PROTOTIPAZIONE RAPIDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOTIPAZIONE RAPIDA"

Transcript

1 Di seguito si mostrerà come la prototipazione rapida si inserisce nel processo produttivo CAD-CAE-CAM. In particolare il RP permette di valutare in modo rapido ed efficiente i prototipi ad ogni step di modifica: così facendo i possibili errori di progettazione vengono prontamente individuati e risolti sul CAD, senza peraltro avere un impatto economico imponente 49

2 MACROFASI DEL CICLO Alla fine del processo CAE si perviene al componente ottimizzato per quel determinato sistema di vincoli e carichi. Si procede allora con: Settaggio della macchina di RP: in funzione del componente da prototipare si impostano le temperature caratteristiche del processo Trasformazione dell oggetto progettato al CAD in un formato compatibile con il software di gestione e pilotaggio della macchina RP. Lo standard grafico attualmente impiegato è l STL (Solid To Layer) introdotto da 3D System. Sostanzialmente consiste in una rappresentazione semplificata delle superficie interne ed esterne del pezzo tramite faccette triangolari che per definizione sono piane Lettura del file.stl da parte del software della macchina RP per l esecuzione di: Orientamento del pezzo per una costruzione ottimale di precisione dimensionale e rugosità superficiale Generazione dei supporti: operazione necessaria per alcune tecniche, per sostenere le parti sporgenti del pezzo Generazione della basetta di appoggio del pezzo 50

3 MACROFASI DEL CICLO Esecuzione dello Slicing: operazione comune a tutte le tecnologie e consiste nell intersezione del modello completo di supporti e basetta di appoggio, con una serie di piani la cui normale è parallela alla direzione di costruzione.stl per ottenere le singole sezioni che distano s variabile tra 0.05 e 0.5 mm. Si ottiene quindi la creazione e ottimizzazione delle slice con l obiettivo del massimo risparmio del materiale compatibilmente con la rugosità superficiale e con una buona stabilità dimensionale Realizzazione del modello SSL: cioè per ogni singola sezione il sistema analizza la curva intersezione del pezzo con il piano intersecante e ne ricava un equazione, la quale guiderà la prototipazione Realizzazione del modello SML: vengono generati, per ogni singola sezione, i percorsi di lavorazione che la testa (estrusore, laser,.. a seconda della tecnologia) deve seguire per creare il pezzo. Invio del file SML alla macchina Prototipazione rapida del componente Eliminazione dei supporti ed eventuale finitura a mano Prova sperimentale del componente 51

4 MACROFASI DEL CICLO Le fasi di prototipazione descritte permettono una realizzazione semplice dell elemento con stratificazioni successive, ma introducono due sorgenti di errore: 1. Facetting (o sfaccettatura): dovuto all approssimazione delle superfici con una serie di triangoli, nel modello STL. L effetto può essere contenuto aumentando il numero di triangoli appesantendo però il tempo necessario all elaborazione del file.stl 2. Staircase (o effetto scala): dovuto alla costruzione di sezioni di spessore finito che determinano la rugosità superficiale del particolare. L effetto risulta amplificato al crescere della curvatura delle superfici e può essere limitato usando uno slicing con s più piccolo. Ovviamente così facendo aumentano i costi in quanto si utilizza più materiale e aumentano anche i tempi necessari alla costruzione del prototipo Gli effetti di questi due sorgenti di errori si sommano ai limiti di precisione della macchina di prototipazione rapida. 52

5 CLASSIFICAZIONE DELLE TECNOLOGIE RP Le metodologie di RP usano una forma di solidificazione o legame selettivo di particelle liquide o solide, ottenuto tramite polimerizzazione o reazione chimica per aggiungere progressivamente materia fino a che non si crea l intero pezzo. Pertanto è possibile procedere ad una loro duplice classificazione: La prima fa riferimento al materiale usato La seconda considera la modalità con cui si costruisce la forma dell oggetto 53

6 CLASSIFICAZIONE SECONDO IL MATERIALE La materia prima può essere usata in tre stadi diversi: liquida, polvere e solida. I progressi che impiegano il materiale liquido sono ulteriormente divisibili in due gruppi: Quelli che usano fotopolimeri che induriscono per effetto di una radiazione ultravioletta; Quelli basati sulla fusione, deposito e risolidificazione di materia (metallo, resine termoplastiche) Altri processi usano polveri dove l unione tra i granelli è ottenuta tramite la fusione lungo l area di contatto delle particelle o incollandole aggiungendo un opportuno legante. Infine alcuni metodi partono dal materiale solido ridotto in lamine sottili che vengono incollate l una sull altra e successivamente tagliate fino ad ottenere la forma desiderata. 54

7 CLASSIFICAZIONE SECONDO IL MATERIALE Laminazione dei fogli di carta mediante incollaggio Deposisizione di filamento fuso termoplastico (tipica della Stratasys) Produzione mediante modellazione a gocce Spruzza il materiale come se fosse una stampante a getto d inchiostro 55

8 CLASSIFICAZIONE SECONDO LE MODALITA Teoricamente la forma del pezzo potrebbe essere ottenuta direttamente nello spazio 3D, tuttavia la maggior parte delle tecniche crea l elemento sovrapponendo l uno sull altro strati (layers) in due dimensioni ricavati dall operazione di slicing del modello matematico. Nelle tecniche a tre dimensioni, ancora in fase di studio, non si richiede espressamente la completa costruzione della parte sottostante prima di proseguire con la zona superiore e ciò conferisce una particolare libertà di forma e geometria, anche se la fase di programmazione della macchina diventa estremamente lunga e complessa. 56

9 CLASSIFICAZIONE SECONDO LE MODALITA Polimerizzazione della sezione contemporaneament e mediante lampada raggi ultravioletti 57

10 I sistemi di RP o macchine additive lavorano costruendo l oggetto per sovrapposizione di strati. TECNOLOGIE RP Ciascuno strato ha uno spessore compreso tra 0.05 e 0.25 mm; devono quindi depositare da 80 a 200 strati per ogni centimetro di altezza. I sistemi RP sono di per sé lenti se paragonati alle moderne macchine utensili a controllo numerico (macchine sottrattive); tuttavia i loro prodotti sono definiti rapidi poiché vengono ottenuti direttamente dal modello matematico 3D senza la necessità di determinare il percorso utensile. 58

11 TECNOLOGIE RP PROCESSI CONSOLIDATI: Stereolitographic Apparatus (SLA): Stereolitografia Solid Grond Curing (SGC): fotopolimerizzazione con lampada ad ultravioletti Selective Laser Sintering (SLS): sinterizzazione selettiva col laser Fused Deposition Modelling (FDM): modellazione tramite estrusione di filamenti Laminated Object Manufacturing (LOM): stratificazione di fogli di carta 59

12 TECNOLOGIE RP PROCESSI EMERGENTI: Multi Jet Modelling (MJM): Modellazione multi getto Desktop Fused Deposition Modelling (DFDM): modellazione con estrusione di barrette Ballistic Particle Manufacturing (BPM): modellazione a gocce Sanders Prototype Inc (SPI): plottaggio 3D Three dimensional printing (3DP): stampa tridimensionale 60

13 PROCESSO DI GENERAZIONE DEL FILE Esempio di percorso di sviluppo di un file per prototipazione rapida mediante tecnica FDM Si mostreranno le fasi di sviluppo di un processo di prototipazione rapida mediante l uso della tecnologia FDM (Fused Deposition Modelling) della Stratasys. L oggetto della descrizione è lo sviluppo di un prototipo rapido in materiale termoplastico ABS della Picchio SR2, scala 1:10, al fine di testare sperimentalmente le forme aerodinamiche della carrozzeria quasi definitiva. 61

14 PROCESSO: FASE DI SKETCH DEL DESIGN La fase di sketch da parte del designer ha come obiettivo l individuazione di una serie di forme e proporzioni tra le quali la Direzione Tecnica del progetto potrà scegliere la soluzione che meglio rispetta il Family Feeling della produzione. Individuato lo stile che rappresenterà la linea guida del progetto di design della carrozzeria definitiva, si procede alla realizzazione di rendering più o meno complessi della soluzione progettuale scelta. 62

15 PROCESSO: FASE DI MODELLAZIONE CAD Modello CAD in wireframe delle superfici carrozzeria realizzata in CREO Modello CAD in shading delle superfici carrozzeria realizzata in CREO 63

16 PROCESSO: FASE DI RENDERIZZAZIONE Modello CAD renderizzato delle superfici carrozzeria realizzata in CDRS della PTC 64

17 Estrattore disegnato già per la prototipazione, quindi non presenta angoli di smusso relativamente piccoli, geometria semplificata; i dettagli devono essere esclusi dalla fase di prototipazione perché andrebbero a creare problemi durante il processo di RP. PROCESSO: ESPORTAZIONE STL File STL= file di testo dove ad ogni triangolo generato sono presenti le coordinate di ogni vertice del triangolo e le coordinate della normale alla superficie che contiene il triangolo stesso, quindi per ogni triangolo il file riserva 12 coordinate (3 per ogni vertice e i 3 coseni direttori) Controllo angolo=angolo tra le facce Altezza corda= misura dell approssimazione delle superficie curve in 2d con una poligonale, quindi la distanza tra la retta approssimante tra 2 punti di una poligonale con la traiettoria reale curva 65

18 PROCESSO: ESPORTAZIONE STL Confronto di qualità tra 2 esportazioni diverse 66

19 PROCESSO: TRIANGOLARIZZAZIONE STL Triangolarizzazione STL del modello di carrozzeria solida della Picchio in CREO 67

20 PROCESSO: IMPORTAZIONE FILE STL Importazione nel software di interfaccia: visualizzazione in wireframe Importazione nel software di interfaccia: visualizzazione in shading 68

21 PROCESSO: GENERAZIONE SUPPORTI E FILE SSL Esecuzione dell operazione di slicing: la geometria sarà affettata rispetto a z Supporti che realizzerà la macchina con un altro materiale (ABS di bassa qualità) per permettere la deposizione di materiale A questo punto si può esportare il file SSL che contiene basetta, supporti, le coordinate quindi le eq. che piloteranno la testa estrusore per la realizzazione dei profili (contorni) per ogni singola z. La creazione di slice può essere migliorata riducendo lo spessore di ogni singola fetta, per migliorare anche la gradinatura di alcune superfici come il passaruota. Basetta iniziale di supporto 69

22 PROCESSO: EDITING MANUALE DEL FILE SSL Fase di editing dei parametri di processo della parte e modifica del file SSL Si può modificare manualmente la parte, ad esempio modificare il Delta z per alcune slice, ad esempio nella parte bassa lo spessore è maggiore visto che le superfici sono verticali per poi ridursi 70

23 PROCESSO: GENERAZIONE ROAD E FILE SML Fase di creazione delle road di riempimento interno al fine di generare il file SML Creazione del road, ossia dei percorsi dell estrusore di filamento termoplastico ABS con funzioni di riempimento della sezione. Mentre il file SSL contiene le curve di contorno, qui vediamo cosa deve accadere internamente. 71

24 PROCESSO: REALIZZAZIONE E PRELIEVO PROTOTIPO Dopo aver provveduto al setup bordo macchina dell azzeramento in Z (verticale) del piano di appoggio e dell azzeramento nel piano (X-Y) della testa estrusore, si possono regolare le temperature degli ugelli e dell ambiente di lavoro e quindi procedere all invio del file alla macchina della Stratasys. La macchina RP in figura è di proprietà della Picchio S.p.A. Il prototipo costruito visibile è un sedile automobilistico. 72

25 La realizzazione del prototipo può richiedere da qualche decina di minuti a diverse ore di tempo macchina, in funzione dei parametri di processo scelti. PROCESSO: REALIZZAZIONE E PRELIEVO PROTOTIPO Il prototipo in figura si riferisce al semi cofano posteriore sinistro della Picchio SR2. In grigio sono visibili i supporti. Disponibile un vano di lato 154 mm, quindi è stato necessario dividerla in parti. 73

26 PROCESSO: ASSEMBLAGGIO PARTI DEL PROTOTIPO L assemblaggio delle parti avviene mediante l uso di collanti ma anche di viti, se necessario. Infatti è possibile forare l ABS e usare viti autofilettanti. 74

27 PROCESSO: FINITURA E POST FINITURA Finitura prototipo: eventuale carteggiamento delle superfici e/o stuccatura Eventuale verniciature e laccatura delle superfici. 75

28 PROCESSO: TEST SU PROTOTIPO Campagna di prove sperimentali aerodinamiche 76

29 PROCESSO: PICCHIO ON THE ROAD Picchio SR2 in pista durante il Campionato Italiano Prototipi 77

30 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE I SISTEMI CAx I sistemi CAx (acronimo di «Computer Aided everything», cioè CAD, CAE, CAS, CAT, CAM, ), danno la possibilità di soddisfare i bisogni di progettazione e di produzione in maniera veloce, accurata e non faticosa avendo essi la capacità di: Creare al computer modelli tridimensionali di parti ed assemblati; Eliminare virtualmente ogni ridondanza associata alle tecniche tradizionali; Effettuare revisioni in tempi e modi ridottissimi; Costruire nuove parti partendo da librerie di parti esistenti; Creare famiglie di parti automaticamente inserendo le variazioni dimensionali necessarie; Generare la lista dei materiali necessari per la produzione; Condurre l analisi delle sollecitazioni delle parti direttamente al computer; Generare automaticamente files STL per la Prototipazione Rapida (RP) ed il percorso utensili per le macchine NC (Numerical Control); Associare parti, assemblati e particolari del disegno in modo che ogni modifica fatta ad ognuno di essi si diffonderà alle altre. Tutto questo offre al progettista la possibilità di migliorare le fasi di ottimizzazione e di scelta, lasciando alla macchina il compito di rendere visibile virtualmente ciò che egli ha in mente, aiutandolo, allo stesso tempo, a sviluppare il progetto. 78

31 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE I SISTEMI CAx CAE (Computer Aided Engineering) Significa "ingegneria assistita dal computer". Tale termine viene usato per indicare le applicazioni software che agevolano la risoluzione di problemi tecnologici tramite il calcolo numerico. CAL (Computer Aided Learning) Programma utilizzato per insegnare e comunicare concetti nei software di autoapprendimento. CAS (Computer Aided Styling) Oggi le macchine non aiutano solo il processo esecutivo del design, ma addirittura la creatività stessa del designer. Il CAS offre al designer possibilità incomparabilmente maggiori; ci consente - senza aver neppure iniziato la costruzione di un modello - di vedere un progetto da diverse angolazioni, nel suo ambiente naturale, con molti punti di riferimento, come persone o cose. Con l'ausilio di un modello puramente matematico possiamo avvicinarci, in un modo in passato neppure immaginabile, alle sensazioni che ci darà il prodotto finale: lo possiamo addirittura vedere in movimento virtuale nel suo ambiente naturale. CAT (Computer Aided Technology) Il sistema CAT è l'insieme degli strumenti virtuali che consentono di sviluppare od ottimizzare un prodotto. CAD/CAM (Computer Aided Design/Computer Aided Manufacturing) Questo termine si riferisce all impiego di computer sia nella fase di progettazione sia in quella di fabbricazione di un prodotto. Con il CAD/CAM un prodotto, per esempio una parte di un macchinario, viene progettato con un programma CAD e il progetto ultimato viene poi tradotto in una serie di istruzioni che vengono trasmesse e impiegate dalle macchine dedicate alla sua fabbricazione, assemblaggio o controllo di processo. 79

32 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE GENERALITA SUL CAD Il CAD è il software necessario per disegnare mediante un elaboratore elettronico. Si possono distinguere due categorie essenziali di programmi CAD: Bidimensionale Tridimensionale Un CAD bidimensionale consente di disegnare come su un tavolo da disegno basandosi su elementi geometrici di base quali punti, rette, archi, cerchi, curve ecc. La rappresentazione di un oggetto tridimensionale può avvenire, con un CAD bidimensionale, solo attraverso viste in proiezione. Un CAD tridimensionale consente invece di disegnare veri e propri oggetti completi di tutte le caratteristiche spaziali e la sua rappresentazione può essere effettuata in viste dinamiche ombreggiate. 80

33 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE CAD 2D Mediante un CAD bidimensionale è possibile eseguire tutti i disegni tecnici normalmente eseguibili con un tecnigrafo, ma con estrema precisione e versatilità. 81

34 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE CAD 3D Il CAD 3D consente di rappresentare un oggetto in tutte le sue caratteristiche geometriche e fisiche. In un CAD 2D l oggetto si forma solo nella mente di chi osserva le sue varie viste rappresentative, ma il software non è in grado di effettuare tale discernimento, vedendo le varie viste solo come accozzaglia di linee ed archi. In un CAD 3D l oggetto acquisisce una propria effettiva identità spaziale e fisica, il software è in grado di interpretarne la posizione rispetto ad un riferimento, il volume occupato, la posizione del baricentro, il peso, gli assi principali di inerzia. L'oggetto disegnato possiede dunque tutte le informazioni rilevabili da un oggetto fisicamente esistente anche se si trova ancora allo stato virtuale. 82

35 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE CAD 3D Questa caratteristica apre enormi possibilità nella progettazione rendendo effettuabili ottimizzazioni di macchine prima della loro realizzazione e con le moderne tecniche di RP la realizzazione fisica dell oggetto in un materiale plastico può essere effettuata in poche ore. In pratica da un disegno 2D si possono ottenere in modo automatico stampe su carta del disegno stesso, da un modello 3D si possono ottenere in modo automatico copie fisiche dell oggetto in materiale plastico. Analogamente al caso bidimensionale anche per disegni nello spazio ci si basa su primitive grafiche molto semplici come punti, rette, curve, superfici di base (superficie sferica, cilindrica,..), solidi di base (cubo, sfera, cilindro, ellissoide...). 83

36 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI MODELLATORI I modellatori possono essere classificati in varie tipologie a seconda delle funzionalità offerte: Modellatori di solidi Modellatori di superfici Modellatori misti (solidi + superfici) Modellatori per nuvola di punti Con i modellatori solidi puri ogni oggetto creato deve racchiudere un volume, deve cioè essere "solido", mentre con i modellatori di superfici si possono generare superfici semplici, senza spessore. La tendenza attuale della tecnologia dei modellatori è orientata alla fusione dei due criteri di modellazione, per cui si possono definire elementi solidi disegnandone separatamente le superfici che racchiudono il suo volume. 84

37 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI MODELLATORI Una ulteriore suddivisione dei modellatori può essere fatta in base ai legami generabili fra la geometria e le sue dimensioni caratteristiche, si possono così distinguere : Modellatori "inerti" Modellatori parametrici Modellatori variazionali In un modellatore "inerte" le dimensioni geometriche dell'oggetto vengono definite al momento della modellazione e possono essere cambiate solo rimodellando l'oggetto. Ad esempio modellando un cilindro possiamo definirne la lunghezza ed il diametro al momento della modellazione, possiamo anche quotare tali dimensioni secondo le normali regole del disegno tecnico ma se vogliamo modificare una delle due dimensioni siamo costretti a ridefinire completamente l'oggetto, vale a dire cancellarlo e ridisegnarlo. Un modellatore di questo tipo viene oggi considerato assolutamente obsoleto, almeno nell ambito dei modellatori per solidi. In un modellatore parametrico ogni dimensione caratteristica dell'oggetto è memorizzata come "parametro", cambiando il valore del parametro possiamo automaticamente cambiare una o più dimensioni dell'oggetto che verrà rimodellato automaticamente. I modellatori parametrici vengono anche chiamati modellatori "dimension driven", volendo mettere in evidenza il fatto che le dimensioni comandano la geometria. I modellatori variazionali consentono di far convivere nello stesso modello parti parametrizzate con parti non parametrizzate ma il metodo matematico adottato è diverso dai modellatori parametrici. Questo modo di operare è comodo soprattutto nei modellatori misti, ove spesso è conveniente parametrizzare alcune parti del modello realizzate con le tecniche della modellazione solida ma lasciare inerti le parti realizzate per modellazione di superfici. 85

38 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE MODELLATORI SOLIDI La modellazione di solidi viene effettuata sfruttando gli stessi strumenti del CAD 2D integrati da altri strumenti di livello superiore. La prima evidente e sostanziale differenza di un modellatore rispetto ad un CAD 2D è l'ambiente di lavoro che da ambiente piano si trasforma in ambiente a 3 dimensioni. Un oggetto complesso viene generato mediante combinazione di oggetti semplici tenuti insieme da operazioni "booleane" di unione, differenza e intersezione. Altri strumenti molto usati per modellare sono i seguenti: rivoluzione, estrusione, sweep. Procedendo per piccoli passi si può arrivare a modellare qualsiasi oggetto "meccanico ", più o meno complesso. 86

39 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE MODELLATORI SOLIDI Al modello solido generato possono essere associate proprietà fisiche come la densità per calcolarne il peso, la posizione del baricentro, gli assi principali di inerzia... vale a dire tutte quelle caratteristiche indispensabili per una progettazione meccanica evoluta. Più modelli possono essere assemblati fra loro sino ad ottenere un modello completo di macchina comunque complessa. I modellatori solidi sono specificatamente studiati per disegni di componenti meccanici, non sono dunque molto adatti per la modellazione di oggetti di stile per i quali sono più indicati i modellatori di superfici. Proprio per il particolare orientamento alla meccanica i modellatori solidi si sono nel corso degli anni trasformati nell interfaccia utente passando da menu riportanti operazioni generali fra solidi (come le operazioni booleane) a menu feature based. Una feature è un operazione fisica eseguibile su un oggetto reale e non un operazione logica come una differenza booleana; ad esempio in un vecchio modellatore per solidi per realizzare un foro in un pezzo prismatico si doveva generare un cilindro con le caratteristiche geometriche del foro, piazzarlo correttamente sul pezzo da forare ed eseguire l operazione di differenza fra il prisma ed il cilindro. In un moderno modellatore l operatore dispone di un opzione FORO da menu selezionando la quale il sistema chiederà, interattivamente, tutte le grandezze di cui ha bisogno per eseguire l operazione. Il fatto che alla fine venga comunque effettuata un operazione logica di differenza booleana risulterà completamente trasparente all operatore. I menu dei modellatori meccanici odierni parlano in sostanza la lingua del progettista e non quella dello sviluppatore del software. 87

40 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE In un modellatore di solidi parametrico o variazionale è possibile associare parametri ad ogni elemento geometrico che caratterizza il modello. In figura è stata rappresentata la sezione trasversale di un modello generato mediante l'operazione di ESTRUSIONE. MODELLATORI SOLIDI PARAMETRICI Come è possibile notare la sezione è stata quotata in modo sufficiente per descriverne esaurientemente la geometria. Ad ogni quota viene automaticamente associato un parametro, oltre ad un valore ad ogni quota viene cioè associato un nome. Una volta generato il solido è possibile modificare il valore di una quota ed il solido verrà ridimensionato automaticamente, è anche possibile legare più quote fra di loro mediante relazioni comunque complesse. Ad esempio nella figura la quota D3 è legata alle quote D1 e D2 dalla seguente relazione :d3 = d2 + d4 modificando la quota d4 o la quota d2 la quota d3 assumerà automaticamente un nuovo valore calcolato mediante l'espressione precedente, mentre non sarà possibile modificare direttamente il valore di d3 in quanto la relazione impostata non è univocamente invertibile e risulterebbero indeterminati i valori di d4 e d2. 88

41 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE MODELLATORI SOLIDI PARAMETRICI Questo modo di legare fra loro quote geometriche risulta molto potente in meccanica, dove spesso il buon funzionamento di un meccanismo è legato al mantenimento di opportune "proporzioni" fra i suoi componenti o fra le dimensioni geometriche di uno stesso componente, ed apre la strada per l'ottimizzazione delle geometrie mediante specifici programmi accessori. Ad esempio corredando il modellatore solido parametrico di un programma di calcolo strutturale ed un programma di analisi dei cinematismi è possibile modellare sommariamente i componenti di un cinematismo e far ottimizzare automaticamente la geometria al sistema impostando una determinata funzione obiettivo. Una tipica funzione obiettivo è raggiungere la massima leggerezza dei componenti mantenendone l adeguata resistenza meccanica. Partendo dalla geometria abbozzata il modulo di calcolo strutturale andrà a determinare le parti più sollecitate e le meno sollecitate dei componenti, ne informerà il modellatore che provvederà ad aggiungere materiale nelle zone più sollecitate e a toglierlo nelle zone meno sollecitate. Mediante più iterazioni di calcolo il sistema porterà la geometria delle parti a convergere verso la geometria ottimale secondo la funzione obiettivo impostata. Con tali metodi è stato ad esempio possibile alleggerire, a parità di resistenza meccanica, alcune parti di motori per autoveicoli fino al 30% del loro peso iniziale derivante da una progettazione già ottimizzata ma con metodi tradizionali. Come già accennato in precedenza, per la costruzione delle parti meccaniche è comunque necessario un disegno tecnico 2D realizzato seguendo le classiche tecniche di rappresentazione regolate da standard internazionali. Tale disegnatura è pressoché automatica servendosi di un modellatore. Una volta realizzato il modello solido, si possono "piazzare" sul foglio da stampare varie viste e sezioni comunque articolate ed in modo molto rapido; sarà il software a occuparsi di discernere le linee in vista da quelle non in vista così come delle campiture delle sezioni,. L operazione di realizzare il disegno tecnico bidimensionale partendo dal modello solido dell oggetto prende il nome di "messa in tavola del disegno". 89

42 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE Nella produzione meccanica è molto importante realizzare libretti di istruzione per l'utilizzatore finale ed istruzioni per il montaggio dei meccanismi che, per chiarezza, debbono essere corredati di disegni appropriati. Anche queste operazioni sono notevolmente agevolate dall'uso di un modellatore solido dell'attuale generazione, in quanto realizzabili con la stessa semplicità della messa in tavola. La realizzazione pratica degli oggetti disegnati può essere effettuata in modo semiautomatico da macchine a controllo numerico. Le operazioni appena descritte possono essere sintetizzate nello schema. MODELLATORI SOLIDI PARAMETRICI 90

43 MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE MODELLATORI SOLIDI PARAMETRICI Le frecce stanno ad indicare sia la sequenza di generazione dei vari elementi indicati, sia un legame di dipendenza che rimane sempre attivo nel processo. Ad esempio se viene modificato il modello di un componente di macchina automaticamente viene aggiornato il disegno costruttivo, l'assemblato, l'esploso, le istruzioni di montaggio, il libretto di istruzioni, la distinta base ed il programma per le macchine a controllo numerico che realizzeranno l'oggetto. Questa operazione eseguibile in pochi secondi avrebbe potuto richiedere alcuni giorni se realizzata con i vecchi metodi di progettazione. In alcuni sistemi vi è anche retroattività della modifica (governata comunque da adeguati permessi software) per cui si può arrivare alla condizione limite che la modifica delle istruzioni di montaggio portino automaticamente alla modifica dell assemblato e di tutto il necessario per mantenere la coerenza dello schema. In questo caso si parla di vero e proprio Concurrent Engineering, in quanto in ogni fase del ciclo progettuale e produttivo si possono generare ottimizzazioni in tempo reale. I modellatori solidi si basano su due tipi di rappresentazione: CSG (ConstructiveSolidGeometry) B-REP (BoundaryRepresentation) 91

Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti.

Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti. La Prototipazione Rapida Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti. Un prototipo può essere usato per: o Verifiche

Dettagli

Definizione. Tecniche di prototipazione rapida. Layer Manufacturing. Confronto. Applicabilità delle tecniche RP. Caratteristiche delle tecniche RP

Definizione. Tecniche di prototipazione rapida. Layer Manufacturing. Confronto. Applicabilità delle tecniche RP. Caratteristiche delle tecniche RP Tecniche di prototipazione rapida Definizione Prototipazione rapida (RP): classe di tecnologie che consentono di costruire modelli fisici anche complessi partendo direttamente dalle rappresentazioni CAD

Dettagli

Progettazione CAD/CAM II

Progettazione CAD/CAM II Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze MM.FF.NN. CdL in Tecnologie Fisiche Innovative Progettazione CAD/CAM II Prof. Nicola Baldanza Prof. Michele Benedetti Prototipazione Rapida La prototipazione

Dettagli

TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING

TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING I.P.S.I.A. Amantea & EUROCOMIND DALL IDEA AL PRODOTTO FINITO Il Ciclo Di Sviluppo Tradizionale il secolo XX, con la rivoluzione industriale e la

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Programmazione automatica CAM Il CAM (Computer Aided Manufacturing) è una tecnologia mediante la quale si realizza l'integrazione

Dettagli

FABBRICAZIONE ADDITIVA: L ARTIGIANATO DEL FUTURO?

FABBRICAZIONE ADDITIVA: L ARTIGIANATO DEL FUTURO? FABBRICAZIONE ADDITIVA: L ARTIGIANATO DEL FUTURO? Prof. Ing. Monica Carfagni Replicatore Star Trek La Prototipazione Rapida è una tecnologia innovativa che consente la produzione di oggetti di geometria

Dettagli

Periferiche di hardcopy 2D e 3D

Periferiche di hardcopy 2D e 3D Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Parma Periferiche di hardcopy 2D e 3D Motivazione sono necessari documenti permanenti,

Dettagli

METODI DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA E ATTREZZAGGIO RAPIDO

METODI DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA E ATTREZZAGGIO RAPIDO METODI DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA E ATTREZZAGGIO RAPIDO La moderna industria, sotto la spinta della globalizzazione, è costretta oggi a tempi di sviluppo ed industrializzazione dei prodotti sempre minori.

Dettagli

PROTOTIPAZIONE RAPIDA (RP)

PROTOTIPAZIONE RAPIDA (RP) Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali PROTOTIPAZIONE RAPIDA (RP) Carola Esposito Corcione DEFINIZIONI La prototipazione rapida (RP) è una tecnologia

Dettagli

PROTOTIPAZIONE RAPIDA

PROTOTIPAZIONE RAPIDA PROTOTIPAZIONE RAPIDA Prof. Luca Iuliano Presidente APRI I PROTOTIPI Durante la fase di sviluppo di un prodotto vengono realizzate le seguenti tipologie di prototipi: concettuali funzionali tecnici Preserie

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE Tecniche FA Polvere Liquido Solido 1 Componente 1 Componente + legante Selective Laser Sintering 3 Dimensional Printing Incollaggio Laminate Object Man. Estrusione Fused

Dettagli

Seminario sulle Stampanti 3D 28-01-2016 Autori : Fabio Bisi - INFN-BO Fiorenzo Degli Esposti - Ex INFN-BO

Seminario sulle Stampanti 3D 28-01-2016 Autori : Fabio Bisi - INFN-BO Fiorenzo Degli Esposti - Ex INFN-BO Seminario sulle Stampanti 3D 28-01-2016 Autori : Fabio Bisi - INFN-BO Fiorenzo Degli Esposti - Ex INFN-BO 1 Stampanti 3D Concetti fondamentali Tipologia delle stampanti 3D Materiali Software Attivita amatoriali

Dettagli

Prototipazione rapida: tecniche e applicazioni

Prototipazione rapida: tecniche e applicazioni Prototipazione rapida: tecniche e applicazioni Piano della presentazione La Prototipazione Rapida Classificazione delle tecniche di P.R. in funzione dell utilizzo Classificazione delle tecniche di P.R.

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD

INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD 407 Introduzione Il termine CAD sta per Computer-aided Design. L interpretazione corretta del termine è quella di progettazione assistita dal calcolatore (e non di disegno assistito

Dettagli

Sviluppo dei sistemi 3D

Sviluppo dei sistemi 3D Sviluppo dei sistemi 3D Istituto Berenini Fidenza, 24 maggio 2016 IERI Dal disegno 2D al disegno 3D È sempre stato necessario disegnare il profilo dell oggetto da realizzare indicando dimensioni e tolleranze

Dettagli

TEbIS TAglIo A FIlo DIrETTAMEnTE DAl MoDEllo CAD un programma A CnC perfetto per Il TAglIo A FIlo.

TEbIS TAglIo A FIlo DIrETTAMEnTE DAl MoDEllo CAD un programma A CnC perfetto per Il TAglIo A FIlo. Tebis Taglio a filo Direttamente dal modello CAD un programma a CNC perfetto per il taglio a filo. Con il nuovo modulo dedicato ai processi di elettroerosione a filo, Tebis rende disponibile un ulteriore

Dettagli

Tecnologie di stampa tridimensionale per attività di prototipazione e produzione:

Tecnologie di stampa tridimensionale per attività di prototipazione e produzione: Tecnologie di stampa tridimensionale per attività di prototipazione e produzione: COME AFFIDARSI ALLA FABBRICAZIONE ADDITIVA PER REALIZZARE PRODOTTI MIGLIORI Real Parts. Really Fast. to Labs, Ltd., Via

Dettagli

Costruzione di modelli di superfici mediante la Prototipazione Rapida

Costruzione di modelli di superfici mediante la Prototipazione Rapida Rendiconti Seminario Facoltà Scienze Università Cagliari Vol. 76, Fasc. 1-2 (2006) Costruzione di modelli di superfici mediante la Prototipazione Rapida GREGORIO FRANZONI(*) Abstract. Questa nota riporta

Dettagli

"Rapid Prototyping: studio delle possibili sorgenti di errore"

Rapid Prototyping: studio delle possibili sorgenti di errore "Rapid Prototyping: studio delle possibili sorgenti di errore" Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Laureando: Daniele Cortis Relatore: Ing. Francesca Campana

Dettagli

Stampa 3D per le imprese P rototipazione e produzione. Cinetica 3d Marika Rugani - Cristian Serafini Dott. Daniele Boschi

Stampa 3D per le imprese P rototipazione e produzione. Cinetica 3d Marika Rugani - Cristian Serafini Dott. Daniele Boschi Stampa 3D per le imprese P rototipazione e produzione Cinetica 3d Marika Rugani - Cristian Serafini Dott. Daniele Boschi Cos'è la stampa 3d Trasformare un'idea progettuale in un modello fisico in tempi

Dettagli

MODELLI TRIDIMENSIONALI

MODELLI TRIDIMENSIONALI Tridimensionali MODELLI TRIDIMENSIONALI Il 3D è una tecnologia applicabile a quasi tutte le categorie merceologiche. Con il suo contributo è possibile individuare pregi e difetti di un prodotto prima che

Dettagli

Fabbricazione additiva e reverse engineering: quali strumenti e soluzioni applicative offrono alle imprese impegnate nell innovazione competitiva?

Fabbricazione additiva e reverse engineering: quali strumenti e soluzioni applicative offrono alle imprese impegnate nell innovazione competitiva? Fabbricazione additiva e reverse engineering: quali strumenti e soluzioni applicative offrono alle imprese impegnate nell innovazione competitiva? Prof. L. Iuliano Politecnico di Torino Presidente APRI

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE TRIDIMENSIONALE E FISICA DELL IDEA. CAD Computer Aided Design

LA RAPPRESENTAZIONE TRIDIMENSIONALE E FISICA DELL IDEA. CAD Computer Aided Design LA RAPPRESENTAZIONE TRIDIMENSIONALE E FISICA DELL IDEA CAD Computer Aided Design Comunemente viene utilizzata la parola CAD per identificare un software per la creazione di modelli tridimensionali o disegni

Dettagli

mediante l aggiunta localizzata di materiale metallico e/o ceramico (vedi foto) strato per strato.

mediante l aggiunta localizzata di materiale metallico e/o ceramico (vedi foto) strato per strato. L ATTREZZATURA: Presso il laboratorio Te.Si. sono presenti 4 tecnologie di Additive Manufacturing (AM): una sinterizzatrice per polveri metalliche/ceramiche, due stampanti 3D per il macro-additive Manufacturing,

Dettagli

La stampa 3D non è quindi possibile senza il disegno CAD 3D dell'oggetto.

La stampa 3D non è quindi possibile senza il disegno CAD 3D dell'oggetto. COS È LA STAMPA 3D https://www.youtube.com/watch?v=n1nrcb8p18y La STAMPA 3D è la denominazione di un insieme di varie tecnologie di produzione automatica additiva, a strati, grazie alle quali si rende

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Le nostre stampanti FDM utilizzano principalmente filamenti in PLA. Il PLA (acido polilattico) è un polimero

Dettagli

La Stampa 3D e la. Rapida

La Stampa 3D e la. Rapida La Stampa 3D e la Prototipazione Rapida CENNI STORICI FOCUS TECNOLOGIE RP PER USO PROFESSIONALE Index SLA, SLS, FDM, OBJET, Prototipi in metallo, Finiture BOOM DELLA STAMPA 3D INSTALLAZIONI DI STAMPANTI

Dettagli

La Fabbricazione Additiva e Industria 4.0

La Fabbricazione Additiva e Industria 4.0 La Fabbricazione Additiva e Industria 4.0 Una rivoluzione tecnologica già alle nostre porte Piero Mattirolo AdMil srl Strada Savonesa 9, 15057 Tortona AL www.fabbricaverde.it Metalli: le principali tecnologie

Dettagli

INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it

INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it scarica questo e-book in formato pdf Davide Donà vi consiglia AUTOCAD INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it INTRODUZIONE Scopo di questa guida è dare una panoramica

Dettagli

Sardegna Ricerche. Laboratorio di Prototipazione Rapida

Sardegna Ricerche. Laboratorio di Prototipazione Rapida Sardegna Ricerche Laboratorio di Prototipazione Rapida 1 Il Laboratorio di Prototipazione Rapida Laboratorio nato per diventare un punto di riferimento per le imprese che operano nel campo della ricerca,

Dettagli

RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO)

RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO) 1 RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO) DI MASSIMO SABATINI Lo studio finalizzato ad un interesse di carattere statico e conservativo eseguito sulle volumetrie degli oggetti, ha

Dettagli

Figura 1- La tomba di Horemheb a Saqqara (Egitto)

Figura 1- La tomba di Horemheb a Saqqara (Egitto) OGGETTO: Riproduzione dei rilievi della tomba di Horemheb mediante integrazione di tecnologie di ingegneria inversa, modellazione CAD 3D e prototipazione rapida Nell ambito della salvaguardia dei beni

Dettagli

Robotic Rapid Prototyping

Robotic Rapid Prototyping Robotic Rapid Prototyping Manolo Garabini, Manuel Catalano, Lorenzo Malagia, Manuel Bonilla, Carlos Rosales, Fabio Bonomo, Alessandro Settimi e Antonio Bicchi tradurre un idea in un prototipo Di che si

Dettagli

Stampanti 3D Analisi settoriale

Stampanti 3D Analisi settoriale Analisi settoriale Analisi della concorrenza Rapid Prototyping Dati macroeconomici Secondo dati Wholers Associates, nell anno 2011 il comparto delle stampanti 3D è cresciuto globalmente del 29,4%. Nel

Dettagli

Il Disegno Tecnico. Bookin

Il Disegno Tecnico. Bookin Bookin progress Il Disegno Tecnico - secondo anno 2 Il Disegno Tecnico A cura del Prof. Resente Loris con il prezioso contributo dei Pro. Dol M., Morotti G., colleghi e collaboratori della rete Book in

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

Prototipazione Rapida

Prototipazione Rapida Introduzione Prototipo Prototipazione rapida Tecniche di prototipazione rapida I processi consolidati Stereolitografia Solid Ground Curing Selective Laser Sintering Fused Deposition Modeling Laminated

Dettagli

Progettare la gioielleria

Progettare la gioielleria Sergio Petronilli Giovanna Migliorelli ANTEPRIMA Progettare la gioielleria in 3D con Rhinoceros il nuovo libro per i designer orafi che usano il CAD Tutorial 28 CIONDOLO MARGHERITA CON UDT www.logis3d.it

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 1 Introduzione al Corso Ruolo del Disegno Nell ambito dell ingegneria industriale ed in particolar

Dettagli

FUSIONE LASER SELETTIVA: UNA METODOLOGIA AVANZATA PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI METALLICHE (prima parte)

FUSIONE LASER SELETTIVA: UNA METODOLOGIA AVANZATA PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI METALLICHE (prima parte) FUSIONE LASER SELETTIVA: UNA METODOLOGIA AVANZATA PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI METALLICHE (prima parte) Francesco Simionato INTRODUZIONE Durante gli anni 80 del secolo scorso venne introdotta una tecnologia

Dettagli

Il rapid prototyping

Il rapid prototyping APRI-Il rapid prototyping http://www.apri-rapid.it/protrap.htm 1 di 2 27/05/2010 9.38 Il rapid prototyping Le tecniche di prototipazione rapida (o, utilizzando la dizione inglese, rapid prototyping, RP)

Dettagli

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical CAD 2D / 3D Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical Autocad 2D / 3D Questo corso è indirizzato a chi intenda acquisire le conoscenze necessarie per utilizzare AutoCAD 2D e 3D

Dettagli

CAPITOLO 54 54 TECNICHE DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA. Sinossi. 54.1 La prototipazione rapida

CAPITOLO 54 54 TECNICHE DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA. Sinossi. 54.1 La prototipazione rapida CAPITOLO 54 54 TECNICHE DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA Sinossi urante lo sviluppo di un nuovo prodotto, si D presenta invariabilmente la necessità di realizzarne un singolo esemplare (il prototipo) prima di

Dettagli

Dall idea alla realtà. L'unione fa la forza...e nel nostro caso fa anche la differenza!

Dall idea alla realtà. L'unione fa la forza...e nel nostro caso fa anche la differenza! Siamo un gruppo affiatato di giovani professionisti, che hanno deciso di lavorare in team, questo ci consente di metterci sempre in discussione e migliorare i nostri risultati, ma soprattutto l'eterogeneità

Dettagli

Gli oggetti 3D di base

Gli oggetti 3D di base Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti

Dettagli

RELAZIONE ED APPROFONDIMENTO PROTOTIPAZIONE RAPIDA

RELAZIONE ED APPROFONDIMENTO PROTOTIPAZIONE RAPIDA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI Via Legione Gallieno, 52-36100 Vicenza-Tel. 0444/500566 fax 0444/501808 RELAZIONE ED APPROFONDIMENTO PROTOTIPAZIONE RAPIDA ALUNNO PIETRO P. CLASSE

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

Riccardo Pietro Visentin Fare didattica ed esperimenti con la stampante 3D

Riccardo Pietro Visentin Fare didattica ed esperimenti con la stampante 3D Riccardo Pietro Visentin Fare didattica ed esperimenti con la stampante 3D Workshop di Alta Formazione Docenti Varese, 20/11/2015 un esempio in 90 secondi https://www.youtube.com/watch?v=7gz2z1q2kme cosa

Dettagli

TEBIS VIEWER METTE IN COMUNICAZIONE DINAMICA LA TUA AZIENDA

TEBIS VIEWER METTE IN COMUNICAZIONE DINAMICA LA TUA AZIENDA TEBIS Viewer TEBIS VIEWER METTE IN COMUNICAZIONE DINAMICA LA TUA AZIENDA in tempi sempre più ridotti, con tecnologie sempre più all avanguardia e con costi produttivi sempre più contenuti I sistemi Viewer

Dettagli

Progettazione 3D. Area formativa PROGETTAZIONE TECNICA

Progettazione 3D. Area formativa PROGETTAZIONE TECNICA Progettazione 2D Disegno con il programma più diffuso nel campo del disegno CAD e preparazione all eventuale certificazione ECDL Specialised Level - CAD 2D (progettazione Computer Aided Design bidimensionale).

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

Il progetto per il quale viene coinvolto. Esempio di design con CAD

Il progetto per il quale viene coinvolto. Esempio di design con CAD Giovanni Albertario, Ingegnere Elettronico. Ha svolto attività sistemistica presso Ibm Italia, nell area delle telecomunicazioni e dei sistemi informativi per la progettazione e produzione industriale,

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

00_about us. Via Console Marcello 8, 20156 Milano 02 39217037

00_about us. Via Console Marcello 8, 20156 Milano 02 39217037 00_about us La nostra visione della stampa 3d Utilizziamo le tecnologie di stampa 3d in ambiti che vanno anche al di fuori della semplice prototipazione; Sfruttiamo i processi di stampa anche per la realizzazione

Dettagli

, Premium2, Premium3

, Premium2, Premium3 , Premium2, Premium3 in generale 2007edition Con Arc+ lavori in completa libertà grazie ad un software fatto su misura per te. Pioniere nel disegno Architettonico e ambientazioni CAD, ARC+ è presente sul

Dettagli

3DLPrinter 3DLPrinter-HD

3DLPrinter 3DLPrinter-HD 3DLPrinter 3DLPrinter-HD Nota Tecnica 06/14 File STL e supporti 2 Dicembre 2014 La stampa 3D e le sue diverse applicazioni La prototipazione rapida esiste da oltre vent anni ed è un processo in cui un

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

Servizio di Prototipazione Rapida 3D Printer

Servizio di Prototipazione Rapida 3D Printer Servizio di Prototipazione Rapida 3D Printer La Prototipazione Rapida (RP) è una tecnologia innovativa che rende possibile la produzione, in poche ore e senza l'uso di utensili, di oggetti di geometria

Dettagli

LA TERZA GENERAZIONE DI WORKNC: NUOVA INTERF

LA TERZA GENERAZIONE DI WORKNC: NUOVA INTERF 2 WorkNC G3 sta per terza generazione : un software completamente rinnovato nell'interfaccia utente con nuove e migliorate funzioni. Celebre per la sua facilità di utilizzo e per la velocità nella programmazione,

Dettagli

Creare primitive solide

Creare primitive solide Creare primitive solide I solidi sono caratterizzati dal fatto di avere una massa oltre alle superfici e agli spigoli. Rappresentano l intero volume dell oggetto. Caratteristiche Il solido viene creato:

Dettagli

Progettare la gioielleria

Progettare la gioielleria Sergio Petronilli Giovanna Migliorelli ANTEPRIMA Progettare la gioielleria in 3D con Rhinoceros il nuovo libro per i designer orafi che usano il CAD Tutorial 13 CIONDOLO CUORE A SBALZO www.logis3d.it Tutorial

Dettagli

Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN

Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN Seconda Università degli studi di Napoli Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN Interior Design (ICAR17) Prof.arch. Raffaele CUTILLO Progettazione

Dettagli

Modelli virtuali nell ambiente reale:

Modelli virtuali nell ambiente reale: Modelli virtuali nell ambiente reale: Sinergie tra stampanti 3D e scanner 3D Luca Iuliano Enrico Vezzetti Il continuo ridursi della vita utile degli oggetti di uso comune ha spinto il contesto industriale

Dettagli

Dispensa n. 1 I SISTEMI CAD. 1) Introduzione. 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD

Dispensa n. 1 I SISTEMI CAD. 1) Introduzione. 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD Dispensa n. 1 I SISTEMI CAD 1) Introduzione 2) Caratteristiche principali dei sistemi CAD a. Gli strumenti 2D b. L organizzazione per layers c. Sistemi di classificazione degli oggetti I layers I colori

Dettagli

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 Scoprite TYPE EDIT V12, la nuova versione del nostro software CAD/CAM per applicazioni industriali e artistiche dedicate alle macchine CNC.

Dettagli

con con costruzione di feature

con con costruzione di feature Foratura e fresatura 2.5D con con costruzione di feature Foratura e fresatura 2.5D: rapidità, sicurezza ed elevata automazione Costruzione di feature Foratura e fresatura 2.5D Importazione dei dati, identificazione

Dettagli

METODI E TECNICHE DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA

METODI E TECNICHE DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA METODI E TECNICHE DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA DANIELE REGAZZONI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE... IN QUESTA LEZIONE Proto9pazione rapida e metodologie Tecniche per accrescimento Applicazioni CAD-

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. 3D Computer Aided Design. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. 3D Computer Aided Design. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE 3D Computer Aided Design Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Modulo specialistico CAD 3D. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

Information Visualization

Information Visualization Information Visualization Introduzione alla CG Prof. Andrea F. Abate abate@unisa.it http://www.unisa.it/docenti/andreafrancescoabate/index CG e VR: cosa sono e a cosa servono Con il termine Computer Graphics,

Dettagli

Simplyfy3D è un software in grado di supportare più sistemi operativi? 3

Simplyfy3D è un software in grado di supportare più sistemi operativi? 3 INDICE Simplyfy3D è un software in grado di supportare più sistemi operativi? 3 C'è qualche attenzione particolare che devo avere se installo il software su Mac OS X? 3 Che tipo di formati supporta Simplyfy3D?

Dettagli

APF. ARBURG freeforming di materie plastiche. www.arburg.com

APF. ARBURG freeforming di materie plastiche. www.arburg.com APF ARBURG freeforming di materie plastiche www.arburg.com APF: produzione additiva industriale Per un costruttore di presse, la produzione additiva a livello industriale è sinonimo di applicazioni pratiche,

Dettagli

Syllabus P.E.K.I.T. CAD

Syllabus P.E.K.I.T. CAD Syllabus P.E.K.I.T. CAD 1 Fase 1 Concetti di base 1.1 Cominciare a lavorare 1.1.1 Campi di applicazioni del CAD Sistemi di disegno tecnico computerizzato (CAE, CAM, GIS) Autodesk e le versioni di AutoCAD,

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA EVOLUZIONE DELLA FABBRICA NUOVE TECNOLOGIE NELLA PRODUZIONE PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO H.S.C. High Speed Cutting (Lavorazione ad altissima velocità di taglio) Viene utilizzata in quelle lavorazioni che

Dettagli

Stampi lamiera ad minuti. efficienza

Stampi lamiera ad minuti. efficienza elevata Stampi lamiera ad DI LETTURA: 12TEMPO minuti efficienza Software Con una forte presenza nel settore automotive, Nuova Simach è una realtà manifatturiera piemontese specializzata nella progettazione,

Dettagli

Introduzione al 3D con Autocad

Introduzione al 3D con Autocad 2 Introduzione al 3D con Autocad Coso di CAD B condotto da Daniela Sidari a.a. 2012/2013 19.02.2013 Modellazione geometrica 3D wireframe superfici solidi Si distinguono tre tecniche principali di modellazione:

Dettagli

La modellazione 3D per la progettazione architettonica

La modellazione 3D per la progettazione architettonica La modellazione 3D per la progettazione architettonica PREMESSA Nella progettazione architettonica si sono evolute oltre le tecniche della costruzione anche il modo di rappresentare il progetto. Perlopiù

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

1) Ricostruzione virtuale tridimensionale partendo da tac

1) Ricostruzione virtuale tridimensionale partendo da tac Oggetto: studio di processo per la realizzazione di protesi in idrossiepatite La presente relazione si propone di esporre un processo costruttivo per la realizzazione di protesi in idrossiepatite utilizzando

Dettagli

Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e Provincia info ancebrescia.it www.ancebrescia.it

Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e Provincia info ancebrescia.it www.ancebrescia.it PROGRAMMA CORSO AUTOCAD BIDIMENSIONALE Si tratta di un programma molto conosciuto nell ambiente edile che serve ad effettuare la progettazione di edifici o parti di esso, come gli impianti. Gli strumenti

Dettagli

COMET 5 SCANSIONE 3D

COMET 5 SCANSIONE 3D COMET 5 SCANSIONE 3D 2 COMET 5: IL SENSORE 3D DI RIFERIMENTO Il nuovo sensore COMET 5 sviluppato dalla Steinbichler Optotechnik rivoluziona la tecnologia di scansione finalizzata al rilievo di oggetti

Dettagli

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze Modello matematico VS modello numerico IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Capitelli hatoriani di Abu Fedah, dalla Description de

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Modulo di apprendimento DALL INTERSEZIONE DI SOLIDI con CAD ALLE SALDATURE

Modulo di apprendimento DALL INTERSEZIONE DI SOLIDI con CAD ALLE SALDATURE ITIS A. Righi Cerignola (FG) Modulo di apprendimento DALL INTERSEZIONE DI SOLIDI con CAD ALLE SALDATURE SOMMARIO: Unità 1 MODELLAZIONE SOLIDA con CAD Unità 2 INTERSEZIONE DI SOLIDI E DI TUBOLARI Prof.

Dettagli

la soluzione CAD/CAM per la piegatura proposta da Infolab

la soluzione CAD/CAM per la piegatura proposta da Infolab la soluzione CAD/CAM per la piegatura proposta da Infolab AutoPOL è una soluzione distribuita da Infolab, una software house italiana che da oltre vent anni si occupa in modo esclusivo della produzione

Dettagli

Introduzione alla Rappresentazione Tecnica. Corso di Laurea in Ingegneria Politecnico di Bari

Introduzione alla Rappresentazione Tecnica. Corso di Laurea in Ingegneria Politecnico di Bari Introduzione alla Rappresentazione Tecnica Corso di Laurea in Ingegneria Politecnico di Bari Obiettivi della lezione introduttiva Il disegno come forma principale di rappresentazione tecnica. Comprendere

Dettagli

Proiezioni Ortogonali Scopo del Disegno e del Disegno Tecnico Disegno: Rappresentare su un piano bidimensionale (ad esempio un foglio di carta) un oggetto nella realtà tridimensionale. Non è richiesta

Dettagli

SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2.

SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2. SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro.... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2.3 Cover interna a copertura della piastra forata... 25 2.4 Piastra

Dettagli

POWERED by ESAGONÓ. Linear delta robots for FFF 3D printing technology, CNC milling, screwing, gluing. LINEAR DELTA ROBOT 3D PRINTER - 101 SERIES

POWERED by ESAGONÓ. Linear delta robots for FFF 3D printing technology, CNC milling, screwing, gluing. LINEAR DELTA ROBOT 3D PRINTER - 101 SERIES ESAGONÓ Linear delta robots for FFF 3D printing technology, CNC milling, screwing, gluing. POWERED by IMPORTATORI E RIVENDITORI PER L ITALIA LINEAR DELTA ROBOT 3D PRINTER - 101 SERIES LA PROTOTIPAZIONE

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

Sharebot NG. Guida rapida d'uso di Repetier Host

Sharebot NG. Guida rapida d'uso di Repetier Host Sharebot NG Guida rapida d'uso di Repetier Host PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La stampante 3d SHAREBOT NG stampa oggetti fondendo filamenti in pla, abs, nylon, gomma, tpu, polistirene e molto altro ancora.

Dettagli

3D Prototyping & Design Digital Workflow Rappresentazione e Realizzazione di Modelli Professionali

3D Prototyping & Design Digital Workflow Rappresentazione e Realizzazione di Modelli Professionali 3D Prototyping & Design Digital Workflow Rappresentazione e Realizzazione di Modelli Professionali A.A. 2016/2017 OBIETTIVI Il corso si rivolge a professionisti, architetti, designer ed ingegneri, all

Dettagli

Il Reverse Engineering al servizio dell Arte

Il Reverse Engineering al servizio dell Arte Il Reverse Engineering al servizio dell Arte CRP Technology realtà italiana leader da oltre trentanni nel settore del Race Engineering, Rapid Prototyping e Rapid Manufacturing ha messo a disposizione dell

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

sistema CAD/CAM Come aumentare le prestazioni del Software

sistema CAD/CAM Come aumentare le prestazioni del Software Articolo vero SX:Layout 1 22/01/14 12:51 Pagina 76 11 TEMPO DI LETTURA: minuti Come aumentare le prestazioni del sistema Software CAD/CAM Il rilascio dell upgrade relativo alla versione 20 di VISI è avvenuto

Dettagli

Guida all opera STAMPANTE 3D. Tutto quello che puoi immaginare, lo puoi fare! La tecnologia 3D è finalmente disponibile per tutti!

Guida all opera STAMPANTE 3D. Tutto quello che puoi immaginare, lo puoi fare! La tecnologia 3D è finalmente disponibile per tutti! Compatibile con Windows 7 & 8 Mac OS X COSTRUISCI LA TUA STAMPANTE 3D Guida all opera Tutto quello che puoi immaginare, lo puoi fare! La tecnologia 3D è finalmente disponibile per tutti! TM La mia stampante

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

3DLPrinter 3DLPrinter-HD 3DLPrinter-HD 2.0

3DLPrinter 3DLPrinter-HD 3DLPrinter-HD 2.0 3DLPrinter 3DLPrinter-HD 3DLPrinter-HD 2.0 Nota Tecnica 07/15 Consigli per una buona stampa 8 Aprile 2015 Accorgimenti tecnici riguardanti le stampanti della serie 3DLPrinter: Di seguito i passi in ordine

Dettagli

Cad2001 Engineering nasce come

Cad2001 Engineering nasce come plastica e al soffiaggio, per la realizzazione di oggetti destinati a settori di mercato eterogenei, fra i quali figura quello della componentistica per l auto. Con sede a Bologna, Cad2001 offre servizi

Dettagli