Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2011"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2011 SERVIZIO DELL UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO 211

2 Scheda progetto/attività n. 1.4 Relazione sull'attività di DC al 30/12/2011 Attività di ordinaria gestione Ultima modifica: Collaborazione con l'università degli Studi di Padova per l'acquisizione di servizi tecnici di rifacimento, manutenzione e web content management per il sito internet istituzionale della Difesa civica regionale. Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi STATO DI ATTUAZIONE SERVIZIO DELL'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO Servizio dell'ufficio del Difensore Civico Regionale ALTRO (VEDI MOTIVAZIONE) Diffusione a livello regionale attraverso competenze informatiche, tecnologiche e tecnopratiche del ruolo della Difesa civica regionale legate all'uso dei mass media e problemi di gestione di sistemi complessi nel campo della produzione multimediale. P05 Fornire assistenza nell'attività istituzionale del Difensore civico regionale Creare un sito web efficace nel dare informazioni concrete sui settori di intervento dell'ufficio. Utilizzare tutti i nuovi sistemi multimediali e di comunicazione al fine di portare a conoscenza, un più ampio bacino d'utenza veneta, l'attività dell'ufficio del Difensore civico. L'Ufficio ha rispettato rigorosamente in termini di efficacia ed efficenza gli obiettivi prefissati, anche nel rispetto delle disposizioni dettate dell'art. 6 del D.L. n. 78/2010 "misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica", convertito con legge n. 122 del 30/07/2010, il quale introduce limitazioni e divieti nei confronti delle pubbliche amministrazione per alcune tipologia di spesa a decorrere dal 2011, e, ai sensi della L.R. n. 15/2011 "Nuove disposizioni per l'adeguamento al decreto - legge 31 maggio 2010, n. 78. Si evidenzia che i risultati attesi per l'anno 2011 sono stati conseguiti. Infatti è approvato con Decreto 269 del 30/12/2011 uno schema di convenzione disciplinante la collaborazione tra il Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell'università degli Studi di Padova e l'ufficio del Difensore civico della Regione del Veneto per attività di web content management con contenuto giuridico e normativo finalizzata alla funzionalità dell'acquisizione delle istanze e della relativa istruttoria giudica. Con Delibera dell'ufficio di Presidenza n. 22 del 17 marzo 2011 è stato approvato il Programma operativo per l'anno La presente scheda inizialmente disponeva di uno stanziamento pari ad ,00. A tale scheda si è attinto per adempiere precedenti obbligazioni assunti dall'uscente Difensore civico: decreto n. 80 del 03/05/2011 con il quale è stata impegnata la somma di ,00 per conferimento incarico per attività di ristampa e di distribuzione di una pubblicazione della Difesa civica regionale denominata "I diritti umani e la loro protezione", accertata con liquidazione di spesa n. 03/2011; decreto n. 89 del 12/05/2011 con il quale è stata impegnata la somma di ,00 per conferimento incarico per attività di stampa del libro "Dal Tribuno alla Plebe al Difensore civico", accertata con liquidazione di spesa n. 02/2011. Successivamente con delibera dell'ufficio di Presidenza n. 42 del 22 giugno 2011, la presente scheda è stata aumentata di ,00. Inoltre per effetto delle disposizioni dettate dell'art. 6 del D.L. n. 78/2010 "misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica", convertito con legge n. 122 del 30/07/2010, il quale introduce limitazioni e divieti nei confronti delle pubbliche amministrazione per alcune tipologia di spesa a decorrere dal 2011, e ai sensi della L.R. n. 15/2011 "Nuove disposizioni per l'adeguamento al decreto - legge 31 maggio 2010, n. 78.dell'art. 6 del D.L. n. 78/2010, la presente scheda è stata ridotta per un importo negativo di ,00 con Delibera dell'ufficio di Presidenza n. 64 del 21/09/2011. In seguito con Deliberazione n. 85 del 15/12/2011 dell'ufficio di Presidenza la presente scheda è stata aumentata di ,00. Con decreto n. 269 del 30/12/2011 l'ufficio ha approvato lo schema di convenzione tra il Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell'università degli Studi di Padova e l'ufficio del Difensore civico della Regione del Veneto per attività di web content management, e contestualmente ha impegnato la somma di ,00, ad oggi non ancora liquidata per l'attività sovradescritta e oggetto delle convenzione. 213

3 Si rimarca che l'attività non ha alcuna valenza consulenziale o/e pubblicitaria. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B Pubblicazioni. - Affidamento servizi tecnici in concessione all'università di , , ,00 0,00 Padova la scheda in termini finanziari non presenta scostamenti. Il Compilatore della scheda: Il Dirigente titolare CdR: Giovanni Dalla Pria 214

4 Avanzamento Attività 1. Riprogettazione, aggiornamento, manutenzione e web content management del sito istituzionale Internet della Difesa civica regionale, anche prevedendo lo sviluppo di servizi on line di assistenza per il cittadino utente. E' iniziata la collaborazione con il Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell'università degli Studi di Padova tramite una collaborazione a valenza biennale per l'attività di creazione, manutenzione e web content managemente per il sito istituzionale della Difesa civica regionale. 2. Affidamento in convenzione biennale all'università di Padova, per il periodo dicembre dicembre 2013, di servizi tecnici di rifacimento, manutenzione e web content management per il sito internet istituzionale della Difesa civica regionale. E' iniziata la collaborazione con il Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell'università degli Studi di Padova tramite una collaborazione a valenza biennale per l'attività di creazione, manutenzione e web content managemente per il sito istituzionale della Difesa civica regionale. Data prevista per la Data effettiva 30/12/ /12/

5 Scheda progetto/attività n. 2.1 Relazione sull'attività di DC al 30/12/2011 Attività di ordinaria gestione Ultima modifica: Incarichi di medicina legale e Consulenza Legale Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner SERVIZIO DELL'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO Servizio dell'ufficio del Difensore civico Regionale Direttiva di riferimento (o motivazione) ALTRO (VEDI MOTIVAZIONE) Garantire al cittadino istante la continuità dell'azione della Difesa civica, nonchè il massimo livello di conoscenza per mezzo di consulenti particolarmente qualificati per accertamenti tecnici o questioni di discrezionalità tecnica. Procedura P05 Fornire assistenza nell'attività istituzionale del Difensore civico regionale Finalità e risultati attesi Conseguimento delle finalità giuridico istituzionali dell'organo tutorio del Difensore civico, evitando possibili soluzioni di continuità dell'azione amministrativa della Difesa civica. STATO DI ATTUAZIONE Con Delibera dell'ufficio di Presidenza n. 22 del 17 marzo 2011 è stato approvato il Programma operativo per l'anno La presente scheda inizialmente disponeva di uno stanziamento pari ad ,00, per effetto dell'art. 6 del D.L. n. 78/2010 "misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica", convertito con legge n. 122 del 30/07/2010, il quale introduce limitazioni e divieti nei confronti delle pubbliche amministrazione per alcune tipologia di spesa a decorrere dal 2011, e ai sensi della L.R. n. 15/2011 "Nuove disposizioni per l'adeguamento al decreto - legge 31 maggio 2010, n. 78, la presente scheda, con Delibera dell'ufficio di Presidenza n. 64 del 21/09/2011 è stata azzerata. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza 9015 A B C = A -B - Incarichi di medicina legale e di consulenza legale. 0,00 0,00 0,00 0,00 In termini finanziari la scheda non presenta scostamenti. Il Compilatore della scheda: Il Dirigente titolare CdR: Giovanni Dalla Pria 216

6 Avanzamento Attività 0. Come previsto dal comma 4 dell'art. 14 della legge istitutiva il Difensore civico puo' avvalersi di professionisti tratti - ove esistano - dagli Albi di consulenti tecnici esistenti negli Uffici giudiziari dei distretti delle Corti d'appello del Veneto, sia pure in forma assai limitata e per casi di particolare necessita', viene talvolta ravvisata l'opportunita' di ricorrere ad ausili legali. L'Ufficio del Difensore civico non ha assunto alcun impegno di spesa in quanto la scheda è stata azzerata. Data prevista per la Data effettiva 29/12/

7 Scheda progetto/attività n. 3.0 Relazione sull'attività di DC al 30/12/2011 Attività di ordinaria gestione Apertura di credito Ultima modifica: Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) SERVIZIO DELL'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO Struttura/Ufficio competente per la Servizio dell'ufficio del Difensore civico Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi ALTRO (VEDI MOTIVAZIONE) Attività istituzionali, di promozione e conseguimento delle finalità giuridico istituzionali dell'organo tutorio del Difensore civico. P05 Fornire assistenza nell'attività istituzionale del Difensore civico regionale Osservanza dei limiti di spesa previsti, al fine di garantire l'efficienza e l'efficacia della struttura. STATO DI ATTUAZIONE Con Delibera dell'ufficio di Presidenza n. 22 del 17 marzo 2011 è stato approvato il Programma operativo per l'anno La presente scheda disponeva di uno stanziamento pari ad ,00. Si sono operate le spese conformemente alle finalità previste per l'apertura di credito al funzionario delegato, disciplinato dall'art. 42 del Regolamento interno per l'amministrazione, la contabilità e i servizi in economia del Consiglio Regionale. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Il Compilatore della scheda: Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B apertura di credito , ,00 71,25 0,00 La scheda in termini finanziari non presenta scostamenti l'ufficio ha assunto i provvedimenti di spesa in linea con quelli previsti. Il Dirigente titolare CdR: Giovanni Dalla Pria 218

8 Avanzamento Attività 0. Per l'anno 2011 è prevista la relazione dell'anno in corso (e naturalmente la pubblicazione). - spese per acquisto di particolare materiale di cancelleria e segreteria ad uso esclusivo della Difesa civica; - spese postali, telegrafiche e telefoniche; - spese per pubblicazione atti e documenti di interesse dell'ufficio (relazione annuale, pubblicazione atti e convegni etc); -acquisto di documentazione correlata all'aggiornamento giuridico; - spese per l'acquisto di quotidiani e riviste. L'Ufficio ha provveduto all'assunzione dei provvedimenti di impegno di spesa corrispondenti all'importo impegnato. Data prevista per la Data effettiva 29/12/

9 Scheda progetto/attività n. 4.1 Relazione sull'attività di DC al 30/12/2011 Attività di ordinaria gestione Coordinamento Difensori Civici Ultima modifica: Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner SERVIZIO DELL'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO Servizio dell'ufficio del Difensore civico Difensori civici locali Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi STATO DI ATTUAZIONE ALTRO (VEDI MOTIVAZIONE) Coordineamento della Conferenza Permanente dei Difensori civici: - coordinamento dei Difensori civici; - attività di segreteria, verbalizzazione, etc; - redazione atti (direttive, circolari, note) P05 Fornire assistenza nell'attività istituzionale del Difensore civico regionale Evitare discrasie di intervento nella tutela dei diritti soggettivi e interessi legittimi, disarticolazione dell'attivita' di garanzia dei singoli Difensori civici. Risultati inerenti anche al raccordo con i Difensori civici locali. Con Delibera dell'ufficio di Presidenza n. 22 del 17 marzo 2011 è stato approvato il Programma operativo per l'anno Inizialmente la presente scheda disponeva di uno stanziamento pari ad ,00 successivamente per effetto del principio stabilito dal provvedimento economico per la riduzione dei costi degli apparati amministrativi dettato dal D.L. del 31 maggio 2010 n. 78 "Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica" e nel rispetto della L.R. n. 15del 5/8/2011, la scheda è stata ridotta di 6.000,00 per uno stanziamento pari ad 3.000,00. I decreti di spesa impegnati nella presente scheda sono i seguenti: Decreto n. 81 del 03/05/2011 con il quale è stato impegnato la somma di 6.000,00 per spese di rappresentanza del Difensore civico regionale per l'anno 2011; Decreto 117 del 29/06/2011, che per effetto del contenimento dei costi sopra descritto, riduceva di 3.000,00 il precedente decreto d'impegno relativo alle spese di rappresentanza. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B Coordinamento Difensori civici 3.000, ,00 0,00 0,00 La scheda in termini finanziari non presenta scostamenti l'ufficio ha assunto i provvedimenti di spesa in linea con quelli stanziati. Il Compilatore della scheda: Il Dirigente titolare CdR: Giovanni Dalla Pria 220

10 Avanzamento 0. Coordinamento dei Difensori civici Attività L'Ufficio ha provveduto all'assunzione dei provvedimenti di impegno di spesa corrispondenti all'importo assegnato nella presente scheda. Data prevista per la Data effettiva 29/12/

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO Art.1 Il regolamento del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Taranto è ispirato sia ai principi costituzionali che regolano l'attività

Dettagli

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3 CAPO II Semplificazione della regolamentazione ART. 3 Semplificazione amministrativa 1. L'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2010

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2010 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 200 DIREZIONE REGIONALE AMMINISTRAZIONE, BILANCIO E SERVIZI Scheda progetto/attività n Programma operativo 200 della DABS Nuovo progetto (miglioramento)

Dettagli

Art. 16. Biglietti di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica

Art. 16. Biglietti di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica Art. 16 Biglietti di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica 1. All'articolo 136, primo comma, del codice di procedura civile, le parole: «in carta non bollata» sono soppresse. 2.

Dettagli

BRANCIFORTE ROSANNA 26/07/1969. Dirigente UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA

BRANCIFORTE ROSANNA 26/07/1969. Dirigente UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell'ufficio Fax dell'ufficio E-mail istituzionale BRANCIFORTE ROSANNA 26/07/1969

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 SERVIZIO ATTIVITA E RAPPORTI ISTITUZIONALI 47 Scheda Progetto 28.1 PROSECUZIONE INIZIATIVE ED EVENTI DI PRESTIGIO E DI QUALITA' CULTURALE

Dettagli

Deliberazione n. 111/2013/PAR

Deliberazione n. 111/2013/PAR Deliberazione n. 111/2013/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L UMBRIA composta dai magistrati Dott. Salvatore SFRECOLA Presidente Dott. Fulvio Maria LONGAVITA

Dettagli

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Codice Ente 10024 DELIBERAZIONE NUMERO 2 DEL 05-03-2013 Adunanza straordinaria di Prima convocazione, seduta pubblica Oggetto: ESAME E APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Settore Finanziario Determinazione N.126 del 29/04/2015 Oggetto : CONVENZIONE PER GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI CON LA SOCIETA' U.S. AUDAX - LIQUIDAZIONE QUOTA

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I. R. C. C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DELLA BASILICATA Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio,1 P.

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 11 novembre 2011 Programma per il reclutamento di giovani ricercatori «Rita Levi Montalcini».(Decreto n. 486). (12A02222) (GU n. 49 del

Dettagli

Regione Lazio. Bilancio Annuale e Pluriennale 2010-2012

Regione Lazio. Bilancio Annuale e Pluriennale 2010-2012 Regione Lazio Bilancio Annuale e Pluriennale 2010-2012 Elenco 2 - Capitoli su cui possono essere disposti pagamenti mediante ordini di accreditamento Capitolo A14107 A22101 A22102 A22103 A22104 A22105

Dettagli

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C.A.P. 91012 - C/C POSTALE 11396915 - COD. FISC. 80004060812 - PARI. I.V.A.

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C.A.P. 91012 - C/C POSTALE 11396915 - COD. FISC. 80004060812 - PARI. I.V.A. N!56? COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C.A.P. 91012 - C/C POSTALE 11396915 - COD. FISC. 80004060812 - PARI. I.V.A. 00576860811 Determina Settore "B" n. 035 del 19/06/2015 SETTORE

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 ottobre 2013 Definizione delle linee generali di indirizzo della programmazione delle Universita', per il triennio 2013/2015. (Decreto

Dettagli

Articoli del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33

Articoli del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 Sanzioni per mancata comunicazione dei dati previste dal decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 - Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni

Dettagli

Determinazione SETTORE SEGRETERIA n. 13 del 25.03.2015

Determinazione SETTORE SEGRETERIA n. 13 del 25.03.2015 COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese Area Affari Generali 21020 Buguggiate Piazza Aldo Moro, n. 1 e-mail affarigenerali@comunebuguggiate.it Tel. 0332/459166 fax. 0332/459356 P.IVA 00308120120 Determinazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. DI FRANCESCO ROSALBA Data di nascita 21/07/1957. Dirigente - TRIBUNALE MINORENNI BOLOGNA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. DI FRANCESCO ROSALBA Data di nascita 21/07/1957. Dirigente - TRIBUNALE MINORENNI BOLOGNA INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI FRANCESCO ROSALBA Data di nascita 21/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - TRIBUNALE MINORENNI BOLOGNA 0512964807

Dettagli

Il SEGRETARIO GENERALE

Il SEGRETARIO GENERALE Bologna, 1 Marzo 2013 Prot. n. 35/13 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO AVENTE AD OGGETTO LA DEFINIZIONE DI UNA PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER L ADEGUAMENTO ALLE REGOLE DI CONTABILITA

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Direzione del Personale e degli Affari Generali Dirigente: Dott. Ascenzo Farenti Unità Forme flessibili di lavoro e mobilità Responsabile: Dott.ssa Chiara Viviani Prot. n. 21910 del 10/06/2015 Pubblicato

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Sviluppo Economico e Valorizzazione dei Servizi.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Sviluppo Economico e Valorizzazione dei Servizi. Registro generale n. 3903 del 13/11/2013 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Sviluppo Economico e Valorizzazione dei Servizi Servizio Turismo Servizio Turismo.

Dettagli

Ufficio Speciale per la Ricostruzione L'Aquila

Ufficio Speciale per la Ricostruzione L'Aquila Ufficio Speciale per la Ricostruzione L'Aquila DETERMINAZIONE N. 187 DEL 16/06/2015 Oggetto: Proroga fornitura supporto specialistico informatico al Sw Espro T.U. per l'ufficio Centralizzato Espropri.

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO maggio 01 Ammissione alle agevolazioni del progetto DM 78 presentato ai sensi dell'art. 10 del D.M. 59/000. (Decreto n. 5/Ric.). (1A0896)

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

PAOLO DE VIVO CURRICULUM

PAOLO DE VIVO CURRICULUM CURRICULUM AGGIORNATO A FEBBRAIO 2015 PAOLO DE VIVO DATI PERSONALI Stato civile: Coniugato Data di nascita: 19/5/1962 Luogo di nascita: Salerno Residenza: Via Jacopo da Ponte 30-35100 Padova tel. abit.

Dettagli

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE OTTOBRE 2014 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE AVV. GIANDOMENICO PAPA Ordine degli Avvocati di Ancona R E S P O N S A B I L E S E R V I Z I O L E G A L E U n i v e r s i t à P o l i t e c n i c a d e l

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÈ REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE N. 241/90 IN MATERIA DI TERMINE E RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

COMUNE DI VILLA D ALMÈ REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE N. 241/90 IN MATERIA DI TERMINE E RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI VILLA D ALMÈ REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE N. 241/90 IN MATERIA DI TERMINE E RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 86 del 17/11/1987 ART.

Dettagli

Regolamento della Biblioteca di Filosofia

Regolamento della Biblioteca di Filosofia Regolamento della Biblioteca di Filosofia (Proposta approvata dal Consiglio di Dipartimento nella seduta del 28 marzo 2000) La Biblioteca di Filosofia dell'università degli Studi di Milano, sita in Via

Dettagli

JDIVAI ) 4,,Tc -74`''' A \t, ;! N2 2 r. 't LK. frt,. Università degli studi di. Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO SIT À DEGLI STUDI DICATANIA

JDIVAI ) 4,,Tc -74`''' A \t, ;! N2 2 r. 't LK. frt,. Università degli studi di. Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO SIT À DEGLI STUDI DICATANIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Protocollo Generale O 3 APR. MRT IVE JDIVAI ) 4,,Tc -74`''' A \t, ;! N2 2 r 't LK. A- frt,. Università degli studi di IL DIRETTORE GENERALE Prot..4.0.533 Rep. Decreti

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 1 ottobre 2015 Misure per l'attuazione dell'ufficio per il processo, a norma dell'articolo 16-octies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 10 novembre 2014 Individuazione delle sedi degli uffici del giudice di pace mantenuti ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 156. (14A09312)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE,SPORT E RISORSE UMANE REG. GEN.LE N. 77500DEL 26/09/2014 REG. SERVIZIO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ART. 1 Finalità della Scuola 1. E' istituita, presso il Dipartimento di

Dettagli

adotta il seguente Regolamento. Art. 1 Scopo del Regolamento

adotta il seguente Regolamento. Art. 1 Scopo del Regolamento REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL'ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI LECCO Il Consiglio dell'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU31 04/08/2011

REGIONE PIEMONTE BU31 04/08/2011 REGIONE PIEMONTE BU31 04/08/2011 Codice DB0815 D.D. 8 giugno 2011, n. 376 Approvazione del programma di organizzazione, analisi, eleborazione e divulgazione dei dati relativi al sesto censimento generale

Dettagli

DECRETO del 18 ottobre 2005. Modalità procedurali per la promozione degli interventi previsti dall'articolo 1, comma

DECRETO del 18 ottobre 2005. Modalità procedurali per la promozione degli interventi previsti dall'articolo 1, comma DECRETO del 18 ottobre 2005 Modalità procedurali per la promozione degli interventi previsti dall'articolo 1, comma 222, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Gazzetta Ufficiale n. 274 del 24-11-2005)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CATANIA UNIVERS:- - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CATANIA Pro:,,.: 0 8 E, :±515 S:TUDI DIA prot...9 57 ira 1 _c! _3 Rep. Decreti 33 IL RETTORE Vista la 1. 9 magg o 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 ottobre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 ottobre 2014 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 ottobre 2014 Individuazioni di mutui e prestiti obbligazionari ad attivazione differita ovvero attivati con ritardo rispetto alla decorrenza dell'autorizzazione

Dettagli

Ricerco Pai compagno:3 200,m', Invoilemo nel VOMIO Muro Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

Ricerco Pai compagno:3 200,m', Invoilemo nel VOMIO Muro Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO t la - le.'.11; M! }l' Ricerco Pai compagno:3 200,m', Invoilemo nel VOMIO Muro Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA ANIA IL DIRETTORE GENERALE. 9E~

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ANDREOZZI Patrizia Data di nascita 21/08/1961. Dirigente - Ufficio del Contenzioso

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ANDREOZZI Patrizia Data di nascita 21/08/1961. Dirigente - Ufficio del Contenzioso INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANDREOZZI Patrizia Data di nascita 21/08/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - Ufficio del Contenzioso 06665912777

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA rca Competirività Ifisl -?Sin DEGLI STUDI DI C ATA r 4: 1 A Protr- _ Università degli studi di Catania,,, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Métvin ì UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA IL DIRETTORE GENERALE -

Dettagli

Gli obblighi di pubblicazione sul sito della scuola alla luce del recente Decreto Trasparenza

Gli obblighi di pubblicazione sul sito della scuola alla luce del recente Decreto Trasparenza 1 di 10 19/05/2013 12.32 17-05-2013 Gli obblighi di pubblicazione sul sito della scuola alla luce del recente Decreto Trasparenza Ricordiamo ai nostri lettori l'attivazione dei corsi "SITO WEB e TRASPARENZA:

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 Codice DB1603 D.D. 29 ottobre 2013, n. 514 PAR FSC 2007-2013 Asse I.3 Linea d'intervento Comparto artigianato - "Valorizzazione delle produzioni dell'artigianato piemontese

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL'UFFICIO LEGALE E CONTENZIOSI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL'UFFICIO LEGALE E CONTENZIOSI Azienda Sanitaria Locale n.5 di Oristano REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL'UFFICIO LEGALE E CONTENZIOSI articolo 1 Istituzione 1. L'Ufficio Legale e Contenziosi è una Struttura Semplice istituita con

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Visto l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni;

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Visto l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni; D.M. 16 marzo 2007 (1). Determinazione delle classi di laurea magistrale (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 luglio 2007, n. 157, S.O. (2) Vedi, anche, il D.M. 26 luglio 2007. IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AUTORIZZAZIONE 11 dicembre 2014 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati. (Autorizzazione n. 6/2014). (14A09916)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA. dott. Giancarlo Astegiano Primo Referendario

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA. dott. Giancarlo Astegiano Primo Referendario REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso Consigliere dott. Giancarlo Astegiano

Dettagli

DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69

DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69 L.R. 52/1980 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69 Regolamento di attuazione della legge regionale 28 ottobre 1980, n. 52 come modificata dalla legge regionale

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 42 del 15/05/2013 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO. POTERI SOSTITUTIVI. L'anno duemilatredici il giorno

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2010

Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2010 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2010 UNITA COMPLESSA PER IL SISTEMA INFORMATIVO Scheda progetto/attività n. 1.3 Relazione sull'attività

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI MENDICINO REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI MENDICINO REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 del 18.12.2012 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C.A.P. 91012 - C/C POSTALE 11996915 - COD. FISC. 80004060812 - PARI. I.V.A.

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C.A.P. 91012 - C/C POSTALE 11996915 - COD. FISC. 80004060812 - PARI. I.V.A. ID. 18606 IMP. 2290.1-2-3/14-2291.1/14- L1C.3411.I-2.-3/14-M.P. 3780.1-2-3/14 COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C.A.P. 91012 - C/C POSTALE 11996915 - COD. FISC. 80004060812 - PARI.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TEMPIO PAUSANIA REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI TEMPIO PAUSANIA PREAMBOLO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TEMPIO PAUSANIA REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI TEMPIO PAUSANIA PREAMBOLO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TEMPIO PAUSANIA REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI TEMPIO PAUSANIA PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Tempio

Dettagli

Considerata La D.G.R. n. 50-2382 del 22.07.2011, con la quale la Regione Piemonte ha approvato l'atto di. copia informatica per consultazione

Considerata La D.G.R. n. 50-2382 del 22.07.2011, con la quale la Regione Piemonte ha approvato l'atto di. copia informatica per consultazione ATTIVITA' PRODUTTIVE - SERVIZI ALLE IMPRESE Determinazione n. 2605 data 29/11/2013 Proposta n. S0205 3638/2013 Oggetto: SERVIZI DI SUPPORTO ALL' IMPRENDITORIALITA' IN CONTINUITA' DEI PERCORSI INTEGRATI

Dettagli

Responsabile - UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI BOLOGNA

Responsabile - UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI BOLOGNA INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPODIECI ANNA RITA Data di nascita 27/09/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLA Responsabile - UFFICIO DEL

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di VENEZIA

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di VENEZIA COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di VENEZIA COPIA UNITA OPERATIVA COMPLESSA: RAGIONERIA DETERMINAZIONE DI IMPEGNO E LIQUIDAZIONE Numero 693 del Registro delle Determinazioni Data 22-09-2012 OGGETTO: INCARICO

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni culturali (DiCEM)

Università degli Studi della Basilicata Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni culturali (DiCEM) Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA presso il Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: responsabile scientifico prof. Bartolomeo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

Determina Ambiente/0000012 del 27/03/2013

Determina Ambiente/0000012 del 27/03/2013 Comune di Novara Determina Ambiente/0000012 del 27/03/2013 Area / Servizio Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Nuovo Affare Affare Precedente

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

Servizio Risorse agricole, sviluppo rurale e foreste Agricoltura - Ufficio Agricoltura e Foreste

Servizio Risorse agricole, sviluppo rurale e foreste Agricoltura - Ufficio Agricoltura e Foreste Servizio Risorse agricole, sviluppo rurale e foreste Agricoltura - Ufficio Agricoltura e Foreste DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI SPESA Determinazione n 5617 del 06/12/2013 Oggetto: REG CE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA versry.k DEGLI S Y 11 t fit CATANIA nitoccillo Gener Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1?cP. 1),'cre'S UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA IL DIRETTORE GENERALE - Visto il D.P.R.

Dettagli

ISTITUTO MUSICALE VINCENZO BELLINI CATANIA. Regolamento di funzionamento degli Uffici amministrativi. Art. 1 Principi generali

ISTITUTO MUSICALE VINCENZO BELLINI CATANIA. Regolamento di funzionamento degli Uffici amministrativi. Art. 1 Principi generali ISTITUTO MUSICALE VINCENZO BELLINI CATANIA Regolamento di funzionamento degli Uffici amministrativi Art. 1 Principi generali 1. L Amministrazione dell Istituto è informata ai principi di imparzialità,

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI ORIGINALE COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 241 DEL 30/12/2014 OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI PROGRAMMATICI DELLA REGIONE 6.1 - Valutazioni finali della

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 431 DEL 27/03/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. CLASSIFICAZIONE: INCARICATO ALLA REDAZIONE: PRETTO ALESSANDRA RESPONSABILE DEL SERVIZIO: PRETTO ALESSANDRA DA INSERIRE

Dettagli

COMUNE DI CORROPOLI. (Provincia di Teramo) Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 07/03/2014 N 16

COMUNE DI CORROPOLI. (Provincia di Teramo) Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 07/03/2014 N 16 COMUNE DI CORROPOLI (Provincia di Teramo) Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 07/03/2014 N 16 OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO AI FINI DELL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 80 DEL 19.09.2011. SETTORE: CORPO di POLIZIA MUNICIPALE. Reg. Del Settore. REG. Ufficio di Segreteria Generale

DETERMINAZIONE N. 80 DEL 19.09.2011. SETTORE: CORPO di POLIZIA MUNICIPALE. Reg. Del Settore. REG. Ufficio di Segreteria Generale CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Giovanni XXIII, n. 13 - telefono 081.390030 l - fax 0813900318 e.mail: poliziamunicipale@comune.castellammare-di-stabia.napoli.it SETTORE:

Dettagli

Regolamento per la formazione continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno. Art. 1 Scopo del Regolamento

Regolamento per la formazione continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno. Art. 1 Scopo del Regolamento Regolamento per la formazione continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno Art. 1 Scopo del Regolamento 1. Scopo di questo Regolamento è disciplinare l'attività

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 26.5.2015

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 26.5.2015 Oggetto: Interventi a favore della istituzione di scuole civiche di musica, L.R. 15 ottobre 1997, n. 28. Programma 2014/2015. Modifiche ai criteri di cui all Allegato A della Delib.G.R. n. 41/3 del 15

Dettagli

Tribunale di Ferrara

Tribunale di Ferrara Tribunale di Ferrara Ferrara/ /2014 ~3 SET M prow. n}\t>l /14 Oggetto: deposito istanze di liquidazione. Il Dirigente Rilevato che è emersa una carenza di controllo sul numero di istanze di liquidazione

Dettagli

COMUNE DI ORBASSANO INDICE

COMUNE DI ORBASSANO INDICE COMUNE DI ORBASSANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E COMITATI OPERANTI NEL CAMPO CULTURALE, DELLA STORIA, DELLA SOLIDARIETA, TURISTICO, SPORTIVO, RICREATIVO E DEL TEMPO

Dettagli

Prot. n 5163/35 del 25/11/2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. n 5163/35 del 25/11/2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE II ROSSANO (CS) SCUOLA DELL INFANZIA Matassa SCUOLA PRIMARIA - Monachelle SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO - Carlo Levi Sede Centrale Amministrativa: Via Palermo s.n.c. 87067 ROSSANO

Dettagli

Scuola per la Formazione Continua

Scuola per la Formazione Continua Scuola per la Formazione Continua per la Pubblica Amministrazione via Croce Rossa, 29 (Parco delle Rose) 82100 Benevento - tel e fax: 0824317009 e mail: scuolaformazionecontinua@virgilio.it sito web: www.scuolaformazionecontinua.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 54 DEL 30 LUGLIO 2014

DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 54 DEL 30 LUGLIO 2014 DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 54 DEL 30 LUGLIO 2014 Liquidazione dell assegno di fine mandato, di cui all art. 19 bis della legge regionale 9/1973, agli ex consiglieri

Dettagli

Capo II. Delle associazioni e delle fondazioni. 14. Atto costitutivo

Capo II. Delle associazioni e delle fondazioni. 14. Atto costitutivo CODICE CIVILE Capo II Delle associazioni e delle fondazioni 14. Atto costitutivo Le associazioni e le fondazioni [c.c. 12, 28, 33; disp. att. c.c. 2] devono essere costituite con atto pubblico [c.c. 16,

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125)

Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125) Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125) Modifiche all'ordinamento giudiziario militare di pace. A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità

Dettagli

COMUNE DI S.MARCO D'ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S.MARCO D'ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S.MARCO D'ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA VIA GARIBALDI 98070 S.MARCO D ALUNZIO TEL. 0941/797007 0941/797279 FAX 0941/797391 www.comune.sanmarcodalunzio.me.it e-mail affarigenerali@comune.sanmarcodalunzio.me.it

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI Sommario CAPO I - OGGETTO DELLA CONCESSIONE... 3 ART. 1... 3 CAPO II - SOSTEGNO DI ATTIVITÀ DI RILEVANZA SOCIALE, CULTURALE, RICREATIVA,

Dettagli

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120 di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 2 FEBBRAIO 2010, N. 6 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 497 / 2014 OGGETTO: IMPEGNO DELLA SPESA DI EURO 122,00 PER LA FORNITURA

Dettagli

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizione di notificazione Art. 3 - Modalità per la notificazione Art. 4 - Incarico al dipendente addetto alle notificazioni

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Direttiva di II livello - Anno 05 - Centro di responsabilità amministrativa: Direzione generale della vigilanza sugli enti e della sicurezza delle cure Ufficio MEDICO LEGALE - DGVESC

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO

REGOLAMENTO PER L'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO REGOLAMENTO PER L'UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO ART. 1 ( OGGETT0) 1. IL PRESENTE REGOLAMENTO, REDATTO AI SENSI DELLE LEGGI VIGENTI E DELL'ARTICOLO 12 DELLO STATUTO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI, DISCIPLINA

Dettagli

/tiò\ h nox4sa.2/ a9,/,,,,,r,:h; Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA

/tiò\ h nox4sa.2/ a9,/,,,,,r,:h; Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICATANIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Protocollo Generale prot. _ 25.11 gra. Sito. /tiò\ /4 h nox4sa.2/ a9,/,,,,,r,:h; Università degli studi di Catania INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Pagina 1 di 5 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 24 settembre 2008 Modalita' operative per l'erogazione di contributi a sostegno delle imprese di autotrasporto di merci per conto di

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Protocollo Generale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA IL DIRETTORE GENERALE Vista la nota del 26.6.2014, prot. n. 76879-VII-1, con la quale il Presidente ed il Direttore

Dettagli