SPC Scienze del pensiero e del comportamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPC Scienze del pensiero e del comportamento"

Transcript

1 SPC Scienze del pensiero e del comportamento Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane SALUTO MATTUTINO DELL IO Percorso didattico - educativo per introdurre i bambini nel mondo della filosofia e della mímesis Ilenia Fadini (Scienze della Formazione Primaria, Università LUMSA, Roma) Introduzione di Stefano Bacchetta (Supervisore e Docente Università LUMSA)

2 Introduzione S. Bacchetta Con l articolo della dott.ssa Ilenia Fadini, diamo seguito alla serie di pubblicazioni che si propongono, come già segnalato nell introduzione di un precedente articolo 1, di offrire nuovi strumenti, teorici ma anche pratici, alla pratica dell insegnamento e dell educazione. Se, nel caso del Service Learning illustrato dalla dott.ssa Pitrola, si propone una pratica di per sé nuova, qui si propone un nuovo modo di vivere un esperienza che risale presumibilmente alle origini stesse del fare scuola: l appello. Parafrasando Whitman, cosa c è di nuovo in tutto questo? ; proprio di questo tratta l articolo di Ilenia Fadini, ed è stata una felice coincidenza che, anche in questo caso alla LUMSA, ci si sia potuti confrontare sul tema, grazie ai laboratori di pratica filosofica con i bambini 2 ed all esperienza di tirocinio, sia in Italia sia all estero, per la quale ho avuto il piacere di seguirla nel suo percorso formativo. Questa coincidenza ha favorito l incontro tra diverse circostanze: le indicazioni del prof. Italo Fiorin (citate nell articolo) risuonavano in modo esemplare con la pratica dell appello creativo, che nelle classi di scuola Primaria dove insegno sono sempre state spontanee e con l obiettivo primario (finora) di iniziare bene la giornata (in fondo, il primo momento di un autentico ambiente filosofico). Notevole è stata dunque l intuizione, da parte dell autrice dell articolo, che quel momento iniziale della giornata scolastica avesse in sé qualcosa di molto profondo ed edificante, sul quale valeva la pena riflettere. Grazie a questa intuizione, adesso anche il nostro appello ha un nuovo sapore, mentre posso confermare ancora una volta la bontà della proposta filosofica del nostro Filo di Sofia, dove il sapere si condivide (e con esso ci si può contaminare), senza il pregiudizio che esso provenga da bambine/i, studentesse/i, titolatissimi professori o anche grandi autori. Purché sia un sapere la cui ricerca (e le sue applicazioni) portino un effettivo vantaggio all Uomo. Mantenendo l indicazione di una filosofia-cantiere 3, che ancora una volta ho il piacere di citare, l articolo contiene un unità didattica che può essere presa come indicazione, come esempio, ma soprattutto può stimolare la creazione di altre pratiche relative all appello che non necessariamente assumano, o per lo meno non lo facciano subito, la forma di una sistematizzazione formale. Prima di tutto, l invito è di provare a stimolare la creatività e il divertimento di alunne e alunni nel rispondere in maniera divertente e, magari, far finta di disperarci provocando ancora di più la voglia di inventare risposte ancora più spiritose; lascio ad altri pedagoghi e psicologi le considerazioni sull attività cognitiva che può trarre vantaggio da tutto questo lavoro, ma è facile intuire che, intanto, la giornata comincerà con i migliori auspici almeno riguardo al benessere emotivo di tutti. 1 In questa stessa rivista, B., Pitrola, Service Learning - Esempi di applicazione di apprendimentoservizio nelle pratiche universitarie e scolastiche. 2 Per i riferimenti, rimando sia agli articoli pubblicati in questa stessa rivista, che al libro S. Bacchetta, Piacere, siamo Filo e Sofia Per un ambiente filosofico a scuola e nella vita, ed. Aracne, Roma La filosofia non è un tempio, ma un cantiere. Citazione di Georges Canguilhem. 2

3 L articolo propone delle riflessioni e offre delle esperienze da rileggere e applicare adeguandole alle diverse realtà scolastiche. Ogni classe ha una storia a sé, ed è quella principalmente che l insegnante deve conoscere; anche se non c è ancora piena consapevolezza a riguardo, non sono i bambini a doversi adeguare al nostro metodo, magari lo stesso di quando abbiamo cominciato a fare scuola venti o trent anni fa. I tempi sono cambiati, i bambini sono cambiati 4 ; poiché non è dato immaginare un sapere conclusivo nella formazione dell essere umano, è il caso che anche la scuola diventi un cantiere sempre aperto, con le regole di sicurezza di ogni cantiere (la corretta comunicazione dovrebbe essere sempre la prima), lasciando ai templi del sapere il compito di custodire e proporre riflessioni che, però, devono confrontarsi sempre con la pratica e con l essere umano in carne ed ossa e tutto il resto. Stefano Bacchetta 4 Forse è il caso di dire che è proprio il continuo cambiare che andrebbe assunto come paradigma. 3

4 SALUTO MATTUTINO DELL IO Percorso didattico - educativo per introdurre i bambini nel mondo della filosofia e della mímesis di Ilenia Fadini Con immenso affetto, ai miei primissimi alunni della mitica classe C. INDICE Premessa > 5 1. Rituale mattutino > La persona > L Io e l Altro > 8 2. Unità didattica > Programmazione per obiettivi e unità di apprendimento > Avvio all U.A. > Risveglio dell Io > Mímesis > 13 Bibliografia - Sitografia > 15 4

5 Premessa «Forse è questo insegnare: fare in modo che a ogni lezione scocchi l ora del risveglio 5» Pongo al principio del mio studio le parole dell autore contemporaneo Daniel Pennac, il quale, in uno dei suoi famosi testi, tratta dei metodi d insegnamento e dell importanza dell appello. Lo pongo, appunto, perché è mio compito parlarvi dell importanza di tale rito. Il rito dell appello, perché di rito si tratta, è un momento fondamentale e da rivalutare per l obiettivo di un buon percorso formativo. Lo dimostra (anche) il fatto che sia stato citato nel II Convegno Nazionale: I Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) Assessment e interventi psicoeducativi e metacognitivi, dove il Prof. I. Fiorin, introducendo il suo discorso Strategie didattiche inclusive, ne afferma l importanza non solo come atto burocratico ma come momento d incontro fra educatore e educando (seppur con difficoltà emotive e comportamentali). Capitolo primo - RITUALE MATTUTINO «Sentire il proprio nome pronunciato dalla voce del professore è un secondo risveglio. Il suono fatto dal tuo nome alle otto del mattino ha vibrazioni da diapason. Non posso decidermi a trascurare l appello, soprattutto quello della prima ora, anche se sono di fretta. Recitare una lista di nomi come se si contassero le pecore è inammissibile. Io chiamo i miei ragazzi guardandoli, li accolgo, li nomino uno per uno, e ascolto la loro risposta. In fondo l appello è l unico momento della giornata in cui il professore ha l occasione di rivolgersi a ciascuno dei suoi studenti, anche se solamente pronunciando il suo nome. Un breve istante in cui lo studente deve sentire di esistere ai miei occhi, lui e non un altro. Dal canto mio, cerco per quanto possibile di cogliere il suo umore dal suono che fa il suo presente. Se la voce è incrinata, bisognerà eventualmente tenerne conto 6.» Così Daniel Pennac, in Diario di scuola, afferma l importanza dell appello ed io, probabilmente, non potrei esprimermi in modo migliore. 5 D. Pennac, Diario di scuola, Feltrinelli, Milano D. Pennac, op. cit., p

6 L appello è un rituale da non trascurare. Come già scritto, infatti, questo rituale mattutino, non deve essere vissuto come solo atto di natura burocratica ma è l incontro intimo fra due persone: l Io e l Altro. 1.1 La persona Essendo obiettivo ultimo dell educazione quello di creare un ambiente filosofico, sia a scuola sia nella vita 7, l appello è un primo momento, importante e fondamentale, per dar vita a un ambiente filosofico. Filosofia intesa come ricerca continua che porti un effettivo vantaggio all uomo e indaghi sul senso dell essere e dell esistenza umana. Per comprendere la filosofia, credo, urge comprendere la vita. La vita nel significato più astratto della parola, ossia come esistenza dell essere. «Subito mi trovo dinnanzi una difficoltà: nomino l essere, ma non so parlarne, posso dire di lui solo che è, id cuius actus est esse. Se cerco di definirlo altrimenti, necessariamente lo perdo di vista, perché lo definisco per mezzo di un altro concetto che non è già più l essere, ma qualche cosa dell essere; in sé non può essere definito che con se stesso, perché è il primo conosciuto, ciò per mezzo di cui tutto ciò che si conosce è conosciuto quasi come materia di cui sono fatte tutte le nostre idee. Tuttavia, dacché è sorta la filosofia, il pensiero umano non ha mai fatto e non ha mai potuto fare altro che andare alla ricerca dell essere e di che cosa mai esso sia. Senza accorgersi, a volte, che avveniva come a coloro che guardano e considerano il sole ; ché nell atto stesso che direttamente lo contemplano, esso di sé li acceca; e qualche volta è proprio avvenuto come a chi guarda il sole (vedi Fedone, cap.48) che l occhio si fa tutto luce e non vede che luce di sole, così tutto si è fatto essere, ma essere ad un modo solo, come la luce di quel sole 8.» Il bisogno di filosofare nasce dalla meraviglia, in altre parole dal senso di stupore e d inquietudine sperimentata dall'uomo quando, soddisfatte le immediate necessità materiali, comincia a interrogarsi sulla sua esistenza e sul suo rapporto con il mondo: «Infatti gli uomini hanno cominciato a filosofare, ora come in origine, a causa della meraviglia: mentre da principio restavano meravigliati di fronte alle difficoltà più semplici, in seguito, progredendo a poco a poco, giunsero a porsi problemi sempre maggiori: per esempio i problemi riguardanti i fenomeni della luna e quelli del sole e degli astri, o i problemi riguardanti la generazione dell'intero universo. Ora, chi prova un 7 Cfr. S. Bacchetta, Piacere, siamo Filo e Sofia - Per un ambiente filosofico a scuola e nella vita, Aracne, Roma Cit. Luigia Tincani, Note di pedagogia generale, Tesi presentata all Università Cattolica di Milano per la Laurea in filosofia,

7 senso di dubbio e di meraviglia [thaumazon] riconosce di non sapere; ed è per questo che anche colui che ama il mito è, in certo qual modo, filosofo: il mito, infatti, è costituito da un insieme di cose che destano meraviglia. Cosicché, se gli uomini hanno filosofato per liberarsi dall'ignoranza, è evidente che ricercarono il conoscere solo al fine di sapere e non per conseguire qualche utilità pratica 9.» D'où venons-nous? Que sommes-nous? Où allons-nous?, Paul Gauguin ( ) Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?, il titolo dell opera di P. Gauguin pone l attenzione sugli interrogativi primi ai quali la persona cerca risposta. Persona: una parola dal suono dolce e con un ego profondo, termine dotato di vari sinonimi e che rischia di perdere la sua vera essenza. Troviamo diverse accezioni: individuo, soggetto, tale, uomo, perdendo così il suo reale e vero significato. Persona: echeggia un viaggio unico e irripetibile; immediatamente indica l esserci di un proprio. «Tutte le volte che posso concepire qualche cosa come uno, allora dico: è. [ ] l essere è se stesso, totalmente se stesso e null altro che se stesso, non ha di fronte a sé altro che il non-essere: dividerlo o moltiplicarlo è uscire da lui 10». La persona, concetto chiave della filosofia di E. Mounier 11, è ciò che in ogni uomo non può essere trattato come oggetto. Egli vede la persona come un soggetto indefinibile, perché mobile, dinamico, fluido e qualsiasi definizione fissa potrebbe trasformare la persona da soggetto quale deve sempre essere ad oggetto. La persona è un essere spirituale, è esistenza incorporata che è autonoma, che comunica e che è libera. 9 Cit. Aristotele, Metafisica, Bompiani, Milano 2000, I, 2, 982b. 10 Cit. Luigia Tincani, op. cit., p Cfr. E. Mounier, Il Personalismo, Editrice AVE, Roma

8 Compito di ogni insegnante, in un ottica più ampia di ogni istituzione scolastica, è mirare a un educazione personalizzata e individualizzata, ovvero una vera e propria scuola su misura che inventi soluzioni adeguate alle diverse esigenze degli alunni. «La prima domanda da porre riguarda chi educhiamo. Se c è un punto su cui non possiamo non trovarci d accordo è che il nostro compito è quello di educare la persona : un essere unico e irripetibile. Ogni bambino, ogni ragazzo ha la necessità di essere educato, nel senso etimologico del termine, che deriva dal latino e-ducere, tirar fuori: ha bisogno di essere aiutato a scoprire il valore di se stesso, delle cose e della realtà 12» È chiaro, quindi, che quando si parla di educazione è fondamentale partire dal concetto di persona. L appello, in questo, aiuta. Sin dal primo atto, infatti, è possibile stimolare la fantasia, trasmettere valori quali il rispetto di sé e degli altri (nessuno escluso), ma soprattutto è possibile affermare la propria identità. «Divieni ciò che sei», affermava Nietzsche 13. Egli definisce, quale compito primario del singolo, la realizzazione creativa della propria indole. «Prima di ogni cosa, però, l uomo deve conoscersi e soprattutto si scelga. L autoconoscenza non avviene con la chiusura in sé, ma con il relazionarsi 14». Utilizzando una metafora platonica potremmo dire che urge specchiarsi nella pupilla altrui. 1.2 L Io e l Altro «Questa persona, unica ed irripetibile, può essere educata a conoscere, ad accettare, a tirar fuori e costruire sé, solo entrando in rapporto con la realtà che la circonda. E la realtà è fatta di persone, di fatti, di eventi, del presente e del passato, di cui il presente è figlio. [ ] Nell e-ducere, nel tirar fuori ciò che si è e nella relazione con gli altri, si impara ad apprendere 15.» Nel momento in cui la persona afferma il proprio Io, pertanto il proprio essere, si mostra all altro. Altro inteso come Tu. 12 Cit. Ministero della Pubblica Istruzione, Indicazioni per il curricolo. Per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione, Tecnodid Editrice, Fuorni Cit. Nietzsche Friedrich, Divieni ciò che sei. Pensieri sul coraggio di essere se stessi, Marinotti, Cfr. E. Ducci, Libertà Liberata. Libertà, Legge, leggi, Anicia, Roma Cit. Ministero della Pubblica Istruzione, op. cit., p

9 La persona è relazione, ovvero un essere relazionale. È l incontro con l altro, è il dialogo Io-Tu. Ogni persona è singola non perché sola, bensì perché è se stessa con le sue caratteristiche; interagisce con l altro ma non si perde nell altro 16. «L Io e il Tu, intesi non come pronomi ma come l esserci immediato della persona stessa, esistono sempre nella reciproca relazione. [ ] Non si comprende la natura dell Io finché non si capisce che esso esiste soltanto nella correlazione al Tu. Il prossimo è il vero Tu: amore dell uomo per l uomo. L Io è lo spirituale dell uomo 17». 16 Cfr. E. Mounier, Il Personalismo, Editrice AVE, Roma Cit. E. Ducci, La parola nell uomo, La Scuola, Brescia

10 Capitolo secondo - UNITÀ DIDATTICA 2.1 Programmazione per obiettivi e unità di apprendimento La programmazione per obiettivi permette di realizzare curricola in grado di rispettare i bisogni educativi di ciascun alunno. Tale programmazione conduce alla realizzazione di unità di apprendimento. Il termine unità, in ambito didattico, acquista il significato di unità del sapere. L unità di apprendimento, quindi, costituisce l unità minima di programmazione ed è finalizzata al conseguimento di un obiettivo formativo specifico. Il Professor Italo Fiorin 18, nei suoi scritti, propone il seguente modello di unità di apprendimento. INCIPIT SVOLGIMENTO CONCLUSIONE Introduzione del compito di apprendimento, attivazione degli alunni dal punto di vista motivazionale, dei pre-requisiti e delle pre-conoscenze. Sono presenti una serie di snodi significativi con funzioni didattiche specifiche (fornire informazioni, definire il problema, formulare ipotesi, ). Gli alunni utilizzano i concetti appresi ed attribuiscono significato alle informazioni ricevute e alle esperienze vissute. È compresa in questa fase una prospettiva meta cognitiva. Il modello suesposto può essere di aiuto per i docenti in sede di programmazione. Programmare un unità didattica vuol dire porre il focus al contesto di insegnamento-apprendimento e attenzione alla persona. «Ogni docente proprio in virtù della funzione del docere», realtà sacra e aspetto fondamentale della soggettività umana, «è dentro di sé detentore di un progetto 19». Si deve tendere a una conoscenza che non sia inerte e autoreferenziale, bensì a una costruzione del sapere attraverso un apprendimento significativo, autentico, calato in situazioni reali e nel quale il bambino è il vero protagonista. 18 Cfr. I. Fiorin, La buona scuola. Processi di riforma e orientamenti didattici, La Scuola, Brescia Cit. N. Rosati, Principi e percorsi di programmazione scolastica, Multidea, Roma

11 2.2 Avvio alla U. A. La filosofia e l essere, si deduce da quanto precedentemente scritto, sono strettamente collegati. La filosofia, infatti, nasce per rispondere ai primissimi interrogativi che l uomo si pone a fronte dell esistenza umana. Connubio perfetto sarà quello di unire ad un rito, quale l appello, la mimesi. Sorge spontanea la domanda: «Perché unire l appello ad un imitazione di altro?». Spiegheremo successivamente che la mímesis non è imitazione, ma è essere. La risposta alla domanda è semplice e la parola chiave è rito. Il rito, si sa, è un complesso di norme che regolano lo svolgimento di un azione sacrale, ciò vale per l appello in ambito pedagogico e filosofico. Nel caso dell appello, appunto, di che rito si tratta? Perché si rivela di grande importanza nell atto educativo? E ancora, in che modo può avvicinare gli infanti al mondo della filosofia e in particolare della mímesis? L appello è un rito di identificazione, attraverso il quale il bambino può esprimere se stesso. Un rito che non va assolutamente sottovalutato. Nel momento stesso in cui esprimo il mio Io, esprimo il mio essere all Altro, ovvero al mio Tu. Potremmo rendere tale rituale più originale e far si che, anche dagli alunni, non venga vissuto più come un susseguirsi di nomi (quasi fossero numeri). Cosa accadrebbe se invece di un «Presente» si rispondesse con un passo di hip hop o altro 20? Un tocco di fantasia e creatività renderebbero l appello un momento unico. A tal proposito, per poter ben programmare la buona riuscita di un nuovo percorso, sarà utile pensare a quale ruolo deve assumere il docente, che atteggiamento deve avere, quali limiti deve porre e assicurasi che vengano soddisfatti i bisogni e le richieste di ciascun alunno (se necessario, attribuendo dei ruoli che a rotazione cambieranno). L avvio all unità di apprendimento può avvenire attraverso un gioco, ovvero il gioco dell identità. Il docente dovrà precedentemente pensare a delle domande, queste variano a seconda del gruppo classe che si ha di fronte. Formate le domande ci si dovrà munire di tanti nastrini colorati e spille da balia. L ambiente dovrà essere familiare, utilizzando il parco della scuola, la palestra o anche restando in classe e spostando sedie e banchi in modo tale da poter formare una mezza luna. Una volta seduti e consegnate le spille, sarà possibile proporre le domande ai bambini e chiunque potrà rispondere ad esse in modo affermativo dovrà munirsi del nastrino colorato. Esempio: 20 Scuola Ippolito Nievo di Cava dei Selci (RM): nella classe primaria dove esercita il Prof. S. Bacchetta l appello viene vissuto come momento importante della giornata e mezzo per poter manifestare la propria originalità. Ho assistito personalmente a tale esperienza e collaborato affinché potessi parlare di un ipotesi di lavoro che esiste e la cui validità è stata già dimostrata. 11

12 - Chi indossa le scarpe da ginnastica? (nastrino colore giallo) - Quanti sono affascinati dalla grammatica? (nastrino colore verde) Coloro che possono rispondere affermativamente a tali domande dovranno munirsi del nastrino del colore corrispondente. In caso di una classe con alunno con Bisogni Educativi Speciali: - Chi ha la sindrome di Down? 21 O nel caso di una classe interculturale: - Quanti parlano il russo? Giunti alla fine del gioco, l insegnante e l intera classe potranno constatare che la spilla si è riempita di tanti nastrini colorati. Alcuni hanno gli stessi nastrini, ma anche molti diversi. Ciò che significa? L insegnante chiederà ai bambini di attaccare la spilla da balia con i nastrini colorati alla maglietta e di portarla sempre con sé. Insieme, docente e alunni, potranno discutere e apprendere che ciò che ci eguaglia è che siamo tutti persona, con caratteristiche che ci accomunano e altre che ci differenziano. Importante, però, è capire che le differenze non sono un ostacolo, bensì qualcosa da cui trarre dei vantaggi e delle opportunità per rinnovarsi. 2.3 Risveglio dell Io Risveglio dell Io è un unità didattica pensata per grandi e piccini. È un percorso didattico - educativo che introduce i bambini nel mondo della filosofia e della mímesis. Il percorso si realizzerà ogni mattina, dopo il suono della campanella che stabilisce l inizio di una nuova giornata. Il tempo complessivamente necessario, affinché siano conseguiti gli obiettivi di apprendimento, sarà di tutta la durata dell anno scolastico. L appello, vissuto come noioso momento di natura burocratica, è in realtà un importante rituale. L unità di apprendimento proposta ha lo scopo di renderlo un momento pratico, di responsabilità, di risveglio, l esserci dell Io, affermare se stessi, un momento relazionale fra l insegnante e ciascun alunno. Ha lo scopo, quindi, di rendere vero e autentico quanto teoricamente scritto. Attraverso il suddetto rito è possibile affrontare, anche in tenera età, tematiche d interiorità, identificazione, autoconoscenza ed esperire interiore, volizione di sé, socializzazione, paideia mímesis, relazione Io-Tu, 21 Cfr. «Chi ha la sindrome di Down?»: riporto la domanda proposta durante un soggiorno in Lido di Fondi (LT), organizzato dall AIPD ONLUS Roma, dove ragazzi con sindrome di Down e normodotati venivano sottoposti a diverse domande attraverso il gioco dell identità. Usufruendo di una modalità ludica si mirava a un fine ben preciso: stimolare la riflessione sul proprio essere, mostrare la propria identità all altro e capire che ogni singolo è unico, irripetibile ma al contempo ci sono caratteristiche che ci accomunano. 12

13 L obiettivo è di stimolare un ampia riflessione sull Io. L appello non sarà più un elenco di nomi e cognomi con un susseguirsi di «Presente», «Ci sono», «Eccomi», «Assente», ma diverrà un risveglio dell essere. «Conosci te stesso. Conosci prima chi sei e poi adornati. [ ] Adorna la tua persona morale 22.» Bisogna agire secondo la propria personalità. Ogni giorno sarà proposta una nuova modalità di appello. L appello della primavera, appello della neve, dell amore, dell amicizia, della felicità, delle rondini, appello della danza, saranno accolte le proposte degli alunni, seguendo gli interessi di ognuno. L istituzione scolastica non deve in alcun modo essere di ostacolo alla mímesis. Istinto e natura inducono il bambino a imparare e sperimentare dei ruoli. Quando vediamo l altro, lo vediamo in quanto persona in possesso di una mente. Noi dipendiamo dall altro e lo identifichiamo come Tu. Il bambino, infatti, guardando la mente altrui impara a conoscere sé e si fa a immagine e somiglianza delle cose che vuole conoscere. Il percorso di conoscenza degli infanti può essere paragonato alla nave di Ulisse, la quale a ogni tempesta richiedeva una riprogettazione fino a quando, giunti alla fine del viaggio, non rimaneva più nulla della nave d origine. Attraverso la metafora è possibile spiegare lo sviluppo cognitivo dell uomo. Il bambino prova un impulso irresistibile nello scoprire nuove cose, ne trae piacere. Un piacere talvolta paragonato al raggiungimento dell orgasmo per l adulto Mímesis L infante è un piccolo genio, attratto dalla gioia del sapere, dalla ricerca della Verità e scopre il mondo attraverso la mímesis. Aristotele affermava che l uomo fra tutti gli animali fosse il più capace di mímesis. Egli è l animale mimico per eccellenza. «L'imitare (mimeomai) è connaturato agli uomini fin dalla puerizia, [ ] tutti traggono piacere dalle imitazioni, [ ] noi siamo naturalmente in possesso della capacità di imitare 24.» L uomo dunque, grazie a tale capacità, differisce dagli altri animali poiché è il più portato a imitare e nel procurarsi per mezzo dell imitazione le nozioni fondamentali. 22 Cit. Epitteto, Le Diatribe e i Frammenti, Roma-Bari, Laterza, 1989, Ibidem (Proaieresis III 1) 23 Cfr. A. Gopnik, A. Meltzoff, P. Kuhl, Tuo figlio è un genio. Le straordinarie scoperte sulla mente infantile, Baldini Castoldi, Milano Cit. Aristotele, Poetica, Bompiani, Milano 2000, 48 b. 13

14 Oggigiorno, però, la nostra società enfatizza maggiormente la capacità logicorazionale, importante giacché ci differenzia dal mondo animale, ma ciò va a discapito della mímesis. Fenomeno che avviene soprattutto nella cultura occidentale. «[ ] ci ritroviamo mimeticamente deprivati 25». La mímesis, secondo Platone, favorisce la retta paideia necessaria affinché vi sia una convivenza bella, buona e giusta 26. Mímesis non è imitazione. A tal proposito è stato di aiuto il laboratorio Teatro corporeo e di parola svolto, nell Università LUMSA, dal Professor G. Scaramuzzo dove, noi studentesse universitarie, abbiamo vissuto in prima persona l irrefrenabile desiderio di essere fuoco, vento, sole, desiderio, quindi, di essere altro da sé. Riporto la citazione di Roberta, una bambina del primo ciclo di scuola elementare alunna del professor S. Bacchetta 27 : «Che cosa hai capito che è la mimesi? Che la tua anima diceva di fare e il tuo corpo lo faceva 28». La mimesi è rendere sé simile ad altro. Il corpo muta in un altro essere, nella voce, nel corpo, nei gesti. E non è, quindi, la semplice riproduzione dell esteriorità dell agire o del dire di qualcuno. «La mímesis paideutica s-vela l esserci dell uomo 29». Non apparenza, ma essere. Il fine ultimo della suddetta unità di apprendimento è proprio l essere. Non ridurre il rito dell appello a un apparenza ma usufruirne per essere altro da sé o, cosa più importante, per essere se stessi e affermare di esserci. 25 Cit. G. Scaramuzzo, Il principio mimico, (http://host.uniroma3.it/laboratori/mimesislab/ricerca/convegni/artisticamente_principiomimico.pdf ), Roma 25 giugno 2013, 12:48 26 Cfr. G. Scaramuzzo, Paideia Mimesis. Attualità e urgenza di una riflessione inattuale, Anicia Cfr. Filo di Sofia (http://www.avios.it/filodisofia/home.php). Il Filo di Sofia è un progetto che da anni propone la pratica filosofica nelle scuole dell'obbligo a partire dalla Scuola dell'infanzia, per la costruzione di un ambiente filosofico a scuola e per la vita. Cfr. S. Bacchetta, op. cit. 28 (http://host.uniroma3.it/laboratori/mimesislab/materiali.php), Roma 28 marzo 2013, 17: Cit. G. Scaramuzzo, op. cit., p

15 Bibliografia - Sitografia A. Gopnik, A. Meltzoff, P. Kuhl, Tuo figlio è un genio. Le straordinarie scoperte sulla mente infantile, Baldini Castoldi, Milano Aristotele, Metafisica, Bompiani, Milano 2000 Aristotele, Poetica, Bompiani, Milano 2000 D. Pennac, Diario di scuola, Feltrinelli, Milano 2008 E. Ducci, Libertà Liberata. Libertà, Legge, leggi, Anicia, Roma 1994 E. Ducci, La parola nell uomo, La Scuola, Brescia 2005 E. Mounier, Il Personalismo, Editrice AVE, Roma 2006 Epitteto, Le Diatribe e i Frammenti, Roma-Bari, Laterza, 1989 G. Scaramuzzo, Paideia Mimesis. Attualità e urgenza di una riflessione inattuale, Anicia 2010 I. Fiorin, La buona scuola. Processi di riforma e orientamenti didattici, La Scuola, Brescia 2008 Luigia Tincani, Note di pedagogia generale, Tesi presentata all Università Cattolica di Milano per la Laurea in filosofia, 1925 Ministero della Pubblica Istruzione, Indicazioni per il curricolo. Per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione, Tecnodid Editrice, Fuorni 2007 Nietzsche Friedrich, Divieni ciò che sei. Pensieri sul coraggio di essere se stessi, Marinotti, 2006 N. Rosati, Principi e percorsi di programmazione scolastica, Multidea, Roma 2012 S. Bacchetta, Piacere, siamo Filo e Sofia - Per un ambiente filosofico a scuola e nella vita, Aracne, Roma G. Scaramuzzo, Il principio mimico, (http://host.uniroma3.it/laboratori/mimesislab/ricerca/convegni/artisticamente_princi piomimico.pdf) AIPD ONLUS Roma (http://www.aipd.it/cms/) Filo di Sofia (http://www.avios.it/filodisofia/home.php) (http://host.uniroma3.it/laboratori/mimesislab/materiali.php). 15

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu LA LUNA AL GUINZAGLIO Presenta UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu Laboratorio teatrale per le scuole primarie sul tema della tolleranza e della diversità DESCRIZIONE Ci sono molti modi per

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione CRT Teatro-educazione Centro Ricerche Teatrali Scuola Civica di Teatro, Musica, Arti visive e Animazione Comune di Fagnano Olona (Va) www.crteducazione.it info@crteducazione.it tel. 0331-616550 PROGETTO

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO L.RADICE

DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO L.RADICE DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO L.RADICE Scuola dell Infanzia Gela (CL) PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA (Adottato in tutte le scuole dell infanzia del Circolo) BAMBINI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO SCUOLA DELL INFANZIA «Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.» Pablo Neruda GIOCHI PER CRESCERE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Anno scolastico 2010 / 2011 A cura delle operatori teatrali della compagnia Il Volo di Jonathan LABORATORIO TEATRALE PER BAMBINI...fare teatro significa esprimersi

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO

OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO Anno Scolastico 2013/14 Insegnanti coinvolti: De Vecchi Fiore Angela, Fanini Francesco, Loddo Silvia, Maiorana Tiziana MI PRENDO CURA DI TE TI INSEGNO A VOLARE PREMESSA

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina I BAMBINI I GENITORI CONOSCENZA dei COMPAGNI CONOSCENZA degli INSEGNANTI CONOSCENZA del PERSONALE DELLA SCUOLA CONOSCENZA

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Progetto Scuole Incontro GNR Bologna 26-27 27 Novembre 2011

Progetto Scuole Incontro GNR Bologna 26-27 27 Novembre 2011 Progetto Scuole Incontro GNR Bologna 26-27 27 Novembre 2011 ASSOCIAZIONI VIP CHE ATTUALMENTE SOSTENGONO IL PROGETTO SCUOLE VIP GENOVA VIP SIENA VIP PARMA VIP VERONA VIP ALESSANDRIA VIP MODENA VIP ROMA

Dettagli

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico.

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico. 1 PREMESSA Ancora oggi, come ieri, i bambini hanno voglia di ascoltare fiabe e storie. Desiderano ascoltare storie che arrivano al cuore e alla mente e hanno voglia di mettere le ali e volare dentro a

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti...

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti... Scuola Statale dell'infanzia di "Lammari" Progetti educ.-did. anno scolastico 2010/2011 ********************************************************** AREA P.O.F. Linguaggi espressivo_creativi AREA P.O.F.

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

Area Benessere. PROGETTI - ATTIVITÀ (Area Benessere)

Area Benessere. PROGETTI - ATTIVITÀ (Area Benessere) Area Benessere Migliora la capacità di operare scelte personali e assumere responsabilità attraverso l'affermazione della propria identità e autonomia; di conferire senso all'insieme delle esperienze e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 Dal progetto ESPRESSIONE, MOVIMENTO, SUONO... SUONO... UN GUAIO PER GLI UCCELLINI LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA

Dettagli

Progetto Continuità e Orientamento Istituto Comprensivo Padre A. G. Martini a. s. 2015/2016

Progetto Continuità e Orientamento Istituto Comprensivo Padre A. G. Martini a. s. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "PADRE ANDREA G. MARTINI " SC. DELL INFANZIA PRIMARIA E SEC. I GRADO 83040 CASTEL BARONIA (AV) e-mail: avic83100t@istruzione.it C F: 81001270644 COD MECC: AVIC83100T Tel: 0827/92047

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI a) Scoprire le regole del vivere insieme b) Scoprire il piacere di stare insieme agli altri bambini c) Ascoltare racconti sulla vita di CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO a) Rispettare le regole del

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli