Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.sistemapraticodiritto.com"

Transcript

1 Famiglia Avigliano Lina, Avigliano Lina Matrimonio PROMESSA DI MATRIMONIO MATRIMONIO CELEBRATO DAVANTI A MINISTRI DEL CULTO MATRIMONIO CELEBRATO DAVANTI ALL'UFFICIALE DELLO STATO CIVILE FORMALITA' PRELIMINARI OPPOSIZIONI AL MATRIMONIO CELEBRAZIONE INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO PROVE DELLA CELEBRAZIONE DIRITTI E DEI DOVERI CHE NASCONO DAL MATRIMONIO PROMESSA DI MATRIMONIO SPONSALI: è la promessa reciproca di futuro matrimonio fatta da persone di maggiore di età o dal minore ammesso a contrarre matrimonio ai sensi dell'art. 84 c.c. EFFETTI: la promessa di matrimonio non obbliga a contrarlo né ad eseguire ciò che si fosse convenuto per il caso di non adempimento (art. 79 c.c.). Le promesse di matrimonio non sono vincolanti. RISARCIMENTO DEI DANNI: il recesso dalla promessa qualora sia ingiustificato dà luogo a risarcimento del danno. Perché la promessa di matrimonio possa essere fonte di responsabilità occorre che abbia i requisiti attinenti alla capacità e alla forma indicati dall'art. 81 c.c. ovvero che sia fatta vicendevolmente per atto pubblico o per scrittura privata da una persona maggiore di età o dal minore ammesso a contrarre matrimonio a norma dell'art. 84 c.c., oppure risultante dalla richiesta della pubblicazione. In tal caso il promittente che senza giusto motivo ricusi di eseguirla è obbligato a risarcire il danno cagionato all'altra parte per le spese fatte e per le obbligazioni assunte a causa della promessa non mantenuta, nel limite di spese fatte congruamente secondo le condizioni sociali degli interessati. Il risarcimento è anche dovuto dal promittente sposo che con la propria colpa abbia dato giusto motivo al rifiuto dell'altra parte (art. 81 c.c.). La persistente mancanza di una stabile occupazione integra un un'ipotesi di giusto motivo dì rottura della promessa di matrimonio, sempreché l'impegno di contrarre matrimonio sia stato subordinato al conseguimento di un'occupazione stabile e definitiva ovvero se la situazione lavorativa del promittente

2 fosse diversa al momento della promessa rispetto a quella posta a base del rifiuto, tanto che, se questa fosse stata conosciuta all'epoca, la promessa non sarebbe stata prestata (Trib. Reggio Calabria 12 agosto 2003) TERMINE PER L'AZIONE: la domanda di risarcimento non è proponibile dopo 1 anno dal giorno del rifiuto di celebrare il matrimonio. RESTITUZIONE DEI DONI: se il matrimonio non viene contratto il promittente può domandare la restituzione dei doni, limitatamente agli oggetti inconsumabili o non consumati, fatti a causa della promessa di matrimonio (art. 80 c.c.). L'azione di restituzione riconosciuta al donante in relazione a qualsiasi promessa di matrimonio, sia tra persone capaci, sia tra minori non autorizzati, sia che la promessa sia vicendevole, sia che sia unilaterale, presuppone che i doni siano stati fatti in previsione della celebrazione del futuro matrimonio, senza necessità di una particolare forma, né di pubblicità della promessa. In caso di mancato matrimonio non rilevano ai fini della restituzione dei doni fra fidanzati i motivi della rottura degli sponsali. I doni prenuziali non sono equiparabili né alle donazioni remuneratorie né alle liberalità d'uso; essi costituiscono vere e proprie donazioni, soggette come tali ai relativi requisiti di forma e capacità (Cass. n. 1260/1994). TERMINE: il termine di 1 anno per proporre la domanda di restituzione dei doni, che decorre dal giorno in cui s'è avuto il rifiuto di celebrare il matrimonio o dal giorno della morte di uno dei promettenti, ha natura di termine di decadenza e non di prescrizione (Cass. n. 2974/2005). MATRIMONIO CELEBRATO DAVANTI A MINISTRI DEL CULTO MATRIMONIO CATTOLICO: il matrimonio celebrato davanti a un ministro del culto cattolico è regolato in conformità del Concordato con la Santa Sede e delle leggi speciali sulla materia (art. 82 c.c.). EFFETTI CIVILI: ai matrimoni contratti secondo le norme del diritto canonico sono riconosciuti gli effetti civili a condizione che l'atto relativo sia trascritto nei registri dello stato civile, previe pubblicazioni nella casa comunale e che il celebrante dia lettura ai contraenti degli artt. 143, 144 e 147 c.c. riguardanti i diritti e doveri reciproci dei coniugi, l'indirizzo della vita familiare e residenza della famiglia e i doveri verso i figli (art. 8, Accordo 18 febbraio 1984 di revisione del Concordato e relativo protocollo addizionale). TRASCRIZIONE: dopo la celebrazione il ministro di culto cattolico deve redigere l'atto di matrimonio in doppio originale e uno di questi viene trasmesso all'ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio è stato celebrato al fine di ottenerne la trascrizione nei registri dello stato civile. L'ufficiale dello stato civile, ove sussistano le condizioni per la trascrizione la effettua entro 24 ore dal ricevimento dell'atto e ne dà notizia al parroco. Il matrimonio religioso con la trascrizione nei registri dello stato civile acquista efficacia civile retroattivamente dal momento della celebrazione (art. 8, Accordo 18 febbraio 1984 di revisione del Concordato). La trascrizione è ordinaria quando il matrimonio cattolico è stato preceduto dal rilascio del certificato dell'avvenuta pubblicazione e l'atto viene trasmesso dal celebrante all'ufficiale dello stato civile entro i cinque giorni dalla celebrazione. Ove, invece, l'atto viene trasmesso dal ministro del culto entro i cinque

3 giorni ma l'ufficiale dello stato civile ne ritarda l'adempimento per la necessità di accertare l'inesistenza di cause di intrascrivibilità si avrà trascrizione tempestiva ritardata. La trascrizione è tardiva in presenza dei seguenti presupposti: mancata trasmissione dell'atto di matrimonio nei cinque giorni dalla celebrazione; la successiva richiesta da parte dei due contraenti, o anche di uno di essi, con la conoscenza e senza l'opposizione dell'altro; la possibilità di inoltrare tale richiesta in ogni tempo; la sussistenza che i contraenti abbiano conservato ininterrottamente lo stato libero dal momento della celebrazione a quello della richiesta di trascrizione. La trascrizione pur operando per i coniugi retroattivamente al momento della celebrazione delle nozze non pregiudica i diritti legittimamente acquisiti dai terzi. Quando il matrimonio cattolico non è stato preceduto dalla pubblicazione civile avrà luogo la trascrizione straordinaria. La trascrizione non potrà avere luogo: a) quando gli sposi non rispondono ai requisiti della legge civile circa l'età richiesta per la celebrazione; b) quando sussiste fra gli sposi un impedimento che la legge civile considera inderogabile. Si intendono come impedimenti inderogabili della legge civile: 1) l'essere uno dei contraenti interdetto per infermità di mente; 2) la sussistenza tra gli sposi di altro matrimonio valido agli effetti civili; 3) gli impedimenti derivanti da delitto o da affinità in linea retta (art. 4, Protocollo Add. Concordato 1984). Tuttavia quando secondo la legge civile l'azione di nullità o di annullamento non potrebbe essere più proposta la trascrizione è ammessa (art. 8 febbraio 1984 di revisione del Concordato). MATRIMONIO DEI CULTI AMMESSI NELLO STATO: il matrimonio celebrato davanti a ministri dei culti ammessi nello Stato è regolato dalle disposizioni dettate per il matrimonio celebrato davanti all'ufficiale dello stato civile, salvo quanto è stabilito nella legge speciale concernente tale matrimonio (art. 83 c.c.). Il ministro del culto acattolico può celebrare il matrimonio con effetti civili solo nell'ambito della circoscrizione indicata nell'atto di approvazione della nomina e non nell'intero territorio (Cons. Stato n. 337/1970). MATRIMONIO CELEBRATO DAVANTI ALL'UFFICIALE DELLO STATO CIVILE REQUISITI PER CONTRARRE MATRIMONIO: sono condizioni necessarie per contrarre matrimonio: la maggiore età. Non possono contrarre matrimonio i minori di età (art. 84 c.c.); la capacità mentale. Non può contrarre matrimonio l'interdetto per infermità di mente. Se l'istanza di interdizione è soltanto promossa, il pubblico ministero può chiedere che si sospenda la celebrazione del matrimonio; in tal caso la celebrazione non può aver luogo finché la sentenza che ha pronunziato sull'istanza non sia passata in giudicato (art. 85 c.c.).

4 MATRIMONIO DI MINORENNE: il Tribunale per i Minorenni, su istanza dell'interessato, può con decreto emesso in camera di consiglio ammettere per gravi motivi al matrimonio chi abbia compiuto i sedici anni, accertata la sua maturità psico-fisica e la fondatezza delle ragioni addotte, sentito il pubblico ministero, i genitori o il tutore. Il decreto è comunicato al pubblico ministero, agli sposi, ai genitori o al tutore e acquista efficacia quando è decorso il termine di 10 giorni senza che sia stato proposto reclamo (art. 84 c.c.). IMPUGNAZIONE: contro il decreto che ammette al matrimonio il minore che ha compiuto sedici anni può essere proposto reclamo, con ricorso alla corte d'appello, nel termine perentorio didieci giorni dalla comunicazione. La corte d'appello decide con ordinanza non impugnabile, emessa in camera di consiglio. NOMINA CURATORE SPECIALE: il tribunale o la corte d'appello con lo stesso decreto con cui autorizzano il minore che ha compiuto sedici anni a contrarre matrimonio nominano, se le circostanze lo esigono, un curatore speciale che assista il minore nella stipulazione delle convenzioni matrimoniali (art. 90 c.c.). INCAPACITÀ NATURALE: ai sensi dell'art. 120 c.c. il matrimonio contratto da colui che, pur non essendo né interdetto né interdicendo, si provi essere stato incapace di intendere e di volere, per qualunque causa, anche transitoria, al momento della celebrazione può essere impugnato dallo stesso. L'azione non può essere proposta se vi è stata coabitazione per un anno dopo che il coniuge incapace ha recuperato la pienezza delle facoltà mentali. IMPEDIMENTI AL MATRIMONIO: costituiscono impedimenti al matrimonio: a) Parentela, affinità, adozione e affiliazione. Non possono contrarre matrimonio fra loro: 1) gli ascendenti e i discendenti in linea retta, legittimi o naturali; 2) i fratelli e le sorelle germani, consanguinei o uterini; 3) lo zio e la nipote, la zia e il nipote; 4) gli affini in linea retta; il divieto sussiste anche nel caso in cui l'affinità deriva da matrimonio dichiarato nullo o sciolto o per il quale è stata pronunziata la cessazione degli effetti civili; 5) gli affini in linea collaterale in secondo grado; 6) l'adottante, l'adottato e i suoi discendenti; 7) i figli adottivi della stessa persona; 8) l'adottato e i figli dell'adottante; 9) l'adottato e il coniuge dell'adottante, l'adottante e il coniuge dell'adottato. I divieti contenuti ai numeri 6), 7), 8) e 9) sono applicabili all'affiliazione. I divieti contenuti nei numeri 2) e 3) si applicano anche se il rapporto dipende da filiazione naturale (art. 87 c.c.). DISPENSA DEL TRIBUNALE: su ricorso degli interessati, il tribunale, con decreto emesso in camera di consiglio, sentito il pubblico ministero, può autorizzare il matrimonio tra lo zio e la nipote, la zia e il nipote, tra gli affini in linea collaterale di secondo grado anche se si tratti di affiliazione o di filiazione naturale. L'autorizzazione può essere accordata per gli affini in linea retta quando l'affinità deriva da un matrimonio dichiarato nullo.

5 Il decreto è notificato agli interessati e al pubblico ministero e acquista efficacia quando è decorso il termine di 10 giorni senza che sia stato proposto reclamo. Contro il decreto può essere proposto reclamo, con ricorso alla corte d'appello, nel termine perentorio di dieci giorni dalla comunicazione. La corte d'appello decide con ordinanza non impugnabile, emessa in camera di consiglio. Se la dispensa non è chiesta o viene negata il matrimonio contratto è annullabile. b) Vincolo di precedente matrimonio. Non può contrarre matrimonio civile chi è vincolato da un precedente matrimonio civilmente valido (art. 86 c.c.). c) Delitto. Non possono contrarre matrimonio tra loro persone delle quali l'una è statacondannata per omicidio consumato o tentato sul coniuge dell'altra. Si sospende la celebrazione del matrimonio fino a quando non è pronunziata sentenza di proscioglimento qualora via sia stato soltanto rinvio a giudizio ovvero sia stata ordinata la cattura (art. 88 c.c.). d) Divieto temporaneo di nuove nozze. La donna non può contrarre matrimonio prima che siano trascorsi trecento giorni dallo scioglimento, dall'annullamento o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio. Il divieto non opera quando lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio sono pronunciati in conseguenza della separazione giudiziale fra coniugi dichiarata con sentenza passata in giudicato o della omologa della separazione consensuale, o perché il matrimonio non è stato consumato o e nei casi in cui il matrimonio sia stato dichiarato nullo per impotenza, anche soltanto a generare, di uno dei coniugi (art. 89 cod. civ.). Il divieto cessa dal giorno in cui la gravidanza è terminata. Il matrimonio può essere autorizzato dal tribunale, con decreto emesso in camera di consiglio, sentito il pubblico ministero, quando è inequivocabilmente escluso lo stato di gravidanza o se risulta da sentenza passata in giudicato che il marito non ha convissuto con la moglie nei trecento giorni precedenti lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio. Il decreto è notificato agli interessati e al pubblico ministero e acquista efficacia quando è decorso il termine di 10 giorni senza che sia stato proposto reclamo. Contro il decreto può essere proposto reclamo, con ricorso alla corte d'appello, nel termine perentorio di dieci giorni dalla comunicazione. La corte d'appello decide con ordinanza non impugnabile, emessa in camera di consiglio. La donna che contrae matrimonio contro il divieto temporaneo di nuove nozze posto dall'articolo 89, l'ufficiale che lo celebra e l'altro coniuge sono puniti con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 20 a 82 (art. 140 c.c.). DIVIETO DI MATRIMONIO TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO: non possono contrarre matrimonio persone dello stesso sesso. La Corte Costituzionale ha dichiarato che non sono in contrasto con la Costituzione gli artt. 93, 96, 98, 107, 108, 143 bis, 156 bis, 231 c.c. che escludono il matrimonio tra persone dello stesso sesso (Corte Cost. Ord , n. 4). La Convenzione europea dei diritti dell'uomo stabilisce il diritto al matrimonio solo tra uomo e donna. Gli Stati, quindi, non hanno alcun obbligo in base alla Convenzione di prevedere nel proprio ordinamento anche il matrimonio per coppie dello stesso sesso e non violano la Convenzione se non ammettono il matrimonio per queste coppie. Nella nozione di vita familiare rientra un'unione tra persone dello stesso sesso che abbia carattere di stabilità ed elementi simili a quelli di coppie eterosessuali, con la conseguenza che tali unioni rientrano non solo nella nozione di vita privata, ma anche in quella di vita familiare ai sensi della Convenzione. Tuttavia spetta agli Stati nell'attuazione del proprio margine di discrezionalità, individuare talune limitazioni nell'esercizio di alcuni diritti come quelli di carattere genitoriale a patto che ciò sia giustificato dall'obbiettivo perseguito e venga rispettato il principio di proporzionalità (Corte Europea dei Diritti Umani, ze. I, parere , n. 3014/04).

6 IMPEDIMENTI CONOSCIUTI DALL'UFFICIALE DELLO STATO CIVILE: l'ufficiale dello stato civile che procede alla celebrazione del matrimonio, quando vi osta qualche impedimento o divieto di cui egli ha notizia, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 51 a 306 (art. 136 c.c.). FORMALITÀ PRELIMINARI.. Continua su Sistema Pratico Diritto CONTATTI Per maggiori informazioni Redazione Servizio clienti

COMUNE DI LA LOGGIA (Provincia di Torino) Cod. Fiscale 84500810019 Tel. 011-9629082 Fax 011-9628816

COMUNE DI LA LOGGIA (Provincia di Torino) Cod. Fiscale 84500810019 Tel. 011-9629082 Fax 011-9628816 COMUNE DI LA LOGGIA (Provincia di Torino) Cod. Fiscale 84500810019 Tel. 011-9629082 Fax 011-9628816 UFFICIO DELLO STATO CIVILE PROCEDURA PER LA PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO PER MATRIMONIO CIVILE Con l atto

Dettagli

LEGGE - 27/05/1929, n. 847 - Gazzetta Uff. 08/06/1929, n.133

LEGGE - 27/05/1929, n. 847 - Gazzetta Uff. 08/06/1929, n.133 LEGGE - 27/05/1929, n. 847 - Gazzetta Uff. 08/06/1929, n.133 TESTO VIGENTE LEGGE 27 maggio 1929, n. 847 (in Gazz. Uff., 8 giugno, n. 133). - Disposizioni per l'applicazione del Concordato dell'11 febbraio

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO (Provincia di Sondrio) Regolamento per l organizzazione e la celebrazione dei matrimoni con rito civile

COMUNE DI TEGLIO (Provincia di Sondrio) Regolamento per l organizzazione e la celebrazione dei matrimoni con rito civile COMUNE DI TEGLIO (Provincia di Sondrio) Regolamento per l organizzazione e la celebrazione dei matrimoni con rito civile 1 Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag.

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag. INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA Il matrimonio civile. Origini e principi pag. 1. Il matrimonio come fondamento della famiglia. Evoluzione storica, disciplina costituzionale e principi

Dettagli

I. Capitolo IL MATRIMONIO

I. Capitolo IL MATRIMONIO I. Capitolo IL MATRIMONIO Atto: consenso che nelle forme della celebrazione del matrimonio dà origine alla famiglia legittima. Matrimonio come atto giuridico Può essere regolato dal diritto civile o canonico.

Dettagli

CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio

CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo I Della promessa di matrimonio Art. 79. Effetti. La promessa di matrimonio non obbliga a contrarlo né ad eseguire

Dettagli

Disposizioni per l'applicazione del Concordato dell'11 febbraio 1929 fra la Santa Sede e l'italia, nella parte relativa al matrimonio

Disposizioni per l'applicazione del Concordato dell'11 febbraio 1929 fra la Santa Sede e l'italia, nella parte relativa al matrimonio Legge 27 maggio 1929, n.847 Disposizioni per l'applicazione del Concordato dell'11 febbraio 1929 fra la Santa Sede e l'italia, nella parte relativa al matrimonio (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 8

Dettagli

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VIII Dell'adozione di persone maggiori di età Capo I Dell'adozione di persone maggiori di età e dei

Dettagli

CODICE CIVILE LIBRO I. Titolo VIII. Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I. Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti

CODICE CIVILE LIBRO I. Titolo VIII. Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I. Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti CODICE CIVILE LIBRO I Titolo VIII Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti Art. 291 Condizioni L'adozione è permessa alle persone che

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI. 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI. 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale...3 2. Dichiarazione del valore della controversia al fine della determinazione

Dettagli

Legge 151/1975 - Art. 1-37

Legge 151/1975 - Art. 1-37 Legge 151/1975 - Art. 1-37 Legge 19 maggio 1975, n. 151 (in Gazz. Uff., 23 maggio, n. 135, edizione straordinaria). Riforma del diritto di famiglia. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

Codice Civile Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo VII Della filiazione. Capo I Della filiazione legittima

Codice Civile Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo VII Della filiazione. Capo I Della filiazione legittima Codice Civile Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VII Della filiazione Capo I Della filiazione legittima Sezione I Dello stato di figlio legittimo Art. 231. Paternità del marito. Il marito

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI 2 luglio 2014 SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle

Dettagli

Estratto del Codice civile

Estratto del Codice civile Libro Primo: Delle persone e della famiglia Titolo VI: Del matrimonio Estratto del Codice civile Capo I: Della promessa di matrimonio Art. 79 Effetti - La promessa di matrimonio non obbliga a contrarlo

Dettagli

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo VI Del matrimonio

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo VI Del matrimonio Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo I Della promessa di matrimonio Art. 79. Effetti. La promessa di matrimonio

Dettagli

GUIDA ALLA RICHIESTA DI PUBBLICAZIONE DI MATRIMONIO

GUIDA ALLA RICHIESTA DI PUBBLICAZIONE DI MATRIMONIO GUIDA ALLA RICHIESTA DI PUBBLICAZIONE DI MATRIMONIO La pubblicazione di matrimonio (detto anche consenso ) deve essere richiesta, nei SEI mesi precedenti la data del matrimonio con un minimo di 20 giorni

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Legislatura 17ª - 2ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 127 del 02/07/2014 Mostra rif. normativi SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Aggiornato al 12 marzo 2015 Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina

Dettagli

Capo II Della filiazione naturale e della legittimazione. Sezione I Della filiazione naturale. 1 - Del riconoscimento dei figli naturali

Capo II Della filiazione naturale e della legittimazione. Sezione I Della filiazione naturale. 1 - Del riconoscimento dei figli naturali Capo II Della filiazione naturale e della legittimazione Sezione I Della filiazione naturale 1 - Del riconoscimento dei figli naturali Art. 250. Riconoscimento. Il figlio naturale può essere riconosciuto,

Dettagli

SEZIONE II Delle prove della filiazione legittima

SEZIONE II Delle prove della filiazione legittima Art. 231 Paternità del marito Il marito è padre del figlio concepito durante il matrimonio. Art. 232 Presunzione di concepimento durante il matrimonio Si presume concepito durante il matrimonio il figlio

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

MATRIMONIO CIVILE MATRIMONIO CONCORDATARIO MATRIMONIO ACATTOLICO

MATRIMONIO CIVILE MATRIMONIO CONCORDATARIO MATRIMONIO ACATTOLICO OGGI SPOSI Introduzione L'art.29 della Costituzione Italiana stabilisce: "La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza

Dettagli

TITOLO VI DEL MATRIMONIO CAPO I Della promessa di matrimonio

TITOLO VI DEL MATRIMONIO CAPO I Della promessa di matrimonio TITOLO VI DEL MATRIMONIO CAPO I Della promessa di matrimonio Art. 79. (Effetti). La promessa di matrimonio non obbliga a contrarlo ne' ad eseguire cio' che si fosse convenuto per il caso di non adempimento.

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

NUOVO TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN.

NUOVO TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. NUOVO TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14, 197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1316, 1360, 1745 E 1763 NT2 LA RELATRICE Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO, 28 DICEMBRE 2013 N. 154

DECRETO LEGISLATIVO, 28 DICEMBRE 2013 N. 154 DECRETO LEGISLATIVO, 28 DICEMBRE 2013 N. 154 REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219. «Entrata in vigore: 7 febbraio

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE. NN. 14,197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1360, 1316, 1745, 1763

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE. NN. 14,197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1360, 1316, 1745, 1763 TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE. NN. 14,197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1360, 1316, 1745, 1763 NT La Commissione Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello

Dettagli

REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE SLM STUDIO LEGALE MAGRI

REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE SLM STUDIO LEGALE MAGRI REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE STUDIO LEGALE MAGRI SLM INDICE INTRODUZIONE ALLE PRINCIPALI NOVITÀ PAG. 3 MODIFICHE CODICE CIVILE - LIBRO PRIMO... PAG. 5 MODIFICHE CODICE

Dettagli

Art. 84 Età I minori di età non possono contrarre matrimonio. Il tribunale, su istanza dell'interessato, accertata la sua maturità psico-fisica e la

Art. 84 Età I minori di età non possono contrarre matrimonio. Il tribunale, su istanza dell'interessato, accertata la sua maturità psico-fisica e la Art. 84 Età I minori di età non possono contrarre matrimonio. Il tribunale, su istanza dell'interessato, accertata la sua maturità psico-fisica e la fondatezza delle ragioni addotte, sentito il pubblico

Dettagli

RIFORMA DELLA FILIAZIONE: I TESTI DEL CODICE CIVILE A CONFRONTO

RIFORMA DELLA FILIAZIONE: I TESTI DEL CODICE CIVILE A CONFRONTO RIFORMA DELLA FILIAZIONE: I TESTI DEL CODICE CIVILE A CONFRONTO testi degli articoli del Codice Civile come modificati dal decreto legislativo 28 dicembre 2013, n. 154, recante Revisione delle disposizioni

Dettagli

La Santa Sede e la Repubblica di Malta,

La Santa Sede e la Repubblica di Malta, Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica di Malta sul riconoscimento degli effetti civili ai matrimoni canonici e alle decisioni delle Autorità e dei tribunali ecclesiastici circa gli stessi matrimoni

Dettagli

Aggiungi Cat. e Arg. Sottotitolo. Servizio Erogato. Per sposarsi, sia con rito civile che religioso, sono necessarie le Pubblicazioni di matrimonio

Aggiungi Cat. e Arg. Sottotitolo. Servizio Erogato. Per sposarsi, sia con rito civile che religioso, sono necessarie le Pubblicazioni di matrimonio A cura di: Relazioni con il Pubblico +39 (0)423 617255 +39 (0)423 617250 info@comune.montebelluna.tv.it GESTIONE ACCESSI AL DOCUMENTO Lettori Gestori Maria Giovanna Schiavon Categoria Argomento Aggiungi

Dettagli

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG 20.12.2002) (Pubblicato nel supplemento straordinario alla G.U. - 4^ s.s. del 28.03.2003)

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

Coloro che hanno deciso di sposarsi, con rito civile o religioso, devono richiedere la pubblicazione di

Coloro che hanno deciso di sposarsi, con rito civile o religioso, devono richiedere la pubblicazione di MATRIMONIO Pubblicazioni di matrimonio Matrimonio con rito civile Matrimonio con rito religioso Regime patrimoniale dei coniugi Certificati Pubblicazioni di matrimonio Descrizione Coloro che hanno deciso

Dettagli

CODICE CIVILE RD 16.03.1942 N. 262 (GU N. 79 DEL 04.04.1942) CAPO I - DELLE FONTI DEL DIRITTO Art. 1 (Indicazione delle fonti) Sono fonti (70, 87,

CODICE CIVILE RD 16.03.1942 N. 262 (GU N. 79 DEL 04.04.1942) CAPO I - DELLE FONTI DEL DIRITTO Art. 1 (Indicazione delle fonti) Sono fonti (70, 87, CODICE CIVILE RD 16.03.1942 N. 262 (GU N. 79 DEL 04.04.1942) CAPO I - DELLE FONTI DEL DIRITTO Art. 1 (Indicazione delle fonti) Sono fonti (70, 87, 121, 138, Cost.) del diritto: 1) le leggi (2, 10 ss.);

Dettagli

NATIONAL LEGISLATION: ITALY

NATIONAL LEGISLATION: ITALY NATIONAL LEGISLATION: ITALY Italian Constitutional Code 2 Italian Civil Code 2 Italian Civil Procedure CODE 37 Italian Penal Code 37 Italian Criminal Procedure code 37 Legge 19 febbraio 2004, n. 40 Norme

Dettagli

Art. 86 Libertà di stato. Non può contrarre matrimonio chi è vincolato da un matrimonio precedente.

Art. 86 Libertà di stato. Non può contrarre matrimonio chi è vincolato da un matrimonio precedente. Libro 1 - Titolo VI: Del matrimonio Art. 79 Effetti. La promessa di matrimonio non obbliga a contrarlo né ad eseguire ciò che si fosse convenuto per il caso di non adempimento. Art. 80 Restituzione dei

Dettagli

Legge del 19 maggio 1975, n. 151. Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana del 23 maggio 1975, n. 135

Legge del 19 maggio 1975, n. 151. Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana del 23 maggio 1975, n. 135 Legge del 19 maggio 1975, n. 151 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana del 23 maggio 1975, n. 135 Riforma del diritto di famiglia Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Riforma della filiazione: la tabella delle novità

Riforma della filiazione: la tabella delle novità Riforma della filiazione: la tabella delle novità a cura di Giuseppe Buffone Supplemento Altalex Quotidiano - Settembre 2013 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 28 dicembre 2013, n. 154. Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219.

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA Prima della firma della Convenzione de L Aja sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (1995), in Polonia l adozione era regolata

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO DAVANTI ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE

SEPARAZIONE E DIVORZIO DAVANTI ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE SEPARAZIONE E DIVORZIO DAVANTI ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE Angela Marcella Responsabile Servizi Demografici Comune di Bergamo Art. 12 D.L. n. 132/2014 Separazione consensuale, richiesta congiunta di

Dettagli

Nuovi compiti dell Ufficiale di Stato Civile Separazioni e divorzi davanti all avvocato o all ufficiale di stato civile (D.L. 132/2014 convertito con L. 162/2014) Palazzo di Giustizia di Firenze - Dott.ssa

Dettagli

REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE SLM STUDIO LEGALE MAGRI

REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE SLM STUDIO LEGALE MAGRI REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE STUDIO LEGALE MAGRI SLM INDICE INTRODUZIONE ALLE PRINCIPALI NOVITÀ PAG. 3 MODIFICHE CODICE CIVILE - LIBRO PRIMO... PAG. 5 MODIFICHE CODICE

Dettagli

Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze. TITOLO I Delle unioni civili

Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze. TITOLO I Delle unioni civili SCHEMA DI TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze TITOLO I Delle

Dettagli

Indice. 1 Matrimonio civile e matrimonio canonico sino al Concordato ---------------------------------- 3

Indice. 1 Matrimonio civile e matrimonio canonico sino al Concordato ---------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VII IL MATRIMONIO CON EFFETTI CIVILI PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Matrimonio civile e matrimonio canonico sino al Concordato ----------------------------------

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Preambolo...1 Articolo 1...1 Articolo 6...1 Articolo 7...2 Articolo 8...2 Articolo 9...2 Articolo 11...2

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA CAPITOLO SECONDO IL MATRIMONIO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA CAPITOLO SECONDO IL MATRIMONIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA 1. La nozione di famiglia............................................ p. 1 2. (segue) Famiglia parentale e famiglia nucleare.......................» 5 3. (segue)

Dettagli

Instabilità coniugale

Instabilità coniugale Instabilità coniugale Il fenomeno delle famiglie divise: separazioni, annullamenti, divorzi Elaborazione di G Vettorato dalla tesi dottorale di Elena Margiotta, IL PROCESSO DI EMANCIPAZIONE DEGLI ADOLESCENTI

Dettagli

Tutela dello pseudonimo Lo pseudonimo, usato da una persona in modo che abbia acquistato l'importanza del nome, può essere tutelato.

Tutela dello pseudonimo Lo pseudonimo, usato da una persona in modo che abbia acquistato l'importanza del nome, può essere tutelato. Il Codice Civile Italiano LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE Capacità giuridica La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge

Dettagli

Legge 19 maggio 1975, n. 151 Riforma del diritto di famiglia

Legge 19 maggio 1975, n. 151 Riforma del diritto di famiglia Legge 19 maggio 1975, n. 151 Riforma del diritto di famiglia (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 23 maggio, n. 135, ed. str.) Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Legge 19 maggio 1975, n. 151

Legge 19 maggio 1975, n. 151 Legge 19 maggio 1975, n. 151 Riforma del diritto di famiglia G. U. 23 MAGGIO, N. 135, EDIZIONE STRAORDINARIA Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI Testo approvato nella seduta del C.C. del 12/06/2012 Delibera Consiglio Comunale

Dettagli

CAPITOLO QUINTO IL MATRIMONIO

CAPITOLO QUINTO IL MATRIMONIO CAPITOLO QUINTO IL MATRIMONIO Sommario: 1. Il matrimonio. - 2. Invalidità del matrimonio. - 3. Tipi di matrimonio. - 4. Diritti e doveri dei coniugi. - 5. Le cause di scioglimento. - 6. La separazione

Dettagli

Matrimonio - FAQ. Cos'è la richiesta comunione dei beni?

Matrimonio - FAQ. Cos'è la richiesta comunione dei beni? Matrimonio - FAQ Cos'è la richiesta comunione dei beni? Comunione beni Dopo il matrimonio, salvo patto contrario, si applica il regime di comunione dei beni fra i coniugi. In questo capitolo si spiega

Dettagli

Legge 19 maggio 1975, n. 151. (in Gazz. Uff., 23 maggio, n. 135, edizione straordinaria) Riforma del diritto di famiglia.

Legge 19 maggio 1975, n. 151. (in Gazz. Uff., 23 maggio, n. 135, edizione straordinaria) Riforma del diritto di famiglia. Legge 19 maggio 1975, n. 151 (in Gazz. Uff., 23 maggio, n. 135, edizione straordinaria) Riforma del diritto di famiglia. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

1.5. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.5. Il Matrimonio

1.5. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.5. Il Matrimonio 1.5. Diocesi di Lugano Direttive per il ministero pastorale 1.5. Il Matrimonio 34 Il Matrimonio 1.5.0. Norme generali sul Matrimonio Indice I. Responsabile della preparazione al Matrimonio II. Documenti

Dettagli

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e figli. (Confronta artt. 29, 30, 31, 36, 37 Cost. e 1 libro

Dettagli

LA FILIAZIONE E L ADOZIONE

LA FILIAZIONE E L ADOZIONE Capitolo V LA FILIAZIONE E L ADOZIONE Sommario: 1. La filiazione: profili generali. 2. I diritti e i doveri dei figli. 3. La responsabilità genitoriale e l usufrutto legale sui beni dei figli. 4. La presunzione

Dettagli

La successione legittima: devoluzione, esclusione del coniuge dall'eredità, minori, gradi di parentela

La successione legittima: devoluzione, esclusione del coniuge dall'eredità, minori, gradi di parentela Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Analisi e commenti LA SUCCESSIONE (4) La successione legittima: devoluzione, esclusione del coniuge dall'eredità, minori, gradi di parentela 4. La succesione

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

Chi sono le persone per il diritto?

Chi sono le persone per il diritto? I SOGGETTI GIURIDICI PERSONE DEL DIRITTO Chi sono le persone per il diritto? Tutti coloro che hanno dei diritti e doveri. Ed ogni persona ha dei diritti e dei doveri perché ci sono le leggi dello Stato

Dettagli

UNIONE ITALIANI NEL MONDO

UNIONE ITALIANI NEL MONDO IM UNIONE ITALIANI NEL MONDO CITTADINANZA ITALIANA DIRITTI E PROCEDURE Introduzione Il possesso della cittadinanza italiana indica l appartenenza allo Stato italiano e serve per avvalersi dei diritti

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

LEGGE 19 maggio 1975, n. 151

LEGGE 19 maggio 1975, n. 151 LEGGE 19 maggio 1975, n. 151 Riforma del diritto di famiglia. Vigente al: 29-9-2012 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la seguente

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Ordine dei Dottori Agronomi. delle province di Pisa, Lucca e Massa Carrara

Ordine dei Dottori Agronomi. delle province di Pisa, Lucca e Massa Carrara Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali delle province di Pisa, Lucca e Massa Carrara LA SUCCESSIONE EREDITARIA Norme previste dal Codice Civile Consistenza dell asse ereditario Valutazione dell

Dettagli

LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE Art. 1 Capacità giuridica La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore

Dettagli

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI.

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. La legge 14 febbraio 2006, n. 55 ha introdotto l istituto del patto di famiglia. Il nuovo istituto

Dettagli

Il Codice Civile Italiano

Il Codice Civile Italiano Il Codice Civile Italiano LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE Art. 1 Capacità giuridica La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che

Dettagli

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1 INDICE Prefazione...p. XV La filiazione: profili generali... 1 I AZIONE DI DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ Introduzione... 9 1 Disconoscimento della paternità in caso di mancata prova dell adulterio della

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Dei diritti e dei doveri che nascono dal matrimonio

Dei diritti e dei doveri che nascono dal matrimonio 1. A proposito di matrimonio, leggi questi articoli del Codice Civile italiano. ALLENARSI / LEGGERE B Dei diritti e dei doveri che nascono dal matrimonio Art. 143 Diritti e doveri reciproci dei coniugi

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro I DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

CODICE CIVILE. Libro I DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA Libro I DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE (1) (1) Diritto internazionale: art. 20, l. 31 maggio 1995, n. 218, riforma del diritto internazionale privato. L. 31 dicembre 1996,

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI REGGIOLO SPOSARSI SPOSARSI - ANAGRAFE E STATO CIVILE

CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI REGGIOLO SPOSARSI SPOSARSI - ANAGRAFE E STATO CIVILE SPOSARSI SPOSARSI - ANAGRAFE E STATO CIVILE RICHIESTA DI PUBBLICAZIONI Le pubblicazioni di matrimonio annunciano formalmente il matrimonio che due persone vogliono contrarre e devono essere prenotate a

Dettagli

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Divorzio breve ENTRATA IN VIGORE: 26 MAGGIO 2015 Legge 55 del 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1 INDICE INTRODUZIONE 1. Una premessa................................... 1 SEZIONE I: FILIAZIONE FUORI DEL MATRIMONIO: PROSPETTIVA STORICA E COMPARATA 1. L età classica...................................

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

Separazione e divorzio

Separazione e divorzio Separazione e divorzio Con l'entrata in vigore del Decreto legge n. 132/2014 convertito con Legge 162/2014 i coniugi che consensualmente intendono separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

Breve guida sul matrimonio. Documenti necessari

Breve guida sul matrimonio. Documenti necessari Breve guida sul matrimonio Per poter celebrare il matrimonio è necessario presentare la richiesta di pubblicazione. La pubblicazione di matrimonio, mediante affissione della stessa all Albo dei Comuni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 197 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALBERTI CASELLATI, BONFRISCO, CARIDI e D ASCOLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Modifica al codice

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3 Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA La promessa di matrimonio... Pag. 3 Il matrimonio: celebrazione e invalidità Il matrimonio civile 1) La celebrazione del matrimonio civile... Pag.

Dettagli

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2 3296 Ottobre 2002 3308 Ottobre 2002 4334 Ottobre 2003 5321 Ottobre 2004 Titolo proposta Ispirazione Obiettivi Patto Civile di Solidarietà e Unione di

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Page 1 of 10 DIRITTO DI FAMIGLIA - SUCCESSIONI - DONAZIONI 1) Quale dei seguenti beni non rientra nella comunione legale dei beni? A [ ] beni immobili acquistati dopo il matrimonio B [*] beni immobili

Dettagli