Opzioni di raffreddamento per apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opzioni di raffreddamento per apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato"

Transcript

1 Opzioni di raffreddamento per apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato A cura di Neil Rasmussen White Paper n. 50

2 Sintesi Le apparecchiature con flusso dell'aria da un lato all'altro presentano problemi speciali di raffreddamento negli odierni data center. I layout dei comuni armadi rack e dei rack sono fondamentalmente incompatibili con il raffreddamento da lato a lato, perché danno luogo a temperature eccessive e, in ultima analisi, provocano una riduzione dell'affidabilità delle apparecchiature. Questo documento descrive tali problemi, assieme a diversi effetti collaterali che in genere vengono sottovalutati. Vengono descritte varie opzioni di raffreddamento, assieme ai rispettivi costi e benefici. 2

3 Introduzione Il raffreddamento dei data center e delle sale CED progettato per schemi di circolazione dell'aria "hot aisle / cold aisle" (corridoio caldo/corridoio freddo) ha la massima efficacia quando nelle apparecchiature montate su rack il flusso dell'aria di raffreddamento va dal fronte al retro, come si vede nella Fig. 1. Tale tipo di circolazione dell'aria viene utilizzato nella stragrande maggioranza dei server e dei dispositivi di archiviazione montati su rack. Tuttavia tale soluzione, a causa di vincoli progettuali, non può essere adottata su molti tipi di switch e di router, che richiedono un flusso dell'aria da lato a lato. Fig. 1 Metodo di raffreddamento hot aisle / cold aisle Cold Aisle Fronte Retro Hot Aisle Afflusso aria fredda Ciò costituisce un problema, data l'attuale tendenza alla convergenza tra informatica e telecomunicazioni (reti integrate dati / voce / video). In passato i sistemi telefonici venivano installati separatamente in piccole sale protette, ma con l'avvento della convergenza le apparecchiature informatiche, telefoniche e video vengono collocate in armadi rack standardizzati. Un altro fattore che favorisce la convergenza è la presenza delle Storage Area Network (SAN) in cui le apparecchiature di archiviazione vengono utilizzate con dispositivi di commutazione quali i router. Con l'affermarsi di queste tendenze, i responsabili informatici ritengono necessario abbinare apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato alle tradizionali apparecchiature con flusso dell'aria fronte-retro. 3

4 Qualunque sia il modello di flusso nell'aria nell'apparecchiatura (fronte-retro o da lato a lato), è essenziale che essa riceva un flusso adeguato di aria fresca. Se questo requisito non viene soddisfatto, ciò inciderà negativamente sulla disponibilità delle apparecchiature e dei processi aziendali, perché la vita utile di un dispositivo elettronico è in stretta relazione con la sua temperatura di funzionamento. Secondo il MIL-HNBK 338, per ogni 10 C (18 F) di aumento della temperatura al di sopra del valore nominale si ha un dimezzamento della vita utile dell'apparecchiatura. Un esempio dell'effetto della temperatura sui componenti elettronici è mostrato nella Fig. 2. La vita utile e l'affidabilità del condensatore a film sottile diminuiscono drasticamente con l'aumentare della temperatura. Fig. 2 Effetto della temperatura sull'affidabilità di un condensatore a film sottile Vita utile (ore) Condensatore a 70 F (21 C) Affidabilità a 5 anni Vita utile condensatore Affidabilità condensatore 100% 99% 98% 97% 96% 95% 94% 93% 92% 91% 90% 89% Affidabilità Temperatura di funzionamento ( F) Alcune delle soluzioni comunemente adottate dagli utenti per affrontare il problema del flusso dell'aria da lato a lato non risolvono efficacemente il problema e hanno dei costi invisibili. Di queste soluzioni si parlerà più avanti in questo documento; tuttavia per comprendere quali sono le soluzioni più efficaci e per diagnosticare i problemi è necessario che gli utenti dei data center si familiarizzino con i problemi fondamentali del raffreddamento, descritti nel paragrafo successivo. 4

5 Requisiti base relativi al flusso dell'aria Il flusso nell'aria all'interno e attorno a un rack determina l'efficacia del raffreddamento. Per comprendere queste problematiche, occorre partire da due principi fondamentali: la presa d'aria dell'apparecchiatura deve aspirare aria condizionata con caratteristiche opportune non devono essere presenti ostacoli al flusso dell'aria in entrata e in uscita dall'apparecchiatura Per le apparecchiature con raffreddamento fronte-retro, gli armadi rack (quando vengono utilizzati correttamente) possono influire positivamente sulla circolazione dell'aria, perché impediscono che l'aria calda espulsa rientri nell'apparecchiatura attraverso la sua presa d'aria. L'aria espulsa dall'apparecchiatura è leggermente in sovrapressione; ciò, assieme alla depressione presente vicino alla presa d'aria dell'apparecchiatura, crea condizioni favorevoli al ritorno dell'aria espulsa all'interno dell'apparecchiatura, come si vede nella Fig. 3A. Questo effetto, a differenza di quanto taluni pensano, è molto più marcato dell'effetto ascensionale dell'aria espulsa (più calda e quindi più leggera, per cui dovrebbe salire spontaneamente al di sopra dell'apparecchiatura). Nel caso del flusso d'aria fronte-retro, il rack, l'apparecchiatura e i pannelli fittizi costituiscono una barriera naturale, che allunga notevolmente il percorso di ricircolo dell'aria e di conseguenza riduce la riaspirazione dell'aria calda espulsa, come si vede nella Fig. 3B. Tuttavia ciò non vale per le apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato. Fig. 3 Ricircolo dell'aria attraverso un pannello fittizio mancante (flusso d'aria fronte-retro) 3A Senza pannelli fittizi 3B Con pannelli fittizi 5

6 È evidente che tutte le apparecchiature di un moderno data center sono avvantaggiate dall'utilizzo del flusso dell'aria fronte-retro. Purtroppo in alcune apparecchiature ciò non è possibile. Ad esempio, come si vede nella Fig. 4, buona parte della superficie frontale di questo router è occupata da numerose porte dati e cavi, che non permettono il passaggio dell'aria di raffreddamento attraverso la parte anteriore del dispositivo. Se le porte si trovassero sul lato del router, ciò consentirebbe il passaggio dell'aria; ma questa soluzione sarebbe scomoda per altri versi perché impedirebbe l'accesso al personale IT. Pertanto il metodo comune attualmente utilizzato per il raffreddamento da lato a lato per dispositivi tipo router è una soluzione pratica ma non ottimale. Fig. 4 Router con flusso dell'aria da lato a lato Problemi di flusso dell'aria con il raffreddamento da lato a lato Nel paragrafo precedente si è spiegato che l'aria espulsa dell'apparecchiatura montata su rack tende a tornare naturalmente al suo interno attraverso la presa d'aria, e che i pannelli fittizi bloccano questo flusso d'aria nel caso della ventilazione fronte-retro. Tuttavia, nel caso delle apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato, vi sono tre problemi seri che consentono il ricircolo dell'aria calda espulsa all'interno dell'apparecchiatura e provocano un aumento della temperatura in prossimità della presa d'aria. Essi sono: 1) Apparecchiature adiacenti 2) Nessuna parete divisoria che separi la presa d'aria dall'aria espulsa 3) Montaggio in un armadio Questi problemi si aggravano quando aumenta la densità di potenza nel rack o nell'armadio (la potenza totale assorbita da tutte le apparecchiature presenti in ciascun rack). 6

7 Apparecchiature adiacenti Spesso le apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato vengono montate in rack a telaio aperto per facilitare il raffreddamento. Tuttavia ciò provoca gravi conseguenze quando i rack vengono disposti in una stessa fila con le apparecchiature in rack adiacenti. In queste condizioni, la presa d'aria di un'apparecchiatura può venire a trovarsi in corrispondenza dello scarico dell'apparecchiatura adiacente. L'aria che entra nell'apparecchiatura può avere una temperatura superiore di 10 C (18 F) alla temperatura ambiente, il che di norma costituisce una condizione inaccettabile. Se inoltre un certo numero di tali rack sono disposti in fila, procedendo lungo tale fila si avrà un progressivo aumento della temperatura, fino al raggiungimento di temperature molto elevate dell'aria all'ingresso, come indicato dai diversi colori delle frecce nella Fig. 5. Tale tipo di surriscaldamento delle apparecchiature adiacenti è un fenomeno decisamente comune. Risolvere i problemi di raffreddamento con i rack a telaio aperto diventa molto difficile, perché lo schema di circolazione del flusso dell'aria è imprevedibile. Fig. 5 Apparecchiatura con flusso dell'aria da lato a lato in rack a telaio aperto Aria calda Aria fresca Nessuna parete divisoria che separi la presa d'aria dall'aria espulsa Nella stragrande maggioranza delle installazioni di apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato non c'è alcun sistema per bloccare o separare l'aria espulsa, impedendo che torni all'interno dell'apparecchiatura attraverso la presa d'aria. L'aria espulsa può circolare attorno alla parte posteriore dell'apparecchiatura e tornare attraverso la presa d'aria situata sull'altro lato, così come accadeva nelle apparecchiature con raffreddamento fronte-retro mostrate nella Fig. 3A. Inoltre nella maggior parte dei casi le apparecchiature IT con flusso dell'aria da lato a lato sono installate l'una sopra l'altra all'interno del rack. Ciò significa che l'aria di scarico può anche andare al di sopra o al di sotto dell'apparecchiatura e tornare al suo interno attraverso la presa d'aria situata sull'altro lato (tale percorso è di solito più corto di quello attorno alla parte posteriore dell'apparecchiatura). In ogni caso, quando l'aria espulsa si mescola con l'aria fresca, la temperatura in prossimità della presa d'aria dell'apparecchiatura subisce un aumento indesiderabile. 7

8 Montaggio in un armadio Spesso è conveniente montare un'apparecchiatura con flusso dell'aria da lato a lato in un armadio, come già detto nell'introduzione. Tuttavia, a differenza del caso del flusso d'aria fronte-retro, in cui la presenza di un armadio rack migliora il raffreddamento, nel caso del raffreddamento da lato a lato l'armadio è controproducente ai fini del raffreddamento. Il lato dell'armadio offre una leggera resistenza aggiuntiva all'aria fresca entrante ed anche una leggera barriera all'aria calda espulsa. Quando questa resistenza aggiuntiva si somma alla tendenza preesistente dell'aria espulsa a tornare nell'apparecchiatura attraverso la presa d'aria, l'effetto è drammatico. Una parte considerevole dell'aria espulsa viene ricaptata dalla presa d'aria. La situazione è ancora peggiore nel caso che le apparecchiature adiacenti vengano inserite in file di rack contenute in alloggiamenti, senza una barriera d'aria tra un rack e l'altro. L'utilizzo di un armadio rack con apparecchiature che utilizzano il flusso dell'aria da lato a lato esalta significativamente gli effetti deleteri descritti nei paragrafi precedenti. Ci sono tuttavia diversi accorgimenti molto efficaci per raffreddare più efficacemente armadi con apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato; essi sono descritti nella parte successiva di questo documento. Per eliminare il surriscaldamento delle apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato, gli utenti sono stati indotti ad apportare diverse modifiche. Le soluzioni tradizionali, sebbene consentano di ridurre la temperatura delle apparecchiature, spesso hanno altri costi invisibili. Con alcuni metodi di riduzione della temperatura dell'apparecchiatura il sistema di raffreddamento funziona in modo inefficiente e può vanificare la ridondanza del raffreddamento. Occorre dunque prendere in considerazione i fattori che determinano i costi del raffreddamento. Fattori che influiscono sui costi del raffreddamento Il costo del raffreddamento è tutt'altro che trascurabile. Per molte installazioni, l'energia elettrica consumata dal sistema di raffreddamento è quasi la metà di quella consumata dal data center. Il costo di gestione dell'energia elettrica per il sistema di raffreddamento da solo fornisce un contributo notevole al TCO (Total Cost of Ownership, costo totale di possesso), superiore a quello dell'intera spesa in conto capitale per i sistemi di alimentazione e di raffreddamento. Pertanto la prudenza consiglia di impedire sprechi di energia nel sistema di raffreddamento. Il ricircolo dell'aria non influisce sulla potenza assorbita dal raffreddamento per un data center; tuttavia esso influisce significativamente e sfavorevolmente sull'efficienza dei sistemi di raffreddamento. Ciò in quanto un sistema con notevole ricircolo dell'aria ha le seguenti caratteristiche: 8

9 A) richiede una temperatura inferiore dell'aria all'uscita del CRAC (sistema di condizionamento) per compensare il rimescolamento con l'aria di scarico, più calda; B) restituisce aria più fredda all'unità CRAC a causa del mescolamento dell'aria fredda con l'aria di scarico calda; C) una temperatura più bassa dell'aria di ritorno nel CRAC provoca una deumidificazione che deve essere compensata con un'ulteriore umidificazione. Il ricircolo dell'aria, con i relativi punti di concentrazione del calore (hot-spot), può far aumentare di più del 10 % i costi dell'energia elettrica assorbita dal CRAC e richiedere l'installazione di ulteriori unità CRAC, con relativi costi di capitale e di gestione. Inoltre può accadere che vengano disattese le aspettative sulla capacità del sistema di funzionare con un'unità CRAC temporaneamente fuori uso per la manutenzione. Questi temi vengono approfonditi nel White Paper APC n. 49, Errori evitabili che compromettono l'efficacia del raffreddamento nei data center e nelle sale CED. Metodi di raffreddamento efficaci per il flusso dell'aria da lato a lato È possibile utilizzare svariati metodi per raffreddare sistemi con flusso dell'aria da lato a lato. Tali metodi sono descritti in questo paragrafo, assieme alle loro caratteristiche principali. Le alternative sono riassunte e confrontate nella Tabella 1, alla fine di questo paragrafo, per aiutare a scegliere il metodo più appropriato. Rack a telaio aperto con aumento dello spazio tra un rack e l'altro I rack a telaio aperto vengono utilizzati comunemente per apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato. Tuttavia essi non impediscono che il flusso dell'aria proveniente dalle apparecchiature vicine entri nella presa d'aria, e non assicurano nemmeno una separazione efficace dell'aria espulsa dalla presa d'aria. In un'applicazione tipica, i rack non vengono interamente riempiti di apparecchiature ad alta densità; le apparecchiature sono sfalsate in senso verticale da un rack all'altro per evitare la prossimità tra le uscite dell'aria di scarico e le prese d'aria fresca. Tuttavia questa strategia è solo parzialmente efficace a causa della dispersione dell'aria che ha luogo quando essa esce dallo scarico ed entra nella presa d'aria di un'apparecchiatura adiacente, come si vede nella Fig. 6. Questo metodo ha due inconvenienti: la densità delle apparecchiature deve essere bassa e inoltre c'è un significativo ricircolo dell'aria che, come già spiegato, riduce l'efficacia del sistema di raffreddamento. Poiché i rack sono dispersi, questo metodo ha l'ulteriore svantaggio di sprecare area calpestabile, che in alcune zone può avere un costo tutt'altro che trascurabile. Tuttavia questa soluzione è diffusa perché facilmente implementabile. 9

10 Fig. 6 Effetto di dispersione dell'aria su apparecchiature sfalsate in rack a telaio aperto Rack a telaio aperto Rack a telaio aperto Aria fresca Entrata Vista frontale del switch Vista frontale del switch Scarico Aria esausta calda Armadio a bassa densità Analogamente ai rack a telaio aperto, le apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato inserite in armadi pieni non riempiono l'armadio per tutta la sua capacità fisica a causa di vincoli di alimentazione o di raffreddamento. Tipicamente, le apparecchiature IT montate l'una sopra l'altra in un rack e non vi sono pannelli fittizi installati nello spazio U inutilizzato. Questo schema riduce efficacemente la densità di potenza dei rack, e di conseguenza riduce la probabilità che si formino degli hot spot. Tuttavia anche con questo metodo gli armadi favoriscono in una qualche misura il ricircolo dell'aria. Questo metodo è sconsigliabile nelle zone in cui gli affitti o il costo degli uffici è molto elevato, perché con la riduzione della densità di potenza dei rack occorre distribuire il carico termico su un'area calpestabile più ampia. Ventole supplementari Per contrastare il surriscaldamento si è soliti installare ventole supplementari. Tali ventole possono essere montate su rack, in rack a telaio aperto o armadi rack, ma non è infrequente vedere delle ventole esterne indipendenti. Il concetto è semplice: si tratta di spingere o aspirare l'aria calda allontanandola dall'apparecchiatura a rischio di surriscaldamento. Essenzialmente, le ventole funzionano come miscelatori, che mescolano l'aria di scarico delle apparecchiature con l'aria in uscita dall'unità CRAC, creando un flusso d'aria a temperatura intermedia fra quella emessa dal CRAC e quella in uscita dalle apparecchiature. Inoltre le ventole fanno aumentare la portata del flusso d'aria circolante nell'apparecchiatura. In tal modo si riesce a diminuire la temperatura di funzionamento dell'apparecchiatura e la formazione di hot spot locali, ma i costi sono tutt'altro che trascurabili. Si ha infatti una diminuzione dell'efficienza del sistema CRAC a causa della diminuzione della temperatura dell'aria di ritorno nel CRAC, che provoca le conseguenze già descritte; in particolare: maggiore deumidificazione / umidificazione, minore capacità del CRAC ed eventuale perdita della ridondanza. 10

11 Distribuzione laterale dell'aria 1 La distribuzione laterale dell'aria del rack può essere utilizzata per fornire aria fresca direttamente e prevedibilmente alla presa d'aria dell'apparecchiatura e per contrastare la ricaptazione dell'aria espulsa nella presa d'aria. L'aria fresca entra tramite il portello frontale e attraversa uno speciale dispositivo deviatore situato al di sopra e/o al di sotto dell'apparecchiatura da raffreddare. (A tale scopo occorre riservare dello spazio sul pannello frontale.) Le ventole attive deviano l'aria verso condotti che riforniscono di aria fresca il lato dove essa è utilizzata dall'apparecchiatura con flusso dell'aria da lato a lato. L'aria espulsa dall'apparecchiatura esce quindi dalla parte posteriore del rack seguendo un percorso che sfavorisce la ricaptazione nella presa d'aria dell'apparecchiatura stessa. Questo è essenzialmente l'accorgimento che consente di trasformare le apparecchiature con raffreddamento da lato a lato in apparecchiature con raffreddamento fronte-retro, che possono essere così perfettamente integrate con altre apparecchiature in armadi rack conformi allo standard EIA-310D. Tale metodo consente di ottenere la massima densità di potenza e la massima efficienza del raffreddamento, e può essere applicato anche successivamente ("retrofit") ai rack server preesistenti. Si realizzano così i risparmi sui costi grazie alla diminuzione del numero di rack e alla maggiore efficienza del raffreddamento. La Fig. 7 mostra un esempio di sistema attivo di distribuzione laterale dell'aria per un'apparecchiatura con flusso dell'aria da lato a lato. 1 APC Corp. ha presentato richieste di brevettazione per progetti di rack/accessori per rack con implementazione di partizioni e accorgimenti per l'ottimizzazione del flusso dell'aria. 11

12 Figure 7 Vista antero-posteriore di un flusso dell'aria da lato a lato supportato in un singolo rack con flusso dell'aria da lato a lato Presa d'aria fresca Scarico aria calda La distribuzione laterale dell'aria consente di installare armadi rack affiancati tra loro assicurando comunque un flusso dell'aria opportuno e utilizzando in tal modo un'area calpestabile minore. Tuttavia è indispensabile che la temperatura dell'aria deviata verso l'apparecchiatura con flusso dell'aria da lato a lato sia conforme agli standard ANSI 2 e ASHREA 3 sul raffreddamento delle apparecchiature elettroniche. 2 Lo standard ANSI (American National Standards Institute) T prevede come condizioni di funzionamento accettabili per le apparecchiature di telecomunicazioni delle temperature comprese tra 41 ed 104 F (tra 5 e 40 C). 3 Il TC9 dell'ashrae (American Society of Heating, Refrigeration, and Air-Conditioning Engineers) raccomanda delle temperature all'entrata delle apparecchiature elettroniche comprese tra 68 e 77 F (tra 20 e 25 C) 12

13 Per verificare l'efficacia di questo metodo di raffreddamento è stato effettuato uno studio sperimentale su un sistema in condizioni stazionarie. In esso si è utilizzato un armadio APC NetShelter VX, 42U. L'apparecchiatura montata su rack era costituita da un switch Cisco serie 6500 nella parte centrale e diversi carichi termici 1U al di sopra e al disotto del switch per simulare il carico termico di altre apparecchiature. È stata quindi misurata la temperatura all'entrata del switch Cisco per vari carichi termici. Le misurazioni sono state effettuate con e senza il ricorso al dispositivo di distribuzione laterale dell'aria. È stata registrata una differenza media della temperatura di 15 F (8,3 C) tra le due prove. I risultati sperimentali sono illustrati nella Fig. 8. Temper. di entrata apparecchiatura con raffredd. da lato a lato ( F) Fig. 8 Temperatura all'entrata dell'apparecchiatura in funzione del carico del rack Temper. di entrata router di fascia alta senza unità di distribuzione laterale dell'aria del rack Temper. di entrata router di fascia alta con unità di distribuzione laterale dell'aria del rack +Intervallo ANSI inaccettabile +Norme di progett. ANSI ^Intervallo raccomandato da ASHRAE Carico totale rack (kw) *Tutte le prove sono state effettuate in un armadio APC Netshelter VX +ANSI - American National Standards Institute ^ASHRAE - American Society of Heating, Refrigeration, & Air-Conditioning Engineers Temper. di entrata apparecchiatura con raffredd. da lato a lato ( C) 13

14 Tabella 1 Metodi di raffreddamento con flusso dell'aria da lato a lato Variabili del flusso dell'aria da lato a lato Rack a telaio aperto con aumento dello spazio tra un rack e l'altro Metodi di raffreddamento con flusso dell'aria da lato a lato Armadio a bassa densità Ventola supplementare Distribuzione laterale dell'aria Power density 0-1 kw per rack Heat load is distributed over larger floor area 0-1 kw per rack Heat load is distributed over larger floor area 0-2 kw 0-6 kw per rack Sfruttamento ottimale dell'area calpestabile Maggiore consumo di area calpestabile Maggiore consumo di area calpestabile Migliore utilizzo dell'area calpestabile grazie all'aumento della densità di potenza per rack Richiede uno spazio verticale nel rack per il dispositivo deviatore dell'aria Ottimizzazione dell'uso dell'area calpestabile grazie all'aumento della densità di potenza per rack La separazione dei flussi dell'aria fredda e di quella calda produce una maggiore efficienza Efficienza del sistema di raffreddamento Il rimescolamento dell'aria fredda con quella calda si traduce in una minore efficienza Riduzione della tolleranza ai guasti del raffreddamento Grazie alla deviazione dell'aria di scarico calda nel corridoio caldo, i due flussi dell'aria fredda e di quella calda vengono separati, con conseguente aumento dell'efficienza L'efficienza aumenta se si utilizza una ventola nella parte superiore dell'armadio L'efficienza diminuisce se si utilizza una ventola indipendente; inoltre diminuisce la tolleranza ai guasti del raffreddamento TCO Costi del raffreddamento più elevati Basso costo per rack La diminuzione del numero di apparecchiature per rack implica l'utilizzo di un numero maggiore di rack Costi di raffreddamento inferiori Costo per rack elevato La diminuzione del numero di apparecchiature per rack implica l'utilizzo di un numero maggiore di rack I costi del raffreddamento aumentano quando si utilizzano rack a telaio aperto Costi di raffreddamento inferiori La diminuzione del numero di rack necessari si traduce in un risparmio sui costi Occorre un'area calpestabile meno ampia Afflusso prevedibile di aria fresca all'entrata Il flusso dell'aria non viene impedito ma è disomogeneo e difficilmente gestibile a causa del calore proveniente dai sistemi adiacenti Il riscaldamento dovuto alla presenza di apparecchiature installate nello stesso rack rende l'aria di alimentazione disomogenea e difficilmente gestibile Le ventole possono essere orientate direttamente sulla presa d'aria dell'apparecchiatura se si utilizza un rack a telaio aperto; tuttavia il flusso è disomogeneo se la ventola è installata nella parte superiore dell'armadio Afflusso omogeneo e prevedibile di aria fresca alla presa d'aria dell'apparecchiatura Affidabilità dell'apparecchiatura con flusso dell'aria da lato a lato Minore affidabilità dell'apparecchiatura Minore affidabilità dell'apparecchiatura Possibilità di raggiungere le condizioni nominali, ma imprevedibilità Consente di raggiungere condizioni nominali prevedibili per ottenere l'affidabilità desiderata Pianificazione del data center Difficoltà di pianificazione, perché i rack a telaio aperto devono essere spaziati a- deguatamente Semplifica la pianificazione per le esigenze future, consentendo di installare rack standardizzati in qualsiasi punto del data center Per gli armadi rack, è possibile pianificare in base alle esigenze future, installando rack standardizzati in qualsiasi punto del data center Semplifica la pianificazione per le esigenze future, consentendo di installare rack standardizzati in qualsiasi punto del data center Sicurezza fisica a livello rack Assenza di sicurezza fisica a livello rack Sicurezza fisica a livello rack Sicurezza fisica a livello di rack solo con gli armadi Sicurezza fisica a livello rack Applicazione raccomandata Rack isolati in un ambiente ad alta densità Rack isolati in un ambiente ad alta densità Data center con schemi hot aisle / cold aisle e flusso dell'aria fronte-retro Ambiente a densità maggiore Schema hot aisle / cold aisle (solo per gli armadi) Ambiente ad alta densità Schema hot aisle / cold aisle Convergenza tra informatica e telecomunicazioni (reti integrate dati / voce / video) Nota: l'ombreggiatura indica prestazioni ottimali per la variabile. 14

15 Restrizioni applicate alle apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato Spesso i fornitori di apparecchiature pubblicano guide all'installazione e alla soluzione dei problemi ambientali per i loro prodotti. Nel caso di apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato, tali indicazioni diventano restrittive data la tendenza ai problemi di raffreddamento connessa all'aumento delle densità di potenza. Analogamente a quanto accade nella maggior parte delle apparecchiature IT, i circuiti elettronici effettuano il monitoraggio della temperatura interna delle apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato. Se la temperatura di regime all'ingresso dell'apparecchiatura supera la temperatura massima raccomandata (tipicamente: 104 F [40 C]), l'apparecchiatura si spegne per impedire danni, provocando in tal modo un'interruzione critica delle attività di sistema. Sono state consultate delle linee guida specifiche per il raffreddamento fornite da diversi fornitori di switch e router. Esse sono riassunte di seguito. Prevedere uno spazio minimo di aria di 6 pollici tra le pareti e gli sfiati d'aria dello chassis. Prevedere una separazione orizzontale minima di 12 pollici tra due chassis. Evitare di inserire lo chassis in un rack eccessivamente affollato. Non installare un'apparecchiatura vicino alla parte inferiore del rack, perché essa può generare calore eccessivo, che viene spinto verso l'alto ed entra nelle prese d'aria della suddetta apparecchiatura, con conseguente aumento eccessivo della temperatura nello chassis nella parte superiore del rack o vicino a tale parte superiore. Non installare mai lo chassis in un rack chiuso che non sia opportunamente ventilato o rifornito di aria condizionata. Installare lo chassis in un rack chiuso solo se esso ha un'adeguata ventilazione o una ventola di scarico; ove possibile, utilizzare un rack aperto. Utilizzare dei deflettori all'interno del rack chiuso per facilitare il raffreddamento dello chassis. Per un corretto funzionamento del sistema, è essenziale pianificare opportunamente la posizione e il layout del rack delle apparecchiature. L'unità è destinata a essere installata in aree ad accesso limitato. Un'area ad accesso limitato può essere protetta mediante un dispositivo speciale, una serratura con chiave o altri mezzi di protezione. 15

16 Queste restrizioni lasciano al responsabile informatico pochi margini di flessibilità quando pianifica il layout del data center. Con l'avvento di soluzioni praticabili in armadi rack per apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato, i responsabili informatici possono adattarsi più facilmente ai cambiamenti continui in atto nell'odierno data center. In particolare, la distribuzione laterale dell'aria consente di utilizzare densità di potenza più elevate per i rack, nonché di ottenere una migliore e più prevedibile efficienza del raffreddamento. Inoltre il metodo della distribuzione laterale dell'aria facilita la convergenza di reti informatiche e di telecomunicazioni, e la conseguente creazione di un ambiente comune hot aisle/cold aisle. Sebbene le linee guida non ne facciano cenno, gli armadi assicurano anche una maggiore sicurezza fisica, eliminando in tal modo l'esigenza di sistemi di sicurezza separati. Conclusione Il raffreddamento di apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato richiede una pianificazione speciale per evitare inefficienze e malfunzionamenti, specie quando vengono utilizzate in ambienti data center con flusso d'aria fronte-retro. Il problema principale con il raffreddamento da lato a lato sta nel fatto che la presa d'aria dell'apparecchiatura viene spesso ad aspirare aria esausta, espulsa dall'apparecchiatura stessa o da un'apparecchiatura adiacente. Le soluzioni tradizionali quali lo sfalsamento delle apparecchiature o l'utilizzo di ventole supplementari consentono di evitare la formazione di hot-spot ma riducono l'efficienza di funzionamento del sistema di raffreddamento. In questi sistemi si verifica un certo rimescolamento dell'aria di scarico e dell'aria fresca, che impedisce che la temperatura dell'aria all'entrata dell'apparecchiatura raggiunga quei valori ideali, più bassi, ottenibili con il raffreddamento fronte-retro tradizionale. È opinione diffusa che non sia possibile utilizzare armadi con l'intero rack occupato in abbinamento con il flusso dell'aria da lato a lato e che occorra invece utilizzare rack a telaio aperto. Tuttavia, utilizzando metodi collaudati, è possibile raffreddare con efficienza elevata armadi ad alta densità contenenti apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato. Questi metodi prevedono l'aspirazione dell'aria dalla parte anteriore del rack, aria che viene poi deviata verso la presa d'aria dell'apparecchiatura sul lato dell'unità, e infine scaricata dalla parte posteriore del rack. Questo metodo consente di ridurre a livelli sicuri la temperatura di funzionamento dell'apparecchiatura e di aumentare al massimo l'efficienza del sistema di raffreddamento mediante la separazione dell'aria calda espulsa dall'aria in entrata. Una tale conversione del flusso dell'aria da lato a lato in un flusso fronte-retro consente una perfetta integrazione nei sistemi di raffreddamento dei rack di un data center ad alta densità, utilizzando lo schema diffuso hot aisle/cold aisle. Il pregio della conversione di tali apparecchiature è costituito dalla prevedibilità delle prestazioni dell'apparecchiatura in qualsiasi momento futuro, senza che si sia costretti a decidere in anticipo la posizione dell'apparecchiatura stessa. Il responsabile IT può decidere in qualsiasi momento di installare un'apparecchiatura a flusso dell'aria da lato a lato in qualsiasi posizione, nella certezza che essa si integrerà senza problemi nella serie di armadi. Diviene così inutile creare aree speciali a bassa densità per le apparecchiature con flusso dell'aria da lato a lato. 16

17 Informazioni sull'autore Neil Rasmussen è uno dei fondatori e il Chief Technical Officer di American Power Conversion. In APC Neil è responsabile del budget della R&S più consistente del mondo investito nelle infrastrutture di alimentazione, raffreddamento e rack per reti critiche, con i principali centri di sviluppo prodotti dislocati nel Massachusetts, nel Missouri, in Danimarca, nello stato di Rhode Island, a Taiwan e in Irlanda. Attualmente Neil si occupa del coordinamento delle attività di APC per lo sviluppo di soluzioni scalari e modulari per i data center. Prima di fondare APC, nel 1981, Neil ha conseguito la laurea in ingegneria elettrica presso il MIT, presentando una tesi sull'analisi di un'alimentazione a 200 MW per un reattore a fusione Tokamak. Dal 1979 al 1981 ha lavorato presso i MIT Lincoln Laboratories studiando i sistemi di accumulo energetico nei volani e i sistemi a energia solare. 17

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti

Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti Di Neil Rasmussen White Paper n. 125 Revisione 1 Sintesi Quando i blade server sono densamente popolati è possibile che venga superata

Dettagli

Guida alla pianificazione del sito per il server Sun Fire T1000

Guida alla pianificazione del sito per il server Sun Fire T1000 Guida alla pianificazione del sito per il server Sun Fire T1000 Sun Microsystems, Inc www.sun.com N. di parte 819-5297-11 Luglio 2006, Revisione A Inviare eventuali commenti su questo documento a: http://www.sun.com/hwdocs/feedback

Dettagli

Panoramica sulla linea NetShelter SV

Panoramica sulla linea NetShelter SV NetShelter SV Panoramica sulla linea NetShelter SV Armadi informatici universali con caratteristiche e funzionalità essenziali per soddisfare i requisiti fondamentali delle apparecchiature IT montate in

Dettagli

1 Le densità per rack e fila indicate nella Figura 1 utilizzano una superficie equivalente di pavimento

1 Le densità per rack e fila indicate nella Figura 1 utilizzano una superficie equivalente di pavimento Il consumo di potenza delle apparecchiature alloggiate in un singolo armadio a rack può variare sensibilmente. Il consumo energetico medio di un armadio in un Data Center è di circa 1,7 kw, ma la potenza

Dettagli

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo Introduzione Per ogni euro speso per alimentare il proprio data center possiamo dire che ci sia una buona percentuale spesa per raffreddarlo,

Dettagli

Scelta tra sistemi di raffreddamento per Data Center basati su sala, fila o rack

Scelta tra sistemi di raffreddamento per Data Center basati su sala, fila o rack Scelta tra sistemi di raffreddamento per Data Center basati su sala, fila o rack White Paper 130 Revisione 2 di Kevin Dunlap e Neil Rasmussen > In sintesi Le apparecchiature IT a densità elevata e variabile

Dettagli

I sistemi rack dei data center sono fondamentali per la Business-Critical Continuity

I sistemi rack dei data center sono fondamentali per la Business-Critical Continuity I sistemi rack dei data center sono fondamentali per la Business-Critical Continuity Introduzione Fino a poco tempo fa, gli armadi rack del data center e le relative apparecchiature erano considerati prodotti

Dettagli

Misurazione dell'efficienza elettrica del Data Center

Misurazione dell'efficienza elettrica del Data Center Misurazione dell'efficienza elettrica del Data Center White Paper 154 Revisione 2 di Neil Rasmussen Contenuti Cliccate su una sezione per accedervi > In sintesi Introduzione 2 L'efficienza elettrica del

Dettagli

Seminario Il System Engineering Una disciplina nata per i programmi spaziali ma applicabile a tutti i settori dell Ingegneria

Seminario Il System Engineering Una disciplina nata per i programmi spaziali ma applicabile a tutti i settori dell Ingegneria Seminario Il System Engineering Una disciplina nata per i programmi spaziali ma applicabile a tutti i settori dell Ingegneria Ing. Francesco De Angelis - EMNE PhD Student 29.01.2014 Indice degli argomenti:

Dettagli

Modalità ECO-mode: vantaggi e rischi delle modalità a risparmio energetico per gli UPS

Modalità ECO-mode: vantaggi e rischi delle modalità a risparmio energetico per gli UPS Modalità ECO-mode: vantaggi e rischi delle modalità a risparmio energetico per gli UPS White Paper 157 Revisione 1 di Neil Rasmussen > In sintesi Molti sistemi UPS (Uninterruptible Power Supply, gruppo

Dettagli

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione w h i t e p a p e r Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione Prefazione Questo paper descrive due dissipatori di calore, un presidio medicale di aspirazione, un forno da cucina

Dettagli

DALLA PROGETTAZIONE ALLA MANUTENZIONE, LE NUOVE TENDENZE NELLA POWER PROTECTION. Lodovico Piermattei CSC Engineer, Emerson Network Power

DALLA PROGETTAZIONE ALLA MANUTENZIONE, LE NUOVE TENDENZE NELLA POWER PROTECTION. Lodovico Piermattei CSC Engineer, Emerson Network Power DALLA PROGETTAZIONE ALLA MANUTENZIONE, LE NUOVE TENDENZE NELLA POWER PROTECTION Lodovico Piermattei CSC Engineer, Emerson Network Power Garanzie fornite dall UPS utenze L UPS Off-line (VFD) La rete alimenta

Dettagli

Creare un'infrastruttura IT che si adatti al business GUIDA AL CAMBIAMENTO

Creare un'infrastruttura IT che si adatti al business GUIDA AL CAMBIAMENTO Creare un'infrastruttura IT che si adatti al business GUIDA AL CAMBIAMENTO Per decenni, i data center sono stati caratterizzati da un eccesso di provisioning, due o tre volte superiore alle necessità,

Dettagli

facilitated contacts makes work easier

facilitated contacts makes work easier a new age is coming facilitated contacts makes work easier Nelle moderne aziende e nelle strutture di accoglienza di alto livello, l efficienza del NETWORKING è ormai un fattore imprescindibile. Poter

Dettagli

Uniflair Access Floor per data center. Pavimento sopraelevato per data center: un unica soluzione, molteplici vantaggi

Uniflair Access Floor per data center. Pavimento sopraelevato per data center: un unica soluzione, molteplici vantaggi Uniflair Access Floor per data center Pavimento sopraelevato per data center: un unica soluzione, molteplici vantaggi Un unica soluzione, molteplici vantaggi Sale server Supporto di carichi verticali elevati,

Dettagli

miglioramento radicale del livello di servizio e di diffusione di servizi, se si tratta di una organizzazione pubblica.

miglioramento radicale del livello di servizio e di diffusione di servizi, se si tratta di una organizzazione pubblica. ICT E INNOVAZIONE D IMPRESA Casi di successo Rubrica a cura di Roberto Bellini, Chiara Francalanci La rubrica ICT e Innovazione d Impresa vuole promuovere la diffusione di una maggiore sensibilità sul

Dettagli

Breve Descrizione delle Domande del Questionario

Breve Descrizione delle Domande del Questionario GLOSSARIO: Breve Descrizione delle Domande del Questionario Datacenter: è un insieme di strutture, apparati e tecnologie che hanno il compito di tenere on-line server per l erogazione di servizi informatici.

Dettagli

Assessment delle infrastrutture critiche

Assessment delle infrastrutture critiche Assessment delle infrastrutture critiche Assessment delle infrastrutture critiche L'esame professionale condotto dagli esperti di Emerson Network Power assicurerà alla vostra infrastruttura un funzionamento

Dettagli

Raffreddamento modulare per alte densità. Soluzioni di raffreddamento prevedibile per un ambiente imprevedibile

Raffreddamento modulare per alte densità. Soluzioni di raffreddamento prevedibile per un ambiente imprevedibile Raffreddamento modulare per alte densità Soluzioni di raffreddamento prevedibile per un ambiente imprevedibile Indice Introduzione 3 Problematiche delle attuali sale CED 4 Limiti del raffreddamento tradizionale

Dettagli

SurfaPore ThermoDry : Esplorare i meccanismi tecnici e i benefici

SurfaPore ThermoDry : Esplorare i meccanismi tecnici e i benefici SurfaPore ThermoDry : Esplorare i meccanismi tecnici e i benefici SurfaPore ThermoDry White Paper SurfaPore ThermoDry è un additivo basato sulla nanotecnologia e sulla microtecnologia in grado di rendere

Dettagli

MANUALE TELECOMANDO RG52A4

MANUALE TELECOMANDO RG52A4 Prima di utilizzare il condizionatore d'aria, si prega di leggere attentamente questo manuale e conservarlo per riferimento futuro. CONDIZIONATORI D ARIA MANUALE TELECOMANDO RG52A4 Vi ringraziamo per aver

Dettagli

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server SYSTEM LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server MONTAIR è il marchio che rappresenta l eccellenza sul mercato per la produzione di prodotti per applicazioni

Dettagli

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA INDICE 1. Prefazione 2 2. Precauzioni di sicurezza 3 3. Struttura.. 4 4. Modo d uso. 5 a) Controllo ausiliario e display LED... 5 b) Telecomando.. 6 c) Modo d uso 7 5. Manuale operativo.. 11 6. Manutenzione.

Dettagli

SPECIALE VISTI IN FIERA CONDOMINIO INTERVISTE QUALITÀ DATA CENTER. DENTRO L OBIETTIVO Cambio di forma e di funzione Una passiva nella Bassa

SPECIALE VISTI IN FIERA CONDOMINIO INTERVISTE QUALITÀ DATA CENTER. DENTRO L OBIETTIVO Cambio di forma e di funzione Una passiva nella Bassa bimestrale Organo ufficiale di APA www.casaeclima.com La rivista per i progettisti con LA PIÙ ALTA DIFFUSIONE CERTIFICATA Per PENSARE, PROGETTARE e COSTRUIRE SOSTENIBILE ISSN: 2038-0895 Euro 9 N. 42 Anno

Dettagli

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi Efficienza operativa nel settore pubblico 10 suggerimenti per ridurre i costi 2 di 8 Presentazione La necessità impellente di ridurre i costi e la crescente pressione esercitata dalle normative di conformità,

Dettagli

Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete

Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete White Paper # 37 Rev. 4 Sintesi L'infrastruttura fisica e di alimentazione dei data center e delle sale

Dettagli

Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità

Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità Di Neil Rasmussen Suzanne Niles White Paper n. 76 Sintesi La natura ci insegna che la modularità rappresenta la soluzione ottimale per la sopravvivenza

Dettagli

Dalla virtualizzazione al Datacenter ad Alta Efficienza Energetica "

Dalla virtualizzazione al Datacenter ad Alta Efficienza Energetica Dalla virtualizzazione al Datacenter ad Alta Efficienza Energetica " Antonella TRONO APC by Schneider Electric All content in this presentation is protected 2008 American Power Conversion Corporation Una

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C COOLS SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE COOLSIDE box INVERTER R410A E C 2 COOLSIDE box INTRODUZIONE COOLSIDE BOX è un sistema split composto da una unità motocondensante

Dettagli

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW Sistema UPS trifase modulare Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW L UPS per chi ha bisogno di operatività senza interruzioni ABB Conceptpower DPA 500 è un sistema UPS ad alta

Dettagli

Guida pratica per pianificare il disaster recovery in modo economico ed efficace

Guida pratica per pianificare il disaster recovery in modo economico ed efficace White paper www.novell.com Guida pratica per pianificare il disaster recovery in modo economico ed efficace Indice Misurazione del costo totale di gestione...3 Misurazione delle prestazioni...4 Valutazione

Dettagli

Gamma prodotti NIBE POMPE DI CALORE AVANZATE PER CHI AMA LA SEMPLICITÀ. M11185 IT NIBE NEWS/Gamma prodotti 1141-1

Gamma prodotti NIBE POMPE DI CALORE AVANZATE PER CHI AMA LA SEMPLICITÀ. M11185 IT NIBE NEWS/Gamma prodotti 1141-1 Gamma prodotti NIBE POMPE DI CALORE AVANZATE PER CHI AMA LA SEMPLICITÀ M11185 IT NIBE NEWS/Gamma prodotti 1141-1 POMPE DI CALORE GEOTERMICHE UNA NUOVA GENERAZIONE DI POMPE DI CALORE GEOTERMICHE NIBE F1145/F1145

Dettagli

Come il monitoraggio dell'infrastruttura può contribuire a incrementare l'efficienza e la disponibilità del data center

Come il monitoraggio dell'infrastruttura può contribuire a incrementare l'efficienza e la disponibilità del data center Come il monitoraggio dell'infrastruttura può contribuire a incrementare l'efficienza e la disponibilità del data center Introduzione Nei primi dieci anni del 21 secolo, il data center si è dimostrato un'importante

Dettagli

Gamma completa delle Soluzioni per raffreddamento di applicazioni IT

Gamma completa delle Soluzioni per raffreddamento di applicazioni IT IT Cooling Solutions Gamma completa delle Soluzioni per raffreddamento di applicazioni IT FREECOOLING DIRETTO RAFFRED- DAMENTO LOCALI UNITA' DI TRATTAMEN- TO DELL'ARIA RAFFREDDA- MENTO AD ALTA DENSITA'

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo. www.froeling.com

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo. www.froeling.com S1 Turbo Caldaia a legna S1 Turbo www.froeling.com Riscaldare con la legna Froling si occupa da oltre cinquant'anni dell'utilizzo efficiente del legno come fonte di energia. Oggi il marchio Froling è sinonimo

Dettagli

Convegno SOLAR COOLING

Convegno SOLAR COOLING Convegno SOLAR COOLING Polo Universitario Bicocca venerdì 19 giugno 2009 ore 15:00 Convegno organizzato da Università Bicocca, Paradigma, CMT, Broad, Fotir e ICRI Impianti ELEMENTI DEL PROGETTO: PANNELLI

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Povo2 Nuovo Datacenter d Ateneo Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Tutti i sistemi presenti nell attuale sala macchine di Povo 0 verranno traslocati nel nuovo datacenter unico d Ateneo realizzato

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0 CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0 1) Scopo del documento 1.1 Obiettivo del Service Level Agreement (d ora in poi SLA ) è di definire le regole sull'erogazione dei servizi

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Riflettività ed emissività. Standards per il risparmio energetico: richiedono alta riflettività ed emissività

Riflettività ed emissività. Standards per il risparmio energetico: richiedono alta riflettività ed emissività Come può un sottile strato di vernice portare a un risparmio energetico? Vi siete chiesti perché un contenitore thermos mantiene il caffè caldo? Basta osservare la sua costruzione: ha uno strato interno

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

Caldaia a condensazione a gas UltraGas

Caldaia a condensazione a gas UltraGas Caldaia a condensazione a gas UltraGas Tecnologia a condensazione a gas con scambiatore alufer Ad alta efficienza, a basse emissioni e di facile manutenzione. 1 UltraGas (15-90) e (125-2000D). I punti

Dettagli

Modulo ibrido PVT: Serie AL

Modulo ibrido PVT: Serie AL Modulo ibrido PVT: Serie AL 1 Modulo ibrido PVT: Serie AL Una simbiosi perfetta delle prestazioni elettriche e termiche, che consente di risparmiare spazio sul tetto e ridurre i tempi e i materiali di

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

MANUTENZIONE E RIPARAZIONE MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Famiglia: CONDIZIONATORI Gruppo: PARETE (Split) Marchi: ARISTON/SIMAT/RADI Modelli: MW07CBN MW09CBN MW12CBN MW07HBN MW09HBN MW12HBN MW07HAX MW09HAX MW12HAX Edizione Marzo 2004

Dettagli

Emerson Network Power Servizi per infrastrutture critiche. Data Center Services for Business-Critical Continuity

Emerson Network Power Servizi per infrastrutture critiche. Data Center Services for Business-Critical Continuity Emerson Network Power Servizi per infrastrutture critiche Data Center Services for Business-Critical Continuity Offerta di Servizi Per la funzionalità di tutta la vostra infrastruttura critica affidatevi

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

THE NEXT GENERATION RACK FOR INFORMATION TECHNOLOGY

THE NEXT GENERATION RACK FOR INFORMATION TECHNOLOGY THE NEXT GENERATION RACK FOR INFORMATION TECHNOLOGY L ARMADIO RACK PER INFORMATION TECHNOLOGY T7, IL CUORE HI-TECH DEL SISTEMA BLADESHELTER Una Risposta Concreta alla Domanda di Sicurezza Versatilità

Dettagli

Compartimentazione di aria calda e di aria fredda. pag. 3. Cablaggio organizzato. pag. 9. Monitoraggio ambientale. pag. 14

Compartimentazione di aria calda e di aria fredda. pag. 3. Cablaggio organizzato. pag. 9. Monitoraggio ambientale. pag. 14 E f f i c i e n z a E n e r g e t i c a & Tu t e l a d e l l A m b i e n t e AisleContainment Compartimentazione di aria calda e di aria fredda Tecnocooling Raffreddare risparmiando BladeRunner Cablaggio

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A INFORMAZIONI TECNICHE ED ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI BERGAMASCHI COSTRUZIONI BORGO DEL PARMIGIANINO N.22 43121 PARMA TEL. 0521233166 FAX 0521238024 www.bergacos.it CLASSE ENERGETICA A+ Gli edifici

Dettagli

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle 24/4-10024 Moncalieri (TO) P. IVA 09183030015 - Codice fiscale VTNGCR52R08L219B - Cell. 0039

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL

Dettagli

GUIDA AL CAMBIAMENTO. La sfera di cristallo per gestire la disponibilità e le prestazioni del data center

GUIDA AL CAMBIAMENTO. La sfera di cristallo per gestire la disponibilità e le prestazioni del data center GUIDA AL CAMBIAMENTO La sfera di cristallo per gestire la disponibilità e le prestazioni del data center C'era una volta... Un gestore di data center che aveva una sfera di cristallo con cui poteva vedere

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Eni Green Data Center scheda tecnica

Eni Green Data Center scheda tecnica Eni Green Data Center scheda tecnica Il Green IT Adeguarsi ai principi dello sviluppo sostenibile è entrato ormai tra le mission principali dell'informatica. Il 2% della CO 2 emessa nel mondo proviene,

Dettagli

Le tue esigenze, il nostro know-how

Le tue esigenze, il nostro know-how Ottobre 2014 Le tue esigenze, il nostro know-how Pozzetti e camere di ispezione Solutions for Essentials Da oltre 50 anni studiamo attentamente le aspettative dei nostri clienti proponendo loro soluzioni

Dettagli

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia Progettazione Installazione e Vendita Impianti Fotovoltaici chiavi in mano Solare Termico Mini Eolico soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO HORUS ENERGY,

Dettagli

Protezione dalle sovratensioni sulle linee dati

Protezione dalle sovratensioni sulle linee dati Protezione dalle sovratensioni sulle linee dati A cura di Joseph Seymour White Paper n.85 Sintesi Le sovratensioni sulle linee dati possono distruggere le apparecchiature informatiche installate in ambienti

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

La premiscelazione e la modulazione

La premiscelazione e la modulazione La premiscelazione e la modulazione Continua la crescita della famiglia Genio tecnic. Dalla presentazione ad oggi il cuore del sistema Genio tecnic (bruciatore e camera di combustione brevettati) ha trovato

Dettagli

Linee guida per la progettazione di datacenter ad alta efficienza

Linee guida per la progettazione di datacenter ad alta efficienza Agenzia Nazionale per le Nuove tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Linee guida per la progettazione di datacenter ad alta efficienza M. Bramucci D. Di

Dettagli

Progetto Risparmio Enegetico. Progetto Risparmio Enegetico

Progetto Risparmio Enegetico. Progetto Risparmio Enegetico Sommario 1.Tempi di riscaldamento 2.Tipologie 3.Installazione 4.Benefici 5.L irraggiamento 6.L Isolamento Termico 7.Dati Lo scopo principale del Pannello Solare Termico è quello di trasformare l energia

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

KNX per la gestione delle energie rinnovabili

KNX per la gestione delle energie rinnovabili KNX per la gestione delle energie rinnovabili Il risparmio e l'efficienza energetica si ottengono... Riducendo i consumi di energia Controllando in modo efficiente l'uso dell'energia Impiegando sistemi

Dettagli

Appendice B Guida all'installazione del rack

Appendice B Guida all'installazione del rack Appendice B Guida all'installazione del rack Questa appendice descrive come installare il sistema nel kit opzionale per il montaggio su rack. 103 Installazione del sistema su rack Oltre alla configurazione

Dettagli

IZ 03 Impianto di controllo ventilazione e condizionamento Settembre 2015

IZ 03 Impianto di controllo ventilazione e condizionamento Settembre 2015 IZ 03 Impianto di controllo ventilazione e condizionamento Settembre 2015 Riferimenti normativi: - Norma Europea EN 15232 - Guida CEI 205-18 Introduzione: La norma EN 15232 classifica le funzioni di automazione

Dettagli

CASA PRIVATA RESIDENTIAL

CASA PRIVATA RESIDENTIAL RESIDENTIAL CASA PRIVATA Cartigliano, Vicenza - Italy Casa singola Nuova Costruzione Sistema ELFOSystem Anno 2008 L abitazione monofamiliare di nuova costruzione, riservata ad esclusivo uso residenziale,

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

leader. risparmio Un Azienda Anche nel energetico. immergas.com Numero Verde: 800-306 306 E-mail: consulenza@immergas.com i seguenti indirizzi:

leader. risparmio Un Azienda Anche nel energetico. immergas.com Numero Verde: 800-306 306 E-mail: consulenza@immergas.com i seguenti indirizzi: Per richiedere informazioni sulle caratteristiche tecniche dei prodotti, sulle normative impiantistiche e sul Servizio Tecnico post-vendita, contatta i seguenti indirizzi: E-mail: consulenza@immergas.com

Dettagli

Hoval UltraGas Caldaia a condensazione ad elevato contenuto d acqua da 15 a 1440 kw.

Hoval UltraGas Caldaia a condensazione ad elevato contenuto d acqua da 15 a 1440 kw. Hoval UltraGas Caldaia a condensazione ad elevato contenuto d acqua da 15 a 1440 kw. Gennaio, temperatura a -7 C. Il freddo intenso taglia la faccia, irrigidisce le dita. Respirate con fatica, ma vi sentite

Dettagli

Appliance Cisco FirePOWER serie 8000

Appliance Cisco FirePOWER serie 8000 Scheda tecnica Appliance Cisco FirePOWER serie 8000 Panoramica del prodotto Trovare un'appliance di sicurezza della rete che offra la giusta velocità di trasmissione, la protezione dalle minacce e le opzioni

Dettagli

Bonifica dei fumi di stampaggio

Bonifica dei fumi di stampaggio Sesto Fiorentino 21 settembre 2007 Il rischio da agenti chimici nello stampaggio di materie plastiche Bonifica dei fumi di stampaggio Dott. Lucio Ros SPISAL Az. ULSS 9 Treviso Aspirazione localizzata La

Dettagli

Documento tecnico. Affidabilità dei microinverter Enphase. Riepilogo. Introduzione

Documento tecnico. Affidabilità dei microinverter Enphase. Riepilogo. Introduzione Affidabilità dei microinverter Enphase Documento tecnico Riepilogo L'attuale generazione di microinverter Enphase presenta un tempo medio fra i guasti (MTBF) di oltre 300 anni. Il concetto di MTBF viene

Dettagli

Prestazioni ottimali, oggi e domani. Performance Agreement

Prestazioni ottimali, oggi e domani. Performance Agreement Prestazioni ottimali, oggi e domani Performance Agreement La ricerca costante di maggiore produttività ed efficienza è la caratteristica che distingue i leader di mercato in tutti i settori. Qualità superiore,

Dettagli

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni.

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni. f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Sono in corso a Ferrera Erbognone

Sono in corso a Ferrera Erbognone risparmio energetico Zephyr: il nuovo Green Data Center Unico in Italia nel suo genere, il centro Eni prevede l unificazione di tutti i sistemi IT Eni di elaborazione dati e High Performance Computing

Dettagli

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities Ventilazione Paolo Baggio Univ. Di Trento Overview dei problemi di ventilazione nelle residenze Gli edifici ad alte prestazioni sono edifici a tenuta

Dettagli

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale Semplicemente, la scelta naturale Immagina una soluzione a travi fredde con bilanciamento della temperatura, dove riscaldamento

Dettagli

Application note. CalBatt NomoStor per i sistemi di accumulo di energia

Application note. CalBatt NomoStor per i sistemi di accumulo di energia 1. Panoramica Application note CalBatt NomoStor per i sistemi di accumulo di energia Gli Energy Management Systems () sono dispositivi atti al controllo dei flussi di energia dalle sorgenti di produzione

Dettagli

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti,

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, Data Center ELMEC Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, alimentazione e condizionamento. Con il nuovo

Dettagli

AK INVERTER STAND ALONE

AK INVERTER STAND ALONE AK INVERTER STAND ALONE Inverter L'inverter è un dispositivo elettronico che trasforma corrente continua (DC) a bassa tensione proveniente da una batteria o da un'altra sorgente di alimentazione in corrente

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

UNI/TS 11300:2014, novità e modifiche nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici

UNI/TS 11300:2014, novità e modifiche nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici La certificazione energetica degli edifici Stato dell arte e prospettive future UNI/TS 11300:2014, novità e modifiche nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici Paolo Baggio DICAM - Univ. di Trento

Dettagli

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione Nell industria dei costruttori di macchine, oltre alle macchine stesse, i produttori esportano verso i mercati globali anche gli standard

Dettagli

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER OTTIMO controllo della temperatura, anche con carichi critici, indipendentemente dalle condizioni ambientali bassi consumi di ENERGIA alimentazione

Dettagli

ELFOPack. La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi

ELFOPack. La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi ELFOPack La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi GLI EDIFICI SONO CAMBIATI ORA SI RINNOVANO ANCHE GLI IMPIANTI

Dettagli

Metodologia ottimizzata di distribuzione delle tubazioni di acqua refrigerata per data center

Metodologia ottimizzata di distribuzione delle tubazioni di acqua refrigerata per data center Metodologia ottimizzata di distribuzione delle tubazioni di acqua refrigerata per data center White Paper 131 Revisione 1 Di Isabel Rochow > Sintesi L'uso di acqua refrigerata è un metodo di raffreddamento

Dettagli

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt CALBATT CalBatt è una società spin-off dell'università della Calabria. La Società è stata fondata nel 2011 per valorizzare il know-how e la proprietà intellettuale nel campo dei sistemi elettronici, sviluppati

Dettagli

Guida alla progettazione

Guida alla progettazione Guida alla progettazione Introduzione Gli Smart Module ampliano significativamente le possibilità di progettazione degli impianti fotovoltaici. I moduli ottimizzati con la tecnologia Tigo Energy possono

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO A DISTANZA

MANUALE DEL CONTROLLO A DISTANZA MANUALE DEL CONTROLLO A DISTANZA ITALIANO SODDISFARE PRECAUZIONI...1-2 IFEEL SLEEP ROOM TIMER SET MODE TEMP USO DEL TELECOMANDO...3 CLEAR HOUR OPERAZIONE...4-8 Grazie per aver comprato il nostro condizionatore

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 1 Indice 1. Generalità 4 1.1 Descrizione della macchina e componenti principali 4 1.2 Descrizione del funzionamento 5 2. Caratteristiche tecniche 6 2.1 Caratteristiche

Dettagli

Introduzione agli Impianti Solari Termici

Introduzione agli Impianti Solari Termici Premessa Il solare termico è la tecnologia che permette la conversione diretta dell energia solare in energia termica (calore). Il termiche include sistemi di riscaldamento dell acqua e/o dell aria (per

Dettagli