COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive"

Transcript

1 COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n del 29 giugno 2009 Ordinanza n. 112/09 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE E PER FERIE DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ANNI Il SINDACO VISTO l art. 50 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 recante il Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali ; VISTA la Legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i; VISTO l art. 7 del Decreto Legislativo 11 febbraio 1998, n. 32 recante Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, a norma dell articolo 4, comma 4, lettera c), della Legge 15 marzo 1997, n. 59 ; VISTO l art. 83/bis, comma 17 del Decreto Legge 112 del 25 giugno 2008, come convertito con Legge n 133 del 06 agosto 2008, recante disposizioni in merito alla liberalizzazione del settore della distribuzione dei carburanti; VISTA la Legge Regionale del 19 dicembre 1988, n. 45 Disciplina della distribuzione dei carburanti in Sardegna; VISTO il D. Lgs.del 31 marzo 1998, n. 114, Riforma della disciplina relativa al settore commercio, a norma dell art. 4, comma 4 della L. 15 marzo 1997, n. 59 ; VISTO il Regolamento per la distribuzione dei carburanti approvato con delibera del Commissario Straordinario n. 1 del 20 gennaio 2000; VISTO il Decreto dell Assessore al Turismo, Artigianato e Commercio n 756 del 21/10/1980, con il quale il Comune di Nuoro è stato incluso fra le località ad economia turistica; VISTA la Delibera della Giunta Regionale 05/12/2003, n. 45/7 ( Pubblicata nel B.U.R.A.S. Sardegna 31/12/2003, n. 39) e avente come oggetto: Linee - guida Programmatiche Regionali di Razionalizzazione della Rete di distribuzione carburanti ; VISTA l ordinanza sindacale n. 110/05 del 24 giugno 2005 prot ;

2 VISTA l ordinanza sindacale n. 158/08 del 16 luglio 2008 prot ; CONSIDERATO che l art. 7, comma 1 del D.Lgs. n 32/1998 dispone che A decorrere dalla scadenza dei termini per i comuni capoluogo di provincia e per gli altri comuni di cui all'articolo 3, comma 2, e a fronte della chiusura di almeno settemila impianti nel periodo successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, l'orario massimo di servizio puo' essere aumentato dal gestore fino al cinquanta per cento dell'orario minimo stabilito ; DATO ATTO che nell ambito del Comune di Nuoro è già stato espletato il programma di verifica di compatibilità degli impianti esistenti, che ha portato alla chiusura di quattro impianti in ambito cittadino; RITENUTO che la condizione sospensiva di cui all art. 7, comma 1 del D.Lgs. n 32/1998 sopra richiamata sia da considerarsi decaduta, in virtù del disposto della Legge n 133/2008, nella parte in cui prevede che l'esercizio di un impianto di distribuzione di carburanti non può essere subordinato alla chiusura di impianti esistenti; RITENUTO pertanto necessario modificare la disciplina degli orari di apertura e chiusura degli esercizi per la distribuzione dei carburanti attualmente vigenti, al fine di recepire le norme sopravvenute; VISTA la richiesta prot. n del 10/05/2009, relativa alla richiesta di cambio turno da parte dei gestori Roberto Demurtas e Dario Capelli, per le giornate del 05/08/2009 e 23/08/2009; DATO ATTO che sono pervenute le richieste per poter usufruire del periodo di ferie estive da parte dei gestori Dario Capelli, Bonaventura Sanna e Giuseppe Costa; RITENUTO di dover provvedere in merito, anche in considerazione della necessità di stabilire con urgenza i periodi di chiusura per ferie durante la prossima stagione estiva; ORDINA Gli impianti stradali di distribuzione di carburanti per autotrazione siti nel territorio del Comune di Nuoro sono tenuti ad osservare le seguenti disposizioni in materia di orari e turni nell attività relativa all erogazione dei carburanti. 1) ORARI Gli impianti cittadini, nel periodo di vigenza della presente ordinanza, sono tenuti ad osservare, di regola, i seguenti orari minimi di apertura: Periodo di vigenza dell ora legale Periodo di vigenza dell ora solare Mattino Dalle 7:30 alle 12:30 Dalle 7:30 alle 12:30 Pomeriggio Dalle 15:30 alle 19:30 Dalle 15:00 alle 19: Per l espletamento dell orario settimanale minimo previsto, gli esercenti hanno facoltà di anticipare l orario di apertura antimeridiano di trenta minuti. Gli stessi hanno altresì facoltà di optare per una diversa fascia oraria, nell ambito di quelle indicate al punto 9.1 della Deliberazione G.R. n 45/7 del 05/12/ Ai sensi del combinato disposto di cui all art. 7 del D.P.R. n 32/1998 e dell art. 83/bis, comma 17 del D.L. n 112/2008, come convertito con Legge n 133/2008, l'orario di servizio può essere aumentato dal gestore fino al cinquanta per cento dell'orario minimo

3 stabilito dai punti precedenti, fermo restando l obbligo di apertura nelle fasce orarie minime. 1.4 Per poter usufruire delle facoltà di cui ai precedenti punti 1.2 e 1.3, i gestori interessati devono comunicare all Amministrazione Comunale la scelta effettuata, mediante lettera raccomandata A/R, con un preavviso minimo di trenta giorni. L amministrazione comunale ha facoltà di negare il proprio assenso, qualora ravvisi motivi di incompatibilità con le esigenze del pubblico servizio. 1.5 I gestori devono curare la predisposizione di cartelli o altri supporti visivi idonei, indicanti l orario di servizio dell impianto e le aperture di turno nei giorni domenicali, festivi ed infrasettimanali con l obbligo di esposizione in modo visibile all utenza. 1.6 L Amministrazione comunale può autorizzare deroghe temporanee alle limitazioni di orario o all osservanza dei turni, in caso di particolari eventi e manifestazioni, per circostanze impreviste o imprevedibili o per particolari esigenze temporanee dei gestori. 2) TURNI DI APERTURA DOMENICALE E FESTIVA E DI RIPOSO SETTIMANALE 2.1 Ai fini dell effettuazione del servizio obbligatorio di apertura domenicale e nei giorni festivi infrasettimanali viene confermata la suddivisione degli impianti esistenti e funzionanti nel territorio comunale nei turni di apertura, determinati nella misura del venti per cento degli impianti operanti nella città di Nuoro, A B C D E, come di seguito specificati: SOCIETA DI DISTRIBUZIONE A.G.I.P. ESSO Petroli A.G.I.P ESSO Petroli A.G.I.P E.R.G Petroli A.G.I.P Q8 Petroli TAMOIL Q8 Petroli E.R.G Petroli LOCALITA IMPIANTO TURNO A Via S. Giovanni Bosco Viale Trieste TURNO B Via Biscollai Via Lamarmora TURNO C Viale Sardegna Piazza Italia TURNO D Viale Trieste Via Veneto TURNO E SS 131 D.N.C. Via La Solitudine Via Trieste 2.2 Gli impianti che effettuano l apertura domenicale sospendono l attività nell intera giornata del lunedì; se questo è festivo, l attività è sospesa nel primo giorno feriale successivo, mentre nessun recupero è dovuto per le festività infrasettimanali. Resta ferma la facoltà, per l esercente dell impianto che ha effettuato l apertura festiva per turno, di osservare come turno di chiusura settimanale il mercoledì pomeriggio, oltre la chiusura ordinaria del lunedì;

4 2.3 Viene fissato il seguente calendario dei turni di apertura obbligatoria relativo alle domeniche ed alle festività infrasettimanali dal 01/07/2009 al 30/06/2010: Giorno Mese Anno Turno Domenica 5 Luglio 2009 D Domenica 12 Luglio 2009 E Domenica 19 Luglio 2009 A Domenica 26 Luglio 2009 B Domenica 2 Agosto 2009 C Mercoledì 5 Agosto 2009 D (*) Domenica 9 Agosto 2009 E Sabato 15 Agosto 2009 A Domenica 16 Agosto 2009 B Domenica 23 Agosto 2009 C (*) Domenica 30 Agosto 2009 D Domenica 6 Settembre 2009 E Domenica 13 Settembre 2009 A Domenica 20 Settembre 2009 B Domenica 27 Settembre 2009 C Domenica 4 Ottobre 2009 D Domenica 11 Ottobre 2009 E Domenica 18 Ottobre 2009 A Domenica 25 Ottobre 2009 B Domenica 1 Novembre 2009 C Domenica 8 Novembre 2009 D Domenica 15 Novembre 2009 E Domenica 22 Novembre 2009 A Domenica 29 Novembre 2009 B Domenica 6 Dicembre 2009 C Martedì 8 Dicembre 2009 D Domenica 13 Dicembre 2009 E Domenica 20 Dicembre 2009 A Venerdì 25 Dicembre 2009 B Sabato 26 Dicembre 2009 C Domenica 27 Dicembre 2009 D Venerdì 1 Gennaio 2010 E Domenica 3 Gennaio 2010 A Mercoledì 6 Gennaio 2010 B Domenica 10 Gennaio 2010 C Domenica 17 Gennaio 2010 D Domenica 24 Gennaio 2010 E Domenica 31 Gennaio 2010 A Domenica 7 Febbraio 2010 B Domenica 14 Febbraio 2010 C Domenica 21 Febbraio 2010 D Domenica 28 Febbraio 2010 E Domenica 7 Marzo 2010 A Domenica 14 Marzo 2010 B

5 Giorno Mese Anno Turno Domenica 21 Marzo 2010 C Domenica 28 Marzo 2010 D Domenica 4 Aprile 2010 E Lunedì 5 Aprile 2010 A Domenica 11 Aprile 2010 B Domenica 18 Aprile 2010 C Domenica 25 Aprile 2010 D Sabato 1 Maggio 2010 E Domenica 2 Maggio 2010 A Domenica 9 Maggio 2010 B Domenica 16 Maggio 2010 C Domenica 23 Maggio 2010 D Domenica 30 Maggio 2010 E Mercoledì 2 Giugno 2010 A Domenica 6 Giugno 2010 B Domenica 13 Giugno 2010 C Domenica 20 Giugno 2010 D Domenica 27 Giugno 2010 E (*) Come da richiesta degli interessati, nella giornata del 05/08/2009 l impianto Agip di viale Sardegna aprirà al posto dell impianto Q8 di via Veneto. Analogamente, nella giornata del 23/08/2009 l impianto Q8 di via Veneto aprirà al posto dell impianto Agip di viale Sardegna. E fatto obbligo ai gestori dei predetti impianti di comunicare al pubblico tale variazione, mediante un congruo numero di cartelli ben visibili ubicati presso gli impianti stessi, da affiggersi almeno quindici giorni prima delle date previste. 3) FERIE 3.1 Al fine di assicurare all utenza un livello adeguato di servizio, è fissato il termine del 15/06/20010 per la comunicazione del periodo di chiusura dell impianto per ferie nel periodo dal 1 luglio 31 agosto In caso di richieste superiori all 80% per il medesimo periodo, si procederà al sorteggio. Per gli altri periodi dell anno, le ferie dovranno essere comunicate al Comune dall esercente con un anticipo di almeno quindici giorni. 3.2 Sono fissati i seguenti periodi di chiusura per ferie, fermo restando l obbligo di rispettare le turnazioni previste anche nel periodo prescelto: IMPIANTO TURNO UBICAZIONE GESTORE PERIODO DAL PERIODO AL AGIP C Viale Sardegna Capelli D. 09/08/09 23/08/09 ESSO B Via Lamarmora Costa G. 18/08/09 26/08/09 AGIP D Viale Trieste Sanna B. 10/08/09 22/08/09 4) ESENZIONI 4.1 Gli impianti di metano e di gas petrolio liquefatto sono esonerati dal rispetto degli orari di chiusura nonché dei turni di chiusura infrasettimanale e festiva, anche se collocati all interno di un complesso di distribuzione di altri carburanti, purché siano realizzate

6 opportune delimitazioni atte a separare temporaneamente le attività di erogazione dei diversi prodotti Le colonnine di impianti dotate di apparecchiature self-service pre-pagamento svolgono servizio esclusivamente nelle ore di chiusura dell impianto. Il servizio, durante l orario di chiusura degli impianti, deve essere svolto senza la presenza del gestore. La presenza del gestore deve essere invece garantita durante il normale orario di apertura e nei turni di apertura domenicali, festivi ed infrasettimanali. 4.3 Gli impianti provvisti di apparecchiature self-service post-pagamento devono osservare gli orari ed i turni fissati dal precedente articolo. 4.4 Le disposizioni di cui al precedenti punti 4.2 e 4.3 non si applicano agli impianti funzionanti con selfservice pre-pagamento senza la presenza del gestore. 5) DISPOSIZIONI FINALI 5.1 Le ordinanze sindacali n. 110/05 del 24/06/2005 e n. 158/08 del 16/07/2008 sono revocate dalla data di entrata in vigore della presente. 5.2 Il presente provvedimento si applica a decorrere dal 1 Luglio 2009 e fino al 30 giugno Il mancato rispetto delle disposizioni di cui alla presente ordinanza, che non costituiscano violazione alle norme di legge, è punito con la sanzione amministrativa da 25 a 500 ai sensi e per gli effetti della Legge n 3/ Per quanto non espressamente indicato nella presente ordinanza, si fa espresso riferimento alle disposizioni vigenti in materia. 5.5 Del presente provvedimento verrà data idonea pubblicità mediante i seguenti mezzi: - Notifica ai gestori degli impianti esistenti nel territorio comunale, nonché alle associazioni di categoria maggiormente rappresentative; - Trasmissione agli organi di vigilanza ed alle testate giornalistiche regionali più diffuse; - Trasmissione all Assessorato Regionale al Turismo, Artigianato e Commercio; - Affissione all Albo Pretorio dell Ente per un periodo di quindici giorni consecutivi; - Pubblicazione sul sito istituzionale Dalla Residenza Municipale, li 29 giugno 2009 Il Dirigente (F.to Dr.ssa Sabina Bullitta) Il Sindaco (F.to Dr. Mario Demuru Zidda)

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce ORDINANZA N. 41 Reg. n. 84 del 3 dicembre 2014 Oggetto : Orari, turni festivi e ferie impianti distribuzione carburanti per l anno 2015. IL SINDACO VISTA la legge regionale

Dettagli

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona ORIGINALE Registro Generale n. 12 ORDINANZA DEL SETTORE ORDINANZE SINDACALI N. 12 DEL 24-11-2011 Ufficio: UFFICIO GIURIDICO-GESTIONALE SUAP Oggetto: DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 COMUNE DI NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 Oggetto: Disciplina degli orari di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione dei carburanti

Dettagli

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 13374 del 11 marzo 2011 Ordinanza n. 029/11 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE E PER FERIE

Dettagli

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Ordinanza num. 7 emessa in data 27/01/2014 COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Oggetto: Sistema distributivo dei carburanti - Determinazione dei criteri per l'articolazione degli orari

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 26953 del 05/07/2017 Ordinanza n. 126/17 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 28886 del 15 luglio 2016 Ordinanza n. 096/16 DISCIPLINA DEI TURNI

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Urbanistica, Ambiente e Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive e l Edilizia

COMUNE DI NUORO Settore Urbanistica, Ambiente e Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive e l Edilizia COMUNE DI NUORO Settore Urbanistica, Ambiente e Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive e l Edilizia PROTOCOLLO S.G. n 34377 del 12 luglio 2018 Ordinanza n. 139/2018 DISCIPLINA DEI

Dettagli

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina.

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Comune di Rescaldina Provincia di Milano Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Delibera Consiglio Comunale n. 43 del 29/06/2007; Entrato

Dettagli

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito.

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito. 7208 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 5 Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

COMUNE DI Provincia di Treviso

COMUNE DI Provincia di Treviso Cod. modello 2.8.3 ordinanza fissazione orari.doc COMUNE DI Provincia di Treviso ORDINANZA Nr. DEL OGGETTO: Fissazione degli orari e dei turni di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 16 del 18.02.2004 Art. 1 NASTRO ORARIO Il nastro orario giornaliero, nell ambito

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO S.U.A.P. ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO S.U.A.P. ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 99 2219512 COMUNE DI RAVENNA Prot. gen. N. 176251/2015 ORDINANZA N. TL. 1839 / 2015 Ravenna, 24.12.2015 I L S I N D A C O - Visto il D.Lgs. 11.2.1998 n. 32, Razionalizzazione del sistema di distribuzione

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Servizi Educativi, Culturali e Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 25656 del 17 giugno 2015 Ordinanza n. 081/2015 DISCIPLINA DEI TURNI

Dettagli

SERVIZIO MENSA DIPENDENTI: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL'UTILIZZO DEL SERVIZIO.

SERVIZIO MENSA DIPENDENTI: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL'UTILIZZO DEL SERVIZIO. C O P I A COMUNE DI QUART Determinazione del SEGRETARIO COMUNALE N. 131 OGGETTO : SERVIZIO MENSA DIPENDENTI: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL'UTILIZZO DEL SERVIZIO. L anno duemilatredici addì otto del mese

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

sull Imposta di soggiorno

sull Imposta di soggiorno 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull Imposta di soggiorno Approvato con Deliberazione del C.C. n. 56 del 21.12.2011 Modificato con Deliberazione del C.C. n. 70 del 21.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione;

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione; Modifiche alla legge regionale 7 febbraio 2005 n. 28 (Codice del commercio.testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

C I T T A D I M A T I N O PROVINCIA DI LECCE D E T E R M I N A Z I O N E

C I T T A D I M A T I N O PROVINCIA DI LECCE D E T E R M I N A Z I O N E C I T T A D I M A T I N O PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO D E T E R M I N A Z I O N E Registro Generale N. 311 del 01/07/2011 Registro del Servizio N. 7 del 30/06/2011 OGGETTO:

Dettagli

VISTO l art. 3 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, che reca modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione;

VISTO l art. 3 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, che reca modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione; A.G.C. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e del Forum Regionale della Gioventù - Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (O.R.ME.L.) - Deliberazione n. 509

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

COPIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO N. 50 DEL 23/11/2012

COPIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO N. 50 DEL 23/11/2012 COPIA COMUNE DI OYACE Regione Autonoma Valle d Aosta COMMUNE D OYACE Région Autonome de la Vallée d Aoste DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO N. 50 DEL 23/11/2012 Oggetto: PROPOSTA DI CONTRATTO DI FORNITURA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233 COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233 SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Ufficio: EDILIZIA PUBBLICA 2 DETERMINAZIONE n. 160 del 12-12-2014 Oggetto:

Dettagli

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 20del 23 marzo 1984 sulla disciplina dell orario dei turni e

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 24 Luglio 2014 Verbale n. 48 COPIA OGGETTO: Addizionale Comunale all Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche

Dettagli

COMUNE DI PIETRACATELLA Provincia di Campobasso

COMUNE DI PIETRACATELLA Provincia di Campobasso COMUNE DI Provincia di Campobasso COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO Numero 12 del 11-08-2014 OGGETTO: Approvazione del regolamento comunale per la disciplina dell'imposta unica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

GLI APPROFONDIMENTI DELL UFFICIO UNICO PER I CONTROLLI INTERNI Aprile 2011

GLI APPROFONDIMENTI DELL UFFICIO UNICO PER I CONTROLLI INTERNI Aprile 2011 GLI APPROFONDIMENTI DELL UFFICIO UNICO PER I CONTROLLI INTERNI Aprile 2011 In relazione alla pubblicazione di dati personali nei siti web delle pubbliche amministrazioni, in particolare per ciò che concerne

Dettagli

COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma

COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma COPIA COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 23 del 10-03-2015 OGGETTO: D. Lgs. 15 novembre 1993, n. 507. Determinazione delle tariffe per l'applicazione

Dettagli

COMUNE DI POTENZA. Relazione istruttoria/illustrativa

COMUNE DI POTENZA. Relazione istruttoria/illustrativa COMUNE DI POTENZA Unità di Direzione BILANCIO E FINANZE OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE 2014 E VARIAZIONE AL REGOLAMENTO. Relazione

Dettagli

MODIFICA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI IL SINDACO

MODIFICA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI IL SINDACO COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara C.A.P. 28066 Piazza Martiri della Libertà, 28 Tel. 0321/800700 Fax. 0321/800725 Decreto n. 6/2015 MODIFICA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE 5512 25/06/2014 Identificativo Atto n. 497 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE APPROVAZIONE DEL MODELLO UNICO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE,

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

Comune di Sirolo Provincia di Ancona R E G O L A M E N T O

Comune di Sirolo Provincia di Ancona R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 29.04.2010 Il presente regolamento è composto da n. 12 articoli. REGOLAMENTO CELEBRAZIONE

Dettagli

Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona ORIGINALE Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona DETERMINAZIONE del 23.10.2013 N Generale : 196 N Settoriale : 87 AREA ECONOMICO FINANZIARIA UFFICIO RAGIONERIA OGGETTO: FORNITURA ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 147 del 11/03/2013 N. registro di area 17 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 11/03/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore ECONOMICO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 APRILE 2014 155/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI DI CUI AL REGOLAMENTO PER I CRITERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO ALLE TRASMISSIONI REGIONALI DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO PUBBLICO (RAI)

REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO ALLE TRASMISSIONI REGIONALI DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO PUBBLICO (RAI) REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO ALLE TRASMISSIONI REGIONALI DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO PUBBLICO (RAI) Approvato con delibera CORECOM n. 16/II/2005 del 15.07.2005,

Dettagli

ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014

ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014 Città di Nardò (Provincia di Lecce) Prot. N. 8621 del 11/03/2014 AREA ISTITUZIONALE - STAFF SINDACO Servizio Corpo degli Operatori di Polizia Locale ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014 OGGETTO: Ordinanza di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) 47.358 C.A.P. 13046 Fax (0161) 47.77.70

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) 47.358 C.A.P. 13046 Fax (0161) 47.77.70 Reg. n. 026/14 REGIONE PIEMONTE ORDINANZA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista l istanza proposta dal Sig. MONASTERIO Daniel tesa ad ottenere la modificazione

Dettagli

COMUNE DI LARI (Provincia di Pisa) Piazza V. Emanuele II n.2 - Lari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI LARI (Provincia di Pisa) Piazza V. Emanuele II n.2 - Lari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI LARI (Provincia di Pisa) Piazza V. Emanuele II n.2 - Lari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI LETTERE (Provincia di NAPOLI)

COMUNE DI LETTERE (Provincia di NAPOLI) COMUNE DI LETTERE (Provincia di NAPOLI) Corso Vittorio Emanuele III, 58 C.A.P.: 80050 - P.I.: 01548711215 C.F.: 82009070630-081/8022711 fax 081/8021681 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA N. 59

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 598 DEL 11-09-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Progetto 'Cityshow'. Settembre - Ottobre 2013. Affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CASCIANA TERME LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 15.05.2015) INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Asiago Provincia di Vicenza

Comune di Asiago Provincia di Vicenza Comune di Asiago Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Numero 80 del 15-05-2012 COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE, TURNI ED ORARI PER L'ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ENTE PARCO GALLIPOLI COGNATO PICCOLE DOLOMITI LUCANE Località Palazzo,snc 75011 ACCETTURA (MT) tel/fax 0835675015 email : info@parcogallipolicognato.it P.IVA 01025390772 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO

Dettagli

Regolamento sull Imposta di Soggiorno

Regolamento sull Imposta di Soggiorno Comune di COSTABISSARA Provincia di VICENZA Regolamento sull Imposta di Soggiorno (Approvato con deliberazione Consiliare n. 62 del 22 dicembre 2014) Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA AREA AMMINISTRATIVA SETTORE : dott.ssa Pistis Alessandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 29/04/2014. in data

COMUNE DI TERTENIA AREA AMMINISTRATIVA SETTORE : dott.ssa Pistis Alessandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 29/04/2014. in data COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra SETTORE : Responsabile: AREA AMMINISTRATIVA dott.ssa Pistis Alessandra DETERMINAZIONE N. in data 283 29/04/2014 OGGETTO: Adesione convenzione Consip per l'acquisto

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici

CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Verbale della Deliberazione di Giunta Comunale

Verbale della Deliberazione di Giunta Comunale C O P I A Verbale della Deliberazione di Giunta Comunale N 11 del 24-01-2012 Oggetto: IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI PUBBLICHE AFFISSIONI - DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2012 L'anno 2012 addì 24 del

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA NELLE REGIONI EMILIA-ROMAGNA E CALABRIA LORO SEDI AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA DI PALERMO - TRAPANI AI COMMISSARI DEL GOVERNO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 67 del 28/05/2010 I ND I C E art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento art. 2 - Funzioni

Dettagli

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia COMUNE DI SALO Provincia di Brescia Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 28 del 04.05.2015 Pubblicato all Albo dal 18.06.2015 al 03.07.2015

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno)

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno) COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO COMUNALE CONTROLLO PRESENZE PERSONALE DIPENDENTE I N D I C E Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Orario Art. 3 Luogo di timbratura

Dettagli

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007 Prot. n. 003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo Ai signori Sindaci e Commissari Straordinari dei Comuni della Provincia Ai Signori Segretari Comunali dei Comuni della Provincia Ai Signori Presidenti delle

Dettagli

COMUNE di CAORSO Provincia di PIACENZA

COMUNE di CAORSO Provincia di PIACENZA COMUNE di CAORSO Provincia di PIACENZA COPIA DELIBERAZIONE N.69 Adunanza del 29-06-2012 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che all articolo 17, comma 1, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese che intendono svolgere

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno COPIA Deliberazione n. 33 del 15.5.2013 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone

Dettagli

REGOLAMENTO DEL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO DEL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO DEL TRASPORTO SCOLASTICO Il presente Regolamento è stato approvato con delibera del C.C. n 6 del 14.04.2011 INDICE Art.1 Premessa pag. 3 Art. 2 Requisiti per l accesso pag. 3 Art. 3 Modalità

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. VIABILITA REGIONALE E GESTIONE DEL TRASPORTO N. 209/TPL DEL 08/09/2015

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. VIABILITA REGIONALE E GESTIONE DEL TRASPORTO N. 209/TPL DEL 08/09/2015 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. VIABILITA REGIONALE E GESTIONE DEL TRASPORTO N. 209/TPL DEL 08/09/2015 Oggetto: L.R. 45/98, DGR n. 3530/95. - Determinazione del costo degli abbonamenti particolari

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO RELATIVO AI RINNOVI CONTRATTUALI E NUOVO AFFIDAMENTO SERVIZIO PER L'ATTIVITA' INFORMATICA DELL'ENTE Oggi ventisette del

Dettagli

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Copia Albo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 50 OGGETTO : BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2015 - IMPOSTA COMUNALE SULLA

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa

C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI PALAIA (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 10 del 19/04/2013) Articolo

Dettagli

Regolamento sulla tenuta dell Albo aziendale telematico

Regolamento sulla tenuta dell Albo aziendale telematico Regolamento sulla tenuta dell Albo aziendale telematico Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le forme della pubblicità degli atti deliberativi e delle determinazioni dirigenziali

Dettagli

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PIMENTEL COPIA PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 29 Del 24/03/2015 Oggetto: Approvazione degli obiettivi di accessibilità agli strumenti informatici e stato

Dettagli

PROT. N. 8953 del 17/04/2015 BANDO DI GARA PER APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA RELATIVA A

PROT. N. 8953 del 17/04/2015 BANDO DI GARA PER APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA RELATIVA A PROT. N. 8953 del 17/04/2015 BANDO DI GARA PER APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA RELATIVA A SERVIZIO DI VIGILANZA NOTTURNA DI IMMOBILI E BENI COMUNALI E DI PRONTO INTERVENTO DURATA ANNI UNO 1. ENTE APPALTANTE:

Dettagli

C O M U N E D I O S I N I Provincia Ogliastra

C O M U N E D I O S I N I Provincia Ogliastra COPIA C O M U N E D I O S I N I Provincia Ogliastra DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DEL 23-05-2013 n 37 Oggetto: Imposta sulla pubblicità e diritti pubbliche affissioni - Determinazione tariffe anno

Dettagli

Comune di SANTO STEFANO DEL SOLE. Provincia di AVELLINO REGOLAMENTO. Albo Pretorio ON-LINE. Approvato con Delibera di G.C. n 29 del 03/03/2011.

Comune di SANTO STEFANO DEL SOLE. Provincia di AVELLINO REGOLAMENTO. Albo Pretorio ON-LINE. Approvato con Delibera di G.C. n 29 del 03/03/2011. Comune di SANTO STEFANO DEL SOLE Provincia di AVELLINO REGOLAMENTO Albo Pretorio ON-LINE Approvato con Delibera di G.C. n 29 del 03/03/2011. Santo Stefano del Sole li 14/03/2011 Articolo 1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano SETTORE 7 - DEMOGRAFICO E STATISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 12 del 28/02/2007 ART. 1

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 18 dicembre 2009. ModiÞ cazioni e integrazioni della deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas 25 gennaio 2008 ARG/elt 4/08 in materia di regolazione del servizio di dispacciamento

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: MODIFICHE ALLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 198 DEL 03/12/2009 E N. 207 DEL 14/12/2009 RELATIVE ALLA NUOVA DELIMITAZIONE DELLA

Dettagli

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO COMUNE DI TRESCORE CREMASCO Provincia di Cremona Ufficio Segreteria Via Carioni 13-26017 Trescore Cremasco Tel. 0373 272246 Fax 0373 272232 e.mail segreteria@trescorecremasco.net Prot. n. 4399 Trescore

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 7 MAGGIO 2015 207/2015/S/GAS CHIUSURA DI PROCEDIMENTO AVVIATO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI MISURA DEL GAS NATURALE PRESSO PUNTI DI RICONSEGNA DELLA RETE REGIONALE DI TRASPORTO L AUTORITÀ

Dettagli

AVVIO DI UN PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI SANZIONATORI E PRESCRITTIVI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS

AVVIO DI UN PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI SANZIONATORI E PRESCRITTIVI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS DELIBERAZIONE 15 GENNAIO 2015 1/2015/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI SANZIONATORI E PRESCRITTIVI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI SASSARI

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Michele Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 497 DEL 06/08/2012 OGGETTO: Sistema Pubblico di Connettività

Dettagli

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive Settore 2 - Politiche Energetiche

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive Settore 2 - Politiche Energetiche Dipartimento Attività Produttive Settore 2 Politiche Energetiche Attività Estrattive Risorse Geotermiche Palazzo Europa Catanzaro Catanzaro li 8.09.2009 REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO PROGETTO METANO

REGOLAMENTO PROGETTO METANO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OPERATIVO DELLA CONVENZIONE DI COMUNI PROGETTO METANO Ufficio Progetto Metano - Comune di Torino 1 Art. 1 FINALITA 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pagina 1 di 5 Documenti collegati comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 37 del 17 03 2015 8883 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 209 D.P.R. N.380/2001. Modulistica di riferimento per i procedimenti relativi

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74 Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della D.M. N 74 VISTO il Testo Unico delle leggi in materia di istruzione approvato con il Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI MANIACE PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MANIACE PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MANIACE PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI TASSE - VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE ONERI DIRITTI - SPESE - RISCOSSIONE COATTIVA. 1 I N D I C E

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive

Il Ministro delle Attività Produttive Il Ministro delle Attività Produttive VISTO l articolo 21, del Decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese di gas naturale che svolgono nel

Dettagli

Deliberazione N.: 716 del: 21/07/2015

Deliberazione N.: 716 del: 21/07/2015 Deliberazione N.: 716 del: 21/07/2015 Oggetto : ADESIONE ALLA CONVENZIONE CONSIP TELEFONIA MOBILE 6 (TELECOM ITALIA S.p.A.) PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE PER UNA DURATA DI

Dettagli

COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 21 DEL 06-02-2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 180 DEL 27/02/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 180 DEL 27/02/2014 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 180 DEL 27/02/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEGLI ATTI E RATIFICA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 dicembre 2013, n. 2319

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 dicembre 2013, n. 2319 42803 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 dicembre 2013, n. 2319 Recepimento dell Accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome del 22 febbraio 2012 sui corsi di formazione abilitanti per l utilizzo

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione di Giunta Comunale N. 2 del 16/01/2014 C O P I A Codice Ente: 10043 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL COSTO ORARIO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli