI Per le ispezioni di impianti con generatore di età superiore ai 15 anni: Diagnosi / relazione con indicazione degli interventi 70

71 Attuazione finanziaria 2007 Decreto attuativo per la riqualificazione energetica degli edifici Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 71

72 Riqualificazione edifici Detrazioni del 55% in tre quote annuali per interventi di efficienza energetica sugli edifici 72

73 EDIFICI SUI QUALI EFFETTUARE GLI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI ESISTENTI E/O PARTI DI EDIFICI ESISTENTI DI QUALSIASI CATEGORIA CATASTALE ANCHE RURALI UNITA IMMOBILIARI ESISTENTI POSSEDUTI O DETENUTI Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 73

74 Riqualificazione edifici Beneficiari Tutti i contribuenti Persone fisiche, professionisti, società e imprese Cumulabilità Con specifici incentivi regionali, provinciali e comunali Compatibilità con certificati bianchi 74

75 Riqualificazione edifici Interventi ammissibili Isolamento delle pareti delle abitazioni e sostituzione finestre Sostituzione di impianti di riscaldamento con installazione di caldaie a condensazione Installazione di pannelli solari termici Interventi integrati sull edificio 75

76 Riqualificazione edifici Gli investimenti relativi a tutti gli interventi ammissibili,, se ben progettati, si possono recuperare in tempi brevi grazie alla riduzione delle spese di esercizio, anche in assenza di incentivi. Le detrazioni li rendono particolarmente vantaggiosi 76

77 Riqualificazione edifici Percorso Diagnosi /check/ list e individuazione degli interventi Valutazione tecnico-economiche economiche Realizzazione degli interventi 77

78 ADEMPIMENTI SOETTI NON TITOLARI DI REDDITO D IMPRESA ASSEVERAZIONE DI UN TECNICO ABILITATO CIRCA LA RISPONDENZA DEGLI INTERVENTI AI REQUISITI RICHIESTI DAL DECRETO CONSERVARE PER IL PERIODO IN CUI PUÒ ESSERE ESPERITA L ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO. ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA, OVVERO, ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA REDATTO DA UN TECNICO ABILITATO SCHEDA INFORMATIVA SUGLI INTERVENTI SECONDO LO SCHEMA DI CUI ALL ALLEGATO E DEL DECRETO PAGAMENTO CON BONIFICO BANCARIO O POSTALE TRASMESSI A ENEA A MEZZO RACCOMANDATA O VIA INTERNET, OTTENENDO RICEVUTA INFORMATICA FATTURE E RICEVUTE FISCALI COMPROVANTI LE SPESE DELIBERA ASSEMBLEARE E TABELLA MILLESIMALE DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE IN CASO DI INTERVENTI Ministero SULLE PARTI dello COMUNI sviluppo DEGLI economico EDIFICI NON OCCORRE ALCUNA DGERM Segreteria COMUNICAZIONE Tecnica PREVENTIVA NON OCCORRE ALCUNA COMUNICAZIONE PREVENTIVA 78

79 Riqualificazione edifici Asseverazione dei requisiti Edifici nel loro complesso (miglioramento della prestazione globale) Involucro edilizio (trasmittanza termica) Pannelli solari (garanzia, ) Impianti con caldaie a condensazione (rendimento, ) Alternativa per interventi meno impegnativi: certificazione di qualità del produttore 79

80 Riqualificazione edifici Detrazioni del 55% in tre anni Spese ammissibili Oltre alle spese per la realizzazione degli interventi sono detraibili tutte le spese professionali (diagnosi energetica, certificazione, asseverazione) oneri, imposte, tasse. 80

81 Riqualificazione edifici Detrazioni del 55% in tre anni Isolamento superfici opache orizzontali Circolare Agenzia delle entrate 81

82 Riqualificazione edifici Informazioni (icona ENEA) oppure //efficienzaenergetica.acs.enea.it 82

83 Elettrodomestici FRIGORIFERI E CONGELATORI Sostituzione con apparecchi di classe energetica non inferiore ad A+ Detrazione di imposta per una quota del 20% del costo fino ad un valore massimo della detrazione di 200 in una unica rata (Fattura con attestazione classe dell apparecchio)!! Circolare Agenzia delle Entrate!! 83

84 DM per la promozione dell utilizzo dell energia energia solare fotovoltaica Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria Tecnica 84

85 DM Fotovoltaico Possono diventare produttori di di energia elettrica pulita e rinnovabile, sia per autoconsumo che per cessione al sistema elettrico: Famiglie condomini soggetti pubblici imprese 85

86 DM Fotovoltaico OBIETTIVI 3000 MW al MW oggi 86

87 DM Fotovoltaico Tariffe 0,36-0,49 /kwh da grandi a piccoli integrati + 5% scuole ospedali piccoli comuni fino a +30% in caso di riqualificazione energetica dell edificio edificio 87

88 DM Fotovoltaico Accesso agli incentivi Realizzazione dell impianto in conformità alle regole e comunicazione al Gestore dei servizi Elettrici Certezza di accesso: saranno ammessi alle tariffe incentivanti tutti gli impianti completati entro i successivi 14 mesi, privati, e 24 mesi, soggetti pubblici 88

Legislazione sull efficienza energetica per gli edifici Finanziaria 2007 e certificazione energetica. Ministero dello sviluppo economico

Legislazione sull efficienza energetica per gli edifici Finanziaria 2007 e certificazione energetica. Ministero dello sviluppo economico Agenzia CasaClima Legislazione sull efficienza energetica per gli edifici Finanziaria 2007 e certificazione energetica Bolzano 14 settembre 2007 Roberto MONETA Ministero dello sviluppo economico DGERM

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI

AGEVOLAZIONI FISCALI AGEVOLAZIONI FISCALI Finanziaria 2007 D.M. 07/04/2008 (Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica) + D.M. 19/02/2007 (modificato da D.M. 26/10/2007) D.M. 11/03/2008

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L agevolazione consiste nel riconoscimento di detrazioni dall imposta IRPEF /

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Finanziaria e detrazioni del 55%

Finanziaria e detrazioni del 55% Finanziaria e detrazioni del 55% Le detrazioni del 55% saranno valide fino al 31 dicembre 2012 alle stesse condizioni. In dettaglio ecco cosa prevede la normativa a sostegno degli interventi di risparmio

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

LIUC UNIVERSITA CARLO CATTANEO

LIUC UNIVERSITA CARLO CATTANEO LIUC UNIVERSITA CARLO CATTANEO Politiche nazionali sul risparmio energetico in edilizia RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA. SFIDE E SOLUZIONI (IL RUOLO DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA) Castellanza,

Dettagli

ASPESI -Milano 20.05.2008

ASPESI -Milano 20.05.2008 ASPESI -Milano 20.05.2008 LA CERTIFICAZIONE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN REGIONE LOMBARDIA n.24/2006 B.U.R.L. VIII/5773 Relatore : ing. NEVIO ROMELLI Presidente di : S.I.C.I.V. srl Società

Dettagli

SINTESI DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE riguardanti gli INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LE DETRAZIONI 55%:

SINTESI DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE riguardanti gli INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LE DETRAZIONI 55%: aggiornamento del 13/5/2008 SINTESI DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE riguardanti gli INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LE DETRAZIONI 55%: NORME PRINCIPALI DI RIFERIMENTO: - Legge n. 296/2006 (legge Finanziaria

Dettagli

La Legge finanziaria 2007

La Legge finanziaria 2007 La Legge finanziaria 2007 Prevede detrazioni dall imposta lorda per una quota pari al 55% delle spese effettivamente rimaste a carico del contribuente, da ripartire in 3 quote annuali di pari importo.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Focus Detrazioni 65%: Le sostituzioni di impianti di climatizzazione invernale ai sensi del comma 347 arch. Mario NOCERA WORKSHOP L evoluzione degli impianti alla luce dell efficienza

Dettagli

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

LA LEGGE FINANZIARIA 2008: agevolazioni tributarie alle imprese

LA LEGGE FINANZIARIA 2008: agevolazioni tributarie alle imprese LA LEGGE FINANZIARIA 2008: agevolazioni tributarie alle imprese Andrea Zattarin - IMQ Chi è IMQ L Istituto Italiano del Marchio di Qualità è un Ente senza fini di lucro IMQ è un Ente di terza parte Mission:

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

FINANZIARIA 2007 Ing. Laurent SOCAL

FINANZIARIA 2007 Ing. Laurent SOCAL FINANZIARIA 2007 Ing. Laurent SOCAL 19/06/2007 Ing. SOCAL - Certificazione energetica 1 Finanziaria Detrazione 55% in tre anni se Riqualificazione energetica fino a ridurre il FEP al di sotto dell 80%

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008 Pagina 1 di 5 L OPUSCOLO HA CARATTERE PURAMENTE INFORMATIVO, POTREBBE CONTENERE ERRORI O ESSERE MANCANTE DI EVENTUALI AGGIORNAMENTI. Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Edilclima ha predisposto un prospetto informativo delle principali prescrizioni previste dal D.P.R. n. 59 del 2.4.2009, al fine di semplificare e

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Ufficio Tributario Provinciale referentitributarioprovinciale@confartcn.com cuneo.confartigianato.it Proroga Il decreto legge n. 63/2013 ha prorogato

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE: : NUOVE DETRAZIONI D IMPOSTA D IL RISPARMIO ENERGETICO

IMPOSTE DIRETTE: : NUOVE DETRAZIONI D IMPOSTA D IL RISPARMIO ENERGETICO IMPOSTE DIRETTE: : NUOVE DETRAZIONI D IMPOSTA D PER IL RISPARMIO ENERGETICO Normativa: Art. 1, commi da 344 a 349 della Legge n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007); Decreti Ministeriali attuativi

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

Incentivi economici per edifici a basso consumo

Incentivi economici per edifici a basso consumo Incentivi economici per edifici a basso consumo Ing. Del Pero Legge 296/06 n 296 (Finanziaria 2007) (modalità attuative emanate con Decreto Ministeriale 19 febbraio 2007) Ha previsto agevolazioni fiscali

Dettagli

1 Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico www.anit.it. Milano, 24 gennaio 2012 FAQ 55%- REVISIONE GENNAIO 2012

1 Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico www.anit.it. Milano, 24 gennaio 2012 FAQ 55%- REVISIONE GENNAIO 2012 COSA SONO LE DETRAZIONI DEL 55%? FAQ 55%- REVISIONE GENNAIO 2012 Rappresentano un iniziativa per promuovere gli interventi di riqualificazione e valorizzazione energetica del patrimonio edilizio esistente.

Dettagli

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo ENEA FONDAZIONE per lo Sviluppo SOSTENIBILE Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo Roma, 7 dicembre

Dettagli

Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Roberto MONETA DE Segreteria tecnica 1 Strategia per l efficienza energetica Definizione obiettivi: piano azione efficienza energetica

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

Davide Bonori Unione Installazione Impianti CNA Bologna 07/11/2012. Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

Davide Bonori Unione Installazione Impianti CNA Bologna 07/11/2012. Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Progetto 20-20-20 Traguardo Condomini Con il contributo di: Sponsor dell iniziativa: Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Bologna, 5 novembre 2012 Davide Bonori Unione

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI IMPIANTI. RELATORE: Dott. Ing. Giuseppe Michele Rivituso

DETRAZIONI FISCALI IMPIANTI. RELATORE: Dott. Ing. Giuseppe Michele Rivituso DETRAZIONI FISCALI IMPIANTI ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO RELATORE: Dott. Ing. Giuseppe Michele Rivituso Obiettivi INTERVENTI AMMESSI CHE CONSENTONO DI ACCEDERE ALLE AGEVOLAZIONE PER IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE : INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE Riferimenti: Art. 1, commi da 344 a 347, Finanziaria 2007 Art. 1, comma 48, Finanziaria 2011 La detrazione d imposta

Dettagli

La «soluzione 55%» : aspetti tecnici e procedurali

La «soluzione 55%» : aspetti tecnici e procedurali La «soluzione 55%» : aspetti tecnici e procedurali Dr. Arch. Amalia Martelli ENEA - Gruppo di Lavoro Efficienza Energetica Una politica per la riqualificazione energetico-ambientale delle nostre città:

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

A tal proposito i commi di nostro interesse sono dal 344 al 350.

A tal proposito i commi di nostro interesse sono dal 344 al 350. Finanziaria 2007 La Legge Finanziaria 2007 prevede una serie di agevolazioni tributarie per interventi di riqualificazione energetica degli edifici, al fine di ottenere un risparmio nella bolletta energetica

Dettagli

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico INCONTRO TAVOLA ROTONDA 14 luglio 2008 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E RISPARMIO ENERGETICO: COME ATTUARE GLI INTERVENTI NEGLI IMMOBILI LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico decreto legge n. 63 del 4 giugno 2013 martedì 8 ottobre 2013 1 Cenni introduttivi Proroga detrazione fiscale precedente al 31 dicembre 2013. Innalzamentopercentuale

Dettagli

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo

Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee. La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo ENEA FONDAZIONE per lo Sviluppo SOSTENIBILE Recepimento della direttiva EPBD 2 e delle indicazioni europee La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo Roma, 7 dicembre

Dettagli

30.000, pari ad una spesa totale di 54.545

30.000, pari ad una spesa totale di 54.545 Pompe di calore: Incentivi fiscali La legge finanziaria 2008 proroga al 2010 le agevolazioni tributarie per interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente; A differenza della

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006

Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006 Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006 1) Cenni sull efficienza energetica degli edifici

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 INTRODUZIONE Allegato al Regolamento

Dettagli

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Riqualificazione energetica: necessità per il Paese, motore per le aziende ed opportunità per i privati (strumenti e modalità di intervento operativi per interventi immediati) Mercoledì

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

DETRAZIONE DEL 36% Torino, lì 11 settembre 2007. Circolare n. 22/2007

DETRAZIONE DEL 36% Torino, lì 11 settembre 2007. Circolare n. 22/2007 Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 11 settembre 2007 Circolare n. 22/2007 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti sulle

Dettagli

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385 Requisiti necessari per accedere alla detrazione Irpef del 65% per l installazione di caldaia a biomassa REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER USUFRUIRE DELLE

Dettagli

Il servizio per le pratiche di detrazione fiscale del 55% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici

Il servizio per le pratiche di detrazione fiscale del 55% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici Con il patrocinio di CCIAA Bologna Associazione di Bologna Il servizio per le pratiche di detrazione fiscale del 55% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici Per informazioni: Davide

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

DECRETO EDIFICI. Vediamo ora cosa occorre fare per godere delle agevolazioni, rispondendo a tre semplici domande: chi, cosa e come.

DECRETO EDIFICI. Vediamo ora cosa occorre fare per godere delle agevolazioni, rispondendo a tre semplici domande: chi, cosa e come. DECRETO EDIFICI Il primo provvedimento della Finanziaria 2008, relativo alla riqualificazione degli edifici esistenti, prevede una detrazione fiscale del 55% (cumulabile con altri incentivi eventualmente

Dettagli

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA COMMISSIONE GIOVANI PRINCIPI BASILARI PER LA PROGETTAZIONE Problematiche energetiche del sistema Edificio-Impianto Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dettagli

ALLEGATO I - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di incremento dell efficienza energetica

ALLEGATO I - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di incremento dell efficienza energetica ALLEGATO I - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di incremento dell efficienza energetica 1. Criteri di ammissibilità Nelle tabelle sottostanti si riportano i requisiti

Dettagli

Una serata EDIFICIO RIMEDI NATURALI OGGI POSSIAMO ACCEDERE A DETRAZIONI FISCALI

Una serata EDIFICIO RIMEDI NATURALI OGGI POSSIAMO ACCEDERE A DETRAZIONI FISCALI Una serata..energetica ADEGUAMENTO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE SECONDO STANDARD DI RISPARMIO ENERGETICO SU BASE DI INTERVENTI SPECIFICI VOLTI A MIGLIORARE IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO EDIFICIO

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità D.Lgs. n.192/05 Lineamenti essenziali e novità Parleremo di Sintesi dei contenuti Adempimenti sanzionati Norme transitorie Non entreremo nel merito degli aspetti inerenti l esercizio e manutenzione degli

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico POWER HOUSE EUROPE Evoluzione degli incentivi finanziari all efficienza energetica nel nuovo quadro normativo italiano Roma, 21 febbraio 2011 Roberto MONETA DE Segreteria tecnica 1 Strategia per l efficienza

Dettagli

DIRETTAMENTE dalle PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI INDIRETTAMENTE tramite ESCO

DIRETTAMENTE dalle PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI INDIRETTAMENTE tramite ESCO INTERVENTO ART. 4, COMMA 1, LETTERA a) Isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato ES. ISOLAMENTO COPERTURA TRASMITTANZA DA OTTENERE: Zona Climatica E (Polverara): U 0,20

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica.

Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. 1 Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. Lo stesso decreto ha innalzato dal 55% al 65% la percentuale

Dettagli

Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09. COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali)

Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09. COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali) Nuovo DPR 59/09 Nuovo DM 26/06/09 COSA PREVEDE LA LEGGE IN MATERIA ENERGETICA (nuove costruzioni di edifici industriali_artigianali_commerciali) DPR 59/09 1. Nella documentazione da allegare al momento

Dettagli

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le detrazioni relative alle spese su manutenzioni e ristrutturazioni

Dettagli

Il nuovo Conto Termico

Il nuovo Conto Termico FORLENER 2015 PELLET DAY I mercati del pellet Aspetti tecnici e filiere alternative Gli incentivi Il nuovo Conto Termico Gli incentivi Antonio Panvini LINGOTTO FIERE TORINO Sala Verde Sabato 26 settembre

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Pistoia 11-13 13 Settembre 2008 INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Ing.Patrizio Pastacaldi PERCHE LE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE? - Aspetti ambientali: - Aspetti economici: - l energia geotermica

Dettagli

L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica.

L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica. L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica. Qual è la prima fonte di energia? CONSUMARE MENO! SACRIFICIO ENERGETICO

Dettagli

CONTO ENERGIA TERMICO

CONTO ENERGIA TERMICO TITOLO INTESTAZIONE PROGETTO (IN MAIUSCOLO) 1 CONTO ENERGIA TERMICO Dal 8 dicembre 01 è possibile usufruire di una serie di incentivi legati ad interventi di miglioramento dell'efficienza energetica di

Dettagli

Risoluzione 303/E-15/7/2008 dell Agenzia delle Entrate Risoluzione 340/E 1/8/2008 dell Agenzia delle Entrate

Risoluzione 303/E-15/7/2008 dell Agenzia delle Entrate Risoluzione 340/E 1/8/2008 dell Agenzia delle Entrate 2 Gli interventi realizzati da un impresa di costruzione sugli immobili merce non possono beneficiare della detrazione del 55% (ora 65%) Risoluzione 303/E-15/7/2008 dell Agenzia delle Entrate Una Società

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65%

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% OGGETTO: Circolare 7.2014 Seregno, 14 marzo 2014 AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del Dl 63/2013) al 31 dicembre 2014, per

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65%

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% OGGETTO: Circolare 15.2013 Seregno, 10 settembre 2013 AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del Dl 63/2013) al 31 dicembre 2013,

Dettagli

GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI

GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI LE DETRAZIONI E GLI INCENTIVI 65% PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Come funziona? Fino a quando è in vigore? Quali sono gli interventi agevolati?

Dettagli

INCENTIVI FISCALI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE CIVILE. LEGGE FINANZIARIA

INCENTIVI FISCALI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE CIVILE. LEGGE FINANZIARIA Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI ARCHITETTURA INCENTIVI FISCALI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE

Dettagli

L efficienza energetica negli edifici

L efficienza energetica negli edifici L efficienza energetica negli edifici Il nuovo conto termico (G.U. 02/03/2016): opportunità e obblighi per l efficientamento del patrimonio edilizio della P.A. Giovanni Puglisi Sala Merini, Spazio Oberdan

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. Staff Infoenergia

AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. Staff Infoenergia AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Staff Infoenergia Detrazioni fiscali in campo edilizio RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Il Dl 4 giugno 2013, n. 63 (convertito con modifiche in Legge 90/2013)

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata IL SINDACO Quintino Sabattini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007)

VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007) VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007) (aggiornato al 26 novembre 2013) REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER

Dettagli

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia Risparmio energetico ed edilizia: normative, soluzioni, esempi ed incentivi economici Parco Alta Valle Pesio e Tanaro Chiusa Pesio, 9.11.2006 Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia

Dettagli

GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI

GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI LE DETRAZIONI E GLI INCENTIVI 65% PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Come funziona? Fino a quando è in vigore? Quali sono gli interventi agevolati?

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE FISCALE DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI (SETTEMBRE 2009) A CURA DI ING.

GUIDA ALLA DETRAZIONE FISCALE DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI (SETTEMBRE 2009) A CURA DI ING. GUIDA ALLA DETRAZIONE FISCALE DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI (SETTEMBRE 2009) A CURA DI ING. EZIO RENDINA 1.IL QUADRO NORMATIVO....pag.3 2.EDIFICI INTERESSATI..... pag.4 3.SOGGETTI

Dettagli

50% PER RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

50% PER RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI LE DETRAZIONI E GLI INCENTIVI 65% PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Come funziona? Fino a quando è in vigore? Quali sono gli interventi agevolati?

Dettagli

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI Ing. Laurent SOCAL 19/06/2007 Ing. SOCAL - Certificazione energetica 1 Allegato I Nuovi edifici Nuovo edificio applicazione integrale Ristrutturazione

Dettagli

STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006

STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006 STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006 Premessa La revisione qui descritta riguarda le nuove procedure integrate STIMA10 e TFM nel programma in applicazione

Dettagli